Sei sulla pagina 1di 1

18 SPORT sabato 31 ottobre 2009

IL PUNTO

Condizione fisica determinante quel mostruoso vantaggio sulle “palle


inattive” per il numero di saltatori
potenti che possono devastare
di Cigarini e Denis, gli consente di
variare gli uomini e lo stesso schema
di gioco e potrà mandare in campo
alla difesa bianconera però battuta in
casa solo tre volte. Si aspetta la
riscossa di Quagliarella. Il match
di Mimmo Carratelli una difesa allegra favorendo il qualunque difesa. La squadra torinese quelli che accusano meno la fatica peserà soprattutto su difesa e
clamoroso 5-1 dei bianconeri. In si avvale di un gioco corale molto delle tre partite veementi giocate centrocampo napoletani (attenti ai

Q uante energie hanno


risucchiato al Napoli le ultime
tre veementi partite della gestione
misura ridotta è stato quello che ha
offerto il Napoli al Milan nei primi
cinque minuti al “San Paolo”, lezione
insistito e aggressivo e, in ogni caso,
ha quei due, tre assi “nella manica”
che possono risolvere da soli
negli ultimi undici giorni.
Ma ci vorrà un’impresa memorabile
per ammansire la Juve, come poche
cartellini gialli). La Juventus vola
sulle fasce e ha giocatori dai cross
insidiosi. Il Napoli dovrà sfoderare un
Mazzarri (7 punti)? Quanto peserà salutare per non ripetere qualunque partita. Sono “punti” che volte è riuscito al Napoli sul campo solido equilibrio per reggere l’urto
questa settimana corta, cortissima, inammissibili karakiri. Pare che la Mazzarri conosce bene. Ma, alla resa bianconero, le due fantastiche partite juventino. Sul campo torinese hanno
una partita ogni tre giorni? Si sono Juve abbia ritrovato il gioco e la via dei conti, il fattore determinante sarà con Maradona (5-3 e 3-1), ma anche pareggiato Bologna e Fiorentina (1-1),
appena spenti i fuochi della notte del gol come non le accadeva da la condizione fisica degli azzurri l’indimenticabile match del 1957 con ma contro una Juve meno agguerrita
contro il Milan ed ecco la Juve, tempo e aspetta il Napoli per reduci da tre partite giocate “alla Vinicio condottiero e, in porta, uno di questa gasata dal successone sulla
domani pomeriggio, a Torino, devastarlo. Il nuovo presidente Blanc morte”. Se dovessero persistere la strepitoso Bugatti febbricitante che Samp. La partita richiede agli azzurri
capolinea del ciclo terribile che ha pretende lo scudetto. La manovra brillantezza e la velocità sfoderate parò l’imparabile di fronte a una la concentrazione massima e una
imposto al Napoli un arduo inizio di fluida ritrovata, con Amauri goleador nel secondo tempo contro il Milan, il batteria di tiro composta da Boniperti, vigoria capace di contrastare la
campionato incontrando cinque rilanciato, accoppiata alla Napoli avrebbe qualcosa “da dire” sul Charles e Sivori. Quel Napoli fisicità bianconera. Se la potrà giocare
squadre dell’alta classifica, dall’Inter “prepotenza” fisica, fa della Juve una campo imbattuto della Juventus. La garibaldino vinse 3-1. Il pronostico è e, forse, i primi venti minuti saranno
alla Fiorentina, quattro volte fuori squadra dura da affrontare con molte valorizzazione che Mazzarri ha fatto bianconero, ma la rivalità nelle sfide determinanti. Superarli senza danni
casa. La Juventus, sull’orlo di una frecce al suo arco, il temibilissimo in un batter d’occhio di tutto il con la Juve accende entusiasmi potrà aprire le porte a qualche
crisi di nervi, ha scherzato con la Camoranesi, difficile da marcare, il gruppo, prime e seconde linee, tutti appena risvegliati. Lavezzi e Hamsik speranza. In ogni caso, toccherà
Sampdoria che le ha offerto campo e nuovo Diego che gioca più avanti e protagonisti, con la riscossa recente potrebbero creare parecchi problemi soffrire fino all’ultimissimo minuto.

PARLA MAZZARRI L’ALLENATORE AZZURRO CARICA LA SQUADRA: «GIRANO A MILLE, MA NOI NON ABBIAMO NIENTE DA PERDERE»

«Il mio Napoli sfida la Juve senza paura»


Dal nostro inviato «La grande disponibilità che i cal- IL TECNICO: «DOBBIAMO FARE UNA GARA PERFETTA»
Raffaele Auriemma ciatori mi hanno garantito. E poi non

CASTELVOLTURNO. Riecco le
si scoraggiano. Dopo il primo tempo
col Milan siamo entrati in campo di-
Ferrara vuole un altro trionfo:
trasferte, quel tabù interrotto solo
sette giorni fa con il successo di Fi-
versamente e abbiamo avuto subito
le occasioni migliori, come se i due
«Ora mi aspetto la continuità»
renze dopo un anno intero di digiu- gol al passivo non ci fossero affatto. TORINO. Niente sconti, neanche
no. Ma il Napoli, rinato con la cura Ho detto loro: pensiamo che siamo per il suo caro Napoli. Ciro
del nuovo tecnico, è ancora in pre- sullo 0-0». Ferrara (nella foto) e la Juventus
da alla paura delle sfide lontano da sono un’unica vampa di furore
casa? “Penso di no. La Fiorentina ci Una vittoria nata dai calciatori agonistico: dopo i cinque gol
ha detto questo, anche se i fantasmi di rincalzo. rifilati all’ambiziosa Sampdoria,
del passato vanno esorcizzati poco «Quelli che erano in panchina hanno la Juventus vuole restare nella
alla volta”, Walter Mazzarri adopera risposto bene, a parte i gol realizza- scia trionfale e bissare la vittoria
sempre i guanti bianchi quando c’è ti. Adesso c’è l’incognita sul chi anche contro il Napoli. Ferrara
da parlare dei progressi della sua mandare in campo in base alle con- non vuole mezze misure, e
squadra. Ne ha ben donde, avendo dizioni di quelli che hanno giocato nonostante siano passati solo
Walter Mazzarri. Il tecnico del Napoli spera nel quarto risultato utile della sua gestione
dovuto inaugurare per se stesso nelle ultime due sfide». due giorni, si aspetta il bis all’Olimpico di Torino: «Anche contro il
l’espressione “zona Mazzarri”, viste Napoli voglio vedere una Juventus perfetta - ha detto l’allenatore
le rimonte e i successi in extremis Denis e Cigarini dall’inizio? TRE I PRECEDENTI IN A della Juventus», napoletano doc. Il 5-1 rifilato mercoledì sera alla
da quando c’è lui in panchina. Set- «Lo valuterò all’ultimo momento, per- Il morale alto può essere un’ar- Sampdoria racconta di una squadra, quella bianconera, che pare
te punti sudati e ora un altro esame.
Madama spiegherà molto di più sul
ché dopo il Milan abbiamo fatto so-
lo un lavoro defatigante e qualcuno
ma per fronteggiare la Juve?
«Certamente, ma devo badare alle Con Damato trovarsi a meraviglia con il 4-2-3-1, ma soprattutto si è messa alle
spalle la crisi di ottobre ed è pronta a sfidare l'Inter per lo scudetto.
nuovo corso intrapreso dal Napoli.
“Sono fiducioso – ammette l’allena-
di loro non ce la faceva nemmeno.
Sentirò tutti, ma qualcuno fresco
contrapposizioni. Comunque ci sia-
mo preparati con due moduli diver- solo un successo In quest'ottica la gara contro il Napoli sarà fondamentale.
«Dobbiamo essere perfetti per 90 minuti. Quello che è successo
tore - ho visto che la squadra ci cre- penso che lo vedrete in campo. De- si». contro la Samp è sicuramente importante. Adesso sappiamo che
de fino alla fine: forse di mio c’è pro- nis ha qualità nel gioco aereo e di po- NAPOLI. È Antonio Damato di Bar- possiamo esprimerci ad altissimi livelli. Magari non giocheremo
prio questo nel Napoli». tenza e di testa. Dal primo minuto? Sette punti in tre gare: dove si letta l’arbitro designato per dirigere sempre così, ma lo spirito deve essere quello. Non potremo sempre
Vedremo. Comunque, chi non è abi- può arrivare? Juventus. Napoli. 37 anni, di Foggia, fare 5 gol, ma la mentalità non deve cambiare. Questa è una
Cosa serve per vincere a Tori- tuato a giocare troppo è giusto che si è alla quarta stagione nella Can di A priorita». Il tecnico non si fida della squadra di Mazzarri. «Possiamo
no? riposi un po’». «Dipende dalla Juve: per noi sarà una e B. L’esordio in serie A, è datato 10 correre pericoli. Il Napoli, come dimostrano i risultati recenti, è una
«La Juve gira a mille, me ne sono ac- verifica importante. Ma conosco il dicembre 2006 in Catania-Udinese squadra che non molla e che lotta fino alla fine. Ha giocatori che
corto anche dai filmati della vittoria Il discorso vale anche per Qua- calcio e i grandi risultati li ho sem- 1-0. Per il resto Damato vanta 41 pre- corrono, che sono bravi a chiudere gli spazi. E davanti, con
contro una Samp pre ottenuti sul lavoro quotidiano. senze in serie A e 33 in B 40 vittorie Quagliarella e Lavezzi, hanno qualità e fantasia».
in salute. Questa «La Fiorentina ci ha detto che siamo cre- Voglio inculcare nei calciatori che interne, 18 pareggi e 16 successi in BLANC CONSIGLIERE IN FIGC AL POSTO DI COBOLLI GIGLI.
è una squadra di sciuti in trasferta, anche se i fantasmi del ogni partita è una finale. Poi quan- trasferta. Damato ha concesso 25 L'assemblea straordinaria dei club di serie A, tenutasi nella sede
campionissimi, passato vanno esorcizzati poco alla volta. do arriverà una battuta d’arresto do- calci di rigore, 26 le espulsioni e 366 della Lega Calcio a Milano ha eletto Jean-Claude Blanc consigliere
rinforzata rispet- Qualcuno fresco penso che lo vedrete. Qua- vremo essere bravi a farcela scivola- le ammonizioni. I falli fischiati in to- di categoria al posto di Giovanni Coballi Gigli. Il no Presidente della
to allo scorso an- gliarella? Tante partite per lui sono più no- re addosso. Non sappiamo dove pos- tale sono stati 2.788. 25 i rigori con- Juventus ha commentato così la notizia: «La mia presenza è nel
no quando sono cive che altro. Denis titolare? Vedremo» siamo arrivare, ma se le risposte so- cessi, 26 le espulsioni, 366 le ammo- segno di quanto fatto da Cobolli. Il tema della continuità è quello
arrivati secondi. no queste, potremo anche pensare nizioni e 2.788 i falli fischiati. I pre- che si applica anche alla Lega». Prima di entrare in assemblea,
Quindi è la gara più difficile che ci gliarella? ai livelli delle grandi squadre» cedenti con il Napoli sono nove, di Blanc aveva anche parlato del momento della squadra, reduce dal
potesse capitare. Poi c’è pure l’ag- «Lui è uno di quelli che soffre quan- cui ben cinque nei mesti anni in se- netto successo di mercoledì contro la Sampdoria per 5-1:
gravante che loro sono abituati a gio- do gioca troppo, perché non è al me- Quindi è soddisfatto di quanto rie C1, uno soltanto in serie B e tre «Cercheremo di confermare il buon risultato ottenuto contro la
care ogni tre giorni e noi no. Abbia- glio della condizione. Spero che tor- fatto finora? in A: In serie B Napoli-Brescia finita Samp già da domani sera contro il Napoli, magari con lo stesso
mo avuto un grande dispendio fisi- ni subito la settimana-tipo, per far- «Ho lavorato con i presidenti più dif- 3-1, del 19 dicembre 2006. In serie passo spedito». Dopo la nomina di Blanc, il governo della Lega è
co in questa settimana ma faremo di gli fare un tipo di lavoro che gli per- ficili d’Italia, i mangiallenatori, e so- A, invece, le gare sono tre: Reggina- composto dal presidente Beretta, dalla vicepresidente Rosella Sensi,
tutto per rendere la vita difficile alla metta di avere rapidità di gambe. no sopravvissuto… Sono orgoglioso Napoli 1-1 del 22 marzo 2008, Napo- dai presidenti delle assemblee di A, Galliani, e di B, Fantinel, da otto
Juventus». Tante partite per lui sono più nocive e non sono un predestinato. Io me le li-Siena 2-0 del 7 dicembre 2008, Na- consiglieri di A e cinque di B. Oltre ai tre consiglieri designati nella
Il Napoli in che cosa l’ha colpita? che altro». sono sudate tutte le panchine». poli-Torino 1-2 del 17 maggio 2009. Figc. giosco

A CENTROCAMPO GIOCA POULSEN LA CREAZIONE DI GINO SORBILLO CALCIOPOLI. LA TESTIMONIANZA DI FRANCESCA SANIPOLI

Sissoko ancora fuori Una pizza speciale «Non potevo seguire la Juve»
Tiago, solo panchina per la super-sfida
di Paolo Mosé seguire la Juventus e lui mi rispo- dente». Incalzata dalla difesa di
TORINO. La Juve sembra aver trovato la quadratura se che dovevo rispondere solo a Moggi, ha poi dovuto ammettere
con l'adozione del modulo 4-2-3-1. Ferrara, pero', NAPOLI. Ha riferito di essere sta- lui, che Moggi non c’entra nulla. che in un arco di sette anni ha se-
contro il Napoli deve fare i conti con l'infortunio ta emarginata per colpa del suo di- Poi ho letto le intercettazioni tele- guito per ben tredici volte la Ju-
muscolare di Mohammed Sissoko. Il centrocampista retto superiore, il responsabile del- foniche e ho capito che c’era sta- ventus e ventuno il Milan quale in-
maliano deve fermarsi per circa 25 giorni. la redazione calcio di Raisport to il veto dell’ex direttore genera- viata. Infine i difensori hanno cer-
«Abbiamo dimostrato di poter far bene nonostante Scardina e dal volere dell’ex diret- le della Juventus». L’altro episodio cato di far acquisire un documen-
le assenze. In situazioni di emergenza, Tiago puo' tore generale della Juventus Mog- che ha raccontato, è di essere sta- to nel quale si evidenzia che dal
esserci utile anche come centrocampista in un gi. Francesca Sanipoli, inviata Rai, ta dapprima spedita a Torino per 2000 al 2006 la giornalista Sanipoli
modulo 4-2-3-1. Si esprime meglio pero' come ha raccontato molti episodi e pur intervistare Del Piero, per poi ri- è stata per 743 volte spedita sui
esterno in un centrocampo a tre. La disposizione essendo una inviata speciale del- cevere un contrordine: «L’intervi- campi di calcio o per confeziona-
tattica pero' passa in secondo piano rispetto a la redazione sportiva, le venivano sta fu poi realizzata da una mia re servizi sportivi e di essere sta-
grinta, determinazione e cattiveria agonistica», ha assegnate partite di terza fascia, collega». E solo una volta riuscì a ta al tempo stesso per ben 246
detto il trainer dei bianconeri. Il tecnico della Juve come quando venne inviata a se- seguire a Torino la squadra bian- giorni in malattia. Una lunga “sof-
recupera il centrocampista portoghese Tiago, guire l’incontro Chievo-Messina. conera, poi le fu preclusa ogni al- ferenza” legata, secondo la testi-
inserito tra i convocati per la gara di oggi Le era stato precluso di seguire gli tra possibilità. Queste sono state le mone, alla crisi di nervi per esse-
pomeriggio. Out invece per circa 25 giorni incontri della Juventus. I motivi, risposte più interessanti date al re stata emarginata senza un giu-
Mohammed Sissoko. Il centrocampista maliano si erano di aver fatto domande poco pubblico ministero. Ma l’esame stificato motivo, anche se sul suo
ferma per una distrazione muscolare di primo grado “piacevoli” e ha raccontato il suo del teste si è surriscaldato quan- caso si sono interessati il sinda-
dell'adduttore lungo della coscia sinistra. “calvario” dal 2000, dall’arrivo di do hanno preso la parola i difen- cato Usigrai. L’udienza si è poi
Questo l’elenco completo dei convocati, il primavera Scardina, fino a quando non ha di- sori di Moggi. Ha rincarato la do- conclusa con l’esame dell’ex arbi-
Immobile andrà in panchina: Buffon, Chiellini, smesso l’incarico di responsabile se, confermando che pur essendo tro Mario Mazzoleni e un dipen-
Felipe Melo, Cannavaro, Grosso, Amauri, Chimenti, NAPOLI. Una pizza speciale in occasione di del calcio. Chiedendosi insisten- un’inviata rimaneva reclusa in re- dente Fiat addetto alla vendita del-
Manninger, Camoranesi, Trezeguet, Poulsen, Juventus-Napoli: è la creazione di Gino Sorbillo temente «non capisco il perché dazione. «Per molti servizi veni- le auto scontate per i dirigenti del-
Molinaro, Giovinco, Grygera, Ariaudo, Diego, De (nella foto di Marco Barbaro), titolare della fossi stata emarginata. Chiesi a vano preferiti dei collaboratori la Juventus e per gli amici della
Ceglie, Tiago, Legrottaglie, Rossi e Immobile. storica pizzeria di via Tribunali. Scardina del perché non potessi esterni a me che ero una dipen- squadra bianconera.