Sei sulla pagina 1di 2

Il segreto e il sublime - sintesi da John Blofeld

Limmortale del laghetto limpido: wu wei azione con le radici nel non essere, azione che trova le
radici nel Tao. Lazione premeditata non pu mai essere spontanea, armoniosa, libera. Lattivit in se stessa non nociva, ma deve essere una risposta istintiva ai bisogni immediati. Il calcolo o la premeditazione a scopi egoistici conduce verso azioni diaboliche. !olo lattivit che proviene da una mente simile ad un pro"ondo, calmo lago di silenzio pu essere priva di risultati indesiderabili. #uando nessun pensiero si agita, allora sento il pulsare del Tao. I miei pensieri sono calmi e $uindi il Tao scorre attraverso me, e i suoi movimenti non sono impediti. Le mie parole e le mie azioni sono la risposta naturale, priva di premeditazione, alla situazione del momento. Labate: ci che occorre con$uistare la calma interiore, una consapevolezza salda, libera dagli oggetti della percezione, libera dal pensiero, un limpido specchio che ri"lette tutto, senza aderire a nulla. %erch& $uando la consapevolezza libera da tutti gli oggetti pu intuire il non oggetto, che si trova nellintimo, nel nocciolo del nostro essere. !olo allora si pu agire senza passione, con la genuina spontaneit che viene dal non partecipare, senza motivi devianti o complessi che macchiano lazione, come risposta alle circostanze. !e sorge la necessit di "are $ualcosa, ce se ne occupa, e una volta "atta si dimentica tutto. La massima virt' come lac$ua che reca bene"icio a miriadi di creature senza s"orzo. Tao Te (hing )remita del monte *ua: $ualun$ue ostacolo lac$ua incontri raggiunge egualmente la meta sia che si unisca allaria e inizi una corsa s"renata, sia che giri intorno allostacolo, sia che scavi con in"inita pazienza. +uardate come riesce in modo meraviglioso a piegare le cose secondo il suo volere. ,on ha voce eppure genera suoni dolci o terribili se entra in contatto con altri elementi. ,on ha sapore, eppure trasmette tutti gli odori e tutti i sapori. ,on ha colore eppure ri"lette tutte le tinte. !e siete perplesso per $ualche enigma, osservate lac$ua, troverete la chiave della soluzione.

Il misticismo taoista.
Lao-tzu, per $uanto riguarda lorigine del mondo, parla di un +rande %rincipio, dove vi era il non essere, dal $uale sorse l.no senza "orma che perme le sue in"inite creazioni con il proprio Te o virt'. Non essere il nome della sorgente del principio del mondo. Essere il nome dato alla /adre delle miriadi di cose. )ppure sono "ondamentalmente .no, e di""eriscono solo nel nome.

Labate.
Il Tao si trova nel silenzio interiore. !i rivela come .no, senza tempo, senza "orma e che tutto pervade. In lui tutte le creature e le cose hanno un loro essere. 0l di "uori della totalit , che il Tao, non hanno essere. !e parlo di bont e di bellezza, parlo del Tao. Il !& il Tao, laltro il Tao. Le distinzioni "ra gli opposti sono "alse allinizio, illusorie al centro, ed errate in "ondo. ,on basta immaginare di sapere $ueste cose, dovete capirle direttamente. 1ovete guardar dentro il vostro animo. /a anche cos2 non distinguerete nulla chiaramente, a meno che non rinunciate alla consapevolezza di un io che guarda. ,on esiste persona, esiste il guardare, ma non chi guarda. La consapevolezza deve essere acuta, ma senza oggetto. ,on chi guarda, solo il guardare. La vostra mente deve essere indi""erente agli oggetti che ri"lette, sbrigando la sua "unzione come "a lo specchio. #uando non c partecipazione, allora sorge lautentico vedere. (on il vedere viene la serenit . La serenit mette "ine al dolore. /ancando il dolore, la gioia colmer il vostro corpo tanto da straripare. Lessere sicuro del vostro modo di agire e della verit del vostro vedere colorir le vostre guance e "ar danzare le sopracciglia. 3in da prima che nascesse il mondo, il Tao esisteva. !ilenzioso e invisibile, spontaneo, immutabile, compenetra tutto, inesauribile, la causa prima dalla $uale tutto luniverso trae il suo essere. %oich& si trova al di l di tutte le categorie di pensiero, vasto, arriva allin"inito, eppure a portata di mano. (onoscendo il Tao si viene a conoscere le molteplicit che ne derivano. ,ulla pu disturbare colui che accetta tutto senza eccezione.

0ccettando tutto ci che accade come gioco delle circostanze possibile passare attraverso la vita, corazzati anche contro le peggiori disgrazie. Importante eliminare il pensiero dualistico, visto che gli opposti si appartengono, stare attaccato alluno e aborrire laltro un assurdo. 3ama e vergogna, benessere e indigenza, vita e morte vanno e vengono a turno. 1esiderare di essere diversi da come si , implica il ri"iuto dellidentit con il sempre mutevole, sempre costante Tao. Le disgrazie non esistono per colui che accetta con spirito gaio linevitabilit dellincessante mutare delle sue condizioni, sostenuto com dal sapere che la trascendenza ultima del mutamento inerente al suo essere, inseparabile dal Tao. #uando una goccia di rugiada scivola nel mare spendente, non va persa nemmeno una particella e non rimane nulla che sia distinguibile dal mare. Lidentit dellessere e del non essere un mistero che pu venire percepito solo mediante lintuizione che non pu essere conseguita "ino a $uando non sono stati eliminati i desideri sregolati e lauto-a""ermazione. %oich& "ino a che si sente il !& come reale, laspetto senza "orma del Tao non pu in alcun modo essere percepito. ,on su""iciente accettare intellettualmente la loro identit , essa deve essere intuitivamente sperimentata. 4i una di""erenza enorme, per esempio, tra la convinzione che il miele dolce e conoscere in realt il suo sapore, perch& lo si gustato. (i che uccide la vita non muore5 ci che d la vita non vive. (huang-tzu