Sei sulla pagina 1di 24

Universit degli Studi di Udine > Dipartimento di Scienze giuridiche > Informatica Giuridica --> Comunicazione 1 -> molti

(1)

2013->2014

Comunicazione 1 -> molti: DNS (Domain Name System) e nomi a dominio


1.- Premessa: dalla comunicazione alla diffusione .................................................................................................................................... 2 2.- Introduzione al DNS ............................................................................................................................................................................................ 2 3.- Introduzione alla presente trattazione ............................................................................................................................................................ 2 4.- Funzionamento del DNS ..................................................................................................................................................................................... 3 5.- Internet governance dellICANN ..................................................................................................................................................................... 6 5.1.- Introduzione generale ai TLD (Top Level Domain) ................................................................................................................................ 7 5.2.- Country Code Top Level Domains (ccTld) ............................................................................................................................................... 7 5.3.- Generic Top Level Domains (gTLD) ......................................................................................................................................................... 7 5.1.- Internationalized Country Code Domain Names (IDN CC Tld) ........................................................................................................... 8 5.2.- I nomi a dominio gTLD sponsored ........................................................................................................................................................ 9 5.3.- I problemi del DNS ....................................................................................................................................................................................... 9 5.3.1.- DNS non gestito dallICANN .......................................................................................................................................................... 9 5.3.2.- Malfunzionamenti o criminalit informatica ................................................................................................................................. 9 5.3.3.- Interventi sul DNS per effetto di provvedimenti giudiziari ...................................................................................................... 10 6.- Il problema principale dei nomi a dominio: il cybersquatting .......................................................................................................... 10 7.- Registrazione dei nomi a dominio .................................................................................................................................................................. 11 7.1.- Regole comuni ............................................................................................................................................................................................. 11 7.2.- Registrazione di domini TLD IT .......................................................................................................................................................... 11 7.3.- Registrazioni di domini TLD EU ......................................................................................................................................................... 13 8.- Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela ....................................................................................................... 13 8.1.- Nome di dominio e tutela del nome .......................................................................................................................................................... 14 8.2.- Nome di dominio e impresa ....................................................................................................................................................................... 14 8.3.- La nozione di nome di dominio ............................................................................................................................................................ 16 8.3.1.- Irrilevanza del nome a dominio ..................................................................................................................................................... 16 8.3.2.- Nome di dominio assimilato a un segno distintivo tipico ......................................................................................................... 17 8.3.2.1.- Nome di dominio = insegna ................................................................................................................................................. 17 8.3.2.2.- Nome di dominio = marchio ................................................................................................................................................ 18 8.3.2.3.- Nome di dominio come strumento di concorrenza sleale ............................................................................................... 18 8.3.3.- Nome di dominio come segno distintivo atipico ........................................................................................................................ 18 8.4.- La soluzione legislativa: D. Lgs. 30/2005 Codice della propriet industriale ............................................................................. 19 8.5.- Laccoglimento da parte della giurisprudenza ...................................................................................................................................... 20 8.5.1.- Tribunale di Teramo 13.10.2007 ................................................................................................................................................... 20 8.5.2.- Tribunale Bari 23/9/2010................................................................................................................................................................ 20 8.5.3.- Corte di Cassazione 24620/2010 ................................................................................................................................................... 21 9.- Ulteriori rimedi: le procedure di riassegnazione o MAP (Mandatory Administrative Proceedings) ............................................. 21 10.- (*) Approfondimenti ........................................................................................................................................................................................ 22 10.1.- ANDALA.IT e la manomissione del DNS (Trib. Cagli ari, ordinanza 18 aprile 2000) ............................................................. 22 10.2.- ARMANI.IT e il costo della Giustizia ............................................................................................................................................... 22 11.- Principali riferimenti ...................................................................................................................................................................................... 23

I paragrafi evidenziati con il segno (*) costituiscono Approfondimento e pertanto sono oggetto del programma desame per gli studenti di Giurisprudenza e Scienze giuridiche, non per gli studenti di Scienze dei Servizi giuridici pubblici e privati.

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

1 / 24

> Premessa: dalla comunicazione alla diffusione >

1.- Premessa: dalla comunicazione alla diffusione Dopo una premessa introduttiva e dopo aver trattato la comunicazione 1 -> 1, il momento di passare alla comunicazione 1 -> molti, ossia alla diffusione. Si tratta del secondo quadrante nello schema introduttivo: 1 1 molti

[1][1] [1][2]

molti [2][1] [2][2] Questa forma di comunicazione riguarda diversi strumenti tecnologici: (1) Mass media tradizionali (giornali, radio, TV); (2) Nuovi media (siti web, blog). I problemi giuridici che si possono inserire in questa categoria sono i seguenti: (1) Il funzionamento del DNS e il suo controllo; (2) I nomi a dominio, la tutela dei titolari; (2) Responsabilit dei responsabili dei siti web e la libert di espressione su Internet. Questi temi saranno trattati ciascuno in una delle lezioni che seguiranno. 2.- Introduzione al DNS Si riprendono in questa sede alcuni concetti sviluppati in precedenza. - lintroduzione del protocollo TCP/IP; - una sezione della suite TCP, composta dal DNS, Domain Name System; - i dati viaggiano in pacchetti attraverso la rete, che composta da computer connessi tra loro e identificati da un numero, lindirizzo IP. - gli indirizzi IP possono corrispondere a un nome di dominio. o Nome -> indirizzo = risoluzione di un indirizzo; o Indirizzo -> nome = risoluzione inversa. - La corrispondenza tra indirizzi IP e nomi a dominio contenuta nei record, che sono situati nei domain names servers, ma attenzione: o un indirizzo IP pu ospitare diversi domini; o un domino pu essere indirizzato a diversi indirizzi IP - alcune date: o 1983, 23 giugno: Paul Mockapetris, Jon Postel e Craig Partrige ideano il DNS1; o 1987, approvazione del nuovo standard, che rende obsoleto quello precedente2. 3.- Introduzione alla presente trattazione Largomento dei nomi a dominio piuttosto complesso. In sostanza occorre affrontare diversi temi, alcuni dei quali sono gi stati introdotti nella lezione precedente. - Domain Name System o o 1 2

Funzionamento tecnico Problemi giuridici

Assegnazione dei nomi a dominio da parte dellICANN

P.V. MOCKAPETRIS, RFC 821. Domain names - Concepts and facilites: Internet Engineering Task Force, 1983. Id, RFC 1034. Domain Names - Concept and facilites: Internet Engineering Task Force, 1987; Id, RFC 1035. Domain Names Implementation and Specification: Internet Engineering Task Force, 1987.
Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it 2 / 24

> Funzionamento del DNS >

o o o o o o

ccTLD gTLD -> internazionalizzazione (liberalizzazione + lingua) Principio di funzionamento tecnico: first come, first served, cybersquatting Definizione di registrazione (lutente si rivolge al mantainer per ottenere lintestazione di un nome a dominio) Modalit pratica di fornitura del servizio -> commercio elettronico disciplina della registrazione dominio IT breve storia situazione attuale origini regime attuale

Registrazione dei nomi a dominio da parte del Registrar:

dominio EU

Tutela del nome a dominio e diverse problematiche: o o tutela del nome -> privati concorrenza sleale -> imprese qualificazione giuridica procedura di riassegnazione (MAP ICANN) controversie giudizio ordinario arbitrato procedure di conciliazione stragiudiziali provvedimenti cautelari.

questioni comuni o o o

4.- Funzionamento del DNS In massima sintesi, un client interroga i name servers per indirizzare il traffico dei dati sulla rete. La risoluzione degli indirizzi avviene a partire dalla radice per poi scendere nel dettaglio delle ramificazioni della re te. Il DNS divide lo spazio logico in diverse zone, creando relazioni di diverso tipo: - relazioni gerarchiche, quando vengono configurati: o authoritative name servers: contengono informazioni relativamente alla zona del dominio. Possono essere anche pi di uno. o Delegated name servers: contengono informazioni concernenti zone circoscritte allinterno di un dominio e quidni dipendono dai servers autoritativi. - Relazioni in parallelo, quando i name servers vengono replicati per una maggiore efficienza della rete. interessante notare che in conseguenza dellincremento dellutilizzo della rete Internet, a questi modelli di relazione si sono aggiunti altri, che possono essere considerati accessori: - ricorsivo: la relazione sopra descritta, quella che interroga il name server diverse volte sino a quando viene ottenuta linformazione concernente il livello necessario.

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

3 / 24

> Funzionamento del DNS >

- cache: per evitare ricorsivit, alcuni server memorizzano temporaneamente le informazioni in modo da dare risposte pi rapide ai client della loro zona di dominio.

Figura 1: Esempio di funzionamento del DNS3

Come si pu vedere nellesempio della figura sopra riportata, il dominio www.gbrmpa.gov.au viene processato dai calcolatori elettronici in senso inverso rispetto a quello nel quale viene letto da noi:

livello root -> .au -> .gov -> .gbrmpa

Figura 2: Il DNS (da: http://en.wikipedia.org/wiki/Domain_Name_System)

BILL MANNING, DNS Caching, in Internet Protocol Journal 12 (2011).


Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it 4 / 24

> Funzionamento del DNS >

Figura 3: struttura gerarchica del DNS4

Per quanto concerne specificamente Internet, occorre approfondire quanto anticipato nella seconda lezione. vero che esistono solo 13 root servers, ma vero anche che fisicamente non si identificano con 13 computer. Si tratta piuttosto della suddivisione dovuta a motivi tecnici in 13 zone, su un numero totale di 261 servers. Si riporta di seguito lo schema della seconda lezione.
Letter A B 198.41.0.4

IPv4 address
192.228.79.201 (since January 2004; originally ns1.isi.edu was 128.9.0.107) 192.33.4.12 128.8.10.90 192.203.230.10 192.5.5.241 192.112.36.4 128.63.2.53 192.36.148.17 192.58.128.30 (since November 2002; originally was 198.41.0.10) 193.0.14.129 199.7.83.42 (since November 2007; originally was 198.32.64.12) 202.12.27.33 c.psi.net terp.umd.edu ns.nasa.gov ns.isc.org

Old name ns.internic.net VeriSign USC-ISI

Operator

C D
E

Cogent Communications University of Maryland NASA Internet Systems Consortium Defense Information Systems Agency U.S. Army Research Lab Autonomica VeriSign RIPE NCC ICANN WIDE Project

F G H I
J

ns.nic.ddn.mil aos.arl.army.mil nic.nordu.net

K L M

MILTON L MUELLER, Competing DNS Roots: Creative Destruction or Just Plain Destruction?, Atti del convegno svoltosi 2001
Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it 5 / 24

> Internet governance dellICANN >

Figura 4: dislocazione dei root servers in Italia5

Figura 5: pop up sui root servers di Milano

5.- Internet governance dellICANN Anche i domini su Internet sono soggetti ad una gerarchia di livelli6: - Domini di primo livello: TLD (Top Level Domain), (es: .it) istituiti dallICANN e amministrati dalle Registration Autority - Domini di secondo livello: SLD (Second Level Domain) (es: uniud.it), assegnati dalle Registration Authority ai richiedenti tramite i manteiner (intermediari commerciali) - Domini di terzo livello: (es: materialedidattico.uniud.it) liberamente configurati da parte del titolare del dominio di secondo livello. Nelle lezioni precedenti si fatto cenno al ruolo dellICANN quale amministratore degli indirizzi IP e dei nomi a dominio. In questa sede occorre approfondire questa seconda funzione. Si ricorda che lICANN fu istituita nel 1998 per sostituire lo IANA e che il suo ruolo soggetto a concessione quinquennale rinnovata nel 20067 da parte del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti dAmerica. Qui di seguito si offrono precisazioni in merito al sistema DNS gestito dallICANN8: (1) Assegnazione dei TLD (ccTLD, gTLD) (2) Introduzione (recente) dei nomi a dominio ccTLD internazionalizzati; (3) liberalizzazione (recente) dei nomi a dominio gTLD.

Da: http://www.root-servers.org (5/3/2014). Come si vede, in Italia sono collocati diversi servers di amministrazione DNS (Milano, Torino, Roma, Napoli), appartenenti a differenti root. Per esempio, vedasi le statistiche del server K di Milano allindirizzo http://k.rootservers.org/statistics/mix/daily/. 6 J. POSTEL E J.K. REYNOLDS, RFC 920. Domain requirements: Network Working Group, 1984. 7 http://www.ntia.doc.gov/page/docicann-agreements. 8 Sembra interessante questo articolo del Guardian, in cui si descrive la procedura seguita per rinnovare periodicamente le c redenziali di accesso ai server, JAMES BALL, Meet the seven people who hold the keys to worldwide internet security, in The Guardian 28 February 2014.
5

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

6 / 24

> Internet governance dellICANN >

5.1.- Introduzione generale ai TLD (Top Level Domain) I domini di primo livello si possono distinguere in quattro grandi categorie, alcune delle quali ha una sottocategoria di formazione pi recente: - ccTLD (country code top level domain); - IDN ccTLD (internationalized country code top-level domains); - gTLD (generic top level domain); o sTLD (sponsored top-level domains); o unsponsored top-level domains; - Infrastructure top-level domain (.ARPA)9. Passiamo ad una breve analisi di ciascuna categoria. 5.2.- Country Code Top Level Domains (ccTld) I ccTLD vengono affidati in gestione a una Registration Authority che opera allinterno di un ordinamento statale. Le abbreviazioni si basano su quelle stabilite dalla disciplina ISO 3166, con alcune eccezioni: - UK (United Kingdom): nel sistema ISO esiste invece il GB - EU (Unione Europea), dal 2006, non prevista dalla normative ISO. Sotto questo profilo pu essere interessante ricordare la genesi del TLD .ps relativo alla Palestina. Lassegnazione di tale nome a dominio avvenuta nel 2000 consente di verificare come anche una questione tecnica possa essere considerata anche come argomento politico per affermare la sovranit di un ordinamento su un territorio. 5.3.- Generic Top Level Domains (gTLD) I nomi a dominio generali sono stati introdotti gradualmente nel corso del tempo e corrispondono a diverse sigle, di cui le pi comuni sono COM, NET, ORG. Di seguito si riportano i TLD attualmente disponibili in ordine cronologico di attivazione. Alcuni di essi si dicono sponsored perch la loro istituzione avvenuta su intervento di soggetti privati (di seguito sono indicati con S)10. Altri sono qualificati come restricted perch chi li richiede deve possedere determinati requisiti (di seguito indicati con R). ANNO 198511 Suffisso Note

198812 1999

2001

.arpa Dominio originario .com Domini di carattere commerciale .edu Istituzioni educative (oggi solo quelle U.S.A.) (S*) .gov Enti governativi (solo U.S.A.) (S*) .net Enti che si occupano della rete, come gli ISP (in linea di principio) .mil Forze militari (U.S.A.) (S*) .org Altre organizzazioni (tendenzialmente no profit) .int Organizzazioni internazionali (S*) Nomi a dominio riservati .example .invalid .localhost .test Nomi a dominio introdotti per contrastare linflazione dei domini .com .biz Affari (business, in inglese), integra il dominio com (S) (R)

Nome a dominio gestito da IANA per scopi tecnici. I domini contrassegnati con S* nacquero storicamente come generici ed attualmente sono considerati sponsored perch amministrati in modo particolare. 11 POSTEL E REYNOLDS, RFC 920. Domain requirements, cit. 12 JON POSTEL, RFC 1591. Domain Name System Structure and Delegation Internet Engineering Task Force, 1994.
9 10

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

7 / 24

> Internet governance dellICANN >

.info .name .museum 2002 .coop .aero .pro .jobs .mobi .cat .travel .asia 2009 .post .tel 2011 .xxx

Informazioni (utilizzabile senza restrizioni) (S) Individui (S) (R) Musei (S) Cooperative (S) Industria del trasporto aereo (S) Professionisti affermati (operativo dal 2004) (S) (R) Ricerca di personale Telefonia mobile (S) Dominio della comunit catalana (S) Dedicato al turismo (S) Comunit pan-asiatica e pacifico-asiatica (S) Operatori postali (in funzione dal 2009) (S) Registrazione di numeri telefonici associati ad indirizzi IP (S) Contenuti per adulti13

2006 2008

5.1.- Internationalized Country Code Domain Names (IDN CC Tld) Questa innovazione si accompagna allintroduzione della possibilit di utilizzare caratteri diversi da quelli occidentali latini. Questo sistema, che in realt risale al 1996, consente di tradurre in codice ASCII il tradizionale set di caratteri occidentali una stringa alfanumerica UNICODE attraverso un algoritmo denominato Punycode. Il relativo codice caratterizzato dalla stringa di carattere xn--14.

Figura 6: alcuni esempi di IDN CC TLD (in particolare, quello indiano)15

La storia di questo dominio piuttosto travagliata per diversi motivi. JOHN KLENSIN, RFC 5890. Internationalized Domain Names for Applications (IDNA): Definitions and Document Framework: Internet Engineering Task Force (IETF), 2010; Id, RFC 5891. Internationalized Domain Names in Applications (IDNA): Protocol, in (2010); Id, RFC 5894. Internationalized Domain Names for Applications (IDNA): Background, Explanation, and Rationale : Internet Engineering Task Force (IETF), 2010 15 http://www.icann.org/en/resources/idn/fast-track/string-evaluation-completion
13 14

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

8 / 24

> Internet governance dellICANN >

5.2.- I nomi a dominio gTLD sponsored Dal 12 gennaio 2012 avvenuta una vera e propria liberalizzazione nellassegnazione dei TLd. LICANN infatti ha aperto a chiunque la possibilit di gestire un TLD, a condizione di disporre di idonee strutture organizzative e contro il pagamento di una somma piuttosto consistente (costo attivazione $ 185.000, costo mantenimento annuale 25.000). 5.3.- I problemi del DNS Si possono individuare essenzialmente tre tipi di problemi inerenti al sistema dei nomi a dominio. 5.3.1.- DNS non gestito dallICANN Sono stati sviluppati sistemi DNS alternativi a quello previsto dallICANN16. In questo senso, lesistenza di DNS alternativi o concorrenti determina il rischio di frammentare la rete, perch andrebbe a intaccare la risolubilit univoca tra indirizzi IP e nomi di dominio17. (1) Pseudo-TLD Si tratta di suffissi che formalmente si appongono come TLD, ma che non svolgono funzione di indirizzamento del traffico IP e che quindi non sono utilizzabili nella rete Internet. - .bitnet - .csnet - .exit - .i2p - .local - .onion - .oz - .freenet - .uucp (2) Alternative DNS Senza entrare nel merito del funzionamento tecnico, si pu ricordare che sono stati concepiti diversi sistemi antagonisti rispetto a quello gestito dallICANN, per diverse ragioni: idealistiche, i deologiche, o economiche (es: new.net, che funziona attraverso un software client). - Cesidian ROOT www.cesidianroot.net - Global-Anycast wiki.global-anycast.net - NameCoin P2P DNS dot-bit.org - MobileTLD www.mobiletld.com18 5.3.2.- Malfunzionamenti o criminalit informatica Attacchi criminali o censura politica possono compromettere lunitariet del sistema DNS e quindi la circolazione delle informazioni su Internet: - DoS (Denial of Service)19;

MUELLER, Competing DNS Roots: Creative Destruction or Just Plain Destruction?, Atti del convegno, cit. INTERNET ARCHITECTURE BOARD, RFC 2826. IAB Technical Comment on the Unique DNS Root, 2000 18 Elenco presente su http://en.wikipedia.org/wiki/Alternative_DNS_root#List_of_alternative_roots (6-3-13) 19 S. CHEUNG, Denial of service against the Domain Name System, in IEEE Security & Privacy Magazine 4, n. 1 (2006); SAMANEH RASTEGARI, M IQBAL SARIPAN E MOHD FADLEE A RASID, Detection of Denial of Service Attacks against Domain Name System Using Neural Networks, in Journal of Computer Science 6, n. 1 (2009).
16 17

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

9 / 24

> Il problema principale dei nomi a dominio: il cybersquatting >

DNS poisoning (inquinamento, cio manipolazione intenzionale della risoluzione di un indirizzo IP da parte di un server DNS20). 5.3.3.- Interventi sul DNS per effetto di provvedimenti giudiziari

I provvedimenti giudiziari che rivelano anche una certa cultura informatica da parte della magistratura che legittimano i providers ad intervenire sul DNS pongono problemi sullidoneit del quadro normativo rispetto ai meccanismi della rete, come si visto nella controversia Vajont e in altri casi21. 6.- Il problema principale dei nomi a dominio: il cybersquatting Prima di procedere, bisogna compiere alcune osservazioni in punto di fatto. Con lapertura al pubblico di Internet, ogni modalit di utilizzo delle risorse informatiche stata vagliata alla ricerca di possibilit di sfruttamento commerciale. Con ci, inevitabilmente, si dato adito anche alla possibilit di abusi. Questo dipende essenzialmente da due fattori, uno tecnico, laltro umano. (1) la ragione tecnica che le risorse informatiche, in quanto tali, rispondono anzitutto a principi tecnici di funzionamento. Tra questi principi vi quello del criterio cronologico nellevasione delle istanze, il quale si pu esprimere nella formula sintetica: first come, first served22. Ne consegue che nel momento in cui viene presentata una richiesta, lunica condizione per il suo accoglimento che sia libera la risorsa di cui si chiede di assumere il controllo. I problemi sorgono quando, sempre per ragioni tecniche, le medesime risorse possono essere controllate esclusivamente da un solo titolare. In questi casi, in fin dei conti controllare una risorsa informatica significa occupare uno spazio logico, anche per un tempo virtualmente indeterminato. Si pensi, per esempio, ad un indirizzo di posta elettronica. Poich non possono esisterne due identici, nel momento stesso in cui si attiva un determinato account, si impedisce di utilizzarlo a tutti gli altri utenti, che potranno a loro volta appropriarsene tecnicamente solo quando lutente avr cessato di utilizzarlo23. (2) La ragione concernente il fattore umano che una risorsa informatica per lutente non soltanto una serie di codici alfanumerici che identifica un insieme di risorse e le distingue dalle altre, ma pu assumere un significato. Il nome a dominio dunque pu connotare il soggetto che ne titolare o descrivere il contenuto delle risorse medesime. Da ci ne consegue che agli indirizzi pu essere attribuito un valore simbolico e, soprattutto, economico. Per esempio: il dominio COLOR.COM stato venduto nel dicembre 2010 per 350 mila dollari24. Alla luce di queste premesse si pu comprendere una serie di fenomeni che rientrano sotto lespressione cybersquatting, che pu essere tradotta come occupazione abusiva di risorse in rete e che pu risolversi, per quanto interessa in questa sede ossia con riferimento ai nomi a dominio in due fenomeni: (1) typosquatting La condotta abusiva consiste nellapprofittare degli errori di battitura degli utenti per deviare il traffico a proprio vantaggio (Es: wwwmicrosoft.it)

RICHARD JOHN MATTHEW AGAR, The Domain Name System (DNS): Security challenges and improvements, in Security (2009) Il meccanismo di caching pu essere oggetto di malfunzionamenti. Succede quando nel server contenente informazioni temporanee memorizzata una associazione tra indirizzi IP e nomi a dominio diversa da quella ordinaria. Il traffico di una determinata zona di dominio viene cos indirizzato altrove. 21 DAVID KRAVETS, Uncle Sam: if it ends in .com, its .seizable, WIRED.COM 2012. 22 Per analogia si potrebbe menzionare il brocardo prior in tempore potior in jure, anche se vi una differenza sostanziale: nel motto inglese si descrive il funzionamento tecnico del sistema senza proporre una equivalenza tra anteriorit cronologica e primato giuridico, mentre nelllespressione latina la preferenza accordata in base al criterio terporale assume il valore di principio di diritt o. 23 Si considera qui la fisiologia, senza tenere conto delle patologie, ossia dei casi di accesso abusivo, o controversie giu diziali. 24 http://techcrunch.com/2011/03/24/color-com-was-acquired-for-350000-the-domain-name-that-is. Il dominio si riferisce ad una APP per smartphones che consente la condivisione di immagini tra dispositivi mobili entro il raggio di 150 metri. La societ sviluppatrice ha acquisito anche COLOUR.COM per un investimento totale di 550 mila dollari.
20

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

10 / 24

> Registrazione dei nomi a dominio >

(2) domain grabbing La condotta abusiva consiste nella registrazione di domini allo scopo di accaparramento. Il fenomeno di cybersquatting per antonomasia il secondo. Numerose vicende giudiziarie si sono dibattute nei tribunali di tutto il mondo a partire dal primo caso balzato agli onori della cronaca, quello concernente il dominio mcdonalds.com25. A questo punto occorre per comprendere diverse questioni: (1) Come avviene la registrazione di un nome a dominio? (2) Come si qualifica giuridicamente un nome a dominio? (3) Quali rimedi offre lordinamento contro gli abusi? 7.- Registrazione dei nomi a dominio La registrazione dei nomi a dominio avviene secondo precise procedure che traggono la loro fonte nelle disposizioni emanate da ICANN. Dopo aver preliminarmente descritto le regole comuni, ci si concentra in particolare sul dominio IT e sul dominio EU. 7.1.- Regole comuni In linea di principio, la registrazione di un nome a dominio (gTLD o ccTLD) prevede che lutente (persona fisica, soggetto giuridico di diritto privato o ente pubblico) si rivolga ad un fornitore di servizi il quale si occupa di interagire con lautorit preposta allamministrazione del registro relativo al TLD relativo al dominio prescelto. In massima sintesi: - il mantainer lintermediario che si accredita nei confronti della Registration Authority una sorta di concessionario e si occupa di promuovere la sottoscrizione dei nomi a dominio, amministrandone gli aspetti tecnici (DNS, indirizzi IP, fatturazione) - il Registrar (o Registration Authority) il titolare del registro, ossia del database in cui vengono associati indirizzi IP e nomi di dominio.

Richiedente --> Mantainer --> Registration Authority


molto importante sottolineare che lintestazione di un nome a dominio consiste essenzialmente in un servizio che viene reso allutente a fronte del pagamento di un canone. Dal momento in cui lutente non rinnova la sottoscrizione, il rapporto si estingue e quindi la risorsa viene resa disponibile per altri utenti26.

7.2.- Registrazione di domini TLD IT La registrazione di domini sotto il TDL IT ha recentemente subito una notevole trasformazione nel passaggio dal sistema asincrono al sistema sincrono. Questa evoluzione, attesa da molti anni, ha riallineato lamministrazione dei domini in Italia a quella degli altri Paesi. utile ripercorrere la storia del Registro IT, che risale indietro di ormai un quarto di secolo. Infatti, TLD IT venne attivato nel 198727 su richiesta allo IANA da parte di un gruppo di ricercatori del CNR. La registrazione dei nomi a dominio IT inizialmente veniva effettuata ai richiedenti da parte dellistituto CNUCE. Dal 1997 lincombenza venne affidata all'Istituto per le Applicazioni Telematiche, che nel 2002 si un allIstituto di Matematica Computazionale facendo sorgere l'Istituto
Si tratta di un caso che divenne famoso nella stampa specializzata anglosassone: il giornalista di WIRED Joshua Quittern registr il nome a dominio macdonalds.com per dimostrare il problema. in seguito cedette il dominio alla societ titolare del marchio in cambio di una donazione di 3.500 dollari a favore di una scuola, http://www.wired.com/wired/archive/2.10/mcdonalds_pr.html 26 quanto successo al dominio MEDIASET.COM, lasciato scadere dai titolari e registrato nel marzo 2011 da una societ del Delaware, la Fenicius. Mediaset S.p.A. v. Didier Madiba, Fenicius LLC, Case No. D2011-1954, WIPO Arbitration and Mediation Center, Administrative Panel Decision 2012) La controversia diede origine a diverse vicende giudiziarie. Il 4 febbraio 2012 venne respinto il ricorso di Mediaset alla WIPO, mentre il ricorso n. 1193/12 incardinato innanzi al Tribunale di Roma, sezione IX, venne accolto. 27 http://www.iana.org/domains/root/db/it.html
25

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

11 / 24

> Registrazione dei nomi a dominio >

di Informatica e Telematica. Sebbene gli enti sopra nominati siano statali, lattivit e la gestione del Registro ha natura essenzialmente privatistica28. La struttura interna della Registration Authority italiana era originariamente duplice: da una parte la Naming Authority (il cui statuto fu approvato nel 1998), la quale determinava le regole da rispettare nella gestione TLD, dallaltra la Registration Autority, che aveva il compito di operare concretamente sul registro degli indirizzi. Lattuale configurazione apicale dellinternet governance Italiana invece monistica e si incentra sul Registro. Nel 2004 la Registration Authority rivendic lautonomia regolamentare dalla Naming Authority, che poi, cessato il suo scopo istitutivo, si sciolse il 15 luglio 2005. Allinterno del Registro stata istituita una Commissione per le regole e procedure tecniche del registro del ccTLD IT (per brevit Commissione Regole), con compiti esclusivamente consultivi. In altri termini, il Registro autonomo e si rivolge alla sua commissione interna per ricevere pareri di carattere tecnico. Le prime regole, formulate nel 1997, erano molto restrittive. Infatti: - solo i cittadini italiani potevano richiedere un dominio IT; - le persone fisiche non potevano domandare la registrazione; - le imprese e le persone giuridiche potevano essere titolari di un unico nome a dominio. Il 15 dicembre 1999 entrarono in vigore nuove disposizioni emanate dalla Naming Autthority, con le quali si estendeva di molto lambito dei richiedenti e quindi lappetibilit del dominio. Infatti: - potevano registrare domini IT non solo gli italiani, ma tutti i cittadini dellUnione Europea; - anche le persone fisiche possono registrare nomi a dominio, ma soltanto uno; - venivano eliminati i limiti per le imprese e le persone giuridiche; Il 2 agosto 2004 entrarono in vigore le regole elaborate dalla Commissione Regole allinterno del Registro, le quali non si discostavano molto dalle precedenti. Il 28 febbraio 2007 entr in vigore il Regolamento per lassegnazione e la gestione dei domini nel ccTLD IT, che introduceva la distinzione tra procedura asincrona (ancora legata alla documentazione cartacea)29 e procedura sincrona, che venne resa operativa soltanto pi di due anni dopo, il 28 settembre 2009. Per comprendere limportanza dellintroduzione della procedura sincrona interessante descrivere come avveniva la registrazione di un dominio IT con la procedura asincrona. In particolare: (1) il richiedente doveva rivolgersi al mantainer (che operava su concessione annuale del Registro); (2) il richiedente doveva compilare una lettera di assunzione di responsabilit (LAR) con la quale, impegnandosi a rispettare la legge, il regolamento di registrazione e la netiquette30, sonerava il registro da qualsiasi responsabilit. (3) Il mantainer inoltrava al Registro la richiesta del cliente, in forma di modulo elettronico (4) Lutente spediva al registro la LAR (5) Il registro provvedeva ad attivare il dominio.
Cfr. D. Lgs. 1 agosto 2003, n.259 G. U. n. 214 del 15 settembre 2003, S.O. 150, Codice delle comunicazioni elettroniche, Art.15, Numerazione, assegnazione dei nomi a dominio e indirizzamento 1. Il Ministero controlla l'assegnazione di tutte le risorse nazionali di numerazione e la gestione del piano nazionale di numerazione, garantendo che a tutti i servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico siano assegnati numeri e blocchi di numeri adeguati. Il Ministero, altres, vigila sull'assegnazione dei nomi a dominio e indirizzamento. 2. L'Autorit stabilisce il piano nazionale di numerazione e le procedure di assegnazione della numerazione nel rispetto dei principi di obiettivit, trasparenza e non discriminazione, in modo da assicurare parit di trattamento a tutti i fornitori dei servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico. In particolare, l'Autorit vigila affinch l'operatore cui sia stato assegnato un blocco di numeri non discrimini altri fornitori di servizi di comunicazione elettronica in relazione alle sequenze di numeri da utilizzare per dare accesso ai loro servizi. 3. L'Autorit pubblica il piano nazionale di numerazione e le sue successive modificazioni ed integrazioni, con le sole restrizioni imposte da motivi di sicurezza nazionale. 4. L'Autorit promuove l'armonizzazione delle risorse di numerazione all'interno dell'Unione europea ove ci sia necessario per sostenere lo sviluppo dei servizi paneuropei. 5. Il Ministero vigila affinch non vi siano utilizzi della numerazione non coerenti con le tipologie di servizi per i quali le numerazioni stesse sono disciplinate dal piano nazionale di numerazione. 6. Il Ministero e l'Autorit, al fine di assicurare interoperabilit completa e globale dei servizi, operano in coordinamento con le organizzazioni internazionali che assumono decisioni in tema di numerazione, assegnazione di nomi a dominio e indirizzamento delle reti e dei servizi di comunicazione elettronica. 7. Per l'espletamento delle funzioni di cui al presente articolo, l'Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell'informazione presta la sua collaborazione all'Autorit In adempimento a tale disposizione, vedasi la Delibera n. 26/08/CIR dellAutorit per le Comunicazioni, Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa, in G.U. n. 172 del 24 luglio 2008, S.O. 181. 29 Vedasi la lettera di assunzione di responsabilit. 30 Si tratta di un insieme di precetti di buona condotta elaborati dai navigatori.
28

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

12 / 24

> Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela >

Oggi sul sito del Registro compare una lista di Registrars al quale lutente pu rivolgersi per la registrazione, che avviene in modalit sincrona, cio in modo immediato31.

Registrant --> Registrar --> Registro


7.3.- Registrazioni di domini TLD EU Listituzione dei domini EU deve essere collocata allinterno delle azioni intraprese dallUnione Europea in ordine alla creazione della Societ dellinformazione. A tal proposito, devono essere menzionati i seguenti riferimenti normativi: - regolamento UE 733/200232; - regolamento UE 874/200433; - regolamento UE 1654/200534; - regolamento UE 1255/200735; - regolamento UE 560/200936. LUnione Europea ha deciso di istituire come Registration Authority la "European Registry for Internet Domains (EURiD), associazione privata senza scopo di lucro che si costituita l8 aprile 2003 ed ha sede in Belgio37. La richiesta di EURid considerata come sponsor del TLD stata approvata il 28 aprile 2005. Per evitare fenomeni di cyersquatting, lUnione Europea aveva stabilito una suddivisione in fasi dellattivazione del dominio: (1) sunrise, prima fase riservata a titolari di diritti, a sua volta suddivisa in due sotto-fasi: a. dal 7 dicembre 2005 al 7 febbraio 2006: registrazione riservata a enti pubblici e titolari di marchi registrati. b. dal 7 febbraio 2006 al 7 aprile 2006: registrazione di nomi di dominio corrispondenti a denominazioni sociali o nomi darte (2) general registrations: dal 7 aprile 2006, aperture della registrazione al pubblico. Tutti I residenti in Unione Europea possono registrare nomi a dominio EU senza necessit di dimostrazione di titolarit di diritti. 8.- Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela evidente che il nome di dominio divenuto un bene giuridico. Nello specifico, si tratta di un bene immateriale, che pu divenire diventa oggetto di negozi giuridici. Infatti lintestatario pu per esempio trasferirne la titolarit ad un altro soggetto, eventualmente anche a titolo oneroso.

In realt, una volta attivato un dominio necessario che la risoluzione dellindirizzo IP in quel nome di dominio venga integrata nei servers DNS. Occorre pertanto attendere qualche ora una giornata affinch ci avvenga. 32 Regolamento n. 733 del 22 aprile 2002, Relativo alla messa in opera del dominio di primo livello .eu, in G.U.U.E. 113 L del 30 aprile 2004, pag. 1. 33 Regolamento n. 874 del 28 aprile 2004, Che stabilisce le disposizioni applicabili alla messa in opera e alle funzioni del dominio di primo livello .eu e i principi relativi alla registrazione, in G.U.U.E. L 113 del 30 aprile 2004, pag. 40. 34 Regolamento n. 1654 del 10 ottobre 2005, Che modifica il regolamento (CE) n. 874/2004 che stabilisce le disposizioni applicabili alla messa in opera e alle funzioni del dominio di primo livello .eu e i principi relativi alla registrazione, in G.U.U.E. L 266 dell11 ottobre 2005, pag. 35. 35 Regolamento n. 1255 del 25 ottobre 2007, Che modifica il regolamento (CE) n. 874/2004 che stabilisce le disposizioni applicabili alla messa in opera e alle funzioni del dominio di primo livello .eu e i principi relativi alla registrazione, in G.U.U.E. L 282 del 26 ottobre 2007 pag. 11. 36 Regolamento n. 560 del 26 giugno 2009, Recante modifica del regolamento (CE) n. 874/2004 che stabilisce le disposizioni applicabili alla messa in opera e alle funzioni del dominio di primo livello .eu e i principi relativi alla registrazione, in G.U.U.E. L 166 del 27 giugno 2009, pag. 3. 37 Si tratta di un consorzio tra DNS Belgium (dominio .BE, belga), ITT del CNR (dominio .IT, italiano), IIS (dominio .SE, svedese).
31

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

13 / 24

> Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela >

A questo punto occorre per concentrarsi sulla qualificazione giuridica del nome di dominio ed in particolare sul modo in cui lintestatario pu tutelarsi. Occorre distinguere in massima sintesi a seconda del soggetto titolare: (1) Soggetto giuridico in quanto tale (persona fisica, ma anche soggetto giuridico, persona giuridica, ente istituzionale). In questo caso le questioni si risolvono nella tutela del diritto al nome contro gli abusi che possono essere compiuti da parte di terzi. (2) Impresa commerciale. In questa ipotesi si entra nelle tematiche concernenti il diritto industriale. Di seguito si espongono per sommi capi le questioni giuridiche relative a ciascun elemento, tentando poi di definire la nozione di nome a dominio attraverso un percorso giurisprudenziale che conduce ad un riconoscimento da parte del legislatore. 8.1.- Nome di dominio e tutela del nome La connessione pi immediata si pu cogliere tra il nome di dominio e le disposizioni del codice civile che si occupano appunto della tutela del nome. Sia il nome a dominio, sia il nominativo delle persone hanno infatti una evidente funzione identificativa.
Articolo 7 CC Tutela del diritto al nome [I]. La persona, alla quale si contesti il diritto all'uso del proprio nome o che possa risentire pregiudizio dall'uso che altri indebitamente ne faccia, pu chiedere giudizialmente la cessazione del fatto lesivo, salvo il risarcimento dei danni. [II]. L'autorit giudiziaria pu ordinare che la sentenza sia pubblicata in uno o pi giornali [120 c.p.c.].

In tema vale la pena segnalare la seguente massima, che pu ancora essere considerata quella pi specifica sulla questione:
Tribunale Torino, Data: 23 dicembre 2000, Fonti: Dir. informatica 2001, 539 (nota di: VITERBO) Nel caso in cui un nome di persona venga registrato da terzi in malafede ("domain name grabbing") quale nome a dominio presso la Registration Authority Italiana si applica la tutela del nome prevista dall'art. 7 c.c. Presupposti della tutela sono il fatto dell'usurpazione e il pregiudizio economico o morale che ne pu derivare a danno del titolare del nome.

Si trattava del caso concernente il dominio ALESSIAMERZ.IT, nel quale il Giudice si conformato allopinione secondo cui luso del nome altrui indebito anche se non vi vera e propria usurpazione (ossia: utilizzo del nome come se fosse il proprio, cio appropriazione), ma vi un utilizzo abusivo in quanto comunque ne deriva un pregiudizio anche soltanto morale. 8.2.- Nome di dominio e impresa Limpresa consiste nellesercizio di unattivit economica38. In massima sintesi, lordinamento giuridico tutela la libert di impresa ed al contempo la correttezza della concorrenza, ossia la qualit del mercato. Il ch implica la possibilit di identificare con certezza i soggetti economici, i loro prodotti e servizi. Su internet, evidentemente, il problema non pi tanto collegare soggetti a cose, quanto alle informazioni che li riguardano, quindi si perde la dimensione materiale del "prodotto", o quella personale del "servizio", e si entra in una dimensione immateriale. Rilevano tre nuclei normativi:

38

Art. 2082 CC Imprenditore imprenditore chi esercita professionalmente un'attivit economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi.
Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it 14 / 24

> Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela >

(1) Diritto della concorrenza


Articolo 2598 Atti di concorrenza sleale. [I]. Ferme le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi [2563 ss., 2569 ss.] e dei diritti di brevetto [2584 ss.], compie atti di concorrenza sleale chiunque: 1) usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l'attivit di un concorrente 39; 2) diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attivit di un concorrente, idonei a determinarne il discredito, o si appropria di pregi dei prodotti o dell'impresa di un concorrente 40; 3) si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda [1175]41. Articolo 2599 Sanzioni. [I]. La sentenza che accerta atti di concorrenza sleale ne inibisce la continuazione e d gli opportuni provvedimenti affinch ne vengano eliminati gli effetti [2600]. Articolo 2600 Risarcimento del danno. [I]. Se gli atti di concorrenza sleale sono compiuti con dolo o con colpa, l'autore tenuto al risarcimento dei danni [2043]. [II]. In tale ipotesi pu essere ordinata la pubblicazione della sentenza [120 c.p.c.]. [III]. Accertati gli atti di concorrenza, la colpa si presume.

(2) Diritto industriale in particolare, la tutela dei segni distintivi dellimprenditore: (1) ditta, o nome commerciale (che si distingue dal nome dellimprenditore e dallimpresa come soggetto giuridico) (2) insegna, nome che individua la sede dove si svolge lattivit dellimpresa; (3) marchio, elemento che contraddistingue: a. I prodotti dellimpresa (c.d. marchio di fabbrica) b. I servizi resi (c.d. marchio di servizio) c. Le merci vendute come commerciante (c.d. marchio di commercio).
Articolo 2563 Ditta. [I]. L'imprenditore [2082] ha diritto all'uso esclusivo della ditta da lui prescelta. [II]. La ditta, comunque sia formata, deve contenere almeno il cognome o la sigla dell'imprenditore, salvo quanto disposto dall'articolo 2565 [2566; 221 trans.]. Articolo 2564 Modificazione della ditta. [I]. Quando la ditta uguale o simile a quella usata da altro imprenditore e pu creare confusione [2598n. 1] per l'oggetto dell'impresa e per il luogo in cui questa esercitata, deve essere integrata o modificata con indicazioni idonee a differenziarla [2568]. [II]. Per le imprese commerciali [2195] l'obbligo dell'integrazione o modificazione spetta a chi ha iscritto la propria ditta nel registro delle imprese in epoca posteriore [2188]. Articolo 2568 Insegna. [I]. Le disposizioni del primo comma dell'articolo 2564 si applicano all'insegna.

Concorrenza confusoria. Denigrazione ed appropriazione di pregi. 41 Clausola generale.


39 40

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

15 / 24

> Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela >

(3) Diritto dautore possibile che allinterno del codice HTML delle pagine vengano utilizzate delle parole chiave particolari al fine di manipolare il posizionamento dei siti web sui motori di ricerca. Il discorso molto complicato e sar approfondito in seguito. 8.3.- La nozione di nome di dominio Di seguito si propone una ricostruzione che non tiene conto del percorso strettamente cronologico, bens di una sorta di fenomenologia logico-giuridica al cui compimento vi la qualificazione normativa. In massima sintesi, la giurisprudenza si schierata su quattro posizioni42: (1) irrilevanza giuridica del nome di dominio in quanto tale, (2) rilevanza giuridica del nome di dominio in quanto tale, ma come segno distintivo tipico, ed in particolare: a. assimilabile allinsegna b. assimilabile al marchio (3) rilevanza come singolo elemento della condotta di concorrenza sleale; (4) rilevanza giuridica del nome di dominio come segno distintivo atipico. Lorientamento prevalente poi stato positivizzato dal Legislatore. 8.3.1.- Irrilevanza del nome a dominio Si considerano ora le decisioni emesse in Italia. (1) TESEO.IT, Tribunale di Bari, 24.7.199643
Va respinto il ricorso ex art. 700 c.p.c., proposto da una societ commerciale che lamenti l'utilizzo indebito della propria denominazione sociale, da parte di altra societ, come "domain name" identificativo di un "sito" Internet, in quanto, non avendo tale nome la funzione di identificare il soggetto che lo utilizza, difetta il pericolo di confusione.

(2)

SABENA.IT, Tribunale Firenze 29.6.2000 in questa decisione stata negata tutela in base al fatto che il dominio non altro che uno strumento di reperimento di risorse informatiche, con la sola funzione di semplificare la "navigazione"44. Lordinanza del Tribunale di Firenze afferma:
In sostanza, la corrispondenza marchio-dominio, non un bene assoluto, non un valore assoluto e, soprattutto, non un principio positivamente sancito nel nostro ordinamento .. Questo giudice convinto che gli aspetti operativi, tecnici e logici propri del Domain Name System prevalgano sull'utilit che la singola impresa pu ricavare dalla corrispondenza nome-dominio; che tali aspetti operativi, tecnici e logici assimilino pi il domain name ad un indirizzo che a un segno identificativo di un soggetto

(3)

BLAUPUNKT.IT, Tribunale di Empoli 23.11.2000:


La giurisprudenza che si occupata della materia negli ultimi anni (cos come la scarsa dottrina rinvenuta) non ha ancora raggiunto un orientamento concorde in ordine alla natura del domain name, presupposto fondamentale per individuare il tipo di tutela da adottare. Prevalentemente il domain name stato parificato al marchio o quanto meno all'insegna ed stata ritenuta applicabile la normativa di cui al R.D. 21 giugno 1942 n. 929 e la normativa codicistica in materia di concorrenza sleale.

Qui si distinguono per maggiore chiarezza quattro posizioni, mentre alcuni assimilano le ipotesi (1) e (3): L. RENNA, Il diritto industriale nella rete Internet: nomi di dominio, contraffazione e concorrenza sleale, I nuovi contratti nella prassi civile e commerciale, Vol. I. Aggiornamento, Torino: Utet (Il diritto privato nella giurisprudenza, collana diretta da Paolo Cendon) 2008, p. 21 43 Trib. Bari, ordinanza del 24 luglio 1996, in Il Foro Italiano (1997), parte I, pagg. 2316 ss., e in Annali italiani del diritto d'autore, della cultura e dello spettacolo (1998), pag. 522 con nota di C. E. MAYR. 44 Trib. Firenze, ordinanza 29 giugno 2000, in Dir. informatica 2000, 672 (nota di: SAMMARCO), Dir. industriale 2000, 331 (nota di: BELLOMUNNO).
42

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

16 / 24

> Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela >

Tale parificazione non appare essere corretta e non pu essere condivisa da parte di questo giudicante essendo lampante la differenza esistente tra il marchio (caratterizzato da vari tipi di segni grafici che possono formare infinite combinazioni), che tutela il prodotto di una impresa, ad il domain name che pu essere formato soltanto da lettere o numeri e che costituisce esclusivamente un indirizzo telematico che consente di raggiungere il sito da qualsiasi parte del globo. In Internet infatti non esiste alcun confine territoriale e tutte le imprese e gli enti del mondo hanno interesse ad ottenere un domain name per potere essere raggiunte con la stessa facilita da ogni utente che sia fornito di telefono (fisso, cellulare o satellitare) e di personal computer. Il domain name pertanto non tutela in alcun modo il prodotto aziendale.

Le critiche che si possono muovere a queste sentenze sono due: (1) viene persino negata la funzione identificativa del dominio, che invece la sua ragion dessere. (2) si arriva a negare sostanzialmente valore giuridico non tanto al nome di dominio, quanto alla possibilit di tutela della correttezza delle informazioni in Rete. 8.3.2.- Nome di dominio assimilato a un segno distintivo tipico 8.3.2.1.- Nome di dominio = insegna Ci sono alcune decisioni che tentano unazzardata analogia tra territorio e spazio virtuale, assimilando il nome di dominio allindirizzo virtuale: (1) BANCOPOSTA.IT, VAGLIA.IT, RACCOMANDATA.IT, Tribunale di Modena a. Ordinanza ex art. 700, 28/7/2000, respinto ricorso delle Poste b. Ordinanza su reclamo, 23/8/2000 revoca precedente provvedimento cautelare c. Sentenza di merito 28/4/2004
Il nome a dominio assimilabile all'insegna, perch svolge l'identica funzione di contraddistinguere il luogo virtuale in cui l'imprenditore offre i propri prodotti o servizi al pubblico45.

(2) AMADEUS.IT Tribunale di Milano, 10.06.9746,


Il "domain name" che ha qualche affinit con la figura dell'insegna, in quanto il sito configura il luogo virtuale ove l'imprenditore contatta il cliente fino a concludere con esso il contratto 47. La particella che indica il "top level domain name" (i.e. it) deve ritenersi priva di attitudine distintiva in quanto relativa alla mera localizzazione geografica dell'elaboratore 48.

(3) ITALIAONLINE.IT, Tribunale di Ivrea, 19.07.00 (4) MODENAONLINE.IT, Tribunale di Modena, 01.08.00 (5) MISSITALIA.IT, Modena 23.5.2000
Il nome a dominio, assolvendo ad una funzione distintiva dell'utilizzatore del sito, pu essere assimilato all'insegna. Pertanto, quando viene usato un nome a dominio uguale ad un'insegna gi utilizzata, il conflitto regolato dalla disposizione di cui all'art. 2568 c.c.49

Tribunale Modena 27 settembre 2004, in Dir. informatica 2005, 281 (nota di: DE MARZI) Trib. Milano, ord.9 giugno 1997, in "Diritto dell'informatica e dell'informazione", a cura di G. ALPA, (1997), pag.955. 47 Tribunale Milano 3 giugno 1997, in Giur. it. 1997, I,2, 697 (nota di: PEYRON) 48 Tribunale Milano 3 giugno 1997, in Giur. it. 1997, I,2, 697 (nota di: PEYRON). 49 Tribunale Modena 23 maggio 2000, in Dir. informatica 2000, 665.
45 46

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

17 / 24

> Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela >

8.3.2.2.- Nome di dominio = marchio (1) Trib. Roma 10 febbraio 2004, GADI, 2005, 225 (4800)50.

8.3.2.3.- Nome di dominio come strumento di concorrenza sleale Sin dalle origini dello sfruttamento commerciale della Rete si sono verificate ipotesi di utilizzo del nome di dominio con il fine di falsare la concorrenza. Si possono dare alcuni esempi interessanti: (1) (1994) MTV.COM51: un dipendente dellemittente televisiva musicale aveva registrato il nome di dominio del suo datore di lavoro, utilizzandolo per il suo sito di notiziario scandalistico52. In questo giudizio il nome di dominio espressamente equiparato a telephone number mnemonics53; (2) (1994) KAPLAN.COM54: lo scopo specifico della registrazione del dominio era proprio quello di screditare listituzione concorrente;

Si riporta in merito una sentenza paradigmatica italiana. (1) ALTAVISTA.IT55, Tribunale di Genova 1999: l'utilizzo del dominio in funzione di agganciamento alla notoriet del motore di ricerca "altavista.com" stata sanzionata ai sensi dell'art.2598 lettera 1 c.c., come concorrenza confusoria. Il Giudice nota che loccupante abusivo, dopo avere cessato l'utilizzo del dominio su invito del titolare del marchio, manteneva presso la R.A. la qualit di assegnatario del nome di dominio, impedendo lassegnazione al legittimo titolare; 8.3.3.- Nome di dominio come segno distintivo atipico (1) NAUTILUS.IT56, Trib. Pescara 9.1.1997, Dir. informazione e informatica, 1997, 952, si applica il principio di relativit della tutela. Il giudice appare in grave difficolt, e compensa parzialmente le spese di giudizio, in cui si rigetta il ricorso presentato da un agente pubblicitario contro un provider per sleale concorrenza, in base a: (1) mancanza di periculum in mora, (2) difetto di affinit dei settori; (3) mancanza di originalit del marchio "nautilus". (2) PORTAPORTESE.IT, Trib Roma 2.8.1997, Foro it. 1998,-I, 923; Ma proprio la somiglianza delle attivit economiche comporta lassimilazione del dominio alla tutela del marchio in una diversa ordinanza, sul dominio PORTAPORTESE.IT57; da notare che il ricorrente, che ottiene tutela, aveva registrato un dominio simile58.

Menzionata in C.S.M., Il codice della propriet industriale Roma 17-18 settembre 2007, Nomi a dominio e tutela della propriet industriale in Internet nel c.p.i. Geremia Casaburi, Giudice della sezione p.i.i. del Tribunale di Napoli 51 Mtv networks Inc., v. Adam Curry, United States District Court, S.D. New York. 28 ottobre 1994, (867 F. Supp. 202). 52 Mtv Networks, a Division of Viacom International, Inc., vs. Adam Curry, No. 94 Civ. 3271 (LMM), United States District Court, S.D. New York. 28 ottobre 1994. 53 In USA era consuetudine forse ormai non troppo diffusa esprimere i numeri anche come successioni di lettere, pertanto le imprese tendono ad utilizzare la successione di tasto da premere come segno distintivo; dunque la confusione nella digitazione della serie di pulsanti punita come contraffazione di marchio. Per esempio si veda il caso American Airlines Inc. v. A. 1-800-a-m-e-r-i-ca-n Corp., 622 F. Suppl. 673 (ND Ill.1985). 54 Nel 1994, il direttore della Princeton Review, scuola privata, registr il dominio intestato a un istituto concorrente, Kaplan Educational Center, inserendo informazioni screditanti, inoltre dichiar di averlo fatto solo per dispetto nei confronti del direttore della Kaplan, C.E. MAYR, I domain names e i diritti sui segni distintivi: una coesistenza problematica, in Annali italiani del diritto d'autore, della cultura e dello spettacolo (1996), p. 231 n. 34 Per approfondimenti, The Princeton Review Management Corp vs. Stanley H. Kaplan Educational Centre, Ltd. (94 Civ.1604 (MGC) (S.D.N.Y, filed March 9, 1994). 55 Trib. Genova Sez. IV civ., ordinanza 12 ottobre 1999, in Diritto dell'informazione e dell'informatica (2000), pag.341. 56 Trib. Pescara, ordinanza 9 gennaio 1997, in Diritto dell'informazione e dell'informatica (1997), pag. 952. 57 Trib. Roma sez. I, ord.2 agosto 1997, in "Diritto dell'informazione e dell'informatica", a cura di G. ALPA, (1997), pag.961. 58 "PORTA-PORTESE.IT", omonimo della testata editoriale cartacea gestita.
50

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

18 / 24

> Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela >

(3) PEUGEOT,IT Pret. Valdagno 27.5.1998, Giur. it. 1998, I, 2, 1875, Trib. Vicenza 6.7.1998. Giur. it. 1998, I, 2342 (4) MISSITALIA.IT, Trib. Reggio Emilia, 29.5.2000.
I nomi a dominio, assolvendo una funzione distintiva dell'utilizzatore del sito, sono assimilabili ai segni distintivi dell'impresa. Pertanto, qualora venga usato un nome a dominio uguale ad un marchio registrato, il conflitto va regolato in base alle norme concernenti il marchio 59.

(5) CARPOINT.IT, Trib. Roma 9/3/200060, rigetto della richiesta di inibitoria e compensazione delle spese di giudizio, affermando la natura di segno distintivo in relazione alla funzione svolta nel settore economico61, di individuazione della attivit connessa, e negando la sussistenza di rischio di confusione in base alla diversit territoriale del mercato, e in base alla natura "debole" del marchio, derivante dalla associazione di espressioni generiche. Il caso rilevante perch i due nomi di dominio sono esattamente identici, ma posti su livelli diversi, e perch si afferma la territorialit della tutela del marchio, cosa che nella Rete perde senso, come vedremo, per distinguere due attivit economiche nello stesso settore. (6) TECHNOVIDEO.COM62 presenta domain grabbing unito a "classica" concorrenza sleale, in quanto il terzo, sanzionato, si fa assegnare un dominio identico per SLD a un marchio registrato, proponendo all'interno del sito, come se fosse proprio, il prodotto altrui. (7) INA.IT63 il provider dichiarato responsabile della violazione del marchio e della concorrenza sleale perch, nella ipotesi di marchio rinomato, configura negligenza la fornitura di supporto tecnico a un soggetto che palesemente compie un illecito: avrebbe dovuto accorgersi dell'illiceit della condotta del convenuto. (8) Nel caso FLORENCEONLINE.IT64 il dominio di SLD corrisponde alla denominazione sociale di una persona giuridica, il giudice ne inibisce l'uso, che assume avere carattere individuante, ordina la pubblicazione sul sito e la comunicazione: ai gestori della Rete che hanno concesso l'utilizzo del sito (notare lespressione assolutamente atecnica). 8.4.- La soluzione legislativa: D. Lgs. 30/2005 Codice della propriet industriale Il Codice della propriet industriale ha risolto la disputa dottrinale e giurisprudenziale con alcune disposizioni65, ed in particolare: - l'art. 12, comma 1, lett. c) c.p.i esclude che possano registrarsi come marchi per mancanza di novit quei segni identici o simili a domini aziendali;
Art.12 Novit 1. Non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d'impresa i segni che alla data del deposito della domanda: []

Tribunale Reggio Emilia, 30 maggio 2000, Dir. informatica 2000, 668 Trib. Roma ordinanza 9 marzo 2000, in Diritto dell'informazione e dell'informatica (2000), pag. 360. 61 Il dominio concorrente era CARPOINT.MSN.COM. 62 Trib. Verona, ord.25 maggio 1999. 63 Trib. Roma, ord.22 marzo 1999, in "Diritto dell'informazione e dell'informatica", a cura di G. ALPA, (2000), pag. 66, con nota di P.SAMMARCO. 64 Trib. Napoli, ord.27 maggio 2000. 65 D. Lgs. 10 febbraio 2005 n.30 (in Suppl. ordinario n. 28 alla Gazz. Uff., 4 marzo, n. 52). - Codice della propriet industriale, a norma dell'articolo 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273.
59 60

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

19 / 24

> Qualificazione giuridica del nome di dominio e modalit di tutela >

b) siano identici o simili a un segno gia' noto come ditta, denominazione o ragione sociale, insegna e nome a dominio usato nell'attivita' economica, o altro segno distintivo adottato da altri, se a causa della identita' o somiglianza fra i segni e dell'identita' o affinita' fra l'attivita' d'impresa da questi esercitata ed i prodotti o servizi per i quali il marchio e' registrato possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico, che puo' consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni. []

l'art. 22 c.p.i. esclude che possa adottarsi come dominio aziendale un segno simile all'altrui marchio;
Articolo 22 Unitariet dei segni distintivi 1. vietato adottare come ditta, denominazione o ragione sociale, insegna e nome a dominio di un sito usato nell'attivita' economica o altro segno distintivo un segno uguale o simile all'altrui marchio se, a causa dell'identit o dell'affinit tra l'attivit di impresa dei titolari di quei segni ed i prodotti o servizi per i quali il marchio adottato, possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico che pu consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni. 2. Il divieto di cui al comma 1 si estende all'adozione come ditta, denominazione o ragione sociale, insegna e nome a dominio di un sito usato nell'attivita' economica o altro segno distintivo di un segno uguale o simile ad un marchio registrato per prodotti o servizi anche non affini, che goda nello Stato di rinomanza se l'uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio o reca pregiudizio agli stessi.

l'art. 118, comma 6, c.p.i. stabilisce che la registrazione di un nome a dominio aziendale concessa in violazione dell'art. 22 c.p.i. o in mala fede, possa essere revocata o trasferita dall'autorit di registrazione al richiedente;
Art.118 Rivendica 6. Salvo l'applicazione di ogni altra tutela, la registrazione di nome a dominio aziendale concessa in violazione dell'articolo 22 o richiesta in mala fede, pu essere, su domanda dell'avente diritto, revocata oppure a lui trasferita da parte dell'autorit di registrazione.

l'art. 133 c.p.i. prevede l'inibitoria dell'uso del nome di dominio aziendale.
Art. 133. Tutela cautelare dei nomi a dominio 1. L'Autorit giudiziaria pu disporre, in via cautelare, oltre all'inibitoria dell'uso nell'attivita' economica del nome a dominio illegittimamente registrato, anche il suo trasferimento provvisorio, subordinandolo, se ritenuto opportuno, alla prestazione di idonea cauzione da parte del beneficiario del provvedimento.

8.5.- Laccoglimento da parte della giurisprudenza 8.5.1.- Tribunale di Teramo 13.10.2007


Il "domain name" un indirizzo alfanumerico dal punto di vista delle regole di "naming ", mentre dal punto di vista giuridico un "segno atipico " che indica una attivit corrispondente a quella che viene esercitata all'interno del sito relativo66.

8.5.2.- Tribunale Bari 23/9/2010


Posto che: a) il nome a dominio "iburraco.com" produce confusione con i marchi comunitari "Burraconline" e "Burraco", in ragione dell'evidente assonanza linguistica e della coincidenza tra i profili degli utenti dei servizi offerti dai rispettivi titolari; b) il "periculum in mora" deve ritenersi "in re ipsa", va inibito in via cautelare l'uso, in qualsiasi forma e modo, del predetto nome a dominio, fissando una penale per ogni successiva violazione e disponendo la pubblicazione del dispositivo su un quotidiano locale 67.

66 67

Tribunale Teramo, 13 ottobre 2007, PQM 2008, 1, 73 (s.m.) (nota di: Fusco ) Tribunale Bari, 23 settembre 2010, Foro it. 2011, 1, I, 248
Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it 20 / 24

> Ulteriori rimedi: le procedure di riassegnazione o MAP (Mandatory Administrative Proceedings) >

8.5.3.- Corte di Cassazione 24620/2010


Nel periodo anteriore all'entrata in vigore del codice della propriet industriale (d.lg. 10 febbraio 2005 n. 30), anche ai nomi di dominio (di sito Internet) deve applicarsi, sebbene si tratti di segni distintivi atipici, il r.d. 21 giugno 1942 n. 929, essendo essi strumenti attraverso cui accedere, nell'ambito di internet, ad un vasto mercato commerciale di dimensioni globali che consentono di identificare il titolare del sito web ed i prodotti e servizi offerti al pubblico, onde tali nomi rivestono una vera e propria capacit distintiva, in quanto, secondo la attuale concezione sulla natura e sulla funzione del marchio, non si limitino ad indicare la provenienza del prodotto o del servizio, ma svolgano una funzione pubblicitaria e suggestiva che ha la finalit di attrarre il consumatore, inducendolo all'acquisto68.

9.- Ulteriori rimedi: le procedure di riassegnazione o MAP (Mandatory Administrative Proceedings) Occorre verificare quali rimedi abbia a disposizione colui il quale i ntenda contestare lassegnazione di un nome a dominio che sia avvenuta a favore di terzi, e chiedere che il medesimo nome a dominio gli venga trasferito. Essenzialmente vi sono diversi strumenti per esercitare i propri diritti: (1) giudizio ordinario (2) arbitrato a. rituale (rimedio di valore giurisdizionale) b. irrituale (contemplato nelle LAR dei domini IT, relativamente alle procedure asincrone di registrazione). (3) procedura extragiudiziale (ADR) Il sistema dei nomi a dominio singolare perch contiene una specifica regolamentazione molto avanzata in tema di ADR (Alternative Dispute Resolution). LICANN dal 24 ottobre 1999 propone infatti ai mantainer e ai titolari di domini alcune direttive la Uniform Domain Name Dispute Resolution Policy e una specifica procedura di conciliazione le Rules for Uniform Domain Name Dispute Resolution Policy che possono essere schematizzate come segue: il ricorrente si rivolge al DRSP (Dispute Resolution Service Provider) presentando ricorso e relativa documentazione; (2) il DRSP inoltra la domanda al titolare del nome a dominio, invitandolo a difendersi, depositando le proprie repliche entro 20 giorni; (3) il DRSP, raccolta la documentazione delle parti, nomina il collegio degli esperti (Panel); (4) il Panel, entro i successivi 14 giorni pu decidere in due modi: a. respingere il ricorso. b. accogliere il ricorso: il registro pu cancellare o trasferire il dominio, salvo che il resistente ricorra alla magistratura nei successivi 10 giorni. Ora, occorre comprendere quali siano i criteri di giudizio nelle vicende in oggetto secondo le MAP di ICANN. Essenzialmente, vi sono tre requisiti che la domanda di tutela deve possedere per essere accolta e quindi affinch sia disposta la cancellazione o il trasferimento del nome a dominio (art. 3): (1) Nome a dominio identico o confondibile con un marchio registrato su cui il ricorrente vanta dei diritti; (2) Mancanza di diritto o interesse giuridicamente tutelabile in relazione al dominio; (3) Il nome a dominio stato registrato e viene usato in mala fede. Ai fini della valutazione della malafede (punto 4 precedente), deve essere provata una tra le quattro seguenti circostanze (art. 4): (1) lo scopo principale dellacquisto del nome a dominio quello di cederlo al ricorrente o ad altri con un utile considerevolmente superiore allesborso dei costi di registrazione; (2) il dominio stato registrato per prevenire la registrazione del nome a dominio da parte del legittimo titolare di un marchio; (3) il dominio stato registrato principalmente per danneggiare lattivit del concorrente; (4) il dominio stato registrato intenzionalmente per approfittare della notoriet del concorrente, attraendo gli utenti di Internet sul proprio sito web creando confusione con il marchio altrui.
68

(1)

Cassazione civile sez. I, 3 dicembre 2010 n. 24620, in Red. Giust. civ. Mass. 2010, 12.
Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it 21 / 24

> (*) Approfondimenti >

Le regole relative alle procedure di riassegnazione dettate dal Registro IT sono lievemente diverse. (1) il ricorrente deve presentare al Registro una opposizione al mantenimento del dominio. Questa una condizione di ammissibilit della procedura di riassegnazione; (2) il Registro comunica al titolare del dominio la sussistenza dellopposizione, invitandolo a presentare le proprie difese; (3) successivamente, qualora le parti non ricorrano consensualmente ad un arbitrato, pu essere introdotta la procedura di riassegnazione: a. La procedura di riassegnazione ha lo scopo di trasferire lassegnazione del nome a dominio a chi ne ha il diritto qualora il reclamante provi che il Registrante non abbia titolo alluso o alla disponibilit giuridica e che il nome a dominio sia stato registrato e mantenuto in malafede69 ; b. Condizione necessaria per introdurre validamente la procedura di riassegnazione che il nome a dominio sia stato preventivamente oggetto dopposizione da parte dello stesso soggetto che ha intenzione di introdurre la procedura di riassegnazione. La procedura di riassegnazione pu essere iniziata solo da soggetti comunitari. Pu essere altres introdotta in nome proprio e per conto di persona fisica o giuridica non appartenente all'Unione Europea purch siano evidenziati gli autonomi titoli del reclamante mediante prove documentali70. c. Condizioni per ottenere la riassegnazione di un nome a dominio sono da un lato, che chi lo ha sottoposto a opposizione vanti un diritto sullo stesso e, dall'altro, che il Registrante non abbia alcun diritto o titolo al nome a dominio e che lo stesso sia stato registrato e mantenuto in malafede. Sotto il primo profilo, avendo intenzione di attivare una riassegnazione, necessario verificare se si possa dimostrare la titolarit di un proprio diritto sul nome a dominio che si intende sottoporre a tale procedura (per esempio, diritti di propriet intellettuale od industriale, quale marchi, diritto dautore, diritto alla denominazione e ragione sociale, alla ditta, allinsegna, al nome proprio e cognome), nonch le circostan ze di mala fede in cui il Registrante avrebbe registrato e mantenuto il nome a dominio di interesse71. 10.- (*) Approfondimenti Si possono menzionare due ulteriori esempi che manifestano i problemi della tutela dei nomi a dominio. 10.1.- ANDALA.IT e la manomissione del DNS (Trib. Cagliari, ordinanza 18 aprile 2000) Si noti la successione cronologica: 18/11/1999, notizia della costituzione della societ "Andala UMTS s.p.a." 22/11/1999, domanda di registrazione del marchio andala da parte di Tiscali S.p.a. 12/12/1999, assegnazione del dominio ANDALA.IT a soggetto che vanta un preuso del marchio riguardante lampade per esposizioni dal 1996, mentre il ricorrente (Tiscali S.p.A.) ottiene comunque lassegnazione di altri domini dalla RA, "andalas.it" e "andalaumts.it". - Il soggetto che si suppone defraudato, essendo provider, ostacola la visibilit del sito corrispondente al dominio controverso. Infatti, essendo gestore di connessioni a Internet, Access Provider, gli utenti che si connettevano attraverso i servizi "tiscalinet.it" non potevano collegarsi con il dominio "andala.it" in quanto i nameservers del gestore non erano volutamente aggiornati, impedendo che fosse associato il dominio all'indirizzo logico del sito. Tale condotta introduce una grave discrasia all'interno della Rete, ed censurata dalla Netiquette. Il gestore rimosse l'ostacolo solo dopo ingiunzione della RA. - In ogni caso, il giudice configura la malafede del resistente e provvede a favore del provider. 10.2.- ARMANI.IT e il costo della Giustizia

Punto 4.2.2 Scopo, procedura di riassegnazione. 4.2.3 Presupposti per lintroduzione della procedura, procedura di riassegnazione. 71 Punto 4.2.4 Verifica dei diritti sul nome a dominio, procedura di riassegnazione.
69 70

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

22 / 24

> Principali riferimenti >

Brevissimo riassunto dei fatti: - 1997: il sig. Luca Armani, imprenditore bergamasco di Treviglio, registra ARMANI.IT per promuovere il suo timbrificio. - 1998, 22 ottobre, Giorgio Armani stilista cita in giudizio lassegnatario per ottenere la riassegnazione del dominio. - 2003, 3 marzo, Giorgio Armani ottiene la condanna del convenuto - Luca Armani dichiara lo sciopero della fame72 e propone appello73 - 2004, Luca Armani rinuncia agli atti in Appello e cede a titolo gratuito il dominio alla Giorgio Armani SpA74. - 2007, Luca Armani invoca di nuovo lo sciopero della fame75 - 2009, marzo, Luca Armani chiude lazienda perch schiacciato dai debiti per le spese legali Per il sito Internet con il cognome di famiglia, Giorgio Armani ha dato a Luca 150.000 euro, ma anni di processi, spiega luomo, sono costati il triplo. Luca Armani dice di essere schiacciato dai debiti e che fra poche settimane la banca lo metter in mezzo a una strada, pignorandogli casa e laboratorio76 11.- Principali riferimenti Mediaset S.p.A. v. Didier Madiba, Fenicius LLC, Case No. D2011-1954, (WIPO Arbitration and Mediation Center, Administrative Panel Decision 2012). AGAR, RICHARD JOHN MATTHEW, The Domain Name System (DNS): Security challenges and improvements, in Security (2009), pp. 0-101. BALL, JAMES, Meet the seven people who hold the keys to worldwide internet security , in The Guardian 28 February 2014. BOARD, INTERNET ARCHITECTURE, RFC 2826. IAB Technical Comment on the Unique DNS Root, 2000. CHEUNG, S., Denial of service against the Domain Name System, in IEEE Security & Privacy Magazine 4, n. 1 (2006), pp. 40-45. KLENSIN, JOHN, RFC 5890. Internationalized Domain Names for Applications (IDNA): Definitions and Document Framework: Internet Engineering Task Force (IETF), 2010. ---, RFC 5891. Internationalized Domain Names in Applications (IDNA): Protocol, in (2010). ---, RFC 5894. Internationalized Domain Names for Applications (IDNA): Background, Explanation, and Rationale: Internet Engineering Task Force (IETF), 2010. KRAVETS, DAVID, Uncle Sam: if it ends in .com, its .seizable, WIRED.COM 2012. MANNING, BILL, DNS Caching, in Internet Protocol Journal 12 (2011).

72 73

http://punto-informatico.it/405907/PI/Brevi/sciopero-della-fame-luca-armani.aspx http://punto-informatico.it/474700/PI/News/armani-vs-armani-guerra-continua.aspx. 74 http://alessandroronchi.net/2004/luca-armani-cede-a-titolo-gratuito-il-nome-a-dominio-a-giorgio/ 75 http://www.webmasterpoint.org/news/armani.it-luca-armani-pronto-a-sciopero-della-fame-per-riavere-il-suo-dominio_p30751.html 76 http://www.ilgiorno.it/bergamo/cronaca/locale/2009/10/18/248676-luca_armani_arrende_chiude_timbrificio_necrologio_annuncia_fine_dell_attivita.shtml#


Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it 23 / 24

> Principali riferimenti >

MAYR, C.E. , I domain names e i diritti sui segni distintivi: una coesistenza problematica, in Annali italiani del diritto d'autore, della cultura e dello spettacolo (1996). MOCKAPETRIS, P.V., RFC 821. Domain names - Concepts and facilites: Internet Engineering Task Force, 1983. ---, RFC 1034. Domain Names - Concept and facilites: Internet Engineering Task Force, 1987. ---, RFC 1035. Domain Names - Implementation and Specification: Internet Engineering Task Force, 1987. MUELLER, MILTON L, Competing DNS Roots: Creative Destruction or Just Plain Destruction?, Atti del svoltosi a 2001. POSTEL, J. E J.K. REYNOLDS, RFC 920. Domain requirements: Network Working Group, 1984. POSTEL, JON, RFC 1591. Domain Name System Structure and Delegation Internet Engineering Task Force, 1994. RASTEGARI, SAMANEH, M IQBAL SARIPAN E MOHD FADLEE A RASID, Detection of Denial of Service Attacks against Domain Name System Using Neural Networks, in Journal of Computer Science 6, n. 1 (2009), pp. 23-27. RENNA, L., Il diritto industriale nella rete Internet: nomi di dominio, contraffazione e concorrenza sleale, I nuovi contratti nella prassi civile e commerciale, Vol. I. Aggiornamento, Torino: Utet (Il diritto privato nella giurisprudenza, collana diretta da Paolo Cendon) 2008.

Testo disponibile su licenza Creative Commons - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/deed.it

24 / 24