Sei sulla pagina 1di 6

1

TOROIDALE SPERIMENTALE 18-4-2014 Terni


LA sperimentazione , sul toroidale della MAGNETIC, eseguita in modo da avere le spirali del lamierino sempre in tiro e saldate allinizio ed alla fine, determinano il traferro zero, inoltre verr bloccato in autoclave con vernici penetranti e poi in temperatura di essiccazione che permetteranno alla fine una grossa stabilit meccanica nella manipolazione e nel funzionamento. Subir inoltre, una rettifica di 40 mm sulle due fiancate, per ospitare i 4 supermagneti da 35x20 da 38 kg di forza. Verranno avvolte provvisoriamente 2x35 spire di filo flessibile in rame isolato in pvc della sezione di 1,5 mm2 per misurare la impedenza industriale a 50 Hz fino a trovare il punto di inversione. Lavvolgimento spalmato su tutta la mezza circonferenza prima con spire in parallelo ,poi in serie con le altre 35 spire. Servono per conoscere altri parametri di funzionamento. ( 35+35 ) per frequenze basse (70+70) per frequenze alte. (servono per stabilire quante spire costruire) Nelle 2 zone rimaste verranno costruiti i 2 avvolgimenti deviatori di flusso con 2 fili di rame tipo DH con 35 spire bene spalmate per tutta la larghezza disponibile con tubetti finali di colore diverso . In aggiunta si eseguiranno altri 2 avvolgimenti, per il prelievo di potenza, con 64 spire cd e sezione massima possibile per la

macchina avvolgitrice con magazzino multi filo, ed uscite con tubetti colorati per distinguere il principio dalla fine. Verranno interposti strati di isolamento fra il ferro e gli avvolgimenti ed anche fra gli avvolgimenti e fra questi ed il contatto umano esterno come da norme . circa 5000 volt. Finito questo lavoro di preparazione del toroide , si monteranno i 4 supermagneti da 1,6 ( T) cd fissati per sola attrazione sui 2 profilati di precisione da 40x40x270 mm in Fe35Bsulla cui superficie di contatto verr spalmata una colla liquida speciale per evitare sacche daria. Sui 2 lati opposti ,in corrispondenza dei supermagneti verranno ricavati i raccordi necessari al contenimento della fascetta stringente. A questo punto tutto pronto per il montaggio e prima si dovr approntare un collaudo delle induttanze degli avvolgimenti gi montati fatto con tensione alternata variabile a 50 Hz da 0 fino alla massima possibile fino a quando limpedenza subir un rapido decremento cio la induttanza decrescer. Lo schema definitivo questo sotto:

A macchina ferma il flusso dei magneti si presenta come in figura e per la deviazione del flusso ci rimane luso delle due bobine deviatrici in verde fatte con il filo di rame da 2x0,8 e 35 spire in cui ci sono disponibili i fili : P3 P3 P4 P4 F3 F3 F4 F4 ; per ladeguamento della induttanza per uso magneti pi piccoli ed uso di frequenze pi elevate possibili. (II fase) Arrivati ad usare la sperimentazione sul MEG occorre per primo sperimentare con gli avvolgimenti separati e fuori carico per analizzare bene le forme donda che escono quando ci troviamo alla massima tensione ed in assenza dei picchi di tensione di LENZ. La frequenza e se possibile la corrente assorbita dalle bobine deviatrici in milliampere con la relativa forma donda.

Questo sar il punto di partenza per la seconda sperimentazione: uso dei secondari collegati in serie. Contrassegnare i valori ed i condensatori pi idonei. Lo schema di collegamento delle bobine di potenza prevede di utilizzare la forma donda rettangolare proveniente dalla deviazione dei flussi delle supercalamite, ma il collegamento non eseguito secondo le regole della vecchia elettrotecnica, infatti sui terminali si presentano solo delle forze elettromotrici di valore positivo non in contemporanea che potrebbero essere utilizzate per fare uscire una energia elettrica in forma rettangolare sia negativa che positiva unendole insieme a formare ci: come sotto

I sensi di avvolgimento sono importanti e rispettano le regole di costruzione a macchina. I magneti sono disegnati blu con la faccia nord sui lamierini, rosso con la faccia sud sui lamierini, le frcce blu sono il flusso direzionato dall avvolgimento verde. Il solo fatto che la corrente sulle bobine inerti partecipa alla formazione dellannullamento del flusso in quella parte dove non ci deve essere offre un importante modo filosofico di vedere le cose, in questo caso della deviazione dei flussi delle calamite . come se il piccolo generatore pilotasse anche la potenza della macchina per cui la sperimentazione con le alte frequenze pu offrire delle grosse sorprese perch le amperspire relative in annullamento con il carico esterno si trovano tutte qui nei tratti di macchina in cui possono verificarsi senza chiedere al piccolo generatore la potenza necessaria , la bobina inerte che di volta in volta fornisce le amperspire necessarie. Certo questo un ragionamento troppo semplicistico ma occorre verificarlo. Oppure farlo in un altro modo: il fatto della corrente, anche parecchio pi alta di quella delle deviatrici ,crea un flusso magnetico nel nucleo in concomitanza con quello delle deviatrici lunica cosa possibile che il carico capacitivo in atto fa scorrere corrente 90 in ritardo rispetto al vettore tensione questo si , ma quale sar leffetto non mi dato capirlo per mancanza di scienza in proposito. Allora bene sperimentare per capire. Una altra considerazione viene da fare in aiuto a quanto detto sopra ,dellannullamento di flusso nella parte delle bobine

inerti: le bobine attive che ricevono il flusso dei supermagneti hanno un loro particolare funzionamento durante la fase di carico ed questo: la corrente che vi scorre dentro non tende a smagnetizzare quella parte di nucleo anzi viene rinforzato il flusso magnetico come si nota dai sensi di corrente nelle spire; equivale a dire che il generatore partecipa soltanto come elemento pilota e basta. Per me soltanto questo particolare che fa determinare lutilizzo anche di grosse correnti con le sole azioni delle deviatrici. Sono queste correnti che partecipano allannullamento delle amperspire sul carico che in definitiva proviene dalla unica bobina che ci lavora. Ma molto probabile che la tensione che apparir ai capi del C3 sia del valore doppio rispetto alla bobina attiva. Se cos fosse lintuito , solo lintuito , fa dire che si pu staccare il generatore perch forse continua la generazione da solo con la risonanza fra le bobine grandi. Come nel MEG dello studente iraniano.