Sei sulla pagina 1di 4

La Chiesa cattolica e la crisi economica. di Carlo Rossi http://chiarodiluna-karl.blogspot.it/2014/04/la-chiesa-cattolica-e-la-crisi-economica.

html

Gi nei primi mesi del suo ponti!icato papa "rancesco ha denunciato la gra#e condi$ione dei po#eri% in aumento a causa della crisi economica. &elle parole del ponte!ice anche la dura critica al modello sociale e culturale che ' pre#also in (ccidente. &ulla di nuo#o e inaspettato per i !edeli cattolici che conoscono il )angelo e il *agistero della Chiesa. *a soprattutto negli +,-% particolarmente tra i conser#atori% si sono le#ate critiche contro un papa considerato ostile alla libert economica e al mercato. .n realt il successore di /enedetto 0). ha ripresentato in termini diretti e coin#olgenti il tradi$ionale insegnamento della Chiesa cattolica% riassunto dallo stesso Rat$inger nella sua enciclica 1eus caritas est: 223. .l mar4ismo a#e#a indicato nella ri#olu$ione mondiale e nella sua prepara$ione la panacea per la problematica sociale: attra#erso la ri#olu$ione e la conseguente colletti#i$$a$ione dei me$$i di produ$ione 5 si asseri#a in tale dottrina 5 do#e#a impro##isamente andare tutto in modo di#erso e migliore. 6uesto sogno ' s#anito. &ella situa$ione di!!icile nella 7uale oggi ci tro#iamo anche a causa della globali$$a$ione dell8economia% la dottrina sociale della Chiesa ' di#entata un8indica$ione !ondamentale% che propone orientamenti #alidi ben al di l dei con!ini di essa: 7uesti orientamenti 5 di !ronte al progredire dello s#iluppo 5 de#ono essere a!!rontati nel dialogo con tutti coloro che si preoccupano seriamente dell8uomo e del suo mondo2 . 229. :er de!inire pi; accuratamente la rela$ione tra il necessario impegno per la giusti$ia e il ser#i$io della carit % occorre prendere nota di due !ondamentali situa$ioni di !atto: a< .l giusto ordine della societ e dello ,tato ' compito centrale della politica. +no ,tato che non !osse retto secondo giusti$ia si ridurrebbe ad una grande banda di ladri% come disse una #olta -gostino: = Remota ita7ue iustitia 7uid sunt regna nisi magna latrocinia> ? @19A. -lla struttura !ondamentale del cristianesimo appartiene la distin$ione tra ciB che ' di Cesare e ciB che ' di 1io Cc!r *t 22% 21<% cio' la distin$ione tra ,tato e Chiesa o% come dice il Concilio )aticano ..% l8autonomia delle realt temporali @1DA. Lo ,tato non puB imporre la religione% ma de#e garantire la sua libert e la pace tra gli aderenti alle di#erse religioniE la Chiesa come espressione sociale della !ede cristiana% da parte sua% ha la sua indipenden$a e #i#e sulla base della !ede la sua !orma comunitaria% che lo ,tato de#e rispettare. Le due s!ere sono distinte% ma sempre in rela$ione reciproca. La giusti$ia ' lo scopo e 7uindi anche la misura intrinseca di ogni politica. La politica ' pi; che una semplice tecnica per la de!ini$ione dei pubblici ordinamenti: la sua origine e il suo scopo si tro#ano appunto nella giusti$ia% e 7uesta ' di natura etica. CosF lo ,tato si tro#a di !atto ine#itabilmente di !ronte all8interrogati#o: come reali$$are la giusti$ia 7ui ed

ora> *a 7uesta domanda presuppone l8altra pi; radicale: che cosa ' la giusti$ia> 6uesto ' un problema che riguarda la ragione praticaE ma per poter operare rettamente% la ragione de#e sempre di nuo#o essere puri!icata% perchG il suo accecamento etico% deri#ante dal pre#alere dell8interesse e del potere che l8abbagliano% ' un pericolo mai totalmente eliminabile. .n 7uesto punto politica e !ede si toccano. ,en$8altro% la !ede ha la sua speci!ica natura di incontro con il 1io #i#ente 5 un incontro che ci apre nuo#i ori$$onti molto al di l dell8ambito proprio della ragione. *a al contempo essa ' una !or$a puri!icatrice per la ragione stessa. :artendo dalla prospetti#a di 1io% la libera dai suoi accecamenti e perciB l8aiuta ad essere meglio se stessa. La !ede permette alla ragione di s#olgere in modo migliore il suo compito e di #edere meglio ciB che le ' proprio. H 7ui che si colloca la dottrina sociale cattolica: essa non #uole con!erire alla Chiesa un potere sullo ,tato. &eppure #uole imporre a coloro che non condi#idono la !ede prospetti#e e modi di comportamento che appartengono a 7uesta. )uole semplicemente contribuire alla puri!ica$ione della ragione e recare il proprio aiuto per !ar sF che ciB che ' giusto possa% 7ui ed ora% essere riconosciuto e poi anche reali$$ato. La dottrina sociale della Chiesa argomenta a partire dalla ragione e dal diritto naturale% cio' a partire da ciB che ' con!orme alla natura di ogni essere umano. I sa che non ' compito della Chiesa !ar essa stessa #alere politicamente 7uesta dottrina: essa #uole ser#ire la !orma$ione della coscien$a nella politica e contribuire a!!inchG cresca la perce$ione delle #ere esigen$e della giusti$ia e% insieme% la disponibilit ad agire in base ad esse% anche 7uando ciB contrastasse con situa$ioni di interesse personale. 6uesto signi!ica che la costru$ione di un giusto ordinamento sociale e statale% mediante il 7uale a ciascuno #enga dato ciB che gli spetta% ' un compito !ondamentale che ogni genera$ione de#e nuo#amente a!!rontare. Jrattandosi di un compito politico% 7uesto non puB essere incarico immediato della Chiesa. *a siccome ' allo stesso tempo un compito umano primario% la Chiesa ha il do#ere di o!!rire attra#erso la puri!ica$ione della ragione e attra#erso la !orma$ione etica il suo contributo speci!ico% a!!inchG le esigen$e della giusti$ia di#entino comprensibili e politicamente reali$$abili. La Chiesa non puB e non de#e prendere nelle sue mani la battaglia politica per reali$$are la societ pi; giusta possibile. &on puB e non de#e mettersi al posto dello ,tato. *a non puB e non de#e neanche restare ai margini nella lotta per la giusti$ia. 1e#e inserirsi in essa per la #ia dell8argomenta$ione ra$ionale e de#e ris#egliare le !or$e spirituali% sen$a le 7uali la giusti$ia% che sempre richiede anche rinunce% non puB a!!ermarsi e prosperare. La societ giusta non puB essere opera della Chiesa% ma de#e essere reali$$ata dalla politica. Jutta#ia l8adoperarsi per la giusti$ia la#orando per l8apertura dell8intelligen$a e della #olont alle esigen$e del bene la interessa pro!ondamente. b< L8amore 5 caritas 5 sar sempre necessario% anche nella societ pi; giusta. &on c8' nessun ordinamento statale giusto che possa rendere super!luo il ser#i$io dell8amore. Chi #uole sbara$$arsi dell8amore si dispone a sbara$$arsi dell8uomo in 7uanto uomo. Ci sar sempre so!!eren$a che necessita di consola$ione e di aiuto. ,empre ci sar

solitudine. ,empre ci saranno anche situa$ioni di necessit materiale nelle 7uali ' indispensabile un aiuto nella linea di un concreto amore per il prossimo @20A. Lo ,tato che #uole pro##edere a tutto% che assorbe tutto in sG% di#enta in de!initi#a un8istan$a burocratica che non puB assicurare l8essen$iale di cui l8uomo so!!erente 5 ogni uomo 5 ha bisogno: l8amore#ole dedi$ione personale. &on uno ,tato che regoli e domini tutto ' ciB che ci occorre% ma in#ece uno ,tato che generosamente riconosca e sostenga% nella linea del principio di sussidiariet % le ini$iati#e che sorgono dalle di#erse !or$e sociali e uniscono spontaneit e #icinan$a agli uomini bisognosi di aiuto. La Chiesa ' una di 7ueste !or$e #i#e: in essa pulsa la dinamica dell8amore suscitato dallo ,pirito di Cristo. 6uesto amore non o!!re agli uomini solamente un aiuto materiale% ma anche ristoro e cura dell8anima% un aiuto spesso pi; necessario del sostegno materiale. L8a!!erma$ione secondo la 7uale le strutture giuste renderebbero super!lue le opere di carit di !atto nasconde una conce$ione materialistica dell8uomo: il pregiudi$io secondo cui l8uomo #i#rebbe = di solo pane ? C*t 4% 4E c!r 1t 9% K< 5 con#in$ione che umilia l8uomo e disconosce proprio ciB che ' pi; speci!icamente umano2. http://LLL.#atican.#a/holMN!ather/benedictN4#i/encMclicals/documents/h!Nben4#iNencN200O122ONdeus-caritas-estNit.html &on a caso le societ pi; aperte e libere% anche sotto il pro!ilo economico% sono cresciute nell8 Iuropa cristiana e gra$ie alla sua in!luen$a. +na societ e una economia libere sono in!atti sostenibili solo se la responsabilit indi#iduale raggiunge un li#ello adeguato% soltanto 7uando i costumi e le istitu$ioni liberi si accompagnano all8 etica della responsabilit . (gni nuo#a genera$ione ha bisogno dell8 educa$ione alla responsabilit che il cristianesimo tradi$ionalmente o!!re. Chi negli ,tati +niti si richiama alle tradi$ioni di libert non puB non #edere nel magistero dei ponte!ici% "rancesco compreso% un solido baluardo della libert e della dignit umane. CosF ,arah :alin su "acebook il 14 no#embre 201K: https://LLL.!acebook.com/photo.php> !bidP101O20141DD309O99QsetPa.101O032K29KR4KO99.424R40.2431933KO93QtMpeP1

2Sust to clari!M mM comment to Sake Japper about :ope "rancis% it Las not mM intention to be critical o! :ope "rancis. . Las reminding #ieLers that Le need to do our oLn homeLork on neLs subTects% and . hadn8t done mine Met on the :ope8s recent comments as reported bM the media. UnoLing !ull Lell hoL o!ten the media mischaracteri$es a personVs comments CespeciallM a religious leaderVs<% . donVt trust them to get it right Lhen it comes to reporting on the )atican. . do% hoLe#er% trust mM manM Catholic !riends and !amilM% including some e4cellent Catholic Lriters% Lho ha#e since assured me that :ope "rancis is as sincere and !aith!ul a shepherd o! his church as his tLo predecessors Lhom . admired. . apologi$e !or not being clearer in mM response% thus opening the door to critical media that does Lhat it does best in ginning up contro#ersM2.

Resta il pericolo che siano segmenti della stessa cattolicit a !raintendere il magistero cattolico ed il messaggio e#angelico% riducendo il cristianesimo a ideologia e pri#andolo della sua !or$a uni#ersale% della sua capacit di puri!icare le coscien$e e di reali$$are cosF la necessaria premessa di una societ migliore. ,arebbero i po#eri le le prime #ittime di un si!!atto nuo#o integralismo cattolico.