Sei sulla pagina 1di 1

18

Cronaca di Udine

MESSAGGERO VENETO MERCOLED 16 APRILE 2014

in breve
a palazzo florio

Si presenta il libro di DAlessandro


II Domani, alle 17, nella sala Florio di palazzo Florio a Udine (via Palladio 8) si terr la presentazione del libro di poesie Il 34 (KappaVu Edizioni) di Sandra DAlessandro, insegnante scomparsa nel 2004. Lappuntamento organizzato lassociazione Donne, arte, ricerca, sperimentazione e il Comitato unico di garanzia dellUniversit di Udine con il patrocinio della Commissione pari opportunit del Comune.
la presentazione

Tornano i corsi di corsa


Lammodernamento del nodo ferroviario di Udine si far: il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi ha confermato lo stanziamento di 50 milioni di euro

Il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi ha confermato lo stanziamento dei 50 milioni di euro, gi inseriti nella legge di stabilit per lanno in corso, destinati alle opere di ammodernamento del nodo ferroviario di Udine e, quindi, finalizzati al porre finalmente la parola fine al transito dei vagoni merci nel cuore della citt. Il titolare del dicastero ai trasporti, infatti, ha risposto in forma scritta allinterrogazione presentata dallonorevole Gian Luigi Gigli alla commissione specifica di Montecitorio in cui il parlamentare friulano aveva chiesto notizie precise sulle intenzioni in materia del Governo e sulle risorse erogate a favore della comunit udinese. I 50 milioni di euro sono, da sempre, la cifra ritenuta necessaria per il raddoppio della tratta Udine centrale-Parco-bivio Cividale-PM Vat con la realizzazione di due linee indipendenti a doppio binario in direzione di Tarvisio da una parte e Trieste dallaltra. Lavori, questi, che potranno portare in un prossimo futuro allo spostamento del traffico merci cittadino dallattuale tratto urbano Udine-PM Vat a quello compreso nella circonvallazione esterna.

Nodo ferroviario in citt Da Roma lok ai contributi


Il ministro Lupi conferma i 50 milioni di euro gi inseriti nella legge di stabilit La risposta in seguito allinterrogazione presentata dallonorevole Gigli
Nel corso di questa fase, come comunicato dal ministro delle Infrastrutture, verr anche realizzato il nuovo apparato tecnologico per il comando e il controllo delle stazioni e, contemporaneamente, saranno varati i nuovi piani regolatori con lobiettivo di incrementare la capacit del servizio e codificare la separazione del traffico merci da quello passeggeri. Per linizio dei lavori, per, bisogner attendere il perfezionamento del nuovo contratto di programma tra Ministero e Rete ferroviaria italiana (Rfi) relativo al periodo compreso tra il 2014 e il 2017 con il gestore dellinfrastruttura binaria nazionale che ha gi annunciato lintenzione di inserire il nodo di Udine allinterno di quel pacchetto di lavori che possono diventare oggetto di finanziamenti europei. Lo scopo ottenere una parte dei fondi compresi nel programma Cef (Connecting Europe Facility 2014-2020) della Ue i cui bandi saranno pubblicati da Bruxelles nel corso del secondo semestre dellanno e a cui lItalia, al pari degli altri Stati membri, ha gi preannunciato lintenzione di parteciparvi. La soddisfazione per la risposta fornita dal ministro ha detto Gigli grande perch, finalmente, abbiamo ottenuto come udinesi la conferma da parte dellesecutivo dellimpegno preso per garantire una soluzione definitiva ai disagi della popolazione cittadina residente accanto allattuale linea ferroviaria e per collegare pi velocemente la nostra Regione con il resto dEuropa. E se Lupi ha annunciato come sia in fase di costituzione un negoziato bilaterale con lAustria finalizzato al riconoscimento della tratta Palmanova-Udine quale sezione transfrontaliera del futuro corridoio Baltico-Adriatico che comporterebbe un aumento della percentuale di sostegno comunitario sino al 40% dei costi di realizzazione , ha anche confermato come i lavori della prima fase, avviata a met febbraio, sul nodo di Udine termineranno entro il prossimo giugno. Nel concreto si tratta degli interventi, finanziati con i 10 milioni di euro contenuti allinterno del decreto del Fare varato dal precedente Governo Letta, che prevedono linserimento di due nuovi scambi a 60 km/h tra la linea Udine-Gorizia e il raccordo Udine-Bivio Cividale per consentire lutilizzo della tratta interrata (come chiedono i comitati cittadini) oltre alla realizzazione di un binario ex novo tra PM Vat e Bivio Cividale. Mattia Pertoldi
RIPRODUZIONE RISERVATA

II Anche questanno si rinnova lappuntamento con i corsi di corsa organizzati dallAssociazione maratonina udinese. Liniziativa, dedicata a neofiti, intermedi e avanzati, giunta alla 14 edizione. La presentazione ufficiale si terr sabato alle 17, presso il punto vendita Arteni Intersport, in via Nazionale a Tavagnacco. I Corsi di corsa partiranno marted 6 maggio al Parco del Cormr e si concluderanno a fine settembre.
a palazzo morpurgo

Una mostra dedicata alla Rosa bianca


II Erano un gruppo di studenti che si opposero, in maniera non violenta, al regime della Germania nazista. Per la loro azione vennero arrestati, processati e condannati a morte. A loro, i ragazzi de La Rosa bianca, dedicata la mostra in programma nelle Gallerie del Progetto di palazzo Morpurgo, che sar inaugurata oggi alle 18 ed visitabile fino al 4 maggio da venerd a domenica dalle 15 alle 18 (luned 21 aprile dalle 15 alle 18, venerd 25 aprile dalle 10.30 alle 18, gioved 1 maggio dalle 15 alle 18). Ingresso libero.

LEGGI ECOMMENTA SULSITO www.messaggeroveneto.it

www.portas-rinnovo.it falegnameriacasarsa@gmail.com
Rinnovo porte Rinnovo scale Serramenti in PVC Porte blindate Sistemi oscuranti Capottine Armadi su misura Ante scorrevoli Zanzariere Pavimenti preniti Copritermo Tapparelle

Per info: Dal marted al venerd dalle 9.00 alle 11.30 e gioved anche nel pomeriggio dalle 16.00 alle 18.00

Riapre il Londoners in via Cavour


Il locale, al primo piano, era sotto sequestro. Vietate feste senza autorizzazione
Niente pi sigilli al primo piano del Londoners che, gi da questa sera, sar riaperto al pubblico. Una buona notizia per i frequentatori delle serate udinesi, ma soprattutto per i gestori e il titolare del locale Luca Nodari che, dopo alcune settimane, potr riprendere la regolare attivit anche al piano superiore del noto locale di via Cavour, che occupa l'edificio della vecchia sede dell'ottica Giacobbi. Il provvedimento per il dissequestro stato rilasciato ieri alle 16 e con il vincolo di rispettare alcune precise condizioni: il locale dovr essere gestito secondo le modalit e gli utilizzi previsti per il quale stato autorizzato. Quindi, esclusivamente per la somministrazione di cibo, bevande e il mero ascolto della musica. Inoltre, dovr dotarsi, sempre al piano superiore, di un nuovo arredamento, con divani e poltroncine per riempire la sala. La vicenda era iniziata lo scorso 29 marzo, quando gli agenti per valutare le caratteristiche statiche delledificio, la presenza di adeguate vie di fuga e la valutazione di impatto acustico. Finalmente potremo riprendere la nostra attivit dopo due settimane di pausa forzata - ha affermato il titolare del locale udinese, Luca Nodari . Ringrazio tutti gli operatori coinvolti nella vicenda che mi hanno aiutato a risolvere rapidamente i problemi, non facendomi chiudere e permettendomi di riprendere con celerit l'attivit dell' esercizio al piano superiore. Commenti positivi anche da parte di Giovanni Stellato, difensore di fiducia del titolare e della societ Kolu Concepts Srl che gestisce il Londoners: Posto che la propriet ha accolto favorevolmente il provvedimento ha dichiarato il legale e in attesa di eventuali sviluppi dell'indagine della procura, sono soddisfatto per i risultati conseguiti. Giulia Zanello
RIPRODUZIONE RISERVATA

Rinnovo scale sistema Portas

Rinnovo porte sistema Portas

VENITE A VISITARE LA NOSTRA ESPOSIZIONE DETRAZIONE FISCALE DEL 65%


Pasian di Prato (Udine) Via Colloredo 103/3 - Tel. 0432 69594

I vigili di fronte al Londoners in via Cavour il giorno della chiusura

del Nucleo di polizia amministrativa della Questura di Udine avevano messo i sigilli al piano superiore del locale, per il quale si ipotizzava la mancanza delle autorizzazioni necessarie. A determinare il sequestro, una denuncia presentata da alcuni residenti infastiditi dalla musica fi-

no a tarda ora e una licenza per la sola somministrazione di alimenti e bevande, mentre gli organizzatori sarebbero stati rei di organizzare feste e serate danzanti senza le necessarie autorizzazioni per la specifica attivit, che invece prevede lesame da parte di una commissione