Sei sulla pagina 1di 20

A,.-?

4-

quanti piatti di riso potremmo offrire ai nostri poveri rinunciando a una splendida accamciatura. a un pacchetto di sigarette, a un caff al giorno a qualcosa del molto superiiuo che c' nel nostro abbigliamento, nelle nostre mense, nei nostri divertimenti? ... Pensaci qualche volta!

...

..

IL NOSTRO PRESEPE - PRESEPI CARATTERISTICI ,


Abbiamo iniziato l'esposizione di alcuni presepi chc un gruppo di nostri aniici e bcnefattori ci hanno i-cga~ lato in occasione delle feste natalizie. Menlre ringraziamo tutti quelli che hanno accolto il nostro appello siamo lieti di pubblicare due foto illustranti i presepi che ci sono finora pervenuti. a) casa colonica tipica di un presepe napoletano oC~ ferta dal nostro grande amico e benefattore D. Margiore Claudio da Napoli; b) Presepc in vetro offerto dal signor Jevoli Aritoriio da Marcianise; c) Presepe tipico viscianese offerto da La Manna sa^ bato; d) Prescpe di carta offerto dal signor Viiolo Vincenr o d a S. Giuseppe Vesuviano. Quest'anno abbiamo potuto offrire ai nostri devoti e benefattori la sorpresa di un presepe rinnovato c ristrutturato con scene nuove, paesaggi ed effetti di luce attraenti e fantastici. Il nostro religioso, Fr. Bruno Passuello, esperto ed appassionato, si impegnato attivamente per offrire per il Santo Natalc la possibilit di rivivei-e il mistero della nativit e malgrado la brevit di tempo a sua disposizione riuscito magnificamente nello scopo. Tutti i visitatori sono stati attirati d a molte novit ed altre ancora sono in programma sperando di potcrlt: realizzare al pi presto possibile. Il presepe benedetto il giorno di Natale p e r m a nente, ed offi-e a tutti i pellegrini la possibilit d i poterlo visitare in occasione d e i pellegrinaggi organizzati d u r a n t e tutto l'arco dell'anno. Un plauso particolare alla Ditta Paolino Paolo da Moschiano per la sua generosa collaborarione nell'offerta dei motorini necessari per- l'effetto della neve.

SULLE ORME DI S. FRANCESCO SAVERIC


ANIME INFIAMMATE DALL'AMORE DI DIO

L vogliamo portare
il Vangelo di Cristo nella lontana India
Carissi mi Amic attori,
"FATE TUTTO N E L N O M E D I3 L SBG
1 : t i. Fra.,,.,, .U,,, ,,,.lo che fate in parnle 2 del tutto si C:ompia I ed o di esu, ren' Si dendo p -. r.iii grazie a Dio radre. (C

~rtenza scri\,o n I,:r le iiostrc Mlssi .4 :la circa iniziato il n110 civil Siaino gia in pienc Guardiamo all'av\:eriir-c con fid~icia abbandono nelle inani della divina Prou\:idcnza clic ci guida e ci prote; olginieni ai profori A .abili. 'iiio a ier d 3 di Dio Tutti ci siamo resi conto d~ c hc regge l'universo c io conducc v i suoi alti!;sinli fini it~alc. h cne spii-, Du\~~.cinino sancr icogcre i segiii uci i c i i i l ~ i ..fede. con l'occk inoiido I:he Dio Niente ac , non vogli,, u ~ L L ~ + , cene conito ed apprendcri Dobbiam( 1erscrut2ibili disegni di Dio ad adorai . -. L'uomo si agita, ma e UIU che lo conduce. voglia. Si voglia 3pianio s Pui-troppi ~~. . il dito di vici ncgii c\,erili ciic i ci,iiipiuiici sotto i iiostriucch sua glor Siamo creati da D ri della sua lode e dobbiainu esser, della su a gloria.
.LLL'L.
~ L :

simo ser .. ,cgnamcnto di 3. k'aoio, q be ne poti-einmo tar e per la nostra 31 ere! q'-ianta pai c potrei1 etterc Di I1 n u l r sta nel rolei , laiia nostra vita, aai nosrri progerri. Vorremmo costruire la nostra vita, 1 nostro piccolo mondo senza Dio. Le catastrofi socio-politiche alle quali abbiamo > oanno i assistito ni di amm: essere per " 1 alfcrmava con cntasi S . Agostiiio: ~ignore ti1 ci hai c reati ... i Te, l il nostrii Cuore t infelice di fuori di Te". . . . k sull'orologio dei ~ a m a i a o ldi i Visciano Icggianio questa iscrizione: "Scnza del sole nulla sono io, io nulla : se

C)

Se tenessinio senipre presente questo animoniinento il m o n d o canibiercbbe pcrchC tutti noi s a r e m o cairibiati. Occori-e mettere Dio a fondamento dclla nostra vita, della nostra esisteiiza. D'altro~ide c h e cosa ci sforziariio di rcalirzarc con la nostra opera missionar-ia? Proprio questo. Non possiamo aiutare in m o d o efficace i nostri fratelli pi poveri e d emarginati se 11on portiamo loro il Messaggio evangelico, sostaiiziato dall'aniore di Cristo. I nostri padri e l e n o s t r e suore missionarie in Colombia, Guatemala e Salvadoi-. p u r in inczzo a tanti pericoli e difficolt d i ogni genere si sforzano d i portare questo Messaggio d i aniore. Aiutiamoli non solo con piccoli sacrifici, gcncrosc ofl'erte, m a soprattutto con le nostre contiiiue e fei.vorose prcgliicrc.
VA NUOVA S T E L L A , DIVIN BAMBINEL EL S U O P R E S E P E L'Opera S . Francesco Saverio in India meridionale

Nello scorso mesc di noveinbre, quasi alla vigilia dell'Avvento un primo g r u p p o d i 4 nostre giovani Suoi-c s o n o a n d a t e nel Kerala per la fondazione

dcll'Istituto S. Francesco Savcrio, il gi-andc missio~iario c h e evangcliir l'India nel 1541. Nclla iiosti-a Comunit d i S u o r e abbiaino nove suore indiane. E il pi-iiiio seme c h e va a portare lontano in quelle terre taiito promettenti il Mcssaggio della car-it e della fiaternit. Allido alla vostra conipi.ensionc e gcnci-osit questo piccolo di-appello di animc clic, infiarn~iiatc dall'amore di Cristo sono andate a spargere nei cuori di tanti fratellini pi bisognosi raggi di niatcrna bont. E una nuova Stella che si accesa sulla Grotta d i Betleinmc per annunciare a tanti Fratellini lontaiii la nascita del Divi11 Salvatore. Uniti nella preghiera c nella collaborazione seguiaino lo sforzo della nostra Opcra iriiplorando d a Gcsu Bambino saiite vocazioiii sacei.dotali e religiose maschili e tcmiriiiiili. questo l'aiuto pi urgente che attelidiaino per intcrccssioric dclla Vergine Consolatrice del Carpincllo d a tutti voi, cari Amici e Benefattori. Gesu Bambino vi protegga e vi benedica in questo nuovo Anno c h e desideriamo per tiitti voi apportatore di pace e di serenit.
Padre Arturo

-.

~.

-.

Il nostro filiale commiato a S. E. Mons. Giuseppe C-stanzo


Il giorno 26 dicembre u.s., tutta la famig della Piccola Opera della Redenzione. Missiona suore. ragazzi della comunit parrocchiale. si riunita nel Santuario Basilica della Vergine Consolatrice del Carpinello per salutare S. Ecc. Mons. Giuseppe Costanro, vescovo della Nostra Diocesi per sette anni e promosso dal Santo Padre: Arcivescovo Metropolita di Siracusa. Alle ore 17,30 iniziata la celebrazione Eucaristica, alla quale erano presenti tutti i sacerdoti Missionari della Divina Redenzione insieme al Padre Fondatore con una rappresentanza anche dei nostri missionari che lavorano nella terra Colombiana: Padre Rocco Santorsola e Padre Annibale. Prima della Celebrazione Eucaristica, P. Arturo a nome di tutta la famiglia della Piccola Opera, ha rivolto un commovente e toccante saluto a Sua Eccellenza Mons. Giuseppe Costanzo, le cui parole risuonavano cos: "Eccellenza, come pu vedere, sono commosso ed emozionato. Abbiamo voluto che lei fosse in mezzo a noi per questa S. Messa di commiato, un commiato che ha anche le sue note dolorose. perch ~ederla partire, per noi tutti indubbiamente, un jrande dispiacere e parliamo con tutta quella sincerit e quella lealt che lei ha potuto notare n questi sette anni. Le siamo stati vicini come figli intorno al padre, noi missionari della Divina Redenzione, le nostre suore, che le hanno prestato un servizio filiale e devoto. ECCOperch non poteva partire, anzi non l'avremmo lasciato partire se non fosse venuto ancora una volta in mezzo a noi. La ringraziamo per questo gesto di paterna bont che ha voluto ripetere ancora una volta. M a partire, si dice, un poco come morire, ecco perch io non voglio scavare nel suo cuore, che in questi giorni sta subendo molte

emozioni. Per dobbiamo ringraziarla per il bene che ci ha fatto, per il bene che ci ha voluto soprattutto". La celebrazione eucaristica proseguita nella sua sobriet allietata dai canti eseguiti dalla Schola Cantorum della giovent Mariana. Ancora un momento forte della stessa celebrazione si avuto all'omelia, quando Sua Eccellenza Mons. Giuseppe Costanzo, ci ha arricchiti con la sua parola stimolante e saggia, penetrante e competente. Del cui testo ne riportiamo soltanto

alcuni tratti pi toccanti e commoventi: "Carissimi fratelli e sorelle, io non vorrei indugiare in discorsi di commiato, perch conoscendomi diffido della mia capacit di restare su quel registro. Sento per il dovere di dire con chiarezza e con grande sobriet, quanto viva la mia riconoscenza nei confronti di P. Arturo D'Onofrio e di Madre Anna Vitiello e per loro ed in loro, quanto mi sento legato e grato ai sacerdoti Missionari della Divina Redenzione, dei quali un bel gruppetto ha ricevuto l'imposizione delle mie mani per essere sacerdoti, e quanto sono profondamente legato alle suore; le Piccole Apostole della Redenzione che tra l'altro irI questi 5iette anni per la grande comprensione e genero sit di P. Arturo e di Madre Anna Vitic!Ilo, mi h;mno prestato in Episcopio un servizio prezioso ed impagabile. M i hanno consentito di dedicarmi al servizio episcopale della diocesi senza alcuna preoccupazione. Proprio perch erano loro ad accuidirmi con grande pazienza, diligenza e generosit. Non fini, mi" ,,,,, r mai di esprimere alla Congregazion,,, P ,I2 profonda, imperitura riconoscenza". Il Vescovo poi ha proseguito l'omelia focalizzando e legando il ringraziamento con la celebrazione della festa liturgica, cio la festa di S. Stefano protomartire. ed ha detto: "il modo migliore con cui il Vescovo pu esprimere il suo affetto e la sua cura pastorale, la sua gratitudine alla Congregazione quella di lasciare qualche consegna di ordine spirituale e pastorale legata alla testimonia.nza esemplare e stimolante di questo primo grande martire: Stefano. Dalla liturgia della parola che abbiamo ascoltato emergono quattro cardini fondamentali, un

'quinto nello sfondo e cercheremo di evidenziario. I quattro cardini fondamentali sono questi: 1. la contemplazione di Cristo; 2. l'abbandono fiducioso in Dio; 3. la fede nello Spirito Santo; 4. il valore della sofferenza. il quinto cardine che fa da sfondo a tutto la presenza materna di Maria. Il Vescovo ha poi concluso I'omelia cos: "Fratelli e sorelle, mi spiace a questo punto accomiatarmi da voi cos, con questi sentimenti, con questi grandi cardini della vita spirituale. Per un Vescovo certamente doloroso allontanarsi dopo sette anni di lavoro in cui i legami di amicizia Ehe si sono costruiti, non sono n pochi n superficiali, certamente doloroso per un VeSCOVO allontanarsi, ma quello che conta nella Chiesa il servizio e tra i servizi del Vescovo che sono fondamentali, irrinunciabili, come ci insegna il libro degli Atti degli Apostoli, il servizio della preghiera e il servizio della Parola. Con l'omelia vi sto dando I'ultimo servizio della parola, con I'Eucarestia vi do' l'ultimo servizio nella preghiera. Il Signore ci benedica. Al termine della celebrazione Eucaristica si sono succeduti i saluti delle varie componenti parrocchiali: dapprima una bambina che nella sua semplicit ha richiamato la figura del Vescovo per la comunit parrocchiale di Visciano, seguita da una rappresentante della giovent mariana che presentava una pergamena di ringraziamento, concludeva un membro del consiglio pastorale parrocchiale, augurandogli un buon lavoro per il nuovo servizio pastorale e ringraziandolo per la visita pastorale, che ha segnato una ripresa vitale per tutta la comunit parrocchiale di -Visciano. P. Biagio

~-

~y

.-

una nuova "stella" nel cammino dell'opera in onore della Madonna

I turisti o visitatori di Bomba? passando dall'aeroporto internazionale a quello nazionale per le linee aeree interne sono colpiti da uno spettacolo che agghiaccia l'animo. Lungo i margini delle strade ampie e maltenutc si nota da una parte e dall'altra una luuga Perch le Piccole A ~ o s t o l e Kottayan, Palay ed in altre parti fila di baracche o tuguri coperti della Redenzione sono andate tanto bisognose di assistenza e per lo pi da tela di ruvida stoffa e poi uomini, donne e bimbi di aiuto. a fondare una Casa in India? Visitando una citt di fanciulli sdraiati per terra. Uno spettacoquesta la che con circa quattrocento ospiti ab- lo impressionante. Una fila interti si fanno e che pur esige una ri- biamo potuto renderci conto minabile per chilometri e chilosposta' Da circa anni della loro estrema povert (fan- metri, fino all'interno della citt. nel'e file del'a Nostra Nel lato destro, poi, della citt ciulli normali, handicappati, uoreligiosa delle Piccole Aoostole. un gruppo di 9 suore professe. Approdarono da noi guidate da un sacerdote che aveva cono^ sciuto la nostra Opera e desiderava chc fosse estesa nella sua terra. Tutti conoscian~ole condizie ni di milioni di nostri fratelli indiani per costituzione e tradizio~ ne pi inclini alla contemplazione ed al senso religioso. Questo crea un clima pi adatto al sorgere e svilupparsi della vocazione religiosa. Purtroppo, a causa della densit di popolazione, mancanza di industrializzazione, e di altri fattori vi una fascia di povert che in alcune zone giunge alla miseria pi assoluta, soprattutto a Bomba? ed in altre grandi citt e villaggi rurali. Nella nostra visita abbiamo notato ad oriente del Kerala, a
8

L'Indi;a e U ~ L stibcontin, ente d i aiirre auv miiioni ai uomiiiti. popola:zione Fber stragirande m;iggioranza costituita da Ii11iisti, da seguaci ii Buddhla, da m Lissulmani e da altri Grupl,i . . ~,~~ I.. a cui uuecentomiia r a r s i., cne aaorano i auattro elementi deinatura: i terra, fuc)co, acqu a e aria. I catto lici purtiroppo sono appei 1?iu del 1, .. aeiia intera oonolazione. poco p i u di 12 miilioni. 40 la tra1lizione 1'India f u evangelizzata dall'apostolo so, e nel 1541 da 5. Francesco Saverio quando sbarc >ghesia 4Soa e si i noltr nel retroterra fino a raggiun:re Lochi
~ ~ !

mini ammalati con donne in reparti distinti, in preda alla pi grandle miseria).
t i l i slums

-.. .

di Bombay

.. .

'

vi sono ammucchiati in una distesa immensa tanti di quei poveri baraccati su un suolo fangoso e umido ... Sono i cosiddetti slums ossia quelli che in Colon~. bia formano i tuguri o in S. Paolo del Brasile las favelas... Si calcola che vi siano circa due milioni di questi poveretti che vivono alla giornata in una estreiria povert. Spesso vagano chiedendo l'elemosina in cerca di un aiuto, pur minimo, per poter continuare a vivere. una visione che fa stringere il cuore. "Le suore del sorriso" sono gli angeli che passano in mezzo a queste diecine e diecine di migliaia di fratelli costretti a trascorrere la loro vita grama nel totale abbandono, recando conforto, sollievo, e quell'aiuto indispensabile per portare avanti la loro misera esistenza aspettando invano un domani migliore. Queste miserande condizioni di vita portano con s, come conseguenze inevitabili, malattie infettice, lebbra, dissenterie, malaria

e tante allrc miserie clie stroiicano la vita di questa povera gente in giovanissima et. Abitudine, fatalismo, costume? Questa povera gente rassegnata ride, canta, prega, sembra che conduca una vita normale, eppure sa soffrire con dignit la pro-

pria triste condizione di vita. Difficile dirlo. Lo Stato che conta pi cattolici quello del Kerala perch ricevette ed ha conservato I'annuncio del Vangelo Fin dai primordi cristiani. In questo secondo viaggio ab-

biamo scelto la zona di Palai, nel sud, Terra molto calda prevaleri-

presa in affitto nei pressi della Universit S. Tommaso, di Palai. Abbiamo gi potuto scegliere una casetta con un terreno per la costruzione dell'Istituto dove verranno alloggiate le Suore con le aspiranti e postulanti, e, dove potranno anche essere accolti i bimbi della zona pi poveri e bisognosi di una scuola materna.. Cos sempre. L'inizio molto difficile. Si comincia con il poco e poi un po' alla volta la Opera cresce sotto il soffio dello Spirito Santo e con il fuoco dell'amore di Dio. La casa sar una fucina di anime religiose, dedite alla preghiera ed all'apostolato tra i pi poveri della zona. La ditta De Stefano si irnpegnata spontaneamente ad offrire questa prima culla dell'opera. La Carit vince tutti gli ostacoli, non conosce confini. L'importante fare il bene per amor di Dio e dei nostri fratelli.

uova

v i sono tre riti: quello romano, quello siriano-m41abarico e quello malankara, tutti cattolici.
Dove sono alloggiate le prime Suore?

Il primo gruppo di Suore, a compagnate da P. Arturo, dalla . & Madre Generale Suor Anna Vitiello e Madre Rosa Fontaniv' vicaria, verso la met di noven bre del 1989, composto da un suora Colombiana, Suor Rosra Zapata e tre suore Indiane. Accolte benevolmente dal Vescovo di Palai, dal Vicario Gc'nerale, dal Cancelliere e dal parr' . co di Mannakanada, abbian potuto fissare la prima reside r delle nostre Suore nei p r e s i ella parrocchia di S. sebastiano Vogliamo portare a migliaia di poveri: vecchi, donne e bambini un dono di amore il pane che li aiuta a sopravvivere, a non moiartire. Attualmente le prime suore rire di fame. Ino alloggiate in una casetta
1 1 1 . -

Un cercatore di perle ne compr una... preziosissima gli cost tutto quello che aveva. Ma la perla vaieva ogni rinuncia ed ogni sacrificio: solo essa infatti lo avrebbe fatto ricco, ricco veramente (cfr. M t 13, 451. La vocazione una storia i cui attori sono: Dio e ciascun uomo, Egli chiede corrispondenza, docilit, si serve di tante mediazioni per far raggiungere la Sua Voce e attraverso queste mi dice il progetto globale della mia vita. li Cristo si imbatte in varie situazioni di vita: Matteo, Natanaele, il giovane ricco, ecc. A tutti volge un invito senza legarsi a schemi. Dio ha mille modi diversi per avvicinarsi alle anime, chiede da noi di saper cogliere i suoi "segni". Egli si serve a volte delle circostanze pi impensate che da casuali diventano provvidenziali. Allora bene guardare con attenzione dentro la propria storia. Ogni uomo pagina di storia sacra, nel senso che Dio si inserisce nella sua vita, si cala nella sua realt storica e fa Sua la nostra storia; per questo diventa storia di Dio. Tutto questo viene ad essere il luogo deii'intervento di Dio e tutto quello che avviene fa parte del suo disegno provvidenziale, anche questo invito ai giovani e giovanissimi viene ad essere una semplice mediazione ad ascoltare la Voce di Dio, di Gesu che Passa, che Vede, che Parla. Solo Gesu pu guardare: il nostro impegno quelio di favorire le condizioni per un incontro personale e profondo con Lui, che Parla: la discesa della Parola avviene generalmente nel silenzio delle ore intime (cfr. Sap. 18, 14-16) nelle ore pi impensate cogiiendo il momento in cui l'io solo con se stesso, nelle situazioni di 'deserto' e come dicevo prima di "silenzio" degli uomini e delle cose, a somiglianza di Maria Santissima, l'uomo chiamato ad ascoltare la Parola di Dio (cfr. Lc. 1 , 20-33); ad accoglierla in un vitale e dinamico rapporto (cfr. Lc. 34-48], a rimanere nella Parola, immergendosi in prolungata meditazione, in affettuosa orazione, in silenziosa contemplazione (cfr. Lc. 2, 19-51) a mettere in pratica la Parola (cfr. Lc. 11, 28; Gv. 1, 22) e proclamarla nell'impegno missionario fra gli uomini, impegno che si esplica nella testimonianza e nell'annuncio della salvezza in Cristo. Per questo ti proponiamo diversi incontri di orientamento vocazionale che ti aiuteranno a conoscere te stesso e il progetto di Dio che ha su di te. P. Clemente Damiano

,jrcuntri di Orierr40r,r~,,,u Vocazionale per ado scenti ( 3 a Media) per gioi,ani (Scuol'e superiori

a M ARIGLIPLNO "IS1'ITUTO I!LNSELM . 0 4 ,',"..A Corso Umberru i , . ii. i 0 - Tel. O a i / a + i i u


. . L -

18 F E B;BARIO L 2 0 MA GGIO -

MARZO ;IUGNO

a a i i i i ai I Z 4 APRIL C. DOMICELLA - "CASA S. C UORE" rlPO SCUOLA d a l 15 al 2 0 LUGLIO TTOCCHIE (Ron


ragazzi di 5a E l e r n e ~ t * ? P~ f a e 2 a Media:

L 4 FEBIBRAIO IL 1' AP RILE KIGLIANU

.-

. . - - .- -. . . - ,,--~~lS'l'l'l'U' A IN US C L M .

MARZO AGGIO

l GIUGN DOMICELLA "CASA S. C1


!

vuoi ven,ire all'incc intro, s c r i(ici ~ o tele,fo-

'. Clement.e Damiano "Casa


iicella (Av

- Tei. 08 11825.35.C10-825.32. -

S:. Cuore"

>. Vincenz~ o Caretto "Istituto 1inselmi" :orso Umbe r t o I n. 70 Marigl iano (Nal l'el. 0811841.10.39

! nel C

'Annu

a Pral
--v

Motoi

ibilita; ola
7,.

Nella settimana prima del S. Natale le n l-..re. la psicologa e i'equipe medico-sanitaria con le insegnanti hanno organizzato una simpatica Festa tra i nostri cari ragazzi ammalati, assistiti e curati nel Centro Medico-Psicopedagogico di Prata P.U. Un simpatico recital, preparato con pazienza di mamma d a Suor Maria e dalla psicologa, ha destato meraviglie ed applausi d a tutti gli invitati che assistevano allo spettacolo. I fanciulli con i loro canti ed i loro dialoghi e poesie hanno entusiasmati tutti i presenti. La psicologa, il dott. Maddaloni, il Direttore e P. Arturo hanno rivolto ai presenti e a tutti i collaboratori del centro vivissimi auguri per il S. Natale.

c - ~ ~ - ,"..*:..:":l:. a i i r i i i g i i i r l di Natale i u r r c ic iairiigiii u s i iariciuiii curati con perizia e pazienza dai dottori dcll'equipe medico-psicopedagogico e dai nostri fisioterapisti ed assistenti hanno celebrato il Natale di Ges parte ci^ pando alla S. Messa con la S. Con~unione nella cappellina del Centro, celebrata da P. Arturo. Durante la S. Messa P. Artui-o ha rivolto a tutti i presenti parole di conforto e di augurio additando nel Bambinello divino il Salvatore venuto dal Cielo a portare la salvezza e la pace. Nel salone Beppe, vestito d a Babbo Natale, ha offei-to ai cari piccoli un pacchetto di dolcetti con altri regalini. I bimbi felici ed ammirati hanno fatto festa insieme ai genitoi-i.

Salerno, 5 novembre 1989 - Pai-rocchia Gruppo Figlie di Maria, pellegrinaggio guidato dal sac. D. Giovanni Lancellotti. Mugnano del Cardinale, 5 novembre 1989 - Parrocchia S. Filomena, pellegrinaggio guidato dalla signora Guerriero Teresa. S. Andrea del P., 5 novembre 1989 - Parrocchia S. Maria delle Grazie, pellegrinaggio guidato dal Sac. D. Antonio Funiciello. Vomero (Napoli), 12 novembre 1989 - Parrocchia S. Maria delle Catene, pellegrinaggio guidato dalla signora Murolo Anna. Paterno, 12 novembre 1989 Parrocchia S. Antonio Abate, pellegrinaggio guidato dalla signora Teresa. Marcianise, 13 novembre 1989 Parrocchia S. Angelo, pellegrinaggio guidato dalla signora Arsone Raffaella. Atripalda, 19 novembre 1989 Parrocchia M. S. Del Carmine, pele~ grinaggio guidato ?al Cappellano. Napoli, 22 novembre 1989 - Parrocchia Maria Immacolata, pellegrinaeeio euidato dal Diacono Nicola saL'toreTli. Torre del Greco, 23 novembre 1989 - Pellegrinaggio guidato dalla signora Esposito Anna. Napoli, 26 novembre 1989 - Parrocchia S. Attanasio, pellegrinaggio guidato dalla signora Esposito Maria. Maddaloni, 26 novembre 1989 Parrocchia S. Aniello, pellegrinaggio guidato dalla signora Di Francesco Concetta. Procida, 28 novembre 1989 Parrocchia S. Antonio Abate, pellegrinaggio guidato dal sacerdote P. Salvatore Romano. Acerra, 3 dicembre 1989 - Parrocchia S. Giuseppe, pellegrinaggio guidato dal parroco D. Vincenzo Marletta. Nola, 3 dicembre 1989 - Parrocchia del Collegio, pellegrinaggio guidato dal parroco D. Alfredo Scibelli.

Maddaloni, 8 dicembre 1989 "~rrocchiaMaria SS. di Piedigrotta, llegrinaggio guidato dalla signora desio Concetta. Maddaloni, 8 dicembre 1989 rrocchia S. Alfonso de' Liguori, llegrinaggio guidato dal parroco C.D. Luigi De Vico. r o r r e del Greco, 11 dicembre i789 - Parrocchia S. Maria del Carnine, pellegrinaggio guidato dal si:nor Ubaldini Vittorio. T o r r e del Greco, 11 dicembre '-89 - Parrocchia S. Croce, pellegriggio guidato dalla signora LevanMaria. %versa, 17 dicembre 1989 - Par:chia S. Maria a P,, pellegrinaggio idato dal parroco D. Michele MotVapoli, 17 dicembre 1989 - Par-occhia S. Rita, pellegrinaggio guilato dal parroco D. Giorgio. Napoli, 18 dicembre 1989 - Par-occhia S. Maria di Montevergine, 3ellegrinaggio guidato dalla signora inaria Rosaria Ferrara. Succivo, 19 dicembre 1989 Scuola Giuseppe Ungaretti, pellegriiaggio guidato dalla professoressa ;ampanile Maria Grazia. Marigliano, 21 dicembre 1989 Scuola Dante Alighieri, pellegrinaggio guidato dal professor Girardi Saverio: Napoli, 22 dicembre 1989 - Par rocchia Gruppo Maria Immacolata, Ilegrinaggio guidato dal diacono :ola Saniorelli.

Noia, 22 dicembre 1989 - Scuola Media Giordano Bruno, pellegrinaggio guidato dai professori Scuola Media. Salerno, 27 dicembre 1989 - Parrocchia del Crocifisso, pellegrinaggio guidato d a D. Giovanni Lancellotti. Napoli-Ponticelli, 28 dicembre 1989 - Parrocchia Maria SS. delle Grazie, pellegrinaggio guidato dal signor Ciro Cocozza. S. Giovanni a Teduccio, 29 dicembre 1989 - Parrocchia del Carmine, pellegrinaggio guidato dal P. Giuseppe Russo (Carmelitano). Capua, 2 gennaio 1990 - P a r r o c ~ chia Ognissanti, pellegrinaggio guidato d a Mons. Andrea Riccio. S. Valentino ,Tori0 - Parrocchia S. Giovanni Apostolo, pellegrinaggio guidato da hlons. Arsenio Salerno. Ercolano, 3 gennaio 1990 - Parrocchia S. Maria a Pugliano, pellegrinaggio guidato dal Sac. Ciro Maddaloni. Noia, 3 gennaio 1990 - Parrocchia S. Felice, pellegrinaggio guidato d a Mons. Scibelli Alfredo. Soccavo, 3 gennaio 1990 - Parrocchia Nostra Signora di Fatima, pellegrinaggio guidato dal parroco Don Dornenico Renzulli. Grottaferrata, 4 gennaio 1990 Parrocchia S. Cuore, pellegrinaggio guidato d a P. Cozzolino Antonio. Torre del Greco, 4 gennaio 1990 - Pellegrinaggio guidato dalle signore Volpe e Russo. Napoli, 4 gennaio 1990 - Familiari-operai Fiat, pellegrinaggio guidato dal parroco Antonio Gorgoiie.

3 VOSTWT L\l

;IONI iRI zn mezzo a n n i * SANTORSC -- _ e P. ANNIBALE RAMIREZ DUQUE

pinello in Visciano ed ha tenuto varie Giornate Missionarie in diversi Centri. 1 1 23 di gennaio ripartito per il suo ministero tanto delicato ed impegnato nella formazione integrale dei giovani affidati alle sue cure di formatore di nuovi missionari. Lo seguiamo con le nostre preghiere e l'augurio di poter portare a quei cari giovani l'assicurazione del nostro ricordo, perch siano docili all'adone della grazia e si lascino plasmare docilmente dai superiori per la loro missione cile in un prossimo futuro sono chiamati ad e s p l e ~ tare.

P . Rocco Santorsola , da b l a i c i ~ i ~ -. > , n . nise, virerrore aei Lenrro Vocazio_I nale Fondazione Sperandeo-Urrea 1 in Mcdellin, ha trascorso tra noi il P. Annibale Rarnirez Di~que, suo periodo di vacanze dopo tre Vice Direttore dell'Hogiir del Niiio anni di impegno apostolico tra un in Medellin e collaboratore di P. Nicentinaia di seminaristi. cola Ariano. Le sue sono state vacanze attive P. Annibale, ha goduto un perioed apostoliche. Durante questo pe- do di vacanza in Italia pcr merito di riodo di circa un mese e mezzo P. don Francesco Jovino, parroco di S. Rocco ha svolto il suo ministero sa- Erasmo in Saviano, il quale ha volucerdotale presso il nostro Santuario to sobbarcarsi a pagare il viaggio in della Vergine Consolatrice del Cnr- aereo a questo nostro confratello. Quando circa due anni ursono D. Francesco fu in visita al nostro Hogar del Nifio in Medellin pi-omise a P. Annibale di pagargli il biglietto di aereo per farlo assistere alla professione perpetua della sorella nella festa dell'Immacolata nel dicembre. P. Annibale, giovane colombiai~o, uno dei nostri primi sacerdoti missionari educato e formato nella Nostra Opera in Colombia. Dopo questo periodo di vacanze durante le quali ha avuto modo di visitari: tutte le nostre upere in I t a ~ lia, P. Annibale, ritornato il 16 gennaio al suo posto di lavoro tra i fratelli piu emarginati e poveri che sono stati salvati dalla strada. Lo accompagniafrio con i nostri aupuri fraterni e le nostre preghiere.

LA CASA DEGLI ANZIANI

Pubblichiamo il V elenco delle offerte Pervenute finora Marigliano - Can. Don Antonio prof. Esposito, in sufr. della sorella Esposito Palma Maria, lire 1.000.000. Casagiove - Coniugi Risso Giuseppe e Ved. Mcrula Amelia, lire 18.000.000. Scafati - Dott. Rosaria e Pictro Conte, lire 500.000. S. Giuseppe Vesnviano - Casilli Angelo, lire 2.000.000. Noia - Banca Popolare di Novara,

1
.I LAVORI CONTINUANO -basieranno aliri d u c miliardi e mezzo.

Napoli - Avv. Cricri Eugenio, lire 1.000.000. Nola - D'Amelia Antonio e FilipL'opera si sta realizzando unicaPer questa opera contiamo sol- po, lire 700.000. mente con le offerte degli amici e tanto sulla Divina Provvidenza da Scafati-Castellammare - Comitabenefattori, senza alcun contribu- cui ci attendiamo gli aiuti necesto Mariano, lire 5.000.000. to dello Stato o degli Enti locali. suri. Somma Vesuviana - Dott. Alfieri Tutti plaudono all'iniziativa, Tra qualche mese savanno ter- ma occorre anche un aiuto SO- Pasquale, lire 1.000.000. Torre del Greco - Meckenny Gia'nati i lavori della struttura por- stanzioso che ci pevmette di coizticomo (ex alunno), Lire 500.000. zte di cenzento avinato. nuare i lavori portandoli a ternziNola - Comm. Picchetti Maria, La ditta appaltunte corre i~elo- ne entro al massiino zin anno e lire 500.000. cemente, senza iizteruuzioi?e, anme7,zo. Avella - Maietta Lorenzo, lire che se l'ho avvertita di segnare il Contiamo nella bont dei nostri 500.000. rnnsso pevch non possiamo tener S. Giuseppe Ves.no - Ambrosio cari benefattori ed amici. ?tuo con lo stesso vitmo nei paDonato, lire 1.000.000. Si potr contvibuive scegliendo menti. Cicciano - Dott. Mario Russo, Ire Si suppone che la spesa com- una delle seguenti possibilit: 1.500.000. plessiva, solamente pev la S I T U I 'tu- - ,stanza a uin letto Visciano - Ercolino Salvatore, zr va di ceinento armato, ammont, lire 500.000 L. 2 10.000.000 complessivamente ad u n mili ar- p , Nola - Dott. Emilio notaio Ruocstanza a du e letti d o e mezzo. co, lire 1.000.000 Finora abbiamo potuto sod diRoma - Dott. Santaniello Vittorio, lire 300.000 sfare il debito p e r la met d tzlla - ,app. con i u e stanzi L. 3 5.000.000 Visciano (Parma) - Foglia Sebaspesa. Occorre poi pensare g.ra. * : stiano, lire 1.000.000 datamente a tutti i F i n i m e i ~ ~~ c u i i ~ i ueriefattore . iri5igric Saviano - Ing. Nino Pacchiano, (tramezzi divisori, pavimenti, inL. 10.000.000 lire 1.500.000 tonaci, impianti elettrici, idrauli- - Benefattore Socio Fondatore Visciano - La Manna Leonardo, ci, riscaldamento ecc. L. 5.000.000 lire 1.000.000 Tutti sappiamo che la spi Socio ordinario Tufino - Santorelli Corinna, lire Sella struttura incide sull'inti 250.000 L. 1.000.000 spesa p e r il 35%. mentre i cc Visciano - Vecchiarelli Gino, lire e stuizze si possono ancize tntep e r i finimenti ed a t t r e z z a t i . . stare ai propri def~iizti. incidono p e r oltre il 65%. Non fcon,in"aJ

IN COLOMBIA E lhl P ? U ~ T E ~ P A L A
S. Em:za il sig. Card. Corrado U rsi, arcivescovo enrerito di Napoli, ha offerto la somma di lire 10.000.000. Mons. Carmelo Cassati, Vescovri di San Severo, lire 100.000. Terracina - Maria Pia Chiunna, lire 100.000. LI D li . ~i~~~~~~ basi l or^, lire 100.000. Macerata Campania - Caritas Parrocchiale, tire 200.000. Capodrise - Delli Paoli Maria, lire 200.000. Pomigliano d'Arco - Gruppo Volontario Vincentiano. lire 100.000. S . Angelo di Piove . Maritan Enzr>.lire 50.000. Napoli - Vitobeilo Ruggiero, lire 100.000. Messina - P. Valeriano Fiasconaro, lire 200.000. Civitavecchia - Roca Domenico, lire 50.000. Vicenza - Dott. Milan Luigi, iire 310.000. Roccamonfina - Di Petrillo Ernesto, lire 100.000. Ischia - Barile Paliotta Franca, iire 50.000. Napoli . Damiarii Angela, lire 100.000. Brusciano - Guarino Felicetta, li,-P 25.000. Bagnoregio . Anna Tarchi, lire 100.000. Roma - Giovanna Piccolella, lire 60.000. Torre del Greco - Lucia Di Martino, lire 50.000. Roma - Paduano Alfonso, lir-e 900.000. Calvizzano Don Giacomo Di Maria, lire 200.000. Amorosi - Cacchillu Teresa (raccolte), lire 350.000. Avella - Signora Guercia Maria. lire 100.000. Somma Vesuviana - Famiglia D'Avino Titina, lire 200.000. Avellino - Famiglia Coiuccini ?icarelli, lirc 300.000.
~~ ~

B O R S E D I STlUDIO rR 1 PER I NOS7 SEMINARI5 POVERI


Hanno Offerto lire 2.5UU.UUU per borse di studio per i nostri s e minaristi poveri di Medellin e Bogot.
in Napoli - Car-uso Terc e~ sulf. dcll'anima dello sp reo Vitiello. Nola - Nello Miele. Nola - Giuseppina Minichini. S. Anastasia - X.N.. Nola - ,Maria Masiillo. Nola - Convegni Maria Cristina. S. Anastasia - Orahona F r a n c r sco. Roccamonfina - Qon Domeuicu ~~~d~ ha organizzato con i giovani una inaiiifesta~ionereligiosa ricrcativa a favore della nostra opera per l'istituzione di tre borse di studio pei- trc seminaristi poveri dei nostro Seminario Filosofico e Teologico S. Giuseppe di Frattocchit: (Roma). Pan-occhia Maria M ~ lire 100.000 mensili.

LETTINI PER LE NOSTRE MISSIONI


Cicciano - Cainpagnuolo Fianct sca in memoria di Vitalc Filomena, lire 200.000. Marcianise - Tartagliane angeli^ nri in memoria Paoloizi r\ngela. lire 200.000. Marcianise - Tartaglionc angeli^ na in mcrnoria Palumho Angeliiia.
iir-c 200.000. Barano d'lschia - Visconii Luigi in memoria Visconti Fahio, lil-e 200.000. Macerata - Caritas Parrocchia in s ~ i l lCastaldo . Gaetana, lire 200.000. Roma - De Arigclis Anna in ineiiioi-ia Monti Mario, lire 300.000. Torre del Greco - Del Prcle Giovanna in dono, lirc 250.000. po,,,i. suor ~~~i~ ciordano in ~ - r surf. Luisa Romano, lire 200.000. Nove Ligure - Avxr R. N. Canfora in memoria Buvastro Rosctta. iirc 20.000. Napoli - Sersalr Giulia in r n e m o ~ ria Luigi Sei-sale, lire 250.000. - Don Frirtunato P c ~ cristofaro ~ i ~ trillo in i,,cmorja sepi,e, lire 200.000. Napoli - Francesco De Cristofaro in memiiria Antonio Melriccio, ~ ~ ~ ~ lire ~ 200.000. Carnpolattaro - Paolclla Giovanni in memoria Giorgio Filomena, lirc 200.000. Nola - Signora Virginia Basiiicata Friglia in suff. di Carmclina Basilicalire 200.000. ra Foglia
tcantinual

7-

2. Gallo Giuseppc in memuria del figlio Min~rno. lire 100.000 niensili.


3. De Canditiis Nando in inemoria del figlio Roberto, lire 50.000 mensili. icanlinuai

IL COMUNE D I VISCIANO (NA) OFFRE: TREMILA PASTI NATALIZI AI FANCI A.SSISTITI DALLA PICCOLA OPERA I N --.--. I I A L I A . COLOMBIA. GUATEMALA, E L SALVI
SSQ 'lo <l1 or coiwlissario e del s~<bcoi??mi >ne comuriale del Niitaie del ,ministrazi< voler segi 1988 ci ha prtondari?el?re comrliossi. n e dei nostri 3.000 fai~cii,~/li ediicaii ed ussisriti I A no* stve opere in Ifaiia e nei Terzo Mondo vingv'iiiiimo i/ rigirmisrario lotrov Gaspure !Ma~ne!ii, In doli .suhcon~i,ri.s.savia ed i "inr nM,,," , bw...-,iule doit. Felice Enuicri Niinoiiianu iler uL,er. voluto nnzpiiure eu 7 0 Ui?Ol'e a t~iiti i nostri ragazzi .oiz squisita .sensibilii< i il lutti i Buiribirzo doni &l pr nosrri carissinqi Ainici e Benefai&s~r 6 .

. ,

iconi,nua1

S. Vincenzo Scafati - Cornitalci Fesca 1989 a mezzo D. Baldassarc Lombardi. lire 500.000. Raccolta della notte di Natale, lire 500.000. Palma Campania - Bonagura Mario, lii-e 500.000. Scafati - Parrocchia di S. Mai-ia delle Vergini, offerta raccolta dal parroco D. Eni-ico Tuccillo nella notte di Natale, lire 1.200.000. S. Giuseppe Vesuviano - Boccia Giuseppc. lire 1.000.000. Piazzolla - I piccoli Carla, Attilio e Ludovico offi-olio i loro piccoli r i ~ sparmi, lire 50.000. Tavernanova - Loneobardi or su^ la offre un completo per un lettino. lire 100.000. Visciano - Scuola Media Rossini, docenti e non docenti, lire 200.000. Tufino - La Scuola Media a mezzo del loro professore di Religione, D. Pasquale Falco, ha offerto i loro piccoli risparmi, lire 289.000, a c c o m ~ pagnandoli con una bella letterina che pubblichiamo a parte. S. Vitaliano - Manzi Angelo offre lii-e 100.000. S. Anastasia - L'Istituto di C o m ~ mercio per iniziativa del professore di Religione, prof. Starita Mario, ha organizzato u n incontro con P. Artiiro nei locali della scuola venerd dicembre. P. Arturo ha celebrato la S. Mes ed ha rivolto ai giovani studenti sua parola invitandoli a riflettere sulle condizioni di miseria del Ter7.0 Mondo. I giovani hanno offerto per i loro fratelli pi poveri lirc 800.000. Torre Annunziata/Rovigliano I-agazzi di I b hanno offerto spont neamente lire 30.000. Pozzuoli - L'Acr della Pari-occhia N.S. di Fatima guidata dal caro nostro amico don Doinenico Renzulli hanno partecipato alla Santa Messa ed hanno offerto con un bel indirirro lire 500.000.

Roccarainola - TOMBOLATA PRO FANCIULLI PIU POVERI DEL TERZO MONDO . Il Movimento Giovanile D.C. ha organirraro nella festa di Santo Stefan; una tombolata all'insegna del motto: "Una cartella per la solidariet". In collegamento radio Padre Arturu ha inviato a tutti i radioascoltatori che partecipavano alla rnanirestazio~ ne di solidariet un incssaggio di ringraziamento per la lodevole i n i ~ ziativa. I giovani urganirzatori hanno raccolto ed offerto per i fanciulli pi poveri delle nosti-e missioni la somma di lire 650.000. Lauro e Moschiano, Giornata Missionaria, lire 1500.000. Centro "S. Filippo Neri" in Bngot (Suba) - Il Capitano Cappellano D. Mario Sciarretta ed il Capitan o Finanzeri D'Apuzzo Gianni, a conclusione della visita fatta nelle nostre missioni si impegneranno a sostenere il nuovo Centro di Formazione Professionale per i fanciulli poveri.

In oicaiionc del haialc i r i i i i r i ~ , i-accolto cd invialo una prirria s o m ma di lirc 5.000.000. Comnzosso per 10 gara di Bont i, fuilore deiie nostre missioni rii~gr.ariaino turti quelli che hanno voi~<ro pau~ tecipare a yuesru izobiie iniziarivo di hont.

Terzigno - Raccolta pro Villaggio del Fanciullo. Anchc quest'anno il parroco D. Vilo Mcnna, nostro afiejionatu amico ha pronlosso pcil'Epifania una raccolta di generi alirnenlari, giocattoli e di altri doni per i nostri ragazzi. La comunit parrocchiale, comz sempre, ha risposto cori entusiasmo all'appello del parroco. Oltrc ai doni in natura hanno a n ~ che ofiei-to L. 400.000. Ai nosrro curissin-ro D. Vito ed a I L ~ I ~ ti i S L I O ~ledeii parrocchiani ii grazie ricoizosceizte dei nostri piccoli che ogni giorno pregano per i loro b e n e fattori.

ca di Nc)la - Parr'occnia b. vinccnz o - Il n o o D o n ME irco A c i e .iio, ~ c o n il s u o b e n n o t o entL rganizzat o c o n la collaborazione Catt iva e gio iei s u o i ragazzi e p o v a n i la Giornata n r o nostri rapiazzi iel Terzo Mondo Inella sote:nnit d e II'Epifan ia. L'esit o stato superio re a quel l o dello s c o r s o ainno
2

ira9 2 9 A

.V"".

nnn

azzi del11 m e a i e nanno ratto a gara nei corriI rag: ipondere all'appe110 del loro parroco. Una delegazione . ruiaata a a o. iviarco venuta a conserrnare a Visciano. v :Ila loro generosi li piedi Clella Mailonna, il frutto dt: l e i l o r o sacrifici. n . InVn.. .,,.,. >'",,'I" ...~ , . * , . , ",.&L,," .,,,",.,* " I I I I.; ,.,- L C"", ,."Il IUIL", ,,C-II<,,ILL<V L" Al cuu '3"L"'" U

..

- .-

,.

iuoi pari-occlziani e< i i17 inodo speciale i :i che h a n n o dato 11 n a p r o v a d i honr r :risriunu iI "Grazie" sincero (ii fuiti i lo ,.. I . , J V \ / C ~ Lper Y U U ~ ~ rianno L , realii~ut~.

C ', -

ilit piM

N a p o l i - Teresa d'Apolitu 111 buifragio dei coniugi Tommasini e Francesco D'Apulito. A n g r i - Abagnale Tercsa e D'Aniello Anna pei- loro stesse. N o l a . Antonio Stefanilc in suffra, gio d e i coniugi Lucia e Antonio Stefanile. D r a g o n i - D'On,!frio Dotrienico in suffragio d i Petroiiilla Depertjs. S. G i o v a n n i e P a o l o - D. G e r a r d o Fava in suffragio d i Rosa Italiano. B a i a n o - I fratelli Emilia, Anna Maria e Fausto in suffragio della m a m m a Maria Coiantuoni. P i s t i c c i - Angc!ina Aicilo, in suffragio d i Ugo A4erlino.
icantinual

BENEFATTORI INSIGNI iscritti sulla la. pide ricordo con il diritto alla partecioazione del frutto deiia S. Messa o i n i giorno [alie ore i 0 1 nei Santuario, dinanzi al Trono della Madonna: e ogni lunedi. nella Cripta (ore 181 ed al merito delle preghiere e d opere buone degli orfanelli dell'opera in Italia e nel Terzo Mondo.

P. Archimcde Teiitindo; S. Giuseppe Vesuviano, Titina Alteri"; Saviano, Sangermano Giuseppina; Saviano, Erasmo e Dina Caccavale; Roma, Heier Virgilio; Ottaviano, Boccia Annarnrtria; Cicciano, Ardoiinn Annunriata; Napoli, Casoria Maria Kosaria; Saviano, Trucchia filo^ mena (2 gp): Agnone, Cafai~ioMaria (2 gg); Cicciano, Campagn~iolo Francesca; Trecase. Rosa Di Luca; S. Gennaro Vesuviano, bloccia Antonio: Baccotrecase, Rapicano Tercsa; Terzigno, Biai Francesco (2 gg.); Capua, Acunzu X glierita; Nola, Piscopu Andrea - Rub Angcla (2 gg.); Palma Campania, M u Aifunso: Laura, Selva Anna; P ~ r n i g i i a . . ~ d'Arco, Romana Francesco e Giovanna; Nola, Chiaravalle Anna e Pasquale Ergastolo l2 gg.); Cicciano. De Palma &i. Pasqualina; Cicciano, Rega Giuvanni; Nola, Filomena Avitabile; Xola, Carbone Tobia; Nola, Gesualdo Anna Maria; Casamarciano, Mascolo Maria; Napoli, Notar" Maria; Scisciano, Santaniello Eduardo; Nola, Pizrella Filomena (4 gg); Somma Vesuviana, Famiglia Boccia: Terzigno, Sig.ra Anna Fabbi-ocini, in suffragio del marito Avv. Mario, lire 200.000.
ca,
iC0lin"sJ

P i g n a n o di L a u r o - Le sorelle Carmelina e d Elena Grazianu i r i sufNola, Berardesca Amalia: Nola, Berarfragio d e l fi-atcllo D. Giovanni Gradesca Vincenriria (2 giornate); Nola, B e ~ ziano (in ossequio alla volont rardesca Kaftaella; Nola, Rita Angelillo; espressa p r i m a di rnorire), lire Nola, Davide Fusco; Napoli, Raiola 2.000.000. Giorgio (4 gg); Torre Orsaia. Portanova N o l a - Eliana Iorio in suff~ragio di Annuririata: Campobasso, Di Zollo GiuAngelo Iorio. scppc; Patern, Rapisarda Terisa: MariB o r g o r n o n t e n e r o - Arquati Vin- giiano, Imperato Anna; Bolzano, R-ancesca Tassinari: Somma Vesuviana, c e n r a p e r s e stessa. Mons. Salvatore Giuliano 12 gg); CasaM e s s i n a - G i n a t c m p o Michelina marciano, Don Angelo Siciliano; Ottain suffragio di Ginatcnlpo Giovanna. viano, Eivii-a Capasso; S. Giuseppe VeN a p o l i - Pascaie Felicita in suffra- suviano, Arnbrosio Antonio; Brusciano, Ciininera Rosa; Nola, Nappi Maria (6 gio d e i coniugi . Vincenzo e hlaria P3gg.); Napoli, Ing. Lornbardi Felice (3 gg.); Scale. P a l m a C a m p a n i a - Isabella San- Mariglianella, Russo Maria; Sorrima Vesuviana, Cirillo Francesco (2 gg.); tella in suffragio d e l fratello p a r r o c o Somma Vesuviana, NN.; Nola, Rubino D. G e r a r d o Santclla. Angela; Frattamaggiore. Perrotta ChiaS a p r i - Cuniugi Ameiia C Rocco rina; Napoli, Albi Francesca; Napoli. Lo Russo. Vittwia Regina; A r e n o , Siiur Grnnarina V e l l e t r i ( R o m a ) - Jappiello Au- Consolatrice; Palermo, Minacori Antonietla; Napoli, Simeoli Marco; Napoli, g u s t o p e r i defunti Jappiello. Minichini Maria; Borgomontenero, Ai-M a r i g l i a n o - Prof. Mario Palma in quati Vincrnra; Salerno. Angela Pinto sutfragio della s p o s a Palma Maria. Rescigno; Saviano, Perretta Rocco (2 Avella - In suff. del p a d r e D'Avangg.); Nola, Ruggizru Lucia Tramontaiio; zo Domenica e della zia Masucci San Severo. Gaggiano Pasquale e Farni~ gli, (2 gg.); Sorrento, De Angelis Mario; Giuseppina. M a r i g l i a n o - Coniugi p r o f . Seba- Roma, Vitiello Andrea; Nocera Superiore, Grimaldi Nicola; Baiano, Costans t i a n o e d Alba Vivo, lirc 1.000.000. zo Luigi; Casamarciano, Fiotti Clelia (2 N a p o l i - Rita Castaldo in suFfra- gg): Nola, De Stiifano Dornenico l2 gg): giu di Vittorio Peluso, lire 1.000.000. Napoli, Riccardi Wanda; Barano Avella - Arbucci Rosa in suffragio d'lschia, Meria lannelli: Napoli, Calad e i coniugi Francesca e S r b a s t i a n o brese Alma; Marrano di Nola. Addeo ~nionietta;Ceschetto di Sessa AurunAibucci, lire 1.000.000.

Hanno offerto L. 50.000 per una giornata di pane agli orfanelli in suffragio dei propri defunti i s e guenti benefattori.

C a n a d a . E ritornata a Dio-Padre l'anima eletta della signora Luigia Ferrara vedova Foglia. Cognata del nostro carissimo fratello religioso Peppino Foglia, era per lui la 'vera mamma'. E stata senipre vicina al nostro carissima 'don Peppino', fin da quando lui aveva 8 anni, curandoio e assistendolo, con afleito e tenerezza, al pari dei suoi fi. gliuoli. Nel 1957 dovette trasferirsi in Canada con la sua famiglia. ovi ha concluso il suo viaggio terrena ascisliia amorevolmente dai figli e da tutti i suoi parenti. voglia il Signore concederle il Premio dei Santi meritato cori una vita di buone opere. spesa nell'educarione dei figli. nel sacrificio e nel lavoro. Alla /at?tigiiaporgiamo le nostre senli:e conrloglianze menlre ai nosrro carissin?" dnw Peppino assicuriamo il irosrro continuo affeitu con il ricordo costante nella preghiere.

Don C A R L I N O P O N T I C E L L I
ritornato nelle braccia del 'suo Gesu' che tante volte aveva portato nelle vie e nelle piazze per farlo conoscere ed amare.
Il Cardinale Ursi ed il Cardinale Michele Giordano erano presenti alla cerimonia funebre, commossi, insieme al Capitolo, ai Vescovi Ausiliari, al Vescovo di Ischia, a decine di Parroci e Sacerdoti. Padre Ponticelli (cos amava farsi chiamare don Carlo) fin da giovane seminarista curava i bambini abbandonati, gli scugnizzi e quindi non poteva non essere sensibile all'Opera di P. Arturo che all'inizio del dopoguerra aveva raccolto nella sua casa un gruppo di ragazzi poveri. Quando Padre Ponticelli veniva a Visciano era una festa per i bambini. Aveva composto l'inno dell'opera e l'inno ufficiale del Centenario dell'Inaugurarione della Madonna del Carpinello e pi volte ha scritto su queste pagine cronache dell'opera ed impressioni con la semplicit e la vivacit che lo distinguevano. P. Arturo ed i suoi orfani hanno perso un Amico. Ci resta la speranza di rivederlo un giorno in un'altra 'dimensione di vita' come si espresso il Vicario Generale di Napoli nel suo estremo saluto all'amato don Carlo. Mario Fabbrocini

i'

.:

-.
i

' i ' i

r"

Mercoled 24 gennaio 1990

LA SIGNORA

MARIA MASULLO
nostra affezionata zelatrice e grande benefattrice stata chiamata alla Casa del Padre.
Chi ha avuto il privilegio di conoscere questa anima eletta che ha trascorso il suo pellegrinaggio terreno nel silenzio operoso, nella umilt, nella preghiera fervorosa e nell'esercizio di una donazione continua ai fratelli pi poveri e bisognosi, pu comprendere quanto sia grande il vuoto che lei ha lasciato dietro di s. I1 suo transito all'eternit avvenuto nella totale offerta di se stessa alla volont di Dio, accettata con fede incontrollabile e con serenit imperturbabile, indice del totale abbandono nelle braccia della Madonna,e del Padre celeste. E partita quasi senza farsene accorgere, con un sorriso sulle labbra, dopo aver ricevuto l'ultima benedizione da Padre Arturo, che si trovato in quel momento provvidenzialmente accanto al suo letto, insieme al figlio Angelo. Si addormentata per aprirsi al sole eterno della Gloria di Dio che l'attendeva per darle il premio delle opere buone compiute con discrezione, con instancabile attivit. in modo particolare per i ragazzi della nostra Opera che la consideravano come loro mamma. In cielo continuer, ne siamo certi, la sua materna missione di bont e di amore, come angelo di conforto e di sollievo per tutti, in particolare per l'amato figlio, per la sua collaboratrice Nicolina e per quanti con cuore materno sono stati da lei sostenuti ed aiutati.

Sabato 13 gennaio scorso don Carlo Ponticelli, amico carissimo della Piccola Opera della Redenzione volato al cielo. Nel mese di maggio 1989 aveva diretto per la 17n volta lo "Zecchino d'oro" a Visciano. Sacerdote della Archidiocesi di Napoli, sempre presente alle pi significative manifestazioni dell'opera: dai pellegrinaggi delle 'pietre' alle inaugurazioni delle varie Case, dalle tourne della Banda Musicale dellaopera,in Svizzera agli Anniversari della stessa Opera. Ed era sempre atteso da tutti quelli che lo conoscevano perch diffondeva serenit e gioia con le sue battute brillanti, con le sue barzellette, con le sue poesie dialettali e con le sue canzoni sceneggiate. Sulle orme di S. Filippo Neri portava dovunque con la parola di Dio allegria ed ottimismo, anche quando nel cuore c'era la sofferenza. Parroco in S. Maria della Fede a Napoli per circa trent'anni era amato da tutti. . sonrattutto dai bambini e dai poveri. Nel giorno del suo Funerale, la Chiesa era gremita da una folla piangente. Aveva lasciato la Parrocchia per dedicarsi ai malati negli ospedali napoletani. Spesso appariva sui teleschermi di Teleoggi per comunicare fiducia e speranza.

IMPORTANTE Si prega di usare SEMPRE il nominativo riportato sul retro del nostro bollettino per inviare offerte onde evitare invio di duplicati. Grazie!
l

VISCIANO CENTRO Q! FEDE, OASI DI S P I I R I B U A L ~ -


COME SI RAGGIUNGE IL SANTUARIO

w...-.-

TAMENTO VOCAZIUNRL~
O

IN MACCHINA: Autostrada NapoliBari (uscita Nola) da cui dista 7 Krn. lungo la Nazionale delle PUglie, ali'altezza di schiava si irnmette sulla Provinciale Schiavavisciano-Carnaldoli; Autostrada Bari-Napoli (uscita Baiano) da Cui

- Per a< - Ppr . -. viiovani oeiie

SLUV-F

=-p-.--

corso Umberto I, 70 Tel.

RICLIA 0 "IS, 1 1 1 u iAN!

dista 8 Km.
IN TRENO: (circurnvecuviana); Linea Napoli-Nola; un servizio di Puilrnan in coincidenza coi treni. Con partenza da Nola, via A. Renzullo (adiacenza Standa).
Direttore - Legale Rappresentante del130pera
<*L. C--

18 FEE3BRAIO 20 MAGGIO
--.A

DOMICEL JORE' "CASA


DALL'II
APRILE

m" Padre A
n,or.r.,

'ONOFRIO

ARTURO D'ONOFRIO

ribbu~a urtnn

lirettore Responsabile: MARI0 FABBF Autoi.izzazione Trib. di Napoli hi~ 3757 del 2' Con a(;

VISCIANO (Nal
Direzione: (P. Arturol Uff. Propaganda (Red
ivldriyiiaiiu

DELLA REDENZION C. P. 004


l0811 el. i o s i ) iei. iO8i) Tei. i0811

.el.

82
82

Scuola Tipo-Litografica '"Istituto Anselmi" -

Segreteri~
Villaggio del FanoiulliO

82~.yr.au 829.94.65