Sei sulla pagina 1di 85

Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni

ANALISI MATEMATICA IV
11/11/2010 prof. M.Vignati
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] Determinare i valori del parametro R per i quali la funzione
f

(x, y, z) =
|y|

|4 (x
2
+ 2y
2
)|

`e integrabile (secondo Lebesgue) sullinsieme


E =

(x, y, z) R
3
: x
2
+ y
2
z 8 x
2
3y
2

.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Si consideri il problema di Cauchy
()

= 2xy + 3x
3
y
2/3
y (0) = a
3
, a R
i) Determinarne, per ogni a R, una soluzione locale.
ii) Determinare i valori a per i quali il problema () ammette almeno una soluzione
denita in R.
iii) Tracciare un graco qualitativo delle soluzioni.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Sia data la serie di funzioni reali
+

n=1
x
n
log (1 + (4 |x|)
n
)
n
2x
2
, x R.
i) Determinare linsieme E di convergenza puntuale.
ii) Stabilire se in E la convergenza `e uniforme.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4]
`
E data la successione di funzioni reali di variabile reale
f
n
(t) =

nsin (t
n
) t [0, 1]
arctan
n

nt + 1
t (1, +)
i) Vericare che {f
n
} converge puntualmente (Lebesgue q.o.) in [0, +).
ii) Calcolare
lim
n+

(0,1)
n sin (t
n
) dt e lim
n+

(0,+)
f
n
(t) dt .
1
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
08/02/2011 prof. M.Vignati
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] Determinare per quali valori del parametro R si ha f

L(E) , dove
f

(x, y, z) =
(x y)
+3
y
1+2

z
e
E =

(x, y, z) R
3
: 0 < y < x; x
2
+ y
2
< 2; 0 < z (x y)
4

x
2
+ y
2

5/2
< 1

.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Al variare del parametro reale y
0
, si consideri il problema di Cauchy

(x + 1) y

y + 3y
2
= 0
y (0) = y
0
i) Determinarne la soluzione locale.
ii) Per quali y
0
la soluzione massimale `e denita in tutto R?
iii) Per quali y
0
linsieme di denizione della soluzione massimale `e un intervallo limitato?
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Sia f : R R denita come
f (x) := 1 x
2
+

x
3
x
2

(1 + sgnx) ,
e si consideri la serie di funzioni reali
+

n=1
[f (x)]
n
n
x+2
.
i) Determinare linsieme P di convergenza puntuale.
ii) Determinare linsieme A di convergenza assoluta.
iii) Determinare linsieme U di convergenza uniforme.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4] Calcolare, giusticando il procedimento
lim
k+


2
0
k + x
k
(k + 1)

x + x
k+2
dx .
1
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
04.05.2009 , I prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione a
Dom. 1 2 3 4 5 6
Risp.
Risposta esatta = 2 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1a] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
k

1 + 2x
2k
, k N
converge puntualmente, nellintervallo [0, +), alla funzione
A) f (x) =
1
2x
B) f (x) = min
_
x,
1
x
_
C) f (x) =
_
_
_
x se x [0, 1/

2)
1/3 se x = 1/

2
1/x se x (1/

2, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2a] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
_
k + 4x
2
_
k (x
2
+ k)
, k N
A) conv. unif. in [1, +) B) non conv. unif. in (1, 5) C) conv. unif. in (3, 2)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3a] La serie di funzioni
+

k=0
(1)
k
(k + 1)
2
k
3
k+2
(x + 1)
k
, x R
ha come somma, in un intorno di x = 0, la funzione
A) S (x) =
1
(2x + 5)
2
B) S (x) =
1
(4x + 1)
2
C) S (x) =
1
(5x + 8)
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1
4a] La soluzione massimale del problema di Cauchy
_
y

= e
2xy
y (0) = 0
.
A) ammette asintoto orizzontale destro di equazione y = log
_
3
2
_
B) `e denita per ogni x R
C) ammette asintoto obliquo destro di equazione y = x log
_
3
2
_
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5a] La serie di funzioni
+

k=0
x
2
+ k
(k
2
+ 1) e
3kx
, x R
A) Converge totalmente in (0, +)
B) Converge uniformemente, ma non totalmente, in (0, +)
C) Converge uniformemente in (1, +), ma non in (0, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6a] La soluzione massimale dellequazione integrale di Volterra
y (x) = 1 +
_
x
2
y
2
(t)
t
2
t
dt
`e denita nellintervallo I, dove:
A) I = (, +) con 1 < < 2
B) I = (1, +)
C) I = (1, ) con > 2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2
Pb 1a]
i) La soluzione locale del problema di Cauchy
()
_
4 (x +

x) y

+ 4y + (1 +

x) y
2
= 0
y (1) = , R
`e la funzione y (x) =
ii) La soluzione massimale di () `e denita in (0, +) se e solo se ......................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pb 2a]
`
E data la serie di funzioni
+

k=1
(qx)
k
_

k
_
qx+3
, x R.
i) La serie converge puntualmente se e solo se x E = ..............
ii) Stabilire, motivando e separando le risposte, se la convergenza `e uniforme negli insiemi
E

:= E (, 0] ed E
+
:= E [0, +)
3
Pb 3a]
`
E data lequazione dierenziale ordinaria
() 3xy

= 2

y (

y + 2x) .
i) Calcolare, per ogni valore del parametro reale positivo a, la soluzione locale y
a
del
problema di Cauchy
_
()
y (1) = a
ii) Per quali valori a `e possibile prolungare y
a
in modo da ottenere almeno una soluzione
di () che sia di classe C
1
(R)?
4
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
04.05.2009 , I prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione b
Dom. 1 2 3 4 5 6
Risp.
Risposta esatta = 2 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1b] La soluzione massimale del problema di Cauchy
_
y

= e
3xy
y (0) = 0
.
A) ammette asintoto obliquo destro di equazione y = x log
_
4
3
_
B) `e denita per ogni x R
C) ammette asintoto orizzontale destro di equazione y = log
_
4
3
_
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2b] La serie di funzioni
+

k=0
x
2
+ 2k
(k
2
+ 1) e
kx
, x R
A) Converge totalmente in (0, +)
B) Converge uniformemente in (2, +), ma non in (0, +)
C) Converge uniformemente, ma non totalmente, in (0, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3b] La soluzione massimale dellequazione integrale di Volterra
y (x) =
1
2
+
_
x
2
y
2
(t)
t
2
t
dt
`e denita nellintervallo I, dove:
A) I = (, +) con 1 < < 2
B) I = (1, +)
C) I = (1, ) con > 2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5
4b] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
k

1 + 3x
2k
, k N
converge puntualmente, nellintervallo [0, +), alla funzione
A) f (x) = min
_
x,
1
x
_
B) f (x) =
1
3x
C) f (x) =
_
_
_
x se x [0, 1/

3)
1/4 se x = 1/

3
1/x se x (1/

3, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5b] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
_
k + 3x
2
_
k (x
2
+ k)
, k N
A) conv. unif. in [0, +) B) conv. unif. in (2, 5) C) non conv. unif. in (3, 4)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6b] La serie di funzioni
+

k=0
(1)
k
(k + 1)
3
k
4
k+1
(x + 1)
k
, x R
ha come somma, in un intorno di x = 0, la funzione
A) S (x) =
1
(2x + 4)
2
B) S (x) =
1/4
(2x + 1)
2
C) S (x) =
4
(3x + 7)
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6
Pb 1b]
i) La soluzione locale del problema di Cauchy
()
_
2 (x +

x) y

+ 2y + (1 +

x) y
2
= 0
y (1) = , R
`e la funzione y (x) = .....................................................................................
ii) La soluzione massimale di () `e denita in (0, +) se e solo se ......................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pb 2b]
`
E data la serie di funzioni
+

k=1
(qx)
k
_

k
_
qx+3
, x R.
i) La serie converge puntualmente se e solo se x E = ..............
ii) Stabilire, motivando e separando le risposte, se la convergenza `e uniforme negli insiemi
E

:= E (, 0] ed E
+
:= E [0, +)
7
Pb 3b]
`
E data lequazione dierenziale ordinaria
() 3xy

= 2

y
_

y + 2

2x
_
.
i) Calcolare, per ogni valore del parametro reale positivo a, la soluzione locale y
a
del
problema di Cauchy
_
()
y (1) = a
ii) Per quali valori a `e possibile prolungare y
a
in modo da ottenere almeno una soluzione
di () che sia di classe C
1
(R)?
8
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
04.05.2009 , I prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione c
Dom. 1 2 3 4 5 6
Risp.
Risposta esatta = 2 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1c] La soluzione massimale dellequazione integrale di Volterra
y (x) = 2 +
_
x
2
y
2
(t)
t
2
t
dt
`e denita nellintervallo I, dove:
A) I = (, +) con 1 < < 2
B) I = (1, +)
C) I = (1, ) con > 2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2c] La serie di funzioni
+

k=0
x
2
+ 3k
(k
2
+ 1) e
kx
, x R
A) Converge uniformemente, ma non totalmente, in (0, +)
B) Converge uniformemente in (3, +), ma non in (0, +)
C) Converge totalmente in (0, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3c] La serie di funzioni
+

k=0
(1)
k
(k + 1)
3
k
5
k+2
(x + 1)
k
, x R
ha come somma, in un intorno di x = 0, la funzione
A) S (x) =
1
(2x + 7)
2
B) S (x) =
1
(6x + 1)
2
C) S (x) =
1
(3x + 8)
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9
4c] La soluzione massimale del problema di Cauchy
_
y

= e
4xy
y (0) = 0
.
A) ammette asintoto orizzontale destro di equazione y = log
_
5
4
_
B) ammette asintoto obliquo destro di equazione y = x log
_
5
4
_
C) `e denita per ogni x R
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5c] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
k

1 + 4x
2k
, k N
converge puntualmente, nellintervallo [0, +), alla funzione
A) f (x) =
1
4x
B) f (x) =
_
_
_
x se x [0, 1/2)
1/5 se x = 1/2
1/x se x (1/2 , +)
C) f (x) = min
_
x,
1
x
_
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6c] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
_
k + 2x
2
_
k (x
2
+ k)
, k N
A) conv. unif. in (1, 5) B) non conv. unif. in (0, 4) C) conv. unif. in [2, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10
Pb 1c]
i) La soluzione locale del problema di Cauchy
()
_
4 (x +

x) y

+ 4y + 3 (1 +

x) y
2
= 0
y (1) = , R
`e la funzione y (x) = .....................................................................................
ii) La soluzione massimale di () `e denita in (0, +) se e solo se ......................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pb 2c]
`
E data la serie di funzioni
+

k=1
(qx)
k
_

k
_
qx+3
, x R.
i) La serie converge puntualmente se e solo se x E = ..............
ii) Stabilire, motivando e separando le risposte, se la convergenza `e uniforme negli insiemi
E

:= E (, 0] ed E
+
:= E [0, +)
11
Pb 3c]
`
E data lequazione dierenziale ordinaria
() 3xy

= 2

y
_

y + 2

3x
_
.
i) Calcolare, per ogni valore del parametro reale positivo a, la soluzione locale y
a
del
problema di Cauchy
_
()
y (1) = a
ii) Per quali valori a `e possibile prolungare y
a
in modo da ottenere almeno una soluzione
di () che sia di classe C
1
(R)?
12
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
04.05.2009 , I prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione d
Dom. 1 2 3 4 5 6
Risp.
Risposta esatta = 2 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1d] La soluzione massimale del problema di Cauchy
_
y

= e
5xy
y (0) = 0
.
A) ammette asintoto orizzontale destro di equazione y = log
_
6
5
_
B) ammette asintoto obliquo destro di equazione y = x log
_
6
5
_
C) `e denita per ogni x R
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2d] La serie di funzioni
+

k=0
x
2
+ k
(k
2
+ 1) e
3kx
, x R
A) Converge totalmente in (0, +)
B) Converge uniformemente, ma non totalmente, in (0, +)
C) Converge uniformemente in (2, +), ma non in (0, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3d] La soluzione massimale dellequazione integrale di Volterra
y (x) = 2 +
_
x
2
y
2
(t)
t
2
t
dt
`e denita nellintervallo I, dove:
A) I = (, +) con 1 < < 2
B) I = (1, +)
C) I = (1, ) con > 2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13
4d] La serie di funzioni
+

k=0
(1)
k
(k + 1)
3
k
5
k+2
(x + 1)
k
, x R
ha come somma, in un intorno di x = 0, la funzione
A) S (x) =
1
(3x + 8)
2
B) S (x) =
1
(2x + 7)
2
C) S (x) =
1
(x + 6)
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5d] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
_
k + 4x
2
_
k (x
2
+ k)
, k N
A) conv. unif. in [0, +) B) non conv. unif. in (2, 7) C) conv. unif. in (2, 4)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6d] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
k

1 + 5x
2k
, k N
converge puntualmente, nellintervallo [0, +), alla funzione
A) f (x) =
1
5x
B) f (x) = min
_
x,
1
x
_
C) f (x) =
_
_
_
x se x [0, 1/

5)
1/6 se x = 1/

5
1/x se x (1/

5, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
14
Pb 1d]
i) La soluzione locale del problema di Cauchy
()
_
(x +

x) y

+ y + (1 +

x) y
2
= 0
y (1) = , R
`e la funzione y (x) = .....................................................................................
ii) La soluzione massimale di () `e denita in (0, +) se e solo se ......................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pb 2d]
`
E data la serie di funzioni
+

k=1
(qx)
k
_

k
_
qx+3
, x R.
i) La serie converge puntualmente se e solo se x E = ..............
ii) Stabilire, motivando e separando le risposte, se la convergenza `e uniforme negli insiemi
E

:= E (, 0] ed E
+
:= E [0, +)
15
Pb 3d]
`
E data lequazione dierenziale ordinaria
() 3xy

= 2

y (

y + 4x) .
i) Calcolare, per ogni valore del parametro reale positivo a, la soluzione locale y
a
del
problema di Cauchy
_
()
y (1) = a
ii) Per quali valori a `e possibile prolungare y
a
in modo da ottenere almeno una soluzione
di () che sia di classe C
1
(R)?
16
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
04.05.2009 , I prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione e
Dom. 1 2 3 4 5 6
Risp.
Risposta esatta = 2 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1e] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
k

1 + 3x
2k
, k N
converge puntualmente, nellintervallo [0, +), alla funzione
A) f (x) =
_
_
_
x se x [0, 1/

3)
1/4 se x = 1/

3
1/x se x (1/

3, +)
B) f (x) = min
_
x,
1
x
_
C) f (x) =
1
3x
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2e] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
_
k + 3x
2
_
k (x
2
+ k)
, k N
A) conv. unif. in [1, +) B) conv. unif. in (1, 4) C) non conv. unif. in (1, 2)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3e] La soluzione massimale del problema di Cauchy
_
y

= e
2xy
y (0) = 0
.
A) ammette asintoto obliquo destro di equazione y = x log
_
3
2
_
B) `e denita per ogni x R
C) ammette asintoto orizzontale destro di equazione y = log
_
3
2
_
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
17
4e] La serie di funzioni
+

k=0
(1)
k
(k + 1)
3
k
4
k+1
(x + 1)
k
, x R
ha come somma, in un intorno di x = 0, la funzione
A) S (x) =
4
(3x + 7)
2
B) S (x) =
4
(5x + 1)
2
C) S (x) =
1
(5x + 3)
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5e] La serie di funzioni
+

k=0
x
2
+ 2k
(k
2
+ 1) e
kx
, x R
A) Converge totalmente in (0, +)
B) Converge uniformemente in (1, +), ma non in (0, +)
C) Converge uniformemente, ma non totalmente, in (0, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6e] La soluzione massimale dellequazione integrale di Volterra
y (x) =
1
3
+
_
x
2
y
2
(t)
t
2
t
dt
`e denita nellintervallo I, dove:
A) I = (, +) con 1 < < 2
B) I = (1, +)
C) I = (1, ) con > 2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
18
Pb 1e]
i) La soluzione locale del problema di Cauchy
()
_
4 (x +

x) y

+ 4y + 5 (1 +

x) y
2
= 0
y (1) = , R
`e la funzione y (x) = .....................................................................................
ii) La soluzione massimale di () `e denita in (0, +) se e solo se ......................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pb 2e]
`
E data la serie di funzioni
+

k=1
(qx)
k
_

k
_
qx+3
, x R.
i) La serie converge puntualmente se e solo se x E = ..............
ii) Stabilire, motivando e separando le risposte, se la convergenza `e uniforme negli insiemi
E

:= E (, 0] ed E
+
:= E [0, +)
19
Pb 3e]
`
E data lequazione dierenziale ordinaria
() 3xy

= 2

y
_

y + 2

5x
_
.
i) Calcolare, per ogni valore del parametro reale positivo a, la soluzione locale y
a
del
problema di Cauchy
_
()
y (1) = a
ii) Per quali valori a `e possibile prolungare y
a
in modo da ottenere almeno una soluzione
di () che sia di classe C
1
(R)?
20
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
04.05.2009 , I prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione f
Dom. 1 2 3 4 5 6
Risp.
Risposta esatta = 2 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1f ] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
k

1 + 2x
2k
, k N
converge puntualmente, nellintervallo [0, +), alla funzione
A) f (x) = min
_
x,
1
x
_
B) f (x) =
_
_
_
x se x [0, 1/

2)
1/3 se x = 1/

2
1/x se x (1/

2, +)
C) f (x) =
1
2x
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2f ] La serie di funzioni
+

k=0
(1)
k
(k + 1)
2
k
3
k+2
(x + 1)
k
, x R
ha come somma, in un intorno di x = 0, la funzione
A) S (x) =
1
(5x + 2)
2
B) S (x) =
1
(4x + 1)
2
C) S (x) =
1
(2x + 5)
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3f ] La serie di funzioni
+

k=0
x
2
+ k
(k
2
+ 1) e
3kx
, x R
A) Converge uniformemente, ma non totalmente, in (0, +)
B) Converge totalmente in (0, +)
C) Converge uniformemente in (2, +), ma non in (0, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
21
4f ] La soluzione massimale del problema di Cauchy
_
y

= e
4xy
y (0) = 0
.
A) `e denita per ogni x R
B) ammette asintoto orizzontale destro di equazione y = log
_
5
4
_
C) ammette asintoto obliquo destro di equazione y = x log
_
5
4
_
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5f ] La soluzione massimale dellequazione integrale di Volterra
y (x) = 3 +
_
x
2
y
2
(t)
t
2
t
dt
`e denita nellintervallo I, dove:
A) I = (, +) con 1 < < 2
B) I = (1, +)
C) I = (1, ) con > 2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6f ] Per k +, la successione di funzioni reali di una variabile reale
f
k
(x) =
x
_
k + 2x
2
_
k (x
2
+ k)
, k N
A) conv. unif. in (1, 5) B) non conv. unif. in (0, 3) C) conv. unif. in [1, +)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
22
Pb 1f ]
i) La soluzione locale del problema di Cauchy
()
_
2 (x +

x) y

+ 2y + 3 (1 +

x) y
2
= 0
y (1) = , R
`e la funzione y (x) = .....................................................................................
ii) La soluzione massimale di () `e denita in (0, +) se e solo se ......................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pb 2f ]
`
E data la serie di funzioni
+

k=1
(qx)
k
_

k
_
qx+3
, x R.
i) La serie converge puntualmente se e solo se x E = ..............
ii) Stabilire, motivando e separando le risposte, se la convergenza `e uniforme negli insiemi
E

:= E (, 0] ed E
+
:= E [0, +)
23
Pb 3f ]
`
E data lequazione dierenziale ordinaria
() 3xy

= 2

y
_

y + 2

6x
_
.
i) Calcolare, per ogni valore del parametro reale positivo a, la soluzione locale y
a
del
problema di Cauchy
_
()
y (1) = a
ii) Per quali valori a `e possibile prolungare y
a
in modo da ottenere almeno una soluzione
di () che sia di classe C
1
(R)?
24
a B C A A C A
b C B B A B C
c C B C A C A
d A C A A C B
e B B C A B B
f A C C B C A
a B C A A C A
b C B B A B C
c C B C A C A
d A C A A C B
e B B C A B B
f A C C B C A
a B C A A C A
b C B B A B C
c C B C A C A
d A C A A C B
e B B C A B B
f A C C B C A
25
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
16.06.2009 , II prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione a
Dom. 1 2 3 4
Risp.
Risposta esatta = 3 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1a] Lintegrale generale di
y

4y

+ 4y

= 4
`e, per ogni scelta di c
1
, c
2
, c
3
R :
A) y (x) = 1 + c
1
x + c
2
e
2x
+ c
3
e
2x
B) y (x) = x + c
1
x + c
2
e
2x
+ c
3
C) y (x) = x + c
1
+ c
2
e
2x
+ c
3
xe
2x
D) y (x) = 4x + c
1
+ c
2
e
2x
+ c
3
e
2x
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2a] Determinare il valore R per cui si ha

Q
f = 0 , dove
f (x, y, z) = x e Q =

(x, y, z) R
3
: x, y, z 0; x + 2y + 3z 2

.
A) = 1/2 B) = 3/4 C) = 1 D) = 3/2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3a] Calcolare

D
f , dove
f (x, y) = 3x + y e D =

(x, y) R
2
: x
2
+ y
2
9; |x| + y 0

.
A) 2 B) 3

2 C) 9

2 D) 4
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4a] Sia y la soluzione del problema di Cauchy

2x
2
y

xy

+ y = x
y (1) = 2; y

(1) = 3
.
Allora y (e) =?
A) e/2 B) 2e C) 3e/2 D) 3e
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1
Pb 1a] Sia data lequazione dierenziale
(
a
) y

2y

ay

+ 2ay = 0
dove a R.
i) Determinare, al variare del parametro a, lintegrale generale di (
a
) .
ii) Individuare tutti e soli i valori di a per i quali la funzione y (x) 0 `e lunica soluzione
limitata in R di (
a
) .
2
Pb 2a] Sono dati la funzione f (x, y) =
e
x
(1 + y
2
) (1 + x

x)
e, per R, gli insiemi
E

=

(x, y) R
2
: x 0; 0 y 2e
x

.
Determinare tutti e soli i valori per i quali f L(E

) .
3
Pb 3a] Per ogni valore R si consideri linsieme
E

(x, y, z) R
3
: x
2
+ y
2
R
2
; 0 z

x
2
+ y
2

.
i) Determinare tutti e soli i valori per i quali
vol (E

) := m
3
(E

) = +.
ii) Per tutti gli altri valori , calcolare esplicitamente il valore vol (E

) .
4
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
16.06.2009 , II prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione b
Dom. 1 2 3 4
Risp.
Risposta esatta = 3 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1b] Sia y la soluzione del problema di Cauchy

3x
2
y

xy

+ y = 2x
y (1) = 1; y

(1) = 2
.
Allora y (e) =?
A) e/2 B) 2e C) 3e/2 D) 3e
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2b] Lintegrale generale di
y

+ 6y

+ 9y

= 9
`e, per ogni scelta di c
1
, c
2
, c
3
R :
A) y (x) = 1 + c
1
x + c
2
e
3x
+ c
3
e
3x
B) y (x) = x + c
1
x + c
2
e
3x
+ c
3
C) y (x) = 9x + c
1
+ c
2
e
3x
+ c
3
e
3x
D) y (x) = x + c
1
+ c
2
e
3x
+ c
3
xe
3x
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3b] Determinare il valore R per cui si ha

Q
f = 0 , dove
f (x, y, z) = x e Q =

(x, y, z) R
3
: x, y, z 0; x + 3y + 2z 4

.
A) = 1/2 B) = 3/4 C) = 1 D) = 3/2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4b] Calcolare

D
f , dove
f (x, y) = x + 3y e D =

(x, y) R
2
: x
2
+ y
2
2; |x| + y 0

.
A) 2 B) 3

2 C) 9

2 D) 4
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5
Pb 1b] Sia data lequazione dierenziale
(
a
) y

3y

ay

+ 3ay = 0
dove a R.
i) Determinare, al variare del parametro a, lintegrale generale di (
a
) .
ii) Individuare tutti e soli i valori di a per i quali la funzione y (x) 0 `e lunica soluzione
limitata in R di (
a
) .
6
Pb 2b] Sono dati la funzione f (x, y) =
e
2x
(1 + y
2
) (1 + x
4

x)
e, per R, gli insiemi
E

=

(x, y) R
2
: x 0; 0 y e
x

.
Determinare tutti e soli i valori per i quali f L(E

) .
7
Pb 3b] Per ogni valore R si consideri linsieme
E

(x, y, z) R
3
: x
2
+ y
2
R
2
; 0 z

x
2
+ y
2

.
i) Determinare tutti e soli i valori per i quali
vol (E

) := m
3
(E

) = +.
ii) Per tutti gli altri valori , calcolare esplicitamente il valore vol (E

) .
8
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
16.06.2009 , II prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione c
Dom. 1 2 3 4
Risp.
Risposta esatta = 3 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1c] Calcolare

D
f , dove
f (x, y) = 2x +

3y e D =

(x, y) R
2
: x
2
+ y
2
3; |x| + y 0

.
A) 2 B) 3

2 C) 9

2 D) 4
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2c] Sia y la soluzione del problema di Cauchy

x
2
y

2xy

+ 2y = x
y (1) = 1/2; y

(1) = 1/2
.
Allora y (e) =?
A) e/2 B) 2e C) 3e/2 D) 3e
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3c] Lintegrale generale di
y

+ 4y

+ 4y

= 4
`e, per ogni scelta di c
1
, c
2
, c
3
R :
A) y (x) = 1 + c
1
x + c
2
e
2x
+ c
3
e
2x
B) y (x) = x + c
1
x + c
2
e
2x
+ c
3
C) y (x) = 4x + c
1
+ c
2
e
2x
+ c
3
e
2x
D) y (x) = x + c
1
+ c
2
e
2x
+ c
3
xe
2x
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4c] Determinare il valore R per cui si ha

Q
f = 0 , dove
f (x, y, z) = x e Q =

(x, y, z) R
3
: x, y, z 0; x + y + 2z 3

.
A) = 1/2 B) = 3/4 C) = 1 D) = 3/2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9
Pb 1c] Sia data lequazione dierenziale
(
a
) y

ay

+ ay = 0
dove a R.
i) Determinare, al variare del parametro a, lintegrale generale di (
a
) .
ii) Individuare tutti e soli i valori di a per i quali la funzione y (x) 0 `e lunica soluzione
limitata in R di (
a
) .
10
Pb 2c] Sono dati la funzione f (x, y) =
e
3x
(1 + y
2
) (1 + x

x)
e, per R, gli insiemi
E

=

(x, y) R
2
: x 0; 0 y e
x

.
Determinare tutti e soli i valori per i quali f L(E

) .
11
Pb 3c] Per ogni valore R si consideri linsieme
E

(x, y, z) R
3
: x
2
+ y
2
R
2
; 0 z

x
2
+ y
2

.
i) Determinare tutti e soli i valori per i quali
vol (E

) := m
3
(E

) = +.
ii) Per tutti gli altri valori , calcolare esplicitamente il valore vol (E

) .
12
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
16.06.2009 , II prova preliminare
Cognome Nome Matr.
versione d
Dom. 1 2 3 4
Risp.
Risposta esatta = 3 punti; risposta errata = -1 punto.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1d] Determinare il valore R per cui si ha

Q
f = 0 , dove
f (x, y, z) = x e Q =

(x, y, z) R
3
: x, y, z 0; x + 3y + z 6

.
A) = 1/2 B) = 3/4 C) = 1 D) = 3/2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2d] Calcolare

D
f , dove
f (x, y) = x + 3

2y e D =

(x, y) R
2
: x
2
+ y
2
1; |x| + y 0

.
A) 2 B) 3

2 C) 9

2 D) 4
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3d] Sia y la soluzione del problema di Cauchy

x
2
y

3xy

+ 3y = 2x
y (1) = 1; y

(1) = 2
.
Allora y (e) =?
A) e/2 B) 3e/2 C) 2e D) 3e
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4d] Lintegrale generale di
y

6y

+ 9y

= 9
`e, per ogni scelta di c
1
, c
2
, c
3
R :
A) y (x) = 1 + c
1
x + c
2
e
3x
+ c
3
e
3x
B) y (x) = x + c
1
x + c
2
e
3x
+ c
3
C) y (x) = x + c
1
+ c
2
e
3x
+ c
3
xe
3x
D) y (x) = 9x + c
1
+ c
2
e
3x
+ c
3
e
3x
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13
Pb 1d] Sia data lequazione dierenziale
(
a
) y

2y

ay

+ 2ay = 0
dove a R.
i) Determinare, al variare del parametro a, lintegrale generale di (
a
) .
ii) Individuare tutti e soli i valori di a per i quali la funzione y (x) 0 `e lunica soluzione
limitata in R di (
a
) .
14
Pb 2d] Sono dati la funzione f (x, y) =
e
4x
(1 + y
2
) (1 + x
4

x)
e, per R, gli insiemi
E

=

(x, y) R
2
: x 0; 0 y 2e
x

.
Determinare tutti e soli i valori per i quali f L(E

) .
15
Pb 3d] Per ogni valore R si consideri linsieme
E

(x, y, z) R
3
: x
2
+ y
2
R
2
; 0 z

x
2
+ y
2

.
i) Determinare tutti e soli i valori per i quali
vol (E

) := m
3
(E

) = +.
ii) Per tutti gli altri valori , calcolare esplicitamente il valore vol (E

) .
16
a C A C D
b B D C D
c B A D B
d D A C C
a C A C D
b B D C D
c B A D B
d D A C C
a C A C D
b B D C D
c B A D B
d D A C C
17
Cognome Nome Matr.
c.l. in Matematica e Matematica per le Applicazioni
Analisi Matematica IV (prof. M.Vignati)
18.06.2010 II prova preliminare versione a
1a] (4 punti) Stabilire per quali valori p R si ha f
p
L(E) , dove
E =

(x, y) R
2
: 0
4

y x 1

, f
p
(x, y) =
3

x
(x
2
+ y
2
)
p
.
1
2a] (6 punti) Calcolare, motivando il procedimento seguito,
L = lim
k+


2
k
2/3
tanh (

x/2k)
x
3

x + 5
dx.
2
3a] (8 punti)
i) Determinare, al variare di , R, la soluzione locale del problema di Cauchy
()

x
2
y

+ 2xy

6y = 0
y (1) = , y

(1) =
ii) Determinare tutte e sole le coppie (, ) per le quali () ammette una soluzione che soddisfa
la condizione y (2) = 1.
3
4a] (4 punti) Calcolare

E
f, dove f (x, y, z) = x
1/2
z
1
(x
2
+ y
2
)
2
e
E =

(x, y, z) : x
2
+ y
2
2x < 0, z < 1 < ze
x
2
+y
2

.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5a] (5 punti) Lintegrale generale dellequazione dierenziale
y

2y

= 6x + 1
`e y(x) =
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6a] (3 punti) Calcolare y (1) , dove y `e il punto sso delloperatore integrale di Volterra T :
C (R) C (R) denito da
T : y Ty (x) = 2 +

x
0
t
3
y
2
(t) dt .

12
5
2
4
3

6
7
(Risposta corretta = 3 punti; risposta errata = 1 punto).
4
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
25/06/2009 prof. M.Vignati versione a
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] Sia data la serie di funzioni
()
+

k=0
_
e
kx1
k
e
_
k
(k
2
+ 1) e
k
, x R.
i) Determinare linsieme I di convergenza puntuale.
ii) Stabilire se la convergenza in I `e uniforme.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Per a parametro reale positivo sia dato il problema di Cauchy
_

_
y

=
y
2
x
2
2x
y (4) = a
i) Determinarne esplicitamente una soluzione locale.
ii) Dimostrare che lintervallo di denizione della soluzione massimale `e limitato se e
solo se
a >
2
log 2
.
iii) Tracciare, in questo caso, il graco qualitativo della soluzione massimale.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Siano dati linsieme
V =
_
(x, y, z) R
3
: x 1, y

x
2
+ z
2
, x
2
+ z
2
2x 0
_
e le funzioni
f (x, y, z) =
|z|
y
, g (x, y, z) =
|z|
y
2
, h(x, y, z) =
|z|
y
4
.
Calcolare, giusticando il procedimento seguito, il valore di
_
V
f ,
_
V
g ,
_
V
h.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1
4] Per x (0, +), e per k N, sono date le funzioni
f
k
(x) =
(k 1)
4/3
x
1 + (k + 1)
5/2
x
3
.
i) Determinare linsieme di convergenza puntuale, e la funzione limite, della successione
{f
k
} .
ii) Calcolare, giusticando il procedimento seguito, il
lim
k+
_
[1,+)
f
k
.
iii) Calcolare, giusticando il procedimento seguito, il
lim
k+
_
(0,+)
f
k
.
Suggerimento: pu`o essere utile dimostrare che esiste una costante C > 0 tale che
k
4/3
x
8/5
1 + k
5/2
x
3
C x (0, 1], k N.
2
1] Applicando il criterio della radice al generico addendo u
k
(x) si ottiene
k
_
|u
k
(x)| =

e
kx1
k
e

e
k

k
2
+ 1

e
x1
1

per k +.
Quindi c`e certamente convergenza se |e
x1
1| < 1, cio`e se x (, 1 + log 2) =
(, log (2e)) , mentre non ci pu`o essere convergenza se |e
x1
1| > 1, cio`e se x >
log (2e) .
Per x = log (2e) si ha
u
k
(log (2e)) =
_
2e
1
1
k
e
_
k
(k
2
+ 1) e
k
=
1
k
2
+ 1
_
2e
1/k
1
_
k

1
k
2
+ 1
da cui segue che I = (, log (2e)].
Dallo studio del graco di u
k
si osserva che
sup
xlog(2e)
|u
k
(x)|
1
k
2
+ 1
da cui si ricava che la convergenza in I `e totale (e quindi uniforme).
2] La funzione f (x, y) =
y
2
x
2
2x
`e innitamente derivabile nellaperto = (2, +)
(0, +) , e quindi ogni problema di Cauchy centrato in (4, a) , a > 0, ammette ununica
soluzione locale, prolungabile almeno no a quando il suo graco rimane in . Separando
le variabili, e lavorando con x > 2 :
y

y
2
=
1
x (x 2)
=
_
1
x 2

1
x
_
1
2
da cui
_

1
y
_

=
_
1
2
log
x 2
x
_

e, tenendo conto del dato iniziale


1
a

1
y (x)
=
1
2
log
2 (x 2)
x
che porta a
y
a
(x) =
2a
2 a log
2(x2)
x
.
Questa espressione `e valida per tutti gli x > 2 per i quali il denominatore non si annulla
(anzi, rimane positivo).
Poiche
2 a log
2(x2)
x
> 0 x
_
2 e
2/a
_
< 4
si ricava che se 2 e
2/a
0, cio`e se a
2
log 2
, la funzione y
a
`e denita per ogni
x (2, +) .
3
Se invece a >
2
log 2
il denominatore si annulla nel punto x = x :=
4
2 e
2/a
> 4; inoltre,
per x x

si ha y
a
(x) +, e quindi la funzione y
a
presenta un asintoto verticale.
Quando x 2
+
si ha y
a
(x) 0
+
, mentre y

a
(x) +, e questo fatto esclude che la
soluzione possa essere prolungata in modo derivabile a sinistra di x = 2.
Cos`, per a >
2
log 2
la funzione y
a
, denita in (2, x) , `e la soluzione massimale del pro-
blema assegnato. Ha derivata sempre positiva, ha asintoto verticale in x = x, ed esce
con tangente verticale dal punto (2, 0) .
3] Linsieme V `e chiuso in R
3
, quindi misurabile. Le funzioni f, g, h sono denite e
continue (dunque misurabili) in V, ed assumono valori non negativi. A tutte e tre le
funzioni `e perci`o possibile applicare il teorema di Tonelli. La simmetria della regione V e
delle funzioni f, g, h rispetto alla variabile z permette di calcolare gli integrali assegnati
raddoppiando il valore che si ottiene restringendosi al caso della regione V
+
= V {z
0}.
La regione V `e ottenuta intersecando il cilindro {(x, y, z) R
3
: x 1, x
2
+ z
2
2x 0}
con il cono
_
(x, y, z) R
3
: y

x
2
+ z
2
_
. Il cilindro ha generatrici parallele allasse y,
e la sua proiezione sul piano {y = 0} si pu`o descrivere come il semicerchio D del piano
zx di centro (0, 1) e raggio 1, in cui x 1.
Per il calcolo diretto degli integrali iterati, risulta conveniente luso di coordinate cilin-
driche
_
_
_
x = sin
y = y
z = cos
che porta a descrivere V
+
come linsieme dei punti ( sin , y, cos ) che soddisfano le
condizioni

4


2
; r () :=
1
sin
2 sin =: R() ; y .
Applicando il teorema di Tonelli alle funzioni F
k
(x, y, z) =
|z|
y
k
, k = 1, 2, 4, si ottiene
_
V
F
k
= 2
_
/2
/4
_
_
R()
r()
__
+

cos
y
k
dy
_
d
_
d
= 2
_
/2
/4
cos
_
_
R()
r()

__
+

dy
y
k
_
d
_
d.
Nel caso k = 1 lintegrale interno diverge, e quindi
_
V
f = +.
Per k = 2 :
_
V
g =
_
/2
/4
cos
_
_
R()
r()
2 d
_
d =
_
/2
/4
cos
_
R
2
() r
2
()

d
=
_
/2
/4
cos
_
4 sin
2

1
sin
2

_
d =
_
1

2/2
_
4t
2

1
t
2
_
dt
=
7
3

4
3

2.
4
Per k = 4 :
_
V
h =
2
3
_
/2
/4
cos
_
_
R()
r()

1
d
_
d =
2
3
_
/2
/4
cos log
_
2 sin
2

_
d
=
2
3
_
1

2/2
log
_
2t
2
_
dt = ... =
2
3
ln 2
4
3
+
2
3

2.
4] Per ogni x > 0, e per k +, si ha f
k
(x)
k
4/3
x
k
5/2
x
3
=
1
k
7/6
x
2
0 f (x) .
Per x [1, +) e k N vale
0 < f
k
(x)
k
4/3
x
k
5/2
x
3

1
x
2
L([1, +))
ed il teorema di Convergenza Dominata permette di concludere che
lim
k+
_
[1,+)
f
k
=
_
[1,+)
f = 0 .
(N.b.: in [1, +) la convergenza `e addirittura uniforme, ma questo fatto non garan-
tisce la validit`a di quanto abbiamo appena aermato, perche la misura dellinsieme di
integrazione non `e nita.)
Se utilizziamo, per x (0, 1], la stima contenuta nel suggerimento, abbiamo
0 < f
k
(x)
k
4/3
x
1 + k
5/2
x
3

C
x
3/5
L((0, 1])
ed `e ancora possibile usare il teorema di Convergenza Dominata per concludere che
lim
k+
_
(0,1]
f
k
= 0.
Perci`o
lim
k+
_
(0,+)
f
k
= lim
k+
_
(0,1]
f
k
+ lim
k+
_
[1,+)
f
k
= 0 .
Ora rimane da dimostrare che
C > 0 t.c.
k
4/3
x
8/5
1 + k
5/2
x
3
C x (0, 1], k N.
Le funzioni g
k
(x) :=
k
4/3
x
8/5
1 + k
5/2
x
3
sono continue nel compatto [0, 1] , quindi dotate di
massimo assoluto. Per calcolarne il valore
g

k
(x) 0 x x
k
:=
_
8/7k
5/2
_
1/3
per cui
max
[0,1]
g
k
(x) = g
k
(x
k
) =
(8/7)
8/15
1 +
8
7
C.
5
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
09/07/2009 prof. M.Vignati versione a
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] Sia data la serie di funzioni
+

k=1
(1)
k
x
2
+ 1
k (1 + k
2
x
4
)
, x R.
i) Determinare gli insiemi di convergenza puntuale I e di convergenza assoluta E.
ii) Studiare la convergenza uniforme in E ed in I.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Per a parametro reale positivo sia dato il problema di Cauchy
_

_
y

=
y
x

xe
4x

y
y (4) = a
i) Determinarne esplicitamente una soluzione locale.
ii) Vericare che per ogni a > 0 esiste almeno una soluzione massimale denita in
(0, +) .
iii) Discutere, al variare di a, lunicit`a della soluzione massimale.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Siano dati gli insiemi
E

=
_
(x, y) R
2
: x > 0, y > x

_
> 0
e la funzione
f (x, y) =

y
x
2
+ y
3
.
Stabilire, giusticando il procedimento seguito, se f L(E

) per qualche (0, +) .


. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1
4] Sia data la successione {f
k
}
kN
di funzioni f
k
: (0, +) R, denite come
f
k
(x) :=
x
1/3
log (1 +

x)
x
4/3
+ k
2
x
k/2
.
i) Per quali k N si ha f
k
L((0, +))?
ii) Determinare, per x > 0, la funzione f (x) := lim
k+
f
k
(x) .
iii) Discutere la validit`a delle seguenti aermazioni:
a) lim
k+
_
(0,1)
f
k
=
_
(0,1)
f ; b) lim
k+
_
(1,+)
f
k
=
_
(1,+)
f .
2
1] Le funzioni u
k
(x) =
x
2
+ 1
k (1 + k
2
x
4
)
sono tutte positive, e per ogni x = 0 ssato si ha
u
k
(x)
c
k
3
, per cui la serie converge assolutamente. Invece u
k
(0) = 1/k, e quindi in
x = 0 la convergenza `e semplice, ma non assoluta.
Perci`o I = R ed E = R\ {0} .
In nessuno dei due insiemi si pu`o avere convergenza totale perche questa implicherebbe,
utilizzando il Teorema del Doppio Limite, la convergenza assoluta nel punto x = 0. Trat-
tandosi di una serie con termini di segno alternato, ed osservando che per ogni x R si
ha u
k
(x) 0, vale la stima di Leibnitz
|S (x) S
k1
(x)| u
k
(x)
per ogni x R. La convergenza uniforme in uno dei due insiemi indicati verrebbe perci`o
ad essere implicata dalla convergenza uniforme, alla funzione nulla, della successione
{u
k
} . Ci`o accade in I (e quindi anche in E).
Possiamo vericare questo fatto calcolando esplicitamente il valore massimo assunto da
u
k
in R : lo studio del segno di u

k
indica che questo valore viene assunto nei punti x
k
=

_
1 + k
2
1
_
1/2
, e la sostituzione di questi valori in u
k
porta ad avere u
k
(x) c/k
per ogni x R.
Alternativamente, si pu`o osservare che per |x| 1 si ha
u
k
(x)
2x
2
k
3
x
4

2
k
3
mentre per |x| 1
u
k
(x)
2
k
.
2] La funzione f (x, y) =
y
x

xe
4x

y `e di classe C
1
nellaperto = (0, +)
(0, +) , e quindi ogni problema di Cauchy con dato iniziale in ammette ununica
soluzione locale. Invece, per dati iniziali del tipo y (x
0
) = 0, con x
0
> 0, lesistenza
di almeno una soluzione locale `e ancora garantita dal teorema di Peano, ma lunicit`a
potrebbe non valere (a causa della non lipschitzianit`a di f).
Poiche a > 0, la sostituzione t (x) =
_
y (x) permette di trasformare il problema dato
(con equazione di Bernoulli) nel problema (con equazione lineare)
_

_
t

=
1
2x
t

x
2
e
4x
t (4) =

a
la cui soluzione locale `e
t (x) =
_
exp
_
x
4
ds
2s
__

a
1
2
_
x
4

se
4s
exp
_

_
s
4
du
2u
__
=

x
2
_

a
_
x
4
e
4s
ds
_
=

x
2
_
a 1 + e
4x
_
.
3
Perci`o la funzione y (x) = t
2
(x) =
x
4
{

a 1 + e
4x
}
2
`e la soluzione locale del problema
assegnato, e rimane valida no a che t (x) > 0.
Ovviamente la quantit`a

a 1 + e
4x
rimane positiva per ogni x (0, +) nel caso
a 1, ed in questo caso abbiamo ununica soluzione massimale. Se invece a < 1 la
funzione t si annulla (del I ordine) in un punto x
0
> 4, e la funzione
y (x) =
_

_
x
4
{

a 1 + e
4x
}
2
se 0 < x x
0
0 se x > x
0
rappresenta una soluzione massimale, denita in (0, +) .
Anche in questo caso si ha ununica soluzione massimale. Infatti: sia z una soluzione
non identicamente nulla in (x
0
, +) ; allora devono esistere punti x in cui
0 < z

(x) =
_
z (x)
x
_
_
z (x) x
3/2
e
4x
_
e questa condizione `e incompatibile con il fatto che
_
z (x) assuma valori arbitrariamente
vicini a zero.
3] Gli insiemi E

sono aperti (quindi misurabili in R


2
) ed f `e continua (quindi mis-
urabile) in E

. Poiche f > 0, dal Teorema di Tonelli abbiamo f L(E

) se e solo
se
+>
_
E

f =
_
+
0
_
+
x

y
x
2
+ y
3
dy dx .
Questo integrale iterato non `e facilmente calcolabile ma, sempre per il teorema di Tonelli,
possiamo aermare che f L(E

) se e solo se
+>
_
E

f =
_
+
0
_
y
1/
0

y
x
2
+ y
3
dx dy .
Poniamo, per comodit`a, = 1/ (0, +) e calcoliamo
_
y

y
x
2
+ y
3
dx =

y
y
3
_
y

0
dx
1 + (xy
3/2
)
2
=
1
y
_
y
(23)/2
0
dt
1 + t
2
=
1
y
arctan
_
y
(23)/2
_
.
Perci`o f L(E

) se e solo se g

(y) :=
1
y
arctan
_
y
(23)/2
_
L((0, +)) .
Se
3
2
e y + abbiamo g

(y) c/y con c > 0, per cui lintegrale diverge. Ma se


<
3
2
e y 0
+
si ha g

(y) /2y e lintegrale diverge anche in questo caso. Perci`o


per ogni > 0 `e g

/ L((0, +)) , e quindi f / L(E

) per ogni > 0.


4] Tutte le funzioni f
k
sono continue e positive in R
+
= (0, +) . Quando x 0
+
il
denominatore tende a zero con ordine
4
3
se
k
2

4
3
, cio`e se k 3; se invece k 2, il
4
denominatore `e innitesino di ordine
k
2
. Il numeratore, invece, `e sempre innitesimo di
ordine
5
6
. Perci`o
f
k
(x)
_
_
_
x
1/3
se k = 1
1/4x
1/6
se k = 2
1/

x se k 3
e non vi sono mai problemi di integrabilit`a in un intorno destro di x = 0.
Quando invece x +il numeratore di f
k
tende allinnito asintoticamente a
1
2
x
1/3
log x,
mentre il denominatore `e innito di ordine
4
3
se k 2, e di ordine
k
2
se k 3.
Perci`o
f
k
(x)
_

_
log x
2x
se k 2
log x
k
2
1
x

k
2

1
3
se k 3
da cui si ricava che f
k
L((0, +)) se e solo se k 3.
Per k + si ha k
2
x
k/2
0 nel caso x (0, 1) , mentre k
2
x
k/2
+ se x 1.
Perci`o
f (x) := lim
k+
f
k
(x) =
log (1 +

x)
x

(0,1)
(x)
e la convergenza `e certamente monotona decrescente per x > 1.
Il passaggio al limite sotto al segno di integrale `e valido sia nel caso a) che nel caso b).
Infatti
0
x
1/3
log (1 +

x)
x
4/3
+ k
2
x
k/2

x
1/3
log (1 +

x)
x
4/3
=
log (1 +

x)
x
L((0, 1)) ,
e, per ogni k 3,
0 f
k
(x) f
3
(x) L((1, +)) .
5
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
17/09/2009 prof. M.Vignati versione a
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] Sia data la serie di potenze
+

k=2
(1)
k+1
3
k
k!
_
(k 1)! + 3
k

x
4k
, x R.
i) Determinare linsieme E di convergenza puntuale.
ii) Stabilire se in E la convergenza `e uniforme.
iii) Calcolarne, in forma chiusa, la somma S (x).
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Per , R `e dato il problema di Cauchy
_
_
_
4x
2
y

8xy

+ 5y = 4

x
y (1) =
y

(1) =
i) Determinarne esplicitamente la soluzione massimale y.
ii) Posto g (x) :=
y (x)
(x + 1)
2
, stabilire per quali , si ha g L(R
+
) .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Per (0, +) sono denite le funzioni
f

(x, y) :=
xy
(3x
2
y
2
)

.
i) Stabilire, giusticando il procedimento seguito, per quali si ha f

L(E) , dove
E :=
_
(x, y) R
2
: 1 < x
2
+ y
2
2x
_
.
ii) Per questi valori calcolare
_
E
f

.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4] i) Vericare che lequazione dierenziale
() x
_
3x
2
4x + 1
_
y

2 (2x 1) y

2 (3x 2) y = 0
ammette una soluzione del tipo u(x) = x
a
per qualche a R.
ii) Risolvere, al variare di A, B R, il problema di Cauchy
(PC)
_
_
_
()
y (2) = A
y

(2) = B
.
iii) Per quali A, B R esiste una soluzione del (PC) che soddisfa y (1) = y
0
R?
1
1] Posto x
4
= y ( 0) , abbiamo una serie di potenze T (y) =

(1)
k+1
a
k
y
k
, in cui i
termini a
k
sono tutti positivi. Utilizziamo il criterio del rapporto
a
k+1
a
k
=
k! + 3
k+1
3
k+1
(k + 1)!
3
k
k!
(k 1)! + 3
k

3
k
(k!)
2
3
k+1
(k + 1)! (k 1)!
=
k
2
3 (k
2
+ k)

1
3
per determinarne il raggio di convergenza = 3. Per y = 3 non c`e convergenza, perche
a
k
1/k. Vericare il comportamento per y = 3 pu`o non essere agevole, perche il criterio
di Leibniz pu`o essere applicato solo dopo aver accertato che a
k
0.
Conviene per`o osservare che la serie T `e somma delle due serie
U (y) =
+

k=2
(1)
k+1
3
k
k
y
k
e V (y) =
+

k=2
(1)
k+1
k!
y
k
,
che hanno raggi di convergenza, rispettivamente, 3 e +, e che convergono in y = 3.
Quindi, T converge per y (3, 3], e linsieme di convergenza di S `e E =
_

3,
4

.
La convergenza `e uniforme in E; infatti, il teorema di Abel permette di concludere che
T converge uniformemente in [0, 3] .
La funzione T pu`o essere facilmente ricavata come
T (y) = U (y) + V (y) =
+

k=2
(1)
k+1
(y/3)
k
k

+

k=2
(y)
k
k!
=
=
_
log
_
1 +
y
3
_

y
3
_

_
e
y
1 + y

= log
_
1 +
y
3
_
e
y
+ 1
4
3
y
da cui segue che
S (x) = log
_
1 +
x
4
3
_
e
x
4
+ 1
4
3
x
4
per x E.
2] Abbiamo unequazione di Eulero non omogenea, da studiare solo per x I =
(0, +) . Lequazione omogenea associata pu`o essere trasformata in unequazione lineare
nella incogita z (t) = y (e
t
) oppure, pi` u velocemente, possiamo cercarne soluzioni della
forma y (x) = x

. In entrambi i casi otteniamo lequazione


4
2
12 + 5 = 0 = =
1
2
e =
5
2
.
Lequazione omogenea associata ha perci`o integrale generale
y
H
(x) = c
1
x
5/2
+ c
2

x c
1
, c
2
R.
La natura del termine non omogeneo 4

x garantisce che una soluzione particolare pu`o


essere trovata tra le funzioni della forma u(x) = A

x log x, per un opportuno A R.


2
Sostituendo, otteniamo
4

x = 4x
2
A
_

1
4
x
3/2
log x
_
8xA
_
1
2
x
1/2
log x + x
1/2
_
+ 5A

x log x
= 8A

x
da cui A = 1/2. Cos`, la soluzione generale dellequazione assegnata `e
y (x) =

x
_
c
1
x
2
+ c
2

1
2
log x
_
, c
1
, c
2
R
denita per ogni x > 0. Inserendo le condizioni iniziali troviamo poi
y (x) =

x
4
_
(2 + 1) x
2
+ (5 2 1) 2 log x

.
La funzione g (x) :=
y (x)
(x + 1)
2
risulta integrabile in R
+
se e solo se 2 + 1 = 0.
3] Linsieme E `e misurabile perche ottenuto come dierenza del disco chiuso di centro
(1, 0) e raggio 1, e del disco aperto di centro (0, 0) e raggio 1. Tutte le f

sono misurabili
in E, perche q.o. continue.
Linsieme E `e simmetrico rispetto allasse x, e le f

sono dispari in y, per cui se f

L(E)
si ha
_
E
f

= 0.
Utilizziamo queste simmetrie, il passaggio alle coordinate polari nel piano, e il teorema
di Tonelli per concludere che
f

L(E) f

L
_
E
+
_

_
E
+
f

< +
+>
_
/3
0
_
_
2 cos
1

2
cos sin
_
3 cos
2
sin
2

2
d
_
d
=
_
/3
0
cos sin
_
3 cos
2
sin
2

__
2 cos
1

32
d
_
d.
Lintegrale interno fornisce una funzione G

() :=
_
2 cos
1

32
d che pu`o essere calco-
lata esplicitamente:
G

() =
_
(2 cos )
42
1

1
4 2
se = 2; G
2
() = log (2 cos ) .
Tuttavia, anche senza questa espressione esplicita, si osserva che G

`e una funzione
continua e decrescente nellintervallo [0, /3] , e si annulla del I ordine in =

3
. Perci`o
f

L(E)
_
/3
0
G

() cos sin
_
3 cos
2
sin
2

d < +.
La funzione integranda `e continua in [0, /3] , e per

3

ha un comportamento
asintotico a c
_

3

_
1
, per unopportuna costante c > 0. Quindi
f

L(E) < 2.
3
4] Sostituendo u(x) = x
a
in () otteniamo la relazione
0 x
a1
_
3
_
a
2
a 2
_
x
2
+ 4
_
1 a
2
_
x +
_
a
2
+ a
_
che `e soddisfatta per a = 1.
Cerchiamo una seconda soluzione di () della forma v (x) = u(x) t (x) =
t (x)
x
. Si ricava
0 x
_
3x
2
4x + 1
_
1
x
3
_
x
2
t

2xt

+ 2t
_
2 (2x 1)
xt

t
x
2
2 (3x 2)
t
x
=
_
3x
2
4x + 1
_
t

2 (3x 2) t

e la sostituzione z = t

porta allequazione lineare, del I ordine, (3x


2
4x + 1) z


2 (3x 2) z = 0, da cui segue
z (x) = 3x
2
4x + 1; t (x) = x
3
2x
2
+ x; v (x) = (x 1)
2
.
La soluzione generale di () `e perci`o
y (x) = c
1
(x 1)
2
+
c
2
x
, c
1
, c
2
R.
Sostituendo le condizioni iniziali otteniamo la soluzione del (PC) , denita in (0, +) ,
y (x) =
A + 2B
5
(x 1)
2
+
4
5
(2A B)
1
x
.
Per essere denita anche per x < 0 va imposta la scelta B = 2A, da cui si ottiene la
funzione
y (x) =
y
0
4
(x 1)
2
.
4
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
12/11/2009 prof. M.Vignati
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] Per n 1 intero e per p (0, +) si considerino le funzioni
f
n
(x) :=
x
2
n
p
x
1 + n
2
x
2
, x (0, +) .
i) Studiare, al variare di p > 0, la convergenza puntuale di {f
n
} in (0, +), determi-
nando leventuale funzione limite f.
ii) Stabilire per quali p la convergenza di {f
n
} ad f `e uniforme in (0, +) .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] i)Determinare, al variare del parametro reale > 3, la soluzione locale del problema
di Cauchy
(

)
_
y

= 4x

y 3
y (1) =
.
ii) Vericare che, nel caso = 4, il problema
(
4,
)
_
y

= 4x

y 3
y (1) = 4; y (1) =
ammette soluzione se e solo se 3 4.
iii) Determinare, al variare di (3, +) , quante e quali sono le soluzioni di (

)
denite per ogni x R.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Per m parametro reale positivo, siano dati gli insiemi
E
m
=
_
(x, y) R
2
: x
2
+ y
2
1; y > max (2mx; mx)
_
e la funzione
f (x, y) =
|x| y
y
2
x
2
.
i) Determinare per quali m (0, +) si ha f L(E
m
) .
ii) Per questi valori, calcolare il valore
_
E
m
f.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4] Calcolare, motivando il procedimento seguito, il
lim
n+
_
n
1
_
x
n
+ (n 2) (x
3
x
2
+ x 1)
x
n
(1 + x
2
)
_
dx .
1
1] Fissato un qualunque x > 0, per n + si ha
f
n
(x)
n
p
x
n
2
x
2
= n
p2
/x
_
_
_
0 se p < 2
1/x se p = 2
se p > 2
e quindi c`e convergenza puntuale se e solo se p 2, alla funzione limite
f (x) =
_
0 se 0 < p < 2
1/x se p = 2
.
Ogni funzione f
n
soddisfa lim
x0
+
f
n
(x) = 0 e, nel caso p = 2, lim
x0
+
f (x) = ; il teorema
del Doppio Limite implica perci`o che se p = 2 la convergenza di {f
n
} ad f in (0, +)
non `e uniforme.
Per 0 < p < 2 c`e convergenza uniforme se e solo se
f
n

:= sup
x>0
|f
n
(x)| 0.
Dallo studio del segno di f
n
e di f

n
scopriamo che f
n
decresce nellintervallo [0, x
n
] , dove
x
n
:= n
p2
+

n
2
+ n
2p4
da quota f
n
(0) = 0 a quota f
n
(x
n
) , per poi crescere no a quota f
n
(+) = n
2
.
Evitando calcoli complicati, osserviamo che
f
n

f
n
_
1
n
_

=
|n
2
n
p1
|
2

n
p1
2
da cui si deduce che, per p 1, non si ha convergenza uniforme in quanto f
n

0.
Invece, per p < 1 :
|f
n
(x)|
x
2
1 + n
2
x
2
+
n
p
x
1 + n
2
x
2

1
n
2
+
nx
1 + n
2
x
2
n
p1

1
n
2
+
1
2
n
p1
0.
Riassumendo, la {f
n
} converge ad f uniformemente in (0, +) se e solo se 0 < p < 1.
2] La funzione f (x, y) = 4x

y 3 `e di classe C

nellinsieme = R(3, +) , e
quindi ogni problema (

) ammette ununica soluzione locale y

. Separando le variabili,
si arriva alla relazione
(

)
_
y (x) 3 = x
2

_
1

3
_
che porta, no a che il secondo membro rimane positivo, allunica soluzione
y

(x) = 3 +
_
x
2
+

3 1

2
.
Nel caso

3 > 1, cio`e > 4, questo accade per ogni x R, ed in questo caso c`e
unicit`a globale della soluzione.
2
Se, invece, 3 < 4, il II membro di (

) si annulla nel punto


x

:=
_
1

3 [0, 1).
La soluzione y

pu`o comunque essere prolungata a tutto R ponendo y

(x) = 3 per ogni


x (, x

].
A causa del segno di f, questo `e lunico prolungamento possibile nellintervallo [0, x

] .
Invece, a sinistra di x = 0 ci sono inniti modi di prolungare la soluzione y

; questi
prolungamenti hanno la forma
y
,x
0
(x) =
_
_
_
3 +
_
x
2
+

3 1

2
se x [ x

, +)
3 se x [x
0
, x

]
3 + [x
2
x
2
0
]
2
se x (, x
0
]
per ogni scelta di x
0
0 x

< 1.
Per = 4 si ha x
4
= 0 e
y
4,x
0
(1) =
_
3 se x
0
1
3 + (1 x
2
0
)
2
se 1 < x
0
0
.
Quindi, il problema (
4,
) ha soluzione se e solo se [3, 4] .
3] Ogni regione E
m
`e contenuta nel semipiano superiore, ed `e ottenuta intersecando un
disco chiuso con due semipiani aperti. Perci`o, sono tutti insiemi misurabili. La funzione
f `e denita quasi ovunque, e continua. Passando a coordinate polari la regione E
m
pu`o
essere descritta come

E
m
= {(, ) : 0 < 1;
0
< <
1
}
dove
0
= arctan 2m (0, /2) e
1
= arctan m (/2, ) , mentre la funzione f
assume la forma

f (, ) =
|cos | sin
sin
2
cos
2

.
Utilizzando coordinate polari ed i teoremi di Tonelli e Fubini otteniamo che f L(E
m
)
se e solo se
+>
_
E
m
|f| =
_

E
m

f (, )

dd =
_
1
0
_

1

0
|cos | sin

sin
2
cos
2

dd
=
__
1
0
d
_
_
_

1

0
|cos | sin

sin
2
cos
2

d
_
=
1
2
_
_
/2

0
sin cos

2 sin
2
1

d
_

1
/2
sin cos

2 sin
2
1

d
_
=
1
2
__
1
t
0
t
|2t
2
1|
dt +
_
1
t
1
t
|2t
2
1|
dt
_
3
dove 0 < t
0
= sin
0
e 0 < t
1
= sin
1
. Anche i due integrali siano convergenti `e
necessario, e suciente, che
_
2/2 < t
0
= sin
0

2/2 < t
1
= sin
1

_

0
> /4

1
< 3/4

_
arctan 2m > /4
arctan m > /4

_
2m > 1
m > 1
m > 1.
Quindi
_
E
m
|f| = + se m 1, mentre per m > 1 si ha
_
E
m
f =
1
2
__
1
t
0
t
2t
2
1
dt +
_
1
t
1
t
2t
2
1
dt
_
=
1
8
_
log
_
2t
2
1
_

1
t
0
+ log
_
2t
2
1
_

1
t
1
_
=
1
8
_
log
_
2t
2
0
1
_
log
_
2t
2
1
1
__
.
Ricordando che
0
= arctan 2m e
1
= arctan m, otteniamo quindi
_
E
m
f =
1
8
log
(m
2
+ 1) (4m
2
+ 1)
(m
2
1) (4m
2
1)
.
4] Le funzioni integrande sono, per n 2, non negative, e possiamo quindi vedere ogni
integrale (di Riemann) come un integrale secondo Lebesgue. Pi` u precisamente, conviene
considerare le funzioni
f
n
(x) :=
_
_
_
x
n
+ (n 2) (x
3
x
2
+ x 1)
x
n
(1 + x
2
)
se 1 x n
0 se x > n
e calcolare il lim
n+
_
[1,+)
f
n
.
Per ogni x ssato e n +
f
n
(x)
x
n
x
n
(1 + x
2
)

1
1 + x
2
=: f (x) .
Per la successione di funzioni g
n
(x) :=
x
n
+ (n 2) (x
3
x
2
+ x 1)
x
n
(1 + x
2
)
, x [1, +),
valgono le relazioni:
0 f
n
(x) g
n
(x) e lim
n+
f
n
(x) = lim
n+
g
n
(x) = f (x) .
Lesistenza di una funzione h L([1, +)) tale
g
n
(x) h(x) q.o. in [1, +) e n n
0
permetterebbe di calcolare il limite richiesto applicando il Teorema di Convergenza Do-
minata. Per n 3 tutte le g
n
sono innitesime del II ordine, quando x +, e questo
4
suggerisce di cercare una funzione h del tipo h(x) =
c
1 + x
2
, per qualche opportuna
costante c > 0. Poich`e x 1, vale la seguente catena di implicazioni
g
n
(x)
c
1 + x
2

(n 2) (x 1)
x
n

c 1
1 + x
2
=
(n 2) (x 1)
x
n

c 1
2x
2

(n 2) (x 1)
x
n2

c 1
2
e per n 4 la funzione
(n 2) (x 1)
x
n2
ammette massimo assoluto a quota
_
1 +
1
n 3
_
3n

1
2
.
Perci`o, per ogni n 4 e ogni x [1, +) accade che
0 f
n
(x) g
n
(x)
2
1 + x
2
=: h(x) L([1, +)) .
Dal teorema di Convergenza Dominata segue allora che per n +
_
n
1
_
x
n
+ (n 2) (x
3
x
2
+ x 1)
x
n
(1 + x
2
)
_
dx
_
[1,+)
dx
1 + x
2
=

4
.
5
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
27/01/2010 prof. M.Vignati
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] Sia data la serie di funzioni reali di variabili reale
+

n=1
(x 1)
n
1 + (x
2
+ 1)
n
.
i) Determinare linsieme E R di convergenza puntuale.
ii) Descrivere i sottoinsiemi di E in cui la convergenza `e uniforme.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Determinare, al variare dei parametri reali a, b, quante e quali sono le soluzioni
dellequazione dierenziale
x
2
y

2x (1 x) y

+ 2 (1 x) y = 0
che soddisfano le condizioni
y (0) = a e y

(0) = b .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Determinare per quali R si ha f L(E

) , dove
f (x, y) =
3

x
x + y
, E

=
_
(x, y) R
2
: x 1, 0 < x

y < 1
_
.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4] Calcolare, giusticando il procedimento seguito, il
lim
n+
_
[2,5]
x
2
(x + 2n)
1 + n|x|
5/2
dx .
1
1] Le funzioni u
n
(x) =
(x 1)
n
1 + (x
2
+ 1)
n
sono denite per ogni x R, e poiche 1
(x
2
+ 1)
n
il denominatore `e compreso tra (x
2
+ 1)
n
e 2 (x
2
+ 1)
n
. Cos`
1
2
_
|x 1|
1 + x
2
_
n
|u
n
(x)|
_
|x 1|
1 + x
2
_
n
e quindi, dal punto di vista della convergenza, il comportamento della serie considerata
`e identico a quello della serie geometrica di ragione
|x 1|
1 + x
2
.
Da un semplice confronto graco si ricava che la serie

u
n
converge puntualmente se e
solo se x (, 1) (0, +) ; la convergenza non `e uniforme negli intorni di x = 1
e x = 0, ed `e totale in ogni insieme della forma (, 1 ] [, +), > 0.
2] Sostituendo le condizioni richieste nellequazione dierenziale scopriamo che se a = 0
non esistono soluzioni. Lequazione dierenziale `e lineare e, se posta in forma normale
y

=
2 (1 x)
x
y

2 (1 x)
x
2
y
ha coecienti continui in (, 0) (0, +) . Una soluzione dellequazione `e facilmente
individuabile nella u(x) = x, ed unaltra pu`o essere trovata ponendo y (x) = xv (x) , da
cui: y

= v + xv

, y

= 2v

+ xv

, e
0 = x
2
(2v

+ xv

) 2x (1 x) (v + xv

) + 2 (1 x) xv
= x
3
(v

+ 2v

) .
Cos` v

(x) = e
2x
, da cui si ottiene che ogni multiplo della funzione y (x) = xe
2x
soddisfa lequazione dierenziale. La famiglia di funzioni y (x) = x [c
1
+ c
2
e
2x
] , c
1
, c
2

R, rappresenta perci`o la generica soluzione dellequazione dierenziale in (, 0) e in
(0, +) . Quindi ogni soluzione dellequazione dierenziale, che sia due volte derivabile
anche in x = 0, va cercata tra le funzioni della forma
y (x) =
_
x [c
1
+ c
2
e
2x
] se x > 0
x [d
1
+ d
2
e
2x
] se x < 0
.
Nessuna restrizione va posta per quel che riguarda la continuit` a; se invece richiediamo
che y

(0) = b, ne segue che ad ogni valore b R corrisponde la doppia innit`a di


soluzioni
y (x) =
_
x [(b c) + ce
2x
] se x 0
x [(b d) + de
2x
] se x 0
dove c, d R. Tra queste, solo la scelta c = d porta ad avere funzioni due volte derivabili
in x = 0. Perci`o, il problema ammette le innite soluzioni y (x) = x [(b c) + ce
2x
] ,
c R.
3] Linsieme E

si ottiene come unione di un aperto di R


2
con un segmento verticale,
ed `e perci`o misurabile. La funzione f `e denita e continua in E

, quindi misurabile.
Inoltre, f `e limitata sullinsieme (limitato)
F

= E

{[1, ] (0, +)}


2
quindi f L(F

) . In E

\ F

la funzione assume solo valori positivi e quindi, per il


teorema di Tonelli
f L(E

)
_
E

\F

f < +
cio`e se e solo se
+>
_
+

_
_
1/x

0
3

x
x + y
dy
_
dx =
_
+

x log
_
1 + x
1
_
dx
e questo fatto si verica se e solo se + 1
1
3
> 1, cio`e >
1
3
.
4] Ogni funzione f
n
(x) =
x
2
(x + 2n)
1 + n|x|
5/2
`e denita, continua e positiva in [2, 5] . Inoltre,
se n +, la successione converge puntualmente alla funzione limite f (x) =
2
_
|x|
(tranne che per x = 0, dove f (0) = 0). Lesistenza di una funzione h L([2, 5]) tale
che f
n
(x) h(x) per q.o. x garantirebbe la possibilit`a di passare al limite sotto il segno
di integrale. Data la forma di f, `e naturale provare a vedere se una funzione del tipo
h(x) =
c
_
|x|
pu`o svolgere questo ruolo. Poiche
x
2
(x + 2n)
1 + n|x|
5/2
_
|x|
x + 2n
n
7
la funzione h(x) =
7
_
|x|
ci permette di applicare il teorema di Convergenza Dominata,
e concludere che
lim
n+
_
[2,5]
x
2
(x + 2n)
1 + n|x|
5/2
dx =
_
[2,5]
2
_
|x|
dx = ... = 4
_

2 +

5
_
.
3
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
11/02/2010 prof. M.Vignati
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1]
`
E data, per n N, la successione di funzioni reali di variabile reale
f
n
(x) :=

nx + 1
x + n
e
x/n
.
i) Determinare linsieme E R di convergenza puntuale e la funzione limite f : E R.
ii) Stabilire se la convergenza di {f
n
} ad f `e uniforme in E.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Si consideri, per ogni > 0, il problema di Cauchy
(

)
_
_
_
y

+ 2y cos x +

y sin (2x) = 0
y (0) =
2
.
i) Determinare la soluzione locale di (

) .
ii) Osservare che ogni (

) ha almeno una soluzione globale, denita in R.


iii) Determinare i valori per i quali la soluzione globale `e unica.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Determinare per quali R si ha f

L(E) , dove
f

(x, y, z) =
(x
2
+ y
2
) (x + y)
2

z
y

e
E =
_
(x, y, z) R
3
: x
2
+ y
2
< 4, y > 0, 0 < z <
3

x + y
x
2
+ y
2
_
.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4] Siano A = {(u, v) R
2
: 0 < |v| < u} e B = {(x, y) R
2
: x, y > 0} e sia : A B
denita come
(x, y) = (u, v) :=
_
(u + v)
2
4
,
(u v)
2
4
_
.
i) Vericare che `e un dieomorsmo globale tra A e B.
ii) Per ogni b > 0 determinare limmagine (S
b
) del segmento
S
b
= {(u, v) A : u = b} .
iii) Calcolare
_
E
f, dove f (x, y) :=
x y +

x +

y
2

xy
ed
E = {(x, y) R
2
: 3 x + y + 2

y 5}.
1
1] Ogni f
n
`e denita, continua e positiva in [
1
n
, +), e quindi il loro insieme comune
di denizione `e [0, +). Si ha f
n
(0) = 1/n 0 se n +, mentre per x > 0 `e
f
n
(x)

x/n 0 ,
cos` E = [0, +) e f (x) 0 in E.
Dallo studio della derivata prima otteniamo
f

n
(x) =
e
x/n
2n(x + n)
2

nx + 1
_
2nx
2
+
_
3n
2
+ 2
_
x n
3
+ 4n

da cui si ricava che f


n
ammette massimo assoluto in
x
n
=
3n
2
2 +

17n
4
20n
2
+ 4
4n
cn +,
dove c =

17 3
4
, a quota
f
n
( x
n
) f
n
(cn) = e
c

1 + cn
2
(1 + c) n

e
c

c
1 + c
> 0.
Perci`o, non c`e convergenza uniforme in E (mentre c`e conv. unif. nei sottoinsiemi
limitati di E).
2] Il problema di Cauchy (equazione di Bernoulli, con coecienti continui in R) ammette
una e una sola soluzione locale y, ricavabile utilizzando la sostituzione y = z
2
. Il problema
equivale a
(

)
_
_
_
z

= z cos x sin x cos x


z (0) =
,
almeno no a quando z (x) > 0. Integrando (

) si ottiene
z

(x) = 1 sin x + ( 1) e
sin x
.
Studiando il segno di queste funzioni, si nota che quando > 1 si ha z

(x > 0) per ogni


x R, e quindi (

) ha lunica soluzione y

(x) =
_
1 sin x + ( 1) e
sin x

2
, denita
e positiva in tutto R.
Se 1, invece, z

si annulla in un punto x
0
[3/2, 0) e in un punto x
1
(0, /2]. A
sinistra di x
0
e a destra di x
1
possiamo prolungare con derivabilit`a la soluzione y

= z
2

ponendo y

(x) = 0, ottenendo almeno la soluzione


y

(x) =
_
_
_
0 se x x
0
_
1 sin x + ( 1) e
sin x

2
se x [x
0
, x
1
]
0 se x x
1
.
Daltra parte, ci sono anche inniti altri prolungamenti possibili. Ad esempio, in ogni
intervallo della forma [(3/2) + 2k, (/2) + 2k] , k Z, possiamo utilizzare una
qualsiasi delle funzioni z
2

k
, con 0 <
k
1.
2
3] Linsieme E `e misurabile, perch`e aperto in R
3
. Ogni f
a
`e continua e positiva in E,
per cui possiamo utilizzare il criterio di Fubini-Tonelli per legare lintegrabilit`a di f
a
alla limitatezza di uno qualsiasi degli integrali iterati. Passando a coordinate cilindriche
(rispetto allasse z) la regione E `e descritta dalla relazioni
0 < < 2; 0 < < 3/4; 0 < z <
5/3
(cos + sin )
1/3
e quindi f
a
L(E) se e solo se
+>
_
2
0
_
3/4
0
_
_

5/3
(cos +sin )
1/3
0

z dz
_

2+a
(cos + sin )
2a
(sin )
a
dd
=
2
3
_
2
0
_
3/4
0
_

5/3
(cos + sin )
1/3
_
3/2

2+a
(cos + sin )
2a
(sin )
a
dd
=
2
3
__
2
0

a+(1/2)
d
_
_
_
3/4
0
(cos + sin )
2a+(1/2)
(sin )
a
d
_
e questo accade se e solo se sono contemporaneamente niti i tre integrali
_

0

a+(1/2)
d ;
_

0
(sin )
a
d ;
_

0
(sin )
2a+(1/2)
d ,
per qualche 0 < < 1 (abbiamo utilizzato =
3
4
, per comodit`a). Cos`
_

_
a
1
2
< 1
a < 1
2a
1
2
< 1
da cui si ottiene a
_

3
4
, 1
_
.
4] Gli insiemi A e B sono aperti in R
2
, e la mappa `e polinomiale, quindi certamente
di classe C
1
(A) .
Se (u
0
, v
0
) , (u
1
, v
1
) A, con (u
0
, v
0
) = (u
1
, v
1
) , si ha
_
u
0
+ v
0
= u
1
+ v
1
u
0
v
0
= u
1
v
1
=
_
u
0
= u
1
v
0
= v
1
e questo prova che `e injettiva.
Per (x, y) B, `e (x, y) = (u, v) per (u, v) =
_

x +

y,

y
_
A, e quindi `e
surjettiva.
Inoltre
J(u, v) =
_
(u + v) /2 (u + v) /2
(u v) /2 (u v) /2
_
e quindi det J(u, v) =
v
2
u
2
2
= 0 in A. Questo mostra che `e un dieomorsmo
globale tra A e B.
3
Il segmento S
b
pu`o essere parametrizzato come {(b, t) : b < t < b} , e quindi
(S
b
) =
__
(b + t)
2
4
,
(b t)
2
4
_
: b < t < b
_
da cui
t = 2

x b = b 2

y =

x +

y = b
e quindi (S
b
) `e la parte del graco della funzione y (x) = (b

x)
2
corrispondente a
x (0, b
2
) .
Lintegrale
_
E
f pu`o essere calcolato direttamente oppure, tenendo conto dei primi
due punti dellesercizio, operando il cambiamento di variabili (x, y) = (u, v) :
_
E
f (x, y) dx dy =
_

1
(E)
f ((u, v)) |det J(u, v)| dudv
=
_

1
(E)
2u(1 + v)
u
2
v
2
u
2
v
2
2
dudv
=
_

5

3
__
u
u
u(1 + v) dv
_
du
= 2
_

5

3
u
2
du =
2
_
5

5 3

3
_
3
.
4
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
25/06/2010 prof. M.Vignati versione a
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] i) Stabilire per quali valori R si ha f

L(E) , dove
f

(x, y) =
|y
2
x
2
|

y
x
2
+ y
2
, E =
_
(x, y) R
2
: x > 0, x
2
< y
2
< 1 + x
2
_
.
ii) Calcolare, quando esiste,
_
E
f

.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Per a parametro reale `e dato il problema di Cauchy
_
_
_
y

=
3

x y
2
y (1) = a
i) Determinarne esplicitamente soluzione locale y
a
e tracciarne un graco qualitativo.
ii) Per quali a la soluzione y
a
`e denita almeno per ogni x (0, +)?
iii) Per quali a si ha y
a
L((0, +))?
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Per ogni p (0, +) `e data la successione numerica
I
k
=
_
(0,k)
k
p
e
k/x
x
2
(x + 2)
dx k = 1, 2, ...
i) Vericare che lim
k+
I
k
= 0 per ogni p < 2.
ii) Dimostrare che lim
k+
I
k
= + se p > 2.
iii) Calcolare lim
k+
I
k
nel caso p = 2.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4] Per , R `e assegnato il problema di Cauchy
()
_
3x
2
y

+ 5xy

y = 2 (3 + 11 4) x +
4 ( + 2 1)
x
y (1) = ; y

(1) =
i) Determinare la soluzione locale di () , al variare di e .
ii) Per quali coppie (, ) il problema () ammette almeno una soluzione denita per
ogni x R?
1
1] Linsieme E `e un aperto in R
2
(quindi `e misurabile), simmetrico rispetto allasse
x. Tutte le f

sono denite e continue (quindi misurabili) in E, dispari rispetto alla


variabile y. Perci`o, se f

L(E) , si ha certamente
_
E
f

= 0. Inoltre, a causa delle


simmetrie, si ha f

L(E) f

L(E
+
) , dove E
+
= E {y > 0} . Nel passaggio
a coordinate polari linsieme E
+
viene descritto come

E
+
=
_
(, ) :

4
< <

2
, 0 < < r ()
_
dove r () =
_
sin
2
cos
2

_
1/2
.
Utilizzando il teorema di Tonelli ed il teorema di cambiamento di variabili abbiamo:
f

L
_
E
+
_
+>
_
/2
/4
sin
_
sin
2
cos
2

_
_
r()
0

2
d
_
d .
Lintegrale interno converge solo per >
1
2
; in questo caso
f

L
_
E
+
_
+>
_
/2
/4
sin
_
sin
2
cos
2

r
2+1
() d
=
_
/2
/4
sin
_
sin
2
cos
2

d
e questultimo integrale converge e non dipende da .
Perci`o f

L(E) >
1
2
.
2] Lequazione dierenziale (a variabili separabili) soddisfa le condizioni del teorema di
esistenza e unicit`a locale per un problema di Cauchy centrato in qualsiasi punto di R
2
.
Cos`, se a = 0 il problema ammette lunica soluzione (globale) y (x) 0. Se invece a = 0
`e certamente y
a
(x) = 0 in un opportuno intorno di x = 1; inoltre, y
a
mantiene sempre il
segno di a. Integrando rispetto ad x la relazione y

y
2
=
3

x otteniamo, tenendo conto


del dato iniziale,
_
y
1
_

=
_
3
4
x
4/3
_

_
1
a

1
y (x)
_
=
3
4
x
4/3

3
4
y
a
(x) =
4/3
_
1 +
4
3a
_
x
4/3
.
La soluzione y
a
`e denita nel pi` u ampio intorno di x = 1 in cui il denominatore rimane
diverso da 0, e presenta asintoti verticali l`a dove il denominatore si annulla. Studiando
il segno del denominatore, si trova che per ogni a > 0 la soluzione presenta due asintoti
verticali, simmetrici rispetto a x = 0; `e denita per ogni x R se a (4/3, 0]; `e
denita per ogni x > 0 se a = 4/3; `e denita in un intervallo del tipo ( x, +) , con
0 < x < 1, se a < 4/3.
Ne segue che la risposta al punto ii) `e a [4/3, 0] , mentre la risposta al punto iii) `e
a (4/3, 0] (infatti, per a = 4/3 la soluzione `e y (x) = 4/3x
4/3
).
3] Una delle possibili vie per arontare il problema consiste nelloperare il cambio di
variabile t = k/x, da cui
I
k
=
_
(1,+)
k
p1
te
t
(2t + k)
dt.
2
Per ogni t > 1 la successione di funzioni g
k
(t) =
k
p1
te
t
(2t + k)
ammette limite g (t) per
k +, con
g (t) 0 se p < 2; g (t) = te
t
se p = 2; g (t) + se p > 2.
Per quanto riguarda il punto ii), osserviamo che per p > 2
+ g (t) = lim
k
g
k
(t) = liminf
k
g
k
(t)
e tutte le g
k
sono non negative; utilizziamo il lemma di Fatou per ottenere
+=
_
(1,+)
g =
_
(1,+)
liminf
k
g
k
liminf
k
_
(1,+)
g
k
= liminf
k
I
k
da cui lim
k+
I
k
= +.
Se invece p 2 osserviamo che, sempre per t > 1,
0 g
k
(t) =
k
p1
te
t
(2t + k)
k
p2
te
t
te
t
=: h(t) L((1, +)) .
Possiamo perci`o applicare il teorema di Convergenza Dominata, ottenendo I
k

_
(1,+)
g.
La tesi i) segue immediatamente, mentre per p = 2 si ha I
k

_
(1,+)
te
t
dt =
2
e
.
4] Si tratta di unequazione dierenziale di Eulero, con coecienti innitamente deriv-
abili in R
+
= (0, +) . Per risolvere lequazione omogenea associata `e possibile ricorrere
alla sostituzione z (t) = y (e
t
) , che la trasforma in unequazione lineare a coecienti
costanti. In alternativa, la ricerca di soluzioni della forma y (x) = x

porta a
3( 1) + 5 1 = 0 = =
1
3
e = 1.
Cos` lintegrale generale dellequazione omogenea associata ha la forma
y
H
(x) = c
1
x
1/3
+ c
2
/x.
I due addendi g
1
(x) = 2 (3 + 11 4) x e g
2
(x) =
4 ( + 2 1)
x
portano quindi
alla ricerca di una soluzione particolare dellequazione non-omogenea che sia esprimibile
come somma di due addendi u
1
(x) = Ax e u
2
(x) =
B log x
x
, per opportuni A, B R.
Inserendo i dati iniziali, si ottiene la soluzione
y (x) =
3
4
(3 8)
3

x +
+ 2 1
4
1
x
+
3 + 11 4
2
x ( + 2 1)
log x
x
denita per ogni x R
+
.
Perche questa funzione rimanga limitata quando x 0
+
va richiesto che +2 1 = 0
e, una volta soddisfatta questa richiesta, va poi imposto anche che y

sia derivabile in
x = 0. Questo porta allulteriore condizione 3 8 = 0. Ne risulta che la risposta al
punto ii) viene dalla coppia di valori = = 1/3.
3
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
9/7/2010 prof. M.Vignati versione a
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1]
`
E data la serie di funzioni reali di variabile reale
+

k=1
k
x
2
6x
(k 1) x
1 + k
2
.
i) Determinarne linsieme di convergenza puntuale.
ii) Stabilire se la convergenza `e uniforme nellintervallo (4, 6) .
iii) Stabilire se la convergenza `e totale nellintervallo (0, 1) .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Per [0, +) `e dato il problema di Cauchy
_
_
_
y

+
2
y = sin(x)
y (0) = 2
y

(0) =
i) Determinarne, per ogni 0, la soluzione y

.
ii) Posto =

n
, n = 1, 2, ... , vericare che
lim
n+
y
/n
(x) = y
0
(x)
per ogni x R.
iii) Stabilire se la convergenza
_
y
/n
_
y
0
`e uniforme in R.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Stabilire per quali valori del parametro a (0, +) si ha f L(D
a
) , dove
f (x, y, z) =
x
y
2

z
e
D
a
=
_
(x, y, x) R
3
: z > 0, x
2
+ y
2
< z
2a
, x
2
+ y
2
2x < 0, x
2
+ y
2
2y < 0
_
.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4] Per , R `e assegnato il problema di Cauchy
()
_
x (x + 1) y

+ (2 x
2
) y

(x + 2) y + e
x
= 0
y (1) = ; y

(1) =
i) Determinare la soluzione locale di () , al variare di e .
ii) Per quali coppie (, ) tale soluzione ammette almeno un prolungamento denito per
ogni x R?
iii) Discutere lunicit`a di tale prolungamento.
1
1] Tutte le funzioni u
k
(x) := k
x
2
6x
(k 1) x
1 + k
2
sono continue e positive in R; u
k
(0) 0,
mentre per x = 0 si ha
u
k
(x)
x
k
1x
2
+6x
.
Perci`o la serie converge se e solo se x [0, 6).
Data la continuit`a delle u
k
, dalla convergenza uniforme della serie in (4, 6) seguirebbe la
convergenza delle serie per x = 6; poich`e questo non accade, la serie NON `e uniforme-
mente convergente in (4, 6) .
Studiando il segno di u

k
in [0, 6] si trovano un punto di massimo relativo per x =
k

1
6 log k
0 ed un punto di minimo relativo per x =
k
3. Cos`
u
k

,(0,1)
= u
k
(
k
) u
k
_
1
6 log k
_

1
6ek log k
e quindi in (0, 1) NON c`e convergenza totale.
2] Per = 0 si arriva immediatamente alla y
0
(x) = 2 + x. Se invece > 0 si ottiene
y

(x) = 2 cos x +
2 + 1
2
2
sin x
x
2
cos x .
La verica del fatto che lim
n+
y
/n
(x) = y
0
(x) per ogni x R `e immediata.
Valutando le funzioni y
/n
in x = n otteniamo
_
_
y
/n
y
0
_
_
,R

y
/n
(n) y
0
(n)

4 +
n
2
2
n

+
e quindi la convergenza in R NON `e uniforme.
3] Linsieme D
a
`e aperto, e la funzione f `e continua e positiva in D
a
. Utilizzando il
teorema di Tonelli, troviamo che f L(D
a
) se e solo se uno qualsiasi degli integrali
iterati `e nito. Passando a coordinate cilindriche, linsieme D
a
viene trasformato, a
meno di insiemi di misura nulla, nellinsieme

D
a
=
_
(, , z) : 0 < z <
1/a
, 0 < < /4, 0 < < 2 sin
_

_
(, , z) : 0 < z <
1/a
, /4 < < /2, 0 < < 2 cos
_
.
Perci`o f L(D
a
) se e solo se
+>
_
/4
0
_
2 sin
0
_
_

1/a
0
z
1/2
dz
_
cos
sin
2

d d+
+
_
/2
/4
_
2 cos
0
_
_

1/a
0
z
1/2
dz
_
cos
sin
2

d d
= 2
_
/4
0
_
2 sin
0
cos
sin
2

1/2a
d d + 2
_
/2
/4
_
2 cos
0
cos
sin
2

1/2a
d d .
2
Per a
1
2
la risposta `e negativa, mentre per a >
1
2
otteniamo
f L(D
a
) +>
_
/4
0
cos
(sin )
1+1/2a
d +
_
/2
/4
(cos )
21/2a
sin
2

d .
`
E immediato notare che per ogni a > 0 il primo integrale `e divergente. Perci`o f / L(D
a
)
per ogni a > 0.
4] Lequazione dierenziale `e lineare, del II ordine, e non omogenea. I coecienti
dellequazione omogenea associata hanno somma nulla, pertanto una sua soluzione `e
y
1
(x) = e
x
. Cerchiamo, per x > 0, una seconda soluzione della forma y
2
(x) = e
x
z (x) ;
sostituendo nellequazione omogenea la y
2
ricaviamo
x (x + 1) z

+
_
x
2
+ 2x + 2
_
z

= 0.
Ponendo t = z

si ottiene t

+
x
2
+ 2x + 2
x
2
+ x
t = 0, da cui t (x) = ce
x
x + 1
x
2
, c > 0.
Integrando ancora una volta
z (x) = c
e
x
x
.
Possiamo perci`o utilizzare y
2
(x) = 1/x, ed ottenere la famiglia y
H
(x) = c
1
e
x
+
c
2
x
come
integrale generale dellequazione omogenea associata.
Utilizziamo il metodo di variazione delle costanti arbitrarie per cercare una soluzione
particolare y dellequazione data nella forma y (x) = c
1
(x) e
x
+
c
2
(x)
x
.
`
E noto che le
funzioni c
1
e c
2
soddisfano il sistema
_
e
x
1/x
e
x
1/x
2
_ _
c

1
c

2
_
=
_
0
e
x
/x(x + 1)
_
da cui si ottiene c

1
(x) = 1/ (x + 1)
2
, c

2
(x) = xe
x
/ (x + 1)
2
. Integrando, si arriva a
y (x) = e
x
/x. Quindi, in ognuno dei tre intervalli (, 1) , (1, 0) , (0, +) , in cui
lequazione pu`o essere posta in forma normale, le soluzioni hanno la forma
y (x) = Ae
x
+
B
x
+
e
x
x
A, B R.
Sostituendo le condizioni iniziali otteniamo la soluzione, denita in (0, +) ,
y (x) =
+ e
2
e
x1
+
e
2x
+
e
x
x
.
Lunico modo per poter garantire la limitatezza, quando x 0
+
di questa funzione `e di
scegliere
= + e 2
e con questa scelta la soluzione diventa
y (x) = ( 1) e
x1
+
e
x
1
x
3
che, per x 0
+
, ha lo sviluppo di McLaurin
y (x) =
_
1
e
+ 1
_
+
_
1
e
+
1
2
_
x +
_
1
2e
+
1
6
_
x
2
+ o
_
x
2
_
.
Utilizzando, per x (1, 0) , una soluzione della forma y (x) = d
1
e
x
+
d
2
x
+
e
x
x
troviamo
che lunica scelta che la rende limitata per x 0

`e con d
2
= 1, mentre lunico modo
per avere un raccordo continuo richiede d
1
=
1
e
.
Cos`, la funzione y (x) = ( 1) e
x1
+
e
x
1
x
`e la sola soluzione del problema di Cauchy
in (1, +) . Questa funzione `e analitica in x = 1, e quindi risulta essere lunico
prolungamento ad R.
4
Corsi di laurea in Matematica e Matematica per le applicazioni
ANALISI MATEMATICA IV
16/09/2010 prof. M.Vignati
Durata della prova scritta: 150 minuti. Lo studente pu`o svolgere no a tre esercizi.
1] i) Determinare linsieme di convergenza puntuale, e la funzione limite F, della suc-
cessione di funzioni F
k
: R R, dove
F
k
(y) :=
_
ky
1
x
2/3
_
1 + x
2
_
1/2
e
x
dx k N.
ii) Stabilire, per ciascuno degli intervalli [0, 1/e] e [e, +), se la convergenza `e uniforme.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2] Si consideri il problema di Cauchy
()
_
y
(iv)
y = 2
y (0) = , y

(0) = , y

(0) = , y

(0) = + + 2
con , , R.
i) Determinarne la soluzione.
ii) Scegliere = (, ) in modo che la soluzione di () sia limitata in R.
iii) Rispetto a questa scelta di , individuare e rappresentare gracamente la regione
E =
_
(, ) : la soluzione di () soddisfa
y (x) 0 per ogni x R.
_
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3] Dato il parametro reale (1, +) , si consideri il problema di Cauchy
_
y

= (1 y) e
y
y (0) =
e sia g

la soluzione massimale.
i) Vericare che g

`e denita per ogni x R.


ii) Tracciarne un graco qualitativo (limiti, asintoti, monotonia).
iii) Calcolare il valore di
_
(0,+)
[g

(x) 1] dx .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4] Sono dati linsieme
E =
_
(x, y, z) R
3
: x > 0; y > 0; z (0, 2) ; x
2
+ 4y
2
< 4z
_
il parametro reale a e le funzioni f
a
: E R denite come
f
a
(x, y, z) := xyz
a2
.
i) Determinare linsieme A = {a R : f
a
L(E)} .
ii) Calcolare, per ogni a A, il valore F (a) :=
_
E
f
a
.
iii) Dedurre, giusticando il procedimento seguito, che
_
E
xy log z
z
2
dx dy dz = log (2/e) .
1
1] La funzione f (x) := x
2/3
(1 + x
2
)
1/2
e
x
`e denita quasi ovunque in R, continua,
integrabile in ogni insieme inferiormente limitato, e non integrabile negli intorni di .
Ne segue che ogni F
k
`e denita in R. Inoltre, dalla positivit`a di f segue che F
k
(y)
per ogni y < 0, F
k
(0)
_
1
0
f (x) dx =: F (0) < 0, e F
k
(y)
_
+
1
f (x) dx =: A > 0
se y > 0.
Cos` {F
k
} converge, in [0, +), alla
F (y) =
_
F (0) < 0 se y = 0
A > 0 se y > 0
Ogni F
k
`e continua in R, F non lo `e in y = 0, e quindi la convergenza NON `e uniforme
in [0, 1/e] . Invece, per y e
0 F (y) F
k
(y) =
_
+
ky
f
_
+
ke
f 0
uniformemente rispetto ad y.
2] Lequazione dierenziale in () `e lineare, del quarto ordine, non omogenea, a
coecienti costanti. Il polinomio caratteristico dellequazione omogenea associata `e
P () =
4
1, e ha come radici (semplici) = 1, i.
La soluzione generale dellequazione data `e perci`o
y (x) = c
1
e
x
+ c
2
e
x
+ c
3
cos x + c
4
sin x 2
e, dopo linserimento dei dati iniziali, otteniamo la soluzione di ()
y (x) =
1
2
( + + 2) e
x
+
1
2
( + 2) cos x +
1
2
(2 2) sin x 2
Perche questa funzione sia limitata dobbiamo scegliere = 2. Con questa scelta
di , le soluzioni limitate di () sono tutte e sole le funzioni
y (x) = ( + 2) cos x + sin x 2 = 2 +
_
( + 2)
2
+
2
sin (x + )
per un opportuno valore = (, ) . Queste funzioni assumono solo valori non positivi
se e solo se
2 +
_
( + 2)
2
+
2
0
e questo equivale ad avere (, ) nel disco chiuso di centro (2, 0) e raggio 2.
3] Lequazione dierenziale data ammette la funzione y (x) 1, A partire da un generico
punto (x
0
, y
0
) R
2
il problema di Cauchy con dato iniziale y (x
0
) = y
0
ammette una ed
una sola soluzione locale. Perci`o, per ogni > 1 la soluzione massimale g

assume solo
valori maggiori di 1.
Nellaperto = R(1, +) la funzione
f (x, y) := (1 y) e
y
2
`e di classe C

e soddisfa |f| c, |f/y| c per qualche c > 0; questo fatto garantisce


esistenza ed unicit`a globale, in R, della soluzione massimale g

del problema assegnato,


per ogni > 1. Separando le variabili riusciamo a scrivere g

in forma implicita come


() x =
_
g

(x)

e
t
1 t
dt
da cui si deduce che g

`e strettamente decrescente in R, con g

() = +e g

(+) =
1.
Riscrivendo la () come
x = g
1

(y) =
_
y

e
t
1 t
dt
ed utilizzando (due volte) il criterio di Fubini-Tonelli abbiamo poi
I :=
_
(0,+)
[g

(x) 1] dx =
_
+
0
_
_
g

(x)
1
dy
_
dx =
_

1
_
g
1

(y)
0
dx dy
=
_

1
g
1

(y) dy =
_

1
__
y

e
t
1 t
dt
_
dy =
_

1
__
t
1
dy
_
e
t
t 1
dt
=
_

1
e
t
dt = e

e.
4] Linsieme E `e aperto in R
3
e la funzioni f
a
sono continue e positive in E. Riscrivendo
E come
E =
_
(x, y, z) R
3
: z (0, 2) ; 0 < y <

z; 0 < x < 2
_
z y
2
_
ed utilizzando il teorema di Tonelli otteniamo
_
E
f

=
_
2
0
_
_

z
0
_
_
2

zy
2
0
x dx
_
y dy
_
z
a2
dz
=
_
2
0
_
_

z
0
2y
_
z y
2
_
dy
_
z
a2
dz =
1
2
_
2
0
z
a
dz
da cui si ricava che A = (1, +) e F (a) =
2
a
a + 1
.
In alternativa, `e possibile arrivare allo stesso risultato utilizzando coordinate polari el-
littiche, mediante la sostituzione
(x, y, z) (2 cos , sin , z) .
Per ogni a A e (x, y, z) E la funzione f
a
(x, y, z) pu`o essere derivata rispetto ad a,
con
f
a
a
(x, y, z) = xyz
a2
log z ,
f
a
a
(x, y, z)

a=0
=
xy log z
z
2
.
3
Per ogni 0 < < 1 nellinsieme E [, ] vale la stima

f
a
a
(x, y, z)

c
|log z|
z
2+
:= h(x, y, z) L(E)
per qualche opportuna c > 0. Questa stima permette di derivare sotto il segno di inte-
grale, ottenendo
_
E
xy log z
z
2
dx dy dz =
_
E
f
a
a
(x, y, z)

a=0
(x, y, z) dxdydz
= F

(0) =
(a + 1) log 2 1
(a + 1)
2
2
a

a=0
= log 2 1 = log (2/e) .
(Il calcolo esplicito del valore dellintegrale pu`o comunque essere eettuato direttamente,
seguendo la stessa tecnica illustrata sopra.)
4