Sei sulla pagina 1di 73

UGO GABRIELE BECCIANI

Appunti curiosi sugli elementi chimici, i loro derivati e su alcuni composti organici

Pistoia, 2006

INTRODUZIONE La civilt moderna, con i s oi ritmi !renetici, ci "a !atto dimenticare la storia trava#liata de#li elementi c"imici inor#anici e dei com$osti or#anici $resenti in nat ra, dei % ali ormai s!r ttiamo il $rodotto !inito, sen&a $ensare a t tto % ello c"e sta a monte di esso, e, so$ratt tto a#li st di d'inn merevoli c"imici, !isici, medici, !armacisti e (iolo#i c"e, nel corso dei secoli, a $artire dai $rimordi della storia e, via via, attraverso #li alc"imisti medievali, !ino a#li scien&iati dell'era moderna, "anno mi#liorato, con enormi s ccessi, la vita dell' omo) Intendimento di % est'o$ scolo * di ri$ortare alc ni !las" s lla storia della c"imica inor#anica, con (revi cenni ad alc ni com$osti or#anici +ma mi $ro$on#o di !are na ricerca $i, a$$ro!ondita s lla c"imica or#anica del $assato-, c"e la mia amata docente, Elisa ."i#i, direttore dell'Istit to di /armacia, ai tem$i della mia la rea, se$$e racco#liere ed in!ondere nella mente dei s oi st denti, con tanta $recisione e dedi&ione, e da c i, non mi ver#o#no a dirlo, "o attinto a $iene mani)

ELEMENTI INORGANICI IDRO.ENO Per molto tem$o si sostenne c"e Paracelso +203242102- aveva sco$erto c"e i metalli, a contatto con #li acidi, svil $$avano n #as) 5o6le +262742632- sco$r8 la $ossi(ilit di (r ciarlo, ma solo 9avendis" +273242:20- lo ricono((e come sostan&a nica) / Lavoisier +273042730- a c"iamarlo idro#eno, $oic";, $er com( stione, #enera ac% a) Le estra&ioni si !acevano da alc ni minerali, come la carnallite di <tass! rt ed il sal#emma di =ielic&>a, oltre c"e da emana&ioni #assose v lcanic"e) Uno dei $rimi im$ie#"i ! % ella di riem$ire i diri#i(ili, ma l'idro#eno ! $resto sostit ito, $er l'alta in!iamma(ilit, dall'elio) / $oi sato $er il riscaldamento e l'ill mina&ione e, in se# ito, miscelato all'ossi#eno in ra$$orto di 2 a 2, nella !iamma ossidrica) Il cannello $er la saldat ra * costit ito da n (ecc ccio e da n'im$ #nat ra dove avviene la miscelat ra del com( rente, nel nostro caso l'ossi#eno, e del car( rante +l'idro#eno-) Nelle !iamme etilenica ed acetilenica, i car( ranti sono l'etilene e l'acetilene) O<<I.ENO <co$erto, indi$endentemente, da 9) =) <c"eele +2702427:6- e da Priestle6 +273342:00-, ne#li anni 2772 e 2772) Pi, tardi Lavoisier ne st di? le ! n&ioni nella com( stione e nella res$ira&ione +27:2- e lo c"iam? ossi#eno, #eneratore d'acidi) D rante la # erra del 23214232:, ! sato, mediante cateterismo rino4!arin#eo, nelle intossica&ioni da a##ressivi c"imici da # erra) I $rimordi dell'ossi#eno4tera$ia) L'o&ono, !orma allotro$ica triatomica dell'ossi#eno, ! notato nel 27:1 da @an Aar m, $er l'odore caratteristico c"e si 6

svil $$a do$o i tem$orali, % ando scaric"e elettric"e si svil $$ano nell'atmos!era) <co$erto da <c"oen(ein nel 2:00, ! $rodotto $oi nell'o&ono#eno <iemens o 5ert"elotB d e t (i di vetro, no dentro l'altro, l'esterno rico$erto internamente, e l'interno esternamente, da na lamina di sta#no, ven#ono colle#ati con i $oli di n a$$arecc"io di R "m>or!!, c"e trasmette na scarica elettrica osc ra e silen&iosa) <i $rod ceva anc"e $er ossi#ena&ione !or&ata dell'ac% a ossi#enata) I $rimi im$ie#"i ! rono % elli della disin!e&ione dell'aria, dell'im(iancamento della $a#lia e della carta, della decolora&ione e deodora&ione de#li oli, della sta#ionat ra del le#no) In!ine si s?, nell'ind stria del vino e dei li% ori, come invecc"iante, e, in % ella dei $ro! mi, come ossidante) L'ac% a $esante, od ossido di de terio +altro isoto$o dell'ossi4 #eno-, ! isolata $er la $rima volta da C) 9) C re6 della 9ol m(ia Universit6 e da .) N) LeDis dell'Universit di 9ali!ornia) Pi, visc"iosa di % ella ordinaria, ! sata nell'ind stria, $er avere na minore sol (ilit ed ioni&&a&ione dei sali $osti in essa, e $er la ca$acit di dimin ire i $rocessi ossidativi) E est' ltima caratteristica la rende, $er?, altamente tossica, $er c i * cad ta in dis so) F9EUF 9onsiderata nel Aedioevo n elemento, soltanto dal 27:0 al 2:01, $er #li st di di 9avendis", =att, Lavoisier, .a6 L ssac e C m(oldt, s'avvenne alla de!ini&ione della com$osi&ione reale, e, nel 2:31, alla com(ina&ione $onderale ossi#enoGidro#eno +E) =) Aorle6-) L'ac% a ossi#enata, sco$erta da L) H) T";nard +277042:17- nel 2:2:, oltre c"e come disin!ettante, * sata come s(iancante, in varie concentra&ioniB Piro&onio, a 266 vol mi, $ari al 10IJ Perneo&onio Er(a, a 220 vol mi, $ari al 36IJ Peridrol od 7

Orti&on, a 200 vol mi, $ari al 30I, ecc), $er tess ti, $ellicce, oli, sa$oni, $a#lia, ca$elli) Ora si sano solo le concentra&ioni di 20 vol), $ari al 3I, $er la disin!e&ione, di 36 vol) $er decolorare i $eli e di 230 vol) nell'arti#ianato e nell'ind stria) <OL/O 9onosci to !in dall'antic"it, era considerato come n com$osto acido del !lo#isto2) <olo Lavoisier lo de!in8 come elemento) /ino al 2:10, l'estra&ione mineraria, in <icilia, era !atta nei calcatelli, $iccole ( c"e scavate nel s olo in $endio, $er ! sione del minerale) 9on % esto sistema la $erdita era dei 2G3, ed inoltre si $rovocava n #rave noc mento alla ve#eta&ione ed alla sal te $ ((lica) Do$o % ella data, s'introd ssero i calcaroni, ma na mi#liore resa si e((e soltanto con il !orno .il, n lteriore s $eramento tecnolo#ico, c"e dis$erde al minimo anidride sol!orosa nell'aria) Ne#li <tati niti, dove il minerale nativo si trova sotto strati sa((iosi e rocciosi, ! ideato da C) /rasc" n a$$arecc"io c"e !onde il sol!o, lo em lsiona con ac% a e aria e lo s$in#e, con !orte $ressione, in s $er!icie, allo stato $ressoc"; $ ro) Il sol!o di Roma#na, mescolato con sostan&e (it minose, * estratto $er distilla&ione, !acendo so dei cos8 detti do$$ioni, a$$arecc"iat re c"e consentono na distilla&ione di ti$o !ra&ionato) In <ve&ia si ricava dalle $iriti, o dalla miscela Lamin#, otten ta, n tem$o, come $rodotto secondario della $ ri!ica&ione del #as ill minante, ed in!ine dai resid i della !a((rica&ione della soda +metodo Le(lanc-) / sato come anti$arassitario, vermi! #o, nella !e((re ti!oide,
2

Era cos8 nominata, nel $assato, na $res nta sostan&a c"e si sare((e dov ta li(erare dai com$osti $er riscaldamento) In $ratica n $rocesso ossidativo) Dal #reco $"lo#ist?s K in!iammato)

nella dissenteria ame(ica, nel re matismo cronico, come de$ rativo del !e#ato, in % anto a menta il tenore di #l tatione nell'or#anismo mano) La $omata sol!orata ! im$ie#ata, con e!!icacia, nelle stioni, $articolarmente % elle da acido !l oridrico) L'idro#eno sol!orato * $resente in nat ra nelle emana&ioni v lcanic"e, nelle ac% e sol!idric"e e nel #as ill minante, allo stato #re&&o) Inoltre in t tte le sostan&e or#anic"e sol!orate in $ tre!a&ione, come ad esem$io le ova vecc"ieJ nel latte (ollito, in tracce) <i $re$arava, na volta, cond cendo, contem$oraneamente, va$ori di sol!o ed idro#eno, s lla $omice arroventata2) Usato con s ccesso $er la distr &ione de#li insetti nei silos) Il #rano viene es$osto $er 0: ore a 000 #) d'idro#eno sol!orato $er tonnellata) La velocit di #ermina&ione non * ridotta ed il #rano $ ? essere cons mato sen&a inconvenienti) 5 oni ris ltati ! rono otten ti anc"e nella distr &ione dei ! n#"i $arassiti dei cereali) L'anidride sol!orosa era nota anc"e nell'antic"it) Il L! mo di sol!o' era im$ie#ato $er la disin!e&ione de#li am(ienti, d rante le e$idemie di $este) / il $rimo #as sato, in # erra come a##ressivo c"imico) Li(avi s nel 2131 ne !ece i $rimi st di scienti!ici) Priestle6 e Lavoisier, !ra il 2770 e il 2777, la sinteti&&arono e ne st diarono la com$osi&ione) Per la s a a&ione anti(atterica, venne, ed * t ttora im$ie#ata, $er im$edire i $rocessi !ermentativi e $ tre!attivi della carne, della !r tta, dei viniJ inoltre, $er il $otere decolorante, s i tess ti di lana e seta, e $er rendere $i, c"iari i # sci delle noci) E' $osta in commercio, allo stato li% ido, in cilindri d'acciaio) L'acido sol!ossilico riveste na notevole im$ortan&a in tintoria,
2

La $omice ! n#e da catali&&atore, il calore scatena la rea&ione rid cente dell'idro#eno)

e nella stam$a, sotto !orma di sale sodico, com(inato con l'aldeide !ormica +Ron#alite-, o lo &inco +Decrolina-) L'acido sol!orico ! $re$arato, $er la $rima volta nel @III secolo da .e(er) 5asilio @alentino +M@ sec)- lo ottenne $i, $ ro distillando il sol!ato !erroso, detto vetriolo verde) Per l'a$$aren&a oleosa ! detto olio di vetriolo o sem$licemente vetriolo) Li(avio, nel 2131, sostenne l'identicit di vari acidi sol!orici, otten ti con diverse rea&ioni c"imic"e) F met del M@III secolo 9ornelio Dre((el lo $re$ar?, ind strialmente, dal sol!o) H) Roe( c> +272:42730- e .ar(ett, nel 2706, a 5irmin#"am, introd ssero il metodo delle camere di $iom(o) Il metodo si (asa s ll'arrostimento dell'anidride sol!orosa o del sol!o in $resen&a d'ossi#eno ac% a e anidride nitrosa) <olo dal 2771 al 2731, Lavoisier e Ric"ter ne determinarono la #i sta com$osi&ione) Li(ero, si trova in nat ra nelle ac% e v lcanic"e ed in alc ni !i mi dell'Fmerica del < d, come il Rio @ina#re, o la !onte di Paramo +N ova .ranada-) <i trova, in <icilia, $ re nel secreto #"iandolare d'alc ne l mac"e +Dole m #alea-, e nei cor$ scoli san# i#ni e nel mantello delle ascidie) L'acido sol!orico $ ro non * n ( on cond ttore, mentre lo * se (en dil itoB $er % esta caratteristica * sato nelle (atterie delle a to) Per la s a a!!init con l'ac% a, * $oi sato come disseccante) @anno ricordati $rocessi ind striali come % ello di Nord"a sen, $iccola citt della .ermania, nel % ale l'acido sol!orico s'ottiene dal sol!ato !errosoJ e % ello catalitico, o di contatto, c"e $arte dall'anidride sol!orosa, $reconi&&ato dal c"imico italiano Piria e introdotto nell'ind stria da =in>eer +2:71-, e, con ma##ior s ccesso, da Nnietsc") Una sola noti&ia $er l'acido mono4$ersol!orico, o acido di 9aroB s'im$ie#?, in medicina, come ricostit ente e stimolante del ricam(io) <ELENIO 2

<co$erto da 5er&eli s nel 2:27, nei de$ositi di scorie delle camere di $iom(o di .ri$s"olm) .assman ne isol? $iccole % antit nel tess to osseo e nell'avorio) Presente nelle ac% e d'alc ni la#"i nel 9a caso e dell'Fsia AinoreB la lon#evit de#li a(itanti di % elle re#ioni, "a $ortato, recentemente, alla sco$erta della s a a&ione contrastante i radicali li(eri, e % indi antit morale3) TELLURIO <e#nalato, $er la $rima volta, nel 27:2, in n minerale a reo, da n in#e#nere delle miniere a striac"e, /) H) A ller, c"e $er? lo con! se con l'antimonio) La sco$erta de!initiva si deve a Nla$rot", nel 273:) Presente, anc"'esso nelle scorie delle camere di $iom(o, e nei resid i della metall r#ia del (ism to e del rame) Ca a&ione antidia!oretica, e $er % esto s' s?, nella s dora&ione $ro! sa dei tisici) L'odore a#liaceo del !iato e della $elle dei malati, trattati con tell rio, era dov to ad n s o meta(olita, il metiltell r ro, eliminato col s dore, la res$ira&ione e #li escrementi) La !acile rid ci(ilit del tell rio !a s8 c"e sia sato come rivelatore di micror#anismi, in $re$arati c"e non $ossono essere sterili&&ati, $er le loro caratteristic"e, come sieri, vaccini, $rodotti o$otera$iciB le sol &ioni si colorano in rosso e $reci$itano in nero, se micror#anismi sono $resenti) 9on lo stesso $rinci$io si $re$arano le com$resse rivelatrici di $lacca (atterica dei denti e delle #en#ive +.osio-) 9LORO <co$erto da <c"*le +2770-, in (ase alla teoria del !lo#isto, !
3

La $rima !orm la&ione l'Electroseleni m colloidale)

di

selenio

ad

so

!armacolo#ico

considerato come acido m riatico de!lo#isticato) 5ert"ollet, nel 27:1, ritenne, errando, c"e !osse n com$osto ossidato dell'acido cloridrico, #i noto, e lo nomin?, di conse# en&a, acido cloridrico ossidato) Dav6 lo ricono((e come elemento, nel 2:22, e lo c"iam? cloro) Rara la $resen&a in nat ra e sem$re d'ori#ine v lcanica od or#anica0) <c"eele +2770-, .ei#er +2:30-, Aac Do #al e RaDson +2:03-, Nlason +2:30- e altri, s'occ $arono di diversi $rocessi di sintesi) @anno ricordati in modi $articolare % elli c"e otten#ono cloro $ ro, in #rado di distr ##ere le sostan&e or#anic"e, im$ie#ato, in tossicolo#ia, $er la ricerca di metalli o metalloidi velenosiJ e l'att ale $rocesso elettrolitico, in so in .ermania +a .rieseim, a 5itter!eld, ecc)- dal 2:30) Del cloro si s!r ttano, so$ratt tto l'a&ione decolorante +cande##ina-, % ella disin!ettante delle ac% e, da $ota(ili&&are +ad esem$io con lo <teridrolo- o di ri!i to, e % ella $ ri!icante nel $rocesso di !a((rica&ione della cell losa) 9itiamo % i i coloranti indantrenici, in #rado di resistere all'a&ione cande##iante del cloro, e % indi sati in tintoria) .li alc"imisti ara(i im$ie#avano l'acido cloridrico, miscelato con l'acido nitrico $er scio#liere l'oro +ac% a re#ia-) La miscela s'otteneva distillando assieme nitrato di $otassio, clor ro d'ammonio e sol!ato !erroso) 5asilio @alentino, nel MI secolo, lo ottenne, da sol!ato !erroso e clor ro sodico, allo stato $ ro, e lo c"iam? Ls$irit s salis acid s') .la (er nel 260: l'ottenne distillando, invece, clor ro sodico e acido sol!orico e ! c"iamato Ls$irit s ! mans .la (eri') Lavoisier lo de!in8 m riatico +m ria K sale-) <olo nel 2:20, do$o le ricerc"e di Dav6, .a6 L ssac e T";nard ne ! sta(ilita l'esatta com$osi&ione) Aetodi recenti di $re$ara&ione ind striale sono il $rocesso
0

E' $resente nei s cc"i #astrici)

Le(lanc, $er la !a((rica&ione della soda, dove s'ottiene come $rodotto secondario, ed il metodo Car#reaves, mi#liorato da Ro(inson) Trova im$ie#o $er saldat re in metall r#ia, $er $ ri!icare il nero animale1, in tintoria, ed in !armacia come stimolante della secre&ione #astrica, in sol &ione ac% osa dil itissima) Un accenno all'anidride i$oclorosa, all'i$ocloride o (iossido di cloro, all'acido clorico e $erclorico, ener#ici ossidanti ed es$losivi, $er contatto con sostan&e or#anic"e o $er rto le##ero) In!ine al monoclor ro di sol!o, c"e s'im$ie#a con il sol! ro di car(onio, nella v lcani&&a&ione del ca cci, e $er la !a((rica&ione dell'i$rite +sol! ro di (eta4cloretile-, (en noto #as nervino, dai ne!asti si (ellici) .li a##ressivi c"imici sono com$osti c"e "anno a&ione !isiolo#icamente dannosa o letale, im$ie#ati sotto !orma di #as in a&ioni (ellic"e o a sco$o intimidatorio) @en#ono classi!icati inB 24 lacrimo#eni +ad es) il cloro4aceto4 !enone, il (romo4!enil4aceto4nitrile, la cloro4$icrina-J 24 starn tatori, come la di!enil4cloro4arsinaJ 34 vescicatori +l'i$rite, la leDisite, n derivato dell'arsina-J 04 Nervini e vomitatori +alc"il4!l oro4!os!ati-) 5ROAO <co$erto da 5alard, della <c ola di Aont$ellier, nelle ac% e marine) Aolti scien&iati s'occ $arono di essoB Hoss, Lie(i#, @o#el, 5er&eli s, Delarive, LoDi#) Il nome, d'ori#ine #reca, si#ni!ica !etore) E' $resente anc"e in alc ni moll sc"i, come la A reO (randaris o la P r$ rea la$ill sB da % esti animaletti #li antic"i estraevano il colore $or$ora +di4(romo indaco-) <i $ ? trovare anc"e nelle ceneri di molte $iante, nella soda nat rale e nel sal#emma)
1

Il car(one d'ori#ine animale o coaltar)

/ sato, sotto !orma di (rom ri, $er la de$ressione della ! n&ione $sic"ica e dei ri!lessi) Non ! im$ie#ato nell' so esterno, $erc"; irritante $er la c te, #li occ"i e le vie res$iratorie) / $reconi&&ato anc"e $er l'emicrania e $er il ron&io delle orecc"ie, ma con scarsi ris ltati) IODIO / sco$erto, cas almente da 5) 9o rtois, nel 2:22, mentre estraeva soda dalle al#"e marine) .a6 L ssac lo c"iam? Podio, $er il colore violetto dei s oi va$ori) Aolto di!! so nelle ac% e minerali e del mare ed in minerali come il nitro del 9ile, il sal#emma di Nainite e di <ilvina, la carnallite di <tass! rt, i car(oni !ossili, le !os!oriti, le dolomiti, i calcari, il # ano, la malacc"ite) 9om(inato con $iom(o, &inco, ar#ento e merc rio, !orma (ellissimi e rari minerali) Aolte $iante ac% atic"e come le al#"e, o altre dei #eneri Aen6ant"es, Ran nc l s, Oenant"es e Nast rti m6, ne conten#ono in % antit varia(ili dal 20I a tracce) E' n meta(olita !ondamentale della tiroide, e la s a caren&a $rovoca #o&&ismo) L'estra&ione ind striale avveniva $rinci$almente dalle al#"e marine, come il / c s o le Laminarie, e $er car(oni&&a&ione delle s$ #ne) Ora si $re!erisce l'estra&ione dal nitro del 9ile o del Per,, o dalle ac% e minerali iod rate, anc"e se % esto metodo $resenta la di!!icolt di dover trattare #randi % antit d'ac% a, $er ottener solo $iccole % antit di iodio) Fdottavano % esto metodo #li sta(ilimenti (alneari di <alsoma##iore, di 5a#ni di Aonticelli +PR-, di /ratta di 5ertinoro +/9-) In R ssia e ne#li U<F l'estra&ione avviene dalle ac% e c"e
6

9ome il tri!o#lio !i(rino, Aen6ant"es tri!oliata 4 .en&ianaceeJ l'a$$io riso o sardonia + Ran nc l s scelerat s 4 Ran ncolacee- e il !ava#ello +Ran nc l s !icaria-J il !ellandrio o !inocc"io selvatico +Oenant"e a% atica 4 Om(relli!ere-J il (ar(a!orte o cren +Nast rti m Frmoracia 4 9r ci!ere-)

accom$a#nano il $etrolio #re&&o) E' noto il s o $otere disin!ettante e micro(icida, anc"e se irritante $er la c te) L' so interno * stato a((andonato +salvo c"e $er il #o&&o-, $er le mani!esta&ioni di iodismo, $i, o meno #rave, c i $ ? $ortare) Ricordiamo com n% e l'ormai storico Frtritin +sale d'ammonio dell'acido i$oiodoso-, im$ie#ato, n tem$o, in l o#o dei salicilati, nel re matismo articolare e nella #otta) /LUORO Presente in nat ra allo stato com(inato, od incl so in minerali, come, ad esem$io, lo smeraldo, ! sinteti&&ato soltanto nel 2::6, dal $remio No(el $er la c"imica C) Aoissan +2:124 2307-, $er le di!!icolt $ratic"e c"e $orta la s a enorme a!!init con t tte le sostan&e, in $articolare, con il vetro de#li a$$arecc"i c"imici) Per % esta s a caratteristica * $re!erito ad o#ni altra sostan&a, $er intaccare il vetro +ad esem$io, dei termometri-, $er dis#re#are i silicati e, nelle smalterie, allo sco$o di !avorire l'adesivit della vernice al metallo) Dotato $oi d'a&ione antisettica marcata, * ado$erato $er ccidere i !ermenti lattici e ( tirrici dei mosti, $oic";, contem$oraneamente non si arresta lo svil $$o dei !ermenti sol (ili, la c i dimin &ione rid rre((e la resa alcolica) <'im$ie#a anc"e come disin!ettante delle ac% e $ota(ili sotto !orma di !l or ro d'ar#ento +Tac"iolo-) L'acido !l oridrico * $i, e!!icace $er la smeri#liat ra del vetro, la $laccat ra elettrica, la $ li&ia di $ietre e mattoni ed, in!ine, nelle lavanderie c"e ric"iedono na detersione in am(iente acido) I .F< NO5ILI Nel 2:31 Lord Ra6lei#", mentre st diava la densit dei #as, 2

not? c"e l'a&oto isolato dall'atmos!era, era sem$re $i, $esante c"e % ello $re$arato in la(oratorio) .i 30 anni $rima aveva isolato, dai $rinci$ali com$onenti l'atmos!era, na !ra&ione de!inita #as inerte, $er la mancata reattivit con t tti #li elementi noti) La s$ettro#ra!ia con!erm?, in se# ito l'esisten&a di % esti #as c"e Ramsa6 c"iam?, #enericamente ar#on) Tre anni do$o, assieme a Travers sco$r8 neon, cri$to e Oeno) L'elio era stato sco$erto, invece, 27 anni $rima, non s lla terra, (ens8 d rante n esame s$ettro#ra!ico della cromos!era del sole da Hanseen e /ran>land) L'elio, come #i detto, sostit 8 $resto l'idro#eno ne#li aeromo(ili) / inoltre s$erimentato, con s ccesso, nelle camere i$er(aric"e, $er la s a insol (ilit nel san# e, a di!!eren&a dell'a&oto) L'em(olia #assosa dei $alom(ari, col$iva anc"e, !re% entemente, #li o$erai addetti alla costr &ione dei $ilastri dei $onti7, $erc"; costoro o$eravano a $ressione s $eriore di % ella a(it ale) L'elio *, inoltre, n ottimo s $ercond ttore) Noto l'im$ie#o della l ce del neon, nelle lam$ade, $er n minore cons mo d'ener#ia elettrica, e $er na ma##iore $enetra(ilit della ne((ia) <e na scarica elettrica viene $ortata in n'atmos!era di neon, a $ressione ridotta, si mani!esta na !iamma (rillante, rosso4arancio, c"e * tili&&ata ne#li avvisatori di $ericolo) I !ari dei nostri $orti sono m niti, a$$ nto, da d e lam$ade, na (ianca, !issa, ed na rossa, lam$e##iante, entram(e al neon) L'ar#on * im$ie#ato sem$re nell'ind stria delle lam$ade, $er la s a iner&ia, $oic"; ritarda l'annerimento dei #lo(i ed assic ra
7

L'em(olia #assosa c"e si veri!icava, in $articolari condi&ioni di alta $ressione e tem$erat ra, a terra, ! detta mal dei cassoni, $oic"; cos8 erano de!inite le str tt re di le#no atte a ricevere la colata di cemento, nella costr &ione dei $ilastri)

na $i, l n#a d rata ai !ilamenti) Per la scarsa re$eri(ilit, ness n so $ratico "anno Oeno e cri$to, mentre il radon: * im$ie#ato, nella c"emiotera$ia antit morale, $er la s a economicit e $er evitare la mani$ola&ione di sali di radio, con event ali $erdite di radioattivit) FZOTO Nel 2772 R t"e!ord d'Edim( r#o, sco$r8, nell'aria n costit ente c"e, da solo non consentiva la com( stione e la res$ira&ione) Poic"; l'aria veniva considerata n elemento, ! c"iamato aria !lo#isticata) < ccessivi st di di <c"eele, Lavoisier e 9"a$tal +2:23-, $ortarono alla denomina&ione di nitro#enoB #eneratore di nitro) L'a&oto serve, in medicina, $er la c ra della t (ercolosi con il $ne motorace, e, nella #rande ind stria, $er la $re$ara&ione di com$osti, come ad esem$io i sali d'ammonio) L'ammoniaca era nota a#li alc"imisti, ma solo com(inata) Il nome deriva da Fmmon, localit dell'F!rica settentrionale dove s'estraeva il sale da c i derivarla) Fltro sistema d'estra4 &ione, dalle corna di cervo, da c i il sinonimo di Ls$irito di corna di cervo' +5asilio @alentino-) Fllo stato #assoso ! isolata da Priestle6 +2770-, c"e la c"iam? aria alcalina) In se# ito ! nominata alcali volatile) La com$osi&ione c"imica, nota dal 27:1, ! de!inita esattamente da 5ert"ollet nel 2:03) <timolante, a $iccole dosi del sistema nervoso e del centro res$iratorio, ! sata $er com(attere i $rodromi dell' (riac"e&&a +s$irit s ammonii anisat s-, all'esterno come rev lsivo e, t tt'o##i, come ne trali&&ante delle $ nt re d'insetti, o delle irrita&ioni di $iante rticanti) In veterinaria come eccitante, stomac"ico e ca stico)
:

/ detto, in n $rimo momento, niton + dal latino nitere K s$lendere-)

.e(er +@III sec)- men&iona l'acido nitrico nel QDe inventione veritatisR) <i otteneva $er distilla&ione del salnitro +nitro del 9ile-, $oic"; non si trova, in nat ra, allo stato li(ero) Aolto sato nell'ind stria della nitrocell losa, della nitro#licerina, del tritolo, dell'acido sol!orico in#lese, ricordiamo, !ra i derivati, l'a% a re#is, #i citata, ca$ace di sol (ili&&are i metalli no(ili, resistenti a#li acidi isolati) Il $rotossido d'a&oto ! sco$erto nel 2733) Nel 2:00, <ir C) Dav6, ne sco$r8 l'e!!etto esilarante, % ando il #as era inalato) Nella seconda met del ':00) P) 5ert +2:3342::6- dimostr? c"e si $oteva sare, miscelato con l'ossi#eno +0B2- $er l'anestesia #enerale) /O</ORO 5rand, mercante d'Fm( r#o ed alc"imista, nel 2663, alla ricerca della $ietra !iloso!ale, distillava il resid o dell' rina, con sa((ia ricca di % ar&iB sco$r8 cos8 il !os!oro) Da 6004700 l) d' rina se n'ottenevano circa 30 #), c"e $otevano costare !ino a 26 d cati) F .a"n e a <c"eele +2763 e 27:2- risale la sco$erta del !os!ato di calcio nelle ossa, ma la nat ra c"imica di % est'elemento si deve a#li st di di Lavoisier+ 2772427::-) Il nome, $ortatore di l ce, si deve alla caratteristica l minescen&a) In com(ina&ione or#anica, troviamo il !os!oro nella lecitina, nella sostan&a nervosa, del t orlo d' ovo, ecc)) I minerali $i, di!! si sono la !os!orite e l'a$atite) Il !os!oro, !re#ato contro s $er!ici r vide s'in!iamma) Di % i, l' tili&&o, da $arte di R) Rott#er, nella !a((rica&ione dei !iammi!eri svedesi, ora vietati $er l'alta tossicit) <otto !orma di !os! ro di sta#no o di rame si sa nella $re$ara&ione di n ti$o di (ron&o) FNTIAONIO 2

.li antic"i 9inesi e 5a(ilonesi, tili&&avano l'antimonio $er tin#ere le ci#lia) Pre$arato $er estra&ione dalla sti(ina 3, a met del M@ secolo, da 5asilio @alentino, monaco (enedettino del convento di <aint Pierre ad Er! rt", c"e ne descrisse le caratteristic"e in Q9 rr s tri n$"alis antimoniiR) Il contem$oraneo Paracelso ne tratt? le $ro$riet medicinali, creando, !ra #li scien&iati del tem$o, na !amosa dis$ ta c"e d r? $i, di n secoloJ in realt na # erra !ra i $arti#iani della medicina tradi&ionale e di % ella c"imica nascente) In nat ra si trova anc"e sotto !orma d'anidride o d'altri sali) Il tartaro emetico +di $otassio ed antimonio- * il !armaco $i, im$ortante, andato in dis so $er l'a&ione tro$$o lenta, se# ita da de$ressione) Per inie&ione endovenosa $resent? e!!icacia nel trattamento del Nala4a&ar e d'altre malattie $arassitarie tro$icali) Entra nella com$osi&ione di le#"e !acilmente ! si(ili e di #ran d re&&a, come la 5ritannia, l'anti!ri&ione, il similoro e % elle $er caratteri ti$o#ra!ici) Ricordiamo la L$ lvis an#elic s' o $olvere dell'Fl#arotti e il Lli% or sti(ii c"lorati' +triclor ro d'antimonio ed ac% a, in $ro$or&ioni diverse-, ca stici ener#ici, im$ie#ati nella !ase esterna nel l $ s eritematos s) Entram(i ! rono sati anc"e $er la (r nit ra dei metalli) E l'anidride antimoniosa, nota con vari sinonimiB sti(i m oOidat m al( m, sti(i m emetic m, sti(i m #rise m, !lores antimonii, (ianco d'antimonioJ #i nota a Dioscoride, .aleno, Plinio E&io) 5er&eli s nel 2:22 ne sta(il8, de!initivamente la com$osi&ione) Il vetro d'antimonio, otten to !ondendo assieme triPod ro e sol! ro d'antimonio, ! , a l n#o tili&&ato nell'ind stria c"imica) L'antimonio es$losivo * na miscela di triclor ro d'antimonio
3

O antimonite, sol! ro d'antimonio) 9on il medesimo nome s'identi!icano l'idr ro d'antimonio, ed alc ni s oi derivati alc"ilici)

in antimonio) Lo sti(i m s l! rat m cr d m * la sti(ina, #i detta, mentre lo sti(i m s l! rat m r (e m sine oOido sti(ico * n misc #lio d'antimonio rosso e $iroantimoniato di sodio ed era detto >ermes20) Nermes minerale o di Nl &el22J e $ lvis cart" sianor m, era invece nominato il >ermes con ossido d'antimonio) Nel 2:20 il #overno !rancese, riconoscendone l' tilit ac% ist? il (revetto $er la $re$ara&ione) Il !e#ato d'antimonio * la massa #iallo4(r na c"e s'ottiene $er ! sione del trisol! ro d'antimonio con car(onato di $otassio) Ca la $ro$riet d'essere sol (ile in ac% a) E' tile, anc"'esso, $er la (r nit ra dei metalli) Il s l! r a rat m sti(ii, o sol!odorato d'antimonio, * n $entasol! ro sato nella v lcani&&a&ione della #omma) FR<ENI9O <otto !orma di real#ar ed or$imento era #i noto nell'antic"it, anc"e se veniva riten to na variet di sol!o 22) 9ome elemento venne riconosci to da Fl(erto Aa#no +MIII sec)-, ma la $rima $re$ara&ione s'attri( isce a .e(er +@III sec)-) .) 5randt lo isol? $ ro nel 2733, ma ne consider? l'anidride come n derivato calcicoJ solo Lavoisier la ricono((e come n ossido) D'im$ortan&a tossicolo#ica notevoleB n certo n mero di decessi anc"e recenti, dov ti ad avvelenamento arsenicale, ! attri( ito ai $i#menti im$ie#ati $er la carta da $arati) Nel 2:33
20

Era detto >ermes anc"e il colorante rosso otten to dalla coccini#lia essiccata, in so so$ratt tto in li% oreria) 22 +27:042:23-, !armacista, allievo di T";nard, ri$etitore di c"imica alla <c ola Politecnica di Pari#i) Ae" , !armacista de#li os$edali e mem(ro dell'Fccademia di medicina, st di?, nel 2:6:, la com$osi&ione del c"ermes, minerale) 22 In realt si tratta di d e sol! ri d'arsenico, no rosso ed no arancio) Ra"# al #"ar, in ara(o, si#ni!ica $olvere di miniera) Or$iment *, invece, voca(olo !rancese)

si sco$r8 c"e l'odore a#liaceo, si sentiva nelle stan&e incriminate, anc"e % ando era escl sa la $ossi(ilit di inalare $articelle arsenicali, $er il !atto c"e la vecc"ia carta era stata co$erta da n ova, $riva di $i#menti tossici) La s$ie#a&ione di % esto Lmistero' ! data, de!initivamente da 9"allen#er +2331c"e osserv? come l'anidride arseniosa o altri com$osti arsenicali, in $resen&a di certi ce$$i di m !!e svil $$a la trimetil4arsina, #as vene!ico dal caratteristico odore d'a#lio) Ricordiamo % i come, i cadaveri di avvelenati da arsenico tendono a m mmi!icare, $er n ritardato $rocesso $ tre!attivo) L'anidride arseniosa ! sata come $otente insetticida, nella sintesi del verde di <c"Dein! rt e di <c"eele, $er la $re$ara&ione e conserva&ione de#li animali im$a#liati, nella stam$a s cotone e nella !a((rica&ione del vetro) Un cenno al trisol! ro d'arsenico, sato n tem$o come de$ilatorio23) 5I<AUTO / variamente c"iamato nel $assatoB marcasite, Dismat +da Paracelso-, (isem t m, +da F#ricola20-) Descritto da Pott nel 2733) .) .eo!!ro6 il #iovane +26:142712-, medico, c"imico, es$erto di mineralo#ia e (otanica, tratt?, $er $rimo, delle s e rea&ioni c"imic"e)
23

D e !orm le di de$ilatori arsenicaliB R sma dei T rc"i Or$imento $) 2G calce viva in $olvere $) :) Polveri&&a e versa in al( me e liscivia dei sa$onai ana %)s)) De$ilatorio di /lenc> Or$imento $) 0G calce viva $olvere $) 60G amido di !r mento $) 00) <i stem$eri la miscela con ac% a in modo da !ormare na $asta molle e si a$$lic"i alla s $er!icie da de$ilare in s$essore di % alc"e mm) Fllorc"; * essiccato si stacc"i con s$atolina di le#no) 20 .ior#io 5a er F#ricola +203042111-, nat ralista tedesco, no dei creatori della mineralo#ia) <crisse, nel 2106 il QDe re metallicaR)

I sali insol (ili +% elli sol (ili sono altamente tossici- ! rono sati $rinci$almente come astrin#enti ed antisettici intestinali, nella c ra della si!ilide, come $rimi me&&i di contrasto) Il triossido di (ism to * im$ie#ato nella $re$ara&ione di vetri ottici, $er la ma##iore d re&&a e $otere in!ran#i(ile, ris$etto al $iom(o) @FNFDIO Isolato nel 2:02, da F) A) Del Rio, in n minerale di $iom(o, a Zima$an +Aessico-, ! c"iamato eritronio) Estratto $oi da N).) <e!strom da n minerale di !erro, in <ve&ia, ! nominato vanadio, dal nome della dea nordica @anadis, corris$ondente alla #ermanica /reia) Nel 2:32 =o"ler dimostr? c"e entram(i #li elementi erano la stessa cosa) In #enere associato, in $iccole dosi ad altri minerali, solo la carnotite del 9olorado +vanadato d' ranio- ne contiene il 23I) <erve $er la $re$ara&ione d'acciai s$eciali) .li si !armacolo#ici $reconi&&ati, non "anno dato ( oni ris ltati) 9OLUA5IO E TFNTFLIO Il col m(io ! sco$erto, nel 2:02 da Catc"ett, in n minerale del 9onnectic t) Nel 2:02, in <ve&ia E>e(er# isol? il tantalio) In n $rimo momento si $ens? trattarsi del solito elementoJ solo nel 2:61 si dimostr? c"e erano d e elementi diversi, anc"e se simili, $er $ro$riet c"imic"e) Utili&&ati $er le caratteristic"e metallic"e, nei !ilamenti delle lam$ade, $rima del t n#steno, e, in l o#o del $latino, nei $esi cam$ione) 5ORO I so!!ioni di Larderello, in Toscana, ed altre mani!esta&ioni v lcanic"e simili, li(erano enormi % antit d'acido (orico) Il (oro, allo stato $ ro, ! isolato, $er la $rima volta da Dav6, nel 2

2:07) In nat ra si trovano $arecc"i sali come il (orace21, o sale di Tin>al +Ti(et- e la (oracite, il tetra(orato di sodio) L'acido (orico * im$ie#ato come antisettico e disin!ettante +ac% a (orica-, e come conservante, anc"e se la le##e, o##i, non ne $ermette l' tili&&o, in % est' ltimo caso, e "a limitato anc"e l' so !armacolo#ico) Il (orace entra nella com$osi&ione dei vetri al (oro4silicio, c"e "anno n indice di ri!ra&ione $articolare, ed in $rocessi di saldat ra o ! sione metallica) I $er(orati "anno le stesse caratteristic"e ed si, ma la ca$acit di li(erare ossi#eno nascente ne $oten&ia #li e!!etti) Noto l' tili&&o come im(iancanti dei tess ti nelle lavanderie) 9FR5ONIO Elemento !ondamentale nella costit &ione de#li or#anismi animali, ve#etali e di molti minerali26) Il car(one amor!o animale27 e % ello ve#etale interessano la c"imica e la !armacolo#ia, in % anto anti$ tridi, decoloranti, deodoranti, adsor(enti) Ricordiamo !ra le $re$ara&ioni la $olvere denti!ricia2:)
21

Detto vene&iano $erc"; im$ortato dai mercanti della #rande re$ ((lica marinara, nel M@ secolo) L'im$ lso c"e #li Fra(i dettero all'im$orta&ione da India ed Estremo oriente di minerali, dro#"e ve#etali, s$ecie, interess? enormemente i commercianti di @ene&ia, c"e !ornirono di % este sostan&e molti $aesi e ro$ei) 26 Fllo stato $ ro e cristallino * il diamante) 27 Il car(one animale, #i visto, e((e varie denomina&ioniB nero d'ossa, nero d'avorio, car(one di san# e, ecc)) 2: D e !orm la&ioniB +Aa r69ar(one ve#etale, & cc"ero ana #) 21Gc"ina corteccia #) 22Gessen&e di menta, cannella ana #occe M@Gtint ra d'am(ra #occe MM) +=al$er9ar(one ve#) #) 00Gcatec,, mirra, cremore de$ rato ana #) 10G essen&e di (er#amotto e #aro!ano ana #occe MM)

L'ossiclor ro di car(onio o !os#ene, *, $ rtro$$o, n (en noto a##ressivo c"imico) L'anidride * t ttora in so $er #assi!icare le ac% e mineraliJ in medicina s'im$ie#a come !armaco nelle dis$e$sie #astric"e, in % anto stimola le $areti dello stomaco ad n ! n&ionamento ottimaleJ * le##ermente anesteti&&ante, e antiemetica 23) 5attericida, * im$ie#ata nel tras$orto d'alimenti de$eri(ili come !r tta, $esci, ecc)J ! $ro$osta anc"e $er la deratti&&a&ione delle navi) Poic"; non mantiene la com( stione la neve car(onica o #"iaccio secco s' sa in alc ni ti$i d'estintori) La stessa * im$ie#ata, in dermatolo#ia, come ca stico e, in c"imica e nell'ind stria, $er ottenere tem$erat re molto di sotto lo &ero) Il sol! ro di car(onio, otten to scaldando la $irite col car(one, * invece tili&&ato come solvente di molte sostan&eB sol!o, iodio, oli, #rassi, ca cci,, vernici) L'alta tossicit e in!iamma(ilit l'"anno !atto sostit ire con il tetraclor ro) Ricordiamo l'im$ie#o $er s#rassare i cascami della lana o $er la $re$ara&ione dello Oanto#enato di cell losa +seta arti!iciale del $rocesso alla viscosa-J e come com( rente nei lancia!iamme20) La tossicit ne "a limitato l' so in !armacia, $ r essendo n ottimo (attericida, anti$ trido e conservante)
23

La $o&ione #assosa antivomitiva del Riverio, * com$osta di d e sol &ioni se$arate, cos8 !orm lateB a4 <odio (icar(onato #) 3,10Gsciro$$o sem$lice #) 30G ac% a dist) %)() a #) 210) (4 Fcido citrico #) 0Gsciro$$o d'acido citrico #) 30Gac% a %)() a #) 210) <i !anno ass mere s ccessivamente n c cc"iaio della $rima ed no della seconda sol &ione, ri$etendo $i, volte, !ino alla seda&ione del vomito) 20 <co$erto da Lam$adi s +277242:02-, !armacista tedesco, $ro!essore all'Fccademia delle miniere di /ri( r#o, s ccessore del cele(re !armacista =en&el +270042733-, estensore di na delle le##i !ondamentali della c"imica moderna)

<ILI9IO Di!! sissimo com$onente minerale della crosta terrestre, sotto !orma di silicati ed acido silicico, ! $re$arato, nel 2:23 da 5er&eli s, in !orma amor!aJ % ello cristallino da <aint49lair Deville, l'anno s ccessivo) Fllo stato $ ro s'im$ie#a in metall r#ia, $er a mentare la resisten&a e la mallea(ilit dei metalli) I silicati s' sano $er la morden&at ra dei tess ti, nella !a((rica&ione del vetro, delle vernici i#ni! #"eJ inoltre, nell'ind stria dei sa$oni, come adsor(ente +#el di silice-, nella !a((rica&ione d'a$$arecc"i ri#idi destinati ad immo(ili&&are #li arti, in caso di !ratt ra) I !l osilicati sono im$ie#ati, a( sivamente, come conservanti) TITFNIO <co$erto da Nla$rot"+2731- nel r tilo22, ma l'ossido +r tilo, anatasio, (roo>ite- era #i noto dal 27:3 al rev) =) .re#orJ Di!! si anc"e il titanato $otassico, % ello !erroso o ilmenite, % ello di calcio o $ero!s>ite, Im$ie#ato so$ratt tto nella metall r#ia, sono stati $re$arati, dall'ind stria !armace tica, sa$oni contenenti lo stearato, $er le !orme ec&ematose, in % anto il titanio esercita n'a&ione c"erato$lastica e antri$r ri#inosa) .ERAFNIO <olo $revisto da AendelePe!!, c"e lo c"iam? e>asilicio, ! sco$erto da =in>er +2::6-, nell'ar#irodite, sol! ro di #ermanio e ar#ento, minerale estratto in 5olivia e a /ri( r#o) Preconi&&ato come emato$oietico nell'anemia $erniciosa, * sato, ora, in c"imica analitica)
22

L'ossido di titanio)

ZIR9ONIO <co$erto da Nla$rot" nello &ircone) 9"imicamente si com$orta come an!otero22) <TF.NO I /enici im$ortavano, dalla 5ritannia, lo sta#no $er !a((ricare, in le#a con il rame, il (ron&o) /re% entemente, $er?, in $assato venne con! so con il $iom(o) E ello $i, $ ro in commercio * lo sta#no 5an>a +Indie orientali-, im$ortato da#li In#lesi e, $er % esto, detto #ran lato in#lese) Di dominio $ ((lico la sta#nat ra del !erro, $er $rote##erlo dalla r ##ine, e notissima * la latta) Entra in varie le#"eB il (ron&o, le#a anti!ri&ione, le#a $er saldat re 23) L'amal#ama di sta#no * im$ie#ata nella !a((rica&ione de#li s$ecc"i20) Il clor ro stannico ! $reconi&&ato come antielmintico ed
22

Rea#isce indi!!erentemente con altri elementi o com$osti, come metallo e non4metallo) 23 Le le#"e metallic"e "anno d e sco$i !ondamentaliB la $rima di a((ellire l'as$etto del metallo di (ase, allo sco$o di costr ire #ioielli, tensili, o##etti di decoro, $i, a$$re&&a(ili visivamenteJ la seconda di con!erire caratteristic"e !isico4c"imic"e diverse da % elle del metallo di $arten&a, come la d re&&a, la !ria(ilit, la resisten&a al calore, la mallea(ilit, l'adesivit, la ma##iore o minore resisten&a all'attrito, al calore, all'ossida&ione, ecc)) La sta#nat ra, oltre c"e a saldare assieme d e $arti dello stesso metallo, * tile $er $rote##ere il metallo stesso dall'ossida&ione e d'im$edire a % esto di cedere $articelle o rea#ire colle sostan&e con c i viene in contatto) Le le#"e ado$erate sono com$oste di sta#no, antimonio, rame) La le#a anti!ri&ione, in $articolare, * com$osta di sta#no e $iom(o, in $arti # ali) 20 Le amal#ame $er #li s$ecc"i ! rono molto in so, $rima delle att ali vernici, c"e le "anno so$$iantate) In $articolare, % elle all'ar#ento, sostit ito dallo sta#no ne#li s$ecc"i $i, $overi, e dal $iom(o)

antisettico nella !or ncolosi e nell'antrace) / descritto da Li(avi s nel 2601 +s$irit s ! mans Li(avii-) < ccessivamente ! nominato anc"e ( t6rr m stanni) POTF<<IO / otten to, soltanto nel 2:07 da Dav6, $er elettrolisi della $otassa idrata, c"e, !ino ad allora era considerata n elemento) Di!! sissimo in nat ra, come clor ro, nitrato sol!ato, !os!ato, acetato, ecc)) Le ceneri delle $iante lo conten#ono in discreta % antit, in $articolare ta(acco, tanaceto21 ed assen&io) La societ .ries"eim4Ele>tron $re$ar? il $otassio da n misc #lio di $otassio e car( ro di calcio) Il clor ro +sal di#estiv m o !e(ri! # m <6lvii-, ! , a$$ nto, $reconi&&ato, $er % esti si, da <6lvi s de la 5oe +M@II sec)-) F <tass! rt s'estra##ono d e minerali c"e lo conten#onoB la silvina, e la carnalite) Fddi&ionato di car(onato e clor ro di calcio, si !a volatili&&areB il resid o $ ? essere tras!ormato in n cemento ti$o Portland) Lo iod ro ! im$ie#ato, in veterinaria, nella c ra dell'actinomicosi26) L'ossido +$otassa ca stica- "a la $ro$riet di disor#ani&&are ra$idamente i tess ti or#anici) Il clorato, li(eratore d'ossi#eno, ! sato, $er % esto, in medicina) Nell'ind stria trova im$ie#o in $irotecnica, $er la !a((rica&ione dei colori e dei !iammi!eri) La caratteristica di es$lodere, in $resen&a di rid centi, ! s!r ttata dai ra#a&&i della $rima met del '300, $er i !amosi L(otti'B com$rimevano, con n sasso o col tacco della scar$a, na $asti#lia di clorato di $otassio e $olvere di sol!o)
21

Tanacet m v l#are 4 9om$osite, detto anc"e aniseto ed er(a amara, la c i essen&a ! $reconi&&ata come antielmintico) Tonico $er la li% oreria) 26 Aalattia !re% ente nei (ovini, ma $ossi(ile anc"e nell' omo, ca sata da (atteri Fctinomiceti +<c"i&omiceti-) E' caratteri&&ata dalla !orma&ione di #ran lomi nei tess ti, al centro dei % ali si notano masse rotonde##ianti dette dr se)

Noto !in dal MI@ secolo +Isacco Colland s-, il sol!ato di $otassio ! c"iamato, nel 260:, da O) 9roll Ls$eci!ic m $ r#ans Paracelsi') In se# ito ! detto anc"e Ltartar s vitriolat s', e, da .laser, Lsal $ol6c"rest m'27) Presente nei #iacimenti di <tass! rt, in #randi de$ositi di $olialite in TeOas, nelle ceneri delle al#"e, in molte ac% e minerali, e nelle lave ves viane, in $iccola % antit) I resid i della $ ri!ica&ione, nella sintesi ind striale, sono sati come concime) Il nitrato, nito al car(one entra nella com$osi&ione della $olvere neraJ e di concimi, come $ re il sol!ato) La $re$ara&ione della $otassa +car(onato- dal tartaro * #i descritta da Dioscoride, nel I secolo, ma, solo nel 2771, 5lac> ne determin? la com$osi&ione) <i $re$arava $er liscivia&ione delle ceneri delle $iante, dai resid i della !a((rica&ione dell'alcool e dello & cc"ero, o dall'ac% a di lava##io delle lane) Im$ie#ato nell'ind stria vetraria e dei sa$oni) 9ome di retico in veterinaria) Il (icar(onato, sco$erto da 9"arte ser nel 2717, * sato, in tera$ia, come antiacido, in tecnica !armace tica, come !onte d'anidride car(onica, e nella $re$ara&ione di sali o sol &ioni e!!ervescenti) Il silicato li% ido, otten to $er ! sione, a 2000S, di sa((ia, addi&ionata di car(onato di $otassio, * ado$erato nella !a((rica&ione d'a$$arecc"i ri#idi $er l'immo(ili&&a&ione de#li arti) Il $otassio meta4(isol!ito * noto essere im$ie#ato in enolo#ia, come disin!ettante, decolorante e sta(ili&&ante dei mosti) Plinio +I sec)- conosceva #i il !e#ato di sol!o +$olisol! ro di $otassio-, ed Fl(erto Aa#no +MIII sec)- ne descrisse la
27

+266242722-, c"imico svi&&ero, !armacista ordinario di L i#i MI@, dimostratore al .iardino del Re +Hardin de $lantes-, a tore di n c rioso trattato di c"imicaB QTrait; de la c"6mie ensei#nant $ar ne (reve et !acile m;t"ode de to tes ses $l s necessaires $r;$arationsR)

$re$ara&ione, $er ! sione del sol!o con $otassa) La denomina&ione $roviene da 5asilio @alentino) In so in dermatolo#ia e nell'arti#ianato dei metalli e del le#no) <ODIO <co$erto da Dav6 +2:07- $er elettrolisi della soda ca stica) Presente in nat ra solo sali!icato, so$ratt tto nel sal#emma +clor ro-, o disciolto nell'ac% a marina, sem$re sotto !orma di clor ro, o sol!atoJ nel nitro del 9ile, come nitrato) I sali di sodio, a $arte la ! n&ione essen&iale dello ione NaT +e 9l4- nella $om$a del sodio, essen&iale $er la vita, "anno le stesse ! n&ioni dei corris$ondenti del $otassio) Ricordiamo l' so alimentare del clor ro, il $rocesso di sa$oni!ica&ione con la soda ca stica e #rassi e l'i$oclorito s(iancante dei tess ti e $ota(ili&&ante dell'ac% a +<teridrolo-) Lo Ionol +ossi4clor ro- "a a&ione disin!ettanteJ l'Fnti!ormina, sol &ione alcalina d'i$oclorito, * tile $er la determina&ione del (acillo t (ercolare, l' nico c"e #li resiste) Il clorito Aat"ieson * n $otente ossidante, c"e im(ianca le !i(re della cell losa, sen&a de#radarleJ si s? anc"e nelle mani!att re con amido) Il tiosol!ato s'im$ie#?, in !armacia, come catartico e nelle dis$e$sie !ermentative, come vermi! #o, in dermatolo#ia e come antidoto, $er il $otere c"elante, ne#li avvelenamenti da arsenico, (ism to, cian ri, sali di merc rioJ nella di!esa anti#as, come $rotettivo contro il cloro e il (romoJ in tecnica !oto#ra!ica) Il sol!ato, ottimo $ r#ante, s'im$ie#a anc"e nella !a((rica&ione del vetro) Il !os!ato (i4sodico, isolato da .e(er, ! st diato da van Celmont nel 2600) <olo nel '700, ! riconosci to c"imicamente e sinteti&&ato da Pearson) E' n (lando $ r#ante, sato so$ratt tto $er clisma) Il car(onato * $resente in molte ac% e minerali +Narls(ad, 2

@ic"6, Ems, 5ilin-) Il Lsal t"ermar m 9arolinense, o Narls(ader sal&, contiene essen&ialmente car(onato, clor ro e sol!ato di sodio, % indi * stato $re$arato anc"e arti!icialmente) D'interesse solo storico l'estra&ione dalle ceneri d'al#"e marine, o come $rodotto secondario dell'estra&ione del !l oro e dell'all minio dalla criolite, mentre il $rocesso <olva6, c"e "a sostit ito t tti #li altri, * t ttora se# ito) <i sava anc"e $er la $re$ara&ione della sol &ione concentrata di catrame) Il (icar(onato * $i, idoneo $er la $re$ara&ione d'ac% e #assose) L'i$o!os!ito ! $reconi&&ato, con scarsi ris ltati, nel trattamento della t (ercolosi) LITIO <co$erto nel 2:27 da H) F) Fr!vedson nella $etalite, ! isolato, $er la $rima volta da 5 nsen e Aatt"iessen, nel 2:11) Presente in ac% e minerali come % elle di A r <$rin#s a 5aden45aden, in vari minerali +il #iacimento ma##iore * % ello di 5lac> Cills in <o t Da>ota-, e nelle ceneri di molte $iante come la (ar(a(ietola e la canna da & cc"ero, il t"e, il ca!!;, il ta(acco) E' n tile anti$sicotico) Non vi sono particolari curiosit, per RUBIDIO, e CESIO, scoperti negli anni 1860 1861, !a Bunsen e "irc##o$$, salvo c#e il cesio, % stato il pri&o ele&ento scoperto per &e''o !ella spettroscopia( )onia&o *ui !i seguito i sali !+a&&onio, per l+a$$init c#i&ica c#e il catione N,-. #a con i &etalli alcalini( I <FLI D'FAAONIO Erodoto +@ sec) a)9)- e <tra(one +I sec d) 9)- ri$ortano noti&ie s ll'estra&ione del clor ro d'ammonio nelle vicinan&e del 3

tem$io di .iove Fmmone, ad Fmmon, ma s$esso si con!ondevano % esti sali col sal#emma) <olo .e(er nel @III secolo, lo descrive $recisamente) /ino a met del M@III secolo sar estratto $er s (lima&ione della ! li##ine, otten ta (r ciando sterco di cammello con sale marino) In !armacolo#ia $resenta n'a&ione stimolante del res$iro) Nell'ind stria * im$ie#ato in tintoria, $er la $ lit ra dei metalli, e $er la $re$ara&ione di $ile elettric"e) Il car(onato, otten to da Raimondo L llo +MIII secolo-, "a a&ione r (e!acente, es$ettorante e di stimolante cardiaco) L'ammonio sol!oittiolato * il $rinci$ale com$onente della $omata risolvente all'ittiolo) E' la !ra&ione solida resid a c"e s'ottiene dalla distilla&ione di sc"isti (it minosi 2:, e nella $re$ara&ione del catrame) 9FL9IO Nel MI@ secolo I) Colland s $arl? del clor ro di calcio, ottenendolo dalla distilla&ione del clor ro d'ammonio con calce vivaB lo c"iam? sale ammonico !isso) L'ole m calcis, de!inito cos8 nel M@II secolo, * il clor ro andato in deli% escen&a, $er e!!etto dell' midit dell'aria) E' n emostatico locale, cardiotonico, antidiarroico, antiemetico, antiasmatico, antidroticoJ si s? nel trattamento della t (ercolosi ossea, e della !e((re (iliosa emo#lo(in rica, $er le $ro$riet antiemoli&&anti) Ind strialmente s'im$ie#a nella $re$ara&ione delle miscele !ri#ori!ere e nella !a((rica&ione del #"iaccio) Ca a&ione disidratanteJ entra nella com$osi&ione di alc ni cementi) <i cerc? d'im$ie#arlo anc"e $er dimin ire il sollevamento della
2:

In Italia n'* ricco il < d Tirolo+Aollaro e <an Romedio-, dove #li sc"isti (it minosi sono n $rodotto !ossile !ormatosi da inn merevoli micro 4 conc"i#lie e $esci di c i * ricca la dolomite) /amosi anc"e i #iacimenti del Tirolo +<ee!eld- e di Reit", $resso Inns(r c>)

$olvere s lle strade, ma la $olti#lia c"e si !ormava $rovocava danni ai circ iti elettrici dei veicoli, $erci? ne ! a((andonato l'im$ie#o) L'ossido $ ? essere im$ie#ato in !ertili&&anti ed insetticidi, nella !a((rica&ione dello & cc"ero, del vetro, della carta, di alc ni es$losivi) La s a sol &ione, l'ac% a di calce, serve $er $re$arare il linimento oleo4calcareo, tile nelle scottat re) Il clor ro, nella !orma solida, ! sato, d rante la $rima # erra mondiale, come me&&o di $rote&ione dall'a&ione vescicante dell'i$rite, e $er lcera&ioni cancrenose) In sol &ione al 241I $er lava##i nel trattamento della di!terite e della (lenorra#ia) Il sol!ato, detto #esso cotto, noto sin dall'antic"it, $er la $ro$riet d'ind rire, a contatto con lUac% a, do$o n trattamento di calcina&ione, ! s$ie#ato de!initivamente da Lavoisier23) Entra nella com$osi&ione di cementi e dello st cco) Il car(onato, noto a#li antic"i come L$ietra di calce', ! $oi detto s$ato d'Islanda) In !orma cristallina esiste anc"e n'altra variet minerale, l'ara#onite) Fllo stato amor!o costit isce il calcare30) <TRONZIO Del t tto simile al calcio) Nella medicina omeo$atica i sali di stron&io, sono im$ie#ati come i$otensivi e nelle t me!a&ioni ossee)
23

Ill stre scien&iato e c"imico !rancese +270342730-, st di? la com( stione, la ! n&ione (iolo#ica dell'ossi#eno ed en nci? le##i !ondamentali $er la c"imica moderna) F$$altatore d'im$oste del re#no, mor8 s lla #"i#liottina, vittima de#li eccessi della 9onven&ione) E((e come maestro .)T) Rotelle l'an&iano +270342770-, $ro!essore di c"imica al A seo di <toria Nat rale +del .iardino del Re-) 30 /ra i minerali cristallini va ricordato il nostro marmo di 9arrara, il L(ianco stat ario')

5FRIO Dallo s$ato, <c"eele e .a"n, isolarono +277042771- na terra $esante, c"e c"iamarono (arite) Per l'o$acit ai ra##i M, il sol!ato * im$ie#ato come me&&o di contrasto nella dia#nosi radio#ra!ica dell'addome) <i somministra in sos$ensione al cioccolato, o in sciro$$o di #omma +9ito(ari m, E (ar6t, Roe(ar6t, Idra(ari m, 5roto(a-) RFDIO <co$erto dai 9 rie, nel 2:3:, ! isolato solo nel 2320) E' nota l'a$$lica&ione in radiodia#nostica e radiotera$ia) <i trova, in nat ra, associato a sali d' ranio, in % antit talmente irrisorie, c"e, a met del '300, non n'erano stati estratti, in t tto il mondo, c"e 600 #) circa) 5asti dire c"e na tonnellata di carnotite contiene a$$ena 0 m#) di Radio) <i $ ? trovare anc"e in Italia a L risia +9 neo-) Ora * $er? $ossi(ile tili&&are n merosi radioisoto$i in % antit di microc rie s !!icienti) Trova im$ie#o anc"e $er la $re$ara&ione di colori l minosi) 5ERILLIO Isolato dal (erillo32, sotto !orma d'ossido, detto #l tina $er il sa$ore dolce, da @a% elin32) Riveste na notevole im$ortan&a nella metall r#ia, dove entra nella com$osi&ione di molte le#"e le##ere) In medicina i $areri s ll' tili&&o ! rono contrastantiB molti st diosi sostenevano c"e $rovocava #ravi lesioni all'or#anismo
32

<ilicato do$$io di (erillio ed all minio) @ariet sono lo smeraldo e l'ac% a marina) 32 +276342:23-, ! allievo di /o cro6, $ro!essore alla <c ola delle Ainiere, al 9olle#io di /rancia, al A seo, alla <c ola di /armacia ed alla /acolt di Aedicina)

mano) Fltri ricercatori ne a s$icarono l' so $er l'a&ione (ene!ica s ll'accrescimento e s lle di!ese imm nitarie, $er la stimola&ione dell'emato$oiesi ed in!ine come antista!ilococcico) AF.NE<IO Non * $resente allo stato li(ero in nat ra, ma in n merosi minerali +dolomite, talco, olivina, as(esto, ser$entino, s$inello, ecc)-) E', inoltre, n costit ente della cloro!illa33) I $rimi tentativi d'isolarlo risal#ono al 2:30) 5 ss6 lo ottenne $er rid &ione dell'ossido con il sodio e, nel 2:12, 5 nsen lo $re$ar? con il $rocesso elettrolitico) Il ma#nesio metallico * im$ie#ato $er ottenere e!!etti l minosi +lam$ada al ma#nesio, (en#ala, ! oc"i $irotecnici- ed in le#"e come il ma#nalio +con l'all minio-) Fltri metalli sono im$ie#ati in $irotecnica $er il colore intenso c"e emanano (r ciandoB l'all minio d na colora&ione (ianca ma diversa da % ella del ma#nesio, il sodio, #ialla, il rame, (l , il (ario, verde, lo stron&io ed il calcio danno d e tonalit di rosso, l'arsenico, lo &inco e l'antimonio tre diversi a&& rri, il $otassio n rosso4viola c"e $ermane $er $oc"i attimi) Il clor ro, entra nel $rocesso d'a$$rettat ra dei tess ti di cotone) 9alcinandolo con l'ossido si ottiene na massa d ra, il cemento di ma#nesia o di <orel) L'ossido, o ma#nesia sta, o terra amar, noto !in dal 2711 +5lac>-, si $re$ara $er com( stione del ma#nesio all'aria, o riscaldando il car(onato (asico +ma#nesia al(a-) <i sa come
33

La sintesi cloro!illiana * la $i, im$ortante ! n&ione di n tri&ione delle $iante a totro!eB l'anidride car(onica e l'ac% a sono tras!ormate nei com$osti or#anici necessari alla $ianta, $er e!!etto dell'ener#ia l minosa del sole, c"e la cloro!illa m ta in ener#ia c"imica +da c i il termine, $i, corretto di !otosintesi-) Il ma#nesio ! n#e da tras$ortatore dell'anidride car(onica, !issato in na molecola com$lessa simile alla nostra emo#lo(ina +dove il !issatore d'ossi#eno *, invece il !erro-)

cemento, $er la !iltra&ione dell'ac% a, come rivestimento dei convertitori $er l'a!!inamento dell'acciaio ed, in!ine $er la !a((rica&ione di mattoni re!rattari) Idratato * no dei mi#liori antidoti $er #li avvelenamenti da anidride arseniosa e da acidi) L'Ermitina, na sol &ione di ma#nesio i$oclorito, otten ta $er elettrolisi dell'ac% a marina col metodo Cermite, da c i il nomeB si sa in medicina, come disin!ettante) L'O$o#an, ossido di ma#nesio associato al 21I almeno di $erossido, * n antisettico #astrico ed intestinale, come, del resto, il sol!ito) Nota a t tti l'a&ione $ r#ativa del sol!ato +sale amaro o in#lese, sal canale, sale d'E$som, di P lna, di <edlit&, di C n6adi Hanos-) Otten to, $er la $rima volta, da .reD, nel 2630, dalle ac% e minerali d'E$som, e, in se# ito, da Co!!mann da % elle di <edlit&30) <olo nel 2::6 .r n(er# lo isol? da n minerale, la >ieserite) Nell'ind stria si s!r tta $er a$$rettare i !ilati, nelle mani!att re di vernici, colori, sa$oni)
30

Inn merevoli, in E ro$a le ac% e termali contenenti sol!ati insol (ili, ad a&ione $ r#ativa) Ri$ortiamo alc ne $re$ara&ioni arti!iciali, c"e ri$rendono esattamente la com$osi&ione c"imica salina delle terme c i si ri!erisconoB Polvere aero!ora carolinense di Narls(ad a4 <ol!ato di sodio secco $olv) #) 2,71Gclor ro di sodio $olvere, acido tartarico ana #) 0,72 +in cartina (ianca-) (4 5icar(onato di sodio #) 2,00Gsol!ato di $otassio #) 0,0: +in cartina colorata-) Trocisci di <elter o dra#;es minerali di A*#e 5icar(onato di sodio $olvere #) 200Gacido tartarico $olvere #) 30) <i metti con alcool e si !acciano 200 $asti#lie) Fc% a $ r#ativa di Hanos <ol!ato di ma#nesio #) 0:Gsol!ato di sodio #) 0:G clor ro di sodio #) 2Gac% a #) 300 <ale di 9"elten"am <ol!ato di ma#nesio secco, sol!ato di sodio secco, sale com ne ana $) E come non ricordare le nostre ac% e di Aontecatini e di Aons mmano, tili anc"e nelle a!!e&ioni dermatolo#ic"e)

Il car(onato (asico * otten to ind strialmente col metodo PattinsonB na sos$ensione ac% osa di dolomite, in $receden&a calcinata in modo le##ero, viene sotto$osta a va$ori d'anidride car(onica) Entra nella com$osi&ione del citrato di ma#nesio c"e, sciolto in ac% a, d l o#o ad na # stosa (evanda dissetante e di#estivaJ della limonata citroma#nesiaca e dei denti!rici31) Il talco +silicato idrato- si trova in vari #iacimenti in Piemonte, Flto Fdi#e, <co&ia, 9anada, Transvaal) Oltre c"e come $olvere as$ersoria $er l'i#iene % otidiana, trova n merosi im$ie#"i nell'ind stria delle cal&at re e nella !a((rica&ione d'o##etti di #omma) <i sa come c"iari!icante di li% idi) ZIN9O Paracelso ! il $rimo a citare lo &inco, c"e era im$ortato dall'Oriente) Usato $er #li anodi delle (atterie, $er alc ni tensili, le#"e metallic"e come l'ottone o l'al$acca) Un accenno al $rocesso di &incat ra del !erro, con (a#ni nello &inco ! so o $er elettrolisi, $er $rote##erlo dalla r ##ine) Il clor ro * n ca stico ed n disidratante) <'im$ie#a $er la conserva&ione di re$erti anatomici e del le#no +$er im$re#na&ione-) L'ossido di &inco +(ianco di &inco, !iori di &inco- entra nella com$osi&ione della Pasta del Lassar, !amosa $er $rote##ere la c te del sederino dei neonati) Il $erossido +Peridrolo o E>to#an- * na $olvere as$ersoria +o matita- $er $ia#"e in!ette)
31

La limonata citro4ma#nesiaca * $re$arata in varie maniereJ essen&ialmente contiene acido citrico, car(onato di ma#nesio, sciro$$o di limone ed ac% a) Un denti!ricio ti$o $ ? essere cos8 com$ostoB 9ar(onato di calcio $) 30Gcar(onato di ma#nesio $esante $) 60G(orato sodico $) 01Gsa$one molle (ianco $) 22G essen&e di #aro!ano, rosa, #eranio ana $) 0,2Gmentolo $) 0,2Gac% a di rose, #licerina, #licerolato d'amido %)())

Il sol!ato * astrin#ente ed emetico) In tecnica trova im$ie#o come mordente, $reservante del le#no e delle $elli) /acendolo rea#ire con sol! ro di (ario, s'ottiene na sol &ione detta Lito$one, sato $er la $itt ra) Il !os! ro di &inco * n $otente veleno c"e trova im$ie#o nella deratti&&a&ione) Del sol! ro +(lenda- si s!r tta, so$ratt tto la !os!orescen&a, da verde4#iallo a rossiccia, c"e si "a, s$ecialmente $er s!re#amentoJ simile a % ello di calcio, detto !os!oro di 9anton, ed a % ello di (ario, detto !os!oro (olo#nese, $erc"; sco$erto da @) 9ascariolo +M@I sec)- c"e, $ensando $otesse trattenere la l ce del sole, lo c"iam? la$is solaris) T tte % este sostan&e sono ado$erate $er la $re$ara&ione di vernici l minose e $er i % adranti de#li orolo#i) 9FDAIO <co$erto nel 2:27 da <trome6er, c"imico di .ottin#a, si trova, in nat ra sem$re associato a minerali di &inco) Pericoloso veleno, non deve venire a contatto con #li alimenti, $er la massima a!!init c"e $resenta con #li acidi or#anici, con c i si com(ina) RFAE Estratto !in dall'antic"it dalle miniere, molti s oi sali, o acidi vennero detti t tti, com nemente, vetriolo, #enerando n $oco di con! sione) Di!! so in nat ra in molti minerali, tra c i la calco$irite) 9aratteristica la s a alta $resen&a nei $i#menti del $i ma##io di molti ccelli tro$icali e nel san# e dell'Octo$ s v l#aris, dove sem(ra c"e il !erro sia sostit ito, in ( ona $arte, da esso) <econdo solo al !erro, come metallo, in % anto all' soB ind stria elettrica, le#"e $er #ioielli e monete, come l'ottone, il metallo da s$ecc"i, $er str menti ottici, il (ron&o ordinario e da 3

cannoni, il (ron&o d'all minio, l'ar#entana) Il clor ro ramico entrava nella com$osi&ione del Lli% or antimiasmatic s Noc"lini', mentre l'ossido ramico ! $reconi&&ato come antielmintico ed, esternamente come risolvente d'in#or#"i #"iandolari e nell'ama rosi36J $er inie&ione i$odermica ! im$ie#ata, nella c ra del cancro, la sol &ione colloidale +9 $rase-) L'idrossido ramico, c"e mette la cell losa in sol &ione, dalla % ale si $ ? ri$reci$itarla inalterata, in !orma di !ilamenti, ! im$ie#ato nella $re$ara&ione della seta arti!iciale) Il sol!ato ramico, ca stico, antisettico, astrin#ente disin!ettante, ! $reconi&&ato, a $iccole dosi $er os, come risolvente della scro!ola37 +come anc"e l'arsenito, detto anc"e verde svedese o di <c"eele-, e come antidoto nell'avvelenamento da !os!oro +assieme al car(onato (asico-) Il verde di Pari#i, altro sale do$$io di rame e arsenico ! sato come insetticida) La sol &ione c $ro4$otassica +reattivo di /eelin#- * tile $er la determina&ione de#li & cc"eri ne#li alimenti) Nel 2633, <tisser $re$ar? il sol!ato ramico ammoniacale, c"iamandolo L arcan m e$"ilectic m', sato $oi nell'e$ilessia, come antinevral#ico, e nel collirio detto ac% a celeste3:) Il nitrato * im$ie#ato in tintoria) Aolti sali di rame sono t ttora im$ie#ati come anti$arassitari, anti! n#ini, s$ecialmente contro la $eronos$ora della vite, o $er la disin!esta&ione delle sementi) Ricordiamo, !ra t tte le
36

Perdita totale della vista, $er altera&ione dei nervi ottici o della retina, o anc"e del s)n)c), sen&a c"e a$$aiano sintomi esteriori di cecitB Il nome, in #reco, si#ni!ica osc ramento) 37 T (ercolosi delle lin!o4#"iandole s $er!iciali della &ona latero4cervicale, con !istole $ r lente e s ccessive cicatrici det r$anti) La malattia "a, com n% e, decorso (eni#no) 3: Fcetato di rame crist) #) 20Gcloridrato d'ammonio #) 2,20Gac% a di calce #) 221)

$re$ara&ioni, la $olti#lia (ordolese o mist ra di 5ordea O +sol!ato di rame e latte di calce-) Il !os!ato s'im$ie#a nella stam$a dei tess ti e nella #alvano$lastica) AER9URIO Aen&ionato da Fristotele +000 a) 9)-, da Teo!rasto +300 a) 9)ed, in se# ito da Dioscoride) L'estra&ione risale al 021 a) 9) Plinio ri$orta c"e dalle miniere d'Flmaden +<$a#na- erano im$ortate a Roma 00000 li((re di merc rio l'anno) Era c"iamato "6drar#iri m o ar#ent m viv mJ nel Aedioevo $rese la denomina&ione di Aerc ri s viv s) Nonostante l' so intenso de#li alc"imisti, nel tentativo di tras!ormarlo in oro, solo nel M@III secolo, se ne sta(il8 la nat ra c"imica d'elemento metallico) F tem$erat ra vicina all'e(olli&ione, si tras!orma in ossido rosso +merc ri s $reci$itat s-J a#itato con diversi li% idi, in $resen&a d'altri elementi o com$osti, in na $olvere #ri#ia im$al$a(ile detta etio$e) In $assato s' tili&&avano diversi etio$i +antimoniale, #ranitico, cretico, mar&iale ed adi$oso- 33, c"e dotavano il merc rio di na ma##iore ca$acit di essere assor(ito) L'aet"io$s adi$os s, o n# ento cinereo, o $omata merc riale com$ariva ancora nelle !armaco$ee del ':00) E ello #ranitico * im$ie#ato nell'ind stria estrattiva d'oro ed ar#ento, tramite il metodo dell'amal#ama 00, $er la
33

9ol nome d'etio$e erano identi!icate, n tem$o, t tte le sostan&e in #rado d'a mentare la (iodis$oni(ilit di n !armacoJ si trattava, % indi, d'ecci$ienti con la caratteristica di sol (ili&&are na sostan&a, di !avorire la $ermea(ilit di n $rinci$io attivo attraverso la c te, ecc)) 00 L'amal#ama con il merc rio ! no dei $rimi $rocessi c"imici im$ie#ati $er l'estra&ione di metalli no(ili da minerali) La s ccessiva $reci$ita&ione del metallo reali&&ava n'ottima $ re&&a dello stesso, ma con na discreta $erdita della $arte c"e non si se$arava $i, dal merc rio) Il $rocesso, invece, di levi#a&ione, sato nell'estra&ione d'oro ed ar#ento dalle $olveri minerali, come % elle dei !i mi, avveniva con l'ac% a,

!a((rica&ione de#li s$ecc"i, $er la dorat ra ed ar#entat ra a ! oco, $er la $re$ara&ione del ! lminato di merc rio e $er str menti come i termometri o i (arometri) Aolto sato, n tem$o, in !armacia come antisettico +s (limato, cian ro, (iPod ro-, come ca stico +calomelano-, nel trattamento dell'acne, dell'ec&ema secco, delle c"eratiti, della con#i ntiviteJ come $ r#ante, emetico, di reticoJ nel trattamento della si!ilide) Il calomelano a va$ore +clor ro merc roso-, detto anc"e merc rio dolce o $reci$itato (ianco, s'im$ie#ava anc"e $er ! mi#a&ioni, secc"e od mide02 e come cola#o#o e disin!ettante intestinale) Il clor ro merc rico, descritto da .e(er, c"e lo c"iam? s (limato corrosivo, e da R"a&es ed Fvicenna, entra nella lavora&ione all'anilinaJ s'im$ie#ava nella stam$a dei tess ti, $er mantenere (ianc"e le &one c"e non dovevano essere im$re#nate dal coloreJ inoltre, $er intaccare l'acciaio e $er conservare il le#no)
ma $resentava l'inconveniente di rendere inse$ara(ili $articelle di silicati ed altri sali insol (ili) <olo la ! sione ed, ltimo !ra t tti, il metodo elettrolitico, ri scirono a rendere massima la resa e la $ re&&a del metallo) 02 Le ! mi#a&ioni mide di clor ro merc roso ! rono molto in so $er la disin!e&ione d'am(ienti dove so##iornavano, od avevano so##iornato, malati di mor(i conta#iosi, come ad esem$io il ti!oJ % elle mide, nei malati di si!ilide, con l'inten&ione d'im$edire l'a##ressivit del merc rio s lla m cosa #astrica, anc"e se % ella nasale non traeva certamente (ene!ici) <ac"ets merc riali +AartinTess to di lana 20421 cm2G merc rio ed ammoniaca %)s) <i t !!i il tess to di !lanella nel merc rio e, % indi nell'ammoniaca) <i $orti, circondato da m ssolina, di #iorno so$ra la camicia, di notte attorno al collo o steso s l ca$e&&ale, in modo c"e il malato res$iri contin amente i va$ori merc riali) <i rinnovi o#ni tre settimane) Ins !!la&ioni di $olvere si !acevano anc"e s l viso ( tterato dal vaiolo, avendo c ra di $rote##ere #li occ"i)

Il cloramid ro, s' sava come anti$arassitario nella sca((ia) Lo iod ro * n ottimo (attericida, $erci? im$ie#ato $er conservare la salda d'amido) Dell'ossido merc roso, ricordiamo soltanto c"e era detto merc ri s cinere s, sive $raeci$itat s, sive sol (ilis Aoscati +dallo sco$ritore-) Il nitrato di merc rammonio era c"iamato merc ri s sol (ilis Cannemanni o "6drar#iri m oOidat m ni#r m, o merc ri s cinere s 5lac>ii) L'ossido merc rico +merc ri s $raeci$itat s r (er, o !lav m- 02 ! sco$erto da L llo +MIII sec)-) L'ossido rosso * im$ie#ato nell'ind stria dei $i#menti colorati, della $orcellana, delle vernici $er le navi, allo sco$o d'im$edire l'adesione allo sca!o d'al#"e, crostacei, ecc)) Nominiamo soltanto l'ac% a !a#edenica #ialla o nera, otten te miscelando l'ossido con idrato di calcio) Il nitrato merc roso +vitriol m merc rii- "a solo im$ortan&a di la(oratorioB * il reattivo di Ailton, $er la ricerca delle $roteine) Il sol!ato, t r$et" m minerale di 5asilio @alentino, * ormai in dis so) I sol! ri ! rono noti, a seconda della metodica di $re$ara&ione o del colore, con diversi nomi +cina(ro $er s (lima&ione, cina(ro vermi#lione, aet"io$s mineralis, sive merc rialis T r% eti, $ lvis narcotic s sive "6$notic s-) E ello rosso entrava nella com$osi&ione del decotto di Litmann, e della $olvere escarotica di Padre 9osimo) Ora sono im$ie#ati solo come $i#menti colorati) <ali di merc rio sono tili&&ati in tint re $er ca$elli) FR.ENTO 9"iamato da#li alc"imisti L na o Diana, e ra$$resentato dal
02

La di!!eren&a di colore sem(ra doversi im$ tare alla #rande&&a delle $articelle, ed al calore !ornito nella $re$ara&ione)

sim(olo della l na crescente, *, $i, volte, citato nel @ecc"io Testamento) / sato da n merosi $o$oli antic"i $er il conio delle monete) I /enici l'im$ortavano, addiritt ra dall'Frmenia e dalla <$a#na) Non ci so!!ermeremo s lla metall r#ia dell'ar#ento, molto varia e com$lessa) Ricordiamo l'im$ie#o $er tensili, attre&&i, $osaterie, ecc)J l'ar#entat ra tramite $laccat ra o $rocesso #alvanicoJ la !a((rica&ione de#li s$ecc"i) .rande im$ortan&a riveste l' tili&&o c"e se ne !a in tecnica !oto#ra!ica) Le lastre, o le $ellicole di cell loide ven#ono rico$erte da n'em lsione di #elatina, con, sos$eso, (rom ro +o nitrato ed acetato- d'ar#ento, c"e * im$ressionata, dalla l ce, allo scatto della !oto#ra!ia) Lo svil $$o avviene $er me&&o di na sol &ione di $iro#allolo o idroc"inone03) Il !issa##io s'ottiene mediante n (a#no di tiosol!ato sodico, c"e im$edisce c"e il (rom ro, in!l en&ato dalla l ce, ven#a ridotto) La stam$a s'ese# e $onendo il ne#ativo s di n !o#lio di carta al (rom ro, es$onendo $oi il t tto alla l ce) Fnc"e in % esta !ase del $rocesso occorre $rocedere ad n (a#no !issatore) Nae#eli de!in8 a&ione oli#odinamica, la $ro$riet (attericida marcata, c"e si ottiene $onendo n sale d'ar#ento, come il clor ro o il !l or ro, in ac% a) Il !l or ro ! $reconi&&ato anc"e $er la c ra della t (ercolosi) Il nitrato d'ar#ento ammoniacale * stato a((andonato $er la !orma&ione, d rante le !asi di $re$ara&ione, d'ar#ento nitride o ! lminante, altamente es$losivo $er rto o s!re#amento) Fncora in so i (astoni di nitrato d'ar#ento in nitrato di
03

/enolo trivalente, il $iro#allolo, dotato di !orte $otere rid cente * sato anc"e nella sintesi di coloranti or#anici e nell'analisi dei #as) L'idroc"inone *, invece, n !enolo (ivalente, c"e, oltre alle a&ioni viste $er il $iro#allolo, $ossiede anc"e n !orte $otere anti$olimeri&&ante)

$otassio 3B2, detti n tem$o L$ietra in!ernale con nitro', come ca stico nelle $ia#"e tor(ide) L'O&ar#one * na miscela di $erman#anati d'ar#ento e man#anese, detta o&oni&&anteJ s'im$ie#a anc"e come antisettico e cicatri&&ante) ORO Fnc"e #li omini della $reistoria lavoravano l'oro $er ottenere o##etti d'ornamento e tensili, come $ettini, !i((ie, ecc)) In alc ne tom(e del 2100 a) 9) ! rono sco$erte !i# re ra$$resentanti l'estra&ione dell'oro da minerali di % ar&o) In alc ne, risalenti al 2310 a) 9) circa, a!!resc"i con imma#ini di miniere d'oro) Le miniere d'oro della N (ia ! rono intensamente s!r ttate da#li E#i&i) Plinio descrive l'estra&ione dell'oro $er amal#ama&ione) Risale al II secolo il $rocesso di co$$ella&ione $er $ ri!icare l'oro00, anc"e se .eremia ri!erisce, nella 5i((ia, di n $rocesso, c"e risalere((e a :00 anni $rima, il % ale $otre((e essere il solito) .li alc"imisti c"iamarono l'oro <ole o F$ollo, e lo ra$$resentarono con il sim(olo della $er!e&ione, n cerc"io con n $ nto al centro, o con la testa d'F$ollo circondata da ra##i) Di!! so in rocce a ri!ere, in #enere nito ad altri minerali, e nelle ac% e d'alc ni !i mi e torrentiB ricordiamo la mi#ra&ione di molti im$rovvisati cercatori americani nel Nlondin>e +Flas>a-, nel MIM secolo) L'estra&ione avviene col $rocesso d'amal#ama&ione detto $rima, con % ello di levi#a&ione, % ello di clor ra&ione e
00

La co$$ella&ione * n metodo di $ ri!ica&ione c"e consiste nel trattare il metallo in !orni, detti a co$$ella, o a cro#iolo, c"e consente di eliminare le altre scorie metalli!ere, mediante ossida&ione) La % arta&ione consisteva invece nel !ormare na le#a dei metalli, $er ! sione, con s ccessiva se$ara&ione, mediante sol (ili&&a&ione e $reci$ita&ione c"imica)

% ello di cian ra&ione) La ra!!ina&ione, oltre c"e con il metodo della co$$ella&ione a caldo, e di % arta&ione, ormai entram(i a((andonati, avviene $er elettrolisi01) Im$ie#ato, n tem$o, in medicina, $er la t (ercolosi e la si!ilide, trova ormai l' nico im$ie#o att ale nelle !orme re matic"e de#enerative, anc"e se la tossicit a livello renale ne "a com$romesso l' so) <i im$ie#a ancora nelle $rotesi dentarie) L'oro colloidale, detto Zima rolo, s'im$ie#? $er stimolare la le cocitosi) F) 9assi s descrive in n s o lavoro del 26:1, QDe a roR la $or$ora, detta, a$$ nto, di 9assio, otten ta miscelando clor ro tannico, stannoso e d'oro, c"e s'ado$erava, n tem$o $er colorare vetro e smalto) L'i$osol!ito do$$io a roso4sodico +sale di /ordos e .;lis-06, detto <anocrisina di Aoll#aard, s'im$ie#a come sta(ili&&ante nella tecnica !oto#ra!ica) Il cloroa rato sodico o sale di /i# ier 07, si sa in !oto#ra!ia e $er (a#ni di dorat ra) Lo stesso dicasi $er l'F ritiol, a rosol!ito sodico, detto sale d'Oddo e Ain#oia) PIOA5O Estratto !in da tem$i remoti, ! sato dal I secolo d) 9) $er le t (at re dell'ac% a) I minerali $rinci$ali sono la #alena +sol! ro-, la cer ssite +car(onato-, l'an#lesite +sol!ato-)
01

/enomeno elettroc"imico dov to al $assa##io di corrente tra d e elettrodi, immersi in com$osti ! si, o in sol &ioneB #li ioni $ositivi, o cationi, si diri#ono verso l'elettrodo ne#ativo, o catodo, mentre % elli ne#ativi, #li anioni, vanno a !issarsi all'elettrodo $ositivo o anodo) <i $ossono cosi se$arare sostan&e metallic"e o no, col massimo #rado di $ re&&a) 06 /ordos +2:2642:7:-, ! !armacista de#li Os$edali di Pari#i) .;lis +2:2142:7:-, ! !armacista e !a((ricante di $rodotti c"imici) 07 +2:2342:30-, $ro!essore di c"imica all'Universit di Aont$ellier)

D'interesse sociale la s a tossicit, dov ta so$ratt tto all'acc m lo c"e si $ ? creare nel nostro or#anismo, $er l'insol (ilit del metallo) L'avvelenamento interess?, nel recente $assato, #li addetti alla !a((rica&ione o alla mani$ola&ione di vernici, come il minio e la (iacca, di caratteri di stam$a, di $allini da caccia, di t (i, $iastre, acc m latori, ma anc"e $er il contatto con l'ac% a sta#nante in contenitori di $iom(o, o di vino, !a((ricato con tale ac% a) Il $rotossido0:, e l'acetato (asico ! rono molto in so in medicina +ricordiamo l'em$iastro diac"ilon, la sol &ione d'acetato (asico-, ma anc"e in metall r#ia, nelle ind strie della ceramica, del vetro, delle vernici, del cemento, e come $i#menti) <ono noti il minio +ossido rosso-, $i#mento di vernici antir ##ine, e la (iacca +car(onato (asico- im(iancante $er i m ri) NI9CEL 9onosci to da#li antic"i 9inesi c"e $re$aravano na le#a con rame e &inco, il $ac>!on#, venne sco$erto in E ro$a solo nel 2712, da 9ronstedt) <i sa so$ratt tto in le#"e come ar#entana, ne sil(er, man#anina03, acciaio al nic"el, le#a monetaria al nic"el, invar, $latinite) P ro, s'im$ie#a $er la !a((rica&ione di caldaie e cro#i oli, $i,
0:

/ detto litar#irio, se cristallino, e massicot se amor!o) L'ar#entana * na le#a di rame, &inco e nic"el, d'as$etto simile all'ar#ento, cosi come il neD4silverJ la man#anina, com$osta di rame, man#anese e nic"el, * im$ie#ata $er la !a((rica&ione di resisten&e elettric"eJ invar e acciaio al nic"el sono le#"e s$eciali, con coe!!iciente di dilata&ione $ressoc"; n lloJ la $latinite serve $er la $rod &ione di !ilamenti elettrici, ad alta resisten&a) Aolte le#"e ! rono inventate $er con!erire al metallo !inale la mi#liore cond ci(ilit, resisten&a al calore, ecc)B man#anese e nic"el, acco$$iati, o!!rono, sen&a d ((io, n ottimo ris ltato)
03

raramente $er $entole, data la tossicit dei sali sol (ili, e nella nic"elat ra #alvanica) 9O5FLTO 9"imicamente simile al nic"el, ! sco$erto nel 2731 da 5randt, anc"e se sato in $receden&a $er colorare i vetri in a&& rro, sen&a conoscerlo come elemento) Entra nella com$osi&ione d'alc ne le#"e, ma so$ratt tto si s!r tta come $i#mento colorante10) Il clor ro ! im$ie#ato $er la $re$ara&ione dell'inc"iostro sim$aticoB % asi invisi(ile, a !reddo, si colora in (l , a caldo) Inoltre nella mani!att ra di (arometri ed i#rometri, e nelle masc"ere anti#as sate $er $rote&ione dall'ammoniaca) /ERRO La $reistoria del !erro * notaJ meno noto il !atto c"e il $rimo alto!orno risale al MIII secolo ed il #rande svil $$o dell'ind stria !erriera solo al MIM secolo) Di!! sissimo in nat ra in minerali come la limonite, l'ematite, la ma#netiteJ sono conosci ti, da tem$o, i #iacimenti di sa((ie contenenti !erro del litorale la&iale, dalle % ali il metallo viene estratto $er via elettroma#netica) Di colore (ianco, a contatto con l'aria mida si tras!orma ra$idamente nell'ossido idrato, la r ##ine, di colore rossastro) Ridotto, in corrente d'idro#eno, s'im$ie#a come tonico e $er ri$arare le $erdite di !erro dell'or#anismo) Un tem$o s' sava, in tera$ia, anc"e il !erro $or!iri&&ato, $olveri&&ato in mortai d'acciaio e $ ri!icato in macine a ventila&ione secca)
10

RicordiamoB (l di T";nard, od oltremare co(alto, verde di Rinmann, detto anc"e cina(ro verde o verde co(alto, cer leo o celina, violetto di co(alto, a ramina di co(alto o #iallo co(alto di /isc"er) Per ottenere o#n no di % esti colori si sano sali diversi, ris$ettivamente, il meta4 all minato, lo &incato, lo stannato, il !os!ato, il nitrito do$$io di $otassio e co(alto)

Dei clor ri sa$$iamo c"e % ello !erroso era #i noto a#li alc"imisti) La s a cristalli&&a&ione ! osservata da 5o6le nel M@II secolo) P ro ! $re$arato da 5onsdor!!, nel 2:30) E ello !errico * im$ortante $er la $ro$riet emostatica) <i sa nella cos8 detta tint ra eterea di 5est sc"e!!, in c i il clor ro !errico * dil ito $er evitare l'e!!etto ca stico) Il cotone emostatico si $ ? ottenere im$re#nando l'ovatta con % esta sol &ione e !acendola asci #are ra$idamente) Il sol!ato +!err m s l! ric m alc"ole $raeci$itat m o vetriolo verde- * im$ie#ato nell'ind stria de#li inc"iostri, in tintoria, come disin!ettante) Il L!err m car(onic m c m sacc"aro' era ancora ri$ortato dalla /)U) @I ed) AFN.FNE<E La $irol site, nota anc"e a#li antic"i c"imici, era !re% entemente scam(iata, in $assato, $er n minerale di !erro) <olo nel 2770 il man#anese ! riconosci to come minerale ed otten to allo stato im$ ro +<c"eele, .a"an e 5er#man-J Ho"n l'ottenne allo stato $ ro nel 2:07) Entra in le#"e $er le elic"e delle navi, o $er le r ote dentate, come il !erro4man#anese ed il !erro s$ec lare, ed in vernici $articolari, dove ! n#e da essiccante) Del (iossido si s!r tta l'e!!etto de$olari&&ante nelle celle elettrolitic"e) Il $erman#anato di $otassio, #i noto a <c"eele c"e lo nomin? Lc"amaleon minerale'12 * n $otente ossidanteJ va conservato e tras$ortato con c ra, $er evitare incendi e sco$$i, so$ratt tto a contatto con sostan&e c"e $ossono ! n#ere da rid centi) 9ROAO
12

La varia&ione di colore, da c i camaleonte, si veri!ica !ondendo la $irol site, $resente in nat ra, con salnitro)

Le"man nel 2762, sco$r8, in <i(eria, n minerale rosso c"e c"iam? crocoite) Flla !ine del '700, @a % elin e Nla$rot", trovarono c"e % esto minerale era com$osto di $iom(o e dall'anidride di n n ovo elemento) Il nome dal #reco K colore) Ind rente de#li acciai +!erro4cromo ed acciaio inoO-, entra anc"e in le#"e con nic"el +nic"rome e c"romel-, co(alto e vanadio) <'im$ie#a $er la !a((rica&ione di materiali re!rattari, resisten&e elettric"e, nel tanna##io del c oio, nell'ind stria de#li inc"iostri, nella cromat ra #alvanica) Il cromato di $otassio * n ottimo ca stico $er la veterinaria) FLLUAINIO Nel 2:10 <aint 9lair4Deville ini&i? la $rod &ione ind striale di % esto metallo, sco$erto nel 2:27 da =o"ler ma, soltanto nel 2::7, il $rocesso elettrolitico di Cero lt diede il via ad na !iorente ind stria) La (a Oite +da 5a O, in Proven&a- * il minerale $i, di!! so) E' im$ie#ato $er la !a((rica&ione d' tensili, le#"e le##ere, $e&&i meccanici, es$losivi) Le le#"e $i, com ni sono il (ron&o d'all minio +con rame-, il d ralio +con rame, man#anese e ma#nesio-, il ma#nalio +con ma#nesio-, il $artinio +con t n#steno-) La $resen&a d'all minio nella !ase di colat ra delle #ettate del (ron&o e dell'ottone, im$edisce la !orma&ione di so!!iat re o cre$e) Il sol!ato trova im$ie#o nella $re$ara&ione dell'ac% a distillata, $oic"; !issa i sali d'ammonio) L'all me +sol!ato do$$io con $otassio- ed altri sali sono ottimi emostatici, oltre a trovare im$ie#o nelle ind strie tessile e della carta) Il caolino +(ol s al(a-, detto $i, com nemente ar#illa * il silicato d'all minio nat raleB "a ottimo $otere adsor(ente, serve $er la $re$ara&ione della terracotta, di ceramic"e, vetri, 0

cemento dentario) Interessante l' so c"e se ne !a $er de$ rare il miele) L'Fl col +idrato d'all minio colloidale- * n adsor(ente e $rotettivo della m cosa #astrica) Il L(ol s armena' o ar#illa r (ra contiene tracce d'ossido di !erro ed * n ottimo $i#mento $er $olveri) Un tem$o se ne cos$ar#evano le $illole) L'Fl(en non * altro c"e il (ol s al(a sterile, sato in medicina, cos8 come l'ar#illa Aerc>) .FLLIO Di % est'elemento, diremo soltanto c"e il nome deriva da .allia la re#ione di $rovenien&a di Leco% de 5ois(a dran, c"e lo sco$r8 nel 2:71, e c"e, in tera$ia, sem(ra avere a&ione s$irillicida e tri$anomicida) TFLLIO / estratto dai !an#"i delle camere di $iom(o, c"e lo conten#ono, sotto !orma di sol!ato, da Lam6 +2:2042:7:-, $ro!essore di c"imica alla <c ola 9entrale delle Frti e Aani!att re di Pari#i) Trova im$ie#o nella !a((rica&ione di vetri ottici) L'acetato ! $ro$osto come de$ilatorio) AOLI5DENO Presente, in nat ra come moli(denite +sol! ro-, serve $er la $re$ara&ione d'acciai s$eciali) TUN.<TENO O =OL/RFAIO E esto metallo "a la $ro$riet d'essere tirato in !ili sottilissimi e resistentissimi e $er % esto * s!r ttato) Il sale di calcio diventa l minoso $er es$osi&ione ai ra##i M, % indi * sato come me&&o di contrasto) 0

TERRE RFRE <ono il lantanio, il cerio, il $raseodimio, il neodimio, il $rome&io, il samario, l'e ro$io, il #adolinio, il ter(io, il dis$rosio, l'olmio, l'er(io, il t lio, l'itter(io, il l te&io, o me#lio i loro ossidi c"e si trovano allo stato nat rale) Noto dal 2:0012, il cerio ! cos8 c"iamato in onore alla sco$erta contem$oranea del $ianetino 9eres) In se# ito, associati all'ossido di cerio, ! rono isolati t tti #li altri) Il cerio riveste im$ortan&a nell'ind stria vetraria, ceramica, !oto#ra!ica, ed in radiolo#ia) Le a&ioni $er c i ! $reconi&&ato in medicina, non "anno av to svil $$o $ratico) Il sol!ato di lantanio accelera la !ermenta&ione del latte) AETFLLI DEL .RUPPO DEL PLFTINO Il $latino ! isolato da =atson, nel 2710, il $alladio nel 2:00, da =ollaston, nel 2:00, c"e sco$r8 anc"e il radio, cos8 c"iamato $er la colora&ione rossa dei s oi sali) Tennant, lo stesso anno descrisse indio ed osmioJ 9la s, in se# ito il r tenio) Il $latino * im$ie#ato nella !a((rica&ione di reci$ienti di la(oratorio, in a$$arecc"i e !orni elettrici, in #ioielleria, nelle lam$ade ad incandescen&a) Il rodio, in le#a con il $latino, $er rid rne la volatilit e $er renderlo meno attacca(ile da $arte d'a#enti c"imici) <i sa anc"e in tecnica !oto#ra!ica) Il tetra4ossido d'osmio in microsco$ia, $er colorare, in nero i $re$arati istolo#ici) ELEAENTI RFDIOFTTI@I Nel 2:32, P) 9 rie, A) 9 rie e 5;mont mostrarono la $ro$riet di alc ni elementi d'emettere radia&ioni) Nel 2:36 5e% erel
12

5er&eli s e Cisin#er, ! rono i $rimi a trattarne in maniera scienti!ica)

int 8 la radioattivit dell' ranio) In se# ito le solite caratteristic"e ! rono $rovate $er altri elementi, creati in la(oratorio) Il nitrato d' ranile ! d' lcere e dia(ete) $reconi&&ato $er la c ra omeo$atica

Il torio s'im$ie#a $er la !a((rica&ione di reticelle ad incandescen&a, e, in medicina, $er contrastare il vi(rione del colera e nelle !e((ri ti!oidi e dissenteric"e, $rovocate dall'ame(a) Il mesotorio $er la !a((rica&ione di vernici l minose13) Il radiotorio ed il torio M come antidoti d'alc ni veleni, alcaloidi e tossine) 9OLLOIDI <elmi e 5a drimont, intorno al 2:01, sco$rirono le caratteristic"e di % este $se dosol &ioni, !ra c i il sol!o, il (l di Pr ssia, l'amido, le #omme, i sa$oni, la caseina, l'al( me, le #elatine) .ra"am, nel 2:62, ini&i? no st dio metodico di % este sostan&e amor!e, simili alla colla e non di!! si(ili attraverso mem(rane $orose, ca$aci d'im$artire, all'elemento com$onente, $ro$riet diverse da % elle di (ase) Flc ni colloidi $ossono $oi, $er concentra&ione, solidi!icare in masse semi4 dense e #elatinose, detti soli, c"e tratten#ono sem$re #ran % antit di sol to) 9on n s ccessivo $assa##io si $ ? ottenere la coa# la&ione o #eli!ica&ione c"e $orta alla !orma&ione dei #eli) Il $rocesso inverso * detto $e$ti&&a&ione) Le caratteristic"e !isic"e $rinci$ali dei colloidi sono na $ressione osmotica minima, na tensione s $er!iciale % asi
13

E' !l orescente ai ra##i al!a, in $resen&a di sol! ro di &inco)

n lla, n'alta viscosit ed n $ nto di con#elamento vicinissimo a % ello del sol to $ roJ inoltre ltra!iltra&ione n lla +$ossi(ile solo attraverso la candela di 9"am(erland-) Canno $ro$riet ottic"e $articolari +e!!etto T6ndal-, $osse##ono na carica elettro!oretica notevole ed n alto $otere adsor(ente) Inn merevoli #li si, so$ratt tto tera$e tici) <i ricordano, !ra t tti, l'idrato di !erro colloidale c"e ritarda la coa# la&ione delle $roteine, ed * n ottimo assor(ente di #asJ e l'idrato d'all minio colloidale, #ia visto)

COMPOSTI ORGANICI
La $rima de!ini&ione ! % ella di com$osti ela(orati da ve#etali ed animali, $er me&&o della Lvis vitalis' e si riteneva c"e tali sostan&e non $otessero essere sinteti&&ate in la(oratorio) Nell'antic"it si conoscevano l'acido acetico ed il tannino estratto dalle noci di #allaJ si $re$arava l'essen&a di trementina, $er distilla&ioneJ s'ese# ivano la sa$oni!ica&ione dei #rassi con la soda, la !ermenta&ione lattica, acetica ed alcolica) .li alc"imisti medioevali dedicarono il loro st dio escl sivamente alla c"imica dei metalli) <olo con la teoria del !lo#isto, la conoscen&a delle sostan&e or#anic"e !ece $assi considerevoli) Nonostante c"e, nel 2:2:, =o"ler avesse $re$arato accidentalmente, $er sintesi, l' rea, nota !in dal 2770, solo nel 2:0:, si e((e, da $arte di /ran>land e Nol(e la sintesi dell'acido acetico, e nel 2:10 % ella dei #rassi +5ert"elot e altri-) 5er&eli s e Lavoisier int irono c"e car(onio, idro#eno ed a&oto erano !ondamentali nella costit &ione dei com$osti or#aniciJ (en $resto si sco$r8 c"e anc"e cloro, sol!o, !os!oro, ma#nesio +nella cloro!illa- e !erro +nell'emo#lo(ina- $otevano entrare a !ar $arte di com$osti im$ortanti come l'al( mina, la lecitina, i !os!atidi, ecc)) SERIE /0I1/2IC/ IDRO9FR5URI 1

9om$osti solo di car(onio ed idro#eno, $ossono essere sat ri, in idro#eno, ed allora a((iamo le $ara!!ine10 o alcani, c"e $er le loro caratteristic"e "anno na tenden&a $ressoc"; n lla a rea#ire) Di!! sissimi in nat ra, si trovano nelle esala&ioni #assose nat rali c"e si "anno nei terreni $etroli!eri) I $etroli del TeOas della 9ali!ornia e della Penns6lvania sono % elli c"e conten#ono $i, $ara!!ine, so$ratt tto $entani ed ottani) Il metano, detto anc"e #as delle $al di, si !orma $er $ tre!a&ione dalla cell losa delle $iante) E ello $resente nelle miniere * il terri(ile #riso B a contatto con l'aria es$lode $rovocando tra#edie, note anc"e ai #iorni nostri) Il metano * conten to +30400I- nel #as ill minante, c"e si ottiene $er distilla&ione del car(one !ossile) La s a com$osi&ione ! sta(ilita nel 277:) Im$ie#ato, n tem$o, $er l'ill mina&ione, *, ora, sato, com$resso in (om(ole, come car( rante nelle a to, e nella rete cittadina, a sco$o di riscaldamento de#li am(ienti e dell'ac% a, e $er c cinare) Pro$ano e ( tano, sono messi in commercio, in (om(ole, col nome di li% i#as) L'ottano * im$ortante come antidetonante, nelle (en&ine sate nei motori a sco$$io, mentre l'e$tano "a n !orte $otere detonante) Aiscele diverse dei d e idrocar( ri si sano $er ottenere vari ti$i di (en&inaB con n indice d'ottano da 73 a 200, si "anno le (en&ine $er avia&ioneB la $oten&a del motore a menta ed il cons mo dimin isce) Per le a to, l'indice d'ottano * del 63470) Un altro noto antidetonante, sato n tem$o, * il $iom(o tetraetile, ma la s a tossicit ed i danni c"e $rovocava ai motori, ne "anno !atto a((andonare l' so) I $etroli sono miscele #rasse d'idrocar( ri solidi, li% idi e #assosi) I terreni $i, ricc"i, oltre ai #i detti americani, si
10

Dal latino $ar m a!!inis K $oco a!!ine, $er la scarsa reattivit nei con!ronti di molti com$osti c"imici od elementi)

trovano nel 9a caso e nella re#ione de#li Urali, in Romania, in .ali&ia, in Ira% e nell'Fsia Ainore in #enere, in Italia) Nella com$osi&ione entrano variamente ole!ine11, ter$eni, idrocar( ri aromatici, acidi na!tenici, !enoli, aldeidi, as!alti, com$osti sol!orati ed a&otati) Il $etrolio #re&&o * n li% ido nero, visc"ioso, dall'odore a#liaceo, !l orescenteJ lavato con sol &ioni acide ed alcaline e, distillato $er !ra&ioni da l o#o a n merosi $rodottiB l'etere di $etrolio, la (en&ina, la #asolina, la li#roina16, il $etrolio da ardere, l'olio di vaselina, la $ara!!ina17) @ista la #ran ric"iesta mondiale di $etrolio ra!!inato, ora la (en&ina si $rod ce col $rocesso di crac>in#, anc"e dai resid i s $eriori del $etrolio #i estratto1:) .iacimenti di $ara!!ine solide si trovano, in nat ra, sotto !orma di cera !ossile od o&oc"erite) P ri!icando la cera !ossile s'ottiene la ceresina, tile $er la $re$ara&ione della carta l cida $er alimenti, della tela incerata, di creme e candeleJ * n ottimo s ccedaneo delle cere carna (a e d'a$i) La $ece, resid o !inale, solido, della distilla&ione !ra&ionata, * im$ie#ata ne#li as!alti) < ll'ori#ine dei $etroli sono state !orm late varie i$otesiB AendelePe!!, ad esem$io sostenne c"e ! rono #enerati, $er a&ione dell'ac% a s car( ri metallici) Ora si tende a $re!erire l'i$otesi c"e l'ori#ine sia di decom$osi&ione di sostan&e animali e ve#etali13, dei % ali la !onte $rinci$ale sare((e stata il
11

Idrocar( ri insat ri dall'as$etto oleoso, detti anc"e alc"eni) Il nome dal latino ole m !ac s e, in se# ito, dal !rancese ole!iant) 16 Uno dei tanti smacc"iatori li% idi in so) 17 La $ara!!ina * im$ie#ata, t ttora, $er la $re$ara&ione di candele e $er l'a$$retto dei tess ti) In calo la $rod &ione dei cerini) 1: Il $rocesso del crac>in# consiste nello Ls$e&&are' le molecole d'idrocar( ri s $eriori, conten ti nel cos8 detto Lolio solare', il resid o c"e si ottiene dalla distilla&ione !ra&ionata del $etrolio, e dai #iacimenti di sc"isti, $ara!!ine, cere !ossili) 13 9ome si s$ie#"ere((e, altrimenti, l'esisten&a di com$osti or#anici a&otatiV

$lancton) En#ler arriv? a dimostrare c"e $er riscaldamento di #rassi animali, sotto $ressione, si $otevano ottenere $etroli) I metodi $rinci$ali $er ottenere (en&ina sintetica, oltre al crac>in#, sono % ello di 5er#i s, (asato s l riscaldamento a 010S del car(one e della li#nite, sos$esi in olio $esante e sotto $ressione d'idro#enoJ ed il metodo /isc"er c"e $revede invece il trattamento del #as c"e s'ottiene dalla rea&ione !ra car(one e va$ore ac% eo) L'etilene * $resente nei #as nat rali, da c i s'ottiene $er distilla&ione !ra&ionata) F tem$erat re elevate si tras!orma in idro#eno ed acetilene) Le !iamme d'etilene ed acetilene sono im$ie#ate $er la saldat ra a to#ena dei metalliJ % esti d e com$osti ! rono sati anc"e come anestetici #enerali) 9on cloro, l'etilene, d n li% ido oleoso, il dicloroetano, noto, in $assato, col nome di li% ore dei c"imici olandesi) /ra le ole!ine s $eriori ricordiamo soltanto il cerotene ed il melene c"e s'otte#ono dalla distilla&ione, ris$ettivamente, della cera cinese e di % ella d'a$i) E l'iso$rene, n $olimero del ca cci, nat rale) /ra #li alc"ini, im$ortante * l'acetilene, sco$erto da Dav6 nel 2736, ed otten to da 5ert"elot, nel 2:60, !acendo scorrere l'arco voltaico !ra elettrodi di car(onio, in atmos!era d'idro4 #eno) In ac% a !orma alcool vinilico ed acetaldeide) E esto $ort? alla sintesi di derivati come l'acetone, l'alcool etilico, l'acido acetico) La s a $olimeri&&a&ione s s$ #na di rame $orta alla sintesi del c $rene, sostan&a simile al s #"ero) 9ol$ito da na scarica elettrica, in $resen&a d'a&oto, svil $$a cian ro) I derivati metallici sono !ortemente es$losivi) 1

Dei derivati alo#enati de#li idrocar( ri, l'esacloroetano * n ottimo antitarmicoJ altri, come il clor ro d'etile e di metile, "anno $ro$riet anestetic"e) Il clor ro di vinile s'im$ie#a nell'ind stria $lastica e delle colle) Il cloro!ormio * n noto anestetico e solvente, lo Podo!ormio n antisettico, il (romo!ormio trova tili&&o in mineralo#ia $er la se$ara&ione di minerali com$lessi) Il tetraclor ro di car(onio * n eccellente solvente di #rassi, resine, vernici, (it me ca cci,) <' sava $er l'estra&ione dell'olio resid o dalle sanse delle olive) FL9OLI L'alcool metilico si trova, in nat ra, esteri!icato nell'olio di #a lteria60, e, ad esem$io, sem$re come salicilato di metile, nell'olio di #elsominoJ come antranilato di metile in coloranti nat rali) E' detto s$irito di le#no, in % anto s'ottiene $er distilla&ione secca del le#no) Trova #rande im$ie#o come solvente, car( rante, $er denat rare l'alcool etilico, $er $rod rre coloranti, ecc)) Aolto tossico, ricordiamo le morti c"e avvennero, anni addietro, $er so!istica&ione, con esso, del vino) L'alcool etilico * otten to nat ralmente mediante la !ermenta&ione alcolicaB & cc"eri nat rali, come % elli dell' va, in $resen&a del lievito <acc"arom6ces cerevisiae, si tras!ormano in alcool e anidride car(onica) Di % i, il $ericolo di sta&ionare nei locali dove avviene la !ermenta&ione, dove l'atmos!era si sat ra d'anidride car(onica e diventa irres$ira(ile) Notevoli #li st di s lla !ermenta&ione alcolica di Lie(i#, Paste r, 5 c"ner, Ne (er#, Emden ed altri, c"e $ortarono alla sco$erta della !ermenta&ione en&imatica di sostan&e come
60

9ol nome d'olio di #a lteria s'identi!icava, n tem$o, sem$licemente il salicilato di metile)

l'amido) La ma##ior $arte dell'alcool etilico s'im$ie#a come com$onente di (evande) L'alcool ( tilico, otten to $er !ermenta&ione a me&&o del 5ac6ll s ( tilic s, * sato nella !a((rica&ione delle lacc"e e nella lavora&ione della cell losa) L'alcool $ro$ilico nell'ind stria delle vernici) /ra i s $eriori, l'alcool cetilico, estratto dalle cavit ce!alic"e del P"6seter macroce!al s, n ca$odo#lioJ l'alcool cerilico della cera cinese d'a$i e carna (a, della lanolina, del lino) /ra i ter$enici il citronellolo, il neroli, il #eraniolo, $resenti nella citronella, nel #eranio, nell'essen&a di neroli o arancio amaro, il linololo +coriandoli, lavanda, (er#amotto, lino-, t tti sati come essen&eJ alc ni $er allontanare insetti s#radevoli) ETERI / rono otten ti da =illiamson nel 2:12, trattando alcoli con acido sol!orico) Il $i, im$ortante * sen&a d ((io l'etere etilico o sol!orico, ( on solvente dei #rassi, im$ie#ato $er rendere #elatinosa la nitrocell losa, $er $rod rre la seta arti!iciale 9"ardonnet ed al collodio) Eva$orando $rovoca ra!!reddamento, $er c i s'im$ie#a in anestesia, so$ratt tto locale) Unito all'alcool "a a&ione analettica) E' altamente es$losivoB se ( ttato nei lava(i, si !ormano sacc"e di #as c"e $rovocano lo sco$$io dei t (i stessi) E<TERI O eteri salini) Ricordiamo il nitrato d'amile, vasodilatatore, e % elli nitrici, im$ie#ati $er la !a((rica&ione d'es$losivi come la nitro#licerina o la nitrocell losa) I sol!ati sono ottimi vescicanti) 1

/ra i sol! ri alc"ilici o tioeteri, l'i$rite, vescicante (ellico) FAINE <t di im$ortanti ! rono !atti da Co!!man, .a(riel, =erner) In nat ra troviamo la metil4amina nella Aerc ialis ann a, la dietil4amina nella salamoia delle acci #"e e nella $ tre!a&ione dei $esci in #enere, la trimetil4amina nella (etaina della melassa di (ar(a(ietola da & cc"ero) FLDEIDI L'aldeide !ormica si trova come $rodotto secondario della com( stione di $rodotti or#anici, so$ratt tto nel ! mo e nella ! li##ine) Ca $otere $reservanteB di % i, l'a(it dine di a!! micare le carni, $er conservarle) In commercio si trova in sol &ione ac% osa al 00I, la !ormalina, sata da#li im$a#liatori d'animali, $er la $ro$riet di !ormare con #li al( minoidi na massa elastica, im$ermea(ile all'ac% a) 9ol c oio !orma $rodotti di condensa&ione $lastici, come la (ac"eliteJ con la caseina, invece, l'avorio arti!iciale) 9on ammoniaca da l o#o ad n com$osto solido l'esametil4 entetramina o rotro$ina, l'Elmitolo della 5a6er, $reconi&&ato come disin!ettante delle vie rinarie, !ino a $oc"i decenni !a) 9ondensandola con rea s'otten#ono resine sintetic"e 62 tras$arenti ) L'aldeide acetica * i$notica, anestetica, ed n ottimo com( sti(ile62) <'im$ie#a nella !a((rica&ione de#li s$ecc"i) Le aldeidi s $eriori +come, ad esem$io, la ca$rilica- si sano in $ro! meria, $er l'odore #rato) <i trovano in nat ra in oli essen&iali come % elli d'e cali$to, di limone, di ver(ena, di
62 62

I cos8 detti vetri in!ran#i(ili) Detta anc"e alcool solido, serve a $re$arare le tavolette c"e si tili&&ano $er !avorire l'accensione del ! oco, in condi&ioni am(ientali s!avorevoli)

viola mammola) 9CETONI L'acetone si !orma, nat ralmente, $er !ermenta&ione d'amido, destrine, maltosio, $er me&&o del 5acill s macerans) E' ado$erato $er !a((ricare lacc"e, vernici, smalti, come % ello cosmetico $er le n#"ie, e come ottimo solvente) F9IDI 9FR5O<<ILI9I L'acido !ormico, delle !ormic"e rosse, delle ostric"e, delle l mac"e, si tili&&a in (a#ni di morden&at ra, $er la colora&ione di tess ti di lana e cotone, $er sostit ire il sale com ne nelle diete a (asso tenore di cloro) .i noto a#li antic"i, l'aceto ! sinteti&&ato nel 2700 da <ta"l) 9om'* noto, * n $rodotto di !ermenta&ione del vino, $er e!!etto del A6co(acteri m aceti) Im$ie#ato $er la !a((rica&ione di $ro! mi, coloranti in tintoria, in stam$eria, oltre c"e come solvente) L'acetato di $iom(o, o sale di <at rno ! molto sato in medicina +ac% a ve#eto4minerale- e nell'ind stria della (iacca) L'acetato di rame $er $re$arare il verde di Pari#i o di <c"Dein! rt", im$ie#ato nella lotta d8 insetti nocivi, come l'ano!ele della malaria, o come colorante) .li acidi oleico, $almitico e stearico, sono i me#lio sati $er la sa$oni!ica&ione, e!!ett ata, $er la $rima volta da 9"evre lB il $rocesso consiste nel trattare, a caldo #li oli nat rali, ve#etali od animali, con soda, $otassa od altri alcali) I sali cos8 otten ti sono i sa$oni) Per ovviare ad inconvenienti come l'insta(ilit in am(iente acido o l'insol (ilit in ac% e d re, sono stati sinteti&&ati sa$oni, come i sol!onati di oli come % ello di ricino) I sa$oni dell'acido oleico ed alc ni sa$oni ammoniacali s'im$ie#ano nell'ind stria alimentare $er lavare le carni, % elli 6

di $otassa, detti molli o verdi, otten ti dall'olio di mandorle, come antisettici) L'acido cianidrico $resente nel Pan#i m ed le, nella Aani"ot tilissima63 e nelle mandorle amare, * n $otente veleno, im$ie#ato raramente $er la disin!e&ione d'am(ienti, come le stive delle navi) Il $latician ro di (ario entra a !ar $arte della com$osi&ione di sc"ermi sati $er i ra##i Roen#ten) DERI@FTI DELL'F9IDO 9FR5ONI9O L'ossiclor ro di car(onio o !os#ene ! otten to da Dav6 nel 2:22) E' n veleno so!!ocante, sato come a##ressivo c"imico in # erra) Il sol! ro di car(onio, $er la s a tossicit, * n ottimo anti$arassitario $er le $iante, ma l'odore dis# stoso e l'alta in!iamma(ilit ne "anno limitato l' so) Il car(amato d'etile o retano, trova im$ie#o nell'ind stria delle materie $lastic"e) E' n i$notico) L' rea, sco$erta da Rotelle nel 2773, nelle rine de#li animali, * n ottimo concime60 e, in !armacia, $ nto di $arten&a $er la
63

N merose sono le $iante c"e conten#ono acido cianidrico +o $r ssico-, in #l cosidi !ra c i l'ami#dalina delle nostre mandorle amare) I sacerdoti e#i&iani ricavavano il veleno, ed il colorante, (l di Pr ssia, dalle !o#lie e dai semi del $esco) La Aani"ot tilissima 4 E !or(iacee, nota col nome di manioca, *, sen&'altro, la $rinci$ale di tali $ianteB il s cco, tossico c"e se n'estrae, detto cassari$a, viene li(erato dei cian riJ si ottiene cos8 na !ecola, detta ta$ioca, cassava, mo ssac"e, ecc), c"e * molto tili&&ata $er si alimentari, in varie $arti del mondo) .li indi#eni dell'Fmma&&onia im$ie#ano, come antidoto a#li avvelenamenti da manioca, l'estratto della 5iOia Orellana4 5iOiacee) L'acido cianidrico si !orma anc"e $er !ermenta&ione di al( minoidi e #elatina, da $arte del 5acill s $6ociane s) 60 U# almente * im$ie#ata la calcio4cianamide)

sintesi dei (ar(it rici, e la $re$ara&ione di $omate idratanti) 9on !ormaldeide !orma resine c"e "anno trovato molte$lici im$ie#"i) Un s o derivato, la # anidina61, serve $er la $re$ara&ione delle nitro# anidine, e, % indi, $er la $re$ara&ione d'es$losivi) Il sol!ocianato di merc rio lo citiamo $er il c rioso nome di Lser$ente di !araone'B $er riscaldamento, ri#on!ia in na massa vol minosa) /ra #li esteri isocianici ricordiamo l'olio di sena$e, $er il !orte $otere vescicante) Il ! lminato di merc rio * n ottimo detonante $er $erc ssione, ed * % indi im$ie#ato come innesco $er le caric"e es$losive) FL9OOLI 5I@FLENTI O .LI9OLI E DERI@FTI E'com ne il #licole $ro$ilenico, s ccedaneo della #licerina) Il di4nitrato * n es$losivo) /ra le diamine vanno citate la $ trescina e la cadaverina, $rodotti di tras!orma&ione dei cadaveriJ dette $tomaine o alcaloidi cadaverici, diversi da % elli ve#etali ma simili, al $ nto, di $oter #enerare errori nelle $eri&ie medico4le#ali) L'esametilendiamina serve $er la $re$ara&ione del n6lon) Il cloralio +aldeide tricloroacetica- ! n ener#ico narcotico, a((andonato, $er i danni cardiaci c"e $rovocava) L'acido lattico, lo troviamo nel latte inacidito 66, nell'o$$io, in alc ni !r tti, nei m scoli sotto$osti a s!or&o intenso) I lattati si sano nell'ind stria c"imica, in tintoria e nella concia delle $elli) FL9OOLI TRI@FLENTI
61

9oncime minerale ris ltante da escrementi d' ccelli marini, de$ositati so$ratt tto l n#o le coste $overe di $io##ia del Per, e del 9ileB E' ricco di !os!ati e nitrati) 66 <i !orma $er !ermenta&ione a me&&o del 5acill s Del(r >i)

Il $i, conosci to * la #licerina +#licerolo-, sco$erta da <c"eele nel 2733) Ca n merose a$$lica&ioni ind striali +sa$oni, medicinali, solventi, coloranti, es$losivi-) La $re$ara&ione della nitro#licerina * dov ta all'italiano <o(rero +2:07-, ma solo No(el ri sc8 ad tili&&arla come es$losivo sen&a ! mo +la dinamite- !acendola assor(ire a !arina !ossile) <erve anc"e alla $re$ara&ione di #elatine es$losive, assieme al cotone collodio, o ! lminante67 ed a sta(ili&&antiB si !ormano masse $lastic"e tra!ila(ili e lamina(ili, sate $er le caric"e di lancio +(alistiti-) Derivato im$ortante dell'acido #licerin!os!orico * la lecitina, $resente in ( ona % antit nel t orlo d' ovo e nella soia) FL9OLI POLI@FLENTI Rammentiamo il $otere ed lcorante e le##ermente lassativo nel mannitolo +mannite-, com$onente essen&iale della manna del !rassino, e lo Oilitolo noto a#ente anti(atterico, nella $reven&ione della carie dentaria) L'acido tartarico o vico, $er la s a $resen&a come $rodotto secondario della !ermenta&ione del mosto d' va) L'acido $ir vico, s o derivato $resente nel ca cci,, serve $er la sintesi dell'ato!an6:) L'acido ossalico * n ottimo mordente ed entra nella com$osi&ione di coloranti ed inc"iostri) N lla va detto $er l'acido citrico, a t tti noto) /ra i derivati il $i, im$ortante * la $entrite, $otente es$losivo) <ono derivati $ riniciB l'acido
67 6:

n $oliestere,

rico, $resente nel nostro

E' com$osto, essen&ialmente di nitrocell losa) Derivato c"inolinico dell'acido al!a4!enil4$iridin4car(ossilico)

or#anismo c"e, se in eccesso, $rovoca calcoli e #otta, e, se eva$orato, a caldo, con acido nitrico, d na $or$ora sintetica, detta m ressideJ inoltre, la teo!illina, noto analettico, la teo(romina e la ca!!eina, $resenti nel t"e, nel ca!!; e nel cacao) I 9FR5OIDRFTI La str tt ra de#li & cc"eri ! de!inita da /isc"er, CaDort", Narrer e altri) .li alcali, ma anc"e il sem$lice calore, decom$on#ono la molecola de#li & cc"eri, $rovocando na resini!ica&ioneB il caramello) /ra i monosaccaridi ricordiamo il #l cosio o & cc"ero d' va o destrosio, il !r ttosio, o lev losio, della !r tta e il #alattosio del latte) L'acido ascor(ico o vitamina 9, $rodotto d'ossida&ione del !r ttosio, ! sco$erto da <&ent .6or6i nel 232:) L'assen&a nell'or#anismo mano, di c i * elemento essen&iale, $rovoca lo scor( to63) Di notevole im$ortan&a, nell'economia de#li & cc"eri, i $rocessi di !ermenta&ione70, #i visti $i, volte, c"e avven#ono mediante (atteri, sc"i&omiceti, lieviti) Dei disaccaridi, ricordiamo il maltosio dell'or&o72, il lattosio del latte, il saccarosio, estratto dalla (ar(a(ietola e dalla canna da & cc"ero) Un cenno all'estra&ione dello & cc"ero dalle (ar(a(ietole)
63

Aalattia caratteri&&ata da mani!esta&ioni emorra#ico4 lcerose delle m cose e de#li or#ani interni) 70 Dal latino !ervere) 72 Il maltosio * lo & cc"ero c"e si ottiene dall'amido dell'or&o, con n $rocesso di saccari!ica&ione, $er me&&o di diastasi) Nella !a((rica&ione della (irra, do$o aromati&&a&ione col l $$olo, si !anno se# ire d e !asi di !ermenta&ione mediante lieviti, ed na !ase di c"iari!ica&ione)

Le (ar(a(ietole, ta#liate in !ettine sottili, ven#ono lisciviate con ac% a, % asi ad e(olli&ione) E ando * stato estratto circa il 21I di & cc"ero, si sotto$one la sol &ione a de!eca&ione con calce idrata, $er $reci$itare #li acidi $resenti) E indi si sat ra con anidride car(onica) Il s cco & cc"erino, se$arato $er !iltra&ione e decolorato con car(one animale, si concentra $i, volte $er ottenere la cristalli&&a&ione) Il $rocesso di ra!!ina&ione consiste nello scio#liere $i, volte lo & cc"ero #re&&o in ac% a, nel decolorarlo, concentrarlo e cristalli&&arlo) Le ac% e madri, da c i non si riesce $i, ad ottenere & cc"ero, si c"iamano melasseJ sono sotto$oste a !ermenta&ione e distilla&ione, $er ottenerne alcool) Dai resid i lteriori +(orlande-, $er incenerimento si ricava il salino, ricco di $otassio c"e s'ado$era come concime) In alternativa, ven#ono sotto$osti a trattamento c"imico con idrato di stron&io) Il saccarato, cos8 otten to, trattato con acido car(onico, d l o#o a car(onato di stron&io e n ovo & cc"ero) L'amido * il $i, im$ortante e noto $olisaccaride di riserva, c"e si !orma nelle $iante verdi, d rante la sintesi cloro!illiana) I materiali $i, tili&&ati $er la $re$ara&ione dell'amido +$atate, cereali- ven#ono !rant mati e lisciviati con ac% a nelle amidoniere) L'amido sedimenta in #ran li c"e sono se$arati $er centri! #a&ione) I #ran li conten#ono amilosio nel n cleo centrale, ed amilo$ectina nella # aina esterna) .li acidi dil iti ed il calore, demoliscono l'amido in destrine) .li im$ie#"i ind striali dell'amido e delle destrine sono $er #li alimenti, l'a$$rettat ra dei tess ti, la $re$ara&ione d'alcool, #l cosio, #licerina, ecc) L'in lina *, anc"'esso, n $olisaccaride di riserva dei ve#etaliJ il #lico#eno lo * $er #li animali) La cell losa * il com$onente essen&iale delle !i(re le#nose delle $iante) La cell losa #re&&a si $ ri!ica con soda, o cloro o 6

anidride sol!orosa) La !lessi(ilit, la l cente&&a serica e la ma##iore ca$acit di !issare i colori, si $ossono ottenere trattandola con alcali al 21IB * il $rocesso di merceri&&a&ione, $ro$osto da Aercier nel 2::0) Trattandola, invece, con acido sol!orico dil ito, e lavandola con ac% a, si ottiene n $rodotto $i, consistente e meno $ermea(ileB la $er#amena arti!iciale) La carta * $rodotta, $artendo da stracci, le#no, $a#lia, mediante n trattamento, do$o la macera&ione, con (isol!ito di calcio, c"e elimina le $arti incrostanti, e con soda e i$ocloriti $er decolorare i materiali) La $asta otten ta * $oi com$ressa in strato sottile) <i ottiene cos8 la carta (i( la od assor(ente, c"e a$$rettata e trattata con colla costit isce la carta da scrivere) Esistono vari metodi $er rendere in !ili la cell losa) Il $rocesso consiste nel !ar $assare attraverso !ori sottili, le !iliere, dense sol &ioni di cell losa o s oi derivati, in (a#ni $reci$itanti od in atmos!era eva$orante) <'otten#ono cos8 !ilamenti sottili e resistenti +$rocesso 9"ardonnet-) Il metodo alla viscosa consiste, invece, nel trattare, in (a#no acido, na sol &ione di Oanto#enato di cell losa) La cell losa ri#enerata serve $er $re$arare tess ti sintetici come il ra6on e l'acetato) I nitroderivati, otten ti trattando il cotone con na miscela d'acido nitrico e sol!orico, "anno $ro$riet es$losive +i tri4 nitrati-, $lastic"e +i di4nitrati-, e di lacca +miscele di di4 e tri4 nitrati-) Il ! lmicotone +estere tri4nitrico- * sato $er es$losivi sen&a ! mo, ad a&ione dilaniante, c"e non es$lodono $er accensione, ma $er innesco con detonatori) Aescolato con nitro#licerina !orma la (alistite, #i vista) .li esteri mono4 e di4 nitrici costit iscono il cotone collodio) La cell loide * cotone collodio im$astato con can!ora ed alcool) Ca diversi im$ie#"i, come % ello delle vecc"ie $ellicole, a((andonate $erc"; molto in!iamma(ili) 6

)Le #omme e le m cilla#ini sono anc"'esse $olisaccaridi) Le $rime sono $rodotte dalle $iante, come $rocesso ri$arativo d'altera&ioni tiss tali) Le seconde sono invece secreti del te# mento di alc ni ve#etali, come il / c s marittimo, c"e $er la $resen&a dell'ac% a ac% istano l'as$etto caratteristico) Ricordiamo !ra % este l'a#ar) <imili sono le sostan&e $ettic"e della !r tta) Dal lattice, otten to $er incisione di varie $iante, in #enere orientali, come ad esem$io l'Ce#ea, c"e all'aria si coa# la in na resina vetrosa, si estrae, $er e!!etto del calore e di acidi, il $oli4iso$rene, detto $ara, materia $lastica non elastica) E esto viene $rima calandrato, cio* omo#enei&&ato $assandolo attraverso cilindri riscaldatiJ % indi, sotto$osto a v lcani&&a&ione, con l'a##i nta di sostan&e anti4invecc"ianti, $lasti!icanti, e di nero! mo c"e con!erisce n'elevata resisten&a all'a(rasione) L'im$asto otten to, la mescola, * $lasmato nella !orma vol ta e trattato con sol!o, c"e tras!orma il materiale !inale in n $rodotto altamente elastico) <e# e $oi lo stiramento c"e d al $rodotto na ma##iore resisten&a str tt rale, $er il !atto c"e le molecole tendono a ritornare allo stato cristallino) In eccesso di sol!o le $ro$riet elastic"e dimin iscono e si ottiene na materia $lastica detta e(anite) <i $ossono anc"e allestire #omme sintetic"e, mediante $olimeri&&a&ione del ( tadiene, dell'etilene e $ro$ilene) Ricordiamo in!ine il silicone e le #omme estratte da (en&ine nel $rocesso di crac>in#)

SERIE /RO3/2IC/ 9ome le sostan&e ali!atic"e si !anno derivare dal metano, cos8 i 6

com$osti ciclici aromatici si considerano derivati del (en&ene) La denomina&ione deriva dal !atto c"e i $rimi com$osti st diati sono dotati d'odore #rato, in % anto $rovenienti da (alsami e resine come il (en&oino, il Tol,, il Per,, ecc)) Il (en&ene o (en&olo, * la (en&ina del catrame) <co$erto da /arada6, nel 2:21, nel #as ill minante, ! $oi otten to $er distilla&ione dell'acido (en&oico in $resen&a di calce) E' n ottimo solvente di #rassi, resine, vernici) Ora si se$ara $er distilla&ione !ra&ionata del catrame, da c i s'otten#ono % attro !ra&ioniB l'olio le##ero, costit ito essen&ialmente da (en&olo, tol olo, Oilolo, !enoliJ l'olio medio con na!talina ed omolo#"iJ l'olio $esante con na!talina, antracene e !enoliJ l'olio d'antracene con antracene ed altri idrocar( ri com$lessi) Il tol olo +del (alsamo del Tol,- * n solvente, materia $rima di coloranti, $rodotti !armace tici, $ro! mi, es$losivi, e, $er il s o alto coe!!iciente di dilata&ione, entra a !ar $arte delle sostan&e termore#olatrici dei termostati) Lo stirolo ed i s oi $olimeri +$olistirolo- sono com$onenti essen&iali di resine $lastic"e isolanti) Il clor ro di (en&ile "a a&ione lacrimo#ena) Il nitro4(en&ene, detto essen&a di Air(ana, dall'odore caratteristico di mandorle amare, * tossico $er inala&ioneJ serve $er la $re$ara&ione dell'anilina, e $er allontanare animali, come i #atti, da determinati am(ienti) Il trinitro4tol ene o tritolo * no de#li es$losivi $i, im$ortanti, $er com$ressione od innesco, ma (r cia sen&a es$lodere) Il s o derivato iso4( tilico * sato in $ro! meria con il nome d'essen&a arti!iciale di m sc"io) La !enil4alanina o anilina72 * n im$ortante coloranteB verde4
72

9os8 c"iamata $erc"; otten ta $er la $rima volta, dall'indaco, in s$a#nolo, anil)

a&& rro con (icar(onato di sodio ed acido sol!oricoJ violetto con i$oclorito di calcioJ rosso con acido acetico e ! r! rolo) Le aniline sol!orate dettero l o#o a % ell'im$ortante cate#oria di !armaci c"e ! rono, e sono t ttora in alc ni casi, i s l!amidici) L'acetanilide ! , invece, n ottimo anti$iretico, commerciali&&ato col nome di Fnti!e((rina) L'Frsanil, derivato arsenicale dell'anilina, ! im$ie#ato con s ccesso nella malattia del sonno) L'Ursolo, ossido della $ara4 !enilendiamina, serv8 $er tin#ere ca$elli e $ellicce, ma ca s? $arecc"i casi d'avvelenamento) Da esso derivano im$ortanti coloranti, le tionine, come il violetto di Lant" o il (l di metilene) Il !enolo o acido !enico serve $er molte $re$ara&ioni medicinali, coloranti, ma so$ratt tto, $er la sintesi della >elite, na resina c"e si $ ? ottenere condensando il !enolo stesso con !ormalina) I nitro!enoli, !ra c i i $icrati, sono !amosi coloranti $er la lana in #iallo, ma non $er il cotoneJ entrano nella com$osi&ione d'es$losivi) /ra #li amino!enoli ricordiamo il metolo, sato $er lo svil $$o !oto#ra!ico) Le !enetidine, tra c i la !enacetina, ! rono ottimi anal#esici ed anti$iretici) Trattando la $ara4 !enetidina con acido cianico s'ottiene la d lcina, dolci!icante acalorico con $otere 200 volte ma##iore dello & cc"ero) L'orcina, omolo#o della resorcina, * n com$onente essen&iale dell'oricello e della lacca4m !!a o tornasole, coloranti estratti da alc ni lic"eni della s$ecie Roccella e Lecanora) L'ossi4idroc"inone * colorante $er !i(re ne tre o le##ermente alcalineJ l'aminoa&o(en&ene $er % elle acide) F % esto $ nto, occorre !are na $arentesi s i coloranti, sostan&e ca$aci di !issarsi sta(ilmente s materiali, so$ratt tto le !i(re tessili) Non t tte le sostan&e !ortemente colorate sono 6

colorantiB secondo =itt na sostan&a colorata * % ella in #rado d'assor(ire $arte delle radia&ioni dello s$ettro visi(ile, $er e!!etto d'a##r $$amenti atomici, detti cromo!ori) Le sostan&e colorate +cromo!eni- $ossono divenire coloranti, % ando "anno, nella loro molecola, a##r $$amenti diversi detti a Oocromi) Il $rocesso di tint ra, secondo alc ni a tori, di$ende da n assor(imento !isico di ti$o colloidaleJ secondo altri si tratta di n $rocesso di seti!ica&ione, dov to alla $resen&a d'acidi o (asi de(oli, detti mordenti) Ricordiamo !ra i coloranti il metil4arancio, il #iallo4anilina, il (r no di 5ismarc>, il rosso 9on#o, il verde malacc"ite, la rosanilina, la ! csina, il violetto di metile, la !enol!taleina, la !l orescina, ma $otremmo contin are all'in!inito) La vanillina, aldeide aromatica estratta dai (accelli di vani#lia o dal #aro!ano, dove si trova sotto !orma d'e #enolo, serve come aromati&&ante nell'ind stria dolciaria, mentre l'e #enolo ! $reconi&&ato $er la c ra dell'alo$ecia ed "a $otere anesteti&&ante nelle carie dentali) /ra #li acidi aromatici, il (en&oico * otten to dalla resina di (en&oino) L'imide dell'acido orto4sol!o(en&oico * la saccarina, c"e "a $otere dolci!icante 100 volte ma##iore di % ello dello & cc"ero) Il sale sodico * detto cristallosio, % ello d'ammonio s cramina) L'estere etilico ed il cloridrato, dell'acido $ara4amino(en&oico sono, ris$ettivamente, l'anestesina e la novocaina, sostan&e sate come anestetici locali) /ra #li acidi !enolici, rivestono #rande im$ortan&a l'acido salicilico ed acetilsalicilico +Fs$irina-) Dei derivati va ricordato il salicilato di metile o essen&a di .a lteria, sato in !armacia e $ro! meria) E indi l'acido #allico o tannico, molto di!! so, in nat ra nelle #alle c"e certe $iante !ormano, $er in#lo(are insetti $arassiti) Il 7

tannino riveste na notevole im$ortan&a $er la concia della $elle, $er la morden&at ra del cotone, $er la !a((rica&ione d'inc"iostri e, in !armacia come astrin#ente e nel trattamento delle stioni) L'acido !talico, otten to nel 2:36, da La rent, ! $re$arato, s scala ind striale dalla 5adisc"e Fnilin nd <oda /a(ri>, ossidando la na!talina con acido sol!orico) La na!talina, noto antitarmico, * na sostan&a molto reattiva c"e si tras!orma !acilmente in inn merevoli derivati, im$ie#ati nell'ind stria) L'ali&arina * n im$ortante derivato dell'antracene, c"e si trova anc"e nel cor$o della coccini#lia essiccata, e nella R (ia tinctor m) .li antic"i la conoscevano e l'im$ie#avano $er tin#ere il cotone, mordente l'all mina) Il cotone s'im$re#na con olio irrancidito, detto tornante, em lsionato con na sol &ione di car(onato di $otassio73) In n $i, recente $assato s' sava $er colorare il rosolio) L'antracene * ca$osti$ite di na serie d'idrocar( ri $olin cleari t tti colorantiB il na!tacene +arancio-, il $entacene +(l -, l'esacene +verde-J il (iciclico a& lene, anc"'esso (l , * n isomero della na!talina) /ra i na!toc"inoni derivati dalla na!talina, lo P #lone del mallo delle noci, il laDsone dell'"enn;, sati come tint re $er ca$elliJ e la na!ta&arina, c"e, mordente il cromo, colora in nero i tess ti) 9OAPO<TI FLI9I9LI9I <ono i na!teni, i ter$eni, la can!ora) /ra i derivati ter$enici ricordiamo la citronella, il #eraniolo, il limonene, l'e cali$tolo, t tti oli essen&iali) Il $inene s'estrae dall'essen&a di trementina come $arte volatile e lascia n resid o denso noto col nome di $ece o colo!onia)
73

Ftt almente s'im$ie#a, invece, il rosso 9on#o)

La can!ora * n derivato ossidato del (orneolo) Ca n merosi im$ie#"i, come la mani!att ra della cell loide, della nitrocell losa, e $er l'odore #rato, in $re$arati !armace tici $er so esternoJ n tem$o s' sava anc"e come analettico) Dall'iso$rene, $er $olimeri&&a&ione, s'ottiene il ca cci, +sintetico-, $resente allo stato nat rale come secre&ione #ommosa di molte E !or(iacee come l'Cevea (rasiliensis) Per mantenerne l'elasticit * sotto$osto al $rocesso di v lcani&&a&ione, c"e consiste nell'a##i n#ere sol!o +2I-) Ftt almente la sintesi del ca cci, si e!!ett a con i $rocessi 5 na o D $rene) Il ca$osti$ite dei carotinoidi, $i#menti di vari animali e ve#etali, * il carotene, sato come ind ttore dell'a((ron&at ra) Il $irrolo * il costit ente !ondamentale dell'olio di Di$$el, otten to dalla distilla&ione secca delle ossa) Per ossida&ione si ottiene il nero di $irrolo, resina insol (ile simile ai $i#menti neri della c te e dei $eli) Un altro s o derivato * l'indaco, colorante c"e s'ottiene da molte $iante orientali come l'Indi#otera tinctoria, l'Indi#otera anil, l'Isatis tinctoria) Essendo totalmente insol (ile in ac% a s'im$ie#a, $er a$$licarlo, la cos8 detta Ltint ra al tino'B si otten#ono c"imicamente i s oi le coderivati 70B s'im$re#na la !i(ra della sol &ione, e s'es$one il tess to all'ariaJ l'ossida&ione $rovoca di n ovo la !orma&ione del colore, c"e * ormai !issato alla !i(ra) Derivato alo#enato * la $or$ora di Tiro, c"e #li antic"i estraevano dai moll sc"i come il A reO (randaris) <ol!orato * invece il tio4indaco, detto rosso 5) @anno $oi rammentate le antocianidine, $resenti nei !iori colorati, c"e variano dal #iallo, al (l , a seconda della sali!ica&ione)
70

9"e non "anno colore, ma lo riac% istano, ra$idamente, mediante ossida&ione)

Si !ovre44e *ui trattare !i proteine, alcaloi!i, vita&ine, &a $accia&o gra'ia al lettore, $orse gi annoiato !a *uesti appunti, ri&an!an!olo ai testi esaurienti c#e sono stati e!iti(