Sei sulla pagina 1di 7

10 Agosto 2006

Cos ho sconfitto gli Alieni


Il pi famoso ricercatore italiano nel campo delle abduction racconta e se a qualcuno lo sviluppo apparir troppo impressionante e persino inverosimile! il consiglio " di arrivare all#ultima parola$ di Corrado %alanga 7 Luglio 2006. ore 10.30, Pisa. Buon giorno professore come sta? mi dice lessandra, c!e " #enuta a tro#armi dalla $ardegna. %i mettiamo a sedere& io sul di#ano e lei da#anti a me, sulla solita poltrona. La poltrona c!e per tante #olte l'!a #ista, in stato di ipnosi profonda, rie#ocare le sue esperien(e con gli alieni. $u )uella poltrona lessandra !a ri#issuto la sua esperien(a traumatica, !a raccontato di )uella #olta del suo tentato suicidio e di come stranamente non sia riuscita nel suo intento, sal#ata da strani esseri *iondi, molto alti. +a raccontato della sua decennale depressione e di )uel malessere diffuso c!e non sai cosa sia, ma c!e uccide giorno dopo giorno. +a ri#issuto l'esperien(a di essere stata portata in una *ase sotterranea piena di militari americani c!e l'!anno messa nelle mani di una strana creatura alta )uasi tre metri, c!e assomiglia a un coccodrillo in piedi, ma con il muso da serpente. ,n drago sen(a ali, c!e con l'aiuto di esseri piccoli, gla*ri, scuri di pelle, macrocefali, le !a fatto )ualcosa di terri*ile sul corpo e nell'anima. lessandra !a urlato Basta, *asta *asta-, ma l'essere !a continuato imperterrito nel suo intento. $ono passati due anni, forse tre da )uel periodo e ora le cose sono cam*iate. . %ome #a oggi lessandra? . Bene, " un pe((o c!e non #engono pi/. 0i sento *ene, ora la mia #ita " #eramente cominciata& !o #oglia di fare, non mi sono pi/ tagliata con le lamette, non !o pi/ crisi di *ulimia o di anoressia ormai da tanto tempo. 1accio sogni normali. $2, credo proprio c!e Loro non #erranno mai pi/- &#ini'io 3uando cominciai a occuparmi del fenomeno delle *duction, ero molto pi/ gio#ane e inesperto. 4l primo caso esaminato mi port5 dopo due anni e me((o di ricerca e con l'aiuto del Professor 0auro 0oretti, ipnologo di 6eno#a, a credere di a#er capito tutto sulla fenomenologia delle *duction, come la c!iama#ano gli mericani. *duction& il fenomeno secondo il )uale alcuni soggetti apparentemente sc!i(ofrenici, raccontano di a#er a#uto l'impressione di essere stati rapiti 7addotti8 da esseri alieni per scopi insonda*ili. Bella defini(ione di un fenomeno di cui non capi#amo niente. 9opo )uella prima esperien(a in#estigati#a sape#amo c!e il fenomeno era reale, c!e non era )ualcosa da relegare alla fantasia di )ualc!e americano alienato di testa, ma c!e era, in#ece, atti#o anc!e in 4talia. 4l fenomeno era da studiare e assume#a i connotati di un film di fantascien(a. 4 soggetti racconta#ano, con l'aiuto dell'ipnosi regressi#a, di essere stati rapiti nel letterale senso della parola, da esseri alieni pro#enienti dun)ue da un altro pianeta, di#ersi da noi anc!e se antropomorfi. 4l rapimento sem*ra#a finali((ato a condurre degli esperimenti *iologici sui soggetti, c!e si tro#a#ano a ricordare, solamente in ipnosi, scene completamente rimosse, ma c!e descri#e#ano il solito ta#olo metallico, con una sola gam*a al centro, con tanti piccoli esseri attorno c!e face#ano )ualcosa. 4 maleodoranti esserini a #olte spara#ano nella narice destra del soggetto un piccolo proiettile all'interno della pineale. 4l dolore era lancinante, ma *re#issimo e il soggetto perde#a i sensi. $i ritro#a#a nel cuore della notte nel suo letto con l'impressione di a#er fatto solo un *rutto sogno. 4l mattino non ricorda#a niente, ma una *ella macc!ia di sangue sul cuscino gli face#a capire c!e, durante la notte, ne a#e#a perso una copiosa )uantit: dalla narice destra e, a #olte, un flas! appari#a fulminare la sua mente. La figura di un essere alto un metro e #enti, c!e sem*ra#a uscito da un racconto dell'orrore, con )uesti grandi occ!i neri orientali, sen(a pupilla, in cui ti pote#i specc!iare, con uno sguardo c!e ti entra#a nella testa. ;ra solo un flas!, molto #i#ido, ma solo un ricordo di un sogno... o non era stato un sogno? Le #istose macc!ie di sangue sul cuscino disegna#ano nella mente dell'addotto inconsape#ole un gigantesco punto interrogati#o. 4l punto interrogati#o tende#a a di#entare ancora pi/ grande )uando una lastra ai raggi <, o una =omografia ssiale %omputeri((ata, o una >isonan(a 0agnetica ?ucleare mostra#ano all'interno della pineale un piccolo granello nero di due millimetri di diametro. 4l soggetto usci#a dall'ospedale e legge#a sul foglietto c!e gli a#e#ano consegnato& Presen(a di corpo estraneo pro*a*ilmente metallico di centimetri 2.3 circa posto all'interno della g!iandola pineale. $i consigliano ulteriori accertamenti neurologici.

(rimo obiettivo) raccogliere testimonian'e #olte penso ancora per )ualc!e istante c!e sia tutto uno sc!er(o, c!e non sia #ero niente, c!e a**ia commesso un gra#e errore metodologico. Possi*ile c!e ci siano gli alieni e c!e )uesti #engano proprio )ui a rompere le scatole agli esseri umani? 4n cerca di )ualcosa c!e l'uomo !a e c!e l'alieno non possiede? ; se #eramente la stretta logica del %4% P con il suo atteggiamento denigratorio nei confronti dell'intero fenomeno fosse corretta? ; se le *arricate al(ate inaspettatamente dagli stessi ufologi del %,? e del %4$,, accreditati dai nostri ser#i(i segreti, erette per impedire c!e le nostre ipotesi potessero prendere piede sul territorio italiano, fossero giusti me((i per e#itare c!e noti(ie infondate miranti a fomentare il panico tra la popola(ione, potessero tro#are ingiusto credito? Parole, parole, parole, come )uelle c!e mi sentii ri#olgere alla fine di una conferen(a sul pro*lema dei rapimenti alieni a $an 0arino. $ceso dal palco mi incontrai con un signore sulla )uarantina c!e, accompagnato da moglie, suocera e figlia, alla loro stessa presen(a mi disse& $enta professore... )uesti alieni mi stanno rompendo le scatole da )uando sono nato, io faccio il pilota di aerei ci#ili sulle rotte na(ionali, come faccio a farli smettere?. ; c!e dire delle testimonian(e uscite dalla *occa dei *am*ini piccoli? 0amma, mamma, anc!e )uesta notte " #enuto a giocare con me il coniglio nero e mi !a portato nel ra((o, c!e fun(iona con l'elettricit: e mi !a fatto #edere la =erra dall'alto.... ; la mamma replica . il coniglio nero? . $2 mamma, )uello c!e mette i *am*ini nelle pance delle mamme. %'eri anc!e tu mamma nella casa dei conigli l'altra notte e sei passata dalla finestra c!iusa come me.... Perplessit: della mamma c!e risponde& ma io non mi sono accorta di nulla- 4l *im*o di tre anni ci pensa su e poi dice& @ #ero, tu non te ne pote#i accorgere, sta#i sdraiata su un ta#olo di ferro e dormi#i mentre a#e#i tutti i conigli neri attorno c!e ti face#ano )ualcosa.... &a fisica impossibile degli spa'i e dei tempi 4 racconti degli addotti sono pieni di situa(ioni impossi*ili c!e rendono agli occ!i della scien(a, il fenomeno stesso, irreale. ;ro a letto )uando a un tratto il muro della camera " di#entato luminoso *ianco *ianco e poi da l2 sono spuntate delle coseA erano piccoli, alti un metro e #enti, con corpi esili ma testa grossa, gla*ri, con )uattro dita nelle mani e si sono posi(ionati attorno al mio letto. )uel punto, dal #arco nel muro " entrata un'altra cosa... molto alta... pi/ alta dell'armadio ma... 7perplessit:8 ecco era unA unA un insetto gigante, sem*ra#a una ca#alletta.... Bppure, da un'altra testimonian(a in ipnosi& $to uscendo dalla finestra... ma come faccio ad uscire dalla finestra c!e fuori !a le s*arre di ferro?. ; ancora, da un'altra testimonian(a in ipnosi& $ono a letto e guardo il soffitto, c'" una strana luce nella stan(a e il soffitto... il soffitto di#enta li)uido, fa le onde come se ci a#essi gettato un sasso e, dal soffitto scendono #olando due esseri strani& stanno riportando il mio *am*ino nella culla.... 9a una seduta di Programma(ione ?euro Linguistica 7P?L8, il soggetto spontaneamente ricorda )uello c!e prima non sospetta#a nemmeno& $ono in macc!ina con il mio raga((o e siamo fermi )uando a**iamo #isto un ,1B passarci sulla macc!ina... poi " andato #ia. ; noi replic!iamo& . ! sii? 4mmagina di #edere la scena dall'alto, #edi la tua macc!ina dall'alto?... %osa #edi da l2. ; il soggetto replica& Cedo la macc!ina, c'" il mio raga((o al #olante c!e dorme... 7perplessit:8 e noi, di rimando& e tu do#e sei? ?on so do#e sono& in macc!ina non ci sonoA. . llora sei uscita dalla macc!ina& !ai lasciato per caso la portiera aperta? ; lei decisa& 0a no, sono uscita dal tetto della #ettura passando attra#erso le lamiere... e ora #olo #erso una cosa in alto c!e sem*ra una specie di o*ietti#o di macc!ina fotografica c!e si sta aprendo mentre passo nel me((o.... ,no dei nostri addotti di notte " in macc!ina e sta tornando a casa. un certo punto perde conoscen(a per )ualc!e secondo. $i riprende e ferma l'auto. $olo allora si accorge c!e il suo 6P$ acceso !a registrato un percorso c!e il soggetto non ricorda di a#er effettuato& una specie di loop dentro stradine di campagna, per poi ritornare indietro sulla strada principale. La cosa ancor pi/ strana " c!e la #ettura si tro#a all'ini(io del percorso, come se il loop do#esse ancora essere percorso. ,n altro addotto guarda l'orologio. $ono le 22.30 )uando si addormenta. 1a sogni tremendi popolati di alieni, di opera(ioni c!irurgic!e, di stan(e con dentro cilindri di #etro trasparente. 3uando si s#eglia nel cuore della notte " distrutto dalla stanc!e((a, guarda l'orologio e capisce c!e )ualcosa non torna. $ono le 22.2D. $i " s#egliato cin)ue minuti prima di addormentarsi. *trumenti per capire ?essuno a#re**e creduto a )uesti racconti come esperien(e reali. ?on ci crede#a infatti )uasi nemmeno lo stesso testimone. Perc!E a#rei do#uto sprecare tempo dietro storie cos2 assurde? Perc!E )ueste storie erano tutte eguali fra loro. 6li addotti descri#e#ano gli stessi incu*i e i di#ersi racconti erano so#rapponi*ili fin nei minimi particolari. ;siste#ano solo due spiega(ioni& o in 4talia e nel mondo c'era una nuo#a malattia psicologica gra#e, una nuo#a sorta di sc!i(ofrenia di cui per5 gli psic!iatri non si erano stranamente mai accorti, oppure i racconti degli addotti erano riprodu(ioni fedeli di #issuti reali. 6li strumenti su cui punta#amo e c!e do#e#amo s#iluppare erano peraltro noti. ?on do#e#amo in#entarci nulla, do#e#amo solo adattare gli strumenti a )uesto inusuale campo di indagine. ,tili((ammo dun)ue la P?L, la Programma(ione ?euro Linguistica, come formida*ile arma per comprendere se gli addotti dice#ano la #erit:, o meno. %osa " la P?L? $i tratta di una metodologia c!e studia i mo#imenti inconsci del corpo come riflessi dell'inconscio stesso. L'inconscio " un su*strato del nostro essere pri#o di capacit: mediatrici e pri#o di concetto di realt:. L'inconscio, dun)ue, non sa distinguere la realt: dalla fantasia e )uesto era un pro*lema, ma l'inconscio dice sempre )uello c!e lui crede sia la #erit: e non accetta compromessi, perc!E non sa nemmeno c!e

esistano i compromessi& non " strutturato per accedere al compromesso. 9un)ue, i ricercatori di P?L !anno messo a punto un sistema per comprendere i mo#imenti del corpo, decodificarli e #erificare se )uello c!e uno dice o sogna o pensa di a#er #isto sia realmente stato #isto o in#entato. $tudi effettuati con l'utili((o della P;= 7Positron ;mission =omograp!F8 dimostrano c!e il cer#ello umano non pu5 fare confusione tra ricordi falsi e #issuti reali. La P?L )uesto lo sape#a da sempre. 4n particolare utili((ammo il mo#imento dei *ul*i oculari del soggetto c!e anali((a#amo. 0entre gli pone#amo alcune domande, il soggetto muo#e#a inconsciamente i *ul*i oculari andando ad occupare la (ona del realmente #isto, sentito, registrato oppure dell'immaginato. 0entre un soggetto mi descri#e#a un sogno c!e a#e#a fatto, in cui c'erano alieni c!e passa#ano dal muro, noi nota#amo c!e i *ul*i oculari si sposta#ano in alto a sinistra, comunicandomi c!e non si tratta#a di un sogno ma di )ualcosa c!e il soggetto, o meglio il su*conscio del soggetto, crede#a fosse un sogno, ma in realt: il suo inconscio ricorda#a come esperien(a reale. +all#ipnosi di ,ric-son 4ntroduce#amo in seguito l'ipnosi regressi#a profonda. 4l soggetto #eni#a messo in stato di ipnosi profonda con tecnic!e di a#anguardia ela*orate e s#iluppate dalle teorie di 0ilton +. ;ricGson, modificate dall'applica(ione del Linguaggio rc!etipale e poten(iate dall'impiego del sistema di ricalco C H 7#isi#o, auditi#o, cenestesico, sensa(ioni esterne connesse a organi o centri costituiti da termina(ioni ner#ose8, c!e ci permette#a di aprire i canali sensoriali del soggetto da mettere in ipnosi a rota(ione, in modo cos2 rapido c!e il su*conscio del soggetto andasse Iin crunc!J, lasciando li*ero l'inconscio di interagire con noi. 0a non *asta#a. $tudiandone i la#ori, ci siamo c!iesti come mai ;ricGson non riuscisse a mettere in ipnosi circa il 20K dei suoi tremila pa(ienti. **iamo creduto di tro#are la risposta e da )uel momento a**iamo ela*orato un sistema di IancoreJ 7si c!iamano cos2 in P?L8 c!e ci consenti#ano di ancorare il soggetto cenestesicamente, #isi#amente e uditi#amente a una situa(ione ufologica realmente #issuta, ma a li#ello inconscio non ricordata. ;ra#amo cio" in grado di mettere in ipnosi il soggetto da#anti a noi, nel giro di )uaranta secondi, sen(a c!e nemmeno lui se ne accorgesse. 4l soggetto a#e#a accesso immediato a tutti i ricordi del suo #issuto ufologico. L'ipnosi correttamente condotta non permette all'inconscio di dire men(ogne e non consente al su*conscio di ficcare il naso nei racconti dell'inconscio stesso. 4l cer#ello " come un computer con un +ard 9isG a sola scrittura. ?on possiamo dimenticare nulla, non possiamo riscri#ere nulla, non possiamo modificare le esperien(e #issute. $e i soggetti da noi anali((ati non ricorda#ano molte cose delle loro esperien(e era solo perc!E non sape#ano do#e il loro cer#ello a#esse nascosto i ricordi delle esperien(e stesse. %on l'ipnosi riusci#amo a far ri#i#ere i ricordi delle esperien(e passate con tanto di colonna sonora, cio" con il ricordo del mo#imento del corpo, delle sensa(ioni #isi#e tattili, di caldo e di freddo, di dolore e di angoscia. .ecuperare i dati dell#/ard +is9o**iamo sottolineare come i detrattori del pro*lema ufologico, tra i )uali gli stessi ufologi di $tato, dic!iarano c!e l'ipnosi non " un sistema utili((a*ile nelle inc!ieste ufologic!e a causa del fatto c!e con l'ipnosi il soggetto ipnoti((ato " indotto dall'ipnologo a dire tutto )uello c!e gli passa per la mente. 9un)ue, i nostri dati sare**ero una massa di inutili falsit:. Purtroppo per )uesti signori c!e manifestano un'a*issale ignoran(a nei processi mentali c!e inducono lo stato ipnotico, esistono tonnellate di letteratura scientifica c!e li smentiscono. 4n )uesta sede " opportuno c!iarire solo lLaspetto pi/ importante c!e mette in rela(ione lo stato di suggestiona*ilit: con lo stato di ipnoti((a*ilit:. 9ai grafici pu**licati " possi*ile notare c!e )ueste due #aria*ili sono dipendenti dall'et:. Pi/ alta la suggestiona*ilit: e pi/ " *assa l'ipnoti((a*ilit:, c!e mostra i suoi minimi per i gio#ani, e i #ecc!i c!e appaiono in#ece pi/ suggestiona*ili. 4noltre non *isogna confondere due situa(ioni diametralmente differenti. 3uando un soggetto, per esempio, #iene suggestionato a credere di essere circondato da un sciame di api, lo #edremo c!e comincia a muo#ersi nel tentati#o di scacciarle. 4l soggetto in stato ipnotico crede #eramente c!e ci siano le api per il moti#o fondamentale c!e il suo su*conscio dorme come il suo conscio 7i suoi sensi, ?.d. .8. 4n )uel caso i suoi sensi sono rappresentati dall'ipnologo c!e dice delle cose all'inconscio& )uest'ultimo, non a#endo spirito critico, non !a ragione di du*itare. 4n )uel caso i dati c!e legge l'inconscio sono s*agliati in entrata. ?elle nostre analisi in#ece, l'ipnologo fa leggere all'inconscio dell'addotto, i dati gi: scritti sul suo +ard 9isG mentale c!e possono essere letti solo come sono stati registrati. Pro#ate a far dire in ipnosi a un soggetto )ualcosa c!e il soggetto a**ia registrato in modo differente. ?on riuscirete mai a farlo, come del resto sottolinea anc!e ;ricGson nei suoi la#ori. 1acciamo alcuni esempi... %!iedo al soggetto in ipnosi... . %ome " l'essere da#anti a te? ?on lo so com'" fatto& non lo #edo perc!E " di spalle e non ti posso dire come " fatto.... ltro esempio& . @ alto l'essere c!e " da#anti a te? ?o " *asso-. . cosa assomiglia )uell'essere c!e " da#anti a te? un insetto gigante. . $i tratta di una ca#alletta #ero? ?o. ?on " una ca#alletta, " una mantide. . ; ancora& . 3uante dita !a nelle mani l'essere c!e " da#anti a te? 3uattro.

. 6uarda meglio... non sono per caso cin)ue? 4o ne #edo )uattroA. . ?on sar: c!e il pollice " nascosto dal palmo della mano e tu ne #edi )uatto, ma in realt: sono cin)ue? $aranno anc!e cin)ue, ma io ne #edo solo )uattro. ,no, due, tre e... )uuuattro-. I test proiettivi 4l numero di addotti c!e #eni#ano a c!iederci consulen(e aumenta#a di mese in mese, di giorno in giorno. $olamente un anno fa #eni#amo contattati da un addotto ogni 1D giorni circa. Bggi a**iamo di media tre nuo#i contatti al giorno. 1ino ad oggi a**iamo la#orato in modo pi/ o meno esteso con non meno di )uattrocento persone e la nostra struttura sta per collassare. Bgni #olta c!e esiste un nuo#o contatto de#o ricominciare tutto da capo e spiegare in cosa consiste il fenomeno, come se ne esce eccetera... @ una storia infinitaPer )uesto a**iamo a#uto l'esigen(a di costruire una serie di strumenti c!e ci ser#issero a capire rapidamente se il soggetto c!e #eni#a da noi era realmente addotto dagli alieni, o era un mitomane sc!i(ofrenico. ?asce#ano cos2 due tipi di test proietti#i. 4l primo lo *atte((ammo = C 7=est di auto #aluta(ione8. %onsiste#a in una cin)uantina di semplici domande a cui rispondere. 9i test simili nel mondo ne esistono di#ersi tipi, ma il nostro a#e#a una caratteristica unica. ;ra auto#alutati#o. 4l soggetto c!e risponde a )uelle domande #iene messo, dalle domande stesse, in uno stato di agita(ione inconscia per cui l'inconscio fornisce, durante il test, rea(ioni molto particolari e intense. 4l soggetto si tro#a a sospettare dentro di sE di essere un addotto. 4n )uel momento, il soggetto sente l'esigen(a di mostrarmi il suo test e mi c!iede di #alutarlo. 3uesto " il momento in#ece in cui il soggetto si " auto #alutato inconsciamente. ,n test perfetto !a una sola domanda a cui rispondere. 3uesto test perfetto permettere**e di distinguere se sei nel fenomeno o se ne sei fuori. 0a )uale domanda perfetta porre? Per a#ere un test di )uesto tipo *isogna conoscere molto *ene il fenomeno c!e si sta studiando. 4n altre parole, conoscere cos2 *ene il fenomeno permettere**e di porre una sola domanda discriminante. $e le cose stanno cos2 i migliori test !anno il minor numero di domande possi*ili. Per )uesto il nostro test " sicuramente il migliore al mondo. 9iffidate di test con duecento domande& ci5 #uol dire c!e, c!i le formula, non !a c!iaro il fenomeno c!e sta studiando perc!E gli ser#ono duecento domande per capire. noi ne ser#ono meno di cin)uanta. 4l =est di auto #aluta(ione era come una rete per pescare i pesci piccoli. 0a per pescare solo i pesci piccoli ci #ole#a una maglia fitta. %os2, per5, inesora*ilmente anc!e i pesci grandi sare**ero rimasti incagliati nella nostra rete. **iamo allora pensato di costruire una rete da pesca 7il = C8 c!e a#esse la caratteristica di attirare solo i pesci piccoli e non )uelli grandi. 4n altre parole i pesci c!e #ole#amo noi, si face#ano pescare spontaneamente, ma inconsciamente da soli. 4l secondo test lo *atte((ammo 0 >4= 70ulti ction >eacti#e 4nterferential =est8. 4l test nella sua attuale forma " costituito da 2M carte da gioco, di#ise in tre sottogruppi. 4l primo sottogruppo contiene immagini, disegnate sen(a troppi particolari, di personaggi del mondo dei gioc!i del *am*ino, ma )uesti personaggi non solo sono adatta*ili a tutte le culture dell'intero glo*o, possiedono la caratteristica di essere correla*ili ad altrettante figure di alieni 7secondo set di carte8 c!e, durante le indagini, #engono descritte in ipnosi regressi#a da #eri addotti adulti. 3uesta particolarit: rende i personaggi delle carte confondi*ili con personaggi realmente #isti dal *am*ino, ma non consciamente percepiti come reali. ;gli #iene portato a fondere, cos2, strani personaggi del mondo fantastico con altrettanti personaggi insoliti del mondo delle a*duction. ,na #olta c!e il *am*ino a**ia denominato gli elementi del set di carte relati#e ai personaggi di fantasia e )uelli del set di matrice aliena, si proceder: a di#iderli per categorie e gli si dir:, ad esempio, di mettere tutti i personaggi alti da un lato e )uelli *assi dall'altro. %i si de#e attendere, se il *am*ino " stato sottoposto ad a*duction, c!e egli sappia c!e il 6rigio 7;B;8 #a messo con i piccoli, mentre con gli alti metter: gli alieni 0ammiferoidi c!iari di capelli. nc!e riguardo alla suddi#isione tra *uoni e catti#i ci si attenderanno congrue risposte, cos2 come per ci5 c!e riguarda la suddi#isione tra coloro c!e !anno *uon odore e )uelli c!e l'!anno catti#o 7in )uest'ultimo caso il $auroide e l';B; do#ranno tro#arsi nello stesso insieme8. La categori((a(ione cos2 ottenuta pro#oc!er: una risposta totalmente inconscia, poic!E il *am*ino non sapr:, a li#ello cosciente, di essere stato addotto, ma il suo inconscio riconoscer: il prototipo alieno e lo categori((er: secondo le impressioni a#ute durante l'a*duction. $i pu5 definire 4l 0 >4= come un test di %ategori((a(ione 4ndotta 7%.4.8, mediante il )uale si for(a il soggetto ad utili((are delle categorie, o insiemi sistemici, nell'identifica(ione inconscia di alcune caratteristic!e degli oggetti appartenenti agli insiemi stessi presi in esame. &a credibilit dei risultati Le metodologie da noi messe a punto e ripeti*ili in la*oratorio ci !anno dato delle risposte precise. 4n tutti )uesti anni di ricerca sul fenomeno delle a*duction, a**iamo capito molte cose. 1orse altre sono ancora da c!iarire, ma il nocciolo fondamentale dell'intera )uestione " #enuto a galla. Le risposte c!e diamo potranno sem*rare assurde e pri#e di ra(ionalit:, ma sono l'aspetto pi/ in)uietante e reale della realt: c!e ci circonda. Potranno essere rigettate da coloro c!e pensano c!e la cosa sia talmente incredi*ile da essere impossi*ile, ma a )uesti signori do#remmo ricordare c!e non esiste alcuna rela(ione tra la realt: e la credi*ilit: di una cosa. ltri penseranno c!e *isogna rigettare tutto il castello da noi costruito, in )uanto *asato sulle carte dell'intui(ione, ma a )uesti signori risponderemmo c!e non si #i#e solo di ra(ionalit: e di lo*o sinistro del cer#ello& il lo*o destro rappresenta me((o cer#ello e sare**e *ene c!e la gente cominciasse a riutili((arlo. lcuni diranno c!e le cose non stanno cos2 perc!E esiste un creatore c!e impedire**e tutto ci5. loro rispondiamo c!e il creatore siamo noi esseri umani e c!i non lo !a capito finora sar:

*ene si dia una mossa prima c!e l'uni#erso intero si ric!iuda su di lui. lcuni diranno c!e la scien(a non tro#a riscontro in nulla di tutto ci5 c!e diciamo, ma a )uesti signori diciamo c!e la scien(a !a dei limiti e se gli scien(iati non ne !anno compreso i contorni, #uol dire c!e non !anno capito il metodo c!e stanno utili((ando. =utto ci5 non " un pro*lema, perc!E gli stupidi sono *iologicamente destinati a rimanere tali e per )uesto non #anno nE g!etti((ati nE condannati, ma solo sopportati come una cospicua fetta della realt: #irtuale c!e ci circonda. &e risposte0 ;sistono #arie forme di #ita aliena di tipo mammiferoide, insettoide, rettile, #olatile, almeno per )uanto riguarda la loro forte apparen(a, c!e utili((ano l'essere umano, per alcune sue caratteristic!e peculiari, c!e lo rendono agli occ!i alieni una *uona mucca da mungere. 6li alieni si ser#ono dell'uomo per procreare la loro ra((a& in )uesto contesto utili((ano il 9? dell'essere umano, tentando di modificarlo per renderlo pi/ forte e adatto alla loro sopra#i#en(a, utili((ano le femmine della specie umana come fattrici innestando, nei loro apparati riprodutti#i, o#uli c!e #engono poi estratti 7tre mesi circa8 e continuano la crescita del piccolo feto, in appositi contenitori cilindrici riempiti con un li)uido pseudo placentare artificiale. 6li alieni infatti sono molto longe#i, ma di conseguen(a sterili. ,tili((ano il nostro cer#ello per depositare, all'interno di opportune (one, la memoria e l'essen(a #itale dell'alieno stesso c!e, per la morte del suo corpo, non potre**e sopra##i#ere 7noi le definiamo 0emorie liene tti#e o 0 , ?.d. .8. 3uando un altro corpo alieno " pronto, le memorie aliene #engono estratte dalla mente dell'addotto e ricopiate nel cer#ello del nuo#o corpo alieno. 4n )uesto modo l'alieno produce una specie di immortalit: della personalit: e delle informa(ioni. %am*iano, i corpi, ma non cam*ia la mente dell'alieno. %os2 si garantisce alla stirpe aliena una sorta di immortalit: c!e #iene pagata a caro pre((o con la totale mancan(a di rinno#amento della specie aliena e delle idee di )uella ra((a. 0a non *asta. gli alieni non ser#ono solo il 9? umano, il corpo umano per la loro riprodu(ione e il cer#ello umano per la continua(ione e la perpetra(ione della loro mentalit: statica. Loro #ogliono #eramente )ualcosa c!e alcuni di noi !anno e c!e loro non possiedono, ma c!e noi non sappiamo nemmeno di possedere. Loro #ogliono una speciale energia #itale c!e l'uomo possiede e c!e loro c!iamano nima. L' nima " immortale ed " dentro alcuni esseri umani. lcuni di )uesti esseri umani c!e possiedono )uesta cosa sono oggetto di a*duction, gli altri esseri umani agli alieni non ser#ono. Per perpetrare )uesto infinito inganno, gli alieni, si sono da su*ito alleati con le grandi famiglie del nostro pianeta, composte dalle antic!e stirpi no*ili, a partire da Ba*ilonia fino ai giorni nostri. Le antic!e famiglie, oggi ricon#ertitesi nelle potenti lo**ies di industriali massoni, in cam*io !anno c!iesto agli alieni )ualc!e *randello di )uell'energia a loro negata dalla *iologia, c!iamata nima, c!e ser#ire**e loro per go#ernare in eterno un pianeta pri#ato ormai della sua energia #itale e c!e finire**e per essere un pianeta di (om*ie glo*ali((ati. &a vera scoperta 0a la #era scoperta non a#e#a nulla a c!e #edere con tutto )uestoN la #era scoperta era a#er capito c!i " realmente l'essere umano e come " costruito l',ni#erso. L',ni#erso si *asa su )uattro aspetti importanti di#isi in due categorie. La realt: #irtuale, cio" modifica*ile, costituita da spa(io, tempo ed energia poten(iale e una realt: reale immodifica*ile, sempre la stessa in eterno, *asata sulla %oscien(a. La %oscien(a crea la #irtualit:, ma essa " increata. L'uomo in )uesto contesto " costruito di anima, mente, corpo e spirito do#e l'anima " legata all'asse della coscien(a, dello spa(io e dell'energia, ma manca di defini(ione lungo l'asse del tempo. Per )uesto moti#o " immortale. Lo spirito " legato all'asse della coscien(a, del tempo e dell'energia poten(iale, ma non !a spa(io e per )uesto " dappertutto. La mente " legata a spa(io, tempo e coscien(a, ma manca di energia poten(iale& si tratta di un campo elettromagnetico cosciente. 4nfine, il corpo " legato a spa(io tempo ed energia, ma manca di coscien(a. $i tratta di un guscio #uoto. 0olti esseri umani mancano di nima cos2 come tutte le specie aliene. $i comprende#a cos2 appieno perc!E i nostri go#ernanti 7c!e non sono i politici, ma i ricc!i industriali e le Banc!e, ?.d. .8 non !anno, in realt:, alcuna inten(ione di s#elare i loro losc!i accordi con gli alieni, ma di sostenere la loro agenda con l'aiuto di for(e de#iate dei militari. Le scene c!e #engono fatte ri#i#ere in ipnosi dai nostri addotti parlano c!iaro. $cene in cui militari e alieni concorrono assieme a spremere l'addotto opportunamente narcoti((ato. 4 militari di lingua anglosassone #engono sempre descritti accanto ad alieni di forma serpentoide e a esseri luminosi c!e parassitano l'addotto al suo interno e c!e la neO age americana !a in )uesti anni scam*iato per angeli luminosi. 4 militari di lingua francese sono sempre descritti accanto ad esseri umanoidi, rossicci di capelli, alti circa due metri con pupille di tipo #erticale. 0ilitari israeliani #engono in#ece descritti sempre e solamente con alieni di tipo insettoide 7la 0antide, ?.d. .8 e c'" #eramente da stupirsi nel come non ci si possa confondere sugli accoppiamenti. %ome se gli addotti si fossero messi tutti d'accordo nel descri#ere le stesse scene. %i5 fa c!iaramente capire come le #arie guerre, le #arie lotte etnic!e, i #ari crolli delle *orse mondiali, l'andamento delle politic!e, delle religioni e del resto, siano totalmente sotto controllo di gruppi gi: da tempo indi#iduati nei cosiddetti 4lluminati, o nel gruppo Bilder*erg, o nel %lu* of >ome o nei %a#alieri del $anto 6raal, ma anc!e pi/ semplicemente nell'unione delle *anc!e mondiali e nei gruppi di stampo na(ista c!e durante l'ultima guerra mondiale face#ano capo ai mo#imenti #icini alle $$. 6i: perc!E poc!i sanno c!e le $$ na(iste erano nate come mo#imento di frati religiosi c!e a#e#ano come scopo il ritro#amento della formula della #ita eterna, solo per gli eletti di ra((a pura o##iamente. $i scoprir: cos2 c!e le mitologic!e figure dei mostri antic!i altro non erano c!e gli alieni di oggi do#e, in particolare, la figura di $atana o##ero ?aes! 7in e*raico8 il $erpente, il nemico del popolo e*raico, oggi lo #ediamo raffigurato dall'alieno sauroide, do#e Lucifero altri non sare**e c!e l'essere luminoso, c!e noi c!iamiamo LuP e c!e non a caso a#re**e fondato il gruppo degli 4lluminati. #remmo poi il 9ia#olo #ero e proprio, colui c!e de#e stare all'inferno e c!e non pu5, ma #orre**e, #enire nel nostro mondo a... prenderci l' nima... come raccontano le antic!e leggende di paese, c!e altri non sare**e c!e un alieno c!e #i#e in un'altra dimensione parallela alla nostra,

per ragioni geometric!e e matematic!e, a#endo perso, illo tempore, la sua componente animica non potre**e pi/ passare da )uesta parte di ,ni#erso. nc!e lui come altri #orre**e prenderla all'essere umano, l' nima, poic!E nell',ni#erso l'uomo sare**e l'unico a possederla. =utti gli addotti in ipnosi raccontere**ero la stessa identica storia. ?oi ne a**iamo in#estigati circa )uattrocento. Le potenti tecnic!e di ipnosi da noi utili((ate, ci permettono di degenerare l'essere umano di#idendolo nelle sue )uattro componenti. @ cos2 possi*ile parlare solo con l' nima, solo con la mente o solo con lo spirito dell'addotto, ma " anc!e possi*ile mettere sotto ipnosi solo la parte di cer#ello c!e contiene la 0emoria liena tti#a 70 , ?.d. .8 e tentare un collo)uio diretto con )uell'alieno c!e parassita l'addotto stesso. @ inutile sottolineare c!e tutte le 0 dicono le stesse cose, tutte le anime dicono le stesse cose, tutto eguale e tutto nascosto a li#ello inconscio. $u *ase statistica )uesto #uol dire c!e in 4talia esistono almeno seicentomila pa((i 7 L0;?B....8 c!e credono tutti, di essere ?apoleone- 0a siccome nessuno psic!iatra si " mai accorto di )uesta nuo#a malattia, do**iamo ritenere semplicemente c!e )uello c!e a**iamo detto in )ueste pagine sia assolutamente #ero. 1orse non sar: credi*ile dai pi/, ma c!i se ne importa- 7?.d. .8 &a libera'ione dai demoni ,na #olta compreso l'intero pro*lema a**iamo capito come la componente animica, l'unica #era componente interessante per coloro c!e non la possede#ano, negli addotti, era caratteri((ata da uno stato di coscien(a a##olta da torpore. 4n altre parole, l' nima degli addotti non si rende#a *en conto di cosa stesse accadendo, ma con un processo di riprogramma(ione della stessa nima, *asato sulle semplici regole della P?L, si pote#a in un certo senso istruire l' nima. 4n ipnosi profonda, la componente animica dell'addotto #eni#a degenerata 7staccata dal resto, ?.d. .8 e, con opportune regole descritte in un testo pu**licato su 4nternet dal titolo lien %icatriP 7OOO.ufomac!ine.org8 #eni#a riprogrammata a constatare la situa(ione. 4l tentati#o di far ac)uisire coscien(a all' nima a#e#a so#ente successo. 9a )uel preciso istante l'addotto uscito dallo stato ipnotico, non era pi/ un *urattino in mano agli alieni. 4nfatti, )uando gli alieni torna#ano per far scorta di energia ru*andola all' nima dell'addotto, )ualcosa di strano accade#a, l'addotto si rifiuta#a coscientemente di seguire gli alieni, l'addotto non #ole#a pi/ entrare nella macc!ina c!e ser#e allo scollamento dell' nima 7una specie di cilindro metallico grande, scuro, rotante, pro*a*ilmente, sem*ra raffreddato a elio, o a(oto li)uido, ?.d. .8. L'addotto dice#a ?B. Bra Basta- ; con grande nostra mera#iglia l'alieno, nelle ricostru(ioni ipnotic!e effettuate dopo )uesto ennesimo rapimento, era descritto mentre indietreggia#a spa#entato a morte e fini#a per non tornare pi/ a molestare l'umano. 4 soggetti addotti c!e a#e#ano passato una #ita sostenuti e o*nu*ilati dal pro(ac, se ne li*era#ano nel giro di poc!e ore e finalmente fini#ano per passare il resto della loro #ita li*eri dalla presen(a dei parassiti alieni e anc!e li*eri dagli psic!iatri. 3uello c!e a#e#a #into era l'ac)uisi(ione di coscien(a da parte della componente animica c!e emette#a un forte atto di #olont:, capace di compiere il miracolo. B#e )uesto atto di #olont: era de*ole, il processo di li*era(ione dalle componenti aliene non fun(iona#a. #e#amo tro#ato un modo scientifico per effettuare un *anale esorcismo. 4n )uesti ultimi mesi a**iamo concentrato la nostra atten(ione nello studiare il fenomeno c!e ci permette di uscire dal pro*lema del parassitaggio alieno con eserci(i mentali in grado di pro#ocare uno stato di particolare ipnosi autoindotta raggiungi*ile da tutti, sen(a il *isogno del nostro sostegno. ,n sistema c!e permette agli addotti di prendere coscien(a del loro pro*lema, riac)uisire le memorie perdute dei rapimenti su*iti, prendere coscien(a della situa(ione ed eliminare, con un forte atto di #olont: animico, l'interferen(a aliena in una o pi/ applica(ioni della metodologia. Bggi possiamo dire c!e c!i segue alla regola le istru(ioni 7 lien %icatriP, seconda parte, 0etodo $40B 9, OOO.sentistoria.org8 appare in grado di autoproteggersi per sempre, poic!E la for(a dell' nima " )ualcosa di estremamente grande e l'alieno sem*ra essere terrori((ato da un addotto c!e sa )uesta cosa. L'alieno tende, infatti, sempre a non dire all'addotto, durante l'a*duction, cosa sta succedendo, al massimo tende a raccontargli delle gigantesc!e frottole. ?on potre**e dire all'addotto tu sei superiore a noi perc!E !ai una cosa c!e noi non a**iamo ma c!e ti stiamo ru*ando... perc!E se l'addotto lo sapesse, mettere**e in atto, con un solo gesto, la sua contraria #olont:. Conclusioni 9a )uesto momento in poi consideriamo c!e il *ersaglio c!e ci era#amo posti all'ini(io, " stato colpito. $appiamo, infatti, in cosa consiste il pro*lema alieno e sappiamo come risol#erlo. **iamo, e stiamo dando a tutti, le armi per poterlo risol#ere da soli, sen(a l'aiuto di nessuno. ?on appena la coscien(a di )uesto fenomeno #err: meglio recepita, gli alieni non potranno fare pi/ niente per ostacolare la li*ert: anarc!ica dell'anima umana. $e )uesto processo a##err: in tempi *re#i allora potremo considerare l'umanit: sal#a ancora una #olta, altrimenti l'umanit: #err: distrutta nella sua intere((a e a morire per primi saranno proprio )uei militari e )uei padroni c!e !anno #enduto da sempre la ra((a umana agli alieni, nel tentati#o di seguire il sogno dell'immortalit:, non capendo c!e " proprio nella morte fisica il #ero significato di una rinascita animica, spirituale e mentale. %!i non accetta di morire non accetta di cam*iare& in parole po#ere si preclude la possi*ilit: di e#ol#ere. ;d ecco prendere forma il #ero ritratto degli alieni. ?on angelici sal#atori dell'umana progenie, *ens2 un'acco((aglia di esseri #ecc!i e longe#i, *asati su regole rigide di gruppo, soffocati nelle loro li*ert:, incapaci di creati#it:, c!e credono nella ra(ionalit:, fanatici della loro specie fino al ra((ismo, c!e non sanno cosa sia l'emo(ione e per )uesto destinati a fallire comun)ue. 9urante gli ultimi dieci anni, seppelliti dai pro*lemi c!e )uesto tipo di ricerca ci propone#a, a**iamo capito anc!e molte altre cose interessanti. **iamo costruito un nuo#o modello di ,ni#erso Cirtuale in accordo con le teorie dei fisici Bo!m e =iller sulla realt: #irtuale e =ifft sulla )uanti((a(ione dello spa(io e del tempo oltre c!e dell'energia, ma anc!e con le idee di Qogananda e 0a!aris!i 0aes!. **iamo capito c!e l'idea di cer#ello olografico " sostenuta anc!e dalle teorie di crea(ione di immagini #irtuali di Hosslin e Pri*ram. **iamo capito c!e il #ero essere umano, e non )uel

surrogato c!e occupa per l'R0K )uesto pianeta, " costituito di anima, mente, corpo, e spirito, ma a**iamo anc!e capito c!e se, da un lato l' nima umana " immortale, la sua %oscien(a " eterna. **iamo dun)ue capito c!e l'uomo !a, dentro di sE, 9io stesso- 9a )uesto momento in poi il pro*lema alieno di#enta una sciocc!e((a. 1 &uglio 2006! (isa Bre 12.30, lessandra mi guarda#a perplessa mentre io osser#a#o ogni suo micromo#imento c!e attra#erso la riela*ora(ione della P?L, mi a#re**e facilmente permesso di capire se )uello c!e lei dice#a era anc!e )uello c!e il suo inconscio pensa#a. ?on facciamo oggi l'ipnosi professore? ?o, lessandra, non ne !ai pi/ *isogno. %erto, molte cose sono ancora nascoste nelle pieg!e della tua mente, ma la coscien(a c!e !ai ac)uisito del pro*lema c!e ti assilla#a " di#enuta talmente grande c!e gli lieni di )ualsiasi tipo e forma non possono pi/ #enire a distur*arti. $e lo facessero tu li fermeresti, la tua nima li fermere**e inesora*ilmente. 4 tuoi lieni sono stati sconfitti. ?oi li a**iamo sconfitti& sconfitti per sempre-