Sei sulla pagina 1di 5

gioved� 1 marzo 2007

CAMPANIA
ITALIA DI MEZZO

VIA AL DIBATTITO IN CONSIGLIO REGIONALE, OGGI LA MARATONA PER IL VARO DEL


PROVVEDIMENTO

Partenza in salita per la legge sul ciclo integrato


NAPOLI.

Per Milo matrimonio con il Nuovo Psi


NAPOLI. Antonio Milo si unisce "in matrimonio" con il Nuovo Psi. Il nuovo gruppo
federato, che sar� composto, oltre che dal segretario dell'ufficio di presidenza
del parlamentino campano, da Massimo Grimaldi e Luca Colasanto, sar� formato
ufficialmente oggi, in occasione della seduta di Consiglio che dovr� votare la
legge sui rifiuti. Nell'Udc, che gi� aveva perso Nicola Caputo, passato nella fila
dei PopolariUdeur, restano soltanto due consiglieri, Pasquale Marrazzo e Giovanni
Pianese. Milo, comunque, ha ripetutamente confermato che rimarr� all'opposizione
in consiglio regionale cos� come fatto dall'inizio della legislatura.

Con la discussione generale ha preso il via ieri il cammino in consiglio regionale


della legge sui rifiuti: oggi la seduta-fiume per l'approvazione. Un percorso che
potrebbe presentare degli ostacoli visto che, oltre ai quasi 200 emendamenti (ma
ieri l'Unione si � riunita dopo il Consiglio), il "debutto" non � stato immune da
forti critiche, provenienti dai settori del centrodestra. A presentare il
documento i presidenti delle commissioni Urbanistica e Ambiente, Pasquale Sommese
e Michele Ragosta. Per l'esponente della Margherita �l'obiettivo deve essere
quello di ripristinare le competenze ordinarie di Regione, Comune e Provincia e di

individuare responsabilit� certe in capo agli enti locali�. Il consigliere dei


Verdi ha puntato il dito contro �il mancato raggiungimento del livello minimo di
raccolta differenziata (35%)�, criticando la recentissima scelta di Bertolaso del
sito di Serre come discarica regionale ed ha rivendicato il principio ispiratore
del progetto di legge, quello dell'�obiettivo rifiuti zero�. Duro affondo quello
di Salvatore Ronghi (An) per il quale �il disastro ambientale e la stessa
emergenza non potranno trovare soluzioni in questa legge specialmente perch� non
esprime una scelta chiara nel progetto di legge e non assume scelte chiare sulla
termovalorizza-

zione�. Ronghi chiede anche di modificare tile e rischioso. Infatti, il progetto


di legge il numero di Ato, istituendone tre nel Napo- non dice alcunch� su come
smaltire i rifiuti letano: �Pur avendo votato contro la legge in e si limita ad
enunciare principi di natura Commissione, il mio partito � disponibile ad un
apRonghi (An): �Nessuna soluzione profondimento sulla legge purch� la maggioranza
ab- per il disastro ambientale�. Anche Lebandoni le sue posizioni gambiente
scettica sul testo unificato ipocrite e faccia chiarezza sulla sua politica dei
rifiuti�. Dal canto proprio, il capogruppo di An ideologica e retorica�. Ma
critiche alla legFrancesco D'Ercole ha sottolineato �l'as- ge arrivano da
Legambiente Campania: sesenza di Bassolino in Aula� mentre quello di condo il
presidente Michele Buonomo Forza Italia Cosimo Sibilia esprime �il pi� �questa
legge cos� come � stata presentata marcato dissenso verso un testo di legge inu-
non va�.
LA POLEMICA

| Da Salerno bocciatura per il provvedimento all'esame dell'assise campana e �no�


alla discarica di Serre

Rifiuti, scontro Provincia-Regione


MARIO PEPE
� scontro tra la Provincia di Salerno e la Regione Campania sulla vicenda della
discarica di Serre. Dall'ente provinciale salernitano arriva una bocciatura sia
all'ipotesi del commissario di governo Guido Bertolaso, di aprire la megadiscarica
regionale proprio a Serre, sia al progetto di legge sui rifiuti in discussione al
consiglio regionale. Il consiglio provinciale di Salerno ha approvato, nella
riunione di ieri mattina, un altro documento nel quale si esprime un totale
dissenso al progetto di legge all'esame del parlamentino campano. La normativa,
secondo i "contestatori", sarebbe in contrasto con il criterio di
provincializzazione contenuto nel protocollo d'intesa siglato con il Commissariato
nel dicembre scorso e mortificante per il ruolo attribuito agli enti locali. Nella
delibera passata all'unanimit� viene forniNAPOLI.

to anche l'elenco dei siti di stoccaggio per la fos, quelli di compostaggio della
frazione organica, nonch� per lo smaltimento finale. A Nocera Inferiore � in
programma la realizzazione di un impianto di biomasse; a Salerno e Pagani ci sar�
un sito per accogliere il compost; a Sardone di Giffoni Valle Piana una discarica
operativa da giugno prossimo; a Sala

Consilina ed Atena Lucana dovrebbe sorgere un altro sversatoio; ad Ogliastro


Cilento � stato individuato un polo ecologico, anche se Cicerale ha gi� detto no
al sito. Infine, viene individuata anche la possibilit� di utilizzare cave
dismesse gi� note sull'intero territorio provinciale. Al termine del Consiglio,
l'assessore provinciale all'Ambiente, Angelo Paladino,

ha annunciato di voler aggiungere al- giudizio del presidente della Coml'elenco


anche il comune di Eboli, do- missione vigilanza Rai, Mario Lanve dovrebbe
realizzarsi un impianto dolfi, �il dramma dei rifiuti in Camdi compostaggio.
Prevista l'esclusio- pania �, infatti, la conseguenza delne di Serre. Sulle
polemiche incro- la scelta politica effettuata da Basciate interviene il
parlamentare An- solino nel 2001 di chiudere le discatonio Martusciello. ��
opportuno riche, sostituendole con i Cdr, senza che il Governo nazionale - afferma
l'e- chiudere il ciclo integrato che vedesponente azzurro - oltre ad ostaCdL
all'attacco, Martusciello colare quanto proposto e deci- (Fi): �Si individuino
alternative�. so dal commissaLandolfi (An): �Emergenza conserio straordinario
Guido Bertolaso, guente agli errori di Bassolino� individui delle alternative a
Serre che risultino con- va nei termovalorizzatori la propria crete e fattibili. �
irrinunciabile che fase finale. Ancora una volta il cenil presidente della Regione
Campa- trosinistra regionale si comporta conia Antonio Bassolino ed il presi- me
quello nazionale, assumendo dente della Provincia di Napoli Dino
contemporaneamente posizioni di Di Palma diano segni tangibili del lo- governo e
di piazza, attribuendo poro impegno in materia di smalti- sizioni demagogiche che
penalizzano mento dei rifiuti, affiancando senza pesantemente i cittadini della
Camincertezze l'operato di Bertolaso�. A pania�.

In breve
CLAN DEI CASALESI

Duplice omicidio, Sandokan accusato di essere mandante


CASERTA.
I carabinieri di Mondragone hanno notificato a Francesco Schiavone, detto
"Sandokan", ras del potente clan camorristico dei Casalesi, un'ordinanza di
custodia cautelare per concorso in duplice omicidio. Il boss, in carcere da anni,
� accusato, di essere stato il mandante del duplice omicidio di due immigrati del
Ghana, che, avevano continuato a spacciare droga nella zona di Castelvolturno,
nonostante fossero stati pi� volte "avvertiti" dagli emissari della cosca.

AMALFI

SANIT� E POLEMICHE

LA POLEMICA

| Il rettore della Libera Universit� vieta la partecipazione dell'integralista al


dibattito
cisione con il numero eccessivo di richieste pervenuto agli organizzatori. In
realt�, ad influire decisamente erano state le polemiche scatenatesi per la
decisione dell'Universit� Orientale di invitare tra i relatori Rachid Ghannouci,
il leader del partito islamico tunisino An-Nahda, che poi aveva annullato la
propria partecipazione a causa delle forti polemiche scatenatesi dopo l'articolo
di Magdi Allam sul Corriere della Sera. Da ricordare che Ghannouci, in un suo
libro, aveva definito cosa buona e giusta ammazzare i figli degli israeliani
perch� �soldati di riserva�. E lo stesso leader filo-terrorista aveva comunque
inviato un messaggio nel quale parlava di �distorsioni� operate sulle sue opinioni
definendo �infondati� i tentativi di associare il suo pensiero �a forme di
violenza o di istigazione alla stessa�. Il rettore dell'Orientale, Augusto
Guarino, aveva definito le polemiche �ingiuste e frutto di disinformazione�.

La Finanza sequestra sette cantieri abusivi


AMALFI. I carabinieri della compa-

Rifondazione comunista tuona contro il ticket: �Deve essere abolito�


NAPOLI. Rifondazione comunista chiede a gran voce l'abolizione del ticket sui
farmaci: e lo fa in un'assemblea pubblica al Maschio Angioino. �I ticket
costituiscono un intervento iniquo e discriminatorio - afferma Antonella
Cammardella, vicepresidente della Commissione regionale Sanit� - in quanto gravano
sui cittadini che hanno i redditi pi� bassi. Occorre abolirli subito. Rifondazione
comunista si � battuta in tutte le sedi istituzionali per convincere i ministri
della Salute e dell'Economia a soprassedere sui ticket. Si � riusciti soltanto a
fare eliminare il ticket sul pronto soccorso per il codice verde�. Ma l'attacco
della Cammardella non risparmia il balzello sui farmaci introdotto dalla Regione
Campania che ha creato una vera e propria spaccatura all'interno della
maggioranza. �Dobbiamo sederci ad un tavolo e concertare un altro sistema - dice
per recuperare il deficit economico accumulatosi in questi anni. Occorre essere
chiari con la gente e pensare ai malati cronici, non autosufficienti che devono
essere curati ed assistiti senza che le loro famiglie finiscono sul lastrico�. E
ancora: �Da uno studio del Ceis dell'Universit� di Tor Vergata � risultato che le
famiglie che per la Sanit� sono andate sotto la soglia di povert� sono poco meno
di 300mila e quelle che hanno sopportato spese catastrofiche sempre in ambito
sanitario sono circa un milione�. Dal canto proprio, Fulvio Aurora, responsabile
nazionale delle politiche sanitarie del Prc, sottolinea che �il problema non �
soltanto campano ma nazionale. E l'argomento deve essere affrontato in maniera
seria e precisa a livello parlamentare. Il fenomeno coinvolge milioni di persone,
una quantit� enorme di cittadini sotto il livello di povert�. Secondo Aurora �non
basta avere eliminato i dieci euro per alcune prestazioni ma occorre effettuare
uno sgravio totale dalla spesa sanitaria per le fasce deboli. La Regione deve
intervenire il prima possibile per risolvere il problema che ha portato in piazza
a Napoli oltre diecimila persone�. ENZO MUSELLA

Tarik Ramadan sgradito in Belgio


NAPOLI.

Dopo Napoli, la presenza di della tolleranza l'Ulb � stata troppo Tarik Ramadan
(nella foto) scatena spesso presa in ostaggio da gruppi reazioni anche in Belgio.
La Libera che hanno progressivamente perso lo Universit� di Bruxelles lo ha
dichia- spirito critico�. Immediate le reaziorato �persona non grata�. La deci- ni
degli altri accademici, a cominsione � del rettore dell'Accademia, ciare dall'ex
presidente del Ceae, SaPhilippe Vincke, che ha cancellaMentre a Napoli il docente
ha to il professore di Islamistica di preso parte al convegno dell'OrientaOxford
dalla lista le nel quale era prevista la presenza, degli invitati al convegno sul
raz- poi annullata, di Rachid Ghannouci zismo e la xenofobia organizzato dal
circolo degli lim Haouach, che ieri, in una lettera studenti arabo-europei
dell'Ulb. La al quotidiano belga "Le Soir", lamenmotivazione con cui Vincke ha
giu- ta la decisione del rettore che consistificato il veto su Ramadan � che la
dera �ingiustificata�. �Non si pu� utisua venuta sarebbe un attacco al fon-
lizzare una libert� d'espressione a damento stesso dello spirito demo- geometria
variabile�, spiega Haouacratico. �L'Universit� non � un luogo ch che si chiede con
che criterio il dove si possono manifestare tutte le rettore abbia definito il
concetto di liposizioni in nome della libert� d'e- bert�. �Come diceva Rosa
Luxemspressione�, ha detto Vincke. E il con- bourg, la libert� � sempre la libert�
sigliere del rettore, Emmanuelle di colui che la pensa diversamente�, Danblon, ha
aggiunto che �in nome conclude nel suo intervento. Forti po-

gnia di Amalfi hanno sequestrato sette cantieri dove si stavano realizzando opere
abusive ed hanno denunciato 17 persone. Il valore dei manufatti illegali � di 3
milioni di euro. I casi pi� gravi sono stati scoperti nei comuni di Positano e
Praiano. A Positano, i militari hanno sequestrato due immobili costruiti ex novo
realizzati senza alcuna autorizzazione. I denunciati dovranno rispondere di
violazione delle norme sul settore edilizio.

OSPEDALE DI CASERTA

S. Sebastiano, Paternostro nuovo direttore sanitario


CASERTA. Nuovo direttore sanitario dell'Azienda ospedaliera "Sant'Anna e San
Sebastiano" di Caserta � Diego Paternostro. L'atto deliberativo � stato firmato
ieri dal direttore generale Luigi Annunziata. Paternosto, in servizio presso
l'ospedale casertano dal 1988 ed attualmente direttore della Unit� operativa
Accettazione sanitaria-pronto soccorso, ha gi� formalizzato la domanda di
aspettativa da questo incarico.

lemiche si erano sollevate anche in Italia la scorsa settimana circa la


partecipazione di Ramadan ad un convegno organizzato a Napoli sul tema "Dare voce
ai musulmani democratici". L'islamista aveva poi preso parte al convegno. E a che
in quella occasione non erano mancate le polemiche. In primo luogo perch� alla
manifestazione era stato vietato l'ingresso alla stampa motivando la de-

IL CONVEGNO

| Caldoro: �No a scorciatoie come il Partito democratico�


contraddizione italiana, la questione socialista � qualcosa di importante, con
l'attuale bipolarismo invece non si riesce a costruire nulla di fondamentale�.
Sar� difficile, a quanto sembra, conciliare gli interessi del costituendo Partito
Democratico con quelli dei piccoli ma determinanti partiti della coalizione
dell'Unione. Sulla sponda opposta le convenienze di Forza Italia e Alleanza
Nazionale non sono le stesse di quelle di Casini o di Bossi. Ma mentre
l'opposizione si divide e si disarticola senza comunque produrre conseguenze
rilevanti, la maggioranza rischia invece di vacillare ad un semplice stormire di
foglie. �Una prevalenza numerica - conclude Caldoro - se � tale, deve condividere
una soluzione e poi allargare il consenso in grado, in questo modo, di ricercare
in Parlamento una maggioranza riformista in grado di approvare le necessarie
riforme�. Intanto, il segretario regionale dei Socialisti, Antonio Demitry,
afferma che �al dibattito organizzato all'Hotel Oriente, per amore della verit�,
tengo a precisare che i Socialisti, quantomeno il coordinamento regionale della
Campania, non � stato informato dell'iniziativa, alla quale chi vi ha partecipato
l'ha fatto unicamente a titolo personale. In ogni caso, rimane immutato
l'interesse verso questo tipo di iniziative politiche ma, ritengo che � nostro
compito favorire il ricompattamento delle varie organizzazioni politiche della
galassia socialista, per ridare fiato ad un riformismo vero�. MARIANNA VARRIALE

FURTO NELL'IPERMERCATO FAMILA DI AVERSA

Prove di dialogo tra i socialisti


NAPOLI.

Rubano prosciutto e formaggio, due magazzinieri condannati a 8 mesi


AVERSA. Rubavano prodotti alimentari dall'ipermercato Famila e poi li rivendevano.
Due magazzinieri, Claudio Liccardi e Antonio Miceli, arrestati luned� con l'accusa
di furto aggravato, sono stati condannati con rito direttissimo a otto mesi con
pena sospesa. I due, rispettivamente difesi dagli avvocati Carmine Ippolito ed
Antoni Miceli, erano finiti sotto il controllo delle attente guardie giurate, che
da qualche giorno avevano notato strani ammanchi nelle derrate alimentari
destinate alla vendita: quelle che arrivavano sui banconi dell'ipermercato erano
di gran lunga inferiori rispetto a quelle che venivano immagazzinate nel deposito.
Da qui sono state avviate le indagini che hanno consentito di arrestare in
flagranza di reato i due magazzinieri. Il blitz

No al Partito democratico: il rifiuto verso il soggetto unico arriva dal


coordinatore nazionale del Nuovo Psi, Stefano Caldoro, intervenuto ieri sera ad un
convegno sul socialismo democratico dove mancava comunque la voce di Bobo Craxi,
impegnato a Roma sul fronte del dibattito sulla fiducia al Governo. �La questione
del socialismo si � ormai risolta della maggior parte dei paesi europei - afferma
Caldoro - ma non in Italia proprio per questo e per il fatto che sono contro le
scorciatoie dico no al Partito democratico. In Italia non c'� il giusto confronto,
dico semplicemente che se non si recuperano professionalit� come, ad esempio, �
pensabile un partito socialista riformista senza tre socialisti come Tremonti,
Moratti e Frattini? Questa � la

� scattato luned� mattina. Era appena arrivato un furgone di distribuzione dei


prodotti Parmalat. Le guardie giurate si sono messe in appostamento ed hanno
seguito tutte le fasi dello scarico della merce. Ad un certo punto uno dei due
magazzinieri ha contattato l'autista del mezzo pesante. I vigilantes lo hanno
visto mentre cedeva una forma intera di parmigiano ed una di prosciutto. A quel
punto � scattato l'arresto. I cancelli dell'ipermercato sono stati fatti chiudere
mentre sono stati chiamati i carabinieri. Per Claudio Liccardi, difeso
dall'avvocato Ippolito, e per Antonio Miceli, difeso da Leopoldo Perone, sono
scattate le manette. Giudicati per direttissima sono stati condannati a otto mesi
con pena sospesa. [SM]