Sei sulla pagina 1di 6

131111_003 (29:00) GOVERNO A CEDUO una forma di governo che utilizza la propagazione per via vegetativa degli alberi,

, quindi sostanzialmente ricacci da parte delle ceppaie quindi emissioni di polloni. Si pu fare esclusivamente nel caso di boschi di latifoglie. Quindi nel caso del governo a ceduo noi andiamo ad sfruttare solo la produzione Above Ground cio solo la parte aerea del popolamento, si eliminano i polloni, mentre le ceppaie rimangono sul posto e poi queste riscoppiano emettendo polloni. La rinnovazione garantita da questa propagazione per via vegetativa. Dal punto di vista legislativo il regolamento forestale del FVG definisce un ceduo come: un popolamento di latifoglie in cui almeno l'80% degli individui di origine agamica, la copertura di questi individui al 20% e il popolamento ha un et inferiore ai 35anni. La soglia dei 35anni stata scelta in base al fatto che la maggior parte delle specie tendono a perdere la capacit pollonifera all'aumentare dell'et. (32:20) questo come appare una pianta isolata costituita da polloni. In alcuni casi, soprattutto in cedui molto vecchi, succede che la ceppaia tende gradatamente ad allargarsi, la parte centrale costituita da legno morto subisce dei fenomeni di degradazione, quindi pu capitare di vedere dei singoli fusti disposti in senso circolare. Originariamente quei fusti appartenevano alla stessa ceppaia ma poi si sono affrancati. Per sono sempre lo stesso individuo geneticamente.

Sostanzialmente nel caso del ceduo il ciclo questo: arriviamo alla fase finale, dove tagliamo tutto il soprassuolo. Quindi il principale assortimento la legna da ardere. abbiamo la riemissione di polloni e quindi la ricostituzione del mio popolamento. Il governo a ceduo la forma pi antica. Utilizzata principalmente per la legna da ardere e per il carbone. METODI DI ESECUZIONE ALLA CEDUAZIONE Possiamo avere tre tipi di tagli: taglio a ceppaia (io vado a tagliare tutti i fusti nella ceppaia in prossimit del terreno) che pu essere: -fuori terra (taglio i polloni 5-20cm sopra il suolo) -succisione (taglio in modo rasente al terreno) -tramarratura (si asporta la terra intorno alla ceppaia, i fusti vengono tagliati al di sotto del livello del terreno e poi si ricopre con la terra) In tutti i casi meglio procedere all'asportazione del materiale tagliato prima della stagione vegetativa successiva, cio prima che si abbia l'emissione di nuovi polloni. Perch potrei provocare danni alle ceppaie.

sgamollo, asportazione di tutti i rami che non siano il fusto principale della pianta. capitozza, la pianta viene tagliata ad un 1.5-2 metri d'altezza per es. nei gelsi. L'assortimento in questo caso era quello di ottenere frasca e legna pi fine che poteva essere utilizzata per l'alimentazione o come strame o anche come vimini per fare le legature. (38:50) Esempio pianta trattata a sgamollo.
2

Nel momento in cui si effettua la ceduazione, la pianta emette polloni perch l'emissione di polloni una risposta della pianta ad un disturbo che prova la distruzione della parte aerea. Succede che venendo meno la dominanza apicale quindi il fatto che ci sia una gemma nella parte terminale della chioma che attraverso una serie di ormoni controlla l'accrescimento e la dormienza di altre gemme presenti lungo il fusto. Quando viene meno questo controllo ormonale abbiamo la reimissione del polloni perch cominciano ad essere emessi dalle gemme dormienti. Oltre a questo sul callo cicatriziale della ceppaia si formano delle nuove gemme e si hanno l'emissione di nuovi polloni. Quindi possiamo distinguere due tipi di gemme e due tipi di polloni: gemme proventizie che sono delle gemme gi presenti a livello del fusto, del colletto e al livello delle radici che sono dormienti, perch sono inibite nel loro sviluppo dagli ormoni emessi dalla gemma apicale. Quando io vado a tagliare la pianta, viene meno questo controllo ormonale e quindi queste gemme riscoppiano. Dall'altro lato per aumentare le probabilit di successo nella sopravvivenza, la pianta differenzia a livello del cambio delle altre gemme che non ci sono prima ma che si formano solo dopo che avvenuto il taglio e che prende il nome: gemme avventizie. La capacit sia di emettere polloni proventizi che avventizi non costante durante tutta la vita della pianta. Oltre al fatto di cambiare da specie a specie. (41:50) Polloni proventizi sono generalmente molto pi stabili meccanicamente perch essendo una gemma dormiente che comunque si accresceva nel corso della vita della pianta, presenta una continuit con tessuti pi interni della ceppaia mentre quello avventizio molto pi fragile.
3

Oltre ai polloni avventizi e proventizi ci sono poi i polloni radicali come per esempio nella robinia pseudoacacia. L'altro vantaggio dei polloni proventizi quella che essendo che compaiono nella parte bassa della ceppaia, possono il alcuni casi sviluppare un loro apparato radicale e quindi affrancarsi dalla ceppaia e costituire un individuo separato dalla ceppaia originaria. Cosa non possibile nei polloni avventizi perch essi sono collocati pi in alto e quindi devono utilizzare l'apparato radicale preesistente della ceppaia. FINE 131111_003 INIZIO 131111_004 Quindi la durata della capacit di emettere polloni non costante durante il corso della vita della pianta, e varia innanzitutto con la specie legnosa. Se consideriamo la stessa specie notiamo che in fase giovanile la capacit di emettere polloni bassa perch non c' stato ancora il tempo per la pianta di differenziale le gemme quindi di avere un sufficiente numero di gemme proventizie, ma allo stesso modo nel momento in cui aumenta l'et della pianta anche in questo caso diminuisce la capacit di emettere polloni perch per es. si ispessisce la corteccia e questo impedisce la germogliazione delle gemme proventizie o la differenziazione del cambio e la formazione di gemme avventizie. (02:00) Esempio tabella specie-polloni. Si nota che leccio e sughera (specie mediterranee) hanno una durata della capacit pollonifera molto durevole nel tempo, questo perch vivono in un ambiente mediterraneo dove la frequenza di fenomeni di disturbo molto elevata. Esempio della ceduazione del faggio.

(03:30) In passato venivano adottato turni piuttosto brevi quindi questi turni piuttosto brevi determinavano da un lato l'ottenimento di materiale piccolo utile per legna da ardere ma dall'altro lato potevano provocare una depauperamento della stazione, quindi una riduzione della vitalit. Inoltre un altro problema che con l'andar del tempo quando si eseguiva la ceduazione ripetuta sulla stessa area, le ceppaie ad un certo punto muoiono perch hanno raggiunto limiti di et o perch subiscono degli attacchi parassitari o perch esauriscono le sostanze di riserva e cos via. Quindi di conseguenza si deve anche prevedere una forma dei gestione del ceduo che consenta anche una rinnovazione delle ceppaie. In un bosco ceduo il numero di ceppaie estremamente variabile, esso molto spesso compreso tra 1.000 e 10.000 ad ettaro. Pu essere assai pi alto nella macchia mediterranea che formata anche da varie specie arbustive. La sostituzione delle ceppaie morte ha luogo in pi modi: polloni proventizi affrancati formati da ceppaie vecchie che hanno originato ceppaie satelliti e si sono allargate; piante nate dal seme fornito dalle matricine o proveniente da alberi che vegetano in zone limitrofe (specie invasive), il vantaggio che ho anche un rimescolamento genetico; ceppaie ottenute dal taglio di matricine che hanno raggiunto un rilevante diametro alla base e comunque di et non superiore ai 50 anni, propaggini, cio prendiamo dei polloni, li pieghiamo e li blocchiamo al suolo e poi questi emetteranno delle radici; semine nei cedui pi degradati. (06:50)
5

Quali sono le forme di trattamento del ceduo? Possiamo avere: -taglio raso, che si divide in: -ceduo semplice -ceduo matricinato. In questo caso otteniamo un popolamento coetaneo quindi polloni della stessa et, l'unico elemento di et di diversa (multiplo del turno) rappresentato dalle matricini. Oppure possiamo avere: - taglio a sterzo, ottengo un popolamento disetaneo, polloni della stessa et sulla stessa ceppaia. (07:40) Schematicamente questa la situazione. Vedi figura.