Sei sulla pagina 1di 59

PLANT DESIGN PIPING WORKSHOP 2009

PIPING SUPPORTS FUNDAMENTAL

Indice degli argomenti trattati


Supporti Ausiliari Tubazioni Progettazione Supporti Classificazione Supporti Progettazione Piping Supporti Rigidi Supporti Elastici Supporti Dinamici Supporti Anti Attrito Supporti Isolati Supporti Definizioni Raccolte Supporti Pipe Rack Stress Interface Esempi Progettazione Supporti Guide Line Reciprocating Compressor Piping Span Support Design Support Work Process SMOD MTO Support Materials MR Feedback

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

Supporti Ausiliari Tubazioni


Il peso dei componenti della tubazione una pericolosa sorgente di sollecitazioni, per questo motivo bisogna prestare particolare attenzione nella scelta dei percorsi delle linee.
Scopo di questo workshop quello di esporre i criteri di definizione, progettazione, e acquisto dei supporti piping presentando la corretta successione delle diverse fasi di lavoro. Sebbene un sistema tubazioni possa essere definito come un telaio strutturale, esso differisce dalle strutture convenzionali in quanto non autoportante rispetto ai carichi gravitazionali; il sistema tubazioni richiede inoltre di essere vincolato per limitare gli effetti dovuti alle dilatazioni termiche. Spesso necessario proteggere le apparecchiature terminali da eccessive reazioni o deformazioni delle tubazione connesse, controllare le vibrazioni, opporsi a forze esterne quali vento, terremoto o carichi impulsivi. Ne deriva la distinzione tra supporti in senso stretto e vincoli. I primi sono quelli atti ad assolvere la funzione di trasferire al suolo o alle strutture esistenti il peso della tubazione, i secondi sono quelli aventi lo scopo di opporsi alle forze diverse da quelle gravitazionali.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

Progettazione Supporti
La progettazione di base di vincoli e supporti non pu che nascere contemporaneamente alla definizione planimetrica dellimpianto e la loro progettazione di dettaglio deve svilupparsi parallelamente alla progressiva definizione delle piante tubazioni.
Anche limpiantista deve avere un adeguato livello di conoscenza delle problematiche connesse alla progettazione dei supporti tubazioni.

La progettazione dei supporti ausiliari tubazioni ha essenzialmente i seguenti scopi:


Mantenere le sollecitazioni nelle tubazioni, valutate e combinate secondo la normativa, al disotto di quelle limite ammissibili. Evitare eccessive deformazioni. Limitare i carichi sulle connessione delle apparecchiature. Evitare fenomeni di vibrazioni nelle tubazioni. Evitare interferenza tra tubazioni e tra tubazioni e strutture, in seguito a dilatazione termica. Facilitare le operazioni dinstallazione, manutenzione e smontaggio dei componenti.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

Classificazione Supporti In base alla funzione che svolgono i supporti ausiliari tubazioni si possono classificare in:
RIGIDI - Supporti che nella direzione in cui esplicano la loro azione non consentono spostamenti della tubazione collegata. ELASTICI - Supporti che nella direzione in cui esplicano la loro azione, normalmente quella verticale, consentono entro, un certo campo, spostamenti della tubazione collegata. Dato che un supporto piuttosto costoso sia come costruzione sia come tempo di selezione durante la progettazione, si usano dove strettamente indispensabile. DINAMICI - Supporti che proteggono tubazioni da carichi dinamici occasionali. Essendo supporti molto costosi, si utilizzano e si posizionano in base ha un calcolo dettagliato.

I supporti rigidi sono quelli pi diffusi, quelli al cui impiego si deve preferibilmente tendere, per motivi di affidabilit, semplicit costruttiva e costo. Si limiter luso di supporti elastici, impiegandoli solo nei casi di effettiva necessit sulla base di un calcolo o di una scelta dello specialista di stress analysis.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

Classificazione Supporti In base alle condizioni dimpiego i supporti ausiliari tubazioni si possono classificare in: SUPPORTI FREDDI Sono i supporti collegati a tubazioni la cui temperatura inferiore alla temperatura minima ammissibile per limpiego del normale acciaio utilizzato per i supporti (in genere inferiore a -10C). SUPPORTI CALDI Sono i supporti collegati a tubazioni calde che non presentano problemi di isolamento termico e che garantiscano le caratteristiche meccaniche di resistenza del supporto strutturale collegato (normalmente temperature al di sotto di 400C).

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

Classificazione Supporti
In base alla continuit di impiego i supporti ausiliari tubazioni si possono classificare in: SUPPORTI PERMANENTI Sono supporti destinati ad esplicare permanentemente la loro funzione. SUPPORTI TEMPORANEI Sono i supporti destinati a fare fronte a condizioni eccezionali, od impiegati esclusivamente in prova idraulica. In base alla loro operabilit i supporti ausiliari tubazioni si possono classificare in: Supporti Aggiustabili Consentono, allatto della messa in opera ed entro certi limiti, di adeguare la geometria del supporto a quella degli elementi da collegare. In generale tutti i supporti dovrebbero prevedere in certo grado di aggiustabilit, per tenere conto delle inevitabili tolleranze di lavorazione e montaggio. Supporti Regolabili Consentono di effettuare, anche successivamente allinstallazione, ed ogni volta che se ne riscontri la necessit, operazioni di regolazione delle dimensioni, per adeguare lassetto del supporto a quello della tubazione collegata. Supporti Smontabili (Clampati o bullonati) Supporti che consentono un facile distacco dalla tubazione collegata, e/o dalla struttura. Questa rimozione pu essere richiesta per esigenze di manutenzione della linea o del supporto. Supporti Fissi (Saldati) Possono essere rimossi solo tramite taglio al cannello, o comunque tramite operazioni che non ne consentono il successivo reimpiego.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

Classificazione Supporti In base alla fabbricazione i supporti ausiliari tubazioni si possono classificare in: Supporti in Prefabbricazione Sono quei supporti che devono essere collegati alla tubazione, tramite saldatura, quando questa viene prefabbricata. Questa condizione necessaria per tutte le tubazione con trattamento termico PWHT. Questi supporti sono indicati con la suffisso PRF sugli sketches assonometrici ma rilevati dal TOS con destinazione prefabbricazione. Supporti Sciolti Supporti che vengono collegati alla tubazione, saldati o clampati, solo al momento del montaggio della stessa.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

Progettazione Piping rispetto ai Supporti Il corretto svolgimento dellattivit progettazione supporti richiede il rispetto di alcune regole generali di impiantistica, sia in fase di layout generale dimpianto sia in fase di sviluppo del dettaglio. In particolare: Lo studio di massima dei supporti, per lo meno a livello di strutture di supporto, deve essere condotto contemporaneamente allo studio preliminare relativo alla disposizione delle apparecchiature, degli edifici, delle strutture dellimpianto. Si deve tendere a raggruppare al massimo le linee, al fine di minimizzare il numero e la mole delle strutture necessarie al sostegno dei tubi. Per quanto possibile, si devono avvicinare le linee a possibili punti di appoggio, come il suolo o strutture gi previste per altri scopi. Le linee di maggior diametro devono essere disposte alla minore distanza possibile dai punti di forza delle strutture come colonne o montanti.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

Progettazione Piping rispetto ai Supporti


Le linee devono essere opportunamente spaziate, per facilitare linserimento dei supporti. Ad esempio per le linee soggette a vibrazioni i normali interassi non sono sufficienti per permettere linstallazione dei supporti antivibranti. Linserimento di valvole o altri componenti di linea pesanti e non autoportanti, dovrebbe essere prevista in prossimit di punti che possano offrire un sostanziale contributo strutturale. Le linee prossime a colonne o recipienti verticali, sono spesso vantaggiosamente supportabili dalle apparecchiature stesse, purch siano disposte ad una distanza sufficiente per lutilizzo dei supporti standard. Lo studio della disposizione delle piattaforme e delle passerelle su colonne dovrebbe essere svolto in maniera coordinata a quello delle guide e dei supporti collegati alle colonne stesse. Il rispetto di regole del tipo di quelle elencate consente di ottenere una equilibrata disposizione impiantistica, e predispone nel modo migliore la successiva fase di progettazione di dettaglio dei supporti.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

10

SUPPORTI RIGIDI - Appoggi


APPOGGIO REST e il supporto pi comune utilizzato in un impianto. Viene usato in tutti
i punti dove necessario eliminare le sollecitazione di peso e dove non vi sia spostamento verticale della tubazione. Viene realizzato nei modi pi svariati come:
1. 2. 3. 4. 5. SCARPA - SHOE SADDLE BASE ADJUSTABLE DUMMY TRUNNION

Laltezza e la lunghezza della scarpetta vengono selezionate in base ai seguenti parametri:


SHOE HEIGHT (mm) 100 150 200 INSULATION THICKNESS (mm) UP TO 70 FROM 75 TO 120 FROM 125 TO 170 SHOE LENGTH (mm) 300 400 500 600 THERMAL MOVEMENT (mm) UP TO 75 FROM 76 TO 125 FROM 126 TO 175 FROM 176 TO 225

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

11

SUPPORTI RIGIDI - Tiranti


2. TIRANTI HANGERS vengono usati come supporto rigido verticale quando non possibile appoggiare direttamente la tubazione e quando si vogliono annullare completamente gli effetti dellattrito a fronte di uni spostamento orizzontale, che comunque deve essere contenuto.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

12

SUPPORTI RIGIDI Arresto Stop


ARRESTO Stop un supporto che serve per fermare la dilatazione, nel senso longitudinale, in un punto della tubazione. Si usa per proteggere apparecchiature delicate o per limitare lo spostamento. Per la sua installazione necessario che a monte e a valle il layout della tubazione sia sufficientemente flessibile.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

13

SUPPORTI RIGIDI - Guide


GUIDA - ha lo stesso scopo e impiego dellarresto, solo che, invece di impedire lo spostamento longitudinale, impedisce quello trasversale. E usata anche per impedire che tubazioni orizzontali vadano fuori pista e limitano le sollecitazioni e gli spostamenti per le tubazioni verticali.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

14

SUPPORTI RIGIDI - Ancoraggi


ANCORAGGIO - un supporto particolare il cui uso non molto frequente; esso impedisce qualsiasi spostamento e rotazione.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

15

SUPPORTI ELASTICI - Carico Variabile


I supporti elastici sono dispositivi che servono per sostenere il peso di tubazioni che per effetto delle variazioni termiche e di altre cause presentano nei punti di sostegno degli spostamenti verticali. I supporti elastici a Carico Variabile sono il tipo pi semplice e pi comune di sospensione elastica. Sono costituiti essenzialmente da una molla elicoidale racchiusa da un astuccio cilindrico in acciaio. La molla montata nellastuccio precaricata. Lungo il cilindro c unasola la quale permette, per mezzo di un indice posto sulla spirale stessa, di misurare la corsa e di seguirne le variazioni durante lesercizio.
La variazione di carico dovuta dal fatto che le molle hanno una propria caratteristica elastica, definita costante. Praticamente la costante elastica la forza unitaria necessaria a comprimere la molla di un millimetro. Pertanto quando la linea va in temperatura e il punto di attacco della molla si sposta verticalmente questo produce una variazione del carico iniziale. Tali variazioni alterano lequilibrio delle tubazioni con conseguente variazione delle sollecitazioni e delle azioni sugli attacchi delle apparecchiature. I valori limite della variazione di carico percentuale, in pratica, si assume +/- 12% per tubazioni collegate a macchine sensibili ai carichi, e 25% massimo a tutte le altre tubazioni.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

16

SUPPORTI ELASTICI - Carico Costante


Le molle definite a carico costante, sono quei dispositivi elastici che utilizzando delle molle contrapposte (figg.1) o utilizzano dei leverismi (figg.2) fan s che durante il movimento verticale, dovuta alla escursione termica della linea, il carico di settaggio della molla non cambi. Essendo queste molle pi complesse e costose, di quelle a carico variabile, si utilizzano solo quando gli spostamenti verticali della tubazione sono relativamente grandi (100 mm) o quando leccessiva variazione di carico delle molle a carico variabile supera i valori accettabili.

Figg.1 Figg.2

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

17

SUPPORTI DINAMICI Shock Absorber


Gli Shock Absorbers sono dispositivi che hanno la funzione di bloccarsi, sotto le azioni dinamiche quali colpi di ariete, terremoto, ecc., pur consentendo il libero movimento alle tubazioni nel passaggio dalla situazione di messa in marcia a quella operativa o viceversa.

Questi dispositivi sono costituiti da un cilindro idraulico, nel quale il movimento del pistone nei due sensi provoca un flusso di olio tra una estremit e laltra del cilindro attraverso un by-pass. Sul by-pass inserita una valvola di controllo che consente al pistone di muoversi liberamente fino ad una velocit di circa 250 mm al minuto e che interrompe istantaneamente il flusso allorch tale velocit viene superata provocando il bloccaggio dello stesso.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

18

SUPPORTI DINAMICI Rigid Struts


Questi supporti sono usati per vincolare, in una unica direzione, i movimenti della tubazione dovuti alla dilatazione termica. Capaci di contenere grandi carichi di trazione e compressione, permettendo spostamenti laterali, angolari e rotazionali, senza avere il problema degli attriti. Sono poco costosi di facile montaggio, non necessitano di ispezioni e manutenzioni.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

19

SUPPORTI anti ATTRITO


Anche lattrito rientra tra i carichi autolimitanti, nel senso che esso si manifesta fino a quando, e non oltre, esiste una tendenza allo spostamento da parte della tubazione. Inoltre il valore dellattrito subisce una brusca diminuzione dopo il primo distacco. Lentit del coefficiente di attrito di difficile quantificazione in quanto dipende dallo stato delle superfici a contatto. Per ridurre leffetto dellattrito nei supporti ferro-ferro si utilizzano piastre con teflon o piastre con Lubrite (grafite+bronzo) o dispositivi come i supporti a rullo.

Normalmente per i calcoli si assumono i seguenti coefficienti di attrito: - ferro - ferro 0.35 - teflon - aisi 0.1 - lubrite 0.1 - rulli 0.035

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

20

SUPPORTI anti ATTRITO - Rulli


Supporti a Rullo - sono dispositivi che oltre a sostenere il peso delle tubazioni
consentono spostamenti orizzontali riducendo il coefficiente di attrito a valori trascurabili (0.035). Tali supporti possono comunque contrastare le forze orizzontali trasversali al tubo stesso. Non danno luogo allattrito di primo distacco. Hanno boccole auto lubrificanti che mantengono praticamente invariati nel tempo i valori dattrito. Sono sufficientemente costosi, pertanto vengono utilizzati solo quando strettamente necessario.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

21

SUPPORTI anti ATTRITO Piastre di scorrimento


Tali supporti sono costituiti da piastre metalliche con interposto del materiale con basso coefficienti di attrito. Hanno tutti semplicit di fabbricazione e installazione e poca o nessuna manutenzione. Il costo di queste piastre relativamente basso. I materiali normalmente utilizzati per ridurre lattrito sono:
PTFE PolyeTraFluoroEthylene, temperatura di utilizzo da -22C a 180C. LUBRITE Piastre con inserti (pasticche) di grafite, temperatura di utilizzo da -22C a 500C, la grafite funziona da autolubrificante. Bronzo- utilizzato anche per alte temperature.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

22

SUPPORTI ISOLATI - Freddi


Per tubazioni in servizio criogenico, fluidi con temperature al di sotto di -29C, si utilizzano normalmente dei supporti con una coibentazione impermeabile allaria per evitare la formazione di ghiaccio sulla parte metallica. I materiali normalmente usati per coibentare la linea dai supporti sono: Legno multistrato ignifucato e trattato Polyurethane ad alta densit preformato

POLYURETHANE MATERIAL WOOD MATERIAL

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

23

SUPPORTI ISOLATI - Caldi


Sono supporti collegati a tubazioni in servizio ad alte temperature, che hanno interposto un isolamento termico per non disperdere il calore. Questi supporti hanno la funzione di non mettere a contatto le strutture principali con la tubazione, e fare in modo che la tubazione possa scorrere senza danneggiare lisolamento stesso. I materiali normalmente usati per coimbentare la linea dai supporti isolati caldi sono: Calcium Silicate Materialte preformato ad alta densit Vetro Cellulare - Materiale preformato ad alta densit

CALCIUM SILICATE MATERIAL CELLULAR GLASS MATERIAL

Sono materiali fragili che richiedono molta cura nella posa in opera.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

24

SUPPORTI - Definizioni
Tutti i supporti ausiliari precedentemente descritti sono raggruppati in quattro categorie:
STANDARD SUPPORTS Sono quei supporti Ausiliari che si prestano ad una estesa standardizzazione in quanto possibile impiegare supporti disponibili in configurazioni prestabilite per un gran numero di situazioni costruttive utilizzando parametri e variabili. Fra questi rientrano scarpette, guide, stops, dummy e mensole. SPECIAL SUPPORTS Sono quei supporti necessari in tutti quei casi per cui le particolari situazioni impiantistiche (spesso geometriche) non consentono di utilizzare i Supporti Standard. In questi casi si ricorrer ad una progettazione specifica, producendo in fase di ingegneria di dettaglio una raccolta di disegni dedicati. ITEMIZED SUPPORTS Sono quei supporti o insieme di supporti che normalmente si trovano in commercio, e sono acquistati con dedicate Material Requisition. Spesso la selezione viene fatta dal progettista mentre la progettazione di dettaglio del supporto rientra nello scopo del fabbricante fornitore. Fra questi rientrano i supporti a molla, tiranti, rigid struts, shock absorber, sliding plate, support packages for criyogenic and high temperature service lines. MAIN SUPPORTS Sono quei supporti caratterizzati come strutture, in genere di rilevanti dimensioni, con fondazioni a terra, e che devono essere definite a livello di planimetria generale dimpianto e sicuramente riportati nel modello 3D. Per questi supporti outlines, dimensioni, posizione e carichi sono definiti dalla Sezione Piping Stress, ma progettati e forniti dalla Sezione Opere Civili.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

25

SUPPORTI - Standard
Nel campo dei supporti, dal punto di vista delle dimensioni, si distingue tra strutture di supporto Main Support e Supporti Ausiliari. Le prime sono caratterizzate come strutture, in genere di rilevanti dimensioni, con fondazioni a terra, e che devono essere definite a livello di planimetria generale dimpianto e sicuramente riportati nel modello 3D. I Supporti Ausiliari sono generalmente gli elementi tramite cui i carichi derivanti da una o pi linee, a cui sono collegati, vengono riportati alle strutture circostanti o direttamente al suolo. I supporti Ausiliari si prestano ad una estesa standardizzazione, in quanto possibile impiegare supporti disponibili in configurazioni prestabilite per un gran numero di situazioni costruttive. Quando per particolari situazioni, spesso geometriche, non possibile impiegare i Supporti Standard, si ricorrer ad una progettazione specifica per il caso incontrato, originando cos un Supporto Speciale. I supporti standard sono evidentemente caratterizzati da generalit di impiego, e semplicit di realizzazione costruttiva, consentendo quindi una buona economia di materiali e di tempi, sia di costruzione che di progettazione. Il supporto Speciale richiede invece un maggior tempo di progettazione, anche perch serve produrre un disegno costruttivo dettagliato.

Si tende quindi a limitare al massimo limpiego di Speciali a fronte dellimpiego degli Standard.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

26

SUPPORTI - Piping Support Collection


Technip Italy ha sviluppato, per tutto il Gruppo Technip, una nuova raccolta di disegni standards per i supporti ausiliari tubazioni.
I criteri organizzativi della raccolta sono stati: Semplicit di costruzione Riduzione dei pesi e dei costi Utilizzo dei parametri Modularit e criteri mnemonici

I supporti sono raccolti in SERIE (modularit) secondo specifici requirements delle tubazioni o per la funzione: COLD INSULATED WELDED CLAMPED HANGERS STRUCTURAL VESSELS DYNAMIC SMALL DIAMETER LARGE DIAMETER HIGH PRESSURE

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

27

SUPPORTI - Speciali
Esempio disegno Supporto Speciale. Ogni supporto speciale avr lindicazione del posizionamento e relativo elenco dei materiali.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

28

PIPE RACK - Design


Lo studio termico dei collettori riguarda principalmente:

Flare System e linee in pendenza che non possono avere sacche. Grandi diametri (14 e sup.) e collettori ad alte temperature (HPS, MPS, LPS, ecc.) Posizionamento degli stops in corrispondenza dei branchper le linee alle macchine. Limitare gli spostamenti nei cambi di direzione, soprattutto in corrispondenza delle diramazione pi rigide. Sar bene indicare, a cura dello stressista, gli spostamenti pi significativi (oltre i 75 mm) nello studio termico, per facilitare il controllo degli interassi piping e la selezione della lunghezza delle scarpette. Verificare gli interassi tra loops, nei cambi direzione, e nei nodi (max spostamento raccomandato per i loops 150mm, max spostamento raccomandato nei nodi 75mm) Posizionare loops e stops possibilmente equidistanti per bilanciare i carichi sulla struttura.

Determinazioni carichi:

Definire Cavalletto di ancoraggio (BL) Indicare come singolarit i carichi dei tutte le tubazioni con diametro 14 e superiori. Definire interfaccia con Elettrici e Strumentisti per percorso cavi e carichi.
65 m 70 m 75 m

STOP STOP STOP STOP

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

29

PIPE RACK - Studio Termico Collettori Esempio di studio termico di un collettore:


Collettore Diam. 14 Sch. Std, T= 340C, PT = 81 kg/m; PF = 89 kg/m, Distanza tra gli stops 70 metri Dilatazione totale = 4.2 (mm/m) x 75 (m) = 294 mm Dilatazione curva loop = 125 mm FT = 13400 N (forza di reazione termica) FA = 20000 N (forza di reazione dattrito)

5000 14 FT- FA 7000 FT- FA

MAT. A106-B TEMP. 340C

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

30

PIPE RACK - Supporti

I supporti per tubazioni (appogi, punti fissi, guide e dummy) sul pipe-rack, dovrebbero essere indicati a cura del Progettista Tubazioni direttamente nel modello 3D, riferendosi allo studio termico collettori fatto dal Progettista Stress, sulla base dei P&ID emessi IDD1. La posizione dei punti fissi, appoggi e guide saranno verificate a cura dello Progettista Stress prima della emissione IFC degli schizzi. I supporti Speciali per i collettori sul piperack sono inusuali e di quantit trascurabili e comunque quando necessari progettati dallo Stressista.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

31

Piping Stress Interface Sezione Opere Civili


Le interfaccie con le opere civili riguardano soprattutto i carichi da tubazione sui Pipe-Rack, sulle strutture e la trasmissione delle posizione dei Main Pipe Supports e dei relativi carichi.

MAIN PIPE SUPPORTS

PIPE-RACK LOADS DIAGRAM

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

32

Esempio Progettazione Supporti


Caso Uscita vapori di testa Colonna
Dati : Materiale linea e mantello colonna C.S. Temperature: fondo colonna 300C ; testa colonna e linea 120C. Coeff. Dilatazione C.S. 0,012 mm/m/C (temp. di montaggio 21C). Si calcolano gli allungamenti unitari per la colonna tenendo presente che la temperatura della colonna varia [((300+120):2-21) x 0,012] = 2,27 mm/m. a) Lo spostamento verticale del bocchello di testa vale: L = 2,27 x 22 = 50 mm. b) Lallungamento della tubazione vale: (120-21) x 0,012 = 1,2 mm/m (dilatazione unitaria). L = 10 x 1,2 = 12 mm. Essendo la temperatura del tubo uguale a quella di testa della colonna abbiamo per il tratto superiore dilatazioni uguali. Per questa ragione abbiamo installato potuto installare nel punto C un supporto rigido, che ha la funzione di sostenere il peso della tubazione verticale. Il punto E, della tubazione, si sposta verso lalto dello spostamento del bocchello A meno il valore della propria dilatazione che avverr in direzione opposta. I punti A e B non subiranno spostamenti verticali luno rispetto allaltro poich il tubo ha una temperatura uniforme, quindi anche il punto B subir come il punto A un innalzamento di 50mm. Il tratto B-E si visto che si allunga di 12mm quindi il punto E si abbasser rispetto A e B di questultimo valore. Rispetto alla struttura per il punto E non si abbasser, ma si innalzer del valore dello spostamento di A meno la dilatazione del tratto B-E, quindi del valore di 50-12 = 38mm. Se si suppone che il punto G fisso, si avr che il punto F si innalzer di un certo valore che si otterr risolvendo un triangolo. Risulta chiaro da queste considerazioni che mentre nel punto C possibile installare un supporto rigido, nel punto F bisogner mettere un supporto elastico che dovr assecondare lo spostamento di quel punto. Osservando la figura, si noter che nel punto D stato usato un supporto di guida, per impedire che il vento, investendo la tubazione, la faccia oscillare provocando sui bocchelli carichi eccessivi.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

33

Esempio Progettazione Supporti


Caso Fondo Colonna con Pompe
Si abbia una linea isolata di acciaio al carbonio, che colleghi un fondo colonna con due pompe, la cui temperatura di 300C. Dalla fig. Si nota che essendo il tratto A-B sufficientemente lungo per assorbire lo spostamento verso il basso del punto A si potuto mettere vicino al punto B un supporto rigido rappresentato da una scarpa poggiante su trave esistente. Nel punto D si usato un supporto di arresto che ha lo scopo di proteggere le pompe dalla dilatazione del tratto C-d che grazie a questo tipo di supporto avverr verso il punto C. Nel posizionare larresto, si controllato che il tratto E-F fosse sufficientemente lungo da assorbire la dilatazione del tratto D-E e che il tratto B-C assorbisce anche esso le dilatazioni dei tratti A-B e C-D. In prossimit del punto E si dovuto appendere la tubazione con un tirante perch la trave esistente passava al di sopra di essa. Vicino al punto F si sono dovuti usare due supporti elastici, poich in quel punto la tubazione si alza e le pompe non sono in grado di assorbire tutto il peso delle valvole e dei tratti di tubo.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

34

Supports Design Vertical Equipment


In linea generale possiamo dire che per ogni linea collegata ad una colonna, che scende lungo la stessa, occorre prevedere innanzitutto un supporto di appoggio, che sar posizionato alla minima distanza dal bocchello (T.L. Per i bocchelli di testa), e una serie di guide lungo la calata, posizionate secondo lo schema a lato e la tabella sotto.

MIN

H VERTICA L SUPPORT

LATERAL GUIDE

DIA. H max (mm) L max (mm)

Up to 2 3000 2000

2 to 3 6000 3000

4 to 8 8000 4000

10 to 24 24 to Up 12000 5000 15000 8000


LATERAL GUIDE

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

35

Supports on Vertical Equipment


La connessione tipica dei supporti sulla colonna si realizza tramite limpiego di:
Piastre di ripartizione saldate in officina dal fornitore, che hanno in genere il compito di irrobustire localmente il mantello della apparecchiatura, su cui si saldano al montaggio i supporti. Fazzoletti per supporti bullonati che sono generalmente usati per apparecchiature in servizio criogenico o quando espressamente richiesti dal Cliente oppure sono scelti per facilitare le operazioni di montaggio. La posizione dei supporti e dei relativi carichi (solo quelli eccedenti 2000 kgm) vengono trasmessi alla sezione PVHE, e quindi al fabbricante per verifica e produzione dei disegni costruttivi di dettaglio. La trasmissione di queste informazione fatta con il documento NM-1350-XX con cui il piping invia anche lorientamento bocchelli e passerelle.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

36

Support on Vertical Equipment

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

37

Piping Supports round Air-Coolers


Per I supporti principali delle linee connesse con gli air-cooler installati sul pipe-rack, almeno delle linee da 4 e superiori, dovranno essere indipendenti alla struttura stessa dello air-fin. E bene che il progettista piping prepari degli studi con gli arrangiamenti previsti e coinvolga il PVHE e la sezione opere civili sulle soluzioni adottate.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

38

Piping Supports round Exchangers Tubazioni connesse a scambiatori orizzontali


Per le linee con connessione bottom, lasse di riferimento del supporto deve corrispondere con lelevazione del fondo dello scambiatore, utilizzando il supporto STD. WR-10 o con supporto speciale, come per il caso mostrato in figura. Per le linee con connessione top dovr essere previsto un main support (singolo montante o un portale) per sostenere la tubazione anche in fase di smontaggio dello scambiatore.

MAIN SUPPORT A TELAIO

SUPPORTO SPECIALE IN ALTERNATIVA ALLO STD WR-10

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

39

Piping Supports round Rotary Machinery Tutti i supporti tubazioni nelle vicinanze delle macchine (pompe, turbine, e compressori) devono essere del tipo regolabile per permettere un corretto allineamento delle flange di connessione con la macchina. STOPS PER LIMITARE
SUPPORTI A TIRANTE O MOLLA SE RICHIESTI DA CALCOLO DI STRESS ANALYSIS SPOSTAMENTI E QUINDI LIMITARE CARICHI SUI BOCCHELLI DELLE POMPE

TUTTI I SUPPORTI NELLE VICINANZA DELLE MACCHINE DEVONO ESSERE REGOLABILI

SUPPORTO RIGIDO REGOLABILE

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

40

Guide Line - Reciprocating Compressor System Design


Technip Italy ha messo a punto una procedura interna per la gestione della fase di acquisto e progettazione dei compressori alternativi che riguarda i componenti principali quali separatori, tubazioni e strutture.
Reciprocating compressor naturally produce pressure and flow rate pulsation in the inlet and discharge process piping due to the cyclic mode of operation. Due to this behavior, the design of following plant component result to be critical: KO Drum (Suction and Discharge) and relevant supports Compressor Dampers Process piping and relevant supports Instrumentation installation Foundation Possible impacts of the final supply study results could be: Heavy implementation of piping structure, pipe rack and main support. Heavy modification of piping supports Large use of additional supports Modification of vessel, separator supports using skirt support Modification of piping size Modification of pulsation dampeners Insertion of concentrated pressure drop (i.e. orifices)

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

41

Guide Line - Reciprocating Compressor System Design


API 618 Design Approach Approach 1 is appropriate for compressor at 110 kW and 35 bar. Pulsation suppression device based on proprietary or empirical analytical techniques, optional simplified analysis of process piping in order to define critical piping length Acoustical simulation not performed Approach 2 is appropriate for compressor a t 373 kW and 69 bar or 10 kW and 207 bar. Acoustical analysis of reciprocating compressor system through analogical or digital calculator. Analysis of pulsation and pressure drop effect on Reciprocating Compressor Performances. Mechanical analysis of piping based on Vendor experience to establish the higher exciting Acoustical simulation not performed Frequency and the max span between supports. Technip generally avoid using this kind of approach. Approach 3 is appropriate for compressor above 373 kW and 69 bar or 110 kW and 207 bar or below 110 kW above 207 bar. Same analysis of approach 2 Mechanical analysis of piping based on the real piping and support configuration Evaluation of natural vibration frequency and of mode shape Analysis of interaction between acoustical and mechanical system response.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

42

Guide Line for Reciprocating Compressor System Design


Acoustical and Mechanical analysis Information by Technip to Vendor Acoustical analysis: Marked up process P&ID showing all the lines involved on the analysis Isometric sketches of all above piping complete of type and position of supports Piping Classes of involved piping Data sheet and constructive drawings of all above listed items Mechanical analysis: Isometric sketches of all above piping complete of type and position of supports (logical indication of all the constraints effects (dynamic and static) induced by supports) Constructive drawings of piping supports Whenever it is not possible to consider the supporting structures as rigid, it is necessary to supply to the Compressor Vendor the structure drawings or equivalent stiffness. External diameter and thickness of piping (mechanical line list and piping classes) Weight of all concentrated masses (valve, etc.) Limit of applicability of analysis Mechanical analysis: At order stage the Machinery section will define together with the Compressor Vendor the extent of the pulsation analysis defining the items that will permit to limit the circuit involved In Api 618 standard are described the general guideline necessary to define the limits of the acoustical and mechanical analysis:
Large volume Large change in pipe size Piping of endless length (from hundreds of meter for heavy weight gas up to 1 km for light gases) Normally closed valves Points of gas condensation

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

43

Piping Design round Reciprocating Compressor


KO Drums Design involves Process, PVHE, Machinery Sections. KO drums shall be supported by full encirclement supports of the same diameter of the vessel. The skirt should be anchored to the foundation and should be kept as short as possible. KO Drums instrumentation shall be carefully fixed and reinforced with gusset. Special care shall be taken when defining level instrument arrangement (PVHE dep.). Long arms shall be avoided.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

44

Piping Design round Reciprocating Compressor Piping Stress Design


A preventive modal analysis of piping systems connected to Alternative Compressor shall be performed by Piping Stress Analysis section in order to minimize the impact of the vendor mechanical analysis results that is normally completed in a late stage of the engineering phase. (see Fig. 2 next slide)

The data required to perform the preliminary modal analysis is the fundamental
frequency of the compressor. Such frequency depends on the operation rpm (by data sheet) and is also the frequency of the exciting residual pressure pulsation.

As a general rule the minimum mechanical natural frequency of a piping system


must be at least 1.5 times the frequency of the exiting pulsation . Nevertheless, based on our experience, the most significant harmonic pulsation is the 2 one. Therefore the preliminary frequency value to be used in modal analysis is: f = 2 x 1.5 rpm / 60 (Hz)

Using this value the Piping Stress sect. performs the preliminary piping and
supports design.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

45

Piping Design round Reciprocating Compressor Piping Layout and Supports Design
To locate KO Drums as closed as possible to compressor (piping dep. and Civil dep.) Keep the piping as close as possible to the ground in order too make support more stable and simpler (sleeper ways see figures next slide). To limit as much as possible the use of curves, joint and reduction (piping dep) To locate process valves used for compressor shut down as nears possible to main header. To limit the use of small diameter drains and vents. To locate piping supports close to elbow, T branch and cross section variations. Overhung weight (drains, vents and in-line instrumentation) shall be supported with gussets connected to the piping itself. It is recommended to avoid fixing these weights to other piping supports or directly to foundations.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

46

Piping Design round Reciprocating Compressor


In order to easily solve matters due to thermal stress, use friction constraints as clamped and Hold Down supports (see fig. 1 below)

FIG. 2 PLOT REPORT OF MODAL ANALYSIS

F FIG. 1 - SUPPORT

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

47

Piping Design round Reciprocating Compressor Typical recommended layout for piping arrangement round the Reciprocating Compressor

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

48

Piping Design round Tanks


Per tenere in conto di eventuali cedimenti e delle rotazioni del bocchello Low Nozzle nei Large Diameter Tanks, il migliore arrangiamento per rendere pi flessibile la linea e diminuire il numero di supporti elastici :

ARRANGIAMENTO CONSIGLIATO PER CEDIMENTI E/O ROTAZIONI

ARRANGIAMENTO SCONSIGLIATO PER CEDIMENTI E/O ROTAZIONI

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

49

Piping Design - Span


La tabella sotto, riferita allo schema in figura, fornisce le dimensioni delle campate L raccomandabili per il progettista piping, da considerare in mancanza di dati e/o prescrizioni del singolo progetto.
L1 + L2 = 0.75 of L Nei cambi di direzione, per valori superiori di L1 e L2, va installata una prolunga dummy sulla curva.

DIAM. 2 3 4 6 8 10 12 14 16 18 20 24

SCH. 40 40 40 40 30 30 30 30 30 STD 20 20

L (mm) 6000 7100 8100 9700 11000 12300 13800 13800 13900 14500 14500 15400
L

L2

L1

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

50

Piping Supports Design


Per poter svolgere correttamente le precedenti attivit necessario che il progettista dei supporti disponga di una serie di informazioni di base, normalmente contenute nei seguenti documenti: Specifiche di progettazione per ogni singolo progetto (JSD TPIT standard armonizzate con le specifiche del cliene annesse al Contratto e con i codici locali). Disponibilit del modello 3D, schizzi assonometrici e piante tubazioni (indispensabili in caso di mancanza del modello 3D). Disegni delle strutture Disegni delle apparecchiature Disegni underground Carichi ammissibili sulle apparecchiature (JSD-0400-02 e standard fornitori) Caratteristiche meccaniche e fisiche delle tubazioni (elenco linee meccanico, elenco rivestimenti e classi tubazioni). Reports dei calcoli di flessibilit per tutte le linee coperte da un calcolo (in genere linee con Flexibility Level 3, PED Eq. Cat 3 e 2). Catalogo dei fornitori selezionati per determinare le caratteristiche (dimensionali e meccaniche) dei supporti itemizzati (molle, etc.) Raccolta dei supporti Standard del progetto e relative Guideline da seguire

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

51

Piping Supports Design Le attivit fondamentali costituenti la progettazione dei supporti possono essere elencate in base ad un criterio di successione logica oltre che temporale. Ciascuna di queste attivit precede nel tempo la successiva e le fornisce i relativi dati di input: Scelta dellubicazione dei supporti. Valutazione degli spostamenti di carattere termico in corrispondenza delle posizioni scelte per i supporti. Valutazione dei carichi agenti sui supporti. Scelta del tipo di supporto. Esame degli effetti secondari ed aggiunta di eventuali vincoli per limitarli od impedirli.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

52

Work process of Supports Design


Per accelerare ed ottimizzare il processo di design dei supporti le attivit di supports design andrebbero divise in due step: 1. Nel primo auspicabile che sia lo stessa progettista piping ad inserire nel modello gi nelle fasi iniziali (P&ID IDD) i supporti ausiliari standard quali scarpette e dummy leg. Questi supporti vivranno quindi tutte le vicissitudini della linea a partire dal Detailed Design (dopo model review al 30%) fino alla emissione per costruzione dellisometrico. 2. Nel momento in cui la linea pronta ad essere emessa per costruzione il progettista stressista provveder a controllare i supporti previsti dal progettista piping compatibilmente con:

Lo stress della linea Gli spostamenti del supporto I materiali I carichi in gioco

Qualora si rendesse necessario sar lo stesso stressista a modificare i supporti ed ad inserire direttamente a modello gli eventuali supporti aggiuntivi e/o speciali. A partire dalla Model Review al 60% (P&ID IFC) il supportista progetter i i supporti per le linee A/E sulla base di isos forniti dal piping. Il piping dovr prestare particolare attenzione a segnalare eventuali modifiche del layout fatte in corso dopera. Sarebbe preferibile permettere al supportista di lavorare su aree quasi complete.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

53

Support Model Selectioni - SMOD


Per facilitare i progettisti, a selezionare i supporti standard, andrebbe ripreso e migliorato i programma SMOD presentato anche nei seminari piping di Technip Group. Per selezionare un supporto particolare, non basta conoscere la funzione assegnata. Ci sono diversi parametri da considerare, come i materiali, diametri, carichi, grandezze, ecc.. Per non doverle memorizzarle tutte quante, stata creata unutilit di chiamata SMOD che aiuta il progettista a selezionare il giusto tipo di supporto. SMOD un catalogo elettronico personalizzabile a progetto che permette di navigare tra i supporti selezionando quelli applicabili.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

54

Material Take Off - MTO


Per lacquisto del materiale, fabbricazione e montaggio dei supporti, necessario avere a disposizione una serie di liste, Material Take Off, prodotte automaticamente da un programma chiamato TOS.

Il programma TOS sviluppato allinterno della TPI sinterfaccia con i sistemi di modellazione 3D attualmente in uso. Il programma TOS prevede tre tipi di liste reports:
1. 2. 3. Material List Elenco dei materiali con le quantit, utilizzato per lapprovvigionamento Support List - Elenco delle quantit di ogni singolo supporto, utilizzato per la fabbricazione Line List Elenco delle linee con ogni supporto relativo, utilizzato per linstallazione e la contabilit di cantiere.

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

55

Support Materials
Nei progetti TPIT il bulk materials per supporti normalmente fornito dal appaltatore meccanico su quantit definite nel MTO-1313-01 prodotto dalla sezione stress. La tipologia di bulk material la seguente:
Shapes Plates (c.s.; alloy and s.s. materials) Flat Bars (c.s.; alloy and s.s. materials) Bolting c.s.; alloy and s.s. materials) Chemical & Expansio Bolts (c.s.; alloy and s.s. materials)

Bulk materials per supporti fornito da Technip


Pipe (quantit ricavate dal MTO-1313-01 ed inserite nelle MR piping per tubazioni)

Nei progetti TPIT i seguenti supporti (Itemized Supports) sono forniti direttamente da Technip con MR dedicate (sez. Stress):
Spring Hangers (variable & constant plus ancillary elemets) Tie-Rods Hangers pluss ancillary elemets Sliding Plates Special device (shock absorber and sway brace)

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

56

ITEMIZED SUPPORT- Stress Analysis MR Il settore piping-stress responsabile dellacquisto dei seguenti supporti Itemizzati materiali con relative MR

Bulk Material for Auxiliary Pipe Supports Cold Insulating Supports Hot Insulating Supports Variable Spring Hangers, Tie-Rods & Rigidi Struts Sliding Plate & Rolls Shock Absorbers Metallic Expansion Joints Non Metallic Expansion Joints Large Diameter Lines

(MR 1381-01) (MR 1382-02) (MR 1382-03) (MR 1383-01) (MR 1384-01) (MR 1386-01) (MR 1391-01) (MR 1392-02) (MR 0382-01)

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

57

Feedback Piping Stress e Supporti


1. Impossibilit di montaggio e/o regolazione supporti su linee soggette a vibrazioni 1. Gli interassi su queste linee in fase di progettazione debbono essere almeno 2 volte quelli standard.

2. Guide con Gaps non sono 2. Limitare luso dei supporti con rispettati al montaggio i laschi gaps, indicare pi chiaramente necessari per garantite i movimenti sugli schizzi il controllo dei gap al tubazione controllati. montaggio. 3. Interferenze delle fondazioni dei supporti a terra, quali supporti per by-pass, aspirazioni pompe, ecc., con altre fondazioni, canalette e underground. 4. Problemi di allineamento delle tubazioni alle macchine 5. Problemi di vibrazioni delle macchine

3. Caricare modelli underground durante la progettazione 4. Supporti regolabili e supporti elastici adeguatamente di dimensionati 5. Layout tipici + supporti regolabili

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

58

Workshop Conclusion

Grazie della partecipazione

Massimo

PIPING WORKSHOP 2009 - SUPPORTS

59