Sei sulla pagina 1di 2

risuscitato, secondo le Scritture, salito al cielo, siede alla destra del Padre.

. E di nuovo verr, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti e il suo regno non avr fine. Credo nello Spirito Santo, che Signore e d la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati. Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verr. Amen. PREGHIERA DEI FEDELI C Affidiamo il nostro passato, presente e avvenire al Padre, che conosce ci! di cui abbiamo bisogno. E presentiamo a lui le speranze, i desideri e i bisogni di tutta l"umanit, certi del suo amore provvidente e fedele verso tutti. Preghiamo insieme e diciamo Dio fedele, ascoltaci. #. $a Chiesa viva ed operi sempre con speranza e coraggio, confidando nella presenza di Cristo e nell"azione dello Spirito santo, preghiamo. %. & pastori della Chiesa siano sempre fedeli dispensatori del mistero di 'io e sappiano trovare il linguaggio per annunciare in ogni tempo la sua smisurata misericordia, preghiamo. (. $e con)uiste della scienza e della tecnica non diminuiscano la fede dell"uomo nel 'io creatore e Padre, preghiamo. *. $a fatica di )uanti sono alla ricerca del Signore possa essere coronata dal
VIII DOMENICA T.O.

dono della fede e i loro cuori si aprano all"amore infinito del 'io di +es, Cristo, preghiamo. -. .uanti partecipano a )uesta celebrazione siano liberi dalle preoccupazioni del futuro e sappiano accoglierlo come dono d"amore del Padre, preghiamo. / Padre, custodisci il tuo popolo nel tuo amore perenne e fedele. Poich0 non possiamo vivere senza di te, non negarci il tuo soccorso e la tua misericordia in tutti i giorni della nostra vita. Per Cristo nostro Signore. A: Amen

PARRO

HIA TI!ISOARA II !ILLENNIU!

"III DO!ENI A TE!PO ORDINARIO

riempie di ogni gioia e pace nella fede per la potenza dello Spirito Santo, sia con tutti voi. A: E con il t)o s*i$ito ATTO PENITEN+IALE : &l Signore ci chiama in )uesta sosta domenicale a sfuggire alla tirannia delle preoccupazioni )uotidiane e a vivere con totale fiducia nel suo amore provvidente. Chiediamo perdono delle nostre colpe, dell"aver voluto conciliare il nostro essere cristiani con l"attaccamento ai beni di )uesta terra, del non aver saputo vivere l"abbandono nelle mani del Padre. ( re!e "au#a di #ilen$i%)

SULLE OFFERTE C / 'io, da te provengono )uesti doni e tu li accetti in segno del nostro servizio sacerdotale fa" che l"offerta che ascrivi a nostro merito ci ottenga il premio della gioia eterna. Per Cristo nostro Signore. A: Amen ANTIFONA ALLA O!UNIONE 1Cercate prima il regno di 'io e la sua giustizia e tutto il resto vi sar dato in aggiunta2. 34t 5,((6 DOPO LA O!UNIONE : Padre misericordioso, il pane eucaristico che ci fa tuoi commensali in )uesto mondo, ci ottenga la perfetta comunione con te nella vita eterna. Per Cristo nostro Signore. A: Amen

Domenica # !a$%o #&'( A OGLIERE &l Signore oggi ci invita a verificare per chi viviamo, perch0 non possiamo servire a due padroni. E mette in risalto l"atteggiamento del cristiano di fronte alle preoccupazioni e agli affanni della vita. Ci ricorda che il 7egno di 'io non consente divisioni di nessun genere, ma esige una vera libert interiore di fronte a tutto ci! che 1del mondo2. 7innoviamo dun)ue la nostra piena fiducia nel Signore, che non sar mai delusa. ANTIFONA DI INGRESSO &l Signore mio sostegno, mi ha liberato e mi ha portato al largo, stato lui la mia salvezza, perch0 mi vuol bene. 3Sal #8,#9:%;6 : <el nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. A: Amen : &l 'io della speranza, che ci

onfesso a 'io onnipotente e a voi, fratelli,che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni,per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa. E supplico la beata sempre vergine 4aria,gli angeli, i santi e voi, fratelli, di pregare per me il Signore 'io nostro. : 'io /nnipotente abbia misericordia di noi perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. A: Amen GLORIA A DIO NELL,ALTO IELI e *ace in te$$a a-li )omini di .)ona /olont0. <oi ti lodiamo, ti .enediciamo, ti adoriamo, ti -lo$ific1iamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Si-no$e Dio, Re del cielo, Dio Pad$e onni*otente. Signore Figlio unigenito, +es, Cristo, Si-no$e Dio, A-nello di Dio, Fi-lio del Pad$e, tu che togli i peccati del
VIII DOMENICA T.O.

VIII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (3-8) Liturgia delle Ore: IV Settimana

mondo, abbi piet di noi= t) c1e to-li i *eccati del mondo, acco-li la nost$a s)**lica2 tu che siedi alla destra del Padre, abbi piet di noi. Pe$c13 t) solo il Santo, tu solo il Signore, t) solo l,Altissimo, Ges4 $isto, con lo S*i$ito Santo: nella gloria di 'io Padre. Amen. OLLETTA : Padre santo, che vedi e provvedi a tutte le creature, sostienici con la forza del tuo Spirito, perch0 in mezzo alle fatiche e alle preoccupazioni di ogni giorno non ci lasciamo dominare dall"avidit e dall"egoismo, ma operiamo con piena fiducia per la libert e la giustizia del tuo regno. Per

SAL!O RESPONSORIALE Salmo 5#35%6 Solo in Dio $i*osa l,anima mia. Solo in 'io riposa l"anima mia da lui la mia salvezza. $ui solo mia roccia e mia salvezza, mia difesa mai potr! vacillare. R Solo in 'io riposa l"anima mia da lui la mia speranza. $ui solo mia roccia e mia salvezza, mia difesa non potr! vacillare. R &n 'io la mia salvezza e la mia gloria= il mio riparo sicuro, il mio rifugio in 'io. Confida in lui, o popolo, in ogni tempo= davanti a lui aprite il vostro cuore. R

cuori= allora ciascuno ricever da 'io la lode. Parola di 'io A: Rendiamo -$a%ie a
Dio

sua gloria, vestiva come uno di loro. /ra, se 'io veste cos> l"erba del campo, che oggi c" e domani si getta nel forno, non far molto di pi, per voi, gente di poca fede? <on preoccupatevi dun)ue dicendo AChe cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?B. 'i tutte )ueste cose vanno in cerca i pagani. &l Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. Cercate invece, anzitutto, il regno di 'io e la sua giustizia, e tutte )ueste cose vi saranno date in aggiunta. <on preoccupatevi dun)ue del domani, perch0 il domani si preoccuper di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena2 Parola del Signore A: Lode a te, o $isto PROFESSIONE DI FEDE Credo in un solo 'io, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore, +es, Cristo, unigenito Figlio di 'io, nato dal Padre prima di tutti i secoli 'io da 'io, $uce da $uce, 'io vero da 'io vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre= per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo, e 6alle *a$ole *e$ o*e$a dello S*i$ito Santo a..assa$e a..assa$e il ca*o7 per opera dello Spirito santo si incarnato nel seno della vergine 4aria e si fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, mor> e fu sepolto. &l terzo giorno
VIII DOMENICA T.O.

ANTO AL "ANGELO 6 f E. (,'#7 Allel)ia, allel)ia. $a parola di 'io viva ed efficace, discerne i sentimenti e i pensieri del cuore. Allel)ia.

"ANGELO

N%n "re%&&u"ate!i del d%mani)

Dal /an-elo secondo !atteo 34t 5,%*:(*6. &n )uel tempo +es, disse ai suoi discepoli 1<essuno pu! servire due padroni, perch0 o odier l"uno e amer l"altro, oppure si affezioner all"uno e disprezzer l"altro. <on potete servire 'io e la ricchezza. Perci! io vi dico non preoccupatevi per la vostra vita, di )uello che mangerete o berrete, n0 per il vostro corpo, di )uello che indosserete= la vita non vale forse pi, del cibo e il corpo pi, del vestito? +uardate gli uccelli del cielo non s0minano e non mietono, n0 raccolgono nei granai= eppure il Padre vostro celeste li nutre. <on valete forse pi, di loro? E chi di voi, per )uanto si preoccupi, pu! allungare anche di poco la propria vita? E per il vestito, perch0 vi preoccupate? /sservate come crescono i gigli del campo non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la

il nostro Signore +es, Cristo, tuo Figlio, che 'io, e vive e regna con te, nell"unit dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.
A: Amen

SE ONDA LETTURA
Il Sign%re mani/e#ter0 le inten$i%ni dei &u%ri)

Dalla *$ima lette$a di san Paolo a*ostolo ai o$5n%i 3- 1%r *,--.6. Fratelli, ognuno ci consideri come servi di Cristo e amministratori dei misteri di 'io. /ra, ci! che si richiede agli amministratori che ognuno risulti fedele. A me per! importa assai poco di venire giudicato da voi o da un tribunale umano= anzi, io non giudico neppure me stesso, perch0, anche se non sono consapevole di alcuna colpa, non per )uesto sono giustificato. &l mio giudice il Signore@ <on vogliate perci! giudicare nulla prima del tempo, fino a )uando il Signore verr. Egli metter in luce i segreti delle tenebre e manifester le intenzioni dei

PRI!A LETTURA
I% n%n ti dimenti&'er( mai)

Dal li.$o del *$ofeta Isaia 3I# *+,-*--.6. Sion ha detto 1&l Signore mi ha abbandonato, il Signore mi ha dimenticato2. Si dimentica forse una donna del suo bambino, cos> da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se costoro si dimenticassero, io invece non ti dimenticher! mai. Parola di 'io A: Rendiamo -$a%ie a Dio

VIII DOMENICA T.O.