Sei sulla pagina 1di 2

Es. 1 Trovo la matrice U eseguendo EG. Trovo la matrice L moltiplicando la matrice identit per gli elementi individuati da EG.

Ad esempio, E32(1 sta per valore 1 in posi!ione 3,2" se l#opera!ione avviene su una riga E3(1$2 devo moltiplicare la riga per 2. %oltiplicando la matrice L per U dovrei ottenere la matrice di parten!a. &ostituisco alla matrice ini!iale ed eseguo EG '$( su )uella matrice. &crivo * composta da v1, v2... (matrice ini!iale c+e corrispondono ai numeri delle colonne dominanti della matrice precedente. ,er trovare la -ase ortogonale applico G&. u1/v1 (u10v1 /... 1,2/(u10v2 $(u10u1 /... u2/v2( 1,21u1/23( 23/23 da cui &/4u1/23"u2/235. ,er trovare la 6(A2 metto a sistema la matrice A2 dopo EG e creo i vettori sostituendo alle varia-ili li-ere (valori nelle colonne non dominanti +, 7,... es. 481/37" 82/(27" 83/+" 89/7 da cui 47:23 (2 ; 13T " +:2; ; 1 ;3T5 ,er veri<icare se il sistema derivato da A +a solu!ioni. se l#ultima colonna = dominante non +a solu!ioni se tutte le colonne sono dominanti tranne l#ultima +o 1 solu!ione se l#ultima e almeno un#altra colonna non sono dominanti il sistema +a in<inite solu!ioni Es. 2 ,er veri<icare se > = una -ase di ?n eseguire EG '$( su > devo veri<icare. dim> / n / ?n ,er trovare * associata ad < eseguire EG su @4e1" e2" e35 e si trovi il rango &crivere. ?@(<(v / *c@(v A ?>(<(v / A?>(v A ?@(v / %@B> ?>(v A ?@(<(v / %@B> ?>(<(v A %@B>A?>(v A %@B>A%(@B> C(1 A * ,er trovare la %(@B> C(1 -asta aggiungere a %@B>/@ l#identit a destra e portarla a sinistra con EG ,er trovare * (matrice associata a < moltiplico %@B>A%(@B> C(1 con * ini!iale/%@B>" A/A delle < e %(@B> C(1/ %@B>0D portando l#identit a sinistra ,er trovare la -ase dell#immagine di < eseguo EG su * e per trovare i vettori di & prendo le colonne c+e corrispondono ai numeri delle colonne dominanti della matrice precedente. ,er trovare la 6(* metto a sistema la matrice A2 dopo EG e creo i vettori sostituendo alle varia-ili li-ere (valori nelle colonne non dominanti +, 7,... es. 481/7" 82/(1$37" 83/7 da cui 47:21 (1$3 13T5 ,er veri<icare se un vettore E/av1'-v2'cv3 aggiungo alla matrice * il vettore 2a - c3T ed eseguo EG e. se l#ultima colonna = dominante non +a solu!ioni se tutte le colonne sono dominanti tranne l#ultima +o 1 solu!ione se l#ultima e almeno un#altra colonna non sono dominanti il sistema +a in<inite solu!ioni Es. 3 ,er veri<icare per )uali > * = diagonali!!a-ile calcolare ,->/det2*>(8D3 de<inito polinomio caratteristico. ,er identi<icare i casi, devo trovare )uei valori di > c+e riconducono alcuni elementi del polinomio ad altri e l#ultimo caso viene prodotto ponendo i > trovati diversi dai valori precedentemente trovati. ,er studiare i casi prendiamo i > trovati e li sostituiamo all#interno del ,-> e de<iniamo la molteplicit alge-rica (m e la molteplicit geometrica (d , se m/1 A d/1 altrimenti per calcolare d = necessario eseguire EG sulla matrice ini!iale dopo aver sostituito > e aver tolto >D, d/?n(r7(trovato . ,er trovare una -ase per un autovalore di ?n scelgo un valore di > e dopo aver de<inito a c+e caso diagonali!!a-ile appartiene, sostituisco nella matrice ini!iale a nel polinomio caratteristico > e per trovare l#autovettore <accio EG sulla matrice ini!iale dopo aver sostituito i vari F e <accio il sistema delle matrici risultanti ottenendo cosG gli autovettori, posso ora scrivere la matrice * composta dagli autovettori.

D1) &ia H lo spa!io vettoriale delle matrici 282 a coe<<icienti complessi. Esiste un sottospa!io vettoriale di H di dimensione IJ ( 6o perc+K un sottospa!io di uno spa!io vettoriale H delle matrici 282 puL avere dimensione massima pari alla dimensione dello spa!io vettoriale. D2) &ia A matrice 383 di rango 2. E# vero c+e ; = un autovalore di AJ ( Una matrice 383 di rango 2 non = inverti-ile ()uindi singolare e perciL det(A /;. det(A(8D /;" con 8/; si +a det(A /; e perciL ; = un autovalore di A. D3) &ia H uno spa!io vettoriale e sia 4v1"v25 un insieme linearmente indipendente. L#insieme 4v1"v2"v35 = linearmente indipendenteJ ( &i perc+K v1" 2v1(v2 sono vettori a loro volta linearmente indipendenti v1 ' (2v1(v2 . D4) &iano A/21,1,(1" ;,2,(1" 1,;,;3 e v/22,1,13T il vettore v = un autovettore di AJ &e si per c+e autovaloreJ( ( Missato Av/Fv. 21,1,(1" ;,2,(1" 1,;,;322,1,13T/22F,1F,1F3T da cui 22,1,23T/22F,1F,1F3T c+e = impossi-ile. D5) Nata <. ?2A?3, 28,O3A28'O, 8(O, O(13 veri<icare se < = applica!ione lineare ( 2;, ;3A2;, ;, 13 veri<ico se vale per un vettore nullo ma <(; P; )uindi non = una applica!ione lineare, &e avessi avuto 2;, ;3A2;, ;, ;3 e )uindi <(; /; dovevo veri<icare c+e M(v1'v2 / <(v1 ' <(v2 e <(v / <(v . D6) &ia H uno spa!io vettoriale di dimensione 3. Esistono v1"v2"v3"v9 di H tali c+e 4v1"v2"v3"v95 = un insieme di generatori di HJ ( &i perc+K un insieme di generatori di H deve avere un numero di vettori Q 3. D7) &ia H uno spa!io vettoriale di dimensione 2. Esistono v1"v2"v3 appartenenti a H tali c+e 4v1"v2"v35 = un insieme linearmente indipendente di HJ ( 6o perc+K una -ase di H avr dimensione 2, ma la dimensione di un insieme linearmente indipendente deve essere R alla dim(H , ma in )uesto caso 3S2. D8) &ia A una matrice 383 con det(A P;. &i dica se ; = un autovalore di A. ( det(A(8D /; con F/; (F autovalore )uindi det(A /; ma a--iamo supposto det(A P; )uindi ; non = autovalore di A. D9) Esistono applica!ioni lineari -iiettive <. (H ?3A(T ?3JdimH/dim6(< 'dimDm(< Adim6(< /dimH( dimDm(< A dim6(< /3(dimDm(< e se. ( dimDm(< /3 allora dim6(< /; perciL esiste una applica!ione lineare iniettiva ( dimDm(< /3/dimT perciL esiste una applica!ione lineare suriettiva detto )uesto +o perciL una applica!ione lineare -iiettiva. D10) Esiste un#applica!ione lineare suriettiva <. (H ?3A(T ?9J ( dimH/dim6(< 'dimDm(< AdimDm(< /dimH(dim6(< R dimH U dimT dato c+e non esistono applica!ioni lineari suriettive c+e vadano da ?3A?9. D11) &ia 4v1"v2"v35 una -ase dello spa!io vettoriale H. Esiste un vettore v9 tale c+e T/4v1"v2"v3"v95 sia linearmente indipendenteJ ( 6o perc+K data una -ase di dimensione 3 associata allo spa!io vettoriale anc+#esso di dim 3non puL succedere c+e dimT S dimH. D12) Esiste una applica!ione lineare iniettiva <. ?9A?2J ( dimH/dim6(< 'dimDm(< Adim6(< /dimH(dimDm(< A9(dimDm(< A9(2/dim6(< P; e non esiste perciL una < iniettiva da ?9 in ?2. D13) Esiste una applica!ione lineare <. (H ?9A(T ?3 di rango 3J ( Hr89 A <987 A T783 )uindi avendo 9 colonne puL avere rango 3. D14) Esiste una matrice A 382 di rango 3J ( 6o perc+K una matrice con 2 colonne non puL avere tre colonne dominanti. D15) &ia 4v1"v25 un insieme linearmente indipendente nello spa!io vettoriale H. L#insieme 4v1"2v1(v2"v25 = linearmente indipendenteJ ( 6o perc+K il vettore 2v1(v2 = com-ina!ione lineare dei vettori v1 e v2. D16) &ia 4v1"v2"v35un insieme di generatori di H. Esiste un vettore v9 tale c+e 4v1"v2"v3"v95 sia linearmente indipendenteJ ( 6o perc+K tale insieme sare--e linearmente indipendente se avesse un numero di vettori R a )uello dell#insieme di generatori di H.