Sei sulla pagina 1di 11

BOZZA 21 DICEMBRE 2011

ISTRUZIONE PROFESSIONALE

SETTORE SERVIZI

Indirizzo Servizi per lagricolt ra e lo !vil ppo r rale"

Lindirizzo Servizi per lagricoltura e lo sviluppo rurale un percorso di studi che fornisce competenze relative allassistenza tecnica a sostegno delle aziende agricole per la valorizzazione dei prodotti, delle caratteristiche ambientali e dello sviluppo dei territori. Lindirizzo strettamente correlato al concetto di agricoltura multifunzionale, in grado di promuovere o incentivare le condizioni per una nuova ruralit. Il secondo biennio dell'indirizzo rivolto all'acquisizione di competenze relative alle diverse attivit del settore agricolo integrato, finalizzate ad una organica interpretazione delle problematiche proprie dei diversi comparti produttivi. ale interpretazione, fondata su analisi e comparazioni economico!gestionali, potr consentire interventi di assistenza rivolti al miglioramento organizzativo e funzionale dei diversi contesti produttivi" si agevoleranno, inoltre, relazioni collaborative fra aziende ed enti territoriali, in modo da individuare interventi strutturali atti a migliorare le efficienze produttive e potenziarne lo sviluppo. Il quinto anno, attraverso le discipline di #$conomia agraria e territoriale# e #%alorizzazione delle attivit produttive#, dedicato a metodi, sistemi e procedure per incrementare la ricerca in ordine a trasformazioni aziendali, razionalizzazioni di interventi sul territorio, controllo e miglioramento di situazioni ambientali, sia di natura strutturale, ecologico! paesaggistica, sia di tipo culturale e sociale. Lo sviluppo di queste competenze trova una sistemazione organica anche attraverso linsegnamento di &ociologia rurale e storia dellagricoltura', che offre ampi orizzonti interpretativi utili al proseguimento di studi superiori (I & e )niversit* e allinserimento nel mondo del lavoro.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011

Attivit# e in!egna$enti dellindirizzo Servizi per lagricolt ra e lo !vil ppo r rale

+isciplina, BIOLOGIA APPLICATA


Il docente di -iologia applicata' concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale, sviluppare ed esprimere le proprie qualit di relazione,

comunicazione, ascolto, cooperazione e senso di responsabilit nell'esercizio del proprio ruolo; svolgere la propria Secondo biennio
I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attivit didattiche della disciplina nel secondo biennio. La disciplina, nellambito della programmazione del .onsiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi allindirizzo, espressi in termini di competenza,

assistere le entit produttive e trasformative proponendo i risultati delle tecnologie innovative e le modalit della loro
adozione

organizzare metodologie per il controllo di !ualit nei diversi processi" prevedendo modalit per la gestione della
trasparenza" della rintracciabilit e della tracciabilit

operare nel riscontro della !ualit ambientale prevedendo interventi di miglioramento e di difesa nelle situazioni di
risc#io.

utilizzare i concetti e i modelli delle scienze sperimentali per investigare fenomeni sociali e naturali e per interpretare
dati correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze" delle tecnologie e delle tecnic#e negli specifici campi professionali di riferimento

Larticolazione dellinsegnamento di -iologia applicata' in conoscenze e abilit, di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nellambito della programmazione collegiale del .onsiglio di classe.

Secondo biennio Conoscenze


/spetti sistematici e morfo!biologici dei principali parassiti delle colture. .ontrollo biologico delle entit parassitarie. 0eccanismi di attacco dei patogeni. .riteri di prevenzione e terapie delle infezioni virali. Lieviti e batteri nei processi trasformativi del settore agro! alimentare. .riteri di prevenzione e protezione relativi allacquisto, conservazione, uso e smaltimento dei fitofarmaci.

Abilit
1iconoscere i principali gruppi sistematici animali. Identificare, anche con laiuto di strumenti ottici, i principali parassiti vegetali. Individuare anomalie provocate da funghi, batteri o virus. +ifferenziare le manifestazioni patologiche riferendole ai gruppi pi2 significativi dal punto di vista della dannosit. +efinire sistemi di difesa biologica. 1ilevare e valorizzare lazione delle entit biologiche nei processi trasformativi. Individuare procedure operative preventive e +3I specifici per le singole attivit.

attivit operando in quipe e integrando le proprie competenze con le altre figure professionali, al fine di erogare un servizio di qualit; applicare le normative che disciplinano i processi dei servizi, con riferimento alla riservatezza, alla sicurezza e salute sui luoghi di vita e di lavoro, alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente e del territorio; intervenire, per la parte di propria competenza e con lutilizzo di strumenti tecnologici, nelle diverse fasi e livelli del processo per la produzione della documentazione richiesta e per lesercizio del controllo di qualit.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011

+isciplina, C$I%ICA APPLICATA & P'OC&SSI (I T'AS)O'%A*IO+&


Il docente di .himica applicata e 3rocessi di trasformazione' concorre a far conseguire allo studente al termine del percorso quinquennale i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale, sviluppare ed

esprimere le proprie qualit di relazione, comunicazione, ascolto, cooperazione e senso di responsabilit nell'esercizio del proprio ruolo; svolgere la propria attivit operando in quipe e integrando le proprie competenze con le altre figure professionali, al fine di erogare un servizio di qualit; applicare le normative che disciplinano i processi dei servizi, con riferimento alla riservatezza, alla sicurezza e salute sui luoghi di vita e di lavoro, alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente e del territorio; intervenire, per la parte di propria competenza e con lutilizzo di strumenti tecnologici, nelle diverse fasi e livelli del processo per la produzione della documentazione richiesta e per lesercizio del controllo di qualit. Secondo biennio
I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attivit didattiche della disciplina nel secondo biennio. La disciplina, nellambito della programmazione del .onsiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi allindirizzo, espressi in termini di competenza,,

assistere le entit produttive e trasformative proponendo i risultati delle tecnologie innovative e le modalit della loro
adozione

organizzare metodologie per il controllo di !ualit nei diversi processi" prevedendo modalit per la gestione della
trasparenza" della rintracciabilit e della tracciabilit

operare nel riscontro della !ualit ambientale prevedendo interventi di miglioramento e di difesa nelle situazioni di
risc#io%

utilizzare i concetti e i modelli delle scienze sperimentali per investigare fenomeni sociali e naturali e per interpretare
dati

analizzare il valore" i limiti e i risc#i delle varie soluzioni tecnic#e per la vita sociale e culturale con particolare
attenzione alla sicurezza nei luog#i di vita e di lavoro" alla tutela della persona" dell,ambiente e del territorio Larticolazione dellinsegnamento di .himica applicata' in conoscenze e abilit, di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nellambito della programmazione collegiale del .onsiglio di classe.

Secondo biennio Conoscenze


3rocessi chimici e biochimici della fisiologia vegetale. 3roteine delle piante. 4rmoni, regolatori di crescita, difensine vegetali. .aratteri chimici dei prodotti agricoli da trasformare. $nzimi e loro modalit di azione. 5asi, cicli e tecnologie utilizzate nei processi di trasformazione dei prodotti agroalimentari. .aratteri chimici" biochimici ed organolettici dei prodotti trasformati. 3rocedure per la valutazione della qualit e norme relative alla certificazione. .riteri di prevenzione e protezione relativi alla gestione delle fasi dei processi di trasformazione e degli impianti specifici

Abilit
Identificare i fattori che condizionano i processi biochimici nei vegetali e le loro relazioni con le realt ambientali. 1ilevare le caratteristiche qualitative delle diverse materie prime e le condizioni per la loro trasformazione. Identificare le tipologie dei processi di trasformazione e delle diverse fasi che li costituiscono. Identificare le caratteristiche connotative della qualit delle produzioni agroalimentari. +efinire piani di lavorazione del ciclo produttivo identificando comportamenti corretti nella esecuzione delle operazioni. Individuare procedure operative preventive e +3I specifici per le singole attivit.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011

+isciplina, T&C+IC$& (I ALL&-A%&+TO -&G&TAL& & A+I%AL& Il docente di ecniche di allevamento vegetale e animale' concorre a far conseguire allo studente al termine del percorso quinquennale i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale, sviluppare ed

esprimere le proprie qualit di relazione, comunicazione, ascolto, cooperazione e senso di responsabilit nell'esercizio del proprio ruolo; svolgere la propria attivit operando in quipe e integrando le proprie competenze con le altre figure professionali, al fine di erogare un servizio di qualit; applicare le normative che disciplinano i processi dei servizi, con riferimento alla riservatezza, alla sicurezza e salute sui luoghi di vita e di lavoro, alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente e del territorio; intervenire, per la parte di propria competenza e con lutilizzo di strumenti tecnologici, nelle diverse fasi e livelli del processo per la produzione della documentazione richiesta e per lesercizio del controllo di qualit. Secondo biennio
I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attivit didattiche della disciplina nel secondo biennio. La disciplina, nellambito della programmazione del .onsiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi allindirizzo, espressi in termini di competenza,

assistere le entit produttive e trasformative proponendo i risultati delle tecnologie innovative e le modalit della
loro adozione

interpretare gli aspetti della multifunzionalit individuati dalle politic#e comunitarie ed articolare le provvidenze
previste per i processi adattativi e migliorativi organizzare metodologie per il controllo di !ualit nei diversi processi" prevedendo modalit per la gestione della trasparenza" della rintracciabilit e della tracciabilit prevedere realizzazioni di strutture di verde urbano" di miglioramento delle condizioni delle aree protette" di parc#i e giardini correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze" delle tecnologie e delle tecnic#e negli specifici campi professionali di riferimento. Larticolazione dellinsegnamento di ecniche di allevamento vegetale e animale' in conoscenze e abilit, di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nellambito della programmazione collegiale del .onsiglio di classe.

Secondo biennio Conoscenze


ecniche colturali per le essenze erbacee. Impianto e tecniche colturali delle essenze arbustive ed arboree. 3rocessi produttivi sostenibili" produzioni biologiche. ipologie di difesa delle colture e dei prodotti antiparassitari. .riteri di difesa delle colture. &istemi delle produzioni animali. .aratteri generali di specie e razze zootecniche. /spetti anatomici e zoognostici di specie e razze. 6enetica animale, metodi di riproduzione, libri genealogici e loro utilizzazione. 3rincipi di alimentazione . .aratteri specifici per la produzione di latte" tecniche di allevamento. .aratteri specifici per la produzione di carne" tecniche di allevamento. .riteri di prevenzione e protezione relativi alla gestione del bestiame e alla prevenzione delle zoonosi. .riteri di prevenzione e protezione relativi alle operazioni di impianto delle colture, e all' acquisto, conservazione, uso e

Abilit
4rganizzare tipologie produttive compatibili sotto il profilo dellefficienza tecnico!economica e della sostenibilit. +efinire sistemi di produzione atti a valorizzare la qualit dei prodotti. Individuare modalit per la realizzazione di piani di difesa rispettosi degli equilibri ambientali. +efinire sistemi e modalit di allevamento correlati alle situazioni ambientali e al livello delle tecniche realizzabili Individuare modalit specifiche per realizzare produzioni di qualit. Individuare procedure operative preventive e +3I specifici per le singole attivit.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011


smaltimento dei fitofarmaci.

+isciplina, AG'O+O%IA T&''ITO'IAL& &( &COSIST&%I )O'&STALI


Il docente di /gronomia territoriale ed ecosistemi forestali ' concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale, sviluppare ed

esprimere le proprie qualit di relazione, comunicazione, ascolto, cooperazione e senso di responsabilit nell'esercizio del proprio ruolo; svolgere la propria attivit operando in quipe e integrando le proprie competenze con le altre figure professionali, al fine di erogare un servizio di qualit; applicare le normative che disciplinano i processi dei servizi, con riferimento alla riservatezza, alla sicurezza e salute sui luoghi di vita e di lavoro, alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente e del territorio; intervenire, per la parte di propria competenza e con lutilizzo di strumenti tecnologici, nelle diverse fasi e livelli del processo per la produzione della documentazione richiesta e per lesercizio del controllo di qualit. Secondo biennio e !uinto anno
I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attivit didattiche della disciplina nel secondo biennio e quinto anno. La disciplina, nellambito della programmazione del .onsiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi allindirizzo, espressi in termini di competenza,

definire le caratteristic#e territoriali" ambientali ed agroproduttive di una zona attraverso l,utilizzazione di carte tematic#e collaborare nella realizzazione di carte d,uso del territorio interpretare gli aspetti della multifunzionalit individuati dalle politic#e comunitarie ed articolare le provvidenze previste per i processi adattativi e migliorativi operare nel riscontro della !ualit ambientale prevedendo interventi di miglioramento e di difesa nelle situazioni di risc#io operare favorendo attivit integrative delle aziende agrarie mediante realizzazioni di agriturismi" ecoturismi" turismo culturale e fol.loristico prevedere realizzazioni di strutture di verde urbano" di miglioramento delle condizioni delle aree protette" di parc#i e giardini utilizzare i principali concetti relativi all/economia e all/organizzazione dei processi produttivi e dei servizi .

Larticolazione dellinsegnamento di /gronomia territoriale ed ecosistemi forestali ' in conoscenze e abilit, di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nellambito della programmazione collegiale del .onsiglio di classe.

Secondo biennio Conoscenze


&ignificato e compiti dellagronomia. ecniche sistematorie e lavorazioni. /vvicendamenti e rotazioni" ruolo della sostanza organica. &istemi e tecniche di irrigazione. 3rincipi e tecniche di diserbo. &istemi agricoli e sistemi colturali. 3rincipi e tecniche di agricoltura sostenibile. &istemi di classificazioni territoriali. &pecie e cultivar di interesse agrario. 0etodi di produzione e moltiplicazione.

Abilit
/nalizzare le realt agronomiche e le loro potenzialit produttive. Individuare limportanza delle singole tecniche nella realizzazione degli esercizi produttivi. Individuare le condizioni per la realizzazione di processi ecocompatibili. Individuare le caratteristiche tecniche ed ambientali in funzione dei sistemi di classificazione territoriale. /nalizzare le caratteristiche dei singoli metodi di propagazione e la loro validit nei confronti delle specie coltivati.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011


0iglioramento genetico dei vegetal. -iotecnologie nel miglioramento dei vegetali.

0uinto anno Conoscenze


$cologia e selvicoltura. 3rincipi di assetto del territorio. ecniche di agricoltura montana. ecniche di arboricoltura da legno. Interventi di recupero di aree degradate. Interventi nel verde pubblico e privato. 5attori ambientali agenti sulle associazioni vegetali. 3roduttivit delle diverse associazioni vegetali. 1uolo dei boschi nella regimazione idrica. .riteri di prevenzione e protezione relativi alla gestione delle operazioni colturali manuali e meccaniche.

Abilit
/nalizzare le relazioni ambiente!soprassuolo boschivi e forestali. Identificare le condizioni di stabilit. +efinire i fattori che regolano gli equilibri idrogeologici. 3rogettare e realizzare interventi di recupero in aree +egradate. 3rogettare e realizzare interventi di recupero di verde pubblico e privato. 4perare nel rispetto delle norme relative alla sicurezza ambientale e della tutela della salute. Individuare procedure operative preventive e +3I specifici per le singole attivit.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011

+I&.I3LI7/, &CO+O%IA AG'A'IA & (&LLO S-IL1PPO T&''ITO'IAL& Il docente di $conomia agraria e dello sviluppo territoriale' concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale, sviluppare ed

esprimere le proprie qualit di relazione, comunicazione, ascolto, cooperazione e senso di responsabilit nell'esercizio del proprio ruolo; svolgere la propria attivit operando in quipe e integrando le proprie competenze con le altre figure professionali, al fine di erogare un servizio di qualit; applicare le normative che disciplinano i processi dei servizi, con riferimento alla riservatezza, alla sicurezza e salute sui luoghi di vita e di lavoro, alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente e del territorio; intervenire, per la parte di propria competenza e con lutilizzo di strumenti tecnologici, nelle diverse fasi e livelli del processo per la produzione della documentazione richiesta e per lesercizio del controllo di qualit. Secondo biennio e !uinto anno
I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attivit didattiche della disciplina nel secondo biennio e quinto anno. La disciplina, nellambito della programmazione del .onsiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi allindirizzo, espressi in termini di competenza,

assistere le entit produttive e trasformative proponendo i risultati delle tecnologie innovative e le modalit della
loro adozione

interpretare gli aspetti della multifunzionalit individuati dalle politic#e comunitarie ed articolare le provvidenze
previste per i processi adattativi e migliorativi

organizzare metodologie per il controllo di !ualit nei diversi processi" prevedendo modalit per la gestione della
trasparenza" della rintracciabilit e della tracciabilit

prevedere ed organizzare attivit di valorizzazione delle produzioni mediante le diverse forme di mar.eting operare favorendo attivit integrative delle aziende agrarie mediante realizzazioni di agriturismi" ecoturismi"
turismo culturale e fol.loristico

collaborare con gli enti locali c#e operano nel settore" con gli uffici del territorio" con le organizzazioni dei
produttori" per attivare progetti di sviluppo rurale" di miglioramenti fondiari ed agrari e di protezione idrogeologica

utilizzare i principali concetti relativi all/economia e all/organizzazione dei processi produttivi e dei servizi Larticolazione dellinsegnamento di $conomia agraria e dello sviluppo territoriale' in conoscenze e abilit, di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nellambito della programmazione collegiale del .onsiglio di classe.
Secondo biennio Conoscenze
$voluzione storica delle dottrine economiche, principi e concetti di economia generale. .oncetto di bene economico. Leggi della domanda e dell offerta e relativi equilibri. 5attori della produzione 3roduttivit e sue differenziazioni" rendimenti. .ompenso ai fattori produttivi. eoria dellimpresa" aspetti giuridici dell impresa agraria" tipi di conduzione e caratteristiche dell imprenditore agricolo. 5igure giuridiche nelle attivit agricole, contratti agrari, attivit connesse allagricoltura previste dal codice. 5unzione creditizia, titoli di credito, mercati finanziari"

Abilit
Interpretare il significato dei fattori della produzione e le caratteristiche della loro dinamica nei processi produttivi. +ifferenziare i diversi aspetti della produttivit. Individuare ed organizzare sistemi di contabilit secondo criteri attuali. +erivare il risultato contabile delle attivit produttive interpretandolo alla luce delle variazioni dei capitali. +erivare il risultato economico delle attivit produttive 1edige la documentazione richiesta

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011


/spetti del credito e strumenti creditizi. 6estione del bilancio economico 3rincipi e strumenti della contabilit agraria. 3atrimonio dellazienda agraria, suoi componenti, variazioni e trasformazioni 3rocedure di attivazione della contabilit agraria e documenti contabili. ipologia di documenti di accompagnamento della merce. 6estione del bilancio contabile. &istema tributario e tipologie di imposte" sistema relativo delle imprese agricole.

0uinto anno Conoscenze


$lementi di matematica finanziaria e di statistica. 3rincipi di economia delle produzioni e delle trasformazioni. -ilanci aziendali, conti colturali e indici di efficienza. 6estione dei bilanci di trasformazione. 0iglioramenti fondiari e agrari, giudizi di convenienza. &tima delle colture arboree. &tima dei danni e delle anticipazioni colturali. 6estione del territorio" condizionalit, esternalit ed internalit" surplus del consumatore e diritti di inquinamento, piani territoriali".bonifica e riordino fondiario. /nalisi costi! benefici. %alutazione di impatto ambientale. 5unzioni dell )fficio del territorio, documenti e servizi catastali, catasti settoriali.

Abilit
)tilizzare strumenti analitici per elaborare bilanci di previsione, riscontrare bilanci parziali e finali, emettendo giudizi di convenienza. 3revedere interventi organici per migliorare gli assetti produttivi e la qualit dellambiente. +efinire criteri per la determinazione dellefficienza aziendale. 3revedere ed organizzare la gestione dei rapporti impresa! entit amministrative territoriali. Interpretare i sistemi conoscitivi delle caratteristiche territoriali. .ollaborare nella formulazione di progetti di sviluppo compatibile con gli equilibri ambientali.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011

+I&.I3LI7/, -ALO'I**A*IO+& (&LL& ATTI-IT2 P'O(1TTI-& & L&GISLA*IO+& (I S&TTO'& La disciplina di %alorizzazione delle attivit produttive e legislazione di settore' concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, risultati di apprendimento che lo mettono in grado di, sviluppare ed esprimere le proprie

qualit di relazione, comunicazione, ascolto, cooperazione e senso di responsabilit nell'esercizio del proprio ruolo; svolgere la propria attivit operando in quipe e integrando le proprie competenze con le altre figure professionali, al fine di erogare un servizio di qualit; applicare le normative che disciplinano i processi dei servizi, con riferimento alla riservatezza, alla sicurezza e salute sui luoghi di vita e di lavoro, alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente e del territorio; intervenire, per la parte di propria competenza e con lutilizzo di strumenti tecnologici, nelle diverse fasi e livelli del processo per la produzione della documentazione richiesta e per lesercizio del controllo di qualit. Secondo biennio e !uinto anno
La disciplina concorre al concorre al conseguimento dei seguenti risultati di apprendimento espressi in termini di competenza ,

definire le caratteristic#e territoriali" ambientali ed agroproduttive di una zona attraverso l,utilizzazione di carte
tematic#e

collaborare nella realizzazione di carte d,uso del territorio interpretare gli aspetti della multifunzionalit individuati dalle politic#e comunitarie ed articolare le provvidenze
previste per i processi adattativi e migliorativi

organizzare metodologie per il controllo di !ualit nei diversi processi" prevedendo modalit per la gestione della
trasparenza" della rintracciabilit e della tracciabilit

prevedere ed organizzare attivit di valorizzazione delle produzioni mediante le diverse forme di mar.eting operare nel riscontro della !ualit ambientale prevedendo interventi di miglioramento e di difesa nelle situazioni di
risc#io

operare favorendo attivit integrative delle aziende agrarie mediante realizzazioni di agriturismi" ecoturismi"
turismo culturale e fol.loristico

collaborare con gli enti locali c#e operano nel settore" con gli uffici del territorio" con le organizzazioni dei
produttori" per attivare progetti di sviluppo rurale" di miglioramenti fondiari ed agrari e di protezione idrogeologica Larticolazione dellinsegnamento di -iologia applicata' in conoscenze e abilit, di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nellambito della programmazione collegiale del .onsiglio di classe.

Secondo biennio
Conoscenze .oncetto di paesaggio e lettura del territorio. ipi di unit paesaggistiche. /nalisi naturalistiche ed antropiche. /nalisi visive e percettivo culturali del paesaggio. $cologia del paesaggio. 3rincipi di pianificazione paesistica. &istemi ambientali e relativa pianificazione. 1eti ecologiche, sistemi agricoli e agro forestazione. $co! management e mar8eting ambientale. Abilit +efinire modalit specifiche per un approccio naturalistico !ecologico allinterpretazione del paesaggio Identificare procedure concrete per rilevare le unit di paesaggio Identificare modalit concrete per la definizione reti ecologiche e per la loro realizzazione Identificare ed attivare indicatori specifici per il rilevamento delle variazioni dei diversi aspetti dellambiente +efinire modalit per la descrizione degli assetti ambientali e la individuazione di indici di criticit Indicare i procedimenti idonei alla valorizzazione dei prodotti di gamma

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

BOZZA 21 DICEMBRE 2011


&chematizzare percorsi di trasparenza e tracciabilit riscontrando la normativa vigente

0uinto anno
Conoscenze 7ormativa ambientale e gestione di rifiuti, liquami e reflui. 7ormativa nazionale e regionale sulle produzioni biologiche. +isposizioni nazionali e regionali sulle zone montane. 7ormativa e dottrina della tutela del paesaggio. 7ormativa di tutela delle acque, dei suoli e dei prodotti alimentari. 1egime di responsabilit negli interventi sullambiente. &truttura dellordinamento amministrativo italiano. $nti con competenze amministrative territoriali. 5igure giuridiche nelle attivit agricole" associazioni dei produttori, integrazioni orizzontali e verticali, filiere e distretti produttivi. 3olitiche agricole comunitarie,organizzazione del mercato (4.0* 7orme commerciali e condizionamenti mercantili. .lassificazione mercantile dei prodotti agricoli. 4rganizzazioni di settore per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti. .riteri e metodi per produzioni di qualit, obiettivi e tipologie della qualit dei prodotti agroalimentari. .aratteristiche dei mercati dei prodotti agricoli. 7ormative nazionali e comunitarie a tutela dei prodotti a denominazione di origine. 0ar8eting ,mar8eting mi9 e benchmar8ing. Abilit Identificare le singole norme riguardanti i singoli aspetti della multifunzionalit. +efinire schemi progettuali e piani di sviluppo in collaborazione con $nti territoriali nella valorizzazione degli ambienti rurali. 4rganizzare associazioni di categoria per definire iniziative di sviluppo. Individuare modalit di diffusione delle normative a favore delle produzioni e del commercio. 1ilevare la normativa ambientale e di settore. Indicare i procedimenti idonei alla valorizzazione dei prodotti di gamma. &chematizzare percorsi di trasparenza e tracciabilit riscontrando la normativa vigente. Interpretare i meccanismi regolanti i mercati dei diversi prodotti. Identificare tipi di mar8eting pi2 significativi per le diverse tipologie di produzione. Identificare i fattori negativi e positivi di impatto ambientale delle singole opere.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

10

BOZZA 21 DICEMBRE 2011


+I&.I3LI7/, SOCIOLOGIA '1'AL& & STO'IA (&LL,AG'ICOLT1'A Il docente di &ociologia rurale e storia dellagricoltura' concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati di apprendimento relativi al profilo educativo, culturale e professionale, sviluppare ed esprimere le proprie qualit di relazione, comunicazione, ascolto, cooperazione e senso di responsabilit nell'esercizio del proprio ruolo; svolgere la propria attivit operando in quipe e integrando le proprie competenze con le altre figure professionali, al fine di erogare un servizio di qualit; applicare le normative che disciplinano i processi dei servizi, con riferimento alla riservatezza, alla sicurezza e salute sui luoghi di vita e di lavoro, alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente e del territorio; intervenire, per la parte di propria competenza e con lutilizzo di strumenti tecnologici , nelle diverse fasi e livelli del processo

per la produzione della documentazione richiesta e per lesercizio del controllo di qualit. 0uinto anno
I risultati di apprendimento sopra riportati in esito al percorso quinquennale costituiscono il riferimento delle attivit didattiche della disciplina nel quinto anno. La disciplina, nellambito della programmazione del .onsiglio di classe, concorre in particolare al raggiungimento dei seguenti risultati di apprendimento, relativi allindirizzo, espressi in termini di competenza,

interpretare gli aspetti della multifunzionalit individuati dalle politic#e comunitarie ed articolare le provvidenze
previste per i processi adattativi e migliorativi

prevedere ed organizzare attivit di valorizzazione delle produzioni mediante le diverse forme di mar.eting operare favorendo attivit integrative delle aziende agrarie mediante realizzazioni di agriturismi" ecoturismi"
turismo culturale e fol.loristico

collaborare con gli enti locali c#e operano nel settore" con gli uffici del territorio" con le organizzazioni dei
produttori" per attivare progetti di sviluppo rurale" di miglioramenti fondiari ed agrari e di protezione idrogeologica

correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze" delle tecnologie e delle tecnic#e negli specifici
campi professionali di riferimento

assistere le entit produttive e trasformative proponendo i risultati delle tecnologie innovative e le modalit della
loro adozione Larticolazione dellinsegnamento di &ociologia rurale e storia dellagricoltura' in conoscenze e abilit, di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nellambito della programmazione collegiale del .onsiglio di classe.

0uinto anno

Conoscenze
.oncetti di ruralit e spazio rurale. .aratteristiche della societ contadina e della societ rurale. 5enomeni di esodo e spopolamento. /spetti sociologici dellambiente e del territorio. Indicatori statistici e censimenti agricoli. 3olitiche di sviluppo rurale nella comunit europea. &viluppo economico e sviluppo sostenibile, analisi del territorio e delle attivit economiche. rasformazione delle aree rurali e storia dellagricoltura. $voluzione degli assetti economico ! giuridici delle imprese agricole e problematiche del lavoro in agricoltura. $voluzione dellassistenza tecnica in agricoltura.

Abilit
1ilevare le caratteristiche sociologiche degli ambienti rurali e delle situazioni territoriali. Individuare le tendenze di sviluppo e le possibili azioni di stimolo e di sostegno. $saminare ed interpretare le passate situazioni delle produzioni agricole territoriali, i motivi delle loro variazioni, la genesi delle realt attuali. Individuare le tappe significative dei processi produttivi . Individuare modalit di interventi territoriali atti a valorizzare le risorse esistenti. Interpretare i sistemi conoscitivi delle caratteristiche territoriali. .ollaborare nella formulazione di progetti di sviluppo compatibile con gli equilibri ambientali. /ssistere le entit produttive nella soluzione delle problematiche aziendali.

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi In irizzo: Servizi !er "#$%ri&o"t'r$ e "o (vi"'!!o r'r$"e

11