Sei sulla pagina 1di 6

*'

Sulpl Campania (Sulpl Napoli)


,a
e

COMUNE DI NAPOLI

SERVIZIO AUTONOMO PERSONALE

Ares Prerogative

Relazioni Sindacali

Prot.n.

t 6)Lr7o
Alla

Napoli,3ll03/2014

C. G. I. L. FP

Al

Alla C.I.S.L. FP Alla U.I.L. FPL


c. s. A.
DiCCAP
R.S.U

A1 Alla p.c.

All'Assessore al Personale

Al Direttore Generale

Al Coordinatore del Servizio Autonomo


Personale

LORO SEDI

OGGETTO: INFORMATwA : Regolamento per la disciplina delllstituto delle .. Specifiche Responsabilit .. ai sensi dellart.lT, comma 2, lett. f ) del CCNL lgggtzhll.

In data 28 marzo 2014 stata acquisita la nota prot. 188350 del 6/03/2014 a firma del
coordinatore del Servizio Autonomo Psrsonale con allegato il Regolamento

in

oggetto citato.

Ai fini della dowta informativa

se ne trasmette coDia.

cor||jtt

Dt

taiou

SgfvElo Autonomo PgBonalo


C@rdirrnoto

Pct?irltllu !t:2_d.t 9!t e! rnu


All'Area Prerogative e Relazioni Sindacali
e

p.-

Assessore al Personale

Direttore Generale

OGGETO: Regolamento dlsciplina "speclfiche responsabilita".

Si invia in allegato

il regolamento che disciplina l'istituto deile tpecifiche


in
CCDI

responsabilita" di cui all'art. 17, comma 2, lett. f) del CCNL 1998/2O0t, affinch esecuzione

di quanto disposto dall'ultimo

sottoscritto

il

01/08/2013

venga

sottoposto alle previste forme di confronto con le OO.SS.

Piazza Munlcipio - Palazzo Son ciacomo . 801j3 Nopol . Itala


-

vryv.conunenapolllt

tcl (+39) 08] ZqSSIS .G (+39) 0gl

TqSSI Sg

Sulpl Campania (Sulpl Napoli)

cof{t E Dr Aaou

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ISTITUTO DELLE'SPECIFICHE RESPONSABILITA''


(Art. 17, comma 2, lett.fl del CCNL dei dipendenti degli Enti Locali del I aprile 1999)

Sulpl Campania (Sulpl Napoli)

Art. I
Finalit ed Obiettivi

Il

presente regolamento ispirato oltre che ai dispositivi normativi e contrattuali vigenti anche all'impulso delineato annualmente dal Sindaco con la Direttiva generale per I'attivit

Amministrativa e la gestione contabile che, nel sancire i principi per la funzionalit dell'Ente, punta anche sugii aspetti organizzativi e di valonzzazione delle risorse umane, focalizzando I'attenzione sul personale a cui attribuibile un elevato livello di responsabilit, nell'ottica della progressiva e

piena ottimizzazione della qualit dei prodotti

rilevanza sia intema che esterna performance individuali e collettive del all'Amministrazione, della misurazione e valutazione delle personale che, nell'ambito della corretta e disciplinata applicazione di istituti contrattuali economicamente premianti, sperimenta la piena attuazione della correlazione tra qualit della prestazione e corrispettivo economico. Art.2
Caratteristiche delle prestazioni
Le prestazioni collegate all'incarico di elevata responsabilita sono carattenzzate: dall'assunzione di responsabilit nell'elaborazione di atti amministrativi complessi, a rilevanza intema ed estema di cui titolare del conferimento del carico assume la sottoscrizione unitamente al responsabile della struttura di riferimento; dall'autonomia nello svolgimento delle attivit anche in forma coordinata con il titolare di posizione organrzzativ4 per confezionamento dei prowedimenti, atti e prodotti monocratici e col legialil dall'analisi e confezionamento di atti complessi a cui sono correlati gli obiettivi strategici e gestionali fssati dall'Amministrazione ed in capo ai responsabili delle strutture e sottoposti al competente Organo di Valutazione; dalla flessibilit ed interconnessione sia all'intemo che all'estemo del Servizio di appafenenza; da aspetti propulsivi e propositivi mirati al potenziamento dell'efficacia, efficienza ed economicit delle attivit della struttura otganizzativa di appartenenza e dei compiti ad essa assegnati; competenza e capacit di valoizzazione e coinvolgimento delle risorse umane inteme al gruppo; competenza e capacit nelle attivit di programmazione, verifica e monitoraggio del lavoro, sia individuale che di gruppo, da sottoporre periodicamente al responsabile della struttura;

di

il

il

Art. 3 Istituti contrattuali - desfinatari - fasce retributive


L'istituto conattuale oggetto del presente regolamento fa capo all'art. 17, comma 2, lett. f), cos come sostituito dall'art. 7 del CCNL 0910512006 con particolare riferimento a " speciJche responsabili affidate al personale della categoria D, che non risulti incoricalo di funzioni nell'areo delle posizioni organizzctlive, secondo la disciplina degli articoli da 8 a 1l del CCNL del
3

I .03. 1999

".

In particolare, i dipendenti ai quali possono essere erogati i compensi per specifiche responsabilit sono coloro che, in rapporto al budget assegnato a ciascun Servizio dalla Direzione Generale, risultino aver conseguito il maggior punteggio sulla base del sistema di valutazione delle perfbrmance del personale del comparto approvato dall'Amministrazione e vigente all'epoca della

Sulpl Campania (Sulpl Napoli)


valutazione. Il compenso determinato in valori annui lordi nell'ambito schema sintetico di seguito riportato:

di due fasce retributive

secondo lo

FASCTAA ] --5oopo*;l
FASCIAB

1.000,00

compito della Direzione Generale distribuire il budget per ciascun servizio su proposta del responsabile della macrostruttura di riferimento e suddividere, nell'ambito del medesimo, I'ammontare da destinare per la fascia A e per la fascia B.

Art.

Durata del conferimento degli incarichi

Gli incarichi di "specifiche responsabilit afidate al personale della categorid D, che non risulti incaricato di funzioni nell'area delle posizioni organizzdtive , secondo la disciplina degli articoli da 8 a I1 del CCNL del 3 1.03.1999" hanno durata annuale dalla data del conferimento salvo i casi di
revoca di cui all'art. 7 del presente regolamento.

Art. 5 Criteri di selezione dei destinatari I dipendenti a cui pu essere conferito I'incarico di specifiche responsabilit, nei limiti delle risorse disponibili assegnate ai Servizi dalla Direzione Generale, vengono reclutati secondo I'ordine della
graduatoria annuale dei dipendenti di categoria D (non in P.O.), redatta per ciascun servizio ai sensi dell'art. 6 del Regolamento di misurazione e valutazione delle performance del personale del comparto. L'incarico di fascia A pu essere conferito ai dipendenti utilmente collocati in graduatoria che abbiano riportato, comunque, un punteggio non inferiore a 50 punti; l'incarico di fascia B pu essere conferito ai dipendenti utilmente collocati in graduatoria che abbiano riportato, comunque, un punteggio non inleriore a 40 punti, fermo restando che gli idonei che abbiano riportato punteggio superiore a 50, ma ai quali per ragioni di budget non pu essere assegnato un incarico di fascia A, concorrono, in base al punteggio conseguito, con gli altri dipendenti al numero di incarichi disponibili di fascia B. A parit di punteggio si privilegia il dipendente con maggiore anzianit giuridica nella categoria D.

Art.

Conferimento dell' incarico


11

conferimento dell'incarico al'viene con prowedimento formale, in cui viene specificata la durata

e la fascia economica.

Tale prowedimento viene firmato, per accettazione, dal destinatario.

{rt.7
Casi di decadenza e di cessazione anticipata dell'incarico

Alla

decadenza dall'incarico si procede con formale prowedimento motivato quando sussistano le seguenti condizioni:

a) prowedimenti disciplinari superiori al richiamo scritto; b) comprovate ed oggettive situazioni di inadempimento o di mancata assunzione di responsabilit appositamente conferile;

valutazione. Il compenso determinato in valori annui lordi nell'ambito schema sintetico di seguito riportato:

di due fasce retributive secondo lo

pescia

2.soo,oo

FAqCr{B

1.000,001

E' compito della Direzione Generale distribuire il budget per ciascun servizio su proposta del responsabile della macrostruttura di riferimento e suddividere, nell'ambito del medesimo,
l'ammontare da destinare per la fascia A e per la fascia B.

Art.4
Durata del conferimento degli incarichi

Gli incarichi di "specdche responsabilit ffidate al personale della categoria D, che non rsulti incaricato di.funzioni nell'area delle posizioni organizzative , secondo Ia disciplina degli articoli do 8 a l1 del CCNL del 31.03.1999" hanno durata annuale dalla data del conferimento salvo i casi di
revoca di cui all'art. 7 del presente regolamento.

Art, 5 Criteri di selezione dei destinatari


I dipendenti a cui pu essere conferito I'incarico di specifiche responsabilit, nei limiti delle risorse disponibili assegnate ai Servizi dalla Direzione Generale, vengono reclutati secondo I'ordine della graduatoria annuale dei dipendenti di categoria D (non in P.O.), redatta per ciascun servizio ai sensi dell'art. 6 del Regolamento di misurazione e valutazione delle performance del personale del
comparto.

L'incarico di fascia A pu essere conferito ai dipendenti utilmente collocati in graduatoria che abbiano riportato, comunque, un punteggio non inferiore a 50 punti; l'incarico di fascia B pu essere conferito ai dipendenti utilmente collocati in graduatoria che abbiano riportato, comunque, un punteggio non inferiore a 40 punti, fermo restando che gli idonei che abbiano riportato punteggio superiore a 50, ma ai quali per ragioni di budget non pu essere assegnato un incarico di fascia A, conconono, in base al punteggio conseguito, con gli altri dipendenti al numero di incarichi disponibili di fascia B. A parit di punteggio si privilegia il dipendente con maggiore anziani giuridica nella categoria D.

Art.

Conferimento dell'incarico

Il conferimento dell'incarico awiene con provvedimento formale, in cui viene specificata la durata
e la fascia economica.

Tale prowedimento viene firmato, per accettazione, dal destinatario.

{rt.7
Casi di decadenza e di cessazione anticipata dell'incarico

Alla

decadenza dall'incarico si procede con formale prolwedimento motivato quando sussistano le seguenti condizioni: a) provvedimenti disciplinari superiori al richiamo scritto; b) comprovate ed oggettive situazioni di inadempimento o di mancata assunzione di responsabilit appositamente conferite;