Sei sulla pagina 1di 39

F

i
n
a
l

C
u
t

P
r
o

X

G
u
i
d
a

a
l
l

u
s
o
- Gian Guido Zurli -
Guida alluso
B
E
S
T
S
E
L
L
E
R
B
E
S
T
S
E
L
L
E
R
A
CO
L
O
R
I
A
CO
L
O
R
I
N
U
O
V
A

R
ISTA
M
P
A
N
U
O
V
A

R
ISTA
M
P
A
B
E
S
T
S
E
L
L
E
R
B
E
S
T
S
E
L
L
E
R
A
CO
L
O
R
I
A
CO
L
O
R
I
2
a

E
D
IZ
ION
E
2
a

E
D
IZ
ION
E
Editing audio e multicam, Copia/Incolla attributi video, Viewer secondario >>
Timeline magnetica, Audition, correzione colore, effetti audio e video >>
Velocit variabile, Chroma Key e altri effetti con Motion 5 >>
Esportazione del montaggio con Compressor 4 >>
Final Cut Pro X
Final Cut Pro X
Guida alluso
Seconda edizione
Gian Guido Zurli
Final Cut Pro X - Guida alluso
2
a
edizione
Autore: Gian Guido Zurli
Collana:
Publisher: Fabrizio Comolli
Progetto grafico: escom - Milano
Coordinamento editoriale, prestampa e stampa: escom - Milano
Immagine di copertina: Afxhome | Dreamstime.com
ISBN: 978-88-6604-324-9
Copyright 2013 Edizioni FAG Milano
Via G. Garibaldi 5 20090 Assago (MI) - www.fag.it
Finito di stampare in Italia presso Press Grafica - Gravellona Toce - VB nel mese di febbraio 2013
Nessuna parte del presente libro pu essere riprodotta, memorizzata in un sistema che ne permetta lelaborazione, n tra-
smessa in qualsivoglia forma e con qualsivoglia mezzo elettronico o meccanico, n pu essere fotocopiata, riprodotta o
registrata altrimenti, senza previo consenso scritto delleditore, tranne nel caso di brevi citazioni contenute in articoli di critica
o recensioni.
La presente pubblicazione contiene le opinioni dellautore e ha lo scopo di fornire informazioni precise e accurate. Lelabora-
zione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non pu comportare specifiche responsabilit in capo allautore
e/o alleditore per eventuali errori o inesattezze.
Nomi e marchi citati nel testo sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive aziende.
Lautore detiene i diritti per tutte le fotografie, i testi e le illustrazioni che compongono questo libro.
5
Sommario
INTRODUZIONE ..................................................................................................................................... 9
1. IL MONDO DI FINAL CUT................................................................................................... 13
Le origini di Final Cut .................................................................................................................................................13
Final Cut negli anni Duemila .................................................................................................................................18
Final Cut Pro X ...............................................................................................................................................................20
Final Cut Pro X Enhanced ........................................................................................................................................21
E Final Cut Studio? .......................................................................................................................................................22
Tutto loccorrente ........................................................................................................................................................23
Requisiti di sistema di Final Cut Pro X ..............................................................................................................24
Si fa presto a dire HD... ...............................................................................................................................................26
Allestire il proprio spazio di lavoro .....................................................................................................................31
Compatibilit .................................................................................................................................................................34
2. ORGANIZZAZIONE E INTERFACCIA GRAFICA ..................................................... 41
Installare o aggiornare Final Cut Pro X .............................................................................................................41
Conoscere Final Cut Pro X ......................................................................................................................................48
Importare le clip ...........................................................................................................................................................49
Linterfaccia graca di Final Cut Pro X ..............................................................................................................59
3. MONTAGGIO VIDEO ............................................................................................................. 79
Selezionare le clip dal browser ..............................................................................................................................79
Montaggio su timeline e storyline ......................................................................................................................83
Compound Clips ..........................................................................................................................................................90
Inline Precision Editor ................................................................................................................................................93
Audition ............................................................................................................................................................................94
4. GESTIONE DELLAUDIO ........................................................................................................ 97
Tecniche di editing audio ........................................................................................................................................97
Registrazione audio con fotocamere HDSLR ............................................................................................. 101
Sincronizzazione audio .......................................................................................................................................... 104
Uso dei ltri .................................................................................................................................................................. 107
Auto Enhance Audio ............................................................................................................................................... 114
Match Audio................................................................................................................................................................ 117
Unlinking dellaudio dal video ....................................................................................................................... 119
Montaggio a tempo di musica .......................................................................................................................... 122
Final Cut Pro X | Guida alluso
6
5. EDITING MULTICAM ...........................................................................................................125
6. VELOCIT DELLE CLIP, RISOLUZIONE DEI DIFETTI VIDEO
E COMPOSITING .....................................................................................................................137
Stabilization e rolling shutter ............................................................................................................................. 137
Animazione video e compositing .................................................................................................................... 140
Modica della velocit ........................................................................................................................................... 149
7. COLOR GRADING ..................................................................................................................157
Balance Color .............................................................................................................................................................. 157
Il concetto di color grading ................................................................................................................................. 158
Color Board .................................................................................................................................................................. 159
Color Mask ................................................................................................................................................................... 168
Shape Mask .................................................................................................................................................................. 169
Match Color ................................................................................................................................................................. 173
8. EFFETTI, LOOK, TEMI E TITOLI ......................................................................................177
I temi ................................................................................................................................................................................ 177
Generatori ..................................................................................................................................................................... 180
Titoli ................................................................................................................................................................................. 182
Transizioni ..................................................................................................................................................................... 185
Eetti audio e video ................................................................................................................................................. 188
Copia e incolla ............................................................................................................................................................ 192
9. ESPORTAZIONE E CONDIVISIONE ..............................................................................195
Il menu Share ............................................................................................................................................................... 195
Media Browser ............................................................................................................................................................ 196
Device Apple .............................................................................................................................................................. 198
DVD e Blu-ray .............................................................................................................................................................. 199
Email ................................................................................................................................................................................. 201
YouTube e Vimeo ...................................................................................................................................................... 202
CNN iReport ................................................................................................................................................................ 204
Export Movie ............................................................................................................................................................... 205
HTTP Live Streaming............................................................................................................................................... 206
Send to Compressor ................................................................................................................................................ 207
Compressor Settings ............................................................................................................................................... 207
10. INTRODUZIONE A MOTION 5 ......................................................................................209
Che cos Motion e cosa pu fare .................................................................................................................... 209
Con quale losoa utilizzare Motion ............................................................................................................. 210
I primi passi con Motion e linterfaccia graca ......................................................................................... 211
La timeline .................................................................................................................................................................... 214
I livelli ............................................................................................................................................................................... 215
Titolazione .................................................................................................................................................................... 217
HUD .................................................................................................................................................................................. 217
7
Sommario
File Browser .................................................................................................................................................................. 218
Library ............................................................................................................................................................................. 220
Behavior .......................................................................................................................................................................... 220
Emettitori particellari .............................................................................................................................................. 222
Filtri ................................................................................................................................................................................... 224
Inspector ........................................................................................................................................................................ 226
Animazione 2D........................................................................................................................................................... 228
Animazione 3D........................................................................................................................................................... 230
Rig ...................................................................................................................................................................................... 233
Rendering e ritorno a Final Cut Pro ................................................................................................................ 238
11. EFFETTI VISIVI CON MOTION 5 ....................................................................................241
Frame Blending e Optical Flow ......................................................................................................................... 241
Velocit variabile in Motion ................................................................................................................................ 245
Green screen ................................................................................................................................................................ 249
Stabilizzare una clip ................................................................................................................................................. 255
12. COMPRESSOR 4 .......................................................................................................................259
Compressor contro QuickTime ........................................................................................................................ 259
Da Final Cut a Compressor .................................................................................................................................. 259
Linterfaccia ................................................................................................................................................................... 260
Uso dei preset di esportazione .......................................................................................................................... 263
Modica di un preset .............................................................................................................................................. 266
Encoding ........................................................................................................................................................................ 268
Batch from Template .............................................................................................................................................. 271
Creazione veloce di DVD e Blu-ray Disc ....................................................................................................... 272
Cosa fare se Compressor si blocca ................................................................................................................... 274
INDICE ANALITICO ..........................................................................................................................277
9
Sono passati quasi due anni dallintroduzione di Final Cut Pro X e altrettanto dalla
pubblicazione del mio primo manuale su questo software.
Dopo due anni Apple non ha ancora rilasciato una nuova major release, come ci si
sarebbe aspettati. Mentre Adobe, per esempio, continua a uscire ogni anno con una
nuova versione della sua Creative Suite, in casa Apple, dopo lintroduzione dellApp
Store le cose sono un po cambiate. Le uscite delle major release sembrano scom-
parse, o perlomeno molto diradate. Consideriamo, per esempio, un software di foto-
graa professionale come Apple Aperture. Negli anni sono uscite la prima versione,
poi la 2, poi la 3 e poi la 3.0.1, la 3.1, la 3.2, la 3.3 e la 3.4 (o la 3.4.2? Ormai ho perso
il conto). Le versioni intermedie dei software ci sono sempre state ma, sempre re-
stando ad Aperture, nessuno si sarebbe aspettato di vedere una major release chia-
mata Aperture 3.3. Perch non Aperture 4?
Tornando a Final Cut Pro X, in questi anni sono usciti sette aggiornamenti, di cui un
paio veramente importanti: 10.0.3 e 10.0.6. Perch non li hanno chiamati almeno 10.1
e 10.2? Nessuno lo sa.
Il passaggio a Final Cut Pro X
Il volume precedente, Final Cut Pro X Guida alluso, era basato sulla versione 10.0.0,
la primissima insomma, ed era progettato per superare il trauma del cambiamento e
accompagnare lutente nella transizione da Final Cut Pro 7 a Final Cut Pro X.
Dopo il rilascio di Final Cut Pro X, a inizio 2011, sul Web iniziarono subito a rincorrersi
le impressioni contrastanti di chi lo aveva scaricato e provato.
I siti web specializzati suddivisero arbitrariamente in due categorie i sostenitori e i
detrattori di questa nuova versione di Final Cut: i primi erano gli amatori e i secondi
i professionisti.
I cosiddetti professionisti lamentavano mancanze che oggettivamente cerano, ma
riguardanti funzionalit di cui si poteva tranquillamente fare a meno.
Introduzione
Final Cut Pro X | Guida alluso
10
Tuttora si assiste sui forum a un confronto anche aspro tra sostenitori di Final Cut
Pro X ed ex utenti di Final Cut Pro 7 passati ad Adobe Premiere.
Ecco alcune delle obiezioni pi diuse che si trovano sulla Rete:
1. tutti i le di lavoro e tutti i le di rendering vengono salvati in ununica location;
2. non esistono pi i comandi Send to, come per esempio Send to Motion;
3. non possibile sfruttare un vero e proprio playback su monitor esterno utiliz-
zando schede dedicate come lAJA;
4. ci sono meno preset di titolazione rispetto alle versioni precedenti;
5. non si pu fare il montaggio con sequenze nidicate;
6. non si pu fare la cattura in batch di clip provenienti da nastro;
7. il software lento e si pianta spesso;
8. ci hanno messo due anni per realizzarlo e hanno inserito meno funzionalit
che nella versione precedente;
9. sembra iMovie.
Personalmente uso Final Cut Pro da quando esiste, ossia dal 1999. Sono cresciuto
professionalmente assieme a questo programma e da allora di acqua sotto i ponti ne
passata molta. Vorrei quindi provare a rispondere, punto per punto, alle obiezioni
citate precedentemente:
1. addirittura ho letto da qualche parte che i le di rendering sono allinterno del
disco di avvio! In realt possibile salvare il progetto e levento importato su
un disco esterno e lavorare su di esso. possibile farlo in iMovie, guriamoci
se non si pu fare con Final Cut Pro X. invece vero che non pi possibile
salvare le di rendering e clip mediali su dischi diversi, a patto di non creare le-
vento su un disco e il progetto su un altro disco. Il vecchio Final Cut, in eetti,
permetteva di personalizzare meglio questa funzionalit;
2. vero anche questo, tuttavia possibile creare e modicare dei titoli allinter-
no di Motion e utilizzarli dentro Final Cut Pro X;
3. forse chi ancora si lamenta di questo problema dovrebbe controllare se la ver-
sione di Final Cut Pro X utilizzata la 10.0.4 o superiore ed eventualmente
procedere a un aggiornamento;
4. assolutamente falso, ce ne sono molti di pi. SullApp Store ci sono diversi GB
di contenuti extra da scaricare;
5. vero, ma in teoria non servirebbe pi. A parte la fantastica nuova funzione
Audition, possibile raggruppare tutte le clip che si desidera allinterno della
timeline, in un unico raccoglitore chiamato Compound Clip. un modo di
lavorare diverso. Questa critica va comunque accettata e presa in considera-
zione;
11
Introduzione
6. si tratta di una funzione utilizzata da pochi professionisti. Per ragioni di tempo,
in genere, si preferiva fare un Capture Now e poi individuare le interruzioni di
registrazione con la funzione DV Start/Stop Detect. Questi professionisti rino-
mati, citati anche da Wikipedia e che lavorano in ambito televisivo e cinema-
tograco con schede AJA e reti Xsan, usano davvero ancora il nastro? Per loro
informazione, esistono nuovi supporti basati su memorie allo stato solido. La
versione 10.0.6 riunisce la nestra di cattura nastro/memoria in ununica fun-
zione. Il nastro ormai sul punto di scomparire per sempre;
7. sul mio Mac Pro 8-core del 2009 (non era il top di gamma, ma lentry level degli
8-core), con scheda graca ATI di serie e 8 GB di RAM, si lavora benissimo an-
che in HD. un po lento nella titolazione con i le di Motion e probabilmente
un upgrade di RAM non gli farebbe male. Si pianta raramente. Forse gli sfor-
tunati utenti che hanno riscontrato inconvenienti dovrebbero fare pulizia sul
loro Mac, controllare i requisiti di sistema (quelli consigliati, non quelli minimi)
e vericare che il loro computer, al di l di Final Cut, non abbia altri problemi
risolvibili da un tecnico specializzato. Installando OS X Mountain Lion, inoltre,
la velocit duso notevolmente migliorata;
8. quando diversi anni fa abbiamo fatto lo switch tra Mac OS 9 e Mac OS X,
questultimo non era completo di tutte le funzionalit di Mac OS 9 n tanto-
meno era perfetto. Ci sono voluti anni per arrivare a livelli pari e poi superiori
alla precedente generazione di sistemi operativi. Final Cut Pro X un prodotto
ancora relativamente nuovo. Oltre a quelli gi introdotti, puntualmente illu-
strati in questo volume, seguiranno ulteriori aggiornamenti che miglioreranno
le funzionalit presenti nei vecchi Final Cut e introdurranno nuove opzioni
che ora nemmeno immaginiamo;
9. capisco lo shock. come se un bel giorno un fotografo abituato a lavorare in
Photoshop lo aprisse e si trovasse davanti a iPhoto, con pi o meno le stesse
funzionalit di Photoshop, ma con icone, nomi e disposizioni dierenti. Anche
anni fa, quando Apple rinnov linterfaccia graca di iMovie, gli utenti si divi-
sero in due fazioni, quelli contenti e quelli arrabbiati. In quel caso Apple decise
di concedere la vecchia versione di iMovie per il download gratuito, per aiu-
tare gli utenti nella transizione. Anche in questo caso Apple ha capito che c
una transizione in atto. Per questo tutti coloro che hanno installato Final Cut
Studio si ritroveranno i vecchi programmi funzionanti allinterno della cartella
Applicazioni/Final Cut Studio, senza alcun rischio di interferenza con la nuova
installazione di Final Cut Pro X.
Final Cut Pro X | Guida alluso
12
Le nuove funzionalit illustrate in questo volume
Se il volume precedente stato pubblicato per accompagnare il montatore video nel
passaggio da Final Cut Pro 7 a Final Cut Pro X, questo libro intende esaminare ancora
pi in dettaglio il pi moderno e completo programma di editing video al mondo,
con tutte le nuove caratteristiche che sono state introdotte in due anni di continui
aggiornamenti.
Dalluscita delledizione precedente di questo libro, Apple ha aggiunto numerose
funzionalit professionali, alcune delle quali del tutto inedite e non presenti nelle
vecchie edizioni di Final Cut Studio. I due aggiornamenti fondamentali sono stati
il 10.0.3, che tra le altre cose ha aggiunto il supporto multicam, e la versione 10.0.6,
in cui ritroviamo tanti strumenti del passato (che consideravamo perduti) e nuovi
modi per gestire laudio, limportazione e lesportazione del montato nale.
Questo libro, in particolare, basato sulla versione 10.0.7, che include la risoluzione
di alcuni piccoli bug della versione 10.0.6.
Gian Guido Zurli
13
Introduzione allultima versione del programma
pi popolare per la post-produzione audio-video. I
requisiti di sistema, le congurazioni ottimali per
il proprio usso di lavoro, lhardware compatibile.
Le origini di Final Cut
Il mondo del montaggio video ha visto notevoli cambiamenti nel giro di pochi de-
cenni. Sembrava laltro ieri quando si utilizzavano sistemi meccanici come la Moviola
o la Kem per eettuare tagli sulle bobine di pellicole, per poi rincollarle tra loro. Que-
sti strumenti erano molto simili, da vedere, a una macchina da cucire e poco o nulla
avevano a che fare con il montaggio video attuale.
Negli anni Ottanta vengono introdotti i primi sistemi di montaggio basati su video-
cassette, come Editdroid, un piccolo passo avanti ma a scapito della qualit: i nastri
avevano infatti una resa notevolmente inferiore alle pellicole cinematograche.
Negli anni Novanta arriva Avid, il primo sistema di montaggio video non lineare ba-
sato su computer e disponibile per Mac e Windows. Da l a poco nasce anche Light-
works, disponibile solo per Windows.
Anche in questi casi la qualit delle immagini era inizialmente scarsa, per poi asse-
starsi su livelli di decenza. In fondo non era il supporto a essere inferiore, il problema
era nella potenza di calcolo. I computer avevano ancora bisogno di tempo per diven-
tare sucientemente veloci e capienti.
Il mondo di Final Cut
1
14
Final Cut Pro X | Guida alluso
Figura 1.1 - Una Moviola e, in alto, una Kem.
Ma il vero limite del sistema Avid era il costo. Una stazione di montaggio Avid pro-
fessionale costava intorno ai 100.000 dollari.
Figura 1.2 - Una vecchia stazione di montaggio Avid.
15
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
La rivoluzione avveniva grazie a due prodotti usciti alla ne degli anni Novanta. Il
primo era la videocamera digitale che utilizzava videocassette MiniDV. A dierenza
delle vecchie videocamere, le videocassette registravano un segnale digitale di qua-
lit migliore rispetto a un segnale analogico. Queste videocamere avevano unaltra
peculiarit: la connessione IEEE 1394, meglio conosciuta come FireWire. Questa por-
ta di comunicazione pu essere collegata a un computer che dispone della stessa
tecnologia ed in grado di trasferire il segnale digitale alla velocit di 400 Mbps.
Prima dellintroduzione della FireWire, per acquisire un nastro su un computer era
necessario installare una costosa scheda di acquisizione video.
Figura 1.3 - Un cavo e una connessione FireWire su una videocamera MiniDV.
Il secondo prodotto rivoluzionario fu il Mac dotato appunto di porta FireWire, per
esempio liMac DV. Il proprietario di un iMac e di una videocamera MiniDV poteva
collegarli tra loro tramite cavo FireWire, scaricare lintero lmato e montarlo con
lapposito software iMovie, un programma pensato per il pubblico amatoriale.
Proprio in quegli anni si muovevano tutti. Adobe iniziava la produzione del softwa-
re Premiere per Windows e Mac, mentre Macromedia, la casa produttrice di Flash
e Dreamweaver, che allepoca non era ancora stata assorbita da Adobe, tentava di
mettersi in concorrenza con un suo programma chiamato Final Cut.
16
Final Cut Pro X | Guida alluso
Figura 1.4 - Macromedia Final Cut.
Non sono in molti ad aver provato la versione beta di Macromedia Final Cut, ma
evidentemente qualcuno di Apple lo fece, tanto da acquistarla per riproporla al pub-
blico in versione esclusivamente per Mac.
Nel 1999 usc la versione 1.0 di Final Cut Pro e, per quel tempo, era un software di
montaggio video che non aveva paragoni con la concorrenza. Final Cut Pro costava
circa un milione di vecchie lire e, oltre al montaggio, era in grado di gestire anche
il compositing video. Per ottenere gli stessi risultati con la concorrenza bisognava
spendere almeno un altro milione per Adobe After Eects. Certo, questultimo era
sicuramente superiore a Final Cut come complessit degli eetti, ma per la maggior
parte del pubblico Final Cut andava benissimo.
Ma il vero limite di Final Cut 1.0 erano i formati video supportati, cio solo il DV
NTSC. LNTSC il sistema video disponibile negli Stati Uniti e in Giappone. Il sistema
televisivo europeo il PAL. Si dovette aspettare laggiornamento alla versione 1.2.5
per avere la compatibilit anche in Europa.
E il mondo professionale? Avid tremava? Assolutamente no. I formati televisivi sup-
portati erano interessanti per le televisioni, ma certamente non per il cinema. Apple,
17
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
negli anni, continuava la trasformazione di Final Cut Pro aggiungendo possibilit di
editing anche in altri formati.
Figura 1.5 - Walter Murch al lavoro con Final Cut Pro.
Linteresse per Final Cut inizi a sorare anche Hollywood. Sean Cullen, assistente
editor del premio Oscar Walter Murch, si interessava a Final Cut Pro per utilizzarlo in
una produzione cinematograca della Miramax: Cold Mountain. Allepoca, per lin-
dustria del cinema cerano solo stazioni Avid Media Composer, al costo di 100.000
dollari ognuna. Il software di Apple costava soli 995 dollari. Un solo problema: come
importare le mediali a 24p (la pellicola cinematograca a 24 fotogrammi al secon-
do) in un sistema basato su NTSC a 30 fotogrammi al secondo (abbreviato in fps)?
Final Cut Pro era studiato solo per importare video attraverso Firewire o le mediali
SD (Standard Denition) con apposite schede acquisitrici. LHD era ancora lontano e
la pellicola non era contemplata.
Un piccola ditta creava allora un software chiamato FilmLogic. Girava su Mac e forse
faceva proprio al caso di Sean Cullen. Questi si rivolse a Digital Film Tree e fece una pro-
va, acquisendo il materiale telecinemato con FilmLogic e passandolo in Final Cut Pro.
Mentre Walter Murch poteva iniziare a montare Cold Mountain, Apple si arettava a
comprare FilmLogic, quindi lo chiamava Cinema Tools e lo metteva sul mercato.
Tra la ne degli anni Novanta e linizio degli anni Duemila avveniva un altro impor-
tante cambiamento nel mondo del video: i DVD sostituivano le videocassette VHS.
18
Final Cut Pro X | Guida alluso
I Mac pi costosi vennero dotati di masterizzatore DVD. Apple aveva bisogno di un
software per questa funzione. Cre quindi iDVD, compagno di iMovie nelle versione
amatoriale, e acquist Astarte per la realizzazione di DVD Studio Pro.
La storia di Final Cut fatta soprattutto di acquisizioni. Piccole software house, ge-
niali, creano un programma interessante e Apple lo acquista. successo alla tedesca
Emagic che ha creato Logic, prima un programma e poi una suite di successo per
la produzione musicale. successo alla Nothing Real che ha creato un software di
nome Shake, utilizzato per gli eetti visivi di Titanic, Il signore degli anelli e Matrix.
Per un decennio il vincitore del premio Oscar per gli eetti visivi, chiunque fosse, ha
utilizzato Shake per il suo lavoro.
Tra le ultime acquisizioni troviamo Proximity, per la realizzazione di Final Cut Server
e Final Touch HD per Color.
Final Cut negli anni Duemila
Final Cut Pro, nel corso del decennio appena concluso, non cambiato moltissimo,
Sono cambiate le modalit di distribuzione e il numero dei formati video utilizzabili.
Nel tempo il programma diventato una vera e propria suite che, oltre a Final Cut
Pro, include ben sei altri software un tempo venduti separatamente. Non cera possi-
bilit di acquistarli separatamente, bisognava comprare lintero pacchetto il che era,
tra le altre cose, molto conveniente.
Figura 1.6 - Lultima scatola
per la vendita di Final Cut:
Final Cut Studio 3.
19
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
Final Cut Studio 3, uscito nellestate del 2009, conteneva i seguenti programmi:
Final Cut Pro 7
Motion 4
Soundtrack Pro 3
Color 1.5
Compressor 3.5
DVD Studio Pro 4
Cinema Tools 4.5
Nel 2003 Apple introduceva Final Cut Express utilizzando lo slogan Edit Like a Pro.
Cosa signica? Final Cut Express era un pacchetto pi economico di Final Cut Pro.
Conteneva appunto Final Cut Express, perfettamente identico alla versione Pro, ma
con alcune limitazioni nelle funzioni e soprattutto nei formati video utilizzabili. Allin-
terno di Final Cut Express si trovava anche Compressor ma, al posto di Soundtrack
Pro, cera semplicemente Soundtrack: interfaccia simile, meno plug-in e soprattutto
niente editor audio. Al posto di Motion trovavate LiveType, un programma di titola-
zione una volta disponibile anche in Final Cut Studio.
Final Cut Express 4.0 costava 199 euro, mentre laggiornamento da versioni prece-
denti costava 99 euro. Final Cut Express ucialmente morto. Apple non lo ha pi
in catalogo. Come vedremo pi avanti, questa non aatto una cattiva notizia.
Final Cut Studio 3 costava 999 euro, mentre laggiornamento da Final Cut Studio
1, 2, Production Suite o da qualsiasi versione precedente di Final Cut Pro si poteva
eettuare a 299 euro.
Final Cut Studio era dunque caro la prima volta, ma aggiornarlo ogni due anni co-
stava relativamente poco. I costi totali non hanno paragone con la concorrenza: una
suite di Adobe per il video pu costare anche pi del doppio.
Esisteva poi anche un terzo prodotto della famiglia Final Cut, meno conosciuto e
necessario veramente a pochissimi: si tratta di Final Cut Server.
Final Cut Server era un programma nato per mettere in condivisione su una rete
locale i le mediali che possono servire a unequipe di montatori. Final Cut Server
dialogava con Final Cut Pro e ne registrava le modiche. Era possibile tenere traccia
dei cambiamenti e lasciare note per il montatore. Si trattava di un programma molto
utile per le stazioni televisive.
Con lintroduzione di Final Cut Pro X, Final Cut Server stato ritirato dal commercio,
assieme a Final Cut Express.
20
Final Cut Pro X | Guida alluso
Final Cut Pro X
Final Cut Pro X rappresenta una novit epocale nel mondo del montaggio video. Si
tratta probabilmente della pi grande innovazione di Final Cut dai tempi della sua
introduzione nel 1999.
A parte il porting da Mac OS Classic a Mac OS X nel 2001, Final Cut Pro sempre rimasto
uguale. Linterfaccia graca, il modo duso, i pregi e i difetti sono sempre stati gli stessi.
Apple, attraverso le varie versioni uscite negli anni, non ha fatto altro che aggiungere
moduli che consentono luso di codec ad alta denizione e alcune funzioni su richiesta.
Dopo 12 anni Final Cut Pro mostrava tutta la sua anzianit. Linterfaccia graca era
veramente vintage e gli utenti storici conoscono bene i problemi di conitti allinter-
no della timeline, che spesso costringono i montatori a spericolati giri, magari utiliz-
zando la funzione copia/incolla.
Final Cut Pro X, tra le varie cose, libera da questi vincoli attraverso la timeline magneti-
ca. Si tratta solamente di una delle novit di questo aggiornamento. Tra le pi spetta-
colari troviamo la correzione e la corrispondenza automatica del colore tra clip diverse.
Tra le pi importanti novit di Final Cut Pro X c larchitettura a 64 bit (vedremo
cosa questo signica nel prossimo paragrafo).
Cerchiamo di capire anche il nome: Final Cut Pro X. Perch X? In inglese si pronuncia
Ten (dieci), come il sistema operativo Mac OS X, ma in Italia non lo fa praticamente
nessuno.
Perch dieci? la versione 10? Ucialmente s, ma in realt dovrebbe essere la 8. La
versione precedente di Final Cut Pro era infatti la 7. Un omaggio ai dieci anni di Final
Cut? No, perch Final Cut esiste dal 1999 e non dal 2001. Nel 2001 stato semplice-
mente aggiornato per funzionare su Mac OS X. Sar questo il motivo? Spiegazioni
uciali non ce ne sono.
Anche guardando in profondit Final Cut Pro X, sembra che Apple abbia preso la
macchina del tempo per fare un balzo in avanti nel futuro, saltando le versioni 8 e 9.
Infatti Final Cut Pro X guarda decisamente sia al presente sia al futuro, trascurando
(ma continuando a supportare) formati video datati e dischi DVD e Blu-ray.
Lunica dichiarazione di Apple in merito al nome, al prezzo e al modo di distribuzione
il fatto che si tratta di un nuovo prodotto e non di un update di una vecchia versione.
Final Cut Pro X si pu scaricare dal Mac App Store a 269,99 euro.
N
O
T
A
Final Cut Pro X si scarica dal Mac App Store, installato su ogni computer
Apple. Come nei dispostivi iOS (iPhone, iPod Touch e iPad) potete utilizza-
re unapplicazione dedicata per scaricare programmi Apple o di terze parti.
21
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
Final Cut Pro X Enhanced
Questo volume basato sulle versioni 10.0.6 e 10.0.7 di Final Cut Pro X, ma ovviamente
copre anche tutti gli aggiornamenti che ci sono stati dalla versione 10.0.1 alla 10.0.5.
Vediamo cosa stato aggiunto a Final Cut Pro X da quando uscito, quali sono stati
i principali miglioramenti apportati e, soprattutto, quali le lacune che sono state col-
mate dalla prima, discussa versione:
Editing multicam: a dierenza della prima release possibile fare editing vi-
deo sincronizzando clip audio e video provenienti da fonti diverse. Moltissimi
professionisti utilizzano pi camere con riprese da varie angolazioni. Lediting
multicam di Final Cut Pro X, come in Final Cut Pro 7, permette di visualizzare
contemporaneamente diverse risorse video e di scegliere con un clic la camera
da utilizzare in un preciso momento. Uno strumento irrinunciabile per chi gira
video con almeno due videocamere. Inoltre, novit di Final Cut Pro X, la sin-
cronizzazione delle clip non avviene pi sulla base del timecode video, ma del
contenuto audio. Final Cut analizza le onde sonore per determinare la perfetta
sincronizzazione del metraggio.
Supporto per display Retina: Final Cut Pro X stato aggiornato e ottimizzato
per i MacBook Pro con display Retina. I possessori di questi computer possono
apprezzare i nissimi dettagli delle immagini che passano attraverso I nuovi
schermi ad altissima denizione.
Copia e incolla: come in Final Cut Pro 7 ora possibile fare un copia e incolla
selettivo degli attributi di una clip video. Per esempio, pensate al caso in cui in
una clip video siano presenti ltri video e audio e vogliate copiare e incollare
soltanto i ltri video.
Supporto per videocamere RED: le prestigiose videocamere RED sono ora
pienamente supportate grazie a un plugin gratuito scaricabile attraverso il sito
del produttore. RED fornisce un formato video RAW, simile a quello delle mac-
chine fotograche, con il quale potete intervenire sui colori dellimmagine.
Editing audio multicanale: non solo possibile sincronizzare il contenu-
to delle clip audio e video attraverso il contenuto audio, ma si pu anche
intervenire per modificare laudio proveniente da diverse sorgenti di regi-
strazione.
Nuova nestra di importazione: il tempo dei nastri nito. Final Cut Pro X
mantiene la possibilit di importate clip provenienti da videocamere a nastro,
ma la nuova nestra di importazione unicata stata pensata per le videoca-
mere con memoria ash digitale, specialmente le fotocamere (dette HDSLR)
in grado di registrare video HD.
22
Final Cut Pro X | Guida alluso
Doppio Viewer: forse uno dei peggiori shock per gli utenti di Final Cut Pro 7 sta-
to il Viewer/Canvas unicato che ha conferito a Final Cut Pro X un aspetto molto
simile a iMovie. Nella versione 10.0.6 stato introdotta la possibilit di aprire un
Viewer dedicato alla libreria degli eventi e un altro dedicato alla Timeline.
E Final Cut Studio?
Lintroduzione di Final Cut Pro X ha fatto letteralmente sparire numerosi software.
La Suite, come la conoscevamo nelle precedenti versioni, non esiste pi. Soundtrack
Pro, Color e DVD Studio Pro sono scomparsi.
Su App Store possibile scaricare Motion 5 e Compressor 4 a 44,99 euro ciascuno.
Le caratteristiche di Soundtrack Pro e Color risiederebbero allinterno di Final Cut
Pro X. Secondo Apple, con la nuova versione infatti possibile mixare professional-
mente laudio ed eettuare il color grading allinterno di un unico programma.
Per quanto riguarda DVD Studio Pro, per Apple il supporto DVD morto. Anche
iDVD per iLife scomparso.
Figura 1.7 - Final Cut Studio pu
coabitare sullo stesso Mac assieme
al nuovo Final Cut Pro X.
23
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
Queste assenze hanno inuito moltissimo sul malumore di tanti professionisti, incre-
duli che un solo programma possa sostituire singoli software dedicati.
Laudio editing e il color grading di Final Cut Pro X sono comunque molto potenti e
possono bastare alla maggioranza degli utenti.
Per il color grading ci sono diversi software dedicati, come il popolare Magic Bullet
Look o i pi professionali Color Finesse e DaVinci Resolve.
C una sorpresa positiva per gli utenti Final Cut Studio 3. Linstallazione di Final Cut
Pro X, Motion 5 e Compressor 4 non disinstalla la cara vecchia suite. Viene creata in
automatico una cartella, chiamata Final Cut Studio, allinterno della cartella Appli-
cazioni del Mac.
Potete quindi continuare a utilizzare i vecchi programmi, Final Cut Pro compreso.
Infatti i vecchi progetti di Final Cut Pro 7 non possono essere aperti e modicati
allinterno di Final Cut Pro X, mentre potete importare senza problemi i progetti
creati con iMovie.
Tutto loccorrente
64 bit
Oggi il Mac pi potente (il Mac Pro) supporta no a 64 GB di RAM. Le applicazioni
a 32 bit possono gestire solo 4 GB di RAM per applicazione. Questo signica che, se
avete installato pi di 4 GB di RAM sul vostro Mac, per esempio 8, i software a 32
bit non potranno sfruttarne pi di 4. Certo, se aprite due programmi contempora-
neamente, entrambi si avvantaggeranno di molta RAM installata, ma una singola
applicazione non ne riconoscer correttamente pi di 4 GB.
I 64 bit rompono questa barriera consentendo ai software di vedere no 16 Exabyte
di RAM. Ora, 16 miliardi di GB sono un po costosi e impossibili da installare su un
computer attualmente in vendita, ma in futuro...
La corsa al GHz di qualche anno fa per i microprocessori sembra essersi arrestata.
Da molto tempo questi viaggiano a un clock che va da 2 a 3 GHz. Con il tempo si
assister allincremento ancora di qualche MHz, ma probabilmente non di pi. Per
diversi motivi oggi si tende a sviluppare processori ecienti ma a basso consumo,
che scaldino meno e che abbiano caratteristiche di sempre maggiore ecienza quali
i 64 bit o il multicore.
La corsa alla RAM, invece, dicilmente nir e la storia dellinformatica ci insegna
che avremo sempre pi RAM a costi sempre inferiori.
Ma oltre a sfruttare pi RAM, a cosa servono i 64 bit?
Con il 64 bit i computer possono elaborare il doppio delle istruzioni e velocizzare
tutte le operazioni di calcolo richieste dalle applicazioni.
24
Final Cut Pro X | Guida alluso
I sistemi Mac OS X precedenti alla versione 10.6 erano a 32 bit, anche se incorporavano
alcune compatibilit con i 64 bit. Tutti i sistemi operativi OS X successivi sono a 64 bit.
Figura 1.8 - Final Cut Pro X veramente a 64-bit!
A causa del cambiamento che larchitettura a 64 bit ha portato, in OS X le appli-
cazioni codicate e ottimizzate per i 64 bit guadagnano enormi performance. Con
lavvento delle moderne applicazioni ottimizzate come Final Cut Pro X, gli utenti
professionali avranno accesso a potenze di calcolo che precedentemente non aveva-
no sfruttato nei loro sistemi.
Installate quanta pi RAM vi potete permettere e Final Cut Pro X la user. Avere 64 GB di
RAM non solo un sogno, ma diventer presto una congurazione abbastanza comune.
Requisiti di sistema di Final Cut Pro X
Final Cut Pro X richiede un Mac abbastanza moderno e potente.
I requisiti per installare Final Cut Pro X sono i seguenti:
un Mac con un processore Intel Core 2 Duo o superiore;
25
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
2 GB di RAM, ma sono altamente raccomandati 4 GB per lavorare su materiale
HD compresso o SD non compresso;
una scheda graca che supporti lOpenCL o di tipo Intel HD Graphics 3000 o
superiore;
almeno 256 MB di VRAM sulla scheda video;
un display con una risoluzione di 1280x768 o superiore. I nuovi display Retina
dei MacBook Pro sono supportati;
OS X 10.6.8, 10.7.5, 10.8.2 o successivo;
2,4 GB di spazio libero sullhard disk.
Gli stessi requisiti sono necessari anche per linstallazione di Motion 5 e Compressor 4.
OpenCL e schede grache certicate
e consigliate per il funzionamento con Final Cut Pro X
Da qualche tempo Apple ha deciso di utilizzare una nuova tecnologia in grado di
aiutare il computer a svolgere pesanti operazioni di calcolo basate sullhardware in-
stallato sul computer e in particolar modo sulla scheda video. Questa tecnologia
viene chiamata OpenCL e consente alle applicazioni di calcolo generale di sfruttare
pi potenza in opzioni di elaborazione graca.
Al ne di ottenere il massimo benecio da OpenCL attraverso le ottimizzazioni inte-
grate in Final Cut Pro X, necessario possedere un Mac che utilizzi una GPU (proces-
sore della scheda graca) certicata per lavorare con OpenCL.
Si tratta di un requisito indispensabile per lavorare con maggiore velocit. Senza una
scheda graca adeguata e un computer con un processore potente, lupgrade a Final
Cut Pro X risulterebbe non soltanto inutile, ma costringerebbe a lavorare pi lenta-
mente rispetto alle precedenti versioni di Final Cut Pro.
Di seguito riportato un elenco delle schede certicate OpenCL e compatibili con
Final Cut Pro X:
NVidia
GeForce 320M
GeForce GT 330M
GeForce GT 650M
GeForce 9400M
GeForce 9600M GT
GeForce 8600M GT 256 MB
GeForce 8600M GT 512 MB
GeForce GT 120
26
Final Cut Pro X | Guida alluso
GeForce GT 130
GeForce GTX 285
GeForce 8800 GT
GeForce 8800 GS
Quadro FX 4800
Quadro FX5600
ATI
Radeon HD 4670
Radeon HD 4850
Radeon HD 4870
Radeon HD 5670
Radeon HD 5750
Radeon HD 5770
Radeon HD 5870
AMD
Radeon HD 6750M
Radeon HD 6630M
Radeon HD 6490M
Radeon HD 6750M
Radeon HD 6770M
Radeon HD 6970M
Si fa presto a dire HD...
I formati video
Durante la lettura dei requisiti di sistema avrete notato le dierenze di congurazio-
ne richieste per montare video a seconda del tipo di sorgente utilizzata.
Final Cut in grado di lavorare su svariati tipi di formato video, dallSD (Standard
Denition, analogico o digitale) allHD. Ma allinterno di queste sigle ci sono diversi
tipi di formati. Analizzeremo in questo paragrafo i formati video amatoriali, semi
professionali e professionali pi utilizzati, cercando di comprenderne le dierenze.
SD
DV (PAL o NTSC): il formato video in standard denition pi utilizzato. Erronea-
mente si pensa che il supporto o il codec di registrazione siano sempre il DV delle
videocassette MiniDV. Sappiate invece che, accanto al MiniDV, esiste anche il DV
27
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
come formato di videocassetta. un formato pi grande e destinato a usi professio-
nali. Il nastro, essendo pi grande, pi robusto e destinato a durare maggiormente
nel tempo. Il codec di registrazione sempre lo stesso e pu variare solo a seconda
del Paese in cui viene utilizzato: NTSC (Stati Uniti e Giappone) o PAL (Europa).
Esistono anche DVCPRO 25, DVCPRO 50, DVCAM ecc. Sono tutti formati video in
standard denition, ma con tipi di codec diversi. Essi garantiscono una qualit mi-
gliore rispetto al comune DV.
La risoluzione video del DV PAL 720x576 pixel, mentre quella del DV NTSC
640x480.
Videocassette analogiche: quando si parla di questo tipo di formato si pensa alla
comune videocassetta VHS, il formato pi popolare degli anni Ottanta e Novanta.
Il VHS, per, solo uno dei tanti formati utilizzati per la registrazione analogica ed
decisamente consumer. Il formato video professionale per eccellenza, in analogico,
il Beta, o Betacam. Il Beta ha una qualit decisamente superiore al VHS e per molti
aspetti anche ad alcuni formati digitali come il DV. Un formato professionale deri-
vante dal Beta il Digital Betacam, che per abbinabile alla precedente famiglia di
formati digitali SD.
Tra gli altri formati di videoregistrazione analogica vi erano (parlare al passato ormai
dobbligo) il Video 2000 e lU-Matic di Sony. Questultimo stato molto in voga
negli studi televisivi, assieme al Betacam per i cameraman.
Per poter acquisire e quindi digitalizzare i formati analogici sono necessarie schede
acquisitrici installabili allinterno del Mac Pro. La marca pi gettonata la AJA. I costi
di queste schede sono molto elevati.
HD
HDV: un formato video ad alta denizione, decisamente il pi entry level in questa
categoria. LHDV sfrutta lo stesso supporto del DV, le comuni videocassette MiniDV,
ma il codec di registrazione diverso. LHDV comunemente 1080i50 o 720p25.
Cosa signicano queste due sigle? 1080 indica la risoluzione video 1920x1080. La i
(rigorosamente minuscola) sta per interlacciato e signica che un fotogramma con-
tiene met del fotogramma successivo. Questo crea artefatti in riproduzione, soprat-
tutto in scene molto movimentate e nei fermi immagine. Se i lmati interlacciati
vengono visti su una TV a tubo catodico, gli artefatti si noteranno meno, ma in fermo
immagine la visione sar traballante. In una TV (o monitor) LCD, Plasma o LED larte-
fatto dellinterlacciamento si noter molto di pi. 50, inne, sta per 50 fotogrammi al
secondo (fps), il doppio del PAL che a 25 fps. LHDV a 1080i ha in genere il doppio
dei fotogrammi normali. Questo rende il lmato meno cinematograco. LHDV per
gli Stati Uniti o il Giappone 1080i60, a 60 fotogrammi al secondo.
28
Final Cut Pro X | Guida alluso
Laltro formato di registrazione HDV, a 720p25, signica che la risoluzione 1280x720 pro-
gressivo (il contrario di interlacciato), cio ogni fotogramma contiene informazioni a s
che non vengono condivise con quello precedente o successivo, mentre 25 sta per 25 fps.
LHDV 1080i50 in genere utilizzato da Sony e da Canon, il 720p25 da JVC.
Sul Mac sono presenti due dierenti codec di importazione che verranno usati per
lediting. Il primo quello nativo della videocamera. Laltro lApple Intermediate
Codec. Questo non il codec nativo della videocamera basato su MPEG-2 e non
usa una compressione temporale. I video HDV importati con lApple Intermediate
Codec risultano molto pi pesanti dellHDV nativo.
AVCHD: signica Advanced Video Codec High Denition. Si tratta di un formato vi-
deo ad alta denizione introdotto da Sony e Panasonic, molto popolare nel mercato
consumer. Viene memorizzato su hard disk interni alle videocamere, memorie ash
o piccoli DVD da 8 cm.
A dierenza delle videocamere HDV, lAVCHD pu essere acquisito senza troppi pro-
blemi con un cavo USB, laddove lHDV predilige (anche se non richiede) il FireWire.
I tempi di conversione durante lacquisizione sono molto pi lunghi rispetto allHDV.
La risoluzione invece la stessa.
HDSLR (o VDSLR): comunemente chiamato cos il video ad alta denizione creato
con fotocamere digitali reex (DSLR - Digital Single Lens Reex). Le prime fotocame-
re di questo tipo sul mercato sono state la Canon EOS 5D Mark II e la Nikon D90. La
prima produce video HD 1080p30, mentre la seconda 720p24. Il vantaggio nelluso di
queste fotocamere la possibilit di sfruttare lenti fotograche e un grande sensore
per la registrazione delle immagini. In fotocamere come la Canon EOS 5D Mark II il
sensore in pieno formato, 24x36 mm come la pellicola fotograca.
N
O
T
A
La pellicola cinematografica, pur avendo lo stesso formato, pi piccola
perch viene impressionata in verticale anzich in orizzontale.
Luso di una DSLR per il video la soluzione pi economica per potersi avvicinare alla
qualit di una videocamera RED.
Il codec di registrazione lH.264, pienamente supportato per la riproduzione da
QuickTime e da Final Cut Pro X per lediting. Con la versione precedente di Final Cut
lopzione pi comoda per lavorare con questo tipo di lmati era la conversione nel
codec ProRes 422 di Apple. Con quella attuale viene eettuata una transcodica in
MPEG-4, conservando le caratteristiche del codec originale. Loperazione standard
resta comunque la conversione in ProRes 422.
29
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
Luso di queste fotocamere sta soppiantando le videocamere tradizionali. Con costi
decisamente inferiori possibile acquistare un sistema di registrazione video HD con
ottiche intercambiabili e qualit fotograche. Luso di queste camere ormai diu-
sissimo per certi servizi televisivi e spot pubblicitari.
DVCPRO HD: un formato professionale ad alta denizione. Deriva dal DVCPRO 25
e 50, ma in HD ed anche noto come DVCPRO 100. Il video DVCPRO HD progres-
sivo e disponibile su molte videocamere professionali, soprattutto sulle Panasonic
che utilizzano le memorie P2 per la registrazione. Il supporto sico di registrazione,
a parte il P2, si dierenzia molto tra le varie case produttrici. disponibile anche su
normali videocassette MiniDV o DV.
XDCAM: un formato di registrazione professionale introdotto da Sony. in grado
di registrare materiale video di alta qualit su un supporto simile a un DVD racchiuso
allinterno di un pacchetto o su una memoria Express Card 34. Dopo il DVCPRO HD
su P2 il formato di registrazione preferito dai professionisti.
Un tempo era possibile importare le schede Express Card 34 sui MacBook Pro 17.
Oggi questi computer sono stati rimpiazzati dai modelli a 15 con display Retina,
ma a cui hanno tolto questo lettore integrato per fare spazio alle SD card. Chi ha
interesse ad importare metraggio da queste schede, dovr procurarsi un costoso
lettore esterno.
Tutti gli iMac e i MacBook Pro da 13 e 15 hanno in dotazione un lettore SD Card
(Secure Digital) per macchine fotograche consumer.
Figura 1.9 - Luso di fotocamere digitali per
riprese video HD sempre pi diuso tra i
professionisti e gli amatori evoluti.
30
Final Cut Pro X | Guida alluso
RED: la RED il massimo delle videocamere professionali attualmente disponibili
sul mercato, escludendo la Sony Cinealta, quella usata da George Lucas, che costa
100.000 dollari. La RED costa solamente 40.000 dollari circa per un kit completo
di tutte le ottiche. la soluzione attualmente preferita dai cineasti. Si tratta di una
videocamera in grado di registrare lmati 4:4:4 in formato RAW (come le fotograe)
su un grande sensore. A partire da Final Cut Pro X 10.0.6 possibile importare il video
RAW generato con la RED e trasformarlo in Apple ProRes 444 o Proxy, senza perdita
di qualit e con la possibilit di intervenire sui colori esattamente come si fa con i le
RAW delle fotocamere digitali con i programmi di postproduzione come Photoshop
e Aperture.
Apple ProRes 422: non esiste una videocamera che registri nativamente in questo
formato. Si tratta per di un codec HD molto popolare introdotto da Apple alcuni
anni fa. La losoa del ProRes 422 utilizzare lmati HD 4:4:4 o 4:4:2 senza dover im-
piegare costose schede. I lmati vengono convertiti in questo codec, conservando lo
spazio colore 4:4:2 e occupando maggiore spazio su disco rigido rispetto alloriginale.
Lo spazio colore
Nel corso della lettura del paragrafo precedente vi sarete imbattuti nella dicitura
4:4:4 o 4:2:2. Di cosa si tratta?
Indica lo spazio colore e le informazioni presenti su di esso nel lmato. Questi numeri
sono basati sul valore di luminanza e su due diversi valori di crominanza. In gergo si
dice chrome subsampling. Gli spazi di colore video possono essere RGB o YCbCr. Ve-
diamo per, tra i vari formati video, quale rapporto chrome subsampling possibile
ottenere, partendo dal presupposto che il 4:4:4 il massimo e il 4:2:0 il minimo
sindacale:
4:4:4: dato dallHD-SDI. Le Sony Cinealta e la RED producono questo tipo di
lmati;
4:4:2: presente nei video DVCPRO HD, XDCAM e Digital Betacam. disponi-
bile anche con il formato ProRes 422 di Apple;
4:1:1 : lo trovate nel DV NTSC e nel DVCPRO, NTSC o PAL;
4:2:0 : lo ottenete con il DV PAL, il DVCAM, lHDV e lAVCHD. Anche lApple
Intermediate Codec 4:2:0.
Per la cronaca, esiste anche l8:4:4 generato da alcune macchine Telecine per lacqui-
sizione di pellicole cinematograche.
31
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
Allestire il proprio spazio di lavoro
Lhardware necessario
Il Mac ideale per lavorare con Final Cut il Mac Pro. Questo costoso computer di-
spone di alloggiamenti per quattro hard disk, possibilit di espansione con schede
grache e acquisitrici, RAID (solo modelli usati), interfacce audio e video interne, 64
GB di memoria RAM massima e no a due processori 12-core. Il Mac Pro il com-
puter consigliato e destinato al mercato professionale. Si tratta di una macchina
costosa destinata a durare nel tempo. Final Cut comunque compatibile anche con
gli altri Mac, sempre con la dovuta attenzione ai requisiti di sistema. Un videomaker
amatoriale, anche molto evoluto, che voglia lavorare con Final Cut potr utilizzare
tranquillamente uno degli ultimi iMac.
In fondo, per cominciare a lavorare con il DV-PAL o lHDV suciente avere:
un computer Mac;
un videoregistratore o una videocamera FireWire;
un paio di altoparlanti di buona qualit.
Figura 1.10 - Final Cut Pro X visualizzato su tre display connessi mediante la tecnologia Tunderbolt.
Se possibile, sia che utilizziate un iMac sia un Mac Pro, cercate di dotarvi di un se-
condo display. Dal menu Window potete scegliere la voce Show Viewer on Second
Display per visualizzare il Viewer sul monitor secondario, mentre se volete visualiz-
zare la libreria degli eventi e il browser degli eventi, selezionate la voce Show Events
on Second Display.
32
Final Cut Pro X | Guida alluso
Abbiamo parlato della possibilit di collegare un videoregistratore FireWire anzich
una videocamera, ma perch dotarsi di un videoregistratore se la riproduzione la fa
gi la videocamera? Solo perch pi go? No, il videoregistratore necessario per
tutti i professionisti che acquisiscono ore e ore di lmati su videocassetta allanno.
Le testine di una videocamera sono piccole e leggere, per non rendere il dispositivo
pesante pi del necessario. Essendo pi leggere sono anche meno robuste e adatte
solamente alla registrazione dei lmati. Se avete speso migliaia di euro in una video-
camera professionale, da sprovveduti non preventivare laggiunta di un videoregi-
stratore del costo di 1000-3.000 euro (a seconda del formato video da leggere) che
pu allungare di molto la vita alle testine della videocamera.
Se in un anno acquisite 5-10 ore al massimo di video, potete continuare a utilizzare
la videocamera. Se invece acquisite oltre le 30 ore (uso decisamente professionale)
dotatevi assolutamente di un videoregistratore.
Ma le videocassette e il problema delle testine non aiggono i videomaker pi moder-
ni e attenti alle nuove tecnologie. Ci sono molte videocamere sul mercato (sia amato-
riali sia professionali) che utilizzano memorie sotto forma di schede o hard disk. In que-
sto modo lacquisizione pi veloce e comoda e non necessario un videoregistratore.
Queste videocamere in genere registrano in HD e possono essere video DSLR,
XDCAM o P2.
Per un miglior playback in real time e una velocizzazione nel rendering vivamen-
te consigliato utilizzare un disco rigido indipendente da quello di avvio, dove me-
morizzare il metraggio. Per quanto possa essere veloce un moderno hard disk, se il
bit-rate durante il playback dei lmati alto si rischia di perdere la visione di alcuni
fotogrammi (dropped frames). Memorizzare i lmati HD su un disco rigido diverso
da quello di avvio garantisce una maggiore velocit e adabilit. Potete dotarvi di
un disco rigido esterno, magari FireWire 800, molto pi veloce di un USB 2.0, oppure
di un sistema RAID.
Il sistema RAID un insieme di dischi rigidi che vengono gestiti assieme e con compiti
ben precisi. I sistemi RAID possono essere esterni o interni, hardware o software. Un
sistema RAID esterno un insieme di dischi, controllati in genere da un hardware e pu
essere collegato al Mac con una connessione FireWire 800 o Fibre Channel (questulti-
ma disponibile solo su Mac Pro con installata lapposita scheda Fibre Channel).
Il RAID pi comunemente utilizzato per il video il RAID 0, che garantisce un mag-
giore spazio di archiviazione, pi velocit ma meno sicurezza. I sistemi RAID 1, per
esempio, utilizzano due dischi e luno la copia in tempo reale dellaltro. In un siste-
ma RAID 1 da 2 TB lo spazio eettivo di archiviazione di 1 TB, uno per ciascuno dei
due dischi. Nel caso di guasto a uno dei due, non si perder alcun dato archiviato. Il
sistema RAID 0, invece, se da 2 TB in totale e formato da due dischi da 1 TB, sar
33
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
alla ne di 2 TB e molto pi veloce, ma allo stesso tempo meno adabile. Il sistema
RAID 0, per velocizzare il processo di scrittura, salva i dati un po su un disco e un po
sullaltro. In caso di guasto, sar certamente pi dicile recuperare qualcosa.
Tuttavia, il RAID 0 serve a parcheggiare il metraggio e a scrivere i le di rendering. Il
progetto pu essere salvato sul disco di avvio (magari coperto dal backup di Time
Machine) e il video originale comunque presente sul nastro o su scheda di memo-
ria. Se dovete liberare la scheda di memoria, abbiate laccortezza di memorizzarne il
contenuto su un altro disco oltre al RAID.
I RAID 0 possono essere inadabili soprattutto se gestiti via software.
Figura 1.11 - Lapplicazione RAID Utility per la gestione della scheda Mac Pro RAID.
Un tempo Apple metteva a disposizione una scheda chiamata Mac Pro RAID, che era
installabile, appunto, su Mac Pro. Questa scheda costava 630 euro ed era acquistabile
34
Final Cut Pro X | Guida alluso
al momento della congurazione del Mac Pro o anche successivamente. Essa garanti-
sce una grande adabilit in tutti i livelli di RAID. dotata anche di una batteria in-
terna per evitare la brusca frenata dei dischi rigidi in caso di mancanza di corrente. La
scheda Mac Pro RAID si gestisce dal DVD di avvio di Mac OS X, sotto la voce Utility,
oppure allinterno del sistema operativo installato al percorso /Applicazioni/Util-
ity/Utility RAID. Un ottimo acquisto, al posto di un nuovo iMac, potrebbe essere
un Mac Pro usato con questo tipo di scheda. Chiedete al vostro negoziante di ducia.
Recentemente Apple ha introdotto sugli iMac e sui MacBook Pro la tecnologia
Tunderbolt (Figura 1.10). Si tratta di una vera rivoluzione destinata a rimpiazzare
la soluzione FireWire. La velocit del passaggio dati veramente impressionante (10
Gbps contro i 5 dellUSB 3.0). Siamo ancora agli inizi e i dispositivi di questo tipo
hanno un costo elevato, ma rappresentano certamente il futuro e la tecnologia di
riferimento per questo decennio.
Anche i portatili possono essere impiegati per il montaggio video con Final Cut Pro
X. Non possono ovviamente gestire la stessa mole di lavoro di un Mac Pro e nem-
meno i lmati HD ad altissima denizione, come quelli delle RED camera. I le, per,
possono essere convertiti in un formato Apple ProRes 422 adatto per questo tipo di
elaborazione.
Utilizzare Final Cut Pro X su un sistema portatile da considerarsi una soluzione
di emergenza, da adottare quando si necessita di montare il video on-the-road. Il
costo delle memorie SSD, rispetto ai tradizionali Hard Disk, notevolmente calato
negli ultimi tempi, ma il loro rapporto costi/beneci ancora sfavorevole. Una buo-
na possibilit potrebbe essere un portatile abbinato a un disco esterno RAID con
connessione Tunderbolt, la soluzione certamente pi veloce sul mercato. Resta da
considerare che i tempi di usura di un portatile, rispetto a un Mac Pro o a un iMac
sono molto pi rapidi.
Compatibilit
Strumenti di terze parti supportati
Qualora ne abbiate lesigenza, consultate questa lista per vedere la strumentazione di
terze parti compatibile con Final Cut Pro X e con Motion.
Fotocamere digitali
Canon EOS 5D Mark II (Codec H.264) Nikon Coolpix P500 (Codec H.264)
Canon EOS 7D (Codec MPEG-4) Nikon Coolpix S9100 (iFrame / H.264)
Canon IXUS 310 HS (iFrame/H.264) Nikon D3100 (Codec H.264)
35
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
Fotocamere digitali
Canon IXY 31S (iFrame/H.264) Nikon D90 (Codec MJPEG)
Canon PowerShot ELPH 500 H (iFrame/H.264) Nikon D800
Canon EOS 600D (Codec H.264) Panasonic DMC-G3 (Codec AVCHD / MJPEG)
Canon EOS 5D Mark II Panasonic DMC-GH2 (Codec AVCHD / MJPEG)
Canon EOS 1100D Panasonic DMC-LX5 (Codec AVCHD / JPEG)
Canon EOS 650D Panasonic DMC-ZS10 (Codec AVCHD / MJPEG)
Canon EOS 60D Sony Alpha SLT-A55V (Codec AVCHD / H.264)
Canon EOS 6D Sony DSC-H55 (Codec MPEG-4)
Canon EOS 1DX Sony DSC-TX10 (Codec AVCHD / MPEG-4)
Canon EOS 1-C Sony DSC-TX10E (Codec AVCHD / MPEG-4)
Canon PowerShot G12 (Codec H.264) Sony MHS-FS2 ( Codec MPEG-4)
Canon PowerShot SX230HS (iFrame / H.264) Sony NEX-5
JVC GC-PX1 (iFrame / H.264)
Videocamere basate su memorie (hard disk, DVD o memorie ash)
Canon HF10 Panasonic HDC-SD5/UP
Canon HF100 Panasonic HDC-SD9/P
Canon HF11 Panasonic AG-AF100P
Canon HG10 Panasonic HDC-TM40
Canon HG20 Panasonic HDC-TM60
Canon HR10 Panasonic HDC-TM900
Canon LEGRIA HF S200 Sony HDR-CX12/E
Canon VIXIA HF G10 Sony HDR-CX7/E
Cisco Flip Ultra HD Sony HDR-HC9
Contour Contour HD Sony HDR-SR1
GoPro Hero Sony HDR-SR10/E
JVC GY-HM100U Sony HDR-SR11/E
JVC GY-HM700CHE/U Sony HDR-SR1E
JVC GC-FM2 Sony HDR-SR8E
JVC GZ-HM300S Sony HDR-UX1/E
Panasonic AG-HMC150P Sony HDR-UX5/E
Panasonic AG-HMC151E Sony HDR-UX7/E
Panasonic AG-HMC70EN Sony HDR-XR520/E
Panasonic AG-HMC70P Sony HDR-XR550VE
Panasonic AG-HSC1UP Sony HXR-MC1
36
Final Cut Pro X | Guida alluso
Videocamere basate su memorie (hard disk, DVD o memorie ash)
Panasonic AG-HVX200E Sony PMW-EX1
Panasonic AG-HVX200P Sony DCR-SR88E
Panasonic HDC-DX1E Sony HXR-NX5U
Panasonic HDC-DX1P Sony NEX-VG10
Panasonic HDC-SD3
Videocamere con connessione FireWire
Canon Elura 100 JVC GY-DV300U
Canon Elura 50 JVC GY-DV5000U
Canon Elura 60 JVC GY-HD100U
Canon Elura 65 JVC GY-HD101E
Canon Elura 70 JVC GY-HD110U
Canon Elura 80 JVC GY-HD111E
Canon Elura 85 JVC GY-HD200E
Canon Elura 90 JVC GY-HD201E
Canon HV10 JVC GY-HD250U
Canon HV20 JVC GY-HD251E
Canon HV30 JVC JY-HD10U
Canon MD140 Panasonic AG-DVC30E
Canon MD160 Panasonic AG-DVC30P
Canon MD245E Panasonic AG-DVC60E
Canon MD255E Panasonic AG-DVC60P
Canon MV10 Panasonic AG-DVC7P
Canon MV100 Panasonic AG-DVX100AP
Canon MV20i Panasonic AG-DVX100BE
Canon MV300i Panasonic AG-DVX100BE
Canon MV30i Panasonic AG-DVX100BP
Canon MV3i Panasonic AG-DVX100E
Canon MV400i Panasonic AG-DVX100P
Canon MV450i Panasonic AG-HVX200E
Canon MV4iMC Panasonic AG-HVX200P
Canon MV500i Panasonic AJ-SPD850
Canon MV630i Panasonic PV-DV851D
Canon MV650i Sony DCR-HC20
Canon MV920 Sony DCR-HC26E
37
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
Videocamere con connessione FireWire
Canon MV940 Sony DCR-HC32E
Canon MV960 Sony DCR-HC52
Canon MVX150i Sony DCR-HC62
Canon MVX1i Sony DCR-HC85
Canon MVX200i Sony DCR-PC1
Canon MVX20i Sony DCR-PC100
Canon MVX3i Sony DCR-PC109
Canon MVX460 Sony DCR-PC110
Canon Optura 100MC Sony DCR-PC9
Canon Optura 20 Sony DCR-TR7000
Canon Optura 200MC Sony DCR-TRV10
Canon Optura 300 Sony DCR-TRV103
Canon Optura 40 Sony DCR-TRV11
Canon Optura 50 Sony DCR-TRV17
Canon Optura 500 Sony DCR-TRV20
Canon Optura 60 Sony DCR-TRV230
Canon Optura Xi Sony DCR-TRV27
Canon XH A1 Sony DCR- TRV310
Canon XH G1 Sony DCR-TRV320
Canon XL H1 Sony DCR-TRV510
Canon XL H1s Sony DCR-TRV7
Canon XL1S Sony DCR-TRV820
Canon XL2 Sony DCR-TRV8E
Canon XM2 Sony DCR-TRV9
Canon ZR10 Sony DCR-TRV900
Canon ZR100 Sony DCR-VX1000
Canon ZR20 Sony DCR-VX2000
Canon ZR200 Sony DCR-VX2100
Canon ZR300 Sony DSR-200
Canon ZR30MC Sony DSR-250P
Canon ZR400 Sony DSR-PD100A
Canon ZR500 Sony DSR-PD150
Canon ZR60 Sony DSR-PD170/P
Canon ZR600 Sony HDR-FX1/E
Canon ZR700 Sony HDR-FX1000/E
38
Final Cut Pro X | Guida alluso
Videocamere con connessione FireWire
Canon ZR70MC Sony HDR-FX7/E
Canon ZR80 Sony HDR-HC1/E
Canon ZR85 Sony HDR-HC3/E
Canon ZR90 Sony HDR-HC5/E
Canon ZR930 Sony HDR-HC7/E
Canon ZR950 Sony HDR-HC9E
JVC GR-D270AG Sony HVR-A1U
JVC GR-D270U Sony HVR-HD1000P/U
JVC GR-DF430AG Sony HVR-V1P/U
JVC GR-DF450U Sony HVR-Z1U
JVC GRL-DVL520U Sony PDW-F350
Videoregistratori FireWire
JVC BR-DV3000U Sony DSR-1600A
JVC BR-DV6000U Sony DSR-1800/A/P
JVC BR-DV600U Sony DSR-20
JVC BR-HD50E Sony DSR-2000/A/P
JVC BR-HD50U Sony DSR-25
JVC CU-VH1 Sony DSR-30
Panasonic AG-DV2000P Sony DSR-40/P
Panasonic AG-DV2500 Sony DSR-40P
Panasonic AJ-D250 Sony DSR-45/A/P/AP
Panasonic AJ-D250E Sony DSR-DR1000A/AP
Panasonic AJ-D250P Sony GV-D300
Panasonic AJ-HD1400 Sony GV-HD700/E
Panasonic AJ-SD255E/P Sony HVR-1500/A
Panasonic AJ-SD455E/P Sony HVR-M10U
Panasonic AJ-SD755E/P Sony HVR-M15AU/U
Panasonic AJ-SD93 Sony HVR-M25AU/U
Panasonic AJ-SD930 Sony HVR-M35U
Panasonic AJ-SD955AP Sony J-30
Sony DHR-1000 Sony PDW-1500
Sony DSR-11 Sony PDW-V1
Sony DSR-1500/A
39
Il mondo di Final Cut Capitolo 1
Interfacce e mixer compatibili con Soundtrack Pro
Ecco un elenco di periferiche compatibili con Soundtrack Pro per chi passa da Final
Cut Studio a Final Cut Pro X. Ricordo che Soundtrack Pro continuer a risiedere nella
cartella Applicazioni del vostro Mac.
Interfacce audio
Alesis io|2
Apogee Duet
Apogee Ensemble
Digidesign Mbox
Grin iMic
Presonus Firebox
Tascam FIREONE
Tascam FW-1082
Tascam FW-1884
Tascam US-144
Mixer e Control Surface
Euphonix MC Control
Euphonix MC MIX
Mackie Control
Tascam FW-1884