Sei sulla pagina 1di 3

GIORDANO BRUNO (M.

Ciliberto) Solitudine di Bruno; senso della missione (angelo) mnemotecnica, cabala, magia, astrologia, metempsicosi: tutta la cultura del Rinascimento compendiata in Bruno formazione erasmiana, cristocentrica, poi superata in una radicale critica al cristianesimo e alla figura di Cristo cattivo mago Bruno uomo di teatro: processo come grande palcoscenico in cui si ribaltano i ruoli (gli accusatori diventano accusati, l imputato giudice) fine dell eurocentrismo e della cultura medioevale religione operativa, magica, ripresa dalla lezione degli !gizi, c"e sapevano comunicare con la divinit# attraverso la natura, manipolata grazie alla magia nuova religione naturale e civile: $ac"iavelli religione autenticamente egualitaria: su tutti gli uomini splende lo stesso sole, lo stesso %io i selvaggi: Bruno li considera uguali a noi, frutto della stessa materia universale c"e produce ovun&ue uomini c"e, se differiscono per il colore della pelle, sono uguali per anima ed essenza e si alternano nel sopraffarsi (nella ruota del tempo, gli indios perseguiteranno gli europei) vita ' materia universale c"e genera continuamente realt# animate (vs creazione) gli uomini differiscono tra loro solo per il merito, l opera; &uesto li differenzia anc"e dalle bestie c"e, pure, sono composte della stessa materia l uso della mano (operativit#, attivit#) ( il principio della civilt# umana e ci) c"e effettivamente distingue l uomo dagli animali e gli consente di dominare la natura dal mondo c"iuso all universo infinito: lotta all antropocentrismo cristiano e scolastico scoperta dell infinito: non c ( relazione tra finito e infinito, poic"* sono strutturalmente incommensurabili; perci) la figura di Cristo ( impossibile, come &uella del centauro C"irone (mostruoso e inconcepibile) l uomo crea se stesso non ( la materia c"e genera il pensiero, ma il pensiero c"e genera la materia la scienza deve servire all uomo per comprendere se stesso cultura vs potere l uomo ( finito, ombra e non luce: come pu) conoscere la verit# e l infinito+ Se ( uno degli infiniti dettagli dell infinito, come pu) guardare direttamente %io, la verit#+ ,ttraverso le immagini in cui si rispecc"ia la divinit# egli pu) risalire con fatica a %io: l universo ( immagine e simulacro di %io e come tale pu) essere conosciuto dall uomo, sebbene sia finito verit# come con&uista personale, individuale dell uomo: non c ( un percorso stabilito e valido una volta per tutte; ognuno fa a suo modo l esperienza di %io differenza Bruno - .alileo: non concezione &uantitativa della realt#, ma &ualitativa/ 0a realt# naturale ( in un movimento continuo di trasformazione e ci) ne impedisce la misurazione/ 0a verit# cambia incessantemente e cos1 cambia l uomo (modello atomico in cui ( inserito anc"e l uomo: ciclo di perenne mutamento) materia come vita: ilozoismo; rottura delle distinzioni aristotelic"e tra forma e materia, atto e potenza/ 2atura spiritualizzata c"e si ritrova in %io: panteismo; atomismo pensiero radicalmente anticristiano (scomunic"e ripetute da parte di tutte le sette cristiane): processi (3enezia e Roma) per 45 mesi Bruno combatte strenuamente per non morire; perc"* alla fine cede+ , 3enezia Bruno accetta di abiurare, a patto c"e l abiura non avvenga durante una cerimonia pubblica: ( disposto a dissimulare, pur di poter continuare nella sua opera e salvare la verit# a Roma, invece, Bellarmino lo mette alle strette; l alternativa diventa abiurare o

salvaguardare la verit#, non c ( pi6 spazio per la dissimulazione/ ,llora Bruno decide di morire abilit# della difesa di Bruno: argomento e7 nunc (dimostrare di aver sostenuto le proprie tesi prima c"e la c"iesa le condannasse) metmpsicosi: credenza nella trasmigrazione delle anime; cade la distinzione tra anima dell uomo e anima dell animale, &uindi anc"e il principio dell immortalit# e responsabilit# dell anima individuale, c"e non pu) pi6 essere sottoposta a giudizio esiste una grande anima del mondo c"e si rompe in infiniti frammenti di specc"io c"e, poi, si ricongiungono per frammentarsi ancora e cos1 via all infinito circolarit# infinita delle anime c"e trasmigrano eternamente dalla terra al cielo e viceversa principio del merito: non ( un principio teologico; %io non distribuisce premi e castig"i/ ! un concetto civile: ci si deve battere per ac&uisire meriti affinc"* la societ# umana e la civilt# progrediscano (vs Riforma: eliminando le opere, i meriti, si distrugge la civilt#) Spaccio de la bestia trionfante: la responsabilit# dell uomo consiste nel fatto c"e, ac&uisendo meriti e migliorando incessantemente se stesso, egli pu) indirizzare il processo della metempsicosi verso forme di vita superiori, invece di abbassarsi a &uelle inferiori dic"iarazione solenne di Bruno al processo: non "a niente di cui pentirsi, non vuole pentirsi la fortuna e il mito di Bruno dipendono in gran parte dalla sua morte: egli sostiene la libertas p"ilosop"andi; l intellettuale "a il compito di guidare la nave della societ# civile facendo uso di una totale libert# d i ricerca morte come testimonianza della filosofia in Bruno ( centrale il rapporto tra biografia e filosofia: intreccio complesso tra vita e pensiero, c"e rende arduo decifrare le sue opere epistole c"e precedono i dialog"i: sono tutte autobiografic"e, ma non per &uesto estranee al pensiero (&uesto rapporto sar# infranto dai successivi sviluppi del pensiero filosofico 8l candelaio 9 %e gli eroici furori: tema del corpo e della corporeit#; l eroico furore coinvolge strettamente il corpo, c"e viene valorizzato anc"e nel processo di visione della verit# c"e ( apocalisse, illuminazione c"e mai colma la distanza incolmabile tra uomo e divinit# tra le fonti di Bruno, fondamentale il Corpus "ermeticum: summa di magia, alc"imia, astrologia, filosofia naturale, potenzia la visione bruniana di un universo ordinato secondo gradi di perfezione c"e conducono l anima all unione con il tutto carattere rivoluzionario dell :manesimo e del Rinascimento, percepito c"iaramente dalla storiografia illuministica (% ,lembert, !nciclopedia) e ottocentesca ($ic"elet, Burc;"ardt) gli umanisti stessi creano il mito della rinascita: un mito c"e affonda le proprie radici nella realt#, in una rivoluzione culturale e politica c"e poi sfocer# in una grande crisi politico9 economica, nonc"* culturale Bruno come culmine della cultura rinascimentale c"e si pone anc"e come suo oltrepassamento uomo del Rinascimento: immerso nella realt#; misura di tutte le cose; microcosmo in cui si compendia il macrocosmo,sperimenta e indaga la natura e la societ#; grazie alla magia, interviene nella natura e modifica il suo rapporto con il tutto, il cosmo 0eonardo come modello dell uomo rinascimentale e del suo approccio al sapere e alle tecnic"e: osservazione, comprensione dei fenomeni, sperimentazione (verso la rivoluzione scientifica) nel <55 la filosofia stabilisce rapporti molto stretti con l arte, la letteratura (ut pictura p"ilosop"ia): Bruno lavora secondo modalit# artistic"e, parla delle sue scoperte come artes (arte della memoria)/ 2esso organico tra parole e immagini: le opere sono conteste di immagini, spesso opera di Bruno stesso !roici furori' galleria di immagini mentali, interiori, c"e il sapiente deve costruire come

patrimonio della sua arte della memoria, arte delle arti decisivo, in Bruno, il rapporto tra parola e immagine: i dialog"i in volgare sono grandi rappresentazioni teatrali e artistic"e, in cui si d# ampio spazio alla pittura (Cena de le ceneri) l anti9antropocentrismo, relazionato al tema dell infinito, porta a una rimodulazione del rapporto dell uomo con la divinit# e la verit#, non pi6 lineare n* fisico: Bruno nega la possibilit# di &uesto rapporto c"e pu) essere solo metafisico (immagine della spirale) solo attraverso l esperienza dell eroico furore l uomo pu) uscire dalla sua finitudine e spingere il corpo al limite della rottura, del vizio e della malattia: solo cos1, andando oltre la virt6 e la sanit#, si pu) superare la sapienza stessa, spingersi oltre se stessi e diventare furiosi, toccare l infinito eresia ariana (periodo napoletano): le tre figure della trinit# non sono e&uivalenti; %io padre, infinito, non pu) essere e&uiparato al figlio, finito filosofia di Bruno come espressione di una mentalit# pre9moderna (=/ Rossi, 8l tempo dei mag"i), ma anc"e come esperienza filosofica estrema, ricca di temi c"e saranno sviluppati pienamente solo dalla modernit# Bruno va oltre Copernico: lo infinitizza; parla di infiniti mondi finiti, in cui la terra ( uno dei tanti mondi possibili, e non il migliore/ 0a terra viene relativizzata e cos1 l esperienza cristiana, c"e riguarda solo una specifica regione dell universo, non ( universale n* immortale (oroscopo delle religioni 9 nd0) filosofia c"e pensa la crescita cos1 come la distruzione dei mondi materialismo: il principio ( la materia; non la materia inerte, ma la materia come vita, produzione continua di essere e di mutamento (tutto il contrario del materialismo ottocentesco>), c"e nega radicalmente il concetto cristiano di creazione