Sei sulla pagina 1di 3

Agamennone (gr. Agammnon; lat. Agamemnon) Caratteristiche e genealogia Re di Argo, figlio di treo [cfr.

Atridi] e di Arope, fratello di Menelao, marito di Clitemnestra, comandante della spedizione achea contro Troia. econdo i poemi omerici, Agamennone regna s! Argo e s!lle isole (Iliade "" #$%s.) opp!re s! Micene e Corinto (Iliade "" &'(ss.). )on manca per* chi sit!a il s!o regno in +aconia (,rodoto, Storie -"" #&(). .!rante le /icende che opposero s!o padre Atreo al fratello Tieste, Agamennone si rif!gia con Menelao alla corte spartana di Tindaro, grazie al 0!ale in seg!ito ricon0!ista il trono perd!to e di c!i sposa la figlia Clitemnestra, dopo a/erne !cciso il precedente marito Tantalo. 1n c!lto di Agamennone testimoniato in +aconia e in Agamennone nellIliade "l s!o r!olo di s!premo condottiero nella g!erra contro Troia spesso osc!rato dall2emergere di contrasti e di ri/alit3 che riflettono, secondo gli st!diosi, il momento di transito fra l2antica monarchia di epoca micenea 4 da 0!esto p!nto di /ista Agamennone ancora il so/rano s!premo di !n regno dai confini non 5en definiti 4 e i n!o/i regimi aristocratici di et3 arcaica6 perci* Agamennone ris!lta spesso il semplice capo di !na coalizione paritaria i c!i mem5ri (gli altri comandanti dei di/ersi contingenti greci) decidono e agiscono in sostanziale a!tonomia. +2esempio pi7 noto di tali affronti all2a!torit3 panellenica di Agamennone il contrasto che lo oppone ad Achille e che d3 origine alla narrazione dell2"liade6 Agamennone, costretto a li5erare la schia/a Criseide per placare la pestilenza ca!sata da Apollo, decide di ri/alersi sottraendo 8riseide ad Achille9 0!est2!ltimo, 5ench: a malinc!ore, acconsente, ma decide di ritirarsi dalla g!erra, dando inizio a !n contrasto che costringer3 Agamennone a /enire a patti con l!i, risarcendolo ampiamente per il torto s!5ito. Ma nell2Iliade Agamennone anche !n /aloroso g!erriero, e alle s!e imprese personali dedicato il li5ro ;"6 la s!a principale caratterizzazione com!n0!e 0!ella di !n re a/ido, a!toritario e pre/aricatore. " poemi omerici lo conoscono come padre di tre figlie (Cris*temi, +aod<ce e "fianassa) e di !n figlio (=reste). Agamennone prima e dopo la guerra di Troia " dati s!i figli attri5!iti da =mero ad Agamennone sono sottoposti a !na profonda reinterpretazione dal filone mitografico che godr3 di 5en pi7 larga fort!na in et3 postomerica6 esso r!5rica tra le figlie innanzit!tto "figenia (spesso identificata con "fianassa) ed ,lettra (nota gi3 all2=restea di tes<coro). "figenia connessa a !n e/ento preiliadico6 Agamennone l2a/re55e sacrificata, s! consiglio dell2indo/ino Calcante, per placare Artemide, la c!i ira impedi/a agli Achei si salpare da !lide alla /olta di Troia. Tale dolorosa scelta costit!isce l2antefatto dell2altra, famosa /icenda (0!esta /olta postiliadica) che /ede Agamennone come protagonista6 dopo la sconfitta dei Troiani, il re sare55e tornato ad Argo recando con s: Cassandra, figlia di >riamo ormai ridotta in schia/it79 ma al s!o arri/o in citt3, la moglie Clitemnestra, coadi!/ata dall2amante ,gisto, a/re55e !cciso a tradimento il so/rano per /endicare il sacrificio di "figenia (secondo altre /ersioni, per gelosia di Cassandra). "l mito noto gi3 all2=dissea (""" ?@As., ?A%B?&?9 "- (#s.), do/e peraltro lo spettro di Agamennone racconter3 ad =disseo, d!rante la s!a discesa all2Ade, le modalit3 dell2omicidio orchestrato dalla sposa (;" A$(BA?$). +a fine ingloriosa di Agamennone sar3 oggetto di fort!nate trattazioni da parte dei tragediografi, in particolare ,schilo (di c!i sopra//iss!to !n dramma Agamennone) e ofocle, per 0!anto i /ari a!tori discordino s! alc!ni dettagli (in ,schilo, per esempio, Agamennone !cciso nel 5agno della propria reggia9 in ofocle, come gi3 in =mero, l2assassinio a//iene nella sala da pranzo, d!rante il 5anchetto di 5en/en!to)9 d!55io anche chi sia stato l2esec!tore materiale del delitto, Clitemnestra ( tesicoro, ,schilo), ,gisto (=mero) o entram5i ( ofocle, ,!ripide). Altre tradizioni attri5!iscono ad Agamennone !lteriori figli maschi a/!ti da Criseide (cos< il mitografo "gino) e da Cassandra (cos< >a!sania, "" #',' s.). "n et3 romana Agamennone sar3 personaggio dell2omonima tragedia di eneca.

Secondo il mito Eris, della della discordia, non venne invitata al banchetto per le nozze dei genitori di Achille. Per vendicarsi ella fece cadere sulla tavola una bellissima mela doro con su scritto <<Alla pi bella>>. Le de ra, Afrodite e Atena cominciarono a litigare ma !eus

decret" che sarebbe stato un uomo, Paride figlio di Priamo re di #roia, a decidere chi fosse degna del pomo. Allora ra promise a Paride che, se lavesse scelta, gli avrebbe dato il dominio sullAsia$ Atena invece gli promise la saggezza e linvincibilit%$ Afrodite gli assicur" che, se lavesse fatta vincere, gli avrebbe fatto sposare la donna pi bella del mondo cio lena, moglie di &enelao. Paride fece vincere Afrodite. La da, perci", fece un incantesimo su lena che, non appena vide Paride, andato nel suo palazzo in missione diplomatica con i suoi fratelli, se ne innamor" e fugg' con lui a #roia. &enelao, chiamati altri re Achei in aiuto, mosse guerra alla citt% di #roia per riprendersi sua moglie( Argonauti (gr. Argonatai9 lat. Argonautae) ,roi leggendarii detti anche MCnii (da Minia, il re tessalo di c!i alc!ni di loro, tra c!i Gisone, si dice/ano discendenti), che s! in/ito di Diasone si im5arcarono s!lla na/e Argo alla /olta della Colchide per con0!istare il vello doro. "l mito, antichissimo, adom5ra forse !n2impresa storicamente a//en!ta6 la penetrazione coloniale greca nel Mar )ero, in et3 micenea, da parte della tri5E dei Minii di Tessaglia. econdo la tradizione, 0!ando Diasone si rec* a Iolco a reclamare il trono paterno !s!rpatogli dallo zio Plia, cost!i promise di a5dicare a patto che egli riportasse in patria il /ello d2oro dell2ariete s! c!i era f!ggito Frisso (sperando, in 0!esto modo, di li5erarsi di l!i). Con l2ai!to di Era, Diasone rad!na circa cin0!anta tra i piE /alenti eroi greci (il nome e il n!mero /ariano a seconda degli a!tori6 ricordiamo Argo, Tifi, +inceo, Eracle, "la, Orfeo, C3store e >ollEce, Telam*ne e >leo, Admto, Meleagro). "l /iaggio tocca di/erse terre tra c!i l2isola di +emno, CCzico, la Misia, la 8itinia, la Tracia e finalmente, dopo le Simplgadi, la Colchide. G!i il re Eta promise a Diasone di consegnare il /ello d2oro, sor/egliato da !n terri5ile drago, solo dopo il s!peramento di !na pro/a d!rissima6 Diasone a/re55e do/!to aggiogare !n paio di tori spiranti fiamme, arare !n campo consacrato a Marte, seminar/i i denti di !n drago e /incere i g!errieri che ne sare55ero sorti. Diasone ri!scC nell2impresa grazie alle arti magiche della figlia di ,eta, Medea, innamoratasi di l!i6 si impossess* d!n0!e del /ello d2oro e f!ggC, portando con s: anche la donna. !l /iaggio di ritorno esistono di/erse /arianti mitiche. i narra in ogni caso di !n tragitto faticoso e ricco di n!o/e peripezie, che si risolse per* nel rientro a "olco, secondo !no schema che ricalca il /iaggio di Odisseo. +a saga degli Argona!ti stata trattata da di/ersi a!tori e ha ispirato /arie opere antiche e moderne. Tra le prime, degne di menzione, 5ench: 0!asi interamente perd!te, !na trilogia drammatica di Eschilo, d!e tragedie (Donne di Lemno e Colchide) e !n dramma satiresco (mico) di Sofocle, la tragedia Ipspile di Euripide e infine 4 conser/ati in/ece 4 il poema epico di Apollonio odio, Argonautiche (-arrone Atacino le trad!sse in latino, ma i s!oi Argonautae non sono gi!nti a noi), le incompi!te Argonautiche di -alerio Flacco, infine !n omonimo poema orfico di epoca tardoBantica (cfr. =rfeo). "n 3m5ito moderno la saga degli Argona!ti incontra !na certa fort!na nel teatro (ad esempio La conqute de la toison dor [H+a con0!ista del /ello d2oroI, #''$] di >. Corneille, o la trilogia drammatica di F. Drillparzer, Das oldene !lies [H"l /ello d2oroI, #J?$]), nell2arte (A. Carracci scelse il tema per !na serie di affreschi [#&J@B#&JA] di >alazzo Fa/a a 8ologna, ma gi3 nell2antichit3 si contano raffig!razioni di scene o particolari della /icenda leggendaria) e nella m!sica (n!merosi, sopratt!tto, i li5retti di opere liriche).