Sei sulla pagina 1di 3

RIASSUNTI STORIA by Marco Zuncheddu. 1)Il direttorio e le prime campagne di Napoleone 1.

.1 La costituzione moderata del 1795: Nel novembre 1794, a Parigi fu chiuso il club dei giacobini. Nel 1795 fu approvata la nuova Costituzione (la terza, dopo quella del 1791 e 1793). Al popolo fu negato il diritto di insurrezione e fu poi rifiutato il principio della democrazia diretta. Il potere esecutivo fu affidato al Direttorio, un collegio di cinque membri, chiamati direttori. Ci fu poi una separazione dei poteri, tra il Consiglio dei Cinquecento e il Consiglio degli Anziani. Entrambe le camere erano elette a suffragio censitario, il che rendeva non democratico il nuovo ordinamento dello Stato. 1.2 Difficolt economiche e tumulti sociali. Nel 1794 fu abolito il maximum, e nel corso dello stesso anno lassegnato si svalut sempre di pi. Il popolo quindi si sent senza pi potere e schiacciato da ogni punto di vista. Nel 1795 ci furono diverse insurrezioni in cui il popolo chiese << Pane e Costituzione del 1793>> anche se i tumulti foruno poi facilmente repressi dalle truppe governative. Non ottenne nessun risultato neppure la Congiura degli eguali di Gracco Babeuf. Al tempo si discuteva del fatto che gli uomini dovessero essere tutti uguali tra loro, senza differenze sociali di alcun tipo. Limportanza storica della congiura rappresentava dunque il tentativo di abolire la propriet. Babeuf guardava con diffidenza il popolo, ritenendo che fosse indispensabile unavanguardia illuminata, poich altrimenti lo stato non sarebbe andato molto lonato. 1.3 La campagna dItalia. Nel 1796 la Francia era sullorlo del declino finanziario. Era dunque necessario creare un piano di salvezza che consisteva nel creare unoffensiva su due fronti, sul Reno e in Italia settentrionale. Larmata destinata alloffensiva contro il Regno di Sardegna e la Lombardia austriaca era formata da soldati malpagati e mal addestrati. Al comando di questo esercito di 45000 soldati fu collocato il generale Napoleone Bonaparte. Dopo la sorprendente vittoria, il generale stipul poi un vantaggioso accordo con lAustria (il trattato di Campoformio), che fu costretta a ritirarsi dalla Lombardia in cambio delloccupazione della Repubblica di Venezia e lasciare che la Francia acquisisse il Belgio e le terre sulla riva del Reno. Napoleone fu inizialmente visto come un liberatore, anche se poi si not ben presto che Napoleone aveva intenzione di trattare lItalia come una semplice merce di scambio per i propri interessi. Loccupazione francese in italia fu completata nel febbraio 1789, quando le truppe napoleoniche giunsero fino a Roma e Napoli. 1.4 La campagna dEgitto. Dopo la pace con lAustria la Francia cominci a contrastare lInghilterra da un punto di vista economico. La Francia disturb lInghilterra nei suoi possedimenti coloniali in India. Il comando della spedizione dEgitto fu affidato a Napoleone che parti da Tolone con 38000 uomini. Dopo aver sconfitto i mamelucchi, la truppa francese fu distrutta da quella inglese (comandata dallammiraglio Nelson). La spedizione francese fu un completo fallimento, lunica nota positiva fu il ritrovamento della Stele di Rosetta, che avrebbe permesso di decifrare i geroglifici egizi. Nel 1799 fu messo in atto un colpo di stato poich il Direttorio fu soppresso e nel 1800 il governo fu insediato da tre consoli. Nel giro di breve tempo la Francia si trasform in una dittatura militare dato che Napoleone trasform la propria carica di primo console in console a vita.

2) Napoleone al potere. 2.1 Il codice civile. Dopo essersi liberato dalle preoccupazioni militari, con la grande vittoria a Marengo e Hohenlinden, Napoleone volle riorganizzare la soit francese. La prima novit introdotta da Napoleone fu il Codice, che introdusse luguaglianza dei cittadini difronte alla legge, libert di culto e l introduzione del matrimonio civile. Furono abolite le discriminazioni nei confronti dei protestanti, degli ebrei e dei non credenti dichiarati. Lo Stato introdusse il matrimonio civile e il divorzio e cambi la posizione sociale della donna: la figura femminile era considerata debole e incapace di gestire la propria vita, era dunque inferiore alluomo. Il Codice assegn allo stato la cura delle scuole superiori.

2.2 Limpero. Nel 1804 Napoleone cancell quello che restava della repubblica francese. Il 2 dicembre cinse la corona di imperatore dei francesi in presenza di Pio VII con una cerimonia tipicamente medioevale. Napoleone si incoron personalmente; il suo modello era romano poich adott simboli come quello dellaquila con finalit propagandistiche. Nel 1805 la Francia vinse in Spagna la battaglia di Trafalgar, contro lInghilterra. Lanno successivo Napoleone dichiar estinto il Sacro romano impero, sostituendolo con una Confederazione del Reno: una seria di stati che costituivano il dominio del generale vittorioso. Nello stesso anno la Prussia fu obbligata a sostenere lesercito francese e dal territorio del regno fu separata un area delle regioni pi orientali, al fine di permettere la nascita di un gran ducato di Varsavia. Tutti gli stati sconfitti da Napoleone erano obbligati a fornire contingenti di truppe e eseguire gli ordini dellimperatore.

2.3 Linvasione della Spagna. Nel 1807 Napoleone sconfisse in Polonia le armate dello zar Alessandro I. Bonaparte viet ai paesi europei di intrattenere relazioni commerciali di qualsiasi genere con lInghilterra, bloccandone le esportazioni. Il blocco continentale fu sanzionato da tre decreti, una misura simile permetteva alla Francia di avere un nuovo impulso commerciale grazie alla nuova vastissima area di mercato. Loperazione del blocco continentale fu accompagnata dallinvasione francese del Portogallo e della Spagna. Napoleone voleva rifornire la Spagna di quei manufatti di cui aveva bisogno. Tuttavia lesercito francese incontr grandi difficolt nel conquistare il territorio spagnolo poich venne adottata la tattica della guerriglia. Napoleone si present come un alfiere dei Lumi e di una civilt superiore rispetto agli altri popoli dEuropa. Percependo le difficolt del nemico lInghilterra invi in Sagna un contingente di truppe, guidate da duca Wellington, che inflisse ai francese numerose sconfitte e riusc a conservare il controllo britannico sul Portogallo.

2.4 Il fallimento del blocco continentale. Tra il 1806 e 1810, le esportazioni britanniche subirono un forte colpo e la conseguente crisi produttiva provoc in Inghilterra alcune proteste operaie: tuttavia lInghilterra riusc in breve tempo a trovare mercati alternativi a quelli europei. Tutti i grandi porti nellarea francese subirono danni gravissimi in conseguenza del fatto di non poter pi commerciare con la Gran Bretagna. Lintero sistema era subordinato agli interessi economici della Francia. Il risultato dellimpostazione data dallimperatore allembargo antibritannico fu che i principali stati europei, nel giro di breve tempo, non trovarono alcun interesse a sostenere il blocco: anzi, tentarono ogni strada pur di continuare a commerciare con gli inglesi. Il contrabbando divenne unattivit quanto mai fiorente. Addirittura ci fu un commercio clandestino cos imponente che coinvolse circa 10000 solo ad Amburgo, grazie alla complicit di numerosi funzionari francesi addetti ai controlli doganali.

2.5 La sconfitta di Napoleone. Lo zar sfid Bonaparte riapprendo ufficialmente le porte dellimpero russo alle merci britanniche. Il 24 Giugno 1812 Napoleone quindi organizz una grandiosa spedizione contro la Russia, che fu invasa da un esercito di 600000 uomini. Dopo esser entrato a Mosca le truppe furono vittime della tattica della terra bruciata da parte dei russi, che arrivarono ad applicare il fuoco alla stessa capitale. Linverno fece morire di freddo e fame ben 400000 soldati. I superstiti subirono una gravissima sconfitta a Lipsia nel 1813 in cui combatterono contro 442000 uomini tra austriaci e prussiani. Napoleone fu costretto ad abdicare e a ritirarsi allisola dElba. Dopo 2 anni ci fu un suo ultimo tentativo di riprendere il potere, tuttavia Napoleone fu sconfitto a Waterloo il 15 Giugno 1815. Obbligato a risiedere nella piccola isola di SantElena, sperduta nellAtlantico, Napoleone mor di cancro il 5 maggio 1821.