Sei sulla pagina 1di 1

ACCEDI

Archivio Storico
Home
< CULTURA

Cerca nell'Archivio storico

Opinioni

Economia

Cultura

Spettacoli

Cinema

Sport

Salute

Tecnologia

Scienze

Motori

Viaggi

27ora

ARCHIVIO STORICO

ASL SINDACATI DIVISI. LO SNAMI: NON ETICO. E NELLE SCUOLE OLTRE MILLE STUDENTI A CASA CON RAFFREDDORI E BRONCHITI

Vaccini, medici pagati a cottimo


Piano antinfluenzale: incentivi in base al numero dei pazienti immunizzati
Ogni medico di famiglia potr decidere in autonomia come incentivare la vaccinazione antinfluenzale tra i pazienti: fare il vaccino in occasione di una visita per altri motivi, telefonare o inviare una lettera agli assistiti, prevedere ore d' ambulatorio dedicate alla profilassi contro l' influenza. Fin d' ora, per, una cosa certa: pi i dottori vaccineranno, pi saranno pagati. Lo prevede il nuovo piano vaccinale per il 2010 dell' Asl incentrato soprattutto sugli ultra 65enni, tra le categorie considerate pi a rischio di contagio (insieme ai malati cronici) e di avere possibili complicazioni (come la polmonite). Debutta a Milano il vaccino a cottimo. E - con raffreddori e bronchiti che cominciano a mettere a letto i bambini (almeno mille solo a Milano) - partono anche le polemiche. Dice il documento appena arrivato sulle scrivanie dei dottori: Ciascuna vaccinazione effettuata dal medico di famiglia nel proprio studio sar retribuita, come previsto dall' accordo aziendale, 6,16 euro, fino al raggiungimento (...) del 45% dei propri assistiti ultra 65enni; quelle effettuate oltre il 45% verranno pagate 9 euro (come quelle effettuate a domicilio); oltre il 60% di vaccinati il rimborso sale a 10 euro. L' obiettivo dell' Asl migliorare la copertura vaccinale degli over 65enni che con neppure un pensionato su due vaccinato negli anni scorsi - tra le pi basse della Lombardia: il motivo per cui viene incentivato l' impegno dei medici di famiglia a superare la soglia raggiunta nel 2009-2010, viene spiegato nel piano dell' Asl. Diffondere la profilassi antinfluenzale importante per questioni di salute pubblica, ma il metodo non condiviso da tutti. Roberto Carlo Rossi, presidente dell' associazione di categoria Snami per la Lombardia, non ci sta: una scelta non etica - spiega -. Dobbiamo essere retribuiti il giusto per quello che facciamo senza incentivi che ci portano a lavorare a cottimo. I vaccini in arrivo a Milano per le categorie a rischio sono 250 mila (vanno aggiunti, poi, quelli in vendita da ieri nelle farmacie destinati ai soggetti per i quali la vaccinazione non strettamente raccomandata): i pensionati e i malati cronici potranno vaccinarsi gratuitamente dal 25 ottobre negli ambulatori del dottore di fiducia e dal 2 novembre nei centri di quartiere (per informazioni www.asl.milano.it). Il programma dell' Asl rispetta al fotofinish le scadenze previste dal ministero della Salute: Tenendo presente che nella scorsa stagione il picco di diffusione di influenza si verificato tra la seconda met di ottobre e fine novembre, sulla base della disponibilit dei vaccini antinfluenzali - aveva scritto il ministro Ferruccio Fazio - si raccomanda di iniziare la campagna di vaccinazione a partire dal 1 ottobre 2010 e comunque non oltre il 31 ottobre. Del resto, l' influenza alle porte. Due-tre alunni per classe sono febbricitanti, un migliaio in tutto. All' istituto Nazario Sauro, in via Vespri Siciliani, la dirigente Anna Sandi fa la conta degli assenti: Se continuano queste temperature, si potrebbe chiedere di tenere accesi i riscaldamenti per un paio di ore al giorno. Giusto per togliere l' umidit. Infreddature anche alla scuola Ilaria Alpi. Dove la dirigente, Micaela Francisetti, commenta: In classe fa decisamente freddo. Simona Ravizza Annachiara Sacchi RIPRODUZIONE RISERVATA **** I consigli per evitare il contagio La trasmissione del virus dell' influenza si pu verificare attraverso le gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce. Altro veicolo di trasmissione il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie Una buona igiene delle mani e la pulizia delle secrezioni respiratorie pu giocare un ruolo importante nel limitare la diffusione dell' influenza. Tra i consigli, coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce e lavarsi ripetutamente le mani Una campagna di comunicazione sulla prevenzione dell' influenza deve includere informazioni sulle misure non farmaceutiche. L' isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili, specie in fase iniziale, raccomandato In presenza di una buona corrispondenza fra la composizione del vaccino e i virus influenzali circolanti, l' efficacia stimata, in adulti sani, varia dal 70 al 90%. Nei bambini e ragazzi fino a 16 anni stimata un' efficacia pari al 60-70%. Negli anziani, dal 23 al 75% Ravizza Simona, Sacchi Annachiara
Pagina 5 (6 ottobre 2010) - Corriere della Sera
Ogni diritto di legge sulle informazioni fornite da RCS attraverso la sezione archivi, spetta in via esclusiva a RCS e sono pertanto vietate la rivendita e la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi modalit e forma, dei dati reperibili attraverso questo Servizio. altres vietata ogni forma di riutilizzo e riproduzione dei marchi e/o di ogni altro segno distintivo di titolarit di RCS. Chi intendesse utilizzare il Servizio deve limitarsi a farlo per esigenze personali e/o interne alla propria organizzazione.

1 di 1