Sei sulla pagina 1di 63

JUDO KYOHAN

Sakujiro Yokoyama -

!"#$

1915 Traduzione a cura di P.Crugnola.

Il judo e i documenti
di P.Crugnola Nel corso di questanno mi capitata la ventura di trovare ledizione inglese originale del libro Judo Kyohan di Sakujiro Yokoyama del 1915. Ho pensato fosse cosa saggia e giusta tradurla e metterla a disposizione su internet per tutti coloro che fossero interessati a tale argomento. Eun libro molto interessante e, per certi versi, sorprendente e la sua lettura ha influito, e non poco, sul mio modo di pensare al judo e, in particolare, al judo attuale. La prima cosa che salta allocchio che il judo che si pratica oggi ben diverso da quello di allora, di quei tempi. Ma quei tempi sono anche quelli in cui Jigoro Kano, il fondatore, insegnava di persona e difficilmente possono essere messi in discussione o confutati sotto il profilo tecnico. La seconda cosa una riflessione sul judo attuale e sulle sue basi storiche. Sakujiro Yokoyama Come architetto, mi stato sempre insegnato che i documenti sono la base su cui impostare qualsiasi studio o ricerca di tipo storico, atteggiamento tuttora confermato in tutti quei settori (storico, archelogico, ecc.) che da sempre e ai livelli pi# alti si occupano di queste faccende. Per documento sintende qualcosa di concreto, tangibile e visionabile qualora la necessit& limponga, come un testo, un libro, una fotografia, un filmato, un reperto fisico, ecc. La cosiddetta tradizione orale non ha invece una grande importanza, come documento, perch di scarsa attendibilit& per ovvi motivi di possibili falsificazioni, aggiunte arbitrarie, tagli e cos( via. Il libro di Yokoyama quindi, a tutti gli effetti, un documento. Qualcuno potrebbe dire Judo daltri tempi! suggerendo con ci* una evoluzione della disciplina in cui lo stato attuale dovrebbe rappresentare la versione pi# aggiornata e quindi anche la pi# giusta. Ma il judo non ha avuto uno sviluppo regolare e, soprattutto, coerente. Copertina di Intorno al 1948 gli americani, i vincitori, occupano il Giappone e Judo Kyohan nel tentativo di domare lo spirito bellico dei giapponesi decidono di far tabula rasa di tutto quanto abbia anche solamente un vago richiamo con la sua tradizione guerriera. In questa opera di formattazione della memoria storica giapponese il judo il primo a farne le spese scomparendo totalmente dalla scena nazionale. Riapparir& solo pi# tardi grazie alla mediazione di Risei Kano, ma sub condicio di essere e rimanere solo sport. Il judo che pratichiamo, che abbiamo praticato quindi quello sportivo e non certo quello originale, danteguerra, pensato e praticato come sistema educativo dal suo fondatore. Da allora passato mezzo secolo e ormai anche il judo sportivo ha una sua storia e una sua tradizione. Per*, oggi, grazie (qualcuno dir& per colpa) ad una serie di documenti ritrovati e tradotti1, tra cui anche il libro di Yokoyama, non pi# possibile far finta di niente ed ignorare la realt&. Quale? Che esistono due tipi di judo: un judo sportivo ed un judo tradizionale. Il primo legato al concetto e alla cultura della competizione sportiva ed in questo senso ha mantenuto sempre una sua coerenza interna, aggiornando regole e tecniche in quella direzione. Il Prima pagina di secondo un sistema educativo che mira ad altre cose: un migliore Judo Kyohan impiego delle energie proprie ed altrui in un clima di collaborazione e reciproco vantaggio. Il libro di Yokoyama appartiene a questo secondo filone e ci consente di fare un poco pi# di luce sulle tenebre che da troppo tempo avvolgono questa realt&. Carpe diem! Dicembre 2003
1

Vedi, ad esempio, gli scritti di Jigoro Kano tradotti e riportati nei Quaderni del Bu Sen - Ed. Kyu Shin Do

Introduzione CAPITOLO 1 1. Origine del Kodokan Judo 2. Oggetto del Judo CAPITOLO 2 Teoria del combattimento 3. Tipi di tecniche 4. Le componenti della vittoria 5. Shizentai (Posizione Naturale Fondamentale) 6. Perdita dell'equilibrio 7. Come rompere la "Posizione Naturale" 8. La posizione nel Ne Waza 9. Necessit& della forza 10. Armonia di ossa e muscoli 11. Senso di percezione dei muscoli 12. Attivit& mentale CAPITOLO 3 Direttive per gli allievi di judo 13. Forte Determinazione. 14. Et& e fisico degli allievi di Judo. 15. Energia mentale e conoscenza degli allievi di Judo. CAPITOLO 4 Preparazione degli allievi di judo 16. Tsukuri e Kake 17. Randori e Kata 18. Tori e Uke 19. Come cadere 20. Come avanzare e indietreggiare 21. Dove afferrare 22. Come afferare l'abbigliamento dell'avversario CAPITOLO 5 Nomi delle tecniche e loro classificazione 23. Classificazione del Nage Waza 24. Nomi del Katame Waza 25. Nomi del Atemi Waza CAPITOLO 6 Spiegazione del Nage no Kata 26. Kodokan Nage no Kata 27. Uki Otoshi 28. Seoi Nage 29. Kata Guruma 30. Uki Goshi 31. Harai Goshi 32. Tsuri Komi Goshi 33. Ashi Barai 34. Tsuri Komi Ashi 35. Uchi Mata 36. Tomoe Nage 37. Ura Nage 38. Sumi Gaeshi 39. Yoko Gake 40. Yoko Guruma 41. Uki waza CAPITOLO 7 Spiegazione del Go Kyo 42. Go Kyo 43. Hiza Guruma 44. Sasae Tsuri Komi Ashi

45. 46. 47. 48. 49. 50. 51. 52. 53. 54. 55. 56. 57. 58. 59. 60. 61. 62. 63. 64. 65. 66. 67. 68. 69. 70. 71. 72. 73. 74. 75. 76. 77. 78. 79. 80. 81.

Uki Goshi Tai Otoshi O Soto Gari De Ashi Barai Yoko Otoshi Sumi Gaeshi Ko Soto Gari O Goshi Koshi Guruma Seoi Nage Tomoe Nage Tani Otoshi Okuri Ashi Barai e Harai Goshi Ushiro Goshi Ura Nage Uchi Mata Obi Otoshi Hane Goshi Uki Otoshi e Uki waza Daki wakare Kata Guruma Ikikomi Gaeshi Tsuri Goshi Soto Makikomi Utsuri Goshi O Soto Otoshi Tawara Gaeshi Yoko Guruma Yoko Wakare Uchi Makikomi Ko Uchi Gari Ashi Guruma Harai Tsuri Komi Ashi Seoi Otoshi Yama Arashi O Soto Guruma Yoko Gake

CAPITOLO 8 Spiegazione del Katame Waza 82. Lineamenti del Katame Waza 83. Kami Shiho Gatame 84. Kuzure Kami Shiho Gatame 85. Yoko Shiho Gatame 86. Kesa Gatame 87. Kata Gatame 88. Nami Juji 89. Kata Juji 90. Gyaku Juji 91. Hadaka Jime 92. Okuri Eri 93. Kata Ha Jime 94. Ude Garami 95. Ude Hishigi 96. Jumonji Gatame 97. Ude Gatame 98. Hiza Gatame 99. Ashi Garami CAPITOLO 9 Spiegazione dell'Atemi Waza 100. Allenamento dell'atemi waza 101. Dove e come applicare l'atemi waza

Introduzione Il numero di persone che pratica judo aumentato parecchio ultimamente, ma gli insegnanti sono proporzionalmente pochi. Ci sono persone che, sebbene desidirino praticare larte, abbandonano lidea semplicemente perch non riescono a trovare un insegnante adatto. Anche coloro che sono cos( fortunati da averne uno non riescono a praticare le lezioni come vorrebbero perch gli allievi sono troppi. Per questi motivi, il judo praticato in modo sbagliato e con metodi errati. Tutto ci* molto increscioso. Il presente libro stato fatto con lintento di colmare in parte questa lacuna e Sakujiro Yokoyama fornire un aiuto agli allievi. (1860 - 1938) Soprannominato In questo libro abbiamo provato a trattare i "oni" (diavolo), per il suo principali argomenti del judo in un linguaggio carattere violento e aggressivo chiaro e semplice, evitando difficili teorie e fu uno dei quattro "shitenno" spiegazioni scientifiche. Non necessaria (guardiani del tempio), preposti unapprofondita conoscenza per comprendere alla difesa fisica e spirituale del questo libro; qualunque persona che abbia primo Kodokan. Dotato di forza e completato le scuole elementari pu* capirlo. muscolatura prodigiose, sotto la Molta attenzione stata prestata nella guida di Jigoro Kano progred( spiegazione delle tecnica in modo che il lettore nella tecnica judoistica fino a possa facilmente comprenderne il rapporto con raggiungere, per primo, il grado la posizione dell'avversario. Le relazioni fra 8dan. Fedele all'etica samurai al tecnica e tecnica e gli innumerevoli cambi di punto di condividerne gli aspetti situazione non possono essere previsti. Perci*, pi# estremi, come il disprezzo come portare lavversario in una posizione per la propria vita e per tutto ci* svantaggiosa, come evitare questa o quella che ad essa potesse nuocere, tecnica, o come ricondurla a nostro vantaggio, compreso l'alcool (di cui era un sono tutte cose che non possono essere spiegate fortissimo consumatore!), mor( solamente a parole. Inoltre, in una questione ucciso in un duello per strada. Il cos( delicata come la tecnica, la parola scritta, motivo fu l'osservanza di una ancor pi# di quella parlata, mal si presta ad una vecchia abitudine samurai, il esauriente spiegazione. Alcune cose possono katana-ate, un costume isterico essere percepite solo telepaticamente. E, perci*, secondo il quale chiunque nostro pi# serio desiderio che i lettori considerino sfiorasse anche solo il fodero questo libro come stimolo per approdare a studi della katana, la spada che ogni superiori. samurai portava al proprio Alcune delle immagini sono tratte dal Dai fianco, fosse passibile di essere Nippon Butokukai (Societ& Giapponese per la sfidato a duello. Promozione del Bushido), ma la maggior parte sono state fatte appositamente per questo libro dagli autori. Il combattimento non illustrato e si raccomanda ai lettori di far riferimento alla numerazione. I principi proposti in questo libro sono quelli di Jigoro Kano, fondatore e istruttore del Kodokan, e su nostra richiesta egli ha gentilmente revisionato la nostra edizione dandoci suggerimenti molto preziosi. Siamo molto grati di questo onore ed esprimiamo i nostri sinceri ringraziamenti per il suo aiuto. Infine, abbiamo molto piacere nel riconoscere laiuto, diretto e indiretto, per le immagini a: K.Imai, K.Aoyagi, M.Tanab , Y.Yamashita, H.Isogai, S.Nagaoka, H.Sato, K.Samura, K.Mifune, K.Osumi, T.Karino, Y.Handa, K.Kuga, K.Yasukuni, A.Suwabe, tutti esperti dellarte del judo.

CAPITOLO 1 1. Origine del Judo Kodokan Nel periodo feudale il popolo giapponese si allenava nelle arti militari, impiegando armi come arco e frecce, la spada e la lancia. Poich spesso capitava di combattere o arrestare ladri ed altri generi di furfanti, larte di difendersi o attaccare con manganelli e coltelli era naturalmente praticata un po ovunque. Essa si sviluppo gradualmente con il passare del tempo e diede il via alla nascita di varie scuole di jujitsu, taijitsu, yawara, torit , judo, ecc. Cos( larte di combattere senza armi crebbe gradualmente e divenne predominante in tutto il paese. Alcuni intuirono i segreti di queste arti e fondarono le proprie scuole mentre altri davano lezioni senza saperne nulla, instillando cos( impressioni sbagliate nei loro allievi. In tal modo, arti aventi lo stesso nome non sempre erano le stesse e, viceversa, la stessa arte poteva avere nomi differenti. E perci* impossibile dire esattamente cosa fosse il jujitsu o il tai jitsu solamente dal nome. Comunque, ciascuna di esse era un tipo di arte per la difesa e lattacco ed il loro unico obiettivo era ottenere la vittoria sul nemico. Il prof.Kano riassunse tutte queste scuole sotto il nome di jujitsu, di cui diede la seguente definizione. Jujitsu larte in cui un uomo, senza armi o con armi corte, attacca o si difende da un nemico con o senza armi. Cos( indicato, il principale obiettivo del jujitsu di quei tempi consisteva nellottenere la vittoria sul nemico. Ogni attenzione era riservata al modo di combattere trascurando completamente lo sviluppo fisico e mentale. Alcuni dei fondatori di queste scuole, vero, avevano corpi ben sviluppati e menti allenate, ma non praticavano con lo scopo di migliorare la mente e il corpo. Il fatto di avere un buon fisico era solamente il frutto di un costante allenamento. Alla fine dellera Tokugawa, questi insegnanti si ritrovarono sparsi in varie parti del paese, molti di loro competenti nella loro arte, vero, ma senza avere alcuna conoscenza su quanto concerneva lo studio della mente e del corpo. Conseguentemente essi erano completamente incapaci di dimostrare il vero principio del judo e divulgarlo. Allincirca in quel periodo, le armi, nel nostro paese, stavano subendo un grande cambiamento. Arco e frecce furono sostituite da pistole e fucili, mentre il combattimento corpo a corpo aveva ceduto il passo al combattimento fra truppe. Il risultato fu che i maestri di jujitsu non servivano pi#. Specialmente dopo la Restaurazione (Meiji ndr), tutti questi maestri persero le loro posizioni ufficiali e furono costretti a cercarsi altri modi per campare. La maggior parte di questi maestri era capace di fare solo quel mestiere, era di mentalit& rigida e poco pratica della vita di tutti i giorni. Essi, perci*, non avevano modo di provvedere alla propria sussistenza. Sebbene provassero ad istituire scuole di jujitsu, erano pochi, se mai ci fossero, coloro che si iscrivevano come allievi, e anche quelli che stavano imparando smettevano di praticare. La gente non simpatizzava con tutto ci* che sapeva di militare, perch tutti, di qualunque estrazione, erano completamente affascinati dalla cultura occidentale, dimentichi di tutto quanto poteva avere un legame con la passata era feudale, buono o cattivo che fosse. Stando cos( le cose e non potendo far niente, alcuni maestri di jujitsu si unirono a lottatori professionisti facendo dimostrazioni qua e l& e riuscendo cos( a sopravvivere. Tutto ci* port* ad un graduale degrado dellarte agli occhi della gente. Allo stesso tempo, si poteva prevedere che questa nobile e valente arte sarebbe completamente scomparsa da l( a poco tempo.

Ma da quando Jigoro Kano, fondatore e capo del Kodokan inizi* ad insegnare, nel Giugno 1882, il numero dei suoi allievi aumentato giorno dopo giorno, anno dopo anno, al punto che oggi possono essere contati in termini di migliaia. Oltre a loro, ci sono circa non meno di 4/5 migliaia di ragazzi che in questo momento stanno imparando judo nelle loro scuole o altre istituzioni, ricevendo lezioni da allievi di Jigoro Kano. Alcuni dei maestri di jujitsu delle vecchie scuole, che avevano smesso linsegnamento della propria arte, sulla scia del judo, cominciano a dare lezioni e alcuni di loro stanno praticando il Judo Kodokan. Il Judo si sviluppato non solamente attraverso il Giappone, ma anche allestero. Insegnanti sono stati mandati in Europa e in America. Stranieri sono arrivati in Giappone per studiare il Judo. Infine, esso si sta espandendo rapidamente in tutto il mondo, come un incendio nella prateria. Questo grande sviluppo del Judo dovuto, vero, alla sua grande utilit&, al suo grande valore e al suo essere uno splendido modo dintendere la cultura fisica, ma non dobbiamo perdere di vista il fatto che esso principalmente dovuto allenergia, perseveranza e onest& del Prof.Kano. Certamente egli ha dovuto lottare molto e superare Jigoro Kano molte difficolt& prima di rendere il (1860 - 1938) Judo cos( come adesso. 2. Obiettivo del Judo Che cos il Judo? E preciso compito di questo libro rispondere a questa domanda, ma difficile farlo in modo completo entro questi limiti. Consentiteci quindi, di delineare questarte per sommi capi. Va oltre il potere della parola scritta lo spiegare i delicati punti del Judo ed il misterioso potenziale mentale che esso porta con s . Anche se questi argomenti possono essere scritti, difficilmente essi potrebbero essere capiti da qualcuno che non conosca i segreti del Judo. Stando cos( le cose, non affatto facile spiegare i segreti di questarte. E comunque possibile spiegare lobiettivo ultimo del Judo, come praticarlo e con quale atteggiamento mentale dovrebbe essere praticato. Lobiettivo del Judo pu* essere diviso in tre parti: - sviluppo fisico (Renshinho) - competenza nel combattimento (Shobuho) - sviluppo mentale (Shushinho) Da un punto di vista pratico, gli esercizi di Judo possono essere divisi in tre fasi: - Renshinho (Metodi per allenare il corpo). - Shobuho (Tattica nel combattimento). - Shushinho (Cultura mentale e forza di volont&)

Sebbene il Judo sia diviso in queste tre fasi o metodi per comodit&, essi sono interdipendenti e non sono praticabili separatamente. Vediamo di spiegarli brevemente. In ginnastica tutti i movimenti sono meccanici. Cos( come sono strutturati, ad eccezione di alcuni movimenti delle braccia e delle gambe, essenziali per lo sviluppo di particolari gruppi muscolari, tutti gli esercizi sono senza significato e, di per se, di poco interesse o utilit&. Il Renshinho (Metodi per allenare il corpo) del Judo, sempre eseguito con lidea di un combattimento, non per lo sviluppo fisico risultante dagli esercizi. Un allievo di Judo usa continuamente la propria mente ed sempre allerta per trovare il modo di sconfiggere lavversario e allo stesso tempo per perfezionare la propria difesa. E sempre alla ricerca di aperture nei movimenti dellavversario o di modi per parare i suoi attacchi. Non ci sono movimenti meccanici di braccia o gambe che interessino lesercizio in s stesso. Questo rende i contendenti mentalmente attivi alla stessa stregua di un esercizio morale e intellettuale. Ancora, nella ginnastica, gli esercizi sono limitati ad alcune parti del corpo e non sviluppano tutti i muscoli, mentre nella pratica del Judo essi sono tutti sollecitati. Quindi, se il Judo praticato, sotto un insegnante competente, tutte le parti del corpo sono ugualmente sviluppate. Una prova meglio di una discussione. Se guardate la figura 1, che una fotografia del M Kosei Maeda(4dan) sufficiente per mostrare Fig.1 - Kosei Maeda quale sviluppo globale egli abbia raggiunto. C un ulteriore beneficio derivante da un fisico costruito con il Judo e cio che il fisico flessibile e perfettamente controllato. Per questo motivo e grazie allabilit& acquisita con il Judo, un esperto pu* spesso evitare incidenti anche molto seri. Oggigiorno sono stati introdotti molti esercizi, ma secondo la mia opinione gli Renshinho (Metodi per allenare il corpo) restano i migliori. Il loro obiettivo la difesa personale e lattacco al fine del combattimento. Ma nessuno pu* sperare di vincere senza un perfetto controllo di mente e corpo che lavorino allunisono. Coloro che volessero praticare lo Shobuho (Tattica nel combattimento) quindi dovrebbero studiare la teoria della cultura fisica prima di provare a sviluppare il loro fisico. Per ultimo, ma non di meno, dovrebbero coltivare la loro mente. Il Shushinho (Cultura mentale e forza di volont&) un ramo del Judo che mira a formare il carattere in parte con la teoria della lotta e in parte attraverso la pratica del Renshinho (Metodi per allenare il corpo) e del Shobuho (Tattica nel combattimento). Ci sono pochi esseri viventi che sono assolutamente liberi dallindole del combattimento. Se questa teoria del combattimento fosse applicata alla vita di tutti i giorni, ci darebbe pi# forza per sopportare le avversit& e ci porterebbe a quel desiderabile stato di tranquillit& e pazienza utile per superare le circostanze difficili. Per praticare lo Shushinho (Cultura mentale e forza di volont&) non necessario avere un compagno cos( come nel Shobuho (Tattica nel combattimento) o nel Renshinho (Metodi per allenare il corpo). Al contrario, non impossibile per voi sedervi tranquilli nella vostra stanza e coltivare la mente, cos( come prescritto dalla teoria del combattimento. Ma quando praticate gli esercizi con i vostri avversari, otterrete senza dubbio pi# esperienza e profitto, buone abitudini e una volont& di ferro, in modo tale da darvi un perfetto controllo su voi stessi in tutte le occasioni. In breve, non c molta differenza fra il Renshinho (Metodi per allenare il corpo) e lo Shobuho (Tattica nel combattimento). Il Renshinho (Metodi per allenare il corpo) la pratica per lo sviluppo del corpo, non in contrasto alla teoria del combattimento, ma attento ad evitare gli esercizi in cui esistono elementi di pericolosit&. Spesso gli esercizi praticati in questo metodo sembrano inadatti per il combattimento, ma sono vantaggiosi per lo sviluppo fisico.

Anche lo Shobuho (Tattica nel combattimento), non dovrebbe contenere esercizi pericolosi per lo sviluppo fisico; al contrario, tutti gli esercizi in esso contenuti sono pi# o meno utili alla cultura del corpo. Comunque, poich colpire gli avversari lobiettivo principale di questo metodo, gli allievi praticano talvolta esercizi pericolosi e inadatti per lo sviluppo fisico. I due metodi sono differenti. Il primo anche per i ragazzi giovani i cui corpi non sono ancora sviluppati o per quelli di debole costituzione; laltro dovrebbe essere insegnato agli allievi gi& cresciuti, abbastanza forti e vigorosi per sopportare esercizi pi# violenti. Il Shushinho (Cultura mentale e forza di volont&), come gi& detto, mira a costruire il carattere. La costruzione del cararttere il risultato del Shobuho (Tattica nel combattimento) e allo stesso tempo lobiettivo ultimo del Judo. Cos( si pu* dire che lobiettivo del Judo , primo, rendere i nostri corpi forti tramite lo Renshinho (Metodi per allenare il corpo), quindi, dimparare i segreti del combattimento con lo Shobuho (Tattica nel combattimento), e, infine, coltivare la nostra menta e rafforzare il nostro carattere. Non importa, quindi, quanto possa diventare forte il vostro corpo, non importa quanto meravigliosa possa essere la vostra arte del combattimento se non si potr& mai dire di aver raggiunto il vero obiettivo del Judo: il miglioramento del vostro comportamento e del vostro carattere.

CAPITOLO 2 TEORIA DELLA COMBATTIMENTO. 3. Tipi di tecniche Ci sono vari tipi di tecniche nel Judo. Esse possono essere classificate in questi tre gruppi: (a) Nage Waza (Tecniche di lancio). (b) Katame Waza (Metodi per per tenere e bloccare il corpo dellavversario). (c) Atemi Waza (Metodi per mettere lavversario fuori combattimento usando dei colpi). Nage Waza sono tecniche usate per ottenere la vittoria su un avversario, proiettandolo. Di tutte le tecniche (di lancio), quelle "di proiezione" sono le pi# valide e numerose. Dopo vengono le tecniche "per far cadere"; quelle "per precipitarsi" sono le meno usate. Inoltre, queste sono molto pericolose e non molto usate nella pratica normale. Katame Waza possono essere divise in tre metodi: Osaekomi Waza o pi# brevemente Osae (tenere gi#), Shime Waza (bloccaggi del collo o strangolamenti) e Kansetsu Waza. Osaekomi Waza sono tecniche per tenere o comprimere il corpo dellavversario, dopo averlo proiettato, in maniera tale che non possa rialzarsi. Shime Waza sono causa di grande panico per lavversario o della sua morte, per strangolamento o compressione del suo corpo per mezzo delle braccia o delle gambe. Kansetsu Waza sono tecniche per bloccare le giunture dellavversario e, se si mette troppa energia nella presa, possono causare lussazioni. Esiste un altro metodo chiamato Atemi Waza. Esso causa di grande panico per lavversario, lo stordisce o lo indebolisce o lo mette completamente fuori combattimento con calci, colpi di punta con le dita, i pugni, i gomiti, o le ginocchia, o colpendolo circolarmente con la mano o il taglio della mano. Questo lo schema riassuntivo dei metodi: Nage Waza Katame Waza Atemi Waza Lanciare (Nage) Osaekomi Waza Calciare Schiacciare (Otoshi) Shime Waza Colpire di punta Agganciare (Gake) Kwansetsu Waza Colpire circolarmente

4. Componenti della vittoria Come gi& detto, ci sono vari tipi di tecniche di Judo. Come uno possa ottenere la vittoria resta ancora una cosa sconosciuta. Per vincere il vostro avversario voi dovreste conscere il maggior numero possibile di tecniche. Ma per quanto bravo siate le troverete inutili se le applicate in modo sbagliato. In altre parole, voi riuscirete sempre a battere il vostro avversario se applicherete i vostri metodi nelle giuste occasioni. Qual loccasione giusta, voi potrete chiedere. Per giusta occasione sintende il momento in cui il vostro avversario nelle condizioni tali per cui le vostre tecniche avranno effetto. Quando il vostro avversario in questa condizione si dice che ha perso o rotto l'equilibrio. Lazione di metterlo in tale condizione viene detta rompere o far perdere lil suo equilibrio. Anche se egli si trova in questa posizione, se voi non vi trovate nella condizione adatta per approfittarne non detto che voi riusciate ad applicare la vostra tecnica. Il termine "tecnica", in Judo, ha un vasto significato e ci* significa che una tecnica inizia con il mettere lavversario fuori equilibrio, mettere voi stessi in una posizione adatta per approfittarne e finisce quando lavversario proiettato. Conseguentemente la vittoria pu* essere suddivisa in tre momenti principali: (a) Mettere lavversario in una fuori equilibrio. (b) Mettere voi stessi in una posizione adatta per approfittarne. (c) Eseguire le tecniche nel giusto modo. Queste sono le tre componenti della vittoria. Talvolta uno pu* sembrare abbastanza "proiettabile" anche se non sembra essere del tutto fuori equilibrio. Ma questo non propriamente vero. Talvolta uno agisce cos( velocemente che non possibile cogliere bene tutti dettagli dellazione. Del resto se non agirete con altrettatanta velocit& difficilmente potrete raggiungere la vittoria. I maestri del passato non erano dei maghi cos( come non lo sono quelli di oggi. Essi erano solo molto competenti in ciascuna delle tre componenti menzionate ed eseguivano le loro tecniche con una velocit& eccezionale. 5. Shizen Tai (Posizione naturale fondamentale). I Samurai, nei giorni antichi, stavano molto attenti nel mantenere una posizione libera e senza impedimenti non solamente nel dojo durante gli esercizi, ma anche a casa quando stavano seduti a tavola o in altre occasioni. Adesso spiegheremo latteggiamento che uno deve tenere durante il combattimento. Gli allievi di Judo, specialmente i principianti, quando iniziano un combattimento, per paura di essere proiettati adottano una posizione innaturale, piegando il corpo in avanti, distendendo in fuori le braccia e mettendosi cos( in una posizione svantaggiosa. Con il corpo in questa posizione non potete muovervi liberamente il che non va bene se volete attaccare il vostro avversario. Nel Judo dovete stare attenti ad evitare una simile posizione perch pericolosa. La posizione giusta quella della fig.2. Dovreste essere dritti senza piegare il corpo o la testa con i piedi leggermente separati e le ginocchia dritte. Non dovreste mettere forza in nessuna parte del corpo in particolare, non distrarvi, ma stare calmi e sereni con lo sguardo posato venti o trenta cm pi# avanti di voi. In questa posizione vi potrete muovere velocemente. Potrete facilmente attaccare cos( come difendervi. Inoltre vi stancherete poco e sarete in grado di sostenere combattimenti lunghi. Questa posizione chiamata Shizen Tai, posizione naturale fondamentale. Nel combattimento, comunque, potrete cambiare questa posizione. Quando il braccio e il piede destri sono avanti avremo Migi Shizen Tai posizione naturale destra e nel caso di avanzamento del braccio e piede sinistro Hidari Shizen Tai posizione naturale sinistra. Per la posizione naturale destra vedere la fig.3.

Fig. N2 Shizen Tai - Izumi Maruo

Fig. N3 Migi Shizen Tai - Keigan Osumi

Talvolta il combattente adotta una posizione difensiva con le ginocchia leggermente piegate, i piedi lontani fra loro e il corpo abbassato. Abbiamo allora Jigo Tai posizione di autodifesa. Migi Jigotai e Hidari Jigo Tai se mettiamo avanti il piede e il braccio destri o sinistri. Una simile posizione serve come difesa e talvolta anche per attaccare se lavversario anchesso in Jigo Tai. Ma quando siete in questa posizione i vostri movimenti diventano lenti e impediti. Non la posizione migliore da usare nel Judo perch non riuscirete a sfruttare le opportunit& offerte dallavversario. Anche in difesa non riuscirete a muovervi con la velocit& necessaria. Con un principiante pu* anche funzionare, ma con un esperto non la troverete molto funzionale. E perci* molto importante che non vi abituiate a combattere in Jigo Tai. 6. Perdita dellequilibrio. Shizen Tai, come gi& detto, la posizione pi# adatta per applicare una proiezione oppure per evitarne. Vediamo ora qual loccasione pi# adatta per intraprendere una tecnica di lancio. E quando lavversario ha perso lequilibrio. Che cos questa perdita dequilibrio? Ci sono molti casi per applicare una tecnica di lancio. Essi possono essere riassunti in due gruppi: (a) quando lavversario ha i piedi fermi; (b) quando uno dei piedi in movimento o sollevato da terra. Nel primo caso, se il corpo sinclina su un fianco, con il peso su entrambe i piedi, facilmente proiettabile nella direzione in cui piegato. Questa posizione verr& definita perdita dequilibrio. E molto difficile spiegare teoricamente dove si trovi il baricentro del corpo in questa posizione e come esso agisca nel contesto della situazione. Proveremo a spiegare la faccenda utilizzando come esempio un bastone. In generale il corpo umano composto di muscoli morbidi ed elastici, ossa rigide e giunzioni flessibili. Normalmente molto flessibile, ma quando viene proiettato si comporta come un bastone rigido e diritto. Quasi sempre le cause della proiezione del corpo sono paragonabili a quelle di un bastone che cade. Un bastone diritto e non inclinato come un corpo in Shizen Tai. Quando si piega come nella figura n4 egli si trova in una situazione di perdita dequilibrio. Esso cadr& da solo. In questo caso se voi applicherete una forza nella parte alta e in quella bassa come nella figura n4, nella direzione indicata dalle frecce A e A, riuscirete ad atterrarlo facilmente.

Fig. N4 Nella figura n4 le frecce in alto indicano le direzioni in applicata la forza delle braccia durante il combattimento, mentre quelle in basso mostrano le direzioni in cui agiscono la forza delle gambe. Talvolta pu* comunque succedere che le forze e le loro direzioni sinvertano e viceversa. Cos(, sebbene limpiego della forza cambi secondo la situazione, assolutamente necessario, ai fini della vittoria, utilizzarla nella direzione in cui il corpo inclinato. Se cos( non e si direziona la forza secondo le direttrici B e B si rischia di trovare molte difficolt& e maggior dispendio di energie. Ci* che peggio che potrebbe anche causarvi dei danni. Gli allievi di Judo dovrebbero stare molto attenti su questo punto. Come detto prima, non c differenza tra un bastone e un corpo umano allorch stiano entrambe in posizione eretta. Mentre c invece una grossa differenza nella direzione dellinclinazione fra i due. Un bastone rotondo sinclina allo stesso modo in tutte le direzioni mentre un corpo umano generalmente si piega secondo 6 direzioni: (a) avanti (b) indietro (c) in avanti a destra (d) in avanti a sinistra (e) indietro a destra (f) indietro a sinistra Il caso in cui il corpo sinclina solo su un lato molto raro. Anche se ci* avvenisse il corpo si piegherebbe subito avanti o indietro e rispettivamente a destra o a sinistra. E cos( di questa ipotesi difficilmente dovremo tenerne conto. La direzione in cui sinclina il corpo ha una stretta relazione con il peso del corpo. Quando il corpo sinclina in avanti il peso resta sulla punta delle dita dei piedi come nella figura n5; quando sinclina indietro, sulla punta dei talloni come nella figura n6; quando in avanti a sinistra va sulle dita esterne del piede sinistro come nella figura n7; quando in avanti a destra va sulle dita esterne del piede destro; quando indietro a sinistra va sullangolo sinistro del tallone sinistro come nella figura n8; quando indietro a destra va sullangolo destro del tallone destro. Come potete vedere, nella posizione inclinata, con il corpo in una situazione di perdita dequilibrio, il peso va su una particolare zona del corpo mentre se in Shizen Tai il peso si distribuisce su entrambe i piedi. Ne consegue che in Shizen Tai il corpo si stanca meno e non facilmente proiettabile. Venendo al secondo caso in cui il piede dellavversario si sta sollevando da terra, non succeder& mai che una persona sollevi o porti a terra contemporaneamente tutte e due i piedi. Egli porter& sempre il peso prima su un piede e poi sullaltro. Quando fermo, il peso sta su un piede o su entrambe, ma quando cammina il suo peso cambia continuamente di posizione. Cos( se voi applicate una tecnica quando il piede dell'avversario ancora per aria non avrete un grande effetto; anzi, al contrario sar& lui che potr& approfittare del vostro errore per portare a sua volta una tecnica contro

di voi mettendovi in una situazione pericolosa. Quando lavversario sta per portare a terra il piede, ma non lha ancora fatto, piegher& il suo corpo in quella direzione. In quel momento applicate la vostra tecnica nella direzione in cui sui si sta inclinando e allora riuscirete a proiettarlo facilmente con poco sforzo, anche se egli grande e grosso. Voi riuscirete a fare ci* per lo stesso motivo per cui facile spostare un oggetto pesante quando appeso. Una gamba fermamente appoggiata a terra difficile da spostare proprio come un oggetto pesante posto sul terreno. Una gamba che sta per posarsi a terra, ma non lo ha ancora fatto del tutto come un oggetto pesante che appeso e che quindi riuscirete a muovere facilmente. Per esempio voi riuscite facilmente a dondolare una campana anche se pesa parecchie tonnellate; al contrario non ci riuscirete se essa posta a terra. Nel corso del combattimento, se tirate o spingete il vostro avversario, talvolta egli potr& perdere lequilibrio anche dopo che aver appoggiato i suoi piedi per terra. Ma questo appartiene al primo punto.

Fig. N5

Fig. N6 Fig. N7 Akira Suwabe

Fig. N8

7. Come rompere lequilibrio. Dopo aver parlato della perdita dequilibrio vediamo ora come rompere lequilibrio della posizione naturale o Shizen Tai. Se volete squilibrare lavversario tiratelo in avanti verso sinistra mentre voi nel contempo arretrate. Se prova a resistere, sicuramente sincliner& in avanti fino a cadere. In ogni caso o sarete voi a tirarlo in avanti o lui a tirarvi indietro. Nel primo caso tiratelo pi# di quanto stia avanzando ed egli sincliner& certamente. Nellaltro caso spingetelo pi# di quanto lui stia tirando. Talvolta cercher& di difendersi restituendovi la spinta. Allora approfittate e tiratelo nella direzione in cui va la sua energia fino a quando sinclina. Nel caso che egli rimanga ancora nella posizione naturale provate e riprovate fino a quando riuscirete a raggiungere lobiettivo. In alcuni casi dovrete ricorrere anche a modi diversi, ma la tecnica comunque sempre la stessa. In un vero combattimento uno cercher& di rompere lequilibrio dellaltro mantenendo la posizione naturale o Shizen Tai. Questo non molto facile poich difficile capire il modo giusto di applicare la vostra forza e la delicata azione mentale del tirare o dello spingere. Ma la tecnica in s molto semplice. E sufficiente ricordare che quando lavversario tira voi dovete spingere e quando spinge voi dovete tirare. C una vecchia poesia Giapponese sui segreti che recita: I segreti sono come i vostri sopraccigli, Sebbene siano vicini a voi, Voi non potete vederli. Quando capite un segreto troverete che esso era molto vicino oppure che era molto semplice.

8. Posizione nel Ne Waza. La parte precedente riguardava il tachi waza o i lanci dalla posizione eretta. Qui vogliamo spiegare il ne waza o le tecniche a terra. Nella maggior parte del ne waza (che comprende osaekomi waza, shime waza e kansetsu waza) ogni tecnica in attacco o difesa ha la sua specifica posizione ed impossibile dire quale sia la migliore posizione in generale. Shime waza e kansetsu waza alcune volte si praticano dalla posizione eretta. Passiamo perci* a osaekomi waza. Qui la forza applicata per tenere il corpo dellavversario a terra. Quanto segue mostrer& come utilizzare effettivamente la forza: Supponendo che ABCD (fig.9) sia una tavoletta rettangolare appoggiata sul terreno, quale sarebbe il modo pi# facile per sollevarla? Sollevare ogni singolo angolo. Daltro canto, se voleste impedire di sollevarla trovereste pi# efficace premere sugli angoli che vengono sollevati. La stessa cosa avviene con un corpo umano. Se volete impedire al vostro avversario di alzarsi dovrete premere sulle sue spalle o sui fianchi qualunque sia la parte che egli tenta di sollevare. Ma se voi mettete la forza su una singola parte egli pu* approfittarne per muoverne unaltra riuscendo cos( a sollevarsi. Cos( accade quando vi trovate sotto unaltra persona e riuscite a liberare alcune parti dove la sua forza assente. Daltro canto quando vi trovate sopra il vostro avversario dovete applicare la vostra forza su tutto il corpo per non lasciare buchi ed essere sempre pronti a spostare la vostra forza dove la situazione lo richieda.

9. Necessit

della forza.

E tradizione antica che, nel tai jitsu o nel ju jitsu, chi ha maggiore forza fisica ha pi# probabilit& di essere battuto e che la forza sia un danno pi# che un beneficio. Ma questo un grave errore. Se le altre qualit& sono uguali il pi# forte vince. E comunque vero che possa succedere che una persona meno forte possa, grazie alle sua capacit& tecniche, prevalere su un'altra fisicamente pi# forte. Ancora, uno che possiede molta forza portato a far conto su di essa, spesso applicandola in disaccordo con i principi del judo. Egli potr& vincere su persone pi# deboli, ma mai prevalere su una persona che sia tecnicamente molto abile o che sia dotato di pari o maggior forza di lui. Inoltre cos( facendo acquisir& una serie di cattive abitudini che, entro breve tempo, costituiranno un grosso ostacolo per il suo miglioramento. Questo fatto sembra essere il motivo principale di quellantico modo di pensare del ju jitsu. Non sbagliato che uno abbia tanta forza, ma che impieghi tutti i suoi sforzi esclusivamente per aumentarla. Comunque se un uomo forte presta molta cura nellapprendere i principi del judo non ci sono problemi poich non lapplicher& mai nel modo sbagliato, il suo miglioramento non incontrer& ostacoli e sar& capace di farne il

miglior uso possibile. Se i grandi maestri di judo nei primi anni avessero avuto pi# forza sarebbero stati molto pi# efficienti. In sintesi, la forza molto necessaria: per mantenere la propria posizione, rompere lequilibrio dellavversario e applicare su di lui delle tecniche. Gli allievi di judo dovrebbero coltivare la propria forza per saperla usare quando si renda necessario. 10. Armonia di ossa e muscoli. Relativamente al rompere lequilibrio dellavversario, poco efficiente tirarlo o spingerlo usando solo la forza delle braccia. Se usate la forza avventatamente sarete voi ad essere squilibrati e sarete battuti. Relativamente al proiettare mantenendo la posizione naturale, dovrete avere ossa e muscoli sviluppati in modo armonico in modo tale da poterli controllare. Sebbene il vostro avversario sia fuori equilibrio e presenti quindi una buona occasione, anche se voi siete sicuri di riuscire, se applicate una tecnica voi non riuscirete ad eseguirla se le vostre braccia, gambe e tutto il corpo non si muoveranno armonicamente, cio , che la trazione delle vostre braccia e il movimento delle gambe lavorerino in opposizione fra loro, oppure, che le vostre anche, spesso cos( importanti nel judo, non lavorino mentre gambe e braccia sono all'opera. Un esercito non pu* vincere una battaglia se fanteria, cavalleria, artiglieria e genieri non collaborano. Cos( avviene con il judo. Ogni muscolo ed ogni osso devono lavorare in concerto tra loro. Gli allievi di judo sono pregati di dedicare particolare attenzione a questo argomento. Essi devono studiare il modo di muovere i piedi e il busto al fine di mantenere una giusta posizione. Dovrebbero imparare quando tirare e spingere i loro avversari, per squilibrarli. Dovrebbero sapere come usare le diverse parti del corpo in relazione alle diverse tecniche che desiderano applicare. Studiando questi argomenti dovrebbero riuscire ad armonizzare tutte le parti del loro corpo. 11. Senso di percezione dei muscoli. In judo abbiamo i termini sen, go no sen e sen no sen. Per sen sintende che uno prenda liniziativa, rompa lequilibrio dellaltro e applichi delle tecniche approfittando della prima opportunit& che gli si offre. Per sen no sen e go no sen sintende che quando laltro rompe la nostra posizione noi ritorciamo la sua tecnica a nostro vantaggio rompendo la sua posizione oppure, avvalendoci della sua posizione dopo lattacco, a nostra volta lattacchiamo o, in altre parole contrattacchiamo. Questo di grande importanza nel combattimento. Nel judo, se usate solo gli occhi per capire in quale direzione stia andando il vostro avversario e quale sia la tecnica pi# adatta per intervenire, arriverete sempre in ritardo. Lopportunit& un attimo che fugge via. Pensate che sia il momento giusto per attaccare quando ormai troppo tardi. Quindi dovete percepire il momento ancor prima che appaia ai vostri occhi e anticipare il momento dellazione. Per tutto questo gli occhi non sono sufficienti. Voi dovete affidarvi al senso di percezione dei vostri muscoli. Per esempio, nel go no sen questione di un attimo il trasformare un successo in un fallimento. Non c altro modo per capire se lopportunit& a portata di mano se non affidarvi al senso di percezione dei muscoli. Talvolta il judo come praticato al buio. Questo perch noi, con il senso di percezione muscolare, possiamo sapere sia lo stato dell avversario che il nostro. Listinto dovrebbe suggerire la cosa giusta da fare al momento giusto.

Il cosiddetto occhio della mente che significa percepire con la mente e non con gli occhi, non nientaltro che il senso di percezione muscolare. Esso si sviluppa gradualmente con la costante pratica del judo, ma si svilupper& lentamente a meno che non prestate attenzione allallenamento fisico e mentale cos( come allo studio dei principi del combattimento. 12. Attivit mentale. Si gi& visto come sia importante, in judo, rompere la posizione dellavversario utilizzando tutto il corpo e mantenere la posizione naturale mentre si applicano delle tecniche nei suoi confronti. Ma ci vogliono parecchi allenamenti fisici e mentali, oltre a tanta pratica, prima di arrivare a questo livello. Pu* capitare che, pur riuscendo in allenamento, con poco sforzo, a mantenere la propria posizione naturale, rompere lequilibrio dellavversario e applicare delle tecniche, spesso non riesca, in combattimento, a muoversi liberamente e in modo disinvolto assumendo un atteggiamento del corpo e rigido; spesso non riesce a squilibrare lavversario, perdendo lui stesso lequilibrio, oppure non riesce ad applicare una tecnica anche se si presenta la giusta occasione. Tutto questo avviene per la paura dellavversario ed ha una grande rilevanza nel combattimento. L'allenamento mentale ancora imperfetto. Se vi dovesse accadere di perdere la pazienza potreste perdere la coscienza della relazione fra voi e lavversario per non parlare delle altre circostanze. In questi casi, non cogliendo la posizione dellavversrio, n quale parte del suo corpo sia rimasta indifesa, applicherete la vostra forza senza controllo, con suo grande vantaggio, per trovarvi alla fine sconfitto. Ancora, se sottovaluterete il vostro avversario e abbasserete la vostra guardia gli offrirete unottima opportunit&, con il risultato di perdere inaspettatamente. Tutto ci* avviene a causa del vostro imperfetto allenamento mentale. Lallievo di judo deve quindi coltivare la sua mente; non deve mai aver paura, mai perdere la pazienza, mai abbassare la guardia; ma deve essere freddo e calmo e non con la testa distratta; deve agire con velocit& e raziocinio secondo le circostanze. Deve essere abile e coraggioso sia in attacco che in difesa. Questi antichi versi Giapponesi probabilmente esprimono meglio il significato di questi punti. Sullo stagno di Sarusawa, la luna luminosa si riflette, ma lei non pensa niente di questo, n dellacqua dello stagno sotto, che le permette di spiare quello che fa. Monte Tsukuba, cos( coperto di rami e foglie sembra che niente possa vedersi attraverso essi; Ma arriva tremolante fra i rami la luce della luna che si leva. Un ippocastano, quando spazzato via dalla piena, che corre violenta e sfrenata, deve sacrificare la sua natura, per poter galleggiare sulle acque.

CAPITOLO 3 DIRETTIVE PER GLI ALLIEVI DI JUDO. 13. Forte Determinazione. Alcuni principianti praticano con lobiettivo della difesa personale senza approfondire completamente il judo. Altri, vedendo allievi pi# esperti che proiettano i loro avversari con grazia e facilit& praticano senza interesse; e altri ancora, vedendo i notevoli fisici degli atleti di judo, lo praticano per migliorare la loro salute. Queste persone pensano che dopo due o tre lezioni saranno in grado di avere corpi temprati e forti come lacciaio e agili e leggeri come uccelli. Allinizio si allenano seriamente, ma quando vedono che i progressi non sono cos( veloci come speravano, si stufano e abbandonano la pratica. Alcuni invece aumentano lallenamento sperando di diventare un esperto in pochi giorni. Queste persone molto spesso sinfortunano e dopo non molto devono abbandonare la pratica. Sfortunatamente ci sono molti allievi che allinizio praticano con grande assiduit&, ma che spesso per motivi di salute devono smettere di praticare. Il judo molto diverso da altri corsi di studi e non pu* essere imparato solo ascoltando o studiando la sola teoria. E difficile imparare completamente il judo senza praticarlo. Non si pu* ottenere un buon fisico senza essere competente in judo. Al Kodokan perci*, gli allievi fanno un giuramento che riguarda il loro impegno futuro e che lo perseguiranno. Stando cos( le cose, gli allievi non devono aspettarsi rapidi progressi, ma accontentarsi di lenti e sicuri progressi. Devono essere dotati di forte determinazione e praticare giorno dopo giorno. Devono inoltre prestare attenzione alle norme di sicurezza. E anche importante che non smettano per futili motivi. 14. Et e fisico degli allievi di Judo.

Ci sono molte persone che credono che il judo sia troppo violento per le persone deboli, i giovanissimi e gli anziani. Questo un grande errore. Persone giovani o vecchie, forti o deboli, possono tranquillamente praticare judo perch la pratica pu* essere proporzionata allet& e alle loro costituzioni. Dopo una pratica costante di parecchi anni con un insegnamento adatto la persona anziana diventer& sempre pi# forte mentre il giovanissimo ed il debole noteranno un grande incremento delle loro abilit& fisiche. La loro competenza li render& forti e migliorer& i loro fisici deboli e le loro insufficienti energie. Se comincerete judo da giovani le vostre abilit& cresceranno con il crescere dellet& e del fisico. E comunque naturale che deboli e anziani progrediscano pi# lentamente delle persone giovani e forti. Questo non vale solo per il judo, ma per tutto. Nello studio, per esempio, i vecchi e coloro che hanno debole intelligenza sono proporzionalmente pi# lenti nellapprendimento. Cos( come c unet& ideale per studiare, allo stesso modo esiste unet& ideale per iniziare il judo. Il miglior periodo fra i 17/18 anni e i 24/25. 15. Energia mentale e conoscenza degli allievi di Judo. Come gi& detto nellultimo capitolo, nel judo sono applicati molti e complessi principi scientifici e coloro che sono ancora immaturi e che non possiedono ancora grandi capacit& cognitive non riescono a padroneggiare questi principi anche se la loro et& e fisico sono quelli giusti per praticare. Shushinho , per la maggior parte, studio delle capacit& mentali. Esso richiede la comprensione di teorie molto pi# complesse dello shobuho e nessuno allinfuori di coloro che hanno unintelligenza superiore alla media pu* progredire rapidamente nel suo apprendimento. Perci* coloro che desiderano progredire a grandi passi nel judo e raggiungere, un giorno, dei risultati, sono pregati di sviluppare tanto la mente quanto il fisico.

CAPITOLO 4 PREPARAZIONE DEGLI ALLIEVI DI JUDO. 16. TSUKURI E KAKE. Abbiamo gi& stabilito che prima di applicare le nostre tecniche su un avversario sempre necessario rompere la sua posizione naturale mentre noi ci mettiamo in una condizione tale che si possano applicare le nostre tecniche. Questa operazione detta tsukuri o tsukuru (cio mettere noi e lavversario nella giusta posizione). Una volta completato lo tsukuri si possono applicare le tecniche; questa operazione detta kake o kakeru. 17. RANDORI E KATA. Riferendoci alla pratica, il judo suddiviso in due tipi denominati randori e kata. Kata una forma elementare che mostra il modo in cui deve essere eseguita la tecnica. Nellesecuzione potete imparare che quel certo tipo di trazione deve essere fatta su quella parte del corpo al fine di rompere il suo equilibrio oppure che quella tecnica deve essere fatta quando si trova in quella particolare posizione. Randori lapplicazione del kata nel combattimento. Praticamente il combattimento libero. Non serve dire quale dei due sia il pi# importante. Comunque consigliabile, per gli anziani e i principianti, iniziare con il kata piuttosto che con il randori, poich cos( possono allenare il loro fisico e imparare il modo di eseguire le loro tecniche e quindi praticarle. Questo il miglior modo per sviluppare il fisico e migliorare. 18. TORI E UKE. Il kata eseguito in due al fine di studiare i principi della vittoria cos( come lo sviluppo fisico. E stabilito chi deve attaccare e chi deve difendersi. Nel kata, per colui che esegue la tecnica, si dice che attacca e lesecutore stesso viene detto tori. Colui che riceve la tecnica, si dice che subisce e lui stesso viene detto uke 2. Tori deve mantenere la miglior posizione possibile e uke deve muoversi secondo gli schemi prefissati di attacco e difesa senza alcuna deroga. Deve sforzarsi di agire in accordo a quanto gli viene richiesto. In futuro, per comodit&, nelle spiegazione dei kata useremo i termini di tori e uke. 19. COME CADERE. In judo molto importante eseguire le tecniche senza alcuna esitazione. Ci* rende il progresso pi# rapido, le tecniche pi# efficaci e c meno pericolo di far male allavversario. Se si esita e si ha paura dellavversario si diventa goffi e rigidi, diminuisce il rendimento e non si riesce ad eseguire nel giusto modo gli esercizi. Pu* inoltre capitare di farsi del male da soli. E comunque abbastanza difficile, per i principianti, praticare senza alcuna paura. Senza dubbio questo dipende molto dallatteggiamento del principiante cos( come dal suo livello mentale e, ancora, dal fatto che molti di loro hanno paura di cadere. Questa paura di cadere conseguenza della paura di farsi male. Per evitare questo pericolo lallievo deve imparare a cadere. Una volta imparato il cadere perde dimportanza; non si avr& pi# paura dellavversario e non ci sar& pi# agitazione; si riuscir& ad essere calmi e concentrati e capaci di esercitarsi senza paure. Si gi& visto nel paragrafo 6 che il corpo si pu* inclinare in sei direzioni differenti. Ma quante sono le parti del corpo coivolte nella caduta? Non sono molte.
2

La traduzione in inglese parla di "taker" e "receiver" che tradotti letteralmente sarebbero "colui che prende" e "colui che riceve".(N.d.T.).

Supponiamo di essere proiettati verso langolo destro dietro al nostro corpo, sar& quella parte e le altre immediatamente vicine a toccare terra. Se invece cadete avanti a destra non sar& la parte anteriore, ma sempre quella posteriore che toccher& terra poich il corpo ruoter& nel momento stesso che verr& lanciato. Se si viene proiettati direttamente indietro sar& proprio il dorso che toccher& terra, ma se cadete venite proiettati direttamente davanti, caso strano, non sar& la parte anteriore ma quella posteriore a toccare terra poich il corpo ruoter& nel momento stesso che verr& lanciato. I modi di toccare terra differiscono leggermente uno dallaltro , ma hanno sempre in comune il fatto di cadere sulla parte posteriore del corpo. Vediamo prima il modo di cadere indietro a destra o sinistra e dopo la caduta in avanti. Nel primo caso molto semplice. Quando il corpo sta per toccare terra bisogna battere forte per terra con il palmo della mano il pi# vicino possibile al corpo. Il braccio deve essere ad angolo retto con il corpo, interamente rigido e colpite il terreno in modo tale che sia lavambraccio a colpire attutendo cos( la caduta. Quando si viene proiettati il corpo, grazie al braccio che lavora come una molla, arriva leggero sul terreno senza causare alcuna paura. Una volta padroneggiata questa tecnica non si avr& pi# paura di cadere a terra come sulla materassina. Se invece cadete distendendo il braccio e battendo a terra con la sola mano e troppo presto lazione sar& poco efficace e si correr& il rischio di farsi male. La battuta dovrebbe cominciare a una distanza compresa fra 15 e 30cm dal terreno. Non battete con il solo avambraccio piegando il braccio e tenendo la sua parte superiore vicino al fianco. Cos( facendo non si in grado di evitare di cadere violentemente con il rischio di farsi male al gomito o alla spalla. Non comunque facile cadere bene per i principianti. Spesso molti di loro distendono troppo presto il braccio e battono troppo vicino al corpo. Ci sono solo due modi per imparare a cadere bene. Il primo (vedi fig.26) quello di farsi aiutare da uno pi# bravo. In questo modo si prova la caduta mentre il compagno controlla tenendo il judogi in una mano. Questo molto semplice. Laltro modo quello di praticare da soli. Mettetevi a terra su un fianco e battete per terra ripetutamente la mano o tutte e due. Quanto pi# si batte forte per terra tanto pi# il busto, per contraccolpo, tende ad alzarsi e cos( in breve tempo si riesce a sollevare lintero busto da soli e con una certa facilit&. Arrivati a questo punto, come nella fig.10, lanciatevi ancora e provate a sostenere il vostro corpo battendo la materassina con la mano e il braccio. Ripetendo pi# volte questa operazione sarete in grado alla fine di sostenere il vostro corpo su una sola gamba. Quindi lanciatevi ancora e battete per terra con la mano opposta (alla gamba che vi regge), come nella fig.11.

Fig.10 Yoshimaro Handa

Fig.11

In questo modo simpara il modo di evitare una caduta violenta. Dopo alzatevi e riprovate ancora. Ripetendo questa operazione diventerete, entro breve, esperti nel modo di cadere. Torniamo ora allaltro modo di cadere, quando siamo proiettati in avanti. In questo caso se avete paura di cadere c il pericolo di farsi male alla schiena o alle anche. In questo caso posate la vostra mano a terra piegandola verso linterno e con la massima elasticit& che potete appoggiate a terra il gomito, la spalla, lanca e la gamba opposta (al braccio) fino a formare un cerchio con il vostro corpo piegato e ritornate in piedi usando lo slancio della caduta.

Ma lunico modo per rialzarsi cos( quando lavversario lascia la presa del vostro corpo appena dopo il lancio. Se invece non lascia la presa diventa impossibile rialzarsi e c il pericolo di sbattere violentemente le anche per terra. Per evitare il forte impatto bisogna piegare le ginocchia e prendere contatto a terra con la pianta dei piedi. In questo modo i piedi prendono contatto prima delle anche salvandole dalla botta. Dovete cercare di mantenere contratte le gambe altrimenti il corpo potrebbe subire uno sgradevole shock. Questa caduta non pi# difficile dellaltra. Linsegnante aiuter& a ruotare il corpo, ma importante che la si pratichi da soli. Stando in migi shizen tai piegare il corpo come nella fig.12, mettere le mani sulla materassina piegate verso linterno del corpo. Piegare la testa come se si volesse metterla sotto il braccio sinistro. Lasciare scivolare il palmo della mano destra fra il braccio sinistro e il piede destro e appoggiate il gomito destro, la spalla, lanca e la gamba opposta (al braccio) sulla materassina in questo ordine. Formate cos( un cerchio con il corpo piegato. Battete con la mano sinistra per terra e ritornate in piedi usando lo slancio della caduta. Ripetendo questo esercizio pi# volte diventeret esperti nella caduta e alla lunga riuscirete a rialzarvi senza battere la mano sulla materassina. Inoltre riuscirete a praticare la caduta con una sola mano come nella fig.13.

Fig.12 Tokisaburo Karino 20. COME AVANZARE O INDIETREGGIARE.

Fig.13

In judo della pi# grande importanza sapere come avanzare o indietreggiare. Lesito di un combattimento pu*, alcune volte, dipendere da questo. Se si avanza o sindietreggia a seconda che lavversario tiri o spinga, mantenendo la posizione naturale non ci sar& mai pericolo di essere proiettati. Se ci* succede per questi motivi: non ci si mossi correttamente; in seguito a una trazione o spinta dellavversario la posizione si rotta; il corpo sinclina su un fianco; corpo e gambe non si muovono insieme; unesitazione nellapplicazione della forza. Tutto ci* dar& una buona opportunit& allavversario per proiettare. Effettivamente sar& solo dopo tanta pratica che si riuscir& a mantenere la posizione naturale non ostante le spinte e le trazioni dellavversario. Bisogner& comunque dedicare parecchia attenzione a questo argomento se si vorr& progredire rapidamente. A questo proposito ecco alcune osservazioni. Supponiamo di avanzare in migi shizen tai; mantenendo il peso sul piede sx avanzate insieme il piede dx e il corpo. Quindi trasferendo il peso sul piede dx avanzate insieme il piede sx e il corpo e cos( via fino a raggiungere il punto desiderato. Quando indietreggiate fate a ritroso i movimenti precedenti; mantenendo il peso sul piede dx indietreggiate insieme il piede sx e il corpo. Quindi trasferendo il peso sul piede sx indietreggiate insieme il piede dx e il corpo e cos( via fino a raggiungere il punto desiderato. Se avanzate o indietreggiate in migi shizen tai avanzate sempre prima il piede dx e non incrociate mai i piedi come quando camminate normalmente. Il vostro peso rester& su uno o sullaltro piede solo per un attimo. Esso viene trasferito da un piede allaltro molto rapidamente. Dovete stare attenti che durante i vostri movimenti il peso non sia mai sul piede dx o sx, ma sempre al centro dei due.

Non ha nessuna importanza se vi stanno tirando o spingendo, voi dovete muovere gambe e corpo insieme senza mai rompere questa unione. Se cos ( fate, riuscirete sempre a mantenere la posizione naturale ed evitare di essere proiettati. Inoltre, se capita una buona occasione, sarete in grado di approfittarne. Mantenendo la posizione naturale non verrete proiettati, ma non sar& sufficiente se vorrete proiettare lavversario. Per fare ci* dovrete rompere la posizione dellavversario avanzando o arretrando pi# velocemente e pi# lontano di quanto lui non faccia, come gi& menzionato al paragrafo 7. 21. DOVE AFFERRARE. Per quanto riguarda la presa bisogna considerare la taglia dellavversario, il suo abbigliamento e la tecnica che intendete applicare. E impossibile definire esattamente quale parte prendere. In linea generale voi dovete usare la presa che meglio si adatta al tipo di tecnica che andate a intraprendere. Quelle che seguono sono le parti che, pi# comunemente, vengono afferrate. Vedi la fig.14.

Qui sono mostrate solo quelle parti che possono essere prese. Pi# avanti verr& spiegato come accordare le prese di entrambe le mani in relazione alla tecnica impiegata. Se il vostro avversario indossa abiti stranieri la presa pi# difficile, poich non porta la cintura e non neppure agevole afferrare il suo colletto o il bavero.

E quindi importante imparare ad afferrarlo mettendo le mani sulle spalle, sulle braccia, sotto le sue ascelle o intorno alle sue anche invece di afferrare il suo vestito. 22. COME AFFERRARE LABBIGLIAMENTO DELLAVVERSARIO. Ora vediamo come afferrare labbigliamento dellavversario. Ci sono molti modi di farlo anche sulla stessa posizione e ciascuno importante di per s . Prender il bavero o il colletto dellavversario con il pollice allinterno definita come presa naturale fig.15.

Prendere il bavero o il colletto con il pollice allesterno viene definita presa inversa. Prendere la cintura da sopra con il pollice dentro la presa naturale; prendendola da con il pollice fuori da sopra abbiamo la presa diretta mentre da sotto, sempre con il pollice allinterno, viene detta presa contraria. La presa deve essere il pi# leggera possibile. In combattimento le braccia hanno un ruolo importante. Servono a trasmettere, come un telegrafo, le intenzioni vostre e del vostro avversario. Naturalmente potete sempre guardarlo negli occhi, ma non riuscirete a percepire le sue intenzioni. Potrete vedere se ha il corpo o le gambe piegate, ma non i suoi obiettivi, e la direzione in cui metter& la sua forza, n il punto in cui rester& scoperto.

Queste cose possono essere conosciute solo con le braccia come gi& spiegato nel paragrafo 11. Inoltre quando tirate o spingete lavversario con le braccia molto importante confondergli le idee. Molte possono essere le direzioni in cui agite, in linea retta o talvolta circolarmente. Bisogna dosare forza e direzione in funzione della tecnica che si va ad applicare. Ci pu* essere anche lesigenza di cambiare presa senza che lavversario se ne accorga. Se mettete troppa forza nella presa le braccia diventano rigide e pesanti. In tal modo qualunque azione o intenzione verr& percepita immediatamente dal vostro avversario che potr& cos( impedirvelo. Se le braccia sono gi& rigide difficile assegnargli maggior energia e neppure cambiare velocemente la presa. E anche se riusciste a cambiar la presa le vostre intenzioni verrebbero subito percepite. Afferrando lavversario dovete tenere la presa leggera giusto per tenere il contatto e cos( potrete allungare o stringere le braccia quando necessario e spingere e tirare in qualunque direzione. Se iniziate un combattimento usando la forza andate contro tutti i principi del Judo. Non aspettatevi quindi di vincere.

CAPITOLO 5 NOMI DELLE TECNICHE E LORO CLASSIFICAZIONE. 23. CLASSIFICAZIONE DEL NAGE WAZA. Si gi& detto nel paragrafo 3 che esistono tre tipi di tecniche in judo. Di queste il nage waza il pi# vasto comprendendo al suo interno alcune centinaia di tecniche. Come spiegato nel paragrafo 10 ogni tecnica richiede un movimento armonico di ossa e muscoli, alcune pi# di altre. In alcune tecniche si proietta lavversario cadendo a terra. Quelle normalmente usate in randori e kata sono classificate come segue in realazione ai diversi modi di proiettare. A - Te Waza (tecniche di mano), quelle tecniche in cui prevalente luso delle mani e delle braccia: queste sono Uki Waza, Seoi Nage, Kata Guruma, Tai Otoshi, Obi Otoshi, Seoi Otoshi, ecc. B - Koshi Waza (tecniche danca), quelle tecniche in cui prevalente luso delle anche e delle natiche: queste sono Uki Goshi, Harai Goshi, Tsuri Komi Goshi, O Goshi, Koshi Guruma, Ushiro Goshi, Hane Goshi, Tsuri Goshi, Utsuri Goshi, ecc. C - Ashi Waza (tecniche di gamba), quelle tecniche in cui prevalente luso delle gambe: queste sono Okuri Ashi Barai, Sasae Tsuri Komi Ashi, Uchi Mata, Hiza Guruma, O Soto Gari, De Ashi Barai, Ko Uchi Gari, Ko Soto Gari, Harai Tsuri Komi Ashi, O Uchi Gari, Yama Arashi, O Soto Guruma, O Soto Otoshi, ecc. D - Ma Sutemi waza (tecniche di sacrificio sul dorso), quelle tecniche in cui bisgna cadere sul dorso per proiettare lavversario: queste sono Tomoe Nage, Ura Nage, Sumi Gaeshi, Hikkomi Gaeshi, Tsuri Otoshi, Tawara Gaeshi, ecc. E - Yoko Sutemi waza (tecniche di sacrificio sul dorso), quelle tecniche in cui bisgna cadere sul fianco per proiettare lavversario: queste sono Yoko Gake, Yoko Guruma, Yoko Otoshi, Daki Wakare, Yoko Wakare, Soto Makikomi, Uchi Makikomi, Tani Otoshi, ecc.

Queste sono le principali tecniche del Nage waza, alcune esistenti da sempre altre inventate da Jigoro Kano e pochi altri. Il kata del Kodokan Nage, al momento, utilizza quindici tecniche: A - Te Waza: Uki Otoshi, Seoi Nage, Kata Guruma. B - Koshi Waza: Uki Goshi, Harai Goshi, Tsuri Komi Goshi. C - Ashi Waza: Okuri Ashi Barai, Tsuri Komi Ashi, Uchi Mata. D - Ma Sutemi waza: Tomoe Nage, Ura Nage, Sumi Gaeshi. E - Yoko Sutemi waza: Yoko Gake, Yoko Guruma, Uki Waza. Le tecniche sono eseguite a destra e a sinistra per un totale di trenta. Le tecniche di judo permettono molte piccole varianti e il suddetto elenco uno schema di base su cui lavorare. Cos( quelle menzionate precedentemente possono essere adottate insieme a queste. Esse sono classificate in cinque fasi in funzione della difficolt& cos( da poter essere praticate dalla pi# facile alla pi# difficile fase dopo fase. Fase 1 Hiza Guruma, Tsuri Komi Ashi, Uki Goshi, Tai Otoshi, O Soto Gari, De Ashi Barai, Yoko Otoshi. Fase 2 Sumi Gaeshi, Ko Soto Gari, O Goshi, Koshi Guruma, Seoi Nage, Tomoe Nage, Tani Otoshi. Fase 3 Okuri Ashi Barai, Harai Goshi, Ushiro Goshi, Ura Nage, Uchi Mata, Obi Otoshi, Hane Goshi. Fase 4 Uki Otoshi, Uki Waza, Daki Wakare, Kata Guruma, Hikikomi Gaeshi, Tsuri Goshi, Soto Makikomi, Utsuri Goshi, O Soto Otoshi, Tawara Gaeshi. Fase 5 Yoko Guruma, Yoko Wake, Uchi Makikomi, Ko Uchi Gari, Ashi Guruma, Harai Tsuri Komi Ashi, Seoi Otoshi, Yama Arashi, O Soto Guruma, Yoko Gake. Oltre a questo nel Kodokan ci sono altri tipi di kata inventati da Jigoro Kano: - Itsutsu no Kata - Go no Kata - Ju no Kata - Shobu no Kata - ecc. 24. NOMI DEL KATAME WAZA. Si gi& detto nel paragrafo 3 che il Katame Waza - Osaekomi Waza - Shime Waza - Kansetsu Waza suddiviso in tre gruppi:

Ciascun gruppo comprende parecchie tecniche. Come nel nage waza ciascuna tecnica elencata in funzione di un ordine di applicazione. Di queste tecniche le seguenti sono le pi# usate: A - Osaekomi Waza: Kami Shiho Gatame, Kuzure Shiho Gatame, Yoko Shiho Gatame, Kesa Gatame, Kata Gatame. B - Shime Waza: Nami Juji, Kata Juji, Gyaku Juji, Hadaka Jime, Okuri Eri, Kata Ha Jime. C - Kansetsu Waza; Ude Garami, Jumonji Hatame, Ude Gatame, Hiza Gatame, Ashi Garami.

25. NOMI DELL ATEMI WAZA. Le Atemi Waza non sono numerose cos( come nage e katame waza e alcune di esse sono raramente usate. Le seguenti sono quelle pi# usate e anche le pi# efficaci: Tendo, Uto, Jinchu, Kasumi, Suigetsu, Tsukigake e Denko, Myojo, Tsurigane.

CAPITOLO 6 SPIEGAZIONE DEL NAGE NO KATA. 26. KODOKAN NAGE NO KATA. Sebbene il ju jitsu abbia molte tecniche solo poche di esse possono andar bene per lo sviluppo fisico ed il combattimento. Inoltre non sono ordinate in modo sistematico e didatticamente non hanno alcun legame tra loro. Di conseguenza sia linsegnante che lallievo si trovano a disagio. Jigoro Kano ha migliorato queste tecniche imperfette potenziandone i pregi ed eliminandone i difetti. A queste ne ha aggiunte delle altre completamente nuove. Solo dopo tanti esercizi e difficolt& egli riuscito a mettere a punto queste tecniche. Le tecniche sono legate tra loro e ben ordinate. Come gi& visto nel paragrafo 23, egli ha diviso queste tecniche in cinque gruppi: Te Waza, Koshi Waza, Ashi Waza, Ma Sutemi waza, Yoko Sutemi waza. Questi gruppi costituiscono il soggetto del Kodokan Nage. Successivamente, grandi maestri di judo convocati da tutto il paese dalla Butoku Society hanno, dopo attente analisi, definito il kata della Butoku Society, il kata dei nage (lanci N.d.T.) adottato in blocco dal Kodokan. 27. UKI OTOSHI. (Sollevare e tirare gi#) La prima tecnica del Kodokan Nage Uki Otoshi. Voi e il vostro compagno fate il saluto in ginocchio come nella fig.16 Quindi alzandovi con calma avanzate uno verso laltro fino a una distanza di circa un metro, avanzate il piede dx e assumete migi shizen tai come nella fig.17. Vi afferrate nella presa naturale destra con la mano sx che afferra la manica dx dellaltro e la mano dx che prende il bavero sx. Quindi mantenendo questa posizione squilibrate uke in avanti a dx muovendovi nella stessa direzione come gi& spiegato nel paragrafo 20. Uke avanzer& quanto necessario per mantenere la posizione. Apparentemente non ci sarebbe lopportunit& per proiettarlo, ma non cos(. Dopo due o tre passi, uke avanza, per inerzia, di circa 20-25 cm per passo pensando che andando avanti in questo modo possa mantenere la posizione naturale. Questa locasione da prendere. Al terzo passo, mentre indietreggiate allontanate sempre indietro il vostro piede sx, come nella fig.18 e appoggiate il ginocchio a terra, e nel contempo tiratelo verso il suo avanti destro con limpeto del vostro corpo e delle vostre braccia. Trovandosi tirato pi# di quanto non si aspetti non riuscir& pi# a mantenere la posizione naturale. La sua posizione si romper& in avanti a destra e compiendo un grande cerchio cadr& sul dorso al fostro fianco. Quindi si rialzer& ed eseguir& la tecnica a sx. Tutte le tecniche verranno eseguite a dx e a sx. Verr& comunque sempre spiegato solo la forma a dx. Nei casi in cui la presa sia simile a quella di uki otoshi si dir& semplicemente che si assunta la posizione migi shizen tai. Uki Otoshi una tecnica molto interessante. Sembra facile mentre invece difficile. Il modo di tirare di uki otoshi pu* essere utilizzato per qualunque altra tecnica. Gli allievi sono quindi pregati di studiarla e verificare quando possa essere usata.

Fig.16 - A dx Hoken Sato, a sx Yoshiaki Yamashita

Fig.17 Fig.18 A sx Shuichi Nagaoka, a dx Yoshiaki Yamashita 28. SEOI NAGE. (Proiettare sopra la spalla) Quando uke, avanzando con il piede dx di un passo verso di voi, mira alla vostra testa con il pugno dx mettete il vostro piede dx allinterno del suo alzando il braccio dx per proteggere la vostra testa, come nella fig.19, bloccando la parte inferiore del suo braccio. Non perdete tempo nel prendere il suo braccio e sollevatelo in avanti a dx. Ruotate velocemente il vostro corpo a dx facendo perno sul piede dx. Portate il vostro dorso a stretto contatto con il torace e addome, come nella fig.20. Non appena afferrate la parte superiore della sua spalla dx, piegate il vostro corpo secondo un arco, come nella fig.21, tirate le vostre braccia verso il basso proiettandolo sopra la vostra spalla dx. Questo un seoi nage. Lespressione girare a dx o a sx sar& usata spesso.

Fig.19

Fig.20 A dx T.Karino, a sx K.Yakusuni

Fig.21

29. KATA GURUMA. (Ruota sulla spalla) Dopo aver eseguito seoi nage vi rimettete entrambe in migi shizen tai. Mentre indietreggiate di due o tre passi afferrate uke nella parte superiore della sua manica dx e squilibratelo in avanti a dx come in uki otoshi portando lo vicino a voi il pi# possibile. Egli sar& costretto ad avanzare. A questo punto, avanzando un poco il vostro piede dx e abbassando le vostre anche, infilate profondamente il braccio dx fra le sue gambe e spingete la parte superiore della sua gamba dx, come nella fig. 22. Bloccate la sua manica dx con la mano sx, come se voleste sollevarlo, mettete il vostro collo sotto la sua ascella dx e rialzatevi con lui sopra le vostre spalle con lo sforzo combinato del collo e della mano che spinge la sua coscia, come nella fig.23. Quindi piegandovi in avanti proiettatelo proprio davanti a voi. Potete anche proiettarlo sul vostro fianco sx, ma non nel kata. Un tempo questa tecnica era sostituita da sukui nage, ma Jigoro Kano, dopo lunghe considerazioni, adott* kata guruma. Questo cambiamento divenne operativo dallestate del 1907.

Fig.22 Fig.23 A sx Shuichi Nagaoka, a dx Yoshiaki Yamashita 30. UKI GOSHI. (Anche fluttuanti) Dopo queste tre tecniche i due partecipanti tornano alle rispettive posizioni di partenza a circa quattro metri di distanza uno dallaltro e iniziano il gruppo delle koshi waza. Dora in avanti, ala fine delle tre tecniche torneranno sempre alle posizioni di partenza senza per* fare pi# il saluto. Ora, in uki goshi vi avvicinate fino ad una distanza di circa mt.1,20. Avanzando con il piede dx di un passo verso di voi, mira alla vostra testa con il pugno dx. A questo punto il suo corpo viene in avanti. Approfittate di questa occasione e avanzate il piede sx allinterno del suo dx con le dita inclinate nella stessa direzione dei suoi. Girate il corpo a dx e mettete in contatto non solo le anche, ma anche la parte mediana del vostro dorso in stretto contatto con il suo torace e addome come nella fig.24, e nel contempo tenete premuto con la mano sx la sua vita e con la dx controllate il suo braccio sx dallesterno. Ruotate velocemente le vostre anche da sx a dx come nella fig.25 e con una forte trazione della mano dx proiettatelo come nella fig.26. Ci sono vari punti su cui soffermare la propria attenzione in questa tecnica. Primo, questa tecnica viene eseguita quando uke viene avanti. Lo proiettate principalmente con lazione delle anche e tutto il resto di semplice supporto. Secondo, quando ruotate il corpo avanzando il piede sx molto importante che vi pieghiate indietro e mettiate in contatto le anche e la parte mediana del vostro dorso in stretto contatto con il suo torace e addome, senza abbassare il corpo o piegare le vostre anche. Se non fate ci* non riuscirete a ruotare bene le anche. Terzo, tenete premuto con la mano sx la sua vita in stretto contatto con la vostra schiena e non cercate di afferrare la cintura o qualche altra parte. Se non fate cos( la torsione delle anche non sara efficace.

Quarto, tenete stretto anche quando ruotate le anche. Naturalmente, alla fine della rotazione, la vostra mano scivoler& verso lalto, ma non un problema poich essa servre solo a tenere il contatto e non a proiettare.

Fig.24

Fig.25 Tori: Jigoro kano, Uke: Yoshiaki Yamashita

Fig.26

31. HARAI GOSHI. (Spazzare con le anche) Dopo viene harai goshi. Dopo aver finito lultima tecnica vi prendete in migi shizen tai. Rompendo la sua posizione in avanti a dx, indietreggiate due o tre passi e al terzo passo, come nella fig.27, mettete il vostro fianco dx, dalla ascella al torace a d angolo retto in contatto con il suo petto e addome. Nel contempo passate il braccio dx sotto la sua ascella e stringete a voi il suo corpo. Tiratelo in modo tale da farlo avanzare. Tenete il peso interamente sulla gamba sx, sollevando un poco il piede dx, portate la parte esterna della vostra coscia sulla parte frontale della sua e, come nella fig.28, ruotate le vostre anche da dx a sx. Nello stesso momento spazzate la sua coscia dx verso dx con la vostra coscia dx e tirate la vostra mano sx vicino alla parte sx del vostro torace. Il movimento delle vostre anche dovrebbe essere uguale a quello di uki goshi, ma in harai goshi, poich il busto non cos( inserito come in uki goshi, non dovete mettere altrettanta forza nel ruotare. Per eseguire correttamente la tecnica dovete portarvi verso uke fin dallinizio e tenere il vostro peso sulla gamba dx cos( da tenervelo vicino e dopo trasferire il peso sulla gamba sx. Teoricamente, la cosa migliore sarebbe porvi ad angolo retto rispetto ad uke, ma cos( facendo vi trovereste con il fianco dx a contatto con la sua parte frontale. Cos(, in pratica, meglio venire a contatto con lascella dx e il lato dx del vostro dorso.

Fig.27

Fig.28

A sx Shuichi Nagaoka, a dx Yoshiaki Yamashita

32. TSURI KOMI GOSHI. (Tirare e sollevare le anche) Dopo harai goshi vi prendete in migi shizen tai. Rompendo la sua posizione in avanti a dx, indietreggiate due o tre passi come in harai goshi. Al terzo passo uke non verr& in avanti come in harai goshi, ma star& dritto e tirer& indietro, irrigidendo il suo corpo come una sbarra, assumendo una posizione molto scomoda per tiarare uki goshi o harai goshi. Lasciate le barccia dove sono, ma non rilassate la presa. Ruotando il vostro corpo a sx, come nella fig.29, mettete i piedi davanti ai suoi e abbassate le anche pi# che potete fino allaltezza delle sue ginocchia. Sollevando velocemente le vostre anche, tirate in basso con le mani davanti a voi, come nella fig.30, e fatelo rotolare davanti a voi. Questa tecnica non riesce se uke non rigido e resta flaccido, da ricordarsi questo nelle dimostrazioni dei kata.

Fig.29 A sx Shuichi Nagaoka, a dx Yoshiaki Yamashita 33. ASHI BARAI (Spazzare con le gambe) La prima tecnica degli ashi waza ashi barai. E suddivisa in due tipi, ma nel kata solo uno, okuri ashi barai, viene eseguito. In questa tecnica si rompe lequilibrio dellavversario mentre ha le gambe in movimento, con unopportunit& come nel secondo caso del paragrafo 6. Vediamo come avviene. Voi ed uke vi afferrate reciprocamente. Quando lui, arretrando, vi tira avanti a dx, avanzate pi# di quanto lui arretri. Con le mani fatelo arretrare un poco di pi# della lunghezza del suo passo. Cercate quindi di squilibrarlo indietro alla sua dx. Quando solleva il piede dx tutto il suo peso resta sul sx. Non conveniente, a questo punto, spazzare il suo piede dx. Al contrario, mettereste in crisi la vostra posizione e offrireste a lui una possibilit& per attaccarvi. Quando invece solleva il piede sx tutto il suo peso resta sul dx. Non sareste in grado di spazzarlo e se anche ci riusciste sarebbe solo con estrema forza e in contrasto con i principi del judo. Per eseguire correttamente questa tecnica di spazzata dovete colpire il piede dx nel momento in cui il peso sta per trasferirsi su di esso, al secondo passo e prima che lo abbia completato. In quel momento sta per sollevare il piede sx e questo il momento migliore per eseguire la tecnica. Inoltre, mentre state per spingerlo indietro alla sua sx sollevatelo come se voleste descrivere con le mani un grande arco, troverete cos( pi# facile spazzare la sua gamba in virt# del fatto che il suo peso ritorna sul piede dx. Il suo equilibrio si romper& in avanti a dx e voi potrete applicare facilmente la vostra tecnica. In questa tecnica voi e uke vi come al solito mettete in migi shizen tai, avanzando nella posizione a dx. Mandatelo indietro di due o tre passi e al terzo passo eseguite la tecnica. Come si vede nella fig.31, tenete il peso sulla gamba dx e colpite il suo piede sulla parte esterna della caviglia con la pianta del vostro piede sx.

Fig.31 A sx Shuichi Nagaoka, a dx Yoshiaki Yamashita 34. TSURI KOMI ASHI. (Tirare e sollevare con il piede) E suddivisa in due tecniche, sasae tsuri komi ashi e harai tsuri komi ashi. Nel kata viene esguita la prima. Voi ed uke vi afferrate reciprocamente in migi shizen tai. Mantenendo la posizione naturale arretrate di due passi cercando di squilibrare uke in avanti a dx come in uki otoshi. Lui avanza cercando di mantenere la sua posizione naturale. Se voi al terzo passo metteste il ginocchio sx a terra e tiraste uke pi# di quanto non si aspetti stareste eseguendo uki otoshi. Ma in tsuri komi ashi dovete tirare la parte superiore del corpo pi# di quanto possano fare le sue gambe e squilibrarlo in avanti. Questo tsuri komi ashi. Come la sua posizione si rompe avanti a dx egli avanzer& il piede dx cercando di mantenere il suo equilibrio. Mantenete il peso sul piede dx e fermate lavanzata della sua gamba dx ponendo la pianta del vostro piede sx contro il collo del suo piede dx, come nella fig.32. Nel contempo piegate un poco il vostro busto allindietro e ruotatelo da dx a sx verso il vostro indietro sx mentre lo tirate con le braccia fortemente a voi eseguendo un buon tsuri komi. Quindi la sua posizione si romper& sempre pi# verso il suo avanti dx fino a cadere.

Fig.32 A dx T.Karino, a sx K.Yakusuni 35. UCHI MATA. (Colpire linterno della coscia) Quindi abbiamo uchi mata. Nellapplicare questa tecnica, quando voi ed uke vi mettete in migi shizen tai, applicate tsuri komi da dietro il vostro fianco dx come se voleste sollevarlo con la mano che tiene il suo colletto. Al terzo passo squilibratelo verso il suo indietro dx. C un momento in cui il suo peso sta per andare sul suo piede dx e la sua gamba sx si sta per sollevare. In questo momento mantenete il peso sul piede sx e portate il vostro fianco dx vicino al suo torace come in harai goshi.

Spazzate con linterno della vostra coscia dx la parte superiore interna della sua coscia sx nella direzione in cui questa si sta sollevando, come nella fig.33. Quindi si sollever& anche la sua gamba dx e cadr& sul suo indietro sx. Quando spazzate la sua coscia dovete tenere il contatto con la parte esterna della vostra coscia dx con linterno della sua coscia sx; in caso contrario la tecnica pu* non riuscire e, cosa pi# importante, si corre il rischio dinfortunare lavversario.

Fig.33 A dx Shuichi Nagaoka, a sx Yoshiaki Yamashita 36. TOMOE NAGE. (Proiettare secondo un cerchio) Nellapplicare questa tecnica, voi ed uke vi mettete in migi shizen tai. Lasciate la presa sulla manica e prendete il bavero dx di uke. Spingetelo un poco in modo tale che lui arretri tirandovi; in questo modo vi troverete entrambe nella posizione naturale. Avanzate alcuni passi spingendolo al fine di rompere la sua posizione. Per difendervi vi restituir& a sua volta la spinta. Mettete il vostro piede sx tra i suoi, come nella fig.34. Avvalendovi della sua spinta cercate di sollevarlo un poco in avanti. Mettete le vostre natiche a terra il pi# vicino possibile alle caviglie, come nella fig.35. Nel contempo piegate la vostra gamba dx e mettete la pianta del piede dx sulla parte bassa del suo addome. Non rilasciate la presa e tenetelo saldamente. Lasciatevi cadere indietro e fatelo passare sopra la parte sx o dx della vostra testa, come nella fig.36. Nel medesimo momento distendete la gamba dx che tenevate piegata e proiettatelo sopra la vostra testa. Egli cadr& sul dorso dopo la vostra testa descrivendo un cerchio per aria. In questa tecnica la forza delle vostre braccia e quella della vostra gamba dx lavorano in direzioni opposte. Ma quella delle braccia deve lavorare con maggior forza per ben eseguire la tecnica. Per una buona esecuzione dovete piegare la gamba dx quando le vostre natiche toccano terra. A tal fine dovete portare le natiche il pi# avanti possibile; in caso contrario non riuscirete a piegare sufficientemente la gamba dx. Questa si deve alzare mentre le natiche vanno a terra e non dopo. Non dovete colpire violentemente il suo addome con la pianta del piede, ma appoggiarla dolcemente sotto lombelico tenendo le dita sollevate.

Fig.34

Fig.35 A sx T.Karino, a dx K.Yakusuni

Fig.36

37. URA NAGE. (Proiettare allindietro) Finito tomoe nage vi troverete ad una certa distanza da uke. Avvicinatevi fino ad una distanza di circa due metri. Avanzando il piede dx uke cerca di colpirvi al capo con un pugno. A questo punto ruotate un poco il corpo a sx per evitare il colpo. Per limpeto del colpo egli ruota un poco a sx con il piede dx come asse e si sbilancia verso il suo indietro dx. Afferrando questopportunit& muovetevi intorno al suo indietro dx e prendetelo con le vostre braccia, come nella fig.37. Alcune parole su come afferrarlo. Afferratelo con il torace contro le sue natiche, il braccio intorno alla sua vita a cingere la costola sx pi# bassa. Mettete la vostra mano dx, con le dita in alto, sulla parte dx del suo addome e portatelo vicino alla parte sx del vostro busto. Piegandovi indietro sollevatelo aiutandovi con la spinta delle mani verso la vostra spalla sx. Quando i suoi piedi si staccano dalla materassina abbassatevi leggermente e lasciatevi cadere indietro. Cos( facendo lancerete lavversario oltre la vostra spalla e lontano da voi, come nella fig.38.

Fig.37 Fig.38 Uke: Shuichi Nagaoka, Tori: Yoshiaki Yamashita

38. SUMI GAESHI. (Proiettare nellangolo) Un tempo la terza tecnica del ma sutemi waza era tsuri komi, ma dallestate del 1905, quando anche la terza tecnica del te waza fu cambiata, stata sostituita con sumi gaeshi. Come il nome suggerisce, in questa tecnica lanciate lavversario verso il suo angolo indietro dx o sx. A prima vista sembra un yoko sutemi waza, ma poich cadete indietro per proiettare lavversario giusto farla ricadere fra le ma sutemi waza. Per fare questa tecnica dovete afferrarvi con uke in migi jigotai, come nella fig.39. Prendete il suo braccio dx con il vostro sx. Tirate fuori dalla presa del suo braccio sx il vostro braccio dx e premete la vostra mano dx sulla parte superiore sx del suo dorso oppure prendete la parte frontale della sua cintura nella presa naturale. Mentre arretrate tiratelo prima verso il suo avanti dx e quindi verso lavanti sx. Al terzo passo tiratelo pi# di quanto non si aspetti in avanti a dx ed egli perder& lequilibrio in quella direzione. Egli metter& il suo piede dx avanti e in punta di piedi, poich il suo peso andr& nella stssa direzione e il suo piede sx si sollever&. A questo punto andate vicino a lui il pi# possibile, come nella fig.40, avanzando il piede sx allesterno del suo dx e mettendo le natiche il pi# vicino a lui che potete. Lasciatevi cadere indietro a dx, come nella fig. 41, e spazzate la sua coscia nella stessa direzione in cui il suo corpo si sta sollevando. In quel momento tiratelo gi# con decisione con la mano sx, mentre lo spingete in alto con la mano dx. A causa di ci* egli cadr& toccando la materassina rispettivamente con la spalla, dorso e gamba sx. Quando lo tirate a dx e sx e poi ancora, al terzo passo, a dx dovete indietreggiare di un passo in accordo con il movimento. Troverete difficolt& nel fare questo. Perci* al terzo movimento non indietreggiate, ma lasciatevi cadere e riuscirete, grazie alla distanza ridotta fra voi e uke, ad eseguire correttamente la tecnica.

Fig.39

Fig.40 Tori: T.Handa, Uke: Y.Suwabe

Fig.41

39. YOKO GAKE. (Colpo laterale) Quindi viene yoko gake. Nellapplicare questa tecnica, voi ed uke vi mettete in migi shizen tai. Provate a rompere il suo equilibrio avanti a dx come in uki otoshi lui avanzer& per mantenere la sua posizione naturale. Al terzo passo piegatevi un po indietro e tiratelo pi# di quanto non si aspetti e lui verr& avanti a dx con il corpo rigido come un bastone. Il suo peso sar& sul mignolo del piede dx. Stando in equilibrio sul piede dx spazzatelo con la pianta del vostro piede sx sul malleolo dx, come nella fig.42. Nel contempo raddrizzate il vostro corpo e proiettatelo indietro mentre vi lasciate cadere indietro a sx. Tenetelo vicino a voi con la mano sx e sollevatelo con la dx, in modo tale che cada sul retro. In questo modo per* non riuscirete a proiettarlo con decisione. Ma ci riuscirete se, mentre gli spazzate il piede vi lasciate cadere. Facendo cos( c comunque il pericolo di fargli male alla spalla, per cui state attenti con i principianti. Non dovreste cercare di proiettarli lontano, ma mirare a proiettarlo in modo tale che cadiate insieme.

Fig.42 Tori: T.Handa, Uke: Y.Suwabe 40. YOKO GURUMA. (Ruota laterale) Come in ura nage lavversario viene verso di voi per attaccarvi alla testa con un pugno.Ruotate il corpo a sx in modo da evitare il colpo. Ruotate intorno al suo indietro dx e cercate di applicare ura nage nello stesso modo della tecnica precedente. Quindi uke avanzer& per evitare di essere proiettato. Portate la vostra gamba dx in mezzo alle sue gambe il pi# profondamente possibile, come nella fig.43. Approfittando del suo movimento in avanti lasciatevi cadere ruotando un poco il corpo a sx. Nel contempo fatelo ruotare tirandolo con la vostra mano sx aiutata dalla spinta della mano dx, il tutto al fine di prooiettarlo insieme alla rotazione del vostro corpo sul lato sx della vostra spalla sx.

Fig.43 Tori: Y.Yamashita, Uke: H.Sato 41. UKI WAZA. (Tecnica fluttuante) Voi e uke dovete prendervi in migi shizen tai. Con la mano dx prendete in presa naturale il suo bavero oppure fate passare il braccio dx sotto il suo sx fino a mettere il palmo sulla parte posteriore sx alta della sua schiena. Tiratelo prima a dx e poi a sx. Tiratelo ancora al terzo passo in avanti a dx. Quando il suo peso , per alcuni attimi, sul mignolo del suo piede dx mettete il piede sx fuori e lontano dal suo piede sx allo scopo di impedirgli di avanzare, come nella fig.44. Nel contempo piegate un poco allindietro il vostro corpo e lasciatevi cadere sul lato sx del vostro dorso al fine di proiettare lavversario. In tutte le tecniche yoko sutemi waza dovete lasciarvi cadere sul lato sx del vostro dorso eparallelamente ad uke. Mentre nel ma sutemi waza dovete lasciarvi cadere indietro per poter proiettare uke sopra la vostra testa o spalla secondo una linea diritta. Questa la differenza importante fra yoko sutemi waza e ma sutemi waza.

Ora qui finisce la spiegazione delle quindici tecniche del nage no kata. Entrambe i contendenti si salutano come allinizio del kata, ma questa volta arretrano per riprendere la posizione iniziale.

Fig.44 Tori: T.Handa, Uke: Y.Suwabe

CAPITOLO 7 SPIEGAZIONE DEL GO KYO. 42. GO KYO. (Cinque gruppi tecnici) Le forme del nage no kata sono state messe insieme per insegnare in un modo semplice il judo ai principianti e lo sforzo stato concentrato sullapprendimento dei principi del judo. Alcune di queste tecniche sono raramente usate. Queste tecniche, da sole, non sono sufficienti per praticare il randori. Ne esistono molte altre, oltre ad esse, che possono essere praticate senza essere cos( importanti da un punto di vista teorico. Tutte insieme formano il go kyo e sono insegnate al kodokan. Spiegheremo ora queste tecniche omettendo quelle gi& spiegate nel nage no kata. 43. HIZA GURUMA. (Ruota al ginocchio) Nel randori non ci sono tori e uke, ma uno afferra laltro nella posizione che gli pare. Al fine di non essere ripetitivi citeremo la posizione solo quando questa sia diversa da migi shizen tai. Per praticare hiza guruma dovete tirare uke avanti a dx mentre arretrate. Quando il suo peso comincia a gravare su una gamba, mantenendovi in equilibrio sulla gamba dx un poco pi# lontano di quanto non sareste in sasae tsuri komi ashi appoggiate leggermente la pianta del piede sx sul ginocchio della sua gamba dx, come nella fig.45. Piegate il vostro corpo allindietro e ruotatelo a sx e tirate uke a sx con la vostra mano sx, quella con cui tenete la sua manica dx, mentre nel frattempo la mano dx spinge nella stessa direzione. In seguito a questa manovra uke ruoter& come una ruota, con il suo ginocchio dx come perno, e cadr& a terra sul dorso. La sua gamba dx, in seguito alla trazione deve essere piegata, se resta diritta allora meglio utilizzare sasae tsuri komi ashi. Alcune volte hiza guruma viene applicata sulla sua gamba sx pur restando in migi shizen tai. Se uke reagisce alla trazione in avanti a dx allora rilasciate la trazione ed afferrate con la mano dx la sua manica sx e tiratelo verso il suo avanti sx. Allora uke avanzer& il suo piede sx e si sbilancer& verso quella direzione. Quindi cambiando gamba dappoggio applicate hiza guruma sul suo ginocchio sx con il vostro piede dx.

In questo caso per* la presa della mano sx non vi permetter& di agire con grande forza per cui dovrete impiegare lazione combinata della torsione el vostro corpo insieme alla trazione della vostra mano dx.

Fig.45 Tori: T.Karino, Uke: K.Yasubuni 44. SASAE TSURI KOMI ASHI. (Trattenere tirando e sollevando con il piede) Questa tecnica gi& stata spiegata nel nage no kata. Proprio quando state per proiettare lavversario, mettendo il vostro piede sx sul suo dx, pu* capitare che lui sposti la sua forza dalla gamba dx alla sx avanzando il suo piede sx sul vostro lato dx e spingendovi verso il vostro indietro dx. Alcune volte, come nella fig.46, egli, avanzando il piede sx, si sposta velocemente sul vostro indietro sx e, torcendo il busto, avanza con il piede dx sul vostro lato sx portando il peso su quel piede e sollevando leggermente il piede dx e evita il vostro piede dx. Perci* voi dovete rompere definitivamente il suo equilibrio avanti a dx senza dargli la possibilit& di ruotare e spostare il peso sullaltra gamba. 45. UKI GOSHI. (Anche fluttuanti) Come gi& detto nella spiegazione del nage no kata, questa tecnica una delle pi# difficili del koshi waza. Per i principianti molto difficile da eseguire. Anche se conoscete completamente tsukuri e kake di questa tecnica, la troverete comunque difficile da applicare in randori poich non facile rompere lequilibrio dellavversario cos( facilmente come nel nage no kata. Prima spingetelo un poco. Se lui vi restituisce la spinta approfittate delloccasione e tiratelo sollevandolo un poco e andate a contatto con lanca sx o dx. Nel caso entriate a sx lasciate la presa della mano dx e afferrate la sua manica sx sullesterno; in caso contrario lui appogger& la mano sx sulla vostra coscia sx e, avanzando a sx eviter& la vostra tecnica. C anche un altro modo per arrivare a contatto. Ponete la vostra mano dx, molto leggermente, sul retro della sua cintura, spingetelo un poco da dietro senza che se ne accorga, come per sollevarlo e arretrate. Alcune volte pu* capitare che egli venga avanti. A quel momento voi dovreste applicare la vostra anca dx. 46. TAI OTOSHI. (Tirar gi# il corpo) Loccasione migliore per applicare questa tecnica srebbe quando uke rigido con le gambe diritte e con il peso sulla sua gamba dx. Soprattutto quando avanza il momento favorevole. Per meglio eseguire questa tecnica spostatevi leggermente pi# a sx che nella posizione naturale. Mettete il piede dx esternamente al suo dx, come nella fig.47, e nel contempo tiratelo con la mano dx nella direzione in cui si sbilanciato e con la sx tirate decisamente tenendo il vostro gomito sx ben aderente al vostro fianco.

Con un piccolo sforzo tirate indietro il vostro busto squilibrandolo sul suo fianco. Uke, avendo il piede dx bloccato dal vostro ed essendo tirato dalle vostre braccia nella direzione in cui squilibrato, cadr& sulla schiena.

Fig.47 Tori: T.Karino, Uke: K.Yasubuni 47. O SOTO GARI. (Grande falciata esterna) Per applicare questa tecnica dovete squilibrare uke verso il suo indietro sx e avvicinarvi il pi# possibile al suo fianco dx. Ci sono due modi per avvicinarsi: uno quello di portare lui a voi e laltro di andare voi verso di lui. Per quanto riguarda il primo metodo, dovete tirarlo quando si gira verso dx e senza piegare il suo corpo; in tal modo la sua parte frontale sx comincer& a portarsi allinterno della vostra gamba sx, si squilibrer& indietro a dx ed il suo piede dx arriver& vicino a voi. Se questo non succede e il suo peso resta dov allora dovete essere voi ad avvicinarvi a lui. Quindi squilibratelo verso il suo indietro dx e spingete un poco la sua spalla sx con la vostra mano dx. Una volta che il suo peso sul suo piede dx avanzate il vostro piede sx al suo esterno cos( da avvicinarvi con il corpo a lui. In ogni caso fondamentale mantenerlo squilibrato verso il suo indietro dx e non permettergli di spostare il peso sullaltra gamba. Atrettanto importante il tenerlo ben stretto a voi altrimenti non riuscirete a fargli spostare il peso sul piede dx. Per eseguire la tecnica dovete stare con il peso sulla sola gamba sx, come nella fig.48. Sollevate il piede dx, piegate il ginocchio e spostate il piede verso sx il pi# lontano possibile. Raddrizzate il ginocchio dx e descrivendo un cerchio sulla materassina colpite linterno della sua coscia dx con la parte esterna della vostra portando, nel frattempo, le braccia verso il basso.

Fig.48 Tori: T.Karino, Uke: K.Yasubuni

48. DE ASHI BARAI. (Spazzare il piede che avanza) Come il nome stesso suggerisce bisogna colpire il piede di uke mentre fa un passo avanti. Il momento migliore quando uke sposta il piede dx un poco pi# a sx del solito, incrociando cos( i piedi, e quando il peso sta per trasferirsi sul piede dx, come nella fig.49. In questo preciso istante spazzate la sua caviglia con la pianta del vostro piede sx e tiratelo in avanti a dx e lui cadr&. In questa tecnica dovete evitare di colpire la sua caviglia con linterno del vostro piede altrimenti potreste entrambe farvi male. A tal fine tenete le dita del piede rivolte verso lalto.

Fig.49 a/b Tori: T.Karino, Uke: K.Yasubuni 49. YOKO OTOSHI. (Sacrificio laterale) Voi e uke in migi shizen tai. Fate passare il vostro braccio dx sotto la sua ascella sx e afferrate con la mano sx la parte superiore della sua manica dx cos( da tenerla ben stretta al vostro fianco sx. Tiratelo alternativamente avanti a dx e a sx fino a quando il peso del suo corpo va a finire sul suo piede dx. A questo punto tiratelo in avanti a dx, come nella fig.50, e distendete la vostra gamba sx esternamente alla sua caviglia dx in modo tale da impedirgli di avanzare in quella direzione. Contemporaneamente lasciatevi cadere verso il vostro indietro sx con il suo braccio ben stretto al vostro fianco. Tenendo le mani ben strette a voi proiettatelo in avanti a dx. Quando vi lasciate cadere ruotate il vostro corpo in modo tale che uke cada parallelo al vostro corpo. E importante tenere il braccio dellavversario ben stretto al vostro fianco. Se ci* non avviene potreste fargli male alla spalla. Inoltre la vostra caduta non sortirebbe leffetto voluto. Tenete quindi ben stretto il suo braccio al vostro fianco per tutta la durata dellazione.

Fig.50 Tori: T.Karino, Uke: K.Yasubuni

50. SUMI GAESHI. (Proiettare nellangolo) Non c alcuna differenza nel kake fra la versione kata e randori. Ma c una piccola differenza nello tsukuri. Anche in randori vi trovate entrambe in jigotai. Potete mettere il vostro braccio dx sotto la sua ascella come nel kata oppure prendete la parte frontale della sua cintura nella presa naturale. In ogni caso dovete prendere la sua manica in presa naturale con la vostra mano sx cos( da poter premaere il suo braccio al vostro fianco come in yoko otoshi. Mentre lo tirate a dx e sx pu* capitare che metta il suo piede dx avanti e porti su di esso tutto il suo peso mentre, intanto, il suo piede sx si solleva. Questo il momento migliore per eseguire sumi gaeshi. Se tuttavia uke non ha il corpo rigido potr& sempre sollevare la sua gamba sx e annullare la vostra azione sulla sua coscia sx. Per questo motivo, oltre al peso sul piede dx dovrete verificare anche la rigidit& della sua posizione. 51. KO SOTO GARI. (Piccola falciata esterna) Quando in randori cercate di squilibrare uke tirandolo in avanti a dx pu* capitare che egli per paura di essere squilibrato resista e porti in avanti il piede dx, ma con il peso non sulle dita bens( sul tallone. Questa la migliore opportunit& per ko soto gari, soprattutto quando tiene le anche arretrate. Disponetevi con il piede dx di fronte al suo e legermente verso lesterno. Raddrizzate il vostro corpo e portatevi il peso sulla gamba dx. Inclinate verso lalto il pollice del piede dx a mo di falcetto, come nella fig.51, e colpite il tallone del suo piede dx come se steste mietendo del grano. Nel contempo squilibratelo con le mani verso il suo indietro dx. Potete applicare ko soto gari anche quando uke sta arretrando. Pu* essere perch lui vi tira a s oppure perch voi lavete spinto. Quando il suo peso va a finire sul tallone dx avanzate il piede dx e falciatelo con il sx.

Fig.51 Tori: T.Karino, Uke: K.Yasubuni 52. O GOSHI. (Grande colpo danca) Prendete uke in migi jigotai. Fate passare leggermente il braccio dx sotto il suo braccio sx e appoggiatelo in profondit& sulla sua schiena. Se provate a sollevarlo un poco egli porter& il peso del corpo sulle dita dei piedi. A questo punto, abbassando lanca dx, avanzate il piede dx, come nella fig.52, allinterno del suo piede dx con le dita nella stessa direzione e parallelo allaltro. Portate il vostro dorso a stretto contatto con la sua parte anteriore. Ruotate le anche sollevandole leggermente e tirate con la vostra mano sx come in uki otoshi. Questo o goshi. I principi di uki goshi e o goshi sono gli stessi. La differenza solo nella posizione, shizen tai per uki goshi e jigotai per o goshi.

Fig.52 Tori: T.Karino, Uke: K.Yasubuni 53. KOSHI GURUMA. (Ruota sullanca) Alcune volte, in randori, quando cercate di squilibrare uke in avanti a dx egli avanza avanti a sx con il piede sx per mantenere la posizioe. Se questo non riesce egli va a finire con il suo corpo addosso al vostro. In questo momento portate il vostro braccio dx intorno al suo collo e tirate con la mano sx il suo braccio dx lungo il vostro fianco sx. Abbassandovi leggermente ruotate il corpo a sx portando il vostro piede dx nella medesima direzione. Spingete fuori le vostre anche lontane dalla sua destra e sulla parte anteriore del suo addome, come nella fig.53, cos( da mettere il vostro fianco sx contro la sua parte anteriore dx. Sollevatevi , ruotate la parte superiore del vostro corpo e contemporaneamente portate in avanti il braccio dx che circonda il suo collo e con la mano sx tirate verso il basso fino a farlo cadere sul vostro fianco dx. Il suo corpo girer& come una ruota intorno allasse del vostro addome.

Fig.53 Tori: T.Karino, Uke: K.Yasubuni 54. SEOI NAGE. (Colpo di spalla o, come nel catch as catch can, cavalla volante) Nel kata questo tiro avviene come reazione a un colpo di pugno sulla vostra testa. Ma nel randori esso avviene mentre siete in presa reciprocamente. I principi sono gli stessi per tutte e due i casi, ma in randori ci sono molte pi# opportunit&. Primo caso: Quando uke viene avanti e sta per appoggiarsi sul mignolo lasciate la presa del bavero e avanzate il piede dx allinterno del suo con le dita girate nella stessa direzione. Facendo perno sul piede dx ruotate il vostro corpo a sx, prendete con la mano dx la sua spalla da sotto il suo braccio e portatevelo sulla vostra spalla dx, mentre nel frattempo portate indietro il vostro corpo contro la sua parte anteriore.

Quindi piegate in avanti il corpo senza piegare le ginocchia, caricate ue sul vostro dorso e facendolo passare sopra la vostra spalla fatelo cadere. Se voi afferrate la sua manica dallinterno c il pericolo che lui vi strangoli, per questo motivo meglio afferrare la sua manica dx dallinterno. Secondo caso: Lo squilibrio uguale al precedente, solo che qui dovete lasciare le prese dove sono. Come nel precedente caso, abbassatevi leggermente mentre ruotate a sx. Piegate il vostro gomito dx, come nella fig.54, mettendo il vostro avambraccio sotto la sua ascella e proiettatelo facendolo passare sopra la vostra spalla dx. A differenza del primo caso dovete raddrizzare le gambe mentre piegate il corpo. Se uke tiene fermamente la vostra manica dx non riuscirete ad eseguire nessuna delle due tecniche precedenti. Per cui esse sono fattibili solo quando uke non tiene la vostra manica dx oppure la tiene in modo molto leggero. Terzo caso: Se riuscite a liberarvi della presa sul vostro bavero dx squilibratelo in avanti a sx. Spazzate il suo braccio dx con il vostro sx rompendo cos( la sua presa. Avanzate con il piede sx allinterno del suo sx con le dita nella medesima direzione. Facendo perno sul piede sx ruotate il corpo a sx. Lasciando la presa della mano dx cos( com andate ad afferrare la sua spalla sx passando sotto la sua ascella sx, come nella fig.55. Proiettatelo sopra la spalla sx come nel caso precedente. Quarto caso: Quando siete in migi shizen tai con lavversario afferrarte con la mano dx in posizione inversa il suo bavero dx. Quindi proiettatelo come nei casi precedenti.

Fig.54 Fig.55 Uke: T.Karino, Tori: K.Suwabe 55. TOMOE NAGE. (Proiettare secondo un cerchio) Dovete sforzarvi oltremisura nello squilibrare uke se questi si difende. Se egli vi spinge in risposta ad una vostra spinta approfittatene e tirate tomoe nage. Altrettanto fate se lui a spingervi. Se trovate diffivcile afferrarlo ad entrambe i baveri potete prenderlo alle spalle oppure alle maniche od altre parti purch la presa sia simmetrica. 56. TANI OTOSHI. Prendetevi in migi shizen tai come in yoko otoshi. Quando provate a squilibrarlo avanti a dx egli vi tirer& per stare in piede oppure tenter& di squillibrarvi a sua volta verso lavanti dx. Terr& il peso sul piede dx e arretrer& sul sx e quindi prover& a indietreggiare anche il dx e con esso anche il suo corpo. Prima che ci* avvenga squilibratelo verso lindietro dx (talvolta uke stesso a farlo). Come nella fig.56, portate la vostra gamba sx vicino alla sua dx e lasciatevi cadere verso il vostro avanti sx. Nel contempo sollevate leggermente la vostra mano dx e proiettatelo usando lazione della caduta del vostro corpo insieme a quella della vostra mano.

Apparentemente pu* sembrare uno yoko otoshi, ma ci sono alcuni punti differenti: 1) In yoko otoshi voi cadete verso il vostro indietro sx mentre in tani otoshi verso lavanti sx. 2) Uke i yoko otoshi cade verso il suo indietro dx mentre in tani otoshi verso il suo avanti dx. 3) In yoko otoshi importante tenere il suo braccio sx ben stretto al vostro fianco mentre in tani otoshi no.

Fig.56 Tori: Y.Handa, Uke: A.Suwabe 57. OKURI ASHI BARAI E HARAI GOSHI. (Spazzare con le gambe - Spazzare con le anche) Tsukuri e kake di questa tecnica sono uguali in kata come in randori. 58. USHIRO GOSHI. (Colpo danca da dietro) Lopportunit& migliore per eseguire questa tecnica quando uke, in seguito ad una tecnica danca, ha il dorso a contatto con la vostra parte anteriore e voi siete nella posizione naturale. Supponiamo che uke stia provando su di voi una tecnica danca a dx; abbassate un poco il vostro corpo e portate uke vicino a voi. Afferrarte la sua vita da dietro con il vostro braccio sx e premete la parte bassa del suo addome con la vostra mano dx, come nella fig.57. Raddrizzate le ginocchia, sollevate un poco le anche e inclinatevi indietro. Anche il suo corpo si sollever& inclinandosi indietro. A questo punto inclinatevi indietro e proiettatelo. Questo ushiro goshi. Se il suo corpo non rigido non riuscirete a proiettarlo perch potrebbe agganciare le vostre gambe con le sue o piegarsi in avanti con tutto il corpo.

Fig.57 Tori: K.Osumi, Uke: K.Suwabe

59. URA NAGE. (Lancio allindietro) Questa tecnica gi& stata spiegata nel kata, ma nel randori non si verifica che uke vi colpisca con un pugno, per cui dovrete ruotare fino ad arrivare dietro le sue spalle partedo da una situazione di migi shizen tai. La migliore opportunit& in seguito ad un attacco di otsuri goshi da parte di uke in cui vi affaerra la cintura con la mano dx e il vostro gomito dx con la sua sx. In questo caso abbassate un poco le anche e abbracciatelo dal suo dietro dx e applicate la tecnica come nel kata. Potete applicare questa tecnica ogni qualvolta egli attacca con una tecnica danca o anche con ashi guruma mentre voi vi trovate in shizen tai. 60. UCHI MATA. (Colpire linterno della coscia) Tsukuri e kake di questa tecnica sono uguali in kata come in randori. 61. OBI OTOSHI. (Proiettare usando la cintura) Poche sono le occasioni per effettuare questa tecnica. Voi e uke siete in migi shizen tai. La migliore opportunit& quando la posizione di uke debole e lo si pu* tirare facilmente in avanti. Afferrate con la mano dx in presa inversa la parte anteriore dx della sua cintura e tiratelo vicino al vostro addome cercando di sollevarlo un poco. Nel contempo spazzate via con la mano sx la sua mano dx dalla presa al vostro bavero sx e ruotate intorno a uke fino ad arrivare dietro di lui alla sua dx. Portate il piede sx dietro alla sua cavigkia sx e con il braccio sx circondate la sua vita passando davani a d essa e sotto la le sue braccia fino a cingergli lanca sx. Spingete un poco verso lalto le sue natiche con il vostro addome e lui cadr& indietro come nella fig.58

Fig.58 Tori: K.Osumi, Uke: A.Suwabe 62. HANE GOSHI. (Usare le anche come una molla) Tirate circolarmente a dx uke fino a fargli portare il peso sul piede dx in migi shizen tai. Abbassatevi un poco, sollevatelo con la vostra mano dx, piegate il vostro ginocchi dx e portatelo esternamente contro le sue ginocchia, come nella fig.59. Sollevatelo un poco con le vostre mani mentre usate la vostra gamba e lanca dx come una molla. Tirate verso il basso con la vostra mano sx e con la mano dx nella direzione opposta a quella delle gambe. Gambe, braccia, corpo, tutto deve agire contemporaneamente altrimenti la tecnica non sortir& leffetto voluto.

Fig.59 Tori: K.Samura, Uke: K.Suwabe 63. UKI OTOSHI E UKI WAZA. Tsukuri e kake di questa tecnica sono uguali in kata come in randori. 64. DAKI WAKARE. ( Abbraccio e separazione) Questa tecnica si applica quando lavversario si sta rialzando dopo una caduta oppure quando per paura sta nella posizione in greca. Avvicinatevi a lui da dx o da sx secondo le circostanze. Per esempio da sx. Prendetelo con il braccio dx sul suo fianco dx e con il sx sul suo addome passando sotto il suo braccio sx, come nella fig.60, e tenetevi il pi# possibile vicini a lui. Lasciatevi cadere sul dorso portando il piede sx proprio sotto di lui e proiettatelo facendolo passare sopra di voi.

Fig.60 Tori: T.Karino, Uke: A.Suwabe 65. KATA GURUMA. (Ruota sulla spalla) Tsukuri e kake di questa tecnica sono uguali in kata come in randori. 66. IKIKOMI GAESHI. (Ruota sulla spalla) Voi ed uke siete in migi jigotai come in sumi gaeshi. Prendete il suo braccio dx sotto il vostro sx e fate passare il vostro dx sotto la sua ascella sx. Tiratelo in avanti a dx fino quando porter& il peso sulla gamba dx e star& sui mignoli con le ginocchia piegate. A questo punto afferratye da sotto la sua ascella dx il suo braccio dx come nella fig.61, e portate il vostro piede sx esternamente al suo piede sx e lasciatevi cadere sul vostro dorso.

Contemporaneamente portate il vostro collo del piede dx contro linterno della sua coscia dx e sollevando la sua gamba lanciatelo sopra di voi.

Fig.61 Tori: K.Handa, Uke: K.Suwabe 67. TSURI GOSHI. (Colpo danca tirando) Potete applicare questa tecnica quando uke in shizen tai. Prendetelo dietro sulla cintura in presa naturale con la mano dx, tiratelo un poco e proiettatelo usando le vostre anche. Ci sono due modi di prender la cintura: Primo caso: da sopra il suo braccio - O Tsuri Goshi. Secondo caso: da sotto il suo braccio - Ko Tsuri Goshi. Il principio lo stesso. Il secondo si esegue in questo modo. Voi ed uke siete in migi shizen tai. Prendete la parte media della sua manica dx con la vostra mano sx, distendete la vostra mano dx e afferrate la parte posteriore della sua cintura in presa naturale da sotto il suo braccio sx. Quando comincia a venire avanti tiratelo su un poco usando la presa in cintura, avanzate il piede dx allinterno del suo dx con le dita puntate nella medesima direzionementre ruotate il vostro corpo da dx a sx, come nella fig.62. Portate il vostro dorso ben vicino a contatto con ila sua parte anterioreportando il vostro piede sx il pi# indietro possibile. Proiettatelo tirando verso il basso con la mano sx e sollevandolo con la dx e con le anche. O Tsuri Goshi si esegue nel medesimo modo. La migliore opportunit& quando uke mette il suo braccio dx sotto il vostro sx per attaccare in Ko Tsuri Goshi.

Fig.62 Tori: K.Osumi, Uke: Kinko Kuga 68. SOTO MAKIKOMI. (Avvolgimento esterno) Ci sono due tipi di makikomi: soto makikomi e uchi makikomi. Qui spiegheremo il primo. Talvolta, prima di fare le prese uke avanza e distende in fuori il braccio dx per prendere il vostro bavero sx o la spalla. In questo momento se usate il peso del vostro corpo riuscite a farlo venire in avanti verso di voi. A questo punto afferrarte la parte bassa della sua manica dx e portatevela stretta a voi tirandolo un poco.

Avanzate il piede dx esternamente al suo e distante da esso circa 30cm. Nel contempo premete con il vostro braccio dx il suo gomito dx al vostro fianco dx, come nella fig.63, mentre ruotate il corpo a sx usando il piede dx, che avevate avanzato, come perno. Mettete il piede sx tra il vostro dx e il suo, piegate un poco il vostro corpo e mettete il vostro fianco sx contro la sua parte anteriore dx del suo corpo. Ruotate il vostro corpo in modo tale che la sua mano dx e il suo corpo possano avvolgersi intorno al vostro corpo e lasciatevi cadere sul vostro fianco cos( da farlo cadere. Lasciatevi cadere sul vostro fianco dx e premete il suo addome e il suo fianco con il vostro dorso.

Fig.63 Tori: K.Samura, Uke: K.Osumi 69. UTSURI GOSHI. (Spostare le anche) Voi ed uke vi prendete in migi shizen tai. Quando uke ruota il corpo verso di voi oppure quando voi stessi andate a contatto del suo dietro sx prendetelo in vita con il vostro braccio sx, sollevatelo un poco e inclinatevi indietro come nella fig.64. Lui sollever& il piede per evitare di essere proiettato. In quel momento torcete il vostro corpo aiutandovi con le mani e con le anche ed il suo corpo si sposter& sulla vostra parte posteriore dx, posizione ideale per applicare un koshi waza. Approfittando di questa opportunit& applicate o goshi proiettandolo.

Fig.64 Uke: K.Osumi, Tori: Kinko Kuga

70. O SOTO OTOSHI. (Grande caduta esterna) Voi ed uke siete in migi shizen tai. Squilibrate uke verso lindietro pi# che verso lindietro dx. Quando il suo peso finisce sul tallone dx il momento migliore per applicare questa tecnica. Avanzate con il piede sx allesterno del suo e portate tutto il vostro peso su di esso. Indietreggiando un poco portate la vostra gamba dx con il ginocchio piegato sul suo fianco dx. Poi, come nella fig. 65, distendete il vostro ginocchioabbassate la gamba e fatela scivolare lungo il retro della sua coscia dx, mentre nel contempo lo schiacciate con le mani. O Soto Otoshi sembra assomigliare molto a O Soto Gari, ma in realt& molto differente. In O Soto Otoshi la posizione di uke viene rotta molto vicino alla sua gamba dx mentre il suo peso resta sul piede dx. Il piede dx avanza di fronte a voi mentre in O Soto Gari si sposta di lato. In O Soto Otoshi portate il retro della vostra coscia a contatto della sua per proiettarlo mentre in O Soto Gari la parte postriore dx della vostra coscia che va contro quella di uke.

Fig.65 Tori: K.Samura, Uke: K.Osumi 71. TAWARA GAESHI. (Lanciare una balla di paglia) Capita talvolta che uke appoggi la testa contro il vostro addome e afferrando la vostra cintura o unaltra parte del vostro abbigliamento resista duramente a gambe distese. In questo caso afferratelo da sopra per le braccia, come nella fig.66. Sollevandolo con tutta la vostra forza andate indietro e lasciatevi cadere sul dorso proiettandolo sopra la vostra testa. Questo tawara gaeshi. Fate attenzione aspostare la testa a sx o a dx per evitare che uke vi cada sopra durante la proiezione. La tecnica pu* essere eseguita anche quando lavversario si sta rialzando dopo una caduta oppure quando per paura sta nella posizione in greca.

Fig.66 Tori: K.Samura, Uke: K.Osumi

72. YOKO GURUMA. (Ruota laterale) Tsukuri e kake di questa tecnica sono uguali in kata come in randori. 73. YOKO WAKARE. (Separazione laterale) Pu* essere considerata come una occasione di yoko gake. Voi e uke siete in migi shizen tai e lo attaccate come in yoko gake. Quando arretrate tirandolo in avanti a dx lui avanzer& portando il peso sul piede dx avanzato. A questo punto lanciate le vostre gambe esternamente sul suo fianco dx, come nella fig.67, e contemporaneamente lasciatevi cadere indietro ruotando il vostro corpo un poco a sx e proiettatelo verso il suo avanti dx.

Fig.67 Tori: K.Samura, Uke: K.Osumi 74. UCHI MAKIKOMI. (Avvolgimento interno) Tsukuri e kake di questa tecnica sono uguali a quelli di soto makikomi mentre differisce il modo di avvolgere il suo braccio al vostro corpo. In questa tecnica il vostro braccio dx passa sotto il suo, come nella fig.68, e la mano sx afferra il polso di uke con il dorso verso lalto.

Fig.68 Tori: K.Samura, Uke: K.Osumi

75. KO UCHI GARI. (Piccola falciata interna) Voi ed uke in migi shizen tai. Il momento migliore per eseguire questa tecnica quando uke ha appoggiato il piede sx a terra un poco pi# lontano del solito e prima che il suo peso sia arrivato completamente. Tiratelo avanti a dx e quindi in avanti a sx fino a quando uke non vi fornisce loccasione adatta. Come nella fig.69, spazzate la sua caviglia sx con la pianta del vostro piede sx nella medesima direzione in cui il suo piede si sta muovendo, mantenendo il peso sul vostro piede dx e, contemporaneamente, tirandolo verso il basso con entrambe le mani. Una volta che uke ha appoggiato il piede a terra sar& molto difficile spazzarlo. Non dovete spazzare il suo piede con la sola forza del piede ma usando insieme le vostre anche e le vostre mani.

Fig.69 Tori: K.Samura, Uke: T.Karino 76. ASHI GURUMA. (Ruota di gamba) Voi ed uke in migi shizen tai. Squilibrate uke in avanti a dx efino a quando, per non cadere, porter& avanti il suo piede dx. Mentre sta per avanzare, portate il peso sul piede sx e distendete la gamba dx diagonalmente davanti alle sue gambe in modo tale che la parte frontale della vostra gamba dx sia a contatto con la sua coscia sx e il ginocchio dx, come nella fig.70.Tirando con la mano sx verso il basso e spingendo con la mano dx sempre verso il basso spazzate le sue gambe indietro mentre il suo corpo ruoter& intorno alla vostra gamba dx come intorno ad un perno. La stessa tecnica pu* essere eseguita a sx con un semplice cambio di presa della mano dx per afferrare la sua manica sx.

Fig.70 Tori: K.Samura, Uke: T.Karino

77. HARAI TSURI KOMI ASHI. (Spazzare tirando e sollevando con il piede) Questa tecnica assomiglia a sasae tsuri komi ashi. Non c molta differenza fra le due tecniche sia nella vostra posizione che nel modo di rompere quella di uke. In harai tsuri komi ashi voi spazzate con la pianta del vostro piede sx la parte esterna fra il suo ginocchio dx e la sua caviglia dx da migi shizen tai. Se la vostra posizione non adatta per spazzare il suo piede allora attaccate in sasae tsuri komi ashi. Assicuratevi che la sua posizione sia completamente rotta. 78. SEOI OTOSHI. (Proiettarlo al di sopra della spalla) E vero che ci sono poche occasioni per applicare questa tecnica, ma poich c bisogna dare comunque qualca spiegazione. Pu* essere conveniente quando si trova un uke basso e in posizione naturale. Afferrate con la vostra mano sx la sua cintura anteriormente a dx mentre con laltra mano prendete la parte media della sua manica, come nella fig.71. Ruotate il vostro corpo a sx portando il suo vicino a voi usando la presa della mano sx mentre mettete il gomito dx esternamente al suo fianco dx. Nello stesso momento infilate la vostra spalla dx sotto la sua ascella dx piegando il vostro ginocchio dx e portandolo a terra. Tiratelo gi# con la mano dx facendolo passare sopra la vostra spalla dx tenendo la vostra mano sx sulla sua cintura. Lui cadr& di fronte a voi sul dorso come in seoi nage.

Fig.71 Tori: K.Samura, Uke: K.Yasukumi 79. YAMA ARASHI. Voi e uke siete in migi shizen tai. Afferrate il suo bavero dx con la vostra mano dx in presa naturale mentre con la sx prendete la sua manica dx. Tiratelo in avanti a dx fino a quando va con il peso sul mignolo dx. In quel momento portate la parte posteriore dx del vostro corpo vicino alla sua parte anteriore dx, come nella fig.72. Con la parte posteriore della vostra gamba dx spazzate indietro la sua gamba dx mentre con la mano dx prima lo sollevate un poco e dopo lo tirate gi# aiutandovi con la sx e facendogli descrivere un cerchio per aria.

Fig.72 Tori: K.Samura, Uke: K.Osumi 80. O SOTO GURUMA. (Grande ruota esterna) Quando vi state prendendo con uke in migi shizen tai pu* capitare che egli si porti indietro con il peso sui talloni. In questo caso portate il piede sx esternamente al suo dx, come nella fig.73. Tenendo il peso su questo piede distendete la gamba dx dietro le sue gambe e vicino ad esse in modo che la parte posteriore sia a contatto della sua coscia dx e del suo polpaccio sx. Tirandolo su un poco fatelo ruotare intorno alla vostra gamba dx con laiuto delle mani e della stessa gamba dx fino a farlo cadere sulla schiena.

Fig.73 Tori: K.Samura, Uke: K.Osumi 81. YOKO GAKE. (Colpo laterale) Tsukuri e kake di questa tecnica sono uguali in kata come in randori. Ci sono comunque delle differenze fra yoko gake, yoko wakare e yoko otoshi anche se al principiante possono sembrare uguali. Per quanto riguarda la presa, yoko gake, yoko wakare partono da migi shizen tai mentre yoko otoshi parte da jigotai. Per lo squilibrio nelle prime due avanti a dx mentre per lultima alternativamente a dx e a sx. Nel kake in yoko gake colpite la sua caviglia con la pianta del vostro piede sx, in yoko otoshi distendete la vostra gamba sx per impedirgli di avanzare. E in yoko wakare portate entrambe le gambe esternamente alla sua dx nel momento in cui sta per perdere lequilibrio. Queste sono le principali differenze.

CAPITOLO 8 SPIEGAZIONE DEL KATAME WAZA. 82. LINEAMENTI DEL KATAME WAZA. (Immobilizzazioni) Le osaekomi waza sono le tecniche pi# efficaci per lo sviluppo fisico. E vero che nel nage waza si usa la forza, ma questa fornita dal vostro avversario evitandovi limpiego della vostra. Nellosaekomi waza voi ed uke usate molta pi# forza che nel nage waza perch dovete impiegare ogni vostro sforzo per impedire ad uke di alzarsi mentre lui, dal canto suo, cerca con tutte le sue forze di liberarsi della vostra presa. Il modo dimpiegare la forza nellosaekomi waza molto differente che nel nage waza; nel primo entrano in gioco muscoli che non sono impiegati nel secondo. Osaekomi waza e nage waza sono entrambe molto utili e necessari per lo sviluppo fisico. Se fatti nel giusto modo essi sviluppano splendidamente i nostri muscoli. Si pu* tranquillamente affermare che non esiste esercizio migliore in questo senso. Shime waza e kansetsu waza non servono invece allo sviluppo muscolare poich il loro obiettivo di battere lavversario. Sicuramente, per*, sono anchessi utili perch esercitano comunque quei muscoli che non sono impiegati nellosaekomi waza e nel nage waza. Poich alcune di queste tecniche possono essere pericolose si raccomanda, soprattutto ai principianti e ai giovani, di praticarle dopo aver appreso osaekomi waza e nage waza. 83. KAMI SHIHO GATAME. (Immobilizzazione su quattro punti da sopra) Le osaekomi waza sono sempre applicate quando uke con la schiena a terra e nelle spiegazioni a seguire questa sar& sempre la condizione di partenza. Per applicare Kami Shiho Gatame portate le vostre ginocchia vicino alla sua testa e, passando sotto le sue braccia, afferrate con entrambe la mani la sua cintura sui fianchi in presa naturale. Quindi portate il vostro busto sulla sua testa e la vostra testa sul suo busto, come nella fig. 74. Allargate le vostre ginocchia e abbassate le vostre anche il pi# possibile. Se uke tenta di sollevarsi alzando per primo la spalla schiacciatelo con il vostro busto. Se uke tenta di sollevarsi torcendo il suo torace prevenitelo usando la vostra mano. In ogni caso cercate di prevenire ogni suo tentativo di sollevamento senza mai consentirgli di sollevarsi. Pur se mantenete una buona posizione cercate di non irrigidire il vostro corpo perch questo gli consentirebbe comunque di trovare una via duscita. Questo principio valido per tutte le osaekomi waza. Quando controllate il vostro avversario dosate la vostra forza in funzione del tipo di reazione di uke e del suo punto dazione.

Fig.74 Tori: Kotaro Imai Uke: Mataemon Tanabe

84. KUZURE KAMI SHIHO GATAME. (Variante dellimmobilizzazione su quattro punti da sopra) Il modo di tenere uke uguale alla tecnica precedente con leccezione del braccio, dx o sx a seconda dei casi, che afferra passando sopra il suo braccio e afferra la parte posteriore del suo colletto, come nella fig.75. Si pu* applicare efficacemente quando uke tenta di uscire da Kami Shiho Gatame cercando di liberare il suo braccio.

Fig.75 Tori: Kotaro Imai Uke: Mataemon Tanabe 85. YOKO SHIHO GATAME. (Immobilizzazione laterale su quattro punti) Vi trovate sul fianco di uke, come nella fig.76, ginocchia sulla materassina, portate il vostro braccio dx in mezzo alle sue gambe e afferrate la sua cintura mentre con la mano sx prendete in presa naturale il retro del suo colletto passando sopra la sua spalla dx e dietro la sua testa. Distendete le ginocchia il pi# possibile e portatele vicino al suo fianco, con il suo braccio dx fra il vostro braccio e la parte bassa del vostro addome mentre con il torace schiacciate il suo addome. Se uke tenta di muoversi alla sua sx per sollevarsi seguitelo con il vostro corpo mantenendo sempre imprigionato il suo braccio dx. Se cerca comunque di alzarsi prevenite i suoi movimenti come nelle altre tecniche di osaekomi waza.

Fig.76 Uke: Kotaro Imai Tori: Mataemon Tanabe 86. KESA GATAME. (Immobilizzazione a forma di sciarpa) Vi trovate sul fianco dx di uke; come nella fig.77, mettete le vostre anche vicino a quelle di dx di uke e il vostro fianco dx vicino al suo addome e sopra il suo torace. Afferrate la sua spalla sx con la vostra mano dx passando sotto il suo braccio sx. Afferrate dallesterno la sua manica dx con la vostra mano sx e stringete il suo braccio dx al vostro fianco sx in modo tale da poter stringere anche il suo busto con esso. Piegate la vostra gamba dx e portatela vicino al suo fianco dx, piegate la gamba sx e mettetela il pi# lontano possibile. Se uke tenta di rialzarsi sollevando la sua spalla dx tenetelo gi# usando il braccio sx e il vostro busto. Se cerca di ruotare verso sx allungate la vostra mano dx e puntatela sulla materassina facendo forza con le anche e le gambe. Se uke, spostando le sue gambe a sx, cerca di ribaltarvi sulla schiena distendetevi nella stessa direzione senza cambiare la vostra posizione.

Portatevi sempre il pi# vicino possibile a uke in modo tale da impedirgli di sollevarvi e con il braccio e il fianco sx del vostro torace schiacciatelo per impedirgli di sollevarsi.

Fig.77 Uke: Kotaro Imai Tori: Hajime Isogai 87. KATA GATAME. (Immobilizzazione della spalla) Pu* essere fatta in due modi. Nel primo modo le gambe e le anche sono come in kesa gatame. Come nella fig.78, fate passare la mano dx intorno al suo collo da sopra e riunitela alla mano sx sotto alla sua spalla dx. Appoggiate la parte superiore dx del vostro torace sulla sua tenendo in mezzo il suo braccio al fine di impedirgli il movimento. Se lui tenta di sollevarsi agite come in kesa gatame. Nel secondo modo, quello che cambia la posizione delle gambe e delle anche. Come nella fig.79, portatevi vicino a lui con il ginocchio dx piegato come nel modo di stare seduto dei giapponesi e distendete la vostra gamba sx in fuori e tenete la vostra faccia sulla materassina. Siate sempre pronti, come nel primo caso, a schiacciare qualunque parte di uke che tenti di sollevare.

Fig.78 Tori: T.Karino Uke: A.Suwabe 88. NAMI JUJI. (Croce normale)

Fig.79 Tori: Mataemon Tanabe Uke: Hajime Isogai

Per applicare questa tecnica mettetevi a cavalcioni del vostro avversario con le ginocchia sulla materassina, come nella fig.80. Con la mano sx prendete il suo bavero sx in presa naturale mentre con la dx afferrate il suo bavero dx nello stesso modo cos( da incrociare le braccia sulla sua gola. Strangolatelo portando le vostre braccia se entrambe i fianchi e portandovi vicini a lui. Non usate solo la forza delle mani, ma distendete in fuori i gomiti portandovi vicini al suo torace.

Fig.80 Tori: T.Karino Uke: Y.Handa 89. KATA JUJI. (Mezza croce) Afferrate uke con la mano dx come nella tecnica precedente e con laltra mano prendete il pi# profondamente possibile il suo bavero sx in presa inversa, come nella fig.81, cos( da incrociare le vostre braccia sulla sua gola. Potete incrociare le mani come volete, ma quella che passa sopra deve prendere il suo bavero in presa naturale.

Fig.81 Tori: K.Imai Uke: S.Nagaoka 90. GYAKU JUJI. (Croce inversa) Come nella fig.82, prendete con entrambe la mani in presa inversa i baveri di uke in modo tale che i fianchi delle vostre mani siano in contatto con il suo collo. La presa fatta nel modo esattamente opposto a nami juji, ma per il resto uguale. Pu* essere applicata anche in piedi. Alcune volte, come nella fig.83, la si pu* applicare dopo essere rotolati lateralmente sopra uke. In questo caso controllatelo tenendo le sua anche fra le vostre cosce e con i piedi legati fra loro. Fate attenzione quando rotolate sopra a uke. Dovete sempre rotolare dalla parte in cui tenete il vostro braccio sotto laltro.

Fig.82 Tori: Y.Handa Uke: K.Suwabe

Fig.83 Tori: Y.Handa Uke: K.Suwabe

91. HADAKA JIME. (Strangolamento nudo) Questo un altro modo di strangolare e, come il nome suggerisce, senza lausilio del suo abbigliamento. Lo applichiamo stando alle spalle di uke seduto. Come nella fig.84, portate il ginocchio sx a terra e tenete il dx piegato e sollevato. Portate la vostra mano dx intorno al suo collo fino ad arrivare sopra la sua spalla sx per prendere la parte superiore del vostro braccio sx, mentre lo premete dietro al suo collo con la vostra mano sx. Tirate il vostro braccio dx come se voleste far cadere indietro uke mentre spingete in avanti la sua testa con la mano sx, strangolandolo cos( fra le vostre braccia.

Fig.84 Tori: M.Tanabe Uke:H.Sato 92. OKURI ERI. (Scorrere il bavero) Applicate questa tecnica con la mano dx da dietro uke seduto; come nella fig.85, portate il ginocchio sx a terra e tenete il dx piegato e sollevato. Portate la vostra mano dx intorno al suo collo fino a prendere il suo bavero sx il pi# profondamente possibile in presa naturale, mentre con la mano sx passate sotto la sua ascella sx per afferrare il suo bavero dx. Strangolatelo con la mano dx tirandolo un poco indietro. Pi# uke tenta di liberarsi tanto pi# infilate in profondit& la presa della mano dx aumentando sempre pi# la pressione sul suo collo. Questa tecnica si pu* applicare anche in altre situazioni, ad es. quando fallite la tecnica daki wakare.

Fig.85 Tori: M.Tanabe Uke:K.Imai

93. KATA HA JIME. Anche questa tecnica si applica su uke seduto. Come nella fig.86, portate il ginocchio sx a terra e tenete il dx piegato e sollevato. Portate la vostra mano dx intorno al suo collo fino a prendere il suo bavero sx il pi# profondamente possibile in presa naturale, mentre con la mano sx passate sotto la sua ascella sx per salire sulla sua spalla sx e premere il dorso della vostra mano appena sopra il retro del suo collo. Rialzatevi a dx e strangolatelo tirando indietro con la mano dx e spingendo contemporaneamente in avanti con la mano sx.

Fig.86 Tori: S.Nagaoka Uke:K.Aoyagi 94. UDE GARAMI. (Chiave al braccio) Si pu* applicare in due modi, con uke sdraiato sulla schiena e seduto, qui vedremo solamente il primo. Vi trovate sul lato sx di uke mentre lui sdraiato sulla schiena. Se tentate di andare in kesa gatame infilando il vostro braccio sx sotto la sua ascella dx uke, per difendersi, pu* afferrare il vostro bavero con la sua mano dx. In questo caso afferrate il suo polso dx con la vostra mano dx da sopra, come nella fig.87, schiacciando il suo braccio piegato senza tentare di distenderlo. Contemporaneamente fate passare il vostro braccio sx sotto il suo dx e afferrate il vostro polso dx. Sollevate un poco il suo braccio dx usando il vostro braccio sx mentre schiacciate sempre pi# in basso il suo polso dx con la vostra mano dx. Questo causer& parecchio dolore al gomito di uke poich si trover& schiacciato in due diverse direzioni contemporaneamente. Se questa azione sar& prolungata oltre misura il suo gomito si lusser& o si romper&.

Fig.87 Tori: K.Imai Uke:M.Tanabe

95. UDE HISHIGI. (Rompere il braccio) Quando voi e uke state per mettervi in presa pu* capitare che lui allunghi il suo braccio in avanti senza troppa attenzione. Se allunga il braccio dx afferrategli il polso con la vostra mano dx tenendogli il dorso della mano rivolto verso lalto ed il suo gomito ruotato verso il basso come nella fig.88. Avanzate il piede sx e ruotate il corpo verso il suo fianco dx e portate il suo braccio dx sotto la vostra ascella sx. Afferrate il vostro bavero dx con la mano sx cos( che il vostro avambraccio sia in contatto con il suo gomito o appena sopra mentre schiacciate il suo polso con la vostra mano dx. Il suo braccio assumer& una posizione tale per cui uke non riuscir& a sollevarlo e sentir& un grande dolore allarticolazione. Questa tecnica, se prolungata, porta alla rottura del braccio. Non bisogna mai dimenticare di tenere il suo gomito rivolto verso il basso mentre si schiaccia il suo polso altrimenti non avr& effetto.

Fig.88 Tori: T.Karino Uke: A.Suwabe 96. JUMONJI GATAME. (Chiave a croce) Vi trovate sul lato dx di uke sdraiato sulla schiena; prendete il suo polso dx con la vostra mano dx e il suo avambraccio dx con la vostra mano sx tenendo il dorso delle vostre mani rivolto verso lalto e portate il suo braccio dx fra le vostre gambe sul basso ventre, come nella fig.89. Distendete la vostra gamba sx e portatela sulla sua gola. Piegate la vostra gamba dx e portatela con il vostro stinco sotto il suo braccio dx e contro il suo fianco dx. Lasciandovi cadere indietro spingete il suo braccio un poco a dx con la parte interna rivolta verso lalto. Come nella tecnica precedente uke sentir& parecchio dolore. Questa tecnica pu* risultare utile ogni qualvolta uke distenda in fuori un braccio per afferrare il vostro bavero nel tentativo di spostarvi dal suo corpo mentre voi vi trovate sopra di lui. Ma non potrete applicare questa tecnica a meno che non siate vicini a lui. E necessario perci* tenere le vostre cosce il pi# strette possibili al suo braccio.

Fig.89 Tori: M.Tanabe Uke: K.Imai

97. UDE GATAME. (Chiave con il braccio) Vi trovate sul lato dx di uke sdraiato sulla schiena e con il vostro ginocchio dx piegato e lo stesso piede posato aterra; pu* capitare che uke tenti di afferrarvi il bavero dx o qualche altra parte del vostro abbigliamento vicino alla gola. In quel momento portate entrambe le vostre mani sul suo gomito e schiacciatelo verso il basso mentre lo portate verso di voi, come nella fig.90. Il suo braccio si distender& e il suo polso sar& contro la vostra spalla, impedendogli qualunque altro movimento del suo braccio in modo tale che se impegherete maggior forza il suo braccio si romper&.

Fig.90 Tori: M.Tanabe Uke: K.Imai 98. HIZA GATAME. (Chiave con il ginocchio) Alcune volte, tentando tomoe nage, pu* capitare che fallita la tecnica vi troviate con la schiena a terra e le mani che afferrano la parte bassa delle maniche di uke. In quel frangente, uke, talvolta piega il suo ginocchio dx e allunga il braccio dx fra le vostre gambe per difendersi portandolo internamente alla vostra coscia sx e vicino al vostro ginocchio sx. E loccasione migliore per applicare questa tecnica. Tiratelo con entrambe le mani mentre spingete con il vostro piede dx sulla parte superiore della sua coscia sx per bloccare i suoi movimenti, come nella fig.91. Se schiacciate il suo gomito dx con il vostro ginocchio sx si romper& poich non potra muoversi, bloccato com dal vostro fianco sx, in basso, e dalla sua stessa spalla, in alto.

Fig.91 Tori: Y.Handa Uke: K.Suwabe 99. ASHI GARAMI. (Chiave alla gamba) Alcune volte, tentando tomoe nage, pu* capitare che fallita la tecnica vi troviate con la schiena a terra e le mani come nella tecnica precedente. In quel frangente, uke, talvolta distende in fuori la sua gamba sx sul vostro fianco dx. E questa loccasione migliore per applicare questa tecnica. Lasciate la presa della vostra mano sx e afferrate in presa naturale il suo bavero dx. Come nella fig.92, fate passare la vostra gamba dx intorno alla sua sx passando da sotto e andate a mettere la vostra caviglia contro la sua coscia sx nella parte interna mentre con il piede sx spingete la parte interna della sua coscia dx.

Tirando le braccia a voi distendete le vostre gambe, come nella fig.93, uke non riuscir& pi# a uscire e il suo piede sx sar& schiacciato dal vostro braccio dx. Inoltre sentir& un grande dolore al ginocchio sx perch schiacciato dalla vostra gamba dx. Esiste anche unaltra versione in cui voi afferrate il suo bavero sx in presa inversa con la vostra mano sx e per il resto uguale alla precedente. Anchessa molto efficace.

Fig.92 Tori: Y.Handa Uke: K.Suwabe

Fig.93 Tori: Y.Handa Uke: K.Suwabe

CAPITOLO 9 SPIEGAZIONE DELL'ATEMI WAZA. 100. ALLENAMENTO DELLATEMI WAZA. (Tecniche di percussione, di pugno e di calcio) Poich la vittoria sul nemico era lobiettivo principale del ju jitsu antico, latemi waza cos( come il nage waza e il katame waza erano allora molto praticati. Erano considerate come tecniche segrete dalle antiche scuole e non venivano insegnate ai principianti. Ma erano veramente cos( pericolose da non essere insegnate? No, non necessariamente. Queste tecniche, cos( utili nel combattimento odierno, erano spesso, se non sempre, tenute segrete come il risultato di un costume allora in voga. Stando cos( le cose, esse non solo non devono essere tenute segrete, ma devono essere ancor pi# studiate e approfondite per lo sviluppo di questarte. Non sufficiente sapere dove e come colpire per conoscere latemi waza. Bisogna prima imparare a muoversi liberamente e senza problemi secondo i modi del nage waza e del katame waza per poi poter usare queste tecniche. Anche se riuscite a colpire ogni parte del corpo di uke con la mano o il piede non serve a molto se non siete altrettanto abili nel colpire di pugno, di punta e di calcio. Quindi dovete allenarvi non solo nel sapere dove e come colpire, ma anche nel colpire di pugno, di punta e di calcio e in modo costante. Ma le atemi waza sono comunque pi# pericolose delle altre teniche e i principianti non dovrebbero praticarle prima di aver sviluppato la muscolatura e imparato come muoversi liberamente e senza problemi secondo i modi del nage waza e del katame waza. Possono comunque allenarsi contro un muro nelle loro case o contro altri oggetti colpendo di pugno, gomito, ginocchia e piede. Anche i principianti possono ricavare beneficio da questo tipo di pratica. 101. DOVE E COME APPLICARE LATEMI WAZA Ogni atemi waza fatta per colpire lavversario di pugno, di punta e di calcio. Bisogna sempre ricordarsi di riportare indietro alla primitiva posizione il piede dopo che avete calciato. Lo stesso vale per pugno, gomito, ginocchia con cui avete colpito uke. Questo molto importante. In caso contrario le vostre tecniche avranno poco effetto. Queste tecniche possono essere applicate con uke in piedi o sdraiato a terra.

A. Uto. Con questa tecnica voi colpite di punta o percuotete la parte compresa fra i suoi occhi. Naturalmente dovete usare il pugno per colpire. Ci sono due modi: uno con la sommit& del pugno, laltro con il fianco. Il secondo il pi# efficace. B. Jinchu. Dovete colpire di punta o percuotere con il pugno o il gomito proprio sotto il naso. C. Kasumi. Dovete percuotere la tempia di uke con la parte esterna del palmo della vostra mano. Se colpite con energia uke sviene. D. Suigetsu. Dovete colpire di calcio il punto sotto il suo sterno conosciuto nella boxe come plesso solare. Potete anche colpirlo di punta con il pugno, il gomito o il ginocchio. Questa un atemi waza molto efficace. Quando colpite dovete tenere le dita del piede sollevate in modo tale da utilizzare la pianta del piede e non le dita. E. Denko e Tsukikake. Si tratta della parte, dx o sx, sotto la costola pi# bassa di uke che dovete colpire di punta o con un calcio. F. Myojo. Si tratta del punto posto a circa 3cm sotto lombelico di uke che dovete colpire con un calcio molto forte. G. Tsurigane. Si tratta di colpire con un calcio o una ginocchiata la parte tenera3 del corpo di uke. Per la nomenclatura dellatemi waza vedere la fig.94.

I testicoli. Il testo del 1915 e probabilmente era considerato disdicevole anche il solo nominare certe parti anatomiche con il loro vero nome.N.d.T.