Sei sulla pagina 1di 21

Esercitazioni 1 - Analisi della tensione

In questa esercitazione si studiano alcuni stati tensionali, deducendo, per ciascuno di essi, le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali, calcolando le minime e massime tensioni tangenziali, e disegnando i cerchi di Mohr principali. Il primo esempio e' del tutto generico, ed i calcoli vanno svolti con l'ausilio di un computer, gli altri presentano alcune peculiarita' che permettono il calcolo manuale. Infine, si danno alcune semplici funzioni Mathematica , che permettono l'automazione dello studio per qualsiasi stato tensionale.

Esercizio n.1
Si consideri il corpo B, e si ipotizzi che nel punto P la matrice delle tensioni sia data da: 1 2 1 i j j j 0 S = j j 2 4 j 0 1.5 k 1
1 i !!!!!!! j 14 j j j j j "##### 2# n= j j 7 j j j j 3 j !!!!!!! k 14

e si voglia determinare il vettore tensione tn sul piano definito dalla normale con coseni direttori y z z z z z z z z z z z z z {

y z z 2 z z z t cm z {

(1)

(2)

Soluzione
Basta applicare il teorema di Cauchy-Poisson, ottenendo: 1 2 1 tn1 y i i j j z j j z j j z 2 4 0 j j j tn2 z z= j j 0 1.5 k tn3 { k 1
1 i !!!!!!! j 14 j j y j z j z j "##### 2# z j z z 7 j zj j j j 3 {j 14 k !!!!!!!

y z z z z z z z = z z z z z z {

0 i y j z j z j z 1.60357 t cm2 j z j z j z k 0.935414 {

(3)

Esercizio n.2
Si consideri il corpo B, e si ipotizzi che nel punto P la matrice delle tensioni sia data da: 1 2 1 i j j 2 0 2 S = j j j j 2 1.5 k 1 y z z z t cm2 z z z {

(4)

e si voglia determinare il vettore tensione tn sul piano definito dall'equazione: x1 + 2 x2 + 2 x3 1 = 0 (5)

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

Soluzione

X3 C (0,0,1/2)

B (0,1/2,0) X2

A (1,0,0) X1

Dato il piano di equazione: ax1 + bx2 + cx3 + d = 0 i coseni della normale ad esso sono forniti da: a b c n1 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! ; n2 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! ; n3 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! a2 + b2 + c2 a2 + b2 + c2 a2 + b2 + c2 Nel nostro caso sara' allora: n1 = 1 2 2 ; n2 = ; n3 = ; 3 3 3 i j y j z j z j z j z z j zj j {j k
1 3 y i z j z j z j 2 z z j = j z j 3 z j z z j j 2 { k 3

(6)

(7)

(8)

e quindi il teorema di Cauchy-Poisson fornisce: 1 2 1 tn1 y i i j j z j j z j j z 2 0 2 t = j j j j n2 z z j 1 2 1.5 k tn3 { k


1 3 2 3 2 3

y z z z z z t cm2 z z z z {

(9)

Esercizio n.3
Si consideri il corpo B, e si ipotizzi che nel punto P la matrice delle tensioni sia data da: 5 2 0 i j j 2 S = j j 2 1 j j 2 1 k 0 y z z z t cm2 z z z {

(10)

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

e si voglia determinare la tensione tangenziale tn agente sul piano di normale con coseni direttori: n1 y i j i j j j z j j z j j z n = 2 j z j z j j j k n3 { j k
1 3 2 3 2 3

y z z z z z z z z z {

(11)

Soluzione
Si calcolano, nell'ordine, la tensione tn sul piano in oggetto, la sua componente normale sn e l'ampiezza della componente tangenziale tn . Infine, si calcolano i coseni direttori della retta di azione di tn . La tensione tn si ottiene applicando il teorema di Cauchy-Poisson: 5 2 0 i j j 2 1 2 tn = Sn = j j j j 0 2 1 k i j y j z j z j z j z z j zj j {j k
1 3 2 3 2 3

y i z j z j z j z j z j = z j z j z z j j { k

1 3 4 3 2 3

y z z z z z t cm2 z z z z {

(12)

La componente normale sn e' la componente di tn lungo la normale n, e si calcola attraverso un prodotto scalare: n = tn n = tn1 n1 + tn2 n2 + tn3 n3 = 1 1 4 2 2 2 13 + + = t cm2 3 3 3 3 3 3 9 (13)

L'ampiezza della tensione tangenziale e' immediatamente deducibile come: n = !!!! 1 16 4 169 2 5 "############### 2 + t2 + t2 2 = $%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%% 2# = "######################################### + + = t2 t n1 n2 n3 n n n 9 9 9 81 9

(14)

Infine, i coseni direttori della retta di azione di tn si ottengono da: n1 = tn1 n n1 = 9 n tn2 n n2 = 9 n tn3 n n3 = 9 n
1 3

!!!! 2 5 2 !!!! 5
13 9 13 9

13 9

1 3

n2 =

4 3

2 3

!!!! 5 = 0.745356 3

2 !!!! = 0.298142 3 5

(15)

(16)

n3 =

2 3

!!!! 2 5

2 3

= 3

4 !!!! = 0.596285 5

(17)

Esercizio n. 4
Si consideri il punto P, interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice delle componenti speciali di tensione: 750 400 125 i j j j 0 S = j j 400 1000 j 0 500 k 125 y z z 2 z z z Kg cm z {

(18)

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

Si vuole: 1. disegnare lo stato tensionale 2. calcolare le tensioni principali 3. calcolare le corrispondenti direzioni principali di tensione 4. calcolare le massime e minime tensioni tangenziali 5. identificare i piani su cui agiscono tali tensioni 6. tracciare i cerchi principali di Mohr, confermando i risultati del punto precedente

Soluzione
Punto 1 Lo stato tensionale e' disegnato in Figura 1. Si osservi che le tensioni sono state riportate col loro segno, e che di conseguenza il loro valore e' stato indicato in assoluto. Punto 2 Per dedurre le tensioni principali, e' opportuno calcolare i tre invarianti: I1 = 11 + 22 + 33 = 750 + 1000 500 = 1250
2 2 2 13 23 = 300625 I2 = 11 22 + 11 33 + 22 33 12

(19) (20) (21)

I3 = Det HSL = 310625000

X3

125

750 400 400 1000

1000 400 400 750

500 125

125 500

X2

125

X1

da cui poi trarre l'equazione secolare: 3 + 1250 2 + 300625 310625000 = 0 (22)

Le tre radici, reali, possono essere calcolate con un qualsiasi metodo numerico, ottenendo le tre tensioni principali:

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

1 = 1297.15 2 = 466.348 3 = 513.496 Punto 3 Per calcolare la prima direzione principale occorre risolvere il sistema: HS 1 IL n = 0 750 1297.15 400 125 i j j j 400 1000 1297.15 0 j j j 125 0 500 1297.15 k n1 n N 400 J 2 N = 125 n3 n3 0y n1 y i y i z j z j z z j j z z j z j z 0z n = z j z 2 j z z j j z z j z z n 0 k { 3 { k {

(23)

(24)

ossia:

(25)

omogeneo ed a determinante nullo. Dividendo per n3 si ottiene, dalle prime due equazioni: 547.15 J 400 J

(26) (27)

n1 n N 297.15 J 2 N = 0 n3 n3

con soluzione ottenibile con un normale metodo di sostituzione: n1 = 14.3655 n3 n2 = 19.3377 n3 Infine, la soluzione puo' essere normalizzata imponendo che sia:
2 2 n2 1 + n2 + n3 = 1

(28)

(29)

Basta, a tal fine, scrivere: n1 = H14.3655 + 19.33772 + 1L


2

14.3655

12 12 12

= 0.59582

(30)

n2 =

H14.3655 + 19.33772 + 1L
2

19.3377

= 0.802046

(31)

n3 =

La prima direzione principale e' quindi data da: i 0.59582 z y j j 0.802046 z z nH1L = j j z j z j z 0.0414758 k {

H14.3655 + 19.33772 + 1L
2

= 0.0414758

(32)

(33)

Per calcolare la seconda direzione principale occorre risolvere il sistema: HS 2 IL n = 0 (34)

ossia:

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

omogeneo ed a determinante nullo. Dividendo per n3 si ottiene, dalle prime due equazioni: 283.652 J 400 J n1 n N 400 J 2 N = 125 n3 n3

750 466.348 400 125 i j j j 400 1000 466.348 0 j j j 125 0 500 466.348 k

0y n1 y i y i z j z j z z j j z z j z j z 0z n = z j z 2 z j z j j z z j z z n 0 k { 3 { k {

(35)

(36) (37)

n1 n N 533.652 J 2 N = 0 n3 n3

con soluzione ottenibile con un normale metodo di sostituzione: n1 = 7.73091 n3 n2 = 5.79472 n3 Infine, la soluzione puo' essere normalizzata imponendo che sia:
2 2 n2 1 + n2 + n3 = 1

(38)

(39)

Basta, a tal fine, scrivere: n1 = H7.73091 + 5.794722 + 1L


2

7.73091

12 12 12

= 0.79592

(40)

n2 =

H7.73091 + 5.794722 + 1L
2

5.79472

= 0.596584

(41)

n3 =

La seconda direzione principale e' quindi data da: i 0.79592 z y j z j nH2L = j j 0.596584 z z j z j z k 0.102953 {

H7.73091 + 5.794722 + 1L
2

= 0.102953

(42)

(43)

Per calcolare la terza direzione principale occorre risolvere il sistema: HS 3 IL n = 0 750 + 513.496 400 125 i j j j 400 1000 + 513.496 0 j j j 125 0 500 + 513.496 k n1 n N 400 J 2 N = 125 n3 n3 0y y i n1 z y i z j z j z j z j z z j z z= j z j zj j0z z j n2 z z j z z { k n3 { k 0 { (44)

ossia:

(45)

omogeneo ed a determinante nullo. Dividendo per n3 si ottiene, dalle prime due equazioni: 1263.5 J 400 J

(46) (47)

n1 n N + 1513.496 J 2 N = 0 n3 n3

con soluzione ottenibile con un normale metodo di sostituzione:

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

n1 = 0.107965 n3 n2 = 0.0285339 n3 Infine, la soluzione puo' essere normalizzata imponendo che sia:
2 2 n2 1 + n2 + n3 = 1

(48)

(49)

Basta, a tal fine, scrivere: n1 = H0.1079652 + 0.02853392 + 1L H0.1079652 + 0.02853392 + 1L H0.107965 + 0.02853392 + 1L
2

0.107965

12 12 12

= 0.107298

(50)

n2 =

0.0285339

= 0.0283576

(51)

n3 =

= 0.993822

(52)

La terza direzione principale e' quindi data da: i 0.107298 z y j z j nH3L = j j 0.0283576 z z j z j z k 0.993822 {

(53)

Si costruisca ora la matrice modale, inserendo le tre direzioni in colonne successive: 0.59582 0.79592 0.107298 i j j j N=j j 0.80204612 0.596584 0.0283576 j k 0.0414758 0.102953 0.9938224 y z z z z z z {

(54)

Tale matrice risulta ortogonale, a determinante unitario, segnalando che le direzioni principali sono mutuamente ortogonali. Inoltre, e' facile verificare che: N1 SN = con L matrice diagonale contenente l'iesima tensione principale in posizione i-esima: 1297.15 0 0 i j j 0 466.348 0 = j j j j 0 0 513.496 k Punto 4 Conosciute le tensioni principali, e' immediato concludere che le minime e massime tensioni tangenziali sono fornite da:
1 1 1.sui quattro piani di normale nT = (0, ! , ! ) !!!! !!!! 2 2

(55)

y z z z z z z {

(56)

2 3 466.348 + 513.496 = = 489.922 2 2

(57)

con tensione normale, agente sul medesimo piano, pari a: n = 2 + 3 466.348 513.496 = = 23.574 2 2
2 2

(58)

1 1 1.sui quattro piani di normale nT = ( ! , 0, ! ) !!!! !!!!

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

3 1 513.496 1297.15 = = 905.323 2 2

(59)

con tensione normale, agente sul medesimo piano, pari a: n = 3 + 1 513.496 + 1297.15 = = 391.827 2 2
2 2

(60)

1 1 1.sui quattro piani di normale nT = ( ! , ! ,0) !!!! !!!!

1 2 1297.15 466.348 = = 415.401 2 2

(61)

con tensione normale, agente sul medesimo piano, pari a: n = Punto 5 1 + 2 1297.15 + 466.348 = = 881.749 2 2 (62)

tn

s3

s2

s1

sn

Esercizio n. 5
Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice delle tensioni:

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

1000 500 0 y i j z 2 j z S =j 500 200 0 z j z z Kg cm ; j 0 0{ k 0

X3

1000 500 200 500 500 1000 200 500

X2

X1

Si vuole conoscere le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali di tensione.

Soluzione:
Si cominci con l'osservare che la matrice S ha una riga (ed una colonna) interamente nulla, e che di conseguenza il suo determinante e' nullo. Questo implica che il termine noto dell'equazione secolare, ossia l'invariante cubico, e' anch'esso nullo. Ne segue che una radice sara' senz'altro nulla, e che l'equazione stessa si riduce ad un'equazione quadratica, di facile soluzione. L'invariante lineare si calcola immediatamente, come traccia di S: I1 = 11 + 22 = 800 ed anche l'invariante quadratico non presenta difficolta':
2 I2 = 11 22 12 = 1000 200 5002 = 450000

(63)

(64)

A questo punto l'equazione secolare si scrive: H450000 + 800 2 L = 0 (65)

con soluzione immediata:

1 = 1181.02 2 = 0 3 = 381.025

(66)

Ottenute le radici, esse vanno sostituite, una per volta, nel sistema di equazioni ( S-s I)l = 0. Ad esempio, per s = s1 si ha:

10

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

181.02 n1 + 500 n2 = 0 500 n1 1381.02 n2 = 0 1181.02 n3 = 0

(67)

La terza equazione fornisce subito n31 = 0, mentre e' possibile verificare che la seconda equazione si ottiene dalla prima moltiplicata per 2.76213. Cio' significa che, come d'altronde ovvio, non si puo' certo sperare di calcolare un valore univoco e non nullo della coppia di incognite n1 , n2 . E' pero' possibile calcolare il loro rapporto, dividendo, ad esempio, la prima equazione per n2 : n1 500 = 2.76213 n2 181.02 Per ottenere i coseni direttori, non resta che normalizzare, scrivendo: n1 n1 500 0.940275 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 2 "########################## # 2 2 2 500 + 181.022 n1 + n2 + n3 n2 181.02 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 0.340417 "########################## 2 2# 5002 + 181.022 n2 1 + n2 + n3 (68)

(69)

n2

(70)

Mentre il calcolo della direzione principale corrispondente a s2 = -381.025 non presenta alcuna difficolta', si noti che per la seconda direzione principale occorre risolvere il sistema (per s3 = 0): 1000 n1 + 500 n2 = 0 500 n1 200 n2 = 0 0 n33 = 0

(71)

che potrebbe causare qualche perplessita'. Tuttavia e' immediato realizzare che le prime due equazioni sono indipendenti, avendo determinante dei coefficienti diverso da zero, e pertanto ammettono solo la soluzione nulla. Dalla terza scompare ogni traccia di n3 , che pertanto puo' essere assunta arbitraria. Ne segue, normalizzando, la soluzione (0,0,1). Nota - Dalla Figura 2 risulta evidente che le tensioni giacciono tutte nel piano x1 x2 . Cio' e' caratteristico dei cosiddetti stati piani di tensione. I cerchi principali di Mohr sono riportati in seguito:

tn

s3

s2

s1

sn

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

11

Esercizio n. 6
Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice delle tensioni:
i 5 10 20 j j 10 20 40 S =j j j k 20 40 105 y z z 2 z z z Kg cm ; {

Si vuole conoscere le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali di tensione.

Soluzione:
Si cominci con l'osservare che la matrice S ha due righe chiaramente linearmente dipendenti, poiche' una e' il doppio dell'altra, e che di conseguenza il suo determinante e' nullo. Questo implica che il termine noto dell'equazione secolare, ossia l'invariante cubico, e' anch'esso nullo. Ne segue che una radice sara' senz'altro nulla, e che l'equazione stessa si riduce ad un'equazione quadratica, di facile soluzione. L'invariante lineare si calcola immediatamente, come traccia di S: I1 = 11 + 22 + 33 = 130 ed anche l'invariante quadratico non presenta difficolta':
2 I2 = 11 22 12 = 1000 200 5002 = 625

(72)

(73)

A questo punto l'equazione secolare si scrive: 3 + 130 2 625 = 0 con soluzione immediata: 1 = 125 2 = 5 3 = 0 (74)

(75)

Ottenute le radici, esse vanno sostituite, una per volta, nel sistema di equazioni ( S-s I)l = 0. Ad esempio, per s = s1 si ha: 120 n1 + 10 n2 + 20 n3 = 0 10 n1 105 n2 + 40 n3 = 0 20 n1 + 40 n2 20 n3 = 0 e dividendo per n3 : n1 n + 10 2 = 20 n3 n3 n1 n2 10 105 = 40 n3 n3 n n 20 1 + 40 2 = 20 n3 n3 120 Le prime due equazioni forniscono, con un metodo di sostituzione, n1 1 n 2 = ; 2 = n3 5 n3 5 (78)

(76)

(77)

12

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

Una soluzione non normalizzata e' quindi nT = H1, 2, 5L. Per ottenere i coseni direttori, non resta che normalizzare, scrivendo: n1 n1 1 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 0.182574 2 + 52 "########################## # 2 2 2 1 + 2 n1 + n2 + n3 n2 2 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 0.365148 2 + 52 "########################## # 2 2 2 1 + 2 n1 + n2 + n3 n3 5 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 0.912871 2 + 52 "########################## # 2 2 2 1 + 2 n1 + n2 + n3

(79)

n2

(80)

n3

(81)

La seconda direzione principale, corrispondente alla tensione principale s2 = 5, si ottiene risolvendo il sistema: 10 n2 + 20 n3 = 0 10 n1 + 15 n2 + 40 n3 = 0 20 n1 + 40 n2 + 100 n3 = 0 ossia, dividendo per n3 : n2 = 2 n3 n n 2 1 + 3 2 = 8 n3 n3 n2 n1 +2 = 5 n3 n3 con soluzione: n1 n = 1; 2 = 2 n3 n3 (84)

(82)

(83)

Una soluzione non normalizzata e' quindi nT = H- 1, - 2, 1L. Per ottenere i coseni direttori, non resta che normalizzare, scrivendo: n1 n1 1 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 0.408248 "########################## # 2 2 2 1 + 22 + 1 n1 + n2 + n3 n2 2 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 0.816496 "########################## # 2 2 2 1 + 22 + 52 n1 + n2 + n3 n3 1 = !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 0.408248 2 + 52 "########################## # 2 2 2 1 + 2 n1 + n2 + n3

(85)

n2

(86)

n3

(87)

Infine, la direzione principale corrispondente a s3 = 0 si ottiene dalla soluzione del sistema: 5 n1 + 10 n2 + 20 n3 = 0 10 n1 + 20 n2 + 40 n3 = 0 20 n1 + 40 n2 + 105 n3 = 0

(88)

Se si cerca di utilizzare lo stesso approccio delle altre due direzioni principali, so ottiene il sistema: n1 n + 2 2 = 4 n3 n3 n1 n2 105 +2 = n3 n3 20

(89)

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

13

che non ha soluzioni. Ne segue che n3 = 0, e che conseguentemente: n1 = 2 n2 (90)

Una soluzione non normalizzata, in definitiva, e' nT = (-2,1,0), la cui normalizzazione si lascia come esercizio. I cerchi principali di Mohr sono riportati in seguito, anche se il cerchio piu' piccolo e' scarsamente visibile.

tn

s s 32

s1

sn

Esercizio n. 7
Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice delle tensioni:
i1 0 0 z y j j0 5 1 z z S =j Kg cm2 ; j z z j k0 1 5 {

Si vuole conoscere le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali di tensione.

Soluzione:
Si cominci con l'osservare che la matrice S ha la prima riga e la prima colonna in cui l'unica entrata non nulla e' sulla diagonale principale. Ne segue che una tensione principale sara' sicuramente pari ad 1, mentre le altre due radici dell'equazione secolare possono ottenersi subito, giungendo alle tre tensioni: 1 = 6 2 = 4 3 = 1

(91)

Ottenute le radici, esse vanno sostituite, una per volta, nel sistema di equazioni ( S-s I)l = 0. Per s = s1 = 6 si ha: 5 n1 = 0 n2 + n3 = 0 n2 n3 = 0 che ha ovviamente la soluzione nT = (0,1,1) Per ottenere i coseni direttori, non resta che normalizzare, scrivendo:

(92)

14

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

n2

n2 1 = !!!! "########################## # 2 2 2 2 n1 + n2 + n3 n3 1 = !!!! "########################## # 2 2 2 2 n1 + n2 + n3

(93)

n3

(94)

Per la seconda direzione principale occorre risolvere il sistema (per s2 = 4): 3 n1 = 0 n2 + n3 = 0 n2 + n3 = 0 con soluzione nT = (0,-1,1). Infine,. in corrispondenza della terza radice si ha il sistema: 0 n1 = 0 4 n2 + n3 = 0 n2 + 4 n3 = 0

(95)

(96)

con soluzione nT = (1,0,0). Cio' indica che l'asse X1 era un asse principale. Infne, i cerchi principali di Mohr mostrano l'assenza di stati tensionali puramente tangenziali:

tn

s3

s2

s1

sn

Esercizio n. 8
Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice delle tensioni:
0 0 13 i j j 0 0 23 S =j j j k 13 23 33 y z z z z z; {

che, come vedremo in seguito, assume importanza fondamentale in teoria della trave. Si avra': I1 = 33 2 2 I2 = 13 23 = 2 3 I3 = 0 da cui subito puo' notarsi che lo stato tensionale e' piano. L'equazione secolare si scrive: H2 33 2 3L = 0 (98)

(97)

con una radice nulla, e due radici fornite da:

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

15

1,2 =

1 2 + 4 2# N J33 "##################### 33 3 2
1 2

(99)
2 + 4 2# N sara' fornita dalla J33 + "##################### 33 3

La direzione principale corrispondente alla tensione s1 = risoluzione del sistema:

1 2 + 4 2# N n J33 + "##################### 33 11 + 13 n31 = 0 3 2 1 2 + 4 2# N n J33 + "##################### 33 21 + 23 n31 = 0 3 2 1 2 + 4 2# NN n J13 J33 + "##################### 33 11 + 23 n21 + 33 n31 = 0 3 2 1 2 + 4 2# N J J33 + "##################### 33 3 2 1 2 + 4 2# N J J33 + "##################### 33 3 2 n11 N = 13 n31 n21 N = 23 n31

(100)

Dividendo le prime due equazioni per n31 si ottiene:

(101)

da cui subito: n11 = n31 n21 = n31 2 13 + "##################### 2 + 4 2#


33 3

33 33

2 23 "##################### + 2 + 4 2#
33 3

(102)

Ne segue che la prima direzione principale e' identificata da:


2 + 4 2# N nI = J2 13 , 2 23 , 33 + "##################### 33 3

(103)
2 + 4 2# N sara' fornita dalla J33 "##################### 33 3

da normalizzare nel solito modo. La direzione principale corrispondente alla tensione s2 = risoluzione del sistema:
1 2

1 2 + 4 2# N n J33 "##################### 33 12 + 13 n32 = 0 3 2 1 2 + 4 2# N n J33 "##################### 33 22 + 23 n32 = 0 3 2 1 2 + 4 2# NN n J13 J33 "##################### 33 12 + 23 n22 + 33 n32 = 0 3 2 1 2 + 4 2# N J J33 "##################### 33 3 2 1 2 + 4 2# N J J33 "##################### 33 3 2 n12 N = 13 n32 n22 N = 23 n32

(104)

Dividendo le prime due equazioni per n31 si ottiene:

(105)

da cui subito: n12 = n32 n22 = n32 2 13 "##################### 2 + 4 2# 33 33 3 33 2 23 "##################### 2 + 4 2#


33 3

(106)

16

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

Ne segue che la prima direzione principale e' identificata da:


2 + 4 2# N 33 nII = J2 13 , 2 23 , 33 "##################### 3

(107)

da normalizzare nel solito modo. La direzione principale corrispondente alla tensione s3 = 0 sara' fornita dalla risoluzione del sistema: 13 n33 = 0 23 n33 = 0 13 n13 + 23 n23 + 33 n33 = 0

(108)

Se almeno una delle due tensioni tangenziali e' diversada zero, allora n33 = 0, e dalla terza equazione: 13 n13 + 23 n23 = 0 da cui subito: nIII = H23 , 13 , 0L (110) (109)

da normalizzare nel solito modo. Se invece le due tensioni tangenziali sono ambedue nulle, allora sara', banalmente nIII = H0, 0, 1L. Ovviamente, Mathematica conferma quanto calcolato:
FullSimplify@Eigensystem@SDD 990, 1 "######################################### 2 + 2 L + 2 N, 1 J 2 + 2 L + 2 N=, J33 "######################################### 4 H13 4 H13 33 + 23 33 23 33 2 2 2 13 2 23 99 23 , 1, 0=, 9 , , 1=, 13 "######################################### "######################################### 2 2 2 4 H + L + 4 H2 + 2 L + 2
33 13 23 33 33 13 23 33

2 13 2 23 , , 1=== "######################################### "######################################### 2 2 2 2 + 2 L + 2 33 + 4 H13 + 23 L + 33 33 + 4 H13 23 33

0 0 10 y i j z j 0 z 0 7.5 z S =j ; j z z j k 10 7.5 13 { FullSimplify@Eigensystem@SDD 88 20.589, 7.589, 0.<, 88 0.415171, 0.311378, 0.854796<, 8 0.683837, 0.512878, 0.518964<, 80.6, 0.8, 0.<<< R = %@@2DD 88 0.415171, 0.311378, 0.854796<, 8 0.683837, 0.512878, 0.518964<, 80.6, 0.8, 0.<< R.S.Transpose@RD 88 20.589, 0., 0.<, 80., 7.589, 0.<, 80., 0., 0.<<

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

17

Esercizio n. 9
Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice delle tensioni:
i 105 0 20 j j 0 20 0 S =j j j k 20 0 75 y z z 2 z z z Kg cm ; {

Si vuole conoscere le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali di tensione, utilizzando la teoria dei cerchi di Mohr

Soluzione:
Dall'esame dello stato tensionale risulta evidente che una delle tensioni principali e' s2 = 20Kg cm-2 , e che la corrispondente direzione principale viene a coincidere con l'asse coordinato X2 . E' allora opportuno studiare, con la teoria di Mohr, il fascio di piani che si appoggiano all'asse X2 , poiche' a tale fascio appartengono gli altri due piani principali. Il relativo cerchio di Mohr e' centrato nel punto C = ( Hs11 + s33 L 2,0) = (90,0), ed ha raggio: H11 33 L2 H105 75L2 2 % = $%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%% R = $%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%% + 13 + 202% = 25 4 4 Ne seguono subito, dall'esame del cerchio di Mohr, i valori delle due tensioni principali: 1 = OC + R = 90 + 25 = 115 Kg cm2 3 = OC R = 90 25 = 65 Kg cm2 (112) (113)

(111)

tn Hs11 ,s13 L s3 C s1 sn

OC

18

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

Funzioni Mathematica
In questa sezione di approfondimento vengono presentate alcune semplici funzioni Mathematica per il calcolo dei tre invarianti di tensione, delle tensioni principali, delle direzioni principali di tensione, e per il tracciamento dei cerchi principali di Mohr. Le prime tre funzioni accettano come argomento la matrice S delle tensioni, e restituiscono i tre invarianti lineare, quadratico e cubico, respettivamente, e sono cosi' semplici da non abbisognare di alcuna spiegazione. La funzione PrincipalStress[S_] fa uso del comando Eigenvalues[S], che calcola gli autovalori della matrice S, poi del comando Sort, che ordina gli autovalori in senso crescente, ed infine del comando Reverse, che ordina gli autovalori in senso decrescente. La funzione PrincipalDirectionsStress[S_], infine, calcola gli autovettori della matrice S attraverso il comando Eigenvectors[S], restituendo la matrice PDirections, che contiene in colonna gli autovettori non normalizzati. Si fornsice poi la routine PrincipalMohrCircles[s1_,s2_,s3_], che accetta come argomento le tre tensioni principali, e traccia i corrispondenti cerchi di Mohr. Si ricordi che queste funzioni vanno preventivamente valutate, prima di poter essere utilizzate:
<< Graphics`Arrow`; FirstInvariant@S_D := Module@8I1<, I1 = S@@1, 1DD + S@@2, 2DD + S@@3, 3DD; Return@I1DD SecondInvariant@S_ D := Module@8I2<, I2 = S@@1, 1DD S@@2, 2DD + S@@2, 2DD S@@3, 3DD + S@@1, 1DD S@@3, 3DD S@@1, 2DD S@@1, 2DD S@@1, 3DD S@@1, 3DD S@@2, 3DD S@@2, 3DD; Return@ I2DD ThirdInvariant@S_D := Module@8I3<, I3 = Det@SD; Return@I3DD PrincipalStress@S_ D := Module@8<, Spectrum = Reverse@Sort@N@Eigenvalues@SDDDD; Return@SpectrumDD PrincipalDirectionsStress@S_ D := Module@8<, PDirections = N@Eigenvectors@SDD; Return@PDirectionsDD

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

19

PrincipalMohrCircles@1_, 2_, 3_D := Module@8r3, C3, r2, C2, r1, C1, axis, axis, Cerchio1, Cerchio2, Cerchio3, LabelAxis, LabelAxis, puntos1, puntos2, puntos3, Label1, Label2, Label3, Origin<, $TextStyle = 8FontFamily > "Times", FontSize > 12<; r3 = H1 2L 2; C3 = 2 + r3; r2 = H1 3L 2; C2 = 3 + r2; r1 = H2 3L 2; C1 = 3 + r1; axis = Arrow@8 HC3 + r3L, 0<, 81.25 HC3 + 2 r3L, 0<D; axis = Arrow@80, 1.4 H1 3L 2<, 80, 1.4 H1 3L 2<D; Cerchio1 = Circle@8C1, 0<, r1, 80, 2 <D; Cerchio2 = Circle@8C2, 0<, r2, 80, 2 <D; Cerchio3 = Circle@8C3, 0<, r3, 80, 2 <D; LabelAxis = Text@"n ", 81.25 HC3 + 2 r3L, HC3 + 2 r3L 20<D; LabelAxis = Text@"n ", 81.4 H1 3L 18, 1.4 H1 3L 2<D; puntos1 = Point@81, 0<D; puntos2 = Point@82, 0<D; puntos3 = Point@83, 0<D; Label1 = Text@"1 ", 81.1 1, HC3 + 2 r3L 20<D; Label2 = Text@"2 ", 81.25 2, HC3 + 2 r3L 20<D; Label3 = Text@"3 ", 81.25 3, HC3 + 2 r3L 20<D; Origin = Point@84, 0<D; Show@ Graphics@8axis, axis, Cerchio1, Cerchio2, Cerchio3, Label1, Label2, Label3, LabelAxis, LabelAxis, Thickness@0.005D, Dashing@80.02, 0.04<D, PointSize@0.02D, puntos1, puntos2, puntos3, Origin<, AspectRatio > Automatic, PlotRange > All DD; Return@DD
General::spell1 : Possible spelling error: new symbol name "axis" is similar to existing symbol "axis".

More More

General::spell1 : Possible spelling error: new symbol name "LabelAxis" is similar to existing symbol "LabelAxis".

L'utilizzo delle funzioni Mathematica per lo studio di uno stato tensionale


Si assegna una generica matrice delle tensioni:
75 0 20 i j j j S = j 0 20 0 j k 20 0 105 y z z z z z {

8875, 0, 20<, 80, 20, 0<, 820, 0, 105<<

Si chiamano le tre funzioni per il calcolo degli invarianti, e la funzione per la deduzione delle tre tensioni principali:
FirstInvariant@SD 130

20

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

SecondInvariant@SD 2325 ThirdInvariant@SD 2500 PrincipalStress@SD 8115., 65., 20.<

Si estraggono le tre tensioni principali dal vettore Spectrum, che e' stato restituito dalla routine PrincipalStress:
1 = Spectrum@@1DD; 2 = Spectrum@@2DD; 3 = Spectrum@@3DD;

Si calcolano le direzioni principali:


PrincipalDirectionsStress@SD 880.192582, 0., 1.<, 80., 1., 0.<, 8 5.19258, 0., 1.<<

Si estraggono le tre direzioni principali dalla matrice PDirections, che e' stata restituita dalla routine PrincipalStress:
n1 = PDirections@@1DD; n2 = PDirections@@2DD; n3 = PDirections@@3DD;

Poiche' Mathematica non normalizza le soluzione, si provvede ad imporre che la lunghezza delle autosoluzioni sia unitaria:
n1 = n1 Sqrt@Sum@n1@@iDD2 , 8i, 1, 3<DD; n2 = n2 Sqrt@Sum@n2@@iDD2 , 8i, 1, 3<DD; n3 = n3 Sqrt@Sum@n3@@iDD2 , 8i, 1, 3<DD;

Si costruisce la matrice modale:


Nn = 8n1, n2, n3< 880.189108, 0., 0.981956<, 80., 1., 0.<, 8 0.981956, 0., 0.189108<<

Si controlla che la matrice modale sia ortogonale:


Det@NnD 1.

Infine, si tracciano i tre cerchi principali di Mohr:

Esercitazioni 2 - Analisi della tensione.nb

21

PrincipalMohrCircles@1, 2, 3D

tn

s3

s2

s1

sn

Disegno Mathematica

Potrebbero piacerti anche