Sei sulla pagina 1di 20

etnografie

Across the Broad Atlantic


etnografie

Halloween in Sardegna e Irlanda

Domenico Branca

Archivio di Etnografia n.s., a. VII, n. 1 2012 00-00

Derry, Irlanda (del Nord). Cominci il 28 ottobre. Immaginatevi di essere atterrato col vostro zaino in un posto tuttaltro che familiare, solo. Immaginatevi di avere limiti con la lingua e di capire il 10% di quello che vi dicono. Immaginatevi di vagare per le strade della citt murata, Derry, senza ben sapere cosa fare, cosa cercare, ma con lintenzione di volerlo trovare, poich il tempo prezioso. Allora ci si lascia trasportare dal flusso degli eventi, dalla quotidianit di una cittadina del Nord, e piano piano anche i suoni diventano parole, le strade conosciute, le facce viste. I negozi vendono maschere, costumi, accessori per Halloween; i supermercati espongono nelle vetrine zucche, streghe e pipistrelli; i pub con le insegne arancioni e nere sono popolati dagli scheletri che ammiccano. Come recita il ritornello di una canzone dance di dubbio gusto: This is Halloween, questo Halloween. Il commercio, il consumo anche qui non sono diversi. Ad un primo sguardo, Halloween a Derry solo questo. Ma parlando coi ragazzi, nei pub, scopro qualcosa di pi. Lo dicono anche loro che Halloween un fenomeno molto consumista e commerciale; ma questo il contorno di quello che veramente importante: la festa, la sfilata, la parata, il mascherarsi, lubriacarsi, senza controllo, ma in maniera accettata. Allora aspetto la parata per capire e nel frattempo intervisto, chiacchierando, la gente, molto disponibile. Trick or treat?. No, noi dicevamo anything for Halloween; trick or treat non irlandese ma americano, mi rispondono due anziani che guardano con faccia disgustata un concerto pop, uno dei tanti eventi per il Carnival di Halloween organizzato dal Derry City Council. Hai gi ascoltato musica irlandese nei pub? Vai vai, altro che questa roba, mi dice uno dei due. La gente continua a comprare, e si cominciano a vedere i primi superman e zombies che gironzolano per le strade o si riparano dalla pioggia nei pub. Una signora mi informa: Quando ero piccola chiedevamo any nuts for Halloween (qualche noce per Halloween), o anything for Halloween (qualcosa per Halloween). Ci mascheravamo, ma pi spesso ci pitturavamo la faccia, e andavamo in giro per le case. Ci davano noci, mele, e quando eravamo fortunati un penny e qualche dolce. Ma tu aspetta la sfilata e la notte.

etnografie

13

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

Quando parlo coi ragazzi la parola che pi ricorre per descrivere la parata crazy, qualcosa di folle. Patrick ODonnel, 70 anni, di Derry, mi scrive sul taccuino la canzone che cantava da bambino quando andava a festeggiare Halloween con gli amici:
Halloween is coming and the geese are getting fat. Please put a penny in the old mans hat. If you havent got a penny a ha penny will do if you havent got a ha penny GOD BLESS YOU.

14

Dopo tre giorni di manifestazioni per turisti e indigeni (tra le altre, lettura di fiabe di terrore, anche in gaelico, tours guidati per la citt, di notte, eventi sportivi) ecco la sfilata. Non avevo idea materiale di cosa potesse essere. Pensavo a una invasione di fantasmi, vampiri e morti-viventi: certo, cerano anche loro. Ma cerano soprattutto Gheddafi e Bin Laden, infermiere sexy e Babbo Natale, Stalin e un cavallo vestito da imprenditore, soldati e Batman. E ancora carri, congegni costruiti e mossi dai partecipanti stessi, assurdi, ingegnosi. Un ragno gigante che camminava, un motociclista stile Easy Rider, zucche giganti, per citarne soltanto alcuni. Poi i fuochi dartificio sul fiume Foyle. Latmosfera era inebriante, nonostante una ragazza mi dicesse che quellanno la manifestazione era sottotono per via dei problemi economici della regione. Finiscono i fuochi e lenorme marea si dirige compatta verso i pub o il palco dove suona una famosa band irlandese. Migliaia e migliaia di maschere si rintanano nei pub. La mia maschera favorita era un bagnante: un ragazzo che, con 6 C circa di temperatura, indossava solo il costume da bagno. Nei pub musica irlandese e pinte di birra: il carnevale di Halloween, decisamente distante dalla considerazione che noi italiani abbiamo della festa. Qualche giorno prima, un uomo sui quarantanni a cui avevo chiesto indicazioni mi rispose: quando ero piccolo io non si faceva questo festival. Andavamo solo in giro, la notte, mascherati a chiedere anything for Halloween, a casa ci divertivamo coi giochi tradizionali, come prendere con la bocca una mela che galleggia in una tinozza, e mia madre faceva sempre la torta di mele. Io non sono contro il cambiamento, ma voglio che anche le nostre feste e tradizioni non vengano perse. Io voglio che le mie figlie vadano a chiedere qualcosa per Halloween, la nostra tradizione. In Irlanda o in Sardegna sempre Halloween che muta. O che mutata. Il presente articolo il risultato di una ricerca sul campo multi-situata su Halloween condotta in Irlanda, nella citt di Derry, e in Sardegna, nella fattispecie in cinque paesi della Gallura1.

etnografie

Tempio Pausania, Olbia, Telti, Santa Teresa e la frazione di San Pasquale.

Domenico Branca

Linteresse nasce dalla volont di valutare la reale penetrazione di Halloween in Sardegna e il suo rapporto con le questue infantili tradizionali2, alla luce del recente dibattito3 volto a indagare in che misura la festa di Halloween sia diventata italiana, abbia cio sostituito le tradizioni preesistenti. Anche in Sardegna questo dibattito risulta quanto mai aperto: si accusa Halloween di essere una festa consumista, una festa della globalizzazione e dellimperialismo culturale americano, complice di quella metodologia delluniformit che starebbe annullando le differenze e le peculiarit a favore di una omogeneit di matrice specificamente americana. Il disegno della ricerca, dunque, stato costruito cercando di privilegiare le modalit con cui Halloween entrata in rapporto con le questue tradizionali e il grado di accettazione da parte degli attori sociali che la animano (i bambini). Dalle prime interviste subito emerso un dato: Halloween non sta sostituendo le questue tradizionali, ma le due celebrazioni si stanno ibridando. In questa direzione emersa la necessit di allargare il campo (Falzon 2001). Infatti, se in Sardegna si sta definendo questo fenomeno ibrido, anche in Irlanda luogo da cui Halloween emigrata alla volta degli Stati Uniti4 la festa non pu essere rimasta esente da trasformazioni, non pu cio non aver subito una modificazione peculiare, diversa rispetto a quella della Sardegna, ma pur sempre una modificazione. a partire da queste considerazioni contestuali che lapparato teorico ha preso corpo, ragionando, cio, sullopposizione manichea riguardo la positivit o la negativit con cui partigiani e detrattori guardano al concetto di globalizzazione, nella fattispecie quella culturale, ovvero, secondo una interpretazione sicuramente superficiale, quel processo tendente allomologazione delle differenze in ununit imposta tanto politicamente quanto economicamente dagli Stati del Primo mondo. In realt, questa uniformazione non risulta creare un mondo unico, in cui le differenze culturali, le peculiarit locali e le specificit scompaiono, fagocitate allinterno di un macro-organismo uniformante5. Come stato sostenuto da vari autori6, il modello centro vs periferia non appare pi adeguato alla descrizione e alla comprensione di un mondo diasporico (Clifford 2008), sempre pi interconnesso, tramato da disgiunture che attraversano quelli che lantropologo indiano
2 Per uno sguardo generale sulle questue infantili cfr. Clemente 1982: 101-105; Lvi-Strauus 2004; Buttitta 2006. 3 In merito al dibattito sulla festa di Halloween in Italia cfr. Lombardi Satriani 1999: 9; Mugnaini 2001: 216-227; Baldini, Bellosi 2006; Niola 2007: 37; Niola, 2009: 39; Lombardi Satriani 2009: 2-5. 4 Per una ricognizione storica sulla festa di Halloween, la sua nascita, lemigrazione e il ritorno in Europa cfr. McGregor 1901; McCulloch 1911; R. Linton, A. Linton 1950; Johnson 1968: 133-142; Santino 1983: 1-22; Santino 1994; Santino 1995; Rogers 1996: 461-477; Santino 1998; Rogers 2002; Markale 2005; Bonato 2006; Tiberini 2008. Per gli aspetti riguardanti Halloween e il consumismo cfr. Belk 1990: 508-517. Per Halloween in rapporto al Da de los Muertos cfr. Brandes 1998: 359-380. 5 La letteratura su questo argomento vasta; a titolo esemplificativo cfr. Sahlins 1999: I-XXIII; Bauman 2001; Hannerz 2001; Friedman 2002: 13-32; Amselle 2007: 79-94. 6 Cfr. tra gli altri Appadurai 2001.

etnografie

15

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

Arjun Appadurai ha definito landscapes (Appadurai 2001). In questo panorama globale la differenziazione pi forte delluniformazione. I messaggi culturali, infatti, non vengono passivamente accettati dagli individui, dalle comunit, dai gruppi, ma come per le pratiche di consumo studiate da de Certeau (2010) vengono selezionati in base alle proprie esigenze, vengono scelti i caratteri pi utili ai propri scopi, o non vengono accettati per niente, come nel caso del McDonalds in Bolivia dove, dopo quattordici anni e con i conti in rosso, la multinazionale americana ha chiuso i battenti perch i boliviani non hanno ritenuto utile accettare quel particolare stile di alimentazione culturale. Da quando in antropologia mutato il paradigma conservativo, quello delle despondency theories7, si cominciato a valutare realmente gli effetti della globalizzazione sulle culture altre. Concetti quali indigenizzazione, creolizzazione, ibridazione8 restituiscono le dinamiche di appropriazione di fenomeni e/o oggetti originariamente altri, ma divenuti infine autoctoni9. Allo stesso modo, anche in Sardegna e a Derry il pacchetto Halloween non stato passivamente accettato, n interamente, n ugualmente, ma stato sottoposto a tagli, aggiustamenti, giustapposizioni, modifiche in maniera dinamica e creativa, producendo qualcosa che uguale solo a livello formale, ma distantissimo in quello sostanziale.

etnografie

16

Halloween in Sardegna
Gli attori sociali che animano le questue di li molte molti in Gallura sono i bambini con unet compresa tra i 5-6 anni e gli 11-12 anni circa, la stessa et dei bambini che questuano per Halloween. Essendo interessato a capire quanto Halloween stesse sostituendo o meno la questua infantile tradizionale, ho avuto la necessit di parlare con coloro che la animano. Per questa ragione ho contattato diversi dirigenti scolastici delle scuole primarie, i quali mi hanno dato la disponibilit a intervistare i bambini. Liter burocratico stato, in ogni caso, lungo, dal momento che stato necessario far comprendere chi fossi e cosa volessi. Superata la prima fase burocratica, cominciata quella della ricerca vera e propria. Ho quindi preso appuntamento con le insegnanti e mi sono recato nelle scuole. Le interviste coi bambini sempre in presenza dellinsegnante sono state portate avanti a mo di chiacchierata, domandando e allo stesso tempo rispondendo io stesso alle curiosit dei bambini. Mi sono concentrato, in primo luogo, sulla reale penetrazione di Halloween, sulla continuit o meno della questua tradizionale, e sulla convivenza delle due celebrazioni. In sguito sono entrato pi nello specifico cercando di comprendere le modalit con cui vengono celebrate le due feste at-

Cfr. Sahlins 2000: 44-61; Favole 2010. Per creolizzazione, cfr. Hannerz 1987: 546-559; Friedman 1990: 311-328. Per ibridazione, cfr. Garca Canclini 1989. 9 Howes 1996; Amselle 2001; Appadurai 2001; Lai 2006.
7 8

Domenico Branca

tualmente e sulla preferenza da parte degli attori sociali in merito a una delle due celebrazioni. Dalla ricerca sul campo condotta nella primavera del 2011, in diverse scuole primarie della zona, sono emersi una serie di aspetti interessanti in merito alla penetrazione che la festa di Halloween ha avuto nella regione e, soprattutto, alla sua manipolazione da parte degli attori sociali. Anzitutto da sottolineare un fattore essenziale: fondamentalmente gli attori sociali celebrano entrambe le feste. La prima domanda in aula, infatti, si focalizzata sulla conoscenza del numero totale dei bambini che, lautunno precedente, hanno festeggiato solo Halloween, coloro i quali hanno festeggiato solo la questua tradizionale (morti-morti) e, infine, quelli che hanno festeggiato entrambe le feste.
Tabella 1. Percentuali della celebrazione delle feste nei comuni interessati dalla ricerca. Comune Tempio Pausania Santa Teresa San Pasquale Olbia Telti Totale Solo Halloween 5 (8,4%) 10 (45,5%) 1 (5,5%) 12 (12,2%) - (0%) 28 (13,4%) Solo morti-morti 33 (54,4%) 2 (9%) 9 (50%) 54 (55,1%) 10 (90,9%) 108 (51,7%) Entrambe le feste 22 (37,2%) 10 (45,5%) 8 (44,5%) 32 (32,7%) 1 (9,1%) 73 (34,9%) Totale intervistati 61 (100%) 22 (100%) 18 (100%) 98 (100%) 11 (100%) 209 (100%)

Fonte: Elaborazione su dati raccolti sul campo.

Ci che emerge da questi dati, complessivamente, la netta predominanza sul totale (209) della questua di morti-morti (108, il 51,7%), seguita dalla celebrazione di entrambe le feste (73, il 34,9%), mentre risulta essere di molto inferiore il numero di bambini che festeggiano solo Halloween (28, il 13,4%). Come si evince dalla tab. 1, i dati confrontati mostrano, indipendentemente dal contesto, uno scarto significativo tra chi festeggia solo Halloween e chi solo i morti-morti. La situazione si presenta simile (ad eccezione di Santa Teresa) in tutti i luoghi considerati, a significare che nella zona permane tuttora, in maniera abbastanza forte, luso di festeggiare la questua tradizionale, mentre lesclusivo festeggiamento di Halloween appare un fenomeno ancora marginale. Laspetto antropologicamente pi interessante comunque il festeggiamento da parte dei bambini di entrambe le feste, ma soprattutto la supremazia numerica dei morti-morti non deve indurre a credere che in Gallura Halloween non sia penetrata. Se si leggono i dati aggregati, relativamente ad Halloween e ad entrambe le feste, si noter che il totale (101) risulta essere poco pi che la met di coloro i quali festeggiano (sola o unita ad Halloween) la questua tradizionale (181). Halloween penetrata in Gallura, ma non stata accettata passivamente. Sono in gioco fenomeni pi complessi, di selezione dei caratteri che paiono pi utili, allinterno di quella dinamica che, come afferma Lombardi Satriani, proprio a proposito di Halloween, vede nella trasmis-

etnografie

17

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

18

sione di una festa un arricchimento per la societ ricevente (Lombardi Satriani 1999). sulla celebrazione di entrambe le feste che necessario concentrarsi. Fino a quindici anni fa Halloween era appannaggio di pochi pionieri, pi sensibili al fascino doltreoceano e meno attaccati alle tradizioni del posto. possibile che i primi a festeggiare Halloween, e a conoscerla, siano stati i bambini dei ceti medioalti, che disponevano di parabole satellitari per il televisore o delle prime connessioni a internet. I morti-morti, comunque, erano per i bambini uno degli appuntamenti pi importanti del ciclo dellanno. I morti-morti sono una questua infantile del periodo autunnale, condotta, limitatamente alla Gallura, il 2 novembre, il giorno della ricorrenza dei defunti. Gli attori sociali che partecipano alla questua sono i bambini, la cui et oscilla, come detto, tra i 5-6 anni e gli 11-12 anni. Con variazioni minime relative ai diversi contesti, possibile affermare che esiste ununit sostanziale tra luogo e luogo riguardo le modalit di attuazione; gli attori sociali escono, preferibilmente, la mattina del 2 novembre, solitamente in gruppi pi o meno numerosi, tra i due e i dieci individui circa, o pi raramente anche da soli. I bambini questuano di casa in casa con una busta in mano e, suonato il campanello, recitano la formula ce li dti li molte mmolti. La prassi tradizionale viene tuttora rispettata, per cui in quasi tutte le case si preparano gli oggetti da distribuire ai bambini. Dolci, sia fatti in casa che comprati, noci, arachidi, nocciole, castagne, ma anche melograni, mandarini e spiccioli. Terminato il giro di questua, sempre in base ai contesti, i bambini si riuniscono per dividersi e consumare insieme i dolci e gli altri oggetti ricevuti durante la questua. Da alcuni anni a questa parte, invece, Halloween penetrata in maniera pi forte, fino a diventare un appuntamento fisso. Questa celebrazione in Italia intesa in maniera differente in base allet di chi la festeggia; nel nostro paese, infatti, la festa occasione per frequentare la sera locali e discoteche (Bravo 2001), come dimostrano le numerose pubblicit che cominciano a comparire allavvicinarsi del 31 ottobre. Resta fermo il fatto che, come afferma Luciano Morbiato, gli insegnanti delle elementari sono stati fondamentali nel far conoscere Halloween ai bambini, mediando la festa come modo per presentare pi semplicemente ai loro alunni la lingua inglese (Morbiato 2000: 155-156). In Sardegna non avvenuta, a oggi, quella sostituzione da parte di Halloween delle tradizionali questue, come si paventa da tante parti. Dalla ricerca emerso, invece, che Halloween viene reinterpretata, cos come i morti-morti. Praticamente in tutti i contesti si consumano forme di modificazione della tradizionale struttura sia della questua sia di Halloween. Laspetto pi evidente in questo senso il mascheramento secondo le modalit tradizionali di Halloween soprattutto da streghe e fantasmi. Tuttavia, questa commistione non stata riscontrata in tutti i casi esaminati, che sono comunque un numero considerevole. Per esempio, a Santa Teresa emerso chiaramente un intreccio tra Halloween e i morti-morti, dal momento che spesso ci si traveste in entrambi i casi e si ricevono le stesse cose (Note di campo, aprile 2011, Santa

etnografie

Domenico Branca

Teresa). Ancora a Santa Teresa una bambina si travestita da fantasma ad Halloween e da strega ai morti-morti; nella stessa localit un bambino si travestito da fantasma sia per i morti-morti che per chiedere dolcetto o scherzetto. Solitamente i bambini vanno in gruppo, in entrambi i casi, e dalle interviste risultato che anche gli altri bambini si travestivano ai morti-morti. Allo stesso modo si riscontrata una tendenza simile a Tempio dove la maggior parte dei bambini hanno festeggiato entrambe le celebrazioni nello stesso giorno, mascherati esclusivamente da fantasma i maschi, da strega le femmine. Molto interessante un altro esempio, sempre relativo a Tempio: stata riscontrata la tendenza a mischiare i morti-morti ed Halloween. In alcuni casi, infatti, i bambini travestiti chiedevano, il 31 ottobre, prima dolcetto o scherzetto e poi casualmente ce li dti li molte mmolti?. Chi ha fatto solo i morti-morti non si travestito (ibid.). A Olbia la situazione appare simile: una bambina, travestitasi da vampira la sera di Halloween per chiedere dolcetto o scherzetto, ha deciso di fare lo stesso per chiedere i morti-morti. C da rilevare che il travestirsi per i morti-morti meno presente che negli altri due contesti, mentre risulta assente nei due paesi pi piccoli, Telti e San Pasquale. Relativamente allanno 2011, una nostra interlocutrice di Olbia ci ha segnalato che il 1 novembre, intorno alle 12:00, tre bambini mascherati da fantasmi e mostri hanno suonato il campanello della sua casa chiedendo dolcetto o scherzetto; il mattino seguente un altro gruppo di bambini passato per la stessa casa a chiedere morti-morti. Fra questi vi era uno dei bambini che il giorno precedente chiedeva dolcetto o scherzetto, a testimonianza della continuit e della convivenza a livello diacronico delle due questue infantili. Un altro fattore interessante nellottica delle modificazioni occorse alla tradizionale questua e alle implicazioni connesse ad Halloween consiste nellapporto culturale e di differenza che danno i bambini immigrati. Numerosi, o comunque presenti in tutti i contesti, sono stati un utile e puntuale aiuto, sia per me che per i compagni di classe. A questo proposito desidero citare il caso di un bambino rumeno, il quale ha spiegato che in Romania Halloween dura tre giorni e i bambini chiedono per le case: ne dazi sau ne dazi? (letteralmente ce li date o no?) in riferimento a soldi e dolci. Sempre lo stesso bambino ha tenuto a precisare che in Sardegna, sebbene fosse arrivato pochi mesi prima, ha festeggiato con gli amici a Telti i morti-morti. Relativamente a Olbia, interessante riportare il caso segnalatoci nel novembre 2011 di un uomo senegalese che accompagnava la figlia piccola a chiedere i morti-morti. La citt di Olbia una citt multi-culturale, e non raro assistere a fenomeni di questo tipo; lintegrazione in citt passa ed storicamente passata anche per questo tipo di esperienze socio-culturali. Il contesto di Telti, fra quelli indagati, risultato essere il meno toccato dalla festa di Halloween, il pi conservativo per quanto riguarda la tradizione. In un quartiere di Olbia, Isticadeddu, stato rilevato il caso di un bambino, con parenti a Telti, che andato per le campagne del paese, la notte alle 22:00, mascherato da spettro, a chiedere dolcetto o scherzetto. Nelle case vicine nessuno sapeva che

etnografie

19

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

etnografie

volesse il bambino e, per assonanza si potrebbe dire, gli hanno dato gli oggetti gi preparati che si distribuiscono ai morti-morti. Si riscontrata, inoltre, la tendenza, in maniera diffusamente generale, a consegnare, da parte delle persone visitate, le stesse cose (frutta secca, spiccioli, dolci, melograni ecc.) sia che i bambini chiedessero i morti-morti, sia che chiedessero dolcetto o scherzetto. Anche questo aspetto, che pu apparire marginale, non da sottovalutare; anche quando gli attori sociali chiedono dolcetto o scherzetto, la comunit risponde tradizionalmente accettando la nuova ed esotica festa, ma riconnettendone il significato alla tradizione conosciuta. Per ultimo da segnalare il fatto che, soprattutto fra gli adulti ma spesso anche tra i bambini, influenzati dai genitori, esista una forte opposizione alla festa di Halloween, vista come imposizione culturale americana una in pi di cui diffidare; noi abbiamo la nostra storia, le nostre tradizioni, anche da riscoprire, si afferma, perch privarcene per festeggiare qualcosa che ci estraneo, perdendo le nostre radici? (ibid.). Laltra interpretazione, invece, risulta essere pi conciliante, vedendo in Halloween una festa simile ai morti-morti, con cui possa convivere, a patto che non si rinunci al proprio essere.

20

Halloween a Derry
Derry una citt del Nord Irlanda, posta al confine tra la Repubblica Libera dIrlanda, stato sovrano dal 1922, e lIrlanda del Nord, una delle province che costituiscono il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. la seconda citt dellUlster la provincia storica pi settentrionale dellisola , con oltre 85.000 abitanti e una delle cinque citt pi grandi dellintera regione. Nel tratto che separa laeroporto cittadino dalla citt, circa 14 chilometri, il paesaggio sembra confermare la connotazione tipica irlandese, col cielo instabile, le pecore onnipresenti e le colline verdi. Arrivato in citt la mattina presto, intorno alle nove, la gente era indaffarata nelle faccende quotidiane, per cui spaesato ho deciso di visitare il centro storico che avevo letto essere interamente cinto di mura. La parte pi antica della citt posta su una collina in forte pendenza che si affaccia sul fiume, il Foyle, che attraversa la citt di Derry. Spesso ci si riferisce a Derry come The Walled City (la citt murata), The Foyle City (la citt del Foyle), The Maiden City (la citt vergine) o Derry-Londonderry. Questa pluralit di nomi dovuta ai problemi (Troubles10) tra le due anime della citt, cattolici filorepubblicani e protestanti lealisti filo-inglesi. Soprattutto dagli anni Sessanta agli anni Novanta del Novecento, la tensione tra le due comunit stata altissima11
10 La bibliografia relativa ai Troubles sterminata; daremo qui dei riferimenti essenziali per inquadrare il problema: cfr. Butler 1985; Downing 1989; Bell 1990; Bew, Gillespie 1993; Dochartaigh 1997; Kerr, Grimaldi 1998; Walsh 2000; OBrien 2002; Feeney 2005; Melaugh 2005; McKittrick, McVea 2011. 11 La locale squadra di calcio, il Derry City Football Club, giocava nella lega calcistica nordirlandese, ma a causa dei problemi di violenza e settarismo ricevette una speciale dispensa dalla FIFA per poter giocare nella lega dellIrlanda Repubblicana. Per uno sguardo al fenomeno del calcio come marcatore

Domenico Branca

con violenza continua allinterno e tra queste due comunit fino ad oggi (Wilson, Donnan 2006). Culmin tutto il 30 gennaio del 1972 quando i Par inglesi aprirono il fuoco durante una manifestazione pacifica per i diritti civili, la Bloody Sunday. Nelle conversazioni con la gente nei pub, per strada, spuntava sempre un riferimento ai Troubles, una ferita evidentemente ancora aperta e temporalmente vicina per gli abitanti di Derry. Citt in cui avvertibile anche se notevolmente affievolita rispetto al passato la presenza di due anime, due comunit ben distinte. A questo contribuiscono i simboli e i colori: nella zona storicamente abitata dalla comunit protestante, i marciapiedi e i lampioni, ad esempio, sono dipinti di rosso, bianco e blu, i colori dellUnion Jack, la bandiera del Regno Unito che, inoltre, sventola da vari pennoni o appesa fuori dalle finestre. noto il murale lealista che recita: Londonderry west bank loyalists still under siege no surrender (i lealisti della sponda occidentale di Londonderry ancora sotto assedio non si arrendono). Ma la comunit cattolica, quella che storicamente ha sentito in maniera pi decisa e traumatica anche come numero di vittime la situazione, di sicuro pi forte, almeno come impatto simbolico e di memoria. A parte i celeberrimi murales nel Bogside (il quartiere dove si consumata la Bloody Sunday) e il Free Derry Corner (Now you are entering Free Derry; state entrando nella Libera Derry), anche i cattolici hanno le loro zone colorate di verde, bianco e arancione, e il tricolore irlandese sventola in diversi luoghi. Ad esempio in tutti i pub doverano esposti simboli politici (e di conseguenza qui a Derry anche religiosi) si poteva trovare il tricolore irlandese, foto con Che Guevara su sfondo verde (il rivoluzionario argentino aveva una nonna irlandese), richiami alla Palestina, keffie e simboli del Celtic Football Club di Glasgow, la squadra storicamente dei cattolici irlandesi emigrati in Scozia (Burdsey, Chappell 2001). Pur essendo, fortunatamente, terminata quella stagione di sangue, comunque ancora forte in citt il suo ricordo, che si manifesta in maniera identitaria proprio attraverso questo genere di simboli. La scelta di condurre una parte della ricerca etnografica nella citt di Derry dovuta a pi ordini di motivi, riconducibili a esigenze conoscitive di molteplice natura. Anzitutto lIrlanda uno dei luoghi da cui la festa di Halloween partita alla volta degli Stati Uniti, in sguito alla forte emigrazione dovuta alla Great Famine (la grande carestia) degli anni Quaranta dell80012. Lemigrazione irlandese ma anche scozzese, gallese e inglese produsse un movimento di idee e cultura dalle isole britanniche agli Stati Uniti. Gli immigrati nei loro bagagli portavano anche le

identitario in Scozia e Irlanda, cfr. Burdsey, Chappell 2001: 94-106; Burdsey, Chappell 2003. Stessa cosa era successa negli anni Quaranta del Novecento al Belfast Celtic, societ che per fu costretta, a causa della continua violenza subita, a ritirarsi. Sulla storia del Belfast Celtic cfr. Flynn 2009. 12 Negli anni Quaranta dell800, lIrlanda e la Scozia furono duramente colpite da una carestia, in seguito a una malattia della patata. Questalimento era alla base della povera dieta di quelle popolazioni, che furono costrette allemigrazione. Sullinfluenza storica e sociale della patata in Irlanda e Scozia cfr. Salaman 1985. Sullemigrazione irlandese cfr. Miller, Wagner 1998. Riguardo la Great Famine nella letteratura cfr. Kelleher 1995.

etnografie

21

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

22

tradizioni della propria terra dorigine, determinando, quindi, uno spostamento di concezioni culturali da un luogo a un altro. In seconda istanza la celebrazione meglio, il carnevale13 di Halloween a Derry risulta essere il festival dedicato a tale ricorrenza pi grande in Europa, capace di attrarre nella seconda citt del Nord Irlanda un numero considerevole di turisti (si parla di 40.000 presenze), e nel 2011 arrivato alla venticinquesima edizione. Inoltre la presenza sul campo per lintera durata della festa dal 28 ottobre al 3 novembre, ma con appuntamenti addirittura dal 25 ottobre costituiva un indispensabile strumento per la comprensione del fenomeno che non si fermasse alla semplice constatazione e descrizione di cosa sia Halloween per Derry, ma ne favorisse una conoscenza pi approfondita che potesse permettere poi, a chi scrive, di riportare, in maniera valida e autorevole (Geertz 1990), il punto di vista dei nativi, il loro modo di vivere e sentire la festa di Halloween. Nelle prossime pagine si cercher, quindi, di restituire nella maniera migliore possibile come il fenomeno si presenta a Derry e quali siano le motivazioni e i sentimenti dei Derrymen, relativamente ad Halloween. Sono arrivato sul campo il 28 ottobre, intorno alle dieci, dopo una notte passata allaeroporto di Londra-Stansted in attesa dellaereo per Derry. La prima cosa che ho notato in citt (dopo le mura, considerate patrimonio dellUnesco, che cingono il centro storico) stata la presenza massiccia, quasi ossessiva di Halloween. Per rendere lidea propongo di pensare allatmosfera di Derry, nei giorni precedenti Halloween, paragonandola a quella di qualsiasi citt italiana in periodo natalizio (Note di campo, 28 ottobre). Ogni esercizio commerciale, qualunque prodotto vendesse, esponeva in vetrina zucche, fantasmi, scheletri e limmancabile Happy Halloween. Non facevano esclusione pub, ottici, ristoranti ecc. Addirittura il bancomat della Bank of Ireland durante lerogazione del contante pubblicizzava Halloween. I centri commerciali, invece, oltre la pubblicizzazione e la vendita di oggetti di Halloween, ospitavano diversi appuntamenti14 relativi alla festa, nei giorni immediatamente precedenti. Per ultimo, ho visto diversi esercizi commerciali anche di dimensioni notevoli specializzati esclusivamente nella vendita di maschere, costumi e trucchi per Halloween, i cosiddetti Halloween Stores, presi letteralmente dassalto dalla gente. Il prezzo medio di una maschera era di 20, circa 23 euro. In questo senso Halloween a Derry risulta essere un evento principalmente di tipo commerciale, ma comunque parte integrante del calendario festivo e dellimmaginario collettivo; un evento atteso e pervasivo. Halloween a Derry non si limita al 31 ottobre. Quando cominciai a informarmi sulla festa in citt notai subito che le manifestazioni non si concentravano in modo esclusivo sulla All Hallows Eve, ma cominciavano invece gi dal 28 ottobre.
Il nome ufficiale della celebrazione Banks of the Foyle. Halloween Carnival. Ecco alcuni esempi: dalle 9am alle 7pm il Mask making Workshop & Skeleton Hunt al Foyleside Shopping Center (il 29, 30 e 31 ottobre); dalle 9am alle 7pm il Nightmare Manor Hunted House al Richmond Center (il 29, 30 e 31 ottobre).
13 14

etnografie

Domenico Branca

La festa di Halloween in citt organizzata ormai da diversi anni dal Derry City Council, il municipio di Derry. una manifestazione orientata nella duplice direzione di pubblicizzazione turistica, da un lato, e offerta per la cittadinanza dallaltro; si concentra molto sulle famiglie e su unofferta verso questo target. Il 28 ottobre, ad esempio, il turista poteva decidere di fare una full immersion di attrazioni di Halloween dalle 9 del mattino alle 10 di sera, con ben sette appuntamenti diversi, alcuni anche in contemporanea. Pi ci si avvicinava al 31 pi lofferta diventava maggiore con 19 manifestazioni il 29 ottobre, 16 il 30 e ben 27 il 31 ottobre, col culmine nella sfilata e i fuochi artificiali, un concerto e le discoteche e i pub per i pi giovani (opuscolo Banks of the Foyle. Halloween Carnival 2011: 29-30-31). Le manifestazioni sono distinguibili in cinque macro-categorie: 1) Halloween Build Up; 2) Halloween Indoor Celebrations; 3) Halloween Outdoor Celebrations; 4) Halloween Night Itself; 5) Halloween Parties. Questa divisione stata proposta nellopuscolo gratuito messo a disposizione dal Derry City Council, organizzatore dellevento, e riflette unofferta variegata e trasversale, sia da un punto di vista economico che di pubblico. Si andava, infatti, dai 39.95 per assistere al Mama Mia its Murder il 28 ottobre in un Hotel di Derry (ivi: 8), un musical con hits degli Abba in chiave orrorifica, ai pi accessibili 2 per partecipare a manifestazioni sportive comprendenti diverse discipline (dance, judo, calcio, sport gaelici e Halloween-Style Games), patrocinato dal Derry City Councils Sports Development Section (ibid.), il 29 e 31 ottobre, fino alle manifestazioni gratuite come i concerti o la sfilata. Diverse erano le offerte in base alle esigenze del pubblico che partecipava agli eventi; per esempio, il Ghostbusters Tours proponeva un prezzo per le famiglie di 25, o per genitori coi bambini rispettivamente di 8 e 5. Una manifestazione, questa, riservata alle famiglie. Ancora, una manifestazione indoor intitolata Young At Art Present: The Butterfly and The Caterpillar, il 29 e 31 ottobre, gratuita, era dedicata ai bambini dai 2 ai 6 anni. I giovani, invece, partecipavano di solito ai numerosi concerti nella piazza principale della citt, o uscivano nelle discoteche la notte, gi dal 29 ottobre, molti dei quali mascherati. Dunque, manifestazioni di ogni tipo, per diversi target di pubblico; si pu notare come Halloween a Derry sia un evento che col tempo si trasformato da mera questua infantile dei bambini in una celebrazione molto pi grande e complessa, da diversi punti di vista: quello commerciale e turistico su tutti. Lappuntamento pi atteso era per la sfilata, il cui nome ufficiale era Carnival of Lights Parade, seguito dai fuochi dartificio, Carnival Fireworks, organizzati anchessi dal Derry City Council, che hanno visto la partecipazione anche del sindaco della citt. Come afferma Jack Kugelmass, in riferimento ad una sua ricerca etnografica riguardo una parata di Halloween al Greenwich Village di New York,
le parate non sono semplici da documentare, in particolare le sfilate notturne che attraggono centinaia di migliaia di persone, come la Village Halloween Parade nella quale molti partecipanti indossano costumi che hanno solo una sottile connessione con gli spiriti e i mostri che normalmente associamo ad Halloween (Kugelmass 1991: 444; traduzione. mia).

etnografie

23

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

Nei tratti essenziali la parata di Halloween a Derry e New York appare distante, oltre che per il numero di partecipanti e limportanza storica che essa ricopre, anche per il significato semantico della Village Halloween Parade, in cui, come ha documentato lantropologo americano, forte lostentazione sessuale (ad esempio di trans e gay) dei partecipanti (ivi: 445). A Derry, invece, questa ostentazione non appare cos marcata. A Derry la sfilata in s sembra pi orientata alle famiglie, con la presenza come figuranti anche di bambini. Per meglio comprendere latmosfera riporter le Note di campo prese durante la parata. Si tratta ovviamente di annotazioni disordinate, scritte in maniera frenetica durante la sfilata:
La sfilata parte dal Derry City Council Car Parking. Tutti sono vestiti e mascherati. Avr inizio fra meno di unora. Si preparano i carri. Si sente musica di cornamuse in sottofondo. Le maschere non sono solo quelle di mostri, ma la maggior parte son di qualunque tipo, anche solo un cappello o delle corna da diavolo. Ci sono delle bambine vestite da strega con dei pon pon da cheerleaders. Si suona All the Saints go marching in e marcette tradizionali. Parte musica da un carro. Ci sono delle persone mascherate da ninja per esempio. Unorchestrina composta solo da ragazzine alcune con la fisarmonica suonano musica tradizionale irlandese. Coloro che sfilano sono sia adulti che bambini (Note di campo, 31 ottobre).

etnografie

24

Le Note rimandano a circa unora prima dellinizio della sfilata, quando coloro che animavano la manifestazione cominciavano ad assemblarsi nel luogo dellincontro. Per quanto riguarda i carri ho chiesto a un ragazzo mascherato da mostro chi li avesse costruiti e mi ha risposto che ogni carro costruito da chi sfila, con davvero molto lavoro: il primo iniziato a giugno (un ragno gigante), mentre il secondo un paio di settimane prima della parata (una sorta di testa di mostro) (ibid.). Sempre dalle Note di campo:
Questo carnevale patrocinato dal municipio di Derry, quindi ci sono delle persone pagate per sistemare gli sfilanti in un certo ordine. Ci sono anche luccello gigante e i mostri verdi. I suonatori di cornamusa scozzesi e i trampolieri. La piazza si va riempiendo di gente. Alcune maschere con lanterne di cartapesta vestite da morte, mostri ecc. Dietro di me bambini coi genitori vestiti come mostri. Si alza la musica da un carro con un ritornello che dice Its Halloween. Gente vestita da puffo, sangue in altre maschere, risate malefiche e grida dai carri (ibid.).

Luccello gigante e i mostri verdi a cui mi riferisco nelle Note sono due maschere che animavano diverse manifestazioni nei giorni immediatamente precedenti il 31 ottobre, manifestazioni soprattutto per bambini organizzate in Guildhall Square, la piazza principale subito fuori le mura della citt vecchia. Alle diciannove puntuali, come annunciato nellopuscolo distribuito dal Derry City Council, iniziata la sfilata. Il pubblico si sistemato sui due lati della strada per guardare passare la parata, mentre io lho seguita camminando davanti alla folla.
Il corteo molto lungo composto soprattutto da adulti con bambini. I carri hanno

Domenico Branca

casse per musica e spesso sono di tema mostruoso. Accanto ai bambini che suonano musica brasiliana con tamburi, un carro che manda musica dei Nirvana e, dietro, i musicisti scozzesi (ibid.).

Nella parata le maschere sfilavano per gruppi. Il pubblico era davvero numerosissimo, mascherato e non, ma comunque ordinato nel seguire la sfilata che durata circa unora. Al termine di questa il pubblico si riversato sul lungo-fiume per vedere i fireworks, i fuochi artificiali, che sono cominciati alle otto. Sono partiti i fuochi accompagnati da musica di diverso genere, per esempio anche i Rolling Stones. I fuochi sono durati circa un quarto dora e li ho commentati con una ragazza polacca che viveva da quindici anni a Derry. Ha detto che s sono belli, ma che si vede che questanno tutto sottotono, per via dei problemi economici dellIrlanda. Terminati i fuochi la marea di gente si dispersa chi per andare a vedere il concerto di chiusura dei festeggiamenti, in Guildhall Square, chi per raggiungere i pub o le discoteche. In ogni caso la citt era come impazzita, con gente dappertutto, la maggior parte mascherata. Al concerto di una nota band irlandese erano presenti soprattutto ragazzi molto giovani, mascherati nei modi pi diversi, ma fedeli al personaggio che rappresentavano fino alla fine, nonostante i circa sei gradi di quella notte; ad esempio le suore sexy giravano in minigonna con le gambe nude. Nei pubs latmosfera era abbastanza diversa, con ragazzi pi grandi rispetto a quelli presenti al concerto, e adulti, tutti rigorosamente mascherati. Il consumo di alcool, soprattutto di birra, quella sera era superiore di molto alla gi alta media dei giorni feriali. Nelle discoteche la gente ballava mascherata, e anche qui il consumo di alcoolici era a dir poco elevato. Il giorno successivo la citt dormiva. Era silenziosa e deserta e, stranamente per Derry, il cielo era sereno ed era spuntato il sole. Lattesa spasmodica dei giorni prima di Halloween, che cresceva ogni giorno di pi per culminare nellorgia collettiva la notte del 31 ottobre, era solo un ricordo, indispensabile per pensare e aspettare un altro Halloween lanno prossimo. Ma per ora rimarr il ricordo, e mentre questo si affievolisce si avvicina gi lottobre. Data la difficolt di studiare questo tipo di fenomeno in maniera convenzionale, dal momento che circoscritto nel tempo, ho dovuto cercare una serie di escamotages che mi permettessero di comprendere il punto di vista dei nativi, attraverso le loro narrazioni. Per cui molto spesso partecipavo alle diverse manifestazioni organizzate dal Derry City Council e cercavo di conversare con i partecipanti a queste. Altre volte, invece, era il pub, il luogo di ritrovo per eccellenza, a essere teatro delle interviste, la maggior parte delle quali informali. Ho avuto la fortuna di essere avvertito come elemento estraneo, quasi paradossalmente esotico e quindi motivo di interesse da parte degli abitanti di Derry. Ad esempio, in un pub tre ragazzi abbastanza ubriachi hanno attaccato discorso con me, e quando ho detto che ero l per studiare Halloween si sono incuriositi e hanno cominciato a parlare; mi hanno detto che il festival pi grande dEuropa e che una crazy night dove le ragazze sono parole loro non poco succinte. Lo aspettano ogni anno perch possono travestirsi e divertirsi, e la citt piena di gente (Note

etnografie

25

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

di campo, 28 ottobre). Il giorno successivo, sempre in un pub, guardavo una partita di calcio in televisione; segna la Juventus e ho iniziato a chiaccherare con un ragazzo seduto vicino a me: abbiamo cominciato a parlare di Halloween e mi ha detto che qui Halloween una cosa pazzesca, incredibile, che le strade sono ingombre di gente pigiata e sono tutti ubriachi. Gli domando se a lui piace e mi risponde che ama Halloween, ma che questanno non sa ancora come mascherarsi (ivi, 29 ottobre). Lo stesso giorno chiacchero con altri due ragazzi che mi ripetono che Halloween una crazy night e che il modo per festeggiare mascherandosi. Arriva un terzo che non avevo mai visto e mi dice: Tu sei quello che studia Halloween, vero? Bene, preparati! (ibid.). Gli chiedo perch e anche lui mi dice che sar una notte pazzesca. Il giorno successivo, il 30, un altro ragazzo mi dice la stessa cosa, che Halloween una notte pazzesca e incredibile che tutti aspettano da un anno allaltro. Gli dico che a me sembra essere il carnevale e lui mi dice che praticamente la stessa cosa. Molto interessante quello che mi ha detto un uomo di quarantanni, che ha vissuto in Italia, a cui ho chiesto indicazioni stradali:
etnografie

26

Gli ho parlato delle ragioni per cui mi trovavo a Derry ed abbiamo cominciato a chiaccherare su Halloween, mentre mi accompagnava per Ebrington al Workhouse Museum. Mi ha detto che quando lui era piccolo i bambini non chiedevano trick or treats, ma any nuts for Halloween? e se erano fortunati ricevevano qualche dolce, frutto, spiccioli. Trick or treats tipicamente americano, mi dice. Inoltre, ha continuato a raccontare dicendomi che quandera piccolo si facevano in casa i giochi con le mele [delle mele immerse nellacqua dentro una tinozza da prendere con la bocca], a volte si invitata qualche amico, e sua madre [della contea di Fermanagh] preparava sempre una torta con le mele. Adesso Halloween continua una scusa per ubriacarsi, una sorta di carnevale. I bambini per continuano ad andare in giro travestiti da mostri, chiedendo dolcetto o scherzetto. Lui vuole che le sue tre figlie vadano con i cugini a fare Halloween perch una cosa tradizionale.

Il racconto termina con una frase molto interessante: dice lintervistato: Io non sono contro il cambiamento, contro il fatto che Halloween sia una cosa grossa oggi, per voglio che si conservino anche le nostre tradizioni, perch fanno parte della nostra storia (Note di campo, 28 ottobre). Ho cercato conferma di quello che mi stato detto da questuomo per cui ho chiesto a una signora se quanto dettomi corrispondesse a verit. Ho parlato del Trick or treats ed effettivamente sono stato corretto dalla signora, la quale mi ha riferito che lei quandera bambina diceva anything for Halloween o Any nuts for Halloween (ibid.). In un pub ho incontrato un signore anziano (settantanni) con cui ho iniziato a conversare. Mi ha recitato una canzone per Halloween che si diceva quando lui era piccolo e che mi sono fatto scrivere di suo pugno sul taccuino. Recita la filastrocca: Halloween is coming and the geese are getting fat. / Please put a penny in the old mans hat. / If you havent got a penny a ha penny will do / if you havent got a ha penny GOD BLESS YOU. Ha continuato a raccontarmi dicendo che da bam-

Domenico Branca

bini ci pitturavamo la faccia e cantavamo questa canzone. Chiedevamo qualche noce, mele, penny, mele candite. Non esisteva il Trick or treats. Altri due signori anziani che ho intervistato mi hanno detto che Halloween ai loro tempi era completamente diverso, senza musica, si andava in giro per le case a chiedere anything for Halloween, con la faccia pitturata e con qualche maschera.

Conclusioni
Come emerge dalle testimonianze ci si trova di fronte ad uno stesso fenomeno, Halloween, declinato in maniera differente nei due contesti. Relativamente alla Sardegna ci troviamo di fronte ad una realt fenomenica fortemente ibridata, tanto da risultare difficoltoso distinguere i frutti puri (Clifford 2010). Forti intrecci tra la questua tradizionale e Halloween stanno provocando quello che possiamo definire un fenomeno terzo, con importanti prestiti ora da una ora dallaltra celebrazione. A Derry, Halloween ha cessato di essere solo una festa infantile per diventare un appuntamento turisticamente ed economicamente rilevante nelleconomia cittadina. Lungi dallessere tradotto nellidentica maniera in contesti cos distanti e differenti, il segno Halloween viene creativamente reinterpretato e piegato alle esigenze contestuali delle due comunit. A Derry la questua tradizionale faceva gi parte del paesaggio culturale; questo ri-disegno maturato in virt delle sollecitazioni esterne, venute in gran parte dagli Stati Uniti, in un ritorno della festa al luogo di origine. Anche in Sardegna, chiaramente, questo ibridarsi di tradizioni solo parzialmente simili (Niola 2009) si ricollega a sommovimenti globali, producendo questa particolare mescolanza di caratteri tra i morti-morti e Halloween. Gli individui, le comunit, non accettano passivamente quello che gli viene imposto, ma manipolano in modo pi o meno coerente i nuovi significati culturali adattandoli al loro habitat di significato.

BIbLIOGRAFIA
AMSELLE JEaN LUOIS 2001 Branchements: anthropologie de luniversalit des cultures, Paris, Flammarion. 2007 Dal mtissage alla connessione, in La societ di tutti. Multiculturalismo e politiche dellidentit, a cura di F. Pompeo, Roma, Meltemi, pp. 79-94. AppaDUraI ArjUN 2001 Modernit in polvere: dimensioni culturali della globalizzazione, Roma, Meltemi. BaLDINI EraLDO, BELLOSI GIUSEppE 2006 Halloween: nei giorni che i morti ritornano, Torino, Einaudi. BaUMaN ZYgMUNT 2001 Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone, Roma-Bari, Laterza.

etnografie

27

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

28

BELK RUSSELL W., 1990 Halloween: An Evolving American Consumption Ritual, in Advances in Consumer Research, nr. 17, pp. 508-517. BELL DESMOND 1990 Acts of Union: Youth Culture and Sectarism in Northern Ireland, London, Macmillan. BEw PaUL, GILLESpIE GOrDON 1993 Northern Ireland. A Chronology of the Troubles, Dublin, Gill & Mcmillan. BONaTO LaUra 2006 Tutti in festa: antropologia della cerimonialit, Milano, Franco Angeli. BraNDES STaNLEY H. 1998 The Day of the Dead, Halloween, and the Quest for Mexican National Identity, in Journal of American Folklore, nr. 111, pp. 359-380. BraVO GIaNLUIgI 2001 Italiani. Racconto etnografico, Roma, Meltemi. BUrDSEY DaNIEL, ChappELL RObErT 2001 And if You Know Your History: An Examination of the Formation of Football Clubs in Scotland and their Role in the Construction of Social Identity, in The Sport Historian, s. I, nr. 21, pp. 94-106. 2003 Soldiers, Sashes and Shamrocks: Football and Social Identity in Scotland and Northern Ireland, in Sociology of Sport Online, s. I, nr. 6; consultato il 21.01.2012 allurl: http://physed.otago.ac.nz/sosol/v6i1/v6i1_1.html. BUTLEr C. [esplicitare!], 1985 Travelling People in Derry and Tyrone, Derry, World Development Group. BUTTITTa IgNazIO ErNESTO 2006 I morti e il grano. Tempi del lavoro e ritmi della festa, Roma, Meltemi. CLEMENTE PIETrO 1982 I canti di questua: riflessioni su unesperienza in Toscana, in La Ricerca Folklorica, nr. 6, pp. 101-105. CLIffOrD JaMES 2008 Strade. Viaggio e traduzione alla fine del secolo XX, Torino, Bollati Boringhieri. 2010 I frutti puri impazziscono. Etnografia, letteratura e arte nel secolo XX, Torino, Bollati Boringhieri. DE CErTEaU MIchaEL 2010 Linvenzione del quotidiano, Roma, Edizioni Lavoro. DOwNINg T. [ESpLIcITarE!] 1989 (a cura di) The Troubles. The Background to the Question of Northern Ireland, London, Maxwell & Co. FaLzON MarK-ANThONY 2001 (a cura di) Multi-sited Ethnography Theory, Praxis and Locality in Contemporary Research, Farnham (UK), Ashgate. FaVOLE ADrIaNO 2010 Oceania. Isole di creativit, Roma-Bari, Laterza. FEENEY BrIaN 2005 The Troubles, Dublin, The OBrien Press. FLYNN BarrY 2009 Political Football: The Life and Death of Belfast Celtic, Belfast, Nonsuch Publishing.

etnografie

Domenico Branca

FrIEDMaN JONaThaN 1990 Being intheWorld:Globalizationand Localization, in Mike Featherstone (a cura di), Global Culture, London, SAGE, pp. 311-328. 2002 Globalization and the Making of a Global Imaginary, in Gitte Stald, Thomas Tufte (a cura di), Global Encounters: Media and Cultural Transformation, Luton, Luton University Press, pp. 13-32. Garca CaNcLINI NESTOr 1989 Culturas hbridas: estrategias para entrar y salir de la modernidad, Buenos Aires, Paids. GEErTz CLIffOrD 1990 Opere e vita: lantropologo come autore, Bologna, Il Mulino. HaNNErz ULf 1987 The World in Creolization, in Africa, nr. 57, pp. 546-559. 2001 La diversit culturale, Bologna, Il Mulino. HOwES DaVID 1996 (a cura di) Cross-Cultural Consumption. Global Markets, Local Realities, New York, Routledge. JOhNSON HELEN SEwELL 1968 November Eve Beliefs and Customs in Irish Life and Literature, in Journal of American Folklore, nr. 81, pp. 133-142. KELLEhEr MargarET 1995 Irish Famine in Literature, in Cathal Pirtir (a cura di), The Great Irish Famine, Cork-Dublin, Mercier Press. KErr ADrIaN, GrIMaLDI FULVIO 1998 Blood in the Streets, Derry, Guildhall Press. KUgELMaSS JacK 1991 Wishes Come True: Designing the Greenwich Village Halloween Parade, in Journal of American Folklore, s. CDXIV, nr. 106, pp. 443-465. LaI FraNcO 2006 La creativit sociale: una prospettiva antropologica sullinnovazione, Roma, Carocci. LVI-STraUSS CLaUDE 2004 Babbo Natale giustiziato, Palermo, Sellerio. LINTON RaLph, LINTON ADELINE 1950 Halloween Through Twenty Centuries, New York, Schuman. LOMbarDI SaTrIaNI, LUIgI M. 1999 Un nuovo modo, anzi antico di colloquiare con i defunti, in Il Mattino, 30 ottobre, p. 9. 2009 Perch Halloween anche italiana, in Gorgonmagazine.com, pp. 2-5. MarKaLE JEaN 2005 Halloween: storia e tradizioni, Torino, Let dellAcquario. McCULLOch JOhN ArNOTT 1911 The Religion of the Ancient Celts, Edinburgh, T.&T. Clark. McGrEgOr ALEXaNDEr 1901 Highland Superstitions: Connected with the Druids, Fairies, Witchcraft, Secondsight, Halloween, London, Gibbins & Company. McKITTrIcK DaVID, McVEa DaVID 2011 Making Sense of the Troubles, London, Penguin.

etnografie

29

Across the Broad Atlantic. Halloween in Sardegna e Irlanda

30

MELaUgh EaMON 2005 Derry. The Troubles Year, Derry, Guildhall Press. MILLEr KErbY, WagNEr PaUL 1998 Out of Ireland: The Story of Irish Emigration to America, Lanham (MD), Roberts Rinehart Publishing, MOrbIaTO LUcIaNO 2000 Le traditions inventes, in La Ricerca Folklorica, nr. 42, pp. 155-156. MUgNaINI FabIO 2001 Hallowitaly: Vom Kult der Toten zur Karnevalisierung des Todes, in Zeitschrift fr Volkskunde, s. II, nr. 97, pp. 216-227. NIOLa MarINO 2007 Halloween. Una festa nel nome dei morti, in La Repubblica, 30 ottobre, p. 37. 2009 No, Halloween non abita qui, in La Repubblica, 28 ottobre, p. 39. OBrIEN J. [ESpLIcITarE!] 2002 A Matter of Minutes. The Enduring Legacy of Bloody Sunday, Dublin, Wolfhound Press. DOcharTaIgh NIaLL 1997 From Civil Rights to Armalites. Derry and the Birth of the Irish Troubles, Cork, Cork University Press. ROgErS NIchOLaS 1996 Halloween in Urban North America: Liminality and Hyperreality, in Histoire Social, nr. 58, pp. 461-477. 2002 Halloween: From Pagan Ritual to Party Night, Oxford, Oxford University Press. SahLINS MarShaLL 1999 What is Anthropological Enlightenment? Some Lessons of the Twentieth Century, in Annual Review of Anthropology, nr. 28, pp. I-XXIII. 2000 On the Anthropology of Modernity; or, Some Triumphs of Culture over Despondency Theory, in Antony Hooper (a cura di), Culture and Sustainable Development in the Pacific, Canberra, Anu and Asia Pacific Press, pp. 44-61. SaLaMaN REDcLIffE 1985 (a cura di) The History and Social Influence of the Potato, Cambridge, Cambridge University Press. SaNTINO JacK 1983 Halloween in America: Contemporary Customs and Performans, in Western Folklore, nr. 42, pp. 1-22. 1994 Halloween and Other Festivals of Death and Life, University of Tennessee Press, Knoxville. 1995 All Around the Year: Holidays and Celebrations in American Life, Urbana and Chicago, University of Illinois Press. 1998 The Hallowed Eve. Dimension of Culture in a Calendar Festival in Northern Ireland, Lexington, University Press of Kentucky. TIbErINI ELVIra STEfaNIa 2008 Treat or trick? San Nicola Santa Claus Halloween, Roma, Cisu. WaLSh DErMOT P.J. 2000 Bloody Sunday and the the Rule of Law in Northern Ireland, Dublin, Gill & Macmillan. WILSON ThOMaS M., DONNaN HaSTINgS 2006 The Anthropology of Ireland, Oxford, Berg.

etnografie