Sei sulla pagina 1di 7

Dal Lamento della fanciulla abbandonata a Properzio Author(s): Luigi Alfonsi Reviewed work(s): Source: Aegyptus, Anno 44,

No. 1/2 (GENNAIO-GIUGNO 1964), pp. 3-8 Published by: Vita e Penseiro Pubblicazioni dellUniversit Cattolica del Sacro Cuore Stable URL: http://www.jstor.org/stable/41215950 . Accessed: 17/04/2012 05:44
Your use of the JSTOR archive indicates your acceptance of the Terms & Conditions of Use, available at . http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp JSTOR is a not-for-profit service that helps scholars, researchers, and students discover, use, and build upon a wide range of content in a trusted digital archive. We use information technology and tools to increase productivity and facilitate new forms of scholarship. For more information about JSTOR, please contact support@jstor.org.

Vita e Penseiro Pubblicazioni dellUniversit Cattolica del Sacro Cuore is collaborating with JSTOR to digitize, preserve and extend access to Aegyptus.

http://www.jstor.org

Dal " Lamentodella fanciulla abbandonata a Properzio


ben nota l'elegia I, 3, di Properzio,un capolavoro (su cui si veda L Alfonsi, Una elegiadi Properzio: di arte, una forma in Studi Romani, 1953, pp 245-253). Ma forse, a rilevarne di arte genuina, ancor pi le caratteristiche oltre con testi poeticidi et alessandrina, gioverqualche confronto che con l'epigrammadi Paolo Silenziario,che forseimitProperzio edidit P. J. (si veda Sex. Propertii ElegiarumliberI [Monobiblos], Pars Leiden 32 ed anche Enk, Altera, 1946, p. pp. ss.): cio specialmentecon il cosiddetto Lamento della fanciullaabbandonata (cfr.ora A. B/. Sodano, Motivi ed aspettidella poesia ellenistica II Lamentodella fanciulla abbandonata , in PontificioIstituto " S. Chiara" voi XIII e di Lettere Scienze , Superiore degli Annali , Napoli 1963, pp. 85-156; e seguo anche il testo da lui dato del Lamento). Si veda infattiai vv. 9-10 ebria cum multotraherem Baccho vestigia et quaterent sera noctefacempueri; ed ai vv. 13-14 et quamvisduplici correptum ardoreiuberent hac Amorhac Liber,durus uterque deus. I commentatori ricordanoa 9-10 i passi paralleli di III, 16, 16 prestissimo) (un'elegia su cui torneremo ante faces, ipse Amoraccensaspraecutit e Ovidio A. Am. I, 2, 11-12 Vidi ego iactatasmotaface crescere flammas et vidi nullo concutiente mori, nonchProperziostesso IV, 3, 50: banc Venus,ut vivat,ventilt ipsa facem

LUIGI ALFONSI

edited ... by Butler-Barber, Oxford (cfr.The ElegiesofPropertius, LiberI, op. cit.,p. 36), 1933,p. 159,n. 10; Sex. Propertii Elegiarum ma si potrebbe citare anche in Anth.Pal. XII, 120, 3 Posidippo ... xSoTov che rivoltoad Eros dice: -rv [xs^uovt',' jxe Xayjc' a rifee in Anth.Pal. V, 213, 3-4,semprePosidippoinvita l'ancella rire a Pizia che egli venuto ebbro (fAs&ucav) vEpom ! XP^~ s* 16 e 25). Ma piuttosto anche Tibalo fr' ss. I, 2, (e (jlevo: Y]YePL^vb i vv. 13-14: a propositodi Amore Liber,durusuter interessano que deus, si cita bene AchilleTazio II, 3, 3 "Epio^ xoctAivuaocsSuo &eo,e cos RufinoAnth.Pal.V, 93 e gi CallimacoEpigr.2, locioi 3-4 (= Anth.Pai. XII, 118, 3-4) nonchPlauto Aulul. 745 vini vitio atqueamorisfeci;TerenzioAdel. 470 persuasit nox,amor,vinum, adulescentia;Ovidio Am. I, 6, 59-60 nox et Amorvinumque nihil moderabile suadenti illa pudorevacat,Liber Amorque metu - che propriocallimacheodi struttura anche (per non ricordare l'imitazione di Stazio Theb.Vili, 493 saevusuterque deus richiamata dall'ENK, op. cit., p. 37, . 14; Rothsteest,Die Elegien des Sextus erklrt,Ier Teil, Berlin 19202, p. 77, n. 13 e P. Ovidi Propertius, a cura di F. Munari, Firenze 19593, p. 14). Ma Nasonis, Amores, al durus uterquedeus (cfr. per durus in Properzio F. Sbordone, Durus in Properzio,in Ioanni Dominico Serra ex muerelaeto inferiae , Napoli 1959,pp. 353-358,ma al caso nostro,p. 357) cordel Lamento (cfr. Euririspondebene (v. 13) izoXb "Epco* di Cipride);e per correptum, v. 7 eXoce pide,Ipp., v. I e v. 443 tcoXXtq e 13 v. del Lamento. [l* "Epco* sempre mxpocXocciv Altrettanto qualcosa c' in II, 29, 1 ss. mea lux, cum potu noctevagarer hesterna, (cfr.Tibullo I, 2, 25 en ego tenebris totavagoranxius urbe) a propositodell'incontro con gli Amoriniche lo prendonoin cona nome di Cinzia. Anche qui la situazioneiniziale ricordai segna due summenzionati di Posidippo Anth.Pai. XII, 120, 3 epigrammi rivoltoad Eros
t^v [LZ Xayjc' jjle^uovt', ' sxSotov .... e V, 213, 3-4 ... {As&ov xa Sta xXotccv 9)X<)xv "EptTi ! xP^tASV' T/ye^vi

DAL

"

LAMENTO DELLA FANCIULLA ABBANDONATA

"

A PROPERZIO

E pure questa elegia stata messa in relazionea I, 3 (Rothstein, op. cit., p. 395 e specialmentecon I, 3, v. 9, per qui il poeta solo; il quadro degli "' stato bene analizzato da Enk, Sex. Propertii,Elegiarum Liber secundus,ed. P. J. Enk, Pars Altera, Leiden 1962, p. 370, . 3, ma anche pp. 368-76; inoltresi veda E. bei Properz, und Gefhlsentwicklung Reitzenstein, Wirklichkeitsbild in in Philologue altres , Spb. 1936,pp. 36-38), rapportoa Stratone Anth. Pai. XII, 254, 1 ex 7TOOU cjtoXo' vao, rc&ev oto* 'EpcoTcov; e ad Apuleio Met. X, 32. Infattiad essi AmoriniCinzia ha come : una cosa locato Properzio hic erat,hunc muliernobis irata locavit Libersecundus, Enk, Elegiarum op, cit.,p. 372; e per il linguaggio (cfr. in Herdes Properz, si veda H. TrXnkle, Die Sprachkunst familiare e 134 mes ,Einzelschriften-Heft Wiesbaden 1960, 15, p. pp. 172-174): e proprio hunc(v. 8) ricordaancora il v. 7 del Lamento Yarripite nonchvv. 11-13 (x' "Epa? e il v. 13 ... "Epa? 7capaXaiov, eXoce STt [e vv,?ov 7[7
r Kvnpi exSoTov &yzi [xe. . .

ecce domumsempre venimus (cfr.anche v. 20 et iam ad mandatant della stessa elegia II, 29 di Properzio). Per il 7coX 7cup compagnodi via che brucianell'anima (vv. 14-15 sembrano del Lamento), pi che citarele jaculas che alii Amorini retiere Enk, ElegiarumLiber secundus, op. cit., p. 371, (= tenere; 242 col riferimento cit., Butler-Barbeb, op. p. lingua parlata; gi a Catullo 64, 8) - e per cui Enk, ElegiarumLiber secundus,op. di Valerio Edituo, ir. 2 Morel, cit.,p. 371, . 5 ricordal'epigramma del Lamento, citatoancheda Sodano, art.cit.,p. 99 a proposito con ProperzioIII, 16, 16 in cui compaionoanche pensereia rapporti la luna e le stelle e la notte: nox media (v. 1) astra salebras Luna ministrat iter,demonstrant ante faces ipse Amoraccensaspraecutit (vv. 15-16)

LUIGI ALFONSI

Qui Rothstein, op. cit., vol. II, p. 131 ha richiamatoun epigrammadi FilodemoAnth.Pai. V, 25, 5-6,e p. 133,n. 15 Anth.Pai. V, 213, 3-4,gi citatoproprio per la frase:
[as&ucvcm xai Sta xXctz&v 9JX&SV "Epam upacrsi xP^[xevoC %[^vt. Giusto : come pure giusto dire che qui der Liebesgott selbst bernimmt die Rolle des puer, der seinem Herrn leuchtet und die Fakel hin und der bewegt... (Rothstein, op. cit., vol. II, p. 133, n. 15); cio appunto la gran fiamma d'amore li illumina come compagna: tanto pi che segue (v. 20)... exclusis (assai dubbio per) fit cornesipsa Venus. E quindi possono servire di confronto assai opportuno sia i vv. 14-15 del Lamento (1) ^) rcoX)7uup cjuvoStqyv Tov ) ) [ou xoupievov sia Anth. Pai. IX, 15 (SecrrcoTov), vv. 3-4 vSoh yp [xou Seup' <xn9efXYJ' ^ ^ crXa" xai[xsvov 7oXXy]v avLTQort <pXya. E per notte, luna ed astri, vv. 9-11 del Lamento: <pXaxoc N; [ioi auvspcocra7iTVba 7Iap7ce[xov (xe vuv. . . Per illustrareil luna ministr at iter... ancora per confrontosi veda: Teocrito II, 165-166 Xaipe, SeXavocloc Xt7rap^pove,xa^PSTS S^aXXot ', zuxrkoio xa vTuya Nuxto* nxSo ed Anth. Pal. V, 191, 1-2, di Meleagro: " xa ] xaXv ^ SeX^vTj xa N Ben famose sono le due elegie finali del III libro di Properzio, 24 e 25 (cfr.L. Alfonsi, L'addio ali 'amoredi Properzio,in Orpheus , 1956, pp. 59-65; e E. Burck, Abschied von der Liebesdichtung,in Wisconsin1956, pp. 20-22, (1) Si veda F. . Copley, Exclususamator, e poi pp. 52-59, pp. 70-90, pp. 113-124specialmente.

DAL

"

LAMENTO PELLA FANCIULLA ABBANDONATA

"

A PROPERZIO

Hermes, 1959, pp. 191-211in generale),che possono realmente e specialmentela 24, quasi un protrettico a raggiunconsiderarsi, la la toccata (24, 15), gereportm saggezza (24, 17), dopo follestancante esperienzadella prigioniad'amore. Ma non solo le immagini sono di ispirazionealessandrina(Butler-Barber, op. protrettiche cit.,p. 321, av. 13 e vv. 15-16ricordano MeleagroAnth.Pal., XII, 7 e 3 anche cfr. L. Alfonsi, L'Ortensio 92, 167, rispettivamente; in e il Catalepton di Cicerone di V Virgilio, Riv. di Fil. cl. , 1941, pp. 262, . 6 e p. 263; Burck, art. cit.,p. 198, . 1), bens qualche oltre che con Lucrezio IV, contattocon tradizioneepigrammatica, 1153-56e gi prima con TeocritoVI, 18-19 (L. Alfonsi, L'addio, art. cit.,p. 62), pu essererilevato: il che prova ancorpi l'indipendenza artisticadel nostropoeta. Ma si veda dunque: capelli bianchi e rughe sono spesso rinfacciati amatoralla augurati dalVexclusus bella: cos nell'epigramma di Anth.Pai., V, 23, forsedi Callimaco esse Pfeiffer, vol. II, p. 99 pro spurioreiciendum (vedasi contra ne invece l'autenticit II sostiene N. Terzaghi, suspicor; parain MiscellaneaProperziana di Properzio, , Assisi1957, clausithyron p. 96, n. 2) si concludeuna serie di pocin questo modo:
aUTix1 Y] 7C0Xl7) S vajjiv^csb tcocvtoc xfXY) .... (vv. 5-6)

e si cfr.25, 13 veliere turn cupias albosa stirpe capillos. Cos anche Rufinoin Anth. Pai. V, 103, v. 3 Xeuxoci. aoi eniaxpituaiv e&sipou "HStqxoct il motivodelle rughein Properzio Altrettanto congiunto III, 25 : vv. 11-12 at te celatisaetas gravisurgeatannis, et veniatformae ruga sinistratuael v. 14 ah speculorugas increpitante Ubi A parteil motivodello specchio (cfr.L. Alfonsi, L'addio ecc, art. cit.,p. 65, . 20 col. ricordodi Platone [?] Anth.Pal. VI, 1 e relativa traduzionein Ausonio Epigr. 65; inoltreOvidio Met. XV, 232 flet quoque,ut in speculorugasaspexitaniles, e Claudiano Eutr. 94 1, saepe reformidat speculo damnantesenectuscitato da D. R. Shackleton Bailey, Propertiana, Cambridge1956, p. 215) si pu ricordareTeocrito XXIX, 27-28 .... Y*)P<xXob 7upiv TcX[xsv xa pucrot

LUIGI ALFONSI

accomunandoil poeta s all'amato (G. Pasquali, Orazio lirico, Firenze 1920, p. 431). Inoltresi veda ancora RufinoAnth.Pai. V, 92, 5-6 <S puTSe* xal Y^pa*viqXe', & lacreov xv , tyjv'PoS7TY)v. Anche l'epigrammadel bizantino Macedonio in Anth. Pai. V, 233 pu essere interessante: Ti ^anep yuvouxcov;
9) fATp-)QT6)tcX7)&0[AVOVpUT&b

(w. 5-6)

Insomma un motivo largamentediffusofino in Orazio Carni. Ili, 10 (cfr.G. Pasquali, op. cit., pp. 419 e ss.): ma in Properzio collegato sempre collo spunto del 7rapocxXau<7&upov (vv. 9-10 di III, 25): limina iam nostris valeantlacrimantia verbis nee tarnen iratae ianua fraetamanu; e vv. 15-16 di III, 25 exclusainque vicemfastuspatiare superos et quae ecistijacta querarisanus. del ruolodi exclusus, In pocheparole il capovolgimento completo il Trcoc* dell'amata che potr un giorno,essa, trovarsinella condizione di desideraree pregare (cfr. anche Sodano, art. cit. pp. si 116-117).Anche qui tradizioneletterariaed esperienzainteriore fondonoad animareun desolato addio. E ne viene di conseguenza confermato pure da questi nostririlieviil caratterestrutturalmente alessandrinodi Properzio:che della esperienzaculturaleed estetica si valso per esprimere sinceramente, eppure in formeartistiche, tutta la sua storia personale. Luigi Alfonsi