Sei sulla pagina 1di 2

IN ATTESA DI PROSSIMI FUNERALI IMMANI (ELOGIO ALLA COMMEMORAZIONE DA VIVI) Basta commemorare i morti! Commemoriamo i vivi!

Crogioliamoci nelle loro doti e nelle loro grandezze (se le hanno), prima che diventino grandezze e doti obbligatorie (perch soprattutto morti e magari mai le hanno avute.) Mi riferisco al comune uomo della strada (anche nel senso di investito), ma anche e specialmente, alluomo pubblico, allartista e compagnia. ppena morti si specializzano, si lavano, si innalzano, migliorano a vista di corteo o di omelia, e il ricordo fa il resto. !a cara e bella e sconosciuta memoria comincia il suo lavoro, ma con la morte che gli punta larma alla tempia" lavora coatta, coartata, impura, impaurita. # ricordi privati o meglio privi, cominciano a diventare pubblici, comuni, e sbocciano cosi gli arrotondamenti per eccesso, le virt$ indotte, le inesistenti curiosit% se si e vivi, che diventano inestimabili bellezze se si e morti&.#l rosa e rosso, ma il nero e grigio, o addirittura non esiste nemmeno pi$ come colore (diventa dolore')" ci si raccoglie intorno a una idea di morto e di morte, pi$ che a (uel morto) si piange il pianto, si cerca di cercare, si fa le manicure allanima, che forse in certi casi non ha nemmeno unghie o dita, si parla della vita, pi$ che di *(uella+ vita, chiss% morta da (uando (nel migliore dei casi). # preti, si sa, preticano standard, il pi$ delle volte, avvolti nella giusta scusa calda, se non altro giustificati dal fatto che pi$ o meno, un morto vale laltro, perch tutti uguali davanti al divino) ma gli uomini non preti' Come si fa a non accorgersi dellomologazione (non piace neanche a me (uesta parola), del tepore sdolcinato, rispettosamente sussieguioso un p, debole o, spesso vile e povero, travestito da piet% o compassione (piet% e compassione che se fosse vera pietas e vero patire con allora s- meriterebbero dessere!) Certo che devo e voglio lasciare a chi era legato da legami di sangue, ogni tipo di parole pensieri e azioni) mi spiego meglio" certo che lascio ai cosi detti parenti, agli amati amanti, ai figli veri, e cosi sia, certo che lascio dicevo tutta la ri. creazione possibile per far tornare in mente il defunto, ma gli altri, i passanti, i conosciuti sconosciuti, gli ap.parenti, i dovuti e i risarcenti, gli eravamo identici, gli eccoci (ui raccolti, tutti gli altri noi' Che centrano e cosa vogliono centrare' /erch0 non lo fanno in vita, con il *morir%+ invece che con *lappena morto+' Cosa sono tutte (uelle esternazioni salvifiche, sdoganate anche dal fatto che il morto non pu, pi$ sbagliare' 1 se ha sbagliato e molto, possibile che per contratto di contrizione ci sia totale sparizione, a cui subentra spesso ma volentieri sprolo(uiante esaltazione' (Che persona, che classe, che sensibilit%, che unicit%, che onesta, che irreprensibilit% che simpatico anonimo, che dolce cattivo,

che superbo generoso, che insensibile birichino, che bel brutto, ecc ecc) 2on voglio mettere in discussione le varie sincerit% dei sentimenti (comun(ue un giorno mi piacerebbe farlo), sto solo pensando come sarebbe bello fare tutto (uesto rito incensatorio (uantomeno prima, se la persona e (ualcosa di talmente ricordabile, da piangergli davanti mentre ti dice grazie di (uello che pensi, o addirittura mentre gli dici che ti manca anche (uando c' 1 allora dai, piangiamo nostro padre dalla gioia dellesserci, del fare, e del dire mentre pu, accadere ancora o mentre sta avvenendo" allocco chi aspetta di perderlo, per averlo perso) spettatori, pubblico, gente, tutti, scendiamo nelle piazze di chi conta e raccontiamogli il piacere di viverlo prima del dispiacere di averlo perso! 3acciamo assembramenti per gli imperdibili e speciali parenti viventi, per i buoni orafi, benzinai esercenti, poliziotti, operai, dame, e demoni, per gli emergenti, industriali abbaglianti, scrittori scriventi, personalit% illuminanti) facciamo contento lui prima che muoia che tristi e soli noi dopo la loro morte&&Cerchiamo di non ipotecare come sarebbe aumentata la sua grandezza se non fosse morto, ma di stare adesso a parlare di (uello che rappresenta di alto o di basso, di unico o di irripetibile&.. 4utto (uesto prima di diventare *parenti che gli si stringono attorno come si sente dire orrendamente con dignit% compostezza e signorilit%+ (come se poi chi davanti alla morte invece si scompone e urla strazio, perdesse signorilit%! 5uale' 1 chi pu, parlare di stile' 6n giornalista che deve pur terminare un articolo' !o stilista del dolore' #l famoso di turno che non vuole perdere lennesimo turno per essere sempre pi$ famoso' /erch0 si deve parlare di educazione e galateo del ceto dei parenti') l diavolo langelico morto se era gi% angelo da vivo e noi non glielo abbiamo mai saputo cantare in nessun *funerale da vivo+ Cominciamo a commemorare i vivi, viva i cortei preventivi, le omelie per i non ancora andati! /iangiamoli di bene se vale la pena davvero che siano vivi! 7e dobbiamo *morire+ facciamolo da vivi! !177 289: B19;:2<:2#