Sei sulla pagina 1di 50

Leggi dellInterregno e della Repubblica

Italiana sui Biglietti di Stato a Corso Legale


In rosso, le leggi di autorizzazione allemissione dei Biglietti da 50, 100 e 500 lire ed i relativi decreti
ministeriali e del Presidente della Repubblica
Basato su: FRANCO IOTTI (A cura di), Leggi & Monete La Lira 1945 - 2002, Edizioni Apocrife, Reggio Emilia 2012
Compilato da Domenico Bevilacqua

Indice
Indice ................................................................................................................................................................ 2
Decreto Ministeriale 13 settembre 1945. Riordinamento della circolazione dei biglietti di Stato. ....................... 4
Decreto Ministeriale 20 dicembre 1945. Caratteristiche dei biglietti di Stato da lire venti. ................................. 6
Decreto Legislativo 21 febbraio 1948, n. 269. Modificazioni allart. 12 del regolamento per i biglietti di Stato
approvato con lart. 5 del regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874. ............................................................. 8
Decreto del Presidente della Repubblica 2 marzo 1949, n. 179. Modificazione al regolamento per i biglietti di
Stato e di banca, approvato con regio decreto 30 ottobre 1896, n. 508. .............................................................. 9
Decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1950, n. 19. Autorizzazione al Ministro per il tesoro ad
avvalersi della facolt di cui al decreto del Presidente della Repubblica 2 marzo 1949, n. 179, circa le formalit
da osservarsi nelle operazioni di annullamento e distruzione delle banconote da lire 500 e 1000. .................... 10
Legge 11 aprile 1950, n. 208. Norme per agevolare la sostituzione dei biglietti di Stato logori. ....................... 11
Legge 24 dicembre 1951, n. 1405. Norme sulla circolazione monetaria. .......................................................... 12
Decreto del Presidente della Repubblica 31 dicembre 1951. Caratteristiche dei biglietti di Stato da L. 100 e da L.
50. ................................................................................................................................................................... 14
Decreto Ministeriale 5 maggio 1952. Corso legale dei biglietti di Stato da L. 50 emessi a norma dellart. 3 della
legge 24 dicembre 1951, n. 1405. .................................................................................................................... 16
Decreto Ministeriale 4 luglio 1952. Corso legale dei biglietti di Stato da L. 100 emessi a norma dellart. 3 della
legge 24 dicembre 1951, n. 1405. .................................................................................................................... 17
Decreto Ministeriale 22 ottobre 1953. Importazione ed esportazione di biglietti di Stato e di banca italiani dei
tagli da Lit. 5000 e da Lit. 10.000. ................................................................................................................... 18
Legge 29 ottobre 1954, n. 1048. Proroga del termine per la cessazione del corso legale e la prescrizione dei
biglietti di Stato da L. 1 a L. 100 e la sostituzione di essi con le nuove monete metalliche. .............................. 19
Decreto Ministeriale 27 ottobre 1955. Cessazione del corso legale dei biglietti di Stato da L. 10 e da L. 5. ..... 20
Decreto Ministeriale 23 aprile 1956. Proroga del termine fissato per il cambio dei biglietti di Stato da lire 10 e da
lire 5. .............................................................................................................................................................. 21
Decreto Ministeriale 21 gennaio 1957. Termini di cessazione del corso legale e di cambio dei biglietti di Stato da
L. 100 e L. 50. ................................................................................................................................................. 22
Legge 5 febbraio 1957, n. 23. Proroga del termine per la cessazione del corso legale e la prescrizione dei biglietti
di Stato. .......................................................................................................................................................... 23
Decreto Ministeriale 26 febbraio 1957. Proroga del termine per il cambio dei biglietti di Stato da L. 10 e L. 5. 24
Decreto Ministeriale 26 marzo 1957. Proroga dei termini di cessazione del corso legale e di cambio per i biglietti
di Stato da L. 100 e L. 50. ............................................................................................................................... 25
Decreto Ministeriale 26 giugno 1957. Proroga dei termini di cessazione del corso legale e di cambio per i biglietti
di Stato da L. 100 a L. 50. ............................................................................................................................... 26
Decreto Ministeriale 13 novembre 1957. Cessazione del corso legale e prescrizione dei biglietti di Stato da L. 2
e L. 1. ............................................................................................................................................................. 27
Legge 31 marzo 1966, n. 171. Autorizzazione al Tesoro dello Stato a fabbricare ed emettere biglietti da L. 500. 28
Decreto del Presidente della Repubblica del 26 giugno 1966. Caratteristiche del biglietto di Stato da L. 500 e
determinazione del contingente di fabbricazione. ............................................................................................ 29
Decreto Ministeriale 20 luglio 1966. Corso legale dei biglietti di Stato da L. 500. ........................................... 31

Decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1969, n. 422. Modificazioni al regolamento per i biglietti di
banca. ............................................................................................................................................................. 32
Decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1974. Caratteristiche tecnicoartistiche del nuovo biglietto
di Stato da L. 500. ........................................................................................................................................... 33
Decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno 1976, n. 504. Modificazioni al regolamento per i biglietti di
Stato e di banca. .............................................................................................................................................. 35
Decreto Ministeriale 19 aprile 1980. Cessazione del corso legale del biglietto di Stato da L. 500 di vecchio tipo. 36
Decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1981, n. 811. Regolamento per la Fabbricazione e lemissione
dei Biglietti di Banca. ..................................................................................................................................... 37
Decreto Ministeriale 28 ottobre 1985. Cessazione del corso legale dei biglietti di Stato da L. 500 tipo 1974. . 48
Leggi sui Biglietti di Stato della Repubblica italiana, divise per taglio di moneta............................................. 49
L. 500 .......................................................................................................................................................... 49
L. 100 .......................................................................................................................................................... 49
L. 50 ............................................................................................................................................................ 49
L. 20 ............................................................................................................................................................ 49
L. 10 ............................................................................................................................................................ 49
L. 5 .............................................................................................................................................................. 49
L. 2 .............................................................................................................................................................. 49
L. 1 .............................................................................................................................................................. 49
Leggi sui Biglietti di Stato della Repubblica italiana, in ordine cronologico .................................................... 50
1945 ............................................................................................................................................................ 50
1948 ............................................................................................................................................................ 50
1949 ............................................................................................................................................................ 50
1950 ............................................................................................................................................................ 50
1951 ............................................................................................................................................................ 50
1952 ............................................................................................................................................................ 50
1953 ............................................................................................................................................................ 50
1954 ............................................................................................................................................................ 50
1955 ............................................................................................................................................................ 50
1956 ............................................................................................................................................................ 50
1957 ............................................................................................................................................................ 50
1966 ............................................................................................................................................................ 50
1974 ............................................................................................................................................................ 50
1976 ............................................................................................................................................................ 50
1980 ............................................................................................................................................................ 50
1985 ............................................................................................................................................................ 50

Decreto Ministeriale 13 settembre 1945


Riordinamento della circolazione dei biglietti di Stato.
Gazzetta Ufficiale del Regno dItalia n. 117 del 29 settembre 1945
Il Ministro per il tesoro:
Visto lart. 1 del R. decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393, e
lart. 1 del regolamento sul servizio dei biglietti di Stato approvato con lart. 5 del Regio decretolegge predetto;
Veduti i decreti Ministeriali del 15 giugno 1935; 31 gennaio 1936; 10 gennaio 1938; 27 ottobre 1939; 14
novembre 1939; 4 giugno 1941; 5 dicembre 1941; 6 luglio 1942; 16 ottobre 1942; 24 novembre 1942; 12
dicembre 1942; 14 aprile 1943 che autorizzano la fabbricazione e lemissione dei biglietti di Stato dei tagli da L.
10, 5, 2, 1, fissandone i contingenti come appresso:

da L. 10 L. 4.500.000.000
da L. 5 2.000.000.000
da L. 2 400.000.000
da L. 1 400.000.000

Totale L. 7.300.000.000
Visto il decreto Ministeriale datato a Salerno add 8 aprile 1944, col quale i suddetti contingenti sono stati
aumentati di L. 1.500.000.000 per i biglietti da L. 10, di L. 1000 milioni per i biglietti da L. 5, di L. 100 milioni
per quelli da L. 2 e di L. 200 milioni per quelli da L. 1 e portati, cos:

a L. 6.000.000.000 da L. 10
a L. 3.000.000.000 da L. 5
a L. 500.000.000 da L. 2
a L. 600.000.000 da L. 1

Totale L. 10.100.000.000
Considerando che lo pseudo governo della repubblica sociale italiana, come si rileva dalle situazioni della Cassa
speciale di Novara, ha, a sua volta, aumentato di un miliardo il contingente complessivo di L. 7300 milioni e cio
di L. 500 milioni quello da L. 10, di L. 300 milioni quello da L. 2 e di L. 200 milioni quello da L. 1;
Considerato che gli importi messi in circolazione sono i seguenti:

da L. 10 L. 4.731.000.000
da L. 5 1.526.840.000
da L. 2 595.450.000
da L. 1 493.800.000

Totale L. 7.348.090.000
Ivi compresi, per L. 1.011.450.000, i biglietti emessi dal sedicente governo repubblicano fascista, biglietti aventi
le medesime caratteristiche di quelli emessi dal governo legale;
Ritenuta la necessit di riordinare la circolazione dei biglietti di Stato ripartendola fra i vari tagli in relazione alle
riconosciute esigenze degli scambi e considerata lopportunit di emettere anche i biglietti del taglio da L. 20 che
meglio si prestano per le odierne contrattazioni;
Decreta:
I tagli ed il contingente dei biglietti di Stato vengono determinati come segue:

da L. 20 L. 4.000.000.000
da L. 10 3.500.000.000
da L. 5 2.000.000.000
da L. 2 250.000.000
da L. 1 250.000.000

Totale L. 10.000.000.000

Le caratteristiche dei biglietti da L. 1, 2, 5 e 10 di nuova emissione sono quelle stabilite con decreto Ministeriale n.
99149 del 23 novembre 1944, registrato alla Corte dei conti il 27 novembre 1944, registro n. 1 Tesoro, foglio n. 192.
Le caratteristiche dei biglietti da L. 20 saranno determinate con successivo decreto Ministeriale.
Inoltre con altro decreto Ministeriale sar fissata la data di cessazione del corso legale dei biglietti da L. 1, 2, 5,
10 attualmente in circolazione ed il termine per il loro cambio con i biglietti aventi le caratteristiche stabilite dal
citato decreto Ministeriale 23 novembre 1944.
Il presente decreto sar trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione e sar pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale del Regno.
Roma, add 20 dicembre 1945
Il Ministro: CORBINO

Decreto Ministeriale 20 dicembre 1945


Caratteristiche dei biglietti di Stato da lire venti.
Gazzetta Ufficiale del Regno dItalia n. 8 del 10 gennaio 1946
Il Ministro per il Tesoro:
Visto lart. 1 del regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393;
Visti gli articoli 1 e 7 del regolamento sul servizio dei biglietti di Stato approvato con lart. 5 del regio decretolegge predetto;
Veduto il decreto ministeriale n. 138406 del 13 settembre 1945, registrato alla Corte dei conti il 15 settembre 1945,
registro n. 5 Tesoro, foglio n. 315, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 117 del 29 settembre 1945, con il quale
venne autorizzata la emissione di biglietti di Stato da lire 20 fissandone il contingente in lire 4.000.000.000;
Determina:
Articolo unico. Le caratteristiche dei biglietti di Stato da lire 20 sono le seguenti:
I biglietti di Stato da lire 20 sono del formato carta di mm 106 x 67 del formato stampa di mm 100 x 61 nel recto
e 99 x 60 nel verso.
I biglietti sono stampati su carta bianca portante una filigrana a chiaro scuro, posta verticalmente al centro del
biglietto, e formata dalla cifra 20 ripetuta a carattere stampatello.
Il recto del biglietto composto da un disegno principale a stampa calcografica e da un sottofondo a stampa tipografica.
Il disegno centrale composto: in alto da una cornicetta di rettangoli bianchi e neri; seguono le diciture Italia
su fondo chiaro e Biglietto di Stato a corso legale in caratteri bianchi su fondo scuro; un rosone in linea bianca
su fondo retinato in linea nera, sostenuto da due elementi di linea bianca formati ognuno da quattro rosoncini; al
centro da uno spazio bianco riservato per il riscontro della filigrana; sotto questo una cornicetta rettangolare, a
bianco e nero, racchiude due rosoni simmetrici di bianco linea con motivo decorativo al centro.
Le due parti laterali sono composte da due elementi simmetrici di bianco linea con motivo decorativo riempiti
nella parte interna da perline e cordoni; al margine della linea bianca un motivo di linea nera racchiuso da un
filetto nero, determina il margine del biglietto.
In alto e in basso in una cornice di quattro elementi ondulati di linea bianca seguiti da quattro fondini geometrici
riproducenti la cifra 20 terminanti con un listello, sono posti il numero e la serie del biglietto; nel centro a
sinistra, leffige della Dea Roma dello Zanelli posta di tre quarti; a destra, nel centro, in carattere nero contornato
da un filetto bianco la dicitura vale venti lire intrecciata con la cifra 20 in bianco, appoggiata su di un
rettangolo formato da due listelli a scacchiera su fondino grigio; sotto la dicitura sono poste le firme: Il Direttore
generale del Tesoro Ventura Il Cassiere speciale Giovinco V. per la Corte dei conti Simoneschi.
Fuori cornice sono poste le leggende: a destra A. Repettati inc. al centro I.P.S. Off. Carte Valori a sinistra
G. Mataloni dis..
Il sottofondo unito, tipografico, colorisce lintero disegno principale.
Il verso del biglietto, a stampa litografica, composto da un disegno principale e da un sottofondo.
Il disegno principale composto da una cornicetta decorativa in linea bianca; entro questa, a destra e sinistra, due
figure allegoriche maschili rappresentanti lIndustria e lAgricoltura sono poggiate su un festone composto da
elementi di linea bianca con intrecci di cordoni nella parte centrale e collegati in alto da un nastro perlinato; al centro
da uno spazio quadrato bianco riservato per il riscontro della filigrana, incorniciato ai lati sinistro e destro da due
strisce decorative che racchiudono la dicitura 20 lire in bianco su fondo scuro, sotto questa sono posti i decreti di
emissione e delle caratteristiche e precisamente: a sinistra il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, a destra il
decreto Ministeriale 20 dicembre 1945, nella parte superiore dello spazio bianco posta la tabella recante la leggenda
la legge punisce i fabbricatori e gli spacciatori di biglietti falsi circondata da un rosone in linea bianca.
Il disegno riempito da un fondino geometrico composto dalla cifra 20 ripetuta.
Il sottofondo unito, litografico, colorisce lintero disegno principale.
Il biglietto stampato nei seguenti colori:

recto: fondo rosa giallastro, disegno principale verde scuro;


verso: fondo giallo caldo, disegno principale verde bottiglia.

Il presente decreto sar registrato alla Corte dei conti e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, add 20 dicembre 1945
Il Ministro: CORBINO

Decreto Legislativo 21 febbraio 1948, n. 269


Modificazioni allart. 12 del regolamento per i biglietti di Stato approvato con lart. 5 del regio decreto
legge 20 maggio 1935, n. 874.
Gazzetta Ufficiale n. 91 del 17 aprile 1948
Il Presidente della Repubblica:
Visto lart. 4 del decretolegge Luogotenenziale 25 giugno 1944, numero 151, con le modificazioni ad esso
apportate dallart. 3, comma primo, del decreto legislativo Luogotenenziale 16 marzo 1946, n. 98;
Viste le disposizioni transitorie I e XV della Costituzione;
Visto lart. 87, comma quinto, della Costituzione;
Sentita la Corte dei Conti;
Sulla proposta del Ministro per il tesoro;
Promulga il seguente decreto legislativo, approvato dal Consiglio dei Ministri con deliberazione del 7 febbraio 1948:
Art. 1.
Lart. 12 del regolamento per i biglietti di Stato approvato con lart. 5 del regio decretolegge 20 maggio 1935,
n. 874, viene modificato come segue:
Il servizio della Cassa speciale per i biglietti di Stato affidato alla gestione di un cassiere speciale col concorso
di un controllore capo, ed essi rispondono in solido della gestione stessa.
Alla fine di ogni esercizio e al termine di ogni gestione, il cassiere speciale ed il controllore capo rendono
congiuntamente il conto giudiziale per il servizio dei biglietti di Stato.
Art. 2.
I commissari previsti dallart. 16 del prefato regolamento sono aumentati da sette ad otto.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sar inserto nella Raccolta ufficiali delle leggi e dei decreti
della Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare come legge dello
Stato.
Dato a Roma, add 21 febbraio 1948
DE NICOLA
DE GASPERI DEL VECCHIO
Visto, il Guardiasigilli: GRASSI
Registrato alla Corte dei conti, add 6 aprile 1948
Atti del Governo, registro n. 19, foglio n. 49 FRASCA

Decreto del Presidente della Repubblica 2 marzo 1949, n. 179


Modificazione al regolamento per i biglietti di Stato e di banca, approvato con regio decreto 30 ottobre
1896, n. 508.
Gazzetta Ufficiale n. 106 del 9 maggio 1949
Il Presidente della Repubblica:
Visto lart. 4 del testo unico delle leggi sugli Istituti di emissione e sulla circolazione dei biglietti di banca,
approvato con il regio decreto 28 aprile 1910, n. 204;
Visto il regolamento per i biglietti di Stato e di banca, approvato con il regio decreto 30 ottobre 1896, n. 508, e
successive modificazioni;
Visto lart. 87, comma quinto, della Costituzione;
Udito il parere del Consiglio di Stato;
Sentito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Ministro Segretario di Stato per il tesoro, Ministro ad interim per il bilancio;
Decreta:
Art. 1.
data facolt al Ministro per il tesoro di autorizzare, quando se ne ravvisi la necessit, che le banconote logore
da lire cento e di taglio inferiore, ritirate dalla circolazione, siano annullate con la sola perforazione e siano quindi
distrutte, mediante abbruciamento o macerazione, presso le principali filiali dellIstituto di emissione.
Art. 2.
I biglietti di cui allarticolo precedente saranno verificati, contati e distrutti alla presenza di un ispettore
dellAmministrazione centrale dellistituto di emissione e di un ispettore centrale del Tesoro oppure di un
funzionario appartenente ai ruoli degli Uffici provinciali del tesoro di grado non inferiore al 7.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sar inserto nella Raccolta ufficiali delle leggi e dei decreti
della Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare come legge dello
Stato.
Dato a Roma, add 2 marzo 1949
DE NICOLA
DE GASPERI PELLA
Visto, il Guardiasigilli: GRASSI
Registrato alla Corte dei conti, add 3 maggio 1949
Atti del Governo, registro n. 28, foglio n. 12 FRASCA

Decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1950, n. 19


Autorizzazione al Ministro per il tesoro ad avvalersi della facolt di cui al decreto del Presidente della
Repubblica 2 marzo 1949, n. 179, circa le formalit da osservarsi nelle operazioni di annullamento e
distruzione delle banconote da lire 500 e 1000.
Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14 febbraio 1950
Il Presidente della Repubblica:
Visto lart. 4 del testo unico delle leggi sugli Istituti di emissione e sulla circolazione dei biglietti di banca,
approvato con il regio decreto 28 aprile 1910, n. 204;
Visto il regolamento per i biglietti di Stato e di banca, approvato con il regio decreto 30 ottobre 1896, n. 508 e
successive modificazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 2 marzo 1949, n. 179;
Visto lart. 87, comma quinto, della Costituzione;
Sentito il parere della Commissione permanente di vigilanza sulla circolazione e sullIstituto di emissione;
Sentito il parere del Consiglio di Stato;
Sentito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Ministro Segretario di Stato per il tesoro, Ministro ad interim per il bilancio;
Decreta:
Articolo unico.
Il Ministro per il tesoro autorizzato ad avvalersi della facolt di cui al decreto del Presidente della Repubblica
2 marzo 1949, n. 179, per le formalit da osservarsi nelle operazioni di annullamento e distruzione delle banconote
da lire 500 e 1000 tanto se ritirate dalla circolazione, quanto se non emesse.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sar inserto nella Raccolta ufficiali delle leggi e dei decreti
della Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare come legge dello
Stato.
Dato a Roma, add 10 gennaio 1950
EINAUDI
DE GASPERI PELLA
Visto, il Guardiasigilli: GRASSI
Registrato alla Corte dei conti, add 8 febbraio 1950
Atti del Governo, registro n. 31, foglio n. 108 FRASCA

Legge 11 aprile 1950, n. 208


Norme per agevolare la sostituzione dei biglietti di Stato logori.
Gazzetta Ufficiale n. 109 del 12 maggio 1950
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
Il Presidente della Repubblica
Promulga la seguente legge:
Articolo unico.
Larticolo 23 del regolamento per i biglietti di Stato, approvato con regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874,
convertito in legge 12 dicembre 1935, n. 2393, sostituito dal seguente:
I biglietti logori e non pi atti alla circolazione che pervengano alle Tesorerie per operazioni di pagamento, sono
dalle Tesorerie stesse trattenuti e non pi adoperati nei pagamenti. I biglietti che, nelle stesse condizioni, vengano
presentati alle Tesorerie da contabili o da privati, per la sostituzione, quando non sorga dubbio sulla loro
legittimit sono cambiati con biglietti nuovi o in buono stato, e non pi adoperati nei pagamenti.
I biglietti di Stato logori e non pi atti alla circolazione raccolti da pubbliche amministrazioni, aziende di credito,
aziende di trasporti urbani, esattorie e ogni altro ente che compia operazioni di cassa con il pubblico, possono essere
versati alle Tesorerie, per la sostituzione con biglietti nuovi o in buono stato, seguendo le modalit di cui appresso:
I biglietti logori di cui al comma precedente, previo annullamento, debbono essere presentati distintamente per
taglio in mazzette di cento biglietti ciascuna ed in pacchi di dieci mazzette, ognuna delle quali deve essere chiusa
a mezzo di una fascetta portante il timbro dellIstituto, ufficio o ente presentatore, la firma dellagente che ha
confezionato le mazzette e la data di presentazione dei biglietti alle Tesorerie.
Queste provvederanno alla contazione del numero delle mazzette limitando la verifica e contazione dei singoli
biglietti ad una percentuale da fissarsi di volta in volta dal capo della Tesoreria, ma in ogni caso non inferiore al
dieci per cento del numero dei biglietti presentati.
I biglietti integralmente contati e verificati verranno assunti in proprio dalle Tesorerie e sostituiti subito con
biglietti nuovi o in buono stato. Gli altri saranno ugualmente sostituiti dalle Tesorerie, ma la definitiva regolazione
dei rapporti fra le Tesorerie stesse e gli istituti, enti o uffici presentatori, sar fatta dopo che la Cassa speciale dei
biglietti a debito dello Stato avr effettuato le verifiche prescritte.
Allart. 25 aggiunto il seguente comma:
I biglietti ricevuti dalle Tesorerie per la sostituzione ai sensi dellart. 23, secondo comma, che siano stati sottoposti
soltanto alla contazione per mazzette, saranno spediti o consegnati alla Cassa speciale dei biglietti a debito dello Stato
in sacchi chiusi con le modalit in vigore e distinti per presentatore il cui nominativo dovr risultare in ciascun sacco.
Allart. 27 aggiunto il seguente comma:
Tale intervento reso obbligatorio per le operazioni di verifica dei biglietti di cui allultimo comma del precedente
art. 25, ai fini della definitiva regolarizzazione dei rapporti fra le Tesorerie e gli istituti, enti o uffici presentatori.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sar inserta nella Raccolta ufficiali delle leggi e dei decreti della
Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, add 11 aprile 1950
EINAUDI
DE GASPERI PELLA
Visto, il Guardiasigilli: PICCIONI

Legge 24 dicembre 1951, n. 1405


Norme sulla circolazione monetaria.
Gazzetta Ufficiale n. 299 del 31 dicembre 1951
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
Il Presidente della Repubblica
Promulga la seguente legge:
Art. 1.
La Zecca autorizzata a fabbricare e ad emettere monete metalliche da lire 100 e da lire 50, nonch nuove monete
in lega Italma da lire 10, lire 5, lire 2 e lire 1 in luogo di quelle autorizzate col decreto legislativo
Luogotenenziale 8 maggio 1946, n. 419, e dei biglietti di Stato.
Con decreti del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro per il tesoro, saranno determinati i
contingenti e le caratteristiche delle nuove monete da lire 100, 50, 10, 5, 2 e 1, di cui al precedente comma.
Con decreti del Ministro per il tesoro, sar stabilita la data dalla quale le monete di nuovo conio per i valori da
lire 100 e inferiori, di cui al presente articolo, avranno corso legale nello Stato, nonch la data di cessazione del
corso legale e del cambio delle monete emesse ai sensi del decreto legislativo Luogotenenziale 8 maggio 1946,
n. 419, e dei biglietti di Stato, compresi quelli da emettersi ai sensi del successivo art. 3.
Art. 2.
A decorrere dalla data da stabilirsi con decreto del Ministro per il tesoro, saranno esclusi dalla facolt di
emissione, spettante alla Banca dItalia ai sensi del regio decretolegge 12 marzo 1936, n. 575, e successive
modificazioni ed integrazioni, i biglietti da lire 100 e da lire 50 di cui allart. 3 del testo unico sugli Istituti di
emissione e sulla circolazione dei biglietti di banca approvato col regio decreto 28 aprile 1910, n. 204.
Fino alla data che sar indicata nel decreto di cui al precedente comma, i biglietti della Banca stessa dei tagli da
lire 100 e da lire 50 continuano ad avere corso legale.
Con decreto del Ministro per il tesoro sar parimenti stabilita la data, trascorsa la quale, i predetti biglietti, che
non saranno stati presentati per il cambio, andranno prescritti a favore dellErario dello Stato.
Art. 3.
In via transitoria, fino a quando la circolazione dei valori da lire 100 e da lire 50 non potr essere assicurata
mediante le monete metalliche di cui al precedente art. 1, autorizzata la fabbricazione ed emissione in luogo dei
biglietti della Banca dItalia di cui allart. 2, di biglietti di Stato da lire 100 e da lire 50, con la osservanza delle
vigenti disposizioni per i biglietti di Stato, salvo quanto stabilito con i successivi commi.
Le caratteristiche ed i contingenti per i biglietti di Stato da lire 100 e da lire 50 saranno determinati con decreti
del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro per il tesoro.
La data dalla quale avranno corso legale i biglietti di cui al presente articolo sar stabilita con decreto del Ministro
per il tesoro.
Art. 4.
Limporto, al netto delle spese di fabbricazione, dei biglietti di Stato o delle monete da lire 100 e da lire 50 emessi,
a norma degli articoli precedenti, in sostituzione dei biglietti della Banca dItalia di pari taglio, in circolazione
alla data di entrata in vigore della presente legge, sar versato alla Banca medesima in diminuzione del debito del
Tesoro per anticipazioni temporanee di cui al decreto legislativo 21 gennaio 1948, n. 7.
Art. 5.
Con ulteriori decreti del Ministro per il tesoro, i termini di cui ai precedenti articoli, occorrendo, potranno essere
prorogati, fermo restando che gli ultimi termini di prescrizione non potranno, in ogni caso, essere successivi al
31 dicembre 1954.

Art. 6.
Il Ministro per il tesoro autorizzato a stipulare apposite convenzioni con il Governatore della Banca dItalia per
regolare tutti i rapporti, nascenti dalla attuazione della presente legge, tra il Tesoro dello Stato e lIstituto di
emissione.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sar inserta nella Raccolta ufficiali delle leggi e dei decreti della
Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, add 24 dicembre 1951
EINAUDI
DE GASPERI VANONI
Visto, il Guardiasigilli: ZOLI

Decreto del Presidente della Repubblica 31 dicembre 1951


Caratteristiche dei biglietti di Stato da L. 100 e da L. 50.
Gazzetta Ufficiale n. 30 del 5 febbraio 1952
Il Presidente della Repubblica:
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393;
Vista la legge 24 dicembre 1951, n. 1405, concernente norme sulla circolazione monetaria;
Sulla proposta del Ministro per il tesoro;
Decreta:
Art. 1.
I biglietti di Stato da lire 100 e lire 50, di cui sono autorizzate la fabbricazione e lemissione ai sensi dellart. 3
della legge 24 dicembre 1951, n. 1405, con losservanza delle vigenti disposizioni per la circolazione di Stato,
hanno le seguenti caratteristiche:
Stampa i biglietti da lire 100 e lire 50 sono stampati su carta bianca filigranata con i procedimenti litocalco
tipografici nei seguenti colori:

lire 50 prospettosottofondo litograficocolore giallo;


lire 50 prospettocomposizione calcograficacolore verde cupo;
lire 50 rovesciosottofondo litograficocolore giallo;
lire 50 rovesciocomposizione litograficacolore verde cupo;
lire 100 prospettosottofondo litograficocolore giallo;
lire 100 prospettocomposizione calcograficacolore rosso cupo;
lire 100 rovesciosottofondo litograficocolore giallo;
lire 100 rovesciocomposizione litograficacolore rosso cupo;

Formato il formato della carta rettangolare di mm 105 x 65 per i biglietti da lire 50 e mm 115 x 70 per i
biglietti da lire 100; mentre quello della stampa di mm 95 x 55 retto e mm 93 x 53 verso i biglietti da lire
50, e di mm 105 x 60 retto e mm 103 x 58 verso per i biglietti da lire 100.
Filigrana la filigrana cos formata: a destra dei biglietti, centrato nel senso dellaltezza, vi un rettangolo
costituito da linee orizzontali ondulate in chiaroscuro, delle dimensioni di mm 41 x 29 per il biglietto da lire 100
e mm 42 x 29 per il biglietto da lire 50. Nel centro del rettangolo campeggia in chiaro il valore in cifra del biglietto;
a sinistra, limitatamente al margine del biglietto, dallalto in basso, ripetuto lo stesso motivo della filigrana posta
a destra nel formato di mm 7 x 29 per il biglietto da lire 100 e di mm 6 x 29 per il biglietto da lire 50.
La parte prospettiva dei biglietti composta da un sottofondo litografico a tratteggi finissimi verticali e orizzontali
sul quale sovrapposta una composizione a stampa calcografica cos disposta: a sinistra, dalleffigie della Dea
Roma; a destra, da una composizione ornamentale al cui centro campeggia il valore del biglietto in filigrana; al
centro, da un fondo numismatico riproducente su un particolare del bassorilievo dellaltare della Patria su cui in
alto vi la leggenda: Repubblica Italiana. Nel centro figura impresso il valore del biglietto in cifre e lettere
sovrapposte, nella parte superiore vi la leggenda Vale, in basso quella Lire, mentre ai lati trovano posto le
leggendine relative alle firme del direttore generale del Tesoro (a sinistra); il cassiere speciale (a destra) e V
Corte dei conti (al centro in basso) con le rispettive firme. Una cornicetta finissima a motivi simmetrici ripetuti
racchiude la vignetta dei biglietti ai lati e in alto, mentre in basso una grande fascia costituita da foglie stilizzate
e da perline chiude il formato e porta la leggenda in carattere chiaro ombreggiato Lire (100) o (50) Biglietto
Stato a Corso Legale (100) o (50) Lire. Verticalmente nel prospetto sono impresse nel margine di sinistra
lindicazione della legge 24 dicembre 1951, n. 1405, in quello di destra le indicazioni del presente decreto.
Il verso dei biglietti costituito da un fondo a tratteggio finissimo verticale e orizzontale su cui sovrastampata
una composizione cos disposta: al centro da uno scudo accartocciato contornato di foglie di alloro e frutta; in
alto da una cornice formata con festoni di foglie di alloro stilizzate; in basso da motivi ornamentali geometrici; a
destra vi posta la leggendina La legge punisce i fabbricatori e gli spacciatori dei biglietti falsi; in alto a sinistra
e in basso a destra posta la serie; in alto a destra e in basso a sinistra vi la numerazione.

La serie e la numerazione sono stampate tipograficamente in colore nero.


Art. 2.
Il contingente in valore dei biglietti di Stato da Lire 100 e da Lire 50 di cui al precedente articolo viene determinato
come segue:

biglietti di Stato da Lire 100 a Lire 20.000.000.000


biglietti di Stato da Lire 50 a Lire 10.000.000.000.

Il presente decreto sar trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione e sar pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica Italiana.
Dato a Napoli, add 31 dicembre 1951
EINAUDI
VANONI
Registrato alla Corte dei conti, add 28 gennaio 1952
Registro Tesoro n. 2, foglio n. 153 GRIMALDI

Decreto Ministeriale 5 maggio 1952


Corso legale dei biglietti di Stato da L. 50 emessi a norma dellart. 3 della legge 24 dicembre 1951, n. 1405.
Gazzetta Ufficiale n. 112 del 14 maggio 1952
Il Ministro per il tesoro:
Visti gli articoli 2 e 3 della legge 24 dicembre 1951, n. 1405;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 31 dicembre 1951 che fissa le caratteristiche dei biglietti
di Stato da lire 100 e da lire 50;
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393, e
successive modificazioni;
Visto il regolamento per i biglietti di Stato, approvato con lart. 5 del regio decretolegge predetto e successive
modificazioni;
Decreta:
I biglietti di Stato da lire 50, emessi a norma dellarticolo 3 della legge 24 dicembre 1951, n. 1405, hanno corso
legale dal 16 maggio 1952.
Da questultima data cessa la facolt della Banca dItalia di emettere biglietti del taglio da lire 50, il cui corso
legale avr termine col 30 giugno 1953.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, add 5 maggio 1952
Il Ministro: PELLA
Registrato alla Corte dei conti, add 9 maggio 1952
Registro Tesoro n. 10, foglio n. 254 GRIMALDI

Decreto Ministeriale 4 luglio 1952


Corso legale dei biglietti di Stato da L. 100 emessi a norma dellart. 3 della legge 24 dicembre 1951, n. 1405.
Gazzetta Ufficiale n. 161 del 14 luglio 1952
Il Ministro per il tesoro:
Visti gli articoli 2 e 3 della legge 24 dicembre 1951, n. 1405;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 31 dicembre 1951 che fissa le caratteristiche dei biglietti
di Stato da L. 100 e da L. 50 e ne determina il contingente;
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393, e
successive modificazioni;
Visto il regolamento per i biglietti di Stato, approvato con lart. 5 del regio decretolegge predetto, e successive modificazioni;
Visto il proprio decreto n. 187729/B del 5 maggio 1952, che stabilisce il corso legale dei biglietti di Stato da L. 50;
Decreta:
I biglietti di Stato da L. 100, emessi a norma dellarticolo 3 della legge 24 dicembre 1951, n. 1405, hanno corso
legale dal 15 luglio 1952.
Da questultima data cessa la facolt della Banca dItalia di emettere biglietti di detto taglio, il cui corso legale
avr termine col 30 giugno 1953.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, add 4 luglio 1952
Il Ministro: PELLA
Registrato alla Corte dei conti, add 8 luglio 1952
Registro Tesoro n. 15, foglio n. 161 GRIMALDI

Decreto Ministeriale 22 ottobre 1953


Importazione ed esportazione di biglietti di Stato e di banca italiani dei tagli da Lit. 5000 e da Lit. 10.000.
Gazzetta Ufficiale n. 248 del 28 ottobre 1953
Il Ministro per il Commercio con lestero
Il Ministro per il Tesoro e Il Ministro per le Finanze di concerto con
Il Ministro per gli Affari esteri e il Ministro per la Grazia e Giustizia
Visto il decreto luogotenenziale 16 gennaio 1946, n. 12, concernente le attribuzioni del Ministero del commercio
con lestero;
Visto il decreto Ministeriale 2 settembre 1946, relativo alle attribuzioni in materia valutaria del Ministero del
commercio con lestero;
Visto il decreto Ministeriale 31 maggio 1950, concernente limportazione e lesportazione di biglietti di Stato e
di banca italiana e di altri titoli stilati in lire;
Visto il decreto Ministeriale 5 marzo 1953, relativo alla cessazione del corso legale e prescrizione dei titoli
provvisori della Banca dItalia da Lit. 5000 e da Lit. 10.000, dei biglietti da Lit. 500 e da Lit. 1000 della Banca
dItalia, dei vari tipi (eccezion fatta per i biglietti da Lit. 500 e da Lit. 1000 di cui al decreto Ministeriale 15 marzo
1947) nonch dei biglietti, pure della Banca dItalia, da Lit. 50 e da Lit. 100;
Decretano:
Art. 1.
Limportazione dei biglietti di Stato e di banca italiani, consentita dallart. 2 del decreto Ministeriale 31 maggio
1950, e lesportazione dei biglietti stessi, nei limiti previsti dallart. 3 del decreto medesimo, sono consentite
anche per i biglietti dei tagli da Lit. 5000 e da Lit. 10.000,
Art. 2.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana ed entrer in vigore il giorno
stesso della sua pubblicazione.
Roma, add 22 ottobre 1953
Il Ministro per il commercio con lestero BRESCIANI TURRONI
Il Ministro per il tesoro GAVA
II Ministro per le finanze VANONI
Il Ministro per gli affari esteri PELLA
Il Ministro per la grazia e giustizia AZARA

Legge 29 ottobre 1954, n. 1048


Proroga del termine per la cessazione del corso legale e la prescrizione dei biglietti di Stato da L. 1 a L.
100 e la sostituzione di essi con le nuove monete metalliche.
Gazzetta Ufficiale n. 262 del 15 novembre 1954
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
Il Presidente della Repubblica promulga la seguente legge:
Art. 1.
Lart. 5 della legge 24 dicembre 1951, n. 1405, sostituito dal seguente:
Con ulteriori decreti del Ministro per il tesoro i termini, di cui ai precedenti articoli, potranno, occorrendo, essere
prorogati, in ogni caso, non oltre il 31 dicembre 1956 per la sostituzione dei biglietti di Stato da lire 1, 2, 5 e 10
con nuove monete metalliche di lega Italma di uguale valore, ed il 31 dicembre 1957 per la sostituzione di
quelli da lire 50 e lire 100 con monete di pari valore.
Art. 2.
Il Ministro per il tesoro ha facolt di autorizzare la Zecca ad avvalersi, sino al termine del 31 dicembre 1957
stabilito col precedente articolo, di operai dellOfficina cartevalori, gestita in sezione autonoma speciale
dallIstituto Poligrafico dello Stato, regolando, mediante apposita convenzione da stipularsi col presidente
dellIstituto, il rimborso delle competenze corrisposte con decorrenza 1 luglio 1953 a detto personale operaio
distaccato dalla sezione medesima, nel limite massimo di 150 unit.
Alla spesa per le occorrenze precisate nel primo comma di questo articolo si far fronte nei modi e termini di cui
allart. 4 della legge 24 dicembre 1951, n. 1405.
Art. 3.
Il Ministro per il tesoro autorizzato a provvedere con propri decreti alle variazioni di bilancio occorrenti per
lattuazione della presente legge.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sar inserta nella Raccolta ufficiali delle leggi e dei decreti della
Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Dogliani, add 29 ottobre 1954
EINAUDI
SCELBA GAVA
Visto, il Guardiasigilli: DE PIETRO

Decreto Ministeriale 27 ottobre 1955


Cessazione del corso legale dei biglietti di Stato da L. 10 e da L. 5.
Gazzetta Ufficiale n. 288 del 15 dicembre 1955
Il Ministro per il tesoro:
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393, con il
quale venne autorizzata la circolazione dei biglietti di Stato;
Vista la legge 24 dicembre 1951, n. 1405, che detta norme sulla circolazione monetaria dello Stato demandando
al Ministro per il tesoro di stabilire i termini di cessazione del corso legale e di cambio dei biglietti di Stato;
Considerato che le necessit della minuta circolazione possono ritenersi soddisfatte dalle monete metalliche
attualmente in uso;
Decreta:
I biglietti di Stato da lire 10 e da lire 5 dei quali fu autorizzata la fabbricazione e lemissione con il regio decreto
legge 20 maggio 1935, n. 874, di cui alle premesse, cesseranno di aver corso legale con il 31 gennaio 1956 e
saranno cambiati dalle Sezioni di tesoreria provinciale e dalla Tesoreria centrale con monete metalliche in lega
Italma di cui alla legge 24 dicembre 1951, n. 1405, fino al 30 aprile 1956.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, add 27 ottobre 1955
Il Ministro: GAVA
Registrato alla Corte dei conti, add 3 novembre 1955
Registro n. 18 Tesoro, foglio n. 238 GRIMALDI

Decreto Ministeriale 23 aprile 1956


Proroga del termine fissato per il cambio dei biglietti di Stato da lire 10 e da lire 5.
Gazzetta Ufficiale n. 105 del 30 aprile 1956
Il Ministro per il tesoro
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393, con il
quale venne autorizzata la circolazione dei biglietti di Stato;
Vista la legge 24 dicembre 1951, n. 1405, che detta norme sulla circolazione monetaria dello Stato demandando
al Ministro per il tesoro di stabilire i termini di cessazione del corso legale e di cambio dei biglietti di Stato;
Visto il decreto Ministeriale 27 ottobre 1955, registrato alla Corte dei conti il 3 novembre successivo, che fissa
al 30 aprile 1956 la data utile per il cambio dei biglietti di stato da L. 10 e da L. 5;
Ritenuta lopportunit di prorogare il termine utile per la sostituzione di tali biglietti;
Decreta:
Il termine del 30 aprile 1956, fissato dal decreto Ministeriale 27 ottobre 1955, per il cambio dei biglietti di Stato
da L. 10 e da L. 5 dei quali fu autorizzata la fabbricazione e lemissione con il regio decreto legge 20 maggio
1935, n. 874 con le monete metalliche di lega Italma di cui alla legge 24 dicembre 1951, n. 1405, prorogato
fino al 30 giugno 1956.
Scaduto tale termine i biglietti non presentati alla Tesoreria centrale ed alle Sezioni di tesoreria provinciali
rimarranno prescritti.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, add 23 aprile 1956
Il Ministro: MEDICI
Registrato alla Corte dei conti, add 26 aprile 1956
Registro n. 10 Tesoro, foglio n. 7 PETROCELLI

Decreto Ministeriale 21 gennaio 1957


Termini di cessazione del corso legale e di cambio dei biglietti di Stato da L. 100 e L. 50.
Gazzetta Ufficiale n. 31 del 4 febbraio 1957
Il Ministro per il tesoro
Vista la legge 24 dicembre 1951, n. 1405, che autorizzava la fabbricazione e lemissione dei biglietti di Stato da
L. 100 e L. 50 e che demandava al Ministro per il tesoro la facolt di stabilire i termini di cessazione del corso
legale e del cambio dei biglietti stessi;
Vista la legge 29 ottobre 1954, n. 1048, che fissa al 31 dicembre 1957 il termine utile per la prescrizione dei
biglietti di Stato da L. 100 e L. 50;
Considerato che le monete di acmonital da L. 100 e L. 50 attualmente emesse possono soddisfare la necessit
della circolazione;
Decreta:
I biglietti di Stato da L. 100 e L. 50 dei quali fu autorizzata la fabbricazione e lemissione con legge 24 dicembre
1951, n. 1405, di cui alle premesse, cesseranno di aver corso legale con il 31 marzo 1957 e saranno cambiati dalle
sezioni di Tesoreria provinciale e dalla Tesoreria centrale con monete acmonital di pari taglio, di cui alla legge
sopraindicata, fino al 30 giugno 1957.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, add 21 gennaio 1957
Il Ministro: MEDICI
Registrato alla Corte dei conti, add 26 gennaio 1957
Registro n. 1 Tesoro, foglio n. 361

Legge 5 febbraio 1957, n. 23


Proroga del termine per la cessazione del corso legale e la prescrizione dei biglietti di Stato.
Gazzetta Ufficiale n. 48 del 21 febbraio 1957
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
Il Presidente della Repubblica promulga la seguente legge
Art. 1.
Il termine per la sostituzione di biglietti di Stato da lire 1, 2, 5 e 10 con nuove monete metalliche di lega Italma
di uguale valore stabilito con lart. 1 della legge 29 ottobre 1954, n. 1048, che ha sostituito lart. 5 della legge 24
dicembre 1951, n. 1405, prorogato al 31 dicembre 1957.
Art. 2.
data facolt al Ministro per il tesoro di emanare, con propri decreti, le norme occorrenti per facilitare
laccentramento, la contazione e la distruzione dei biglietti di Stato ritirati dalla circolazione e prescritti ai sensi
della legge 24 dicembre 1951, n. 1405 e dellart. 1 della presente legge.
Art. 3.
Con decreti del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro per il tesoro, saranno determinati i limiti
per il potere liberatorio delle nuove monete emesse dalla Zecca ai sensi delle leggi 24 dicembre 1951, n. 1405 e
14 dicembre 1955, n. 1314.
Art. 4.
La presente legge ha efficacia dal 1 gennaio 1957.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sar inserta nella Raccolta ufficiali delle leggi e dei decreti della
Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Dogliani, add 5 febbraio 1957
GRONCHI
SEGNI MEDICI
Visto, il Guardiasigilli: MORO

Decreto Ministeriale 26 febbraio 1957


Proroga del termine per il cambio dei biglietti di Stato da L. 10 e L. 5.
Gazzetta Ufficiale n. 60 del 6 marzo 1957
Il Ministro per il tesoro
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393, con il
quale venne autorizzata la circolazione dei biglietti di Stato;
Vista la legge 24 dicembre 1951, n. 1405, modificata con la legge 29 ottobre 1954, n. 1048, in esecuzione della
quale stato emanato il decreto Ministeriale 23 aprile 1956, n. 228208/B, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
105 del 30 aprile 1956, per la cessazione del corso legale e di cambio dei biglietti di Stato da lire 10 e lire 5;
Visto lart. 1 della legge 5 febbraio 1957, n. 23, che proroga al 31 dicembre 1957 il termine entro il quale il Ministro
per il tesoro ha facolt di stabilire con propri decreti il termine per la sostituzione dei biglietti da lire 1 a lire 10;
Considerata lopportunit di prorogare il termine entro il quale pu effettuare il cambio dei biglietti da lire 10 e da lire 5;
Decreta:
La sostituzione da parte delle sezioni di Tesoreria provinciale e della Tesoreria centrale dei biglietti di Stato da
lire 10 e da lire 5 con monete metalliche di pari valore consentita fino al 30 giugno 1957.
Il presente decreto sar trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, add 26 febbraio 1957
Il Ministro: MEDICI
Registrato alla Corte dei conti, add 28 febbraio 1957
Registro n. 4 Tesoro, foglio n. 53

Decreto Ministeriale 26 marzo 1957


Proroga dei termini di cessazione del corso legale e di cambio per i biglietti di Stato da L. 100 e L. 50.
Gazzetta Ufficiale n. 83 del 30 marzo 1957
Il Ministro per il tesoro
Vista la legge 24 dicembre 1951, n. 1405, che autorizzava la fabbricazione e lemissione dei biglietti di Stato da
lire 100 e lire 50 e che demandava al Ministro per il tesoro la facolt di stabilire i termini di cessazione del corso
legale e di cambio dei biglietti stessi;
Vista la legge 29 ottobre 1954, n. 1048, che fissa al 31 dicembre 1957 il termine utile per la prescrizione dei
biglietti di Stato da lire 100 e lire 50;
Visto il decreto ministeriale 21 gennaio 1957, registrato alla Corte dei conti il 26 gennaio successivo, che fissa
rispettivamente al 31 marzo e al 30 giugno 1957 i termini di cessazione del corso legale e di cambio dei ripetuti
biglietti di Stato da lire 100 e lire 50;
Ritenuta lopportunit di prorogare il termine utile per la sostituzione di tali biglietti;
Decreta:
I termini di cessazione del corso legale e di cambio, per i biglietti di Stato da lire 100 e lire 50, dei quali fu
autorizzata la fabbricazione e lemissione con legge 24 dicembre 1951, n. 1405, di cui alle premesse, termini
fissati al 31 marzo ed al 30 giugno 1957, con decreto ministeriale 21 gennaio 1957, sono prorogati rispettivamente
al 30 giugno e al 30 settembre 1957.
Scaduto questultimo termine i biglietti non presentati alla tesoreria centrale ed alle Sezioni di tesoreria
provinciale saranno prescritti.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, add 26 marzo 1957
Il Ministro: MEDICI
Registrato alla Corte dei conti, add 26 marzo 1957
Registro n. 6 Tesoro, foglio n. 377

Decreto Ministeriale 26 giugno 1957


Proroga dei termini di cessazione del corso legale e di cambio per i biglietti di Stato da L. 100 a L. 50.
Gazzetta Ufficiale n. 160 del 28 giugno 1957
Il Ministro per il tesoro
Vista la legge 24 dicembre 1951, n. 1405 che autorizzava la fabbricazione e lemissione dei biglietti di Stato da
L. 100 e L. 50 e che demandava al Ministro per il tesoro la facolt di stabilire i termini di cessazione del corso
legale e di cambio dei biglietti stessi;
Vista la legge 29 ottobre 1954, n. 1048, che fissa al 31 dicembre 1957 il termine utile per la prescrizione dei
biglietti di Stato da L. 100 e L. 50;
Visto il decreto Ministeriale 26 marzo 1957, registrato alla Corte dei conti il 26 stesso mese, che fissa
rispettivamente al 30 giugno e al 30 settembre 1957 i termini di cessazione del corso legale e di cambio dei
ripetuti biglietti di Stato da L. 100 e L. 50;
Ritenuta lopportunit di prorogare il termine utile per la sostituzione di tali biglietti;
Decreta:
I termini di cessazione del corso legale e di cambio, per i biglietti di Stato da L. 100 e L. 50 dei quali venne
autorizzata la fabbricazione e lemissione con legge 24 dicembre 1951, n. 1405, di cui alle premesse termini
fissati al 30 giugno ed al 30 settembre 1957, con decreto Ministeriale 26 marzo 1957, sono prorogati
rispettivamente al 30 settembre e al 31 dicembre 1957.
Scaduto questultimo termine i biglietti non presentati alla Tesoreria centrale ed alle Sezioni di tesoreria
provinciale saranno prescritti.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, add 26 giugno 1957
Il Ministro: MEDICI
Registrato alla Corte dei conti, add 27 giugno 1957
Registro n. 14 Tesoro, foglio n. 211

Decreto Ministeriale 13 novembre 1957


Cessazione del corso legale e prescrizione dei biglietti di Stato da L. 2 e L. 1.
Gazzetta Ufficiale n. 288 del 22 novembre 1957
Il Ministro per il tesoro
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393, con il
quale venne autorizzata la circolazione dei biglietti di Stato;
Vista la legge 5 febbraio 1957, n. 23, che fissa al 31 dicembre 1957 il termine utile per la prescrizione dei biglietti
di Stato da L. 10, L. 5, L. 2 e L. 1;
Vista la legge 24 dicembre 1951, n. 1405, con la quale la Zecca autorizzata a fabbricare, fra laltro, monete di
Italma da L. 2 e L. 1;
Decreta:
I biglietti di Stato da L. 2 e L. 1 dei quali fu autorizzata la fabbricazione e lemissione con regio decretolegge
20 maggio 1935, n. 874, di cui alle premesse, cesseranno di aver corso legale con il 30 novembre 1957 e saranno
cambiati dalle Sezioni di tesoreria provinciale e dalla Tesoreria centrale con monete di Italma di pari taglio di
cui alla legge citata 24 dicembre 1951, n. 1405, fino al 31 dicembre 1957.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, add 13 novembre 1957
Il Ministro: MEDICI
Registrato alla Corte dei conti, add 14 novembre 1957
Registro n. 24 Tesoro, foglio n. 158 FLAMMIA

Legge 31 marzo 1966, n. 171


Autorizzazione al Tesoro dello Stato a fabbricare ed emettere biglietti da L. 500.
Gazzetta Ufficiale n. 91 del 14 aprile 1966
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
Il Presidente della Repubblica promulga la seguente legge:
Art. 1.
autorizzata la fabbricazione e lemissione di biglietti di Stato da lire 500.
Con decreti del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro per il tesoro, saranno determinate le
caratteristiche ed i contingenti dei biglietti stessi.
La data dalla quale i biglietti di cui alla presente legge avranno corso legale, ed il limite per il loro potere
liberatorio, saranno stabiliti con decreto del Ministro per il tesoro.
Art. 2.
Il Ministro per il tesoro autorizzato a stipulare apposite convenzioni con la Banca dItalia per regolare tutti i
rapporti nascenti, dallattuazione della presente legge, tra il Tesoro dello Stato e lIstituto di emissione, nonch
ad apportare, con propri decreti, le eventuali variazioni di bilancio.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sar inserita nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti
della Repubblica Italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello
Stato.
Data a Roma, add 31 marzo 1966
SARAGAT
MORO COLOMBO
Visto, il Guardasigilli: REALE
Legge abrogata dallart. 4, comma 2, Decreto Legislativo 10 marzo 1998, n. 43 (Adeguamento dellordinamento
nazionale alle disposizioni del trattato istitutivo della Comunit europea in materia di politica monetaria e di
Sistema europeo delle banche centrali), a decorrere dal 1 gennaio 1999.

Decreto del Presidente della Repubblica del 26 giugno 1966


Caratteristiche del biglietto di Stato da L. 500 e determinazione del contingente di fabbricazione.
Gazzetta Ufficiale n. 224 del 9 settembre 1966
Il Presidente della Repubblica
Visto il RDL. 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella L. 23 dicembre 1935, n. 2393;
Visto lart. 1 della legge 31 marzo 1966, n. 171;
Sulla proposta del Ministero per il Tesoro;
Decreta:
Art. 1.
Le caratteristiche tecnicoartistiche del nuovo biglietto di stato da L. 500 sono determinate come appresso:
Carta: bianca, liscia, filigranata in chiaro e scuro;
Filigrana: fasce continue di cornucopie sistemate allestremit dei lati sinistro e destro del biglietto;
Formato carta: mm. 110 x 55;
Formato stampa: mm. 104 x 49;
Stampa: offset a secco.
Recto
Gli elementi figurativi e simbolici sono tratti dalle monete greco sicule di Akragas e dal decadrammo di Siracusa.
Da una base che arieggia un mare stilizzato sulla cui superficie saltano quattro delfini, tratti dalla moneta di
Siracusa, si levano, a destra, la testa della ninfa Aretusa impressa nel decadrammo, a sinistra, laquila che scende
in volo per ghermire un serpente, impressa nella moneta di Akragas. Le due figurazioni, coi delfini e il mare,
costituiscono il primo piano della composizione, la quale poggia sopra un fondo di sicurezza, costituito di motivi
lineari intrecciati e distesi, che copre tutto il campo del biglietto.
Le leggende si susseguono dallalto verso il basso. Sotto la dicitura di REPUBBLICA ITALIANA, in carattere
romano, segue il valore nominale in cifre e la parola LIRE. Sotto ancora le tre firme che autenticano il biglietto:
a sinistra: IL DIRETTORE GENERALE DEL TESORO firma a destra: IL CASSIERE SPECIALE
firma sotto al centro: V PER LA CORTE DEI CONTI firma. La leggenda BIGLIETTO DI STATO A
CORSO LEGALE stampata in negativo entro una formella ricavata alla base del mare stilizzato. La serie e il
numero figurano allestrema sinistra e allestrema destra della sommit del biglietto. Alla base, sul margine
bianco, a sinistra, la leggenda I.P.S. OFF. CARTEVALORI e a destra il nome del bozzettista R. MURA.
Colori: grigio bluastro e giallo oro.
Verso
Da una base formata da un mare stilizzato, alla cui estremit inferiore racchiusa in una formella la leggenda, in
carattere bastoncino, della legge creativa del biglietto e del decreto del Presidente della Repubblica delle sue
caratteristiche, nasce un motivo ornamentale asimmetrico composto con sagome a linee intrecciate e distese, che
tendono ad avvolgersi intorno ad un ovale centrale ove impresso il valore nominale in cifre sopra la parola
LIRE.
Lo stesso valore nominale in cifre ripetuto allestremit superiori del biglietto, adagiato sopra un fondo di
sicurezza che ripete, su tutta la superficie del biglietto la parola LIRE e il valore in cifre.
Colori: grigio bluastrogiallo orobleu.
Art. 2.
Il contingente in valore nominale del nuovo biglietto di Stato da L.500 di cui al presente decreto fissato in lire
150.000.000.000.

Art. 3.
approvato il tipo del suddetto biglietto di stato da L. 500, conforme alle descrizioni tecniche ed artistiche di cui
allart. 1.
Il presente decreto sar trasmesso alla corte dei conti per la registrazione e verr pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica Italiana.
Dato a Roma, add 20 giugno 1966
SARAGAT
Il Ministro per il Tesoro COLOMBO
Registrato alla Corte dei conti add 12 luglio 1966
Registro n. 16 Tesoro, foglio n. 242

Decreto Ministeriale 20 luglio 1966


Corso legale dei biglietti di Stato da L. 500.
Gazzetta Ufficiale n. 225 del 10 settembre 1966
Il Ministro per il Tesoro
Visto lart. 1 della legge 31 marzo 1966, n. 171;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 20 giugno 1966 che fissa le caratteristiche del nuovo
biglietto di Stato da L. 500 e ne determina il contingente;
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre
1935, n. 2393, e successive modificazioni;
Decreta:
Art. 1.
I biglietti di Stato da L. 500, emessi a norma dellart. 1 della legge 31 marzo 1966, n. 171, hanno corso legale a
decorrere dal 19 settembre 1966.
Art. 2.
Il limite per il potere liberatorio dei biglietti di Stato da L. 500 di cui al presente decreto fissato in L. 50.000
(biglietti n. 100).
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.
Roma, add 20 luglio 1966
Il Ministro: COLOMBO
Registrato alla Corte dei conti add 1 agosto 1966
Registro n. 18 Tesoro, foglio n. 155

Decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1969, n. 422


Modificazioni al regolamento per i biglietti di banca.
Gazzetta Ufficiale n. 191 del 29 luglio 1969
Il Presidente della Repubblica:
Visto lart. 4 del testo unico delle leggi sugli istituti di emissione e sulla circolazione dei biglietti di banca,
approvato con il regio decreto 28 aprile 1910, n. 204;
Visto il regolamento per i biglietti di Stato e di banca, approvato con il regio decreto 30 ottobre 1896, n. 508, e
successive modificazioni;
Visto lart. 87, comma quinto, della Costituzione;
Udito il parere del Consiglio di Stato;
Sentito il Consiglio dei Ministri
Sulla proposta del Ministro per il tesoro;
Decreta:
Art. 1.
Lart. 68 del regolamento per i biglietti di Stato e di banca, approvato con il regio decreto 30 ottobre 1896, n.
508, viene sostituito dal seguente:
Le banconote danneggiate o logore sono presentate al cambio, presso la cassa speciale, annullate con
perforazione, effettuata in modo che non ne sia obliterato alcuno dei distintivi caratteristici necessari per
riconoscere la loro legittimit.
Sul recto e sul verso di ciascuna mazzetta delle banconote, come sopra annullate, dovr essere apposto il timbro
ad umido con la parola Annullato e lindicazione della data e della cassa che ha proceduto allannullamento.
Dopo verifica e contazione in dettaglio, da parte del gestore della cassa speciale e dellufficio di controllo del
Tesoro presso la medesima, le banconote logore o danneggiate annullate con le modalit sopraindicate sono
immesse nella cassa speciale in sostituzione di quelle atte alla circolazione, da consegnare allistituto interessato
a seguito di autorizzazione dellispettorato di vigilanza.
La cassa speciale, dopo aver riscontrato esatto il valore e accertata la legittimit dei biglietti annullati, rilascia a
favore delle casse mittenti la ricevuta firmata dal gestore e vistata dallufficio di controllo del Tesoro.
Su richiesta dellIstituto di emissione lispettorato generale di vigilanza autorizza labbruciamento delle
banconote annullate, verificate ed ammesse al cambio, con lintervento dei detentori delle chiavi della cassa
speciale, o dei loro delegati; nonch di rappresentanti dellispettorato e della banca espressamente designati ad
effettuare laccertamento dei biglietti da distruggere ed a presenziare alle relative operazioni.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sar inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti
della Repubblica Italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare
Roma, add 9 maggio 1969
SARAGAT
RUMOR COLOMBO
Visto, il Guardiasigilli, GAVA
Registrato alla Corte dei conti add 18 luglio 1969
Atti del Governo, registro n. 228, foglio n. 49 CARUSO

Decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1974


Caratteristiche tecnicoartistiche del nuovo biglietto di Stato da L. 500.
Gazzetta Ufficiale n. 317 del 4 dicembre 1974
Il Presidente della Repubblica
Visto il regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874, convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393;
Visto lart. 1 della legge 31 marzo 1966, n. 171;
Visto il proprio decreto in data 20 giugno 1966;
Considerata lopportunit di emettere un nuovo biglietto di Stato da L. 500 in sostituzione di quello autorizzato
con il citato decreto presidenziale 20 giugno 1966;
Sulla proposta del Ministro per il tesoro;
Decreta:
Art. 1.
Le caratteristiche tecnicoartistiche del nuovo biglietto di Stato da L. 500 tipo 1974 sono determinate come
appresso:

carta: bianca, liscia, filigranata, contenente fibre fluorescenti;


filigrana: stemma della Repubblica a punto fisso;
formato carta: mm 115 x 58;
formato stampa: mm 107 x 50;
stampa: calcografica ed offset a secco sui due lati del foglio;
colori: nel recto due colori calcografici e tre offsetsec con iride; nel verso un colore
calcografico e due offsetsec con iride.

Recto: lelemento figurativo principale una testa alata di Mercurio poggiante, alla destra del biglietto, su una
cornice formata da elementi meccanici, cornice che prosegue, in parte, sui lati verticali della composizione
inserendosi, a sinistra, in un rosone ovale spezzato al cui centro inserita la filigrana (stemma della Repubblica).
Le leggende si susseguono dallalto verso il basso nel seguente ordine:

REPUBBLICA ITALIANA (in carattere romano ombreggiato)


CINQUECENTO (in carattere romano)
la leggenda LIRE (entro un rosone ovale)
sotto 500 in cifre
alla base la leggenda BIGLIETTO DI STATOA CORSO LEGALE (in carattere romano)
a sinistra sotto il rosone spezzato le tre firme che autenticano il biglietto e cio
dallalto in basso:
IL DIRETTORE GEN. DEL TESORO segue la firma,
IL CASSIERE SPECIALE segue la firma,
V PER LA CORTE DEI CONTI segue la firma
a sinistra verticalmente oltre la cornice riportato 500 in cifre.
La serie ed il numero figurano allestremit sinistra ed allestremit destra della sommit del biglietto. Alla base,
sul margine bianco, a sinistra la leggenda I.P.S. OFF. CARTE VALORI ed a destra il nome dellartista
VANGELLI.
Un fondino in offset a linea intrecciata a pi colori copre la quasi totalit della superficie stampata.
Colori:

calco: bleu acciaio e verde smeraldo tendente allazzurro;


offsetsec: giallo limone, giallo ocra, celeste chiaro e rosa antico (iride).

Verso: lelemento figurativo principale del verso una composizione allegorica raffigurante lumanit che
domina la natura strappando ad essa la materia e le energie necessarie per il progresso delluomo, volgendole poi
a conquistare i segreti delle stelle.
Dietro la composizione domina orizzontalmente il valore 500 in cifre per la quasi totale dimensione del
biglietto. Sotto la leggenda LIRE e CINQUECENTO in lettere.
Di lato a destra, verticalmente, sono riportati i dati relativi ai decreti.
Su quasi la totalit del biglietto, un fondino offset a due colori con iride disegna una raggiera che si diparte
dallultima cifra del valore 500 in alto.
Colori:

calco: viola grigio;


offsetsec: verde oliva chiaro, azzurro e giallo arancio (iride).
Art. 2.

Il contingente in valore nominale del nuovo biglietto di Stato da L. 500 di cui al presente decreto fissato in L.
150.000.000.000 (centocinquantamiliardi).
Art. 3.
approvato il tipo del suddetto biglietto di Stato da L. 500, conforme alle descrizioni tecniche ed artistiche di
cui allart. 1.
Il presente decreto sar trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione e verr pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.
LEONE
LAMALFA
Registrato alla Corte dei conti, add 23 marzo 1974
Registro n. 10 Tesoro, foglio n. 294

Decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno 1976, n. 504


Modificazioni al regolamento per i biglietti di Stato e di banca.
Gazzetta Ufficiale n. 195 del 26 luglio 1976
Il Presidente della Repubblica:
Visto lart. 4 del testo unico delle leggi sugli istituti di emissione e sulla circolazione dei biglietti di banca,
approvato con il regio decreto 28 aprile 1910, n. 204;
Visto il regolamento per i biglietti di Stato e di banca, approvato con il regio decreto 30 ottobre 1896, n. 508, e
successive modificazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 2 marzo 1949, n. 179;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1950, n. 19;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1969, n. 422;
Visto lart. 87, comma quinto, della Costituzione;
Udito il parere del Consiglio di Stato;
Sentito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Ministro Segretario di Stato per il tesoro;
Decreta:
Art. 1.
autorizzata listituzione, presso la filiale di Piacenza della Banca dItalia, di una sezione della cassa speciale e
dellannesso ufficio governativo di controllo per le operazioni di cambio dei biglietti logori.
Art. 2.
Le operazioni di distruzione dei biglietti logori ammessi al cambio ai sensi dellart. 68 del regolamento nelle
premesse citato, possono essere effettuate presso la cassa speciale della Banca dItalia e della suddetta sezione
istituita presso la filiale dellIstituto in Piacenza anche mediante triturazione.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sar inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti
della Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello
Stato.
Dato a Roma, add 3 giugno 1976
LEONE
MORO COLOMBO
Visto, il Guardasigilli: BONIFACIO
Registrato alla Corte dei conti, add 21 luglio 1976
Atti di Governo, registro n. 8, foglio n. 5

Decreto Ministeriale 19 aprile 1980


Cessazione del corso legale del biglietto di Stato da L. 500 di vecchio tipo.
Gazzetta Ufficiale n. 150 del 3 giugno 1980
Il Ministro del tesoro
Vista la legge 31 marzo 1966, n. 171, con la quale si autorizza la fabbricazione e lemissione di biglietti di Stato
da L. 500;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 20 giugno 1966, con il quale vennero determinati i distintivi ed
i segni caratteristici del biglietto di Stato da L. 500 di vecchio tipo e se ne fiss il contingente in valore nominale
in 150 miliardi;
Considerato che lemissione del biglietto di Stato di nuovo tipo, di cui al decreto del Presidente della Repubblica
14 febbraio 1974, pu soddisfare le esigenze della circolazione del taglio;
Decreta:
I biglietti di Stato da L. 500 di vecchio tipo, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 giugno 1966,
cesseranno di avere corso legale con il 30 giugno 1980.
Successivamente alla suddetta data tali biglietti potranno essere presentati per il rimborso presso le tesorerie
provinciali e la tesoreria centrale dello Stato.
Il presente decreto sar comunicato alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, add 19 aprile 1980
Il Ministro: PANDOLFI
Registrato alla Corte dei conti, add 7 maggio 1980
Registro n. 10 Tesoro, foglio n. 294

Decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1981, n. 811


Regolamento per la Fabbricazione e lemissione dei Biglietti di Banca.
Gazzetta Ufficiale n. 9 del 11 gennaio 1982
Il Presidente della Repubblica:
Visto lart. 87, comma quinto, della Costituzione;
Visto il regolamento per i biglietti di Stato e di banca, approvato con regio decreto 30 ottobre 1896, n. 508, e
successive modificazioni;
Visto lart. 4 del testo unico delle leggi sugli Istituti di emissione e sulla circolazione dei biglietti di banca,
approvato con regio decreto 28 aprile 1910, n. 204;
Udito il parere del Consiglio di Stato;
Sentito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Ministro del tesoro;
Decreta:
Articolo unico
approvato lannesso regolamento per la fabbricazione e lemissione dei biglietti di banca, vistato dal Ministro
proponente.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sar inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti
della Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e farlo osservare.
Roma, add 9 ottobre 1981
PERTINI
SPADOLINI ANDREATTA
Visto, il Guardasigilli: DARIDA
Registrato alla Corte dei conti, add 5 gennaio 1982
Atti di Governo, registro n. 37, foglio n. 32

REGOLAMENTO PER LA FABBRICAZIONE E LEMISSIONE DEI BIGLIETTI DI BANCA.


[omissis]
Titolo II
DEI BIGLIETTI A DEBITO DELLO STATO
Capo I
Fabbricazione
Art. 29.
La fabbricazione dei biglietti a debito dello Stato autorizzata con decreti del Presidente della Repubblica, su
proposta del Ministro del tesoro, da registrarsi alla Corte dei conti e da pubblicarsi nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica.
Tali decreti fissano le caratteristiche tecnicoartistiche dei singoli tagli e ne determinano i relativi contingenti di
emissione.
Art. 30.
Nellambito del contingente in valore nominale determinato, ai sensi dellarticolo precedente, con decreti del
Ministro del tesoro registrati alla Corte dei conti, viene autorizzata la fabbricazione dei quantitativi dei biglietti
occorrenti per le esigenze della circolazione.
Con decreti del Ministro del tesoro viene, altres, autorizzata la fabbricazione dei quantitativi di biglietti destinati
alla sostituzione di quelli logori ritirati dalla circolazione.
I biglietti di cui al presente articolo portano la firma del direttore generale del tesoro, la controfirma del cassiere
speciale e il visto del delegato della Corte dei conti.
Con decreti del Ministro del tesoro, registrati alla Corte dei conti e pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, vengono
stabilite rispettivamente la data del corso legale dei biglietti di nuova emissione ed i limiti per il loro potere
liberatorio, nonch la data di cessazione del corso legale ed i termini di prescrizione per il cambio.
Art. 31.
Il provveditore generale, ricevuta la comunicazione di eseguire la fornitura dei biglietti di Stato da parte della
Direzione generale del tesoro, rilascia allIstituto Poligrafico e Zecca dello Stato la relativa autorizzazione.
La sezione dellispettorato del Provveditorato generale presso la cartiera esercita una costante sorveglianza sulla
produzione della carta filigranata, accertandosi che tutte le operazioni siano eseguite secondo le condizioni dei
contratti e relativi capitolati doneri ed in conformit delle disposizioni regolamentari e di ogni altra prescrizione
richiesta dalla Direzione generale del tesoro.
La sezione dellispettorato presso la cartiera tiene in consegna la carta prodotta, ne cura la spedizione secondo le
esigenze al magazzino Tesoro del Provveditorato generale e vigila sulla distruzione dei fogli di scarto.
Alla Direzione generale del tesoro e alla delegazione della Corte dei conti viene trasmessa una situazione mensile
sullandamento della produzione della carta filigranata per i biglietti di Stato.
Art. 32.
I punzoni e le forme filigranate sono custoditi nel magazzino della sezione dellispettorato presso la cartiera e
poste a disposizione della stessa cartiera per il corso delle lavorazioni.
Art. 33.
LIstituto Poligrafico e Zecca dello Stato tiene una gestione separata per la stampa dei biglietti di Stato, soggetta
alla vigilanza della Direzione generale del tesoro.

Nellambito dellofficina cartevalori i locali in cui sono ubicati i reparti per la stampa e lallestimento dei biglietti
costituiscono un comprensorio controllato, dotato di locali di sicurezza per la custodia dei materiali e dei valori.
La Direzione generale del tesoro pu disporre, in relazione alle esigenze della circolazione, temporanee
sospensioni delle lavorazioni dei biglietti di Stato. In tal caso lIstituto pu utilizzare le attrezzature installate nel
comprensorio anche per altre produzioni.
Laccesso al comprensorio vigilato, durante la stampa dei biglietti, dalla Guardia di finanza, dal personale
dellIstituto e dellufficio controllo del Tesoro.
Art. 34.
Un ufficio dipendente dalla Direzione generale del tesoro esercita il controllo sulla fabbricazione dei biglietti di
Stato. Tale ufficio tiene conto del movimento della carta per la fabbricazione dei biglietti e segue le operazioni
occorrenti alla fabbricazione completa dei biglietti medesimi.
Il funzionario preposto al predetto ufficio di controllo assume la qualifica di controllore capo ed coadiuvato da
un adeguato numero di controllori.
Il personale di detto ufficio tenuto ad osservare lorario stabilito per le maestranze dellofficina cartevalori.
LIstituto Poligrafico mette a disposizione locali idoneamente arredati per il funzionamento dellufficio di
controllo del Tesoro e della delegazione della Corte dei conti.
Art. 35.
La carta filigranata destinata alla stampa dei biglietti di Stato, nonch i materiali destinati alla stampa, sono
consegnati, allinizio di ogni ciclo di lavorazione, dal consegnatario del magazzino Tesoro al magazziniere di
serra dellIstituto Poligrafico, alla presenza del controllore capo o di un suo incaricato e con lintervento del
delegato della Corte dei conti.
La consegna viene effettuata con i criteri vigenti per il movimento dei materiali in carico al magazzino Tesoro.
Art. 36.
Alle contazioni ed alle verifiche dei fogli buoni o di scarto, durante le fasi di lavorazione, provvede il personale
dellIstituto incaricato delle contazioni sotto la vigilanza dellufficio di controllo.
Le quantit dei biglietti buoni e di quelli di scarto, ai fini della consegna al magazzino del Tesoro, sono accertate
dal personale addetto alle contazioni, alla presenza di incaricati del controllore del Tesoro e del consegnatario del
magazzino del Tesoro. I fogli di scarto sono idoneamente obliterati giornalmente nellambito del comprensorio,
alla presenza di un controllore del Tesoro.
La preparazione dei materiali occorrenti per la stampa, approntati nei reparti specializzati dellofficina carte
valori ubicati fuori del comprensorio, vigilata da personale dellufficio controllo Tesoro e della sezione
ispettorato.
Sulle operazioni di cui ai precedenti commi la delegazione della Corte dei conti esercita la propria vigilanza.
Art. 37.
La carta stampata considerata scarto di lavorazione, i materiali da stampa non pi utilizzabili e la carta filigranata
residuata, sono distrutti previa autorizzazione del Provveditorato generale sentita la Direzione generale del tesoro,
dopo verifica di incaricati del direttore dellofficina cartevalori, del controllore capo e del capo della sezione
cartevalori e del delegato della Corte dei conti.
La distruzione deve risultare da specifici verbali.
Art. 38.
I biglietti prodotti sono distinti in serie, composte da tanti biglietti secondo le indicazioni dei decreti ministeriali
di autorizzazione di cui allart. 31.
Ciascun biglietto contrassegnato da un numero dordine per ogni serie.
I biglietti finiti debbono essere raccolti in mazzette da cento esemplari.
La sostituzione dei biglietti riscontrati di scarto in sede di allestimento viene effettuata esclusivamente con
limpiego di biglietti di una serie riservata per tali sostituzioni.

I biglietti di scarto sostituiti debbono essere immediatamente obliterati per essere poi distrutti unitamente agli
scarti di fabbricazione di cui allarticolo precedente.
Art. 39.
La consegna dei biglietti da parte del magazzino Tesoro alla cassa speciale si effettua in carrelli a grata metallica,
chiusi a chiave, accompagnati da due impiegati, di cui uno in rappresentanza del magazziniere del Tesoro
dellofficina cartevalori dellIstituto Poligrafico e laltro del consegnatario di detto magazzino e scortati da forza
armata.
Art. 40.
Per la consegna dei biglietti alla cassa speciale, il magazzino Tesoro emette una bolletta a matrice, figlia e
contromatrice, secondo le modalit previste per i versamenti dei valori.
La bolletta deve contenere lindicazione dellordine di fabbricazione dei tagli, delle serie, dei numeri e del valore
nominale dei biglietti.
La consegna dei biglietti pu avvenire in fogli ed in tal caso la bolletta di cui al precedente comma deve porre in
evidenza anche il numero di fogli.
Capo II
Cassa speciale
Art. 41.
La Cassa speciale per le monete ed i biglietti a debito dello Stato sezione Biglietti, concentra il servizio
dei biglietti a debito dello Stato.
Detta cassa:

riceve i biglietti ultimati in foglio o tagliati;


cura lallestimento dei biglietti stessi effettuando i previsti riscontri e li custodisce in apposita sacristia;
effettua la diretta somministrazione alla tesoreria centrale dello Stato ed a tutte le sezioni di tesoreria
provinciale dei biglietti buoni di prima emissione;
effettua il cambio di uguale ammontare di biglietti logori o danneggiati ritirati dalla circolazione ed ammessi
al cambio;
effettua il cambio dei biglietti di vecchio tipo;
provvede alla distruzione di biglietti logori o danneggiati annullati.

La cassa medesima ha il deposito giudiziale dei biglietti falsi o falsificati e degli altri corpi di reato che le
pervengono dalle autorit giudiziarie.
Art. 42.
La gestione della cassa speciale affidata al cassiere speciale che la esercita col concorso del controllore capo il
quale sorveglia e controlla tutte le operazioni della cassa stessa.
Il cassiere speciale e il controllore capo conferiscono le funzioni di sostituto per ogni sezione della cassa speciale
e designano il personale fiduciario che dovr coadiuvarli o rappresentarli nello svolgimento delle loro mansioni.
Lufficio di controllo disimpegna anche il servizio dei biglietti danneggiati o sospetti di falsit che ad esso
pervengono e che deve presentare alla commissione tecnica.
Art. 43.
Il cassiere speciale ed il controllore capo rispondono in solido della gestione della cassa speciale.
Alla fine di ogni esercizio e al termine di ogni gestione, il cassiere speciale ed il controllore capo rendono
congiuntamente il conto giudiziale per il servizio delle monete e dei biglietti dello Stato.
La delegazione della Corte dei conti esamina in linea amministrativa il conto giudiziale e, quando non abbia nulla
da rilevare, lo munisce del proprio visto.

Art. 44.
Indipendentemente dalle ispezioni che fossero disposte dalla Direzione generale del tesoro, i valori in custodia
presso la cassa speciale debbono essere verificati ad ogni chiusura di esercizio o al termine di gestione.
Un esemplare dei rispettivi verbali deve essere posto a corredo del conto giudiziale del cassiere speciale.
Il delegato della Corte dei conti, col concorso del controllore capo, effettua alla fine di ogni mese, o in qualunque altro
tempo che reputer del caso, la verifica dei fondi esistenti nella sacristia della cassa speciale e accerta che le risultanze
siano conformi alle scritture contabili tanto per la totalit dei biglietti, quanto alla loro suddivisione nei diversi fondi.
Art. 45.
In relazione alle esigenze lavorative, la sezione biglietti della cassa speciale pu essere suddivisa nei seguenti
settori di lavorazione:

taglio e confezionamento dei biglietti con macchine automatiche;


taglio e confezionamento dei biglietti con sistemi non automatizzati;
operazioni concernenti i biglietti annullati.

La movimentazione e la custodia dei valori negli ambienti della cassa speciale hanno luogo mediante utilizzo di
speciali contenitori chiusi.
Luso di tali contenitori non obbligatorio per la movimentazione e la custodia dei biglietti annullati ancora
racchiusi in bisacce di origine.
Art. 46.
I locali in cui ubicata la cassa speciale costituiscono un comprensorio controllato.
La porta di tale comprensorio dotata di serrature a differente congegno le cui chiavi, con i relativi doppi, sono
custodite dal cassiere speciale e dal controllore capo.
Per la custodia dei valori la cassa speciale dispone di pi sacristie distinte nei seguenti settori:
a) biglietti buoni:
biglietti finiti confezionati in ballettoni;
biglietti finiti confezionati in mazzette o in ballette;
biglietti ancora in foglio da lavorare;
biglietti di serie speciale;
b) biglietti annullati:
biglietti annullati contenuti in bisacce di origine sigillate (settore di transito);
biglietti annullati in corso di verifica;
biglietti annullati verificati ed assunti in carico;
biglietti annullati verificati ed assunti in carico per i quali intervenuta lautorizzazione alla distruzione.
Le porte delle sacristie devono avere tre serrature di diverso congegno, le cui chiavi, con i relativi doppi, sono
tenute una dal cassiere speciale, una dal controllore capo e la terza dal delegato della Corte dei conti.
Le immissioni e le estrazioni dei valori sono eseguite con lintervento dei detentori delle tre chiavi.
Il cassiere speciale ed il controllore capo possono essere rappresentati dai sostituti o dai fiduciari.
Art. 47.
Tutte le operazioni concernenti lattivit della cassa speciale, relativamente sia ai biglietti buoni sia a quelli
annullati, vengono esposte in apposite situazioni giornaliere firmate dal cassiere speciale e vidimate dal
controllore capo e dal delegato della Corte dei conti, i quali ne ritirano un esemplare. Una copia deve restare agli
atti della cassa stessa.
Una situazione mensile, firmata e vidimata come sopra, viene inviata alla Direzione generale del tesoro.
Tanto le situazioni giornaliere quanto quelle mensili sono contraddistinte da un numero di ordine progressivo
annuale.

Capo III
Movimento biglietti di Stato
1) Biglietti di prima emissione
Art. 48.
I biglietti fabbricati dallIstituto Poligrafico e Zecca dello Stato sono giornalmente consegnati alla cassa speciale
per serie intere, salvo le sostituzioni di quelli riconosciuti di scarto, raccolti in mazzette da cento biglietti, ovvero
in pacchi contenenti cento fogli di biglietti ultimati.
Art. 49.
La contazione dei biglietti, anche con mezzi meccanici, fatta dal cassiere speciale per taglio e serie alla presenza
del controllore capo e del delegato della Corte dei conti con la eventuale assistenza di un rappresentante
dellIstituto che effettua il servizio di tesoreria dello Stato.
I detti incaricati del controllo accertano nei modi pi convenienti, e senza pregiudizio della prontezza del servizio,
i biglietti verificati che, alla loro presenza, vengono posti nella sacristia.
Art. 50.
Compiuta la verifica dei biglietti e riconosciuta esatta la quantit, il cassiere speciale stacca da un bollettario a
matrice, figlia e contromatrice, una ricevuta con lindicazione dei tagli, delle serie, della numerazione e del valore
dei biglietti, munita della propria firma e di quella del controllore capo e del visto del delegato della Corte dei
conti.
La figlia consegnata al magazziniere del tesoro e la contromatrice spedita alla Direzione generale del tesoro.
Art. 51.
Qualora la cassa speciale sia dotata di attrezzature meccaniche idonee al taglio ed al confezionamento automatico
dei biglietti di Stato, lIstituto Poligrafico consegner alla cassa speciale i biglietti per serie intere raccolti in
pacchi contenenti cento fogli di biglietti ultimati.
La cassa speciale richiede in tal caso giornalmente i quantitativi dei biglietti ultimati da allestire confezionati in
pacchi, in proporzione alla propria capacit lavorativa.
Peraltro, al fine di assicurare la continuit delle lavorazioni e di evitare tempi di attesa, la cassa pu custodire
nelle proprie sacristie un quantitativo di biglietti ancora riuniti in fogli, tale da consentire la lavorazione senza
dover attendere la somministrazione giornaliera da parte delle officine.
Art. 52.
I biglietti consegnati ancora in fogli alla cassa speciale, ai sensi dellarticolo precedente, per la contazione,
lallestimento ed il confezionamento meccanico, vengono suddivisi per centinaia mantenendo la sequenza
numerica; i fogli stessi sono poi contati prima di essere inseriti nellapparecchiatura.
Art. 53.
La macchina provvede ad una ulteriore contazione dei fogli, al loro taglio in biglietti singoli, al confezionamento
di questi in mazzette da cento esemplari ed allapprontamento in ballette da dieci mazzette racchiusi in un
involucro di plastica trasparente.
Effettuate ulteriori verifiche le ballette vengono confezionate in stecche da dieci, racchiuse da cartone alle due
estremit.
Su uno dei due cartoni sono indicate le caratteristiche dei relativi biglietti; i preposti al settore vi appongono la
propria firma.
Art. 54.
In sede di allestimento e di confezionamento dei biglietti ai sensi dellarticolo precedente la cassa speciale,
qualora i biglietti presentino difetti nella qualit di n con altri di serie speciale.
Le sostituzioni effettuate debbono essere registrate di volta in volta su apposita distinta.

Art. 55.
I biglietti di prima emissione sono prelevati dal fondo dei biglietti di nuova fabbricazione ed in base agli ordini
impartiti dalla Direzione generale del tesoro, su richiesta della Banca dItalia, vengono spediti direttamente alle
sezioni di tesoreria provinciale.
Le sezioni di tesoreria provinciale ne effettuano il rimborso con quietanza in conto entrate del Tesoro, rilasciata
a favore del cassiere speciale dei biglietti di Stato.
I biglietti di prima emissione che occorrono per i bisogni della tesoreria centrale sono parimenti prelevati, previa
autorizzazione della Direzione generale del tesoro, dal fondo dei biglietti di nuova fabbricazione.
Il tesoriere centrale se ne d carico con quietanza in conto entrate del Tesoro a favore del cassiere speciale dei
biglietti a debito dello Stato.
2) Biglietti di Stato logori
Art. 56.
I biglietti logori non pi atti alla circolazione, che pervengono in versamento alle tesorerie, sono da queste
trattenuti e non pi adoperati nei pagamenti. I biglietti che, nelle dette condizioni, vengono presentati alle tesorerie
da contabili o da privati, quando non sorga il dubbio sulla loro legittimit, sono cambiati con altri biglietti
spendibili prelevati dal fondo ordinario di cassa.
I biglietti di Stato logori e non pi atti alla circolazione, raccolti da pubbliche amministrazioni, aziende di credito,
aziende di trasporti urbani, esattorie e ogni altro ente che compia operazioni di cassa con il pubblico, possono
essere versati alle tesorerie per la sostituzione con biglietti nuovi o in buono stato, seguendo le modalit di cui
appresso: I biglietti logori di cui al comma precedente debbono essere presentati distintamente per taglio
e in mazzette da 100 biglietti ciascuna ed in pacchi di dieci mazzette, ognuna delle quali deve essere chiusa a
mezzo di una fascetta portante il timbro dellistituto, ufficio o ente presentatore, la firma dellagente che ha
confezionato le mazzette e la data di presentazione dei biglietti alle tesorerie.
Queste provvederanno alla contazione del numero delle mazzette limitando la verifica e contazione dei singoli
biglietti ad una percentuale da fissarsi di volta in volta dal capo della tesoreria, ma in ogni caso non inferiore al
dieci per cento del numero dei biglietti presentati.
I biglietti integralmente contati e verificati verranno assunti in proprio dalle tesorerie e sostituiti subito con
biglietti nuovi o in buono stato.
Gli altri saranno ugualmente sostituiti dalle tesorerie, ma la definitiva regolazione dei rapporti tra le tesorerie
stesse e gli istituti, enti e uffici presentatori sar fatta dopo che la cassa speciale dei biglietti a debito dello Stato
avr effettuato le verifiche prescritte.
Art. 57.
I biglietti logori, ritirati dalla circolazione come al primo comma dellarti colo precedente, sono annullati dalle
tesorerie mediante perforazione. Ogni mazzetta porter, sulla fascetta, lindicazione della tesoreria e della data di
annullamento.
Art. 58.
Le sezioni di tesoreria provinciale faranno pervenire, per il tramite della Banca dItalia, i biglietti logori alla cassa
speciale, chiusi in sacchetti senza cucitura ed impiombati, accompagnati da appositi verbali.
I biglietti ricevuti dalle tesorerie per la sostituzione, che siano stati sottoposti soltanto alla contazione per
mazzette, saranno spediti o consegnati alla cassa speciale dei biglietti a debito dello Stato in sacchi chiusi con le
modalit in vigore e distinti per presentatore il cui nominativo dovr risultare in ciascun sacco.
Art. 59.
I biglietti logori allarrivo sono sommariamente riscontrati dal cassiere speciale in concorso col controllore capo
che, successivamente, valendosi di apposito personale, procederanno nei modi ritenuti pi convenienti per la
prontezza del servizio alla contazione ed allesame dei biglietti, stendendo processo verbale.

Le operazioni di verifica saranno effettuate in una misura non inferiore al dieci per cento del loro numero totale.
A queste verificazioni, sempre che si tratti di biglietti provenienti dalle sezioni di tesoreria provinciale, pu
assistere un delegato della Banca dItalia.
Tale intervento reso obbligatorio per le operazioni di verifica dei biglietti di cui allultimo comma del precedente
art. 56, ai fini della definitiva regolarizzazione dei rapporti tra le tesorerie e gli istituti, enti o uffici presentatori.
Art. 60.
Compiuta la verifica e la contazione dei biglietti di una o pi sezioni di tesoreria, limmissione di essi nella
sacristia fatta col concorso del controllore capo e del delegato della Corte dei conti.
Il cassiere speciale si d carico dellammontare dei biglietti logori riconosciuti legittimi mediante quietanza di
fondo somministrato, rilasciata a favore della sezione di tesoreria provinciale di Roma e da spedire alla Direzione
generale del tesoro.
Tale quietanza deve portare il visto del controllore capo e del delegato della Corte dei conti e lindicazione di
acconto o saldo.
I biglietti logori ritirati dalla tesoreria centrale vengono consegnati alla cassa speciale che li assume in carico
mediante quietanza di fondo somministrato da spedire alla Direzione generale del tesoro.
Art. 61.
In corrispondenza al carico dei biglietti logori, il cassiere speciale, con il concorso del controllore capo e del
delegato della Corte dei conti, ed eventualmente di un rappresentante della Banca dItalia, preleva, occorrendo,
dal fondo scorta, altrettanta somma di biglietti dello stesso taglio dei logori per linvio alle sezioni di tesoreria
provinciale, con losservanza delle modalit di cui allart 55.
Le sezioni di tesoreria provinciale ne effettuano il rimborso con quietanza di fondo somministrato, rilasciata a
favore del cassiere speciale dei biglietti a debito dello Stato.
Art. 62.
La Direzione generale del tesoro, tenuti presenti i bisogni della circolazione, ha facolt di autorizzare il cambio
dei biglietti di Stato logori, giunti alla cassa speciale, con altrettanti nuovi, anche prima che sia avvenuta la
contazione e lesame dei biglietti nella misura non superiore ai nove decimi del loro numero totale.
Art. 63.
I biglietti di Stato, concentrati nella cassa speciale, annullati e verificati per quantit e valore ai sensi dellart. 60,
debbono essere distrutti entro un anno dal loro ritiro dalla circolazione mediante abbruciamento, triturazione od
altre modalit con lintervento del cassiere speciale, del controllore capo, o dei loro sostituti o dei fiduciari, del
delegato della Corte dei conti ed alla presenza di un rappresentante della Direzione generale del tesoro.
I funzionari preposti alle operazioni di distruzione effettuano accertamenti percentuali dei valori annullati da
distruggere in una misura non inferiore al dieci per cento del loro numero totale.
Tale verifica pu essere abbinata a quelle di cui al precedente art. 59.
Delle relative operazioni fatta constatazione con distinti verbali.
Qualora i biglietti vengano triturati la pasta risultante potr essere destinata alle cartiere dellIstituto Poligrafico
e Zecca dello Stato.
3) Biglietti di Stato danneggiati, falsi o sospetti di falsit
Art. 64.
I biglietti di Stato, parzialmente danneggiati, non sono accettati dalle pubbliche casse per il cambio.
Su richiesta dei possessori, essi possono essere ricevuti in consegna dalla tesoreria centrale e dalle tesorerie
provinciali, perch ne sia fatto linvio al controllore capo presso la cassa speciale e siano sottoposti allesame
della commissione tecnica.
Per il ritiro di detti biglietti vengono redatti appositi verbali.

Art. 65.
I biglietti danneggiati presentati allesame della commissione tecnica sono dichiarati inammissibili al cambio se
non conservano sufficienti caratteri per escludere ogni possibile duplicazione nel cambio stesso. I frammenti di
biglietti non ammessi al cambio sono conservati per un periodo di tempo non inferiore a cinque anni.
Art. 66.
I biglietti danneggiati, riconosciuti inammissibili al cambio dalla commissione tecnica, sono consegnati dal
controllore capo al cassiere speciale perch li assuma in carico nel fondo dei logori destinati alla distruzione.
Il cassiere speciale procede per questi biglietti, come per quelli logori, secondo le norme stabilite dagli articoli
precedenti, ponendo a tergo della bolletta la dizione Danneggiati, senza distinzione di provenienza.
Art. 67.
Il controllore capo della cassa speciale d partecipazione alla tesoreria centrale ed alle tesorerie provinciali, che
hanno trasmesso i biglietti danneggiati, delle decisioni della commissione tecnica, autorizzando il rimborso per
il rispettivo valore dei biglietti ammessi al cambio.
Il diritto al rimborso dei biglietti di Stato danneggiati ammessi al cambio si prescrive col decorso di tre anni dalla
data del verbale di presentazione dei biglietti stessi alla tesoreria centrale o alle tesorerie provinciali.
Art. 68.
Tutti gli uffici pubblici, tutti i contabili dello Stato e quelli dellIstituto di missione ai quali venissero presentati
biglietti di Stato ritenuti falsi, falsificati o sospetti di falsit o di falsificazione, debbono trattenerli, redigendo
processo verbale in quadruplice esemplare, nel quale siano riportati i contrassegni particolari di ciascun biglietto
e siano indicati il nome, il cognome, la data di nascita e il luogo di dimora del presentatore.
Un esemplare del verbale sar rilasciato allesibitore del biglietto falso ed un altro sar spedito immediatamente,
a cura dellufficio sequestrante, allautorit di pubblica sicurezza nella cui giurisdizione abbia avuto luogo il
sequestro; uno da spedirsi unitamente al biglietto, alla cassa speciale, lultimo da trattenere agli atti.
vietato tagliare in qualunque modo il biglietto falso o sospetto di falsit per tenerne una parte e restituire laltra
al presentatore.
Art. 69.
I biglietti sequestrati debbono essere spediti o consegnati, insieme col terzo esemplare del verbale, al tesoriere
centrale o alle tesorerie provinciali della rispettiva provincia che, non pi tardi del 25 di ogni mese, li trasmette,
con elenco dei verbali e con lesemplare dei verbali medesimi, allufficio di controllo presso la cassa speciale per
essere sottoposti allesame della commissione tecnica indicata dallart. 75.
Art. 70.
I biglietti pervenuti allautorit giudiziaria in seguito a sequestro direttamente eseguito dagli agenti della forza
pubblica debbono essere spediti al controllore capo presso la cassa speciale per lesame di cui allarticolo
precedente.
Art. 71.
I biglietti riconosciuti legittimi dalla commissione tecnica, previa apposizione del bollo di legittimit, sono passati
dal controllore al cassiere speciale che deve darsene carico nel fondo dei biglietti logori ed effettuarne il cambio
con le formalit stabilite. Il controllore d notizia alla tesoreria centrale o alle tesorerie provinciali dei biglietti
ammessi al cambio ed autorizza il rimborso alle parti. Le sezioni di tesoreria ne avvisano le autorit di pubblica
sicurezza ai fini dellabbandono delle indagini.
Il diritto al rimborso dei biglietti di Stato sospetti di falsit, riconosciuti legittimi, si prescrive col decorso di tre
anni dalla data del verbale di sequestro.
Art. 72.
I biglietti di Stato dichiarati dalla commissione tecnica falsi o falsificati saranno restituiti dal controllore capo
presso la cassa speciale, assieme ai relativi verbali, alla tesoreria centrale ed alle tesorerie provinciali dalle quali
pervennero affinch, in conformit allart. 2 del codice di procedura penale, lautorit giudiziaria provveda a
promuovere il procedimento di legge. A tale effetto debbono pure comunicarsi, in estratto, le risultanze

dellesame eseguito dalla suddetta commissione con lindicazione del numero della contraffazione a cui il
biglietto appartiene.
I biglietti pervenuti dallautorit giudiziaria sono ad essa restituiti per lulteriore corso del procedimento.
La tesoreria centrale e le tesorerie provinciali sono tenute ad informare gli uffici dai quali hanno ricevuto i biglietti
sospetti di falsit dellesito dellesame sui medesimi eseguito.
Art. 73.
Lautorit giudiziaria alla quale occorresse di avere le perizie tecniche dei biglietti falsi deve richiederle
direttamente allufficio di controllo presso la cassa speciale dei biglietti a debito dello Stato, il quale le
comunicher esclusivamente in copia.
Art. 74.
Le decisioni dellautorit giudiziaria sui biglietti denunziati come falsi debbono essere partecipate dallautorit
medesima alla Direzione generale del tesoro, a cui vengono anche trasmessi i corpi di reato, dopo ultimato il
processo per essere dati in custodia alla cassa speciale.
Capo IV
Commissione tecnica
Art. 75.
demandato alla commissione tecnica, istituita presso la cassa speciale per le monete e per i biglietti a debito
dello Stato, lesame dei biglietti circolanti per conto dello Stato:
a) danneggiati;
b) sospetti di falsit o di falsificazione.
Art. 76.
La commissione composta di un presidente, di un vice presidente, di quattro commissari e di un segretario, alla
cui nomina si provveder con decreto del Ministro del tesoro.
I commissari rimangono in carica per un triennio, scaduto il quale possono essere confermati.
Capo V
Disposizioni transitorie e finali
Art. 77.
In attesa che il comprensorio previsto dallart. 33 del presente regolamento venga definitivamente costituito,
la custodia della carta filigranata per i biglietti di Stato bianca e di scarto e dei valori ultimati e da consegnare,
viene effettuata nellambito del magazzino Tesoro gestito dal Provveditorato generale dello Stato presso le
officine cartevalori dellIstituto.
Si osservano al riguardo le disposizioni, modalit e procedure vigenti.
Art. 78.
La Direzione generale del tesoro pu disporre periodiche visite ispettive presso le cartiere per la lavorazione della
carta filigranata per i biglietti a debito dello Stato, ai settori di fabbricazione dei prodotti soggetti alla sua vigilanza
nellambito dellIstituto Poligrafico ed al magazzino Tesoro del Provveditorato generale dello Stato,
relativamente alla custodia ed alle consistenze dei biglietti a debito dello Stato.
Art. 79.
LIstituto Poligrafico e Zecca dello Stato, ai sensi del disposto dellart. 11 della legge 20 aprile 1978, n. 154, pone
a disposizione, per lattivit della cassa speciale, locali per gli uffici dei gestori e della delegazione della Corte

dei conti, sale di contazione e sacristie di sicurezza per la custodia dei valori, dotati dei necessari arredamenti, di
idonee attrezzature meccaniche e di materiali duso.
Il personale operaio dellIstituto comunque assegnato alla cassa speciale esplica la propria attivit sotto la
immediata direzione, vigilanza e responsabilit dei funzionari della Direzione generale del tesoro preposti alla
gestione della cassa stessa.
I conseguenti rapporti sono regolati mediante apposite convenzioni da stipularsi tra il Ministero del tesoro e
lIstituto Poligrafico e Zecca dello Stato ai sensi del citato art. 11.
Art. 80.
La Corte dei conti, per mezzo di suoi delegati, esercita il sindacato sulla fabbricazione ed emissione dei biglietti
di Stato ai sensi del regio decreto 7 marzo 1926, n. 412, del regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874,
convertito nella legge 23 dicembre 1935, n. 2393, e successive modificazioni ed integrazioni.
Art. 81.
I controllori del Tesoro svolgono i loro compiti in modo da favorire al massimo le produzioni in un contesto di
sicurezza e regolarit delle operazioni.
LIstituto risponde anche delloperato del personale non dipendente immesso nei reparti soggetti a controllo per
lo svolgimento di particolari attivit lavorative.
Agli uffici di controllo del Tesoro viene consegnato un elenco, costantemente aggiornato, delle persone ammesse
alle lavorazioni.
In casi di particolare gravit, allo scopo di compiere indagini o stabilire eventuali responsabilit, i capi degli uffici
di controllo possono chiedere alla direzione dello stabilimento interessato di disporre il fermo delle macchine e
la sospensione delle lavorazioni.
Di tali eccezionali provvedimenti viene data immediata notizia allamministrazione.
Art. 82.
Chiunque acceda od esca dai comprensori soggetti a controllo presso le officine cartevalori e lofficina della
sezione Zecca dellIstituto Poligrafico tenuto allosservanza delle disposizioni di servizio emanate dalla
Direzione generale del tesoro dintesa con lIstituto Poligrafico e Zecca dello Stato ed soggetto a particolari
controlli, da effettuarsi anche con mezzi meccanici, con losservanza delle cautele e modalit atte a tutelare la
dignit ed il decoro individuale.

Decreto Ministeriale 28 ottobre 1985


Cessazione del corso legale dei biglietti di Stato da L. 500 tipo 1974.
Gazzetta Ufficiale n. 301 del 23 dicembre 1985
Il Ministro del tesoro:
Vista la legge 31 marzo 1966, n. 171, con la quale venne autorizzata la fabbricazione e lemissione di biglietti di
Stato da L. 500;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1974, con il quale vennero determinati i distintivi ed
i segni caratteristici del biglietto di Stato da L. 500 tipo 1974;
Considerato che lesigenza della circolazione del taglio da L. 500 ampiamente assicurata dallo sviluppo assunto
dallemissione della nuova moneta bimetallica di pari taglio;
Ritenuto, pertanto, la necessit di eliminare la circolazione del taglio da L. 500 di specie cartacea;
Decreta:
I biglietti di Stato da L. 500 tipo 1974, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1974,
cesseranno di aver corso legale alla data del 28 febbraio 1986.
Successivamente alla suddetta data tali biglietti potranno essere presentati per il rimborso presso le tesorerie
provinciali e la tesoreria centrale dello Stato.
Il presente decreto sar trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, add 28 ottobre 1985
Il Ministro: GORIA
Registrato alla Corte dei conti, add 27 novembre 1985
Registro n. 39 Tesoro, foglio n. 228

Leggi sui Biglietti di Stato della Repubblica italiana, divise per taglio di moneta

L. 500
Legge 31 marzo 1966, n. 171 (autorizzazione al Tesoro a emettere biglietti di Stato)
Decreto Ministeriale 4 luglio 1966 (cessazione corso legale banconota)
Decreto del Presidente della Repubblica 26 giugno 1966 (caratteristiche biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 20 luglio 1966 (corso legale biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 14 febbraio 1974 (caratteristiche biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 19 aprile 1976 (cessazione corso legale biglietto di stato vecchio tipo)
Decreto Ministeriale 19 aprile 1980 (cessazione tipo 1966)
Decreto Ministeriale 28 ottobre 1985 (cessazione tipo 1974)
L. 100
Decreto del Presidente della Repubblica 31 dicembre 1951 (caratteristiche biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 4 luglio 1952 (corso legale biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 21 gennaio 1957 (cessazione corso legale biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 26 marzo 1957 (proroga termini per il cambio del biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 26 giugno 1957 (proroga termini per il cambio del biglietto di Stato)
L. 50
Decreto del Presidente della Repubblica 31 dicembre 1951 (caratteristiche biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 5 maggio 1952 (corso legale biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 21 gennaio 1957 (cessazione corso legale biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 26 marzo 1957 (proroga termini per il cambio del biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 26 giugno 1957 (proroga termini per il cambio del biglietto di Stato)
L. 20
Decreto Ministeriale 20 dicembre 1945 (caratteristiche biglietto di Stato)
L. 10
Decreto Ministeriale 27 ottobre 1955 (cessazione corso legale biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 23 aprile 1956 (proroga termini per il cambio del biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 26 febbraio 1957 (proroga termini per il cambio del biglietto di Stato)
L. 5
Decreto Ministeriale 27 ottobre 1955 (cessazione corso legale biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 23 aprile 1956 (proroga termini per il cambio del biglietto di Stato)
Decreto Ministeriale 26 febbraio 1957 (proroga termini per il cambio del biglietto di Stato)
L. 2
Decreto Ministeriale 13 novembre 1957 (cessazione corso legale biglietto di Stato)
L. 1
Decreto Ministeriale 13 novembre 1957 (cessazione corso legale biglietto di Stato)

Leggi sui Biglietti di Stato della Repubblica italiana, in ordine cronologico


1945
Decreto Ministeriale 13 settembre Riordinamento della circolazione dei biglietti di Stato
Decreto Ministeriale 20 dicembre Caratteristiche dei biglietti di Stato da lire venti
1948
Decreto Legislativo 21 febbraio, n. 269 Modificazioni allart. 12 del regolamento per i biglietti di Stato
approvato con lart. 5 del regio decretolegge 20 maggio 1935, n. 874
1949
Decreto del Presidente della Repubblica 2 marzo, n. 179 Modificazioni al regolamento per i biglietti di Stato
e di banca, approvato con regio decreto 30 ottobre 1896, n. 508
1950
Legge 11 aprile, n. 208 Norme per agevolare la sostituzione dei biglietti di Stato logori
1951
Legge 24 dicembre, n. 1405 Norme sulla circolazione monetaria
Decreto del Presidente della Repubblica 31 dicembre Caratteristiche dei biglietti di Stato da L. 100 e da L. 50
1952
Decreto Ministeriale 5 maggio Corso legale dei biglietti di Stato da L. 50 emessi a norma dellart. 3 della
legge 24 dicembre 1951, n. 1405
Decreto Ministeriale 4 luglio Corso legale dei biglietti di Stato da L. 100 emessi a norma dellart. 3 della
legge 24 dicembre 1951, n. 1405
1953
DM 22 ottobre Importazione ed esportazione di biglietti di Stato e di banca italiani dei tagli da L. 5.000 e da L. 10.000
1954
Legge 29 ottobre, n. 1048 Proroga del termine per la cessazione del corso legale e la prescrizione dei biglietti
di Stato da L. 1 a L. 100 e la sostituzione di essi con le nuove monete metalliche
1955
Decreto Ministeriale 27 ottobre Cessazione del corso legale dei biglietti di Stato da L. 10 e da L. 5
1956
Decreto Ministeriale 23 aprile Proroga del termine fissato per il cambio dei biglietti di Stato da lire 10 e da lire 5
1957
Legge 5 febbraio, n. 23 Proroga del termine per la cessazione del corso legale e la prescrizione dei biglietti di Stato
Decreto Ministeriale 26 febbraio Proroga del termine per il cambio dei biglietti di Stato da L. 10 e da L. 5
DM 26 marzo Proroga dei termini di cessazione del corso legale e di cambio per i biglietti di Stato da L. 100 e L. 50
DPR 26 giugno Proroga dei termini di cessazione del corso legale e di cambio per i biglietti di Stato da L. 100 e L. 50
Decreto Ministeriale 13 novembre Cessazione del corso legale e prescrizione dei biglietti di Stato da L. 2 e L. 1
1966
Legge 31 marzo, n. 171 Autorizzazione al Tesoro dello Stato a fabbricare ed emettere biglietti da L. 500
DPR 26 giugno Caratteristiche del biglietto di Stato da L. 500, e determinazione del contingente di fabbricazione
Decreto Ministeriale 20 luglio Corso legale dei biglietti di Stato da L. 500
1974
Decreto Ministeriale 14 febbraio Caratteristiche tecnicoartistiche del nuovo biglietto di Stato da L. 500
1976
Decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno n. 504 Modificazioni al regolamento per i biglietti di Stato e di banca
1980
Decreto Ministeriale 19 aprile Cessazione del corso legale del biglietto di Stato da L. 500 di vecchio tipo
1985
Decreto Ministeriale 28 ottobre Cessazione del corso legale dei biglietti di Stato da L. 500 tipo 1974