You are on page 1of 12

SE L’UTENTE NON PUO USARE IL MOUSE

Quando è nato il topo!


Come è noto, il mouse è stato progettato (fin dalle prime ricerche degli anni ’60/’70) per
facilitare l’accesso al computer ad una popolazione priva di handicap e ancora poco
familiarizzata con l’uso dei computer: il mouse e il sistema con icone e finestre rappresentava
la possibilità di ampliare il mercato dell’informatica verso un pubblico per il quale il sistema
DOS rappresentava una soluzione troppo ostica e complessa, e teneva conto della ergonomia
di una popolazione mediamente “normale”.
Il sistema mouse-icone-finestr
mouse-icone-finestre,, come sappiamo
sappiamo, ha poi rapidamente conquistato il mercato,
cogliendo gli obiettivi dei suoi progettisti.

Se escludiamo il software appositamente progettato per persone disabili, la stragrande maggioranza del
software in commercio prevede oggi un largo utilizzo del mouse. Nei programmi educativi e di gioco rivolti
a bambini e ragazzi, poi, il mouse è quasi sempre lo strumento esclusivo previsto per il loro impiego.
Progettato sulla ergonomia di una popolazione “normale” il mouse non rappresenta sempre una buona soluzione
per persone con disabilità. Gli ostacoli al suo utilizzo possono riguardare diverse aree e sovrapporsi fra loro:
• Area motoria: possono verificarsi molte difficoltà a direzionare il mouse, a controllare il movimento rapido
del puntatore che “scappa” in direzioni non volute, ad agire sul click senza produrre uno spostamento del
puntatore fuori dall’area sensibile, a produrre il doppio click e il trascinamento;
• Area visiva: con difficoltà a vedere la freccia del puntatore sul monitor, a seguirne gli spostamenti, a
“ritrovarla” quando è finita in un punto periferico o si trova “mescolata” al testo o alle immagini, a centrare
le icone spesso troppo piccole;
• Area cognitiva: difficoltà a comprendere il meccanismo di base della funzione di puntamento, difficoltà
a comprendere la associazione fra la icona e la azione del click, difficoltà nella particolare coordinazione
occhio-mano richiesta dall’uso del mouse, difficoltà a comprendere e usare le funzioni di doppio click e
trascinamento.
Di fronte a queste difficoltà sono molte e diverse le soluzioni che possono essere adottate: dalla radicale
esclusione dell’uso del mouse (vedi a fianco il paragrafo sulle scorciatoie da tastiera), a semplici personalizzazioni
del suo funzionamento, a sistemi per rendere più evidente il puntatore sullo schermo, ad una sua sostituzione
del mouse con oggetti ergonomicamente più adeguati.

LE SOLUZIONI SPECIALI
Quando non sia possibile od opportuno usare le frecce della tastiera per sostituire il mouse, si puo' ricorrere ad una classe di
oggetti chiamati Emulatori. Si tratta di strumenti molto diversi fra loro, che sfruttano ciascuno una differente capacita' motoria
dell'utente. Nelle prossime pagine troverete tutte le informazioni su questi dispositivi.

44
SEMPLICI INTERVENTI DI PERSONALIZZAZIONE
Le personalizzazioni del funzionamento del mouse
Windows offre la possibilità di modificare il funzionamento del mouse
per adattarlo alle esigenze dell’utente. Nel Pannello di Controllo potete trovare l’icona Mouse:
Fate doppio click sull’icona: nella finestra che si apre potrete regolare la velocità di spostamento del puntatore e la rapidità del
doppio click.

Le “scorciatoie” da tastiera: i tasti di scelta rapida


In programmi standard come Word® ed Excel® tutte le funzioni principali sono richiamabili non solo usando il mouse, ma anche
mediante combinazioni di tasti della tastiera. Vediamo le principali:
Funzione Come si richiama
Copia Premere contemporaneamente i tasti <Ctrl> <C>
Incolla Premere contemporaneamente i tasti <Ctrl> <V>
Apertura del menù Premere contemporaneamente i tasti <Alt> <F> per accedere al menù File. In generale, tasto <Alt>
del programma premuto contemporaneamente alla lettera sottolineata nel titolo del menù (la “F” in File)
Si possono usare le frecce direzionali per esplorare i menù, premendo poi il tasto di <Invio> quando è
stata evidenziata la funzione voluta; oppure, all’interno del menù, digitare direttamente la lettera
Ricerca e scelta sottolineata nel nome del comando (ad esempio: la “P” in Stampa). Alcune funzioni, come Nuovo, Apri,
della funzione nei menù Salva, Stampa presentano delle scorciatoie dirette, che non richiedono nemmeno di aprire il menù; ad
esempio, il comando Nuovo si può richiamare direttamente con la combinazione di tasti <Ctrl> <N>
Selezione di una
porzione di testo Tenere premuto il tasto <Shift> mentre si muove il cursore con le frecce direzionali
All’interno di programmi come Word® se si desidera chiudere, ad esempio, la finestra di Stampa, perchè
Chiusura di una finestra è stata richiamata per errore, è sufficiente premere il tasto <Esc>. In generale, premere
contemporaneamente i tasti <Alt> <F4>

Uso del menù Premere sulla tastiera il tasto con il simbolo di Windows
Start/Avvio per Con le frecce direzionali scorrere le varie voci, quindi premere il tasto <Invio> per confermare.
la scelta e l’avviamento Se sulla tastiera non è presente il tasto con il simbolo di Windows, premere contemporaneamente i tasti
dei programmi <Alt> <Esc>
Per ulteriori informazioni, consultate la Guida in Linea di Windows e del programma che state utilizzando, alla voce Tasti di scelta rapida.

Usare il mouse con la tastiera: l’Accesso Facilitato


Windows permette di accedere alle funzioni del mouse (puntamento, click, doppio click e trascinamento) utilizzando la tastiera.
In particolare, se l’utente usa la tastiera standard i tasti per il controllo del mouse sono quelli del tastierino numerico a destra;
se l’utente usa la tastiera IntelliKeys, si può utilizzare l’overlay con le frecce direzionali.

Accesso facilitato

Per attivare queste funzioni fate doppio click sull’icona dell’Accesso facilitato che si trova nel Pannello di Controllo; fate click
sulla linguetta Mouse, quindi selezionate Usa controllo puntatore.

Per ingrandire il puntatore del mouse


Alcuni utenti trovano difficoltà nell’uso del mouse anche a causa delle ridotte dimensioni del puntatore a video. Seguite queste
istruzioni per scegliere un puntatore ingrandito fra quelli installati sul computer:
1. nel Pannello di controllo di Windows aprite “Mouse”
2. selezionate la linguetta “Puntatori”
3. selezionate la casella "Combinazione"
4. fra le diverse opzioni selezionate "Windows standard (molto grande)", quindi fate click su Ok
Se nella casella "Combinazione" non è presente l’opzione "Windows standard (molto grande)", eseguite questa procedura:
1. nel Pannello di Controllo di Windows aprite "Installazione applicazioni"
2. selezionate "Installazione di Windows...", quindi l’icona "Accessori"
3. fate click su “dettagli” e selezionate l’opzione "Puntatori del mouse"
4. fate click su OK e seguite le istruzioni a video
Se anche questi puntatori risultassero poco visibili per l’utente, potrete scaricarne gratuitamente di più grandi e colorati al sito
http://www.frascolla.org/Tiflo.htm

45
LA EMULAZIONE DEL MOUSE

Big Track
BIG TRACK è un grande trackball colorato, progettato per bambini.
La grossa sfera e i bottoni blu hanno lo scopo di facilitare il controllo del
movimento del mouse e le funzioni di click e doppio click a piccoli utenti
inesperti. La funzione di trascinamento viene esercitata mantenendo premuto
il bottone di click e agendo sulla sfera per lo spostamento. Non possiede
facilitazioni speciali per bambini disabili. Perfettamente compatibile, BIG
TRACK vi permette di mantenere collegato contemporaneamente anche il
mouse standard. È dotato di connessione USB e PS/2.

Diametro della sfera: cm. 7,5; diametro dei bottoni: cm. 3


Dimensioni esterne complessive: mm. 163 x 170 x 74 (spessore massimo)

Produttore: Infogrip

Expert Mouse
EXPERT MOUSE è un trackball progettato per utenti non disabili, ma la sua forma lo rende
spesso utile a persone che presentano qualche difficoltà di movimento. La grossa sfera, i tasti
di grandi dimensioni facilitano infatti il movimento del puntatore e la selezione delle funzioni.
Inoltre, EXPERT MOUSE permette di far corrispondere liberamente il click, doppio click, etc.
ai quattro grossi tasti che si trovano a fianco della palla: è così possibile dislocare le funzioni
usate con maggiore frequenza in una posizione facilitante per l’utente.
Viene fornito con un driver software per la installazione.

Diametro della sfera: mm. 53


Dimensioni esterne complessive: mm. 117 x 142 x 52 (spessore massimo)

Produttore: Kensington®

Expert Mouse Pro


Oltre alle funzioni già descritte per Expert Mouse, la versione PRO dispone, nella parte
alta della superficie, di sei piccoli tasti: a ciascuno di essi è possibile assegnare in modo
diretto la apertura di un programma o di un sito web. Nella versione PRO è presente
anche la rotellina di scroll. Viene fornito con un driver software per la installazione.

Diametro della sfera: mm. 53


Dimensioni esterne complessive: mm. 126 x 190 x 59 (spessore massimo)

Produttore: Kensington®

46
Roller II Joystick e Roller II Trackerball
Progettati per utenti che hanno difficoltà nell’uso di
mouse standard, i ROLLER II sono disponibili in due
versioni: TRACKERBALL e JOYSTICK.

La ergonomia dei ROLLER II facilita le funzioni di


puntamento, click e trascinamento a quelle persone
disabili che presentano una limitazione nei movimenti
fini della mano. Lo scudo trasparente che ricopre la
zona dei comandi ha lo scopo di facilitare la selezione
quando l’utente sia ostacolato da tremori e distonie.
Quando non sia utile, può facilmente essere rimosso.

I ROLLER II sostituiscono completamente il mouse


standard e non necessitano di software speciale per il
funzionamento.

Nella confezione del Roller Joystick sono comprese anche due impugnature speciali: una rigida con forma a T ed una
a palla in gommapiuma. Sono forniti di attacco PS/2 e USB.

Dimensioni: Trackerball cm. 214 x 134 x 70; Joystick cm. 214 x 134 x 95

Produttore: Traxsys

Roller Joystick Plus e Roller Trackerball Plus


Con le stesse caratteristiche degli altri Roller, le versioni PLUS possiedono un tasto separato
per il doppio click e uno per rallentare la velocità di spostamento del puntatore, allo scopo
di centrare più agevolemente bersagli a video di piccole dimensioni.

Ad ogni pressione del tasto l’utente


ottiene un rallentamento della
velocità di spostamento (un po’
come se “scalasse” le marce di
un’auto): questo gli permette,
giunto in prossimità del bersaglio,
di avere se serve un movimento
lentissimo del puntatore.

Sono forniti di attacco PS/2 e USB.

Produttore: Traxsys

47
LA EMULAZIONE DEL MOUSE

Mouse Mover
Mouse Mover permette di utilizzare joystick o sensori
al posto del mouse standard per gestire i movimenti
e le funzioni del puntatore sullo schermo.

A Mouse Mover potete collegare cinque sensori singoli


oppure i sensori multipli descritti a fianco.
Mouse Mover permette di mantenere collegato
contemporaneamente il mouse standard.
È disponibile in versione USB.

Sono previste varie regolazioni per massimizzare la


funzionalità della emulazione: dalla impostazione delle
velocità iniziale e finale dello spostamento (per facilitare
gli aggiustamenti fini del puntamento o ampi
spostamenti sullo schermo), alla funzione di
trascinamento facilitata con blocco del click.

Produttore: Tash Inc.

Puoi collegare
una gamma
di sensori multipli.
Controlla la
pagina a fianco.

48
SENSORI MULTIPLI

Wafer
Sensore multiplo a pressione composto da cinque distinte aree sensibili, a
membrana, leggermente rientranti rispetto alla superficie esterna. Le aree
sono contraddistinte dai simboli per il controllo del movimento del cursore.
Dimensioni complessive: cm. 40 x 15 x 1.3; diametro dei tasti: cm. 6;
forza di scatto: gr. 100; corsa di scatto: mm. 0.5
Produttore: Tash Inc.

MiniJoystick
Sensore multiplo composto da una leva joystick a quattro posizioni. Premendo verticalmente
l’asta, si ottiene la quinta selezione. MiniJoystick è privo di base di fissaggio per essere
trattenuto nel palmo della mano ed azionato col pollice. Viene fornito con due aste: una in
gomma flessibile e una in plastica rigida. Le aste possono essere rimosse e tagliate ad una
lunghezza inferiore per ridurre la corsa di scatto.
Diametro: cm. 3; lunghezza: cm. 12;
Forza di scatto: joystick gr. 120; selezione verticale gr. 200
Corsa di scatto: joystick mm. 13; selezione verticale mm. 1,5
Produttore: Tash Inc.

Penta
Sensore multiplo a pressione di piccole dimensioni, composto da cinque pulsanti
disposti a stella. Può essere tenuto nel palmo della mano e azionato col pollice.
Diametro: cm. 5; spessore: mm. 13; forza di scatto: gr. 120; corsa di scatto: mm. 0.7
Produttore: Tash Inc.

Joystick with Pad


Sensore multiplo estremamente resistente, composto da una leva joystick
a quattro posizioni e da un sensore a pressione integrato.
Dimensioni complessive: cm. 28 x 18 x 12; forza di scatto: gr. 200
Corsa di scatto del joystick: mm. 6; corsa di scatto del sensore: mm. 15
Produttore: Tash Inc.

49
LA EMULAZIONE DEL MOUSE

Scan Buddy
SCAN BUDDY è un programma a scansione che permette ad utenti colpiti da una disabilità motoria grave di
disporre delle funzioni del mouse, attraverso un sistema sostitutivo. SCAN BUDDY opera per successive divisioni
dello schermo fino ad identificare il punto da raggiungere con il puntatore del mouse.
Il programma suddivide l’area dello schermo prima in due parti poi, ottenuta la conferma col sensore, divide l’area
selezionata ancora in due: le divisioni procedono così fino ad individuare la zona bersaglio voluta.

Il numero di suddivisioni dello schermo può essere impostato anche in funzione del programma con cui SCAN
BUDDY viene usato: se vi sono pochi grandi bersagli sarà sufficiente un minor numero di suddivisioni e l’utente
potrà arrivare più rapidamente al bersaglio voluto.

1.
SCAN BUDDY utilizzato per consultare un
Cd sulla Storia della Letteratura. La
scansione inizia a dividere lo schermo
per selezionare le zone sensibili
rappresentate dalle statue.

2.
Selezionata in più passaggi
la zona sensibile, una barra rossa e nera
scende dall’alto verso
il basso dell’area.

50
cosa ti serve
PER L’USO DEI SENSOR
I

Adattatore per sensori (ve


di pag. 61)

1 o 2 sensori (vedi pag.


56)

3.
Ottenuta la conferma col sensore,
la “manina” di SCAN BUDDY si muove in
senso orizzontale per la selezione
del punto esatto.

Una volta posizionato il puntatore il programma


propone la scelta della funzione: click, doppio click,
inizio del trascinamento, click di destra, scorrimento
del testo o azionamento simultaneo dei tasti shift e
ctrl assieme al click.

Per effettuare il trascinamento SCAN BUDDY utilizza


ancora il sistema delle suddivisioni dello schermo per
identificare il punto sul quale trascinare l’oggetto.

4.
Scelta della funzione:
in questo esempio
La scansione che suddivide lo schermo si disattiva dopo un tempo regolabile, il click.
se l’utente non compie alcuna selezione sul sensore: questo permette di leggere
la pagina senza “disturbi”. Una doppia pressione del sensore riattiva la scansione.

SCAN BUDDY permette di impostare numerosi parametri fra i quali:


• il numero di suddivisioni dello schermo
• il tipo di scansione
• la modalità di collegamento del sensore al computer
• una funzione di click automatico sui bottoni
• il colore della cornice di scansione
• diversi feedback acustici sui vari passaggi della selezione a scansione

Produttore: Applied Human Factors Inc..

51
LA EMULAZIONE DEL MOUSE

Easy Cat
Consente di emulare il funzionamento del mouse sfiorando con un dito la superficie sensibile. Di dimensioni molto
ridotte, Easy Cat è dedicato ad utenti che hanno scarsa forza e limitata ampiezza dei movimenti.

Tutte le operazioni fondamentali del mouse (puntamento, click, doppio click, trascinamento, click con il pulsante di destra)
possono essere effettuate con leggeri tocchi sulla superficie e senza dover ricorrere ai due pulsanti di click integrati.

Easy Cat si collega al computer attraverso una porta PS/2 o USB, e non necessita di software speciale per il funzionamento.

Dimensioni esterne: mm. 85 x 68 x 12 (h); dimensioni superficie sensibile: mm. 60 x 45

Produttore: Cirque Corp.

Toccando e risollevando la superficie una


o due volte con la punta del dito si
ottengono il click e il doppio click; toccando
la zona in alto a destra si ottiene il click
di destra del normale mouse.

Toccando due volte poi strisciando la punta


del dito sulla superficie si ottiene la funzione
di trascinamento.

Cruise Cat
Cruise Cat è un piccolo pannello sensibile, sostituto del mouse, con
funzionalità del tutto analoghe a quelle descritte per il modello Easy Cat.

Offre in più la possibilità di accedere a tre pulsanti programmabili per


avviare con un tocco il browser di internet, la posta elettronica o qualunque
altra applicazione. Sfiorando i margini esterni del pannello è possibile
scorrere in orizzontale o verticale documenti e pagine di internet.

È dotato di attacco USB per la connessione al computer ed è fornito di


driver software.

Produttore: Cirque Corp.

52
Magic Touch
Permette di emulare il funzionamento del mouse
semplicemente toccando la superficie sensibile e
trasparente che si sovrappone allo schermo del computer.
Per spostare il cursore del mouse è sufficiente toccare
o far strisciare il dito sullo schermo Magic Touch.
Utilizzabile con programmi didattici o come semplice
emulatore di mouse, viene fornito completo di cavi,
e software.

Magic Touch permette di mantenere collegato


contemporaneamente il mouse normale.
È disponibile in versione seriale e USB.

Produttore: Keytec Inc.

Mouse and Caret Buddy

MOUSE AND CARET BUDDY è un programma che si sovrappone a qualunque software


standard ingrandendo la dimensione del puntatore del mouse e del cursore del testo.
Alla freccia del mouse si associa l’immagine di un topolino e al cursore del testo quella di
una carota. Quando puntatore o cursore si spostano, l’immagine li segue, permettendo
di identificarne la posizione sul monitor con maggiore facilità.

Il programma vi dà la possibilità di ingrandire e rimpicciolire l’immagine per ottenere


la dimensione più utile all’utente e di sostituire le immagini (topolino e carota)
con qualunque altra desideriate.

Produttore: Applied Human Factors, Inc.

53
LA EMULAZIONE DEL MOUSE

HeadMouse
HeadMouse è destinato ad utenti con una grave
compromissione degli arti superiori, ma che possiedono integri
i movimenti del capo. HeadMouse è un dispositivo che viene
sistemato sopra al monitor; da questa posizione esso capta il
movimento di una piccolissima targhetta metallica adesiva fissata
sulla fronte o sugli occhiali dell’utente e lo trasforma nel
movimento del puntatore del mouse a video. In sostanza,
muovendo il capo, l’utente fa muovere il puntatore del mouse
senza che alcun filo colleghi la targhetta metallica adesiva sulla
sua fronte all’unità di HeadMouse posta sul monitor.
La targhetta metallica è di forma rotonda, misura pochi millimetri di diametro ed ha la consistenza di un bollino adesivo
di carta: nella confezione di HeadMouse ne vengono fornite 50 per un ampio ricambio. I movimenti richiesti per l’uso
di HeadMouse sono molto fini e precisi e richiedono capacità normali di controllo motorio del capo.

La selezione (ovvero il click) avviene mantenendo il puntatore del mouse


fissato nel punto voluto per un tempo che può essere regolato. In
alternativa, la selezione può avvenire impiegando un sensore esterno
(a pressione, a soffio, etc. Vedi capitolo Sensori). In questo caso
il puntatore del mouse viene portato, col movimento della testa,
nella posizione voluta e, premendo il sensore, si otterrà la
selezione. Lo spinotto del sensore viene collegato direttamente
a HeadMouse, nell’apposita presa.

HeadMouse, in questa nuova versione denominata Extreme, si collega ad una


porta di tipo USB o PS/2 del computer e non richiede alcuna alimentazione
esterna. Risulta perciò adatto all’uso con ausili o computer portatili, grazie
anche al ridotto assorbimento di corrente.

Con HeadMouse può essere richiesto


l’emulatore di tastiera SofType.
SofType permette di scrivere e utilizzare
programmi standard selezionando i caratteri con il puntatore del mouse.
SofType funziona proprio come una tastiera, senza limitazioni. L’uso integrato di
HeadMouse e SofType permette una completa autonomia nella gestione del
computer, anche a scopo professionale. In alternativa può essere utilizzato anche
il programma WiVik (vedi capitolo Sotfware).
Produttore: Origin Instruments Corporation

54
Smart-NAV
Smart-NAV è un emulatore destinato ad utenti con una grave compromissione degli
arti superiori, ma che possiedono integri i movimenti del capo.

Smart-NAV è costituito da un dispositivo a infrarossi che, sistemato sopra al monitor,


capta il movimento di una piccolissima targhetta metallica adesiva fissata sulla fronte
o sugli occhiali dell’utente. Questo segnale viene trasformato nel movimento
del puntatore del mouse a video.

La targhetta metallica è di forma rotonda, misura pochi millimetri di


diametro ed ha la consistenza di un bollino adesivo di carta. Nella confezione
di Smart-NAV ne vengono fornite 50. I movimenti richiesti per l’uso di Smart-NAV
sono molto fini e precisi e richiedono capacità normali di controllo motorio del capo.

Il software di Smart-NAV installa sul monitor una barra di comandi che consentono
le funzioni di clic, doppio clic, trascinamento, etc. La selezione di queste funzioni
avviene quando il puntatore del mouse rimane fermo, per un certo intervallo
di tempo, sull’icona del comando corrispondente. In alternativa la selezione
può avvenire con un sensore esterno collegato a Smart-NAV con l’adattatore
fornito in dotazione.

Smart-NAV si collega alla porta


USB del computer e il mouse
standard può essere collegato
contemporaneamente. Volendo
utilizzare Smart-NAV per la
scrittura è necessario acquistare
a parte un emulatore di tastiera
a video (ad esempio il
programma Wivik, vedi pag. 30).

Rispetto a dispositivi analoghi di maggior costo, Smart-NAV presenta una


minore precisione nella lettura del movimento del capo: ciò può non
costituire un particolare problema per alcuni utenti, mentre può risultare
rilevante per altri. Per questo si consiglia di effettuare una prova diretta
di Smart-NAV prima di un eventuale acquisto.

Produttore: Natural Point

55