Sei sulla pagina 1di 3

ALGEBRA LINEARE PROVA SCRITTA DEL 14/7/2011

1. Si considerino lo spazio M
2,2
(R) delle matrici 22 su R e la matrice M =
_
1 2
2 4
_
.
Sia T : M
2,2
(R) M
2,2
(R) lapplicazione denita, per ogni matrice A M
2,2
(R)
da T(A) = MA.
a) Dimostrare che T `e lineare.
b) Calcolare il determinante di T.
c) Dire se T `e invertibile.
d) Determinare una base per il nucleo e una base per limmagine di T.
2. Si consideri la matrice
M =
_
_
a 0 0
0 1 1
a 1 1
_
_
. (1)
a) Determinare, al variare di a R, autovalori ed autospazi di M.
b) Dire per quali valori di a `e diagonalizzabile M.
3. Dato lo spazio vettoriale V delle funzioni reali continue nellintervallo [0, 1], si
denisca
f, g =
_
1
0
f(x)g(x)dx. (2)
a) Si dimostri che f, g `e un prodotto scalare.
b) Dato il sottospazio W generato dalle funzioni f
1
(x) = 1, f
2
(x) = x, f
3
(x) = x
2
,
trovare una base di tale sottospazio che sia ortogonale rispetto al prodotto scalare
sopra denito.
c) Dimostrare che il sottoinsieme U delle funzioni di W che si annullano in x = 1/2
`e un sottospazio di W e trovare la dimensione e una base di U.
1
SOLUZIONI PROVA SCRITTA DEL 14/7/2011
1. a) Dati A, B M
2,2
(R) a , R, abbiamo T(A + B) = M(A + B) =
MA +MB = T(A) +T(B).
b) Scegliendo la base canonica
B =
_
E
1
=
_
1 0
0 0
_
, E
2
=
_
0 1
0 0
_
, E
3
=
_
0 0
1 0
_
, E
4
=
_
0 0
0 1
__
(3)
di M
2,2
(R), abbiamo
T(E
1
) = E
1
+ 2E
3
,
T(E
2
) = E
2
+ 2E
4
,
T(E
3
) = 2E
1
+ 4E
3
,
T(E
4
) = 2E
2
+ 4E
4
.
(4)
Quindi la matrice associata allapplicatione T rispetto alla base B `e data da
M
T
=
_
_
_
_
1 0 2 0
0 1 0 2
2 0 4 0
0 2 0 4
_
_
_
_
. (5)
Il determinante dellapplicazione, che `e indipendente dalla base scelta per ottenere
la rappresentazione matriciale di T, vale det(T) = det(M
T
) = 0. Lannullarsi del
determinante discende immediatamente dal fatto che la terza riga `e multipla della
prima (e la quarta della seconda), vale a dire che le righe (e le colonne) della matrice
non sono indipendenti.
c) Poiche det(T) = 0 lapplicazione non `e invertibile.
d)
B
I
=
__
1 0
2 0
_
,
_
0 1
0 2
__
, (6)
B
K
=
__
2 0
1 0
_
,
_
0 2
0 1
__
. (7)
2. Il polinomio caratteristico `e p
M
() = ( 2)( a). Quindi, per a = 0, 2 i
tre autovalori
1
= 0,
2
= 2 e
3
= a sono distinti, per cui la matrice risulta
diagonalizzabile. Basi dei corrispondenti autospazi sono in questo caso date da
B
0
=
_
_
_
_
_
0
1
1
_
_
_
_
_
, B
2
=
_
_
_
_
_
0
1
1
_
_
_
_
_
, B
a
=
_
_
_
_
_
1
1
a2
a1
a2
_
_
_
_
_
. (8)
Per a = 0 lautovalore
1
= 0 ha molteplicit`a algebrica 2, mentre
2
= 2 ha
molteplicit`a algebrica 1. I corrispondenti autospazi sono dati da
B
0
=
_
_
_
_
_
0
1
1
_
_
,
_
_
1
0
0
_
_
_
_
_
, B
2
=
_
_
_
_
_
0
1
1
_
_
_
_
_
. (9)
2
In questo caso le molteplicit`a geometriche coincidono con quelle algebriche e quindi
la matrice `e diagonalizzabile.
Per a = 2 lautovalore
1
= 0 ha molteplicit`a algebrica 1, mentre
2
= 2 ha
molteplicit`a algebrica 2. I corrispondenti autospazi sono dati da
B
0
=
_
_
_
_
_
0
1
1
_
_
_
_
_
, B
2
=
_
_
_
_
_
0
1
1
_
_
_
_
_
. (10)
In questo caso la molteplicit`a geometricha dellautovalore
2
= 2 vale 1 ed `e minore
di quella algebrica e quindi la matrice non `e diagonalizzabile.
3. a) Data una coppia di vettori f e g, f, g associa a tale coppia uno scalare. Valgono
le propriet`a del prodotto scalare:
(i) Per ogni f, g V , abbiamo
f, g =
_
1
0
f(x)g(x)dx =
_
1
0
g(x)f(x)dx = g, f; (11)
(ii) dati f, g, h V , allora
f, g +h =
_
1
0
f(x)[g(x) +h(x)]dx
=
_
1
0
f(x)g(x)dx +
_
1
0
f(x)h(x)dx = f, g +f, h; (12)
(iii) per ogni f, g V e per ogni c R, abbiamo
cf, g =
_
1
0
[cf(x)]g(x)dx = c
_
1
0
f(x)g(x)dx = cf, g. (13)
b) Applicando il metodo di Gram-Schmidt, otteniamo la base ortogonale {g
1
, g
2
, g
3
},
a partire da {f
1
, f
2
, f
3
}. Abbiamo
g
1
= f
1
= 1, (14)
g
2
= f
2

f
2
, g
1

g
1
, g
1

g
1
= x
_
1
0
xdx
_
1
0
dx
= x
1
2
, (15)
g
3
= f
3

f
3
, g
1

g
1
, g
1

g
1

f
3
, g
2

g
2
, g
2

g
2
= x
2

_
1
0
x
2
dx
_
1
0
dx

_
1
0
x
2
_
x
1
2
_
dx
_
1
0
_
x
1
2
_
2
dx
_
x
1
2
_
= x
2
x+
1
6
.
(16)
c) Se u
1
, u
2
U, vale a dire u
1
(1/2) = u
2
(1/2) = 0, allora, per ogni a, b R,
abbiamo (au
1
+bu
2
)(1/2) = au
1
(1/2)+bu
2
(1/2) = 0, per cui au
1
+bu
2
U, e quindi
U `e un sottospazio di W. Dato un generico vettore in w(x) = ax
2
+ bx + c W,
la condizione w(x) U impone w(1/2) = 0, da cui a/4 + b/2 + c = 0, per cui
w(x) = ax
2
+ bx a/4 b/2. Quindi dim(U) = 2 e una base di U `e data da
B
U
= {x
2
1/4, x 1/2}.
3