Sei sulla pagina 1di 635

Problemi desame 20012012

LORENZO ROI
Edizioni HALPHA

c Edizioni HALPHA. Aprile 2013.

Limmagine frattale di copertina rappresenta un particolare dellinsieme di Mandelbrot centrato nel punto (0.647825450280319, 0.479267489667732) e ingrandito 1.243229 1013 volte. Titolo: Esplosione frattale.

INTRODUZIONE

Questo lavoro presenta i problemi assegnati dal 2001 agli esami di Stato di liceo scientico sia per i corsi di ordinamento che per quelli PNI e si aanca ad una analoga raccolta di temi proposti agli esami nel decennio precedente. Come nelle precedenti edizioni, le soluzioni vengono sviluppate con gradualit` a ponendo attenzione anche ai particolari di calcolo dato che non ` e raro imbattersi in dicolt` a proprio su tali aspetti. Quando lo si ` e ritenuto utile vengono trattati pure diversi approcci risolutivi al medesimo problema. Le nozioni necessarie sono quelle possedute al termine di un corso di studi secondari di indirizzo scientico il che signica disporre dellintero bagaglio di conoscenze sviluppato nellarco dei cinque anni e non solo di quelle arontate nellultimo anno. In appendice si riportano i testi, privi di soluzioni, delle corrispondenti prove suppletive. Per una raccolta dei soli testi assegnati nelle sessioni ordinaria e suppletiva si veda pure TestiEsame.pdf. Un ringraziamento particolare allo studente Lorenzo Martini per i contributi alla redazione delle gure dellesame 2011, per le periodiche discussioni in ambito TEX e per lindividuazione di numerosi, e purtroppo immancabili, refusi. Lorenzo Roi

Particolare dellinsieme di Julia del frattale di copertina

INDICE

Esame 2001 problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 1 2 2 2 3 3 3 3 3 4 4 24 24 24 25 25 25 25 25 26 26 26 26 26 49 49 49 50

Esame 2001 PNI problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

problema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . problema 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . quesito 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

iv quesito quesito quesito quesito quesito quesito quesito quesito quesito 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7 . 8 . 9 . 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Indice
. . . . . . . . . 50 50 51 51 51 51 51 52 52 70 70 70 71 71 71 71 71 72 72 72 72 72 97

Esame 2002 PNI problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2003 problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. 97 . 97 . 98 . 98 . 98 . 99 . 99 . 99 . 99 . 100 . 100 . 100

Esame 2003 PNI

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

problema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122 problema 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

Indice
quesito quesito quesito quesito quesito quesito quesito quesito quesito quesito 1 . 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7 . 8 . 9 . 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

v 123 123 123 123 124 124 124 124 124 124

Esame 2004 problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145 145 146 146 146 146 146 146 146 147 147 147

Esame 2004 PNI problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167 167 168 168 168 168 168 168 169 169 169 169

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186

problema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186

vi problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Indice
. . . . . . . . . . . 186 187 187 187 187 187 188 188 188 188 188

Esame 2005 PNI problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2006 problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214 214 215 215 215 215 216 216 216 216 216 216

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234 234 235 235 235 235 235 235 236 236 236 236

Esame 2006 PNI

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266

problema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266

Indice
problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2007 problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

vii 266 267 267 267 267 267 267 268 268 268 268

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281 281 282 282 282 282 282 282 283 283 283 283

Esame 2007 PNI problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312 312 313 313 313 313 313 313 314 314 314 314

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337

problema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337

viii problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Indice
. . . . . . . . . . . 337 338 338 338 338 339 339 339 339 339 339

Esame 2008 PNI problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2009 problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363 363 364 364 364 364 364 364 365 365 365 365

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388 388 389 389 389 389 389 390 390 390 390 390

Esame 2009 PNI

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406

problema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406

Indice
problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2010 problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ix 406 407 407 407 407 407 407 408 408 408 408

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426 426 427 427 427 427 427 427 428 428 428 428

Esame 2010 PNI problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2011 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449 449 450 450 450 450 451 451 451 451 451 451

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 473

problema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 473

x problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Indice
. . . . . . . . . . . 473 474 474 474 475 475 475 475 475 475 476

Esame 2011 PNI problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 Esame 2012 problema 1 problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497 497 498 498 498 499 499 499 499 499 499 500

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 520 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 520 520 521 521 521 521 521 522 522 522 522 522

Esame 2012 PNI

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 541

problema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 541

Indice
problema 2 quesito 1 . quesito 2 . quesito 3 . quesito 4 . quesito 5 . quesito 6 . quesito 7 . quesito 8 . quesito 9 . quesito 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

xi 541 542 542 542 542 543 543 543 543 543 543

APPENDICE Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame Esame 2001 2001 2002 2002 2003 2003 2004 2004 2005 2005 2006 2006 2007 2007 2008 2008 2009 2009 2010 2010 2011 2011 2012 2012

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 564 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 565 567 569 572 574 576 579 582 585 588 591 594 597 599 601 603 605 607 610 612 614 616 618 620

suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva suppletiva . . . PNI suppletiva

ESAME 2001

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. Problema n. 1 Si consideri la seguente relazione tra le variabili reali x, y : 1 1 1 + = , x y a dove a ` e un parametro reale positivo. a) Esprimere y in funzione di x e studiare la funzione cos` ottenuta, disegnandone il graco in un piano riferito ad un sistema di assi cartesiani ortogonali (Oxy ). b) Determinare per quali valori di a la curva disegnata risulta tangente o secante alla retta t di equazione x + y = 4. c) Scrivere lequazione della circonferenza k che ha il centro nel punto di coordinate (1, 1) e intercetta sulla retta t una corda di lunghezza 2 2. d) Calcolare le aree delle due regioni nite di piano in cui il cerchio delimitato da k ` e diviso dalla retta t. e) Determinare per quale valore del parametro a il graco, di cui al punto precedente a), risulta tangente alla circonferenza k. Soluzione

Problema n. 2 Considerato un qualunque triangolo ABC , siano D ed E due punti interni al lato BC tali che: BD = DE = EC. Siano poi M ed N i punti medi rispettivamente dei segmenti AD ed AE .

Esame 2001: quesito 1


a) Dimostrare che il quadrilatero DEN M ` e la quarta parte del triangolo ABC . 2 e una b) Ammesso che larea del quadrilatero DEN M sia 45 2 a , dove a ` lunghezza assegnata, e ammesso che langolo ABC sia acuto e si abbia inoltre: AB = 13a, BC = 15a, vericare che tale quadrilatero risulta essere un trapezio rettangolo. c) Dopo aver riferito il piano della gura, di cui al precedente punto b), ad un conveniente sistema di assi cartesiani, trovare lequazione della parabola, avente lasse perpendicolare alla retta BC e passante per i punti M , N , C . d) Calcolare, inne, le aree delle regioni in cui tale parabola divide il triangolo ADC . Soluzione

Questionario

1. Indicata con f (x) una funzione reale di variabile reale, si sa che f (x) l per x a, essendo l ed a numeri reali. Dire se ci` o` e suciente per concludere che f (a) = l e fornire unesauriente spiegazione della risposta. Soluzione

2. Sia f (x) una funzione reale di variabile reale, continua nel campo reale, tale che f (0) = 2. calcolare: x f (t)dt 0 , lim x0 2xex dove e ` e la base dei logaritmi naturali. Soluzione

3. Si consideri il cubo di spigoli AA , BB , CC , DD , in cui due facce opposte sono i quadrati ABCD e A B C D . Sia E il punto medio dello spigolo AB . I piani ACC A e D DE dividono il cubo in quattro parti. Dimostrare che la parte pi` u estesa ` e il quintuplo di quella meno estesa. Soluzione

Esame 2001: quesito 8

4. Un tronco di piramide ha basi di aree B e b ed altezza h. Dimostrare, col metodo preferito, che il suo volume V ` e espresso dalla seguente formula: o che si ammette ai V = (1/3)h(B + b + Bb). In ogni caso esplicitare ci` ni della dimostrazione. Soluzione

5. Sia f (x) una funzione reale di variabile reale, derivabile in un intervallo [a, b] e tale che, per ogni x di tale intervallo, risulti f (x) = 0. Dimostrare che f (x) ` e costante in quellintervallo. Soluzione

6. Dimostrare che si ha n k = n1 n1 + k k1 Soluzione

dove n, k sono numeri naturali qualsiasi, con n > k > 0.

7. Fra i triangoli inscritti in un semicerchio quello isoscele ha: a) area massima e perimetro massimo; b) area massima e perimetro minimo; c) area minima e perimetro massimo; d) area minima e perimetro minimo. Una sola risposta ` e corretta: individuarla e darne unesauriente spiegazione. Soluzione

8. Considerata la funzione: f (x) = ax3 + 2ax2 3x, dove a ` e un parametro reale non nullo, determinare i valori di a per cui essa ha un massimo e un minimo relativi e quelli per cui non ha punti estremanti. Soluzione

Esame 2001: quesito 9

9. Il limite della funzione

sen x cos x , x

quando x tende a +, a) ` e uguale a 0; b) ` e uguale ad 1; c) ` e un valore diverso dai due precedenti; d) non ` e determinato. Una sola risposta ` e corretta: individuarla e darne unesauriente spiegazione. Soluzione

10. Si consideri la funzione

Stabilire se si pu` o calcolarne il limite per x + e spiegare se il calcolo pu` o essere eettuato ricorrendo al teorema di De LH opital. Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) a) Il testo del problema fornisce la relazione 1 1 1 + = x y a a>0 che pu` o esistere solo se x = 0 y = 0. Solo ora ` e possibile e conveniente esplicitare nellequazione la variabile y come suggerito dal testo 1 1 1 = y a x 1 xa = y ax axy = 0

x + sen x x cos x.

che descrive completamente la funzione da studiare. Va notato comunque che la sola equazione ax y= xa

e ottenere ax = y (x a). Ponendo lulteriore condizione x a = 0 abbiamo il sistema ax y = xa : (1) x = 0 x=a y=0

Esame 2001: problema 1

rappresenta, al variare di a, un fascio di funzioni omograche ossia di iperboli equilatere riferite ai propri asintoti e traslate: ` e difatti un rapporto di due polinomi di I grado. Lo studio del graco pu` o quindi proseguire sfruttando le conoscenze acquisite nella Geometria Analitica. Essendo comunque un fascio verichiamo lesistenza o meno di punti ssi cio` e di punti appartenenti a tutte le curve del fascio. Questi si ottengono fattorizzando il parametro 1 1 1 + = x y a = y+x 1 = xy a = a(x + y ) = xy

da cui a(x + y ) xy = 0. Indipendentemente da a i punti che soddisfano al sistema x+y =0 xy = 0 = y = x xy = 0

saranno i punti ssi di . Il sistema ` e risolto solo da x = 0 y = 0 per cui a causa delle condizioni espresse in (1) il fascio ` e formato da iperboli equilatere private tutte del vertice O(0, 0). Laltro vertice di questo fascio ` e di conseguenza un punto variabile.

y=a

x=a Fig. 1. Graco di .

Esame 2001: problema 1

Gli asintoti hanno equazioni x = a e y = a/1 = a, questultimo ottenuto come rapporto dei coecienti dei termini di I grado del numeratore e del denominatore. e denito il punto C (a, a), intersezione Il graco ` e pertanto dato dalla g. 1 dove si ` dei due asintoti. Il luogo di questi punti ` e evidentemente la retta di equazione y = x, rappresentata in rosso nella gura. Va inoltre sottolineato che lorigine O, pur essendo un punto sso delle curve rappresentate dallequazione y = ax/(xa), non lo ` e invece per le curve del sistema (1). b) La forma esplicita della retta t : y = x + 4 mostra la sua perpendicolarit` a alla bisettrice y = x, luogo dei punti C ma pure dei vertici delle iperboli. Se quindi indichiamo con V il vertice di ascissa maggiore, le sue coordinate discendono immediatamente dal sistema y=x y= ax xa x= ax xa

dal quale, essendo x = 0, troviamo x a = a, x = 2a = y : pertanto V (2a, 2a). La tangenza tra e t implica che sia V t ossia 2a = 2a + 4 dalla quale a = 1 e Vt (2, 2) (g. 2).

Vt

C 2

y=1

x=1 Fig. 2. Graco di e retta tangente t.

Se si ricerca la condizione di intersezione allora dovr` a essere a < 1 ottenuta ponendo xV < xV t (g. 2) cio` e 2a < 2 dovendo in tal caso V appartenere al semipiano descritto dalla y < x + 4. In denitiva t = se 0 < a 1. c) Per determinare lequazione della circonferenza k di centro C1 (1, 1) (g. 3) troviamone il raggio seguendo un approccio geometrico. Poich e C1 appartiene alla bisettrice del I quadrante troviamo la distanza C1 H di C1 dalla retta t e

Esame 2001: problema 1

quindi, dato che ` e noto il valore di AH = AB/2 = 2 possiamo applicare il teorema di Pitagora a AHC1 per determinare il raggio AC1 . Pertanto C1 H = da cui C1 H + AH = AC1
2 2 2

|1 (1 + 4)| | 2| = = 2 1+1 2 2 ( 2)2 + ( 2)2 = AC1

AC1 = 2.

Lequazione richiesta ` e k : (x1)2 +(y 1)2 = 4 oppure k : x2 +y 2 2x2y 2 = 0.


t B H A C1

Fig. 3. Circonferenza, corda AB = 2 2 e segmento circolare.

d) Determiniamo ora le coordinate dei punti A e B (g. 3) intersezioni di t con k: (x 1)2 + (y 1)= 4 y = x + 4 = (x 1)2 + (x + 3)2 = 4 = x2 4x + 3 = 0.

Questultima equazione possiede le soluzioni xB = 1 e xA = 3 cosicch e i punti cercati sono A(3, 1), B (1, 3). Poich e lordinata di A e lascissa di B risultano rispettivamente uguali allordinata e allascissa di C1 , ne segue che langolo BC1 A ` e retto e C1 AB ` e rettangolo. Larea di un segmento circolare (per es. quello individuato da t e dallarco minore AB , in giallo nella g. 3) si trova come dierenza fra larea A(sett C1 ABC1 ) = 1 r 2 di un settore circolare denito dallangolo al 2 centro (in radianti), e larea di un triangolo, in questo caso A(C1 AB ). Poich e questa vale A(C1 AB ) = 1 AC1 BC1 = 2 2

8 ed essendo =
2

Esame 2001: problema 1


risulta A(sett C1 ABC1 ) =
1 2

AC1 = da cui 2

A(seg min AB ) = A(sett C1 ABC1 ) A(C1 AB ) = 2. Larea invece del segmento corrispondente allarco maggiore AB ne discende im2 mediatamente essendo AC1 = 4 larea del cerchio: A(sett magg AB ) = 4 ( 2) = 3 + 2.

D y=a O

x=a Fig. 4. Tangenza di con la circonferenza k.

e) Dato che entrambe le curve e k sono simmetriche rispetto alla retta bisettrice del I e III quadrante (g. 4), queste potranno essere tangenti solo se il vertice variabile V (con coordinate dipendenti da a) di coincide con il punto D , intersezione di k con la bisettrice. Determiniamo questultimo dal sistema y=x (x 1)2 + (y 1)2 = 4 = (x 1)2 + (x 1)2 = 4,

2 2 dei quali e quindi ( x 1) = 2. Lequazione fornisce i valori x = 1 solo xD = e accettabile dato che D giace nel I quadrante. Pertanto D (1+ 2 , 1+ 2) 1+ 2 ` e imponendo V D discende 2a = 1 + 2 e a = (1 + 2)/2.

Esame 2001: problema 2


Problema n. 2: soluzione. (testo del problema)
A

E K H

Fig. 1. Triangolo ABC e trapezio DEN M .

e per costruzione BD = DE = EC : inoltre AM = M D e a) Costruita la g. 1, ` AN = N E . Essendo quindi M ed N i punti medi del lati AD e AE di ADE , per un teorema di Geometria, conseguenza del t. di Talete, che aerma che il segmento che congiunge i punti medi di due lati di un triangolo ` e parallelo al terzo lato e congruente con la sua met` a, possiamo scrivere M N DE e M N = 1 DE . 2 1 Poich e, per costruzione risulta DE = 3 BC si ottiene che MN = 1 1 DE = 2 2 1 BC 3 = BC . 6

Se H e K sono i piedi delle altezze condotte rispettivamente da A e N al lato BC , 1 ` e pure N EK AEH cosicch e NK = 2 AH . Per tutto ci` o il quadrilatero DEN M ` e un trapezio con altezza pari alla met` a di quella del triangolo ABC . La sua area ` e quindi A(DEN M ) = 1 1 (DE + M N ) N K = 2 2 1 1 1 1 = AH BC = AH 4 2 4 2 1 1 1 BC + BC AH 3 6 2 1 BC = A(ABC ) 4

come si doveva dimostrare. b) Posto che A(DEN M ) = discende che A(ABC ) = 1 BC AH = 4A(DEN M ) = 4 2 45 2 a 2 = 90a2 45 2 a , 2 ABC < 2 AB = 13a, BC = 15a,

10 dalla quale deduciamo

Esame 2001: problema 2

dei segmenti AB , BE , AH ossia AB BE = AH oppure 2 2 2 b) se ADE = 2 , AD AH e AB BD = AH . Nel primo caso risulta (13a)2 (10a)2 = (12a)2 ; nel secondo invece (13a)2 (5a)2 = (12a)2 in quanto (169 25)a2 = 144a2 = (12a)2 . La rappresentazione corretta ` e in questo caso la g. 2.
A

15a AH = 90a2 = AH = 12a. 2 Per vericare che il quadrilatero DEN M risulta un trapezio rettangolo deve sussistere una delle due possibilit` a: a) se DEA = 2 allora AE AH e deve valere il t. di Pitagora tra le misure
2 2 2

DHK

Fig. 2. Triangolo ABC di area assegnata e trapezio DEN M .

c) Riferiamo la gura del punto precedente ad un sistema cartesiano isometrico con origine nel punto M e assi disposti parallelamente a M N e M A (g. 3). Le coordinate dei vari punti sono M O(0, 0), D (0, 6a), 5 a, 0 , B (5a, 6a), 2 E (5a, 6a), C (10a, 6a), A(0, 6a) N

1 e dove si ` e tenuto conto del fatto che AM = 2 AD = 6a. Lequazione della parabola p dovr` a essere del tipo

5 y = (x xM )(x xN ) = (x 0) x a 2

5 = x x a 2

per poter assicurare il passaggio per M e N . Lunica condizione che va posta ` e quindi lappartenenza di C a p e ci` o comporta che

Esame 2001: problema 2

11

M O

Fig. 3. Triangolo ABC , sistema cartesiano con O M e parabola per M , N , C .

5 6a = (10a) 10a a 2 e quindi p:y=

6a =

150 2 a 2

6 75a

6 5 x a 75a 2

2 2 1 x + x. 25a 5

d) Per determinare le aree richieste conviene studiare le possibili (ulteriori) intersezioni tra la parabola e la retta AC . Questultima ha equazione AC : y 6a = per cui 6a (6a) (x 0) 0 10a = 6 AC : y = x + 6a 5

AC p =

y=

6 y = 5 x + 6a 2 2 25 ax

1 5x

2 2 1 6 x + x: x + 6a = 5 25a 5

riscritta lultima equazione come 2x2 35ax + 150a2 = ne discendono le soluzioni xc = 10a e lulteriore xQ = 15 2 a. In aggiunta al punto C previsto, esiste pertanto 6 15 un ulteriore punto di intersezione di ascissa 15 2 a e ordinata y = 5 2 a + 6a = 15 3a: sia Q( 2 a, 3a). Un ingrandimento della gura precedente porta ad individuare quattro regioni nite coinvolgenti la parabola p e ADC : di queste solo tre risultano interne a

12
ad A M O N

Esame 2001: problema 2

Fig. 4. Regioni sottostanti la parabola p e interne a ADC .

ADC (le due in colore nella g. 4 e la terza al di sopra di quella gialla delimitata dai punti M , N , Q, A). Sia quindi A1 larea della regione delimitata dai punti M , D , R, Q, N (in giallo a, 6a). Considerando che la retta DC possiede equazione nella g. 4), con R( 15 2 y = 6a, A1 risulta un trapezoide delimitato da p e dalla retta DC per cui si calcola con lintegrale denito
15 2 a

A1 = Risolvendolo

2 2 1 x + x (6a) dx. 25a 5

x2 2 x3 + + 6ax A1 = 25a 3 10
3 2

15 2 a

2 15 3 15 2 15 3 a + a + 6a a 75a 2 10 4 2 315 2 225 2 45 2 2 a + a + 45a = a . = 20 8 8 La prima regione in cui ` e suddiviso il triangolo ADC ` e data dallunione delle due e larea si ottiene da regioni in colore nella g. 4 cosicch = 315 2 1 345 2 315 2 15 2 a + RC QR = a + a = a . 8 2 8 4 8

AI = A1 + A(QRC ) =

Per dierenza si ottiene inne laltra area richiesta

Esame 2001: quesito 2


AII = A(ADC ) AI 1 345 2 1 345 2 a = 10a 12a a = DC AD 2 8 2 8 345 2 135 2 = 60a2 a = a . 8 8 Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Lipotesi del quesito consiste nellesistenza di
xa

13

lim f (x) = l

a, l R.

Questa ipotesi non pu` o essere suciente per concludere circa lesistenza di f (x) nel punto a (cio` e f (a) R) n e, tanto meno, pu` o discendere la sua continuit` a (cio` e l = f (a)). Per dimostrare questultima aermazione ` e suciente proporre un esempio. Difatti la funzione sen x x soddisfa alla prima condizione essendo manifestamente f (x) = sen x =1 x0 x lim ma ci` o non assicura che sia f (0) = 1 in quanto f nemmeno esiste in x = 0. Se comunque fosse lim f (x) = f (a)
xa

allora la funzione f sarebbe continua nel punto a: ma sappiamo pure che non tutte le funzioni sono continue in R. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Dobbiamo calcolare lim
x f (t)dt 0 , 2xex

x0

con f (x) continua in R e tale che f (0) = 2. La forma del limite proposto evidenzia al numeratore la funzione integrale F (x) della funzione f e al denominatore il termine x che coincide con lampiezza dellintervallo [0, x]. Una riscrittura del tipo lim 1 x
x 0

x0

f (t)dt

1 2ex

(1)

14

Esame 2001: quesito 2

permette quindi di riconoscere nel primo fattore il valore medio integrale della funzione f nellintervallo [0, x]. Studiamo perci` o singolarmente ciascuno dei due limiti 1 x0 x lim
x

f (t)dt e
0

x0

lim

1 . 2ex

Il secondo ` e immediato essendo g(x) = 1/(2ex ) una funzione continua in x = 0: ` e pertanto 1 1 1 = 0 = . 2ex 2e 2 Per il teorema della media integrale, largomento del I limite si pu` o identicare con il valor medio di f nellintervallo [0, x] per cui risulta
x0

lim

1 x

f (t)dt = f (x)
0

con

0 < x < x.

Poich e se x 0 devessere pure x 0, allora il limite si riscrive 1 x0 x lim


x

f (t)dt = lim f (x).


0 x0

Inne essendo f (x) continua in R e quindi anche in 0 e valendo per ipotesi f (0) = 2, si ha
x0

lim f (x) = f (0) = 2.

In denitiva, si pu` o ora applicare il teorema del prodotto dei limiti al limite e si ha richiesto (1), cosicch lim 1 x
x 0

x0

f (t)dt

1 1 = 2 = 1. x 2e 2

Un altro modo per giungere a tale risultato consiste nellosservare che, per il teorema di TorricelliBarrow, la funzione integrale a numeratore oltrech e derivabile ` e continua in [0, x] e possiede limite
x x0

lim

f (t)dt = F (0) = 0.
0

Poich e` e nullo pure il limite


x0

lim 2xex = 0

il limite proposto rientra nel caso di indeterminazione 0/0. Daltra parte, le due funzioni soddisfano entrambe alle ipotesi del t. di De LH opital relative alla

Esame 2001: quesito 3

15

continuit` a e derivabilit` a cosicch e conviene analizzare se esiste il limite del rapporto delle loro derivate. Poich e dal t. di TorricelliBarrow la derivata della funzione integrale risulta essere quella integranda nellestremo superiore,
x

D
0

f (t)dt = f (x)

allora il limite del rapporto delle derivate ` e (risulta pure D (2xex = 2ex (1 + x))
x0 2ex (1

lim

f (x) f (0) = 0 = 1. + x) 2e (0 + 1)

dove si ` e sfruttata la continuit` a della funzione ad argomento del limite e di ciascuna componente. Visto che il limite esiste ` e soddisfatta pure lultima ipotesi del t. di De LH opital e quindi possiamo concludere che il limite richiesto ` e pari ad 1. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) La gura sottostante mostra il cubo del problema e, in colore, i piani ACC A e D DE che lo sezionano. In tal modo si formano 4 prismi, tutti aventi la medesima altezza, pari al lato AA del cubo, per cui i rispettivi volumi dieriscono solo per le diverse aree di base. Per tale motivo il problema pu` o essere arontato considerando una sezione piana parallela alla base ABCD o coincidente con essa.
D A B C

D A E B

Fig. 1. Il cubo sezionato ABCDA B C D .

Posto, per comodit` a AA = AB = 2a e fatta coincidere lorigine di un sistema cartesiano con A e assi paralleli ai lati AB e AD (gura 2), ` e di conseguenza D (0, 2a), B (2a, 0, C (2a, 2a), E (a, 0). Detta R lintersezione di AC con DE , lequazione della retta AC ` e quella della bisettrice del quadrante AC : y = x mentre per DE 2a 0 yD yE (x 0) (x xD ) = y 2a = DE : y yD = xD xE 0a

16
D C

Esame 2001: quesito 3

Fig. 2. Sezione piana della base del cubo.

da cui DE : y = 2x + 2a. Le coordinate di R sono le soluzioni del sistema {R} = AC DE : per cui R 2 2 a, a 3 3 : y=x y = 2x + 2a = x = 2x + 2a

e di conseguenza il punto S , piede dellaltezza condotta da R al lato BC , ` e 2 caratterizzato dalle coordinate S (2a, 3 a). Il calcolo dellarea del quadrilatero EBCR si pu` o suddividere nella somma delle aree del triangolo RSC e del trapezio EBSR cosicch e A(EBCR) = A(EBSR) + A(RSC ) 1 1 = (EB + RS ) BS + RS SC 2 2 1 1 = [a (2a xR )] yS + (2a xR )(2a yS ) 2 2 1 2 1 2 2 2 = 2a a a + 2a a a + 2a a 2 3 3 2 3 3 8 5 7 = a2 + a2 = a2 . 9 9 3 Essendo A(AER) = 1 1 2 a2 AE |yR | = a a = 2 2 3 3

ne discende immediatamente per i volumi

Esame 2001: quesito 4


V (prisma di base AER) A(EBCR) AA = V (prisma di base EBCR) A(AER) AA A(EBCR) 5 3 = = a2 2 = 5 A(AER) 3 a come volevasi dimostrare. Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito)

17

Consideriamo un tronco di piramide avente per basi due poligoni di n lati (in g. 1, n = 4).
V

Fig. 1. Tronco di piramide ed altezze.

Essendo i poligoni di gura ottenuti dallintersezione di due piani paralleli con langoloide di vertice V , essi risultano simili e, per noti teoremi di Geometria Solida, a) il rapporto di similitudine ` e uguale al rapporto tra le distanze dal vertice dei rispettivi piani, b) le aree dei suddetti poligoni simili stanno tra loro come i quadrati delle distanze dal vertice dei rispettivi piani. Posto per comodit` a di scrittura Y = V H e y = V H essendo V H e V H le misure delle altezze delle due piramidi rispettivamente di area di base B e b, il teorema b) aerma

18 B Y2 = 2 b y

Esame 2001: quesito 4

(1)

Il volume del tronco di piramide si ottiene per dierenza tra la piramide di base maggiore con quella di base minore V (tronco) = V (piramide base B) V (piramide base b) 1 1 = BY by 3 3 ma per la (1) questultima si pu` o riscrivere V (tronco) = 1 (BY by ) ed eliminando B 3 Y 3 y3 1 1 Y2 b bY by = = 3 y2 3 y2 1 b = 2 (Y 3 y 3 ). 3 y

Introdotta laltezza h = Y y del tronco di cono e ricordata lidentit` a Y 3 y3 = 2 2 (Y y )(Y + y + Y y ), lultima relazione diviene V (tronco) = 1 b (Y y )(Y 2 + y 2 + Y y ) 3 y2 1 Y 2 + y2 + Y y = bh 3 y2 Y2 Y 1 +1+ = bh 2 3 y y

ma per il rapporto di similitudine gi` a discusso ed espresso dalla (1) si trova V (tronco) = 1 bh 3 B +1+ b B b .

In denitiva, riportando il fattore b entro parentesi, 1 h B + b + Bb 3 che ` e quanto si chiedeva di dimostrare. V (tronco) =

Esame 2001: quesito 6


Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito)

19

La risposta al quesito consiste nella ben nota dimostrazione di un corollario al teorema di Lagrange del valor medio. Sia pertanto a) f una funzione reale di variabile reale, b) derivabile in [a, b] e tale che c) f (x) = 0 per x [a, b]. Consideriamo lintervallo [a, x] con lestremo superiore x elemento qualsiasi interno allintervallo [a, b]. In tale intervallo la funzione f soddisfa a tutte le ipotesi del t. di Lagrange e pertanto, in base ad esso, esiste x1 ]a, x[ tale che f (x) f (a) = f (x1 ) xa con a < x1 < x.

Essendo x1 un elemento dellintervallo [a, b] per lipotesi c) risulta f (x1 ) = 0 cosicch e il rapporto a primo membro devessere nullo e di conseguenza anche il termine a numeratore f (x) f (a) = 0. Da questultima discende che f (x) = f (a) ma data larbitrariet` a di x ci` o equivale ad aermare la costanza della funzione per x [a, b] c.v.d. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Il quesito chiede di dimostrare la nota identit` a di Stifel che si incontra nellambito del Calcolo Combinatorio e in particolare nel contesto delle propriet` a dei coecienti binomiali n k = n1 n1 + . k k1 (1)

Iniziamo pertanto dalla denizione di coeciente binomiale data in termini dei fattoriali di n e k e della loro dierenza n k = n! k!(n k)! con 0<k<n:

ne segue che i due addendi presenti a secondo membro dellidentit` a (1) si riscrivono n1 k e n1 k1 = = (n 1)! k!(n 1 k)!

(n 1)! (n 1)! = . (k 1)!(n 1 k + 1)! (k 1)!(n k)!

Sommando membro a membro si giunge a

20 n1 n1 + k k1

Esame 2001: quesito 7


(n 1)! (n 1)! + : k!(n k 1)! (k 1)!(n k)!

ora, tenuto presente che k! = k (k 1)! e, analogamente, (n k)! = (n k) (n k 1)! si riconosce che il minimo comun denominatore delle frazioni a secondo membro ` e k!(n k)! per cui discende n1 n1 + k k1 (n 1)! (n 1)! + k!(n k 1)! (k 1)!(n k)! (n 1)! (n k + k) = k!(n k)! (n 1)!n = ma (n 1)!n = n! k!(n k)! n! n = = k k!(n k)! =

come volevasi dimostrare.

Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) La risposta al quesito ` e immediata nel caso dellarea del triangolo: difatti tutti i triangoli inscritti in un semicerchio possiedono la medesima base che ` e il diametro del cerchio. Ne segue che, tra questi, il triangolo isoscele avr` a area massima in quanto ` e pure il triangolo inscritto che possiede la massima altezza. Volendo tradurre il problema in termini algebrici poniamo x = CAB (g. 1) con x [0, ] e AB = 2r . Ne segue che AC = AB cos x = 2r cos x e BC = 2 AB sen x = 2r sen x e larea ` e

Fig. 1. Triangolo inscritto in un semicerchio.

A(ABC ) =

1 1 AC BC = (2r sen x 2r cos x) = 2r 2 sen x cos x = r 2 sen 2x. 2 2

Tale funzione ` e massima quando sen 2x = 1 ossia per 2x = 2 +2k . Lunico valore ] ` e x accettabile data la condizione geometrica x [0, M = 4 che conferma che 2 ABC ` e isoscele.

Esame 2001: quesito 8


Il perimetro ` e espresso dalla 2p = AB + AC + BC = 2r + 2r cos x + 2r sen x

21

= 2r + 2r (cos x + sen x) = 2r 1 + 2 sen x + . 4 dove si ` e fatto uso dellidentit` a cos x + sen x = 2 sen x + 4 . Anche in tal caso la funzione 2p raggiunge dal punto di vista algebrico il massimo, quando ) = 1, condizione soddisfatta dai valori x+ = +2k ossia x = +2k . sen(x+ 4 4 2 4 Tra questi risulta geometricamente accettabile solo il valore xM = che, ancora, 4 implica un triangolo isoscele. In denitiva, lunica risposta corretta ` e la a). Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) ` data la funzione E f (x) = ax3 + 2ax2 3x a = 0.

Questa rappresenta un fascio (o famiglia) di parabole cubiche, curve queste che possono presentare al massimo due punti di estremo relativo (o estremanti). Afnch e quindi possieda un massimo ed un minimo relativi la sua derivata f (x) = 3ax2 + 4ax 3 deve poter cambiare segno nel suo dominio R cio` e la disequazione f (x) 0 ossia 2 3ax + 4ax 3 0 dovr` a possedere un discriminante > 0. Questo comporta = 4a2 + 9a > 0 4 = a(4a + 9) > 0 = a< 9 a > 0. 4

In tal caso il segno di f (x) potr` a assumere i seguenti andamenti


segno di f (x) segno di f (x)

se a < 9 4 se a > 0

Fig. 1. Segno di f (x) con a < 9/4 a > 0.

che confermano lesistenza degli estremi relativi per f (x). Non ci saranno punti estremanti se invece f (x) risulter` a per x R, f (x) 0 2 oppure f (x) 0. Pertanto 3ax + 4ax 3 0 dovr` a possedere un discriminante 9 0 da cui, per quanto sopra 4 a < 0 dato che a = 0.

22 Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Si tratta di determinare il limite sen x cos x . x+ x lim

Esame 2001: quesito 9

La trattazione separata del limite della funzione al numeratore non pu` o fornire indicazioni in quanto tale limite non esiste essendo una funzione periodica. Daltra parte il numeratore ` e unespressione lineare in seno e coseno e, con metodi standard della goniometria, si pu` o scrivere identicamente sen x cos x = per cui il limite diviene sen x cos x = lim lim x+ x+ x 2 sen(x ) 4 . x 2 sen x 4

Sapendo che il codominio della funzione seno ` e lintervallo [1, 1] cio` e, nel nostro caso 1 sen x 4 1,

` e suciente moltiplicare entrambe le disuguaglianze per il termine positivo x2 per dedurre che la funzione ad argomento soddisfa a sua volta alle disuguaglianze 2 sen(x 2 2 4) . x x x Lapplicazione del teorema del confronto conduce alla determinazione del limite: difatti poich e si ha 2 =0 lim x+ x ` e pure per il suddetto teorema sen x cos x = 0. x+ x lim La risposta corretta ` e quindi la a). Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Cerchiamo di stabilire innanzitutto se sia possibile applicare il teorema di De lH opital al calcolo del limite

Esame 2001: quesito 10


lim

23

x + sen x . x cos x Una delle ipotesi di tale teorema (che spesso, per la fretta, non viene correttamente analizzata a priori) ` e lesistenza del limite del rapporto delle derivate delle due funzioni a rapporto f (x) e g(x)
x+

f (x) . x+ g (x) lim Nel nostro caso questo diviene in 1 + cos x x+ 1 + sen x e manifestamente non esiste essendovi ad argomento una funzione periodica. Pertanto il teorema non ` e applicabile. Riscriviamo quindi il limite nella forma lim x + sen x lim = lim x+ x cos x x+ x + sen x x x cos x x

dove si ` e diviso sia il numeratore che il denominatore per x (la condizione x = 0 non comporta nessuna limitazione). Abbiamo pertanto sen x 1+ x + sen x x lim = lim cos x : x+ x cos x x+ 1 x poich e, analogamente a quanto dimostrato nel precedente quesito sfruttando il teorema del confronto, risulta cos x sen x =0 lim =0 x+ x x si deduce per il t. della somma di limiti che
x+

lim

sen x cos x =1+0=1 lim 1 = 1 0 = 1. x+ x x Lapplicazione del t. del quoziente di limiti conduce inne al risultato
x+

lim 1 +

1 x + sen x = =1 x+ x cos x 1 peraltro facilmente intuibile dato che per x + il termine preponderante nelle due espressioni x +sen x e x cos x ` e comunque x. Difatti entrambe, per x + sono approssimativamente uguali alla x cio` e valgono le x + sen x x cos x x. lim

ESAME 2001 PNI

La prova richiede lo svolgimento di uno dei due problemi proposti e le risposte a cinque domande scelte allinterno del questionario.

Problema n. 1 Sia AB un segmento di lunghezza 2a e C il suo punto medio. Fissato un conveniente sistema di coordinate cartesiane ortogonali monometriche (x, y ): a) si verichi che il luogo dei punti P tali che PA =k PB k costante positiva

` e una circonferenza (circonferenza di Apollonio) e si trovi il valore di k per cui la soluzione degenera in una retta; b) si determini il luogo geometrico dei punti X che vedono AC sotto un angolo di 45 ; c) posto X , appartenente a , in uno dei due semipiani di origine la retta per A e per B e indicato con langolo XAC si illustri landamento della funzione y = f (x) con f (x) = (XB/XA)2 e x = tg . Soluzione

Problema n. 2 Nel piano riferito a coordinate cartesiane ortogonali monometriche (x, y ), ` e assegnata la funzione: y = x2 + a log(x + b) con a e b diversi da zero.

Esame 2001 PNI: quesito 5


a) si trovino i valori di a e b tali che la curva graco della funzione passi per lorigine degli assi e presenti un minimo assoluto in x = 1; b) si studi e si disegni ; c) si determini, applicando uno dei metodi numerici studiati, unapprossimazione della intersezione positiva di con lasse x; d) si determini lequazione della curva simmetrica di rispetto alla retta y = y (1); e) si disegni, per i valori di a e b trovati, il graco di: y = |x2 + a log(x + b)|. Soluzione

25

Questionario

1. Provare che una sfera ` e equivalente ai 2/3 del cilindro circoscritto. Soluzione

2. Determinare il numero delle soluzioni dellequazione: xex + xex 2 = 0. Soluzione

3. Dimostrare che se p(x) ` e un polinomio, allora tra due qualsiasi radici distinte di p(x) c` e una radice di p (x). Soluzione

4. Calcolare la derivata della funzione f (x) = arcsen x + arccos x. Quali conclusioni se ne possono trarre per la f (x)? Soluzione

5. Calcolare lintegrale

log x dx. x

Soluzione

26

Esame 2001 PNI: quesito 6

6. Con uno dei metodi di quadratura studiati, si calcoli unapprossimazione dellintegrale denito

sen x dx
0

e si confronti il risultato ottenuto con il valore esatto dellintegrale. Soluzione

7. Vericato che lequazione x ex = 0 ammette una sola radice positiva compresa tra 0 e 1 se ne calcoli unapprossimazione applicando uno dei metodi numerici studiati. Soluzione

8. Una classe ` e composta da 12 ragazzi e 4 ragazze. Tra i sedici allievi se ne scelgono 3 a caso: qual ` e la probabilit` a che essi siano tutti maschi? Soluzione

9. Spiegare il signicato di sistema assiomatico con particolare riferimento alla sistemazione logica della geometria. Soluzione

10. Dire, formalizzando la questione e utilizzando il teorema del valor medio o di Lagrange, se ` e vero che: se un automobilista compie un viaggio senza soste in cui la velocit` a media ` e di 60 km/h, allora almeno una volta durante il viaggio il tachimetro dellautomobile deve indicare esattamente 60 km/h. Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) a) Considerati gli elementi forniti dal testo (segmento AB di lunghezza 2a e punto medio C ), appare conveniente scegliere un sistema di assi cartesiani ortogonali monometrici con lorigine nel punto medio C del segmento AB e asse delle ascisse contenente AB ed orientato da C verso B (g. 1). Ne segue che A(a, 0) e B (a, 0) mentre P (x, y ) ` e un punto generico del piano che soddisfa alla relazione PA =k k>0 PB

Esame 2001 PNI: problema 1

27
P (x, y )

A(a, 0)

O C

B (a, 0)

Fig. 1. Scelta del piano cartesiano.

per cui P B . La distanza di questo punto dagli estremi del segmento AB risulta data da PA = (x + a)2 + y 2 PB = (x a)2 + y 2

per cui la relazione diviene (x + a)2 + y 2 (x a)2 + y 2 = k.

Dato che k > 0 possiamo elevare al quadrato entrambi i membri dopo averli moltiplicati per il denominatore (x + a)2 + y 2 = k2 [(x a)2 + y 2 ]. Sviluppando i quadrati e ordinando secondo le potenze di x e y abbiamo x2 + 2ax + a2 + y 2 = k2 (x2 2ax + a2 + y 2 ) e inne (1 k2 )x2 + (1 k2 )y 2 + 2ax(1 + k2 ) + a2 (1 k2 ) = 0. (1) Notiamo che lequazione ottenuta risulta di secondo grado in x e in y se il coeciente comune dei termini al quadrato soddisfa alla 1 k2 = 0. Inoltre mancando del termine misto xy lequazione rientra nella forma cartesiana tipica delle rappresentazioni algebriche delle circonferenze: dividendo per 1 k2 = 0, la riscriviamo quindi come x2 + y 2 + 2a(1 + k2 ) x + a2 = 0 1 k2 a(1 + k2 ) ,0 1 k2 1 k2 = 0. (2)

Per k = 1 (` e k > 0) questa equazione rappresenta una circonferenza di centro D

28 e raggio* r= = a2 a2 1 + k2 1 k2
2

Esame 2001 PNI: problema 1

a2 =

a2

1 + k4 + 2k2 (1 + k4 2k2 ) (1 k2 )2

2ka 4k2 . = 2 2 (1 k ) |1 k2 |

Se invece k = 1 lequazione (1) si riduce alla 4ax = 0 che equivale alla x = 0 e che rappresenta lasse y , il quale ` e asse pure del segmento AB . Pertanto questo ` e il caso degenere prospettato dal testo. b) Per determinare il luogo dei punti che vedono il segmento AC sotto un angolo di 45 conviene tener presente la propriet` a elementare dei punti di una circonferenza rispetto ad una data corda. Essendo questi punti i vertici di altrettanti angoli alla circonferenza che insistono su tale corda ed essendo questi angoli tutti congruenti, possiamo aermare che i punti di uno stesso arco di circonferenza vedono una corda sotto il medesimo angolo. Se ora consideriamo la corda RS comune a due circonferenze di ugual raggio e secanti tra di loro (g. 2), questa corda ` e vista sotto il medesimo angolo da ciascun punto appartenente alla gura che si ottiene dallunione dei due archi congruenti rappresentati in colore in g. 2.
T V Z

S U

R Fig. 2. Luogo che vede un segmento RS sotto un angolo dato.

Si pu` o facilmente dimostrare che tale insieme di punti ` e lunico che soddisfa a tale propriet` a. Difatti da ogni punto interno U alla gura la corda RS ` e vista sotto un angolo maggiore mentre dai punti esterni la medesima corda ` e vista sotto un angolo minore. A tal ne ` e suciente osservare che RU S > RT S come RZS < RV S .
* Per alcune considerazioni geometriche sulla circonferenza di Apollonio si veda la pagina web www.lorenzoroi.net/geometria/Apollonio.html.

Esame 2001 PNI: problema 1

29

D M a 2
a 2

Fig. 3. Luogo dei punti X .

Il luogo richiesto dal quesito ` e pertanto dato dallunione di due archi di circonferenza aventi il segmento AC come corda comune (g. 3). Per determinare lequazione cartesiana di una di queste circonferenze ` e suciente individuare un terzo punto da aancare a A e C . Tra le innite possibilit` a il punto , in quanto dellasse y di coordinate D (0, a) soddisfa alla condizione ADC = 4 ACD ` e rettangolo e isoscele (AC = CD = a, ACD = 2 ). Per lo stesso motivo il medesimo punto ` e pure estremo del diametro della circonferenza cera cata che pertanto avr` a centro nel punto medio di AD ossia M ( a 2 , 2 ) e raggio r = M C = CD sen 4 = a/ 2. Lequazione della circonferenza di centro M e raggio r ` e quindi a x 2
2

a + y 2

a 2

x2 + y 2 + ax ay = 0,

e larco di nostro interesse ` e individuato dallulteriore condizione y 0. Il secondo arco corrispondente alle ordinate negative si ottiene per simmetria assiale dalla precedente circonferenza con la sostituzione y y : otteniamo x2 + y 2 + ax + ay = 0 e y < 0. In denitiva, il luogo cercato viene espresso dalle x2 + y 2 + ax ay = 0, y 0 : x2 + y 2 + ax + ay = 0, y < 0 ma pi` u sinteticamente, pu` o essere rappresentato anche dallunica equazione : x2 + y 2 + ax a|y | = 0. c) Scelto il semipiano delle ordinate positive, per determinare le lunghezze di XA e XB (g. 4) in termini di = XAC e relativa tangente goniometrica,

30

Esame 2001 PNI: problema 1

osserviamo che XA ` e lato di XAC , triangolo del quale risultano noti i tre 3 angoli, = XAC , CXA = , ACX = + = 4 e il lato 4 4 AC = a. Al variare del punto X sullarco di circonferenza, langolo potr` a 3 . inoltre assumere i valori compresi nellintervallo 0 4
X
4

A C Fig. 4. B

Con il teorema dei seni siamo quindi in grado di determinare XA risolvendo la proporzione XA AC = sen ACX sen CXA per cui = XA a = 3 sen sen 4 4 3 . 4

XA = a 2 sen

Dovendo esprimere il rapporto (XB/XA)2 in termini di tg conviene riportare lespressione trovata in termini dellangolo utilizzando le formule di sottrazione per il seno: 3 3 XA = a 2 sen cos cos sen 4 4 1 1 = a 2 cos + sen 2 2 = a(cos + sen ). Per calcolare XB possiamo applicare il teorema di Carnot a ABX dato che abbiamo sia AB che XA e langolo compreso. Pertanto XB = AB + XA 2AB XA cos
2 2 2 2

= a2 [4 + cos2 + sen2 + 2 sen cos 4 cos2 4 sen cos ] = a2 (5 2 sen cos 4 cos2 )

= (2a)2 + a2 (cos + sen )2 2(2a)a(cos + sen ) cos

Esame 2001 PNI: problema 1


Il rapporto chiesto risulta XB XA
2

31

a2 (5 2 sen cos 4 cos2 ) a2 (cos + sen )2 5 2 sen cos 4 cos2 = (cos + sen )2

con 0 < 3 in quanto va escluso il caso che sia XA = 0 corrispondente ad 4 = 3 . Per esprimerlo in termini di x = tg dovremo eseguire la divisione del 4 numeratore e del denominatore del secondo membro per cos2 ponendo ovviamente cos = 0 e quindi escludendo pure = e 1/ cos2 = 1 + tg2 2 . Poich discende XB XA
2

(5 2 sen cos 4 cos2 )/ cos2 (cos + sen )2 / cos2 (5/ cos 2 ) 2 tg 4 = (1 + tg )2 (5 + 5 tg2 ) 2 tg 4 = (1 + tg )2 5 tg2 2 tg + 1 = (1 + tg )2 =

In denitiva, la funzione f (x) da studiare risulta f (x) = 5x2 2x + 1 (1 + x)2

ma le condizioni accumulate su ossia 0< 3 = 4 2

si riettono sulla x = tg . Per determinare queste ultime va tenuto presente landamento della tangente (rappresentato dal graco in colore di g. 5): per angoli compresi nel primo quadrante essa assume qualsiasi valore positivo o nullo 3 << 4 appaiono essere minori di 1. mentre i valori di tg quando sia 2 La funzione da studiare e le limitazioni della variabile x sono pertanto f (x) = 5x2 2x + 1 (1 + x)2 x < 1 x 0.

La funzione f , a prescindere dalle condizioni geometriche discusse ` e denita in R {1} per cui potremo estendere il suo studio pure in questo dominio. In

32

Esame 2001 PNI: problema 1

O 1

3 4

3 2

Fig. 5.

Limiti. I limiti agli estremi del dominio, limx g(x) sono niti in quanto, per la teoria delle funzioni razionali fratte il grado del numeratore ` e uguale a quello del denominatore. Risulta pertanto lim f (x) = lim x2 5 x2
1 x 2 x

Segno: f (x) > 0 implica 5x2 2x + 1 > 0 in quanto il denominatore risulta sempre positivo. Avendo il trinomio discriminante sempre negativo (/4 = 1 5 < 0) la disequazione ` e sempre soddisfatta cosicch e f (x) > 0 x = 1.

questultimo insieme essa rientra nella classe delle funzioni razionali fratte e pertanto risulta continua in tutti i punti che non annullano il denominatore ossia x = 1.

+1

1 x2 2

= lim

5 5 (2/x) + (1/x2 ) = =5 2 x (1 + 1/x) 1

in quanto i termini del tipo 1/x, 1/x2 possiedono ciascuno limite nullo allinnito. La retta ya = 5 risulta quindi un asintoto orizzontale. Se invece studiamo il limite nel punto dove non esiste la funzione limx1 f (x) troviamo lim f (x) = +
x1

in quanto
x1

lim 5x2 2x + 1 = 5 2(1) + 1 = 8

x1

lim (1 + x)2 = (1 1)2 = 0+ .

La retta x = 1 ` e quindi asintoto verticale.

Esame 2001 PNI: problema 1

33

Il confronto con lasintoto orizzontale ya = 5 implica lo studio della disequazione f (x) ya 0 Abbiamo 5x2 2x + 1 5(1 + x2 + 2x) 0 (1 + x)2 = 12x 4 0 (1 + x)2 5x2 2x + 1 5 0. (1 + x)2

che comporta 12x4 0 ossia x 1 3 . Pertanto la funzione interseca lasintoto 1 mentre avr` a ordinate maggiori per valori x < 3 . nel punto di ascissa 1 3 Derivata prima. Il calcolo della f (x) conduce allespressione f (x) = (10x 2)(1 + x)2 2(1 + x)(5x2 2x + 1) (1 + x)4 2(5x 1 + 5x2 x 5x2 + 2x 1)(1 + x) = (1 + x)4 4(3x 1) = (1 + x)3

Il segno di questa f (x) 0 dipende sia dal numeratore che dal denominatore. Da 3x 1 0 discende x 1/3 mentre il denominatore risulta positivo quando (1 + x)3 > 0, 1 + x > 0, x > 1. Combinandoli otteniamo lo schema
1 Fig. 6.
1 3

che mostra come la funzione sia crescente per x < 1 oppure per x > 1/3. La f possiede inoltre un minimo relativo proprio in x = 1/3 che pure risulta assoluto. Il valore di questo minimo si ottiene dalla f (1/3) = 1/2. Derivata seconda. La derivata seconda risulta f (x) = 4 3(1 + x)3 3(1 + x)2 (3x 1) (1 + x)6 (1 + x 3x + 1)(1 + x)2 = 12 (1 + x)6 24(1 x) = (1 + x)4

34
1 1

Esame 2001 PNI: problema 2

Fig. 7.

e il suo segno dipende solo dal termine f (x) 0, 1 x 0 che implica x 1. La concavit` a sar` a quindi rivolta verso lalto quando x < 1 come riassunto dallo schema di g. 7. Lunico punto di esso si ha in corrispondenza di x = 1 e lordinata corrispondente ` e f (1) = 1. Notato che f (0) = 1, il graco complessivo ` e riportato in g. 8 dove, la parte di graco che soddisfa alle limitazioni geometriche (x < 1 x 0) risulta quella esterna alla fascia di piano evidenziata in giallo.

y=5 1 1 1
1 3

Fig. 8. Graco (qualitativo) della funzione f .

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) a) Il dominio della funzione assegnata f : y = x2 + a ln(x + b) con a, b = 0, deve evidentemente rispettare la condizione x + b > 0 ossia x > b. Dovendo il graco di f attraversare lorigine, va inoltre soddisfatta lequazione f (0) = 0 che implica 02 + a ln(0 + b) = 0 da cui, essendo a = 0, ln(b) = 0 risolta da b = 1. La funzione f : y = x2 + a ln(x + 1) con x > 1

deve inoltre presentare un minimo assoluto in x = 1. Notato che, nel suo dominio, f risulta derivabile, si pu` o soddisfare alla richiesta imponendo che la sua derivata

Esame 2001 PNI: problema 2

35

prima sia nulla in x = 1 ossia valga f (1) = 0. Lo studio del segno di y o il calcolo di y potranno successivamente chiarire il carattere di tale punto visto che la condizione f (1) = 0, pur necessaria, non ` e suciente per rispondere alla richiesta. Pertanto f (x) = 2x + a x+1 f (1) = 0 2+ a =0 2 = a = 4.

La funzione cui si ` e giunti risulta quindi f (x) = x2 4 ln(x + 1) mentre la sua derivata prima ` e f (x) = 2x 4 2(x2 + x 2) = . x+1 x+1 x > 1

Notato che il denominatore di questultima espressione risulta sempre positivo nel dominio D =] 1, +[, lo studio del segno di f (x) 0 si riduce alla disequazione x2 + x 2 0, risolta da x 2 x 1. Tenendo ancora una volta conto del dominio, possiamo pertanto confermare che la funzione f presenta un minimo assoluto in x = 1, essendo in ] 1, 1[ monotona decrescente, crescente invece strettamente in ]1, +[.
1 1 Fig. 1. Segno di f .

b) Essendo richiesto il graco di f converr` a continuare il suo studio a partire dallo studio del segno. Questo implica la ricerca delle soluzione della disequazione (contenente termini razionali e trascendenti) x2 4 ln(x + 1) 0. Poich e non vi sono metodi analitici per la risoluzione di tali disequazioni miste cercheremo, tramite un confronto graco, di riconoscere comunque la struttura delle sue soluzioni. Riscritta quindi nella forma x2 4 ln(x + 1) x2 ln(x + 1) 4

possiamo reinterpretare la ricerca delle soluzioni come la ricerca delle ascisse dei punti della parabola di equazione yp = x2 /4 che hanno ordinate maggiori o eguali alle ordinate dei punti della curva logaritmica l : y = ln(x + 1). Il graco di questultima curva ` e noto in quanto appare essere nientaltro che quello del logaritmo y = ln x traslato verso sinistra di una unit` a. Difatti la curva l ` e

36

Esame 2001 PNI: problema 2

yp =

x 4

yl = ln(x + 1)

Fig. 2. Confronto graco di yp = x2 /4 e yl = ln(x + 1).

immagine secondo la traslazione x = x + 1 e y = y della curva logaritmica. Dato che lorigine appartiene sia a questultima che alla parabola, i rispettivi graci rivelano lesistenza di un loro ulteriore punto di intersezione di ascissa > 0. La funzione f risulter` a positiva o nulla quando x 0 x ossia per i valori di x esterni alla fascia gialla di g. 2. I limiti agli estremi del dominio forniscono
x1+

lim x2 4 ln(x + 1) = +

in quanto
x1+

lim x2 = 1

x1+

lim 4 ln(x + 1) = lim 4 ln z = +,


z 0+

mentre il limite
x+

lim x2 4 ln(x + 1)

conduce alla forma indeterminata + dato che


x+

lim x2 = +

x+

lim 4 ln(x + 1) = .

Allo scopo di risolverlo, riscriviamo la funzione fattorizzando il termine x2


x+

lim x2 4 ln(x + 1) = lim x2 1 4


x+

ln(x + 1) x2

e calcoliamo il limite del rapporto delle derivate del numeratore e denominatore della funzione ad argomento di
x+

lim

ln(x + 1) x2

Esame 2001 PNI: problema 2

37

cos` da poter, eventualmente, applicare il teorema di De LH opital: otteniamo 1 1/(x + 1) = lim = 0. lim x+ 2x(x + 1) x+ 2x Esistendo tale limite, possiamo applicare il teorema di De LH opital e, rilevato che ln(x + 1) lim =0 x+ x2 possiamo risolvere il limite ln(x + 1) lim x2 4 ln(x + 1) = lim x2 1 4 = + x+ x+ x2 in quanto il termine tra parentesi quadre ha limite ln(x + 1) = 1 0 = 1. lim 1 4 x+ x2 Con tale risultato, la funzione potrebbe presentare un asintoto obliquo. Va quindi arontato lulteriore limite f (x) x2 ln(x + 1) ln(x + 1) lim = lim = lim x 1 4 14 x+ x x+ x x+ x2 x2 che risulta ancora pari a + in base alle medesime osservazioni. Possiamo quindi escludere lesistenza di un tale asintoto obliquo. Derivata seconda. Il calcolo fornisce 4 f (x) = 2 + , (x + 1)2 espressione manifestamente sempre positiva nel dominio: il graco volge sempre la concavit` a verso lalto ossia f risulta convessa. Calcolata lordinata del minimo assoluto f (1) = 1 4 ln 2, possiamo concludere proponendo il graco richiesto: questo ` e rappresentato in g. 3.

1 O

1 4 ln 2 Fig. 3. Graco della funzione f .

38

Esame 2001 PNI: problema 2

c) Come visto, la funzione f assume in x = 1 il valore f (1) = 1 4 ln 2 < 0. Inoltre essendo f monot` ona crescente per x > 1 in quanto f (x) > 0 ed avendo dimostrato che limx+ f (x) = + esiste, per il teorema degli zeri, ununica intersezione con lasse delle ascisse che, sempre precedentemente, abbiamo identicato con (g. 4).

2,5

Fig. 4. Graco di f per x [1, 3].

Volendo ottenere una sua approssimazione con il metodo di bisezione, dobbiamo individuare un estremo dove la funzione risulti positiva. Allora procedendo per tentativi calcoliamo f (2) = 4 4 ln 3 = 4(1 ln 3). Poich e f (2) < 0 proviamo ancora con f (3): si ottiene f (3) = 9 4 ln 4 3,45 > 0 per cui apparterr` a allintervallo 2 < < 3. Calcoliamo quindi la f nel punto medio di questo intervallo: risulta f (2,5) = 1,23895 > 0 per cui segue che Procedendo allo stesso modo: f (2,25) + 0,34788 f (2,125) 0,042112 f (2,1875) + 0,148209 = = = 2 < < 2,25 2,125 < < 2,25 2,125 < < 2,1875 2 < < 2,5.

Si giunge inne, con ulteriori iterazioni al valore 2,1391.

c) Per determinare lequazione della curva immagine di secondo la simmetria assiale di asse y = y (1) = 1 4 ln 2 conviene riprendere le equazioni generali per tale trasformazione. Queste sono rappresentate dalle : x = x y = y + 2b

e si ottengono imponendo che il punto medio del segmento di estremi (x, y ) e (x , y ) appartenga allasse di equazione y = b ossia valga la (y + y )/2 = b. Queste nel nostro caso diventano : x = x y = y + 2y (1) = y + 2(1 4 ln 2).

Esame 2001 PNI: quesito 2


Scritta la trasformazione inversa

39

x = x y = y + 2(1 4 ln 2) basta ora sostituire in luogo di x e y nella equazione rappresentativa di y = x2 4 ln(x + 1), ottenendo 1 : da cui inne lequazione rappresentativa dellinsieme immagine y = 2 8 ln 2 (x )2 + 4 ln(x + 1). d) Il graco della funzione g : y = |x2 4 ln(x +1)| si deduce da quello gi` a studiato di f considerando lazione del valore assoluto sul suo argomento. Trattando il problema in forma generale, il graco della funzione g : y = |f (x)| appare lunione di due rami, ciascuno dei quali ` e descritto, per la denizione di valore assoluto, dalle equazioni y = f (x), se f (x) 0 g: y = f (x), se f (x) < 0. y + 2(1 4 ln 2) = (x )2 4 ln(x + 1)

Ne segue che, per i valori di x che soddisfano alla condizione f (x) 0 ossia dove il graco di f appartiene al semipiano delle ordinate positive, il graco di g coincide con quello di f in quanto descritto dalla medesima equazione. In corrispondenza dellinsieme di valori di x dove f (x) < 0 il graco di g risulta il simmetrico rispetto allasse delle ascisse di quello di f in quanto lequazione y = f (x) deriva dalla y = f (x) imponendo la simmetria assiale x = x y = y . Nel nostro caso quindi, lequazione g : y = |x2 4 ln(x + 1)| si esplicita nei due rami y = x2 4 ln(x + 1), se 1 < x 0 x g: y = [x2 4 ln(x + 1)] = x2 + 4 ln(x + 1), se 0 < x < . In g. 5 appare in colore il graco di g e, per x ]0, [ il graco originario di f .

1 + 4 ln 2

g : y = |x2 4 ln(x + 1)|

1 4 ln 2 Fig. 5. Graco della funzione g .

40 Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2001 PNI: quesito 1

Sia r il raggio noto della sfera: il suo volume risulta espresso dalla formula V (sfera) = 4 3 r . 3

Il cilindro ad essa circoscritto, rappresentato in g. 1 possiede il raggio di base pari al raggio r della sfera e laltezza uguale al diametro 2r .

r r

Fig. 1. Sfera e cilindro circoscritto.

Il suo volume risulta quindi V (cilindro) = r 2 2r = 2r 3 . Il loro rapporto ` e


4 r 3 V (sfera) 2 = 3 3 = V (cilindro) 2r 3

come richiesto dal quesito. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Per determinare il numero delle soluzioni dellequazione xex + xex 2 = 0, equazione che contiene sia espressioni razionali che funzioni trascendenti dellincognita x, possiamo sfruttare lapproccio graco che, in tali casi pu` o fornire informazioni anche signicative. Riscriviamo quindi lequazione in forme pi` u opportune in modo da poter riconoscere, almeno parzialmente, funzioni note dellincognita. Notato quindi che x = 0 non pu` o essere soluzione dellequazione data in quanto 2 = 0, dividiamo per x entrambi i membri e sommiamo il termine 2/x: otteniamo 2 ex + ex = . x

Esame 2001 PNI: quesito 3

41

Posto f (x) = ex + ex e g(x) = 2/x, la ricerca del numero delle soluzioni dellequazione viene ricondotta alla ricerca del numero delle intersezioni tra i graci rappresentativi di f e g. Poich e il graco di g ` e quello noto di uniperbole equilatera riferita ai propri asintoti ed appartenente al I e III quadrante, studiamo brevemente quello di f . Innanzitutto lequazione f (x) = ex + ex soddisfa allidentit` a f (x) = f (x) x R per cui rappresenta una funzione pari. Risulta inoltre sempre positiva. I limiti agli estremi del dominio R forniscono
x

lim f (x) = +

in quanto limx+ ex = + e limx+ ex = 0 (e viceversa limx ex = 0 e limx ex = +). La derivata prima risulta f (x) = ex ex per cui f (x) 0 se ex ex 0 ossia ex ex . Questultima implica x x e quindi x 0: in x = 0 la funzione f presenta pertanto un minimo relativo ed assoluto (con f (0) = 2) mentre per x > 0 risulta strettamente crescente.
0 Fig. 1.

Gli elementi accumulati ci permettono di proporre un abbozzo di graco per la f (g. 2) che, assieme a quello delliperbole equilatera g, mostra come i graci delle due funzioni debbano intersecarsi in un sol punto di ascissa positiva . Se poi calcoliamo f (1) = e + e1 3,09 e g(1) = 2 e osserviamo che f (1) > g(1) possiamo proporre una prima stima di ossia 0 < < 1. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Consideriamo il polinomio p(x) e siano e due sue radici distinte e quindi tali che p() = p( ) = 0. Supponiamo che sia < . Poich e un polinomio rappresenta una funzione continua in tutto R e quindi pure nellintervallo [, ] ed inoltre ` e derivabile in ], [ (cos` come in R) ed inne i suoi valori agli estremi di [, ] sono uguali perch e p() = p( ) = 0, possiamo applicare il teorema di Rolle essendo soddisfatte tutte le ipotesi di questo teorema. Pertanto possiamo concludere che deve esistere almeno un valore con ], [ in corrispondenza del quale p ( ) = 0 ossia ` e una radice dellequazione p (x) = 0.

42

Esame 2001 PNI: quesito 4

f (x) = ex + ex 3,09

2 g (x) = 1

2 x

Fig. 2. Graci delle funzioni f e g .

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il calcolo della derivata prima della funzione f (x) = arcsen x + arccos x ` e immediato e conduce allespressione 1 1 = 0, f (x) = 2 1x 1 x2 valida per x ] 1, 1[. Poich e f ` e denita in [1, 1], derivabile internamente e con derivata nulla, possiamo applicare il corollario del teorema di Lagrange (o del valor medio) per concludere che f (x) ` e costante in [1, 1]. Calcolando quindi il suo valore in un punto qualsiasi di tale intervallo, per esempio in x = 0, risulta f (0) = arcsen 0 + arccos 0 = 0 + 2 = 2 : pertanto arcsen x + arccos x = 2 x [1, 1], con x [1, 1]

relazione gi` a nota nellambito delle funzioni inverse e che lega larcoseno con larcocoseno.

Esame 2001 PNI: quesito 6


Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Lintegrale indenito ln x dx = x si pu` o calcolare riconoscendo nel fattore caso conviene ricorrere alla sostituzione t = ln x ln x
1 x

43

1 dx x

la derivata del termine ln x. In tal 1 dx x

per cui il dierenziale ` e dt = D (ln x) dx =

e quindi ricondurre lintegrale richiesto ad uno elementare ln x dx = x t dt = t2 ln2 x +c= + c. 2 2

Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Il valore esatto dellintegrale denito ` e facilmente calcolabile in quanto
0

sen x dx = [ cos x] 0 = cos + cos 0 = 2,

e dove si ` e fatto uso dellintegrale indenito elementare sen x dx = cos x + c. Richiamato il graco del seno nellintervallo [0, ] (g. 1), per il calcolo approssimato applichiamo il metodo dei rettangoli suddividendo questo intervallo [0, ] in n intervalli parziali di ampiezza h = ( 0)/n = /n.

y = sen x

3 4

Fig. 1. Graco di y = sen x.

44

Esame 2001 PNI: quesito 7

Posto quindi x0 = 0, discende che gli estremi degli intervalli parziali sono dati dai valori x1 = x0 + h = h, x2 = x1 + h = 2h, . . . , xi = ih, . . . , xn = , e in ciascuno di questi intervalli calcoliamo la funzione nel punto medio: per liesimo intervallo, laltezza (positiva) del rettangolo risulta f ih h 2 =f h i 1 2 = sen h i 1 2 .

La somma quindi delle aree dei rettangoli fornisce inne una stima A(n) dipendente da n dellarea richiesta
n

A(n) =

h sen h i

1 2

n 1

sen h i

1 2

A partire da n = 1 dove A(1) = 1 = , abbiamo A(2) = 2 = 2 3 1 + sen 2 2 2 2 3 2 sen + sen = = 2,2214, 4 4 2 2 2 sen

mentre per A(3) risulta A(3) = 3 = 3 3 sen 6 sen 1 3 5 + sen + sen 2 3 2 3 2 5 + sen + sen 2,0944. 2 6

A(4) fornisce invece A(4) = 4 sen 3 5 7 + sen + sen + sen 8 8 8 8 2,05234.

Procedendo ulteriormente il valore di A(n) fornisce stime dellarea sempre in eccesso (per esempio, A(10) 2,00825) ma sempre pi` u prossime a 2. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Posto f (x) = x ex notiamo che il dominio di f coincide con R e che, in esso, la derivata prima risulta f (x) = 1 (1)ex = 1 + ex . Poich e f (x) > 0 x R la funzione risulta strettamente crescente in R e quindi pure in [0, 1] (g. 1).

Esame 2001 PNI: quesito 8

45

0,6321

O 1

Fig. 1. Graco della funzione f (x) = x ex in [0, 1].

I suoi valori agli estremi risultano di segno opposto, f (0) = 0 e0 = 1 < 0 e f (1) = 1 e1 = 1 1/e 0,6321 > 0 per cui, in base al teorema degli zeri (o di Bolzano) applicabile alle funzioni continue in un intervallo chiuso, possiamo aermare lesistenza di almeno un valore in corrispondenza del quale si ha f () = 0. Per la monotonia crescente di f questo valore deve inoltre essere unico e ci` o` e assicurato dal teorema sullesistenza della funzione inversa di una funzione continua e monot` ona in un intervallo: se esiste f 1 allora = f 1 (0) ` e unico. Determiniamo quindi con un approccio numerico, il metodo di bisezione. Calcoliamo quindi la funzione f nel punto medio x = 0,5. Poich e f (0,5) = 0,1065 < 0, il successivo intervallo risulta [0,5, 1]. Ne segue: f (0,625) + 0,0897 f (0,5625) 0,0072 f (0,75) + 0,2776 = 0,5 < < 0,75 0,5 < < 0,625 0,5625 < < 0,625 = =

Procedendo in tal modo, si giunge dopo 10 iterazioni alla stima 0,567. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) La probabilit` a richiesta si pu` o calcolare ricordando la denizione classica di probabilit` a ossia come rapporto tra i casi favorevoli ad un evento con il numero dei casi possibili. Essendo 16 gli allievi il numero C16,3 di gruppi che si possono formare con 3 elementi, indierentemente di soli maschi o sole femmine o misti, ` e espresso dal coeciente binomiale C16,3 = 16 3 = 560

in quanto tale numero si pu` o identicare con il numero delle combinazioni semplici di 16 elementi a gruppi di 3.

46

Esame 2001 PNI: quesito 8

Analogamente, il numero dei gruppi di soli tre maschi ` e dato dal coeciente binomiale 12 C12,3 = = 220 3 in quanto 12 sono i maschi presenti nella classe. Ne segue che la probabilit` a richiesta risulta C12,3 220 P = = 0,3929. C16,3 560 Al medesimo risultato si pu` o giungere applicando il teorema della probabilit` a composta. Sia E levento che vede scelti 3 allievi maschi. E pu` o essere scomposto nellintersezione di altri tre eventi E1 , E2 , E3 rispettivamente E1 = viene scelto per primo un ragazzo maschio E2 = viene scelto per secondo un ragazzo maschio E3 = viene scelto per terzo un ragazzo maschio Pertanto P (E ) = P (E1 E2 E3 ) : lassociativit` a dellintersezione e il teorema della probabilit` a condizionata (o composta) permette di scrivere P (E1 E2 E3 ) = P (E1 (E2 E3 )) = P (E1 ) P ((E2 E3 )/E1 ) e riapplicando il teorema al termine P ((E2 E3 )/E1 ) otteniamo P (E1 E2 E3 ) = P (E 1) P (E2 /E1 ) P (E 3/(E 1 E2 )). Ma essendo 12 gli allievi maschi su 16 complessivi allora P (E1 ) = P (E2 /E 1) = 11 12 1 = , 15 15
12 16

(1) mentre

essendo rimasti dopo la prima scelta solo 11 maschi su 15 allievi. Inne, la probabilit` a di E3 dopo che si sono avverati E1 ed E2 (sono rimasti 10 maschi su 14) ` e data da 12 2 10 P (E 3/(E 1 E2 )) = = . 14 14 Inserendo questi valori nella (1) risulta inne P (E ) = 1320 12 11 10 = 0,3929. 16 15 14 3360

Esame 2001 PNI: quesito 10


Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito)

47

Un sistema assiomatico o teoria formale si ritiene denito quando siano dati, a) un linguaggio, b) un sistema di assiomi e c) un insieme di regole di deduzione. Tralasciando le caratteristiche del linguaggio e come questo si possa costruire, a seconda dellinsieme di propriet` a primitive che si vuole assumere come verit` a costitutive, verit` a che non necessitano di dimostrazione per la loro evidenza intuitiva, si possono formulare uno o pi` u sistemi formali. Tali propriet` a sono appunto gli assiomi o postulati della teoria. Con le regole di deduzione si ottengono poi i teoremi della teoria. Per quanto riguarda la geometria, la distinzione che Euclide pone nel primo libro dei suoi Elementi tra assiomi e postulati, i primi considerati come enunciati matematici generali mentre i secondi sono visti come asserzioni a carattere geometrico, oggi non risulta pi` u valida essendo i due termini divenuti sinonimi. In entrambi i casi Euclide considera la verit` a di tali proposizioni garantita dallevidenza intuitiva per cui non ne ` e necessaria una dimostrazione. Ogni altra aermazione che non sia una denizione, costituisce invece un teorema e va rigorosamente dimostrata. Esempi di assiomi euclidei espressi nella forma oggi pi` u comune sono: postulato 1per due punti distinti passa una e una sola retta; postulato 2una retta contiene inniti punti; postulato 5per un punto esterno ad una retta, passa una sola parallela ad essa. Questultimo postulato, detto anche postulato delle parallele, ha a livello storico, svolto un ruolo determinante per la nascita delle geometrie non-euclidee. Difatti il fallimento dei tentativi per dedurre questa aermazione dagli altri assiomi portarono Nicolaj Lobacevskij a riconoscere lindipendenza di tale assioma dai rimanenti e quindi ad una nuova denizione di parallelismo e ad una nuova geometria. Lindipendenza degli assiomi per un sistema assiomatico ` e quindi una propriet` a della teoria formale. Con la pubblicazione nel 1901 dei Grundlagen der Geometrie (I fondamenti della Geometria), David Hilbert forniva una sistemazione assiomatica rigorosa della geometria (o meglio delle geometrie) e dellinsieme dei suoi assiomi. Altre propriet` a di una teoria assiomatica sono la coerenza (o non contraddittoriet` a dei suoi assiomi) e la completezza: nel caso di questultima caratteristica, Kurt G odel nel 1931 ha dimostrato che ogni teoria formale contiene aermazioni o formule che non sono n e dimostrabili n e possono essere negate (teorema di incompletezza): in ogni teoria formale si possono allora incontrare proposizioni indecidibili. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Nel quesito proposto vengono richiamati due tipi di velocit` a: la velocit` a media in un certo intervallo di tempo e la velocit` a indicata dal tachimetro che intendiamo come la velocit` a istantanea ossia la velocit` a in un qualsiasi istante t. Se s(t)

48

Esame 2001 PNI: quesito 10

` e la legge che lega la posizione dellautomobile durante il viaggio al punto di partenza in funzione del tempo (rappresenta quindi la legge oraria) e t1 ` e la durata complessiva del viaggio, la velocit` a media nellintervallo [0, t1 ], ` e denita come s(t1 ) s(0) vm = . (1) t1 0 Se, com` e naturale, supponiamo che nellistante iniziale t = 0 lautomobile si trovi nel punto di partenza allora s(0) = 0 km e la velocit` a media assume lespressione pi` u semplice s(t1 ) km vm = = 60 . (2) t1 h

Poich e il viaggio si svolge senza soste possiamo supporre che la funzione s(t) sia derivabile in tutti i punti dellintervallo [0, t1 ]: possiamo perci` o applicare ad essa in tale intervallo il teorema di Lagrange e quindi aermare che esiste almeno un istante t0 con 0 < t0 < t1 tale che s(t1 ) s(0) = s (t0 ) t1 0 e dove s (t0 ) rappresenta la derivata di s(t) calcolata in t0 . Poich e la derivata s (t) si interpreta dal punto di vista sico come la velocit` a dellauto nellistante t ossia la velocit` a indicata dal tachimetro, in base alle (1) (2) risulta che t0 ]0, t1 [ dove s (t0 ) = s(t1 ) = vm . t1

Luguaglianza ottenuta prova quanto richiesto, ossia che durante il viaggio la velocit` a istantanea pu` o, almeno in un istante, essere uguale alla velocit` a media.

ESAME 2002

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. Problema n. 1 In un piano, riferito ad un sistema di assi cartesiani ortogonali (Oxy ), ` e assegnata la curva k di equazione y = f (x), dove ` e: f (x) = x2 + 2 . x3 + 2

a) Determinare per quali valori di x essa ` e situata nel semipiano y > 0 e per quali nel semipiano y < 0. b) Trovare lequazione della parabola passante per lorigine O degli assi e avente lasse di simmetria parallelo allasse y , sapendo che essa incide ortogonalmente la curva k nel punto di ascissa 1 (N.B.: si dice che una curva incide ortogonalmente unaltra in un punto se le rette tangenti alle due curve in quel punto sono perpendicolari). c) Stabilire se la retta tangente alla curva k nel punto di ascissa 1 ha in comune con k altri punti oltre a quello di tangenza. d) Determinare in quanti punti la curva k ha per tangente una retta parallela allasse x. e) Enunciare il teorema di Lagrange e dire se sono soddisfatte le condizioni perch e esso si possa applicare alla funzione f (x) assegnata, relativamente allintervallo 2 x 0. Soluzione

Problema n. 2 Si considerino le lunghezze seguenti: a + 2x, a x, 2a x, (1)

50

Esame 2002: quesito 1


dove a ` e una lunghezza nota non nulla ed x ` e una lunghezza incognita. a) Determinare per quali valori di x le lunghezze (1) si possono considerare quelle dei lati di un triangolo non degenere. b) Stabilire se, fra i triangoli non degeneri i cui lati hanno le lunghezze (1), ne esiste uno di area massima o minima. c) Vericato che per x = a/4 le (1) rappresentano le lunghezze dei lati di un triangolo, descriverne la costruzione geometrica con riga e compasso e stabilire se si tratta di un triangolo rettangolo, acutangolo o ottusangolo. d) Indicato con ABC il triangolo di cui al precedente punto c), in modo che BC sia il lato maggiore, si conduca per A la retta perpendicolare al piano del triangolo e si prenda su di essa un punto D tale che AD sia lungo a: calcolare un valore approssimato a meno di un grado (sessagesimale) dellampiezza dellangolo formato dai due piani DBC e ABC . Soluzione

Questionario

1. Il rapporto fra la base maggiore e la base minore di un trapezio isoscele ` e 4. Stabilire, fornendone ampia spiegazione, se si pu` o determinare il valore del rapporto tra i volumi dei solidi ottenuti facendo ruotare il trapezio di un giro completo dapprima intorno alla base maggiore e poi intorno alla base minore o se i dati a disposizione sono insucienti. Soluzione

2. Due tetraedri regolari hanno rispettivamente aree totali A e A e volumi V e V . Si sa che A /A = 2. Calcolare il valore del rapporto V /V . Soluzione

3. Considerati i numeri reali a, b, c, d comunque scelti se a > b e c > d allora: a) a + d > b + c; b) a d > b c; c) ad > bc; d)
a d b >c .

Esame 2002: quesito 8

51

Una sola alternativa ` e corretta: individuarla e motivare esaurientemente la risposta. Soluzione

4. Si consideri la seguente proposizione: La media aritmetica di due numeri reali positivi, comunque scelti, ` e maggiore della loro media geometrica. Dire se ` e vera o falsa e motivare esaurientemente la risposta. Soluzione

5. Determinare, se esistono, i numeri a, b in modo che la seguente relazione: x2 sia unidentit` a. 1 a b = + 2x 3 x3 x+1 Soluzione

6. Si consideri la funzione f (x) = (2x 1)7 (4 2x)5 . Stabilire se ammette massimo o minimo assoluti nellintervallo
1 2

x 2. Soluzione

7. Calcolare la derivata, rispetto ad x, della funzione f (x) tale che:


x+1

f (x) =
x

ln t dt,

con

x > 0. Soluzione

8. La funzione reale di variabile reale f (x) ` e continua nellintervallo chiuso e limitato [1, 3] e derivabile nellintervallo aperto (1, 3). Si sa che f (1) = 1 e inoltre 0 f (x) 2 per ogni x dellintervallo (1, 3). Spiegare in maniera esauriente perch e risulta 1 f (3) 5. Soluzione

52

Esame 2002: quesito 9

9. In un piano, riferito ad un sistema di assi cartesiani (Oxy ), ` e assegnato il luogo geometrico dei punti che soddisfano alla seguente equazione: y= Tale luogo ` e costituito da: a) un punto; b) due punti; c) inniti punti; d) nessun punto. Una sola alternativa ` e corretta: individuarla e fornire unesauriente spiegazione della risposta. Soluzione x2 1 + 1 x2 .

10. La funzione reale di variabile reale f (x), continua per ogni x, ` e tale che:
2 6

f (x) dx = a,
0 0

f (x) dx = b,

dove a e b sono numeri reali. Determinare, se esistono, i valori a, b per cui risulta:
3 3

f (2x) dx = ln 2
0

e
1

f (2x) dx = ln 4. Soluzione

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) a) Assegnata la curva k di equazione k:y= x2 + 2 x3 + 2

conviene esplicitare innanzitutto il suo dominio D , denito condizione dallunica x3 + 2 = 0. Questa implica x3 = 2 dalla quale x = 3 2 = 3 2. Pertanto D = R { 3 2}. Per determinare i valori appartenenti al semipiano delle ordinate positive (y > 0) va perci` o risolta la disequazione y>0 x2 + 2 >0 x3 + 2 = x3 + 2 > 0 = x3 > 2.

Esame 2002: problema 1

53

Essendo la radice di indice dispari si pu` o estrarre la radice cubica di entrambi i membri ed ottenere x > 3 2. Analogamente la condizione y < 0 comporta x3 + 2 < 0 ossia x3 < 2 e quindi 3 x < 2. b) Il passaggio per O implica che sia c = 0 per lequazione rappresentativa della parabola : y = ax2 + bx + c richiesta dal testo. Poich e passa pure per il punto di k di ascissa 1, la relativa ordinata si ottiene calcolando f (1) = (1)2 + 2 = 3. (1)3 + 2

Deniamo quindi il punto comune alle due curve come A(1, 3). Questo punto dovr` a appartenere a e questultima, in A, dovr` a incidere perpendicolarmente a k come esemplicato dalla g. 1.

Fig. 1. Esempio di incidenza ortogonale di due curve.

Pertanto, come seconda condizione, i coecienti angolari delle rette tangenti a ciascuna curva dovranno soddisfare alla condizione di perpendicolarit` a nel punto A. Ne segue per le derivate y = D (ax2 + bx) = 2ax + b e in x = 1 si ha y (1) = 2a + b. La derivata della funzione k risulta f (x) = 2x(x3 + 2) 3x2 (x2 + 2) 2x4 + 4x 3x4 6x2 x(x3 6x + 4) = = (x3 + 2)2 (x3 + 2)2 (x3 + 2)2

e poich e f (1) = 1(1 + 6 + 4) = 11 la condizione di perpendicolarit` a si scrive

54 1 f (1)

Esame 2002: problema 1


y (1) = 1 . 11

cio` e

2a + b =

Laltra condizione, come detto, ` e connessa allappartenenza di A alla parabola , 3 = a(1)2 + b(1) per cui dalla loro applicazione discende il sistema 3=ab 2a + b =
1 . 11

Si deducono facilmente i valori a = 34/11 e b = 67/11 ossia lequazione della parabola richiesta ` e :y= 34 2 67 x x. 11 11

c) La retta tangente a k in A si calcola immediatamente sfruttando lespressione generale che fornisce lequazione della tangente nel punto (x0 , f (x0 )) alla curva di equazione y = f (x) y f (x0 ) = f (x0 )(x x0 ). Nel nostro caso risulta t : y f (1) = f (1)(x + 1) = y 3 = 11(x + 1) y = 11x 8.

Per ricercare eventuali altri punti di intersezione tra k e la tangente t vanno studiate le possibili soluzioni del sistema y = 11x 8 x2 + 2 y= 3 x +2 non dimenticando che, essendo le due curve tangenti in A una con laltra, tale sistema dovr` a presentare a) la soluzione x = 1, b) tale soluzione dovr` a avere molteplicit` a almeno pari a 2. Pertanto lequazione risolvente 11x 8 = x2 + 2 x3 + 2 = (x3 + 2)(11x 8) = x2 + 2

e che si pu` o riscrivere come 11x4 + 8x3 + x2 + 22x + 18 = 0, deve presentare la radice x = 1 per due volte. Applicando quindi, per due volte, la divisione con il metodo di Runi si ha: 11 1 11 8 11 3 1 3 4 22 4 18 18 18 0

Esame 2002: problema 1

55

cio` e (x 1)(11x3 3x2 + 4x + 18). Riapplicandolo al secondo polinomio fattore 11 1 11 3 11 14 4 14 18 18 18 0

otteniamo la seguente scomposizione per lequazione risolvente (x 1)2 (11x2 14x + 18) = 0. Uguagliato a zero il secondo fattore = 72 11 18 = 149 < 0 4 per cui non vi possono essere altre soluzioni reali del sistema iniziale. Ci` o signica, in denitiva, che la retta tangente non incontra ulteriormente la curva k in punti distinti da A. 11x2 14x + 18 = 0 questo possiede d) Per rispondere al quesito ` e suciente studiare le soluzioni dellequazione f (x) = 0 in quanto linterpretazione geometrica della derivata di una funzione aerma che questultima rappresenta il coeciente angolare della retta tangente e dalla geometria analitica si conosce che una retta orizzontale possiede coeciente angolare nullo. Ne segue esplicitamente lequazione f (x) = x(x3 6x + 4) =0 (x3 + 2)2

dalla quale abbiamo x(x3 6x + 4) = 0. Questa ` e risolta innanzitutto da x = 0 mentre per gli eventuali valori non nulli potranno discendere dalla x3 6x + 4 = 0. Poich e il tentativo che sfrutta, come possibili radici, i divisori del termine noto 4 ossia 1, 2, 4, non conduce ad alcun risultato in quanto i resti della divisione secondo il metodo di Runi sono tutti diversi da zero, converr` a ricercare le possibili soluzioni aiutandosi con un approccio graco. Pertanto riscritta lequazione nella forma x3 = 6x + 4 possiamo interpretare la ricerca delle sue soluzioni come equivalente alla ricerca delle intersezioni tra le curve del seguente sistema y = x3 y = 6x + 4. La prima equazione rappresenta la parabola cubica pi` u semplice mentre la seconda una retta di coeciente angolare negativo e termine noto positivo. La rappresentazione graca, per entrambe, ` e immediata e viene riportata in g. 2. Dallanalisi dei loro graci discende lesistenza di unaltra soluzione reale positiva . Poich e 6x + 4 = 0 per x = 2/3, la radice soddisfa alle disuguaglianze

56
y = 6x + 4

Esame 2002: problema 2

y = x3

Fig. 2. Graci di y = x3 e y = 6x + 4.

0 < < 2/3. In denitiva la curva k possiede due punti a tangente orizzontale corrispondenti alle ascisse x = 0 e x = . e) Le ipotesi del teorema di Lagrange o del valor medio sono 1) la funzione di equazione y = f (x) devessere denita e continua [a, b] e 2) derivabile in ]a, b[ In tali ipotesi il teorema assicura c ]a, b[ tale che f (c) = f (b) f (a) . ba

Poich e lunico valore dove la funzione k non ` e denita ` e x = 3 2 si tratta innanzitutto di assicurarci che questo valore non sia interno allintervallo [ 2, 0] 3 2 < 2. Moltiplicando entrambi i membri proposto dal testo cio` e che sia per 1 ne segue 3 2 > 2 ed elevando a potenza 6 si ha 4 > 8. Data levidente falsit` a di questultima disuguaglianza risulta che 3 2 ] 2, 0[ per cui non ` e soddisfatta la prima ipotesi del teorema: il teorema di Lagrange non ` e perci` o applicabile. Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) a) Poniamo l1 = a + 2x, l2 = a x, l3 = 2a x con il parametro a e la variabile x che potranno assumere qualsiasi valore positivo (a > 0 e x > 0). Difatti il testo introduce queste grandezze come delle (misure di) lunghezze ossia come grandezze che comunemente sono denite positive. Anch e l1 , l2 e l3 possano essere le misure delle lunghezze dei lati di un triangolo non degenere, cio` e di un triangolo che non degeneri in un punto o in un segmento, dovr` a essere innanzitutto

Esame 2002: problema 2


l1 > 0 l2 > 0 l3 > 0

57

(1)

Soddisfatto questo sistema, per i lati di un triangolo qualsiasi deve valere la disuguaglianza triangolare in conseguenza della quale la somma delle lunghezze di due lati devessere maggiore o uguale al terzo. Viceversa, non sarebbe possibile costruire il triangolo: si pensi ad esempio a segmenti di lunghezze pari a 10, 1, 2. Con tale terna non si potr` a certo costruire un triangolo in quanto 2 + 1 < 10. Poich e la disuguaglianza triangolare deve valere per qualsiasi permutazione dei tre lati di un triangolo ossia * l1 + l2 > l3 l2 + l3 > l1 l3 + l1 > l2 ,

le ulteriori condizioni da aggiungere alle precedenti sono (a + 2x) + (a x) > 2a x (a x) + (2a x) > a + 2x (2a x) + (a + 2x) > a x. x > a/2 x<a x < 2a x>0
2a

(2)

Dal sistema (1) discende a + 2x > 0 ax>0 2a x > 0 x>0


a/2 0

Supposto come detto, a > 0, il sistema ` e risolto dai valori dellintervallo 0 < x < a (g. 1).
a

Fig. 1.

Il sistema (2) ammette invece le soluzioni 2a + x > 2a x 3a 2x > a + 2x 3a + x > a x = 2x > 0 4x > 2a 2x > 2a = x>0 x < a/2 x > a

* Ringrazio lo studente Daniele Angella per avermi fatto notare un errore sfuggitomi nella prima stesura del testo di questa soluzione.

58
a 0 a/2

Esame 2002: problema 2

Fig. 2.

da cui 0 < x < a/2 (g. 2). In denitiva perch e sussista un triangolo non degenere le condizioni a carattere geometrico implicano che devessere a > 0 e 0 < x < a/2. b) Per determinare gli estremi dellarea del triangolo, dovremo esprimere larea in funzione della variabile x. Poich e i lati sono assegnati, conviene rifarsi alla formula di Erone che fornisce larea in base alla lunghezza dei lati e del semiperimetro p A= 2p = l1 + l2 + l3 p(p l1 )(p l2 )(p l3 ). 2p = (a + 2x) + (a x) + (2a x) = 4a.

Risulta

Notiamo inoltre che la positivit` a dei fattori coinvolti nel radicando della formula di Erone ` e assicurata dalla disuguaglianza triangolare. Difatti il termine p l1 , per esempio, si riscrive come l1 + l2 + l3 l1 2 l1 + l2 + l3 2l1 = 2 l2 + l3 l1 = 2 e dato che sussiste la disuguaglianza l2 + l3 > l1 tale termine risulta certamente positivo. Analogamente per gli altri fattori. Abbiamo pertanto p l1 = 2a(2a a 2x)(2a a + x)(2a 2a + x) a x 0, = 2ax(a 2x)(a + x) . 2 Per individuare gli estremi di A(x) calcoliamone la derivata e il relativo segno. A (x) = 2a(a 2x)(a + x) + 2ax(2)(a + x) + 2ax(a 2x) 2 2ax(a 2x)(a + x) a = (a2 + ax 2ax 2x2 2ax 2x2 + ax 2x2 ) ( ) a(6x2 2ax + a2 ) 2ax(a 2x)(a + x) A(x) =

Esame 2002: problema 2

59

e, dopo aver posto x1 = a

Posto A (x) 0 otteniamo lequazione 6x2 2ax + a2 0: essendo le radici dellequazione associata a a2 + 6a2 x1,2 = 6 1 6 7 1 + 6 7

0,60a
0 x2 Fig. 3.

x2 = a

0,27a,

a/2

le soluzioni della disequazione risultano espresse dalle condizioni x1 x x2 , intervallo che va intersecato con le condizioni di esistenza gi` a discusse. Il graco del segno della derivata prima ` e riassunto dalla g. 3 che mette in luce come in corrispondenza di x2 larea assuma valore massimo. Fra i triangoli studiati ne esiste pertanto solo uno di area massima mentre, poich e lintervallo di variabilit` a della x ` e aperto, non vi possono essere minimi. Lestremo inferiore di A(x) risulta invece lo zero essendo
x0+

lim A(x) = 0.
a 2 1 =3 a, l2 = a 4 a= 3 a, l3 = 2a 2 4 a 4

c) Se x = poich e

a 4

discende che l1 = a +

=7 ae 4

3 3 7 a + a > a, 2 4 4 esiste certamente il triangolo annunciato dal testo. 7 Per costruirlo ` e suciente tracciare il segmento di lunghezza BC = 4 a (g. 4) e quindi, tramite il compasso, tracciare due circonferenze di centro B e C e di 3 ae 3 a. raggio rispettivamente pari a 2 4 I loro punti di intersezione, simmetrici rispetto al segmento di partenza, deniscono il terzo vertice, per esempio A in gura, del triangolo. Per stabilire il valore dellangolo corrispondente a questo terzo vertice, BAC , applichiamo il teorema di Carnot in quanto sono noti tutti e tre i lati di BAC . Ne segue l1 + l2 > l3 in quanto BC = BA + CA 2BA CA cos BAC
2 2 2

60
A
3 a 2

Esame 2002: problema 2

C
3 a 4

Fig. 4. Costruzione del triangolo.

che diventa 7 a 4 Si ottiene quindi 4 2 9 a = a2 cos BAC 16 4 = cos BAC = 1 9


2

3 a 2

3 a 4

3 a 2

3 a cos BAC 4

per cui, passando allinversa del coseno (angoli maggiori di , ovviamente, non vanno considerati) BAC = arccos Essendo BAC >
2

1 9

96 .

il BAC ` e ottusangolo.

e quello formato dalla perpendicolare a BC d) Posto AD = a, langolo richiesto ` condotta da D nel punto H e dal segmento AH , altezza di ABC rispetto alla e suciente trovare AH e quindi risolvere base BC (g. 5). Per determinarlo ` lequazione tg AHD = AD AH (3)

nellincognita = AHD . Analogamente a quanto fatto nel punto precedente per langolo BAC , determineremo con il teorema di Carnot = ABC e di conseguenza la misura dellaltezza AH . Pertanto AC = AB + BC 2AB BC cos
3 7 a e BC = 4 a si ottiene dalla quale, ricordando che AB = 2 2 2 2

Esame 2002: problema 2


D

61

A H

B Fig. 5. Piramide retta

3 a 4 cio` e

3 a 2

7 a 4

3 a 2

7 a cos 4

9 2 9 49 21 a = a2 + a2 a2 cos 16 4 16 4

21 76 cos = 4 16

cos =

76 . 84

Per le relazioni goniometriche intercorrenti tra cateti e ipotenusa in un triangolo rettangolo sia ha che AH = AB sen = = 3 a 2 1 3 a 2
2

1 cos2 = 3 a 2
a 7

76 84

1280 842 20 =
2a 7

e, dopo le opportune semplicazioni, si ha AH = inne la (3) deduciamo

5. Riprendendo

62 AD =a: AH 2a 5 7

Esame 2002: quesito 1


7 tg = 2 5

tg =

ossia = arctg 7105 57,42 che, a meno di un grado come richiesto dal testo, diviene 57 . Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito)
D C A B

Fig. 1. I due solidi di rotazione.

Le due situazioni sono rappresentate nella g. 1. Si conosce che AB = 4 CD . Posto quindi, per semplicit` a di scrittura, CD = x e DH = y esprimiamo in termini di queste variabili (ovviamente positive) il volume di ciascuno dei due solidi di rotazione proposti dal testo. Nel primo caso il volume si esprime come V1 = 2 V (cono AD D ) + V (cilindro DD C C ) =2 1 2 AH DH 3 + DH HK
2

mentre nel secondo diviene V2 = V (cilindro ABB A ) 2 V (cono ADA ) = DH AB 2


2

1 2 AH DH 3

Per determinare le altezze dei due coni ` e suciente, in entrambi i casi, notare che AH = 1 3 1 AB CD = (4x x) = x 2 2 2

Esame 2002: quesito 2


e che HK = CD. Ne segue che 1 3 x y 2 + y 2 x = y 2 x + y 2 x = 2y 2 x 3 2 1 3 x y 2 = 4y 2 x y 2 x = 3y 2 x V2 = y 2 (4x) 2 3 2 V1 = 2 Il loro rapporto ` e allora 2y 2 x 2 V1 = = . V2 3y 2 x 3 Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito)

63

Il tetraedro ` e un poliedro con quattro facce equilatere. Difatti le facce di questo poliedro (assieme al cubo, allottaedro, al dodecaedro e allicosaedro, uno dei cinque poliedri regolari o platonici) sono costituite da quattro triangoli equilateri o quindi essere considerato come una piramide congruenti (g. 1). Il tetraedro pu` regolare retta avente per base un triangolo equilatero. Sia l il lato dei quattro triangoli equilateri e calcoliamone larea totale e il volume. Posta pari ad At larea di un triangolo equilatero di lato l, ` e immediato determinare larea totale A = 4 At = 4 3 1 ll 2 2 =4 3 2 2 l = 3l . 4

Lespressione ottenuta mostra quanto ci si poteva aspettare senza un calcolo esplicito e cio` e come larea sia proporzionale al quadrato del lato l. Ci aspettiamo quindi che pure per il volume esista una analoga proporzionalit` a ovviamente, per ragioni dimensionali, con l3 . Difatti laltezza del tetraedro rispetto alla base si pu` o dedurre considerando il triangolo di vertici V BA (g. 1) dove B rappresenta il piede dellaltezza alla base nonch e baricentro di questultima. Ricordando che questo punto divide la mediana, che in un triangolo equilatero coincide con laltezza, in parti una doppia 1 3 2 l da cui, per il teorema di Pitagora, dellaltra, abbiamo che AB = 3 2 l = 3 VB = Il volume che ne discende ` e 1 1 3 2 V = At V B = l l 3 3 4 1 3 2 2l , = 3 12 V A AB =
2 2

1 l2 l2 = l 3

2 . 3

64
V

Esame 2002: quesito 3

Fig. 1. Tetraedro.

espressione che conferma le aspettative di proporzionalit` a con l3 . Poich e il testo del quesito pone il rapporto tra le aree di due tetraedri pari a A /A = 2, per quanto dimostrato sopra devessere A =2 A = (l )2 =2 (l )2 = l = 2. l

In denitiva il rapporto tra volumi ` e pertanto V (l )3 = 3 = V (l ) l l


3

= ( 2)3 = 2 2.

Evidentemente si poteva arrivare al medesimo risultato semplicemente supponendo le proporzionalit` a A l2 V l3 ,

evitando cos` la dimostrazione esplicita delle espressioni dellarea totale A e del volume V del tetraedro. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Se, per ipotesi, ` e a>b c>d segue pure a > b c < d, avendo moltiplicato per 1 la seconda disuguaglianza. Leggendo la c < d da destra verso sinistra e riscritte le precedenti come a > b d > c, a, b, c, d R,

Esame 2002: quesito 5

65

si pu` o, in base alle propriet` a fondamentali delle disuguaglianze tra numeri reali, sommare membro a membro e ottenere a + (d) > b + (c) = ad>bc

che evidenzia come la risposta corretta sia la b). Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Ricordato che le medie aritmetica e geometrica di due numeri sono, rispettivamente date da x1 + x2 x1 x2 , media geometrica 2 supponiamo coerentemente con laermazione riportata nel quesito, che sia media aritmetica: x1 + x2 > x1 x2 2 x1 > 0 x2 > 0.

Essendo entrambi i membri della prima disuguaglianza positivi, possiamo elevare al quadrato ed ottenere (x1 + x2 )2 > x1 x2 4 ossia
2 x2 o riscrivere come 1 + x2 2x1 x2 > 0 che si pu` 2 dalla quale x2 1 + x2 + 2x1 x2 > 4x1 x2

(x1 x2 )2 > 0.

Ora questultima, nel caso che sia x1 = x2 , pu` o pure essere nulla diversamente da quanto supposto inizialmente. Pertanto laermazione del quesito ` e falsa mentre lenunciato corretto ` e che la media aritmetica di due numeri reali positivi, comunque scelti, ` e maggiore o uguale della loro media geometrica. Si veda per unulteriore dimostrazione la discussione del quesito 1 assegnato nei corsi sperimentali PNI. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Dobbiamo determinare due numeri a e b in modo che la relazione 1 a b = + 2x 3 x3 x+1 sia unidentit` a cio` e valga per ogni x appartenente al dominio dellespressione a primo membro ossia x2 2x 3 = 0. Questa implica che sia x = 1 e x = 3. In tali ipotesi, possiamo moltiplicare entrambi i membri per il minimo comune denominatore (x 3)(x + 1) = x2 2x 3 ottenendo x2

66

Esame 2002: quesito 6


1 = a(x + 1) + b(x 3) = 1 = x(a + b) + (a 3b).

Abbiamo in tal modo ricondotto lespressione iniziale alluguaglianza di due polinomi. Essendo questi ridotti a forma normale, il principio di identit` a dei polinomi assicura che due polinomi sono identici se i coecienti delle potenze dello stesso grado sono uguali. Ne segue che devessere a+b=0 a = b a 3b = 1 b 3b = 1 In denitiva, otteniamo facilmente che la relazione di partenza ` e unidentit` a se a = 1/4 e b = 1/4. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Poich e la funzione f (x) = (2x 1)7 (4 2x)5 sviluppata si riduce ad un polinomio di 12 grado, sappiamo che i polinomi rappresentano funzioni continue in tutto R e quindi pure nellintervallo chiuso 1 2 x 2. La funzione rientra nelle ipotesi del teorema di Weierstrass, ogni funzione continua su un insieme chiuso e limitato ` e limitata e assume un valore massimo e minimo assoluti : pertanto la f ammette certamente un massimo e un minimo assoluti. 1 , il primo In modo solo leggermente diverso, possiamo notare che essendo x 2 1 7 fattore risulta (2x 1) 0, annullandosi per x = 2 . Analogamente (4 2x)5 0 per x 2, annullandosi in x = 2. La funzione f , nellintervallo assegnato, appare il prodotto di due fattori positivi in tutti i punti distinti dagli estremi dellintervallo, dove si annulla. Il minimo non potr` a che essere lo zero raggiunto negli estremi mentre il massimo, la cui esistenza ` e, ancora, assicurata dal teorema di Weierstrass, si avr` a in corrispondenza di (almeno) un punto interno. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) La funzione f di variabile reale x, ` e rappresentata dallintegrale denito
x+1

f (x) =
x

ln t dt,

x > 0,

dove la variabile indipendente appare negli estremi di integrazione. Se a ` e una qualsiasi costante positiva, per laddivit` a dellintegrazione denita, lintegrale originario si pu` o riscrivere
x+1 a x+1 a x x+1

f (x) =
x

ln t dt =
x

ln t dt +

ln t dt =

ln t dt +
a a

ln t dt,

dove si ` e pure applicata la propriet` a dello scambio degli estremi di integrazione e le sue conseguenze sul segno dellintegrale.

Esame 2002: quesito 8

67

Poich e, per il teorema di TorricelliBarrow, la derivata della funzione integrale risulta essere la funzione integranda calcolata nellestremo superiore dellintegrale supposto costante lestremo inferiore, la derivata di f (x) risulta
x x+1

D [f (x)] = D = D

ln t dt +
a x a

ln t dt
x+1

ln t dt + D
a a

ln t dt x+1 x .

= ln x + ln(x + 1) = ln

In alternativa a quanto sopra, si poteva giungere allo stesso risultato anche con la risoluzione esplicita dellintegrale. Applicando a questultimo il metodo di integrazione per parti con ln x come fattore nito, si ha ln t dt = t ln t Pertanto la f (x) diviene f (x) = [t ln t t + cost.]x
x+1

1 t dt = t ln t dt = t ln t t + cost. t

= (x + 1) ln(x + 1) (x + 1) (x ln x x) = (x + 1) ln(x + 1) x ln x 1, x+1 x

e la sua derivazione conduce facilmente al medesimo risultato f (x) = ln(x + 1) ln x = ln Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Poich e per ipotesi la funzione f (x) ` e continua nellintervallo chiuso [1, 3] e derivabile nei suoi punti interni (1, 3) (oppure ]1, 3[), ad essa risulta applicabile il teorema di Lagrange (o del valor medio) che assicura lesistenza di (almeno) un punto c (1, 3) tale f (3) f (1) = f (c) 31 1 < c < 3. .

Dalle ulteriori due ipotesi f (1) = 1 e 0 f (x) 2 per ogni x di (1, 3) discende 0 dalla quale si ricava subito f (3) 1 2 31

68

Esame 2002: quesito 9


0 f (3) 1 4 = 1 f (3) 5

come volevasi dimostrare. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Per poter individuare il luogo rappresentato dallequazione y= x2 1 + 1 x2

va innanzitutto denito il dominio ponendo le condizioni di esistenza delle due radici quadrate x2 1 0 1 x2 0. Dato che la seconda equivale alla x2 1 0, le uniche soluzioni del sistema si hanno quando x2 1 = 0 ossia in corrispondenza di x = 1 dove risulta pure y = 0. Il luogo cercato ` e pertanto individuato dai soli due punti A(1, 0) e B (1, 0) e la risposta corretta ` e la b). Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) La continuit` a della funzione reale di variabile reale f (x) in R assicura lesistenza dei due integrali deniti
2 6

f (x) dx = a
0 0

f (x) dx = b.

Volendo determinare a e/o b e supposta la validit` a di


3 3

f (2x) dx = ln 2
0 1

f (2x) dx = ln 4,

si cercher` a di esprimere i primi membri in funzione degli integrali incogniti a e b. Partendo dal primo di questi due integrali, cambiamo variabile di integrazione ponendo 2x = t. Ne discende x= t 2 dx = 1 dt, 2

mentre gli estremi diventano, se x = 0, t = 0 e se x = 3, t = 6. Lintegrale si pu` o riscrivere come


3 6

f (2x) dx =
0 0

f (t)

dt = ln 2 2

1 2

f (t) dt = ln 2.
0

Esame 2002: quesito 10

69

Considerando che la variabile t ` e muta, a primo membro ` e possibile riconoscere lintegrale incognito b. Ne segue 1 b = ln 2 e quindi ottenere il valore b = 2 ln 2. 2 Procediamo nello stesso modo riscrivendo lintegrale a primo membro di
3

f (2x) dx = ln 4
1

in termini di a e/o b. Con la medesima sostituzione 2x = t, gli estremi diventano, se x = 1, t = 2, se x = 3, t = 6, cosicch e


3 6

f (2x) dx =
1 2

f (t)

1 dt = ln 4. 2

Utilizzando la propriet` a di addittivit` a dellintegrale denito, considerando lo zero come terzo estremo di integrazione, luguaglianza precedente si riscrive 1 2
6

f (t) dt =
2

1 2

f (t) dt +
2 0

f (t) dt = ln 4

che, scambiati gli estremi di integrazione nel primo addendo, implica 1 2


2

f (t) dt +
0

1 2

f (t) dt = ln 4.
0

Per le posizioni iniziali e il risultato gi` a ottenuto, questa equazione diviene 1 1 a + b = ln 4 2 2 da cui 1 1 4 a = ln 4 ln 2 = a = ln = a = 2 ln 2. 2 2 2 Gli integrali incogniti quindi esistono e valgono rispettivamente a = 2 ln 2 e b = 2 ln 2. = 1 1 a + (2 ln 2) = ln 4 2 2

ESAME 2002 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario.

Problema n. 1 Due numeri x e y hanno somma e quoziente uguali ad un numero reale a non nullo. Riferito il piano ad un sistema S di coordinate cartesiane ortogonali e monometriche (x, y ): 1. si interpreti e discuta il problema gracamente al variare di a; 2. si trovi lequazione cartesiana del luogo dei punti P (x, y ) che soddisfano al problema; 3. si rappresentino in S sia la curva che la curva simmetrica di rispetto alla bisettrice del I e del III quadrante; 4. si determini larea della regione nita di piano del primo quadrante delimitata da e da e se ne dia unapprossimazione applicando uno dei metodi numerici studiati; 5. si calcoli y nel caso che x sia uguale a 1 e si colga la particolarit` a del risultato. Soluzione

Problema n. 2 I raggi OA = OB = 1 metro tagliano il cerchio di centro O in due settori circolari, ciascuno dei quali costituisce lo sviluppo della supercie laterale di un cono circolare retto. Si chiede di determinare: 1) il settore circolare (arco, ampiezza e rapporto percentuale con il cerchio) al quale corrisponde il cono C di volume massimo, il valore V di tale volume

Esame 2002 PNI: quesito 5


massimo e il valore V assunto in questo caso dal volume del secondo cono C ; 2) la capacit` a complessiva, espressa in litri, di C e di C ; 3) unapprossimazione della misura, in gradi sessagesimali, dellangolo di apertura del cono C , specicando il metodo numerico che si utilizza per ottenerla. Soluzione

71

Questionario

1. Se a e b sono numeri positivi assegnati quale ` e la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due ` e pi` u grande? E perch e? Come si generalizzano tali medie se i numeri assegnati sono n? Soluzione

2. Il seguente ` e uno dei celebri problemi del Cavaliere di M er e (16101685), amico di Blaise Pascal : giocando a dadi ` e pi` u probabile ottenere almeno una volta 1 con 4 lanci di un solo dado, oppure almeno un doppio 1 con 24 lanci di due dadi? Soluzione

3. Assumendo che i risultati X, 1, 2 delle 13 partite del Totocalcio siano equiprobabili, calcolare la probabilit` a che tutte le partite, eccetto una, terminino in parit` a. Soluzione

4. Calcolare

3n . n n! lim Soluzione

5. Cosa si intende per funzione periodica? Quale ` e il periodo di f (x) = ? Quale quello di sen 2 x ? sen x 3 Soluzione

72

Esame 2002 PNI: quesito 6


6. Utilizzando il teorema di Rolle, si verichi che il polinomio xn + px + q (p, q R), se n ` e pari ha al pi` u due radici reali, se n ` e dispari ha al pi` u tre radici reali. Soluzione

7. Data la funzione f (x) = ex sen x 3x calcolarne i limiti per x tendente a + e e provare che esiste un numero reale con 0 < < 1 in cui la funzione si annulla. Soluzione

8. Vericare che la funzione 3x + log x ` e strettamente crescente. Detta g la funzione inversa, calcolare g (3). Soluzione
x

9. Trovare f (4) sapendo che


0

f (t) dt = x cos x. Soluzione

10. Spiegare, con esempi appropriati, la dierenza tra omotetia e similitudine nel piano. Soluzione

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. Le ipotesi date dal testo si traducono facilmente nelle equazioni x+y =a x =a y a R0 .

(1)

Evidentemente lesistenza del rapporto implica che sia y = 0 mentre lultima condizione (a = 0) comporta pure x = 0. In sostanza la coppia di valori reali (0, 0) non ` e soluzione del sistema iniziale. Chiarito ci` o possiamo riscrivere il sistema iniziale come

Esame 2002 PNI: problema 1


y = x + a 1 y= a x x, y, a R0 ,

73

(2)

che si pu` o interpretare gracamente nel sistema S come equivalente alla ricerca delle intersezioni di 1. un fascio di rette parallele (fascio improprio) di coeciente angolare 1 e termine noto a, con 1 2. un secondo fascio proprio con centro lorigine di S e coeciente angolare a . Le condizioni poste implicano che dal fascio improprio sia esclusa la retta passante per lorigine mentre in quello proprio ` e escluso lasse delle ordinate. Possiamo ora discutere il problema trattando le diverse situazioni che si possono presentare. Se a assume valori positivi esiste comunque una intersezione tra i due fasci appartenente al primo quadrante e se a + il punto di intersezione tende ad allontanarsi dallorigine (g. 1).

a = 1/2 a=2

(0, 1)

Fig. 1. Situazioni corrispondenti ad a = 2 e a = 1/2.

Per 1 < a < 0 il problema presenta ancora una soluzione rappresentata da un punto del IV quadrante che, al tendere di a a 1, possiede coordinate che assumono gli andamenti x + e y . Questo comportamento discende 1 dal fatto che la retta di equazione y = a x (in rosso nelle gg. 1, 2) tende a divenire parallela allaltra quando a 1+ . Se a = 1 invece non vi possono essere punti di intersezione essendo le due rette parallele (g. 2). Il sistema non ammette quindi soluzione. Inne se a < 1 (g. 2) il problema possiede ancora una soluzione rappresentata da un punto nel II quadrante. Ancora, se a 1 , risulta x e y +. In denitiva il sistema (2) ammette una ed una sola soluzione per a R {0, 1}. o pure interpretare come la rappresenta2. Notato che il sistema iniziale (1) si pu` zione parametrica del luogo dei punti P (x, y ), lequazione cartesiana di questo

74

Esame 2002 PNI: problema 1

a = 1

a = 3/2

(0, 1)

(0, 1)

Fig. 2. Situazioni corrispondenti ad a = 1 e a = 3/2.

luogo si determina eliminando il parametro a dal sistema. Pertanto, sostituendo a = x + y nella seconda equazione discende x = x+y y da cui lequazione richiesta : y 2 + xy x = 0, x, y = 0. (3)

Essendo di secondo grado in y e di primo in x conviene esplicitare questultima variabile ed ottenere per il luogo lespressione alternativa :x= y2 y = 0, 1. 1y (4)

3. Per ottenere lequazione della curva , simmetrica di rispetto alla bisettrice del I e III quadrante, ` e suciente applicare allequazione (4) la trasformazione : x = y y = x

che sostanzialmente scambia il ruolo delle variabili: si ottiene : y = x 2 . 1 x

Se abbandoniamo gli indici, lequazione si riscrive pi` u opportunamente come : y = x2 1x x = 0, 1.

Questultima ` e ora rappresentativa di una funzione di variabile reale per cui per studiarne il graco possiamo applicare i metodi dellanalisi. Determinato poi il

Esame 2002 PNI: problema 1

75

graco di possiamo ottenere, per simmetria, pure quello di . Va comunque osservato che lequazione (3) ` e un caso particolare dellequazione generale di una conica ax2 + bxy + cy 2 + dx + ey + f = 0. Poich e in riferimento a questa equazione, si hanno i seguenti tre casi: a. = b2 4ac < 0: ellisse; b. = b2 4ac = 0: parabola; c. = b2 4ac > 0: iperbole; possiamo prevedere che, avendo = 1 > 0, la curva rappresentativa di (e ) sar` a uniperbole. Studio del segno di . Tenendo presente che in mancanza della condizione x = 0 lequazione rappresentativa si annullerebbe, risulta per i restanti valori del dominio, y > 0 se 1 x > 0 cio` e se x < 1. I limiti nei punti singolari e agli estremi del dominio sono:
x0

lim y = 0 e

x1

lim y = ,

con limx1 1 x = 0 e limx1 x2 = 1 e


x

lim y = lim

x2 x x 1 +

1 x

= lim

x 1 +

1 x

= .

Dato questultimo risultato, la funzione pu` o quindi presentare un asintoto obliquo. Eseguita la divisione del polinomio x2 con 1 x si pu` o riscrivere, identicamente : y = 1 x2 = x 1 + 1x 1x

che mette in evidenza la sua parte asintotica x 1. Formalmente poi, discende che il coeciente angolare risulta m = lim
x

y 1 1 = lim 1 + = 1 x x x x(1 x) 1 = 1. 1x

mentre il termine noto possiede il valore


x

lim y (x) = lim 1 +


x

Lasintoto obliquo ` e pertanto espresso dallequazione a : y = x 1. Passando alla derivata prima si ottiene y = 1 + 1 x(2 x) = , 2 (1 x) (1 x)2

76
0 1 Fig. 3.

Esame 2002 PNI: problema 1


2

e la condizione y 0 comporta che sia 0 < x 2 con x = 1, cosicch e la monotonia della funzione ` e riassunta in g. 3. Il calcolo della y implica che sia y = 2 (1 x)3 risultando y > 0 se x < 1.

Il graco di e il suo simmetrico rispetto alla bisettrice del I e III quadrante sono a graca, non si sono rispettate riportati in g. 4 dove, per ragioni di opportunit` le condizioni di monometricit` a richieste dal testo.

y=1

x=1 Fig. 4. Graci di e in un sistema non isometrico.

Va notato che lorigine ` e un punto non appartenente ad entrambe le curve: inoltre lo scambio di x e y non modica lequazione dellasintoto a che pertanto risulta unito rispetto alla simmetria assiale . Lasintoto verticale di di equazione x = 1 (in blu nella g. 4) diventa invece un asintoto orizzontale y = 1 per (verde in g. 4). 4. Rappresentiamo la regione nita di piano delimitata da e in g. 5. Per

Esame 2002 PNI: problema 1

77

individuare il punto di intersezione A tra le due curve e distinto dallorigine, basta risolvere il sistema y= x2 1x y=x

in quanto A, dovendo appartenere sia a che a , deve essere unito rispetto 1 1 alla trasformazione assiale . Si ottiene facilmente che A 2 , 2 . Considerando ancora la simmetria rispetto alla retta bisettrice r : y = x, larea richiesta sar` a pari al doppio dellarea della regione limitata tra la bisettrice r e la curva (in giallo in g. 5).

1 1 , 2) A( 2

Fig. 5. Regione delimitata da e da .

Larea A ` e quindi espressa dallintegrale denito


1/2

A=2

x2 1x
1/2

dx

per cui, scomponendo la funzione integranda utilizzando la seconda forma per


1/2

A=2

x+x+1

1 1x

dx = 2
0

2x + 1 +

1 x1

dx,

lintegrazione si riduce ad integrali elementari e fornisce A = 2 x2 + x + ln |x 1|


1/2 0

3 2 ln 2 0,1137. 2

Il calcolo approssimato dellintegrale precedente si pu` o condurre indierentemente con uno dei due metodi elementari, quello dei rettangoli o quello dei trapezi (o di Bezout). Entrambi suddividono lintervallo di integrazione [a, b] in un numero n di intervallini di ampiezza uguale a h = (b a)/n, di estremi xi = h i + a

78

Esame 2002 PNI: problema 1

e quindi, nel primo caso si calcola la funzione nel punto medio xM,i delli-esimo intervallino, nel secondo invece la si calcola agli estremi. Inne larea totale ` e la somma delle aree dei rettangoli di dimensioni h e f (xi,M ) (metodo dei rettangoli) oppure dei trapezi di altezza h e basi f (xi ), f (xi+1 ). Ne risultano quindi le due formule A=h oppure h A= 2 = h 2
n 1 i=0 n 1 i=0 n 1 i=0

f (xM,i ) = h

n 1 i=0

f [a +

h (2i + 1)] 2

metodo dei rettangoli

[f (xi+1 ) + f (xi )] {f [h(i + 1) + a] + f (hi + a)} metodo dei trapezi

1 ] di amApplicheremo il primo metodo. Suddividiamo quindi lintervallo [0, 2 piezza 0,5 in 5 intervallini di ampiezza h = 0,1 e calcoliamo la funzione nei ,1 (2i + 1), i = 0 . . . 4. Si ottengono i valori punti medi xM,i = 02

xM,i f (xM,i )

0.05 0.00263

0.15 0.0265

0.25 0.083

0.35 0.188

0.45 0.368

e e la rappresentazione di g. 6. Il valore approssimato dellarea sottostante ` quindi dato dalla A = 0.1(0.00263 + 0.0265 + 0.083 + 0.188 + 0.368) = 0.0669.
0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

Fig. 6. Calcolo approssimato tramite la suddivisione in 5 intervalli.

Esame 2002 PNI: problema 1


Ne discende che la stima dellarea richiesta dal problema ` e As = 2 1 0.0669 8 = 0.1162,

79

1 essendo 8 larea del triangolo avente per base (e altezza) lintervallo di integrazione (in giallo nella g. 6). Pur non richiesto dal testo, forniamo per completezza, degli spezzoni di codice sorgente che implementano nel linguaggio procedurale Pascal il calcolo dellarea sia con il metodo dei rettangoli che con quello dei trapezi.

{*************************************************************************} {definisce la funzione integranda} FUNCTION FunzIntegranda(x: Real): Real; BEGIN FunzIntegranda:= x*x/(1-x); END; {*************************************************************************} {applica il metodo dei rettangoli} PROCEDURE SommaRettangoli( a,b : Real {IN}; n : Integer {IN}; VAR Area : Real {OUT}); VAR i: Integer; Ampiezza, Somma: Real; BEGIN Somma:=0.0; Ampiezza:=Abs(b-a)/n; FOR i:=0 TO n-1 DO BEGIN Somma:=Somma+FunzIntegranda(a+Ampiezza/2*(2*i+1)); END; Area:=Ampiezza*Somma; END; {**************************************************************************} {applica il metodo dei trapezi} PROCEDURE SommaTrapezi( a,b : Real {IN}; n : Integer {IN}; VAR Area : Real {OUT}); VAR i: Integer; Ampiezza, Somma: Real; BEGIN Somma:=0.0; Ampiezza:=Abs(b-a)/n; FOR i:=0 TO n-1 DO BEGIN Somma:=Somma + FunzIntegranda(Ampiezza*(i+1)+a)+FunzIntegranda(Ampiezza*i+a); END; Area:=(Ampiezza/2)*Somma;

80

Esame 2002 PNI: problema 2

END; {**************************************************************************}

5. Riprendendo lequazione (3) e posto in essa x = 1, le soluzioni di 1 5 2 . y + y 1 = 0 sono y1,2 = 2 Interpretati sul piano cartesiano questi valori costituiscono le ordinate dei due punti di intersezione di con la retta di equazione x = 1 (g. 4). Il punto 1+ 5 che ` e la sezione appartenente al primo quadrante possiede ordinata pari a 2 aurea dellascissa. Questo valore ` e inoltre il reciproco del numero aureo 1+2 5 che, a parte il segno, ` e pure lordinata dellaltro punto di intersezione. Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) e introdotto il La situazione proposta dal testo ` e riassunta nella gura 1 dove si ` parametro dimensionale a = 1 metro pari al raggio del cerchio, cosicch e nelle deduzioni successive si potranno controllare, anche dal punto di vista dimensionale, i risultati ottenuti.
B l1 = ax

l2 = a(2 x) Fig. 1. Settori circolari e grandezze che li caratterizzano.

Se i settori evidenziati sono gli sviluppi piani della supercie laterale di due coni C e C , signica che la lunghezza di ciascun arco che delimita il settore, si dovr` a interpretare come la lunghezza della circonferenza di base dei coni mentre il raggio a costituir` a lapotema di ciascuno. Detta quindi x = AOB lampiezza in radianti del primo settore, grandezza che evidentemente dovr` a soddisfare alle condizioni 0 x 2 , le lunghezze degli archi saranno l1 = ax e l2 = a(2 x). Ne segue che i raggi di base dei due coni saranno r1 = ax l1 = 2 2 r2 = l2 a = (2 x). 2 2

Esame 2002 PNI: problema 2


a h1

81

r1

Fig. 2. Cono circolare retto.

Essendo i coni retti (cio` e con le altezze che cadono nel centro del cerchio di base), le rispettive altezze si ottengono con il teorema di Pitagora (g. 2) h1 = h2 =
2 = a2 r1 2 = a2 r2

a2

ax 2

a 2

4 2 x2 4x x2 .
2

a a 4 2 (2 x)2 = 2 2 Il volume V del cono C ` e pertanto V=

1 a 1 ax 2 h1 (r1 )= 4 2 x2 3 3 2 2 a3 x2 4 2 x2 = 0 x 2, 24 2

(1)

mentre per C riesce (sostituiamo V con V1 onde non confondere con la derivata prima), 1 a3 0 x 2. (2) h2 (r2 )2 = (2 x)2 4x x2 3 24 2 Si tratta ora di determinare il valore di x in corrispondenza del quale si ottiene il volume V massimo. Dato che lespressione ottenuta non rappresenta una funzione elementare nota, calcoliamo la sua derivata prima e studiamone il segno V1 = V = a3 2x 2x 4 2 x2 + x2 24 2 2 4 2 x2 a3 2x(4 2 x2 ) x3 = 2 24 4 2 x2 2 3 x(8 3x2 ) a . = 24 2 4 2 x2

La condizione V 0 implica lo studio dei fattori x 0 e

82

Esame 2002 PNI: problema 2


2 x 2 3 2 . 3

8 2 3x2 0,

questultima risolta per

Ne segue il segno complessivo


0 2
2 3

Fig. 3.

che mette in luce la presenza di un massimo in corrispondenza di xM = 2 I primi dati richiesti dal testo sono perci` o: ampiezza: arco: xM = 2 2 3 2 metri. 3

2 . 3

l1 (max) = axM = 2

Per ottenere il rapporto percentuale tra le aree cio` e il valore A(sett.)/A(cerchio) dove larea del settore ` e data dallespressione A(sett.) = Risulta A(sett.) = A(cerchio)
1 2 2 a xM a2

1 2 a xM . 2

xM = 2

2 , 3

che in percentuale diviene A(settore)/A(cerchio) 100 81,65 %. Calcoliamo inne i volumi in corrispondenza di xM utilizzando le espressioni (1) e (2): si ha Vmax = 2 a3 4 2 2 24 3 2 2 1 2 3
2

4 2 4 2 2 3
2

2 2 = a3 0,4031 metri3 , 3 9 3 2 2 4 2 3 3 0,0347 metri3

a3 V1 = 24 2 a3 = 3

4 2 2 1 3 3

Esame 2002 PNI: problema 2

83

2. Per le capacit` a espresse in litri ` e suciente tener presente che 1 metro3 = 103 litri per cui V = 0,4031 metri3 = 403,1 litri

V1 = 0,0347 metri3 = 34,7 litri.

3. Langolo di apertura del cono C (g. 2) si deduce per mezzo della tangente goniometrica ` e espresso da tg = axM a r1 = : h1 2 2 4 2 x2 M,

da cui, introdotto il valore xM = 2 2 2 cio` e = arctg 2. 3 discende tg = Per ottenere una stima numerica di tale angolo possiamo, per esempio, ridurre il problema allapplicazione di uno dei metodi numerici arontati per la ricerca degli zeri di una funzione. Difatti posto f (x) = tg x 2 dobbiamo cercare un valore di , evidentemente positivo e minore di 90 tale che si abbia y = 0. Il metodo pi` u semplice ` e allora quello di bisezione che si fonda innanzitutto sullipotesi di continuit` a della funzione in un intervallo chiuso dove la funzione assume, agli estremi, valori di segno opposto. Si possono ovviamente applicare pure altri metodi come quello delle secanti o delle tangenti (o di Newton): tutti comunque richiedono di calcolare la funzione (e quindi la tangente) in punti di un certo intervallo. Nel nostro caso lintervallo iniziale contenente emerge immediatamente in quanto risulta f (45 ) = 1 2 < 0 cos` come f (60 ) = 3 2 > 0.

Come prima approssimazione devessere 45 < < 60 . Procedendo con bisezione, calcoliamo poi la funzione nel punto medio di tale intervallo. Si ha f 45 + 60 2 = f (52,5 ) 1,3032 1,4142 < 0,

per cui in seconda approssimazione dovr` a essere 52,5 < < 60 . Procedendo ad una terza stima si ottiene: f 52,5 + 60 2 = f (56,25 ) 1,7221 < 0;

Ne segue che la terza approssimazione (e qui ci fermiamo) implica 56,25 < < 60 . Nel sistema sessagesimale risulta in denitiva 56 15 00 < < 60 .

84 Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2002 PNI: quesito 1

Dati due numeri positivi a e b la loro media aritmetica ` e a+b mentre quella geometrica risulta mg = a b. 2 Per dedurre quale sia la maggiore partiamo dallipotesi che sia ma > mg e vediamone le conseguenze. Pertanto ma = ma > mg passando ai quadrati a+b 2
2

> ab

e moltiplicando per 4, discende a2 + b2 + 2ab > 4ab ossia a2 + b2 2ab > 0 cio` e (a b)2 > 0,

disuguaglianza soddisfatta per tutti i valori positivi di a diversi da b. Potendo aversi anche a = b, il primo membro pu` o di conseguenza essere nullo cosicch e lipotesi iniziale va modicata: in generale vale perci` o ma mg . La generalizzazione di tale medie a n numeri assegnati conduce invece alle seguenti espressioni: ma = 1 a1 + a2 + + an = n n
n

ai
i=1

mentre per la media geometrica ` e mg = n


n

a1 a2 an =

ai ,
i=1

dove, accanto al simbolo di sommatoria si ` e introdotto il simbolo di prodotto . La disuguaglianza appena dimostrata possiede pure una immediata interpretazione geometrica. Siano a e b le misure dei raggi AB e CD di due circonferenze (g. 1) tra di loro tangenti. Ciascuna circonferenza sia pure tangente alla retta comune AC . Essendo BD = a + b, lapplicazione del teorema di Pitagora comporta che sia AC = DH = BD BH =
2 2

Poich e lipotenusa di BHD rettangolo in H risulta BD AC ossia a+b e BD ` 2 ab, dove luguaglianza si presenta quando le due circonferenze possiedono il medesimo raggio. Dividendo inne per 2 questa disuguaglianza si ottiene la tesi a+b ab cio` e ma mg . 2

(a + b)2 (a b)2 = 2 a b.

Esame 2002 PNI: quesito 2

85

B H a

a+b D b 2 ab C

Fig. 1. Circonferenze di raggi a e b e confronto tra segmenti.

Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Evidentemente deniti gli eventi E = {Esce il numero 1} F = {Esce la coppia di numeri 1, 1},

si tratta di ottenere le seguenti probabilit` a: a. la probabilit` a che con 4 lanci di un dado si ottenga almeno una volta levento E ossia si abbia almeno un successo su 4 prove, ciascuna ripetuta nelle medesime condizioni e indipendentemente dalle prove precedenti; b. la probabilit` a che si presenti almeno una volta levento F in una serie di 24 prove con due dadi. Lo schema da seguire in entrambi i casi ` e pertanto quello della distribuzione binomiale che considera eventi elementari di tipo Bernoulli ossia eventi che in una singola prova possono solo accadere (successo) o non accadere (insuccesso). Tale distribuzione permette di determinare la probabilit` a di ottenere k successi in un numero n di prove indipendenti e in ciascuna delle quali la probabilit` a di successo sia p. Le probabilit` a per gli eventi elementari delineati dal problema in una singola prova sono, per il lancio con un dato p(E ) = 1 6 p(E ) = 1 5 1 = , 6 6

dove E rappresenta levento complementare o contrario ossia luscita di un numero diverso da 1. Nel caso del lancio con due dadi si ha invece 1 35 1 p(F ) = 1 = . 36 36 36 Nel primo caso la probabilit` a di k successi in 4 prove ` e data da p(F ) = p(4, k) = 4 k 1 6
k

5 6

4k

86 e nel secondo p(24, k) = 24 k 1 36


k

Esame 2002 PNI: quesito 2

35 . 36

24k

Poich e si chiede che il numero di successi sia k 1 risulta


4

p(4, k 1) =

i=1

4 i

1 6 1 6
4 0

5 6 5 6

4i

4 =1 0 =1 5 6

40

0,5177

e dove si ` e sfruttato il completamento ad 1 dellevento contrario. Analogamente


24

p(24, k 1) =

i=1

24 i

1 36 1 36
24 0

35 36 35 36

24i

24 =1 0 =1 35 36

240

0,4914

Risulta pertanto p(4, k 1) > p(24, k 1) e quindi appare pi` u probabile ottenere almeno una volta 1 con 4 lanci di un solo dado che almeno un doppio 1 con 24 lanci di due dadi. Lultima disuguaglianza si pu` o riportare equivalentemente ad un confronto tra logaritmi. Difatti supposto che sia p(4, k 1) > p(24, k 1) cio` e 1 discende 5 6 35 5 < 24 ln 6 36 5 6
4

>1
4

35 36
24

24

<

35 36

per cui, prendendo i logaritmi si ottiene 4 ln ossia ln 5 ln 6 < 6 ln 35 12 ln 6.

Scomposto in fattori 35 e utilizzate ancora le propriet` a dei logaritmi si giunge quindi alla 6 ln 7 + 5 ln 5 11 ln 6 > 0 che, un calcolo esplicito del primo membro ( 0,0133) mostra essere corretta confermando la supposizione iniziale.

Esame 2002 PNI: quesito 4


Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito)

87

Assunto come successo lesito in parit` a di una partita ed equiprobabili tutti i possibili esiti (X, 1, 2), la probabilit` a dellevento X ` e p = 1/3 mentre la probabilit` a che una partita non nisca in parit` a risulta evidentemente q = 1 p = 2/3. Siamo perci` o di fronte ad un evento elementare di tipo Bernoulli e la probabilit` a richiesta si pu` o quindi identicare con la probabilit` a di avere 12 successi in 13 prove (le partite), ognuna delle quali viene svolta (giocata) indipendentemente dalle altre. In queste ipotesi la probabilit` a richiesta ` e descritta dalla distribuzione binomiale: si ha cio` e p(13, k = 12) = = 13 12 1312 p q 12 13 12 2 3 1 3 1 3
12

12

2 3

1312

= 13

1,6308 105 .

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Per calcolare il limite della successione a termini positivi 3n , n+ n! lim notiamo che il termine generale si pu` o scrivere come
n volte n

3 3 3 33 = . n! 1 2 3n Sia il numeratore che il denominatore contengono ciascuno n fattori per cui, per lassocitivit` a e commutativit` a della moltiplicazione i termini si possono raggruppare a coppie nel modo seguente
n volte

3 3 33 3 = n! 1 2 3n 3 3 = 1 2

3 3

(n 4 fattori minori di 1)

3 n

A questo punto in luogo di ogni fattore minore di 1 sostituiamo appunto lunit` a ottenendo unespressione che certamente risulta maggiore del termine iniziale: in denitiva

88
n4 fattori

Esame 2002 PNI: quesito 5

3 3 27 3n 3 < 3 1 11 = . 0< n! 2 3 n 2n Poich e


n+

lim

27 =0 2n

(e ovviamente limn+ 0 = 0), per il teorema del confronto devessere 3n = 0. n+ n! lim Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Per denizione, una funzione f di dominio D si dice periodica di periodo T se e solo se, per x D sussiste lidentit` a f (x + kT ) = f (x) con k Z T R {0}.

Va notato che devessere x + kT D e che la funzione risulta periodica anche per ogni multiplo intero di T . Per tale motivo il valore minore T positivo, nellinsieme dei possibili periodi {kT, k Z} cio` e quello che corrisponde a k = 1, viene detto pi` u precisamente, il periodo principale della funzione. Comunemente ` e questo valore che si ricerca in una funzione periodica. Per determinare formalmente il periodo (principale) T di una funzione va quindi imposta lidentit` a sopra studiandone le possibili soluzioni nellincognita T . Pertanto per individuare il periodo di f (x) = sen x 3 cerchiamo una soluzione che soddis alla sen Da questa discende sen x T + 3 3 = sen x 3 (x + T ) x . = sen 3 3

per cui, a seguito della nota periodicit` a della funzione seno i due angoli devono dierire per un multiplo del periodo cio` e di 2 x T + 3 3 Facilmente si deduce che T = 2k 3 ossia T = 6k. x = 2k 3 k Z.

Esame 2002 PNI: quesito 6


Il periodo principale ` e quindi T = 6. Nello stesso modo si ha sen 2(x + T ) = sen 2x per cui (2x + 2T ) (2x) = 2k e il periodo principale ` e T = . Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) = 2T = 2k = T = k = sen(2x + 2T ) = sen 2x,

89

Notato che il polinomio P (x) = xn + px + q rappresenta una funzione continua e derivabile in tutto R, supponiamo inizialmente che il suo grado n sia pari. In tal caso la derivata prima risulta espressa da un polinomio di grado n 1 dispari P (x) = nxn1 + p e la disequazione P (x) = nxn1 + p 0

ammette come soluzioni x n1 p/n. Pertanto, per un corollario del teorema di Lagrange (piuttosto che tramite il teorema di Rolle), P (x) ` e sempre crescente quando x > xm con xm = n1 p/n mentre ` e decrescente per x < xm . Se lordinata del punto di ascissa xm ` e negativa, P (xm ) < 0, deve esistere per la continuit` a di P (x) un intervallo [x1 , x2 ] dove P (x1 ) = P (x2 ) = 0 con xm ]x1 , x2 [ (g. 1).
n pari n dispari

x1

xm

x2

x1

xM

x2 xm x3

Fig. 1. Possibili graci di P (x).

In tale intervallo sono soddisfatte tutte le ipotesi del teorema di Rolle e quindi ` e vericata pure la sua tesi cio` e P (xm ) = 0. Esistono pertanto al pi` u due radici (ma pure nessuna) che permettono di denire un intervallo dove applicare il teorema di Rolle al polinomio assegnato. Nel caso si abbia n dispari la disequazione P (x) 0 presenta a primo membro un polinomio di grado n 1 pari per cui

90 P (x) = nxn1 + p 0

Esame 2002 PNI: quesito 7


=

p xn 1 . n Supposto che sia p/n > 0, lestrazione della radice pari (n 1)-esima comporta le soluzioni |x|
n1

p n

x n1

p x n

n1

p . n

Il segno della P (x), riassunto dalla g. 2


xM Fig. 2. xm

implica lesistenza di un massimo e di un minimo locali. Se quindi P (xM ) > 0 e P (xm ) < 0 cio` e se lordinata del punto di massimo ` e positiva e quella del minimo negativa (g. 1), dovranno esistere 3 valori x1 , x2 e x3 in corrispondenza dei quali P (x1 ) = P (x2 ) = P (x3 ) = 0. Gli intervalli entro i quali si verica il teorema di Rolle saranno in tal caso [x1 , x2 ] e [x2 , x3 ]. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Noto landamento dellesponenziale per x + appare subito che il limite richiesto presenta una indeterminazione del tipo + . Riscriviamo quindi il limite come lim ex sen x 3x = lim x
x+

x+

ex sen x 3 x x

e risolviamo i limiti delle funzioni tra parentesi. Il primo addendo ex x+ x lim ` e ancora indeterminato (/) ma poich e esiste il limite ex = + x+ 1 lim ottenuto eseguendo il rapporto delle derivate del numeratore e del denominatore, ` e applicabile il teorema di De LH opital cosicch e ex ex = lim = + . x+ x x+ 1 lim

Esame 2002 PNI: quesito 7


Per il secondo addendo notiamo che valgono le disuguaglianze 1 sen x 1 x x x x R0

91

1 in quanto 1 sen x 1. Poich e i limiti di x per x + sono nulli il teorema del confronto assicura che

x+

lim

sen x = 0. x

Da tutto ci` o segue che lim ex sen x 3 x x = +

x+

come pure lim ex sen x 3x = lim x


x+

x+

sen x ex 3 x x

= + .

Se x , riscritta ancora la funzione come


x

lim ex sen x 3x = lim x


x

ex sen x 3 x x

e avendosi ex =0 x x lim lim in quanto lim ex = 0,

sen x = 0 ancora per il teorema del confronto, x x si ottiene lim sen x ex 3 x x = 0 0 3 = 3.

Essendo limx x = , il limite richiesto risulta ancora


x

lim ex sen x 3x = lim x


x

ex sen x 3 x x

= + .

Circa lesistenza del numero reale ` e suciente calcolare la funzione agli estremi dellintervallo [0, 1]. Difatti essendo f (0) = e0 0 0 = 1 > 0 f (1) = e1 sen 1 3 = e sen 1 3 < 0,

92

Esame 2002 PNI: quesito 8

la funzione f assume valori di segno opposto agli estremi. Poich ef` e pure una funzione continua in R e quindi anche in [0, 1], possiamo sfruttare il teorema, conseguenza del teorema di Weierstrass, desistenza degli zeri e che assicura lesistenza in tali ipotesi di almeno un punto dove la funzione si annulla. Esiste quindi ]0, 1[ tale che f () = 0. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Il dominio della funzione f (x) = 3x + ln x (consideriamo logaritmi naturali) risulta evidentemente linsieme R+ 0 . Per trovarne la monotonia calcoliamo la sua derivata prima f (x) e studiamone il segno: f (x) = 3 + 1 > 0 che risulta soddisfatta per x > 0. x

In base ad un corollario del teorema di Lagrange la funzione ` e monot` ona strettamente crescente nel suo dominio. Esiste quindi la funzione inversa x = g(y ) e la sua derivata si dimostra essere g (y0 ) = 1 f (x
0)

Poich e dal testo viene chiesta g (3) cio` e si assegna il valore della variabile y0 essendo y0 = f (x0 ), si tratta di determinare il valore x0 in corrispondenza del quale ` e y0 = 3: quindi si calcoler` a f (x0 ). Ci` o equivale a risolvere lequazione 3 = 3x + ln x che pu` o essere riscritta come 3x + 3 = ln x.

3 y1 = 3x + 3 y2 = ln x 1

Fig. 1. Confronto tra i graci della retta y1 e del logaritmo y2 .

Assodato che, con un immediato confronto tra i graci noti della retta y1 = 3x + 3 e del logaritmo y2 = ln x esiste certamente una soluzione x0 di tale equazione (g. 1), questo valore risulta essere x0 = 1 ed emerge immediatamente appena si tracci con qualche cura il graco della retta (che deve passare per i

Esame 2002 PNI: quesito 10

93

punti (0, 3) e (1, 0)) e quello del logaritmo (che pure interseca lasse delle ascisse in (1, 0)). Ne segue che g (3) = 1 f (1) = 1 3+
1 1

1 . 4

Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Il testo del quesito assegna esplicitamente la funzione integrale
x

F (x) =
0

f (t) dt = x cos x

e chiede il calcolo in 4 della funzione integranda f (x). Poich e queste due funzioni sono collegate dalla relazione F (x) = D
0 x

f (t) dt

= f (x)

che riassume il teorema di TorricelliBarrow, per ottenere f (x) basta eseguire la derivata della funzione integrale ossia F (x) = D (x cos x) = cos x + x( sen x) = cos x x sen x = f (x). Ne segue che f (4) = cos 4 4 sen 4 = 1. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Fissato un punto C del piano e un numero reale k R0 , la trasformazione che associa ad un punto P il punto P , allineato con C e tale che sia CP =k CP si denisce omotetia di centro C . Se introduciamo un riferimento cartesiano tale che sia C (a, b), P (x, y ) e P (x , y ) la relazione CP /CP = k assume, per il teorema di Talete, le forme x a =k xa x = k(x a) + a y = k(y b) + b y b = k, yb x = kx + c y = ky + d,

cosicch e le equazioni rappresentative di una omotetia di rapporto k risultano oppure, pi` u in generale

94

Esame 2002 PNI: quesito 10

con c = a(1 k) e d = b(1 k). Come caso particolare, lomotetia con centro lorigine degli assi e rapporto k ` e descritta analiticamente dalle equazioni x = kx y = ky. ` poi facile mostrare In unomotetia lunico punto unito risulta il suo centro C . E come una retta passante per il centro sia una retta unita cos` come rette che non passino per il centro abbiano come immagini, rette ad esse parallele (per esempio, AD e A D in g. 1). Ne segue che le gure corrispondenti in una omotetia sono simili: pertanto, in riferimento ancora alla gura 1, risulta ADB A D B . In questo caso, se il rapporto di omotetia ` e k le aree stanno nel rapporto k 2 .

B D D C A A

Fig. 1. Punti collegati da unomotetia di centro C , rette unite e non.

Una similitudine ` e invece una trasformazione del piano in s` e che a due punti distinti A e B , associa due punti A , B , tali che il rapporto A B =k AB con k grandezza costante assegnata. Il suo valore viene detto rapporto di similitudine. Le equazioni rappresentative di una similitudine sono x = ax by + c y = bx ay + f dove il rapporto di similitudine ` e dato dal valore assoluto del determinante della matrice a b k2 = | det T | = a2 + b2 . T = b a

Poich e in una omotetia C C la denizione di similitudine comprende come caso particolare le trasformazioni omotetiche. Queste trasformazioni si ottengono

Esame 2002 PNI: quesito 10

95

pure dalle equazioni rappresentative di una similitudine supponendo che sia b = 0. Comunque le similitudini, diversamente dalle omotetie, associano a rette, rette corrispondenti che non sono in generale parallele. Per esempio, la similitudine s di equazioni x = 2x y 1 s: y = x + 2y 1 e rapporto k = 5, associa ai punti O(0, 0), A(2, 0) e B (0, 1), i punti O (1, 1), A (3, 1) e B (2, 1) (g. 2).
B A

1 O

B A 1 2

1 O

Fig. 2. Punti collegati da una similitudine.

` immediato notare che le rette che collegano punti corrispondenti, per esempio E OA e O A non sono parallele, diversamente dallesempio graco portato per le omotetie. Pertanto, i triangoli che si corrispondono in una omotetia sono simili e possiedono i lati paralleli mentre i triangoli che si corrispondono tramite una similitudine non hanno necessariamente i lati paralleli (pur essendo simili). Inne si pu` o dimostrare che una similitudine di rapporto k pu` o sempre essere espressa come la composizione di una isometria e di una omotetia nello stesso rapporto. Come esempio riscriviamo la similitudine sopra come composizione di una rotazione (isometria) e di una omotetia. Osserviamo quindi che per ottenere il parallelismo tra i lati di OAB con quelli di O A B langolo della rotazione 1 che rappresenta il attorno allorigine deve soddisfare alla condizione tg = 2 coeciente angolare della retta (ruotata) O A immagine di quella orizzontale 1 2 e sen = . Le equazioni della rotazione sono OA. Ne segue che cos = 5 5 pertanto r: x = x cos y sen =
1 (2x y ) 5 1 (x + 2y ). 5

y = x sen + y cos = Lomotetia di rapporto 5 discende immediatamente in quanto basta porre x = 5x 1 o: y = 5y 1

96

Esame 2002 PNI: quesito 10

per ottenere le equazioni della similitudine s come prodotto di r e o ossia esprimere s = o r , come nelle intenzioni.

ESAME 2003

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario.

Problema n. 1 Si consideri un tetraedro regolare T di vertici A, B , C , D . a) Indicati rispettivamente con V ed S il volume e larea totale di T e con r il raggio della sfera inscritta in T , trovare una relazione che leghi V , S ed r. b) Considerato il tetraedro T avente per vertici i centri delle facce di T , calcolare il rapporto fra le lunghezze degli spigoli di T e T e il rapporto fra i volumi di T e T . c) Condotto il piano , contenente la retta AB e perpendicolare alla retta CD nel punto E , e posto che uno spigolo di T sia lungo s, calcolare la distanza di E dalla retta AB . d) Considerata nel piano la parabola p avente lasse perpendicolare alla retta AB e passante per i punti A, B ed E , riferire questo piano ad un conveniente sistema di assi cartesiani ortogonali e trovare lequazione di p. e) Determinare per quale valore di s la regione piana delimitata dalla parabola p e dalla retta EA ha area 32 cm2 . Soluzione

` assegnata la funzione E f (x) = 2x + 1 , x2 + m + |m| dove m ` e un parametro reale.

Problema n. 2

a) Determinare il suo dominio di derivabilit` a.

98

Esame 2003: quesito 1


b) Calcolare per quale valore di m la funzione ammette una derivata che risulti nulla per x = 1. c) Studiare la funzione f (x) corrispondente al valore di m cos` trovato e disegnarne il graco in un piano riferito ad un sistema di assi cartesiani ortogonali (Oxy ), dopo aver stabilito quanti sono esattamente i essi di ed aver fornito una spiegazione esauriente di ci` o. d) Calcolare larea della regione nita di piano delimitata dal graco , dallasse x e dalla retta di equazione x = 1. Soluzione

Questionario

1. Dopo aver fornito la denizione di rette sghembe, si consideri la seguente proposizione: Comunque si prendano nello spazio tre rette x, y , z , due a due distinte, se x ed y sono sghembe e, cos` pure, se sono sghembe y e z allora anche x e z sono sghembe. Dire se ` e vera o falsa e fornire unesauriente spiegazione della risposta. Soluzione

2. Un piano interseca tutti gli spigoli laterali di una piramide quadrangolare regolare: descrivere le caratteristiche dei possibili quadrilateri sezione a seconda della posizione del piano rispetto alla piramide. Soluzione

3. Dal punto A, al quale ` e possibile accedere, ` e visibile il punto B , al quale per` o non si pu` o accedere in alcun modo, cos` da impedire una misura diretta della distanza AB . Dal punto A si pu` o per` o accedere al punto P , dal quale, oltre ad A, ` e visibile B in modo che, pur rimanendo impossibile misurare direttamente la distanza P B , ` e tuttavia possibile misurare la distanza AP . Disponendo degli strumenti di misura necessari e sapendo che P non ` e allineato con A e B , spiegare come si pu` o utilizzare il teorema dei seni per calcolare la distanza AB . Soluzione

Esame 2003: quesito 7


4. Il dominio della funzione f (x) = ln{ x + 1 (x 1)} ` e linsieme degli x reali tali che: A) 1 < x 3; B) 1 x < 3; C) 0 < x 3; D) 0 x < 3.

99

Una sola risposta ` e corretta: individuarla e fornire una esauriente spiegazione della scelta eettuata. Soluzione

5. La funzione 2x3 3x2 + 2 ha un solo zero reale, vale a dire che il suo graco interseca una sola volta lasse delle ascisse. Fornire unesauriente dimostrazione di questo fatto e stabilire se lo zero della funzione ` e positivo o negativo. Soluzione

6. La derivata della funzione f (x) = 0 et dt ` e la funzione f (x) = 2xex . Eseguire tutti i passaggi necessari a giusticare laermazione. Soluzione

x2

7. Considerati i primi n numeri naturali a partire da 1: 1, 2, 3, . . . , n 1, n, moltiplicarli combinandoli due a due in tutti i modi possibili. La somma dei prodotti ottenuti risulta uguale a: A) C) 1 2 n (n + 1)2 ; 4 B) 1 n(n2 1); 3 1 D) n(n2 1)(3n + 2). 24

1 n(n + 1)(n + 2)(3n + 1); 24

Una sola risposta ` e corretta: individuarla e fornire una spiegazione esauriente della scelta operata. Soluzione

100

Esame 2003: quesito 8

8. x ed y sono due numeri naturali dispari tali che x y = 2. Il numero x3 y 3 : A) ` e divisibile per 2 e per 3; B) ` e divisibile per 2 ma non per 3; C) ` e divisibile per 3 ma non per 2; D) non ` e divisibile n e per 2 n e per 3. Una sola risposta ` e corretta: individuarla e fornire una spiegazione esauriente della scelta operata. Soluzione

9. Si consideri una data estrazione in una determinata Ruota del Lotto. Calcolare quante sono le possibili cinquine che contengono i numeri 1 e 90. Soluzione

10. Il valore dellespressione log2 3 log3 2 ` e 1. Dire se questa aermazione ` e vera o falsa e fornire una esauriente spiegazione della risposta. Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) Le quattro facce di un tetraedro regolare sono costituite da quattro triangoli equilateri. Sia s la lunghezza degli spigoli o dei lati dei triangoli equilateri. Si ha subito che lapotema DK ` e pari a 3 DK = BC sen = s = AK. 3 2 La sfera di centro O, inscritta nel tetraedro ` e tangente in H alla faccia ABC e in I alla faccia BCD . Questi due punti sono pure i piedi delle altezze condotte rispettivamente, dal vertice D alla faccia ABC e da A alla faccia BCD . H e I sono inoltre i baricentri di queste due facce e pertanto, essendo queste dei triangoli equilateri, suddividono le altezze (e mediane) AK e DK in due parti con rapporti AK DK = = 3. HK IK Ne segue che 1 s 3 s HK = AK = = . 3 32 2 3

Esame 2003: problema 1


D

101

O A H

I C K

B Fig. 1. Tetraedro ABCD.

Lapplicazione del teorema di Pitagora al triangolo rettangolo DHK implica DH = DK HK =


2 2

1 3 2 s s2 = s 4 12

2 . 3

Inne, notata la similitudine tra DOI DHK in quanto DOI = DHK = e in comune, si pu` o impostare la proporzione /2 mentre HDK ` DO DK = OI HK e detto OI = r il raggio della sfera inscritta, si ha DO = DH r per cui s 3/2 DH r . = r s/(2 3) Sostituito il valore di DH determinato precedentemente, lultima relazione fornisce 3 s 2 s 2 s 2 1 = = =4 = r = . (1) r 3 r 3 4 3 1/ 3 Trovato il legame tra spigolo e raggio della sfera inscritta, il volume V e larea totale S del tetraedro assumono la forma s3 3 s 2 1 1 s = s 2 V = A(ABC ) DH = 3 3 2 2 3 12 S = 4A(ABC ) = 4 s2 3 4 = s2 3

102 cosicch e il loro rapporto risulta 1 V s3 s = 2 = S 12 12 s2 3 da cui, utilizzando la (1), discende r V = S 3 che lega, come richiesto, V , S e r . = V=

Esame 2003: problema 1

2 3

r S 3

b) Il tetraedro T ha vertici in H , I , J , L, e ciascuno di questi punti ` e il baricentro della faccia cui appartiene g. 2. Al ne di ottenere il rapporto tra gli spigoli notiamo la similitudine tra DM K e DLI (LI ` e parallelo a M K ) per cui MK DK = . LI DI
D

J L A H M B Fig. 2. Tetraedri ABCD e HIJL. K I C

Essendo

3 DK = 2 DI

3 MK = ; 2 LI

ma M K = M B = BK = s/2 e quindi LI = s 2 2 s MK = = . 3 3 2 3

Esame 2003: problema 1


D

103

C A M B Fig. 3. Tetraedro ABCD, piano ABE e piano DM C .

Il rapporto tra i volumi ` e perci` o (utilizziamo lespressione gi` a trovata) V 1 3 = s 2 V 12 1 3 LI 2 12 = s3 = 27, (s/3)3

rapporto che si poteva comunque ottenere osservando che i volumi dei due tetraedri stanno tra loro come il cubo del rapporto dei rispettivi spigoli. a pure c) Consideriamo la sezione piana DM C di T (g. 3) riportata per comodit` nella gura 4 assieme alla sezione della sfera inscritta.
D

H Fig. 4. Sezione DM C di T .

104

Esame 2003: problema 1

Poich e DM = M C = s 3/2, il triangolo DM C ` e isoscele e la sua base DC possiede lunghezza s essendo uno spigolo di T . Allora EC = s/2 e cos( M CE ) = per cui s/2 1 EC = = MC s 3/2 3

3 s 1 cos2 ( M CE ) M E = M C sen( M CE ) = 2 3 3 2 1 s = s 1 = s = . 2 3 2 3 2

` d) La parabola p richiesta passa per E , A e B e il suo asse coincide com M E . E quindi conveniente porre lorigine coincidente con M , lasse x coincidente con la retta AB e lasse y coincidente con la retta M E e orientato da M verso E (g. 5).
D

C A M B Fig. 5. Tetraedro ABCD e piano ABE .

Lequazione di p, essendo A e B simmetrici rispetto allorigine M e di coordinate, s s A ,0 , B ,0 , 2 2 dovr` a essere del tipo y = a x s 2 x+ s . 2

Imponendo il passaggio per E (0, s/ 2) (ricordiamo che M E = s/ 2) si ha s s2 =a 4 2 = 2 2 4 a= = s s 2

Esame 2003: problema 2


e, in denitiva, 2 2 p:y= s s2 x 4
2

105

s 2 2 2 x + . = s 2

e) Come ultimo punto, viene chiesta larea della regione colorata in giallo nella g. 6. Questa regione ` e limitata da una parabola e da una retta e consiste quindi di un segmento parabolico. Larea di tali gure si determina immediatamente con |a||x2 x1 |3 essendo a il coeciente la formula di Archimede generalizzata A = 1 6 del termine di secondo grado nellequazione canonica della parabola e x1 , x2 le ascisse degli estremi del segmento parabolico, nel nostro caso i punti A ed E . Pertanto 1 1 2 2 s 3 A = |a| |x2 x1 | = 6 6 s 2
y E
3

2 2 s 24

A M

Fig. 6. Piano cartesiano EM B e assi coordinati.

per cui, uguagliata larea al valore dato dal testo, discende 2 2 2 s = 24 3 = s2 = 8 = s = 2 2 cm.

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) a) Assegnata la funzione y = f (x) = x2 2x + 1 , + m + |m|

106 f (x) assume, al variare del parametro m, la forma m>0 2x + 1 f1 (x) = 2 x + 2m

Esame 2003: problema 2

m0 f2 (x) =

2x + 1 . x2

Nel primo caso il dominio coincide con D1 = R, nel secondo con D2 = R {0} = R0 . Le rispettive derivate prime sono m>0
(x) = f1

2(x2 + 2m) 2x(2x + 1) 2(x2 x + 2m) = (x2 + 2m)2 (x2 + 2m)2

e tale derivata esiste per x R cio` e x D1 ; nel secondo caso m0


(x) = f2

2x2 (2x + 1)2x 2x2 2x 2(x 1) = = 4 4 x x x3

e tale derivata possiede dominio R0 , coincidente con il dominio della funzione D2 . b) Calcolando le derivate nel punto di ascissa unitaria e posto
f1 (1) =

2(2m 1 1) =0 (1 + 2m)2

(1) = 2(1 si trova 2m 2 = 0 e quindi m = 1. Nel secondo invece risulta f2 3 1)/1 = 0. Ne segue che lunico valore che soddisfa alla condizione del quesito ` e m = 1.

c) Si tratta di studiare la funzione di equazione rappresentativa y= e di dominio noto R. Simmetrie. risultando f (x) = 2x + 1 2(x) + 1 = 2 = f (x), 2 (x) + 2 x +2 2x + 1 x2 + 2

la funzione non n e simmetrica pari, n e dispari. 1 Segno. y 0 implica lo studio di 2x + 1 0 risolta da x 2 . Poich e il 1 2 denominatore risulta x + 2 > 0 x R si ha che y 0 se x 2 . Limiti. Risulta limx = 0 in quanto x(2 + 1/x) 2 + 1/x = lim =0 2 2 x x (1 + 2/x ) x x(1 + 2/x2 ) lim

Esame 2003: problema 2


2 1 = lim = 0. x x x2 La funzione possiede quindi lasse delle ascisse come asintoto orizzontale. Derivata prima. Riprendendo quanto gi` a svolto
x

107

essendo

lim

y =

2(2 x x2 ) (x2 + 2)2

lo studio del suo segno y 0 conduce alla x2 x 2 0 che, avendo lequazione associata le radici 2 e 1, ` e risolta dallintervallo 2 x 1. Riassunto gracamente il segno di y
2 Fig. 1. 1

emerge che per x = 2 la funzione possiede un minimo relativo locale mentre per x = 1 presenta un massimo locale. Derivata seconda. y = 2 (1 2x)(x2 + 2)2 (2 x x2 ) 2(x2 + 2) 2x (x2 + 2)4 2 2 2(x + 2)[(x + 2)(1 2x) 4x(2 x x2 )] = (x2 + 2)4 2 (x2 2x3 2 4x 8x + 4x2 + 4x3 ) = 2 (x + 2)3 2 = 2 (2x3 + 3x2 12x 2) (x + 2)3

La condizione y 0 comporta lo studio del solo numeratore 2x3 +3x2 12x 2 0 essendo tutti gli altri termini positivi. Poich e il polinomio t = 2x3 +3x2 12x 2 non ` e scomponibile in fattori per mezzo della regola di Runi in quanto t(1) = 2 + 3 12 2 = 0 t(2) = 16 + 12 24 2 = 0 t(1) = 2 + 3 + 12 2 = 0 t(2) = 16 + 12 + 24 2 = 0,

studiamo la funzione cubica t cercando di individuare, almeno approssimativamente, il segno nel suo dominio. Si ha che: Limiti di t:
x

lim t = lim x3 2 +
x

12 2 3 2 3 x x x

108
2 Fig. 2. 1

Esame 2003: problema 2

Derivata prima: t = 6x2 +6x 12 e t 0 fornisce la disequazione x2 + x 2 0. Lequazione associata possiede radici pari ad 1 e 2 cosicch e le soluzioni sono e riassunto in gura 2. t 0 se x 2 x 1: landamento ` Essendo interessati ai possibili zeri di t calcoliamo le ordinate dei punti di estremo relativo cio` e t(2) = 16 + 12 + 24 2 = 18 > 0 t(1) = 2 + 3 12 2 = 9 < 0.

Poich e inoltre t interseca lasse delle ordinate in (0, 2), il suo graco dovr` a essere del tipo di quello riportato in g. 3. Pertanto, per il teorema degli zeri delle funzioni continue, t si deve annullare in x1 con x1 < 2, in x2 con 2 < x2 < 0 e inne, in x3 con x3 > 1. La disequazione y 0 sar` a pertanto risolta se x1 x x2 x x3 mentre il segno complessivo di y ` e riassunto dalla gura 4.

18

x1

x2 2 9

x3

Fig. 3. Graco della cubica t.

x1

x2

x3

Fig. 4. Segno della y .

Esame 2003: problema 2


1 1 x1 2 1 2 x2 1 2

109

x3

Fig. 5. Graco della funzione f (non isometrico).

1 2

1 x 1 e regione sottesa. Fig. 6. Graco di f per 2

I punti di esso di f sono quindi tre e il graco richiesto ` e rappresentato dalla 1 1 gura 5 dove si sono calcolati pure i valori f (2) = 2 , f (0) = 2 e f (1) = 1. d) Si tratta di determinare larea A evidenziata nella gura 6. Questarea ` e espressa dallintegrale denito
1

A=

1 2

2x + 1 dx. x2 + 2

Procediamo quindi alla ricerca di una primitiva di 2x + 1 dx = x2 + 2 2x dx + x2 + 2 dx . x2 + 2

Posto t = x2 e quindi dt = 2x dx, il primo integrale della somma a secondo membro diviene x2 2x dx = +2 dt = ln |2 + t| + c = ln |x2 + 2| + c. 2+t

110 Per il secondo, posto x2 = 2t2 cio` e x = 2t 2 dt dx 1 = = 2 2 x +2 2t + 2 2 1 = arctg t + c = 2 Ne segue che


1

Esame 2003: quesito 1


e quindi dx = dt 1 + t2 1 arctg 2 2 dt, abbiamo

x 2 x 2

+ c.

A=

1 2

1 2x + 1 dx = ln(x2 + 2) + arctg 2 x +2 2

1 1/2

1 1 1 1 1 + 2 arctg = ln 3 + arctg ln 4 2 2 2 2 2 Per la propriet` a di simmetria dispari dellarcotangente, arctg(x) = arctg x, risulta inne A = ln 3 ln 1 1 1 + arctg + arctg 2 2 2 2 1 1 1 4 + arctg + arctg = ln 3 9 2 2 2 2 4 1 1 1 = ln + arctg + arctg 0,9632 3 2 2 2 2 9 4

Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Due rette nello spazio tridimensionale non appartenenti ad uno stesso piano si dicono sghembe. Due rette sghembe hanno la particolarit` a di non avere punti in comune ma ci` o nonostante, esse non sono parallele.
y z P

Fig. 1. y ` e sghemba con z e con x.

Esame 2003: quesito 2

111

Consideriamo due rette sghembe, per esempio la retta x giacente in un piano e la seconda y che incide ortogonalmente il piano in un punto non appartenente ad x (g. 1): x e y sono per costruzione sghembe. Sia z unulteriore retta di che non interseca y nel punto di contatto di questa con : ne discende che pure y e z sono sghembe. Poich e la retta z di g. 1 incide su x in un punto P , x e z non sono per` o sghembe. Pertanto laermazione del quesito ` e falsa.
y

Fig. 2. Rette sghembe.

Alla medesima conclusione si giunge se si considera z appartenente ad ma parallela ad x (g. 2). In tal caso x ` e sghemba con y e y con z , ma z e x, essendo parallele, non sono sghembe. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Dato che il testo non specica se la piramide sia retta o no, considereremo nel seguito entrambe le situazioni. Abbiamo quindi due piramidi aventi come base un quadrato: la prima ` e pure retta cio` e la sua altezza cade sul centro della base, la seconda invece non possiede tale propriet` a (g. 1). Possono presentarsi i casi seguenti*: a) il piano seziona le piramidi, parallelamente al piano delle loro basi. Il quadrilatero sezione ` e per entrambe un quadrato (g. 2). b) Il piano contiene un lato di base (o ` e parallelo a questo e forma con laltezza un angolo diverso da quello retto). La sezione per la piramide retta risulta un trapezio isoscele mentre un trapezio qualsiasi per la piramide non retta (g. 3).
* si veda http://www.lorenzoroi.net/prob/sezpiramide/SezioniPiramidi.html per una pagina interattiva su tale quesito.

112

Esame 2003: quesito 2

Fig. 1. Piramidi a base quadrangolare retta e non.

Fig. 2. Piano parallelo alla base.

Fig. 3. Piano per un lato di base.

c) Se il piano ` e parallelo (o la contiene) ad una diagonale della base (in gura 4 passa per un vertice della base e interseca due spigoli in punti aventi la medesima distanza dalla base) si ottiene, per la piramide retta, un quadrilatero avente le diagonali perpendicolari (detto anche romboide) e lati a due a due congruenti. Se la piramide non ` e retta appare un quadrilatero convesso qualsiasi. d) Inne, se il piano ha una qualsiasi altra disposizione, la gura sezione ` e un quadrilatero qualsiasi comunque convesso (g. 5).

Esame 2003: quesito 3

113

Fig. 4. Piano parallelo ad una diagonale di base.

Fig. 5. Piano qualsiasi.

Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Nella seguente gura 1 rappresentiamo schematicamente la situazione descritta dal testo del quesito: le distanze AB e P B sono incognite mentre ` e possibile risalire alla misura AP del lato AP di AP B .
B

Fig. 1. Schema della situazione.

Disponendo quindi di un goniometro e posizionatolo in A, si misura langolo = BAP . Spostatolo in P , si misura successivamente langolo = AP B . Applicando il teorema dei seni a AP B dove ABP = BAP AP B AB AP = sen( AP B ) sen( BAP AP B )

114 da cui AB AP = sen sen( )

Esame 2003: quesito 4


AP sen sen( + )

AB =

essendo sen( ) = sen( + ). Nota quindi la distanza AP e gli angoli e , si risale facilmente al lato AB . Tale era il metodo utilizzato dai cartogra per ottenere le distanze di un punto irraggiungibile sul terreno, nota la distanza e gli angoli di vista tra altri due punti. Per determinare il dominio della funzione y = ln[ x + 1 (x 1)] va impostato e risolto il sistema di disequazioni x+10 x + 1 (x 1) > 0 dove la prima condizione deriva dallesistenza della radice quadrata mentre la seconda assicura lesistenza del logaritmo. Le soluzioni della prima disequazione sono immediate, x 1, mentre la seconda comporta x + 1 > x 1 che suddivide il sistema originario nei due sistemi x 1 x1<0 x 1 x10 x + 1 > (x 1)2 . Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito)

Il primo ` e risolto dallintervallo 1 x < 1 e dal secondo discende (omettiamo la prima disequazione in quanto gi` a compresa nella terza) x1 x + 1 > x2 2x + 1 x1 x(x 3) < 0 x1 0 < x < 3.

Questultimo ` e soddisfatto per 1 x < 3 che, unito allintervallo precedente [1, 1[, permette di determinare il domino D complessivo: D = [1, 1[ [1, 3[= [1, 3[. La risposta corretta ` e pertanto la B). Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) La funzione proposta dal quesito, f (x) = 2x3 3x2 + 2, rientra nella classe delle funzioni cubiche. Essa, come tutte le parabole cubiche, ha per dominio R e i limiti allinnito sono
x

lim f (x) = lim x3 2


x

2 3 + 3 x x

= .

Esame 2003: quesito 6


0 Fig. 1. 1

115

La sua derivata prima, f (x) e il segno di questa risultano f (x) = 6x2 6x 0 6x(x 1) 0 se e solo se x 0 x 1.

Rappresentando il segno di f (x) gracamente (g. 1) appare evidente che, in x = 0, f possiede un massimo relativo o locale mentre in corrispondenza di x = 1 sussiste un minimo locale. Calcolando le ordinate corrispondenti a questi valori risulta f (0) = 2 e f (1) = 1 cosicch e il graco di f devessere del tipo mostrato in gura 2.

1 O 1

Fig. 2. Bozza del graco di f .

Questo mette in evidenza lesistenza di un solo punto di intersezione con lasse delle ascisse, in corrispondenza del quale si ha f () = 0 e quindi dove ` e soddisfatta lequazione 23 32 + 2 = 0. Risulta inoltre che < 0. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) La funzione di x f (x) =
0 x2

et dt

pu` o essere considerata come una funzione composta di due funzioni dove si ponga z = x2 come funzione pi` u interna. Con tale posizione lintegrale si riscrive come
z

f (z ) =
0

et dt.

116

Esame 2003: quesito 7

Lapplicazione del teorema sulla derivata della funzione composta comporta ora D [f (x)] = f (z ) D [z ] e dato che, per il teorema di TorricelliBarrow, la derivata della funzione integrale f (z ) ` e la funzione integranda calcolata nellestremo superiore di integrazione, si 2 ha f (z ) = ez . Sostituendo alla z la sua espressione in termini di x, segue che D [f (x)] = ez D [x2 ] = e(x come volevasi dimostrare. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Rappresentiamo la somma S di tutti i possibili prodotti i j con i, j = 1, 2, . . . (n 1), n in forma tabellare 1 1 + 1 2 + 1 3 + + 1 (n 1) + 1 n + 2 1 + 2 2 + 2 3 + + 2 (n 1) + 2 n + . . . . . . n 1 + n 2 + n 3 + + n (n 1) + n n = S.
2 2 2

2x = 2x ex

La somma di questi n n = n2 addendi contiene due tipi di prodotti. Al primo tipo appartengono termini come 1 2 e 2 1 cio` e in generale, i j e j i (con i = j ) dove i singoli fattori appaiono solo commutati (sono i termini disposti simmetricamente rispetto alla diagonale principale). La somma S presenta inoltre n addendi pari al quadrato di ciascun numero i, ossia del tipo i2 dove i = j : questi termini costituiscono la diagonale principale della tabella proposta. Il quesito chiede comunque la somma di tutte le combinazioni ossia di un numero di addendi (o raggruppamenti) pari a Cn,2 = n 2 = n! n(n 1) = 2!(n 2)! 2 (1)

e ciascuno di questi deve dierire dagli altri per almeno un elemento. Pertanto dalla somma precedente S vanno sottratti tutti i quadrati rappresentati dal numero n q=
i=1

i2 ,

in quanto nel conteggio delle combinazioni di n oggetti a gruppi di due non entrano i gruppi che presentano lo stesso elemento pi` u di una volta. Per lo stesso motivo, i termini i j e j i rappresentano la medesima combinazione di due numeri interi

Esame 2003: quesito 7

117

(nelle combinazioni lordine non ha importanza) e pertanto il valore S q va a sua volta diviso per 2. Ne segue che si deve calcolare il valore a= 1 1 (S q ) = 2 2
n

i2
i=1

(2)

valore che dovr` a essere rappresentato da un numero di addendi pari a quello fornito da (1). Difatti la somma S ne contiene n2 mentre n sono i termini al quadrato per cui si ottiene un numero di addendi pari eettivamente a n(n 1) 1 2 (n n) = . 2 2 Si tratta ora di calcolare il valore di S e di q . Riscritta S come
n

S=
i=1

n j =1

i j

nella somma pi` u interna si pu` o fattorizzare il termine comune i per cui
n

S=
i=1

n j =1

j .

Poich e i termini 1, 2, 3, . . . , (n 1), n compresi nella somma tra parentesi appaiono come gli elementi di una progressione aritmetica di ragione 1 con primo termine 1 ed n-esimo, n, la loro somma si ottiene applicando la formula che d` a la somma dei primi n termini di tali progressioni ossia
n

sn =
k =1

ak =

(a1 + an ) n. 2

Nel nostro caso questa si particolarizza


n

j=
j =1

1+n n 2

per cui S=

i
i=1

1+n n 2

1+n n i 2 i=1

118

Esame 2003: quesito 7

avendo estratto dalla sommatoria i termini non dipendenti dallindice e quindi costanti. Per lo stesso motivo la somma rimasta a secondo membro fornisce ancora il medesimo valore 1+n n S= 2 1+n n 2 = 1+n 2
2

n2

(3)

Passiamo al calcolo di q nella (2) e dimostriamo che


n

q=
i=1

i2 =

1 n(1 + n)(1 + 2n). 6

(4)

A tale scopo utilizzeremo il principio (o metodo) di induzione matematica. Questo importante principio aerma che unasserzione Pn dipendente da un numero naturale n ` e valida per ogni n N se sono soddisfatte le seguenti due condizioni: a) lasserzione si dimostra vera per n = 1 e b) supposta vera lasserzione corrispondente ad un arbitrario numero naturale n = k, si pu` o dimostrare la verit` a dellasserzione relativa al valore successivo n = k +1. In altri termini si tratta di dimostrare limplicazione Pk = Pk+1 . 1 1(1 + 1)(1 + 2) 6

Nel nostro caso la (4) si riduce per n = 1 alla 11 =

1=1

manifestamente soddisfatta. Per vericare il punto b), assumiamo valida la (4) per un arbitrario valore n = k, ossia
k

i2 =
i=1

1 k(1 + k)(1 + 2k) 6

sia vera.

(5)

Ne segue che la somma dei primi k + 1 quadrati si pu` o riscrivere come


k +1 k

i2 =
i=1 i=1

i2

+ (k + 1)2 .

Sfruttando il valore della somma dei primi k quadrati fornito dalla (5) si ha
k +1

i2 =
i=1

1 k(1 + k)(1 + 2k) + (k + 1)2 6

Esame 2003: quesito 8


e questa diviene
k +1

119

i2 =
i=1

1 (k + 1)[k(1 + 2k) + 6k + 6] 6

1 (k + 1)[2k2 + 7k + 6]. 6 Poich e il termine tra parentesi quadrate si pu` o riscrivere identicamente come = 2k2 + 7k + 6 = [1 + (k + 1)] [1 + 2(k + 1)], giungiamo alla
k +1

i2 =
i=1

1 (k + 1) [1 + (k + 1)] [1 + 2(k + 1)] 6

e ci` o completa la dimostrazione del punto b) in quanto lespressione ottenuta non ` e nientaltro che la (4) calcolata per n = k + 1. Riprendendo la (2) e inserendo i risultati parziali (3) e (4) abbiamo dopo qualche passaggio n 1 S i2 a= 2 i=1 = = 1 2 1+n 2
2

1 n2 n(1 + n)(1 + 2n) 6

n(n + 1) (1 + n)n 1 (1 + 2n) 4 2 3 n(n + 1) 3n2 + 3n 2 4n = 24 n(n + 1) = (3n2 n 2), 24 risultato che coincide con la risposta D del quesito a= n(n + 1) (n 1)(3n + 2) 24

non appena si osservi che (n 1)(3n + 2) = 3n2 n 2. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Per ipotesi, i due numeri naturali dispari x e y soddisfano alla x y = 2 per cui la dierenza dei rispettivi cubi si scompone in x3 y 3 = (x y )(x2 + xy + y 2 ) = 2(x2 + xy + y 2 ).

120

Esame 2003: quesito 9

Questultima mette in evidenza come x3 y 3 sia divisibile per 2. Daltra parte il fattore x2 + xy + y 2 si pu` o riscrivere come x2 + xy + y 2 = (x y )2 + 2xy + xy = 22 + 3xy = 4 + 3xy, e questultima forma mostra come il termine x2 + xy + y 2 = 4 + 3xy non possa essere divisibile per 3 in quanto 4 non lo ` e a sua volta. In denitiva, x3 y 3 ` e divisibile per 2 ma non per 3 e quindi la risposta corretta ` e la b). Un metodo alternativo per dimostrare questa aermazione sfrutta lipotesi che x e y sono interi dispari. Si pu` o quindi scriverli come x = 2m + 1 Allora x y = (2m + 1) (2n + 1) = 2m 2n = 2(m n) = 2 e pertanto m n = 1 cio` e m = 1 + n. Sostituendo questo risultato in x = 2m + 1 si ha che x = 2(1 + n) + 1 = 3 + 2n. Il fattore x2 + xy + y 2 diviene quindi x2 + xy + y 2 = (3 + 2n)2 + (3 + 2n)(2n + 1) + (2n + 1)2 = 12n2 + 24n + 13 che mostra come tale fattore della scomposizione di x3 y 3 non possa essere divisibile per 3. Difatti per poterlo essere il termine noto 13 dovrebbe essere divisibile per 3 come lo sono gli altri due addendi ma ci` o` e evidentemente assurdo essendo 13 un numero primo. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Supposti estratti i numeri 1 e 90 rimangono nellurna 88 numeri. Il numero delle terne che si possono formare con questi 88 numeri e da associare ai due numeri gi` a estratti, ` e pari al numero delle cinquine richieste. Pertanto, essendo ininuente lordine di estrazione si tratta di calcolare il numero delle combinazioni semplici di 88 elementi a gruppi di 3 ossia C88,3 = = 88 3 = (88 87 86) 85! 88! = 3! (88 3)! 3! 85! y = 2n + 1 m, n N. = (x y )2 + 3xy

88 87 86 = 109.736. 6

Esame 2003: quesito 10


Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Poniamo x = lg2 3 lg3 2

121

e cerchiamo di riportare entrambi i logaritmi alla stessa base, per esempio 2. Ricordando la formula che permette di passare da un logaritmo nella base b a quelli nella base a cio` e lg t lgb t = a lga b si ha subito x = lg2 3 ma, essendo lg2 2 = 1 discende x = lg2 3 1 lg2 3 = 1. lg2 2 lg2 3

Laermazione del quesito ` e pertanto vera.

ESAME 2003 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti del questionario. Problema n. 1 Nel piano sono dati: il cerchio di diametro OA = a, la retta t tangente a in A, una retta r passante per O, il punto B , ulteriore intersezione di r con , il punto C intersezione di r con t. La parallela per B a t e la perpendicolare per C a t sintersecano in P . Al variare di r , P descrive il luogo geometrico noto con il nome di versiera di Agnesi [da Maria Gaetana Agnesi, matematica milanese, (1718-1799)]. 1. Si provi che valgono le seguenti proporzioni: OD : DB = OA : DP OC : DP = DP : BC ove D ` e la proiezione ortogonale di B su OA; 2. Si verichi che, con una opportuna scelta del sistema di coordinate cartesiane ortogonali e monometriche Oxy , lequazione cartesiana di ` e: a3 ; y= 2 x + a2 3. Si tracci il graco di e si provi che larea compresa fra e il suo asintoto ` e quattro volte quella del cerchio . Soluzione

Sia f (x) = a2x + b2x + c con a, b, c numeri reali. Si determinino a, b, c in modo che: 1. la funzione f sia pari; 2. f (0) = 2;

Problema n. 2

Esame 2003 PNI: quesito 4


1

123

3.
0

f (x) dx =

3 . 2 log 2

Si studi la funzione g ottenuta sostituendo ad a, b, c i valori cos` determinati e se ne disegni il graco G. Si consideri la retta r di equazione y = 4 e si determinino, approssimativamente, le ascisse dei punti in cui essa interseca G, mettendo in atto un procedimento iterativo a scelta. Si calcoli larea della regione nita del piano racchiusa tra r e G. 1 dx. Si calcoli g(x) Si determini la funzione g il cui graco ` e simmetrico di G rispetto alla retta r . Soluzione

Questionario

1. Quante partite di calcio della serie A vengono disputate complessivamente (andata e ritorno) nel campionato italiano a 18 squadre? Soluzione

2. Tre scatole A, B e C contengono lampade prodotte da una certa fabbrica di cui alcune difettose. A contiene 2000 lampade con il 5% di esse difettose, B ne contiene 500 con il 20% difettose e C ne contiene 1000 con il 10% difettose. Si sceglie una scatola a caso e si estrae a caso una lampada. Quale ` e la probabilit` a che essa sia difettosa? Soluzione

3. Quale ` e la capacit` a massima, espressa in centilitri, di un cono di apotema 2 dm? Soluzione

4. Dare un esempio di polinomio P (x) il cui graco tagli la retta y = 2 quattro volte. Soluzione

124

Esame 2003 PNI: quesito 5

5. Dimostrare, usando il teorema di Rolle [da Michel Rolle, matematico francese, (1652-1719)], che se lequazione x n + an 1 x n 1 + + a1 x + a0 = 0 ammette radici reali, allora fra due di esse giace almeno una radice dellequazione: nxn1 + (n 1)an1 xn2 + + a1 = 0. Soluzione

6. Si vuole che lequazione x3 + bx 7 = 0 abbia tre radici reali. Quale ` e un possibile valore di b? Soluzione

7. Vericare luguaglianza =4
0

1 dx 1 + x2

e utilizzarla per calcolare unapprossimazione di , applicando un metodo di integrazione numerica. Soluzione

8. Dare un esempio di solido il cui volume ` e dato da

1 0

x3 dx. Soluzione

9. Di una funzione f (x) si sa che ha derivata seconda uguale a sen x e che f (0) = 1. Quanto vale f 2 f (0)? Soluzione

10. Vericare che lequazione x3 3x + 1 = 0 ammette tre radici reali. Di una di esse, quella compresa tra 0 e 1, se ne calcoli unapprossimazione applicando uno dei metodi numerici studiati. Soluzione

Esame 2003 PNI: problema 1


Problema n. 1: soluzione. (testo del problema)

125

1) Costruito il punto P di gura 1, osserviamo la similitudine esistente tra i triangoli rettangoli OBD OCA per cui discende OD OA = . DB AC Essendo AC = DP segue che OD OA = . DB DP

r D B O Fig. 1. Elementi per la costruzione del punto P .

Per la dimostrazione della seconda proposizione va notata la similitudine tra OCA e ABC essendo questi entrambi rettangoli rispettivamente in A e B e con BCA in comune. Ne segue OC AC = AC BC ma AC = DP = OC DP = . DP BC

2) Come evidenziato gi` a dalla gura 1 la scelta fatta del sistema di coordinate cartesiane ortogonali e monometriche consiste nel far coincidere lorigine O del sistema con lestremo O del diametro mentre laltro estremo A viene posto sullasse delle ordinate del medesimo sistema. In tal modo i punti O e A avranno coordinate O(0, 0), A(0, a), la retta t sar` a descritta dallequazione t : y = a e la retta r da r : y = mx. Si deduce quindi che lascissa di {C } = t r ` e y=a y = mx mx = a xC = a m (m = 0) C a ,a . m

126

Esame 2003 PNI: problema 1

Lequazione della circonferenza di diametro OA = a si ottiene facilmente considerando che il centro ` e individuato dalla coppia di coordinate 0, a e dal raggio 2 a pari a 2 . : (x 0)2 + y a 2
2

a 2

cio` e

x2 + y

a 2

a2 . 4

a Poich e di P conosciamo gi` a lascissa (xP = xC = m ), determiniamo lordinata di B che ` e la medesima di P . y = mx y 2 r = + y 2 ay = 0. = a 2 a2 2 x + y 2 = 4 m

Questultima equazione si riscrive y2 + y 2 ay = 0 m2 fornisce y 1+ Quindi P 1 m2 che, accanto al valore aspettato y = 0, am2 = yP . 1 + m2 :

=a

yB =

a am2 , m 1 + m2

le coordinate del punto P sono in tal modo espresse in termini del parametro comune m e il luogo dei punti P si ottiene al variare di m R. Abbiamo pertanto la tipica rappresentazione parametrica di un luogo: poich e il testo fornisce la rappresentazione esplicita di per vericare la coerenza di quanto fatto dobbiamo ridurre la rappresentazione parametrica a quella esplicita. A tale scopo ` e suciente eliminare il parametro dalla forma parametrica e quindi risolvere lequazione ottenuta nella variabile y . Allora ricavato m = a/x dalla prima equazione del sistema (x = 0) x = a/m am2 y = 1 + m2 e sostituitolo nella seconda si ha y= a(a/x)2 a3 = a2 a2 1+ 2 x2 1 + 2 x x = a3 x 2 + a2

che coincide con quella proposta dal testo. Il caso particolare di P A non viene descritto dalla forma parametrica scelta (in quanto non esiste il coeciente angolare di una retta parallela allasse y ) mentre ` e compreso in quella esplicita. Forme

Esame 2003 PNI: problema 1


parametriche coinvolgenti altri parametri (come per esempio, langolo possono comunque rappresentare anche tale punto*.

127 AOC ),

3) Dobbiamo studiare il graco della funzione di variabile reale espressa dallequazione a3 :y= 2 x + a2 e di dominio R. Circa le sue propriet` a di simmetria discende facilmente che vale lidentit` a f (x) = f (x) per x R. Il graco della versiera ` e pertanto ` inoltre y > 0 x R simmetrico rispetto allasse delle y e la funzione ` e pari. E (a > 0). Lo studio dei limiti comporta lanalisi di limx y che risulta
x

lim y = 0

in quanto funzione razionale fratta con il grado del denominatore (secondo) maggiore del grado del numeratore (zero). Derivata prima. Il calcolo di y fornisce y = a3 2a3 x 2x , = (x2 + a2 )2 (x2 + a2 )2

e y 0 implica 2a3 x 0 e quindi x 0 in quanto a > 0. In corrispondenza dellorigine la funzione presenta un punto di massimo relativo proprio.
O Fig. 2.

Derivata seconda. Il calcolo di y risulta y = 2a3 = 2a3 (x2 + a2 )2 2(x2 + a2 ) 2x x (x2 + a2 )4 x2 + a2 4x2 3x2 a2 . = 2a3 2 2 2 3 (x + a ) (x + a2 )3

Lo studio del segno di y cio` e y 0 si riduce allanalisi del numeratore essendo i restanti termini positivi. Discende quindi 3x2 a2 0, 3x2 a2 , risolta
* per altre informazioni si veda la pagina web http://www.lorenzoroi.net/curvecelebri/versiera.html

128
a 3 a 3

Esame 2003 PNI: problema 1

Fig. 3.

(0, a)
3 a 4

a 3

a 3

Fig. 4. Graco della versiera di Gaetana Agnesi.

per x a/ 3 x a/ 3. Il graco corrispondente di y ` e dato dalla mostra come vi siano due punti di esso in corrispondenza delle ascisse gura 3 e x = a/ 3. Calcolata lordinata del massimo y (0) = a il graco della versiera e riportata la circonferenza servita ` e inne rappresentato dalla gura 4 (dove si ` per costruirla). Il calcolo dellarea compresa tra la versiera e lasse delle ascisse (g. 5) si pu` o eseguire introducendo un integrale generalizzato.

Fig. 5. Area della regione compresa tra la versiera e lasse x.

Sia quindi t lestremo superiore dellintervallo nito di integrazione [t, t]: larea della regione evidenziata in g. 5 ` e espressa dallintegrale denito
t t

a3 dx x2 + a2

mentre larea della regione richiesta dal testo viene rappresentata dal limite
t

A = lim

t+

a3 dx. x 2 + a2

Esame 2003 PNI: problema 1

129

Sfruttando la simmetria di possiamo riscrivere tale integrale generalizzato come


t

A = 2 lim

t+

a3 dx x 2 + a2

(1)

e tale limite si potr` a eseguire non appena si sia risolto lintegrale indenito a3 dx. x 2 + a2 Questultimo si pu` o trasformare in a3 dx = x 2 + a2 a3 a2
x2 a2

+1

dx =

a dx 1+

. x 2 a

Posto quindi x/a = z cio` e x = az che implica dx = adz , abbiamo a dx 1+


x 2 a

a2 dz = a2 1 + z2

x dz +c = a2 arctg z + c = a2 arctg 1 + z2 a

dove si ` e fatto uso della conoscenza dellintegrale elementare dx = arctg x + c. 1 + x2 Ripreso lintegrale generalizzato (1), questo si riscrive come A = 2 lim
t x +c t+ a 0 t a2 arctg 0 = 2 lim a2 arctg t+ a t = 2 lim a2 arctg = 2 a2 = a2 : t+ a 2

a2 arctg

nellultimo passaggio si ` e utilizzato il noto limite


t+

lim arctg(t/a) = lim arctg z =


z + a 2 2

. 2

Larea del cerchio ` e pari a A( ) = richiesto, A = 4A( ).

= a2 /4 per cui risulta, come

130

Esame 2003 PNI: problema 2

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) a) Si ha f (x) = a2x + b2x + c con a, b, c R. Perch e f sia lequazione rappresentativa di una funzione pari, devessere identicamente per x R f (x) = a2x + b2(x) + c = f (x). Ne segue a2x + b2x + c = a2x + b2x + c da cui 2x (a b) + 2x (b a) = 0. Anch e questultima valga per x R cio` e, lo ripetiamo, sia unidentit` a, devessere a b = 0 cio` e a = b. La condizione f (0) = 2 implica invece f (0) = a 1 + b 1 + c = 2 e, per quanto appena trovato, a + b + c = 2, a + a + c = 2, c = 2 2a. Lultima condizione si traduce nellintegrale (usiamo la notazione ln x in luogo della log x) 1 3 (a2x + a2x + c) dx = 2 ln 2 0 che verr` a risolto non appena siano conosciuti i due integrali 2x dx 2x dx x R

che appaiono nella scomposizione del primo membro. Anche se il primo rientra tra gli integrali elementari, trattiamoli allo stesso modo riportandoli alla base naturale e quindi introduciamo la nuova variabile t = x ln 2 (e dt = dx ln 2) 2x dx = ex ln 2 dx = et dt 1 = ln 2 ln 2 et dt = 2x et +c= + c. ln 2 ln 2

Analogamente (t = x ln 2) 2x dx = ex ln 2 dx = 1 et dt = ln 2 ln 2 et dt = 2x et +c= + c. ln 2 ln 2

Lintegrale originario diviene ora


1 1 1 1

(a2x + a2x + c) dx = a
0 0

2x dx + a
0

2x dx + c
0 1

dx

= a

2x 2x a + cx ln 2 ln 2

=
0

3 2 ln 2

Esame 2003 PNI: problema 2


Sviluppando i calcoli si ottiene 2a a a a 3 +c + = ln 2 2 ln 2 ln 2 ln 2 2 ln 2 che si semplica in 3a + 2c ln 2 = 3. Sostituendo c = 2 2a abbiamo da cui 3a + 4 ln 2 4a ln 2 = 3, a(3 4 ln 2) = 3 4 ln 2

131

a=1

a = b = 1 e c = 0. La funzione g(x) ` e pertanto: g(x) = 2x + 2x . b) Studio della funzione g. Come imposto inizialmente la g ` e una funzione pari g(x) = 2x + 2x = g(x) e positiva per x R in quanto somma di esponenziali. Continua nel proprio dominio, non possiede punti singolari di discontinuit` a. I limiti allinnito valgono (per x lo si ottiene per simmetria)
x

lim g(x) = +

essendo

x+

lim 2x = +

x+

lim 2x = 0.

Questo risultato lascia aperta la possibilit` a che g possegga degli asintoti obliqui. Lo studio di 2x + 2x m = lim x x conduce ad un caso di indeterminazione per cui conviene analizzare il limite del rapporto delle derivate 2x ln 2 ln 2 2x = . x 1 Poich e questo esiste possiamo applicare il teorema di De LH opital e concludere che 2x + 2x = : m = lim x x non essendo questo nito, la g non pu` o presentare alcun asintoto obliquo. Derivata prima. Il calcolo della g (x) comporta lim e lo studio del suo segno implica g (x) 0, 2x 2x 0, g (x) = 2x ln 2 ln 2 2x = ln 2(2x 2x ) 2x 2x , x x,

La funzione presenta in x = 0 un minimo come evidenziato dal graco riassuntivo del segno di g .
O Fig. 1.

2x 0,

x 0.

132

Esame 2003 PNI: problema 2

Derivata seconda. Il calcolo della g (x) conduce allespressione g (x) = ln 2(ln 2 2x + ln 2 2x ) = ln2 2(2x + 2x ) > 0 x R,

cosicch e la funzione risulta in ogni punto convessa. Notato che g(0) = 20 +20 = 2 possiamo inne proporre il graco di g (g. 2)

y=4

(0, 2) x1 x2

Fig. 2. Graco della funzione g (x) e area richiesta.

c) Tracciata la retta di equazione y = 4 si richiedono ora le ascisse x1 e x2 dei suoi punti di intersezione con g (g. 2). Questo problema equivale a determinare le soluzioni del sistema y = 2x + 2x y=4 Riscritta questa equazione come 2x + 1 =4 2x e moltiplicata per 2x si ha (2x )2 + 1 = 4 2x . che si riduce a 2x + 2x = 4.

Posto 2x = t diviene t2 4t + 1 = 0 che ` e risolta dai valori t1,2 = 2 3 e quindi 2x = 2 3.

Prendendo il logaritmo in base 2 dellultima abbiamo che 3): i x1,2 = lg2 (2 punti di intersezione possiedono le ascisse x1 = lg2 (2 3) e x2 = lg2 (2 + 3). Di questi valori, il testo chiede una stima ottenuta applicando un qualsiasi procedimento iterativo. Ricordando la monotonia crescente dellesponenziale 2x e che

Esame 2003 PNI: problema 2

133

2 + 3 = 2x2 , applichiamo il metodo di bisezione che, a partire dallosservazione 2 + 3 3,732, permette le deduzioni 2<2+ 3 < 22 21 < 2x2 < 22 = 1 < x2 < 2.

Scelto ora il valore medio dellultimo intervallo e calcolato 21,5 2,8284 ` e ancora 21,5 < 2 + Ora 21,75 3,24 21,75 < 2 + 3 < 22 = 1,5 < x2 < 2.

3 < 22

1,75 < x2 < 2;

ancora 21,875 3,66 cosicch e 21,875 < 2 + inne 21,9375 3,83 21,875 < 2 +

3 < 22

1,875 < x2 < 2;

3 < 21,9375

1,875 < x2 < 1,9375.

Nello stesso modo, con il metodo di bisezione, si pu` o procedere direttamente dalla 2x + 2x = 4 dato che il graco del primo membro (e in particolare, la sua monotonia) ` e conosciuto. d) Calcolo dellarea. Larea della regione nita delimitata dal graco di g e dalla retta di equazione y = 4 ed evidenziata in giallo in g. 2 viene data dallintegrale denito
lg2 (2+ 3)

A=

lg2 (2 3)

4 (2x + 2x ) dx

che per la gi` a notata simmetria diviene


lg2 (2+ 3)

A=2

(4 2x 2x ) dx.

Riprendendo gli integrali indeniti delle funzioni 2x e 2x precedentemente calcolati, larea diviene 2x 2x A = 2 4x + ln 2 ln 2
lg2 (2+ 3) 0

134 e dopo qualche calcolo numerico si riduce a A=2 =2 =2 =2 =2

Esame 2003 PNI: quesito 2

2+ 3 1 0 4 lg2 (2 + 3) + ln 2 ln 2(2 + 3) 1 1 2+ 3 4 lg2 (2 + 3) ln 2 2+ 3 4+3+4 31 1 4 lg2 (2 + 3) ln 2 2+ 3 6+4 3 1 4 lg2 (2 + 3) ln 2 2 + 3 2 3 5,2045 4 lg2 (2 + 3) ln 2

e) Il calcolo dellintegrale indenito 1 dx = g(x) 2x dx + 2x

si pu` o riportare ad un integrale pi` u semplice con la sostituzione t = 2x . Questa 1 implica x = lg2 t e il dierenziale dx = t ln 2 dt, per cui 2x dx = + 2x 2x dx = + (1/2x ) 1 1 dt. t + (1/t) t ln 2

Estratti i termini costanti si ha inne dx 1 = x x 2 +2 ln 2 arctg(2x ) 1 dt arctg t + c = + c. = 1 + t2 ln 2 ln 2

f) Per determinare inne la funzione g (x), simmetrica di g(x) rispetto alla retta y = 4 (non va confusa con la derivata g ), va considerata la trasformazione di simmetria assiale di equazioni x = x y + y =4 2 Sostituendo in y = 2x + 2x si ha 8 y = 2x + 2x

cio` e

x = x y = 8 y.

da cui

y = 8 2x 2x

Esame 2003 PNI: quesito 2


ossia, ritornando alle variabili canoniche x e y , anche g (x) = 8 2x 2x . Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito)

135

Considerando solo landata si tratta di determinare il numero delle combinazioni semplici di 18 elementi a gruppi di 2 ossia C18,2 = 18 2 = 153.

Con il ritorno quindi il numero complessivo di partite ` e 2 C18,2 = 306. In modo analogo, considerando entrambi i gironi di andata e ritorno e perci` o contando come diverse partite dove appaiono le medesime squadre si ottiene D18,2 = 18 17 = 306, dove D18,2 ` e il numero delle disposizioni semplici a gruppi di 2 di 18 elementi. Inne in termini intuitivi, in ogni giornata vengono giocate 9 partite (una volta, alla domenica), per 17 giornate che costituiscono il girone di andata e 17 giornate per il ritorno. Quindi 9 partite 17 giornate 2 gironi = 18 17 = 306. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Deniti gli eventi F = {la lampada ` e difettosa}

EA = {lampada estratta dalla scatola A} EB = {lampada estratta dalla scatola B } EC = {lampada estratta dalla scatola C } notiamo che gli eventi F EA , F EB , F EC sono incompatibili e che levento complesso F si pu` o decomporre nellunione dei tre precedenti ossia F = (F EA ) (F EB ) (F EC ). In tali ipotesi possiamo applicare il teorema delle probabilit` a totali e quindi esprimere la probabilit` a dellevento F , p(F ) come p(F ) = p(F EA ) + p(F EB ) + p(F EC ).

136

Esame 2003 PNI: quesito 3

Il calcolo delle probabilit` a che appaiono a secondo membro procede invece con il teorema della probabilit` a composta che fornisce p(F EA ) = p(F/EA ) p(EA )

p(F EB ) = p(F/EB ) p(EB ) p(F EC ) = p(F/EC ) p(EC ). Poich e si sceglie una scatola a caso risulta p(EA ) = p(EB ) = p(EC ) = 1 3 mentre, una volta scelta la scatola, risulta (il numero di lampadine contenuto in ogni scatola ` e quindi superuo) p(F/EA ) = 5% = 5 100 p(F/EB ) = 20% = 20 100 p(F/EC ) = 10% = 10 : 100

sostituendo queste probabilit` a nella p(F ) = p(F/EA )p(EA ) + p(F/EB )p(EB ) + p(F/EC )p(EC ) si ottiene p(F ) = 5 100 1 = 3 35 = 300 1 20 1 10 1 + + 3 100 3 100 3 5 + 20 + 10 100 7 = 0,1167. 60

Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Rappresentiamo il problema considerando una sezione piana del cono di apotema a = 2 dm e poniamo pari ad x il suo raggio di base (g. 1).

a x

Fig. 1.

Esame 2003 PNI: quesito 3

137

` pertanto 0 x a e, detta h laltezza del cono, il suo volume si esprime come E V=1 (x2 ) h. Per il teorema di Pitagora ` e anche 3 h= a2 x2

per cui si dovr` a individuare il valore massimo della funzione V= Derivando V abbiamo V = 1 2x 2x a2 x2 + x2 3 2 a2 x 2 1 1 2x(a2 x2 ) x3 = 2 3 a x2 1 = (2xa2 3x3 ). 2 3 a x2
0
2 a 3

1 2 x a2 x2 3 0 x a.

entro le limitazioni

Fig. 2.

Il segno di V comporta lo studio del prodotto x(2a2 3x2 ) 0. Poich e x0 mentre 2 2 2a2 3x2 0 implica ax a, 3 3 il segno di V ` e riassunto in g. 2. In corrispondenza di xmax = V assume il valore massimo V 2 a 3 = 3 2 2 a 3 2a3 2 a2 a2 = . 3 9 3
2 3a

il volume

Poich e si chiede il valore in centilitri va ricordato che 1 dm3 = 102 cl. Sostituendo 2 Vmax = (2 dm)3 3,2245 dm3 = 3,2245 102 cl = 322,45 cl. 9 3

138 Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2003 PNI: quesito 4

Un polinomio che intersechi lasse delle x in quattro punti pu` o essere per esempio p(x) = (x 1)(x 2)(x 3)(x 4) per cui, il polinomio che si ottiene traslando p(x) di due unit` a nel verso positivo delle ordinate P (x) = p(x) + 2 cio` e P (x) = (x 1)(x 2)(x 3)(x 4) + 2 = x4 10x3 + 35x2 50x + 26 soddisfa alla richiesta del quesito intersecando la retta di equazione y = 2 in x = 1, x = 2, x = 3 e x = 4. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Il polinomio di grado n P (x) = xn + an1 xn1 + + a1 x + a0 rappresenta una funzione continua in R e ivi derivabile. Se e sono due sue radici cio` e P () = P ( ) = 0 ` e possibile applicare in [, ] il teorema di Rolle in quanto tutte le sue ipotesi sono soddisfatte. Di conseguenza esiste almeno un punto di ascissa x ], [ dove la derivata prima di P si annulla cio` e P (x) = 0. Il calcolo di P (x) fornisce P (x) = nxn1 + (n 1)an1 xn2 + + a1 per cui x ], [ dove nxn1 + (n 1)an1 xn2 + + a1 = 0 che ` e quanto si voleva dimostrare. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Posto y = x3 + bx 7, anch e lequazione y = 0 presenti tre radici reali il graco della cubica y dovr` a avere a) un punto di massimo e uno di minimo relativi e b) i corrispondenti valori del massimo e del minimo dovranno essere di segno opposto. Difatti calcolata y = 3x2 + b, la condizione a) impone che la disequazione y 0 cio` e 3x2 + b 0 x2 b 3

Esame 2003 PNI: quesito 6

b 3 b 3

139

Fig. 1.

x1

b 3

x2

b 3

x3

Fig. 2. Andamento qualitativo della cubica assegnata.

cambi segno due volte. Ora solo se b < 0 le soluzioni di x2 b 3 sono della forma x b x 3 b 3

e implicano un segno per y come quello riassunto in g. 1. Poich e per x = 0 risulta y = 7 < 0 lordinata del minimo non potr` a che essere negativa (g. 2) per cui la condizione b) si traduce imponendo che sia y (xM ) > 0 con xM = b/3. Sostituendo y (xM ) = x3 M + bxM 7 > 0 = b 3
3

b 7 > 0. 3

Questultima si riscrive b3 b 27 b >7 3 2 b 3 |b| 3 b b 3 b >7 3

ma essendo b < 0 si ha b > 7. 3

140

Esame 2003 PNI: quesito 7

Poich e entrambi i membri appaiono essere positivi, eleviamo al quadrato ed esplicitiamo b3 4 2 b b 9 3 > 49 4b3 > 49 27 b3 < 49 27 4

da cui, estraendo la radice cubica b < 3


3

7 2

che approssimativamente, signica

b < ( 6,91).

Un possibile valore di b ` e pertanto b = 7 (scelto intero solo per semplicit` a). Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) La verica delluguaglianza richiesta si ottiene ricordando lintegrale elementare dx = arctg x + c 1 + x2 per cui si ha =4
0 1

dx 1 = 4 [arctg x]0 . 1 + x2

(1)

Sostituendo a secondo membro gli estremi di integrazione ed eseguendo la dierenza 0 = = 4(arctg 1 arctg 0) =4 4 come si voleva. Per una stima numerica di applicheremo il metodo dei rettangoli alla funzione f :y= 1 1 + x2

il cui graco ` e del tipo gi` a studiato nel problema 1. La funzione f ` e in eetti rappresentativa della versiera di Gaetana Agnesi quando si ponga a = 1. Il graco ` e quindi
(0, 1)

1 Fig. 1. Graco della funzione y = 1/(1 + x2 ).

Esame 2003 PNI: quesito 8


Poich e lintegrale denito
1 0

141

dx =A 1 + x2

si interpreta geometricamente come larea A della regione (trapezoide) sottostante al graco della funzione integranda (in giallo nella g. 1), possiamo ottenere una stima di questarea suddividendo lintervallo [0, 1] in n intervalli di uguale ampiezza e ricoprendola di rettangoli. Scegliamo n = 5 per cui lampiezza di ciascuno sar` a h = (1 0)/5 = 0,2 e identichiamo laltezza dei rettangoli con il valore di f calcolato nel punto medio di ciascuno dei 5 intervalli (g. 2). Una stima dellarea ` e quindi data dallespressione
4

A=

i=0

hf 0+

h (2i + 1) 2

= 0,2[f (0,1) + f (0,3) + f (0,5) + f (0,7) + f (0,9)] = 0,2[0,9901 + 0,9174 + 0,8 + 0,6711 + 0,5529] 0,7862.
1.2 1 0.8 0.6 0.4 0.2 0.2 0.4 0.6 0.8 1 n 5 valori medi

Fig. 2.

Ripresa luguaglianza (1), segue che una stima di risulta = 4 A 4 0,7862 = 3,1449. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Lintegrale denito proposto dal quesito si pu` o ricondurre al volume di un solido di rotazione attorno allasse delle x non appena si tenga presente la formula
b

V =

[f (x)]2 dx

142

Esame 2003 PNI: quesito 9

che rappresenta il volume generato da una rotazione attorno allasse x di 2 della regione compresa tra f (x), lasse x e le rette di equazione x = a e x = b. Pertanto riscrivendo lintegrale dato come
1 0

x3 dx =
0

x3 d x

possiamo identicare [f (x)]2 = x3 cio` e f (x) = x3 con x [0, 1] e quindi il volume rappresentato risulta essere quello generato dalla rotazione attorno allasse delle ascisse della regione in colore della g. 1. Il graco rappresentato si ottiene facilmente osservando che risulta f (x) 0 quando 0 x 1 e che pure x 0 nel medesimo intervallo. f (x) = 3 2

Fig. 1. Graco approssimativo della funzione y =

x3 .

Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Della funzione f (x) sappiamo che f (x) = sen x e che f (0) = 1. La prima si pu` o pure scrivere come df = sen x dx o esplicitando df , df = sen x dx.

` quindi noto il dierenziale di f per cui integrando si ha E f (x) = df = sen x dx = cos x + c.

La costante di integrazione si determina con la seconda condizione f (0) = 1 che implica c cos 0 = 1 per cui c = 2. Quindi f (x) = 2 cos x. Procedendo nello stesso modo f (x) = df = 2 cos x dx = df = (2 cos x) dx

Esame 2003 PNI: quesito 10


e integrando tra 0 e
2 2

143

df =
0

(2 cos x) dx = [2x sen x]0

/2

=2

1 = 1. 2

Ricordando che per il teorema di TorricelliBarrow


2

df = f

f (0) 2

abbiamo in denitiva che f f (0) = 1. 2

In alternativa, ottenuto lintegrale indenito f (x) = si calcolano i due valori f 2 =2 1+c = 1+c 2 f (0) = c df = (2 cos x) dx = 2x sen x + c

e quindi eseguendo la loro dierenza si ottiene il medesimo risultato. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) La risoluzione dellequazione data si pu` o ricondurre alla ricerca delle intersezioni 3 della cubica y = x 3x + 1 con lasse delle x. Studiamo perci` o il graco di questa cubica tramite la sua derivata prima y = 3x2 3 0 = x2 1 0 x 1 x 1.

1 Fig. 1.

144
3

Esame 2003 PNI: quesito 10

1 1

1 1

Fig. 2. Graco approssimativo di y = x3 3x + 1.

La cubica possiede un massimo relativo in corrispondenza di x = 1 mentre x = 1 ` e un punto di minimo. Poich e limx y = , f (1) = 3 > 0 e f (1) = 1 < 0 la cubica deve intersecare, per il teorema degli zeri, in tre punti distinti lasse delle x e tali da soddisfare alle disuguaglianze < 1, 1 < < 1, > 1 (g. 1). In particolare, avendo il punto di intersezione con lasse y ordinata positiva y (0) = 1 > 0, la radice deve appartenere, ancora per il teorema degli zeri, allintervallo ]0, 1[. Per calcolarne unapprossimazione applichiamo il metodo di bisezione. Considerando i punti medi degli intervalli via via individuati per la radice abbiamo, in prima approssimazione, 1 = 0,5 f (0,5) 0,37 < 0 Procedendo nello stesso modo 2 = 0,25 3 = 0,375 4 = 0,3125 f (0,25) 0,2656 > 0 f (0,375) 0,0723 < 0 f (0,3125) 0,0930 > 0 = = = 0,25 < < 0,5; 0,25 < < 0,375; 0,3125 < < 0,375. da cui 0 < < 0,5.

Alla prima cifra decimale corretta abbiamo in conclusione 0,3.

ESAME 2004

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti del questionario. Problema n. 1

Sia f la funzione denita da: f (x) = 2x 3x3 . 1. Disegnate il graco G di f . 2. Nel primo quadrante degli assi cartesiani, considerate la retta y = c che interseca G in due punti distinti e le regioni nite di piano R e S che essa delimita con G. Precisamente: R delimitata dallasse y , da G e dalla retta y = c e S delimitata da G e dalla retta y = c. 3. Determinate c in modo che R e S siano equivalenti e determinate le corrispondenti ascisse dei punti di intersezione di G con la retta y = c; 4. determinare la funzione g il cui graco ` e simmetrico di G rispetto alla retta y = 4 . 9 Soluzione

Problema n. 2 ABC ` e un triangolo rettangolo di ipotenusa BC . 1. Dimostrate che la mediana relativa a BC ` e congruente alla met` a di BC . 2. Esprimete le misure dei cateti di ABC in funzione delle misure, supposte assegnate, dellipotenusa e dellaltezza ad essa relativa. 3. Con BC = 3 metri, determinate il cono K di volume massimo che si pu` o ottenere dalla rotazione completa del triangolo attorno ad uno dei suoi cateti e la capacit` a in litri di K . 4. Determinate la misura approssimata, in radianti ed in gradi sessagesimali, dellangolo del settore circolare che risulta dallo sviluppo piano della supercie laterale del cono K . Soluzione

146

Esame 2004: quesito 1

Questionario

1. Trovate due numeri reali a e b, a = b, che hanno somma e prodotto uguali. Soluzione

2. Provate che la supercie totale di un cilindro equilatero sta alla supercie della sfera ad esso circoscritta come 3 sta a 4. Soluzione

3. Date un esempio di funzione f (x) con un massimo relativo in (1, 3) e un minimo relativo in (1, 2). Soluzione

4. Dimostrate che lequazione ex + 3x = 0 ammette una e una sola soluzione reale. Soluzione

5. Di una funzione g(x), non costante, si sa che:


x2

lim g(x) = 3 e g(2) = 4.

Trovate una espressione di g(x). Soluzione

6. Vericate che le due funzioni f (x) = 3 log x e g(x) = log(2x)3 hanno la stessa derivata. Quale giusticazione ne date? Soluzione

7. Un triangolo ha due lati e langolo da essi compreso che misurano rispettivamente a, b e . Quale ` e il valore di che massimizza larea del triangolo? Soluzione

Esame 2004: problema 1

147

8. La misura degli angoli viene fatta adottando una opportuna unit` a di misura. Le pi` u comuni sono i gradi sessagesimali, i radianti, i gradi centesimali. Quali ne sono le denizioni? Soluzione
1

9. Calcolate:
0

arcsen x dx. Soluzione

10. Considerate gli insiemi A = {1, 2, 3, 4} e B = {a, b, c}; quante sono le applicazioni (le funzioni) di A in B ? Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) La funzione f assegnata ` e una cubica di dominio R che si pu` o riscrivere nella forma f (x) = 2x 3x3 = x(2 3x2 ). Da questa discende che f (x) = (x)[2 3(x)2 ] = x(2 3x2 ) = f (x) x R

per cui appare una funzione dispari con il graco G simmetrico rispetto allorigine O di un normale sistema cartesiano. Il segno, f (x) 0 dipende dai due fattori x0 e

2 3x2 0
2 3

2 3

2 x 3

2 3

0 + Fig. 1.
2 . 3

per cui si ha f (x)

2 3

0x

148

Esame 2004: problema 1

Lo studio dei limiti comporta lanalisi di limx f (x) che si pu` o riscrivere come 2 lim f (x) = lim x3 3 + 2 = x x x in quanto valgono i limiti lim 2 =0 x2 lim 3 + 2 = 3 x2 lim x3 = .

Inoltre le cubiche non posseggono asintoti obliqui come conferma la ricerca di un eventuale coeciente angolare basata sul limite m = lim f (x) = lim 2 3x2 = . x x

Il calcolo della derivata prima fornisce f (x) = 2 9x2 mentre lo studio del suo 2 2 2 segno f (x) 0 implica 2 9x 0 risolta da 3 x 3 .

2 3 2 3

Fig. 2.

La funzione presenta quindi un massimo ed un minimo relativi propri. Il valore di f in corrispondenza del punto di massimo ` e 2 3 2 2 2 2 4 = 3 = 2. 3 27 9

La derivata seconda f (x) = 18x 0 mostra che la concavit` a` e rivolta verso lalto quando x 0 cosicch e il graco G ` e rappresentato in g. 4
0 Fig. 3.

Esame 2004: problema 1

149

4 9

2 3

2 3

2 3

2 3

4 9 2

Fig. 4. Graco G della funzione f .

4 9

2 A R O
2 3

y=c

2 3

Fig. 5. Regioni R e S .

2) La richiesta del secondo punto consiste nel riconoscere le due regioni R e S . La prima, R, delimitata dallasse y , da G e dalla retta orizzontale y = c ed evidenziata in verde in g. 5, la seconda S , delimitata da G e dalla retta y = c appare in giallo. Al ne di determinare il parametro c (domanda 3 del testo) indichiamo con A e B i punti di intersezione della retta orizzontale con il graco G e con e le rispettive ascisse. Abbiamo pertanto 0c 4 2 9 A(, c), B (, c).

Le ascisse e sono evidentemente le soluzioni dellequazione 2x 3x3 = c ottenuta dal sistema y=c (1) y = 2x 3x3

150

Esame 2004: problema 1

quando 0 c 4 2 con leliminazione di y ma, poich e la medesima retta 9 incontra G pure in un ulteriore terzo punto di ascissa negativa, le incognite e non rappresentano tutte le soluzioni dellequazione. Comunque di certo risulta 2 33 = c 2 3 3 = c.

Non potendo risolvere direttamente lequazione 3x3 2x + c = 0 in quanto di terzo grado e parametrica, non resta che porre la condizione dellequivalenza delle aree delle regioni R e S . 3) Poich e larea della regione S ` e espressa da x4 x2 3 cx (2x 3x c) dx = 2 S= 2 4 3 3 = 2 4 c 2 + 4 + c 4 4 mentre per R risulta
3

R=

[c (2x 3x3 )] dx =
0

(c 2x + 3x3 ) dx

x2 x4 = cx 2 +3 2 4

3 = c 2 + 4 4

la condizione S = R si esplicita nellequazione 3 3 3 2 4 c 2 + 4 + c = c 2 + 4 4 4 4 da cui 3 c + 2 4 = 0 per cui, se = 0, 4

3 c = 3. 4 Questultima costituisce una seconda equazione nelle incognite c e mentre la prima si era dedotta dal fatto che doveva essere una soluzione del sistema (1). Possiamo quindi risolvere il sistema c = 2 3 3 3 c=3 4 9 1 2 = 0 4 = 3 2 3 3 = 3 4

abbiamo

3 Ne discende 9 e un valore privo di signicato e 4 = 0 da cui = 0 che `

2 =

4 9

2 = . 3

Esame 2004: problema 1

151

2 in quanto la discussione ha Di questi va accettato solo il valore positivo = 3 luogo, come dice il testo, nel I quadrante. In corrispondenza il valore di c risulta

c=2

2 3

2 3

4 . 9

(2)

e soluzione di 2x 3x3 = Rimane inne da determinare che, come detto, ` 2 4 e di questa equazione conosciamo ora la soluzione = 3 possiamo 9 . Poich con il metodo di Runi evidenziare un fattore di primo grado: pertanto da 3x3 2x + 4 9 = 0 discende 3
2 3

0 2

2
4 3 2 3

4 9 4 9

3 per cui 3x3 2x + Ne segue lequazione 2 3x + 2x = 0 3


2

2 x

0 = 0. 3

4 = 9

2 2 3x2 + 2x 3 3

risolta da

1 x= 3

scartata ancora la soluzione negativa, otteniamo inne =

1+ 3 . 3

4) Per determinare la funzione g simmetrica di f rispetto alla retta y = 4 9 , valore e suciente particolarizzare le equazioni di una trovato nel punto precedente, ` generica simmetria di asse y = c x = x y = y + 2c x = x y + y = c. 2
P (x , y ) y=c M P (x, y )

oppure dedurle dalla condizione che il punto medio M del segmento P P (g. 6) appartenga allasse di simmetria cio` e

Fig. 6.

152 Si giunge quindi alla x = x y = y +

Esame 2004: problema 2

8 9

Sostituendo in y = 2x 3x3 si ottiene 8 8 y + = 2x 3(x )3 = y = 3(x )3 2x + 9 9 ossia lasciando cadere gli indici, y = 3x3 2x + 8 9 . Nella gura 7 si rappresentano i graci di f e g e la retta asse della simmetria.

4 9

2 y=
4 9

2 3

2 3

O 2 4 9

2 3

2 3

Fig. 7. Graci delle funzioni f e g .

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1) Ci sono diversi modi per dimostrare la tesi che la mediana AM relativa allipotenusa BC di un triangolo rettangolo ABC , ` e congruente alla met` a di BC cio` e che AM = M B = M C , essendo M il punto medio di BC .
A

M Fig. 1.

Esame 2004: problema 2

153

per cui, con riferimento alla g. 1, segue Si pu` o partire dal fatto che BAC = 2 che ABC ` e inscritto in una semicirconferenza per cui BM = M C e quindi pure AM = M C in quanto raggi della medesima circonferenza.
A S

M Fig. 2.

In alternativa (g. 2), tracciata la parallela a AC per M e detta S la sua intersezione con AB , il teorema di Talete sulle rette parallele tagliate da due trasversali assicura che da BM = M C discende pure BS = SA. Ma ASM = 2 per cui MS ` e mediana ed altezza di ABM . Quindi ABM ` e isoscele con BM = AM . 2) Posto per comodit` a la misura di BC = 2a e AH = h (g. 1) con a e h parametri assegnati, per esprimere i cateti di ABC determiniamo in base al teorema di 2 2 2 Pitagora M H = AM AH cio` e AM AH = a2 h2 . Ne segue che HC = M C M H = a a2 h2 per cui, per il secondo teorema 2 di Euclide AC = HC BC e quindi MH = AC = HC BC = 2a a a2 h2 .
2 2

Il teorema di Pitagora (o anche il secondo di Euclide) ora permette di ottenere AB = = BC AC = 2a a +


2 2

4a2 2a2 2a BH BC.

a2 h2

a2 h2 =

3) Posto BC = 2a = 3 m da cui a = 23 m, continuiamo per comodit` a ad utilizzare il parametro a ed esprimiamo il volume del cono K di altezza AC e raggio di base AB . Con riferimento alla g. 3, introduciamo una variabile angolare x = ABC , con 0 x 2. Allora AB = 2a cos x, AC = 2a sen x per le relazioni trigonometriche in un triangolo rettangolo e AH = AB sen x = 2a sen x cos x. Il volume V diviene ora

154
C

Esame 2004: problema 2

A Fig. 3. Solido di rotazione (cono) di ABC .

V=

1 2 AB AC 3 1 8 = (2a cos x)2 2a sen x = a3 sen x cos2 x 3 3

Con le condizioni geometriche abbiamo quindi


3 2 V=8 3 a sen x cos x 0x 2.

Passando al calcolo della derivata prima si ha V= 8 3 a cos x cos2 x + sen x 2 cos x( sen x) 3 8 8 = a3 cos x(cos2 x 2 sen2 x) = a3 cos x(cos2 x 2 + 2 cos2 x) 3 3 8 3 = a cos x(3 cos2 x 2) 3

per cui il suo segno dipende dai fattori, cos x 0 3 cos2 x 2 0 = cos2 x 2 3 + 2k x + 2k 2 2 2 cos x cos x 3
2 3

2 . 3

2 ossia = arccos Posto cos = 3 elementari sono risolte per

35,26 , le due ultime disequazioni

+ k x + k. Combinando i segni dei due termini (g. 4) e considerando le limitazioni geometriche, ne deriva che V 0 se 0 < x .

Esame 2004: problema 2

155

Fig. 4. Segno di V in [0, ]. 2

Il massimo del volume si ottiene quindi quando x = dove 2 1 1 cos2 = 1 = . 3 3 Ne segue che la capacit` a del cono K risulta (a = 3/2) 3 1 2 16 8 3 3 metri3 Vmax = a = 3 3 2 3 9 3 2 3 2 = m = 103 litri 2094,39 litri. 3 3 o seVolendo invece sfruttare in parte quanto svolto nel punto precedente si pu` guire un metodo risolutivo che sfrutta una variabile lineare anzich e una angolare. Osservati quindi i risultati del punto precedente, converr` a porre come incognita la misura (con segno) del segmento orientato M H ossia x = M H con a x a e questo per evitare che, ponendo laltezza h come incognita le relazioni si complichino eccessivamente data la presenza di radicali entro radicali. Ne segue immediatamente che cos = 2 3 sen = AB = e il volume risulta V= 2a(a + x) AC = 2a(a x),

2 AB AC = [2a(a + x)] 2a(a x) 3 3 2 2 = a a(a + x) a x. 3 Il calcolo di V conduce allespressione 2 2 a+x V = ax a a 3 2 ax 2 2 2(a x) a x a a = 3 2 ax 2 2 a 3x = . a a 3 2 ax

156

Esame 2004: problema 2

Lunico termine non positivo nellultima espressione ` e il numeratore del termine entro parentesi per cui sar` a V 0 se a 3x 0 cio` e x a . 3
a
a 3

Fig. 5. Segno di V .

Il segno della derivata (g. 5) mette quindi in evidenza come il volume V sia a crescente nellintervallo [a, a 3 [ e decrescente in ] 3 , a[. Il volume massimo si a ottiene in corrispondenza di x = 3 che comporta un valore per il volume 16 2 3 2 2 4 2 2 a a a a = a3 = m Vmax = 3 3 3 3 9 3 coincidente con quanto gi` a trovato. 4) Lo sviluppo piano della supercie laterale di un cono assume la forma di un settore circolare di raggio pari allapotema del cono (g. 6): nel nostro caso lapotema risulta lipotenusa BC del triangolo originario rappresentato in g. 3.
l C B Fig. 6. Sviluppo piano della supercie laterale del cono K .

Larco che denisce langolo al centro possiede lunghezza l pari alla circonferenza di base del cono K che, nel caso della discussione condotta con la variabile goniometrica ` e data da dove AB rappresenta il raggio di base del cono. Tenendo presente che la misura di un angolo in radianti ` e denita come il rapporto tra la lunghezza dellarco e il raggio della circonferenza cui larco appartiene, langolo (in radianti) ` e espresso dal rapporto (g. 6) = l 2AB 4a cos = = 2a BC BC 2 = 2 cos = 2 5,1302 radianti 3 l = 2 AB = 2 (2a cos ) = 4a cos

Esame 2004: quesito 1


per cui riportando tale valore in gradi decimali e sessagesimali abbiamo 5,1302 rad = 293,9388 = 293 56 20 . Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito)

157

Si tratta di risolvere lequazione a + b = a b con la condizione a = b cio` e il sistema a+b=ab a = b. Essendo questo costituito da ununica equazione in due incognite, la sua soluzione generale sar` a espressa da un insieme innito di coppie (a, b) interpretabile come il graco di una funzione nel piano cartesiano Oab. Comunque procedendo algebricamente, esplicitiamo lincognita b, abb = a da cui b(a 1) = a che per a = 1 comporta lassurdo 0 = 1. Pertanto possiamo dividere per a = 1 sapendo pure che a = 1 non potr` a essere soluzione dellequazione. Si giunge alla a . b= a1 a=b ossia a2 a = a, a2 2a = 0 = a = 0 a = 2. Pertanto qualsiasi coppia (a, b) che soddisfa alle condizioni b= a a1 a=0 a=2 = a= a a1 = a(a 1) = a,

La condizione a = b implica ora

` e accettabile e risponde alle condizioni del testo. Pur non richiesto, possiamo interpretare il risultato sopra nel piano cartesiano Oab: lequazione ottenuta rappresenta una funzione omograca di asintoto verticale a = 1 e asintoto orizzontale b = 1. Il suo graco ` e quello di uniperbole equilatera traslata che passa per lorigine O del sistema e dal quale sono esclusi i punti di ascissa nulla e pari a 2 (g. 1). Nella gura sono inoltre evidenziate 3 5 alcune coppie di punti (2, 2 3 ), (3, 2 ), (5, 4 ) soluzioni del quesito.

158

Esame 2004: quesito 2

2 (2, 3 )

(3, 3 ) 2

5 ) (5, 4

b=1 O

a=1 Fig. 1. Graco dellinsieme risolutivo il quesito nel sistema Oab.

Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Un cilindro equilatero ` e denito come un cilindro che possiede laltezza h pari al e M N = 2r = P N per diametro 2r delle sue basi. Posto allora (g. 1) HN = r , ` cui larea totale sar` a data da Acil = 2( HN ) + (2 HN ) M N = 6r 2 .
2

= 2r 2 + (2r ) (2r ) = 2r 2 + 4r 2

Fig. 1. Sezione piana del cilindro equilatero e della sfera.

Esame 2004: quesito 3

159

Il raggio R della sfera circoscritta ` e invece R = OM = ON = r 2 dato che la sezione del cilindro, ottenuta con un piano passante per il suo asse, forma un e pertanto quadrato (g. 1). Larea della supercie della sfera ` Asf = 4R2 = 4 (r 2)2 = 8r 2 e il rapporto richiesto diviene Acil 6r 2 6 3 = = = Asf 8r 2 8 4 come volevasi dimostrare. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Tra le innite possibilit` a di scelta che il quesito presenta, ci rivolgiamo allampia classe delle funzioni derivabili tra le quali le cubiche possono soddisfare le caratteristiche richieste potendo presentare sia un minimo che un massimo. Identichiamo quindi la funzione f (x) con una cubica, la cui equazione generale ` e f (x) = ax3 + bx2 + cx + d. Lappartenenza dei punti A(1, 3) e B (1, 2) a tale funzione comporta le due condizioni 3= a+b+c+d 2 = a + b c + d mentre, calcolata la derivata prima f (x) = 3ax2 + 2bx + c e, dovendo questa essere nulla nei punti di estremo cio` e f (1) = 0, ne derivano altre due equazioni 0 = 3a + 2b + c 0 = 3a 2b + c. Dobbiamo pertanto risolvere il sistema 3=a+b+c+d 2 = a + b c + d 0 = 3a + 2b + c 0 = 3a 2b + c.

b. Sommando la terza Sommando le prime due si ha 5 = 2b + 2d, da cui d = 5 2 e quarta si ha 6a + 2c = 0 per cui c = 3a che, sostituita nella seconda equazione assieme allespressione trovata per d, fornisce 2 = a + b + 3a + 5 b 2 = 2a = 2 5 2 a= 1 4

160

Esame 2004: quesito 4

3 2 1 1

Fig. 1. Graco di una funzione cubica con estremi in x = 1.

e quindi c= e inne, 3 , 4 2= 0=3 1 4 + 2b + 3 4 = b=0

1 3 5 + 0 + d = d = . 4 4 2 1 3 3 Pertanto tra le parabole cubiche, la funzione f (x) = 4 x + 4 x+ 5 2 soddisfa alle condizioni del quesito: f (x) possiede inoltre il graco riportato in gura 1. Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Lequazione ex + 3x = 0 si pu` o riscrivere anche come ex = 3x, per cui posto x y = e e, per transitivit` a pure y = 3x assume la forma denitiva y = ex y = 3x. Ci` o permette di interpretare le soluzioni dellequazione originaria come le ascisse dei punti di intersezione dei graci delle due funzioni note y = ex e y = 3x. La prima ` e la funzione esponenziale di base naturale mentre la seconda esprime una retta passante per lorigine di coeciente angolare 3. La gura 1 rappresenta i graci di entrambe le funzioni e mette in evidenza come questi non possano che intersecarsi in un solo punto di ascissa negativa. Alternativamente, posto f : y = ex + 3x con x R, osserviamo che i limiti agli estremi del dominio di tale funzione valgono
x+

lim y = +

lim y = ,

in quanto risulta
x+

lim ex = +

lim ex = 0

lim 3x = .

Esame 2004: quesito 5

161

y = ex

y = 3x Fig. 1. Graci delle funzioni y = ex e y = 3x.

Poich e y = ex + 3 > 0 x R, la funzione f risulta crescente e continua in tutto il suo dominio. Calcolata in x = 0 vale f (0) = 1 > 0 mentre in x = 1 assume il valore f (1) = e1 3 < 0. Pertanto nellintervallo chiuso [e1 3, 0] ` e applicabile il teorema degli zeri delle funzioni continue che assicura lesistenza di almeno un valore interno ad esso dove f () = 0. Dato che f ` e pure monot` ona crescente nel medesimo intervallo, il valore ` e anche unico come assicura il teorema dellesistenza della funzione inversa nellipotesi di funzioni continue e strettamente monot` one in un intervallo. Difatti se esiste la funzione f 1 allora limmagine di 0 secondo f 1 ossia = f 1 (0) devessere un unico valore. o fornire una Con metodi numerici (si veda il quesito 9 dellesame 2004 PNI) si pu` stima approssimata di ossia 0,257628. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Le condizioni espresse dal testo
x2

lim g(x) = 3

g(2) = 4

(1)

delineano una funzione g dotata di una discontinuit` a di terza specie o eliminabile in x = 2 dato che i limiti destro e sinistro in 2 sono uguali e niti mentre la funzione in tale punto assume un valore diverso. Tra le innite possibili scelte potremmo rivolgerci ad una funzione denita in due insiemi: nel primo, R {2}, g pu` o pensarsi costituita da una qualsiasi funzione polinomiale di grado maggiore o eguale al primo, data la condizione che g non sia costante. Poich` e un qualsiasi polinomio rappresenta una funzione continua in R lunica condizione da imporre ` e che il punto (2, 4) appartenga al graco del polinomio scelto in R. Per x = 2 scegliamo quindi unespressione polinomiale di secondo grado, y = 3 + (x 2)2 che manifestamente soddisfa a tali condizioni (ma avremmo potuto

162

Esame 2004: quesito 6

scegliere anche y = 3 + (x 2)3 e cos` via). In x = 2 siamo invece obbligati a porre g(2) = 4. In denitiva, una scelta per g potrebbe essere g: y = 3 + (x 2)2 y=4 se x = 2 se x = 2:

in tal modo entrambe le condizioni di (1) appaiono soddisfatte: il graco di g ` e riportato in gura 1.

4 3

Fig. 1. Graco di g .

Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Il calcolo della derivata prima della funzione f (x) = 3 ln x di dominio x > 0 (intendiamo log x = ln x) ` e immediato: f (x) = 3 1 3 = . x x

Posta, per la g, la condizione (2x)3 > 0 soddisfatta ancora da x > 0 risulta g (x) = 1 3 1 D (2x3 ) = 3 2 3x2 = 3 2x 2x x

che conferma luguaglianza f (x) = g (x). La giusticazione sta nel fatto che, per un teorema sulle funzioni derivabili, le due funzioni dieriscono per una costante. Difatti, in base alle propriet` a dei logaritmi e nel dominio gi` a individuato, g si pu` o riscrivere come g(x) = ln(2x)3 = 3 ln(2x) = 3(ln 2 + ln x) = 3 ln 2 + 3 ln x per cui si ha g(x) = 3 ln 2 + f (x) ossia g(x) f (x) = 3 ln 2.

Esame 2004: quesito 8


Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito)

163

Posto a = AC , b = AB e = BAC (g. 1) larea di ABC risulta espressa da A= 1 1 1 AB CH = AB AC sen = ab sen . 2 2 2

C a A Fig. 1. H b B

Poich e il vertice C potr` a variare su una semicirconferenza di centro A e raggio a, langolo assume solo i valori dellintervallo 0 . Evidentemente larea ` e massima quando lunico elemento variabile, sen , ` e massimo e ci` o accade quando sen = 1. Pertanto lunico valore accettabile ` e = 2 e, in corrispondenza, il triangolo risulta rettangolo. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Il grado sessagesimale si denisce come la trecentosessantesima parte dellangolo giro. I suoi sottomultipli sono il primo, sessantesima parte del grado e il secondo, sessantesima parte del primo. Il radiante viene invece identicato come la misura dellangolo al centro che sottende un arco di circonferenza di lunghezza pari al raggio. Inne, il grado centesimale risulta la quattrocentesima parte dellangolo giro. Tra radianti e gradi sessagesimali si utilizza la proporzione (rad) = 180 Posto (rad) = 1 discende che 1 rad = 180 57,2958 57 17 44,8063 . che implica = 180 (rad).

Tra gradi sessagesimali (indicati nei calcolatori tascabili con deg) e gradi centesimali (grad ) sussiste invece la relazione 400 (grad) = 360 che implica 1 grad = 0,9 = 0 54 .

164 Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Lintegrale denito


0 1

Esame 2004: quesito 9

arcsen x dx si pu` o calcolare dopo aver determinato il corrispondente integrale indenito. Questo si risolve procedendo per parti: di seguito presentiamo i due metodi principali. a) Posto t = arcsen x ` e pure x = sen t e il dierenziale risulta dx = cos t dt. Lintegrale iniziale si riscrive quindi come arcsen dx = t cos t dt

Identicato cos t dt come il fattore dierenziale avente per integrale sen t, lapplicazione della regola per parti comporta t cos t dt = t sen t sen t dt = t sen t + cos t + c. 1 sen2 t (x [0, 1]

Ritornando alla variabile originaria x e ricordato che cos t = e t [0, 2 ]) giungiamo inne allinsieme di primitive arcsen x dx = x arcsen x +

1 x2 + c.

b) Il medesimo risultato viene fornito procedendo per parti dopo aver identicato il fattore dierenziale con dx. Abbiamo in tal caso arcsen x dx = x arcsen x = x arcsen x = x arcsen x Posto ora x2 = t per cui dt = 2x dx, risulta arcsen x dx = x arcsen x 1 2 1 = x arcsen x + 2 e dato che d(1 t) = dt, si ha = x arcsen x
1 dt 2 1t

D (arcsen x) dx 1 x dx 1 x2 x dx . 1 x2

(1 t) 2 dt (1 t) 2 ( dt)
1

Esame 2004: quesito 9


= x arcsen x + = x arcsen x + 1 (1 t) 2 +c 2 1/2 1 x2 + c.
1

165

Il valore dellintegrale denito discende ora immediatamente:


1

arcsen x dx = x arcsen x +
0

= 1 arcsen 1 +

1 x2

1 0

1101=

1. 2

In alternativa, tenendo presente che lintegrale denito esprime anche larea (con segno) del trapezoide compreso tra la funzione arcsen x e lasse delle ascisse (in o ottenere sottraendo dal rettangolo con i rosso in g. 1), il valore richiesto si pu` lati di lunghezza 1 e 2 , larea A della regione rappresentata in giallo in g. 1 e fornita dallintegrale denito A=
2

sen x dx.

0
2

2 Fig. 1. Area richiesta.

In tal caso i calcoli si riducono a A= e quindi


0
2

sen x dx = [ cos x]0

/2

= 0 + 1 = 1

arcsen x dx = 1

A = 1. 2 2

166 Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2004: quesito 10

Indicata con f una generica funzione di A in B con A = {1, 2, 3, 4} e B = {a, b, c}, la denizione di funzione f :AB x A, ! y B tale che y = f (x)

chiarisce come debbano essere coinvolti tutti gli elementi di A mentre quelli di B non lo sono necessariamente. Si tratta quindi di mettere in corrispondenza gli stessi 4 elementi di A con quelli di B anche ripetendo lo stesso elemento. Per esempio, ciascuno dei blocchi presentati di seguito ` e rappresentativo di una diversa funzione. a a a b 1 2 3 4 a a b a 1 2 3 4 a b a a 1 2 3 4 b a a a 1 2 3 4 ...

Il numero totale di questi gruppi ` e pertanto il numero delle disposizioni di 3 oggetti in gruppi di 4, potendo gli oggetti (3 nel nostro caso) essere ripetuti. Dalla teoria del calcolo combinatorio questi gruppi formano le disposizioni con ripetizione e il loro numero ` e dato da
Dn,k = nk

essendo n il numero degli oggetti a disposizione distinti e k il numero degli elementi compresi in ogni gruppo. 4 Nel nostro caso abbiamo quindi D3 ,4 = 3 = 81.

ESAME 2004 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti del questionario. Problema n. 1 Sia la curva dequazione: y = kex
2

ove k e sono parametri positivi. 1. Si studi e si disegni ; 2. si determini il rettangolo di area massima che ha un lato sullasse x e i vertici del lato opposto su ; 2 + 1 3. sapendo che ex dx = e assumendo = 2 , si trovi il valore da attribuire a k anch e larea compresa tra e lasse x sia 1; 4. per i valori di k e sopra attribuiti, ` e detta curva standard degli errori o delle probabilit` a o normale di Gauss (da Karl Friedrich Gauss, 1777 1855 ). Una media = 0 e uno scarto quadratico medio = 1 come modicano lequazione e il graco? Soluzione

Problema n. 2 Sia f la funzione cos` denita: f (x) = sen x cos x + x a 2b

con a e b numeri reali diversi da zero. 1. Si dimostri che, comunque scelti a e b, esiste sempre un valore di x tale b che f (x) = a+ 2 . 2. Si consideri la funzione g ottenuta dalla f ponendo a = 2b = 2. Si studi g e se ne tracci il graco. 3. Si consideri per x > 0 il primo punto di massimo relativo e se ne fornisca

168

Esame 2004 PNI: quesito 1


una valutazione approssimata applicando un metodo iterativo a scelta. Soluzione

Questionario

1. La misura degli angoli viene fatta adottando una opportuna unit` a di misura. Le pi` u comuni sono i gradi sessagesimali, i radianti, i gradi centesimali. Quali ne sono le denizioni? Soluzione

2. Si provi che la supercie totale di un cilindro equilatero sta alla supercie della sfera ad esso circoscritta come 3 sta a 4. Soluzione

3. Un solido viene trasformato mediante una similitudine di rapporto 3. Come varia il suo volume? Come varia larea della sua supercie? Soluzione

4. Dati gli insiemi A = {1, 2, 3, 4} e B = {a, b, c} quante sono le applicazioni (le funzioni) di A in B ? Soluzione

5. Dare un esempio di funzione g, non costante, tale che:


x2

lim g(x) = 2 e g(2) = 4. Soluzione

6. Dare un esempio di funzione f (x) con un massimo relativo in (1, 3) e un minimo relativo in (1, 2). Soluzione

Esame 2004 PNI: problema 1

169

7. Tra i triangoli di base assegnata e di ugual area, dimostrare che quello isoscele ha perimetro minimo. Soluzione

8. Si trovino due numeri reali a e b, a = b, che hanno somma e prodotto uguali. Soluzione

9. Si dimostri che lequazione ex + 3x = 0 ammette una e una sola soluzione e se ne calcoli un valore approssimativo utilizzando un metodo iterativo a scelta. Soluzione

10. Nel piano ` e data la seguente trasformazione: xx 3y y x + y 3. Di quale trasformazione si tratta? Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1) Come detto pi` u avanti nel testo del problema, la curva di equazione : y = kex
2

con

k>0 e >0

` e rappresentativa di un insieme di curve ben conosciute tra le quali rientra la gaussiana standard. Studiamone le propriet` a. Il dominio di coincide con R e, in questo dominio, la funzione che la rappresenta ` e simmetrica pari in quanto f (x) = ke(x) = kex = f (x) x R. Il suo graco sar` a quindi simmetrico rispetto allasse delle y . Segno: f (x) > 0 implica kex > 0 che, essendo k > 0 cos` come per le x2 > 0, ` e soddisfatta x R. propriet` a dellesponenziale e
2 2 2

170

Esame 2004 PNI: problema 1

La funzione ` e continua in tutto il dominio essendo composta di funzioni continue (ez e z = x2 ) e i suoi limiti agli estremi di R sono:
x

lim kex = 0

in quanto

lim ex = lim ez = 0
z

avendo posto z = x2 . Lasse delle ascisse ` e pertanto un asintoto orizzontale per . Il calcolo della derivata prima fornisce y = k ex (2x) = 2x(k ) ex
2 2

e la condizione di positivit` a y 0 implica 2x 0 cio` e x 0. Il segno di y ` e riassunto in g. 1 e questo mostra come il punto x = 0 debba essere un punto di massimo assoluto per .
0 y Fig. 1.

La derivata seconda risulta y = D (2kx) ex


2 2 2

= 2k ex + x (2x)ex = 2ex k(1 + 2x2 )

e y 0 comporta lo studio di 1 + 2x2 0 essendo tutti i rimanenti fattori positivi. Ne segue 2x2 1, x2 1 2 = 1 1 x x . 2 2

a. Il segno complessivo appare in g. 2 assieme alla disposizione delle concavit` Queste sono rivolte verso la direzione negativa dellasse y quando x ` e interno 1 allintervallo 1 . , 2 2
1 2
1 2

Fig. 2.

Esame 2004 PNI: problema 1

171

Le ascisse dei punti di esso sono x = 1/ 2 e le corrispondenti ordinate valgono 1 k 1 = k e 2 = ke 2 = . y e 2 Notato che y (0) = k, proponiamo il graco di nella gura 3.

k e

1 2

1 2

Fig. 3. Graco di .

2) Il rettangolo di cui si chiede larea massima appare in g. 4. Determiniamo larea A in funzione dellascissa x0 0 di B : per la simmetria gi` a notata ` e quindi 2 e A = AB BC = A(x0 , 0) mentre lordinata di C risulta yC = kex0 . Poich 2OB BC abbiamo A(x0 ) = 2x0 kex0 = 2k x0 ex0
2 2

x0 0.

B (x0 , 0)

Fig. 4. Rettangolo compreso tra e lasse x.

Uno studio di carattere geometrico agli estremi dellinsieme di variabilit` a [0, +[ di x0 suggerisce con evidenza che se x0 = 0 allora A = 0 cos` come, A(x0 ) 0

172

Esame 2004 PNI: problema 1

se x0 + (seppur con minor evidenza). Passando comunque allo studio della derivata prima A abbiamo A (x0 ) = 2k ex0 + x0 (2x0 )ex0 da cui A (x0 ) = 2kex0 1 2x2 0
2 2 2

la condizione A 0 implica lo studio del fattore 1 2x2 0 0 in quanto il primo fattore ` e certamente positivo. Ne segue ( > 0) x2 0 1 2 = 1 1 x . 2 2

La rappresentazione graca del segno di A mostra un andamento crescente [ e decrescente se x0 > 1 . Il massimo dellarea dellarea per x0 [0, 1 2 2 1 viene raggiunto in corrispondenza di x0 = 2 .
1 2 0
1 2

Fig. 5. Segno di A .

3) Assunto =

1 2

e sapendo che
+

ex dx =

(1)

dovremo riportare la condizione (che viene detta di normalizzazione) sullarea compresa tra e lasse x
+

kex

/2

dx = 1

in una forma simile alla (1). A tal ne, riscritta per comodit` a la condizione precedente in termini della variabile muta t anzich e di x,
+

kex

/2

dx = 1

ket

/2

dt = 1,

poniamo t2 /2 = x2 cio` e x = t/ 2, t = x 2, sostituzione che implica il legame e inoltre se t ` e anche x discende tra dierenziali dt = 2 dx. Poich k
+

ex

2 dx = k 2

ex dx = 1.

Esame 2004 PNI: problema 1

173

Possiamo ora per lintegrazione sfruttare il valore fornito dalla (1) cosicch e lultima espressione diviene 2k 1 = 1 da cui k = . 2 lequazione di risulta

4) Con i valori =

1 2

ek=

1 2

2 1 : y = ex /2 2

che costituisce lequazione di una curva gaussiana standard corrispondente ad una media = 0 e scarto quadratico medio o deviazione standard = 1. Il raggiunto in x = 0, mentre valore del massimo ` e, per quanto visto, ymax = 1 2 i punti di esso possiedono ascisse x= 1 = 1. 2

Se = 0 e = 1, lequazione della gaussiana diviene 1 y= e 2 Le coordinate del punto di massimo sono 1 M , 2 mentre i punti di esso sono in tal caso x = . Le corrispondenti ordinate risultano 1 1 . y ( ) = e1/2 = 2 2e Il graco subisce le variazioni discusse nei punti seguenti: a) = 0 e = 1. Il graco risulta traslato orizzontalmente di un tratto pari a rispetto alla gaussiana standard. Pertanto risulta simmetrico rispetto alla retta x = (g. 6) b) Se invece > 1, la gaussiana risulta allargata orizzontalmente in quanto lampiezza dellintervallo con estremi le ascisse dei suoi punti di esso aumenta proporzionalmente dato che questa risulta pari a 2 . Per la condizione di normalizzazione (il valore dellarea sottostante alla curva devessere sempre unitario) lordinata del massimo deve diminuire. Difatti essa diminuisce in proporzione (x )2 2 2

174
1 2

Esame 2004 PNI: problema 2

= 1, = 0
1 2e

= 1, > 0

x=

Fig. 6. Azione su quando = 0.


1 2

= 1, = 0
1 2e 1 2

> 1, > 0

1 1 +

Fig. 7. Azione su quando = 0 e > 1.


1 . Una esemplicazione di tali inversa a in quanto, come visto, vale yM = 2 variazioni appare nei graci di g. 7. c) Se, inne, 0 < < 1, il graco (g. 8) appare sempre simmetrico rispetto alla retta x = ma lampiezza dellintervallo denito dai punti di esso diminuisce e il valore del massimo aumenta. In sostanza la curva si restringe attorno al valor medio .

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) La funzione assegnata x cos x +x D = R a, b = 0 a 2b possiede il dominio D = R in quanto costituita dalla somma di un termine di primo grado con il prodotto delle funzioni seno e coseno, tutte e tre denite in R. Notiamo innanzitutto che il calcolo di f in a fornisce a +a=0+a=a f (a) = sen cos 2b f (x) = sen

Esame 2004 PNI: problema 2


1 2

175

1 2

= 1, = 0
1 2e

0 < < 1, > 0

1 1 +

Fig. 8. Azione su quando = 0 e 0 < < 1.

mentre in x = b, f (b) = sen + b = 0 + b = b, b cos a 2

per cui, agli estremi dellintervallo [a, b] di x (abbiamo assunto che a < b), la funzione assume gli stessi valori della variabile indipendente. In sostanza i punti (a, a) e (b, b) appartengono al graco della funzione (cos` come alla bisettrice del I e III quadrante). Poich e f (x) ` e somma di x, funzione come detto denita in R e ivi continua, e di x cos sen a 2b x , termine ottenuto dal prodotto di funzioni continue, sen a x e cos 2 b x , in quanto ciascun fattore risulta dalla composizione di funzioni continue, ne discende che f (x) ` e a sua volta continua in [a, b] (ma pure in tutto R). Il teorema di esistenza dei valori intermedi nellipotesi che f sia una funzione continua in un intervallo chiuso [a, b], assicura che f assuma tutti i valori compresi tra il suo minimo m e il suo massimo M . Ora poich e possiamo supporre valide in [a, b] le diseguaglianze m f (a) M assieme alla relazione a m f (b) M

a+b b, 2

diretta conseguenza di a < b, per quanto osservato circa i valori agli estremi della funzione, questultima si pu` o riscrivere come f (a) a+b f (b). 2

176 Ma per le precedenti ` e anche m f (a)

Esame 2004 PNI: problema 2

a+b f (b) M 2

per cui il valore (a + b)/2 risulta certamente compreso tra il minimo e il massimo di f in [a, b]. Possiamo pertanto concludere in base al teorema enunciato che deve esistere almeno un valore c della variabile indipendente tale che f (c) = a+b 2 con c [a, b].

2) Posto a = 2b = 2 la funzione g da studiare risulta g(x) = sen 1 x cos x + x = sen(x) + x 2 2 2 xR

dove si ` e sfruttata lidentit` a goniometrica sen 2 = 2 sen cos . Lultima forma mostra come la g sia somma di due funzioni note, h(x) = 1 2 sen(x) e i(x) = x. 1 e periodicit` aT = 2 La prima risulta una funzione sinusoidale di ampiezza 2 =2 in quanto vale lidentit` a in R h(x + 2) = 1 1 sen (x + 2) = sen(x + 2 ) = h(x). 2 2

Sommata alla funzione identit` a, i(x) = x, possiamo intuire il possibile graco di g(x): questo dovrebbe mostrare delle oscillazioni attorno alla bisettrice dei I e III quadrante intersecandola nei punti di ascissa x = k con k Z dove h(k) = 0. Procediamo comunque con lo studio formale. Dato che g(x) = 1 1 sen[ (x)] + (x) = sen(x) x = g(x) 2 2 x R,

la funzione risulta dispari ed ` e quindi simmetrica rispetto allorigine. g(x) non ` e periodica in quanto g(x + 2) = h(x + 2) + (x + 2) = h(x) + x + 2 = g(x). Lo studio del segno di g implica la risoluzione della disequazione g(x) 0 ossia di 1 1 sen(x) + x 0 = sen(x) x 2 2 che non pu` o essere risolta con metodi analitici dato che presenta sia funzioni razionali che trascendenti. Lultima disequazione si pu` o comunque interpretare

Esame 2004 PNI: problema 2


y = x 1
1 2 1 2

177
sen(x) x

1 1 2 1 1 Fig. 1. Interpretazione graca della disequazione


1 2

sen(x) x.

a discussa h(x) = gracamente come il confronto tra i graci della funzione gi` 1 sen( x ) con la retta y = x , entrambi noti (g. 1) 2 2 Notato che i graci si intersecano nellorigine e che per x = 1 risulta y2 (1) = 1 , concludiamo che g(x) 0 per x 0. quando il minimo di h(x) vale 1 2 Essendo g continua in tutto R dobbiamo calcolare solo i limiti allinnito
x

lim g(x).

Dato che 1 sen(x) 1 la divisione per 2 comporta pure 1 1 1 sen(x) 2 2 2

per cui, sommando x a tutti i membri, si ottiene che la funzione g soddisfa alle disuguaglianze 1 1 1 + x sen(x) + x + x 2 2 2 Poich e
x

1 1 + x g(x) + x. 2 2 1 = + , 2

lim x

1 = e 2

x+

lim x

possiamo aermare in base al teorema del confronto che devessere pure


x

lim g(x) = .

Questo risultato potrebbe suggerire la presenza per la g di asintoti obliqui: pertanto va studiato il limite m = lim sen(x) g(x) = lim + 1. x x 2x

178

Esame 2004 PNI: problema 2

Ancora per le limitazioni gi` a viste, valgono le disuguaglianze (consideriamo x > 0) assieme al limite 1 sen(x) 1 ; 2x 2x 2x lim

1 = 0, 2x il teorema del confronto permette di concludere ancora che


x

m = lim Il limite per q ` e invece q = lim


x

sen(x) +1 =0+1 =1 2x

1 1 sen(x) + x x = lim sen(x) = x 2 2

ma tale limite non esiste in quanto la funzione ad argomento ` e periodica. Non vi possono essere pertanto asintoti obliqui. Il calcolo della derivata prima fornisce g (x) = per cui g (x) 0 se cos(x) + 1 0 2 posto cos = discende (g. 2) + 2k x + 2k

1 cos(x) + 1 = cos(x) + 1 2 2

2 cos(x) ; 2 2,2609 = 129,54 , + 2k x + 2k.

= arccos

Fig. 2.

Esame 2004 PNI: problema 2


0

179
2

Fig. 3.

Per x [0, 2] il segno della g ` e rappresentato in g. 3 dove appaiono pure le indicazioni di crescenza e decrescenza. La derivata seconda risulta 2 g (x) = sen(x) = sen(x) 2 2 e la condizione g (x) 0 comporta sen(x) 0 e quindi sen(x) 0. Questa ` e risolta dagli intervalli in g. 4 si riporta il segno di g (x) e la disposizione delle concavit` a nellintervallo [0, 2]. Ricordando che nei punti x = k la g(x) interseca la retta y = x, riportiamo in conclusione il suo graco nella gura 5.
0 1 Fig. 4. 2

+ 2k x 2 + 2k

1 + 2k x 2 + 2k

kZ:

g (x) y=x

1 2

Fig. 5. Graco di g (x).

180

Esame 2004 PNI: problema 2

3) Il primo punto di massimo relativo che soddisfa alla x > 0 possiede ascissa xM = (g. 3) e ivi la derivata prima si annulla ossia g (xM ) = o, in forma equivalente cos(xM ) + 2 = 0. Il valore xM soddisfa quindi allequazione cos(x)+2 = 0 e, per la stima data di e pure per lo studio fatto delle derivate di g, certamente risulta 0 < xM < 1. Per valutare xM con una approssimazione migliore, scegliamo di applicare il metodo di bisezione alla funzione f (x) = cos(x) + 2 in quanto cerchiamo una sua soluzione in [0, 1]. Notato che f (0) = + 2 > 0 f (1) = cos + 2 = 2 < 0, cos(xM ) + 1 = 0 2

calcoliamo la f nel punto medio di questo intervallo: risulta f per cui segue che 1 2 = cos +2=2>0 2

1 < xM < 1. 2

Procedendo allo stesso modo: f f f f f


1 2 1 2 5 8

+1 2 + 2 + 2
3 4 3 4 3 4 3 4

=f =f =f =f =f

3 4 5 8 11 16 23 32 47 64

1 3 3 = cos + 2 0,22 = < xM < 4 2 4 0,79 0,25 0,0069 0,1098 = = = = 3 5 < xM < 8 4 3 11 < xM < 16 4 3 23 < xM < 32 4 47 23 < xM < 32 64

11 16 23 32

+ 2 + 2

Questultima implica 0,71875 < xM < 0,7344 e cio` e xM 0,7. Procedendo ulteriormente si trova xM 0,719668.

Esame 2004 PNI: quesito 7


Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito)

181

Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di ordinamento: si veda la discussione l` a riportata del quesito 8. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di ordinamento: si veda la discussione l` a riportata del quesito 2. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Se il rapporto di similitudine tra lunghezze di segmenti ` e pari a 3, in generale s, allora le aree di gure simili stanno nel rapporto s2 e i volumi nel rapporto s3 . Risulta quindi l =s=3 l = A = s2 = 9 A = V = s3 = 27. V

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di ordinamento: si veda la discussione l` a riportata del quesito 10. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di ordinamento: si veda la discussione l` a riportata del quesito 5. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di ordinamento: si veda la discussione l` a riportata del quesito 3. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Supposte date le lunghezze della base AB e dellaltezza AH (g. 1) in quanto 1 AB CH = cost., si tratta di dimostrare larea risulta costante A(ABC ) = 2 che AB + AC + BC = 2p ` e minimo quando ABC ` e isoscele ossia AC = BC . Poich e la lunghezza di AB , come detto, ` e ritenuta assegnata, ` e suciente trovare il minimo della somma AC + BC . Seguendo un approccio geometrico elementare, sia A il punto simmetrico di A rispetto alla retta r parallela alla base AB e passante per C . Risulta AC + BC = A C + BC.

182

Esame 2004 PNI: quesito 7


A

H Fig. 1.

e minima quando C appartiene al segmento Evidentemente la somma A C + BC ` A B ossia quando C D . In tal caso, dal fatto che A R = RA e che la retta r` e parallela ad AB , discende (teorema di Talete) che pure A D = DB , per cui D ` e il punto medio di A B , ipotenusa del triangolo rettangolo A AB . Sempre nellipotesi C D , AC appare la mediana di A B e, per il teorema della mediana relativa allipotenusa di un triangolo rettangolo, la sua lunghezza risulta AC = AD = DB ossia ABC ` e isoscele. In modo alternativo, dimostriamo la tesi appena esposta tramite un approccio analitico. Introdotto un sistema cartesiano di origine O nel punto medio di AB , disponiamo questultimo sullasse x e consideriamo la sua lunghezza pari a AB = 2a (a > 0). Sia inoltre CH = h e sia x lascissa comune di H e C (g. 2).
C (x, h)

y=h

O Fig. 2.

B (a, 0)

In base al teorema di Pitagora facilmente si trova AC = BC = AH + CH = BH + CH =


2 2 2 2

(a + x)2 + h2 (a x)2 + h2 .

Esame 2004 PNI: quesito 7

183

La funzione da minimizzare (il terzo lato, come detto, rimane costante) ` e quindi y = AC + BC = xR (a + x)2 + h2 + (a x)2 + h2

Il calcolo della derivata prima fornisce y = 2(a x) 2(a + x) + 2 2 2 (a + x) + h 2 (a x)2 + h2 (a x) a+x + . = 2 2 (a + x) + h (a x)2 + h2

Passando alla disequazione y 0, moltiplichiamo i suoi membri per il m. c. denominatore (che risulta positivo) e otteniamo (a + x) (a x)2 + h2 (a x) (a + x)2 + h2 0

(a + x) (a x)2 + h2 (a x) (a + x)2 + h2 .

In questultima disequazione il primo membro ` e positivo mentre il secondo pu` o pure essere negativo: distinguiamo quindi i due casi. Se a x < 0 cio` e quando x > a, certamente risulta y > 0. Se invece a x 0 possiamo elevare al quadrato entrambi i membri ottenendo xa (a + x)2 (a x)2 + h2 (a x)2 (a + x)2 + h2 che implica (a2 x2 )2 + h2 a2 + h2 x2 + 2h2 ax (a2 x2 )2 + h2 a2 + h2 x2 2h2 ax da cui, ridotti i termini simili, si ottiene 4h2 ax 0 = x 0.

Uniti i due risultati, la rappresentazione graca del segno di y (g. 3) mostra che la funzione (perimetro) ` e decrescente per valori negativi di x, crescente per quelli positivi. In x = 0 la somma AC + BC e il perimetro raggiungono il loro valore minimo.
0 y Fig. 3.

184

Esame 2004 PNI: quesito 8

Ma in tal caso il punto C appartiene allasse delle ordinate del sistema scelto per cui ABC risulta isoscele. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di ordinamento: si veda la discussione l` a riportata del quesito 1. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e, nella prima parte, del tutto simile al quesito 4 proposto nei corsi di ordinamento, al quale si rimanda. Circa il calcolo di una stima della radice tramite un metodo iterativo scegliamo, per la sua immediatezza, quello di bisezione e lo applichiamo alla funzione f (x) = ex + 3x. Quindi, notato che f (1) = e1 3 < 0, e f (0) = 1, la soluzione di f () = 0 dovr` a essere interna allintervallo [1, 0]. Procedendo con il metodo di bisezione: f f f f f 1 + 0 2
1 +0 2 2 1 2 2 3 8 2 1 4 1 4 1 4

=f

1 2 1 4 3 8 5 16

= e1/2 0,028

1 3 0,89 = < < 0 2 2 = = = = 1 1 << 2 4 1 3 << 8 4 1 5 << 16 4 1 9 << 32 4

=f

=f =f

0,4377 0,2059 0,0889

5 16 2

=f

9 32

Finora quindi abbiamo che 0,2813 < < 0,25: procedendo ulteriormente si pu` o giungere a 0,257628. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) La trasformazione assegnata s: x = x 3 y y = x + y 3

rientra nella forma generale delle anit` a del piano in s e rappresentate analiticamente dalle equazioni x = ax + by + c t: y = dx + ey + f.

Esame 2004 PNI: quesito 10


Poich e inoltre a = e = di equazioni

185

3 e b = d = 1, la trasformazione s rientra nelle classe x = ax by y = bx + ay,

forma che descrive le similitudini dirette (o concordi) di rapporto k= a b b = a a 2 + b2 .

Difatti, nel caso assegnato, risulta 3 1 = ( 3)2 + 1 = 4 > 0 3 1

che conferma come la similitudine sia diretta. Il rapporto di similitudine ` e quindi k= 3 1 = 2. 3 1

ESAME 2005

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. Problema n. 1 Nel primo quadrante del sistema di riferimento Oxy , ortogonale e monometrico, si consideri la regione R, nita, delimitata dagli assi coordinati e dalla parabola dequazione: y = 6 x2 . 1. Si calcoli il volume del solido generato dalla rotazione completa di R attorno allasse y . 2. Si calcoli il volume del solido generato dalla rotazione completa di R attorno alla retta y = 6. 3. Si determini il valore di k per cui la retta y = k dimezza larea di R. 4. Per 0 < t < 6 sia A(t) larea del triangolo delimitato dagli assi e dalla tangente a nel suo punto di ascissa t. Si determini A(1). 5. Si determini il valore di t per il quale A(t) ` e minima. Soluzione

Problema n. 2 Si consideri la funzione f denita sullintervallo [0, +[ da: f (0) = 1 2 f (x) = 1 2 x (3 2 log x) + 1, se x > 0

e sia C la sua curva rappresentativa nel riferimento Oxy , ortogonale e monometrico. 1. Si stabilisca se f ` e continua e derivabile in 0. 2. Si dimostri che lequazione f (x) = 0 ha, nellintervallo [0, +[, ununica radice reale. 3. Si disegni C e si determini lequazione della retta r tangente a C nel punto di ascissa x = 1. 4. Sia n un intero naturale non nullo. Si esprima, in funzione di n, larea An

Esame 2005: quesito 5

187

del dominio piano delimitato dalla curva C , dalla retta tangente r e dalle 1 e x = 1. due rette: x = n 5. Si calcoli il limite per n + di An e si interpreti il risultato ottenuto. Soluzione

Questionario

1. Si dimostri che il lato del decagono regolare inscritto in un cerchio ` e sezione aurea del raggio e si utilizzi il risultato per calcolare sen 18 e sen 36 . Soluzione

2. Una bevanda viene venduta in lattine, ovvero contenitori a forma di cilindro circolare retto, realizzati con fogli di latta. Se una lattina ha la capacit` a di 0,4 litri, quali devono essere le sue dimensioni in centimetri, anch e sia minima la quantit` a di materiale necessario per realizzarla? (Si trascuri lo spessore della latta). Soluzione

3. Si dimostri che la curva y = x sen x ` e tangente alla retta y = x quando sen x = 1 ed ` e tangente alla retta y = x quando sen x = 1. Soluzione

4. Si dimostri che tra tutti i rettangoli di dato perimetro, quello di area massima ` e un quadrato. Soluzione

5. Il numero e di Nepero [nome latinizzato dello scozzese John Napier (15501617)]: come si denisce? Perch e la derivata di ex ` e ex ? Soluzione

188

Esame 2005: quesito 6

6. Come si denisce n! (n fattoriale) e quale ne ` e il signicato nel calcolo combinatorio? Quale ` e il suo legame con i coecienti binomiali? Perch e? Soluzione

7. Se f (x) = x4 4x3 + 4x2 + 3, per quanti numeri reali k ` e f (k) = 2? Si illustri il ragionamento seguito. Soluzione

` un ottaedro 8. I centri delle facce di un cubo sono i vertici di un ottaedro. E regolare? Quale ` e il rapporto tra i volumi dei due solidi? Soluzione

9. Si calcoli senza laiuto della calcolatrice, il valore di sen2 (35 ) + sen2 (55 ) ove le misure degli angoli sono in gradi sessagesimali. Soluzione

10. Si dimostri, calcolandone la derivata, che la funzione f (x) = arctg x 1 e costante, indi si calcoli il valore di tale costante. arctg x x+1 ` Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema)
2 La parabola : y = 6 x possiede vertice in V (0, 6) ed interseca lasse x nei punti di ascissa x = 6. Assieme agli assi coordinati denisce la regione nita R rappresentata in colore, assieme a , in g. 1. 1. Per determinare il volume del solido generato dalla rotazione di R attorno allasse y conviene applicare a la trasformazione di simmetria rispetto alla bisettrice del I e III quadrante, , cos` da riportarci alla situazione standard che considera di norma la rotazione attorno allasse x. Pertanto, se ` e la trasformazione x = y : y = x

() ` e data dallequazione () : x = 6 (y )2 dalla quale, esplicitando la

Esame 2005: problema 1


6

189

Fig. 1. La parabola e regione R.

variabile y (che chiameremo per semplicit` a y come pure x , x), x = 6 y2, da cui () :

y2 = 6 x

y = 6x 0 x 6 y 0.

6 R 6

6 Fig. 2. Regione R e rotazione attorno allasse x.

La situazione geometrica, rappresentata dalla g. 2, ` e in tal modo riportata a quella di un solido generato dalla rotazione di una regione piana sottostante ad una funzione y = f (x) attorno allasse delle ascisse. Possiamo pertanto applicare lespressione generale che fornisce il volume V del solido di rotazione
b

V=

[f (x)]2 dx

190 che, nel caso in esame, diviene


6

Esame 2005: problema 1

V1 =

6x

dx =
0

(6 x) dx.

Lintegrazione indenita ` e immediata per cui V1 = 6x x2 2


6 0

= 36

36 2

= 18.

2. Il volume V2 del solido che R genera con la sua rotazione attorno alla retta r : y = 6 (gura 3) rimane evidentemente lo stesso se applichiamo, alla parabola e alla retta r , la traslazione che riporta questultima a coincidere con lasse x.
12

y=6

Fig. 3. Rotazione di R attorno alla retta y = 6.

Sia questa traslazione e il vettore t che la rappresenta (g. 3) possiede evi dentemente componenti t = (0, 6). Risulta quindi : x = x y = y 6 con inversa 1 : x = x y = y + 6

cosicch e limmagine di ` e = () : y + 6 = 6 (x )2 = y = (x )2 ,

Esame 2005: problema 1


6

191

Fig. 4. Curve traslate e rotazione attorno alla retta y = 0.

equazione che riscriviamo ancora, per comodit` a, come : y = x2 (in rosso in g. 4). Detto A il punto A( 6, 6) , il volume V2 richiesto si ottiene sottraendo al cilindro con raggio di base rb = yA = 6 ed altezza h = xA = 6, il volume che genera con la sua rotazione attorno allasse x e compreso tra le rette x = 0 e x = 6 (in g. 4 compare in giallo la sua sezione). Pertanto il volume richiesto ` e
2 h V2 = rb 0 6

(x2 ) dx = 36 6
6

x4 d x .

x5 = 36 6 5 144 6 = 5

36 6 1 = 36 6 1 = 36 6 5 5

3. Anche in questo caso, per determinare il valore di k in corrispondenza del quale la retta orizzontale y = k dimezza la regione R (g. 5), applichiamo la medesima trasformazione di simmetria del primo punto. Poich e larea di R, A(R), rimane la medesima in questa trasformazione, determiniamo innanzitutto il suo valore tramite lintegrale denito
6

A(R) =

x3 (6 x2 ) dx = 6x 3

6 0

192
6

Esame 2005: problema 1

y=k

Fig. 5. Suddivisione di R da parte della retta y = k.

6 6 = 4 6. A(R) = 6 6 3 Lapplicazione della simmetria assiale rispetto alla bisettrice riporta alla congurazione geometrica descritta nella e, come g. 6 dove la funzione che denisce R ` visto, data dallequazione y = 6 x con x [0, 6].
x=k

dal quale si ottiene

R 6 Fig. 6. Regioni di R.

Notato che la retta y = k diviene ora x = k, la condizione richiesta si traduce in


k 0

6 x dx =

A(R) 2

cio` e
0

6 x dx = 2 6. 6 x dx

(1)

Risolto lintegrale indenito

Esame 2005: problema 1


con la sostituzione 6 x = t, da cui x = 6 t e dx = dt, abbiamo 6 x dx = = la condizione (1) diviene 2 3 che fornisce quindi (6 k)3 = 3 6 = (6 k)3 = 6 32 = (6 k)3 = 2 33 2 3 (6 k)3 + 2 3 6 =2 6 3 = 2 3 (6 k)3 = 2 6
k

193

t (dt) = t3/2 2 +c= (3/2) 3

t1/2 dt (6 x)3 + c,

(6

x)3
0

=2 6

da cui, in denitiva, 6 k = 3 3 2 ossia k = 6 3 3 2 2,22. Si pu` o giungere allo stesso risultato in modo pi` u sintetico se ricorriamo alla formula di Archimede per larea di un segmento parabolico A= 1 |a| |x2 x1 |3 6

dove a rappresenta il coeciente del termine di secondo grado nellequazione della parabola e x1 , x2 , le ascisse dei punti di intersezione tra la retta base del segmento e la parabola. Detto quindi S il punto di intersezione della retta y = k con larco di parabola nel I quadrante (g. 5), risulta y=k y = 6 x2 = k = 6 x2 = x = 6 k

e invece il simmetrico con xS = 6 k: il secondo punto di intersezione tra r e ` e larea della regione richiesta (in ad S e possiede ascissa x1 = 6 k . Poich giallo in g. 5), ` e met` a dellarea del segmento parabolico delimitato da e r e si ha a = 1 e x2 = xS = 6 k = x1 avremo 1 2 1 | 1| 6 k ( 6 k ) 6
3

A(R) 2

194 da cui

Esame 2005: problema 1

3 3 2 1 ossia 6k = 2 6. 2 6k =2 6 12 3 Inne, con passaggi analoghi a quelli gi` a svolti si riottiene il medesimo risultato. 4. La retta tangente nel punto Q(t, 6 t2 ) con 0 < t < 6 (g. 7), si ottiene dopo aver calcolato il coeciente angolare mt fornito dalla derivata prima y = 2x di . Risulta quindi y (t) = mt = 2t e lequazione rappresentativa della retta tangente ` e

y yQ = y (t)(x xQ ) dalla quale si ha y = 2tx + t2 + 6.

y (6 t2 ) = 2t(x t)

6 6 t2

6 O t

Fig. 7. Retta tangente nel punto di ascissa t a .

I punti A e B di intersezione di tale retta con gli assi x e y sono (t = 0) y = 0, e quindi A Larea di OAB ` e A(OAB ) = ossia 1 1 OA OB = 2 2 A(t) = t2 + 6 2t (t2 + 6) 0 = 2txA + t2 + 6 t2 + 6 ,0 , 2t = xA = t2 + 6 2t

B (0, t2 + 6).

(t2 + 6)2 4t 0 < t < 6.

(2)

Esame 2005: problema 2


` ora immediato calcolare E A(1) = (12 + 6)2 49 = . 41 4

195

5. Per determinare il valore di t per il quale A(t) risulta minima possiamo studiare il segno della sua derivata prima. Questa risulta A (t) = 1 2(t2 + 6) 2t t (t2 + 6)2 4 t2 t2 + 6 2 = (4t t2 6) 4t2 t2 + 6 2 (3t 6) = 4t2

3t2 6 0, t2 2, t 2 2. Considerando che t ]0, 6 [, la rappresentazione graca del segno di A mostrata che il valore minimo di A(t) viene raggiunto in corrispondenza in g. 8 conferma del valore tmin = 2.
0 2 Fig. 8.

e la condizione A (t) 0 implica per lunico termine non positivo della A

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) La funzione f ` e rappresentata da f: f (0) = 1


2 f (x) = 1 2 x (3 2 ln x) + 1, se x > 0

e possiede per dominio linsieme D = [0, +[ (scriviamo ln x in luogo di log x per intendere il logaritmo in base naturale). La richiesta se f sia continua e derivabile in x = 0 va quindi intesa come continuit` a e derivabilit` a a destra in x = 0. Dato che f (0) = 1 lo studio della continuit` a implica la risoluzione del limite lim 1 2 3 2 x (3 2 ln x) + 1 = lim x x2 ln x + 1 x0+ 2 2

x0+

196

Esame 2005: problema 2

e, in particolare, di limx0+ x2 ln x dato che i limiti dei rimanenti addendi sono immediati. Questultimo rappresenta un caso di indeterminazione del tipo 0 in quanto lim x2 = 0 lim ln x = .
x0+ x0+

Riscritto per` o nella forma lim x2 ln x = lim ln x x0+ (1/x2 )

x0+

possiamo pensare di applicare il teorema di De LH opital se esiste il limite 1/x D (ln x) x2 = lim = lim x0+ (2/x3 ) x0+ x0+ D (1/x2 ) 2 lim Poich e risulta limx0+ x 2 sicch e
2

=0` e possibile applicare il teorema suddetto co x2 2 =0

x0+

lim x2 ln x = lim

x0+

e quindi per il teorema della somma di limiti, lim 3 2 x x2 ln x + 1 2 = 0 0 + 1 = 1.

x0+

In denitiva, poich e limx0+ f (x) = f (0) la funzione f ` e continua a destra in x = 0. Per quanto riguarda la derivabilit` a, costruiamo il rapporto incrementale 1 3 2 f (0 + h) f (0) = h h2 ln h + 1 (1) h h 2 3 = h h ln h 2 e studiamone il limite per h 0+ . Lanalisi del limite limh0+ (h ln h) conduce ancora ad un caso di indeterminazione che si pu` o arontare con la stessa tecnica applicata appena sopra. Difatti, poich e il seguente limite esiste lim (1/h) D (ln h) = lim = lim h = 0, D (1/h) h0+ (1/h2 ) h0+

h0+

` e ancora possibile applicare il teorema di De LH opital e aermare che


h0+

lim h ln h = 0

Esame 2005: problema 2


e concludere che f (0+ ) = lim
h0+

197

3 h h ln h 2

= 0 0 = 0.

La funzione f possiede quindi anche la derivata destra in x = 0 e questa risulta f (0+) = 0. Va inne notato che, arontando per primo il problema della derivabilit` a e, dimostrata lesistenza di f (0+ ), rimane pure dimostrata la continuit` a di f in x = 0 in quanto una funzione derivabile in un punto ` e, nel medesimo punto, pure continua. 2. Per dimostrare lesistenza di ununica radice reale di f (x) = 0 nel dominio [0, +[ calcoliamo la derivata di f anche per x > 0 ossia f (x) = 3x 2x ln x + x2 = 2x(1 ln x). Nel dominio ` e quindi f : f (0+ ) = 0 f (x) = 2x(1 ln x), se x > 0. 1 x

= 3x 2x ln x x = 2x 2x ln x

Il segno di f per x > 0 dipende dal secondo fattore cio` e da 1 ln x 0 che implica 1 ln x, x e per cui possiamo aermare che per 0 < x e, f ` e crescente, mentre decresce strettamente se x > e (g. 1).
0

Fig. 1.

Osserviamo che f (0) = 1 e, a maggior ragione, f (e) = 1 e2 + 1 > 0. Inoltre risulta 2


x+

lim f (x) = lim

x+

1 2 x (3 2 ln x) + 1 = 2

x2 = + e lim 3 2 ln x = : x+ x+ 2 di conseguenza sar` a possibile determinare un valore b in corrispondenza del quale f (b) < 0. Difatti procedendo per tentativi, gi` a con b = 5 risulta f (5) = lim

in quanto

198
25 (3 2

Esame 2005: problema 2

2 ln 5) + 1 1,736 < 0 cosicch e nellintervallo chiuso [e, 5] ` e possibile applicare il teorema degli zeri e quindi dedurre lesistenza di almeno uno zero per f (x) = 0. Daltra parte, per la monotonia strettamente decrescente di f in tale intervallo deve sussistere un solo punto di intersezione di f con lasse x e pertanto lequazione f (x) = 0 possiede ununica soluzione, x1 . Questultima dovr` a certamente soddisfare alle disuguaglianze e < x1 < 5.* 3. Per poter disegnare la curva C rappresentativa di f manca solo lo studio della f (x) che risulta 1 f (x) = 2 1 ln x + x = 2 ln x x > 0. x Il suo segno discende immediato in quanto f (x) 0 se ln x 0 cio` e x 1. La funzione f ` e quindi convessa per 0 < x < 1, concava per x > 1 e in x = 1 presenta un punto di esso (g. 2).
0 1

Fig. 2.
5 e Calcolata lordinata del punto di esso f (1) = 3 2 + 1 = 2 , il graco di C ` rappresentato dalla (g. 3). La retta r , tangente nel punto di ascissa x = 1 a C , ` e quindi anche la tangente inessionale ed ` e data da 5 r : y f (1) = f (1)(x 1) = y = 2(x 1) 2 1 ossia r : y = 2x + 2 .

r : y = 2x + 1+
1 2 e 2

1 2

f
5 2

1
1 2

x1

Fig. 3. Graci di f e della tangente nel suo punto di esso. * Per una stima approssimata di tale valore si veda la seconda domanda del problema n. 2 dellEsame 2005 PNI.

Esame 2005: problema 2

199

4. Con n N0 (n > 0), il dominio piano del quale si chiede larea An ` e evidenziato 1 in gura 4 in quanto lestremo n risulta minore di 1.
5 2

r : y = 2x +

1 2

f 1
1 2

1 n

Fig. 4. Dominio piano An compreso tra f e r (sistema non isometrico).

Larea di questa regione ` e data dallintegrale denito della dierenza tra le equazioni rappresentative di f e r
1

An = ossia da

1 n

3 2 1 x x2 ln x + 1 2x + 2 2
1

dx

An =

1 n

1 3 2 x 2x x2 ln x + dx. 2 2

Poich e lunico integrale non elementare ` e collegato alladdendo x2 ln x, risolviamo lintegrale indenito x2 ln x dx utilizzando il metodo per parti e identicando il fattore nito con ln x e quello dierenziale con x2 dx. Ne segue x2 ln x dx = x3 3 x3 = 3 x3 = 3 x3 = 3 ln x ln x x3 1 dx 3 x x2 d x x3 3 +c +c

1 3 1 ln x 3 x3 ln x 9

200 per cui, ottenute le primitive dei rimanenti addendi x2 dx = x3 + c, 3 x dx = x2 + c, 2

Esame 2005: problema 2

dx = x + c,

An si calcola con la dierenza An = Si ha x2 x3 x3 1 3 x3 2 ln x + + x . 2 3 2 3 9 2 1/n


1 1/n 1

11 3 1 x3 An = x x2 + x ln x 18 2 3 =

11 11 1 1 1 1 1 1+ 2+ 3 ln 3 18 2 18n n 2n 3n n 11 ln n 1 1 1 + 2 . = 9 18n3 n 2n 3n3 5. Per calcolare il limite per n + di An va osservato innanzitutto che, per tre addendi che formano An , il limite appare il medesimo e risulta 11 1 1 = lim = lim =0 3 2 n+ 18n n+ n n+ 2n lim in quanto se limn+ f (n) = si dimostra anche limn 1/f (n) = 0. Per risolvere invece ln n lim n+ n3 ci riportiamo al limite, analogo, della funzione di variabile reale lim ln x . x3

x+

Poich e` e manifestamente indeterminato (/), studiamo il limite del rapporto delle derivate del numeratore e denominatore onde, eventualmente, applicare il teorema di De LH opital. Risulta (1/x) 1 D (ln x) = lim = lim =0 3 2 x+ 3x x+ 3x3 x+ D (x ) lim cosicch e lapplicazione del teorema suddetto, comporta lim ln x = 0. x3

x+

Esame 2005: quesito 1


` quindi anche E ln n =0 n+ n3 lim 1 11 ln n 1 1 3 + 2 3 n+ 9 18n n 2n 3n 1 1 = 0+000 = . 9 9

201

e, in conclusione, lim An = lim

n+

Linterpretazione di questo risultato ` e immediata se si considera che per n +, 1 1 4 si avvicina allasse delle y cosicch e il limite 0 per cui la retta x = di g. n n trovato esprime larea compresa tra la curva C di f , la sua tangente inessionale e lasse y . Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Consideriamo langolo al centro che insiste su un arco pari ad della circonferenza ossia un angolo di ampiezza 360 10 = 36 .
O = 36 = 72 C
1 10

della lunghezza

H A Fig. 1. B

La corda sottesa da tale arco ` e evidentemente il lato del decagono regolare e la base del triangolo isoscele avente per lati obliqui due raggi della medesima circonferenza. Nella gura 1 ` e rappresentato questo triangolo: poniamo x = AB , r = OA = OB mentre, dal fatto che AOB = 36 e che OAB risulta isoscele, discende che OAB = OBA = 72 . Tracciata la bisettrice di OAB , questa incontra in C il lato OB . Poich e OAC = 36 , OAC ` e isoscele sulla base OA. Ne segue che AC = OC . Il triangolo ABC possiede langolo in B che misura 72 e un altro in A di 36 e cosicch e lampiezza del terzo devessere ACB = 72 . Quindi anche ABC ` isoscele con AB = AC = OC . Inoltre questultimo triangolo risulta simile a

202

Esame 2005: quesito 1

quello di partenza in quanto tutti gli angoli corrispondenti sono congruenti. Da ABC = OAB discende AB BC = OA AB oppure OC OB OC = OB OC in quanto BC = OB OC . OC ` e pertanto sezione aurea di OB essendo medio proporzionale tra il raggio OB e la parte rimanente. Con le condizioni poste, lultima proporzione si riscrive rx x = r x dalla quale discende lequazione x2 + rx r 2 = 0 che, risolta, fornisce la radice positiva x 1 + 5 1 + 5 ossia = . x=r 2 r 2 Essendo x il lato del decagono, pure questo risultato riaerma e sezione che esso ` aurea del raggio del cerchio circoscritto (il numero (1 + 5)/2 ` e, appunto, indicato come la sezione aurea dellunit` a). Per determinare il valore di sen 18 , tracciamo laltezza OH e osserviamo che AB = x = 2HB = 2OB sen 18 . Dal rapporto ottenuto precedentemente ` e allora 1 + 2r sen 18 = r 2 5 = 1 + sen 18 = 4

0,3090.

(1)

Notato che sen 18 = cos(90 18 ) = cos 72 o, in modo equivalente, sen 18 = HB = cos 72 , OB

utilizzando la formula di bisezione per il seno | sen | = il valore di sen 36 ` e sen 36 = 1 cos(2 36 ) = 2 1 cos 72 2 1 cos 2 2

Esame 2005: quesito 2

203

per cui sostituendo al cos 72 il sen 18 dato da (1), abbiamo la formula seguente* 1 + 1 2 8 1 5 5 = 8 2 5 1 1 5 + 2 8 8

sen 36 =

5 5 0,5878. 2

Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Sia h laltezza del cilindro che, essendo retto, cade nel centro del cerchio di base ` evidentemente h > 0, x > 0. Poich e il volume e x il suo raggio di base (g. 1). E ` e ssato al valore V = 0,4 litri = 0,4 103 cm3 = 400 cm3 , devessere V = x2 h mentre larea totale in termini degli stessi parametri risulta espressa dalla A = Abasi + Alat = x2 + x2 + (2x) h ossia A = 2 (x2 + x h). (1)

x Fig. 1. Cilindro circolare retto. * Per altri approfondimenti si veda la pagina web interattiva http://www.lorenzoroi.net/geometria/Poligoni.html

204

Esame 2005: quesito 2

Poich e questa funzione dipende da due variabili, x e h, dovremo ridurla ad una sola variabile ricavando h dalla (1). Difatti, esplicitata la variabile h = V /(x2 ) la sostituiamo nellespressione dellarea totale A(x) = 2 x2 + x V x2 = 2 x2 + V x x > 0.

La ricerca della minima quantit` a di materiale per realizzare la lattina si riduce ora alla determinazione del minimo di tale area (come detto si trascura lo spessore della latta). Passando quindi allo studio della sua derivata prima A (x), si ha A (x) = 2 2x + 1 V 2 x = 2 2x V , x2

e il segno di tale derivata ` e determinato solo dal termine entro parentesi per cui 2x V 0 x2 x2 > 0 = 2x3 V 0 = x3 V . 2

Lestrazione della radice cubica fornisce x


3

V . 2

V /2

Fig. 2.

La rappresentazione graca del segno di A (x) ` e data in g. 2 e, considerate le limitazioni per x, mette in evidenza la presenza di un minimo assoluto di A in corrispondenza del valore per il raggio x1 = In tal caso laltezza ` e h=
3 3

V = 2

400 = 2

200 3,9929 cm.

V2 4 2

4 2 = V2

4V 7,9859 cm

pari quindi al diametro di base del cilindro d = 2x1 = 2


3

V = 2

4V .

Esame 2005: quesito 3

205

In conclusione, il minimo dellarea totale (o del materiale da utilizzare), dato un certo volume, si raggiunge quando il cilindro retto risulta equilatero ossia possiede diametro di base pari allaltezza. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Anch e due curve descritte da equazioni del tipo y1 = f (x) e y2 = g(x) (e quindi rappresentative di funzioni reali di variabile reale) siano tangenti in un punto di ascissa x0 , devono essere soddisfatte le condizioni f (x0 ) = g(x0 ) f (x0 ) = g (x0 ). Queste mettono in evidenza che il punto di ascissa x0 devessere comune ad entrambe le curve e, in questo punto, le curve devono possedere la medesima derivata e quindi la medesima retta tangente (si veda il quesito 2 assegnato nei corsi sperimentali per la denizione di retta tangente). Nel caso proposto, la prima condizione ` e soddisfatta dai valori y1 = x sen x y2 = x = x = x sen x = sen x = 1 = x= + 2k 2

con k Z, suggeriti implicitamente anche dal testo. Poich e poi le rispettive derivate prime sono y1 (x) = sen x + x cos x y2 (x) = 1 il loro calcolo nei punti x =
y1 2

+ 2k mostra

+ 2k = sen + 2k + + 2k cos + 2k 2 2 2 2 = 1 + 0 = 1 = y2

per cui ` e soddisfatta pure la seconda condizione. Procedendo nello stesso modo anche con la retta y = x abbiamo y1 = x sen x y2 = x e quindi
y1 (x) = sen x + x cos x y2 (x) = 1

x = x sen x

sen x = 1

x = + 2k 2

y1

+ 2k = 1 + 0 = 1 = y2 2

si dimostra pure la seconda parte.

206 Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2005: quesito 4

Siano a e b le lunghezze dei lati di un rettangolo qualsiasi (a > 0 b > 0). La condizione che lega queste variabili ` e la costanza del perimetro 2p e questa si traduce nellespressione 2a + 2b = 2p equivalente alla a + b = p.

La funzione che fornisce larea ` e invece A = a b per cui, ottenuta b dalla precedente, b = p a e posta la condizione b > 0 ossia p a > 0 cio` e a < p, riduciamo la funzione area alla sola variabile a eliminando b: risulta 0 < a < p. A(a) = a (p a) = a2 + ap

Passando alla derivata prima (o, in alternativa, notando che la funzione A(a) ` e una parabola), A (a) = 2a + p , per cui sar` a A 0 se 2a + p 0, a p . La 2 g. 1 rappresenta quindi il segno di A e mette in evidenza come A possieda un massimo assoluto se a = p . 2
0
p 2

Fig. 1.

` e pure b = p a = p p = Daltra parte se a = p 2 2 ad un quadrato avendo lati uguali. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito)

p 2

per cui il rettangolo si riduce

La denizione del numero e di Nepero ` e data dal limite della successione e = lim
n

1 1+ n

oppure, in luogo della successione, si pu` o considerare pure il limite della funzione di variabile reale x 1 e = lim 1+ . x x Per dimostrare che D (ex ) = ex va risolto il limite del rapporto incrementale per la funzione esponenziale in un punto qualsiasi x del suo dominio R e al tendere allo zero dellincremento h. Questo limite assume la forma ex+h ex h0 h lim

Esame 2005: quesito 5


e per le propriet` a dellesponenziale si riscrive come lim ex eh 1 h .

207

h0

1 t notiamo che se h 0 devessere t ossia, pi` u formalmente, eh 1 =


h0

Posto

(1)

lim

1 = . eh 1

La sostituzione (1) fornisce inoltre eh = 1 + Ne segue che


h0

1 t

h = ln 1 +

1 t

lim ex

eh 1 h

= lim ex
t

1 1 t ln 1 + 1 t ln 1 +
1 t

1 t

= lim ex
t

per cui, portando ad esponente dellargomento del logaritmo il fattore t si giunge alla forma
t

lim

ex ln 1 +

. 1 t t

La denizione esposta per il numero e permette di risolvere il limite della funzione al denominatore t 1 lim ln 1 + = lim ln z = ln e = 1 t z e t per cui il limite del rapporto incrementale esiste nito x R e risulta
t

lim

ex ln 1 +
1 t t

ex ex = = ex ln e 1

come richiedeva il quesito.

208 Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2005: quesito 6

La denizione di n fattoriale (simbolo n!), ` e rappresentata dal secondo membro della scrittura n! = 1 2 3 (n 1) n e consiste nel prodotto di n fattori pari ai numeri interi 1, 2, 3, . . . , (n 1), n. Si pone inoltre 0! = 1. Il suo signicato combinatorio, descritto sinteticamente dalla Pn = n!, consiste nel fornire il numero Pn delle permutazioni semplici di n oggetti cio` e il numero di quei gruppi contenenti n elementi tali da dierire uno dallaltro solo per lordine in cui appaiono questi n elementi. Il legame con i coecienti binomiali Cn,k ` e dato dalla relazione Cn,k = n k = n! k!(n k)!

dove Cn,k rappresenta invece il numero delle combinazioni semplici di n oggetti a gruppi di k ossia di quei gruppi contenenti k elementi presi tra gli n possibili e che dieriscono uno dallaltro per almeno un elemento. I coecienti binomiali e il numero delle permutazioni sono tra loro collegati in quanto, osservato che ogni combinazione semplice di k oggetti d` a origine a Pk = k! permutazioni, dalla relazione sopra si ottiene pure Cn,k k! = n! = Dn,k (n k)!

essendo Dn,k il numero complessivo dei gruppi di k elementi (presi tra n possibili) tali da dierire o per lordine o per qualche elemento: questi ultimi rappresentano le disposizioni semplici di n oggetti a gruppi di k. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Posto f (x) = x4 4x3 + 4x2 + 3, il quesito chiede di determinare il numero delle soluzioni dellequazione f (x) = 2 illustrando il ragionamento seguito. Poich e f (x) = 2 implica x4 4x3 + 4x2 + 3 = 2 = x4 4x3 + 4x2 + 1 = 0

e posto g(x) = x4 4x3 + 4x2 + 1, la ricerca del numero delle soluzioni dellequazione f (x) = 2 ` e equivalente alla ricerca del numero delle intersezioni del graco della funzione g(x) con lasse delle x. Studiamo quindi per la g(x) alcune sue propriet` a.

Esame 2005: quesito 7

209

Ricordata la continuit` a di g(x) in R in quanto espressa da un polinomio, i suoi limiti agli estremi di R sono
x

lim g(x) = lim x4 1


x

4 4 1 + 2+ 4 x x x

= +

essendo nulli i limiti di tutti gli addendi dipendenti dalla variabile x entro parentesi rotonde. Il segno della derivata prima g (x) = 4x3 12x2 + 8x = 4x(x2 3x + 2) dipende dal fattore x 0 e da x2 3x + 2 0. Lequazione associata a questultima disequazione possiede le soluzioni x1 = 1 e x2 = 2 per cui la disequazione ` e e rappresentato dalla soddisfatta per x 1 x 2. Il segno complessivo di g ` g. 1 e mostra come la g possieda due minimi in corrispondenza di x = 0 e x = 2.

Fig. 1.

Poich e le ordinate di questi punti di minimo risultano g(0) = 1, e quindi sono uguali e positive, la funzione g(x) ha come valore minimo assoluto 1 e di conseguenza il suo codominio ` e linsieme [1, +[. Non potr` a quindi assumere alcun valore nullo o attraversare lasse delle ascisse: lequazione g(x) = 0 ossia la f (x) = 2 non pu` o quindi avere soluzioni. In gura 2 riportiamo il graco della funzione g(x) e le informazioni tratte dal suo studio. g(2) = 16 4 8 + 4 4 + 1 = 1,

g (x)

y=1

Fig. 2. Graco della funzione g (x) = x4 4x3 + 4x2 + 1.

210

Esame 2005: quesito 8

In alternativa a tale studio analitico e a partire dalla equazione x4 4x3 + 4x2 + 3 = 2 osserviamo che, addizionando ad entrambi i membri 3, questa si pu` o riscrivere come x4 4x3 + 4x2 = 1 x2 (x2 4x + 4) = 1 x2 (x 2)2 = 1

e, manifestamente, non pu` o esistere alcun valore x R tale che il primo membro, prodotto di quadrati, sia uguale ad un valore negativo. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) e un poliedro con otto facce, sei vertici e dodici spigoli. Un Lottaedro (g. 1) ` poliedro si dice regolare quando tutte le sue facce sono dei poligoni regolari congruenti cos` come i suoi angoloidi. Questi ultimi sono deniti come la parte di spazio delimitata da tre o pi` u semirette non complanari uscenti da uno stesso vertice e delimitata dagli angoli (le facce dellangoloide) che queste formano a due a due. Nel caso dellottaedro la condizione che sia regolare si riduce alla congruenza tra tutti i suoi spigoli cosicch e le sue facce saranno dei triangoli equilateri. Tale congruenza si traduce nelluguaglianza delle distanze tra i centri delle sei facce del cubo.

Fig. 1. Cubo e ottaedro regolare.

Data comunque la simmetria del cubo, tale uguaglianza ` e soddisfatta e lottaedro che in tal modo si viene a formare ` e regolare. Se l ` e la lunghezza dello spigolo del cubo, la lunghezza dello spigolo s dellottaedro l ` es= 2 2 e si ottiene facilmente se consideriamo una sezione piana parallela a l = s cos due facce del cubo passante per il suo centro (g. 2): si ha 2 4.

Esame 2005: quesito 10


l 2

211

l 2

Fig. 2. Sezione piana centrale del cubo.

Poich e lottaedro ` e lunione di due piramidi congruenti aventi ciascuna come 2 supercie di base un quadrato di lato s, con area A = s s = s2 = l2 , ed altezza l h= 2 , il volume dellottaedro risulta V (ottaedro) = 2 1 l2 l l3 1 Ah =2 = 3 3 2 2 6

cosicch e il rapporto richiesto tra i volumi dei due solidi ` e (l3 /6) 1 V (ottaedro) = = . 3 V (cubo) l 6 Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Dato che sen 55 = sen(90 35 ) = cos 35 in quanto vale lidentit` a sen(90 ) = cos tra angoli complementari, lespressione proposta dal quesito si riscrive sen2 35 + sen2 55 = sen2 35 + cos2 35 . Poich e lidentit` a goniometrica fondamentale sen2 + cos2 = 1 vale per R, segue che sen2 35 + sen2 55 = sen2 35 + cos2 35 = 1. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Il dominio della funzione f (x) = arctg x arctg x1 x+1

212

Esame 2005: quesito 10

` e evidentemente linsieme D = R {1} in quanto il dominio dellarcotangente coincide con R e lunica condizione da imporre ` e lesistenza del rapporto nel secondo addendo (cio` e x + 1 = 0). Poich e in tale dominio la sua derivata prima risulta 1 x + 1 (x 1) 1 f (x) = 2 2 1+x (x + 1)2 x1 1+ x+1 e questa, dopo qualche passaggio, f (x) = 1 (x + 1)2 2 2 2 2 1+x (x + 1) + (x 1) (x + 1)2 1 (x + 1)2 2 = 1 + x2 x2 + 1 + 2x + x2 + 1 2x (x + 1)2 2 1 =0 = 2 1+x 2(1 + x2 )

si riduce ad essere nulla per x D , possiamo applicare il teorema che stabilisce la costanza di una funzione in un intervallo I = [a, b] nellipotesi che questa abbia derivata nulla in I . Pertanto possiamo ritenere la f (x) costante e quindi indipendente da x in sottoinsiemi del dominio D del tipo I1 = [a, b] dove a > 1 b > 1 oppure in intervalli I2 = [c, d] con c < 1 d < 1. Non potremo invece considerarla costante in intervalli [a, b] dove sia a < 1 b > 1 in quanto in tali intervalli la f (x) non ` e derivabile in tutti i punti interni e quindi non soddisfa alle ipotesi del teorema. Il testo del quesito appare perci` o fuorviante in quanto chiede di dimostrare la costanza di f (x) senza alcuna condizione (e pertanto, si ritiene, nel dominio D ). Per calcolare il valore costante in intervalli del tipo I1 con x > 1, ` e suciente calcolare la funzione in un punto qualsiasi, per esempio, x = 0. Segue che f (0) = arctg 0 arctg 01 0+1 = 0 arctg(1) = 4 = . 4

Se invece x < 1, per esempio x = 3, risulta 31 f ( 3) = arctg( 3) arctg 3+1 3+1 arctg 31

3+1 = arctg 3 31

e poich e

5 12

Esame 2005: quesito 10


si ha

213

5 3 f ( 3) = = . 3 12 4 Con queste informazioni possiamo proporre nella gura che segue il graco della funzione f (x).

y=

y = 3 4 Fig. 1. Graco della funzione f (x).

ESAME 2005 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. Problema n. 1 Nel piano Oxy sono date le curve e r dequazioni: : x2 = 4(x y ) e r : 4y = x + 6.

1. Si provi che e r non hanno punti comuni. 2. Si trovi il punto P che ha distanza minima da r . 3. Si determini larea della regione nita di piano racchiusa da e dalla retta s, simmetrica di r rispetto allasse x. 4. Si determini il valore di c per il quale la retta y = c divide a met` a larea della regione S del I quadrante compresa tra e lasse x. 5. Si determini il volume del solido di base S le cui sezioni ottenute con piani ortogonali allasse x sono quadrati. Soluzione

Problema n. 2 Si consideri la funzione f denita sullintervallo [0, +[ da: f (0) = 1 f (x) = 1 x2 (3 2 log x) + 1, 2 se x > 0

e sia C la sua curva rappresentativa nel riferimento Oxy , ortogonale e monometrico. 1. Si stabilisca se f ` e continua e derivabile in 0. 2. Si dimostri che lequazione f (x) = 0 ha, nellintervallo [0, +[, ununica radice reale e se ne calcoli un valore approssimato con due cifre decimali esatte.

Esame 2005 PNI: quesito 4

215

3. Si disegni C e si determini lequazione della retta r tangente a C nel punto di ascissa x = 1. 4. Sia n un intero naturale non nullo. Si esprima, in funzione di n, larea An del dominio piano delimitato dalla curva C , dalla retta tangente r e dalle 1 due rette: x = n e x = 1. 5. Si calcoli il limite per n + di An e si interpreti il risultato ottenuto. Soluzione

Questionario

1. Si dimostri che il lato del decagono regolare inscritto in un cerchio ` e sezione aurea del raggio e si utilizzi il risultato per calcolare sen 18 e sen 36 . Soluzione

2. Si dia una denizione di retta tangente. Successivamente, si dimostri che la curva y = x sen x ` e tangente alla retta y = x quando sen x = 1 ed ` e tangente alla retta y = x quando sen x = 1. Soluzione

3. Si determinino le equazioni di due simmetrie assiali e la cui composizione dia luogo alla traslazione di equazione: x = x + 5 y = y 5.

Si determinino poi le equazioni della trasformazione che si ottiene componendo le due simmetrie in ordine inverso . Soluzione

4. Una bevanda viene venduta in lattine, ovvero contenitori a forma di cilindro circolare retto, realizzati con fogli di latta. Se una lattina ha la capacit` a di 0,4 litri, quali devono essere le sue dimensioni in centimetri, anch e sia minima la quantit` a di materiale necessario per realizzarla? (Si trascuri lo spessore della latta). Soluzione

216

Esame 2005 PNI: quesito 5

5. Come si denisce e quale ` e limportanza del numero e di Nepero [nome latinizzato dello scozzese John Napier (1550-1617)]? Si illustri una procedura che consenta di calcolarlo con la precisione voluta. Soluzione

6. Le rette r e s dequazioni rispettive y = 1+ 2x e y = 2x 4 si corrispondono in una omotetia di centro lorigine O. Si determini . Soluzione

7. Come si denisce n! (n fattoriale) e quale ne ` e il signicato nel calcolo combinatorio? Quale ` e il suo legame con i coecienti binomiali? Perch e? Soluzione

8. Si trovi lequazione della retta tangente alla curva di equazioni parametriche x = et + 2 e y = et + 3 nel suo punto di coordinate (3, 4). Soluzione

9. Quale ` e la probabilit` a di ottenere 10 lanciando due dadi? Se i lanci vengono ripetuti quale ` e la probabilit` a di avere due 10 in sei lanci? E quale ` e la probabilit` a di avere almeno due 10 in sei lanci? Soluzione

10. Il 40% della popolazione di un Paese ha 60 anni o pi` u. Pu` o let` a media della popolazione di quel Paese essere uguale a 30 anni? Si illustri il ragionamento seguito per dare la risposta. Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. Per provare che le curve : x2 = 4(x y ) e r : 4y = x + 6, rispettivamente una parabola e una retta non hanno punti in comuni ` e suciente dimostrare che il sistema x2 = 4(x y ) 4y = x + 6 non possiede soluzioni reali. Difatti sostituendo la seconda nella prima riscritta

Esame 2005 PNI: problema 1

217

come x2 = 4x 4y , sia ha x2 = 4x x 6 ossia x2 3x + 6 = 0. Dato che questa equazione ha un discriminante negativo, = 9 24 = 15 < 0, le due curve non possono intersecarsi. 2. Per determinare il punto P (x0 , y0 ) che possiede distanza minima si pu` o sfruttare la conoscenza del graco della parabola. x2 + x, appare evidente che questa interseca lasse Difatti riscritta come y = 1 4 delle x nellorigine e nel punto di ascissa 4 (ponendo y = 0 si ottiene x = 0 e x = 4). Il suo vertice ` e il punto V (2, 1) e la concavit` a ` e rivolta costantemente 1 verso il basso in quanto il coeciente di x2 , 4 , risulta negativo (g. 1).
r
3 2

t P0 4

Fig. 1. Parabola e retta r.

Da questultimo fatto, segue che il punto P0 di sar` a caratterizzato dallavere la 3 x + (che pure viene rappresentata retta tangente t parallela alla retta r : y = 1 4 2 in g. 1). Lo si determina quindi ponendo la derivata di uguale al coeciente angolare di r (che pure ` e la derivata di r ). Pertanto 1 y = x + 1 2 La corrispondente ordinata ` e 1 y0 = 4 cosicch e P0
3 15 , 2 16

1 1 x+1= 2 4

x=

3 . 2

3 2

15 3 = 2 16

3. Ottenuta la retta s applicando la trasformazione di simmetria x : x = x y = y

218 risulta s = x (r ) = 4(y ) = x + 6

Esame 2005 PNI: problema 1

1 3 da cui y = x 4 2

dove nellultima espressione si sono lasciati cadere gli apici sostituendo alla generica coppia (x , y ) la coppia (x, y ).

P0

4 6

1 O s 3 2

Fig. 2. Parabola , retta s e regione racchiusa.

I punti di intersezione tra e s si trovano risolvendo il sistema


1 2 y = 4 x +x 1 y = 4x 3 2

da cui lequazione risolvente 1 1 3 x2 + x = x 4 4 2 x2 + 4x = x 6 x2 5x 6 = 0

che possiede le soluzioni x1 = 1 e x2 = 6. Larea racchiusa tra queste curve e fornita dallintegrale denito (g. 2) `
6

A=

1 3 1 dx x2 + x x 4 4 2

ma, pi` u direttamente, essendo la regione un segmento parabolico, si pu` o utilizzare la formula di Archimede generalizzata cio` e A= 1 3 |a| |x2 x1 | 6

Esame 2005 PNI: problema 1

219

che fornisce larea di un segmento parabolico in termini del coeciente a del 1 termine quadratico della parabola (nel nostro caso a = 4 ) e delle ascisse, x1 e x2 , dei punti di intersezione tra retta e parabola. Risulta quindi A= 1 343 1 1 |6 (1)|3 = 73 = . 6 4 24 24

4. La regione S ` e ancora un segmento parabolico compreso tra lasse delle x e con ascisse degli estremi pari a 0 e a 4 (in colore gialloverde in g. 3). Riutilizzando la formula di Archimede la sua area risulta AS = 64 8 1 1 |4 0|3 = = . 6 4 24 3

Per determinare larea della regione compresa tra la retta y = c e (in giallo in g. 3) sono necessarie le ascisse dei punti di intersezione tra queste due curve e, in particolare, la loro dierenza visto che faremo uso ancora della formula di Archimede. Queste si determinano risolvendo il sistema
V (2, 1)

y=c O x1 x2 4

Fig. 3. Parabola , retta y = c e segmenti parabolici.


1 2 x +x y = 4

y=c da cui

1 1 2 c = x2 + x = x x + c = 0, 4 4 e sfruttando lespressione che fornisce direttamente la dierenza delle radici di una equazione di II grado |x2 x1 | = /|a| risulta 1c =4 1c |x2 x1 | = (1/4) con 0 < c < 1 dovendo la retta y = c appartenere al primo quadrante ed intersecare (lordinata del vertice V di ` e pari ad 1). Larea del segmento parabolico e quindi (in giallo in g. 3) ` Ac = 1 1 1 |x2 x1 |3 = |4 1 c |3 6 4 24

220

Esame 2005 PNI: problema 1

e la condizione imposta dal testo si traduce nellespressione Ac = 1 AS 2 che esplicitamente diviene 4 1 |4 1 c |3 = . 24 3

Osservata la positivit` a del termine entro valore assoluto si pu` o riscrivere questultima equazione come 1 ( 1 c )3 = 2 per cui, estratta la radice cubica di entrambi i membri ed elevati al quadrato, otteniamo 1 1c = 3 22 = 1 c =1 0,37. 3 4 1 , 1c = 3 2

5. Alcune sezioni del solido richiesto sono rappresentate in g. 4 dove in colore rosso appare sul piano orizzontale (x, y ) larco di parabola compreso in [0, 4]. Il calcolo del suo volume V pu` o essere ricondotto allintegrale denito
4

V= per le ragioni esposte di seguito.


1

1 x2 + x d x 4

z
1

0 1 2

Fig. 4. Solido di base S e sue sezioni quadrate.

Esame 2005 PNI: problema 2


1

221

z
1

y O dx
1 2

Fig. 5. Elemento dierenziale di volume.

Difatti, se dx ` e il dierenziale della variabile indipendente x, il volume innitesimo di un prisma a base quadrata di lato y e di altezza dx risulta (g. 5) dV = y 2 dx =
2

1 x2 + x dx 4

cosicch e il volume totale si ottiene integrando la precedente tra i limiti 0 e 4 ossia


4

V=

1 x2 + x d x = 4

4 0

x3 x4 + x2 dx. 16 2

Ottenuta facilmente una primitiva, x3 x4 x3 x4 x5 + x2 d x = + + c, 16 2 80 8 3 il calcolo numerico fornisce V= x4 x3 44 43 45 x5 + + = 80 8 3 0 80 8 3 64 64 192 480 + 320 32 = 32 + = = . 5 3 15 15
4

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) La soluzione di questo problema ` e del tutto simile a quella proposta per lesame dei corsi di ordinamento e si dierenzia solo quando, nel secondo quesito, si richiede una stima con due cifre decimali corrette della radice dellequazione f (x) = 0 cio` e 1 2 x (3 2 log x) + 1 = 0. 2

222

Esame 2005 PNI: problema 2

Riprendendo quanto gi` a discusso, ricordiamo che il graco della funzione f (x) ` e, per x > e, decrescente. Poich e inoltre risulta f (4) = 25 16 ln 4 2,8192, f (5) = 77 25 ln 5 1.7359 < 0 2

la radice deve appartenere allintervallo ]4, 5[. Cerchiamo dapprima una approssimazione con il metodo di bisezione. Calcolando f nel punto medio si ha f 4+5 2 = f (4,5) = 0,917433 > 0 = 4,5 < < 5.

Alla seconda iterazione si ha f 4,5 + 5 2 = f (4,75) = 0,311888 < 0 = 4,5 < < 4,75.

Nella tabella seguente riassumiamo i precedenti due risultati iterando poi il metodo no ad ottenere la seconda cifra decimale corretta (n, rappresenta lordine delliterazione, a e b sono gli estremi dellintervallo e xM il loro punto medio). n 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 a 4 4,5 4,5 4,625 4,6875 4,6875 4,6875 4,6875 4,6875 4,68945 4,68945 4,68994 4,68994 4,69006 b 5 5 4,75 4,75 4,75 4,71875 4,70313 4,69531 4,69141 4,69141 4,69043 4,69043 4,69019 4,69019 xM 4,5 4,75 4,625 4,6875 4,71875 4,70313 4,69531 4,69141 4,68945 4,69043 4,68994 4,69019 4,69006 4,69012 f (xM ) 0,917433 0,311888 0,326701 0,0134411 0,147708 0,0667556 0,0265628 0,00653728 0,00345781 0,00153826 0,000960143 0,000288967 0,000335611 0,0000233275

Come si vede per giungere a denire correttamente la seconda cifra decimale sono necessarie ben 14 iterazioni del metodo per cui la convergenza della successione verso non si pu` o dire particolarmente veloce. Per confronto applichiamo invece il metodo di Newton (o delle tangenti). Questo si fonda sulliterazione della espressione xn+1 = xn f (xn ) f (xn )

Esame 2005 PNI: quesito 2

223

a partire dallestremo di un intervallo dove la funzione f assume valori di segno opposto e supposto che, nei punti interni dello stesso, le derivate prima e seconda non siano nulle. Tali condizioni sono soddisfatte dalla funzione data per cui, ottenuta lespressione esplicita di xn+1
1 2 f (xn ) 2 xn (3 2 ln xn ) + 1 = xn = xn f (xn ) 2xn (1 ln xn )

che si pu` o riscrivere come xn+1 = 2 x2 n (1 2 ln xn ) = g(xn ) 4xn (ln xn 1)

e posto x0 = 4, il calcolo dei primi valori della successione {xn } fornisce x1 = 2 16(1 2 ln 4) = g(4) 4,91229 16(ln 4 1) x2 = g(4,91229) 4,70351 x3 = g(4,70351) 4,69018 x4 = g(4,69018) 4,69013.

Appare in tal modo evidente come gi` a alla terza iterazione il valore fornito da questo metodo approssimi correttamente alla seconda cifra decimale (ma a ben vedere, lapprossimazione ` e corretta pure no alla quarta cifra). Quanto osservato ` e, a meno di cadere in casi particolari, una propriet` a generale: il metodo di Newton fornisce approssimazioni numeriche migliori con un numero inferiore di iterazioni cio` e, come si suol dire, converge pi` u rapidamente del metodo di bisezione. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di ordinamento: si veda la discussione l` a riportata del quesito 1. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) La denizione geometrica stabilisce che la retta t ` e tangente ad una curva C in un suo punto P se e solo esiste la posizione limite della retta secante s che unisce i punti P e Q C al tendere comunque di Q a P . In forma del tutto simbolica potremo scrivere P C QC t = lim s.
QP

In altri termini, una retta tangente interseca una curva C in almeno due punti coincidenti. A livello algebrico, il sistema tra le equazioni rappresentative della

224

Esame 2005 PNI: quesito 3

retta t e della curva C deve presentare una soluzione con molteplicit` a pari, o maggiore, a due: il punto corrispondente a questa soluzione sar` a il punto di tangenza. Tutto ci` o si pu` o generalizzare ed estendere a due curve qualsiasi, C1 e C2 . Queste saranno reciprocamente tangenti in un loro punto P se e solo se possiedono in questo punto, la medesima retta tangente. Poich e la ricerca della retta tangente ad una curva descritta dallequazione y = f (x) ` e risolto non appena si conosca la derivata y = f (x), C1 e C2 saranno reciprocamente tangenti in un punto di ascissa x0 se risulta f (x0 ) = g(x0 ) f (x0 ) = g (x0 ). dove y1 = f (x) e y2 = g(x) sono le rispettive equazioni rappresentative. Per la parte restante del quesito si veda quanto gi` a esposto nel quesito 3 dei corsi di ordinamento. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Nella teoria delle trasformazioni geometriche del piano, la composizione di due simmetrie assiali, di asse r e di asse s, si riduce ad una traslazione quando gli assi r ed s di ciascuna simmetria sono paralleli (nel caso siano incidenti, il prodotto di due simmetrie assiali ` e invece una rotazione). Inoltre, il vettore che caratterizza la traslazione risulta ortogonale alle rette r ed s, possiede modulo pari al doppio della distanza tra questi due assi ed ` e orientato nel verso che va da r ad s. Nel caso dal quesito, il vettore rappresentativo della traslazione risulta proposto v = ( 5, 5 ) (g. 1) per cui dovremo scegliere delle simmetrie con assi a) tra loro paralleli, b) aventi distanza d pari a 1 1 1 10 2 2 2 2 vx + vy = ( 5) + ( 5) = d= |v|= , 2 2 2 2 c) ed inne, perpendicolari v. Vi sono evidentemente innite possibilit` a di individuare le trasformazioni richieste (e difatti il testo chiede le equazioni di due simmetrie) cosicch e eettueremo le scelte che ci appaiono pi` u semplici ed opportune. Poich e v forma un angolo di 45 con il semiasse positivo delle ascisse in quanto le sue componenti sono uguali in valore assoluto (g. 1), tra le rette perpendicolari a v la pi` u immediata appare la bisettrice del I e III quadrante per cui le equazioni della simmetria (la prima che andr` a applicata) avente tale retta come asse sono conosciute e consistono nelle coppia : x = y y = x.

Esame 2005 PNI: quesito 3


r:y=x 5

225

s:y =x

A 5 v

Fig. 1. Vettore v e assi di simmetria.

Una retta s, parallela ad r che abbia da questa la distanza d calcolata sopra risulta 5 5 quella che passa per il punto A( 2 , 2 ), centro del quadrato individuato dal vettore v e rappresentato in colore nella gura 1. Lequazione di s ` e s : y = x 5 dovendo intersecare lasse y nel punto di ordinata 5. Per ricavare le equazioni della simmetria assiale avente s come asse va ricordato che, in una simmetria assiale, il punto medio del segmento che collega il punto originario P (x, y ) con la sua immagine P (x , y ) deve appartenere allasse e cio` e M (xM , yM ) s. Segue quindi che, una prima condizione, ` e y M = xM 5 = y + y = 2 x + x 2 5.

La seconda condizione esprime la perpendicolarit` a del segmento di estremi P e P con la retta s ossia il coeciente angolare della retta per P e P devessere lopposto del reciproco del coeciente angolare, ms = 1, di s. Segue che 1 y y = = 1. x x ms Moltiplicando le due equazioni appena discusse per i denominatori si ottiene il sistema y + y = x + x 2 5 y y = x + x e y = x 5. per cui, sommando membro a membro, 2 5 cio` si ottiene 2y = 2x Sostituendo nella prima risulta x 5 + y = x + x 2 5 da cui x = y + 5.

226 In denitiva due possibili trasformazioni sono: : x = y y = x :

Esame 2005 PNI: quesito 4

x = y + 5 y = x 5.

La composizione di e risulta formalmente : P (x, y ) P (x , y ) P (x , y ) mentre le equazioni sono : P (x, y ) P =


x = y P = y = x

x = y + 5 y = x 5

per cui, posto in luogo di x e y le espressioni fornite da si ottiene x = x + 5 : y = y 5 che costituisce la traslazione aspettata. La composizione nellordine inverso risulta : P (x, y ) P (x , y ) P (x , y ) e le sue equazioni sono : P (x, y ) P = da cui

x = y + 5 P = y = x 5

x = y y = x

x = x 5 : y = y + 5 che rappresentano la traslazione di vettore t = ( 5, 5) = v , evidente mente opposto a v . Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello assegnato nellesame di ordinamento: si veda la discussione l` a riportata del quesito 2. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) La denizione del numero e di Nepero ` e fornita dal limite della successione e = lim 1+ 1 n
n

n+

(1)

Esame 2005 PNI: quesito 5

227

oppure, in luogo della successione, si pu` o considerare pure il limite della funzione di variabile reale x 1 e = lim 1+ . (2) x x Limportanza in analisi matematica di tale numero reale irrazionale e = 2,7182818184 . . . consiste nel fatto che la funzione logaritmica ed esponenziale soddisfano in tale base privilegiata ad importanti relazioni quali ad esempio x 1 dt D (ex ) = ex . ln x = t 1 La prima permette di denire formalmente e, naturalmente, la funzione f (x) = ln x, la seconda mette in evidenza come la funzione esponenziale a base naturale, y = ex , abbia se stessa come derivata. Si pu` o dimostrare che la semplice equazione dierenziale y = y ` e quindi risolta solo da questa funzione. Nelle scienze siche o biologiche le leggi del decadimento di sostanze radioattive o quelle della crescita o, ancora, decadimento, di organismi trovano nelle funzioni esponenziali a base e la loro rappresentazione pi` u semplice. La pi` u semplice procedura per calcolare e fa uso della sua denizione pertanto si dovranno assegnare valori crescenti di n per ottenere approssimazioni an per difetto di e dato che la denizione (1) rappresenta il limite di una successione a termini positivi crescente. Volendo disporre di approssimazioni bm per eccesso converr` a far uso del secondo limite calcolando lespressione (1 + 1/x)x con valori di x negativi e, via via, decrescenti: pertanto posto x = m risulta bn = 1+ 1 x
x

= 1+

con x < 1 cio` e m > 1. Le due tabelle sottostanti riportano le prime 10 approssimazioni al numero e. n 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 an < e 2 2,35 2,37037 2,44141 2,48832 2,52163 2,54650 2,56578 2,58117 2,59374 m 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 bm > e 4 3,375 3,16049 3,05176 2,98598 2,94190 2,91029 2,88651 2,86797 2,85312

1 (m)

1 1 1 m

228

Esame 2005 PNI: quesito 6

Appare evidente come la convergenza ad e sia molto lenta: difatti un calcolo automatico per indici molto grandi fornisce le ulteriori stime n 1000 2000 3000 4000 5000 6000 7000 8000 9000 10000 an < e 2,71692 2,71760 2,71783 2,71794 2,71801 2,71805 2,71809 2,71811 2,71813 2,71815 m 1000 2000 3000 4000 5000 6000 7000 8000 9000 10000 bm > e 2,719642 2,718962 2,718735 2,718622 2,718554 2,718508 2,718476 2,718452 2,718433 2,718418

che mostrano come si possano ottenere le prime tre cifre decimali corrette solo per indici prossimi a 5000. Altri metodi per accelerare la convergenza fanno uso di nozioni non comprese nei programmi. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Le equazioni di una omotetia di centro C (x0 , y0 ) e rapporto k = 0 sono C : x = k(x x0 ) + x0 y = k(y y0 ) + y0 x = kx y = ky.

cosicch e se C O queste si riducono alle :

Supposto che sia s = (r ) con r : y = 2x + 1 e s : y = 2x 4 e cio` e che la retta s sia limmagine di r , riscriviamo lequazione di s in termini delle coordinate del punto immagine (x , y ) ossia s : y = 2x 4. Utilizzando le equazioni di e sostituendole in y = 2x 4 si ha, ky = 2kx 4, da cui y = 2x 4 k

ottenuta dividendo per k = 0 (in caso contrario avremmo una trasformazione singolare). Questa equazione deve coincidere con quella di r ma, notato che entrambe possiedono il medesimo coeciente angolare, lunica condizione che va posta riguarda i termini noti per cui devessere 4 =1 k = k = 4.

Esame 2005 PNI: quesito 8


La trasformazione richiesta ` e in denitiva : x = 4x y = 4y

229

e rappresenta una omotetia inversa avendo k < 0. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico al quesito 6 dei corsi di ordinamento cui si rimanda. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) La curva C ` e rappresentata in forma parametrica dalla coppia di equazioni x = et + 2 y = et + 3 e pertanto non nella forma, pi` u frequente ma meno generale, che vede la variabile reale y esplicitata a primo membro di unequazione dove, al secondo, compare solo la variabile indipendente x ossia y = f (x). Dovendo ricondurci a questultima forma in quanto ` e in questa forma che si ` e interpretata la derivata in un punto come il coeciente angolare della retta tangente, eliminiamo il parametro t esplicitando et dalla prima equazione parametrica: si ha et = x 2 con x 2 > 0 in quanto et > 0. Sostituendo questa espressione in y = et + 3 = 3x 5 1 1 +3= = f (x) +3= et x2 x2

emerge che lequazione esplicita ottenuta rientra nella forma che caratterizza le funzioni omograche. Considerando la condizione x > 2, il graco di C ` e pertanto quello di un ramo di iperbole equilatera avente per asintoto verticale la retta x = 2 e asintoto orizzontale y = 3, questultimo ottenuto eseguendo il rapporto dei coecienti dei termini di primo grado del numeratore e del denominatore (lo 1 si pu` o dedurre anche dalla forma y = x e sappiamo 2 + 3 della funzione). Poich che (3, 4) C il graco di C ` e quello proposto in g. 1. ` ora immediato determinare lequazione della retta tangente: difatti, calcolata E la derivata prima y = f (x) = D risulta f (3) = 1 +3 x2 = 1 (x 2)2

1 = 1 (3 2)2

230

Esame 2005 PNI: quesito 9

4 y=3

y = x + 7

x=2 3 Fig. 1. Graco della curva C e retta tangente.

per cui la retta tangente ha equazione y f (3) = f (3)(x 3) ossia y = x + 7 (g. 1). Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Per determinare la probabilit` a che in un lancio di due dadi si abbia come risultato 10 devono evidentemente uscire le seguenti tre coppie: (4 6), (5 5) e (6 4). In modo pi` u formale, indicata con S la variabile aleatoria denita come la somma dei numeri mostrati dai due dadi, si vuole P (S = 10). Per quanto detto, allevento X = 10 concorrono i seguenti tre elementi dello spazio campionario {S = 10} = {(4 6), (5 5), (6 4)} e dato che tale spazio (detto anche spazio degli esiti ) ` e costituito da 6 6 = 36 elementi tutti equiprobabili, la probabilit` a cercata risulta P (S = 10) = 1 3 = . 36 12 = y 4 = (x 3)

Se ora i lanci vengono ripetuti si entra nello schema delle prove ripetute in ciascuna delle quali i soli esiti possibili sono di successo o insuccesso. In una prova, levento S = 10 ` e quindi considerato come un successo e la probabilit` a p che ci` o avvenga ` e evidentemente quella determinata appena sopra p = P (S = 10) = 1 , 12

Esame 2005 PNI: quesito 9


mentre linsuccesso, evento complementare, possiede probabilit` a q = 1p = 1 1 11 = . 12 12

231

Introdotta la variabile aleatoria K per denotare il numero di successi, la probabilit` a che tale variabile assuma il valore K = k su n ripetizioni indipendenti del lancio ` e fornita dalla distribuzione binomiale o di Bernoulli e risulta P (K = k) = n k n k p q = k n k p (1 p)nk . k

Poich e il quesito chiede il valore di P (K = 2) su un totale di n = 6 prove, discende P (K = 2) = 6 2 1 12


2

11 12

62

1 = 15 144

11 12

0,0735.

La terza domanda del quesito richiede il valore della probabilit` a P (K 2) sempre su 6 prove. Poich e in una serie di 6 prove gli eventi caratterizzati da K = 2, K = 3, K = 4, K = 5 e K = 6 sono a due a due disgiunti, la probabilit` a richiesta si pu` o calcolare ricorrendo al teorema delle probabilit` a totali per cui P (K 2) = P (K = 2) + P (K = 3) + P (K = 4) + P (K = 5) + P (K = 6). Possiamo comunque seguire anche una via alternativa considerando che levento contrario (o complementare), K < 2, si pu` o decomporre negli eventi {K < 2} = {K = 0} {K = 1} dove a secondo membro appare lunione di eventi disgiunti. La sua probabilit` a ` e quindi P (K < 2) = P (K = 0) + P (K = 1) e il calcolo di P (K 2) pu` o ora svolgersi in forma abbreviata. Difatti per il teorema dellevento complementare risulta P (K 2) = 1 P (K < 2) = 1 [P (K = 0) + P (K = 1)] = 1 P (K = 0) P (K = 1),
0 60

che esplicitamente fornisce P (K 2) = 1 =1 6 0 1 12 11 12 6 1 1 12


1

11 12

61

115 116 6 0,0831. 126 126

232 Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2005 PNI: quesito 10

Il quesito fornisce un valore per let` a media di una popolazione di un Paese e, assieme, propone implicitamente una partizione della stessa popolazione in due classi: la prima composta da coloro che hanno unet` a maggiore di 60 anni costituisce il 40% del totale, la seconda ` e invece composta da coloro con unet` a inferiore ai 60 anni e, evidentemente, rappresenta il restante 60%. La media fornita va quindi interpretata come una media pesata alla quale contribuiscono due elementi distinti ciascuno con un suo peso. Formalizziamo il problema rappresentando la prima classe con la variabile x: questa ` e costituita da coloro che hanno unet` a di x anni con x 60 e contribuisce alla media della popolazione con un peso px pari a px = 0,4 = 40/100. Analogamente la seconda ` e espressa dalla variabile y con peso py = 0,6 = (100 40)/100 ed ` e formata da coloro che hanno unet` a di y anni con y < 60 (ed ovviamente y > 0). La media pesata m con tale suddivisione ` e data dallespressione m= px x + py y px + py

per cui sostituendo m = 30 anni si giunge alla 0,4x + 0,6y = 0, 4x + 0,6y = 30 anni. 0,4 + 0,6 Poich e il testo fornisce una condizione solo sulla x, imponiamo su questa variabile la condizione x 60 per poi dedurre una condizione sullet` a y della restante parte di popolazione. Difatti, esplicitata la x dalla precedente, x= e posto x 60, discende 30 0,6y 0,4

30 0,6y 60 0,4

da cui, moltiplicando per 0,4 risulta 30 0,6y 24 = 0,6y 24 30 = 0,6y 6.

Lultimo risultato comporta per let` a y il risultato y 10 che costituisce pure la risposta al quesito. Se quindi il 60% della popolazione possiede unet` a di 10 anni o inferiore, allora la media della popolazione potr` a essere di 30 anni. La risposta ` e quindi aermativa.

Esame 2005 PNI: quesito 10

233

Se comunque vogliamo interpretare questi risultati come eettivamente realizzabili la risposta, salvo casi molto particolari, non pu` o che essere negativa. Difatti la popolazione di un Paese ` e costituita da tutte le classi det` a per cui ` e praticamente impossibile che vi siano persone unicamente con unet` a maggiore di 60 anni o minore di 10 senza alcun rappresentante delle et` a intermedie. Ma se il Paese ` e molto piccolo. . .

ESAME 2006

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. Problema n. 1 1) Un lo metallico di lunghezza viene utilizzato per delimitare il perimetro di unaiuola rettangolare. a) Quale ` e laiuola di area massima che ` e possibile delimitare? Si pensa di tagliare il lo in due parti e di utilizzarla per delimitare unaiuola quadrata e unaltra circolare. Come si dovrebbe tagliare il lo anch e: b) la somma delle due aree sia minima? c) la somma delle due aree sia massima? Una aiuola, una volta realizzata, ha la forma di parallelepipedo rettangolo; una scatola, cio` e, colma di terreno. Si discute di aumentare del 10% ciascuna sua dimensione. Di quanto terreno in pi` u, in termini percentuali, si ha bisogno? Soluzione

Si considerino le funzioni f e g determinate da f (x) = log x e g(x) = ax2 , essendo a un parametro reale e il logaritmo in base e. 1. Si discuta, al variare di a, lequazione log x = ax2 e si dica, in particolare, per quale valore di a i graci di f e g sono tra loro tangenti. 2. Si calcoli, posto a = 1, larea della parte di piano delimitata dai graci delle funzioni f e g e dalle rette x = 1 e x = 2. 3. Si studi la funzione h(x) = log x ax2 scegliendo per a un valore numerico 1 e se ne disegni il graco. maggiore di 2 e Soluzione

Problema n. 2

Esame 2006: quesito 6 Questionario

235

1. Si narra che linventore del gioco degli scacchi chiedesse di essere compensato con chicchi di grano: un chicco sulla prima casella, due sulla seconda, quattro sulla terza e cos` via, sempre raddoppiando il numero dei chicchi, no alla 64a casella. Assumendo che 1000 chicchi pesino circa 38 g, calcola il peso in tonnellate della quantit` a di grano pretesa dallinventore. Soluzione

2. I poliedri regolari noti anche come solidi platonici sono, a meno di similitudini, solo cinque: il tetraedro, il cubo, lottaedro, il dodecaedro e licosaedro. Sai dimostrarlo? Soluzione

3. Un foglio di carta deve contenere: unarea di stampa di 50 cm2 , margini superiore e inferiore di 4 cm e margini laterali di 2 cm. Quali sono le dimensioni del foglio di carta di area minima che si pu` o utilizzare? Soluzione

4. La capacit` a di un serbatoio ` e pari a quella del cubo inscritto in una sfera di un metro di diametro. Quanti sono, approssimativamente, i litri di liquido che pu` o contenere il serbatoio? Soluzione

5. Si dimostri che la somma dei coecienti dello sviluppo di (a + b)n ` e uguale n a 2 per ogni n N. Soluzione

6. Lequazione risolvente un dato problema ` e: k cos 2x 5k + 2 = 0 dove k ` e un parametro reale e x ha le seguenti limitazioni: 15 < x < 45 . Si discuta per quali valori di k le radici dellequazione siano soluzioni del problema. Soluzione

236

Esame 2006: quesito 7

7. La funzione f (x) = x3 2x2 soddisfa le condizioni del teorema di Lagrange nellintervallo [0, 1]? Se si, trova il punto che compare nella formula f (b) f (a) = f ( ). ba Soluzione

8. La funzione f (x) = tg x assume valori di segno opposto negli estremi 3 dellintervallo I = 4 , 4 , eppure non esiste alcun x I tale che f (x) = 0. ` cos` E ? Perch e? Soluzione

9. Della funzione f (x) si sa che ` e derivabile e diversa da zero in ogni punto del suo dominio e, ancora, che: f (x) = f (x) e f (0) = 1. Puoi determinare f (x)? Soluzione

ed 10. La funzione f (x) = a sen x + b cos x ha un estremo relativo per x = 43 2 ` e f 3 = 1. Si trovino a e b e si dica quale ` e il periodo di f (x). Soluzione

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) a) Dette a e b le lunghezze dei lati dellaiuola rettangolare con a 0 e b 0
b a Fig. 1. Dimensioni dellaiuola rettangolare.

il suo perimetro ` e 2a + 2b per cui 2a + 2b = (1)

con che simbolizza la lunghezza del lo metallico ( > 0) utilizzato per delimitarne il perimetro: larea ` e invece espressa dalla A = a b.

Esame 2006: problema 1


Ricavando b dalla (1) b= 2a , 2

237

(2)

la condizione b 0 si riette su a come 2a 0 2 e ci` o ssa un limite superiore per la lunghezza di a ossia a 2 . La funzione area A si pu` o ora esprimere in termini della sola variabile a 2a A = a 2 0 a 2 = a ( 2a) = a2 + a 2 2 (3)

e mostra come larea dipenda quadraticamente dal lato a e quindi come il sistema (3) sia rappresentativo di un arco di parabola. In coerenza con quanto aspettato, osserviamo innanzitutto lannullarsi dellarea agli estremi dellintervallo A(0) = A(/2) = 0. Inoltre, poich e la concavit` a dellarco di parabola ` e rivolta verso il basso, il valore massimo di A si raggiunge in corrispondenza dellascissa del vertice ossia quando a1 = /2 /2 = = . 2(1) 2 4

Notato che tale risultato rientra nellintervallo dei valori accettabili per a e ripresa la relazione (2), otteniamo in corrispondenza la lunghezza dellaltro lato b1 = 2a1 /2 = = = a1 2 2 4

dove lultima uguaglianza sta ad indicare come laiuola debba essere quadrata per soddisfare la condizione di massimo del problema. b) Sia x la lunghezza di una parte del lo ed, evidentemente, x la lunghezza della parte rimanente. Le limitazioni per x sono ovviamente 0 x . Scegliamo di delimitare con la prima parte laiuola di forma quadrata che pertanto avr` a un (g. 2), mentre con la seconda si delimiter` a quella circolare lato lungo l1 = x 4 cosicch e la sua circonferenza avr` a lunghezza 2r = x da cui deduciamo il raggio r di questultima aiuola r= x . 2

238

Esame 2006: problema 1

l1 =

x 4

r=

x 2

Fig. 2. Aiuola quadrata e circolare.

La somma A delle rispettive aree ` e x A = (l1 ) + r = 4 0 x .


2 2 2

x + 2

1 1 2 x + ( x)2 16 4

(4)

Anche in questo caso la relazione cui si giunge esprime un arco di parabola con la concavit` a rivolta nella direzione positiva dellasse della variabile A. Il minimo si raggiunge in corrispondenza dellascissa del vertice che, questa volta, determiniamo annullando la derivata prima di A, A (x) cio` e A (x) = Segue 1 x 1 + 2 4 = 2 = x= 4 4+ = 4 . 4+ 2 2 x+ ( x)(1) = 0 16 4 = x x + = 0. 8 2 2

Poich e tale valore ` e interno allintervallo [0, ] in quanto manifestamente 4 < 4+ , il lo dovr` a essere tagliato alla distanza 4/(4 + ) da una estremit` a. c) Per determinare il massimo (assoluto) della funzione A vanno confrontati i suoi valori agli estremi dellintervallo [0, ]: risulta x = 0, e poich e si ha 2 2 > 4 16 = 16 > 4 = 4> A(0) = 2 ; 4 x = , A() = 2 2 +0= 16 16

il massimo di A ri raggiunge in corrispondenza di x = 0. Linterpretazione di tale risultato ` e la seguente: converr` a non tagliare il lo metallico e realizzare una sola aiuola circolare. e mostrata La rappresentazione graca della funzione area totale A(x) data da (4) ` in gura 3. Questa mostra come larea totale abbia un andamento parabolico e

Esame 2006: problema 1


A
16 4

239

4 4+

Fig. 3. Graco della funzione area totale A.

raggiunga il minimo in corrispondenza del vertice di ascissa 4/(4 + ) mentre il massimo di tale funzione si trova in corrispondenza dellestremo sinistro dellintervallo dove la parabola interseca lasse delle ordinate. Lultima richiesta del problema riguarda laumento percentuale del volume di un parallelepipedo rettangolo: siano a, b e c le sue dimensioni originarie (g. 4). Ne segue che il volume iniziale dellaiuola ` e V = a b c. (5)

c a

Fig. 4. Parallelepipedo rettangolo e sue dimensioni.

Aumentando del 10% ogni dimensione le nuove lunghezze, a , b , c , dei lati risulteranno a = a + 10% a = a + e similmente b = b + 10% b = = 11 b = 1,1 b 10 c = c + 10% c = = 11 c = 1,1 c, 10 10 a= 100 1+ 1 11 a = 1,1 a a= 10 10

per cui il nuovo volume V , espresso da V = a b c

240 diviene

Esame 2006: problema 2


V = a b c = (1,1a) (1,1b) (1,1c) = (1,1)3 a b c.

Tenendo presente la (5) la precedente diviene V = (1,1)3 V e poich e (1,1)3 1,331, si ha V = 1,331V . Inne, per evidenziare laumento percentuale, si pu` o riscrivere questultima come V = (1 + 0,331)V = V + 0,331V = V + 33,1%V che mostra come laumento percentuale risulti essere del 33, 1%. In forma appena alternativa si pu` o risalire a tale valore anche riscrivendo la relazione V = 1,331V = (1 + 0,331)V = V + 0,331V come V V = 0,331 = 33,1%. V Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. Identicate le funzioni f (x) = ln x (scriviamo ln x in luogo della notazione log x per intendere con maggiore evidenza il logaritmo naturale di x) e g(x) = ax2 , la discussione dellequazione f (x) = g(x) per x > 0 al variare del parametro a R si potr` a condurre con i soli metodi dellAnalisi in quanto questa non rientra nella forme tipiche delle equazioni parametriche razionali (o irrazionali) bens` appartiene alle equazioni trascendenti miste che associano a funzioni trascendenti quali quelle circolari o logaritmiche/esponenziali, termini razionali o irrazionali. In linea con quanto posto dal testo del problema, scegliamo quindi di interpretare ciascun membro dellequazione f (x) = g(x) ln x = ax2 (1)

o come una funzione, rispettivamente f e g, per cui la discussione della (1) si pu` riportare alla ricerca delle intersezioni, e del relativo numero, tra i graci di queste due funzioni. Per quanto riguarda il graco di f questo ` e noto rappresentando f nientaltro che il logaritmo naturale. Lequazione g(x) = ax2 rappresenta invece a = 0 un fascio di parabole con vertice nellorigine di un sistema cartesiano Oxy mentre nel solo caso a = 0 lequazione si riduce a g(x) = 0 che rappresenta lasse delle ascisse di questo stesso sistema. Se a < 0, le parabole possiedono la concavit` a rivolta nella direzione negativa di y (o verso il basso) e certamente intersecano il graco del logaritmo in un unico punto di ascissa ]0, 1[ (g. 1). Nel caso

Esame 2006: problema 2


a<0 f 1

241

g Fig. 1. Graci delle funzioni f (x) = ln x e g (x) = ax2 con a < 0.

a = 0 il punto di intersezione tra il logaritmo e lasse x ` e ancora unico e possiede ascissa pari ad 1. Se invece a > 0 si possono presentare pi` u situazioni in quanto allaumentare di a la concavit` a delle parabole oltrech e rivolta verso la direzione positiva dellasse delle ordinate va via via restringendosi. Si potr` a passare da due intersezioni a due coincidenti quando le due curve saranno reciprocamente tangenti: inne non si avr` a alcuna intersezione. Studiamo quindi il caso in cui f (x) e g(x) sono tangenti, situazione dove evidentemente vale lequazione ln x = ax2 assieme alla condizione di tangenza che si traduce nelluguaglianza delle rispettive derivate nel medesimo punto. Pertanto ne risulta il sistema f (x) = g(x) f (x) = g (x) Dalla seconda si ricava il valore x2 = 1 2a (3) = ln x = ax2 1 = 2ax. x (2)

che sostituita nella prima di (2) fornisce lascissa del punto di tangenza ln x = ax2 = ln x = a 1 2a = ln x = 1 2 = x = e2 =
1

e.

Segue poi da (3) che il valore di a associato ` e a= 1 1 1 = 2 = . 2 2x 2e 2( e)

In corrispondenza di valore i graci delle due funzioni sono tangenti nel punto tale 1 T ( e, ln e) T ( e, 2 ) (g. 2).

242
a=
1 2e

Esame 2006: problema 2


g T 1

f x

1 2

Fig. 2. Graci delle funzioni f (x) = ln x e g (x) = ax2 con a = 1/(2e). a ]0,
1 [ 2e

g f x

Fig. 3. Graci delle funzioni f (x) = ln x e g (x) = ax2 con 0 < a < 1/(2e).

Evidentemente per 0 < a < 1/(2e) la concavit` a di g risulta pi` u ampia e le funzioni f e g si intersecano in due punti distinti cosicch e lequazione in oggetto ammette due soluzioni distinte (g. 3). 1 Inne, se a > 2 e descritta gracamente dalla g. 4 dove, per il e , la situazione ` restringersi della concavit` a delle parabole del fascio, appare evidente lassenza di intersezioni con f . In corrispondenza di tali valori del parametro a risulta evidentemente soddisfatta x > 0 la disuguaglianza ax2 > ln x. In conclusione la discussione dellequazione parametrica assegnata permette di individuare per a0 1 soluzione
1 2e

0<a< 1 a= 2 e 1 a> 2 e

2 soluzioni 2 soluzioni coincidenti nessuna soluzione.

Per a = 1/(2e) i graci di f e g sono, come detto, tangenti.

Esame 2006: problema 2


a>
1 2e

243
g

f x

Fig. 4. Graci delle funzioni f (x) = ln x e g (x) = ax2 con a > 1/(2e).

2. Essendo a = 1 > 1/(2e) i graci di f e g non si intersecano per cui la situazione ` e quella rappresentata dalla gura 4 dove g(x) = x2 giace al di sopra del logaritmo: formalmente per x > 0 ` e x2 > ln x. Larea richiesta, evidenziata in giallo in g. 4, si ottiene risolvendo lintegrale denito
2

A=

(x2 ln x) dx

che per la linearit` a dellintegrale, si pu` o suddividere e parzialmente risolvere


2 2 1 2

A=

(x2 ln x) dx =

x2 dx

ln x dx =
1

x3 3

2 1

ln x dx.
1

Il secondo integrale si pu` o risolvere con il metodo per parti considerando ln x come il fattore nito e dx come quello dierenziale: si ha ln x dx = x ln x x 1 dx = x ln x x dx = x ln x x + c.

Il valore dellarea richiesta risulta quindi A= = x3 3


2 1

[x ln x x]1 =

8 1 3 3

(2 ln 2 2 + 1)

10 7 2 ln 2 + 1 = 2 ln 2 1,94704. 3 3

3. Scelto a = 1 studiamo la funzione h(x) = ln x x2 di dominio, evidentemente, D = R+ e periodica in quanto h(x + T ) = h(x) 0 = {x|x > 0}. Tale funzione non `

244

Esame 2006: problema 2

T R0 e, non essendo D simmetrico rispetto allo zero, n e vi possono essere simmetrie pari o dispari. Avendo osservato nel punto 2 che x2 > ln x per x > 0

` e pure ln x x2 < 0 cio` e h(x) < 0. Poich e h(x) risulta somma di funzioni continue, essa pure ` e continua in D . Gli unici limiti da svolgersi sono quindi quelli agli estremi del dominio: il primo ` e
x0+

lim h(x) = in quanto

x0+

lim ln x =

x0+

lim x2 = 0,

mentre il secondo ` e limx+ h(x). Per risolvere questultimo limite converr` a, per non incorrere in un caso di indeterminazione, riscrivere la funzione nella forma lim x2 ln x 1 x2

x+

cos` da studiare il limite entro parentesi lim ln x . x2

x+

Poich e il limite (1/x) 1 D (ln x) = lim = lim =0 2 x+ 2x x+ 2x2 x+ D (x ) lim esiste, ` e possibile applicare il teorema di De LH opital e aermare che ln x = 0. x+ x2 lim Segue che
x+

lim

ln x 1 x2

= 0 1 = 1

e il limite originario risulta lim x2 ln x 1 x2 = .

x+

Con tale risultato la funzione pu` o presentare un andamento asintotico: per stabilirne lesistenza o meno va analizzato il limite m = lim
x+

h(x) ln x = lim x. x+ x x

Esame 2006: problema 2

245

Procedendo nel modo appena esposto, applicando cio` e il teorema di De LH opital, si trova ln x (1/x) lim = 0 in quanto lim = 0. x+ x x+ 1 ` quindi E m = lim ln x x = x+ x

per cui non esistono asintoti obliqui. Derivata prima. Il calcolo della h (x) fornisce h (x) = 1 1 2x2 2x = x x

e notato che il denominatore ` e positivo in D , lo studio del segno h (x) 0 comporta 1 1 1 x . 1 2x2 0 x2 2 2 2 Quindi h (x) 0 se 0 < x 1/ 2 (g. 5): di conseguenza h(x) presenta in x = 1/ 2 un punto di massimo assoluto.
1/ 2

0 Fig. 5.

1/ 2

La derivata seconda e relativo segno sono h (x) = 1 2<0 x2 x > 0

per cui la concavit` a ` e sempre rivolta verso il basso. Notato che lordinata del punto di massimo vale 1 h 2 1 2 1 = ln(21/2 ) 2 1 1 1 = ln 2 = (1 + ln 2) , 2 2 2 1 = ln 2

246
1 2

Esame 2006: problema 2

1 2 (1 + ln 2) h(x)

Fig. 6. Graco della funzione h(x) = ln x x2 .

il graco di h(x) ` e in denitiva rappresentato dalla g. 6. Nota. Pur non richiesto dal testo e nemmeno, ad una attenta lettura, non esplicitamente suggerito, intendiamo qui mostrare come la discussione della soluzione del primo quesito si possa rendere un po pi` u formale sfruttando conoscenze dellAnalisi piuttosto che rifarci alla conoscenza del comportamento del fascio di parabole g(x) = ax2 al variare di a. Intendiamo quindi studiare landamento della famiglia di funzioni ha (x) = ln x ax2 al variare del parametro a con i soli strumenti dellAnalisi. In tale contesto discutere le soluzioni di ln x = ax2 ` e equivalente a discutere il numero delle intersezioni di ha (x) con lasse delle x. Notato quindi che tutte le funzioni ha (x) possiedono dominio R+ 0 e che in questo dominio sono continue in quanto somma di funzioni continue, arontiamo lo studio dei limiti per x 0+ e x +. Qualsiasi sia il valore reale di a, risulta
x0+

lim ha (x) = lim ax2 = a 0 = 0, (4)

in quanto
x0+

lim ln x =

x0+

mentre si ha
x+

lim ha (x) = +

solo se a < 0 in quanto


x+

lim ln x = +

x+

lim ax2 = +.

Esame 2006: problema 2


Poich e a ci` o si aggiunge losservazione sul segno della derivata prima h a (x) = 1 1 2ax2 2ax = >0 x x x R+ 0

247

essendo 1 2ax2 > 0 quando a < 0, segue che per tali valori del parametro ha (x) rappresenta una funzione monot` ona strettamente crescente. Poich e i limiti agli estremi del dominio hanno segno opposto, di certo ` e possibile determinare un intervallo [, ] ai cui estremi risulti ha () < 0 e ha ( ) > 0. Il teorema di esistenza degli zeri ci permette quindi di dedurre lesistenza di almeno una, ma per la monotonia, di una sola soluzione dellequazione ha (x) = 0. Un graco rappresentativo delle funzioni relative a valori di a < 0 appare in g. 7.

h1 (x)

Fig. 7. Graco della funzione h1 (x) = ln x + x2 .

Il caso a = 0 riduce h0 (x) = ln x e questa funzione, come si sa, incontra lasse x nellunico punto di ascissa x = 1. e pi` u valido e va Se a > 0 il risultato del limite precedente per x + non ` rivisto in quanto si cade in un caso di indeterminazione. Riscritta per` o la funzione come ln x lim ha (x) = lim x2 a (5) x+ x+ x2 questo si risolve con il teorema di De LH opital nello stesso modo gi` a visto ossia, data lesistenza del limite
x+

lim

(1/x) 1 D (ln x) = lim = lim =0 2 x + x + D (x ) 2x 2x2 ln x a x2

` e pure ln x =0 x+ x2 lim cosicch e


x+

lim

= 0 a = a

248 e, in denitiva, il limite in questione (a < 0) ` e


x+

Esame 2006: problema 2

lim ha (x) = .

Pure il segno della derivata prima cambia: difatti h a (x) = implica 1 2ax2 0 = x2 1 2a = 1 1 x 2a 2a 1 2ax2 0 x

e, considerando il dominio, ` e h a (x) 0


1/ 2a Fig. 8.

1 0<x . 2a

Evidenziando gracamente il segno di tale derivata (g. 8)


0

appare evidente che tali funzioni presentano in x0 = 1/ 2a un punto di massimo assoluto di ordinata y0 1 y0 = ha 2a 1 1 = ln a 2 a 2a 1 1 1 = ln(2a)1/2 = ln 2a 2 2 2a 1 = (1 + ln 2a). 2

Data la monotonia crescente in ]0, x0 ] e decrescente in ]x0 , +[, le funzioni ha (x) incontreranno lasse delle x in due punti distinti x1 , x2 quando y0 > 0; se invece y0 = 0 lasse delle x ` e la retta tangente al graco di ha (x) e vi saranno due valori coincidenti con il valore x0 . Inne se y0 < 0 non vi potranno essere intersezioni con tale asse e lequazione originaria non presenter` a soluzioni. Poich e y0 > 0 implica 1 (1 + ln 2a) > 0 2 = 1 + ln 2a < 0 = ln 2a < 1 = 2a < e1

Esame 2006: quesito 2

249

da cui a < 1/(2e) cosicch e y0 = 0 comporta a = 1/(2e) e y0 < 0 ` e risolta da a > 1/(2e), possiamo confermare anche per a > 0 la discussione gi` a svolta ossia 0<a< a= a>
1 2e 1 2e 1 2e

2 soluzioni 2 soluzioni coincidenti nessuna soluzione.

Di seguito riportiamo i graci delle funzioni nora non rappresentate: la g. 9 ` e relativa ad un valore di a minore di 1/(2e) e mostra le due intersezioni e le rispettive ascisse soluzioni dellequazione originaria.
a = 0, 1 < 1 (1 + ln 2a) 2
1 2e

x1

1 2a

x2

h0,1 (x)

Fig. 9. Graco della funzione h0,1 (x) = ln x 0,1x2 .

La g. 10 rappresenta il graco in corrispondenza di a = 1/(2e). Con tale valore lascissa del punto di massimo risulta 1 x0 = = 2a 1 = e 1/e

e in tale punto, curva e asse x sono mutuamente tangenti.


e

a=

1 2e

h1/(2e) (x)

Fig. 10. Graco della funzione h1/(2e) (x) = ln x

1 2 x . 2e

250

Esame 2006: quesito 1

Per a > 1/(2e) si ottengono andamenti analoghi a quelli descritti dalla g. 6. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Cerchiamo innanzitutto di individuare il legame tra il numero di caselle (in totale 64) e quello del numero dei chicchi di grano. Se quindi nella prima casella si dispone un chicco di grano, due sulla seconda, quattro sulla terza, otto sulla quarta, sedici sulla quinta,. . . , appare evidente che nel passaggio da una casella alla successiva il numero, a partire da un chicco, raddoppia. La schematizzazione di tale successione pu` o pertanto essere casella 1 2 3 4 5 . . . 63 64 numero chicchi 1 = 20 2 = 21 4 = 22 8 = 23 16 = 24 . . . 262 263

che mostra come in corrispondenza della 64a casella corrisponda un numero di chicchi pari a 263 = 2641 . Pertanto nella i-esima casella, il numero corrispondente di chicchi ` e 2i1 . Il numero totale di chicchi S si ottiene sommando i 64 termini della seconda colonna ossia S = 1 + 2 + 4 + 8 + 16 + + 262 + 263 numero che si pu` o riscrivere in forma compatta come
64

= 20 + 21 + 22 + 23 + 24 + + 262 + 263

S=

2i1 .
i=1

(1)

Notiamo che la successione del numero dei chicchi 20 , 21 , 23 ,. . . , costituisce una progressione geometrica di ragione 2 in quanto ogni termine si ottiene dal precedente moltiplicando questultimo per 2: in termini ricorsivi ` e ai+1 = 2 ai , i = 1, 2, . . .

mentre il termine generale i-esimo ` e espresso, come visto sopra, da ai = a1 2i1 con a1 = 1 per cui ai = 2i1 . Poich e la somma dei primi n termini di una progressione geometrica di ragione q = 1 ` e fornita dallespressione
n

Sn =
i=1

ai = a1

1 qn 1q

Esame 2006: quesito 2


dove nel nostro caso abbiamo a1 = 1, q = 2, n = 64, il numero di chicchi ` e

251

1 264 = 1 1 264 = 264 1. (2) 12 Possiamo ora impostare una proporzione per ottenere il peso P in grammi della quantit` a S sapendo che 1000 chicchi pesano 38 g: S =1 1000 S = 38 P = P = S 103 38 g

Sostituendo il risultato (2) e riportando il calcolo in notazione scientica 264 1 38 g 7,00976 1017 g, 103 non rimane che trasformarlo in tonnellate (ton) sapendo che P = si ottiene inne 1 ton = 103 kg = 103 103 g = 106 g = 1 g = 106 ton:

una quantit` a di grano. . . non certo trascurabile! Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito)

P = 7,00976 1017 106 ton 7,01 1011 ton,

Ricordiamo che un poliedro ` e una gura solida delimitata da poligoni non appartenenti al medesimo piano ognuno dei quali si chiama faccia e tali da avere ciascun lato, detto spigolo, in comune con una seconda faccia. In particolare, i poliedri regolari sono caratterizzati dallavere tutte le facce costituite da poligoni regolari congruenti e, in aggiunta, tutti gli angoloidi uscenti da ciascun vertice, cio` e le regioni dello spazio formate dalle facce con vertice in comune, debbono essere a loro volta congruenti. Consideriamo un poliedro regolare convesso costituito da poligoni regolari di n lati: intendiamo determinare una relazione tra langolo interno di ciascuna faccia poligonale e il possibile numero di facce convergenti in un medesimo vertice. A tal ne, congiunto il centro di un poligono regolare di n lati con i suoi vertici, si vengono a formare n triangoli isosceli ciascuno dei quali ha un angolo al vertice (in g. 1 se ne sono tracciati tre). di ampiezza 2 n
2 n

Fig. 1. Angolo interno di un poligono.

252

Esame 2006: quesito 2

Sfruttando la nota propriet` a sulla somma degli angoli interni di un triangolo, langolo alla base ` e quindi uguale a += 2 n = = 1 2 1 2 n

mentre langolo interno 2 denito da una qualsiasi coppia di lati del poligono (g. 1) risulta essere 2 . 2 = 1 n Sia q il numero degli spigoli uscenti da ogni vertice del poliedro e quindi pure il numero delle facce uscenti da tale vertice: certamente q 3. Ora immaginiamo di distendere ciascuna di queste facce in un piano (g. 2): la somma S di tutti gli angoli uscenti da tale vertice, rappresentata da S = q (2) = q 1 2 n

devessere minore di 2 ossia queste facce non potranno ricoprire un angolo maggiore o uguale allangolo giro rendendo, in caso contrario, impossibile la costruzione del poliedro regolare (si veda sempre la g. 2).

{3, 3}

{3, 4}

{3, 5}

{4, 3}

{5, 3}

Fig. 2. Facce di un poliedro regolare uscenti dal medesimo vertice.

Esame 2006: quesito 2

253

Questa osservazione intuitiva si pu` o formalizzare con il teorema di geometria solida che aerma: in un angoloide, la somma delle facce (cio` e degli angoli delle facce uscenti da uno stesso vertice) ` e minore di un angolo giro. Segue da tale teorema la disuguaglianza q 1 2 < 2 n

da cui, moltiplicando per n ed eliminando si ottiene, q (n 2) < 2n. (1)

Al variare di q e n, questultima relazione deve essere sempre soddisfatta: studiamone quindi le possibili soluzioni {n, q } con n, q N (la coppia {n, q }, ` e detta, simbolo di Schl ai). Poich e n non pu` o essere minore di 3 (il poligono con il minor numero di lati ` e il triangolo equilatero!), supponiamo inizialmente n = 3 ossia che le facce siano dei triangoli equilateri. La (1) fornisce q (3 2) < 2 3 da cui q < 6.

Dato che, come detto, pure q 3, i casi possibili corrispondono a q = 3, q = 4 oppure q = 5. Ciascuno di questi d` a origine ad un poligono regolare: difatti la coppia {3, 3} origina il tetraedro, poliedro composto da quattro triangoli equilateri tre dei quali formano le facce concorrenti in uno qualsiasi dei quattro vertici (g. 3)

Fig. 3. Tetraedro {3, 3}.

Se q = 4 si ottiene lottaedro, poliedro con 8 facce equilatere, quattro delle quali uscenti da uno qualsiasi dei 6 vertici (g. 4). Se poi q = 5 si pu` o costruire licosaedro dove ogni vertice ` e circondato da cinque triangoli equilateri per un totale di 20 facce equilatere (g. 5). Passando ad n = 4 cio` e richiedendo che ciascuna faccia sia un quadrato da (1) si ricava q (4 2) < 2 4 da cui q < 4. Si pu` o presentare quindi solo il caso con

254

Esame 2006: quesito 2

Fig. 4. Ottaedro {3, 4}.

Fig. 5. Icosaedro {3, 5}.

Fig. 6. Cubo o esaedro {4, 3}.

q = 3 cui corrisponde il ben noto cubo o esaedro (6 facce quadrate, tre uscenti da ciascun vertice, g. 6) Se le facce sono dei pentagoni n = 5 la (1) fornisce la condizione q (5 2) < 2 5 o in tal da cui q < 10 3 che ammette come unica soluzione, ancora, q = 3. Si pu` caso costruire il dodecaedro, composto da 12 facce pentagonali, tre delle quali attorno ad ogni vertice (g. 7) Inne, sia n 6: dalla (1) si ottiene q (n 2) < 2n = qn 2q < 2n = n(q 2) < 2q

Esame 2006: quesito 3

255

Fig. 7. Dodecaedro {5, 3}.

da cui, dividendo per q 2 > 0 si ha n< ` pertanto E 6n< e di conseguenza 6< risolvendo in q risulta 6q 12 < 2q 2q . q2 2q q2

2q : q2 = q < 3,

valore che evidentemente non pu` o essere accettabile. Non vi possono quindi essere ulteriori soluzioni oltre a quelle gi` a discusse per cui, in denitiva, le sole coppie possibili sono {3, 3}, {3, 4}, {3, 5}, {4, 3}, {5, 3} a ciascuna delle quali, come visto, si associa il rispettivo solido platonico (del quale, ovviamente, si pu` o dimostrare lesistenza *). Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Siano a e b le dimensioni incognite del foglio di carta (a > 0 e b > 0). Le restrizioni imposte dal quesito sono: area di stampa As = 50 cm2 , margini superiore ed inferiore pari a 4 cm, margini destro e sinistro di 2 cm, mentre si chiede di determinare le dimensioni del foglio di area A minima (g. 1). Larea A e le condizioni sulle sue dimensioni si esprimono come A=ab a>0 b>0
* Per sperimentare in modo interattivo con i solidi platonici si veda la pagina web http://www.lorenzoroi.net/maths.html#solidiplatonici.

256

Esame 2006: quesito 3

a Fig. 1. Dimensioni del foglio e parametri di stampa (in cm).

mentre la restrizione sullarea ssa di stampa si riporta come As = 50 cm2 = (a 4) (b 8) essendo a 4 la lunghezza del lato orizzontale del rettangolo di stampa e b 8 quella del lato verticale (g. 1). Evidentemente questi valori devono essere positivi per cui a 4 > 0 cio` e a > 4 e b 8 > 0 che implica b > 8. Gli elementi coinvolti nora si riassumono nel sistema di condizioni A=ab (a 4)(b 8) = 50 a > 4 b > 8.

Per ricondurre larea A ad una funzione di una variabile ricaviamo b dalla seconda equazione del sistema sostituendola poi nella prima b8= per cui 50 a4 = b =8+ 50 8a + 18 = a4 a4 4a2 + 9a a4

A=ab =a a > 4.

8a + 18 a4

=2

Esame 2006: quesito 4

257

Volendo ricercare il minimo (assoluto) di A passiamo al calcolo della derivata prima: questo fornisce A = 2 (8a + 9)(a 4) (4a2 + 9a) (a 4)2 2 (8a2 32a + 9a 36 4a2 9a) = (a 4)2 2 = (4a2 32a 36) (a 4)2 8 = (a2 8a 9). (a 4)2

La condizione A 0 comporta lo studio di a2 8a 9 0 data la positivit` a dei termini rimanenti. La sua equazione associata ammette le soluzioni = a 1 = 1 a2 = 9 a2 8a 9 = 0 a1,2 = 4 16 + 9 per cui A 0 ` e risolta per a 1 a 9. La rappresentazione graca di A (g. 2) mette in evidenza lesistenza di un minimo in corrispondenza del valore a = 9 cm: tale minimo ` e quello assoluto in quanto alla sua sinistra A ` e decrescente mentre ` e crescente per a > 9.
4 9 Fig. 2. Segno di A .

8 9 + 18 = 18 cm 94 per cui possiamo concludere che le dimensioni del foglio dovranno essere pari a 9 cm 18 cm. b= Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il cubo inscritto in una sfera di diametro 2r = 1 m ha le proprie diagonali, quali per esempio AB e BA di g. 1, di lunghezza pari al diametro della sfera. Sezioniamo cubo e sfera con un piano passante per il centro di questultima che ` e pure il centro del cubo (punto dincontro delle sue diagonali) e per i vertici A, B , B e A . La gura piana che ne risulta mostra evidentemente un rettangolo inscritto in un cerchio (g. 2). Per determinare la lunghezza del lato AB = l del cubo (gg. 1 e 2) e quindi determinarne il volume, notiamo innanzitutto che la diagonale della sua sezione

In corrispondenza

258

Esame 2006: quesito 4

B B

A A Fig. 1. Cubo inscritto in una sfera.

B r r A

Fig. 2. Sezione piana del cubo inscritto nella sfera.

piana scelta coincide con il diametro della sfera per cui ` e AB = 2r . Il segmento BB = AA costituisce invece la diagonale di base del cubo per cui la lunghezza ` e quella della diagonale di un quadrato di lato l cio` e BB = l 2. Il teorema di Pitagora permette di collegare tali segmenti con la relazione AB = che implica 2r = il lato cercato ` e quindi AB + BB
2 2

l2 + (l 2)2 =

l2 + 2l2 = l 3 :

2 l = r. 3 Ovviamente a tale conclusione si poteva giungere direttamente ricordando che tra lato e diagonale d = 2r del cubo, sussiste la relazione d = l 3. Ricordando che r = 1 2 m, il volume V del cubo risulta V = l3 = 2 r 3
3

2 1 3 2

1 3

1 = m3 3 3

Esame 2006: quesito 6


e dato che 1 m3 = 103 litri, si ha in denitiva 103 1 V = (103 l) = l 192,45 l. 3 3 3 3 Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Ritenuta nota la formula dello sviluppo del binomio di Newton
n

259

(a + b)n =
k =0

n n k k a b k

(1)

si potr` a ottenere a secondo membro la somma dei coecienti di tale sviluppo non appena si ponga a = b = 1 in quanto 1nk = 1k = 1, n, k N. Segue dalla (1)
n

k =0

n n k k 1 1 = k

k =0

n k

= (1 + 1)n = 2n ,

nN

che ` e quanto richiesto dal quesito. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito)
Riportate le ampiezze angolari ai radianti 15 = 12 e 45 = il sistema di condizioni k cos 2x 5k + 2 = 0 <x< 12 4 4,

il quesito fornisce

con k R chiedendo di discutere lequazione parametrica assegnata cio` e di determinare come varia il numero delle soluzioni (accettabili) dellequazione in funzione dei valori del parametro k. Posto quindi x = 2x, il sistema parametrico precedente si riscrive k cos x 5k + 2 = 0 < 2x < 2 = 2 12 4 < x < . 6 2 (1)

Poich e il graco del coseno tra e ` e conosciuto (` e pure decrescente) e notato 6 2 che se k = 0 non vi sono soluzioni in quanto 2 = 0, possiamo riscrivere lequazione come 2 cos x = 5 k < x < 6 2

260 per cui, posto y = cos x ,

Esame 2006: quesito 6

y = cos x 2 k=0 y =5 k < x < 6 2 la discussione delle soluzioni si pu` o ricondurre alla ricerca delle intersezioni tra larco di graco del coseno relativo allintervallo 6 , 2 e il fascio di rette orizzontali f rappresentato dalla seconda equazione. Nella gura 1 sono evidenziati in colore i punti del graco del coseno accettabili ed alcune rette del fascio.
A
4 10 3

k=

y =5 k=
2 5

2 k

B
2

Fig. 1. Graco di cos x e rette orizzontali.

Data la monotonia del coseno nellintervallo dato, appare evidente come il fascio f intersechi in un sol punto il graco del coseno. In particolare le rette di f per i punti A e B (g. 1) A , cos 6 6 3 , 6 2 B , cos 2 2 ,0 2

corrispondono ai valori del parametro yA = e 2 3 =5 2 k = 3k = 10k 4 5k 2 = 0 y =5 2 k = = k= 4 0,4838 10 3 2 = 0,4. 5

2 = k Se osserviamo che la funzione yB = 0 = 5

k=

risulta monot` ona strettamente crescente in R+ e 0 in quanto tale funzione (che ` una funzione omograca) possiede derivata prima y = 2/k2 positiva, possiamo 4 2 , 10 corrisponda pure essere certi che ad ogni valore di k dellintervallo 5 3 una sola retta orizzontale e quindi, per quanto detto, ununica intersezione. In base a tale corrispondenza biunivoca tra i valori di k e le intersezioni del fascio

Esame 2006: quesito 6

261

f con il coseno, concludiamo ammettendo lesistenza di ununica soluzione in corrispondenza dei valori del parametro appartenenti allintervallo aperto 2 4 . <k< 5 10 3 (2)

Volendo evitare queste osservazioni sulla corrispondenza biunivoca tra i valori del parametro k e lesistenza di una sola retta orizzontale corrispondente, si pu` o risolvere il sistema (1) esplicitando il parametro k in un membro ossia applicando il metodo del cosiddetto parametro separato. Si ottiene allora k = 2 5 cos x < x < 6 2

per cui posto y = k si dovranno studiare le intersezioni di un fascio di rette orizzontali (di immediata interpretazione) con larco di curva di equazione y = 2/(5 cos x ) cio` e 2 y= 5 cos x y=k < x < . 6 2 Poich e la derivata prima della funzione y = D 2 5 cos x = 2 sen x (5 cos x )2

risulta negativa y < 0, x 6 , 2 in quanto per tali valori 2 sen x < 0, la funzione stessa ` e ivi strettamente decrescente e quindi il fascio y = k incontrer` a in un sol punto il relativo graco. Determinati i valori del parametro in corrispondenza degli estremi dellintervallo

x = e

= x =

k=

2 2 4 = = 5 cos(/6) 5 ( 3/2) 10 3 = k= 2 2 = 5 cos(/2) 5

si pu` o concludere la discussione aermando lesistenza di ununica soluzione dellequazione originaria per i valori di k compresi tra questi estremi (nello stesso modo dato da (2)).

262 Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2006: quesito 7

La funzione f (x) = x3 2x2 = x2 (x 2) rappresenta una cubica tangente allasse x nellorigine di un sistema cartesiano Oxy e tale da intersecare ulteriormente questasse nel suo punto di ascissa 2. Poich e f (x) ` e continua in R e quindi pure in [0, 1], derivabile internamente con derivata prima f (x) = 3x2 4x per x ]0, 1[, essa soddisfa alle ipotesi del teorema di Lagrange per cui deve ]0, 1[ tale che f ( ) = 3 2 4 = f (1) f (0) 10 = 3 2 4 = 1 0 . 1

Questultima conduce allequazione 3 2 4 + 1 = 0 che ammette le due soluzioni 1 2 43 = 1 = , 2 = 1. 1,2 = 3 3 Il punto di ascissa , come detto, ` e interno allintervallo cosicch e solo = rappresenta lascissa del punto cercato. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) La funzione f (x) = tg x rientra nelle funzioni elementari ed ` e ben conosciuta. In particolare i suoi valori agli estremi dellintervallo suggerito sono f 4 = tg =1>0 4 f 3 4 = tg 3 = 1 < 0. 4
1 3

La g. 1 riporta il graco della tangente in un intervallo pari a due periodi e 3 mette in evidenza la parte compresa tra 4 e 4 .

1 1
2 3 4

3 2

Fig. 1. Graco di tg x.

Esame 2006: quesito 9

263

, 3 dove sia Da tale graco appare evidente come non vi sia alcun punto in 4 4 tg x = 0. Difatti a tale funzione, non pu` o applicarsi il teorema di esistenza degli zeri (o teorema di Bolzano, Praga 17811848) in quanto lipotesi di continuit` a della funzione in tale intervallo non ` e soddisfatta non esistendo la tangente in , 2 punto interno allintervallo in questione. Poich e valgono i limiti
x 2

lim tg x = +

x 2+

lim tg x =
2

la funzione tg x presenta di conseguenza in x = specie. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito)

una discontinuit` a di seconda

Posto y = f (x), la funzione incognita f (x) soddisfa alle condizioni f (x) = f (x) f (0) = 1 che, a ben vedere, sono quelle tipiche della funzione esponenziale a base naturale. Comunque, procedendo in modo formale riscriviamo la prima equazione sfruttando la forma dierenziale della derivata in quanto questa notazione permette una pi` u immediata distinzione tra funzione e variabile indipendente: in tal modo la prima condizione diviene dy =y dx che, supposto y = 0, si riscrive come dy = dx. y Questultima pu` o vedersi come una relazione tra dierenziali coinvolgente la fun` in eetti una semplice equazione dierenziale che si risolve zione incognita y . E attraverso lintegrazione indenita dy = dx. y Entrambi gli integrali sono immediati e forniscono ln |y | = x + c da cui, prendendo gli esponenziali di entrambi i membri, |y | = ex+c = ex ec .

264 Abbiamo pertanto le due possibilit` a y = ex ec y>0 y = ex ec y < 0.

Esame 2006: quesito 10

y = ex ec

Imponendo la condizione f (0) = 1, il primo sistema comporta 1 = e0 ec , da cui 1 = ec risolta da c = 0, mentre la seconda possibilit` a 1 = e0 ec , ec = 1 non x fornisce alcuna soluzione. Notato che e = 0, concludiamo indicando la y = f (x) = ex come la funzione cercata. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Dato che f (x) = a sen x + b cos x la condizione f 2 3 = 1 si esplicita facilmente in 2 2 a sen + b cos = 1 3 3 che implica la relazione tra i coecienti incogniti a e b 1 3 (1) a b =1 = a 3 b = 2. 2 2 Il fatto che f (x) presenti un estremo relativo in x = 4 3 si traduce nellannullarsi della sua derivata prima in questo punto in quanto lespressione a sen x + b cos x non presenta in R punti singolari. Siccome pure la sua derivata f (x) = a cos x b sen x ` e denita per ogni x R ne segue f che diviene 3 a b 2 2 =0 = a 3 b=0 + 2 2 = a = b 3. 4 3 =0 = 4 4 a cos b sen = 0 3 3

Introdotto questo risultato in (1) si ottiene b 3 3b=2 = 3b b = 2 = per cui a = 3. Devessere pertanto f (x) = 3 sen x + cos x. b=1

Esame 2006: quesito 10


Ricordata la periodicit` a delle funzioni goniometriche seno e coseno sen(x + 2 ) = sen x e cos(x + 2 ) = cos x x R,

265

la periodicit` a T della f (x) ne deriva immediatamente in quanto, per T = 2 , vale lidentit` a f (x + 2 ) = 3 sen(x + 2 ) + cos(x + 2 ) = 3 sen x + cos x = f (x) x R. Alla medesima conclusione si giunge riscrivendo la funzione come f (x) = 1 3 sen x + cos x = 3 sen x + cos x 3 sen(/6) cos x = 3 sen x + tg cos x = 3 sen x + 6 cos(/6) 3 = sen x cos + sen cos x cos(/6) 6 6 = 2 sen x + 6 = 2 sen x + 2 + 6 6 + 2 = 2 sen x + = 2 sen x + 6 6 = f (x) x R.

per cui

f (x + 2 ) = 2 sen (x + 2 ) +

ESAME 2006 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. Problema n. 1 Un lo metallico di lunghezza viene utilizzato per delimitare il perimetro di unaiuola rettangolare. a) Quale ` e laiuola di area massima che ` e possibile delimitare? Si pensa di tagliare il lo in due parti e di utilizzarla per delimitare unaiuola quadrata e unaltra circolare. Come si dovrebbe tagliare il lo anch e: b) la somma delle due aree sia minima? c) la somma delle due aree sia massima? Una aiuola, una volta realizzata, ha la forma di parallelepipedo rettangolo; una scatola, cio` e, colma di terreno. Si discute di aumentare del 10% ciascuna sua dimensione. Di quanto terreno in pi` u, in termini percentuali, si ha bisogno? Soluzione

Si considerino le funzioni f e g determinate da f (x) = log x e g(x) = ax2 , essendo a un parametro reale e il logaritmo in base e. 1. Si discuta, al variare di a, lequazione log x = ax2 e si dica, in particolare, per quale valore di a i graci di f e g sono tra loro tangenti. 2. Si calcoli, posto a = e2 , larea che ` e compresa tra i graci di f e g (con x > 0) nella striscia di piano determinata dalle rette dequazione y = 1 e y = 2. 3. Si studi la funzione h(x) = log x ax2 scegliendo per a un valore numerico 1 maggiore di 2 e e se ne disegni il graco. Soluzione

Problema n. 2

Esame 2006 PNI: quesito 6 Questionario

267

1. Si narra che linventore del gioco degli scacchi chiedesse di essere compensato con chicchi di grano: un chicco sulla prima casella, due sulla seconda, quattro sulla terza e cos` via, sempre raddoppiando il numero dei chicchi, no alla 64a casella. Assumendo che 1000 chicchi pesino circa 38 g, calcola il peso in tonnellate della quantit` a di grano pretesa dallinventore. Soluzione

2. I poliedri regolari noti anche come solidi platonici sono, a meno di similitudini, solo cinque: il tetraedro, il cubo, lottaedro, il dodecaedro e licosaedro. Sai dimostrarlo? Soluzione

3. In un piano sono dati una retta r e due punti A e B ad essa esterni ma situati nel medesimo semipiano di origine r . Si trovi il pi` u breve cammino che congiunga A con B toccando r . Soluzione

4. Si dimostri che lequazione sen x = x 1 ha una e una sola radice e, utilizzando una calcolatrice tascabile, se ne dia una stima. Si descriva altres` una procedura di calcolo che consenta di approssimare con la precisione voluta. Soluzione

5. Si dimostri che la somma dei coecienti dello sviluppo di (a + b)n ` e uguale a 2n per ogni n N. Soluzione

6. Lequazione risolvente un dato problema ` e: k cos 2x 5k + 2 = 0 dove k ` e un parametro reale e x ha le seguenti limitazioni: 15 < x < 45 . Si discuta per quali valori di k le radici dellequazione siano soluzioni del problema. Soluzione

268

Esame 2006 PNI: quesito 7

7. Bruno de Finetti (1906-1985), tra i pi` u illustri matematici italiani del secolo scorso, del quale ricorre questanno il centenario della nascita, alla domanda: che cos` e la probabilit` a? era solito rispondere: la probabilit` a non esi` ste!. Quale signicato puoi attribuire a tale risposta? E possibile collegarla ad una delle diverse denizioni di probabilit` a che sono state storicamente proposte? Soluzione

8. Un tiratore spara ripetutamente ad un bersaglio; la probabilit` a di colpirlo ` e di 0,3 per ciascun tiro. Quanti tiri deve fare per avere probabilit` a 0,99 di colpirlo almeno una volta? Soluzione

9. Della funzione f (x) si sa che ` e derivabile e diversa da zero in ogni punto del suo dominio e, ancora, che: f (x) = f (x) e f (0) = 1. Puoi determinare f (x)? Soluzione

10. Tenuto conto che:

= 4

1 0

dx 1 + x2

calcola unapprossimazione di utilizzando uno dei metodi di integrazione numerica studiati. Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) Il problema ` e identico a quello proposto nei corsi di ordinamento. Si rimanda pertanto alla soluzione l` a svolta per tale problema. Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. Per la discussione del primo punto si veda quanto esposto nel corrispondente quesito assegnato nellanalogo problema di Ordinamento. 2. Posto a = e2 < 0 la parabola g(x) = e2 x2 volge la concavit` a verso il basso e, per quanto discusso precedentemente, interseca f (x) = ln x in un unico punto. Poich e il testo richiede larea compresa tra f e g appartenente alla striscia di

Esame 2006 PNI: problema 2

269

piano delimitata dalle rette orizzontali y = 1 e y = 2, determiniamo i punti di intersezione di queste due funzioni con tali rette. Per f ln x = 1 mentre per g, e2 x2 = 1 = x2 = 1 e2 = x= 1 e = x= 1 e

in quanto x > 0. Deduciamo pertanto che i graci di f e g si devono intersecare nel punto P 1 e , 1 (g. 1).
1 e 1 e 2 e

f (x) 1

y = 1 y = 2

R g (x)

Fig. 1. Graci delle funzioni f (x) = ln x e g (x) = e2 x2 .

La retta y = 2 incontra invece f nel punto Q la cui ascissa ` e soluzione di ln x = 2: risulta xQ = e2 = 1/e2 . Il punto R di intersezione della medesima retta con g possiede ascissa positiva soluzione della equazione e2 x2 = 2. Questultima 2 2 implica x = 2/e che ammette la soluzione positiva xR = 2/e. Larea A richiesta ` e data dalla somma delle aree evidenziate in colore nella gura 1 ciascuna delle quali si ottiene con lintegrale denito della dierenza tra lequazione della curva superiore con quella inferiore (y = 2 in entrambi i casi): e data da la prima (in giallo in g. 1) `
1/e 1/e2

[ln x (2)] dx

mentre la seconda (in verde) da


2/e

1/e

[e2 x2 (2)] dx.

270 cosicch e A risulta


1/e

Esame 2006 PNI: problema 2

2/e

A= =

1/e2

[ln x (2)] dx +

1/e

1/e 2/e

[e2 x2 (2)] dx

(ln x + 2) dx +
1/e2 1/e

(e2 x2 + 2) dx.

Lunico termine non elementare coinvolto nellintegrazione riguarda lintegrale della funzione logaritmo che, comunque, si pu` o risolvere applicando il metodo per parti identicando il fattore dierenziale con dx. Risulta ln x dx = x ln x x = x ln x dx = x ln x x + c per cui larea richiesta si calcola tramite A = [x ln x x + 2x]1/e2
1/e 1/e 2/e 1/e

1 dx x

x3 + 2x + e2 3 e2 3 x + 2x 3
2/e

= [x ln x + x]1/e2 + Sostituendo opportunamente risulta 1 ln A= e

1/e

1 1 1 e2 2 2 2 2 1 + 2 ln 2 + 2 + 3 + e e e e 3 e e 1 1 2 1 2 2 2 2 1 2 = + + 2 2 + + e e e e 3e e 3e e 1 5 4 2 = 2 + 0,2159 e 3e 3e 1 e

2 e2 3e3 e

Unalternativa al calcolo appena sviluppato pu` o essere quella che scambia le variabili x e y applicando la trasformazione di simmetria assiale x = y e y = x cos` da riportare il calcolo dellintegrale nellintervallo [2, 1]. In tal modo le equazioni y = e2 x2 y = ln x con x 0 y 0 diventano x = e2 (y )2 x = ln y con y 0 x 0.

Esame 2006 PNI: quesito 3


Esplicitando la variabile dipendente y dalla prima si ottiene (y )2 = x e2 = |y | = 1 x e = y =

271

1 x e

in quanto x 0 e y 0, mentre la seconda fornisce y = ex . Larea richiesta ` e ora rappresentata dallintegrale A= per cui, osservato che 2 x dx = (x )3/2 + c 3 ex dx = ex + c,

1 2

1 x ex dx e

si giunge allespressione A=
2 (x )3/2 ex 3e 2 1 2 1 2 23/2 + 2 = + 3e e 3 e e 1 5 4 2 = 2 + 0,2159 e 3e 3e

che conferma quanto gi` a trovato. 3. La soluzione ` e analoga a quella del terzo punto del corrispondente problema nel corso di Ordinamento. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Per la soluzione si veda il quesito n. 1 del corso di Ordinamento. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Per la soluzione si veda il quesito n. 2 del corso di Ordinamento. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Il problema riprende il classico argomento della riessione di un raggio luminoso da parte di uno specchio piano e il conseguente percorso seguito. Lo si pu` o risolvere utilizzando osservazioni di tipo puramente geometrico: sia quindi A il

272

Esame 2006 PNI: quesito 3


B

A r

H A

Fig. 1. Possibili percorsi A C B .

punto simmetrico di A rispetto alla retta r e C il punto di contatto del percorso A C B con la retta r (g. 1). Dimostriamo che tale punto ` e determinato dalla intersezione del segmento A B con r , simbolicamente {C } = r A B , e che il percorso A C B ` e il pi` u breve. Ragioniamo per assurdo negando che C sia il punto che denisce il percorso pi` u breve. Esiste quindi un altro punto C r distinto da C tale che AC + C B < AC + CB. (1) Siccome per costruzione A ` e il simmetrico di A rispetto ad r per cui AA r con {H } = r AA , le seguenti coppie di triangoli rettangoli sono congruenti AHC A HC AHC A HC. (2)

Ne segue che AC = A C e AC = A C e la relazione (1) diviene A C + C B < A C + CB : dato che A C + CB = A B otteniamo da (3) la conclusione A C + C B < A B in evidente contraddizione con la disuguaglianza triangolare applicata a A C B che invece aerma A C + C B A B . Il punto di intersezione tra r e A B denisce pertanto quellunico punto di r che assicura il percorso di lunghezza minima tra A e B toccando r . Nota. Dalla congruenza dei triangoli espressa nella (2) si ha pure la congruenza tra gli angoli (g. 2) ACH A CH BCK per cui ne discende la relazione =r tra le ampiezze dellangolo di incidenza e quello di riessione r (g. 2), uguaglianza che costituisce la ben nota legge della riessione dei fenomeni ondulatori. (3)

Esame 2006 PNI: quesito 4


B

273

A H A Fig. 2. Legge della riessione. C

r K

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Lequazione sen x = x 1 si pu` o reinterpretare come il sistema y = sen x y =x1 e in tal modo la ricerca delle sue soluzioni viene a coincidere con quella delle intersezioni tra le due funzioni del sistema e i rispettivi graci che, in tal caso, sono conosciuti e rappresentati in gura 1.
y =x1

1 1

1
2

2 y = sen x

1 Fig. 1. Graci di y = sen x e y = x 1.

In termini geometrici approssimativi, i due graci appaiono intersecarsi in un e lordinata del punto punto di ascissa compreso tra 2 e . In particolare, poich di intersezione (cio` e 1) ` e minore di 1 e il punto sulla retta di ordinata unitaria possiede ascissa y=1 dovr` a essere
2

1=x1

x = 2,

< < 2.

274

Esame 2006 PNI: quesito 4

La formalizzazione di tali osservazioni si pu` o ottenere studiando le propriet` a della funzione f (x) = sen x x + 1. Questa risulta continua in R e quindi pure nellintervallo , 2 . Inoltre risulta 2 f 2 = sen +1 = 2 > 0 2 2 2 f (2) = sen 2 2 + 1 = 1 + sen 2 < 0

` quindi possibile cosicch e agli estremi f (x) assume valori di segno opposto. E applicare il teorema di esistenza degli zeri (o teorema di Bolzano, Praga 1781 1848) che assicura lesistenza di almeno un punto dove f () = 0. Se inne, osserviamo che f (x) = cos x 1 0 x R ma certamente f (x) < 0 x ,2 , 2

allora la f (x) in tale intervallo ` e monotona strettamente decrescente e tale valore ` e quindi unico (g. 2).
2
2

1 + sen 2

Fig. 2. Graco di y = sen x x + 1 con x

,2 2

Per determinare e quindi rispondere alla seconda parte del quesito, applichiamo il metodo di bisezione a partire dallintervallo , 2 . Pertanto, come prima ite2 razione, calcoliamo il valore medio, xM tra questi estremi cio` e xM = Poich e (/2) + 2 = +1 2 4

+ 1 = sen + 1 1 + 1 0,191663 > 0 4 4 4 sar` a, nella seconda iterazione, f + 1, 2 . 4

Procedendo nello stesso modo si ottiene la seguente tabella (a = estremo inferiore, b = estremo superiore, xM valore medio di [a, b]):

Esame 2006 PNI: quesito 7


n 1 2 3 4 5 6 7 a /2 1,7854 1,8927 1,8927 1,91952 1,93294 1,93294 b 2 2 2 1,94635 1,94635 1,94635 1,93964 xM 1,7854 1,8927 1,94635 1,91952 1,93294 1,93964 1,93629 f (xM ) 0,191663 0,0559361 0,0160447 0,0202838 0,00220368 0,00689953 0,00234268

275

Come si vede, si giunge a stimare con due cifre decimali corrette, 1,93, in corrispondenza delliterazione n = 7. Volendo invece ricorrere al metodo di Newton, nel quale la convergenza ` e generalmente pi` u veloce, dobbiamo esplicitare la relazione ricorsiva xn+1 = xn f (xn ) f (xn ) n = 0, 1, 2, . . . (1)

partendo da un valore x0 dato. Tenuto conto che f (x) = cos x 1, la (1) diviene xn+1 = xn sen xn xn + 1 cos xn 1 n = 0, 1, 2, . . .

per cui, scelto x0 = 2 otteniamo per la prima iterazione x1 = 2 Nella seconda x2 = x1 sen 2 2 + 1 1,9360. cos 2 1 sen x1 x1 + 1 1,9346. cos x1 1

Da un confronto con quanto ottenuto sopra, il valore di appare conosciuto a meno di un centesimo gi` a dalla prima iterazione. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Per la soluzione si veda il quesito n. 5 del corso di Ordinamento. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Per la soluzione si veda il quesito n. 6 del corso di Ordinamento. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) La denizione classica di probabilit` a di un evento come

276

Esame 2006 PNI: quesito 8


rapporto tra i casi favorevoli allevento e quelli possibili,

` e applicabile quando questo conteggio diviene possibile ma ci` o non ` e sempre realizzabile. La denizione frequentista che considera la probabilit` a di un evento come la frequenza calcolata su un numero sucientemente elevato di prove, si pu` o applicare quando gli eventi siano ripetibili e per i quali si possa disporre di conteggi che informino su quante volte un evento si ` e vericato in un numero elevato di prove. Vi sono comunque eventi che non rientrano in nessuna delle precedenti due denizioni: per questo B. De Finetti poteva aermare che la probabilit` a non esiste. Difatti ad un evento del tipo domani risolvo tutti i problemi desame non ` e possibile assegnare con le precedenti denizioni alcun valore di probabilit` a. Tale limitatezza delle denizioni viene superata dalla denizione soggettivista che aerma la probabilit` a di un evento ` e la misura della ducia che un individuo coerente attribuisce al vericarsi di tale evento e nella interpretazione di B. De Finetti diviene la probabilit` a di un evento ` e il valore o prezzo p che un individuo coerente ritiene equo pagare per ricevere una vincita pari ad 1 nel caso si verichi levento. Se quindi, per riprendere lesempio, stimassi di risolvere tutti i problemi desame all80% nella giornata di domani, allora vuol dire che p = 0,8 e quindi sono disposto a scommettere per esempio, 80 euro, in cambio di una vincita di 100 euro nel caso risolvessi tutti i problemi desame. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Sia p = 0,3 la probabilit` a di colpire il bersaglio e quindi di aver successo in una singola prova e q = 1 p = 0,7 la probabilit` a contraria cio` e di non colpire il bersaglio. Poich e la probabilit` a pn,k che su n prove (o tiri) vi siano k successi ` e data dalla distribuzione binomiale (o di Bernoulli) pn,k = n k n k p q k (1)

sia Pn (k 1) la probabilit` a di colpire almeno una volta il bersaglio (sempre su n prove). Essendo Pn (k = 0) la probabilit` a su n prove di non colpirlo, vale evidentemente Pn (k 1) + Pn (k = 0) = 1

Esame 2006 PNI: quesito 10

277

ossia si ` e certi che su n tiri il bersaglio potr` a essere colpito oppure no. Dato che Pn (k = 0) = pn,0 , per (1) discende Pn (k 1) = 1 Pn (k = 0) =1 ma n 0 = 1,

n 0 n 0 p q 0 p0 = 1

per cui Pn (k 1) = 1 1 1 q n = 1 q n . La condizione imposta dal quesito su tale probabilit` a` e di avere Pn (k 1) 0,99 che implica 1 q n 0,99 = q n 1 0,99 = q n 0,01

che, con q = 0,7, diviene (0,7)n 102 . Prendendo il logaritmo in base 10 di entrambi i membri e sfruttando la propriet` a che log x = log x log 0,7n log 102 da cui, dividendo per log 0,7 < 0 n Dato che 2 . log 0,7 = n log 0,7 2

2 12,91 log 0,7

devessere n 12,91 e quindi, per avere una probabilit` a maggiore di 0,99 di colpire il bersaglio almeno una volta, il numero n dei tiri dovr` a essere uguale o superiore a 13. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Per la soluzione si veda il quesito n. 9 del corso di Ordinamento. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e sostanzialmente analogo al numero 7 proposto nella prova desame dellanno 2003, corso P.N.I. In questo caso non si chiede di vericare luguaglianza numerica espressa da 1 1 = dx (1) 2 4 0 1+x

278

Esame 2006 PNI: quesito 10

ma solo di calcolare unapprossimazione di stimando numericamente il valore dellintegrale denito. Le osservazioni sono quindi le medesime ma questa volta, intendiamo applicare il metodo dei trapezi (o di Bezout) cos` da poterlo aancare a quello dei rettangoli applicato nelloccasione ricordata. Analogamente a quello dei rettangoli, nel metodo dei trapezi si suddivide lintervallo di integrazione [a, b] in n intervallini di uguale ampiezza h= ba n e di estremi xi = h i + a con i = 0, 1, . . . , n.

Ciascun intervallino d` a poi origine ad un trapezio di altezza h e basi (verticali) pari al valore della funzione negli estremi delliesimo intervallino cio` e f (xi ) e f (xi+1 ). Supposta la funzione positiva nellintervallo [a, b], larea di ciascun trapezio risulta 1 ai = h [f (xi+1 ) + f (xi )], 2 mentre la stima dellarea complessiva si ottiene sommando questi n valori A=
n 1 i=0

ai =

n 1 i=0

h [f (xi+1 ) + f (xi )]. 2

Estratto il fattore comune h/2 e sostituiti esplicitamente i valori degli estremi si giunge allespressione nale A= = h 2 h 2
n 1 i=0 n 1 i=0

[f (xi+1 ) + f (xi )] {f [h(i + 1) + a] + f (hi + a)}. (2)

Nel caso proposto dal quesito la stima numerica di si ottiene non appena si abbia una stima dellintegrale denito a II membro della (1). Questo esprime larea A della regione compresa tra il graco della funzione integranda f :y= 1 , 1 + x2

lasse delle x e le rette x = 0 e x = 1. Studiamo quindi, almeno approssimativamente, il graco di f per individuare tale regione (detta comunemente, trapezoide). La funzione integranda ` e la ben nota versiera di Gaetana Agnesi: il suo dominio ` e R e, in tale dominio f ` e una funzione simmetrica pari in quanto vale lidentit` a f (x) = f (x) x R.

Esame 2006 PNI: quesito 10

279

Il segno ` e sempre positivo essendo 1 + x2 > 0 x R. f ` e pure continua in R e i suoi limiti allinnito sono limx y = 0. Dato che per x 0 ` e y = 2x 0 (1 + x2 )2

la funzione ` e ivi decrescente e presenta un massimo assoluto in x = 0. Nella gura 1 appare il graco di f con evidenziato il trapezoide di cui si cerca una stima numerica per larea A.
(0, 1)

1 Fig. 1. Graco della funzione y = 1/(1 + x2 ) e trapezoide.

e h = (1 0)/5 = 0,2 e Scelto n = 5 (g. 2) lampiezza di ciascun intervallino ` possiamo partizionare lintervallo [0, 1] con i punti di ascissa x0 = 0 x1 = 0,2 x2 = 0,4 x3 = 0,6 x4 = 0,8 x5 = 1

e quindi impostare la somma (2) come 0,2 A= 2 = 0,1


i=0 4 i=0

{f [0,2(i + 1) + 0] + f (0,2i + 0)}

{f [0,2(i + 1)] + f (0,2i)}.

O 0,2 0,4 0,6 0,8 1 Fig. 2. Suddivisione in 5 trapezi della regione di area A.

280 Pi` u esplicitamente si ha

Esame 2006 PNI: quesito 10

A = 0,1 [f (0,2) + f (0)] + [f (0,4) + f (0,2)] + [f (0,6) + f (0,4)] + [f (0,8) + f (0,6)] + [f (1) + f (0,8)] per cui calcolando i corrispondenti valori della funzione f otteniamo A = 0,1{[0,961538 + 1] + [0,862069 + 0,961538] + [0,735294 + 0,862069] + [0,609756 + 0,735294] + [0,5 + 0,609756] 0,783732. Con tale approssimazione del valore dellintegrale a secondo membro della (1) la stima di risulta = A 0,783732 4 = 4 0,783732 = 3,13493

valore che dierisce per meno di un centesimo da ( 3,13493 = 0,0067). Ulteriori calcoli, ottenuti con un programma che usa tale metodo, forniscono in funzione di n, le stime seguenti di n: : 5 10 3,13493 3,13993 20 3,14118 50 3,14153 100 3,14158.

ESAME 2007

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario.

Problema n. 1 1) Si considerino i triangoli la cui base ` e AB = 1 e il cui vertice C varia in modo che langolo C AB si mantenga doppio dellangolo ABC . 1. Riferito il piano ad un conveniente sistema di coordinate, si determini lequazione del luogo geometrico descritto da C . 2. Si rappresenti , tenendo conto, ovviamente, delle prescritte condizioni geometriche. 3. Si determini lampiezza dellangolo ABC che rende massima la somma dei quadrati delle altezze relative ai lati AC e BC e, con laiuto di una calcolatrice, se ne dia un valore approssimato in gradi e primi (sessagesimali). 1 4. Si provi che se ABC = 36 allora ` e AC = 5 2 . Soluzione

Problema n. 2 2) Si consideri un cerchio C di raggio r . 1. Tra i triangoli isosceli inscritti in C si trovi quello di area massima. 2. Si denoti con Sn larea del poligono regolare di n lati inscritto in C . Si n 2 dimostri che Sn = r 2 sen e si trovi unanaloga espressione per larea 2 n del poligono regolare di n lati circoscritto a C . 3. Si calcoli il limite di Sn per n . 4. Si spieghi in che cosa consista il problema della quadratura del cerchio e se, e in che senso, si tratti di un problema risolubile o meno. Soluzione

282

Esame 2007: quesito 1

Questionario
1. La regione R delimitata dal graco di y = 2 x, dallasse x e dalla retta x = 1 (in gura) ` e la base di un solido S le cui sezioni, ottenute tagliando S con piani perpendicolari allasse x, sono tutte triangoli equilateri. Si calcoli il volume di S . y

R O 1 x Soluzione

2. Le misure dei lati di un triangolo sono 40, 60 e 80 cm. Si calcolino, con laiuto di una calcolatrice, le ampiezze degli angoli del triangolo approssimandole in gradi e primi sessagesimali. Soluzione

3. Si determini, al variare di k, il numero delle soluzioni reali dellequazione x3 x2 k + 1 = 0. Soluzione

4. Un serbatoio di olio ha la stessa capacit` a del massimo cono circolare retto di apotema 1 metro. Si dica quanti litri di olio il serbatoio pu` o contenere. Soluzione

5. Si mostri che la funzione y = x3 + 8 soddisfa le condizioni del teorema del valor medio (o teorema di Lagrange ) sullintervallo [2, 2]. Si determinino i valori medi forniti dal teorema e se ne illustri il signicato geometrico. Soluzione

6. Si sa che il prezzo p di un abito ha sub` to una maggiorazione del 6% e, altres` , una diminuzione del 6%; non si ha ricordo, per` o, se sia avvenuta prima luna o laltra delle operazioni.

Esame 2007: problema 1


Che cosa si pu` o dire del prezzo nale dellabito?

283

Soluzione

7. Se f (x) ` e una funzione reale dispari (ossia il suo graco cartesiano ` e simmetrico rispetto allorigine), denita e integrabile nellintervallo [2, 2], che dire del suo integrale esteso a tale intervallo? Quanto vale nel medesimo intervallo lintegrale della funzione 3 + f (x)? Soluzione

8. Si risolva lequazione: 4

n 4

= 15

n2 . 3 Soluzione

9. Si calcoli lintegrale indenito 1 x2 dx e, successivamente, si verichi 1 e in accordo con il suo signicato geomeche il risultato di 0 1 x2 dx ` trico. Soluzione

10. Per orientarsi sulla Terra si fa riferimento a meridiani e a paralleli , a latitudini e a longitudini. Supponendo che la Terra sia una sfera S e che lasse di rotazione terrestre sia una retta r passante per il centro di S , come si pu` o procedere per denire in termini geometrici meridiani e paralleli e introdurre un sistema di coordinate geograche terrestri? Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. Scegliamo un sistema di assi cartesiani dove il vertice A coincida con lorigine O, il vertice B appartenga allasse delle x con coordinate B (1, 0) mentre il terzo vertice C sar` a individuato dalla coppia C (x, y ). Posto inoltre ABC = con 0 devessere pure soddisfatta la condizione CAB = 2 ABC = 2 (g. 1). Poich e la misura dellampiezza di ciascuno dei tre angoli di ABC devessere un numero positivo (o, nei casi degeneri, nulla) nonch e la loro somma deve valere , segue che ACB = ( ABC + CAB ) = ( + 2) 0 per cui 3 0 ossia a pertanto soddisfare le limi3 . La misura dovr` tazioni [0, 3 ] e nel caso assuma i valori estremi di tale intervallo il triangolo

284
y C

Esame 2007: problema 1

A O 2

B (1, 0)

Fig. 1. Sistema cartesiano associato al triangolo ABC .

risulter` a degenere. Notata la simmetria del problema rispetto allasse delle x (g. 2) in quanto ad ogni punto C (x, y ) del semipiano delle ordinate positive o nulle (y 0) che soddisfa o individuare un secondo C (x, y ) alla condizione CAB = 2 ABC se ne pu` con ordinata opposta,

2 H

Fig. 2. Simmetria del problema rispetto allasse x.

supporremo inizialmente che lordinata di C sia y 0. Detto poi H il punto proiezione ortogonale di C sullasse delle x, per denizione di tangente trigonometrica si ha HC tg CAB = tg 2 = , AH per cui, notato che HC = y e AH = x, ` e anche tg 2 = y x = y = x tg 2,

equazione questultima che rappresenta lequazione cartesiana della retta AC . Tale retta si poteva ottenere ricordando pure il signicato goniometrico di coeciente angolare ossia come la tangente dellangolo che la retta denisce con lasse

Esame 2007: problema 1

285

delle ascisse. Nellunico caso in cui la precedente relazione perde di signicato ossia quando 2 = si ha x = 0 per cui C appartiene allasse y e il ABC si 2 ). Lordinata di C ` e in tal caso riduce ad un triangolo rettangolo isoscele ( = 4 y = 1. 3 per cui, ancora considerando Ricordato che 0 3 ne segue che 0 tg il signicato trigonometrico di tangente di un angolo e in riferimento a HBC rettangolo in H , possiamo scrivere tg = y HC = HB 1x = y = (1 x) tg (1)

che appare lequazione della retta BC . Avendo poi posto y 0 devessere anche 1 x > 0 cio` e x < 1. Il punto C ` e quindi individuato dallintersezione delle precedenti due rette y = x tg 2 y = x tg + tg x<1 y0 (2) (3)

che ne esprimono il luogo in termini del parametro . Per ottenere quanto richiesto ossia lequazione (implicita) di , va eliminato nel sistema precedente il parametro . Osservato che dalla (1) la tg ` e gi` a data in termini di x e y , converr` a esprimere la tg 2 della (2) in funzione di tg e quindi a eliminare tra (2) e (3) tale termine. Pertanto sfruttando lidentit` tg 2 = si ha y = x tg 2 e, sostituendo la tg = si ottiene y =x2 y 1x = y=x y 1x : 1 y2 . (1 x)2 2 tg 1 tg2 2 tg 1 tg2

Sviluppato il quadrato ed eseguito il minimo comune multiplo entro parentesi quadre y= 2xy 1 + x2 2x y 2 : 1x (1 x)2 = y= (1 x)2 2xy 1 x 1 + x2 2x y 2

286 lespressione si pu` o semplicare nella y= 2xy (1 x) 1 + x2 2x y 2

Esame 2007: problema 1

e quindi, moltiplichiamo entrambi i membri per il denominatore, si giunge y (1 + x2 2x y 2 ) = 2xy (1 x) o anche y 1 + x2 2x y 2 2x + 2x2 = 0 = y (3x2 4x + 1 y 2 ) = 0.

Questultima equazione possiede la soluzione y = 0 (e x R) che implica = 0 e, geometricamente, aerma lappartenenza di C allasse delle x. Manifestamente ` e una situazione geometrica degenere in quanto ABC si riduce ad un segmento. Daltra parte pu` o essere anche 3x2 4x + 1 y 2 = 0 da cui y 2 = 3x2 4x + 1. Anch e questultima abbia soluzioni devessere 3x 4x + 1 0
2

(4)

x1,2 =

1 43 = 1 3

1 per cui x 3 a collegata alla tg e x 1. Per la condizione di positivit` tradotta precedentemente in x < 1 (sistema (2)), abbiamo che la forma esplicita per il luogo (di ordinate positive) risulta in denitiva

y=

x 1 3.

3x2 4x + 1

(5)

La forma implicita che rappresenta il luogo ` e invece data dalla (4) con aggiunta la condizione appena ricavata e che riscriviamo come : 3x2 y 2 4x + 1 = 0 x 1 3. (6)

Questa forma rientra nella classe delle equazioni di II grado in due incognite ax2 + bxy + cy 2 + dx + ey + f = 0,

Esame 2007: problema 1


equazioni rappresentative, tranne i casi degeneri, delle curve coniche.

287

2. Nel caso siano noti gli elementi essenziali della teoria delle equazioni di II grado in due variabili (in caso contrario si veda pi` u avanti) e cio` e come il segno della quantit` a = b2 4ac (detta discriminante della conica ) permetta di individuare il tipo di conica tra parabola, ellisse ed iperbole secondo lo schema seguente < 0 lequazione rappresenta unellisse o una circonferenza, = 0 lequazione rappresenta una parabola, > 0 lequazione rappresenta uniperbole, segue immediatamente che lequazione (6) rappresenta uniperbole in quanto il suo discriminante risulta = 0 4(3)(1) = 12 > 0. Se poi completiamo il quadrato ossia riscriviamo identicamente lespressione di II grado come ax2 + bx = a x + lequazione (6) diviene 3 x da cui 2 9 x 3 Posto 2 3
2

b 2a

b2 , 4a

4 y 2 = 1 3
2

3 x

2 3

y2 =

1 3

3y 2 = 1.
2 3

y = y

x = x

(7)

si giunge allequazione 9(x )2 3(y )2 = 1 che, ridotta alla forma canonica : (x )2 (y )2 = 1, 1/9 1/3 (8)

permette di riconoscere uniperbole centrata con vertici V1 e V2 sullasse delle x (che ` e quindi lasse focale) 1 V1 , 0 3 Le lunghezze dei semiassi sono a2 = 1 9 = a= 1 3 e b2 = 1 3 = 1 b= , 3 V2 1 ,0 . 3

288
y

Esame 2007: problema 1

V1 1 3,0

V2 V1

1 3,0

V2

Fig. 3. Graco delliperbole traslata e suoi asintoti.

da cui le equazioni degli asintoti 1/ 3 x = 3 x . y = 1/3

Il graco di tale iperbole e relativi asintoti ` e rappresentato nella g. 3. Poich e la trasformazione (7) rappresenta una traslazione possiamo dedurre il graco di eseguendo la traslazione inversa che, per le ascisse, si riduce a x = x + 2 e quindi ` e rappresentata dal vettore t di componenti t = ( 2 , 0). Si tratta perci` o 3 3 2 nel verso positivo dellasse x liperbole . Pertanto lascissa del di traslare di 3 e, data la condizione (6) sulle ascisse collegata alle vertice V1 assume il valore di 1 3 condizioni geometriche iniziali, solo il ramo sinistro delliperbole potr` a descrivere il luogo . Le equazioni dei due asintoti divengono y = 3x = 2 y = 3 x 3

cosicch e il luogo richiesto possiede il graco di g. 4. Nel caso invece non sia nota la teoria sulle equazioni di II grado in due incognite si dovr` a studiare la funzione data dalle (5) y = 3x2 4x + 1 1 x 3 e, al termine, considerare la simmetria rispetto allasse delle x. Il segno di tale e nullo in corrispondenza funzione risulta evidentemente positivo se x < 1 3 mentre ` 1 di x = 3 .

Esame 2007: problema 1

289

V1

1 3, 0

V1 O

Fig. 4. Graco del luogo e suoi asintoti.

Lo studio del limite allinnito implica 3x2 4x + 1 = lim x2 3 1 4 + 2 x x

lim

per cui estratto il fattore x2 , si ha lim |x| 3 4 1 1 4 + 2 = lim x 3 + 2 = + x x x x x 4 1 + 2 = 3. x x

in quanto
x

lim x = +

lim

Tale risultato permette lesistenza di un eventuale asintoto per cui va ancora risolto il limite x 3 y m = lim = lim x x x x
4 x

1 x2

= lim 3
x

4 1 + 2 x x

che, per quanto sopra, conduce ad un coeciente angolare m = 3. Il termine noto q discende dal limite q = lim 3x2 4x + 1 3x = lim 3x2 4x + 1 + 3x.

290

Esame 2007: problema 1

Lindeterminazione cui conduce questultima espressione si riduce razionalizzando il numeratore ossia 3x 2 lim 3x 4x + 1 + 3x = lim + 3 x x 3x 3x2 4x + 1 3x2 . = lim x 3x Ridotti i termini simili ed estratto il fattore x dalla radice si ottiene
x

lim

3x2 4x + 1 +

3x = lim

4x + 1 x x 3 3
4 x

+
4 x

1 x2

3x

= lim

x (4 1/x) 3
4 x

1 x2

= lim

(4 1/x) +
1 x2

2 4 = = 2 3 3 in quanto

4 1 + 2 + 3 = 2 3. x x x x 2 . La La funzione quindi presenta lasintoto di equazione r : ya = 3x + 3 posizione della funzione rispetto ad r si studia risolvendo la disequazione y > ya , lim 4 1 =4 x lim 3 2 3x2 4x + 1 > 3x + 3 che equivale alla 3x2 4x + 1 > Da questultima discende subito 3x2 4x + 1 > 3x2 4x + 4 3 = 1> 4 3 2 3x 3
2

3x2 4x + 1 >

2 3x 3

essendo x

1 . 3

1 . che non possiede soluzioni: pertanto y < ya x 3

Esame 2007: problema 1


Il calcolo fornisce la derivata prima seguente 6x 4 3x 2 y = = 2 2 3x 4x + 1 3x2 4x + 1

291

2 . Essendo x 1 e questa risulta positiva se 3x 2 > 0 cio` e se x > 3 3 risulta in tale intervallo illimitato y < 0 e la funzione y ` e perci` o monot` ona decrescente. Lo studio della derivata seconda informa su come sono disposte le concavit` a e convessit` a della funzione. Si ha

3x 2 3x 2 y = D =D 2 3x 4x + 1 = 3x 2 3 (3x 2) (3x2 4x + 1)

ed eseguendo il minimo comune multiplo ci si riduce alla y = 3(3x2 4x + 1) (3x 2)2 (3x2 4x + 1)3/2 1 = . 2 (3x 4x + 1)3/2

Poich e lultima espressione ` e certamente negativa per x 1 la concavit` a` e rivolta 3 verso il basso. In denitiva, tenendo conto della simmetria, il graco appare identico a quello gi` a discusso e lo si ripropone di seguito (g. 5) mettendone in evidenza pure il triangolo che lo origina a livello geometrico.

B ya = 3x +
2 3

Fig. 5. Graco del luogo e triangolo ABC .

292

Esame 2007: problema 1

3. La richiesta del quesito suggerisce implicitamente di abbandonare il sistema cartesiano e considerare langolo = ABC come la variabile in termini della quale esprimere la somma dei quadrati delle altezze relative ai lati AC e BC .
J

Fig. 6. Triangolo ABC ed altezze.

Detti J e K i piedi delle altezze relative al lato AC e rispettivamente BC (g. 6), la funzione di cui cercare il massimo ` e s = BJ + AK . Essendo i due triangoli ABJ e ABK , rettangoli con ipotenusa AB = 1, ` e immediato dedurre che AK = AB sen ABK = 1 sen = sen Pertanto la funzione s che si ottiene ` e s = sen2 2 + sen2 0 3 dove si sono aggiunte le condizioni sullangolo . La sua derivata prima risulta s = 2 sen 2 cos 2 2 + 2 sen cos = sen 2(4 cos 2 + 1) e lo studio del segno s 0 coinvolge due fattori, il primo dei quali risulta positivo o nullo, sen 2 0, per 0 2 ossia 0 2 . Per laltro si ha 4 cos 2 + 1 0 e quindi denito langolo 2 tramite cos 2 = 1 4 ossia 2 = arccos 1 , 4 cos 2 1 4 (9) BJ = AB sen BAJ = sen 2.
2 2

Esame 2007: problema 1


2

293

Fig. 7.

angolo che approssimativamente vale = 1 1 arccos 2 4 52,238 = 52 14 20 ,

le soluzioni della (9) sono rappresentate gracamente dalla gura 7 coinvolgente la circonferenza goniometrica. Formalmente ` e linsieme 2 +2k 2 2 +2k ossia + k + k . e associando pure lesito dello studio del Restringendo lo studio in 0 3 segno del primo fattore (g. 8) si riconosce dal segno complessivo di s che il massimo ` e raggiunto quando = = 52 14 20 .
0

Fig. 8.

4. Se ABC = 36 segue che CAB = 2 ABC = 72 e BCA = 180 3(36 ) = 72 per cui il triangolo ABC ` e isoscele sulla base AC e il lato AC ` e pure il lato di un decagono regolare di apotema unitaria (si veda pure il quesito n. 1 dellEsame 2005).
C D b A Fig. 9. B = 72 = 36

294

Esame 2007: problema 2

Tracciata la bisettrice b di A (g. 9) sia {D } = b BC per cui CAD possiede langolo in A di 36 e, per dierenza, ADC = 72 Ne segue che AD = AC e, per il III criterio, CAD ` e simile con ABC . Daltra parte pure ABD ` e isoscele avendo le ampiezze degli angoli adiacenti il lato AB uguali a 36 e quindi AD = BD. Pertanto da ABC CAD segue la proporzione AC DC = BC AD che, per quanto detto, AD = AC = BD = x e DC = BC BD = 1 x, riscriviamo come 1x x = . 1 x Moltiplicando per x si ha x2 = 1 x cio` e x2 + x 1 = 0. Questultima equazione possiede le soluzioni 1 5 1 1 + 4 = x1,2 = 2 2 e lunica accettabile risulta 1 + 5 x1 = AC = 2 che coincide con quanto si voleva dimostrare. Inne, poich e il valore ottenuto rappresenta la sezione aurea dellunit` a (BC = 1), possiamo aggiungere losservazione di geometria elementare che vede il lato AC di un decagono regolare come la sezione aurea di BC cio` e del raggio del cerchio circoscritto a tale poligono regolare.* Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) Tracciata laltezza CH relativa alla base AB del triangolo isoscele ABC inscritto nel cerchio C di centro O e raggio r (g. 1), poniamo x = HOB con 0 x .
C

O x A

Fig. 1. Triangolo isoscele inscritto in un cerchio. * Per ulteriori approfondimenti si veda la pagina web http://www.lorenzoroi.net/geometria/Poligoni.html

Esame 2007: problema 2

295

Considerando il triangolo rettangolo OHB di ipotenusa OB = r , risulta facilmente che la misura (con segno) del cateto OH ` e OH = OB cos HOB = r cos x, potendo OH assumere valori anche negativi nellintervallo [r, r ], mentre HB ` e pari a HB = OB sen HOB = r sen x. Ne segue che CH = CO+OH = r +r cos x e tale relazione rimane valida pure quando lampiezza dellangolo x assume valori maggiori di /2. Larea di ABC ` e perci` o rappresentata dalla funzione A(ABC ) = 1 AB CH = HB CH = r sen x(r + r cos x) 2

ossia, con le restrizioni geometriche (poniamo per brevit` a A = A(ABC )) A = r 2 (sen x + sen x cos x) 0 x . La derivata di questultima espressione ` e A = r 2 (cos x + cos2 x sen2 x) = r 2 (cos x + 2 cos2 x 1) dove si ` e utilizzata lidentit` a goniometrica cos2 x sen2 x = 2 cos2 x 1. Lo studio del segno di A , A 0, implica la risoluzione della disequazione 2 cos2 x + cos x 1 0 che, posto t = cos x, si riduce alla t +t10
2

t1,2 =

1+8

1 =
1 2

t 1 t

1 . 2

La disequazione elementare cos x 1 possiede come soluzioni x = + 2k 1 , notato che cos = 2 , sono rappresentate gramentre le soluzioni di cos x 1 2 3 camente dalla g. 2 e formalmente dalle + 2k x + 2k. 3 3
3

Fig. 2.

296

Esame 2007: problema 2

Nellintervallo [0, ] il segno di A ` e quindi sintetizzato gracamente dalla gura 3 che mette in evidenza un massimo in corrispondenza dellangolo xmax = . 3
0
3

Fig. 3.

In tal caso ABC si riduce ad un triangolo equilatero come daltra parte ci si poteva aspettare essendo questo un classico problema di maxmin. 2. Se Pn ` e il poligono regolare di n lati inscritto nel cerchio C e O ` e il suo centro, sia AOB il triangolo isoscele avente per base un lato AB del poligono (g. 4). Lampiezza dellangolo al vertice di AOB ` e evidentemente AOB = 2/n.
O =
2 n

Fig. 4. Triangolo di un poligono regolare inscritto in C .

Essendo AO = OB = r e detto H il piede dellaltezza alla base AB si ha HB = OB sen = r sen AOB 2

2 2 n = r sen . n Analogamente OH = OB cos e quindi larea di AOB ` e A(AOB ) = HB OH = r 2 sen cos . n n AOB 2 = r cos , n

Esame 2007: problema 2

297

Essendo il poligono Pn formato da n triangoli congruenti (ed equivalenti) a quello appena discusso, larea complessiva Sn di Pn ` e Sn = n A(AOB ) = n r 2 sen n 2 cos = r 2 sen n n 2 n

sen 2. Lespressione avendo sfruttato lidentit` a goniometrica sen cos = 1 2 trovata coincide con quella richiesta dal quesito. Per il poligono regolare circoscritto Pn (g. 5) lapotema ` e OE = r con E piede dellaltezza relativa alla base CD : risulta inoltre ancora COD = 2/n.
O

2 n

Fig. 5. Triangolo di un poligono regolare circoscritto a C .

Per la denizione di tangente goniometrica ne deriva che ED 1 = tg DOE = tg COD 2 OE Segue che ED = r tg
n

= tg

. n

per cui = r 2 tg n n

A(COD ) = OE ED = r r tg

del poligono circoscritto ` e, in denitiva, Pn e larea complessiva Sn Sn = n A(COD ) = nr 2 tg

. n

3. Si chiede di calcolare il seguente limite lim Sn = lim 2 n 2 r sen n 2 n 2 r2 = lim n sen n 2 n

298 Posto x = come


2 n

Esame 2007: quesito 1


e osservato che limn x = 0, il limite richiesto si pu` o riscrivere r 2 2 sen x . sen x = lim r 2 x0 2 x0 x x lim
x0

Sapendo che lim

sen x =1 x

se langolo x ` e espresso in radianti come ` e in tal caso, si giunge inne alla


n

lim Sn = r 2 1 = r 2

che costituisce, come aspettato, larea del cerchio C . 4. Il problema storico della quadratura del cerchio consiste nella costruzione di un quadrato, per esempio di lato l, che abbia unarea pari a quella del cerchio ossia l l = r 2 l2 = r 2 . Evidentemente a livello algebrico devessere l = r ma, va ribadito, la costruzione del quadrato devessere realizzata tramite riga e compasso gli unici strumenti ammessi nellambito della geometria euclidea. Il problema ` e inoltre equivalente a quello della retticazione della circonferenza che consiste nel determinare con riga e compasso un segmento congruente con la lunghezza della circonferenza (l = 2r ). Nel 1882 F. Lindemann ha dimostrato che tali problemi (che trovano origine nella geometria greca) non sono risolubili ossia ` e impossibile costruire con strumenti euclidei (riga e compasso) un quadrato che abbia la stessa area del cerchio. In termini algebrici ci` o equivale ad aermare che , o anche , non sono esprimibili tramite radicali ossia non possono essere soluzioni di equazioni polinomiali a coecienti razionali: sono cio` e dei numeri reali trascendenti. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Lequazione y = 2 x rappresenta larco di parabola p descritto pure dal sistema misto 2 x= 1 4y p: 0x1 y0 ottenuto quadrando lequazione assegnata e ponendo le necessarie condizioni di esistenza (x 0) e positivit` a (y 0). Il graco corrispondente ` e riportato in g. 1. Del solido S vengono proposte in prospettiva alcune sue sezioni (g. 2) con evidenziato in blu larco di parabola p e in rosso il luogo dei vertici non appartenenti al piano Oxy dei triangoli equilateri sezioni di S .

Esame 2007: quesito 1


y y=2 x

299

B R O A 1 x

Fig. 1. Arco di parabola p e regione R.

y=2 x

Fig. 2. Cinque sezioni equilatere del solido S .

Il volume di un solido S del quale sia possibile esprimere larea delle sue sezioni parallele in funzione di una variabile x ` e dato dallintegrale
b

V=

A(x) dx

dove A(x) rappresenta larea della sezione del solido ottenuta tagliando S nel punto di ascissa x con piani perpendicolari allasse x, mentre a e b sono gli estremi rispettivamente inferiore e superiore di variabilit` a di x: la funzione A(x) ` e supposta nota e continua nellintervallo [a, b]. Nel caso in esame le sezioni sono costituite da triangoli equilateri aventi la base di estremi A(x, 0) e B (x, 2 x) (g. 1) e quindi la misura del lato in termini di x

300

Esame 2007: quesito 2

` e l = 2 x. Poich e larea di un triangolo equilatero di lato l ` e data da 1 1 3 3 2 ll= l, A= hl = 2 2 2 4 il volume di S si calcola con lintegrale denito 1 1 3 2 3 V= l dx = 4x dx = 3 4 4 0 0

x dx
0

avendo sostituito ad l la sua espressione in termini della variabile x. Poich e x dx = x2 /2, il risultato discende immediato V= x2 3 2
1

=
0

3 . 2

Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Siano a = 40 cm, b = 60 cm e c = 80 cm le misure delle lunghezze dei tre lati di un triangolo. Poich` e il teorema di Carnot (o del coseno) collega tali lunghezze ad un angolo del triangolo tramite la relazione a2 = b2 + c2 2bc cos e le analoghe per b e c, non resta che applicare tale teorema isolando a primo membro il coseno. Ne segue cos = da cui = arccos Allo stesso modo
7 8

602 + 802 402 7 b2 + c2 a2 = = 2bc 2 60 80 8

28,9550 = 28 57 18 . a2 + c2 b2 402 + 802 602 11 = = 2ac 2 40 80 16 11 46,5675 = 46 34 3 16

cos = da cui

= arccos e inne, cos = da cui

402 + 602 802 1 a2 + b2 c2 = = 2ab 2 40 60 4 1 4 104,4775 = 104 28 39 .

= arccos

Esame 2007: quesito 3


Ovviamente risulta + + = 180 . Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito)

301

Riscritta lequazione x3 x2 k + 1 = 0 come x3 x2 + 1 = k, la ricerca del numero delle sue soluzioni al variare del parametro k cio` e la sua discussione, equivale alla ricerca delle intersezioni tra le curve di equazione y = x3 x2 + 1 y = k, la prima rappresentativa di una parabola cubica, la seconda di un fascio di rette orizzontali. Notato che 1 1 lim x3 x2 + 1 = lim x3 1 + 3 = x x x x in quanto 1 1 lim x3 = lim 1 + 3 = 1, x x x x e che la derivata prima y = 3x2 2x 0 risulta positiva o nulla per x 0 x 2 3 , ne segue che la cubica possiede un massimo in x = 0 (g. 1) del valore y (0) = 1 2 che vale ed un minimo in corrispondenza di x = 3 y 2 3 = 2 3
3

2 3

+1=
2 3

23 8 12 + 27 = . 27 27

Fig. 1.

Con queste informazioni possiamo tracciare un graco approssimativo (g. 2) ma che ci permette di riconoscere il numero delle soluzioni.
y

k=1 23 k = 27
2 3

Fig. 2. Graco della cubica y = x3 x2 + 1.

302

Esame 2007: quesito 4

Il fascio di equazione y = k interseca quindi la cubica in un solo punto (e quindi 23 avremo una sola soluzione) per k < 27 k > 1 mentre vi sono 3 soluzioni per 23 k 1: di queste ultime, due coincidono se k assume i valori estremi k = 1 27 23 o k = 27 . Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) In riferimento alla gura 1, sia V il vertice del cono, H il piede dellaltezza e A un punto qualsiasi della circonferenza di base. Dato che lapotema ` e unitaria, V A = 1 m, posto x = V H con 0 x 1, la misura del raggio di base AH si esprime per mezzo del teorema di Pitagora, r 2 = AH = V A V H = 1 x2 .
V
2 2 2

VA=1 m x

Fig. 1. Cono e sue dimensioni.

Il volume V risulta di conseguenza 1 1 2 AH V H = (r 2 ) x V= 3 3 1 2 = (1 x )x = (x x3 ) 3 3 con associata la condizione di origine geometrica 0 x 1. Il calcolo della derivata prima fornisce V = (1 3x2 ) per cui da V 0 discende 1 3x2 0 3 1 1 . La e questultima disequazione ` e risolta dai valori dellintervallo x 3 3 rappresentazione graca del segno di V (g. 2) mette in evidenza la crescenza 1 1 e la monotonia decrescente per ,1 della funzione in 0, 3 3
0 V
1 3

Fig. 2.

Esame 2007: quesito 5

303

Pertanto il volume raggiunge il suo valore massimo, Vmax , in corrispondenza del 1 . Tale valore risulta valore x = 3 Vmax = 1 = 3 3 3 2 3 3 2 m . = = 27 9 3 1 3 3
3

1 3

Il passaggio allunit` a litri viene realizzato ricordando che 1 m3 = 103 litri per cui Vmax 2 3 3 m 0,4031 m3 = 0,4031 103 litri = 403,1 litri. = 27

Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Il teorema di Lagrange (o del valor medio ), nellipotesi di una funzione f continua in un intervallo [a, b] e derivabile in ]a, b[, stabilisce lesistenza di almeno un valore x0 ]a, b[ in corrispondenza del quale la derivata prima f (x0 ) assume il valore f (x0 ) = f (b) f (a) ba x0 ]a, b[ .

La funzione f di equazione y = x3 + 8 ` e una funzione polinomiale di terzo grado detta anche parabola cubica. Poich e` e noto che qualsiasi polinomio rappresenta una funzione continua in R derivabile un numero qualsiasi di volte, la f soddisfa alle ipotesi del teorema di Lagrange in ogni intervallo [a, b] R e quindi pure in [2, 2]. Pertanto, x0 ] 2, 2[ dove f (x0 ) = f (2) f (2) 2 (2) x0 ]2, 2[ .

Essendo f (x) = 3x2 , f (2) = 16 e f (2) = 0 risulta 3x2 0 = 16 0 4 = x2 0 = 4 3 = 2 x0 = 3

ed entrambi i valori sono accettabili in quanto interni allintervallo [2, 2]. Il signicato geometrico ` e illustrato in gura 1 dove il graco G di f si ` e dedotto traslando di 8 unit` a nel verso positivo dellasse y quello noto della parabola cubica

304

Esame 2007: quesito 6


16 s t 8 t

2 3

2 3

Fig. 1. Graco di y = x3 + 8 e rette tangenti e secante (non isometrico).


2 y = x3 . Appare evidente che in ciascun punto di ascissa , la retta tangente 3 t al graco ` e parallela alla retta s, secante il medesimo graco e passante per gli estremi di f in [2, 2] cio` e in (2, 0) e (2, 16).

Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Supponiamo che a partire dal prezzo p vi sia stato prima un aumento e successivamente una diminuzione. Se quindi p ` e il prezzo iniziale, dopo laumento il suo prezzo p1 ` e p1 = p + 6% p = p + 0,06 p = (1 + 0,06)p. (1) A seguito della diminuzione risulta inne p2 = p1 6% p1 = p1 0,06 p1 = (1 0,06) p1 e sostituendovi la (1) si ottiene p2 = (1 0,06) p1 = (1 0,06)(1 + 0,06)p = (1 0,062 ) p = (1 0,0036) p. (2)

In denitiva, il prezzo ` e diminuito dello 0,36%. Nellipotesi alternativa che vi sia uniniziale diminuzione seguita da un aumento, il prezzo dopo la diminuzione risulta p 1 = p 6% p = p 0,06 p = (1 0,06) p. mentre, a seguito dellaumento, il prezzo nale sar` a
p 2 = p1 + 6% p1 = p1 + 0,06 p1 = (1 + 0,06) p1

(3)

Esame 2007: quesito 7


e, ancora sostituendo la (3) in questultima, si giunge alla
2 p 2 = (1 + 0,06) p1 = (1 + 0,06)(1 0,06) p = (1 0,06 ) p = (1 0,0036) p

305

o ci Questo risultato mostra un prezzo nale identico a quello dato dalla (2) e ci` permette di concludere che il prezzo diminuisce leggermente (dello 0,36%) e nello stesso modo, in entrambe le ipotesi. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Se la funzione f risulta f (x) = f (x) x [2, 2] e ivi denita ed integrabile, il suo integrale denito I nel medesimo intervallo devessere nullo in quanto, escluso il caso banale f (x) = 0 x [2, 2] che comporta ovviamente I = 0, a regioni trapezoidali che contribuiscono con valori positivi allintegrale denito (dove f (x) > 0, in arancione in g. 1) corrispondono per simmetria, trapezoidi dove lintegrale denito assume valori negativi (g. 1).

+ +

Fig. 1. Graco di una funzione dispari e segno di aree di trapezoidi.

Per generalit` a forniamo la dimostrazione ponendo 2 = a cosicch e si dovr` a dimostrare che a I= f (x) dx = 0
a

supposta valida lidentit` a f (x) = f (x), x [a, a], con f (x) integrabile. Per la propriet` a di additivit` a dellintegrale denito possiamo suddividere I negli integrali
a 0 a

I=

f (x) dx =
a

f (x) dx +
a 0

f (x) dx.

(1)

306

Esame 2007: quesito 8

Posto x = t per cui dx = dt, gli estremi di integrazione risultano se x = a, t = a e se x = 0, t = 0. Ne segue che il primo integrale del II membro di (1) si riscrive come
0 0 0

f (x) dx =
a a

f (t)(dt) =

f (t)dt

dove si ` e sfruttata la propriet` a di linearit` a dellintegrale. Per la simmetria dispari della funzione f (t) = f (t) per cui il precedente integrale diviene
0 0 a a 0

f (t)dt = [f (t)]dt =

f (t)dt.

Inne considerando che, per denizione,


0 a a

f (t)dt =

f (t)dt,
0

lintegrale originario (1)


a a

I=

f (t)dt +
0 0

f (x) dx = 0

appare la somma di due termini opposti in quanto il nome della variabile di integrazione non inuisce sul valore dellintegrale: in conclusione I = 0. Applichiamo tale propriet` a al calcolo dellintegrale denito
2

[3 + f (x)] dx.
2

Per la propriet` a di additivit` a


2 2 2

[3 + f (x)] dx =
2

3 dx +
2

f (x) dx
2

ma essendo k dx = kx mentre, per quanto dimostrato, il secondo addendo ` e nullo, discende


2 2

[3 + f (x)] dx = 3 [x]2 + 0 = 3(2 + 2) = 12.

Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Tenendo conto della denizione di coeciente binomiale n k = n! k!(n k)! con n k,

Esame 2007: quesito 8


le soluzioni della disequazione 4 n 4 = 15 n2 3

307

(1)

dovranno soddisfare alle condizioni n4 n2 3 = n4 n5 risolto da n 5. (2)

Esplicitata lequazione (1) con la denizione di coeciente binomiale 4 n! (n 2)! = 15 , 4! (n 4)! 3! (n 2 3)!

la propriet` a del fattoriale n! = n (n 1)! permette di riscriverla come 4 n (n 1)(n 2)(n 3)(n 4)! (n 2)(n 3)(n 4)(n 5)! = 15 . 4 3! (n 4)! 3! (n 5)!

Possiamo ora semplicare i fattori comuni a numeratore e denominatore ottenendo 15 n(n 1)(n 2)(n 3) = (n 2)(n 3)(n 4). 3! 3! Moltiplicando entrambi i membri per 3! e riportati i termini nel primo membro n(n 1)(n 2)(n 3) 15(n 2)(n 3)(n 4) = 0, si possono riconoscere dei fattori comuni (n 2)(n 3) [n(n 1) 15(n 4)] = 0, per cui si giunge allequazione (n 2)(n 3)(n2 16n + 60) = 0. Evidentemente questa equazione ammette le soluzioni intere n = 2 o n = 3 ma, per quanto posto inizialmente, non sono valori accettabili in quanto minori di 5. Il terzo fattore si annulla invece in corrispondenza dei valori n2 16n + 60 = 0 n1,2 = 8 10 64 60 = 6

entrambi accettabili. Le soluzioni dellequazione 1 sono pertanto n = 6 oppure n = 10.

308 Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Lintegrale indenito 1 x2 dx

Esame 2007: quesito 9

` e collegato allarea del cerchio. Per determinarne linsieme delle primitive eseguiamo il cambio di variabile collegato alla funzione x = sen t il cui dierenziale ` e dx = cos t dt. Sostituendo questi termini, lintegrale originario si riscrive 1 x2 d x = 1 sen2 t cos t dt

ed utilizzando lidentit` a goniometrica fondamentale 1 sen2 x = cos2 x si riduce a (consideriamo cos t > 0) 1 sen2 t cos t dt = | cos t| cos tdt = cos2 t dt.

Questultima forma si pu` o ricondurre ad integrali elementari ricordando la formula di duplicazione cos 2t = 2 cos2 t 1 da cui cos2 t = 1 + cos 2t 2

espressione questultima che costituisce pure il quadrato di una formula di bisezione in quanto collega un angolo t con il suo doppio, 2t. Con la sostituzione di questa identit` a e sfruttando la linearit` a dellintegrale indenito giungiamo cos2 t dt = 1 + cos 2t dt 2 1 1 dt + cos 2t dt = 2 2 1 1 = t+ cos 2t dt. 2 2

Con unulteriore semplice sostituzione w = 2t avente per dierenziale dw = 2 dt per cui dt = dw/2, lintegrale rimasto diviene 1 1 1 1 1 cos 2t dt = cos w dw = cos w dw = sen w 2 2 2 4 4 e lintegrale iniziale, in termini di t e w risulta 1 x2 dx = 1 1 t + sen w + c. 2 4

Esame 2007: quesito 9

309

Per giungere ad esprimerlo in termini della variabile x, dalla x = sen t si ricava t = arcsen x e, tenuto conto che sen w = sen 2t = 2 sen t cos t, si ha 1 x2 dx = 1 arcsen x + 2 1 = arcsen x + 2 1 sen 2t + c 4 1 sen t cos t + c. 2

Osservato che cos t =

1 sen2 t =

1 x2 si giunge inne al risultato 1 x2 + c

1 x2 dx =

1 arcsen x + x 2

che rappresenta linsieme delle primitive richiesto. Lintegrale denito di una funzione positiva
b

f (x) dx
a

esprime geometricamente larea del trapezoide compreso tra il graco di f (x), lasse delle x e le e rette x = a, x = b. Nel caso proposto dal quesito, poich lequazione y = 1 x2 descrive la semicirconferenza di ordinate positive con centro lorigine del sistema cartesiano e raggio unitario (quadrando, si ottiene lequazione della circonferenza goniometrica x2 + y 2 = 1), ne segue che il valore dellintegrale denito
1 0

1 x2 d x

dovr` a coincidere con larea del quadrante di cerchio di raggio r = 1 (g. 1) e valere r 2 12 A= = = . 4 4 4

Fig. 1. Quadrante di cerchio di raggio unitario.

310

Esame 2007: quesito 10

Difatti, utilizzando una delle primitive dedotte in precedenza, lapplicazione del teorema fondamentale del calcolo integrale fornisce
1 0

1 x2 dx =

1 2 1 = 2 1 = 2

arcsen x + x arcsen 1 + = 2 4

1 x2

1 0

1 1 arcsen 0 0 1

che conferma quanto aspettato. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) La rotazione della Terra, con periodo di 24 ore, attorno ad una retta r , lasse terrestre, denisce una direzione privilegiata nello spazio cui riferire le disposizioni di opportuni piani rispetto alla Terra stessa. Innanzitutto lasse terrestre interseca la supercie sferica terrestre S in due suoi punti particolari, il polo Nord e il polo Sud (g. 1) e inoltre passa per il centro O di S .
r polo Nord longitudine =

RT O G

latitudine =

polo Sud Fig. 1. Terra e denizione di meridiani e paralleli.

Lintersezione della supercie terrestre con un piano passante per lasse terrestre e per un punto P qualsiasi di S , denisce il meridiano terrestre che quindi risulta una circonferenza di raggio pari al raggio RT della Terra passante per i poli. Il meridiano ` e suddiviso dai poli in due semicirconferenze ciascuna delle quali ` e detta, meridiano geograco. Assunto come meridiano geograco fondamentale quello passante per Greenwich, la distanza angolare tra questo e il meridiano passante per P ossia langolo di una sezione normale del diedro formato dai due piani

Esame 2007: quesito 10

311

che deniscono i meridiani, rappresenta la longitudine di P . In riferimento alla g. 1 risulta = GOF assunto il meridiano per G come quello fondamentale. Convenzionalmente, se P si trova ad Est del meridiano fondamentale, la longitudine appartiene allintervallo [0 , 180 ] mentre assume valori in ] 180 , 0[ se ad Ovest. Lintersezione della supercie terrestre S con un piano perpendicolare allasse terrestre r e passante per un punto qualsiasi P , ` e a sua volta una circonferenza e questa denisce il parallelo terrestre per P . Fissato il parallelo fondamentale ossia lequatore, ottenuto con lintersezione di S con il piano perpendicolare ad r passante per il centro O della Terra, lampiezza dellangolo formato dalla verticale nel punto P cio` e la linea OP che collega il centro della Terra con P con il piano equatoriale (g. 1), si dice latitudine di P . In g. 1, = F OP . Convenzionalmente tale angolo varia tra 0 e 90 per punti nellemisfero nord (o boreale ), tra 90 e 0 in quello sud (o australe ). Un punto P in tale sistema di coordinate terrestri viene in denitiva individuato dalla coppia di angoli (, ).

ESAME 2007 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. Problema n. 1 1) Sia a un numero reale maggiore di zero e sia g la funzione denita, per ogni x R, da: g(x) = ax + ax . 1. Si dimostri che, se a = 1, g ` e strettamente crescente per x > 0 e strettamente decrescente per x < 0. 2. Posto a = e, si disegni il graco della funzione f (x) = ex + ex e si 1 disegni altres` il graco della funzione f ( . x)
1 3. Si calcoli 0 f ( dx; successivamente, se ne trovi il limite per t e si x) interpreti geometricamente il risultato. 4. Vericato che il risultato del limite di cui al punto precedente ` e 4 , si illustri una procedura numerica che consenta di approssimare tale valore. t

Soluzione

Problema n. 2 2) Si considerino i triangoli la cui base ` e AB = 1 e il cui vertice C varia in modo che langolo C AB si mantenga doppio dellangolo ABC . 1. Riferito il piano ad un conveniente sistema di coordinate, si determini lequazione del luogo geometrico descritto da C . 2. Si rappresenti , tenendo conto, ovviamente, delle prescritte condizioni geometriche. 3. Si determini lampiezza dellangolo ABC che rende massima la somma dei quadrati delle altezze relative ai lati AC e BC e, con laiuto di una calcolatrice, se ne dia un valore approssimato in gradi e primi (sessagesimali). 1 4. Si provi che se ABC = 36 allora ` e AC = 5 2 . Soluzione

Esame 2007 PNI: quesito 6 Questionario

313

1. Si spieghi in che cosa consista il problema della quadratura del cerchio e se, e in che senso, si tratti di un problema risolubile o meno. Soluzione

2. La regione del piano racchiusa tra il graco della funzione y = ln x e lasse x, con 1 x e, ` e base di un solido S le cui sezioni, ottenute tagliando S con piani perpendicolari allasse x, sono tutte rettangoli aventi laltezza tripla della base. Si calcoli il volume di S e se ne dia un valore approssimato a meno di 102 . Soluzione

3. Si dimostri che linsieme delle omotetie con centro O ssato ` e un gruppo. Soluzione

4. Si consideri la funzione
(x)2 1 f (x) = e 22 2

Se ne spieghi limportanza nelle applicazioni della matematica illustrando il signicato di , , 2 e come tali parametri inuenzino il graco di f (x). Soluzione

5. Si consideri il teorema: la somma degli angoli interni di un triangolo ` e un angolo piatto e si spieghi perch e esso non ` e valido in un contesto di geometria non-euclidea. Quali le formulazioni nella geometria iperbolica e in quella ellittica ? Si accompagni la spiegazione con il disegno. Soluzione

6. Si scelga a caso un punto P allinterno di un triangolo equilatero il cui lato

314

Esame 2007 PNI: problema 1


ha lunghezza 3. Si determini la probabilit` a che la distanza di P da ogni vertice sia maggiore di 1. Soluzione

7. Si determini lequazione del luogo geometrico dei centri delle circonferenze del piano tangenti alla parabola y = x2 + 1 nel punto (1, 2). Soluzione

8. A Leonardo Eulero (1707-1783), di cui questanno ricorre il terzo centenario della nascita, si deve il seguente problema: Tre gentiluomini giocano insieme: nella prima partita il primo perde, a favore degli altri due, tanto denaro quanto ne possiede ciascuno di loro. Nella successiva, il secondo gentiluomo perde a favore di ciascuno degli altri due tanto denaro quanto essi gi` a ne possiedono. Da ultimo, nella terza partita, il primo e il secondo guadagnano ciascuno dal terzo gentiluomo tanto denaro quanto ne avevano prima. A questo punto smettono e trovano che ciascuno ha la stessa somma, cio` e 24 luigi. Si domanda con quanto denaro ciascuno si sedette a giocare. Soluzione

9. Si dimostri che lequazione 2x3 3x2 + 6x + 6 = 0 ha ununica radice reale e si trovi il suo valore con una precisione di due cifre signicative. Soluzione

10. Per orientarsi sulla Terra si fa riferimento a meridiani e a paralleli , a latitudini e a longitudini. Supponendo che la Terra sia una sfera S e che lasse di rotazione terrestre sia una retta r passante per il centro di S , come si pu` o procedere per denire in termini geometrici meridiani e paralleli e introdurre un sistema di coordinate geograche terrestri? Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. La funzione proposta dal problema ` e g(x) = ax + ax con a>0 a=1

e il suo dominio ` e linsieme R (il caso che sia a = 1 si riduce allequazione y = 1 rappresentativa di una retta parallela allasse x). Per dimostrare la sua

Esame 2007 PNI: problema 1

315

monotonia strettamente crescente per x > 0 (e decrescente per x < 0), osserviamo innanzitutto le propriet` a di simmetria di tale funzione. Poich e vale lidentit` a g(x) = ax + a(x) = ax + ax = g(x) x R,

la funzione g ` e una funzione pari e, in un sistema cartesiano, il suo graco sar` a simmetrico rispetto allasse delle ordinate. Segue che, se per x > 0 ` e strettamente crescente dovr` a, per x < 0, essere strettamente decrescente. La dimostrazione del primo assunto si ottiene con lo studio del segno della derivata prima g (x), g (x) = ax ln a + ax (ln a) (1) = ln a (ax ax ). Da g (x) > 0 discende ln a (ax ax ) > 0, (1)

e le soluzioni di tale disequazione dipendono dal valore della base a. Se quindi a>1` e ln a > 0 per cui ax a x > 0 = a x > a x

e, ricordando la monotonia strettamente crescente della funzione esponenziale a base maggiore di 1, abbiamo x > x = 2x > 0 = x > 0.

Quindi con a > 0 la funzione g ` e strettamente crescente in x > 0. e ln a < 0 per cui laltro dovr` a essere Nel caso 0 < a < 1 il primo fattore di (1) ` ax ax < 0 da cui ax < ax = x > x = 2x > 0 = x>0

e dove, nel passaggio dagli esponenziali agli esponenti, si ` e considerata la monotonia decrescente della funzione esponenziale di base a ]0, 1[. Ancora quindi per x > 0 abbiamo una derivata prima positiva e quindi una funzione crescente strettamente. Per la simmetria pari di g, come detto, la funzione g dovr` a essere in x < 0 strettamente decrescente. 2. Posto a = e la funzione di cui studiare il graco ` e ora f (x) = ex + ex x R.

Tale funzione ` e, per quanto dimostrato nel punto precedente, simmetrica pari, crescente per x > 0, descrescente per x < 0 ed essendo somma di esponenziali ` e, a sua volta, positiva nel dominio R.

316

Esame 2007 PNI: problema 1

Il calcolo dei limiti agli estremi del dominio fornisce


x+

lim ex + ex = + lim ex = 0

(2)

in quanto
x+

lim ex = +

x+

(3)

e quindi per la simmetria pari ` e anche limx f (x) = +. Per il risultato (2) la funzione f pu` o presentare un asintoto: conviene pertanto risolvere lulteriore limite ex + ex lim x+ x che, manifestamente, porta ad un caso di indeterminazione del tipo /. Studiamo allora il limite del rapporto delle derivate del numeratore e denominatore della funzione ad argomento e cio` e ex ex = lim ex ex = +, x+ x+ 1 lim in quanto valgono, ancora, i limiti (3). Esistendo il limite del rapporto delle derivate sono soddisfatte tutte le ipotesi del teorema di De LH opital e quindi possiamo aermare che ex + ex = + lim x+ x dimostrando pure lassenza di asintoti obliqui. Il segno della derivata prima f (x) = ex ex risulta f (x) 0 ex ex 0 = ex ex

che per la monotonia si riduce a x x da cui x 0. La rappresentazione graca di tale segno (g. 1) evidenzia la crescenza/decrescenza di f che, come aspettato, possiede un minimo in corrispondenza di x = 0 il cui valore ` e f (0) = 2.
0 f (x)

Fig. 1.

Il calcolo della derivata seconda fornisce f (x) = ex (ex ) (1) = ex + ex > 0 x R

Esame 2007 PNI: problema 1

317

y = ex O

y = ex

Fig. 2. Graco di f (x) = ex + ex .

cosicch e f (x) volge la concavit` a nella direzione positiva dellasse y . Il suo graco ` e riportato in g. 2 assieme a quelli di ex e ex di cui ` e somma. Lo studio di 1/f (x) cio` e di h(x) = 1 1 = x f (x) e + ex

si pu` o arontare inizialmente anche in termini informali e sintetici sfruttando la conoscenza acquisita su f (x) e il fatto che h(x) si pu` o interpretare come una funzione composta non appena si ponga t = f (x): in tal caso diviene h(t) = 1/t. Poich e landamento della funzione reciproca h(t) = 1/t ` e pure conosciuto in quanto, allaumentare di t > 0, tale funzione decresce (il suo graco ` e un ramo di iperbole equilatera), possiamo di conseguenza osservare che, negli intervalli in cui la funzione originaria t = f (x) appare crescente, la funzione h(x) dovr` a invece essere decrescente e viceversa. In corrispondenza del punto di minimo x = 0 per f (x), la h(x) presenter` a pertanto un massimo il cui valore ` e, evidentemente, 1 . Inoltre sar` a per x , h(x) 0+ e il graco di h(x) potr` a essere h(0) = 2 approssimativamente rappresentato dalla g. 3.
1 2

O Fig. 3. Graco approssimativo di h(x) = 1/(ex + ex ).

318

Esame 2007 PNI: problema 1

Lo studio formale del graco di h(x) inizia invece osservando la sua simmetria pari in quanto, come gi` a visto, f (x) = f (x) e quindi h(x) = 1 1 = = h(x) f (x) f (x) x R.

Inoltre h(x) > 0 nel suo domino R cos` come


x

lim h(x) = lim

1 =0 x f (x)

essendo

lim f (x) = +.

Il calcolo della h (x) porta allespressione h (x) = (ex ex ) ex ex = (ex + ex )2 (ex + ex )2

e la condizione di positivit` a h(x) 0 implica ex ex 0 cio` e ex ex da cui x x risolta per i valori di x 0. Pertanto h(x) sar` a crescente per x < 0 e decrescente per x > 0 ammettendo un punto di massimo assoluto in x = 0 (g. 4).
0 h (x) Fig. 4.

La derivata seconda ` e h (x) = (ex ex )(ex + ex )2 (ex ex ) 2 (ex + ex )(ex ex ) (ex + ex )4

espressione che si semplica in h (x) = 1 e2x e2x 2 + 2e2x + 2e2x 4 (ex + ex )3 1 = x (e2x + e2x 6) (e + ex )3

per cui la condizione h (x) 0 comporta lo studio del fattore e2x + e2x 6 = e2x + 1 6 0. e2x

Posto t = e2x e moltiplicati entrambi i membri per t > 0, lultima espressione si riduce alla disequazione di II grado t2 6t + 1 0 t=3 91=3 8

Esame 2007 PNI: problema 1


che ` e risolta dai valori degli intervalli t 3 disequazioni si riportano alla variable x come e2x 3 da cui, passando ai logaritmi, 2x ln(3 ossia x 8) 2x ln(3 + x 8) 8 8 t 3+ 8

319 8. Queste ultime

e2x 3 +

1 ln(3 8) 2

1 ln(3 + 8). 2

Data la simmetria della funzione ci si aspetta che tali punti (di esso) siano simmetrici rispetto allo zero e difatti la loro somma ` e nulla 1 1 1 ln(3 8) + ln(3 + 8) ln(3 8) + ln(3 + 8) = 2 2 2 1 = ln(3 8)(3 + 8) 2 1 1 = ln(9 8) = ln 1 = 0. 2 2 La funzione h(x) possiede le concavit` a disposte come sintetizzato dalla gura 5 1 1 e dove si ` e posto = 2 ln(3 8) e = 2 ln(3 + 8).

Fig. 5.

In denitiva il graco di h(x) conferma quanto dedotto sinteticamente allinizio e appare quello di g. 6.
1 2

Fig. 6. Graco di h(x) = 1/(ex + ex ) (sistema non isometrico).

320

Esame 2007 PNI: problema 1

3. Innanzitutto si chiede di calcolare lintegrale denito


t

I (t) =
0

1 dx = f (x)

t 0

ex

1 dx. + ex

(4)

Riscritta quindi la funzione integranda come


t 0 x

1 dx = x e + (1/ex )

t 0

ex dx, e2x + 1

poniamo w = e il cui dierenziale ` e dw = ex dx. Sostituendo questi elementi nellintegrale indenito si giunge allintegrale ex dx = e2x + 1 che risulta noto in quanto dw = arctg(w) + c = arctg(ex ) + c. 1 + w2 Pertanto lintegrale denito originario I (t) diviene
t

dw 1 + w2

I (t) =
0

1 dx = [arctg(ex )]t 0 f (x) = arctg(et ) arctg e0 = arctg(et ) arctg 1 = arctg(et ) . 4


t t+

Il suo limite lim


0

ex

dx + ex

(5)

che, per la denizione di integrale improprio su intervalli illimitati, si pu` o pure scrivere formalmente come
t+

lim I (t) =
0

ex

dx , + ex . 4

(6)

diventa quindi
t+

lim I (t) = lim

t+

arctg(et )

Utilizzando ancora la sostituzione w = et e ricordato che limt+ et = +, ci si riduce a = = lim I (t) = lim arctg(w) t+ w + 4 2 4 4

Esame 2007 PNI: problema 1

321

. Tale risultato ` e in accordo con quanto stabilito in quanto limw+ arctg w = 2 nel punto 4 successivo. Poich e lintegrale I (t) fornisce geometricamente larea della regione (nita) R compresa tra la funzione h(x), il semiasse positivo delle x e le rette x = 0 e x = t (in giallo in g. 7), linterpretazione geometrica del limite consiste nel rappresentare larea della regione illimitata compresa nel primo quadrante tra la o curva h(x) e gli assi x e y (regione in colore in g. 7). Tale regione illimitata si pu` considerare come il limite, allaumentare dellestremo superiore t, dei trapezoidi R deniti sugli intervalli [0, t]. Dal risultato del calcolo, larea di tale regione illimitata ` e, nel nostro caso, nita.
1 2

h(x) R O x=t

Fig. 7. Trapezoidi collegati al graco di h(x).

4. Per fornire unapprossimazione di dovremo stimare numericamente il valore dellintegrale (5) (o (6)) ssando un valore di t sucientemente grande in modo che larea della regione che si trascura (in arancione in g. 7) sia relativamente piccola. A tal ne notiamo che la funzione h(x) = 1/f (x) per x = 5 assume il valore 1 1 h(5) = = 5 0,0067 f (5) e + e5 che si pu` o considerare sucientemente prossimo allo zero. Lintegrale denito avente estremo superiore t = 5 potr` a quindi fornire una suciente approssima zione a 4 ossia porremo 5 h(x) dx. (7) 4 0 Dobbiamo ora stimare il II membro della precedente applicando uno dei metodi di integrazione numerica, per esempio il metodo dei rettangoli o quello dei trapezi. Procederemo con questultimo per cui si tratta di applicare la formula discussa nel quesito 10 dellEsame 2006 PNI A= h 2
n 1 i=0

{f [h(i + 1) + a] + f (hi + a)}.

(8)

322 dove

Esame 2007 PNI: problema 1

A rappresenta larea del trapezoide di cui si vuole fornire una stima, h lampiezza di ciascun intervallino in cui viene suddiviso lintervallo di integrazione di estremo inferiore a, n il numero di intervallini in cui viene suddiviso lintervallo di integrazione e f (x) la funzione positiva che delimita il trapezoide. Scegliamo quindi di dividere lintervallo [0, 5] (per cui a = 0) in n = 5 intervallini, ciascuno di ampiezza h = 1 e identichiamo la funzione con quella nota h(x) = a calcolato tramite 1/f (x) (g. 8). Ne segue che il II membro di (7) verr`

1 4 2

51 i=0

1 1 + f [0 + 1(i + 1)] f (1 i)

h(x) = 1/f (x) = 1/(ex + ex )

Fig. 8. Stima dellarea di un trapezoide (sistema non isometrico).

In modo pi` u esteso lespressione precedente diventa 1 4 2 1 1 1 1 1 1 + + + + + f (1) f (0) f (2) f (1) f (3) f (2) 1 1 1 1 + + + + f (4) f (3) f (5) f (4)

cio` e

1 2 2 2 2 1 1 + + + + + 4 2 f (0) f (1) f (2) f (3) f (4) f (5) 0,5 (0,5 + 0,6481 + 0,2658 + 0,0993 + 0,0366 + 0,0067) 4 = 0,5 1,5565 = 0,7783

e numericamente

da cui discende la stima 4 0,7783 = 3,1130.

Esame 2007 PNI: quesito 2

323

Alcune righe di programmazione (non richieste dal quesito) nella sintassi del software Mathematica permettono di denire la funzione area[f_,a_,b_,n_] che restituisce la stima dellarea del trapezoide con il metodo dei trapezi non appena si siano dati la funzione f, gli estremi inferiore a, e superiore b, e il numero n degli intervallini. Trascritta quindi la relazione (8) come area[f_,a_,b_,n_]:= (b-a)/(2 n) Sum[ f[(b-a)/n (i+1) + a] + f[(b-a)/n i + a], {i, 0, n-1}] dove (b-a)/n d` a lampiezza comune degli intervallini, e denita la funzione h[x_]:=1/(Exp[x]+Exp[-x]), se riutilizziamo i valori precedenti (a = 0, b = n = 5) Mathematica restituisce 4 area[h,0,5,5] -> 3.11308 che conferma quanto ottenuto sopra con una calcolatrice tascabile. Lapprossimazione ovviamente migliora se scegliamo un intervallo pi` u ampio (a = 0, b = 10) suddiviso pi` u nemente (n = 15): si ottiene in tal caso 4 area[h,0,10,15] -> 3.14141 valore che dierisce da per meno di 2 decimillesimi. Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) Il problema ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del problema n. 1. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Il quesito riprende il quarto punto del problema n. 2 dellesame di Ordinamento cui si rimanda. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ricalca quanto richiesto nel n. 1 dellesame di Ordinamento ma procediamo comunque indipendentemente. La funzione y = ln x ` e ben conosciuta per cui la regione R avente ascisse x [1, e] e base del solido S , ` e rappresentata dal graco di g. 1. Se si aggiunge pure una terza dimensione perpendicolare agli assi x e y possiamo rappresentare il solido S come in g. 2 dove si riportano alcune sue sezioni rettangolari. Supposta nota e continua larea di una sezione A(x) ottenuta dallintersezione del solido S con un piano perpendicolare allasse delle ascisse compreso tra gli estremi 1 ed e, il volume V del solido ` e dato dallintegrale
e

V=

A(x) dx.

(1)

324
y

Esame 2007 PNI: quesito 2


y = ln x O 1 R x=e

Fig. 1. Graco di ln x e regione R. z

O y = ln x

y 1 e x

Fig. 2. Alcune sezioni rettangolari del solido S .

Poich e le sezioni di S sono dei rettangoli di base y = ln x con altezza tripla della base h = 3y = 3 ln x, la funzione che fornisce la loro area ` e A(x) = y h = 2 (ln x)(3 ln x) = 3 ln x cosicch e lintegrale (1) diviene
e

V=

3 ln2 x dx = 3
1

ln2 x dx.

(2)

Dobbiamo pertanto cercare una primitiva dellintegrale indenito ln2 x dx che risolviamo applicando due volte il metodo per parti. Considerato quindi dx il fattore dierenziale in entrambe le applicazioni, nella prima si ha ln2 x dx = x ln2 x x 2 ln x = x ln2 x 2 ln x dx 1 dx x

Esame 2007 PNI: quesito 3


mentre nella seconda si ottiene ln2 x dx = x ln2 x 2 x ln x x 1 dx x

325

= x ln2 x 2x ln x + 2 dx = x ln2 x 2x ln x + 2x + c. Ripresa la (2), la dierenza dei valori di una funzione primitiva negli estremi fornisce il volume V = 3 x ln2 x 2x ln x + 2x
e 1

= 3e 6 2,15485.

= 3(e ln2 e 2e ln e + 2e) 3(1 ln2 1 2 ln 1 + 2) = 3(e 2e + 2e) 6

Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Una omotetia di centro O ssato ` e una trasformazione tk del piano che associa al punto P il punto P appartenente alla retta OP e tale che OP = k OP ossia tale che la distanza (con segno) tra P e il punto sso O sia un multiplo (positivo o negativo) della distanza di P da O (g. 1). Il numero reale k ` e detto il rapporto di omotetia.

k>0

OP = k OP

P k<0

Fig. 1. Omotetie di centro O.

Un insieme dotato di unoperazione binaria interna ` e un gruppo se a) vale la propriet` a associativa, b) esiste lelemento neutro rispetto a tale operazione, c) esiste lelemento simmetrico (o inverso) rispetto alloperazione. Se quindi Om(O) rappresenta linsieme delle omotetie di centro O, tk unomotetia di rapporto k e loperazione (simbolo ) denita su Om(O) ` e quella di composizione di trasformazioni, dimostriamo innanzitutto che tale composizione ` e intera ad Om(O): siano quindi tk1 : P P tale che OP = k1 OP tk2 : P P tale che OP = k2 OP .

326

Esame 2007 PNI: quesito 3

La trasformazione composta tk2 tk1 consiste nellapplicare una dopo laltra le due trasformazioni (a partire da tk1 ) cosicch e formalmente tk2 tk1 : P P P e in termini pi` u espliciti, poich e OP = k2 OP e OP = k1 OP , risulta OP = k2 OP = k2 (k1 OP ) = (k1 k2 )OP = k OP. (1)
tk tk

con O, P , P e P punti allineati. La trasformazione composta tk = tk2 tk1 associa quindi al punto P il punto P tale che OP = k OP e ci` o dimostra come questa trasformazione sia unomotetia rientrando nella denizione ricordata sopra. Dalla (1), discende che il rapporto dellomotetia composta k ` e pari al prodotto dei rapporti di ciascuna componente per cui si potr` a porre tk 1 k 2 = tk 2 tk 1 . Aggiungiamo inoltre che ` e immediato notare la commutativit` a della composizione per cui ` e anche tk2 tk1 = tk1 tk2 . a) Tenendo conto di ci` o la propriet` a associativa tk1 (tk2 tk3 ) = (tk1 tk2 ) tk3 . (2)

si dimostra considerando che il primo membro rappresenta lomotetia composta da tk 2 tk 3 = tk 2 k 3 con tk 1 per cui tk1 (tk2 tk3 ) = t(k3 k2 )k1 = tk1 k2 k3 (3) e dove, nellultima uguaglianza, si sono utilizzate le propriet` a associativa e commutativa della moltiplicazione tra numeri reali. Il secondo membro di (2) invece ` e la composizione di tk 3 per cui lomotetia risultante ` e (tk1 tk2 ) tk3 = tk3 (k2 k1 ) a della che si riduce a tk1 k2 k3 e quindi alla (3) non appena si sfruttino le propriet` ordinaria moltiplicazione tra numeri. b) Esistenza dellelemento neutro. Se k = 1, lomotetia t1 : P P = OP = 1 OP = OP con tk 1 tk 2 = tk 2 k 1 ,

Esame 2007 PNI: quesito 4

327

si riduce alla trasformazione identica. Difatti considerando la composizione di t1 con una generica omotetia tk risulta t1 tk = tk 1 = tk cos` come tk t1 = t1k = tk :

lomotetia di rapporto unitario rappresenta quindi lelemento neutro in Om(O). c) Esistenza dellelemento simmetrico. Supposto k = 0 consideriamo lomotetia t1/k di rapporto 1/k che associa al punto P il punto P in modo che t1/k : P P = OP = 1 OP. k

Ne segue che la composizione di questa con la trasformazione tk risulta t1/k tk = tk(1/k) = t1 e quindi fornisce lelemento neutro di Om(O). Poich e vale pure la tk t1/k = t(1/k)k = t1 possiamo in denitiva concludere che linsieme Om(O) ` e un gruppo (abeliano) rispetto alloperazione di composizione. Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) La funzione f (x) =
(x) 1 e 22 2
2

(1)

rappresenta la distribuzione (detta gaussiana ) di una variabile casuale continua x che pu` o assumere qualsiasi valore reale. Pertanto f (x) ` e una densit` a di probabilit` a. Tale densit` a di probabilit` a riveste un ruolo fondamentale nellambito della teoria degli errori casuali, errori che si riscontrano nella misura ripetuta di una grandezza sica. Difatti, in tale teoria, la misura di una grandezza sica pu` o essere considerata come una variabile casuale continua in quanto misure ripetute ottenute nelle medesime (per quanto possibile) condizioni sperimentali, forniscono in genere valori diversi. In base allanalisi introdotta per la prima volta da Gauss, gli errori che si commettono nelleseguire pi` u misure di una stessa grandezza sono determinati da diverse cause che non sono individualmente controllabili e che quindi non possono essere eliminate. In tal modo si incorre nei cosiddetti errori casuali o accidentali. Nelle ipotesi che a) questi errori possano assumere qualsiasi valore,

328

Esame 2007 PNI: quesito 4

b) sia pi` u probabile commettere errori piccoli in valore assoluto, c) il valore pi` u probabile sia quello nullo (e che in tal caso, grandezza misurata e valore vero coincidano), si pu` o dedurre la distribuzione (1). Questa dipende dal parametro , il valor medio, e da 2 che ne ` e la varianza e possiede le seguenti caratteristiche generali:

assume il valore massimo in corrispondenza del valor medio x = ed ` e simmetrica rispetto alla retta x = . f (x) possiede due punti di esso in corrispondenza dei valori x1,2 = , simmetrici rispetto al valor medio, limx f (x) = 0 ossia la densit` a di probabilit` a si annulla asintoticamente per valori di x molto grandi in valore assoluto.

Il parametro , del quale si pu` o fornire una stima numerica calcolando la media aritmetica delle misure, oltre a denire il punto di massimo cui corrisponde il valore 1 f () = , 2 inuisce sul graco di f (x) traslandolo parallelamente allasse x verso valori di x maggiori se aumenta, mentre nel caso diminuisca, il graco subisce una traslazione verso sinistra (g. 1).
1 2

2 > 1 1 = 2 =

1 2e

1 +

Fig. 1. Gaussiane relative a valori di diversi.

Il parametro varianza 2 della distribuzione o la sua radice quadrata detto scarto quadratico medio o deviazione standard, caratterizza il grado di variabilit` a delle misure attorno alla media . Difatti al diminuire di , il valore del massimo 1/( 2 ) aumenta in modo inverso mentre i punti di esso si restringono attorno o accade in quanto vale la condizione di normalizzazione di una a (g. 2). Ci` distribuzione di probabilit` a P ( < x < +) =
+

f (x) dx = 1

Esame 2007 PNI: quesito 5


A ,
1

329
A

1 < 2

B ,

1 2

x + 1 + 2 Fig. 2. Gaussiane relative a diversi valori di .

ossia la probabilit` a P di ottenere un qualsiasi valore di x ` e, in ogni caso, pari ad 1. In termini geometrici questo fatto impone che larea della regione illimitata al di sotto della gaussiana abbia valore unitario. Il seguente integrale denito
b a

f (x) dx = P (a x b)

esprime invece la probabilit` a che si ottenga un valore della variabile x compreso tra a e b e, pur non potendosi eseguire analiticamente, si pu` o sulla base di valori tabulati standard ottenerne una approssimazione numerica. In particolare, si trova che
+

P ( x + ) = cos` come P ( 2 x + 2 ) 0,95,

f (x) dx 0,68

P ( 3 x + 3 ) 0,997,

e tali valori rappresentano le probabilit` a dei cosiddetti intervalli tipici di scostamento dal valor medio .* Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) La dimostrazione nellambito della geometria euclidea del teorema sulla somma degli angoli interni di un triangolo si ottiene tracciando una parallela da un suo vertice al lato opposto e quindi osservando la congruenza di angoli alterni interni di rette parallele. La dimostrazione utilizza il quinto postulato ossia lasserzione
* Per unulteriore discussione sulla gaussiana si veda il problema 1 dellesame 2004 PNI.

330
p P

Esame 2007 PNI: quesito 5

++ =

Fig. 1. Angoli in un triangolo e loro somma nella geometria euclidea.

che da un punto P non appartenente ad una retta r (P r ) esiste una ed una sola parallela p ad r (g. 1). Sostituendo tale postulato con altri si ottengono altri tipi di geometrie. In particolare se si postula che da un punto P non appartenente alla retta r , non esistano parallele ad r , si ottiene la geometria ellittica il cui modello sico ` e la geometria su una supercie sferica. Difatti in tale modello una retta viene rappresentata da una circonferenza massima ossia dalla circonferenza che si ottiene intersecando la sfera con un piano passante per il suo centro. Ne segue che per un punto P non appartenente ad una circonferenza massima r , non ` e possibile trovare altre circonferenze massime che non incontrino r cio` e che siano ad essa parallele. Inoltre in questa geometria la somma degli angoli interni di un triangolo pu` o essere o appare evidente in quanto il triangolo maggiore dellangolo piatto. In g. 2 ci` in giallo possiede gli angoli e retti cosicch e la misura dellangolo fornisce di quanto la somma degli angoli interni del medesimo triangolo eccede .

++ >

Fig. 2. Geometria ellittica su una supercie sferica.

Nella geometria iperbolica dato un punto P ed una retta r con P r , esistono almeno due rette parallele a r passanti per P (e quindi, si pu` o dimostrare, ne e come inesistono innite). La g. 3 rappresenta un triangolo nel piano di Poincar tersezione di tre rette. Difatti in questo piano, tutto connato entro lorizzonte della circonferenza limite, le rette sono rappresentate dagli archi di circonferenze

Esame 2007 PNI: quesito 6

331

che intersecano ortogonalmente la circonferenza limite. In tale contesto la somma degli angoli di un triangolo ` e minore di .

++ <

Fig. 3. Un triangolo nella geometria iperbolica del piano di Poincar e.

Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Tracciate le circonferenze di raggio unitario e con centri sui vertici del triangolo equilatero, linsieme dei punti P del triangolo T di lato l = 3 aventi una distanza maggiore di 1 dai vertici ` e evidenziato in colore in g. 1 assieme alle tre circonferenze: sia R tale regione.

l=3 r=1

P r /3 l /3

Fig. 1. Punti di T con distanza maggiore di 1 dai vertici.

332

Esame 2007 PNI: quesito 7

Per giungere alla probabilit` a p richiesta, si utilizza la sua denizione classica ossia la si intende come rapporto tra i casi favorevoli ad un dato evento sui casi possibili. Poich e i punti P sono presi a caso nel triangolo, il numero n di casi favorevoli ` e proporzionale allarea della regione R cio` e n = k A(R) mentre quelli possibili N sono proporzionali allarea del triangolo T , N = k A(T ). Segue allora che n k A(R) A(R) p= = = , (1) N k A(T ) A(T ) per cui si conoscer` a p non appena noto il rapporto tra le aree di R e di T . Larea di R si ottiene sottraendo allarea del triangolo equilatero di lato l = 3 ed , altezza h = l sen 3 1 3 1 A(T ) = l h = 3 3 2 2 2 = 9 3, 4
3.

quella dei tre settori circolari, ciascuno con angolo al centro pari a = segue che A(R) = A(T ) 3 A(sett) con A(sett) = Si ottiene quindi A(R) = A(T ) 3 A(sett) = e la probabilit` a cercata risulta per (1) A(R) = p= A(T )
9 4

Ne

1 1 2 r = 12 = . 2 2 3 6 9 9 33 = 3 4 6 4 2

3 9 4 3

2 2 = 1 9 = 1 0,5969. 9 3 4 3

Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Sia la parabola assegnata di equazione y = x2 + 1 e P il suo punto di coordinate (1, 2). possiede inoltre vertice appartenente allasse delle y , V (0, 1) e la concavit` a` e rivolta verso lalto (g. 1). Considerando che due curve sono vicendevolmente tangenti in un punto se nello stesso punto condividono la medesima retta tangente, il luogo richiesto devessere e la retta tangente in la retta normale r nel punto P di (g. 1). Difatti se t ` P a , la medesima retta devessere pure la tangente comune alle circonferenze tangenti alla parabola. E poich e il raggio avente come estremi il punto P di

Esame 2007 PNI: quesito 8

333

t rt

1 1

Fig. 1. Parabola e circonferenze ad essa tangenti in P (1, 2).

tangenza e il centro delle circonferenze ` e perpendicolare alla tangente, i centri di tale fascio di circonferenze apparterranno alla retta r perpendicolare a t in P . Determinato il coeciente angolare mt di t tramite la derivata prima y = 2x = y (1) = 2 = mt = 2,

e ricordata la condizione di perpendicolarit` a tra rette mr = 1/mt , lequazione della normale r discende immediata dalla formula che d` a lequazione del fascio proprio di centro P cio` e r : y 2 = mr (x 1) da cui = y2= 1 (x 1) mt

1 r : y 2 = (x 1) 2

1 5 y = x+ . 2 2

Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Schematizziamo il problema e supponiamo che x, y , z sia il denaro posseduto rispettivamente dal giocatore 1, 2 e 3. Evidentemente lammontare complessivo in denaro rimane costante per cui, a scopo di controllo, si avr` a sempre x + y + z = costante. Dopo la ne della prima partita il primo giocatore perde una quantit` a di denaro pari al denaro posseduto complessivamente dal secondo e terzo: questa quantit` a ` e pari a y + z . I giocatori 2 e 3 vincono invece una cifra pari a quella posseduta inizialmente e pertanto raddoppiano il loro denaro. Potremo riassumere la situazione con la tabella 1 seguente:

334
Tabella 1

Esame 2007 PNI: quesito 8

giocatore 1 2 3

inizio partita 1 x y z

ne partita 1 x (y + z ) = x y z 2y 2z

Allinizio della seconda partita la situazione ` e ovviamente quella nale della precedente (nella colonna inizio partita 2 della tabella 2 si sono assegnati dei nomi alle rispettive quantit` a iniziali di denaro) mentre alla ne il giocatore 2 perde una quantit` a di denaro pari alla somma di quanto posseduto inizialmente dai rimanenti cio` e a2 + c2 i quali, a loro volta, raddoppiano la propria quota.
Tabella 2

giocatore 1 2 3

inizio partita 2 a2 = x y z b2 = 2y c2 = 2z

ne partita 2 2a2 = 2(x y z ) b2 (a2 + c2 ) = 2y (x y z ) 2z = 3y x z 2c2 = 2(2z ) = 4z

Inne, nel terzo gioco (tabella 3), ` e il terzo giocatore che perde una quantit` a pari a quanto posseduto complessivamente (e allinizio della terza partita) dai giocatori 1 e 2 ossia a3 + b3 mentre, questi ultimi, raddoppiano il proprio denaro.
Tabella 3

giocatore 1 2 3

inizio partita 3 a3 = 2(x y z ) b3 = 3y x z c3 = 4z

ne partita 3 2a3 = 4(x y z ) 2b3 = 6y 2x 2z c3 (a3 + b3 ) = 4z 2(x y z )

(3y x z ) = 7z x y

In denitiva lammontare nale di ciascuno ` e dato in termini delle quantit` a iniziali dalle espressioni
Tabella 4

giocatore 1 2 3

ne partita 3 4(x y z ) 6y 2x 2z 7z x y

Esame 2007 PNI: quesito 9


per cui trovandosi ciascuno con 24 luigi si dovr` a porre 4(x y z ) = 24 6y 2x 2z = 24 7z x y = 24.

335

Semplicate le prime due equazioni dividendole rispettivamente per 4 e per 2 e riordinate le incognite xyz =6 x + 3y z = 12 x y + 7z = 24, risolviamo tale sistema lineare con il metodo di Cramer per cui, individuato il determinante dei coecienti 1 1 1 = 1 3 1 = 1(21 1) + 1(7 1) 1(1 + 3) = 8 1 1 7 si ha 6 1 1 12 3 1 24 1 7 , x= 1 6 1 1 12 1 1 24 7 y= , 1 1 6 1 3 12 1 1 24 z= .

Sviluppando i determinanti secondo la prima riga si ottiene x= 1 312 [6(21 1) + 1(12 7 + 24) 1(12 72)] = = 39 8 8 168 1 = 21 y = [1(12 7 + 24) 6(7 1) 1(24 + 12)] = 8 8 96 1 = 12. z = [1(3 24 + 12) + 1(24 + 12) + 6(1 + 3)] = 8 8

In conclusione il denaro iniziale era per il primo giocatore pari a x = 39 luigi, per il secondo y = 21 luigi e per il terzo z = 12 luigi ed evidentemente il perdente di questa serie di partite ` e il primo giocatore mentre il terzo ` e quello che ha vinto di pi` u. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Posto f : y = 2x3 3x2 + 6x + 6, osserviamo che tale equazione rappresenta una parabola cubica f che diverge allinnito come lim y = lim x3 2
x

3 6 6 + 2+ 3 x x x

336 in quanto lim x3 = lim 2

Esame 2007 PNI: quesito 10

3 6 6 + 2+ 3 x x x

= 2.

Inoltre, nel suo dominio R, la derivata prima y = 6x2 6x + 6 risulta sempre positiva in quanto 6x2 6x + 6 > 0 = x2 x + 1 > 0 = = 1 4 < 0.

La funzione f ` e pertanto strettamente crescente in R e poich e dal calcolo diretto risulta y (0) = 2 03 3 0 + 6 0 + 6 = 6 > 0 y (1) = 2 3 6 + 6 = 5 < 0, essa assume valori di segno opposto agli estremi dellintervallo [1, 0]. Per quanto sopra, f nel medesimo intervallo ` e strettamente crescente e per lesistenza della derivata (o perch e` e un polinomio) essa ` e pure continua. Possiamo quindi applicare il teorema degli zeri che assicura lesistenza di un valore in corrispondenza del quale risulta y () = 0. Tale valore inoltre ` e unico a causa della monotonia di f. Dimostrata lesistenza e lunicit` a di , possiamo ottenere una sua stima numerica per mezzo del metodo di bisezione. Osserviamo quindi che in corrispondenza del punto medio di [1, 0] si ha y (0,5) = 2 per cui, data la crescenza di f , si dovr` a avere 1 < < 0,5. Procedendo calcolando f nei punti medi degli intervalli individuati nella iterazione precedente e caratterizzati da ampiezze via via minori, si ottiene y (0,75) = 1 0,75 < < 0,5 y (0,625) 0,58 0,75 < < 0,625 y (0,6875) 0,19 0,6875 < < 0,625. Osserviamo che gli estremi dellultimo intervallo presentano gi` a due cifre signicative, lo 0 e il 6 (evidenziate in rosso): pertanto possiamo fermare literazione e concludere che 0,6. Una stima pi` u precisa di ottenuta automatizzando tale processo fornisce 0,672496. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Si veda lidentico decimo quesito nellesame di Ordinamento 2007.

ESAME 2008

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 dei 10 quesiti del questionario. Problema n. 1

1) Il triangolo rettangolo ABC ha lipotenusa AB = a e langolo C AB = 3. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, larco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente su AB e su BC . Sia poi R lintersezione con il cateto CA dellarco di circonferenza di centro A e raggio AP . Si specichino le limitazioni da imporre ad x anch e la costruzione sia realizzabile.
C R Q

b) Si esprima in funzione di x larea S del quadrilatero mistilineo P QCR e si trovi quale sia il valore minimo e quale il valore massimo di S (x). c) Tra i rettangoli con un lato su AB e i vertici del lato opposto su ciascuno dei due cateti si determini quello di area massima. d) Il triangolo ABC ` e la base di un solido W . Si calcoli il volume di W sapendo che le sue sezioni, ottenute tagliandolo con piani perpendicolari ad AB , sono tutti quadrati. Soluzione

Problema n. 2 2) Assegnato nel piano il semicerchio di centro C e diametro AB = 2, si arontino le seguenti questioni: a) Si disegni nello stesso semipiano di un secondo semicerchio 1 tangente ad AB in C e di uguale raggio 1. Si calcoli larea dellinsieme piano inter-

338 sezione dei due semicerchi e 1 .

Esame 2008: quesito 1

b) Si trovi il rettangolo di area massima inscritto in . c) Sia P un punto della semicirconferenza di , H la sua proiezione ortogonale su AB . Si ponga P CB = x e si esprimano in funzione di x le aree S1 e S2 dei triangoli AP H e P CH . S1 (x) . Si calcoli il rapporto f (x) = S2 (x) d) Si studi f (x) e se ne disegni il graco prescindendo dai limiti geometrici del problema. Soluzione

Questionario

1. Si consideri la seguente proposizione: Se due solidi hanno uguale volume, allora, tagliati da un fascio di piani paralleli, intercettano su di essi sezioni di uguale area. Si dica se essa ` e vera o falsa e si motivi esaurientemente la risposta. Soluzione

2. Ricordando che il lato del decagono regolare inscritto in un cerchio ` e sezione 51 aurea del raggio, si provi che sen 10 = 4 . Soluzione

3. Fra le casseruole, di forma cilindrica, aventi la stessa supercie S (quella laterale pi` u il fondo) qual ` e quella di volume massimo? Soluzione

4. Si esponga la regola del marchese de LH opital (16611704) e la si applichi

Esame 2008: quesito 10


x2008 = 0. x+ 2x lim

339

per dimostrare che ` e:

Soluzione

5. Si determini un polinomio P (x) di terzo grado tale che: P (0) = P (0) = 0,


1

P (1) = 0 e
0

P (x) dx =

1 . 12 Soluzione

6. Se

n n , , 1 2 valore di n?

n 3

con n > 3 sono in progressione aritmetica, qual ` e il Soluzione

7. Si determini, al variare di k, il numero delle soluzioni reali dellequazione: x3 3x2 + k = 0. Soluzione

8. Sia f la funzione denita da f (x) = x x . Si precisi il dominio di f e si stabilisca il segno delle sue derivate, prima e seconda, nel punto x = . Soluzione

9. Sia f (x) =

x2 1 |x1| ;

esiste limx1 f (x)? Si giustichi la risposta.

Soluzione

10. Secondo il codice della strada il segnale di salita ripida (g. a lato) preavverte di un tratto di strada con pendenza tale da costituire pericolo. La pendenza vi ` e espressa in percentuale e nellesempio ` e 10%.

10

340

Esame 2008: problema 1


Se si sta realizzando una strada rettilinea che, con un percorso di 1,2 km, supera un dislivello di 85 m, qual ` e la sua inclinazione (in gradi sessagesimali)? Quale la percentuale da riportare nel segnale? Soluzione

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) a) Posto AB = a, (g. 1) sono CAB =


3

gli elementi principali di ABC rettangolo in C AC = AB cos a = . 3 2 (1)

ABC = , 6

a 3 , CB = AB sen = 3 2
C R /3 A P x Q

Fig. 1.

Detto x = P B , il valore massimo della lunghezza di tale segmento viene raggiunto quando Q C dove a 3 P B max = xmax = QB max = CB = 2 mentre il valore minimo si raggiunge quando R C cio` e a ARmax = AC = = AP = a xmin 2 da cui xmin = a
a 2

=a . Pertanto lintervallo di variabilit` a di x ` e 2

a 2

b) Larea A(P QCR) del quadrilatero mistilineo si ottiene sottraendo allarea di ` quindi ABC quella dei due settori circolari di centro B e, rispettivamente, A. E A(P QCR) = A(ABC ) A(P BQ) A(P AR)

a 3 . 2

e poich e larea di un settore circolare con angolo in radianti ` e data dalla A = 1 2 r , risulta 2 A(P QCR) = 1 1 1 2 2 AC CB P B AP 2 2 6 2 3 1 a a 3 = x2 (a x)2 2 2 2 12 6 2 a 3 x2 a2 x2 + ax = 8 12 6 6 3

Esame 2008: problema 1


da cui A(P QCR) = x2 + ax + 4 3 3 2 a . 8 6

341

(2)

Questultima relazione, nel piano cartesiano avente per ascissa x e ordinata larea A rappresenta una parabola con concavit` a rivolta verso il basso: lascissa del vertice, se compresa nellintervallo di variabilit` a gi` a stabilito, fornisce quindi il valore di x in corrispondenza del massimo dellarea. Risulta xmax = (/3)a 2 = a. 2[(/4)] 3

In alternativa, calcolata la derivata prima A (P QCR) = x + a, 2 3 questa ` e positiva quando x+ a0 2 3 = x a 2 3 = x 2 a 3

per cui appare evidente dalla rappresentazione graca della crescenza/decrescenza 2 a. della funzione area (g. 2) lesistenza di un massimo assoluto in x = 3
a 2 2a 3 a 3 2

Fig. 2.
2 a 3 Poich e a in quanto, moltiplicando queste disuguaglianze per 6/a 2 < 3a < 2 si ha 3 < 4 < 3 3, il valore xmax ` e accettabile e il valore dellarea massima corrispondente si ottiene sostituendo in (2) tale valore

Amax

2 4 2 3 a + a a + 9 3 3 8 6 2 3 2 2 = a2 + a2 + a a 9 9 8 6 3 . = a2 8 18 = 4

a2

342

Esame 2008: problema 1

Per il minimo vanno confrontati i valori di (2) agli estremi dellintervallo: si ha nellestremo inferiore a2 a a 3 2 2 = + a a + a A 2 4 4 3 2 8 6 1 1 1 3 2 = a2 + a + 16 6 6 8 3 a2 = 8 16 mentre nellestremo superiore si ottiene a 3 3 2 a 3 A = a + a 2 4 4 3 2 3 3 1 + = a2 + 16 6 6 3 2 8 3 17 2 = a + a 8 48 Per confrontare tali valori supponiamo che sia a 3 a >A A 2 2 segue 3 3 2 2 a > a + a2 8 16 8 a2 > a2 16

3 2 2 a a 8 6

3 2 a 8

: 8 3 17 48

da cui discende

3 17 + 48 6

Moltiplicando per 48/(a2 ), si giunge alla 3 > 17 + 8 3 =

14 > 8 3

cio` e, elevando al quadrato, 196 > 192. La correttezza di questultima conferma lipotesi fatta per cui il minimo ` e raggiunto nellestremo inferiore x = a 2 e larea corrispondente ` e 3 a2 . Amin = 8 16

Esame 2008: problema 1


C V H U

343

A S K Fig. 3.

c) Posto x = ST = V U con 0 x a (g. 3), determiniamo laltezza CH di x CV U . Poich e V C = V U cos CV U e V C = x cos 3 = 2 , allora 3 x x 3 CH = V C sen = = . 3 2 2 4

x 3 V S = U T = CK CH = CK , 4 ma a a 3 CK = AC sen = sen = 3 2 3 4 dove si ` e tenuto conto della (1). Allora a 3 x 3 3 VS = = (a x) 4 4 4 e larea del rettangolo ` e quindi 3 3 (a x)x = (ax x2 ). A(ST U V ) = ST V S = 4 4

Segue che

(3)

Passando allo studio del segno della derivata prima (oppure calcolando, come e quadratica) fatto in precedenza, lascissa del vertice visto che la relazione ` 3 A = (a 2x) 0 4

a 2x 0

a 2

appare (g. 4) un massimo assoluto in corrispondenza del valore


0
a 2

a . 2

Fig. 4.

344

Esame 2008: problema 1

Il valore dellarea massima del rettangolo studiato ` e quindi a2 a2 3 3 a2 Amax = . = 4 2 4 16 d) Il solido W ` e composto dallunione di due piramidi aventi la base quadrata CKK C in comune (in giallo nella g. 5), altezze AK e BK , e vertici rispettivamente, A e B .
C

K C

A K B Fig. 5.

Il volume di W ` e quindi somma del volume V (A) della piramide di vertice A, base CKK C ed altezza AK , V (A) = 1 2 CK AK, 3

con quello della piramide di vertice B , base CKK C ed altezza BK V (B ) = e CK = Poich e per la (3) ` AK = AC cos risulta V (A) = 1 3 3 2 a 16 a3 a = , 4 64 V (B ) = 1 3 3 2 a 16 3a3 3 a= 4 64
a 3 4

1 2 CK BK. 3

e BK = a AK = a 3 a = a, 4 4

a 1 1 = = a, 3 2 2 4

Esame 2008: problema 2


e quindi il volume totale richiesto ` e V (W ) = V (A) + V (B ) = a3 3a3 4a3 a3 + = = . 64 64 64 16

345

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) a) Tracciati i due semicerchi e 1 aventi lo stesso diametro (pari a 2), rispettivamente di centri C ed F (g. 1), osserviamo come tale costruzione geometrica presenti una simmetria assiale rispetto alla retta passante per i punti D ed E , intersezioni delle due semicirconferenze di raggio unitario che delimitano i semicerchi.
F H A C Fig. 1. B

Ne segue che il punto H appartenente al raggio CF perpendicolare allasse ED ` e 1 CF = CD = 1 in quanto . Poich e ` e pure il punto medio di CF per cui CH = 1 2 2 raggio, il triangolo HCD , rettangolo in H , presenta langolo in C di ampiezza 1 HCD = = 3 dato che cos = CH/CD = 2 . Lampiezza dellangolo al centro 2 ECD che insiste sullarco DF E ` e di conseguenza pari a ECD = 2 = 3 e e data dalla larea del segmento circolare A(seg. EDF ) (in giallo in g. 1) ` A(seg. EDF ) = A(sett. CDF E ) A(ECD ) essendo A(sett. CDF E ) larea del settore circolare collegato allangolo Poich e 1 1 2 2 12 = A(sett. CDF E ) = (2) CD = 2 2 3 3 e 1 A(ECD ) = ED CH = HD CH 2 1 3 , = 1 sen CH = sen = 2 3 4 allora 3 A(seg. EDF ) = 3 4 ECD .

346

Esame 2008: problema 2

e larea della regione richiesta A( 1 ), per la simmetria gi` a notata, ` e il doppio di tale valore ossia 3 2 A( 1 ) = 2 A(seg. EDF ) = 1,22837. 3 2 b) Inserito il semicerchio in un sistema cartesiano di origine in C e con gli assi a disposti parallelamente e perpendicolarmente al diametro AB (gura 2), si dovr` determinare larea massima del rettangolo P QRH inscritto in .

C Fig. 2.

Posto quindi P (x, y ) con 0 x 1, lappartenenza di P alla circonferenza di raggio unitario centrata in C e di equazione x2 + y 2 = 1 comporta che sia y = 1 x2 = HP . Pertanto dato che RH = 2 CH = 2x larea in funzione di x` e A(P QRH ) = RH HP = 2x 1 x2 0x1 Per la ricerca del massimo dobbiamo studiare il segno della derivata prima A = 2 1 2x =2 1 x2 + x 2 1 x2 2(1 2x2 ) = 1 x2 1 x2 x2 1 x2

e quindi la condizione A 0 implica la disequazione 1 2x2 0. Poich e 1 1 x , questultima ` e risolta dai valori dellintervallo 2 2
0
1 2

Fig. 3.

Esame 2008: problema 2

347

il graco del segno di A (g. 3) mostra che larea in [0, 1[ raggiunge il massimo 1 . Pertanto il rettangolo di area assoluto in corrispondenza del valore x = 2 massima ha dimensioni RH = 2CH = 2 e il valore dellarea ` e 1 Amax = RH HP = 2 = 1. 2 In alternativa alla variabile lineare si pu` o scegliere una variabile angolare quale x = P CH , g. 2 (coerente anche con le richieste del quesito successivo dove si pone pari ad x lo stesso angolo, g. 4). In tal caso x [0, ] e risulta 2 HP = CP sen x = sen x, Segue che larea richiesta ` e A(P QRH ) = RH HP = 2CH HP = 2 cos x sen x = sen 2x e, data la semplicit` a dellespressione trovata, il massimo si determina evitando il calcolo della derivata in quanto ` e noto che il seno raggiunge il suo valore massimo quando 2x = + 2 k cio` e in [0 , 2 2 ] se x = 4 . Le lunghezze dei lati del rettangolo e larea sono RH = 2 cos = 2 4 e HP = sin 1 = , 4 2 Amax = 1. CH = CP cos x = cos x. 1 2 = 2, HP = 1 1 1 = 2 2

c) Posto P CB = x, in questo caso con x [0, ], le coordinate di P nel sistema cartesiano scelto si possono esprimere in funzione dellangolo: risulta in valore e segno CH = xP = CP cos( P CB ) = cos x, HP = yP = CP sen( P CB ) = sen x.

x A C Fig. 4. H B

348

Esame 2008: problema 2

Le aree di AP H e P CH (g. 4) sono evidentemente date dai prodotti S1 (AP H ) = 1 AH HP , 2 S2 (P CH ) = 1 CH HP 2

dove AH , HP e CH rappresentano misure di lunghezze e quindi grandezze positive o nulle. Al variare dellangolo x nellintervallo [0, ] solo sen x 0 per cui queste lunghezze si potranno esprimere come AH = |xP xA | = cos x (1) = 1 + cos x,

HP = |yP yH | = | sen x 0| = sen x, Le aree corrispondenti risultano S1 (x) = 1 (1 + cos x) sen x, 2 S2 (x) =

CH = |xP xC | = | cos x 0| = | cos x|.

1 | cos x| sen x 2

e il rapporto richiesto ` e espresso da f (x) = con 0 < x < e x =


2

S1 (x) = S2 (x)

1 2 (1 + cos x) sen x 1 | cos x| sen x 2

1 + cos x | cos x|

(1)

dovendo essere S2 (x) = 0.

d) Poich e viene esplicitamente chiesto di prescindere dalle limitazioni geometriche sotto le quali si ` e dedotto il precedente rapporto (1), studieremo nel seguito la funzione f di equazione 1 + cos x f (x) = | cos x| rispettando lunica condizione di origine algebrica, cos x = 0. Il dominio di tale funzione ` e pertanto D = R { 2 + k }. Poich ef ` e periodica con periodo T = 2 in quanto vale lidentit` a f (x + 2 ) = 1 + cos x 1 + cos(x + 2 ) = = f (x) | cos(x + 2 )| | cos x| x D

e pure simmetrica pari essendo f (x) = 1 + cos(x) 1 + cos x = = f (x) | cos(x)| | cos x| x D,
2.

ci si potr` a limitare allintervallo [0, ] escludendo il valore x =

Esame 2008: problema 2


Il segno di f risulta f (x) > 0 x = + 2k, f (x) = 0 x = + 2k

349

mentre agli estremi di [0, ] assume i valori f (0) = 2, f ( ) = 0. Lo studio dei limiti comporta nel punto 2
x/2

lim f (x) = +

in quanto numeratore e denominatore di f assumono i valori


x/2

lim 1 + cos x = 1,

x/2

lim | cos x| = 0+ .

e le rispettive derivate sono


f1 (x) =

La presenza di un valore assoluto nellespressione di f consiglia di eseguire la derivata separando la f (x) nei sottoinsiemi 0 x < 2 2 <x 1 + cos x f1 (x) = 1 + cos x f2 (x) = ( cos x) cos x sen x sen x cos x ( sen x)(1 + cos x) = 2 cos x cos2 x sen x f2 (x) = 2 se < x . cos x 2 0x< 2

Il segno di f (x) dipende esclusivamente dal numeratore delle ultime due espressioni e risulta f1 (x) 0 = sen x 0 = 0 x < 2 mentre per il secondo ramo
f2 (x) 0

sen x 0

sen x 0

< x . 2

e crescente in Unendo a livello graco tali risultati (g. 5) concludiamo che la f ` [, decrescente in ] , [ mentre possiede derivata nulla in x = 0 e x = . ]0, 2 2
0
2

Fig. 5.

350 Il calcolo della derivata seconda fornisce


f1 (x) =

Esame 2008: problema 2

cos x(cos2 x) sen x(2 cos x)( sen x) cos4 x 2 cos x(cos x + 2 sen2 x) = cos4 x
f1 (x) > 0

e certamente vale in 0x<

. 2

Allo stesso modo la derivata seconda del secondo ramo


f2 (x) =

cos x(cos2 x + 2 sen2 x) cos4 x

risulta f2 (x) > 0 quando cos x > 0 ossia cos x < 0 e questultima disequazione appare soddisfatta in a della 2 < x . Il graco della f volge quindi la concavit` nella direzione positiva dellasse delle ordinate (g. 6).
2

Fig. 6.

Per la simmetria rispetto allasse delle ordinate possiamo estendere quanto nora studiato anche in [, 0] cosicch e il graco di y = f (x) nel piano cartesiano Oxy e in [, ] ` e quello rappresentato in gura 7.

(0, 2)

Fig. 7. Graco della funzione y = f (x) (sistema non isometrico).

Esame 2008: quesito 1

351

Inne, allesterno di tale intervallo, il graco va esteso per la gi` a notata periodicit` a di f . Dato che f (x) possiede nel suo dominio un segno positivo o nullo, vale luguaglianza 1 + cos x 1 + cos x = f (x) = | cos x| cos x per cui lo studio del suo graco si pu` o ricondurre a quello della sola funzione g(x) = 1 + cos x . cos x

L` a dove questa risulta negativa, nel nostro caso in 2 , il graco di f (x) si deduce da quello di g(x) considerandone il simmetrico rispetto allasse delle ascisse. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Laermazione riportata nel quesito rappresenta linversa della proposizione geometrica: se due o pi` u solidi, compresi tra piani paralleli, sono tali che le sezioni determinate su di essi da un fascio di piani paralleli siano equivalenti, allora i due solidi sono tra loro equivalenti. Questo enunciato rappresenta il Principio delle sezioni equivalenti anche detto, Principio di Cavalieri e costituisce solo una condizione suciente per lequivalenza tra solidi ma che non ` e necessaria. Laermazione del quesito ` e quindi falsa e non pu` o costituire un teorema. Difatti due solidi di ugual volume tagliati da un fascio di piani paralleli possono intercettare sezioni di area diversa e a tal ne ` e suciente proporre un esempio. Si considerino quindi due coni equivalenti C1 e C2 disposti come in gura 1 e sezionati da un piano parallelo alle rispettive basi e in prossimit` a del vertice di C1 e, a sua volta, prossimo alla base del secondo.

C1 C2

Fig. 1. Coni equivalenti con sezioni piane di area diversa.

352

Esame 2008: quesito 2

Appare evidente come le aree delle rispettive sezioni piane siano sensibilmente diverse smentendo quindi laermazione del quesito. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Il quesito riprende parzialmente quanto chiesto nel quesito 1 dellesame 2005 e nel punto 4 del problema 1 dellesame 2007. In questo caso si presuppone nota la relazione tra lato del decagono regolare e raggio della circonferenza in cui questo ` e inscritto. In riferimento alla gura 1 sia quindi AOB = 2 10 , OA = OB = r e AB = l, essendo r il raggio del cerchio in cui ` e inscritto il decagono ed l il lato di questultimo.
= =
2 10 2

B r O
H

Fig. 1. Lato AB del decagono regolare e triangolo isoscele.

La relazione che lega l ed r ` e l = r

51 2

(1)

(per la dimostrazione, qui non richiesta, si veda il quesito 1/2005) per cui si potr` a fornire la soluzione non appena si esprimer` a sen 10 in termini di questo rapporto. Notato che AOB ` e isoscele con vertice in O sia OH laltezza (e bisettrice) rispetto alla base AB : ` e quindi AH = l AB = , 2 2 AOH = 2/10 AOB = = . 2 2 10

La denizione goniometrica della funzione seno applicata a AOH implica ora sen AOH = sen per cui sostituendo la (1) 1 l 1 = = sen 10 2 r 2 come richiesto. 51 = 2 51 4 l AH l/2 = = = 10 r 2r OA

Esame 2008: quesito 3

353

h r Fig. 1. Casseruola di forma cilindrica e sue dimensioni

Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Detto r il raggio di base e h laltezza della casseruola cilindrica (g. 1) ` e costante, per ipotesi, larea della supercie laterale pi` u quella di base, cio` e S = (2r ) h + r 2 (1)

con r > 0 e h > 0. Il volume V ` e dato da V = (r 2 ) h, espressione che dipende da due grandezze r e h entrambe variabili. Dobbiamo pertanto esplicitare una di esse dalla (1) per ottenere una funzione ad una variabile. Scelta h in quanto appare di primo grado in entrambe le espressioni di S e V , dalla (1) si ha h= S r 2 2r

che descrive correttamente il signicato di h non solo se r = 0 ma pure quando sia S r 2 > 0. Questultima impone che valga (r > 0) r2 < Pertanto il volume diventa V = r 2 h = r 2 S r 2 2r = S r r 3 2 con 0<r< S S = r< S .

Il calcolo della derivata prima V fornisce V = e V ` e positiva se S 3r 2 0 = r2 S 3 = S r 3 S . 3 1 (S 3r 2 ) 2

354
0
S 3 S

Esame 2008: quesito 4

Fig. 2. Segno di V .

Considerando le limitazioni per la variabile r , il segno di V riassunto in g. 2 mette in luce un massimo assoluto della funzione volume in corrispondenza del valore del raggio pari a r = S /3 . Pur non richiesto calcoliamo laltezza corrispondente a tale raggio. Risulta h= = = S r 2 S S /3 S (S /3 ) = = 2r 2 S /3 2 S /3 2
2 S 3

S 3

S /3

S 3

3 S

che mostra come laltezza della casseruola debba essere pari al raggio di base della stessa. Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il teorema di De LH opital aerma: Se f e g sono due funzioni derivabili in un intervallo illimitato I con g (x) = 0, x I , e se lim f (x) = , lim g(x) = , x x se esiste f (x) , lim x g (x) allora ` e pure
x

lim

f (x) f (x) = lim . x g (x) g(x)

Poich e le due funzioni proposte f (x) = x2008 e g(x) = 2x soddisfano alle ipotesi del teorema in quanto denite in R+ , con g (x) = 0 e limiti inniti per x +, si tratta di analizzare lesistenza del limite del rapporto delle rispettive derivate. Comunque tale rapporto si mostra essere D x2008 2008 x2007 = lim x+ D (2x ) x+ (ln 2) 2x lim (1)

Esame 2008: quesito 5

355

e quindi si ripresenta la medesima indeterminazione, questa volta a causa dei limiti di lim 2008 x2007 = +, lim (ln 2) 22 = +.
x+ x+

Notato che, a parte fattori costanti al numeratore e al denominatore, il grado della funzione al numeratore di (1) ` e diminuito di una unit` a, si pu` o comunque considerare la derivata del rapporto di queste due ultime funzioni e, per lindeterminazione che ogni volta si ripropone, procedere per altre 2007 volte. Si ottiene inne il limite del rapporto
x+

lim

2008 2007 2 1 (ln 2)2008 2x

che si pu` o riscrivere come 2008! . x+ (ln 2)2008 2x lim Ora, poich e
x+

(2)

lim (ln 2)2008 2x = +

e nullo mentre il limite del numeratore ` e la costante 2008!, il limite (2) esiste ed ` cosicch e si pu` o applicare il teorema di De LH opital per 2008 volte e risalire al limite originario concludendo come richiesto con x2008 = 0. x+ 2x lim Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Il polinomio P (x) da determinare ` e di terzo grado per cui assumer` a la forma 3 2 P (x) = ax + bx + cx + d con a = 0. Imponendo che sia P (0) = 0 discende immediatamente a 0 + b 0 + c 0 + d = 0 da cui d = 0. Per imporre P (0) = 0 dobbiamo calcolare la derivata prima P (x) = 3ax2 + 2bx + c e quindi P (0) = 0 = 3a 0 + 2b 0 + c = 0 = c = 0.

Ne segue che dovr` a essere P (x) = ax3 +bx2 : applicando a questultima espressione le due condizioni rimaste P (1) = 0 = a1+b1=0 = a+b=0 (1)

356
1

Esame 2008: quesito 6


ax3 + bx2 dx =
0

1 12
1

= =
0

a
0

x3 d x + b
0

x2 d x =

1 12

da cui

x4 x3 a +b 4 3

1 12

a b 1 + = 4 3 12

Sostituendo per la (1) a = b in questultima, discende b 1 b + = 4 3 12 = 3b + 4b = 1 = b = 1 a = 1.

Il polinomio richiesto ` e allora P (x) = x3 + x2 . Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Posto a1 = n , 1 a2 = n , 2 a3 = n , 3 nN n>3 (1)

e ricordato che in una progressione aritmetica la dierenza tra un elemento ed il precedente ` e una costante (la cosiddetta ragione d) ossia an+1 an = d n N,

gli elementi (1) dovranno soddisfare le condizioni a3 a2 = d a2 a1 = d

che, per transitivit` a, si riducono allunica condizione a3 a2 = a2 a1 . Riscritta esplicitamente come n n 3 2 la denizione di coeciente binomiale n k implica = n! k!(n k)! (2) = n n , 2 1

n! n! n! n! = . 3!(n 3)! 2!(n 2)! 2!(n 2)! 1!(n 1)!

Esame 2008: quesito 7

357

Per la propriet` a del fattoriale n! = n(n 1)!, i singoli termini si possono riscrivere come n 1 n 2 n 3 = = = n(n 1)! n! = =n 1!(n 1)! (n 1)! n! n(n 1)(n 2)! n(n 1) = = 2!(n 2)! 2(n 2)! 2 n! n(n 1)(n 2)(n 3)! n(n 1)(n 2) = = 3!(n 3)! 6(n 3)! 6

cosicch e la (2) diventa n(n 1) n(n 1)(n 2) n(n 1) = n. 6 2 2 Risolviamo questa equazione nellincognita n considerando che questa devessere intera e maggiore di 3. Moltiplicando entrambi i membri dellequazione per 6 si ottiene n(n 1)(n 2) 3n(n 1) = 3n(n 1) 6n e quindi n(n2 3n + 2) 6n(n 1) + 6n = 0 n3 3n2 + 2n 6n2 + 6n + 6n = 0 n(n2 9n + 14) = 0. Questultima espressione ` e risolta da n = 0 e dalla soluzioni dellequazione n 9n + 14 = 0
2

n=

95 7 81 56 = = 2 2 2

ma, di questi valori, solo n = 7 ` e accettabile in quanto unico valore maggiore di 3. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Lequazione fornita dal quesito rientra nella classe delle equazioni parametriche di terzo grado. Per determinare, al variare del parametro k, il numero delle soluzioni cio` e discuterne le soluzioni, conviene separare il parametro in un membro e riscriverla nella forma k = x3 + 3x2 .

358 Posto y = k tale equazione ` e equivalente al sistema y = x3 + 3x2 y=k

Esame 2008: quesito 7

e in tal modo diviene possibile reinterpretare la ricerca del numero delle soluzioni come la ricerca delle intersezioni del fascio di rette orizzontali di equazione y = k con la cubica y = x3 + 3x2 della quale, nel seguito, studiamo il graco. Lo studio della sua positivit` a comporta y = x2 + 3x2 0 = x2 (3 x) 0

per cui x2 > 0 se x = 0 mentre x2 = 0 se x = 0. Poich e il segno del secondo fattore ` e 3 x 0 per x 3, ` e y > 0 quando x < 3 e x = 0, mentre si ha y = 0 quando x = 0 oppure x = 3 (g. 1).
0

+ Fig. 1.

Dato che una cubica ` e continua in R, i limiti da svolgersi sono quelli agli estremi del dominio ossia per x . In tal caso si ha
x

lim x3 + 3x2 = lim x3 1 +


x

3 x

in quanto lim x3 = , lim 1 + 3 = 1 + 0 = 1. x

La derivata prima y = 3x2 + 6x assume segno positivo nellintervallo [0, 2] in quanto 3x2 + 6x 0
y

=
0

3x(x 2) 0
2

0x2

Fig. 2.

Esame 2008: quesito 8

359

Fig. 3. Graco della cubica y = x3 + 3x2 .

per cui la cubica presenta un minimo in corrispondenza di x = 0 ed un massimo in x = 2 (g. 2). Tralasciando lo studio della derivata seconda in quanto inutile ai ni della discussione e osservato che i valori degli estremi sono y (0) = 0 e y (2) = 8 + 12 = 4, il graco della cubica ` e rappresentato dalla gura 3. Appare ora evidente che il fascio di rette orizzontali interseca in un unico punto la cubica quando k < 0 oppure k > 4, mentre se 0 k 4 vi sono tre intersezioni (zona gialla di g. 3). Pertanto lequazione fornita avr` a una soluzione se k < 0 k > 4, tre soluzioni se 0 k 4. Agli estremi k = 0 oppure k = 4 delle tre soluzioni, due sono coincidenti. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Il dominio della funzione f (x) = x x ` e linsieme dei reali positivi, R+ 0 . La derivata prima in tale dominio risulta f (x) = (ln ) x x1 e calcolata in x = risulta f ( ) = ln 1 = ln = (1 + ln ). Poich e 1 + ln > 0 in quanto ln > 1 e > e, il suo segno ` e positivo ossia f ( ) > 0. Il calcolo di f (x) conduce allespressione f (x) = (ln )2 x ( 1) x2

360 che permette di scrivere f ( ) come

Esame 2008: quesito 9

f ( ) = (ln )2 ( 1) 2 . Cerchiamo, se possibile, di riscriverla in forma di prodotto cos` da facilitarne lo studio del segno. Eseguendo i prodotti nel secondo addendo f ( ) = (ln )2 2 2 + 2 = ln2 + 1 , appare possibile fattorizzare il termine positivo 1 per cui f ( ) = 1 ( ln2 + 1). Supponendo provvisoriamente che il secondo fattore sia positivo ossia nellipotesi ln2 + 1 > 0, segue pure da cui dividendo per ln2 > 1 ln2 > 1 1 . (2) (1)

e pure ln2 > 1, mentre il secondo Come gi` a notato in precedenza ln > 1 per cui ` e evidentemente minore dellunit` a. Dalla verit` a di (2) segue quindi membro di (2) ` la correttezza dellipotesi (1) per cui possiamo concludere che f ( ) > 0 in quanto prodotto di fattori positivi. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) La funzione assegnata dal quesito contiene un valore assoluto per cui, denito il dominio come D = R {1}, si pu` o rappresentarla anche in una forma alternativa come unione di due funzioni, f1 ed f2 , ciascuna denita in un suo proprio sottoinsieme di D . Pertanto x2 1 f (x) = |x 1| diviene anche x2 1 =x+1 f1 (x) = x1 f: x2 1 f2 (x) = = x 1 (x 1)

se x 1 > 0 cio` e quando x > 1, se x < 1.

Esame 2008: quesito 10


Il limite richiesto si suddivide quindi nel calcolo del limite destro
x1+

361

lim f (x) = lim f1 (x) = lim (x + 1) = 1 + 1 = 2


x1+ x1+

e del limite sinistro


x1

lim f (x) = lim f2 (x) = lim (x 1) = 1 1 = 2


x1 x1

e dove, per le determinazione di entrambi, si ` e sfruttata la continuit` a delle funzioni polinomiali. Essendo questi due limiti diversi, non esiste limx1 f (x) e possiamo solo aermare che la funzione f presenta in x = 1 una discontinuit` a di I specie. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Le informazioni fornite nella seconda parte del quesito deniscono, nel caso di strada rettilinea, la lunghezza dellipotenusa AC = 1,2 km = 1200 m di un triangolo ABC rettangolo in B , mentre il dislivello che in tale percorso viene superato, si pu` o identicare con il cateto verticale BC = 85 m del medesimo triangolo (g. 1).
C

Fig. 1.

Si chiede linclinazione di tale percorso ossia langolo (in gradi sessagesimali) = BAC ma, per la denizione di seno si ha sen BAC = sen = Noto il seno si deduce langolo = arcsen 17 240 0,070893 rad = 4,061853 = 4 3 42,67 . 17 BC 85 m = . = 1200 m 240 AC (1)

La pendenza di una strada ma pure quella della retta AC in un piano cartesiano e la con asse parallelo a AB , ` e invece rappresentata dal rapporto BC/AB cio` tangente trigonometrica dellangolo . Moltiplicando tale valore per 100 si ottiene la pendenza espressa da una valore percentuale ossia pend% = 100 tg = 100 BC . AB (2)

362

Esame 2008: quesito 10

Non ci resta che ottenere, con il teorema di Pitagora la lunghezza del cateto AB ossia AB = per cui pend% = 100 tg = 100 AC BC =
2 2

12002 852 1196,9858 85 7%. 1196,9858

In alternativa, dato che ` e conosciuto dalla (1) il valore di sen , potremmo esprimere tg in termini di questultimo sfruttando note identit` a goniometriche ossia pend% = 100 tg = 100 Sostituendo i valori numerici si ha 100 tg = 100 17 240 1 17 240
2

sen . 1 sen2

1700 = 7%. 57311

Unultima osservazione onde evitare considerazioni errate ed ingenue: linclinazione di un pendio del 100% equivale ad un angolo rispetto allorizzontale di 45 in quanto per la denizione (2) pend% = 100 tg 45 = 100 1 = 100%.

ESAME 2008 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 dei 10 quesiti del questionario.

Problema n. 1 1) Nel piano riferito a coordinate cartesiane, ortogonali e monometriche, si considerino i triangoli ABC con A(1, 0), B (3, 0) e C variabile sulla retta dequazione y = 2x. 6 1. Si provi che i punti (1, 2) e 3 5 , 5 corrispondono alle due sole posizioni di C per cui ` e ACB = 4. 2. Si determini lequazione del luogo geometrico descritto, al variare di C , dallortocentro del triangolo ABC . Si tracci . 3. Si calcoli larea della parte di piano delimitata da e dalle tangenti a nei punti A e B . 3 4. Vericato che ` e= 2 (ln 3 1) si illustri una procedura numerica per il calcolo approssimato di ln 3. Soluzione

Problema n. 2

2) Siano f e g le funzioni denite, per ogni x reale, da f (x) = 2x e g(x) = x2 . 1. Si traccino i graci di f e di g e si indichi con A la loro intersezione di ascissa negativa. 2. Si calcoli, con uno dei metodi di approssimazione numerica studiati, lascissa di A con due cifre decimali esatte. 3. Quanti e quali sono gli zeri della funzione h(x) = 2x x2 ? Si tracci il graco di h. 4. Si calcoli larea racchiusa tra il graco di h e lasse x sullintervallo [2, 4]. Soluzione

364

Esame 2008 PNI: quesito 1

Questionario

1. Siano dati un cono equilatero e la sfera in esso inscritta. Si scelga a caso un punto allinterno del cono. Si determini la probabilit` a che tale punto risulti esterno alla sfera. Soluzione

2. Ricordando che il lato del decagono regolare inscritto in un cerchio ` e sezione 51 aurea dal raggio, si provi che sen 10 = 4 . Soluzione

3. Un solido ha per base un cerchio di raggio 1. Ogni sezione del solido ottenuta con un piano perpendicolare ad un pressato diametro ` e un triangolo equilatero. Si calcoli il volume del solido. Soluzione

4. Si esponga la regola del marchese de LH opital (16611704) e la si applichi x2008 = 0. per dimostrare che ` e: lim x+ 2x Soluzione

5. Nel piano riferito a coordinate cartesiane (x, y ) si dica qual ` e linsieme dei punti per i quali risulta: y 2 x3 > 0. Soluzione

6. I lati di un parallelepipedo rettangolo misurano 8, 9 e 12 cm. Si calcoli, in gradi e primi sessagesimali, lampiezza dellangolo che la diagonale mandata da un vertice fa con ciascuno dei tre spigoli concorrenti al vertice. Soluzione

Esame 2008 PNI: problema 1

365

7. Perch e ` e geometria non euclidea? Che cosa e come viene negato della geometria euclidea? Si illustri la questione con gli esempi che si ritengono pi` u adeguati. Soluzione

8. Sia f la funzione denita da f (x) = x x . Si precisi il dominio di f e si stabilisca il segno delle sue derivate, prima e seconda, nel punto x = . Soluzione

9. In una classe composta da 12 maschi e 8 femmine, viene scelto a caso un gruppo di 8 studenti. Qual ` e la probabilit` a che, in tale gruppo, vi siano esattamente 4 studentesse? Soluzione

10. Qual ` e lequazione della curva simmetrica rispetto allorigine di y = e2x ? Quale quella della curva simmetrica rispetto alla bisettrice del primo e terzo quadrante? Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. Tracciata la retta r : y = 2x e i punti A(1, 0) e B (3, 0) (g. 1), la richiesta consiste nel determinare tutti i punti C di r che vedono il segmento AB sotto a importante degli angoli alla un angolo di 4 . Se teniamo presente una propriet` circonferenza ossia come questi mantengano costante la loro ampiezza quando insistono su un medesimo arco o corda e quindi vedono la corda sotto un angolo costante, possiamo ritenere i punti C pure appartenenti ad una circonferenza di cui AB ` e una corda. Se poi consideriamo che langolo al centro di una circonferenza che insiste sulla medesima corda possiede unampiezza pari al doppio di quella dellangolo alla circonferenza, allora siamo in grado di determinare il centro O1 di tale circonferenza e il relativo raggio (g. 1). Difatti poich e AO1 B = e 2 , il AO1 B ` rettangolo ed isoscele sulla base AB per cui xA + xB = 2 mentre yO1 = DO1 = AD = 1. 2 2 2 2 Ne segue che il raggio di ` e r1 = AD + DO1 da cui r1 = 2 e la sua equazione xO1 = xD =

366

Esame 2008 PNI: problema 1


r C2 C1
4

O1

D O2

Fig. 1. Retta r: y = 2x e punti C .

rappresentativa ` e : (x 2)2 + (y 1)2 = 2. Notato inoltre che larco di circonferenza simmetrico di rispetto allasse delle ascisse ` e pure luogo dei punti che vedono il segmento AB sotto un angolo di 4 ma che questultimo insieme appartiene per intero al IV quadrante non interessato dalla retta r , il problema ` e quindi ricondotto alla ricerca delle intersezioni della retta r con larco appartenente al I quadrante della sola circonferenza . Pertanto eliminando la variabile y dal sistema y = 2x (x 2)2 + (y 1)2 = 2 si ha lequazione risolvente (x 2)2 + (2x 1)2 = 2 ossia 5x2 8x + 3 = 0 da cui le soluzioni in x x1,2 = 4 41 16 15 = = 5 5 1
3 5 3 6 5, 5

x2 + 4 4x + 4x2 + 1 4x 2 = 0

e le corrispondenti ordinate dei due soli punti attesi, C1 (1, 2) e C2

Esame 2008 PNI: problema 1

367

H r

A K1 K2 C

Fig. 2. Triangolo ABC e ortocentro H .

2. Per determinare il luogo geometrico che lortocentro H percorre al variare di C sulla retta r converr` a determinare le equazioni di due altezze di ABC . In riferimento alla g. 2, se poniamo C (x0 , y0 ) con y0 = 2x0 e x0 = 0 in quanto in tal caso ABC degenera in un segmento, data lappartenenza di C ad r , laltezza relativa al lato AB ha equazione x = x0 . Per determinare lequazione della retta contenente laltezza AK2 relativa al lato BC (g. 2), determiniamo prima il coeciente angolare della retta BC , mBC = 2x0 yC yB = . xC xB x0 3

Nel fascio di rette per A, f : y 0 = m(x 1), sostituiamo al coeciente angolare generico m il valore che individua la perpendicolare a BC ossia m = 1/mBC da cui lequazione della retta AK2 AK2 : y = x0 3 (x 1). 2x0

cio` e

Intersecando questultima con laltezza CK1 otteniamo le coordinate dellortocentro x = x0 x0 3 (x 1) y = 2x0 y= (x0 3)(x0 1) 3 x2 x0 0 + 4x0 3 = = +2 . 2x0 2x0 2 2x0

368

Esame 2008 PNI: problema 1

Sostituendo ad x0 il nome generico x abbiamo che lequazione esplicita del luogo richiesto ` e data da :y= x2 + 4x 3 x 3 = +2 2x 2 2x x = 0. (1)

Lequazione ottenuta se riscritta nella forma x2 + 2xy 4x + 3 = 0 rientra nelle equazioni di II grado in due incognite per cui ` e rappresentativa di una conica. In particolare, poich e risulta = 22 4(1)0 = 4 > 0, essa rappresenta una iperbole (si veda quanto esposto nel problema n. 1/2002 PNI). In ogni caso e a livello qualitativo, la forma 3 x (2) y = +2 2 2x mette in evidenza la presenza di un asintoto verticale di equazione x = 0 in corrispondenza dellannullarsi del denominatore e di un asintoto obliquo di equazione y = x 2 + 2 ottenuto osservando che 3/2x 0 quando x . Di seguito segue la formalizzazione di tali osservazioni. La funzione non ` e simmetrica nel suo dominio R0 in quanto posto y = f (x) ` e f (x) = (x)2 + 4(x) 3 2(x) 2 x2 + 4x + 3 x 4x 3 = = f (x). = 2x 2x

Ovviamente non ` e periodica, mentre lo studio di y 0 implica lanalisi delle disequazioni x2 + 4x 3 0 e 2x > 0. Lequazione associata alla prima fornisce 2 4 3 3 x1,2 = =21= = 1 x 3, 1 1 mentre la seconda ` e immediata x > 0. Componendo i due segni nella g. 3 risulta y 0 se x < 0 oppure 1 x 3.
0 1 3

Fig. 3.

Lo studio dei limiti conferma lesistenza dellasintoto verticale coincidente con lasse delle ordinate in quanto
x0

lim

3 x +2 = 2 2x

Esame 2008 PNI: problema 1


in quanto
x0

369 x + 2 = 0 + 2 = 2. 2

lim

3 = 2x lim

x0

lim

Poich e inoltre
x

3 x +2 = 2 2x

in quanto

x 3 =0 lim + 2 = , x 2x 2 la conferma dellesistenza dellasintoto obliquo si ottiene con i limiti


x

lim

f (x) , x x lim

lim f (x) mx.

Utilizzando la forma (2) per f (x), il primo fornisce 2 3 1 1 m = lim + 2 = x 2 x 2x 2 essendo nulli i limiti del secondo e terzo addendo. Il limite per il termine noto si pu` o riscrivere come q = lim
x

x 3 1 +2 2 2x 2

x = lim 2
x

3 =2 2x

in quanto limx 3/2x = 0, cosicch e lequazione rappresentativa dellasintoto 1 x + 2. ` e quella aspettata, ya = 2 Il confronto della funzione con lasintoto si realizza con lo studio della disequazione f (x) ya che esplicitamente diviene x 3 x +2 +2 2 2x 2 = 3 0 2x = x<0:

pertanto i punti con ascisse negative del graco della funzione possiedono ordinata maggiore dei corrispondenti sullasintoto obliquo. Il calcolo della derivata prima fornisce 3 x2 + 3 1 y = + 2 = 2 2x 2x2 per cui risulter` a y 0 se x2 + 3 0 ossia 3 x 3 e in [ 3, 0[ ]0, 3] la funzione risulta monotona crescente (g. 4).
3 0 Fig. 4. 3

370

Esame 2008 PNI: problema 1

2+

2 3

3 1

Fig. 5. Graco del luogo .

La derivata seconda ` e y = 3/x3 risulta positiva se x3 > 0 cio` e quando x < 0. In tale insieme la concavit` a` e rivolta nella direzione positiva delle ordinate. Determinate le ordinate dei punti estremanti, ( 3, 2 3) e ( 3, 2 + 3), il graco di ` e rappresentato in g. 5. 3. Per determinare larea richiesta dobbiamo trovare le equazioni delle rette tangenti in A(1, 0) e B (3, 0). I rispettivi coecienti angolari si ottengono dal calcolo della derivata prima in tali punti ossia mA = y (1) = 1 + 3 =1 2 mB = y (3) = 9 + 3 1 = 29 3

per cui le tangenti possiedono equazione tA : y 0 = mA (x 1) = x 1 e 1 tB : y 0 = mB (x 3) = x + 1. 3

Queste si intersecano nel punto D , soluzione del sistema tA tB = {D } : ossia y =x1 1 y = 3 x+1

1 3 1 x 1 = x + 1 = xD = , yD = . 3 2 2 La rappresentazione geometrica della regione (in giallo nella g. 6) chiarisce come si potr` a determinare la sua area: baster` a sottrarre dallarea di ABD

Esame 2008 PNI: problema 1

371

Fig. 6. Regione del piano e trapezoide T .

larea del trapezoide T (in verde chiaro nella g. 6), determinato dalla curva con lasse delle x ossia A() = A(ABD ) A(T ).
1 1 AB |yD | = 1 Poich e A(ABD ) = 2 (3 1) 1 = 2 e larea del trapezoide T si 2 2 pu` o esprimere con un integrale denito della funzione (1), segue

A() = A(ABD ) A(T ) =

1 2

3 1

3 x +2 2 2x

dx.

(3)

Per la propriet` a di linearit` a dellintegrale indenito, questo si suddivide in integrali elementari che implica per cui A() = 1 3 x dx + 2 dx 2 2 1 3 1 dx = x2 + 2x ln |x| + c x 4 2
3

3 x +2 2 2x

dx =

1 3 x dx + 2 dx 2 2

1 dx x

1 x2 3 + 2x ln |x| 2 4 2 1 9 3 1 3 1 = + 6 ln 3 + 2 ln 1 2 4 2 4 2 1 3 = 2 ln 3 2 2 3 = (ln 3 1) 0,1479 2

come aspettato.

372

Esame 2008 PNI: problema 1

4. Riprendiamo la (3) sostituendo lultimo risultato per A() A() = A(ABD ) A(T ) e ricaviamo ln 3 cio` e ln 3 1 = da cui ln 3 = 2 3 = 1 3 (ln 3 1) = A(T ) 2 2

1 A(T ) 2

2 (2 A(T )). (4) 3 Se quindi forniamo una stima numerica dellarea del trapezoide T potremo, in base alla relazione (4), ottenere pure una stima di ln 3.

Fig. 7. Trapezoide T e plurirettangolo.

A tale scopo applichiamo il metodo dei rettangoli (si veda pure il problema 1/2002 PNI) che approssima larea del trapezoide con la somma delle aree di un adeguato numero di rettangoli costruiti partizionando lintervallo di integrazione [a, b]. Sia n il numero di intervallini di uguale ampiezza h con h= ba n e di estremi xi = h i + a con i = 0, 1, . . . , n,

intervallini che costituiranno le basi degli n rettangoli. Il punto medio delli-esimo intervallino ` e dato da xM i = xi + h h h = hi + a + = (2i + 1) + a, 2 2 2

e in corrispondenza il valore della funzione, supposta positiva, f (xM i ) si interpreta come misura dellaltezza delli-esimo rettangolo. Di conseguenza, larea delliesimo rettangolo ` e Ai = h f (xM i ) = h f h (2i + 1) + a 2

cosicch e una stima dellarea del trapezoide si ottiene sommando le aree di tutti i rettangoli n 1 n 1 h A= h f (xM i ) = h f (2i + 1) + a . 2 i=0 i=0

Esame 2008 PNI: problema 2

373

Nel nostro caso scegliamo n = 5 per cui h = (xB xA )/5 = 0,4 e quindi, ripresa la funzione (1), la stima di A(T ) ` e
4

A(T ) = 0,4

f
i=0

0,4 (2i + 1) + 1 = 0,4 f [0,2(2i + 1) + 1] 2 i=0

0,360714.

= 0,4 [f (1,2) + f (1,6) + f (2) + f (2,4) + f (2,8)] = 0,4 [0,15 + 0,2625 + 0,25 + 0,175 + 0,0642857]

Per la (4) segue lapprossimazione per ln 3 ln 3 = 2 (2 0,360714) 1,0929, 3

valore che dierisce per meno di 6 millesimi da quanto fornito con calcolo diretto da una calcolatrice tascabile ossia ln 3 1,0986. Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. I graci di f (x) = 2x e di g(x) = x2 rientrano nelle conoscenze di base connesse, per la prima, alla funzione esponenziale mentre la seconda in quelle della geometria analitica. In particolare la funzione f (x) ` e rappresentata dal tipico graco di una funzione esponenziale a base maggiore di 1 dove, ad un dominio coincidente con linsieme R, corrisponde un codominio R+ e strettamente crescente, 0 . La funzione inoltre ` interseca lasse delle ordinate nel punto di ordinata 1 e i suoi limiti agli estremi del dominio sono lim 2x = 0 lim 2x = +.
x x+

La g(x) rappresenta invece una parabola con vertice nellorigine, asse coincidente con lasse y e concavit` a rivolta verso le ordinate positive. Riportati i rispettivi graci nel medesimo piano cartesiano (g. 1) appare evidente come queste si intersechino in un punto A di ascissa negativa e in un ulteriore punto di ascissa pari a 2 dove entrambe assumono il valore 4. Appare inoltre che 2x < x2 almeno in un interno destro di 2. 2. Per calcolare lascissa del punto di intersezione A applichiamo il metodo numerico delle tangenti (o di Newton) che, generalmente, converge pi` u rapidamente del, seppure pi` u semplice, metodo di bisezione (si veda a tal ne quanto esposto nel problema 2/2005 PNI). Cercheremo quindi di stimare lascissa negativa di A in corrispondenza della quale si annulla la funzione h(x) = 2x x2 in quanto devessere 2 = 2 . Verichiamo dapprima le ipotesi che permettono lapplicazione del metodo:

374

Esame 2008 PNI: problema 2

g (x) = x2

f ( x ) = 2x

A 2

Fig. 1. Graci (parziali) di f (x) = 2x e g (x) = x2 .

a) la prima stabilisce che la funzione debba assumere agli estremi di un intervallo valori di segno opposto. Difatti, notato che h(0) = 20 02 = 1 > 0 analizziamo il segno di h nellestremo inferiore provando a calcolarla in x = 1. Poich e risulta h(1) = 21 (1)2 = 1 <0 2

lintervallo che contiene ` e [1, 0]. b) In tale intervallo non si devono inoltre annullare le derivate prima e seconda di h(x). Poich e h (x) = ln 2 2x 2x (1) risulta certamente h (x) > 0 in quanto con x [1, 0] tale derivata appare somma di due termini positivi, ln 2 2x e 2x. La derivata seconda h (x) = ln2 2 2x 2 ` e in [1, 0] una funzione monot` ona crescente in quanto tale ` e il termine variabile ln2 2 2x . Ne segue che il suo valore massimo ` e raggiunto in x = 0 dove risulta h (0) = ln2 2 20 2 = ln2 2 2 1,5195. Nellintervallo scelto abbiamo quindi h (x) = 0 e h (x) = 0. Il metodo ` e quindi applicabile e si basa sulliterazione dellespressione xn+1 = xn h(xn ) h (xn )

Esame 2008 PNI: problema 2


che per (1) diviene xn+1 = xn 2xn (xn )2 = t(xn ) ln 2 2xn 2xn

375

(2)

dove abbiamo per brevit` a introdotta la funzione t(x). Iniziamo literazione di questultima a partire da x0 = 1 per cui 21 (1)2 0,786923 ln 2 21 2(1) x2 = t(0,786923) 0,766863 x3 = t(0,766863) 0,766665 x1 = t(1) = 1

x4 = t(0,766665) 0,766665.

Come si vede la seconda cifra decimale corretta ` e raggiunta gi` a alla seconda iterazione: pertanto = 0,7666. 3. Per determinare il numero delle intersezioni tra le due curve date oppure, in modo equivalente, il numero degli zeri di h(x) notiamo innanzitutto che, in base allo studio precedente si pu` o nora aermare che h(x) < 0 se x < mentre h(x) 0 se x 2. Data la continuit` a della funzione (` e somma di funzioni continue) ci aspettiamo che sia h(x) < 0 almeno in un intorno destro di 2 come e comunque si pu` o dedurre dal confronto dei graci ottenuti nel punto 1. Poich risulta x2 lim h(x) = lim 2x x2 = lim 2x 1 + x = + (3) x+ x+ x+ 2 in quanto x2 =0 x+ 2x lim

potendosi applicare per due volte il teorema di De LH opital. Difatti il limite del rapporto delle derivate ` e ancora indeterminato lim 2x , ln 2 2x

x+

ma lulteriore rapporto di derivate possiede invece il limite lim 2 =0 ln 2 2x


2

x+

che permette di risolvere con il teorema detto il limite (3). Da un certo punto in poi h(x) dovr` a perci` o essere positiva per cui esiste un terzo valore tale che per x sia pure h( ) 0. Daltra parte lesistenza di tale ulteriore intersezione

376

Esame 2008 PNI: problema 2

f ( x ) = 2x g (x) = x2 16

4 A 2 4

Fig. 2. Graci di f (x) = 2x e g (x) = x2 (sistema non isometrico).

` e suggerita pure dallosservazione che, per x +, la funzione 2x ` e un innito di ordine superiore a qualsiasi potenza xn , ragione per cui la sua divergenza prevarr` a su quella di x2 . Il valore si pu` o determinare facilmente osservando che 4 2 2 = 4 cio` e = 4 oppure lo si pu` o ricercare con il metodo precedente gi` a visto. Le funzioni f (x) e g(x) si incontrano quindi in tre punti e i rispettivi graci si possono ora rappresentare pi` u correttamente come in gura 2. Il segno di h(x) ` e in denitiva: h(x) 0 se x 2 oppure x 4. Il limite a ` e invece
x

lim h(x) = poich e

lim 2x = 0

lim x2 = .

Lo studio del segno della derivata prima h (x) = ln 2 2x 2x comporta la ricerca delle soluzioni della disequazione ln 2 2x 2x 0. Procediamo per via graca confrontando le funzioni presenti nei due membri della disequazione una volta che si sia riscritta questultima come 2 2 x e posto f (x) = 2x e r : y = x. ln 2 ln 2 Poich e la retta r passa per lorigine determiniamo la retta tangente t alla f (x) passante a sua volta per tale punto: se questa avr` a un coeciente angolare inferiore a quello di r vorr` a dire che r interseca f in due punti in quanto landamento di 2x ` e noto ed ` e tutto contenuto nel semipiano superiore a t. Sia quindi x0 lascissa di un punto qualsiasi di f : la retta tangente a f (x) in tale punto ` e 2x y f (x0 ) = f (x0 )(x x0 ) = y 2x0 = ln 2 2x0 (x x0 )

Esame 2008 PNI: problema 2

377

f ( x ) = 2x

r:y=

2 x ln 2

Fig. 3. Confronto tra i graci di f (x) = 2x e y = (2/ ln 2)x.

e imponiamo che tale retta passi per lorigine. Discende che 0 2x0 = ln 2 2x0 (0 x0 ) = 2x0 (1 x0 ln 2) = 0

da cui x0 = 1/ ln 2 = lg2 e e dove si ` e sfruttata la propriet` a del cambio di base dei logaritmi. In corrispondenza il coeciente angolare di t ` e f (x0 ) = ln 2 2lg2 e = e ln 2. Il confronto tra i coecienti angolari di t ed r fornisce e ln 2 < 2 ln 2 = e ln2 2 < 2

ed essendo e ln2 2 1,3060 la retta r sar` a secante il graco di f dapprima in un punto di ascissa e poi, anche per la maggiore divergenza dellesponenziale rispetto a qualsiasi potenza di x, pure in un secondo punto . (g. 3). Pertanto il segno di h si pu` o riassumere in h (x) 0 quando x oppure x . Perci` o in corrispondenza di la funzione h(x) presenta un massimo mentre ad x = corrisponde un punto di minimo (g. 4). Con lapplicazione del metodo di Newton gi` a visto, si possono ottenere eventualmente le stime di 0,48509 e 3,21243 e quindi le rispettive ordinate (, 1,16) e (, 1,05).

Fig. 4. Segno di h (x).

378

Esame 2008 PNI: problema 2

La derivata seconda ` e h (x) = ln2 2 2x 2 e risulta positiva o nulla se ln2 2 2x 2 0 = 2x 2 ln2 2 = x lg2 2 ln2 2

che si pu` o pure scrivere come x 1 2 lg2 (ln 2) (` e 1 2 lg2 (ln 2) 2,0575). In tale insieme la concavit` a di h(x) ` e rivolta verso lalto (g. 3).
1 2 lg2 (ln 2)

Fig. 5. Segno di h (x).

Il graco di h(x) ` e quindi dato dalla gura 6.

1,16 1,05 2 4

Fig. 6. Graco di h(x) = 2x x2 .

4. Per determinare larea della regione in colore della g. 6 si dovr` a risolvere lintegrale denito
4

A=

(2x x2 ) dx

dove il segno negativo davanti lintegrale tiene conto del fatto che la funzione ` e nellintervallo di integrazione negativa per cui il solo integrale fornirebbe un valore opposto allarea, grandezza denita come positiva. Il corrispondente integrale indenito si spezza facilmente nei due integrali elementari 2x dx = 2x + c, ln 2 x2 dx = x3 + c, 3

Esame 2008 PNI: quesito 1


per cui in denitiva si ha
4

379

A=

(2x x2 ) dx =

2x x3 ln 2 3

4 2

24 43 23 22 = + ln 2 3 ln 2 3 64 4 8 16 + + = ln 2 3 ln 2 3 12 56 = + 1,3543. ln 2 3 Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Un cono equilatero avente raggio di base r possiede lapotema a pari al diametro della base 2r (g. 1). Ne segue che laltezza h ` e pari a h2 = (2r )2 r 2 = 3r 2 da cui h = r 3. Il suo volume ` e perci` o 1 2 3 3 1 2 r . (1) Vc = r h = r r 3 = 3 3 3

a h x r r x = /6

Fig. 1. Cono equilatero, sfera inscritta e sezione piana.

Per determinare il raggio x della sfera inscritta consideriamo la sezione piana contenente laltezza del cono (g. 1) ed osserviamo che, essendo il cono equilatero come pure la sua sezione, langolo formato dallapotema e dal diametro di base ` e /3. Pertanto langolo di base del triangolo in colore di g. 1 ` e /6 per cui il rapporto tra i cateti x ed r risulta x = tg r 6 Il volume della sfera risulta Vs = r 4 3 4 x = 3 3 3
3

x = r tg

r = . 6 3

4 = r3. 9 3

(2)

380

Esame 2008 PNI: quesito 2

La probabilit` a p che il punto scelto a caso nel cono sia esterno alla sfera ` e, per la denizione classica, data dal rapporto tra i casi favorevoli e quelli possibili ossia dal rapporto tra il volume V della regione del cono esterna alla sfera evidentemente dato da Vc Vs , e il volume Vc del cono stesso cio` e p= V Vc Vs Vs = =1 . Vc Vc Vc

Inserendo i risultati (1) e (2) dedotti sopra si ottiene p=1 4 r3 : 9 3 3 3 r 3 4 5 3 4 =1 =1 = . 9 9 9 3 3

Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento, quesito n. 2. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) e scelto Innanzitutto la gura 1 fornisce una rappresentazione del solido S dove si ` di far coincidere il centro della circonferenza di base con lorigine del sistema cartesiano Oxy e disponendo i piani sezione perpendicolarmente allasse x.

y O A

Fig. 1. Alcune sezioni equilatere del solido S .

Con tale disposizione lequazione della circonferenza di base ` e x2 + y 2 = 1 per cui, denita con x la posizione del piano sezione del solido, il lato di base della sua sezione equilatera ` e il segmento di estremi A e B (gg. 1 e 2). Poich e` e x2 + y 2 = 1 = yA = 1 x2 ,

Esame 2008 PNI: quesito 5


A(x, 1 x2 )

381

x B Fig. 2. Circonferenza di base del solido S e lato di base della sezione.

il lato AB misura AB = 2yA = 2 1 x2 . Ne segue che larea del corrispondente triangolo equilatero ` e la funzione 1 A(x) = AB 2 3 AB 2 3 2 = AB = 3(1 x2 ), 4

per cui il volume si ottiene con lintegrale denito


1

V (S ) = Poich e

A(x) dx =

(1 x2 ) dx. x3 +c 3

(1 x2 ) dx = risulta x3 V (S ) = 3 x 3
1

d x x2 d x = x =
1

4 3 2 . = 3 2 = 3 3

3 1

(1) 1 (1) + 3 3

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento, quesito n. 4. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) La disequazione y 2 x3 > 0 si pu` o spezzare nei due sistemi x<0 y 2 > x3 x0 y 2 > x3

382

Esame 2008 PNI: quesito 5

per cui, essendo nel primo x3 < 0 e x3 0 nel secondo, implicano per y le condizioni x<0 x0 (1) y R y < x3 y > + x3 . Il primo sistema, interpretato nel piano cartesiano Oxy descrive il semipiano delle ascisse negative mentre il secondo richiede per la sua determinazione lo studio 3 della funzione f (x) = y = x = x x. Pertanto, notato che y 0 se x 0, studiamo il limite di f (x) per x +
x+

lim x x = + lim

in quanto
x+

lim x = + e

x+

x = + .

La funzione non possiede alcun asintoto obliquo dato che x x = lim m = lim x = + . x+ x+ x x cosicch e` e pure y 0 quando La sua derivata prima risulta y = D x3/2 = 3 2 x 0. 1/2 Inne la derivata seconda y = 3 = 3/(4 x) appare positiva per ogni x > 0 4x per cui f (x) volge la concavit` a verso lalto in ogni punto del suo dominio: il graco 3 di f (x) ` e rappresentato in g. 1 assieme a quello della g(x) = x che, data la validit` a di g(x) = f (x), ` e il simmetrico di rispetto allasse delle x .
f (x) = x3

x g (x) = x3

Fig. 1. Graci delle funzioni f (x) =

x3 e g (x) = x3 .

Esame 2008 PNI: quesito 6


y> yR x3

383

y < x3 Fig. 2. Soluzioni di y 2 > x3 nel piano Oxy .

Ritornando al secondo sistema di (1), la disequazione y > x3 rappresenta tutti i punti del I quadrante aventi ordinata maggiore di quella del punto (x, f (x)) (gg. 1 e 2), mentre y < x3 i punti di ordinata inferiore ai corrispondenti punti su g(x) (g. 2). In denitiva, linsieme delle soluzioni della disequazione y 2 x3 > 0 ` e rappresentato in colore nella g. 2. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Siano A, B , C , D , i vertici della faccia di base del parallelepipedo e A , B , C , D i corrispondenti dellaltra (g. 1).
D B C

D A B Fig. 1. Parallelepipedo rettangolo.

Posto AA = 8, AB = 9, BC = 12 possiamo determinare la lunghezza della diagonale A C che, per il teorema di Pitagora, risulta A C = AA + AC = AA + (AB + BC ) = 82 + 92 + 122 = 289
2 2 2 2 2 2

384

Esame 2008 PNI: quesito 7

da cui A C = 17. Questa ` e pure lipotenusa del triangolo CA A, rettangolo in A e rappresentato in colore giallo in g. 1. La denizione di coseno permette ora di porre 8 AA cos CA A = = 17 AC e quindi, passando alla funzione inversa, CA A = arccos 8 61, 9275 = 61 55 39 61 56 . 17

Allo stesso modo si considera CA B , rettangolo in B (di colore blu in g. 1). Langolo CA B si deduce dal rapporto cos CA B = da cui CA B = arccos A B AB 9 = = 17 AC AC

9 58,0343 = 58 02 03 58 2 . 17

Inne osservando che pure CA D ` e rettangolo in D poniamo cos CA D = per cui CA D = arccos 12 A D BC = = 17 AC AC

12 45,0991 = 45 05 57 45 6 . 17

Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) ` geometria non euclidea perch E e, dopo due millenni di tentativi tesi a dimostrare il quinto postulato di Euclide per ridurlo ad un teorema deducibile dai precedenti quattro assiomi, si prese coscienza che potevano esistere delle geometrie dove invece questa aermazione fosse negata. Data la minor evidenza del quinto postulato rispetto agli altri, si pass` o quindi nel XIX secolo dalla convinzione della sua deducibilit` a alla convinzione della sua indimostrabilit` a ed indipendenza dai precedenti. Quanto viene negato della geometria euclidea ` e quindi lultimo dei seguenti cinque postulati o assiomi: 1. 2. 3. 4. tra due punti qualsiasi passa una ed una sola retta; una retta cos` tracciata si pu` o prolungare indenitamente; ` e possibile tracciare un cerchio dato un punto ed un segmento; tutti gli angoli retti sono uguali fra loro;

Esame 2008 PNI: quesito 9

385

5. per un punto esterno ad una data retta passa una ed una sola parallela alla retta data. In particolare, le geometrie non euclidee si costruiscono sostituendo al postulato 5 uno o laltro dei seguenti: a) per un punto esterno ad una data retta passano almeno due rette distinte e parallele alla retta data; b) per il punto esterno non passa alcuna retta parallela. Il postulato a) ` e stato proposto dal russo Nicolaj Lobacevskij (17931856) e dal matematico ungherese Janos Bolyai (18021860). Il secondo invece dal matematico tedesco Bernhard Riemann (18261866). Nel primo caso si ottiene la geometria dellangolo acuto o geometria iperbolica nella quale, per esempio, la somma delle ampiezze degli angoli di un triangolo ` e minore di due angoli retti, nel secondo la geometria dellangolo ottuso o geometria di Riemann o geometria ellittica dove, per esempio, la somma delle ampiezze degli angoli di un triangolo ` e maggiore di due angoli retti. Per la geometria iperbolica si possono proporre diversi modelli rappresentativi che si dimostrano tutti equivalenti e nei quali, assieme alla validit` a dei postulati 14, a, vengono pure denite le nozioni di punto, retta ed angolo. Un esempio di tali modelli ` e il disco di Poincar e dove lo spazio ` e formato dai punti interni di un cerchio con le rette costituite da archi di circonferenze che intersecano perpendicolarmente il bordo del cerchio. e quello della geomePer la geometria ellittica un suo modello valido localmente ` tria sferica dove, in tal caso, le rette corrispondono a cerchi massimi. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 8. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Notiamo innanzitutto che in ciascun gruppo di 8 studenti dovranno essere presenti 4 maschi e 4 femmine. Supponendo che si sia scelto un dato gruppo di 4 maschi a questo si potr` a associare un qualsiasi altro gruppo di 4 femmine per cui, il numero totale n di gruppi comprendenti 4 maschi e 4 femmine sar` a dato dal prodotto del numero m di gruppi di soli 4 maschi (scelti tra i 12 presenti) con il numero f dei gruppi di sole 4 femmine (scelte tra le 8 presenti): pertanto n = m f . Osservato ci` o determiniamo i numeri m ed f . Poich e un gruppo di 4 maschi scelti tra 12 non ` e altro che una combinazione semplice di 12 elementi a gruppi di 4, il numero di tali gruppi ` e dato dal coeciente binomiale 12 m = C12,4 = . 4

386

Esame 2008 PNI: quesito 10

Allo stesso modo il numero dei possibili gruppi di 4 femmine scelte a caso tra le 8 presenti in classe ` e dato da f = C8,4 = 8 4

cosicch e il numero totale dei gruppi di 8 elementi contenenti 4 maschi e 4 femmine ` e n = m f = C12,4 C8,4 . Poich e il numero totale dei gruppi che si possono formare a partire da 12 + 8 = 20 studenti e in ciascuno dei quali vi siano compresi 8 studenti indipendentemente dal sesso ` e dato dal binomiale C20,8 = 20 , 8

la probabilit` a che in un tale gruppo vi siano 4 studentesse ` e data, per la denizione classica di probabilit` a, dal rapporto del numero n dei casi favorevoli a tale evento con il numero dei possibili ossia p= C12,4 C8,4 = C20,8
12 4

20 8

8 4

Per la denizione di coeciente binomiale si ha p= 12! 8! 8!(20 8)! 4!(12 4)! 4!(8 4)! 20! 12! 8! 8! 12! = 4! 8! 4! 4! 20!

e quindi, esplicitando i fattoriali e dopo qualche semplicazione di fattori comuni, si giunge in denitiva alla p= 3 7 11 5 0,2751. 13 17 19

Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Data lequazione y = e2x rappresentativa della funzione , lequazione della curva simmetrica rispetto allorigine si deduce applicando la simmetria centrale di equazioni x = x O : y = y.

Esame 2008 PNI: quesito 10


e, in particolare, la sua inversa x = x y = y . Sostituendo questa coppia nellequazione di si ottiene
1 O :

387

Questultima ` e lequazione richiesta ma se omettiamo gli apici ` e anche, : y = 2x e . La trasformazione di simmetria assiale avente come asse la bisettrice del I e III quadrante di un sistema cartesiano ` e rappresentata dalle equazioni x = y y = x : y = x per cui, sostituita questaltra coppia di equazioni nella y = e2x si ottiene x = e2y . Esplicitando la variabile dipendente y prendendo il logaritmo di entrambi i membri (positivi), si ha 1 ln x = 2y cio` e y = ln x 2 1 e lequazione richiesta ` e in tal caso y = 2 ln x che rappresenta pure lequazione della funzione inversa di cio` e, simbolicamente, 1 . Pur non richiesti, forniamo i graci delle curve , e 1 . Questi si deducono immediatamente non appena sia noto quello di che appare limmagine di quello, noto, della funzione esponenziale y = ex non appena si applichi la dilatazione lungo lasse delle ascisse x = 2x (g. 1).
: y = e2x

y = e2(x ) = e2x

cio` e y = e2x .

y=x

1 1
1 ln x 1 : y = 2

: y = e2x Fig. 1. Graci delle funzioni , e 1 .

ESAME 2009

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Problema n. 1

` assegnato il settore circolare AOB di raggio r e ampiezza x (r e x sono E misurati, rispettivamente, in metri e radianti ). 1. Si provi che larea S compresa fra larco e la corda A AB ` e espressa, in funzione di x, da 1 2 S (x) = 2 r (x sen x) con x [0, 2 ]. 2. Si studi come varia S (x) e se ne disegni il graco (avendo posto r = 1). 3. Si ssi larea del settore AOB pari a 100 m2 . Si O B trovi il valore di r per il quale ` e minimo il perimetro di AOB e si esprima il corrispondente valore di x in gradi sessagesimali (` e suciente lapprossimazione al grado). 4. Sia r = 2 e x = . Il settore AOB ` e la base di un solido W le cui sezioni 3 ottenute con piani ortogonali ad OB sono tutte quadrati. Si calcoli il volume di W . Soluzione

Problema n. 2 Nel piano riferito a coordinate cartesiane, ortogonali e monometriche, si tracci il graco Gf della funzione f (x) = log x (logaritmo naturale ). 1. Sia A il punto dintersezione con lasse y della tangente a Gf in un suo punto P . Sia B il punto dintersezione con lasse y della parallela per P allasse x. Si dimostri che, qualsiasi sia P , il segmento AB ha lunghezza costante. Vale la stessa propriet` a per il graco Gg della funzione g(x) = loga x con a reale positivo diverso da 1? 2. Sia linclinazione sullasse x della retta tangente a Gg nel suo punto di ascissa 1. Per quale valore della base a ` e = 45 ? E per quale valore di a` e = 135 ?

Esame 2009: quesito 5

389

3. Sia D la regione del primo quadrante delimitata dagli assi coordinati, da Gf e dalla retta dequazione y = 1. Si calcoli larea di D. 4. Si calcoli il volume del solido generato da D nella rotazione completa attorno alla retta dequazione x = 1. Soluzione

Questionario

1. Si trovi la funzione f (x) la cui derivata ` e sen x e il cui graco passa per il punto (0, 2). Soluzione

2. Sono dati gli insiemi A = {1, 2, 3, 4} e B = {a, b, c}. Tra le possibili applicazioni (o funzioni ) di A in B , ce ne sono di suriettive? Di iniettive? Di biiettive? Soluzione

3. Per quale o quali valori di k la curva dequazione y = x3 + kx2 + 3x 4 ha una sola tangente orizzontale? Soluzione

4. Esiste solo un poliedro regolare le cui facce sono esagoni. Si dica se questa aermazione ` e vera o falsa e si fornisca una esauriente spiegazione della risposta. Soluzione

5. Si considerino le seguenti espressioni: 0 0 1 0 ; ; ; 0 . 1 0 0 A quali di esse ` e possibile attribuire un valore numerico? Si motivi la risposta. Soluzione

390 x2 + 1 . 6. Si calcoli: lim x x

Esame 2009: problema 1

Soluzione

7. Si dimostri lidentit` a

n k+1

n nk con n e k naturali e n > k. k k+1 Soluzione

8. Si provi che lequazione: x2009 + 2009x + 1 = 0 ha una sola radice compresa fra 1 e 0.

Soluzione

9. Nei Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze, Galileo Galilei descrive la costruzione di un solido che chiama scodella considerando una semisfera V D C di raggio r e il cilindro ad essa circoscritto. La scodella si ottiene togliendo la semisfera dal cilindro. Si dimostri, utilizzando il principio di CaA B valieri, che la scodella ha volume pari al cono di vertice V in gura. Soluzione

10. Si determini il periodo della funzione f (x) = cos 5x. Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. Posto OA = OB = r e AOB = x, larea S del segmento circolare (in giallo e la dierenza tra larea del settore circolare AOB con quella del nella g. 1) ` triangolo AOB . Ne segue che, per x [0, ], S = A(sett. AOB ) A(AOB )
1 r 2 con r raggio del per cui, essendo larea A di un settore espressa dalla A = 2

Esame 2009: problema 1


A

391

x O Fig. 1. Segmento circolare con B AOB < .

settore e ampiezza in radianti dellangolo di apertura, risulta S = A(sett. AOB ) A(AOB ) 1 1 2 = OB x OB OA sen x 2 2 1 2 1 1 2 = r x r sen x = r 2 (x sen x). 2 2 2 Questultima espressione si dimostra valida anche quando x ], 2 ] (g. 2) in quanto per questi valori lespressione che esprime larea di AOB A(AOB ) = 1 1 OB OA sen x = r 2 sen x < 0 2 2

diviene negativa (cosicch e rappresenta il suo opposto), ma la presenza della differenza in 1 1 1 (1) S = r 2 x r 2 sen x = r 2 (x sen x) 2 2 2 assicura leettiva somma delle aree del settore e del triangolo. La (1) fornisce quindi ancora larea del segmento circolare che, in tal caso, comprende il centro O del cerchio (g. 2).

x O

A Fig. 2. Segmento circolare con AOB > .

2. Posto r = 1 si deve studiare la funzione S (x) = 1 1 2 r (x sen x) = (x sen x) con 2 2 x [0, 2 ]. (2)

392

Esame 2009: problema 1

In base a quanto osservato nel punto precedente nel caso di un angolo x concavo devessere S (x) > 0 per 0 < x 2 mentre la funzione S si annulla in corrispondenza di S (0) = 0. La funzione S ` e continua in [0, 2 ] (e lo ` e pure in R): agli estremi risulta
x0+

lim S (x) = S (0) = 0,

x2

lim S (x) = S (2 ) = .

Nellintervallo assegnato la S (x) interseca il graco della retta di equazione y=1 2 x quando sen x = 0 ossia in x = 0, x = e in x = 2 , mentre la disequazione

S (x)

1 x 2

1 1 (x sen x) x 2 2

sen x 0

permette di confrontare i rispettivi graci. Dato che la disequazione sen x 0 ` e risolta per x 2 , possiamo aermare che il graco di S (x) giace, in questo 1 intervallo, al di sopra del graco della retta y = 2 x.

(1 cos x) 0 da cui Lo studio della derivata prima implica S (x) = 1 2 1 cos x 0, = cos x 1

risolta per x [0, 2 ] ma con S (0) = S (2 ) = 0. La funzione ` e quindi crescente strettamente in [0, 2 ] con derivata nulla agli estremi (g. 3).
0 S (x) Fig. 3. 2

Inne il calcolo della derivata seconda fornisce lespressione S (x) = 1 2 sen x e la disequazione S (x) 0 ` e soddisfatta dai valori x [0, ]. La gura 4 indica come sono disposte le concavit` a e, in aggiunta, si pu` o osservare come negli estremi di [0, 2 ] tale funzione presenti dei essi orizzontali (manifestamente la S (x) ` e una funzione periodica con periodicit` a 2 ). Un ulteriore esso obliquo ` e presente in ). corrispondenza di (, 2
0 S (x)

Fig. 4.

Esame 2009: problema 1


x y= 1 2

393

1 Fig. 5. Graci di S (x) e della retta di eq. y = 2 x.

Il graco che ne discende ` e riportato in g. 5 3. Fissata larea del settore AOB pari a il suo perimetro ` e dato dalla somma

A(sett. AOB ) = 100 m2 = a,

2p(sett. AOB ) = OA + OB + AB con AB lunghezza dellarco. Pertanto risulta 2p(sett. AOB ) = 2r + rx (3) ma poich e questultima espressione contiene due grandezze variabili, devessere associata alla condizione che ssa larea del settore ossia alla 1 A(sett. AOB ) = r 2 x = a. 2 Da questultima si ricava 2a x= 2 (4) r e la (3) diviene allora 2a a r > 0. (5) 2p = 2r + rx = 2r + r 2 = 2 r + r r Passando allo studio del segno della derivata prima a (2p) = 2 1 2 , r 2 anch e sia (2p) 0, r a 0. Questa ` e risolta dai valori di deve risultare r dellinsieme r a r a per cui, tenendo conto delle limitazioni e del valore di a = 100, abbiamo che (2p) 0 se r 10.
0 10 Fig. 6.

394

Esame 2009: problema 1

Riassunto ci` o nel graco di g. 6 possiamo concludere che la funzione perimetro presenta un minimo (assoluto) in corrispondenza di r = 10 m. Il valore dellangolo e x che discende risulta dalla (4) ` x= 2a 2 100 m2 = = 2 rad r2 102 m2

cui corrisponde un angolo x in gradi sessagesimali x = (2 rad) 180 360 = 114, 5916 = 114 35 30 .

possiamo associare al settore AOB un sistema cartesiano 4. Posto r = 2 e x = 3 e AOB = le di origine O con lasse x contenente il segmento OB (g. 7). Poich 3 coordinate di A sono A 2 cos 3 , 2 sen 3 (1, 3), di B (2, 0), mentre lequazione 3 x. della retta OA ` e OA: y = x tg 3 =
A P R

x H

Fig. 7. Settore circolare e sistema cartesiano Oxy associato.

Il solido W avente come base il settore circolare ` e rappresentato dalle gure seguenti: in g. 8a viene visto da un punto al di sopra del terzo quadrante mentre in g. 8b il punto di vista sta sulla verticale di un punto del quarto quadrante.
a) b)

A P O O x H B H

A R B

Fig. 8. Alcune sezioni quadrate del solido W .

Esame 2009: problema 2

395

Il solido si pu` o suddividere in due parti (W1 , W2 ) con un piano passante per il punto A e perpendicolare e un punto del segmento OA le allasse x. Se P ` sue coordinate sono P x, 3x e larea di una sezione di W passante per P quando 0 x 1 ` e data dallintegrale denito A1 (x) = (yP )2 = ( 3x)2 = 3x2 . Ricordando la formula che d` a il volume di un solido del quale sia possibile esprimere larea delle sue sezioni parallele in funzione di una variabile x ossia
b

W=

A(x) dx,

segue che il volume di questa parte di W ` e dato da x3 W1 = A1 (x) dx = 3x dx = 3 x dx = 3 3 0 0 0


2 2 1 1 1 1

= 1.
0

Allo stesso risultato si perviene considerando W1 come la piramide a base quadrata di lato pari a HA = yA = 3 e di altezza OH = 1: in tal caso si ottiene ancora W1 = 1 1 1 2 HA OH = (yA )2 OH = 3 3 3 3
2

1 = 1.

Per ottenere il volume della parte W2 , serve lordinata di un punto generico R (g. 7 e 8b) appartenente allarco AB . Scritta pertanto lequazione della circonferenza di centro O e raggio r = 2 ossia x2 + y 2 = 4 si deduce, esplicitando la y 2 2 che y = 4 x per cui yR = 4 x2 con 1 x 2. Il volume corrispondente sar` a
2

W2 = =

A2 (x) dx =
2

(yR )2 dx
1

(4 x2 ) dx = 4x

x3 3

2 1

1 5 8 =8 4+ = 3 3 3 e quello richiesto risulta in conclusione W = W1 + W2 = 1 + 8 5 = . 3 3

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. La funzione logaritmo naturale f (x) = ln x (utilizziamo la notazione ln x in luogo di log x) con dominio R+ 0 possiede il graco (noto) rappresentato in g. 1.

396

Esame 2009: problema 2

B A r 1 Gf : ln x

Fig. 1. Graco della funzione f (x) = ln x.

Se P (t, ln t) ` e un suo punto qualsiasi, lequazione della retta tangente in P risulta r : y ln t = 1 (x t) t (1)

1 in quanto la derivata prima ` e f (x) = x . Lordinata di A, punto di intersezione con lasse y di r si ottiene ponendo x = 0 in (1) cio` e

yA ln t =

1 (0 t) t

yA = 1 + ln t.

Lordinata di B ` e evidentemente yB = yP = ln t cosicch e la lunghezza di AB risulta AB = |yB yA | = | ln t (1 + ln t)| = 1 ed ` e, come richiesto, costante in quanto non dipende dal punto P considerato. Nel caso sia g(x) = loga x procediamo allo stesso modo ma poich e g (x) = lequazione della retta tangente ` e ora r : y loga t = Posto x = 0 il punto A ha ordinata yA = loga t 1 ln a e yB = yP = loga t. 1 (x t). t ln a 1 x ln a (2)

La misura del segmento AB ` e quindi AB = |yB yA | = loga t loga t 1 ln a = 1 = | loga e| ln a

Esame 2009: problema 2


Gf : ln x P r = 45 P r Fig. 2. Graci di f (x) = ln x e g (x) = loga x (a = e1 ). Gg : loga x = 135

397

e risulta ancora indipendente da P pur essendo il suo valore diverso dallunit` a. Evidentemente se a = e si ricade nel caso precedente. 2. La derivata prima g (x), nella sua interpretazione geometrica pi` u nota, rappresenta la tangente goniometrica dellangolo che la retta tangente forma con il semiasse positivo delle x. Poich e si fornisce langolo = 45 per il punto di ascissa 1 (g. 2), poniamo g (1) = tg e per la (2) segue g (1) = tg 1 =1 ln a ossia la base a deve valere a = e. Se invece = 135 , g (1) = tg 135 da cui = = 1 = tg 45 1 ln a ln a = 1

da cui ln a = 1 ossia a = e1 = 1 e . Entrambe le situazioni sono rappresentate in g. 2. 3. Denito il punto A come il punto di Gf avente ordinata yA = 1, larea della o ottenere come dierenza tra larea regione nita D (in giallo nella g. 3) si pu` del rettangolo avente i lati paralleli agli assi coordinati e di vertici opposti O ed A e larea del trapezoide E denito da Gf con x [1, xA ] (in verde chiaro nella g. 3). Pertanto sapendo che yA = 1 si ottiene 1 = ln x da cui xA = e, valore che costituisce la misura della base del rettangolo. Ne segue che
e 1 1 e

1 = 1 1 ln a

A(D ) = xA yA ln x dx = e ln x dx. Applicando il metodo per parti allintegrale rimasto e individuando ln x come il fattore nito si ha ln x dx = x ln x x 1 dx = x ln x dx = x ln x x + c x

398

Esame 2009: problema 2

y=1 D O 1 Gf : ln x E

Fig. 3. Regione D e funzione logaritmo.

per cui il valore dellintegrale denito ` e


e 1

ln x dx = [x ln x x]1 = (e e) (0 1) = 1

e quindi A(D ) = e 1. 4. Poich e viene chiesto il volume di un solido di rotazione attorno alla retta verticale x = 1 (g. 4) conviene scambiare i ruoli di x e y con la trasformazione x = y y = x che rappresenta una simmetria assiale avente come asse la retta y = x. Risulta quindi che x = ln y ossia, esplicitando y , y = ex . Con tale trasformazione la retta di equazione x = 1 diviene y = 1 e limmagine della regione D risulta data dalla g. 5.

A y=1 O 3 x = 1 Fig. 4. Sezione del solido di rotazione generato da D. 1 e

Inne, allo scopo di riportare questa retta a coincidere con lasse x applichiamo la traslazione y = y + 1 x = x

Esame 2009: problema 2


y = ex A

399

1 y = 1

Fig. 5. Immagine della regione D nella simmetria assiale di asse y = x.

y = 1 + ex A

2 y=1 R O 1

Fig. 6. Immagine nale della regione D.

per cui lequazione della retta si riduce a y = 0 mentre la funzione diviene y 1 = ex ossia y = 1 + ex . La nuova situazione ` e rappresentata dalla g. 6 dove si sono lasciati cadere gli apici identicando quindi x = x e y = y . Considerando la formula che fornisce il volume dei solidi di rotazione attorno allasse delle x limitati dalla funzione f (x),
b

V = [f (x)]2 dx,
a

il volume richiesto sar` a dato dallintegrale


1

V = (1 + ex )2 dx V1
0

400

Esame 2009: quesito 1

essendo V1 il volume di un cilindro di altezza 1 e raggio di base unitario generato dalla rotazione della regione R (in verde chiaro nella gura 6). Svolgendo il quadrato della funzione integranda ed esplicitando V1 = (1)2 1 = si ha
1

V = (1 + 2ex + e2x ) dx
0

e quindi
1 0 0 1

V = (1 + 2ex ) dx + e2x dx = [x + 2ex ]0 +


1 1 0

e2x dx .

(3) e2x dx. Inse-

Risolti gli integrali immediati rimane lintegrazione del termine rendo un fattore costante pari a 2 questo si pu` o riscrivere e2x dx = 1 2 e2x (2 dx) = 1 2 e2x d(2x) = 1 2x e +c 2

per cui, riprendendo il calcolo (3), abbiamo in conclusione V = (1 + 2e 2) + = (2e 2) + = 2 (e + 4e 5). 2 2x e 2


1 0

2 e 1 = (4e 4 + e2 1) 2 2

Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Linsieme delle funzioni primitive che soddisfa alla condizione f (x) = sen x ` e dato dallintegrale indenito sen x dx = cos x + c = f (x). Per determinare la costante di integrazione c ossia per individuare la particolare funzione il cui graco passa per il punto di coordinate (0, 2) basta imporre sullinsieme f (x) = cos x + c la condizione f (0) = 2 che si esplicita in cos 0 + c = 2 = 1 + c = 2 = c = 3.

La funzione che soddisfa quindi ad entrambe le condizioni ` e f (x) = cos x + 3.

Esame 2009: quesito 4


Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito)

401

Assegnare una funzione f : A B con dominio A = {1, 2, 3, 4} sullinsieme B = {a, b, c} signica, per la denizione di funzione, associare ad ogni elemento di A uno ed uno solo elemento di B . Necessariamente tutti gli elementi di A sono coinvolti in questa corrispondenza ma, poich e quattro sono gli elementi di A (ossia la cardinalit` a di A ` e pari a 4) e tre quelli di B (cardinalit` a 3) non sar` a possibile lesistenza di funzioni iniettive. Difatti queste associano ad elementi distinti, x1 = x2 , elementi distinti del codominio, f (x1 ) = f (x2 ) per cui necessariamente B dovrebbe contenere almeno quattro elementi distinti. Ci dovranno pertanto essere almeno due elementi di A con la medesima immagine in B . Da ci` o segue che non potranno esistere funzioni biiettive per le quali la propriet` a delliniettivit` a ` e invece necessaria. Possono invece esistere funzioni suriettive ossia tali che il codominio f (A) coincida con B : un esempio pu` o essere la funzione seguente: f (1) = a, f (2) = b, f (3) = c, f (4) = c. Possono altres` esistere funzioni non suriettive nelle quali qualche elemento di B non viene coinvolto nella corrispondenza per cui non ` e immagine di alcun elemento di A: per esempio nella seguente f (1) = a, f (2) = b, f (3) = b, f (4) = b, lelemento c non ` e immagine di alcun elemento di A. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) La curva di equazione y = x3 +kx2 +3x4 ` e un famiglia di cubiche che rappresenta delle funzioni continue e derivabili in tutto R. La derivata prima risulta y = 3x2 + 2kx + 3, e la condizione che esista una sola tangente orizzontale implica che lequazione y = 0 abbia una sola radice. Poich e il coeciente del termine quadratico non dipende dal parametro ed ` e diverso dallo zero, lunica possibilit` a devessere la coincidenza delle due radici dellequazione di II grado y = 0. Devessere pertanto 3x2 + 2kx + 3 = 0 = = k2 9 = 0 4 (1)

essendo il suo discriminante. La (1) ` e risolta dalla coppia di valori k2 = 9, k = 3 entrambi accettabili. Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Laermazione ` e falsa in quanto la somma degli angoli uscenti da uno stesso vertice delle tre possibili facce sarebbe pari a 2 quando invece la condizione per lesistenza di poliedri regolari ` e che la somma degli angoli delle facce uscenti da uno stesso vertice (comunque in numero maggiore o uguale e tre) sia minore di 2 . Si veda per una trattazione pi` u ampia il quesito 2 dellesame 2006.

402 Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2009: quesito 5

Posto = 0/1, la denizione di quoziente implica che debba rappresentare quel numero tale che sia 1 = 0 e questa uguaglianza ` e soddisfatta unicamente da = 0. La prima scrittura possiede pertanto un signicato denito.

Non si pu` o assegnare signicato alla scrittura 1/0 in quanto si incorre in contraddizione con la propriet` a della moltiplicazione. Difatti, supposto ancora = 1/0, discenderebbe 0 = 1 ma poich e R la denizione di moltiplicazione assicura che 0 = 0, si arriverebbe allassurdo che 1 = 0.

Inne, posto = 00 , per le propriet` a delle potenze sempre salvaguardate nei successivi loro ampliamenti verso gli esponenziali, si potrebbe scrivere 00 = 011 = 01 01 = 0 01 0 1 = = 0 0 0

Supposto ancora = 0/0 segue che 0 = 0. Ma questultima espressione risulta vera R per cui non ` e possibile assegnare un unico valore alla scrittura 0/0.

e in tal modo si ricade in uno dei due casi precedenti, 1/0 oppure 0/0. Di conseguenza non si assegna alcun signicato pure a 00 . Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Il limite proposto
x

lim

x2 + 1 x

conduce ad un caso di indeterminazione del tipo / in quanto lo studio del numeratore e del denominatore comporta
x

lim

x2 + 1 = lim

z +

z = +

con

z = x2 + 1

e, ovviamente, limx x = . Cerchiamo quindi di riscrivere identicamente la funzione ad argomento del limite fattorizzando un termine x2 sotto radice x2 + 1 lim = lim x x x e quindi portiamolo a fattore fuori della radice x2 1 +
x 1 x2

x2 1 + x

1 x2

lim

= lim

|x| x

1+

1 . x2

Esame 2009: quesito 7


Poich e x possiamo supporre che sia x < 0 ottenendo |x| x x lim Posto t=1+ ` e pure
x

403

1+

1 x = lim 2 x x x

1+ 1 x2

1 = lim x x2

1+

1 . x2

lim 1 +

1 = 1 + 0 = 1+ x2

per cui in denitiva lim 1+ 1 = lim t = 1 = 1. t1+ x2

Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Per denizione di coeciente binomiale, il primo membro dellidentit` a assegnata n k+1 ` e n k+1 = n nk k k+1

n! (k + 1)!(n k 1)!

(1)

con n, k N e n > k. Il secondo invece si esplicita in n nk n! nk n!(n k) = = . k k+1 k!(n k)! k + 1 (k + 1) k! (n k)! (2)

La propriet` a del fattoriale permette di riscrivere il prodotto al denominatore di questultima relazione come (k + 1) k! = (k + 1)! e allo stesso modo scomporre (n k)! in (n k)! = (n k)(n k 1)!. Dopo una opportuna semplicazione la relazione (2) diviene n!(n k) n nk = k+1 (k + 1) k! (n k)(n k 1)! k n! = (k + 1)!(n k 1)! che evidentemente coincide con il primo membro della (1).

404 Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2009: quesito 8

Posto f (x) = x2009 + 2009x + 1, notiamo che la funzione ` e denita per x R ed ` e tale che f (1) = (1)2009 2009 + 1 = 1 2009 + 1 = 2009 < 0 mentre nellaltro estremo di [1, 0] f (0) = (0)2009 0 + 1 = 1 > 0. Poich e inoltre f (x) ` e una somma di funzioni continue in R e quindi in [1, 0] ` e essa stessa continua per cui sono soddisfatte le ipotesi del teorema degli zeri (ossia la continuit` a in un intervallo chiuso [a, b] e lassumere agli estremi valori opposti cio` e f (a) f (b) < 0). Lapplicazione di questo teorema assicura perci` o lesistenza di almeno un valore ] 1, 0[ tale che f () = 0. In aggiunta, lo studio del segno di f (x) implica f (x) = 2009 x2008 + 2009 = 2009 x2008 + 1 > 0 x R in quanto lesponente 2008 ` e pari per cui x2008 + 1 > 0. Ne segue che, per un corollario del teorema di Lagrange, la f (x) ` e strettamente crescente in [1, 0] e il valore che soddisfa allequazione f () = 0 ` e pertanto unico. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Notiamo innanzitutto che il cilindro ha unaltezza r pari al raggio di base. Difatti, in riferimento alla g. 1 dove alla sinistra appare una rappresentazione tridimensionale dei solidi coinvolti mentre nella parte destra si fornisce una sua sezione piana ottenuta con un piano perpendicolare alla base e passante per il vertice del cono, si ha V O = V C . Il principio di Cavalieri stabilisce lequivalenza tra due solidi (cio` e luguaglianza dei volumi) nellipotesi che le sezioni determinate da una famiglia di piani paralleli in ciascun solido siano equivalenti (cio` e abbiano la medesima area). Sia quindi V H = h la distanza dal vertice V di un piano parallelo alla base comune del cilindro o del cono. In tal modo la sezione del cono ` e un cerchio di raggio HR (g. 1) pari a V H = h in quanto V OB e V HR sono triangoli rettangoli isosceli. Larea di questa sezione ` e evidentemente h2 . La sezione della scodella ` e invece una corona circolare di raggio esterno HE = r mentre quello interno risulta HF (g. 1). Questultimo lo si ottiene con il teorema di Pitagora applicato a V HF rettangolo in H , HF = V F V H = r 2 h2
2 2 2

Esame 2009: quesito 10


D V C

405

H A O

F E B

Fig. 1. Rappresentazione della scodella di Galileo e sua sezione piana assiale.

e quindi essendo V F = r il raggio della semisfera. Larea ` A(corona) = r 2 (r 2 h2 ) = h2 = A(cerchio) che coincide con quanto gi` a trovato per la sezione del cono. Per il principio di Cavalieri segue quindi lequivalenza dei solidi e luguaglianza dei volumi. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Una funzione reale f di variabile reale x nel dominio D , si dice periodica se e solo se esiste un valore T = 0 in corrispondenza del quale vale lidentit` a f (x + kT ) = f (x) x D k Z.

Applicando tale denizione alla funzione assegnata f (x) = cos 5x, discende che luguaglianza cos 5(x + kT ) = cos 5x deve valere per ogni x R ossia cos(5x + 5kT ) = cos 5x x R.

Poich e la funzione coseno soddisfa allidentit` a R, cos( + 2k ) = cos e che ne stabilisce il periodo in 2 , possiamo dedurre 5kT = 2k da cui T = 2 . 5

La periodicit` a richiesta ` e quindi T = 2/5.

ESAME 2009 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Problema n. 1 Sia f la funzione denita da f (x) = 1+x+ x2 x2 + + 2! n! ex

dove n ` e un intero positivo e x R.

1. Si verichi che la derivata di f (x) ` e f (x) =

x2 x e . n! 2. Si dica se la funzione f ammette massimi e minimi (assoluti e relativi) e si provi che, quando n ` e dispari, f (x) 1 per ogni x reale. 3. Si studi la funzione g ottenuta da f quando n = 2 e se ne disegni il graco. 2 4. Si calcoli 0 g(x) dx e se ne dia linterpretazione geometrica. Soluzione

Problema n. 2 In un sistema di riferimento cartesiano ortogonale Oxy , si consideri la funzione f : R R denita da f (x) = x3 + kx. con k parametro reale. 1. Si dica come varia il graco di f al variare di k (k positivo, negativo o nullo). 2. Sia g(x) = x3 e il suo graco. Si dimostri che e la retta dequazione y = 1 x hanno un solo punto P in comune. Si determini lascissa di P approssimandola a meno di 0,1 con un metodo iterativo di calcolo. 3. Sia D la regione nita del primo quadrante delimitata da e dal graco della funzione inversa di g. Si calcoli larea di D. 4. La regione D ` e la base di un solido W le cui sezioni con piani perpendicolari alla bisettrice del primo quadrante sono tutte rettangoli di altezza 12. Si determini la sezione di area massima. Si calcoli il volume di W. Soluzione

Esame 2009 PNI: quesito 6 Questionario

407

1. Siano: 0 < a < b e x [b, b]. Si provi che:

b |x b

a| dx = a2 + b2 . Soluzione

2. Sono dati gli insiemi A = {1, 2, 3, 4} e B = {a, b, c}. Tra le possibili funzioni (o applicazioni ) di A in B , ce ne sono di suriettive ? Di iniettive ? Di biiettive ? Soluzione

3. Una moneta da 2 euro (il suo diametro ` e 25,75 mm) viene lanciata su un pavimento ricoperto con mattonelle quadrate di lato 10 cm. Quale ` e la probabilit` a che la moneta vada a nire internamente ad una mattonella? (cio` e non tagli i lati dei quadrati). Soluzione

4. Esiste solo un poliedro regolare le cui facce sono esagoni. Si dica se questa aermazione ` e vera o falsa e si fornisca una esauriente spiegazione della risposta. Soluzione

5. Si considerino le seguenti espressioni: 0 0 1 0 ; ; ; 0 . 1 0 0 a quali di esse ` e possibile attribuire un valore numerico? Si motivi la risposta. Soluzione

6. Con laiuto di una calcolatrice, si applichi il procedimento iterativo di Newton allequazione sen x = 0, con punto iniziale x0 = 3. Cosa si ottiene dopo due iterazioni? Soluzione

408

Esame 2009 PNI: problema 1


n k+1 n nk con n e k naturali e n > k. k k+1 Soluzione

7. Si dimostri lidentit` a

8. Alla festa di compleanno di Anna let` a media dei partecipanti ` e di 22 anni. Se let` a media degli uomini ` e 26 anni e quella delle donne ` e 19, qual ` e il rapporto tra il numero degli uomini e quello delle donne? Soluzione

9. Nei Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze, Galileo Galilei descrive la costruzione di un solido che chiama scodella considerando una semisfera V D C di raggio r e il cilindro ad essa circoscritto. La scodella si ottiene togliendo la semisfera dal cilindro. Si dimostri, utilizzando il principio di CaA B valieri, che la scodella ha volume pari al cono di vertice V in gura. Soluzione

10. Se due punti P e Q del piano giacciono dalla stessa parte rispetto ad una retta AB e gli angoli P AB e QBA hanno somma minore di 180 , allora le semirette AP e BQ, prolungate adeguatamente al di l` a dei punti P e Q, si devono intersecare. Questa proposizione ` e stata per secoli oggetto di studio da parte di schiere di matematici. Si dica perch e e con quali risultati.

Q B

Soluzione

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. Data la funzione f (x) = 1+x+ x2 xn x + + e 2! n! n N0 x R,

la verica richiesta si ottiene procedendo alla derivazione di f (x) utilizzando le

Esame 2009 PNI: problema 1


regole della derivazione del prodotto di funzioni e della somma f (x) = 0+1+ 2x 3x2 (n 1)xn2 nxn1 x + + + + e + 2! 3! (n 1)! n! xn x2 + + : + (ex ) 1 + x + 2! n!

409

raccogliendo il fattore ex si ha f (x) = ex 1 + xn 2 xn 1 x x2 + + + + + 1 2! (n 2)! (n 1)! x2 xn 2 xn 1 xn 1 x 2! (n 2)! (n 1)! n!

dove si ` e utilizzata la propriet` a del fattoriale che stabilisce n! = n (n 1)!. Eliminando i termini opposti rimane lespressione f (x) = ex che conferma quanto richiesto. 2. Supponendo n pari, determiniamo i limiti di f (x) agli estremi del dominio R. Nel caso che sia x +, portato a denominatore il termine esponenziale, il limite 1 + x + x2 /2! + + xn /n! (1) lim f (x) = lim x+ x+ ex risulta manifestamente indeterminato. Procedendo allo studio del limite del rapporto delle derivate delle funzioni a numeratore e denominatore di (1), il grado del primo si abbassa di una unit` a mentre lesponenziale a denominatore rimane inalterato. Pertanto al primo tentativo si avr` a 0 + 1 + x + + xn1 /(n 1)! x+ ex lim che ancora risulta indeterminato mentre, dopo n derivazioni, si arriver` a al limite
x+

xn n!

xn x e n!

lim

1 . ex

Poich e per questo vale limx+ 1/ex = 0 in quanto limx+ ex = +, si potr` a applicare il teorema di De LH opital per n volte giungendo alla determinazione del limite originario ossia lim f (x) = 0.
x+

410

Esame 2009 PNI: problema 1

Per x il limite di f (x) non presenta indeterminazioni: difatti essendo n pari


x

lim 1 + x + +

xn 1 1 1 = lim xn n + + x n! x (n 1)!x n! poich e risulta pure

= +

in quanto
x

lim xn = + :

lim ex = +

si ha
x

lim f (x) = +.

Questultimo risultato permette di escludere lesistenza di un massimo assoluto per la f (x). Poich e inoltre xn f (x) = ex 0 n! ` e soddisfatta solo per x = 0 mentre x = 0, f (x) < 0, la f (x) appare monot` ona strettamente decrescente e con un esso orizzontale in x = 0 cosicch e non pu` o ammettere massimi e minimi relativi. Daltronde la f non possiede minimo assoluto in quanto la monotonia decrescente con limx+ f (x) = 0 assieme alla continuit` a in R, implica che sia f (x) > 0 x R. Se n ` e dispari, per mezzo delle medesime osservazioni, la funzione si dimostra innitesima quando x +, limx+ f (x) = 0, mentre si ha
x

lim f (x) =

in quanto
x

lim 1 + x + +

xn 1 1 1 = lim xn n + + = x n! x (n 1)!x n! xn x e 0 n! xn 0

e limx ex = +. Inoltre lo studio del segno della derivata prima fornisce f (x) = =

cio` e xn 0 risolta da x 0 (n dispari). La funzione presenta quindi in corrispondenza di x = 0 un punto di massimo assoluto (g. 1) dove assume il valore f (0) = 1 e0 = 1. Ne segue che x R, f (x) 1 come richiesto.
0 Fig. 1. Segno di f (x) con n dispari.

Esame 2009 PNI: problema 1


3. Se n = 2 la funzione g che ne deriva possiede equazione g(x) = 1+x+ x2 x e = 2! 1+x+ x2 x e . 2

411

Il suo segno dipende dal fattore 1+x+ x2 >0 2 = x2 + 2x + 2 > 0

disequazione sempre soddisfatta in quanto il discriminante dellequazione associata ` e /4 = 1 2 < 0. Come gi` a detto, il limite 1 + x + x2 /2 lim x+ ex appare indeterminato per cui lo si studia determinando il limite del rapporto delle derivate di numeratore e denominatore
x+

lim

1+x . ex

Allo stesso modo questultimo si riporta al limite 1 =0 x+ ex lim e poich e tale limite esiste, le ipotesi del teorema di De LH opital appaiono soddisfatte. La sua applicazione permette di risalire a 1+x =0 x+ ex lim e, riapplicando il medesimo teorema per una seconda volta, si ha pure
x+

lim g(x) = 0,

risultato aspettato se si tiene presente la discussione gi` a svolta nel punto 2. Poich e i due fattori che compongono la g(x) per x hanno limiti
x

lim 1 + x +

1 1 1 x2 = lim x2 2 + + x 2 x x 2 lim ex = +

= +

e
x

412
0

Esame 2009 PNI: problema 1

Fig. 2. Segno di g (x).

risulta pure e tale funzione non potr` a presentare asintoti in quanto ` e pure g(x) 1 x x lim = lim +1+ e = . x x x x 2 La derivata prima g (x) = x2 x e < 0, 2 = x = 0,
x

lim g(x) = +

mentre ` e g (0) = 0 (g. 2). La derivata seconda risulta 1 1 g (x) = 2x ex x2 ex = ex (x2 2x) 2 2 e lo studio del suo segno g (x) 0 implica Per questi valori la funzione ` e convessa (g. 3).
0 Fig. 3. Segno di g (x). 2

(x 2)x 0

x 0 x 2.

In particolare il punto di ascissa nulla ` e un punto di esso orizzontale (si veda la discussione precedente) mentre x = 2 ` e punto di inessione obliquo. Il graco di g` e inne rappresentato dalla g. 4.

Fig. 4. Graco di g (x).

Esame 2009 PNI: problema 1


4. Linterpretazione geometrica dellintegrale denito
2

413

1+x+
0

x2 x e dx 2

` e immediata rappresentando tale valore la misura dellarea della regione nita (trapezoide) compresa tra le rette x = 0, x = 2, lasse delle ascisse e il graco di g (g. 4). Per il suo calcolo va risolto lintegrale indenito 1+x+ Notato che x2 x e dx. 2

ex dx si pu` o risolvere con una sostituzione del tipo ex dx = ex d(x) = et dt = ex + c,

possiamo procedere con il metodo per parti considerando ex come fattore nito. In tal caso 1+x+ x2 x e dx = ex 2 1+x+ x2 2 ex (1 + x) dx

= ex 1 + x +

x2 + ex (1 + x) dx. 2

Procedendo ancora per parti con lintegrale rimasto ex (1 + x) dx = ex (1 + x) = ex (1 + x) ex = ex (1 x 1) = ex (x 2), lintegrale originario risulta x2 x2 x e dx = ex 1 + x + + ex (x 2) 2 2 x2 = ex 3 2x 2 per cui, passando al calcolo dellintegrale denito, abbiamo in denitiva 1+x+
2 0

ex dx

x2 3 2x g(x) dx = e 2 0 4 2 3 4 =e 1 (3) 2 9 = e2 (9) + 3 = 3 2 1,7820. e


x

414

Esame 2009 PNI: problema 2

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. La funzione f : R R denita dallequazione y = f (x) = x3 + kx, kR (1)

` e rappresentativa di un fascio o famiglia di parabole cubiche avente alcune caratteristiche in comune. Una prima propriet` a generale si ottiene osservando la validit` a in R dellidentit` a f (x) = (x)3 + k(x) = x3 kx = f (x) a seguito della quale f risulta una funzione dispari con un graco simmetrico rispetto allorigine O del sistema Oxy . Una seconda propriet` a riguarda i punti ssi di tale fascio: difatti riscritta lequazione (1) nella forma (x3 y ) + kx = 0, le soluzioni del sistema x3 y = 0 x=0 (2)

individueranno i punti ssi del graco di f e cio` e quei punti che appartengono a qualsiasi curva del fascio e le cui coordinate non dipendono dai valori del parametro. Lunica soluzione fornita dal sistema ` e comunque lorigine O(0, 0) per cui tutte le curve rappresentate dovranno passare per tale punto. a) Studiamo quindi i casi suggeriti dal testo a partire da k = 0. Ne segue che lequazione di f risulta f (x) = x3 e questa rappresenta una parabola cubica standard le cui caratteristiche sono conosciute. In particolare poich e i limiti agli estremi di R e la derivata prima risultano rispettivamente
x

lim x3 = ,

f (x) = 3x2 > 0

x = 0

e f (0) = 0

nonch e f (x) = 6x 0 quando x 0, il suo graco ` e riassunto nella g. 1. b) Se k > 0 il segno di f dipende dal solo fattore x in f (x) = x3 + kx = x(x2 + k) 0 Per i limiti agli estremi del dominio si ha ancora lim x3 + kx = lim x3 1 +
x

x 0.

k x2

= k = 1. x2

in quanto
x

lim x3 =

lim 1 +

Esame 2009 PNI: problema 2

415

y = x3

Fig. 1. Graco di y = x3 . 0

Fig. 2. Segno di f (x) con k > 0.

Il graco non pu` o presentare asintoti obliqui per la divergenza del limite lim f (x) k = lim x2 1 + 2 x x x = + .

Poich e inoltre f (x) = 3x2 + k > 0 x R, f ` e una funzione monot` ona strettamente crescente. Dato che f (x) = 6x 0 se x 0 (g. 2) il graco di f risulta concavo per valori negativi di x mentre ` e convesso se x > 0. In x = 0 cio` e nellorigine O, f presenta un esso obliquo. Supposto inne di disporre di due valori del parametro tali che 0 < k1 < k2 i graci corrispondenti sono disposti come in gura 3 in quanto il confronto tra i valori y1 = x3 + k1 x e y2 = x3 + k2 x, interpretati come ordinate di punti su due distinte curve relativi alla medesima x implica che sia x3 + k2 x > x3 + k1 x da cui x > 0. c) Se k < 0 i limiti allinnito sono analoghi a quelli trattati per k > 0 e pertanto limx f (x) = . Il segno invece cambia in quanto f (x) = x(x2 + k) 0 implica lo studio dei fattori x 0 e di x2 + k 0. Questultima diviene x2 k = k2 x > k1 x = (k2 k1 )x > 0

416
0 < k1 < k2 y2 y1

Esame 2009 PNI: problema 2


k2 k1

Fig. 3. Graci di y = x3 + kx con k > 0. k + k +

Fig. 4. Segno di f (x) con k < 0.

k. Combinandoli (g. 4), discende ed ` e risolta nellinsieme x k x che f (x) 0 se k x 0 oppure x k. Passando alla derivata prima si deduce f (x) = 3x2 + k = x2 k 3 = x k x 3 k , 3

come evidenziato in g. 5.
k/3

k/3

Fig. 5. Segno di f (x) con k < 0.

La funzione presenta quindi un massimo relativo proprio nel punto A k ,f 3 k 3 con f k 3 2k k = 3 3

Esame 2009 PNI: problema 2


mentre il minimo ` e raggiunto in B k ,f 3 k 3 .

417

Il graco ` e invece rappresentato dalla gura 6.

k<0 yA

O k 3 yB

k 3

Fig. 6. Graco di f (x) = x3 + kx con k < 0.

2. I graci della cubica g(x) = x3 e della retta r : y = 1 x sono immediati e la gura 7 mostra con evidenza che questi dovranno intersecarsi in un unico punto P avente ascissa ]0, 1[ in quanto r interseca lasse delle x in un punto di ascissa 1. La dimostrazione di ci` o si pu` o ottenere denendo la funzione h(x) = 3 g(x) (1 x) = x + x 1.

1 P O 1

Fig. 7. Graco di y = x3 e di y = 1 x.

Poich e risulta h(0) = 1 e h(1) = 2 1 = 1, il teorema degli zeri applicato alla funzione continua h assicura lesistenza di almeno un valore ]0, 1[ dove h() =

418

Esame 2009 PNI: problema 2

0 ossia dove g() = 1 . Daltra parte la derivata prima ` e h (x) = 3x2 + 1 > 0 x R e quindi pure in [0, 1] per cui la funzione h ` e monotona strettamente crescente in tale intervallo e ci` o permette di concludere che il valore sia unico. Isolata la radice, applichiamo il metodo di bisezione a partire dallintervallo [0, 1] calcolando inizialmente la funzione f nel punto medio xM = 0,5: si trova f (xM ) = 0,375 < 0 per cui potremo ridurre linsieme cui appartiene allintervallo [0,5, 1]. Procedendo secondo questo schema si ottengono via via i valori dati o osservare che, a meno di 0,1, debba nella tabella seguente e dalla quale si pu` essere 0,6 in quanto dalla quinta iterazione la prima cifra decimale appare denita. n 1 2 3 4 5 a 0 0,5 0,5 0,625 0,625 b 1 1 0,75 0,75 0,6875 xM 0,5 0,75 0,625 0,6875 0,65625 h(xM ) -0,375 0,17187 -0,130859 0,0124512 0,0611267

3. Linversa della g(x) = x3 ` e evidentemente g1 (x) = 3 x e i loro punti di intersezione coincidono con lintersezione di g con la retta di equazione y = x, asse della simmetria che lega i graci di g e g1 . Ne segue lequazione x3 = x risolta da x = 0 e x = 1. Pertanto la regione D del I quadrante ` e quella rappresentata in g. 8 e compresa tra lorigine del sistema cartesiano ed il punto (1, 1).
y = x3 1 B M O y=x Fig. 8. Graco di y = x3 e di y = x e regione D. D A 1 y= x

Unapprossimazione migliore risulta 0,6823.

Larea si ottiene dal calcolo dellintegrale


1

A(D) = 2 (x x3 ) dx
0

Esame 2009 PNI: problema 2

419

dove il fattore 2 ` e dovuto alla simmetria della regione D rispetto alla bisettrice. Si ottiene quindi A(D) = 2 x4 x2 2 4
1 0

= x2

x4 2

1 0

=1

1 1 = . 2 2

4. Per determinare larea massima delle sezioni ottenute con piani perpendicolari alla bisettrice ` e suciente determinare il valore massimo raggiunto dal segmento AB = 2 AM (g. 8), base dei rettangoli sezione e ci` o in quanto le altezze di tali rettangoli sono tutte uguali. Si tratta quindi di determinare la distanza massima del punto di g, A(x, x3 ), dalla bisettrice y = x. La distanza di un punto (x0 , y0 ) dalla retta di equazione y = mx + q ` e d= |y0 (mx0 + q )| 1 + m2

per cui la funzione distanza d dal punto A ` e |x3 (x)| d= = AM 1 + 12 con 0 x 1.

Lultima condizione permette di valutare il segno dellargomento del valore assoluto che risulta x3 x = x(x2 1) < 0: la funzione distanza pu` o quindi assumere una forma algebrica pi` u semplice quale d= La sua derivata prima ` e 1 d = (1 3x2 ) 0 2 = 1 3x2 0
1 3

x3 + x . 2

x2

1 , 3

1 x e il suo segno ` e positivo quando 3

(g. 9).
1

1 3

Fig. 9. Segno di d .

420

Esame 2009 PNI: quesito 1

x Fig. 10. Alcune sezioni del solido W (non in scala).

La sezione di area massima si ha in corrispondenza del punto 1 1 Amax , 3 ( 3)3 1 1 , 3 3 3

e la sua distanza massima dalla bisettrice ` e 1 AM = 2 Ne segue che larea cercata ` e 16 2 A(sezione max) = 12 2 AM = 24 = 6,5320. 3 6 6 Poich e il solido (che si pu` o classicare come un cilindroide, g. 10) lo si pu` o considerare equivalente ad un prisma avente la base equivalente alla regione D e con la medesima altezza, il volume richiesto sar` a espresso dalla formula V = A h con A area di base e h altezza del solido. Ne segue quindi V (W) = A(D) h = 1 12 = 6. 2 1 1 3 3 3 2 = . 3 6

Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Si tratta di dimostrare che


b

|x a| dx = a2 + b2

0 < a < b x [b, b].

(1)

Esame 2009 PNI: quesito 1


Poich e la funzione integranda si pu` o suddividere come x a, se x a 0, ossia x a |x a| = (x a) = x + a, se x a < 0, ossia x < a,
b b a b

421

(2)

lintegrale (1) si spezza per la propriet` a additiva in |x a| dx =

essendo nel primo addendo la x < a e nel secondo x a. Il calcolo di ciascun addendo comporta i risultati
a

(x a) dx + (x a) dx
a

(3)

(x a) dx = =

x2 ax 2
2

a b

a a2 + 2 b2 a2 + + ab, = 2 2 x2 ax 2
b a

b2 + ab 2

mentre
a

(x a) dx =

a2 b2 ab a2 = 2 2 a2 b2 + ab, = 2 2 per cui la (3) fornisce


b b

|x a| dx =

a2 b2 + + ab + 2 2

b2 a2 + ab 2 2

= a 2 + b2

che costituisce il risultato aspettato.


y = x + a

y =xa

Fig. 1. Trapezoide.

422

Esame 2009 PNI: quesito 2

Linterpretazione geometrica su un piano cartesiano Oxy si ottiene riportando il graco della funzione integranda y = |x a| (di equazioni (2)) e che consiste in a una spezzata formata dalle semirette y = x a e y = x + a (g. 1). Lintegrale d` larea della regione evidenziata e questa pu` o ottenersi pure come somma delle aree dei due triangoli rettangoli isosceli aventi i cateti rispettivamente di lunghezza b a e a (b) = a + b. Larea quindi discende semplicemente dalla A= 1 1 (b a)(b a) + (a + b)(a + b) 2 2 1 1 2 = (b + a2 2ab) + (a2 + b2 + 2ab) 2 2 = a 2 + b2 .

Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 2. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Poich e il pavimento ` e ricoperto da mattonelle tutte uguali, la probabilit` a p richiesta si pu` o ottenere come rapporto tra le aree della regione interna di una mattonella permessa dalle condizioni del quesito e larea totale di una mattonella.
r

l Fig. 1. Mattonella quadrata e posizioni moneta.

Anch e la moneta non si disponga sopra i lati della mattonella stessa, posto d = 2r il diametro della moneta, d = 25,75 mm = 2,575 cm e l = 10 cm, la regione permessa ` e a sua volta un quadrato di lato l 2r = l d (in verde chiaro nella g. 1), in quanto il centro delle monete deve cadere ad una distanza dai lati superiore a r . Utilizzando la denizione classica di probabilit` a p= (l d)2 Area permessa = Area totale l2

Esame 2009 PNI: quesito 6


si ottiene p= (10 2,575)2 0,5513. 102

423

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 4. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 5. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Il procedimento di Newton o delle tangenti per determinare numericamente la soluzione dellequazione f (x) = 0 consiste nelliterazione della funzione xn+1 = xn f (xn ) f (xn )

a partire da un punto x0 prossimo alla radice cercata. Poich e x0 = 3 e f (x) = sen x, tale metodo dovr` a convergere necessariamente al valore , essendo il valore pi` u prossimo a 3 (g. 1) e risultando pure sen( ) = 0.

O 3

Fig. 1. Funzione seno e punto iniziale del metodo di Newton (non in scala).

Posto quindi x0 = 3 e notato che f (x) = cos x si ottiene nella prima iterazione x1 = 3 mentre la seconda fornisce x2 = 3,14255 sen(3,14255) 3,14159. cos(3,14255) sen 3 = 3 tg 3 3,14255, cos 3

424

Esame 2009 PNI: quesito 7

Appare ora evidente come, dopo solo due iterazioni, si ottenga il valore aspettato con una approssimazione che dierisce da per un valore inferiore a 3 106 . Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 7. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Sia u il numero degli uomini ed ei , con i [1, u], let` a di ciascun uomo. Analogamente con d indichiamo il numero delle donne e fi (i [1, d]) let` a di ciascuna donna. In base ai dati del problema e per la denizione di media aritmetica potremo scrivere
u d

ei 26 = Daltra parte ` e pure


u d i=1

fi , 19 =
i=1

d fi

(1)

ei + 22 =
i=1 i=1

u+d

(2)

per cui, ricavando la somma delle et` a dei due gruppi dalle prime due di (1)
u i=1 d

ei = 26 u,

i=1

fi = 19 d

e sostituendole nella (2), si ottiene 22 = 26u + 19d . u+d

Da questa discende facilmente il rapporto richiesto 22u + 22d = 26u + 19d e quindi u/d = 3/4. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 9. = 3d = 4u

Esame 2009 PNI: quesito 10


Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito)

425

La proposizione ` e una conseguenza della accettazione del V Postulato della geometria euclidea. Questo aerma che, per un punto esterno ad una retta passa ununica retta parallela alla data ed ` e stato oggetto di intense discussioni in quanto si riteneva di poterlo dedurre come teorema dai precedenti quattro postulati. Il fallimento di tali tentativi (in particolare dellitaliano Giovanni Girolamo Saccheri) condusse alla consapevolezza della sua indipendenza e quindi, assumendo come postulato una sua negazione, si poterono costruire delle nuove geometrie, le geometrie non euclidee. In particolare J. Bolyai e N. Lobacevskij assunsero come postulato che per un punto esterno ad una data retta passino almeno due rette distinte e parallele ad una data. In tal modo costruirono la geometria iperbolica. B. Riemann invece assume che per un punto esterno non passi alcuna retta parallela e in tal modo fond` o la geometria ellittica. Si veda pure il quesito 7 dellesame 2008 PNI per altre note su tale argomento.

ESAME 2010

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Problema n. 1 Sia ABCD un quadrato di lato 1, P un punto di AB e la circonferenza di centro P e raggio AP . Si prenda sul lato BC un punto Q in modo che sia il centro di una circonferenza passante per C e tangente esternamente a . 1. Se AP = x, si provi che il raggio di in funzione di x ` e dato da f (x) = 1x . 1+x 2. Riferito il piano ad un sistema di coordinate Oxy , si tracci, indipendentemente dalle limitazioni poste ad x dal problema geometrico, il graco di f (x). La funzione f (x) ` e invertibile? Se s` , quale ` e il graco della sua inversa? 1x , x R; quale ` e lequazione della retta tangente al 3. Sia g(x) = 1+x graco di g(x) nel punto R(0, 1)? E nel punto S (1, 0)? Cosa si pu` o dire della tangente al graco di g(x) nel punto S ? 4. Si calcoli larea del triangolo mistilineo ROS , ove larco RS appartiene al graco di f (x) o, indierentemente, di g(x). Soluzione

Problema n. 2 Nel piano, riferito a coordinate cartesiane Oxy , si consideri la funzione f denita da f (x) = bx (b > 0, b = 1). 1. Sia Gb il graco di f (x) relativo ad un assegnato valore di b. Si illustri come varia Gb al variare di b. 2. Sia P un punto di Gb . La tangente a Gb in P e la parallela per P allasse y intersecano lasse x rispettivamente in A e in B . Si dimostri che, qualsiasi sia P , il segmento AB ha lunghezza costante. Per quali valori di b la lunghezza di AB ` e uguale a 1?

Esame 2010: quesito 7

427

3. Sia r la retta passante per O tangente a Ge (e = numero di Nepero ). Quale ` e la misura in radianti dellangolo che la retta r forma con il semiasse positivo delle ascisse? 4. Si calcoli larea della regione del primo quadrante delimitata dallasse y , da Ge e dalla retta dequazione y = e. Soluzione

Questionario

1. Sia p(x) un polinomio di grado n. Si dimostri che la sua derivata n-esima ` e (n) n p (x) = n!an dove an ` e il coeciente di x . Soluzione

2. Siano ABC un triangolo rettangolo in A, r la retta perpendicolare in B al piano del triangolo e P un punto di r distinto da B . Si dimostri che i tre triangoli P AB , P BC , P CA sono triangoli rettangoli. Soluzione

3. Sia il graco di f (x) = e3x + 1. Per quale valore di x la retta tangente a in (x, f (x)) ha pendenza uguale a 2? Soluzione

1 4. Si calcoli: lim 4x sen . x x

Soluzione

5. Un serbatoio ha la stessa capacit` a del massimo cono circolare retto di apotema 80 cm. Quale ` e la capacit` a in litri del serbatoio? Soluzione

6. Si determini il dominio della funzione f (x) =

cos x. Soluzione

428

Esame 2010: problema 1

7. Per quale o quali valori di k la funzione h(x) = ` e continua in x = 4? Soluzione 3x2 11x 4, kx2 2x 1, x4 x>4

8. Se n > 3 e

n , n1 qual ` e il valore di n?

n , n2

n n3

sono in progressione aritmetica, Soluzione

9. Si provi che non esiste un triangolo ABC con AB = 3, AC = 2 e ABC = 45 . Si provi altres` che se AB = 3, AC = 2 e ABC = 30 , allora esistono due triangoli che soddisfano queste condizioni. Soluzione 10. Si consideri la regione limitata da y = x, dallasse x e dalla retta x = 4 e si calcoli il volume del solido che essa genera ruotando di un giro completo intorno allasse y . Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. Il punto P appartiene al lato AB del quadrato con lati di lunghezza unitaria AB = BC = CD = AD = 1 (g. 1). Posto AP = x tale variabile deve soddisfare alle condizioni 0 x 1 mentre, detto F il punto di tangenza tra le circonferenze e ed r il raggio incognito di , si ha r = CE = EF . Il triangolo P BE ` e rettangolo in B per cui il teorema di Pitagora fornisce la relazione tra i suoi lati 2 2 2 P E = P B + BE (1) che dovremo esplicitare in termini di x ed r . Difatti, essendo P F = AP risulta P E = P F + EF = AP + EF = x + r mentre P B = AB AP = 1 x e BE = BC CE = 1 r .

Esame 2010: problema 1


D C E F

429

x P B Fig. 1. Quadrato e circonferenze tangenti.

Sostituendo questi risultati nella (1) si ha (x + r )2 = (1 x)2 + (1 r )2, sviluppando i quadrati e ridotti i termini simili x2 + r 2 + 2rx = 1 + x2 2x + 1 + r 2 2r 2rx + 2r = 2 2x 2r (x + 1) = 2(1 x) r= 1x x+1 con da cui inne

x + 1 = 0,

condizione che, per la positivit` a di x, ` e comunque certamente soddisfatta. 2. Dato che il testo chiede di studiare la funzione ottenuta indipendentemente dalle condizioni geometriche si tratta di ottenere il graco della funzione f (x) = 1x 1+x (2)

con lunica condizione x + 1 = 0 cio` e x R {1}. Tale funzione ` e comunque conosciuta in quanto rientra nellambito delle funzioni omograche y= ax + b cx + d (3)

che si ottengono per traslazione di una iperbole equilatera riferita ai propri asintoti. Il graco di f ` e pertanto uniperbole equilatera e lo si pu` o determinare non appena siano noti gli asintoti di f ed un suo punto. Con riferimento alla forma

430

Esame 2010: problema 1

generale (3) lasintoto orizzontale ha equazione y = a/c mentre quello verticale si ottiene dalla condizione cx + d = 0 che implica x = d/c. Nel caso di f si ha, rispettivamente y = 1/1 = 1 e x = 1. Poich e f (0) = 10 =1 1+0

e, notato pure che f interseca lasse delle x del sistema Oxy in x = 1, il graco ne discende immediatamente (g. 2).

y=x

1 x = 1 O 1 y = 1

Fig. 2. Graco della funzione f (x) = (1 x)/(1 + x).

Anch e una funzione f : A B sia invertibile deve essere sia suriettiva che iniettiva: nel primo caso, poich e linsieme B di arrivo non ` e stato denito esplicitamente lo si suppone coincidente con il codominio che per la funzione assegnata coincide con il dominio ossia A = B = R {1}. Dimostriamo invece liniettivit` a rifacendoci alla denizione stessa x1 , x2 A, x1 = x2 = f (x1 ) = f (x2 ),

o, pi` u facilmente, alla sua contronominale x1 , x2 A, Supposto quindi x1 , x2 A si ha f (x1 ) = f (x2 ) = 1 x1 1 x2 = : 1 + x1 1 + x2 f (x1 ) = f (x2 ) = x1 = x2 .

Esame 2010: problema 1

431

moltiplicando entrambi i membri per il denominatore comune (1+ x1 )(1+ x2 ) = 0 discende (1 x1 )(1 + x2 ) = (1 x2 )(1 + x1 ) 1 + x2 x1 x1 x2 = 1 + x1 x2 x1 x2 per cui, dopo un facile riarrangiamento dei termini, si giunge a 2x2 = 2x1 ed inne x2 = x1 . Essendo ci` o valido x1 , x2 A la funzione f risulta iniettiva e suriettiva: ` e pertanto invertibile e il graco della sua inversa f 1 si ottiene da quello studiato con una simmetria assiale di asse y = x. Poich e comunque il graco di f ` e quello di uniperbole equilatera e questultima ` e simmetrica rispetto allasse focale, asse che coincide nel nostro caso con la retta di equazione y = x, il graco di f 1 coincide con il graco di f rappresentato nella g. 2. Volendo invece ricavare esplicitamente x = f 1 (y ) dobbiamo risolvere lequazione (2) una volta che si sia posto y = f (x). Segue che y= 1x 1+x = y (1 + x) = 1 x = x(1 + y ) = 1 y

e, dividendo per 1 + y si ottiene x= 1y = f 1 (y ). 1+y

Applicata alla precedente la simmetria di asse y = x x = y y = x si giunge alla y = 1 x = f 1 (x ) 1 + x

che, a parte il nome alle variabili, coincide con la (2). 3. Innanzitutto deduciamo il graco di g(x) = 1x , 1+x xR (4)

in quanto in tale contesto sono applicabili le osservazioni che si possono fare al riguardo di funzioni date nella forma g(x) = |f (x)|. Supposto noto il graco di y = f (x) la g(x) si riscrive come g: g(x) = f (x), se f (x) 0 g(x) = f (x), se f (x) < 0.

432

Esame 2010: problema 1

Il suo graco si pu` o ottenere dallunione del graco di y = f (x) per i valori del dominio dove f (x) 0, con il graco di y = f (x) quando sia f (x) < 0. Questultimo si deduce ancora da quello noto eseguendo, nellinsieme che soddisfa la disequazione f (x) < 0, una simmetria assiale di asse x. In denitiva il graco della funzione (4) si ottiene ribaltando quello di f (x) nei punti del dominio dove f (x) < 0 cio` e per x < 1 o x > 1, mentre coincide con quello di f (x) l` a dove f (x) 0 cio` e 1 < x 1 (nella g. 3 sono riportate in blu le parti del graco di f (x) ribaltate rispetto allasse x).

y=x

y=1 x = 1 O

R(0, 1)

S (1, 0)

Fig. 3. Graco della funzione g (x) = |(1 x)/(1 + x)|.

Lequazione della tangente t in R(0, 1) si ottiene determinandone il coeciente angolare per cui va calcolata la derivata prima g (x) = f (x) = e quindi t : y f (0) = g (0)(x 0) = y1= 2 1(1 + x) (1 x) = (1 + x)2 (1 + x)2 1<x1 2 x 1+0

ossia t : y = 2x + 1. Nel punto S (1, 0) la tangente non esiste essendo evidentemente un punto angoloso. Difatti la tangente alla funzione originaria f (x) in tale punto risulta tS : y f (1) = f (1)(x 1) = 1 y = (x 1), 2

coincidente con la tangente sinistra di g(x) in S . La tangente destra nel medesimo punto si ottiene applicando a tS la simmetria assiale di asse x che collega f (x) con la g(x), ma ci` o fornisce un coeciente angolare opposto al precedente e quindi una diversa retta tangente.

Esame 2010: problema 1


Formalmente il rapporto incrementale di g nel punto S (1, 0) risulta g(1 + h) g(1) | h| 1 11h 1 = = h h 1+1+h h |2 + h| per cui il suo limite sinistro risulta lim 1 h 1 1 1 | h| = lim = lim = h |2 + h| h0 h |2 + h| h0 |2 + h| 2

433

h0

mentre quello destro fornisce | h| 1 1 1 h 1 = lim = lim = . h0+ h |2 + h| h0+ h |2 + h| h0+ |2 + h| 2 lim Il punto S ` e quindi un punto angoloso essendo dotato solo di derivata destra e sinistra dierenti ma esso ` e privo di derivata e di retta tangente. 4. Larea richiesta, visualizzata in giallo nella g. 3, si ottiene dallintegrale denito 1 1x dx. (5) A(ROS ) = 0 1+x Per risolverlo conviene riscrivere la funzione integranda scomposta in una somma eseguendo il rapporto dei due polinomi che la compongono. Ci` o si pu` o ottenere con la classica procedura di divisione dei due polinomi come mostrato sotto x +x +1 +1 +2 x+1 1

oppure con il metodo di Runi oppure con la seguente riscrittura del numeratore 1 x + (1 1) (1 x) + 2 2 1x = = = 1 + . 1+x 1+x 1+x 1+x Si pu` o quindi suddividere lintegrale (5) in
1

A(ROS ) =

1x dx = 1+x
1 1 0

1 0

1 +

2 dx 1+x (6)

dx + 2
0

dx 1+x

e quindi risolvere gli integrali indeniti dx = x + c

434 e dx = 1+x

Esame 2010: problema 2


dt = ln |t| + c = ln |1 + x| + c t

dove si ` e posto in questultimo t = 1 + x. Lintegrale (6) assume quindi il valore


1 A(ROS ) = [x]1 0 + 2[ln |1 + x|]0 = 1 + 2 ln 2 0,3863.

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. Sia f (x) = bx con b > 0 b = 1. Se b > 1 il graco Gb richiesto ` e quello della funzione esponenziale a base maggiore di 1 e tale graco ` e noto (g. 1).
y f (x) = b
x

b>1 b = 5/2 b = 7/2 b=6 1

O Fig. 1. Graci della funzione f (x) = bx con b > 1.

La funzione ` e sempre positiva, monot` ona strettamente crescente e, agli estremi del dominio R, possiede i limiti
x

lim f (x) = 0

x+

lim f (x) = +.

Interseca lasse y del sistema Oxy nel punto (0, 1) e se x > 0 e b2 > b1 risulta pure (b2 )x > (b1 )x . Viceversa se x < 0. Se invece 0 < b < 1, il graco Gb ` e rappresentato dalla g. 2. Da esso appare evidente la monotonia decrescente della funzione f (x), i limiti
x

lim f (x) = +

x+

lim f (x) = 0,

e il fatto che, nellipotesi che sia x < 0 e b1 < b2 , allora ` e anche (b1 )x > (b2 )x (viceversa se x > 0).

Esame 2010: problema 2


y f (x) = bx 0 < b < 1 b = 2/5 b = 2/7 b = 1/6 1

435

Fig. 2. Graci della funzione f (x) = bx con 0 < b < 1.

2. Posto P (x0 , bx0 ) Gb , il punto B avente la medesima ascissa di P ` e B (x0 , 0) mentre per determinare A dobbiamo prima ottenere lequazione della retta tangente t in P alla funzione f (x) = bx (g. 3). Questa si scrive come t : y f (x0 ) = f (x0 ) (x x0 ) ma essendo f (x) = bx ln b risulta t : y bx0 = bx0 ln b (x x0 ).
y f (x) = bx t : y = bx ln b (x x0 ) + bx P (x0 , bx ) 1

(1)

O B

Fig. 3. Graco della funzione f (x) = bx e retta tangente in P .

Lascissa di A si ottiene ponendo nella precedente y = 0 da cui lequazione nellincognita x 0 bx0 = bx0 ln b (x x0 ).

436

Esame 2010: problema 2

Dividendo per bx0 si ottiene 1 = x ln b x0 ln b ed inne x = x0 per cui le coordinate di A(xA , 0) sono A x0 La lunghezza del segmento AB risulta AB = |xB xA | = x0 x0 1 ln b = 1 1 = ln b | ln b | (3) 1 ,0 . ln b (2) 1 , ln b

che, data la sua indipendenza da x0 , dimostra quanto richiesto, ossia la costanza della lunghezza del segmento AB . Se poi AB = 1 la (3) implica 1= 1 | ln b | = = | ln b | = 1.

Questa d` a origine alle due possibilit` a: ln b > 0 ln b = 1 oppure ln b = 1 = b=e

3. Per giungere alla retta r tangente al graco Ge di f (x) = ex e passante per lorigine O ` e suciente imporre la condizione xA = 0 ossia che A O (g. 4).
y Ge : f (x) = ex r :y =ex

1 ln b < 0 = ln b = 1 = b = e1 = ln b = 1 e entrambe compatibili con le condizioni b > 0 b = 1.

AO 1 x

Fig. 4. Graco della funzione f (x) = ex e retta tangente in P (1, e).

Esame 2010: quesito 1


Dalla (2), considerato che b = e discende xA = x0 1 = x0 1 ln e

437

cosicch e xA = 0 implica x0 = 1. Ripresa lequazione (1) della generica tangente t, per le condizioni b = e e x0 = 1 la si riporta alla r : y e1 = e1 ln e(x 1) = e x. Tenuto conto che il coeciente angolare mr di una retta r rappresenta la tangente goniometrica dellangolo che tale retta forma con il semiasse positivo delle x, possiamo inne scrivere tg = mr = tg = e = = arctg e 1,2183 rad.

4. La regione della quale si chiede larea ` e evidenziata in giallo nella g. 4. Come gi` a visto nel punto precedente la retta y = e interseca la funzione f (x) = ex nel punto di ascissa unitaria: difatti ex = e solo se x = 1. Larea richiesta ` e compresa x tra le due funzioni y = e e f (x) = e per cui si deduce dallintegrale denito
1

A= che si scompone in
1

(e ex ) dx

1 0 0

A= Poich e

(e ex ) dx = e dx

ex dx.

dx = x + c, si ha in denitiva

ex dx = ex + c

0 A = [e x ex ]1 0 = e e (0 e ) = 0 + 1 = 1.

Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Assegnato il polinomio di grado n, p(x) = an xn + an1 xn1 + + a2 x2 + a1 x + a0 ,

438

Esame 2010: quesito 2

conviene riscriverlo nella forma pi` u compatta utilizzando il simbolo di sommatoria


n

p(x) =
i=0

ai xi .

La sua derivata prima ` e p (x) = n an xn1 + (n 1)an1 xn2 + + 2a2 x + a1 che, in forma compatta, risulta
n

p (x) =
i=1

i ai x i 1

dove lindice i parte ora da 1 in quanto la derivata del termine di indice nullo, cio` e della costante a0 , ` e nulla. Allo stesso modo la derivata seconda risulta p (x) = n(n 1)an xn2 + (n 1)(n 2)an1 xn3 + + 2a2
n

=
i=2

i(i 1)ai xi2

con lindice i aggiornato al valore iniziale 2. Tutto ci` o ci permette di riconoscere come la derivata k-esima si possa scrivere
n

(k )

(x) =
i =k

i(i 1)(i 2) (i k + 1)ai xik

e dove la somma coinvolge n k + 1 addendi. Se k = n, la precedente somma si riduce invece allunico termine p(n) = n(n 1)(n 2) 2 1 an = n! an dove, per la denizione di fattoriale, si ` e posto n! = n(n 1)(n 2) 2 1. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Poich e la retta r (g. 1) ` e perpendicolare al piano nel suo punto B di incidenza, essa ` e perpendicolare ad ogni retta appartenente a passante per il piede B , in

Esame 2010: quesito 2


r P

439

Fig. 1. Triangolo ABC e retta r .

particolare con le rette BC e BA. Pertanto P BC ` e retto in B cos` come P BA. Inoltre, essendo ABC retto in A, risulta che CA AB e, per quanto appena detto, AB P B . Il teorema delle tre perpendicolari aerma che se dal piede di una retta perpendicolare ad un piano si conduce la perpendicolare ad una qualunque retta dello stesso piano, questultima retta ` e perpendicolare al piano delle prime due

Pertanto tracciata dal piede B di r la retta BA perpendicolare alla retta AC , questultima risulta perpendicolare al piano individuato da r e BA ossia AC ` e perpendicolare al piano di P BA. Abbiamo quindi che pure P AC ` e retto nel vertice A ossia AC AP . Una dimostrazione alternativa fa invece uso del teorema di Pitagora. Difatti applicando tale teorema a ABC possiamo dedurre che ABC = BC = AB + AC .
2 2 2

(1)

Notata la perpendicolarit` a di r rispetto a qualsiasi retta del piano passante per B , sono rettangoli in B pure P BA e P BC . Pertanto si ha P BA P BC
2

= =
2

P B = P A AB
2 2

(2) (3)

P C = P B + BC .
2 2 2

Sostituendo (1) e (2) in (3) si ottiene P C = P A AB


2 2 2

+ AB + AC
2 2

= P A AB + AB + AC = P A + AC
2

440

Esame 2010: quesito 3

per cui vale il teorema di Pitagora pure per P AC che quindi ` e rettangolo in A. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) La pendenza della retta tangente ad una funzione reale di variabile reale di domino R com` e f (x) = e3x +1 in un generico punto (x, f (x)) del suo graco , ` e espressa dalla derivata f (x). Pertanto, poich e risulta f (x) = 3 e3x , basta porre f (x) = 2 da cui discende lequazione 3e3x = 2 = e3x = 2 . 3

Prendendo il logaritmo di entrambi i membri si giunge al valore di x richiesto 3x = ln 2 3 = x= 2 1 ln . 3 3

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) 1 (1) x ` e evidentemente un caso di indeterminazione in quanto, trattate separatamente le due funzioni a fattore, risulta
x

Il limite assegnato

lim 4x sen

lim 4x =

lim sen

1 = lim sen t = 0 x t0

1 dove si ` e posto t = 1/x e considerato pure che limx x = 0. La funzione ad argomento di (1) va quindi riscritta in altre forme identicamente equivalenti. Pertanto notata lidentit` a

4x sen

sen(1/x) 1 =4 , x 1/x

appare conveniente confermare la sostituzione t = 1/x cosicch e il limite proposto si riscrive come sen t 1 . lim 4x sen = lim 4 x t 0 x t Ricordato il limite fondamentale
x0

lim

sen x =1 x

Esame 2010: quesito 5

441

dove x ` e dato in radianti, possiamo applicare il teorema del prodotto di limiti e concludere che 1 sen t lim 4x sen = lim 4 = 4 1 = 4. x x t0 t Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Si tratta di determinare tra tutti i coni circolari retti di dato apotema, quello avente volume massimo. Riferendoci alla g. 1, poniamo V il vertice del cono, H il piede della sua altezza e A un punto qualsiasi della circonferenza di base. Lapotema misura pertanto V A = 80 cm mentre poniamo laltezza V H = x. Le sue limitazioni sono quindi 0 x 80 cm.
V

V A = 80 cm x

Fig. 1. Cono e sue dimensioni.

Il raggio di base si ottiene facilmente con il teorema di Pitagora AH = V A V H = 802 x2 e quindi il volume V risulta 1 2 AH V H = (802 x2 ) x = (802 x x3 ) 3 3 3 0 x 80. V (x) = (1)
2 2 2

Lindividuazione del massimo di tale funzione passa attraverso lo studio del segno della sua derivata prima V = cio` e 802 3x2 0 le cui soluzioni sono 80 80 x 3 3 = 80 0x 3 = x2 802 3x2 0 3 802 3

442
0 V
80 3

Esame 2010: quesito 6


80

Fig. 2.

avendo considerato in questultima le limitazioni di origine geometrica della variabile x. La rappresentazione graca di tale segno (g. 2) mette in evidenza la crescenza e decrescenza del volume: questo raggiunge il massimo assoluto in corrispondenza di xM = 80/ 3. Il volume corrispondente si ottiene sostituendo tale valore in (1) V (xM ) = 80 3 2 2 2 3 3 3 = 80 = 80 = 803 cm3 3 27 3 3 9 3 3 206.370, 06 cm = 206.370 103 l = 206,37 l 802 3 802 3

e dove si ` e utilizzato il rapporto tra il litro e il cm3 ossia 1 cm3 = 103 l. In denitiva la capacit` a richiesta appare essere di circa 206 litri. Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) Il dominio di f (x) = cos x discende immediatamente non appena si ponga la condizione di esistenza della radice quadrata che ` e cos x 0. Questa disequazione rientra nellambito delle disequazioni goniometriche standard ed ` e soddisfatta dai valori dellinsieme + 2k x + 2k, 2 2 kZ

che quindi costituisce pure il dominio della funzione f data. I punti della circonferenza goniometrica che la soddisfano appaiono nella g. 1.

2 Fig. 1.

Esame 2010: quesito 8


Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) La funzione h ` e denita dalla coppia di equazioni h(x) = 3x2 11x 4, kx2 2x 1, x4 x>4

443

e possiede evidentemente dominio coincidente con R in quanto ciascun polinomio in cui appare diviso il dominio ` e calcolabile senza alcuna particolare restrizione. La funzione h ` e inoltre denita a tratti per cui conviene studiarne il comportamento in intorni dei punti di raccordo cio` e, nel caso in esame, per x = 4. La richiesta di continuit` a implica poi che tali limiti siano uguali e pari al valore h(4). Pertanto il limite sinistro ` e
x4

lim 3x2 11x 4 = h(4) = 3 42 11 4 4 = 0

(1)

in quanto la funzione ad argomento del limite ` e rappresentata da un polinomio di II grado, funzione che considerata a s e stante ` e continua in tutto R. Il limite destro invece appare
x4+

lim kx2 2x 1 = k 42 8 1 = 16k 9.

(2)

Come detto la continuit` a richiede che


x4

lim h(x) = lim h(x) = h(4)


x4+

per cui dai precedenti limiti (1) (2) discende 0 = 16k 9 = k= 9 . 16

Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Onde riportare gli elementi forniti dal testo alla scrittura canonica per le successioni poniamo an 1 = n n1 an 2 = n n2 an3 = n , n3 n > 3.

Lessere in progressione aritmetica signica che la dierenza tra un elemento della successione e il precedente (o il successivo) ` e un valore costante d (la cosiddetta ragione ). Ne segue che tra i tre elementi della progressione assegnata devono sussistere le relazioni an 1 an 2 = d = an 2 an 3

444 e, in particolare devessere an1 an2 = an2 an3 .

Esame 2010: quesito 8

(1)

Tenuto conto delle posizioni iniziali si deduce dalla precedente lequazione nellincognita n n n n1 n2 = n n n2 n3 n>3

che, per la denizione di coeciente binomiale n k si esplicita nella (n > 3) n! n! (n 1)!(n n + 1)! (n 2)!(n n + 2)! n! n! = + . (n 2)!(n n + 2)! (n 3)!(n n + 3)! Poich e vale la propriet` a del fattoriale tale che n! = n(n 1)! e ricorsivamente = n! , k!(n k)!

(2)

n! = n(n 1)(n 2)! n! = n(n 1)(n 2)(n 3)!, i numeratori della (2) diventano n(n 1)! n(n 1)(n 2)! (n 1)!(+1)! (n 2)!(+2)! n(n 1)(n 2)! n(n 1)(n 2)(n 3)! + = (n 2)!(+2)! (n 3)!(+3)! e quindi semplicando l` a dove possibile si giunge alla n n(n 1) n(n 1) n(n 1)(n 2) = 2 2 6

che, dividendo per n, si riduce ulteriormente alla 1 n 1 n2 3n + 2 n1 = . 2 2 6

Esame 2010: quesito 9

445

Moltiplicando per 6 e ridotti i termini simili si ottiene inne lequazione di II grado n2 9n + 14 = 0 n>3 che possiede le soluzioni n= 9 95 7 81 56 = = 2. 2 2

Tra questi, per la condizione n > 3, risulta accettabile solo il valore n = 7. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Del triangolo ABC vengono assegnate le misure di due lati, AB = 3 e AC = 2, e lampiezza dellangolo ABC = 45 e questultimo non ` e quello compreso tra i due lati. Tra i vari casi che si possono presentare nellambito della cosiddetta risoluzione di un triangolo riconosciamo quindi il caso LLA (Lato-Lato-Angolo), caso che pu` o presentare due, una o nessuna soluzione.* Riscritte le condizioni in base alle convenzioni solite per gli elementi di un triangolo, c = 3, b = 2, = 45 (g. 1, in rosso gli elementi assegnati), lapplicazione del teorema dei seni comporta AC AB = sen sen =
s D C

b c = sen sen

b=2

= 45 B

c=3

Fig. 1. Elementi assegnati di un triangolo.

da cui, esplicitato il sen e sostituendo i valori dati, si ottiene sen = c sen 3 3 = sen 45 = > 1. b 2 2 2 (1)

* Si veda per una trattazione completa della risoluzione del triangolo la pagina web http://www.lorenzoroi.net/mathematica.html#risoluzione.

446

Esame 2010: quesito 9

In alternativa, la costruzione geometrica (g. 1) della situazione prospettata mostra chiaramente come non possa esistere tale triangolo. Difatti, denito il segmento AB e tracciata una semiretta s di origine B che formi con AB un angolo = 45 , la circonferenza di centro A e raggio pari a 2 non interseca in alcun punto la semiretta s in quanto AD > AC , essendo D il piede della perpendicolare per A a tale semiretta. Il calcolo esplicito di AD si ottiene osservando come AD sia un cateto di ADB rettangolo in D . Ne segue AD = AB sen 45 = 3

Poich e tale equazione non pu` o avere soluzioni essendo il codominio della funzione seno lintervallo [1, 1], non esiste alcun triangolo con le caratteristiche assegnate.

2 > 2, 2

risultato che conferma la costruzione geometrica. Se invece = 30 allora dalla (1) discende che sen = c sen 3 = sen 30 b 2 = sen = 3 1 3 = , 2 2 4

equazione che, date le restrizioni geometriche per gli angoli di un triangolo (le ampiezze devono essere minori di ) fornisce i due valori seguenti 1 = arcsen 3 4 48,59 oppure 2 = arcsen 3 4 131,4 .

Esistono quindi due triangoli con le caratteristiche assegnate: in corrispondenza del primo valore lampiezza del terzo angolo ` e 1 = 1 = arcsen mentre se 2 = arcsen(3/4) abbiamo 2 = 2 = + arcsen 3 4 18,59 . 3 4 101,4 ,

Se = 30 la costruzione geometrica si modica: in particolare la semiretta s interseca ora la circonferenza di centro A in due punti, C1 e C2 (g. 2) in quanto 3 e AD = AB sen 30 = 3 1 la sua distanza AD da A ` 2 = 2 < 2. In corrispondenza esistono i due triangoli: ABC1 e ABC2 con gli angoli aventi le ampiezze determinate in precedenza.

Esame 2010: quesito 10


C1 s D b=2

447

C2 = 30

c=3

Fig. 2. Triangoli con elementi assegnati.

Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Lequazione assegnata, y = x, rappresenta una funzione di dominio R+ il cui graco ` e un arco di parabola. Difatti, posto x 0 e y 0 ed elevando al quadrato entrambi i membri, lequazione ` e equivalente alla x = y 2 che rientra nelle equazioni canoniche delle parabole con asse di simmetria orizzontale e coincidente con x e con vertice nellorigine del sistema Oxy (g. 1).
y y= 2 S R x x = 4 O Fig. 1. Graco di y = x. x=4 A x

La regione R delimitata da questarco, dalla retta di equazione x = 4, retta che lo interseca nel punto A(4, 4) (4, 2) e dallasse x ` e evidenziata in giallo nel primo quadrante del sistema Oxy . Essa genera nella sua rotazione completa attorno allasse y un solido il cui volume si pu` o ottenere come dierenza tra il volume di un cilindro Vcil avente raggio di base r = 4 ed altezza pari allordinata di A, yA = 2, e il volume VS del solido di rotazione della regione S (in verde nella g. 1) compresa tra lasse y , larco di parabola di equazione x = y 2 e la retta y = 2. Si ha pertanto V = Vcil VS . (1) Il primo termine ` e immediato e fornisce il valore Vcil = (r 2 )yA = (4)2 2 = 32 (2)

448

Esame 2010: quesito 10

mentre il volume VS si ottiene con la formula che fornisce i volumi dei solidi di rotazione una volta che si consideri come asse di integrazione lasse delle ordinate. Poich e nel nostro caso ` e x = f (y ) = y 2 discende che
yA 2 0

VS =

[f (y )]2 dy = (y 2 )2 dy,

ed essendo il corrispondente integrale indenito y 4 dy = si ottiene VS = y5 + c, 5 32 . 5

y5 5

=
0

Ripresa la relazione tra i volumi (1) e il risultato (2), otteniamo in conclusione V = 32 1 32 = 32 1 5 5 = 32 4 5 = 128 . 5

ESAME 2010 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Problema n. 1 Nella gura che segue ` e riportato il graco di g(x) per 2 x 5 essendo g la derivata di una funzione f . Il graco consiste di tre semicirconferenze con 1 9 , 0 e raggi rispettivi 2, 1, 2 . centri in (0, 0), (3, 0), 2
2 1

1 1

a) Si scriva unespressione analitica di g(x). Vi sono punti in cui g(x) non ` e derivabile? Se s` , quali sono? E perch e? b) Per quali valori di x, 2 < x < 5, la funzione f presenta un massimo o un minimo relativo? Si illustri il ragionamento seguito.
x

c) Se f (x) =

g(t) dt, si determini f (4) e f (1).


2

d) Si determinino i punti in cui la funzione f ha derivata seconda nulla. Cosa si pu` o dire sul segno di f (x)? Qual ` e landamento qualitativo di f (x)? Soluzione

Problema n. 2 Nel piano riferito ad un sistema Oxy di coordinate cartesiane siano assegnate le parabole dequazioni: y 2 = 2x e x2 = y . a) Si disegnino le due parabole e se ne determinino le coordinate dei fuochi e le equazioni delle rispettive rette direttrici. Si denoti con A il punto dintersezione delle due parabole diverso dallorigine O.

450

Esame 2010 PNI: quesito 1


b) Lascissa di A ` e 3 2; si dica a quale problema classico dellantichit` a ` e legato tale numero e, mediante lapplicazione di un metodo iterativo di calcolo, se ne trovi il valore approssimato a meno di 102 . c) Sia D la parte di piano delimitata dagli archi delle due parabole di estremi O e A. Si determini la retta r , parallela allasse x, che stacca su D il segmento di lunghezza massima. d) Si consideri il solido W ottenuto dalla rotazione di D intorno allasse x. Se si taglia W con piani ortogonali allasse x, quale forma hanno le sezioni ottenute? Si calcoli il volume di W. Soluzione

Questionario

1. Sia p(x) un polinomio di grado n. Si dimostri che la sua derivata n-esima ` e (n) n p (x) = n!an dove an ` e il coeciente di x . Soluzione

2. Siano ABC un triangolo rettangolo in A, r la retta perpendicolare in B al piano del triangolo e P un punto di r distinto da B . Si dimostri che i tre triangoli P AB , P BC , P CA sono triangoli rettangoli. Soluzione

3. Sia r la retta dequazione y = ax tangente al graco di y = ex . Quale ` e la misura in gradi e primi sessagesimali dellangolo che la retta r forma con il semiasse positivo delle ascisse? Soluzione

4. Si calcoli con la precisione di due cifre decimali lo zero della funzione f (x) = 3 x + x3 1. Come si pu` o essere certi che esiste un unico zero? Soluzione

Esame 2010 PNI: quesito 10

451

5. Sia G il graco di una funzione x f (x) con x R. Si illustri in che modo ` e possibile stabilire se G ` e simmetrico rispetto alla retta x = k. Soluzione

6. Si trovi lequazione cartesiana del luogo geometrico descritto dal punto P di coordinate (3 cos t, 2 sen t) al variare di t, 0 t 2 . Soluzione

7. Per la ricorrenza della festa della mamma, la sig.ra Luisa organizza una cena a casa sua, con le sue amiche che hanno almeno una glia femmina. La sig.ra Anna ` e una delle invitate e perci` o ha almeno una glia femmina. Durante la cena, la sig.ra Anna dichiara di avere esattamente due gli. Si chiede: qual ` e la probabilit` a che anche laltro glio della sig.ra Anna sia femmina? Si argomenti la risposta. Soluzione

8. Se n > 3 e

n , n1 qual ` e il valore di n?

n , n2

n n3

sono in progressione aritmetica, Soluzione

9. Si provi che non esiste un triangolo ABC con AB = 3, AC = 2 e ABC = 45 . Si provi altres` che se AB = 3, AC = 2 e ABC = 30 , allora esistono due triangoli che soddisfano queste condizioni. Soluzione

10. Si consideri la regione R delimitata da y = x, dallasse x e dalla retta x = 4. 4 Lintegrale 2x x dx fornisce il volume del solido: a) generato da R nella rotazione intorno allasse x; b) generato da R nella rotazione intorno allasse y ;
0

452

Esame 2010 PNI: problema 1

c) di base R le cui sezioni con piani perpendicolari allasse x sono semicerchi di raggio x; d) nessuno di questi. Si motivi esaurientemente la risposta. Soluzione Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) a) Indicati con O C1 (0, 0), C2 (3, 0), C3 ( 9 2 , 0) i centri delle tre circonferenze di raggi rispettivamente r1 = 2, r2 = 1 e r3 = 1 2 (g. 1), le equazioni delle circonferenze 1 , 2 e 3 sono 9 1 + y2 = . 2 2 Onde ottenere le equazioni delle semicirconferenze rappresentate nella g. 1, dalla prima e dalla terza equazione esplicitiamo la variabile y considerando che, delle due soluzioni dellequazione, va tenuta quella positiva. Abbiamo quindi che 1 : x2 + y 2 = 4, 2 : (x 3)2 + y 2 = 1, 3 : x s1 : y = 4 x2 s3 : y = 9 1 x 4 2
2 2 2

(1)

mentre per la seconda semicirconferenza sono i punti con ordinata negativa quelli che la descrivono s2 : y = 1 (x 3)2 . (2)
2 1 C2 3 2 1 O 1 Fig. 1. Graco della funzione g (x). 1 2 3 4 C3 5

Tenuto conto degli intervalli di esistenza delle gura stessa, lespressione per la g(x) risulta 4 x2 , y = 2 g : y = 1 (x 3) , y = 1 x 9 2,
4 2

singole funzioni e deducibili dalla se 2 x 2 se 2 < x 4 se 4 < x 5.

Esame 2010 PNI: problema 1

453

Tale funzione ` e manifestamente continua nellintervallo [2, 5] mentre non potr` a avere la derivata nei punti interni corrispondenti ad x = 2 e x = 4 in quanto qui la tangente ` e verticale e, per lo stesso motivo, non potr` a esistere la derivata destra in x = 2 e quella sinistra in x = 5. La dimostrazione di tale aermazione discende dal calcolo dei rapporti incrementali: difatti il rapporto incrementale destro in x = 2 risulta 4 (2 + h)2 0 4h h2 g(2 + h) g(2) = = . h h h Il suo limite per h 0+ ` e quindi 4h h2 4h h2 4 = lim 1 = + = lim lim 2 h0+ h0+ h0+ h h h in quanto limh0+ 4/h = + e dove si ` e tenuto conto che, per h > 0, ` e pure o esistere h = h2 . Non esistendo nito il limite del rapporto incrementale non pu` la derivata. Nello stesso modo il limite del rapporto incrementale di g nellintorno sinistro di x = 2 vale 4 4h h2 0 g(2 + h) g(2) = lim = lim 1 = lim h 0 h 0 h0 h h h 2 in quanto, per h < 0, ` e h = h . Nemmeno in x = 2 esiste quindi la derivata dato che non esiste gi` a la derivata sinistra. Con osservazioni analoghe, nellintorno sinistro di x = 4 si ha (h = h2 ) 1 (4 + h 3)2 0 2h h2 2 lim 1 = + = lim = lim h0 h0 h0 h h h e, ancora, nellintorno sinistro di 5 si ottiene 1 9 2 0 h h2 1 4 5+h 2 lim = lim = lim 1 = . h0 h0 h0 h h h b) Poich e si chiedono i valori di x in corrispondenza dei quali la funzione f assume valori estremi (e g(x) ` e la sua derivata), ` e suciente, in base al teorema sulla monotonia delle funzioni derivabili studiare il segno della derivata prima ossia il segno di g(x). Siccome in ] 2, 5[ e in base al graco proposto risulta g(x) 0 per 2 x 2 o 4 x 5 mentre g(x) < 0 se 2 < x < 4 (g. 2), la funzione f presenta un massimo relativo in x = 2 ed un minimo relativo in corrispondenza dellascissa x = 4.
2 2 4 5

Fig. 2. Segno di g , derivata della funzione f .

454

Esame 2010 PNI: problema 1

c) Denita la f come la funzione integrale di g(x) ossia


x

f (x) =

g(t) dt
2

il calcolo di f (4) e di f (1) si pu` o eseguire ricordando il signicato geometrico dellintegrale denito e senza dover passare attraverso lintegrazione esplicita delle varie funzioni componenti la g(x). Questultima comunque, comporterebbe il calcolo di integrali indeniti del tipo r 2 x2 d x gi` a trattati in altri contesti. In base alla propriet` a additiva dellintegrale denito, il calcolo di
4

f (4) = si pu` o scomporre nella somma


2

g(t) dt
2

f (4) =
2

g(t) dt +
2

g(t) dt.

` ora suciente ricordare che lintegrale denito esprime larea (o il suo opposto) E della regione compresa tra il graco di una funzione sempre positiva (o negativa), lasse x e le rette parallele allasse y corrispondenti agli estremi di integrazione. Nel caso in esame il primo addendo fornisce larea A(s1 ) (g. 3) del semicerchio di raggio 2 e centro O delimitato dalla semicirconferenza s1 : il secondo addendo d` a invece lopposto dellarea A(s2 ) del semicerchio di centro C2 e raggio unitario e ci` o in quanto la funzione ` e negativa. Abbiamo quindi
2 1 C2 O 1 1 2 3 A(s2 ) 4 C3 5

A(s1 ) 3 2 1

Fig. 3. Aree delle semicirconferenze s1 e s2 .

Esame 2010 PNI: problema 1


1 2 1 2 1 1 3 r r = 22 12 = . 2 1 2 2 2 2 2

455

f (4) = A(s1 ) A(s2 ) =

(3)

Il calcolo di f (1) si riporta a quello dellarea della regione evidenziata in g. 4 e si pu` o ottenere come somma delle aree del triangolo rettangolo in colore verde chiaro e del settore circolare giallo. Poich e il triangolo ha base unitaria e ipotenusa pari a r1 = 2, lampiezza dellangolo corrispondente al vertice O ` e di 3 e la sua area 1 3 risulta A() = 2 1 2 sen 3 = 2 .
2 1 3 2 1 O 1 Fig. 4. Area della regione che esprime il valore f (1). 1 2 C2 3 4 C3 5

Ne segue che langolo al centro che individua il settore ` e pari a 2 3 per cui larea totale del trapezoide ` e in denitiva 3 1 2 f (1) = A() + A(sett) = + r1 2 2 (4) 3 1 2 3 4 2 + 2 = + . = 2 2 3 2 3 d) Per determinare i punti dove si annulla la derivata seconda di f non ` e necessario calcolare esplicitamente tale derivata in quanto questi si possono riconoscere dallandamento della g(x). Difatti essendo la f (x) nientaltro che la g (x) ` e suciente individuare i punti dove g(x) presenta rette tangenti orizzontali. Segue che le ascisse di questi punti sono quelle dei centri O, C2 e C3 , delle tre semicirconferenze ossia x = 0, x = 3 e x = 9 2. Circa il segno della f (x) possiamo dedurlo ancora una volta in base allinterpretazione geometrica dellintegrale denito gi` a richiamata ossia come area (o somma di aree) con segno del trapezoide delimitato dalla funzione g e dalla retta x = t con 2 t 5. Pertanto se x = 2 risulta f (2) =
2 2

g(t)dt = 0,

456

Esame 2010 PNI: problema 1

mentre, allaumentare di x tra 2 e 2, larea del trapezoide aumenta progressivamente cosicch e f (x) risulta crescente in questo intervallo. In particolare se x = 1 si presenta la situazione di g. 5 e, data la simmetria rispetto alla situazione discussa con x = 1, il valore che ne discende si ottiene come dierenza tra larea del semicerchio di centro O e f (1) dato dallespressione (4): vale quindi 1 2 f (1) = A(s1 ) f (1) = r1 f (1) 2 3 4 3 1 2 2 = 2 + = . 2 2 3 3 2
2 1 C2 3 2 1 O 1 Fig. 5. Interpretazione geometrica di f (1). 1 2 3 4 C3 5

Seguono poi i valori: f (0) = 1 1 2 1 A(s1 ) = r1 = 22 = 2 4 4

pari alla met` a dellarea di A(s1 ) o ad un quarto di cerchio, e f (2) = A(s1 ) = 2. Se 2 < x 4 il valore di f (x) ` e, per la propriet` a additiva dellintegrale denito, somma di f (2) con lopposto dellarea del trapezoide denito dalla retta x = t e dalla semicirconferenza di centro C2 (g. 6). Pertanto la funzione f raggiunto il massimo in x = 2 inizier` a a diminuire in quanto si viene a sommare un valore negativo ma crescente in valore assoluto. In particolare se x = 3 (g. 6) si ha
3 2 3

f (3) =

g(t) dt =
2

g(t) dt +
2 2 3

g(t) dt

= f (2) +
2

g(t) dt

1 2 1 7 1 = 2 12 = . = 2 A(s2 ) = 2 r2 2 4 4 4

Esame 2010 PNI: problema 1


2 1 C2 3 2 1 O 1 Fig. 6. Interpretazione geometrica di f (3). 1 2 3 4 C3 5

457

In corrispondenza di x = 4 la f raggiunger` a quindi il valore gi` a determinato f (4), (3), e questo valore costituisce pure il minimo di f in quanto allaumentare di x in ]4, 5] si viene a sommare larea positiva del trapezoide denito dalla semi9 si presenta la situazione di g. 7 che circonferenza s3 . In particolare se x = 2 comporta il valore 9 f 2 =
9 2

g(t) dt =

g(t) dt +
2 4

9 2

g(t) dt

3 1 1 2 = f (4) + A(s3 ) = + r3 2 2 4 2 1 1 25 3 = . = + 2 4 2 16

Inne il valore allestremo destro x = 5 ` e dato da


5 4 5

f (5) =

g(t) dt =
2

g(t) dt +
2 4

g(t) dt

= f (4) + A(s3 ) = 3 1 + 2 2 13 . = 8 1 2

Riassumendo landamento descritto nora in base ad osservazioni geometriche e coerente con lo studio del segno di g(x) (punto b), abbiamo che f ` e monot` ona crescente in [2, 2] e in [4, 5] monot` ona decrescente in ]2, 4]. In x = 2 raggiunge un massimo assoluto, un minimo relativo in x = 4 con tre essi in corrispondenza di x = 0, x = 3 e in x = 9 2.

458
2 1

Esame 2010 PNI: problema 1

C2 3 2 1 O 1 Fig. 7. Interpretazione geometrica di f


9 2

4 C3 5

2
13 8

y = f (x)

3 2

punti di esso

Fig. 8. Andamento qualitativo della funzione f .

Landamento qualitativo ` e fornito dalla g. 8 mentre quello numerico dalla tabella che segue. x 2 1 0 1 2 3 4
9 2 2 3 4 3

f (x) +
3 2 3 2

2
7 4 3 2 26 16 13 8

Esame 2010 PNI: problema 2


Problema n. 2: soluzione. (testo del problema)

459

a) Indicate le due parabole con p1 : y 2 = 2x e p2 : y = x2 , queste si intersecano sia nellorigine O che rappresenta pure il vertice per entrambe che nellulteriore punto A che si deduce dallequazione (x2 )2 = 2x ottenuta eliminando la variabile y dalle due equazioni rappresentative. Accanto ad x = 0, lequazione precedente si riduce alla x3 = 2 da cui la soluzione xA = 3 2: e individuato dalle coordinate risulta di conseguenza yA = 3 4 e quindi il punto A ` 3 A( 2, 3 4). Riportata p1 alla forma canonica x = ay 2 + by + c, p1 : x = 1 y 2 , ed osservato che 2 il suo asse di simmetria coincide con lasse delle x, le coordinate del suo fuoco F1 e lequazione della direttrice d1 si ottengono rispettivamente dalle F1 Risulta che F1 1 b , , 4a 2a 1 ,0 , 2 d1 : x = 1 . 4a 1 1 1 = . 2 4 2

10 1 ,0 4 2

x=

La parabola p2 invece possiede fuoco F2 e direttrice d2 F2 0, 1 , 4 1 d2 : y = . 4

I loro graci sono riportati in g. 1.

y = x2

y2 x= 1 2

Fig. 1. Graci di p1 : x = 1 y 2 e p2 : y = x2 . 2

460

Esame 2010 PNI: problema 2

2) Il numero 3 2 ` e si pu` o porre in relazione al problema della duplicazione del cubo ossia alla costruzione, con i mezzi della geometria euclidea cio` e con riga e compasso, del lato L di un cubo che abbia volume doppio di un altro cubo di lato l assegnato. Difatti, supposto di disporre del lato l di un cubo, si dovr` a determinare il segmento L tale che 3 L3 = 2 l3 ossia, algebricamente, L = 2 l. Posto l = 1 si ottiene L = 3 2. Questo problema, assieme al problema della trisezione di un angolo qualsiasi e a quello della quadratura del cerchio, ` e uno dei tre problemi classici della geometria greca e rimase insoluto no alla prima met` a del 1800. Considerato che ciascun passo di una costruzione con riga e compasso implica la determinazione di un punto di intersezione tra due rette o tra una retta e una circonferenza o tra due circonferenze, Pierre Wantzel nel 1837 dimostr` o che con tali mezzi il problema non ammette soluzione. Per fornire una stima del valore = 3 2 deniamo la funzione f (x) = x3 2 in quanto questa ammette come soluzione dellequazione f () = 3 2 = 0 proprio il numero . Osservata la continuit` a di f in quanto espressa da un polinomio, la positivit` a della sua derivata f (x) = 3x2 > 0 x = 0 e, vericato che la funzione assuma agli estremi valori di segno opposto, f (1) = 1 < 0 e f (2) = 8 2 = 6 > 0, possiamo in base al teorema degli zeri essere certi della presenza in [1, 2] di almeno una radice e, per la monotonia (strettamente crescente) assicurata dal segno di f (x), della sua unicit` a. Possiamo quindi applicare il metodo delle tangenti o di Newton per stimare il valore di soprattutto perch e tale metodo assicura una convergenza pi` u rapida del pi` u semplice metodo di bisezione. Tale metodo numerico consiste nel partire da un valore iniziale x0 prossimo al valore che si vuole determinare e quindi sostituendolo nellespressione xn+1 = xn f (xn ) f (xn ) (1)

ottenere una prima stima x1 . Tale processo va poi iterato nch e si raggiunge lapprossimazione voluta. Poich e come detto f (x) = 3x2 la (1) si riscrive xn+1 = xn x3 n2 = g(xn ) 3x2 n

per cui partendo da x0 = 1 questa fornisce x1 = g(x0 ) = 1 (1) 4 12 =1 = 1,33. 31 3 3

Esame 2010 PNI: problema 2


Il valore x2 ` e x2 = g(x1 ) =
4 2 4 182 = 3 1,26389. 2 4 3 144 3 3 3

461

Procedendo ulteriormente si ottengono i valori riassunti nella tabella seguente dove si riporta pure la dierenza tra il valore ottenuto ad ogni passo e il valore precedente. n 0 1 2 3 4 xn 1 1,33333 1,26389 1,25993 1,25992 xn+1 1,33333 1,26389 1,25993 1,25992 1,25992 xn+1 xn +0,33333 0,06944 0,00396 0,00001 0,00000

Come si pu` o notare gi` a per n = 2 i valori dieriscono per meno di un centesimo: pertanto se poniamo = 1,259 lerrore di tale stima sar` a certamente minore di 102 . c) Rappresentata pi` u in dettaglio la regione D compresa tra le due parabole (in giallo nella g. 2), sia y = k lequazione di un fascio di rette orizzontali che interseca p1 nel punto a soddisfare innanzitutto la P e p2 in Q. Il parametro k dovr` e i punti P e Q appartengano agli archi di parabola condizione 0 k 3 4 ach che delimitano la regione D.
p2 : y = x2 4 A y2 p1 : x = 1 2

y=k

P Q

Fig. 2. Regione D compresa tra p1 e p2 .

Con tali limitazioni lascissa del punto P discende immediatamente come soluzione del sistema y = k 2x = y 2 = 2x = k2 = xP = k2 2

462

Esame 2010 PNI: problema 2

mentre quella di Q (di valore positivo o nullo) risulta y = k y = x2 = x2 = k = k2 2 xQ = k.

La lunghezza del segmento P Q ` e allora P Q = |xQ xP | = xQ xP = k 0k 3 4.

Per individuare il valore di k che corrisponde alla massima lunghezza di P Q studiamo la derivata prima della funzione f (k) = Risulta k2 k 2 0k 3 4.

1 1 2k k 1 2k3/2 f (k) = k = = , 2 k 2 k 2 k

per cui lo studio del segno f (k) 0 implica la disequazione 1 2k3/2 0 = k3/2 1 . 2

1 Tenendo conto della positivit` a di k, lultima disequazione ` e equivalente alla k3 4 3 cosicch e lestrazione della radice cubica fornisce inne le soluzioni k 1/ 4. 3) appare evidente la presenza di un Riportando gracamente tale segno (g. 3 massimo in corrispondenza di k = 1 / 4. La retta richiesta possiede pertanto lequazione y = 1/ 3 4.

1/ 4 Fig. 3. Segno di f (k).

d) La rotazione di D attorno allasse x genera il solido di g. 4 e dove la supercie esterna appare quella di un paraboloide che ` e la supercie che si ottiene dalla rotazione di una parabola attorno al proprio asse di simmetria. Le sezioni di tale solido con piani perpendicolari allasse x si possono individuare anche riprendendo la regione D e considerando le sue sezioni bidimensionali ot tenute con il fascio di rette x = t quando sia 0 t 3 2 (g. 5). A seconda del valore di t queste rette deniscono, intersecando D, punti o segmenti. In particolare se t = 0 la regione D si riduce al solo punto origine O che, nella rotazione attorno allasse x, ha per immagine s e stesso.

Esame 2010 PNI: problema 2

463

Fig. 4. Solido W generato dalla rotazione di D attorno allasse x.

p2 : y = x2 4 R A

p1 : y =

2x

S O x=t 2

Fig. 5. Regione D e segmento sezione RS .

Se invece 0 < t < 3 2 i punti comuni tra le rette del fascio e D formano un segmento RS (in verde nella g. 5). Questo, nella rotazione attorno allasse x, genera invece una corona circolare (g. 6a). Inne se t = 3 2 ci si riduce al punto A che, nella rotazione, genera una circonferenza di raggio pari alla sua ordinata, 3 4 (in rosso nella g. 6b). Il volume di W si pu` o calcolare sia determinando la funzione A(x) rappresentativa dellarea di una sua generica sezione (appunto una corona circolare) e quindi integrando tale funzione tra gli estremi 0 e 3 2 oppure interpretando il volume richiesto come dierenza di due solidi: quello generato dalla regione delimitata 3 dalla parabola p1 , dallasse x e dalla retta x = 2 (in giallo e verde in g. 5), con quello, pi` u interno, generato dalla rotazione della regione denita dallarco di p2 , dallasse x e dalla retta x = 3 2 (in verde in g. 5). Nel primo caso larea A(x) della corona si ottiene come dierenza tra il cerchio di raggio maggiore pari allordinata di yR di R (g. 5), con larea del cerchio interno di raggio yS = x2 . Esplicitata la variabile y dallequazione di p1 risulta

464

Esame 2010 PNI: problema 2

a)

b)

Fig. 6. Solido W: a) sezione corona circolare, b) sezione circonferenza.

yR =

2x per cui
2 2 A(corona) = (yR )2 (yS )2 = yR yS

= 2x x4 .
3

Il volume ` e allora
2 3 2 0

V (W) = e quindi, essendo

A(x) dx =

(2x x4 ) dx

(2x x4 ) dx = 2 x dx x4 dx = x2 risulta
2 x5 3 = ( 2)2 V (W) = x2 5 0 1 3 3 = 22 25 5 2 3 3 3 3 4 4 = 4. = 5 5 3

x5 +c 5

2 5

In alternativa, il volume del solido generato dallarco di parabola p1 ` e espresso dallintegrale 3 3 2 2 2 2x dx, 2x dx = V1 =
0 0

Esame 2010 PNI: quesito 3


mentre quello generato dalla regione compresa tra p2 e lasse x risulta
3 2

465

V2 = Pertanto

x
0

2 2

dx =
0 3 2

x4 dx.
3 0

V (W) = V1 V2 =

2x dx

x4 dx

che manifestamente conduce ai medesimi integrali indeniti e quindi si risolve come il precedente. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 1. Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 2. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Sia r : y = ax la retta per lorigine del sistema Oxy tangente al graco della funzione esponenziale y = ex (g. 1).
y r: y = ax

y = ex O

1 x

Fig. 1. Retta r: y = ax e graco di y = ex .

Per determinare langolo tra r e il semiasse positivo delle x va ripreso il signicato di coeciente angolare di una retta in forma esplicita. Poich e questultima grandezza esprime in generale la tangente goniometrica dellangolo che la retta

466

Esame 2010 PNI: quesito 4

forma con il semiasse positivo delle ascisse, con le nostre notazioni devessere a = tg . Va perci` o determinato il coeciente angolare a. A tal ne possiamo utilizzare le condizioni che assicurano la tangenza di due generiche curve rappresentate dalle equazioni y = f (x) e y = g(x), condizioni che si traducono in un sistema di due equazioni: la prima equazione deriva dal fatto che un punto di tangenza ` e pure un punto di intersezione tra i rispettivi graci ossia devessere soddisfatta lequazione f (x) = g(x). La seconda comporta che in tale punto di intersezione i graci delle due funzioni abbiano la medesima retta tangente cio` e il medesimo coeciente angolare: deve valere quindi pure f (x) = g (x). Nel nostro caso queste condizioni si traducono nel sistema f (x) = g(x) f (x) = g (x) = ex = ax ex = a

dove le incognite sono a e x. Sostituendo la seconda nella prima discende a = ax e poich e possiamo supporre a = 0 (di certo la retta r non ` e parallela allasse x, g. 1), otteniamo x = 1, ascissa del punto di tangenza. Ne segue che a = e1 = e che ` e pure lordinata del medesimo punto. Ripreso il signicato di coeciente angolare tg = a abbiamo, in denitiva tg = e da cui = arctg e 69,8025 = 69 48 09 .

Questo quesito ` e simile alla domanda 3 del secondo problema assegnato nel corso di Ordinamento 2010. Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) La funzione f (x) = 3 x + x3 1 ha come dominio R ed essendo somma di funzioni continue risulta in tale insieme pure continua. In particolare lo ` e nellintervallo [0, 1] dove agli estremi assume i valori 3 f (0) = 1 < 0, f (1) = 1 + 13 1 = 1 > 0. Per il teorema degli zeri possiamo quindi essere certi dellesistenza in [0, 1] di almeno una soluzione dellequazione f (x) = 0. Poich e la derivata prima di f ` e 1 f (x) = + 3x2 3 3 x2 x = 0, (1)

e risulta che f (x) > 0 x ]0, 1[, la funzione f ` e monot` ona strettamente crescente in [0, 1] per cui non vi potr` a essere pi` u di uno zero dellequazione f (x) = 0. Difatti se x1 e x2 fossero due radici tali quindi da soddisfare contemporaneamente alle f (x1 ) = f (x2 ) = 0 con x1 = x2 (sia, per esempio, x2 > x1 ), ci` o contraddirebbe la propriet` a di monotonia in quanto questa implica invece f (x2 ) > f (x1 ).

Esame 2010 PNI: quesito 4

467

Possiamo quindi essere certi dellesistenza di ununica radice nellintervallo [0, 1] e per la sua determinazione approssimata possiamo applicare il metodo delle tangenti o di Newton. Pertanto ripresa la relazione che ne sta alla base xn+1 = xn f (xn ) , f (xn ) (2)

e sostituendovi la funzione e la (1) abbiamo xn+1 = xn 3 xn + x3 n1 = g(xn ). (3)

1 + 3x2 n 3 3 x2 n

Scelto il valore con x0 = 0,5 per la prima iterazione si ottiene x1 = 0,5 3 0,5 + (0,5)3 1 1 + 3(0,5)2 = g(0,5) 0,563558.

3 3 (0,5)2

Introdotto tale risultato nella (3), la seconda applicazione del metodo d` a x2 = g(0,563558) 0,560100, mentre il terzo passo fornisce x3 = g(0,560100) 0,560088. Questi risultati, assieme alla dierenza xn+1 xn , sono riportati nella tabella seguente e mostrano come una stima numerica con tre cifre decimali corrette della radice richiesta sia = 0,560. n 0 1 2 xn 0,5 0,563558 0,560100 xn+1 0,563558 0,560100 0,560088 xn+1 xn +0,0635582 0,0034578 0,0000112

468 Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2010 PNI: quesito 5

Determiniamo innanzitutto le equazioni della simmetria assiale avente come asse la retta x = k e che lega le coordinate di un generico punto P (x, y ) del piano con quelle della sua immagine P (x , y ) simmetrica rispetto alla retta.

P (x, y )

P (x , y )

x=k Fig. 1. Asse di simmetria x = k di un insieme di punti.

In riferimento alla gura 1, lappartenenza del punto medio M del segmento P P alla retta di equazione x = k implica le condizioni xM = x + x =k 2 = x = x + 2k y = y.

Pertanto le equazioni di tale simmetria sono k : x = x + 2k y = y. (1)

La funzione di equazione y = f (x) con x R avr` a un graco G simmetrico rispetto alla retta x = k quando limmagine G di G coincide con G stesso ossia, formalmente, k : G G = G. In tali ipotesi si dice pure che G ` e unito rispetto a tale trasformazione. In ogni caso le equazioni rappresentative di G e G dovranno avere le medesime soluzioni x R. Poich e lequazione rappresentativa dellimmagine si ottiene sostituendo nella y = f (x) le espressioni della trasformazione inversa
1 k :

x = x + 2k y = y,

si ha y = f (x + 2k) e poich e il nome delle incognite di una equazione non ne altera le soluzioni, possiamo riscrivere questultima pure come y = f (x + 2k). La simmetria di G implica ora che questa equazione coincida con quella originaria e ci` o accade se ` e soddisfatta lidentit` a y = f (x) y = f (x + 2k) = f (x + 2k) = f (x) x R.

Esame 2010 PNI: quesito 7


Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito)

469

Le coordinate del punto P (x, y ) sono date in forma parametrica ossia tramite due equazioni dipendenti ciascuna da un parametro t appartenente allintervallo chiuso t [0, 2 ]. In particolare : x = 3 cos t y = 2 sen t 0 t 2. (1)

Per determinare il luogo conviene esplicitare la relazione che lega direttamente x con y eliminando la dipendenza dal parametro t. Nel caso proposto ci` o si ottiene se riscriviamo le (1) come x = cos t 3 y = sen t. 2

Dallidentit` a fondamentale cos2 t + sen2 t = 1 discende quindi cos2 t + sen2 t = 1 ossia viene descritto da = x 3
2

y 2

=1

x2 y2 + = 1. 9 4 Questultima equazione rientra nella forma canonica delle ellissi con centro nellorigine. In particolare essa rappresenta unellisse con semiasse maggiore orizzontale di lunghezza 3 e un semiasse verticale pari a 2. I vertici di questa ellisse sono quindi i punti A(3, 0), B (0, 2), C (3, 0), D (0, 2) (g. 1). :
B (0, 2)

C (3, 0) D(0, 2)

A(3, 0)

Fig. 1. Ellisse con semiassi 3 e 2 e centrata nellorigine.

Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Dato che sappiamo che la sig.ra Anna possiede due gli dei quali almeno una femmina, la probabilit` a che pure laltra glia sia femmina si pu` o ottenere in base alla denizione classica di probabilit` a come rapporto tra i casi favorevoli

470

Esame 2010 PNI: quesito 8

(entrambi i gli sono femmine) con il numero dei casi possibili. Questi non possono che essere i seguenti: caso 1. Primo glio femmina, secondo glio maschio (lo indichiamo come F M ), caso 2. Primo glio femmina, secondo glio femmina (F F ), caso 3. Primo glio maschio, secondo glio femmina (M F ). I casi possibili sono quindi 3 e, va sottolineato, possiedono ciascuno la medesima probabilit` a di vericarsi cio` e sono equiprobabili. Levento favorevole ` e comunque F F . Pertanto la probabilit` a richiesta ` e P = 1/3. (In mancanza dellinformazione sullesistenza di una glia femmina, leventualit` a che su due gli si abbia un maschio e una femmina, M F F M , possiede invece probabilit` a doppia rispetto a M M e F F ). Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 8. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e uguale a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 9. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Osservato che la funzione y = x possiede come graco un arco di parabola compreso nel I quadrante in quanto pu` o scriversi come x = y 2 con x, y R+ e, individuata la regione R (in giallo nella g. 1), analizziamo dapprima se lintegrale assegnato 4 (1) 2x x dx
0

rientri in uno dei casi contemplati dal quesito.


y 2 S O R 4 x A y= x

Fig. 1. Arco di parabola p e regione R.

Esame 2010 PNI: quesito 10

471

Nel caso a) lintegrale che fornisce il volume del solido generato da R nella rotazione attorno allasse x ` e espresso dalla
4

dx =
0

x dx

(2)

e appare ben diverso da (1). Nel caso b) il volume del solido generato con una rotazione attorno allasse y si potr` a ottenere come dierenza tra il volume del cilindro Vcil di altezza pari allordinata del punto A(4, 2) e raggio di base pari a xA , con il volume VS del solido generato dalla regione S (in verde nella g. 1). Per inciso, il calcolo qui richiesto coincide con quello proposto nel quesito 10 dellesame di Ordinamento 2010 cui si rimanda per i particolari. Tenuto conto che la y = x diviene x = y 2 se la si considera come funzione della variabile y , abbiamo Vcil VS = (xA )2 yA
2 0

y2

dy.

(3)

Comunque pure questo appare diverso dallintegrale (1). 2 ( x) ` Inne, se A(x) = 1 e larea del semicerchio sezione di R con piani 2 perpendicolari allasse x e raggio x, lintegrale del caso c) assumerebbe la forma
4 0 4 0 1 2 x dx

A(x) dx =

(4)

ancora una volta diverso da (1). Va osservato che, in tali ipotesi, la regione R non ` e la base di tale solido ma ne ` e a sua sezione. Lo sarebbe volta solo una solo se il raggio dei semicerchi fosse pari a x/2 e quindi x fosse la misura del diametro. Comunque le osservazioni sopra si basano solo sulla forma analitica dellintegrale e non permettono di individuare con certezza la risposta corretta. Converr` a quindi calcolare esplicitamente i diversi integrali in modo da confrontare direttamente il valore numerico da essi fornito. e Innanzitutto il valore dellintegrale (1) proposto `
4 0

2x x dx = 2
0

3/2

x5/2 dx = 2 5/2
4 0

4 0

2 = 2 x5/2 5

128 4 . = 45/2 = 5 5

(5)

Nel caso a), il volume del solido di rotazione attorno x ` e dato da (2) e risulta
4

dx =
0

x dx =

x2 2

=
0

128 42 = 8 = 2 5

472

Esame 2010 PNI: quesito 10

Possiamo certamente escludere quindi la risposta a). b) Il volume del solido di rotazione si deduce dallintegrale (3) per cui (si veda pure il quesito 10 di Ordinamento)
2

Vcil VS = (xA )2 yA = 42 2
2 0

y2
0

dy y5 5
2 0

y 4 dy = 32

128 32 = 32 = 5 5 e quindi coincide con il valore di (5). La risposta corretta ` e quindi b) e lintegrale denito (1) esprime pertanto il volume del solido generato da R in una rotazione completa attorno allasse y . a c) In questultimo caso il volume si ottiene dallintegrale (4) che d`
4 0 1 x dx 2

1 x2 2 2

=
0

128 2 4 = 4 = 4 5

ancora diverso dal valore aspettato di (5).

ESAME 2011

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Problema n. 1 Si considerino le funzioni f e g denite, per tutti gli x reali, da: f (x) = x3 4x e g(x) = sen x.

1. Fissato un conveniente sistema di riferimento cartesiano Oxy , si studino f e g e se ne disegnino i rispettivi graci Gf e Gg . 2. Si calcolino le ascisse dei punti di intersezione di Gf con la retta y = 3. Successivamente, si considerino i punti di Gg a tangente orizzontale la cui ascissa ` e compresa nellintervallo [6; 6] e se ne indichino le coordinate. 3. Sia R la regione del piano delimitata da Gf e Gg sullintervallo [0; 2]. Si calcoli larea di R. 4. La regione R rappresenta la supercie libera dellacqua contenuta in una vasca. In ogni punto di R a distanza x dallasse y la misura della profondit` a dellacqua nella vasca ` e data da h(x) = 3 x. Quale integrale denito d` a il volume dellacqua? Supposte le misure in metri, quanti litri di acqua contiene la vasca? Soluzione

Problema n. 2 Sia f la funzione denita sullinsieme R dei numeri reali da f (x) = (ax + b)e 3 + 3 dove a e b sono due reali che si chiede di determinare sapendo che f ammette un massimo nel punto dascissa 4 e che f (0) = 2. 1. Si provi che a = 1 e b = 1. x 2. Si studi su R la funzione f (x) = (x 1)e 3 + 3 e se ne tracci il graco nel sistema di riferimento Oxy .
x

474

Esame 2011: quesito 1


3. Si calcoli larea della regione di piano del primo quadrante delimitata da , dallasse y e dalla retta y = 3. 4. Il protto di una azienda, in milioni di euro, ` e stato rappresentato nella tabella sottostante designando con xi lanno di osservazione e con yi il corrispondente protto. Anno xi yi 2004 0 1,97 2005 1 3,02 2006 2 3,49 2007 3 3,71 2008 4 3,80 2009 5 3,76 2010 6 3,65

Si cerca una funzione che spieghi il fenomeno dellandamento del protto giudicando accettabile una funzione g denita su R+ se per ciascun xi oggetto dellosservazione, si ha: |g(xi ) yi | 101 . Si verichi, con laiuto di una calcolatrice, che ` e accettabile la funzione f del punto 2 e si dica, giusticando la risposta, se ` e vero che, in tal caso, levoluzione del fenomeno non potr` a portare a protti inferiori ai 3 milioni di euro. Soluzione

Questionario

1. Un serbatoio ha la stessa capacit` a del cilindro di massimo volume inscritto in una sfera di raggio 60 cm. Quale ` e la capacit` a in litri del serbatoio? Soluzione

2. Si trovi il punto della curva y =

x pi` u vicino al punto di coordinate (4; 0). Soluzione

3. Sia R la regione delimitata dalla curva y = x3 , dallasse x e dalla retta x = 2 e sia W il solido ottenuto dalla rotazione di R attorno allasse y . Si calcoli il volume di W . Soluzione

Esame 2011: quesito 9

475

4. Il numero delle combinazioni di n oggetti a 4 a 4 ` e uguale al numero delle combinazioni degli stessi oggetti a 3 a 3. Si trovi n. Soluzione

5. Si trovi larea della regione delimitata dalla curva y = cos x e dallasse x da x = 1 a x = 2 radianti. Soluzione

6. Si calcoli

tg x tg a . xa xa lim

Soluzione

7. Si provi che lequazione: x2011 +2011x +12 = 0 ha una sola radice compresa fra 1 e 0. Soluzione

8. In che cosa consiste il problema della quadratura del cerchio ? Perch e` e cos` spesso citato? Soluzione

9. Si provi che, nello spazio ordinario a tre dimensioni, il luogo geometrico dei punti equidistanti dai tre vertici di un triangolo rettangolo ` e la retta perpendicolare al piano del triangolo passante per il punto medio dellipotenusa. Soluzione

476

Esame 2011: problema 1

10. Nella gura a lato, denotati con I, II e III, sono disegnati tre graci. Uno di essi ` e il graco di una funzione f , un altro lo ` e della funzione derivata f e laltro ancora di f . Quale delle seguenti alternative identica correttamente ciascuno dei tre graci? f A) B) C) D) E) I I II III III f II III III II I f III II I I II

I II III

Si motivi la risposta.

Soluzione

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. La funzione f di equazione f (x) = x3 4x ` e rappresentata da un polinomio di terzo grado denito x R. La fattorizzazione di questultimo in f (x) = x(x2 4), (1) suggerisce lesistenza di una simmetria dispari: difatti ` e soddisfatta lidentit` a f (x) = (x)[(x)2 4] = x(x2 4) = f (x) x R, per cui il graco Gf della funzione devessere simmetrico centralmente rispetto allorigine O. Il segno di f discende dallo studio dei due fattori di (1) f (x) 0 = x 0, x2 4 0,

questultimo risolto dallinsieme x 2 x 2. Combinati i fattori nel graco a di f in 2 x 0 oppure x 2. di g. 1, questo determina la positivit`
2 0 2

Fig. 1. Segno di f .

Esame 2011: problema 1


I limiti allinnito sono
x

477 lim x(x2 4) =


x

in quanto
x

lim x = ,

lim (x2 4) = +.

Dato che il limite di f (x)/x per x non ` e nito f (x) = lim (x2 4) = +, x x x lim non possono esistere asintoti obliqui e ci` o conferma quanto gi` a noto per le cubiche ossia lassenza per tale classe di funzioni di asintoti obliqui. La derivata prima ` e f (x) = 3x2 4 e risulta positiva nellinsieme f (x) 0 3x2 4 0
2 3

x2

4 3

2 2 cio` e x x 3 3
2 3

Fig. 2. Segno di f .

e un punto di massimo mentre 2/ 3 ` e lascissa per cui il punto di ascissa 2/ 3 ` del punto di minimo (g. 2). Le corrispondenti ordinate si ottengono sostituendo in (1) e sono 2 16 2 4 f 4 = . = 3 3 3 3 3 e convessa o volge la concavit` a verso Poich e f (x) = 6x 0 se x 0 (g. 3), la f ` lalto se x > 0. Il graco richiesto Gf ` e rappresentato nella gura seguente (g. 4).
0 Fig. 3. Segno f .

Il graco della g(x) = sen(x) si ottiene invece dal graco, noto, della funzione y = sen(x) dopo aver notato la periodicit` a, pari a T = 2, di g. Difatti si ha g(x + 2) = sen[ (x + 2)] = sen(x + 2 ) = sen(x) = g(x) x R.

In particolare, per x [2, 2], la g sviluppa due periodi completi. Disposti Gf e Gg sullo stesso piano Oxy otteniamo la g. 5.

478

Esame 2011: problema 1

16 3 3

2 3 2 3

316 3

Fig. 4. Graco Gf della funzione f (x) = x3 4x2 . Gf

Gg 2 1 1 2

Fig. 5. Graci Gf e Gg .

2. Le intersezioni di Gf con la retta di equazione y = 3 si ottengono risolvendo il sistema y = x3 4x (2) y = 3. Poich e lordinata del minimo relativo, gi` a calcolata precedentemente, soddisfa alla disuguaglianza 16 ym = < 3 3 3

Esame 2011: problema 1

479

in quanto 16 < 9 3 come 16 > 9 3 cos` come, elevando al quadrato, si a presentare tre soluzioni. trova valida la 256 > 243, segue che il sistema (2) dovr` Difatti, ottenuta lequazione risolvente eliminando lincognita y , x3 4x + 3 = 0, notiamo che il valore x = 1 ` e una sua soluzione. Di conseguenza, tramite la ben nota regola di Runi, 1 1 1 0 1 1 4 1 3 3 3 0

possiamo scomporre il polinomio e ottenere x3 4x + 3 = (x 1)(x2 + x 3) = 0. Le rimanenti due soluzioni si deducono annullando il secondo fattore 1 13 1 1 + 12 2 = , x + x 3 = 0 = x2,3 = 2 2 per cui le ascisse richieste sono, in denitiva, x1 = 1 e x2,3 = (1 13)/2. I punti di Gg a tangente orizzontale si individuano, oltrech e dalla conoscenza di Gg , dalla condizione g (x) = 0 ossia cos(x) = 0 da cui x = 6 e 6,
1 2

cos(x) = 0

x =

+ k 2

+ k. Imponendo la condizione che vuole tali ascisse comprese tra 6

1 +k 6 2 discende che i valori accettabili per k rientrano nellintervallo 6,5 k 5,5 cio` e sono i numeri k = 6, 5, . . . , 4, 5, per un totale di 12 punti. Le corrispondenti ordinate sono g 1 +k 2 = sen 1 +k 2 = sen + k = (1)k 2

e i 12 punti possiedono coordinate 1 + k, (1)k 2 6 k 5 con k Z.

3. Larea della regione R ` e rappresentata in gura 6 e formalmente dallintegrale


2 2 0

A=

[g(x) f (x)] dx =

sen(x) x3 + 4x dx.

480

Esame 2011: problema 1

Gg 1 2 R Gf

Fig. 6. Regione R tra Gf e Gg .

Il corrispondente integrale indenito ` e (sen x x3 + 4x) dx = = Posto x = t ` ex=


1 t,

sen x dx x3 dx + 4 x dx sen x dx x2 x4 +4 . 4 2

dx =

1 d t,

lintegrale rimasto si risolve con la sostituzione (3)

sen x dx = sen t per cui abbiamo

1 1 1 dt = sen t dt = ( cos t) + c

(sen x x3 + 4x) dx = e larea A della regione R risulta A= cos x x4 + 2x2 4


2 0

x4 1 cos(x) + 2x2 + c 4

cos 0 cos 2 16 +8+ = 4. 4

4. Supposta R come la supercie di una vasca, la profondit` a di questultima ` e espressa dalla funzione h(x) = 3 x. Fissato comunque x, la profondit` a` e costante in un piano perpendicolare allasse x. In particolare, se x = 0 la profondit` a` e h(0) = 3 metri, diminuisce gradualmente passando da 0 ad x = 2, punto dove assume il valore di h(2) = 1 metro. Le sezioni di tale vasca (si veda la g. 7) sono dei rettangoli con il lato orizzontale di lunghezza (positiva) l1 = g(x) f (x) = sen x x3 + 4x

Esame 2011: problema 1

481

e lato verticale (ossia la profondit` a) l2 = h(x) = 3 x, grandezza pure positiva nellintervallo [0, 2]. Larea di una sezione della piscina ` e quindi A(x) = l1 l2 = (sen x x3 + 4x) (3 x) e il volume complessivo del solido si ottiene richiamando lespressione
b

V=

A(x) dx

che fornisce il volume di un solido del quale siano note le aree A(x) delle sue sezioni piane.
z y y x x z

Fig. 7. Rappresentazione della vasca da due punti di vista e sue sezioni piane.

Lintegrale da risolvere ` e
2

V= =

(sen x x3 + 4x)(3 x) dx (3 sen x x sen x 3x3 + x4 + 12x 4x2 ) dx (4)

2 0

dove lunico termine non immediato per lintegrazione ` e x sen x dx. Per quanto gi` a visto nel punto (3) precedente, e cio` e che sen x dx = cos x + c, (5)

482 procediamo in (5) integrando per parti. Discende x sen x dx = x

Esame 2011: problema 2

cos x cos x dx 1 x cos x + cos x dx =

e poich e allo stesso modo di (3) si ha cos x dx = risulta x sen x dx = 1 sen x + c,

1 x cos x + 2 sen x + c.

Integrando direttamente i restanti termini di (4), V = 3 cos x x cos x 1 x4 x5 + 2 sen x 3 + 4 5


2

x2 x3 4 2 3 0 2 32 32 3 3 + 24 = + 12 + 5 3 2 35 64 2 = + 12 + 32 = + 12 15 15 2 116 + m3 = 15 +12 Il passaggio dai metri cubi ai litri ` e inne immediato V= 2 116 + m3 = 15 116 2 + 15 103 l = 8369,9 l.

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. Denita la funzione rappresentata da f (x) = (ax + b)ex/3 + 3, le condizioni fornite dal testo si traducono nel sistema f (0) = 2 f (4) = 0.

Esame 2011: problema 2


La prima si esplicita in 2 = (a 0 + b) e0 + 3 mentre, calcolata la f (x), f (x) = D (ax 1) ex/3 + 3 = a ex/3 + (ax 1) ex/3 = ex/3 a la seconda diventa 4 1 f (4) = e4/3 a a + 3 3 2. Il dominio di f (x) = (x 1)ex/3 + 3 ` e linsieme R e in tale insieme non possiede evidenti simmetrie in quanto f (x) = (x 1)e(x/3) + 3 = (x + 1)ex/3 = f (x). =0 = a 1 + =0 3 3 = a = 1. ax 1 + , 3 3 1 3 = b = 1,

483

(1)

(2)

Non ` e, evidentemente, nemmeno periodica. Lo studio del segno conduce alla disequazione (x 1)ex/3 + 3 0 che non ` e risolubile per via elementare in quanto coinvolge sia termini razionali che termini trascendenti. Tralasciamo quindi questo punto riproponendoci di riconsiderarlo al termine dello studio. La funzione ` e costituita da funzioni continue e non presenta particolari punti di singolarit` a per cui i limiti da arontare sono solo quelli agli estremi del dominio. Si ha lim f (x) =
x

in quanto
x

lim (x 1) =

lim ex/3 = lim et = +


t+

e quindi la possibilit` a dellesistenza di un con t = x 3 . Con tali risultati vi ` asintoto obliquo cosicch e va risolto il limite f (x) . x x lim Questo si riduce a
x

lim

x 1 x/3 3 e + x x

484 ma, dato che x1 =1 x x lim

Esame 2011: problema 2

per la teoria sui limiti delle funzioni razionali fratte, e lim ex/3 = lim et = +
t+

lim

3 = 0, x

risulta

f (x) = + x x lim lim f (x) = lim (xex/3 ex/3 + 3),


x+

per cui non esistono asintoti obliqui. Il limite a + si scompone in


x+

(3)

ma osservato che
x+

lim ex/3 = lim et = 0


t

x+

lim 3 = 3,

lattenzione si sposta nel risolvere lindeterminazione del termine


x+

lim x ex/3 .

Riscritta pertanto la funzione ad argomento come


x+ ex/3

lim

analizziamo preventivamente lapplicabilit` a del teorema di De LH opital calcolando il limite del rapporto delle derivate del numeratore e del denominatore D (x) 1 3 = lim 1 x/3 = lim x/3 = 0 x/ 3 x+ D (e x+ e ) x+ 3 e lim ` pertanto possibile applicare il teorema di De in quanto limx+ ex/3 = +. E LH opital e aermare che lim xex/3 = 0
x+

per cui il limite (3) si risolve in


x+

lim f (x) = lim (xex/3 ex/3 + 3) = 0 0 + 3 = 3.


x+

La retta ya = 3 ` e perci` o un asintoto orizzontale per la funzione.

Esame 2011: problema 2

485

Il confronto tra la funzione e tale asintoto si ottiene risolvendo la disequazione f (x) ya che risolta fornisce (x 1)ex/3 + 3 3 = (x 1)ex/3 0 = x 1.

Il graco della funzione f sta quindi al di sotto dellasintoto, lo attraversa in x = 1, mentre sta al di sopra per x > 1. La derivata prima si ottiene eseguendone esplicitamente il calcolo oppure sostituendo a = 1 nella espressione generale (1) gi` a trovata: si ha f (x) = ex/3 4 x 3 3 = ex/3 (4 x), 3 (4)

e la disequazione f (x) 0 implica 4 x 0, risolta nellinsieme x 4. Pertanto (g. 1) la funzione f presenta un massimo assoluto in x = 4 le cui coordinate sono M (4, 3e4/3 + 3) (4, 3,79).
4 Fig. 1. Segno di f .

Il calcolo della derivata seconda fornisce f (x) = 1 x/3 1 e (4 x) + ex/3 (1) 3 3 1 x/3 (x 7) = e 9

per cui la condizione f (x) 0 ` e risolta dalla x 7 0 cio` e per x 7 (g. 2).
7

Fig. 2. Segno di f .

La f presenta quindi un esso in x = 7 mentre volge la concavit` a verso il basso se x < 7, verso lalto se x > 7. Notato che per f (0) = 2 e ripreso lo studio del segno iniziale, la f dovr` a intersecare lasse x in un punto di ascissa negativa. Il suo segno ` e quindi f (x) 0 se x . Il graco richiesto ` e riassunto nelle g. 3.

486

Esame 2011: problema 2


M y=3 2 O 1 4 7

Fig. 3. Graco della funzione f .

3. La regione del piano della quale si chiede larea ` e evidenziata in colore nella gura 3 e, dato che lascissa del punto di intersezione tra e lasintoto, per quanto e pari ad 1, larea richiesta ` e data dallintegrale gi` a discusso nel punto precedente, `
1 1 0

A=

[3 f (x)] dx =

(x 1)ex/3 dx.

(5)

Se poniamo t = x da cui x = 3t e dx = 3 dt e quindi 3 ex/3 dx = et (3 dt) = 3 et + c = 3 ex/3 + c,

possiamo procedere con il metodo per parti nellintegrazione del corrispondente integrale indenito (x 1)ex/3 dx e ottenere (x 1)ex/3 = 3ex/3 (x 1) 3ex/3 1 dx = 3(x 1)ex/3 + 3 ex/3 dx = 3(x 1)ex/3 9ex/3 + c = 3(x + 2)ex/3 + c. Ne segue che il calcolo dellarea lintegrale (5) fornisce A = 3(x + 2)ex/3 = 3 3e
1/3 1 0

= 3(x + 2)ex/3
1/3

1 0

(3 2) = 9 e

6 0,4488.

Esame 2011: quesito 1

487

4. Per vericare come f (x) = (x 1)ex/3 + 3 sia una funzione che rappresenta landamento misurato del protto, dobbiamo calcolare le dierenze in valore assoluto zi = |f (xi ) yi | e assicurarci che siano minori o uguali a 101 ossia sia rispettata la condizione |f (xi ) yi | < 0,1 con i = 0, . . . , 6 (6)

dove i = 0 corrisponde allanno 2004 e cos` via. Procedendo esplicitamente al calcolo |f (0) 1,97| < 0,1 |f (1) 3,02| < 0,1 |f (2) 3,49| < 0,1 |f (3) 3,71| < 0,1 |f (4) 3,80| < 0,1 |f (5) 3,76| < 0,1 |f (6) 3,65| < 0,1 = |2 1,97| < 0,1 = |3 3,02| < 0,1 = |3,5134 3,49| < 0,1 = |3,735 3,71| < 0,1 = |3,79 3,80| < 0,1 = |3,755 3,76| < 0,1 = |3,676 3,65| < 0,1 = = = = = = = 0,03 < 0,1 0,02 < 0,1 0,023 < 0,1 0,025 < 0,1 0,009 < 0,1 0,0045 < 0,1 0,026 < 0,1

si constata che in tutti gli anni la funzione f soddisfa alla condizione richiesta. Circa la richiesta sullevoluzione futura del protto ossia che questo non potr` a essere inferiore negli anni successivi ai 3 milioni di euro, la risposta non potr` a che essere teoricamente positiva se si considera landamento della funzione f . Difatti questa, per x > 1, tende asintoticamente a 3 assumendo comunque valori maggiori (se x > 1, f (x) > 3). Se per` o consideriamo lapprossimazione con la quale ` e nota la funzione, la disequazione |f (xi ) 3| < 0,1 implica come plausibile lintervallo di valori per la f , 3 0, 1 < f (xi ) < 3 + 0,1 = 2,9 < f (xi ) < 3,1

cosicch e per xi > 6 non ` e certo che si abbia f (xi ) > 3 ma solo che f (xi ) > 2,9. Non si pu` o quindi essere sicuri che in futuro il protto sia maggiore di 3 milioni di euro. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Posto x = OH la distanza di una base del cilindro dal centro O della sfera (g. 1), laltezza di questo ` e h = 2x con 0 2x 2r da cui 0 x r con r = 60 cm. Se A ` e un punto qualsiasi della circonferenza di base, OA ` e un raggio della sfera per cui il quadrato del raggio di base del cilindro si deduce con il teorema di Pitagora applicato a OHA (g. 1) AH = OA OH
2 2 2

AH = r 2 x2 ,

488

Esame 2011: quesito 1

Fig. 1. Sfera e cilindro inscritto.

e il suo volume ` e quindi V = AH (2 OH ) = 2 (r 2 x2 )x 0 x r. Il calcolo della derivata prima fornisce V = 2 [2x x + r 2 x2 ] = 2 (3x2 + r 2 ) e questultima ` e positiva V 0 se 3x2 + r 2 0 = r r x . 3 3
2

Considerando le limitazioni per x, la rappresentazione del segno di V (g. 2) permette di riconoscere la presenza di un massimo in corrispondenza di x = r/ 3.
0 r/ 3 Fig. 2. Segno di V . r

Il volume corrispondente ` e r Vmax = 2 3 r2 r2 3 4r 3 = 3 3

per cui sostituendo il valore r = 60 cm otteniamo Vmax = 4 (60 cm)3 = 96.000 3 cm3 3 3

Esame 2011: quesito 2


e quindi considerando che 1 cm3 = 103 l, Vmax = 96.000 3 103 l = 96 3 l 522,3742 l.

489

Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito) e un arco di parabola con asse coincidente La curva di equazione y = x con x 0 ` con lasse x (g. 1) in quanto, esplicitate le condizioni di esistenza ed elevando al quadrato entrambi i membri, si pu` o riscrivere come y = x x = y2 = x0 x0 y 0. y0
P y= x

A(4, 0) Fig. 1. Curva rappresentativa di y = x.

Un suo punto generico P (xP , yP ) avr` a coordinate P (x, x) e la sua distanza da A(4, 0) ` e d= (x 4)2 + ( x 0)2 = (x 4)2 + x con x 0.

Anzich e studiare la precedente funzione ` e pi` u conveniente trattare il suo quadrato ossia d2 essendo comunque d 0. Pertanto la funzione della quale cercare il minimo ` e d2 = f (x) = (x 4)2 + x = x2 8x + 16 + x
7 La sua derivata prima ` e f (x) = 2x 7 e risulta f (x) 0 per x 2 . In modo alternativo, si pu` o determinare tale valore osservando come la funzione f (x) = x2 7x +16 rappresenti, a sua volta, una parabola con la concavit` a rivolta verso lalto. Il valore minimo di f (x) sar` a quindi raggiunto in corrispondenza 7) 7 dellascissa del vertice che, appunto, coincide con x = ( =2 . 2

= x2 7x + 16

x 0.

7 2

Fig. 2. Segno di d2 = f (x).

490

Esame 2011: quesito 3

Il segno di f permette di riconoscere un minimo in corrispondenza di tale valore (g. 2) cosicch e il punto P della curva che ha distanza minima da A risulta in denitiva 7 7 . , P 2 2 Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Lequazione y = x3 ` e ben conosciuta in quanto rappresenta la pi` u semplice parae pure rappresentata bola cubica. Il suo graco ` e rappresentato dalla g. 1 dove ` la regione nita R ed il punto di ascissa x = 2 con ordinata h = 23 = 8.
y = x3

R x=2 Fig. 1. Parabola cubica e regione R (sistema non isometrico).

Il volume richiesto W si ottiene dalla dierenza tra il volume del cilindro avente raggio di base r = 2 ed altezza h = 8 ossia Vcil = r 2 h = 22 8 = 32, con il volume del solido generato dalla rotazione attorno allasse y della regione S (in verde nella g. 2) sottostante alla curva x = 3 y e inversa di y = x3 .

8 S R 2 Fig. 2. Solido W (in giallo) generato dalla rotazione della regione R.

Esame 2011: quesito 4


Il volume VS di questo solido si calcola tramite lintegrale denito
8

491

VS =

2 ( 3 y ) dy =
0

y 2/3 dy

che sfrutta la formula che fornisce i volumi dei solidi di rotazione attorno ad uno degli assi coordinati. Si ha quindi
8

V (W ) = Vcil VS = 32

y 2/3 dy,
0

da cui procedendo con lintegrazione elementare otteniamo y 3 +1 V (W ) = 32 2 +1 3 = 32 = 64 . 5


2

3 = 32 y 5/3 5

8 0

3 32 3 5/3 8 = 32 5 5

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il numero delle combinazioni di n oggetti a 4 a 4 ` e dato dal coeciente binomiale Cn,4 = n 4 con n 4,

mentre il numero delle combinazioni di n oggetti a gruppi di 3 ` e Cn,3 = n 3 con n 3.

Posta la condizione che questi numeri siano uguali, Cn,4 = Cn,3 si tratta di risolvere lequazione che ne discende nellincognita n e con la condizione n 4. Pertanto Cn,4 = Cn,3 n n = = 4 3 n4 che esplicitamente diventa n! n! = . 4!(n 4)! 3!(n 3)! (1)

492

Esame 2011: quesito 5

Considerando che (n 3)! = (n 3)(n 4)! e, per la medesima propriet` a del fattoriale, n! = n(n 1)(n 2)(n 3)(n 4)! la (1) diviene n(n 1)(n 2)(n 3)! n(n 1)(n 2)(n 3)(n 4)! = . 4!(n 4)! 3!(n 3)! Semplicate le frazioni, moltiplichiamo per 4! e otteniamo n(n 1)(n 2)(n 3) = 4 n(n 1)(n 2). La fattorizzazione dei termini comuni nel medesimo membro n(n 1)(n 2)(n 3 4) = 0 fornisce inne le soluzioni n = 0, n = 1, n = 2 e n = 7, delle quali solo il valore n = 7 soddisfa la condizione n 4 e perci` o risulta accettabile. In alternativa considerando che n 4, si pu` o dividere per n! entrambi i membri di (1) e moltiplicare per il prodotto dei denominatori. Giungiamo alla 3!(n 3)! = 4!(n 4)! che, osservato come sia 4! = 4 3! e (n 3)! = (n 3)(n 4)!, si riscrive come 3!(n 3)(n 4)! = 4 3!(n 4)! ed inne si semplica nella n 3 = 4 da cui, ancora, n = 7. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Il graco della funzione y = cos x ` e noto per cui per determinare larea della regione richiesta va osservato preliminarmente che cos x < 0 se < x < 2. 2
1 x=2
2

4! = 4 3!,

x=1

y = cos x

Fig. 1. Graco di y = cos x e regione R.

Esame 2011: quesito 6

493

dove ciascun addendo ` e rappresentato rispettivamente dagli integrali deniti A1 = Considerando che A=
2

Tenendo conto di ci` o, larea (in colore nella g. 1) dovr` a essere calcolata come somma delle due regioni che la costituiscono, la seconda delle quali sottostante allasse x. Pertanto A = A1 + A2
2

cos x dx

A2 = cos x dx.
2

cos x dx = sen x + c, risulta che


2

2
2

cos x dx

cos x dx = [sen x]1

/2

[sen x]2 /2

sen 1 [sen x]2 /2 = 1 sen 1 sen 2 + 1 2 = 2 sen 1 sen 2 0,2492. = sen Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) tg x tg a xa appare rientrare in un caso di indeterminazione del tipo 0/0 in quanto lim tg x tg a = tg a tg a = 0 con a = + k xa 2
xa

Il limite

lim

(1)

e limxa (x a) = a a = 0. Poich e invece il limite del rapporto delle derivate delle funzioni a numeratore e denominatore dellargomento di (1) 1 1 + tg2 x D (tg x tg a) = lim = 1 + tg2 a = xa xa D (x a) 1 cos2 a lim esiste, ` e possibile applicare il teorema di De LH opital e concludere che tg x tg a 1 = . xa xa cos2 a lim

In alternativa si pu` o riscrivere la funzione ad argomento del limite come tg x tg a 1 sen x sen a = xa cos x cos a xa sen x cos a sen a cos x = cos x cos a(x a) sen(x a) 1 = xa cos x cos a

494 per cui


xa

Esame 2011: quesito 7


sen(x a) 1 1 =1 xa cos x cos a cos2 a sen t sen(x a) = lim =1 t0 xa t

lim

in quanto, posto t = x a,

xa

lim

e limxa cos x = cos a. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Posto f (x) = x2011 + 2011x + 12 notiamo che tale funzione polinomiale ` e continua in R e quindi pure nellintervallo [1, 0]. I valori di f agli estremi di tale intervallo sono f (1) = (1)2011 2011 + 12 = 1 2011 + 12 = 2000 < 0 e f (0) = 0 + 0 + 12 > 0, cosicch e per il teorema degli zeri esiste almeno un valore interno a [1, 0] dove f (x) = 0. Inne poich e f (x) = 2011 x2010 + 2011 = 2011 x2010 + 1 > 0 x R,

la f (x) ` e strettamente crescente in R ma pure in [1, 0]. Il valore dove f (x) = 0 quindi devessere unico. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Tale problema consiste nel costruire con i mezzi della geometria euclidea cio` e con riga e compasso un quadrato la cui area sia pari a quella del cerchio. In sostanza si intende costruire un segmento di lunghezza l = r cosicch e il quadrato di tale lato abbia area l2 = r 2 . Tale problema, assieme a quello della duplicazione del cubo e della trisezione di un angolo, ` e uno dei tre problemi classici della geometria greca. Nel 1882 F. Lindemann dimostr` o che tali problemi non sono risolubili. In termini algebrici (oppure, nel caso in esame, ) non si possono scrivere tramite radicali ossia non sono soluzioni di equazioni polinomiali a coecienti razionali (si veda anche il punto 4 del secondo problema 2007 e il punto 2 del problema 2/2010 PNI).

Esame 2011: quesito 9


Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito)

495

Detto O il punto medio dellipotenusa AB di ABC , rettangolo in C , questo punto ` e il centro della circonferenza passante per A, B , C , ed ` e quindi equidistante da essi (g. 1).
C

Fig. 1. Triangolo rettangolo ABC e semicirconferenza circoscritta.

Considerata una retta per O e perpendicolare al piano di ABC (g. 2), sia P un punto qualsiasi di questa e OP la distanza di P da O.
P

C A B

Fig. 2. Luogo dei punti equidistanti dai vertici di ABC .

Poich e OC = OA = OB ` e pure, applicando il teorema di Pitagora, P C = OP + OC


2 2 2 2 2 2 2 2

= OP + OA = P A
2

= OP + OB = P B . Si ha pertanto PC = PA = PB e il luogo geometrico richiesto appare essere la retta per O perpendicolare al piano del triangolo.

496 Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2011: quesito 10

Alternativa a. Supponiamo che il graco della funzione cercata sia il primo. Manifestamente la sua derivata prima si annulla in x = 0 cosa che non avviene per il graco II, essendo negativo invece il corrispondente valore. Alternativa b. La f per x > 0 dovrebbe essere positiva mentre risulta per alcuni valori minore dello zero. Alternativa c. La f dovrebbe essere positiva per x > 0 mentre risulta per certi valori negativa. Alternativa d. Le tre funzioni appaiono coerenti (e compatibili, per pura ipotesi, con landamento di una funzione polinomiale di grado 5: si veda pi` u avanti). Alternativa e. La f dovrebbe essere negativa in un intervallo centrato sullorigine mentre invece cambia segno. Lalternativa corretta ` e la d: difatti allaumentare delle x (a partire da sinistra) la funzione ` e crescente, f ` e positiva e f ` e minore di zero. Raggiunto il massimo, f si annulla e quindi diviene negativa no a che x raggiunge il valore in corrispondenza del minimo di f . La f , quando x = 0, cambia segno e la concavit` a di f passa da verso il basso a verso lalto denitivamente. Superata lascissa del minimo f cresce, f > 0 e f > 0. Lipotesi, non richiesta dal quesito, sul grado della funzione f deriva dallosservazione che il graco di f ` e simile a quello di una cubica del tipo y = ax3 . Siccome la derivazione abbassa di una unit` a il grado di un polinomio, ` e probabile che f sia quindi descritta almeno da un polinomio di quinto grado.*

* I graci aancati al testo del quesito sono stati tracciati in questo lavoro a partire dalla funzione di equazione y = 0,1 x5 0,85 x con x [2, 2].

ESAME 2011 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario.

Problema n. 1 Sia f la funzione denita sullinsieme R dei numeri reali da f (x) = x + ln 4 + ex 2 +1

e sia la sua rappresentazione graca nel sistema di riferimento Oxy . 1. Si determini il limite di f (x) per x che tende a + e a . Si calcoli f (x) + f (x) e si spieghi perch e dal risultato si pu` o dedurre che il punto A(0; 1 + ln 4) ` e centro di simmetria di . 2. Si provi che, per tutti i reali m, lequazione f (x) = m ammette una e una sola soluzione in R. Sia la soluzione dellequazione f (x) = 3; per quale valore di m il numero ` e soluzione dellequazione f (x) = m? 2ex . Si provi 3. Si provi che, per tutti gli x reali, ` e: f (x) = x + 2 + ln 4 x e +1 altres` che la retta r di equazione y = x + ln 4 e la retta s di equazione y = x + 2 + ln 4 sono asintoti di e che ` e interamente compresa nella striscia piana delimitata da r e da s.

4. Posto I ( ) =
0

signicato geometrico del risultato ottenuto

[f (x) x ln 4] dx, si calcoli:

lim I ( ). Qual ` e il Soluzione

Problema n. 2 Per il progetto di una piscina, un architetto si ispira alle funzioni f e g denite, per tutti gli x reali, da: f (x) = x3 16x e g(x) = sen x. 2

498

Esame 2011 PNI: quesito 1


1. Si studino le funzioni f e g e se ne disegnino i rispettivi graci in un conveniente sistema di riferimento cartesiano Oxy . Si considerino i punti del graco di g a tangente orizzontale la cui ascissa ` e compresa nellintervallo [10; 10] e se ne indichino le coordinate. 2. Larchitetto rappresenta la supercie libera dellacqua nella piscina con la regione R delimitata dai graci di f e di g sullintervallo [0; 4]. Si calcoli larea di R. 3. Ai bordi della piscina, nei punti di intersezione del contorno di R con le rette y = 15 e y = 5, larchitetto progetta di collocare dei fari per illuminare la supercie dacqua. Si calcolino le ascisse di tali punti (` e suciente unapprossimazione a meno di 101 ). 4. In ogni punto di R a distanza x dallasse y , la misura della profondit` a dellacqua nella piscina ` e data da h(x) = 5 x. Quale sar` a il volume dacqua nella piscina? Quanti litri dacqua saranno necessari per riempire la piscina se tutte le misure sono espresse in metri? Soluzione

Questionario

1. Silvia, che ha frequentato un indirizzo sperimentale di liceo scientico, sta dicendo ad una sua amica che la geometria euclidea non ` e pi` u vera perch e per descrivere la realt` a del mondo che ci circonda occorrono modelli di geometria non euclidea. Silvia ha ragione? Si motivi la risposta. Soluzione

2. Si trovi il punto della curva y =

x pi` u vicino al punto di coordinate (4; 0). Soluzione

3. Sia R la regione delimitata, per x [0, ], dalla curva y = sen x e dallasse x e sia W il solido ottenuto dalla rotazione di R attorno allasse y . Si calcoli il volume di W . Soluzione

Esame 2011 PNI: quesito 10

499

4. Il numero delle combinazioni di n oggetti a 4 a 4 ` e uguale al numero delle combinazioni degli stessi oggetti a 3 a 3. Si trovi n. Soluzione

5. In una delle sue opere G. Galilei fa porre da Salviati, uno dei personaggi, la seguente questione riguardante linsieme N dei numeri naturali (i numeri tutti). Dice Salviati: . . . se io dir` o, i numeri tutti, comprendendo i quadrati e i non quadrati, esser pi` u che i quadrati soli, dir` o proposizione verissima: o rispondere allinterrogativo posto e con quali non ` e cos` ?. Come si pu` argomentazioni? Soluzione

6. Di tutti i coni inscritti in una sfera di raggio 10 cm, qual ` e quello di supercie laterale massima? Soluzione

7. Un test desame consta di dieci domande, per ciascuna delle quali si deve scegliere lunica risposta corretta fra quattro alternative. Quale ` e la probabilit` a che, rispondendo a caso alle dieci domande, almeno due risposte risultino corrette? Soluzione

8. In che cosa consiste il problema della quadratura del cerchio? Perch e ` e citato cos` spesso? Soluzione

9. Si provi che, nello spazio ordinario a tre dimensioni, il luogo geometrico dei punti equidistanti dai tre vertici di un triangolo rettangolo ` e la retta perpendicolare al piano del triangolo passante per il punto medio dellipotenusa. Soluzione

500

Esame 2011 PNI: problema 1

10. Nella gura a lato, denotati con I, II e III, sono disegnati tre graci. Uno di essi ` e il graco di una funzione f , un altro lo ` e della funzione derivata f e laltro ancora di f . Quale delle seguenti alternative identica correttamente ciascuno dei tre graci? f A) B) C) D) E) I I II III III f II III III II I f III II I I II

I II III

Si motivi la risposta.

Soluzione

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) La funzione f , denita in R, di equazione f (x) = x + ln 4 + ha limite per x + pari a
x+

ex

2 +1

x R,

(1)

lim f (x) = +

in quanto il limite di ciascuno dei suoi tre addendi risulta:


x+ x+

lim x = +,

x+

lim ln 4 = ln 4

e poich e lim ex = +, ` e pure


x+ ex

lim

2 = 0. +1

Il limite per x ` e invece


x

lim f (x) =

Esame 2011 PNI: problema 1


in quanto, tenuto conto che lim ex = 0, risulta
x

501

lim x = ,

lim ln 4 = ln 4,

x ex

lim

2 2 = = 2. +1 0+1

Il calcolo di f (x) + f (x) richiede di esprimere limmagine di x secondo f . Questa si ottiene con una semplice sostituzione in (1) f (x) = x + ln 4 + per cui otteniamo f (x) + f (x) = x + ln 4 + ex 2 +1 + x + ln 4 + ex 2 . +1 ex 2 +1 (2)

Considerando che ex = 1/ex la precedente si riscrive f (x) + f (x) = 2 ln 4 + 2 2 + x +1 e +1 1 ex = 2 ln 4 + 2 x + x e +1 e +1 1 + ex = 2 ln 4 + 2 1 + ex ex = 2 + 4 ln 2 = 2(1 + ln 4). Lidentit` a f (x) + f (x) = 2(1 + ln 4) x R (3) ` e indice di una simmetria centrale di centro A(0, 1 + ln 4) in quanto rientra nella trattazione seguente. Difatti, assegnata la funzione f di equazione y = f (x) con x D , tale funzione ` e simmetrica centralmente rispetto al punto A(0, a) se e solo se, applicando ad essa la trasformazione di simmetria centrale : x = x y = y + 2a,

la sua equazione rimane invariata. Poich e le equazioni della trasformazione inversa 1 sono x = x 1 : y = y + 2a, queste, sostituite in y = f (x), forniscono la relazione y + 2a = f (x ) cio` e y = 2a f (x ).

502

Esame 2011 PNI: problema 1

Tralasciato lapice di x e y , lultima espressione equivale alla y = 2a f (x), equazione che rappresenta limmagine di f secondo la simmetria . Poich e questa immagine coincide con quella di f descritta invece da y = f (x), segue che deve valere lidentit` a f (x) = 2a f (x) da cui f (x) + f (x) = 2a che coincide con (3) non appena si ponga a = 1 + ln 4. 2. Per dimostrare che f (x) = m ammette una e una sola soluzione m R, deniamo la nuova funzione g g(x) = f (x) m = x + ln 4 m + lim g(x) = ex 2 . +1 x D

Poich e, per quanto visto al punto 1, pure la g possiede i limiti


x

nonch e essa ` e continua in R, devono esistere certamente due valori x1 e x2 in corrispondenza dei quali la funzione assume valori di segno opposto ossia g(x1 ) < 0 e g(x2 ) > 0. Per il teorema degli zeri, nellintervallo [x1 , x2 ] esiste quindi almeno una soluzione dellequazione g(x) = 0 o, equivalentemente, f (x) = m. Se poi consideriamo il segno della derivata g g (x) = 1 + 2 ex >0 (ex + 1)2 x R,

questo assicura sulla monotonia strettamente crescente di g in R e quindi in particolare pure in [x1 , x2 ]. Tale valore deve quindi essere unico. Indicata con questa soluzione in corrispondenza di m = 3 ossia f () = 3, per la simmetria gi` a dimostrata risulta f () + f () = 2 + 4 ln 2 per cui f () = 2 + 4 ln 2 f () = 2 + 4 ln 2 3

3. Ripresa lidentit` a (3), possiamo riscrivere la f (x) come f (x) = 2+4 ln 2f (x) per cui, in base alla (2) e alla ex = 1/ex , abbiamo f (x) = 2 + 4 ln 2 + x ln 4 = 2 + x + ln 4 2ex 1 + ex ex 2 +1 (4)

Il valore di m corrispondente a f () ` e in denitiva m = 1 + 4 ln 2.

= 1 + 4 ln 2 = m.

x R

Esame 2011 PNI: problema 1

503

che ` e quanto si voleva dimostrare. La ricerca degli asintoti del graco di f implica innanzitutto lo studio del limite di f (x)/x. Questo risulta m1 = lim
x+

f (x) ln 4 2 = lim 1 + + = 1+0+0 = 1 x+ x x x(ex + 1) 2 =0 + 1)

e tale risultato si giustica in base ai limiti ln 4 = 0, x+ x lim


x+ x(ex

lim

x+

lim (ex + 1) = lim x = +.


x+

Il termine noto dellasintoto si ricava dallulteriore limite q1 = lim [f (x) x] = lim


x+ x+

ln 4 +

2 = ln 4 + 0 = ln 4. ex + 1

Lasintoto di per x + ` e quindi la retta r1 : y1 = x + ln 4 e poich e la disequazione 2 >0 x R f (x) y1 = x e +1 ` e sempre vera, signica che il graco giace sempre al di sopra della retta r1 . Per x si ha m2 = lim f (x) ln 4 2 = lim 1 + + = 1+0+0 = 1 x x x x x x(e + 1) 2 =2 ex + 1 1 2 = 0. ex + 1 x

in quanto come gi` a visto


x

lim

lim

Allo stesso modo e sfruttando la forma (4) della f , il termine noto si calcola con il limite 2ex q2 = lim [f (x) x] = lim 2 + ln 4 x . x x e +1 20 2ex = = 0, x ex + 1 0+1 risulta q2 = 2 + ln 4 e quindi il secondo asintoto ` e s: y2 = x + 2 + ln 4. La posizione di f rispetto a questo secondo asintoto si ottiene dal segno della dierenza f (x) y2 che risulta lim f (x) y2 = x + 2 + ln 4 = 2ex <0 ex + 1 2ex (x + 2 + ln 4) ex + 1 x R. Poich e

504

Esame 2011 PNI: problema 1

s : y = x + 2 + ln 4 A r : y = x + ln 4

Fig. 1. Graco della funzione f e striscia che lo delimita.

quindi giace al di sotto della retta s. Ricordando la simmetria centrale rispetto al punto A e le informazioni ottenute tramite il confronto con gli asintoti, possiamo abbozzare un possibile graco di (g. 1). 4. Posto I ( ) =
0

[f (x) x ln 4] dx,

si pu` o interpretare tale integrale come larea della regione compresa tra lasse y , il graco della funzione f , la retta x = e lasintoto r (g. 2).

r : y = x + ln 4

x=

Fig. 2. Regione delimitata da , r e dalle rette x = 0 e x = .

Esplicitamente I ( ) risulta

I ( ) =
0

x + ln 4 + 2 dx =2 ex + 1

ex
0

2 x ln 4 dx +1 dx +1 (5)

=
0

ex

Esame 2011 PNI: problema 1

505

Per risolvere il corrispondente integrale indenito poniamo t = ex la cui funzione inversa x = ln t ha per dierenziale dx = 1 dt. Questa sostituzione ci permette t di riscrivere lintegrale indenito come ex Ora la funzione integranda 1 dx = +1 1 1 dt. t+1 t (6)

1 (t + 1)t A B 1 = + . (t + 1)t t t+1

si pu` o scomporre identicamente in frazioni parziali del tipo

Moltiplicando per t(t + 1) si ottiene luguaglianza 1 = A(t + 1) + Bt che deve valere t. Ordinati i termini e utilizzando il principio di identit` a dei polinomi, determiniamo i valori incogniti A e B 1 = t(A + B ) + A = A+B = 0 A=1 = B = 1,

e lintegrale (6) si scompone in integrazioni elementari 1 1 dt = ln |t| ln |t + 1| + c dt = ln t t t+1 t+1 ex t + c = ln x + c. = ln t+1 e +1 Il risultato del calcolo dellintegrale denito (5) ` e quindi I ( ) = 2 ln ex ex + 1

= 2 ln
0

e e + 1

2 ln

1 2

e = 2 ln e +1 e il limite richiesto diviene


+

+ 2 ln 2

lim I ( ) = lim 2 ln
+

e e + 1

+ 2 ln 2.

(7)

Sostituiamo ora e = z per cui, dopo aver osservato che lim + e = +, riscriviamo il limite (7) come lim I ( ) = lim 2 ln
z +

z z+1

+ 2 ln 2.

506

Esame 2011 PNI: problema 2

Poich e, per la teoria riguardante i limiti delle funzioni razionali fratte


z +

lim

z =1 z+1

abbiamo, in denitiva
+

lim I ( ) = 2 ln 1 + 2 ln 2 = 2 ln 2.

Il valore dellarea della regione compresa tra ed r quando x 0 ` e pertanto nita e pari a 2 ln 2 = ln 4. Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) La funzione f (x) = x3 16x = x(x2 16), di dominio R, rappresenta una cubica dispari in quanto f (x) = x[(x)2 16] = x(x2 16) = f (x) x R. Il suo segno si deduce dallo studio dei due fattori x 0 e x2 16 0, questultima risolta dai valori x 4 x 4.
4 + 0 4

Fig. 1. Segno di f (x).

Risulta f (x) 0 quando 4 x 0 x 4 (g. 1 ). Ricordando la teoria relativa ai limiti delle funzioni razionali per x e come questi dipendano dal monomio di grado massimo, otteniamo
x

lim f (x) =

e, per quanto ` e noto circa le cubiche, possiamo escludere la presenza di asintoti obliqui. La derivata prima f (x) = 3x2 16 ` e positiva o nulla quando x2 16 e 3 cio` ci aiuta x 4/ 3 x 4/ 3. La sua rappresentazione graca (g. 2) a riconoscere la presenza di un massimo relativo proprio in x = 4 / 3 e un 1 minimo in x2 = 4/ 3.
4 3 4 3

Fig. 2. Segno di f (x) e intervalli di monotonia.

Esame 2011 PNI: problema 2


In corrispondenza di queste ascisse i valori delle ordinate sono 4 f 3 4 = 3 16 16 3 64 2 = 3 3 128 = . 3 3

507

La derivata seconda f (x) = 6x 0 evidenzia lesistenza, attesa, di un esso nellorigine (g. 3). Il graco ` e riportato in g. 4
0

Fig. 3. Segno di f (x) e concavit` a.

128/ 3
4 3

O
4 3

128/ 3

Fig. 4. Graco di f (x) = x3 16x (non isometrico).

Pure per la g(x) = sen 2 x il dominio coincide con linsieme R. Osserviamo inoltre che la g rientra nella classe di funzioni y = sen(ax) che, in R, presentano una periodicit` a pari a T = 2/a. Nel nostro caso devessere T = 2/(/2) = 4. Difatti vale lidentit` a x R g(x + 4) = sen (x + 4) = sen x + 2 = sen x = g(x). 2 2 2

Il graco ` e quindi deducibile da quello noto della funzione seno non appena si consideri la periodicit` a appena dimostrata. In g. 5 riportiamo i graci di entrambe le funzioni. I punti di g a tangente orizzontale e compresi nellintervallo [10, 10] si possono riconoscere anche a livello intuitivo data la conoscenza del graco di g. Formalmente invece discendono dalla condizione sulla sua derivata prima g (x) = 0 che

508

Esame 2011 PNI: problema 2


f (x) = x3 16x g (x) = sen x 2 4

Fig. 5. Graci delle funzioni f e g (non in scala).

si esplicita in D sen x 2 = cos x = 0 2 2 = cos x = 0. 2

Questa equazione goniometrica ` e risolta dai valori x = + k 2 2 Imponendo che sia 1 + 2k 10 1 + 2k 10 soddisfano il sistema i valori interi compresi in [5,5; 4,5] ossia 5 k 4 con k Z. Le rispettive coordinate sono (1 + 2k, (1)k ) in quanto sen + k = 1 se k ` e pari, 2 sen + k = 1 se k ` e dispari. 2 da cui x = 1 + 2k con k Z.

2. La regione R compresa tra f e g ` e rappresentata dalla g. 6 e la sua area ` e data dallintegrale denito
4

A=

sen
0

x (x3 16x) dx. 2

Esame 2011 PNI: problema 2

509

g 2 4 y = 5 y = 15 R C A f D B

Fig. 6. Regione R tra Gf e Gg (non in scala).

Poich e sen con t =


2 x,

2 2 x dx = x dx = sen sen t dt 2 2 2 2 x dx = cos x + c, 2 2

la primitiva delintegrale indenito ` e sen (1)

per cui larea richiesta vale x4 x2 2 + 16 A = cos x 2 4 2


4 0

2 2 64 + 128 + = 64.

3. Per determinare le ascisse dei punti di intersezione delle due rette di equazione y = 15 e y = 5 con il graco di y = f (x) (g. 6) dovremo risolvere le equazioni x3 16x = 15 e x3 16x = 5. Lequazione x3 16x + 15 = 0 possiede manifestamente la soluzione x = 1 per cui potremo scomporre il polinomio a primo membro in fattori tramite la regola di Runi. La divisione per x 1 fornisce 1 1 1 0 1 1 16 1 15 15 15 0

e il polinomio x3 16x + 15 si scompone in (x 1)(x2 + x 15). Lequazione presenta quindi le due ulteriori soluzioni 1 61 2 x + x 15 = 0 = x1,2 = 2

510

Esame 2011 PNI: problema 2

per cui, trascurando il valore negativo, le ascisse di A e B (g. 6) risultano xA = 1, 1 + 61 xB = . 2

Nel caso di y = 5, lequazione x3 16x +5 = 0 non ` e fattorizzabile elementarmente in quanto i divisori del termine noto conducono tutti a resti diversi dallo zero. In ogni caso, per la conoscenza del graco di f , lascissa del punto C devessere inferiore di quella di A ossia xC < 1. Introdotta quindi la funzione polinomiale continua l(x) = x3 16x + 5 e osservato che l(0) = 5 > 0 e l(1) = 1 16+5 = 10 < 0, per il teorema degli zeri devesserci almeno un valore dove sia l() = 0 con x ]0, 1[. Poich e la derivata prima 2 l (x) = 3x 16 possiede segno l (x) 0 = 4 4 x x , 3 3

risulta che l (x) < 0 quando x [0, 1]. Ne segue che la radice ` e unica. Per la sua determinazione ricorriamo al metodo numerico di Newton (o delle tangenti) con valore iniziale x0 = 0. I valori della successione si ottengono iterando la funzione xn+1 = xn I primi valori sono x0 = 0 x1 = 0,3125 x2 = 0,3144429 = = = x1 = 0,3125 x2 = 0,3144429 x3 = 0,31444 l(xn ) x3 n 16xn + 5 = x n l (xn ) 3x2 n 16 n = 0, 1, 2, . . .

e gi` a x3 appare essere una stima abbondantemente migliore dellapprossimazione (101 ) richiesta. Pertanto xC = 0,31444. Per individuare lascissa del punto D osserviamo che, in base al graco di f (g. 6), questa deve appartenere allintervallo xB < xD < 4 cio` e 1 + 61 < xD < 4. 2 (2)

La funzione l(x) = x3 16x + 5 calcolata in xB vale 1 + 61 l(xB ) = l 2 = 15 + 5 = 10

Esame 2011 PNI: problema 2

511

in quanto il valore xB era, come discusso, soluzione di x3 16x = 15. Inoltre l(4) = 43 16 4 + 5 = 5 > 0 e, sempre per la precedente discussione, l (x) > 0 e qui strettanellintervallo [xB , 4] in quanto x > 4/ 3. Pertanto la funzione l ` mente crescente e, ancora in base al teorema degli zeri, vi ` e in [xB , 4] una sola radice. Procedendo ancora con il metodo di Newton, la funzione da iterare ` e sempre xn+1 = xn l(xn ) x3 n 16xn + 5 = x n l (xn ) 3x2 n 16

ma, in questo caso, il valore iniziale parte da x0 = 4. I primi termini della successione sono x0 = 4 = x1 = 3,84375 x1 = 3,84375 = x2 = 3,83354 x2 = 3,83354 = x3 = 3,83349 per cui, entro lapprossimazione richiesta, possiamo stimare che sia xD = 3,833. 4. La profondit` a h(x) = 5 x della piscina ` e evidentemente funzione di x ma, per un dato valore di tale variabile, questa ` e costante. Segue che una sezione di tale piscina perpendicolare allasse x ` e un rettangolo (g. 7) avente come lato orizzontale a = g(x) f (x) (l1 0) e lato verticale b = h(x) = 5 x.
z y y x x z

Fig. 7. Rappresentazione della piscina da due punti di vista e sue sezioni piane.

Larea A di tale sezione ` e quindi A(x) = a b = sen x x3 + 16x (5 x) 2

512

Esame 2011 PNI: problema 2

e il volume dacqua coinvolto si deduce dallintegrale


4 4

V=

A(x) dx =

sen
0

x x3 + 16x (5 x) dx. 2

Sviluppato il prodotto entro lultimo integrale (si veda pure es. 2007 quesito 1)
4

V= =

sen
0 4

x x3 + 16x (5 x) dx 2 x 5x3 + 80x x sen x + x4 16x2 dx 2 2 (3)

5 sen
0

lunico integrale non immediato appare essere x sen Come gi` a osservato in (1) sen 2 x dx = cos x + c, 2 2 x dx. 2 (4)

per cui risolviamo lintegrale (4) per parti considerando sen( 2 x) dx il fattore dierenziale. Segue x sen 2 x dx = x cos x 2 2 2x = cos x + 2 2x = cos x + 2 2x = cos x + 2 2 2 4 2 cos 2 cos x dx 2

x dx 2 2 sen x + c 2 sen x + c 2

e dove si ` e risolto lintegrale a secondo membro con la stessa sostituzione introdotta per (1) ossia cos 2 2 2 x dx = cos t dt = sen t + c = sen x + c. 2 2

Esame 2011 PNI: quesito 1

513

Ripreso lintegrale (3) e integrati i termini elementari, la sostituzione degli estremi di integrazione fornisce V= 5 5 x2 2x 4 2 cos x x4 + 80 cos x + 2 sen x 2 4 2 2 2
4

x5 x3 16 5 3 0 8 1024 1024 10 10 = 320 + 640 + + 5 3 1 1 2 8 8 = 320 + + 1024 = 320 + + 1024 5 3 15 2752 8 = + 186,013 m3 = 186,013 (103 l) 15 = 186013 l + risultato dove, nellultimo passaggio, si ` e utilizzata lequivalenza 1 m3 = 103 l. Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Silvia sbaglia in quanto non esiste una geometria vera mentre esistono molte geometrie ossia esistono molte teorie geometriche associate a modelli, ciascuna con i propri postulati e applicabili, di volta in volta, a situazioni siche o anche solo matematiche, diverse. Laermare che la geometria euclidea non sia pi` u vera mentre, per contrapposizione, lo sono le geometrie non euclidee, evidenzia la dicolt` a (da parte di Silvia) nel considerare, in ambito matematico, questi diversi sistemi assiomatici come sviluppi teorici aventi tutti uguale dignit` a e ai quali non va assegnato alcun attributo di verit` a. In sostanza non esiste una geometria pi` u vera delle altre. In ambito sico, ci si pu` o eventualmente chiedere quale, tra la pluralit` a di geometrie, sia la pi` u adatta a descrivere lo spazio in cui avvengono i fenomeni ma in questo caso la risposta richiede di denire il grado di approssimazione accettabile nella descrizione del fenomeno. Sappiamo che la geometria euclidea con i suoi cinque postulati fornisce risultati accettabili quando si considerino porzioni di spazio relativamente piccole mentre si mostra inadeguata gi` a nel rappresentare le propriet` a di una supercie sferica. Ad una scala ancora maggiore dove siano presenti masse signicative le teorie siche moderne quali quella della relativit` a generale presuppongono, in contrapposizione alla geometria euclidea, che lo spazio possegga una curvatura e, a tal ne, i modelli pi` u adeguati sono quelli delle geometrie non euclidee.

514 Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2011 PNI: quesito 2

Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 2. Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) o considerare lunione di altre due La regione R ` e evidenziata in gura 1 e si pu` regioni, R1 e R2 , la prima compresa tra sen x e lasse x e appartenente alla (in giallo nella g. 1), la seconda invece striscia di piano delimitata da 0 x 2 individuata da 2 x (in arancio). Poniamo R = R1 R2 .
1

R3

R1
2

R2

Fig. 1. Graco della funzione y = sen x e regione R = R1 R2 .

Queste due regioni generano nella loro rotazione attorno allasse y il solido W del quale si chiede il volume. Indicata con R3 la regione compresa tra la retta y = 1, lasse y e il graco di y = sen x (in verde nella g. 1), il volume W ` e comunque dato dalla dierenza dei volumi dei solidi generati dalla regione R1 R2 R3 che a chiameremo V123 , con quello generato dalla sola R3 , V3 (g. 2). Pertanto sar` V = V123 V3 .
1 R3 2 O R1
2

(1)

R2

Fig. 2. Sezione del solido W e regioni coinvolte nella rotazione.

Per determinare V3 ` e suciente esprimere la funzione y = sen x 0x 2 in termini della variabile y ossia ottenerne linversa. Questa, com` e noto, risulta x = arcsen y 0y1 (2)

Esame 2011 PNI: quesito 3

515

per cui, ripresa la formula che fornisce il volume dei solidi di rotazione attorno ad un asse coordinato, si ha V3 = (arcsen y )2 dy.
0 1

(3)

Per ottenere V123 serve linversa della funzione y = sen x x 2 che appare essere la simmetrica rispetto alla retta x = 2 della precedente oppure, e in alternativa, la simmetrica di x = arcsen y rispetto alla retta x = 2 . Poich una tale simmetria assiale si rappresenta come x + x = 2 2 ne discende x = x + da cui, sostituendo in (2), x = arcsen y + . Riscritto V123 come
1

V123 =

( arcsen y + )2 dy,

il volume (1) di W sar` a espresso dalla


1 1

V =

( arcsen y + )2 dy

(arcsen y )2 dy.
0

(4)

Lo sviluppo del quadrato e la propriet` a di linearit` a dellintegrale denito permettono di semplicarne lespressione in
1

V = =

0 1 0

arcsen2 y + 2 2 arcsen y arcsen2 y dy


1 1

2 2 arcsen y dy = 3
1 0

dy 2 2

arcsen y dy
0

2 = 3 [y ]1 arcsen y dy 0 2 1

= 3 2 2

arcsen y dy,
0

(5)

dalla quale emerge la necessit` a di risolvere lintegrale indenito arcsen y dy.

516

Esame 2011 PNI: quesito 4

Procedendo inizialmente per parti con dy come fattore dierenziale, risulta arcsen y dy = y arcsen y y dy 1 y2

1 e quindi denita la sostituzione t = 1 y 2 , dt = 2y dy da cui y dy = 2 d t, otteniamo d t arcsen y dy = y arcsen y 2 t 1 t1/2 = y arcsen y + +c 2 (1/2)

= y arcsen y +

1 y 2 + c.
1 0

In denitiva, il volume richiesto e che discende da (5) ` e V = 3 2 2 y arcsen y + = 2 = 2 2 .


3 2

1 = 3 3 + 2 2 2

1 y2

Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 4. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Linsieme dei quadrati dei numeri naturali, Q = {n2 | n N}, risulta essere un sottoinsieme proprio dellinsieme dei numeri naturali N, Q N. Ma poich e entrambi gli insiemi possono essere posti in corrispondenza tramite la funzione f f : n N n2 Q e tale funzione si dimostra essere biunivoca, per il teorema di Cantor segue che essi possiedono la medesima cardinalit` a, in particolare, quella del numerabile. In tal senso Salviati fa una aermazione errata dicendo che i numeri naturali sono in quantit` a maggiore dei quadrati perfetti e tale errore discende dal fatto che sia Q che N contengono inniti elementi.

Esame 2011 PNI: quesito 6


Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito)

517

Indicati con O il centro della sfera, V il vertice del cono retto, H la proiezione ortogonale di V sulla base del cono e A un punto della circonferenza di base, risulta OV = OB = OA = r = 10 cm (g. 1).
V

O H A

B Fig. 1. Sfera e cono inscritto.

Posto x = V H , questa grandezza assume i suoi valori estremi in x = 0 e x = 2r ossia quando il cono degenera nel punto V (H V A) e, rispettivamente, quando il cono degenera nel diametro della sfera (H B A). Le sue limitazioni sono quindi 0 x 2r . Poich e la supercie laterale ` e rappresentata da SL = AH V A, il raggio di base del cono si pu` o ottenere con il secondo teorema di Euclide applicato al triangolo sezione V BA, rettangolo in A (in giallo nella g. 1) AH = V H HB = x(2r x),

mentre lapotema si deduce applicando il primo teorema di Euclide allo stesso triangolo V A = V B V H = 2r x. La supercie laterale del cono ` e pertanto SL = 2rx 0 x 2r. La sua derivata prima ` e 4r 2 x 3rx2 4r 2 2x 6rx2 = S L = 2 4r 2 x2 2rx3 4r 2 x2 2rx3 x(2r x) = 2rx2 (2r x) = 4r 2 x2 2rx3

518
0
4 r 3

Esame 2011 PNI: quesito 7


2r

Fig. 2. Segno di S L e massimo.

per cui S L 0 se 4r 2 x 3rx2 0 = 0x 4 r 3

e conseguentemente il valore massimo di SL ` e raggiunto (g. 2) in corrispondenza 4 di x = 4 r = 10 cm = 13 , 3 cm. 3 3 Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito) Detto n il numero delle risposte corrette, si chiede la probabilit` a p che sia n 2 cio` e p(n 2). Questo valore, per il teorema della probabilit` a contraria, si pu` o calcolare come p(n 2) = 1 p(n = 0) p(n = 1) (1) dove p(n = 0) rappresenta la probabilit` a di aver zero risposte corrette e p(n = 1) la probabilit` a che si sia data una sola risposta corretta. Calcoliamo ora p(n = 0) e p(n = 1). Per calcolare p(n = 0) dobbiamo considerare che levento E (n = 0) ` e costituito dallintersezione di 10 eventi indipendenti in ciascuno dei quali si d` a una risposta errata al 1 , al 2 , al 3 , . . . , al 10 quesito. Poich e la probabilit` a in un singolo 1 mentre quesito di rispondere a caso e di ottenere una risposta corretta ` e p(s` ) = 4 3 p(no) = 4 ` e la probabilit` a di commettere un errore, applicando il teorema della probabilit` a composta si ha 3 3 3 3 p(n = 0) = = 4 4 4 4
10

3 4

10

(2)

volte

Levento connesso a p(n = 1) ` e invece unione di 10 eventi incompatibili del tipo, E1 = risposta corretta nel 1 quesito ed errata nei rimanenti 9, E2 = risposta corretta nel 2 quesito ed errata nei rimanenti 9, e cos` via. Poich e la probabilit` a di una risposta corretta e di 9 errate nella prima domanda si ottiene con il teorema della probabilit` a composta come in (2), questa risulta p(E1 ) = p(s` ) [ p(no)]9 = 1 4 3 , 4
9

Esame 2011 PNI: quesito 10


questo valore caratterizza pure gli eventi E2 , E3 , . . . p(E2 ) = p(E3 ) = = p(E10 ) = 1 4 3 . 4
9

519

Il teorema della probabilit` a totale permette ora di scrivere p(n = 1) = p(E1 E2 E10 )
10

=
i=1

1 4

3 4

1 = 10 4

3 . 4

(3)

Inne, inserito questultimo risultato in (1) assieme a (2), otteniamo p(n 2) = 1 =1 =1 3 4 3 4 3 4


10

10
9

1 4

3 4

3 4 13 4

5 2

3 4

0,75597. Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 8. Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 9. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Il quesito ` e identico a quello proposto nellesame di Ordinamento: si veda la soluzione del quesito n. 10.

ESAME 2012

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Problema n. 1 Siano f e g le funzioni denite, per tutti gli x reali, da f (x) = 27x3 e g(x) = sen 3 x 2

1. Qual ` e il periodo della funzione g? Si studino f e g e se ne disegnino i rispettivi graci Gf e Gg in un conveniente sistema di riferimento cartesiano Oxy . 2. Si scrivano le equazioni delle rette r e s tangenti, rispettivamente, a Gf 1 e a Gg nel punto di ascissa x = 3 . Qual ` e lampiezza, in gradi e primi sessagesimali, dellangolo acuto formato da r e da s? 3. Sia R la regione delimitata da Gf e da Gg . Si calcoli larea di R. 4. La regione R, ruotando attorno allasse x, genera il solido S e, ruotando attorno allasse y , il solido T . Si scrivano, spiegandone il perch e, ma senza calcolarli, gli integrali deniti che forniscono i volumi di S e di T . Soluzione

Problema n. 2 Nel primo quadrante del sistema di riferimento Oxy sono assegnati larco di circonferenza di centro O e estremi A(3, 0) e B (0, 3) e larco L della parabola ). dequazione x2 = 9 6y i cui estremi sono il punto A e il punto (0, 3 2 1. Sia r la retta tangente in A a L. Si calcoli larea di ciascuna delle due parti in cui r divide la regione R racchiusa tra L e larco AB . 2. La regione R ` e la base di un solido W le cui sezioni, ottenute tagliando W con piani perpendicolari allasse x, hanno, per ogni 0 x 3, area S (x) = e53x . Si determini il volume di W . 3. Si calcoli il volume del solido ottenuto dalla rotazione di R intorno allasse x.

Esame 2012: quesito 5

521

4. Si provi che larco L ` e il luogo geometrico descritto dai centri delle circonferenze tangenti internamente allarco AB e allasse x. Inne, tra le circonferenze di cui L ` e il luogo dei centri si determini quella che risulta tangente anche allarco di circonferenza di centro A e raggio 3, come nella gura a lato.

3 2 1

A 1 2 3

Soluzione

Questionario

1. Cosa rappresenta il limite seguente e qual ` e il suo valore? lim 5


1 2

+h

h0

1 4 2

Soluzione

2. Si illustri il signicato di asintoto e si fornisca un esempio di funzione f (x) il cui graco presenti un asintoto orizzontale e due asintoti verticali. Soluzione

3. La posizione di una particella ` e data da s(t) = 20(2et/2 + t 2). Qual ` e la sua accelerazione al tempo t = 4? Soluzione

4. Quale ` e la capacit` a massima, in litri, di un cono di apotema 1 metro? Soluzione

5. Siano dati nello spazio n punti P1 , P2 , P3 , . . . , Pn . Quanti sono i segmenti che li congiungono a due a due? Quanti i triangoli che hanno per vertici

522

Esame 2012: problema 1


questi punti (supposto che nessuna terna sia allineata)? Quanti i tetraedri (supposto che nessuna quaterna sia complanare)? Soluzione

5 6. Sia f (x) = 5 sen x cos x + cos2 x sen2 x 2 sen 2x cos 2x 17; si calcoli f (x). Soluzione

` dato un tetraedro regolare di spigolo l e altezza h. Si determini lampiezza 7. E dellangolo formato da l e da h. Soluzione

8. Qual ` e il valor medio di f (x) =

1 x

da x = 1 a x = e? Soluzione

9. Il problema di Erone (matematico alessandrino vissuto probabilmente nella seconda met` a del I secolo d.C.) consiste, assegnati nel piano due punti A e B , situati dalla stessa parte rispetto ad una retta r , nel determinare il cammino minimo che congiunge A con B toccando r . Si risolva il problema nel modo che si preferisce. Soluzione

10. Quale delle seguenti funzioni ` e positiva per ogni x reale? A) cos(sen(x2 + 1)) C) sen(ln(x2 + 1)) Si giustichi la risposta. Soluzione B) sen(cos(x2 + 1)) D) cos(ln(x2 + 1))

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema) 1. Il dominio di f (x) = |27x3 | e di g(x) = sen 3 e, per entrambe, linsieme 2 x ` R dei reali. Per quanto riguarda la periodicit` a, ricordiamo innanzitutto la de-

Esame 2012: problema 1


nizione g(x + T ) = g(x) oppure, pi` u in generale, g(x + kT ) = g(x) x Dom(g) T R+ 0 (k Z T R+ 0 ).

523

La funzione g dovr` a quindi soddisfare una identit` a del tipo (1) per cui se g(x + T ) = sen 3 3 3 (x + T ) = sen x + T , 2 2 2

x Dom(g)

(1)

questa espressione devessere identicamente uguale a g(x) e, nota la periodicit` a della funzione seno, la dierenza degli argomenti dovr` a essere un multiplo di 2 3 3 3 4 3 x + T x = T = 2k = T = k. 2 2 2 2 3
4 I valori trovati sono tutti multipli del periodo che corrisponde a k = 1 ed ` eT = 3 . La funzione g rientra comunque nella classe di funzioni di equazione y = sen(ax) che, con una immediata generalizzazione della deduzione precedente, si dimostrano essere periodiche con periodicit` a T = 2/a. Tali funzioni sono inoltre simmetriche rispetto allorigine in quanto, come nel caso in esame, vale pure lidentit` a g(x) = g(x). Il graco Gg rientra perci` o in una casistica gi` a nota e 1). (in rosso nella g. si riduce a quello della funzione seno con periodo T = 4 3 Pure la funzione f (x) = |27x3 | ` e riconducibile a funzioni note in quanto, osservato che f (x) = |27(x)3 | = | 27x3 | = |27x3 | = f (x) x R

la f risulta pari e, per x 0 diviene f (x) = 27x3 e quindi si riduce ad una semplice cubica passante per lorigine di un sistema cartesiano Oxy (in blu nel I quadrante della g. 1). Per la simmetria pari si ottiene poi il graco Gf pure per x < 0 (g. 1) mentre, volendo separare i due sottoinsiemi di R, possiamo riscrivere la f anche come f: 27x3 , x0 27x3 , x < 0.
y Gf 1 Gf Gg O
1 3 2 3

2 3

Fig. 1. Graci di Gf e Gg (sistema non isometrico).

524 2. Le due funzioni in x = f 1 3 = 27 1 3


3 1 3

Esame 2012: problema 1


assumono il valore comune = 1, g 1 3 = sen 1 3 2 3 = sen 2 =1

per cui in tale punto si intersecano (g. 1). Per determinare la retta r , tangente 1 cio` e a Gf , ` e suciente ottenere la derivata prima f (x) e calcolarla in x = 3 f (x) = D (27x3 ) x>0 per cui r: y 1 = f e quindi r : y = 9x 2. La retta tangente in x = Difatti 1 1 x 3 3
1 3

f (x) = 81x2 ,

y1=9 x

1 3

al graco Gf ` e invece la retta orizzontale s: y = 1. 3 x 2 = 3 3 cos x 2 2 3 cos 2 2 = 0.

g (x) = D sen e g 1 3

3 1 3 cos 2 2 3
y Gf

r: y = 1

Gg O
1 3 2 3

Fig. 2. Graci di Gf e Gg e angolo .

Langolo acuto denito da r ed s e che indichiamo con (g. 2), ` e pure langolo tra r e lasse x. Daltra parte il coeciente angolare di una retta si pu` o interpretare come la tangente goniometrica dellangolo che la retta fa con il semiasse positivo delle x. Se quindi mr ` e il coeciente angolare di r ` e mr = tg = 9 = = arctg 9 1,4601 rad

che equivale, in gradi sessagesimali, = 83 39 35 .

Esame 2012: problema 1


y 1 Gg R Gf
1 3

525

Fig. 3. Regione R delimitata da Gf e Gg .

3. La regione R ` e evidenziata nella g. 3 e, di questa, se ne chiede larea A. Poich e R ` e compresa tra Gg e Gf che, come visto, si intersecano in x = 0 e 1 , il suo valore ` e dato dallintegrale denito compreso tra questi estremi x= 3 A=
1 3

sen

3 x 27x3 dx. 2

Per risolvere lintegrale indenito sen 3 x dx 2 (2)

associato al primo addendo, eseguiamo la sostituzione t = 3 2 x. Di conseguenza si 2 d x , da cui d x = d t . Lintegrale precedente si pu` o quindi riportare ha dt = 3 2 3 ad uno elementare sen 3 x dx = 2 = sen t 2 2 dt = sen t dt 3 3

2 ( cos t) + c 3 2 3 = cos x + c. 3 2

Osservato che una primitiva del secondo termine x3 in (2) ` e x4 /4, il calcolo dellarea si riporta a A=
1 3

3 sen x dx 27 2
1 3

1 3

x3 d x
1 3

2 3 = cos x 3 2

x4 27 4 0

,
0

526 per cui procedendo alle sostituzioni otteniamo A=

Esame 2012: problema 1

2 3 1 1 2 cos cos(0) 27 0 + 3 2 3 3 81 4 2 1 2 cos + = 3 2 3 12 2 1 8 = = 0,128873. 3 12 12

4. Il solido di rotazione S ` e rappresentato in g. 4 e il suo volume si ottiene dallintegrale


y Gg R O
1 3

Gf

Fig. 4. Rotazione di R attorno allasse x e solido S .


1 3 1 3

V (S ) =

[g(x)] dx

[f (x)] dx

ossia come la dierenza del solido generato dalla rotazione attorno x del trapezoide denito dalla funzione g (regione limitata da g, dallasse x e dalla retta x= 1 3 ), con il solido generato dalla regione delimitata da f , dallasse x e, ancora, x= 1 3 . Esplicitamente V (S ) = =
0
1 3

sen2 sen2

0
1 3

3 x dx 2

1 3

(27x3 )2 dx

3 x 729x6 dx. 2

Una rappresentazione graca approssimativa del solido T ottenuto dalla rotazione di R questa volta attorno allasse y ` e data nella g. 5 e per impostare il calcolo del suo volume vanno considerate le funzioni inverse di f e g ristrette allinsieme (x, y ) | x 0, 1 y [0, 1] . 3

Esame 2012: problema 2


y 1 Gg R 1 3 O
1 3

527

Gf

Fig. 5. Rotazione di R attorno allasse y e solido T .

La funzione x = f 1 (y ) si ottiene risolvendo lequazione y = 27x3 nella variabile x 1 y y = x3 = x = 3 = 3 y = f 1 (y ) y = 27x3 = 27 27 3 mentre per x = g 1 (y ) y = sen 3 x 2 arcsen y = 3 x 2 = x= 2 arcsen y = g1 (y ). 3

Il volume ` e allora
1

V (T ) = =

0 1 0

1 3 y dy 3

1 0

2 arcsen y dy 3

4 1 2/3 y 2 arcsen2 y dy 9 9

cio` e, ancora, una dierenza dei volumi generati dai trapezoidi compresi nel I quadrante e deniti dallasse y , dalla retta y = 1 e, rispettivamente, dalle funzioni x= 1 3 y, 3 x= 2 arcsen y 3 con y [0, 1].

Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. Larco di estremi A(3, 0) e B (0, 3) appartiene evidentemente alla circonferenza di centro nellorigine O e raggio pari a 3 (e di equazione x2 + y 2 = 9) mentre lequazione L: x2 = 9 6y che denisce larco di parabola, riscritta come 3 1 L : y = x2 + 6 2 x [0, 3], (1)

permette di riconoscere nel punto assegnato 0, 3 2 il vertice V della parabola. Questa ` e inoltre simmetrica rispetto allasse y e interseca lasse x nei punti di ascissa y = 0 = x2 = 9 0 = x = 3.

528
r B V A2 A1 y

Esame 2012: problema 2

Fig. 1. Regione R (in colore) e sua suddivisione.

Gli estremi di L nel primo quadrante sono pertanto i punti A e V (g. 1). Costruito il fascio di rette con centro in A, y 0 = m(x 3), il coeciente angolare si deduce calcolando la derivata prima dellequazione (1) in x = 3 ossia 3 1 1 1 y (x) = D x2 + = 2x = x 6 2 6 3 cio` e 1 y (3) = m = 3 = 1 e quindi r : y = (x 3) = x + 3. 3 Tale retta passa quindi pure per B . e divisa da r in due regioni e larea A1 della La regione R (in colore in g. 1) ` regione compresa tra larco di circonferenza ed r si ottiene come dierenza tra 1 A(cerchio) con larea A(OAB ) del triangolo larea del quadrante di cerchio 4 OAB , 1 A1 = A(cerchio) A(OAB ) 4 1 1 = 32 OA OB 4 2 9 1 9 = 3 3 = ( 2). 4 2 4 Larea A2 ` e invece data dalla dierenza tra A(OAB ) e larea del trapezoide denito dalla parabola e dagli assi coordinati e che risulta pari alla met` a dellarea A(seg) del segmento parabolico denito dalle intersezioni della parabola con lasse x. Per questultimo si pu` o scrivere 1 A(seg) = 2
3 0

3 1 x2 + dx 6 2

e quindi procedere allintegrazione ma pure, pi` u direttamente, 1 1 1 1 1 1 3 A(seg) = |3 (3)| = 2 63 = 3 2 2 6 6 2 6

Esame 2012: problema 2


dove si ` e utilizzata la formula di Archimede generalizzata. In denitiva 9 3 1 A2 = A(OAB ) A(seg) = 3 = . 2 2 2

529

2. Del solido W si conosce solo la funzione che fornisce larea delle sue sezioni ottenute tagliando W con piani perpendicolari allasse x* S (x) = e53x . Non ` e quindi possibile fornire una rappresentazione graca tridimensionale ma il volume ` e comunque calcolabile utilizzando la relazione che fornisce il volume di un solido nota la funzione che d` a le aree delle sue sezioni ossia risolvendo lintegrale
3 3

V (W) = Questo si pu` o riscrivere come


3

S (x) dx =

e53x dx.
0

V (W) =

e5 e3x dx = e5

e3x dx
0

(2)

per cui ` e suciente risolvere lintegrale indenito e3x dx. Con la sostituzione t = 3x ossia x = 1 t che ha per dierenziale dx = 1 dt, lintegrale indenito 3 3 risulta 1 t 1 e dt e3x dx = et dt = 3 3 1 1 = et + c = e3x + c 3 3 e lintegrale denito in (2) diviene V (W) = e5 = e5 = 1 e3x dx = e5 e3x 3 0 0 1 5 1 9 1 0 e + e = e 1 e9 3 3 3
3 3

1 5 e e4 49,4649. 3

* Il testo non denisce in questo caso la forma delle sezioni diversamente da analoghi problemi o quesiti dove questa poteva essere quadrata (es. 2008 prob. 1, es. 2009 prob. 1), rettangolare (es. 2007 ques. 2, es. 2009 PNI prob. 2), triangolare (es. 2007 ques. 1, es. 2008 PNI ques. 3).

530
y R

Esame 2012: problema 2


B V

Fig. 2. Regione R e solido di rotazione.

3. La rappresentazione di g. 2 mostra che larco AB genera nella sua rotazione attorno x una semisfera mentre il trapezoide denito dallarco AV della parabola genera a sua volta un solido con vertice in A (in colore arancio nella g. 2). Il volume V richiesto si ottiene sottraendo al volume della semisfera il volume del solido P generato dal solo arco L ossia V = V (semisfera) V (P )
3

= V (semisfera) cio` e V= 1 4 (3)3 3 2


0 3

1 3 x2 + dx 6 2

1 4 1 2 9 x x + dx. 36 2 4

Per la propriet` a di linearit` a dellintegrale denito, lintegrale precedente si suddivide in integrazioni elementari V = 18 = 18 36
3 0 3

x4 d x + +
0

3 0

9 x2 d x 4
3

dx
0

x5 36 5

x3 2 3

9 [x]3 0 4 0

9 27 27 9 27 35 + = 18 + = 18 36 5 2 4 20 2 4 288 72 = (360 27 + 90 135) = = . 20 20 5

Esame 2012: problema 2


y B E D x y = mx

531

Fig. 3. Circonferenza tangente e luogo dei centri D.

4. Per determinare il luogo dei centri D delle circonferenze tangenti internamente allarco L e allasse x (g. 3) sia f : y = mx il fascio di rette per lorigine con m 0. Detto D il centro delle circonferenze, poich e tale punto appartiene a f le sue coordinate sono D (x0 , y0 ) (x0 , mx0 ), con x0 [0, 3] (3)

e la sua distanza dallasse x ` e pari a DH = r = mx0 . La distanza dalla circonferenza si ottiene invece determinando innanzitutto OD con il teorema di Pitagora applicato a OHD e perci` o OD =
2 x2 0 + (mx0 ) .

Osservato (g. 3) che DE = OE OD = 3 OD discende DE = 3


2 x2 0 + (mx0 ) = 3 2 2 x2 0 + m x0

e la condizione che individua il luogo, DE = DH , diventa 3 o meglio 3 mx0 =


2 2 x2 0 + m x0 . 2 2 x2 0 + m x0 = mx0

(4)

Poich e per la (3) vale y0 = mx0 e quindi m = y0 /x0 , possiamo sostituire questultima nella (4) 3 y0 x0 = x0 x2 0+ y0 x0
2

x2 0

dalla quale ottenere il legame tra ascisse e ordinate dei punti D del luogo cercato 3 y0 =
2 x2 0 + y0 .

532
y B E V D O H A x

Esame 2012: quesito 1

Fig. 4. Circonferenza tangente allasse x e agli archi di centro O e A.

Considerato che 3 y0 0 elevando al quadrato e riordinando i termini si giunge alla


2 (3 y0 )2 = x2 0 + y0

2 2 9 + y0 6y0 = x2 0 + y0

x2 0 = 9 6y0

che costituisce lequazione aspettata. Rilevata la simmetria dei due archi rispetto alla retta perpendicolare ad x e passante per la loro intersezione (g. 4), la circonferenza richiesta deve avere il 3 centro con lascissa uguale al punto medio del segmento OA ossia xD = 2 . Poich e D appartiene alla parabola (1) la sua ordinata ` e yD = 9 3 9 3 1 3 + = + = , 6 2 2 24 2 8
2

valore assunto pure dal raggio. Ne segue che lequazione della circonferenza cercata ` e 2 2 2 3 9 9 x + y = . 2 8 8 Quesito n. 1: soluzione. (testo del quesito) Largomento del limite
h0

lim

1 2

+h

1 4 2 4

+ x nel punto rappresenta il rapporto incrementale della funzione f (x) = 5 1 2 x0 = 0 oppure in alternativa, il rapporto incrementale di g(x) = 5x4 ma nel punto 1 x0 = 2 . Difatti, il suo calcolo esplicito con f risulta 1 1 1 f (0 + h) f (0) 5 = lim +h 5 h0 h h0 h 2 2 lim = lim 5 h0 h 1 +h 2
4 4 4

1 2

(1)

Esame 2012: quesito 1

533

Per determinare il suo valore si pu` o sviluppare il binomio nella potenza 4 come 1 +h 2
4

1 2

+4

1 1 h+6 h2 + 2 2

1 h3 + h4 2

e quindi la (1) diviene 5 1 1 3 1 h + h2 + 2h3 + h4 4 4 h0 h 2 2 2 2 lim e si risolve


h0

lim 5

1 3 + h + 2h2 + h3 2 2

5 2

essendo

3 h = lim 2h2 = lim h3 = 0. h0 2 h0 h0 lim

In alternativa, osservato che il limite proposto rientra nel caso di indeterminazione del tipo 0/0, ` e possibile risolverlo anche tramite il teorema di De LH opital. In riferimento alla (1), il limite del rapporto delle derivate della funzione a numeratore 4 4 1 1 5 , +h 2 2 e denominatore h, ` e lim 54
1 2

+h

h0

1 = lim 20 +h h0 2

20 5 = 8 2

per cui, soddisfatte le ipotesi del teorema citato, lo si pone uguale a quello proposto. Inne riconosciuto largomento del limite come il rapporto incrementale della funzione f (x), potremo ottenere il suo valore pure eseguendo semplicemente la derivata di 4 1 f (x) = 5 +x 2 e calcolandola in x0 = 0. Difatti f (x) = D 5 1 +x 2
4

=54
1 23

1 +x 2

e il calcolo in x0 = 0 fornisce f (0) = 5 4

=5 2.

534 Quesito n. 2: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2012: quesito 2

Il termine asintoto sta ad indicare una retta cui tende il graco di una funzione quando x oppure x c. Nel primo caso si potr` a presentare un asintoto orizzontale o obliquo mentre nel secondo un asintoto verticale. Pi` u precisamente, se per una funzione f (x) si ha
x

lim f (x) = l

la retta di equazione r : y = l ` e asintoto orizzontale. Se invece lim f (x) =


x

allora y = mx + q ` e lequazione rappresentativa dellasintoto obliquo di f se sono niti i due limiti f (x) =m x x lim Se inne,
xc

lim (f (x) mx) = q,

m, q R.

lim f (x) = ,

la retta x = c ` e asintoto verticale. Dal punto di vista geometrico signica che esistono punti del graco della funzione f che hanno una distanza dalla retta asintoto che pu` o essere posta minore di un qualsivoglia valore positivo. Un esempio di funzione f (x) con le caratteristiche richieste pu` o essere f (x) = x2 + 1 x2 + 1 = 2 . (x 1)(x + 2) x +x2

Difatti poich e il denominatore ha, per x 1 e x 2, i limiti


x1

lim (x 1)(x + 2) = lim (x 1)(x + 2) = 0


x2

mentre per il numeratore risulta rispettivamente


x1

lim (x2 + 1) = 2 oppure

x2

lim (x2 + 1) = 5,

ne discende che
x1

lim f (x) = lim f (x) =


x2

cosicch e le rette x = 1 e x = 2 sono asintoti verticali.

Esame 2012: quesito 3


Poich e inoltre lim f (x) = lim
1 x2 1 + x x2 + 1 2 = lim x x2 + x 2 x x2 1 + 1 2 x x2

535

= lim in quanto

1 1+ x 1 2 = = 1, 1 2 x 1 + 1 x x2

1 1 2 = lim 2 = lim 2 x x x x x x lim

=0

la retta y = 1 ` e asintoto orizzontale per la funzione f (x). Quesito n. 3: soluzione. (testo del quesito) Se la posizione in funzione del tempo ` e rappresentata dalla funzione s(t) = 20 2et/2 + t 2 , la velocit` a, nella notazione di Leibniz, ` e denita come v (t) = ds , dt

e quindi si ottiene eseguendo la derivata prima di s(t) rispetto alla variabile t cio` e, 1 v (t) = 20 2 et/2 + 1 0 = 20 1 et/2 . 2 Laccelerazione ` e, a sua volta, la derivata di v (t) in quanto denita come a(t) = per cui derivando ulteriormente abbiamo a(t) = 20 et/2 1 2 = 10 et/2. dv , dt

Il suo valore valore nellistante t = 4 ` e pertanto a(4) = 10 e4/2 = 10 e2 = 10 1,3534. e2

536 Quesito n. 4: soluzione. (testo del quesito)

Esame 2012: quesito 4

Si veda la soluzione dellidentico quesito assegnato allesame 2007 quesito 4. Il volume massimo richiesto ` e comunque V (max) = 403,1 litri. Quesito n. 5: soluzione. (testo del quesito) Per determinare il numero dei segmenti va osservato che uno stesso segmento ` e individuato dai suoi due punti estremi ed ` e indierente lordine in cui questi vengono indicati ossia, per esempio, il segmento di estremi AB coincide con il segmento BA. Pertanto questo numero si pu` o identicare come il numero dei gruppi di due elementi che si possono formare selezionando questi da un insieme di n elementi distinti. Detto in altro modo, tale numero ` e pari al numero delle combinazioni semplici di n elementi presi a gruppi di due ossia Cn,2 = n 2 = n! . 2!(n 2)!

La propriet` a del fattoriale che permette di riscrivere n! come n! = n(n 1)! assicura pure n! = n(n 1)! = n(n 1)(n 2)!, per cui Cn,2 si semplica in Cn,2 = n(n 1)(n 2)! n(n 1) n! = = . 2!(n 2)! 2!(n 2)! 2 (1)

Applicando tre volte la propriet` a (1), la precedente diviene Cn,3 =

Analogamente per i triangoli: i punti sono ora selezionati a gruppi di tre e poich e non sono allineati, a ciascuna terna e indipendentemente dallordine dei vertici, corrisponde un diverso triangolo. Il loro numero ` e dato da Cn,3 che esplicitamente risulta n n! Cn,3 = . = 3 3!(n 3)! n(n 1)(n 2) n(n 1)(n 2)(n 3)! = . 6 (n 3)! 6

Inne, per i tetraedri, gli n punti vanno scelti a gruppi di quattro e ciascuna quaterna d` a luogo ad un tetraedro in quanto i quattro vertici non possono essere complanari. Il numero di tali combinazioni ` e dato da Cn,4 per cui, procedendo come sopra risulta Cn,4 = n n! = 4 4!(n 4)! n(n 1)(n 2)(n 3)(n 4)! = 24 (n 4)! n(n 1)(n 2)(n 3) = . 24

Esame 2012: quesito 7


Quesito n. 6: soluzione. (testo del quesito) La funzione f (x) = 5 sen x cos x + cos2 x sen2 x 5 sen 2x cos 2x 17 2

537

(1)

appare, a prima vista, una funzione goniometrica omogenea di II grado nella variabile x. Poich e questa classe di funzioni si pu` o ricondurre identicamente a funzioni lineari relative allangolo 2x utilizzando le formule di duplicazione 1 sen 2x = sen x cos x 2 possiamo riscrivere la (1) come f (x) = 5 1 5 sen 2x + cos 2x sen 2x cos 2x 17 2 2 cos 2x = cos2 x sen2 x, (2)

che si riduce allespressione f (x) = 17. La derivata ` e ora banale e vale f (x) = 0. In alternativa, ovviamente pi` u laboriosa e a maggior rischio di errori, consiste nel calcolo diretto della f (x) f (x) = 5[cos x cos x + sen x( sen x)] + 2 cos x( sen x) 2 sen x cos x 5 cos 2x 2 ( sen 2x) 2 0 2 2 = 5[cos x sen2 x] 2 cos x sen x 2 sen x cos x 5 cos 2x + 2 sen 2x. Con le identit` a (2) f (x) = 5 cos 2x 4 sen x cos x 5 cos 2x + 4 sen x cos x = 0 ci si riporta al medesimo risultato. Quesito n. 7: soluzione. (testo del quesito)
V

AV = AB = l

M B H A

Fig. 1. Tetraedro regolare.

538

Esame 2012: quesito 8

Un tetraedro regolare ` e uno dei cinque solidi platonici (si veda il quesito 2 dellesame 2006) e le sue quattro facce sono triangoli equilateri congruenti di e pure retto ossia il piede lato pari allo spigolo AV = AB = l (g. 1). Tale solido ` dellaltezza cade nel centro del cerchio inscritto nella base che, essendo tale faccia un triangolo equilatero, ` e pure il baricentro della base stessa. In riferimento alla gura 1, la mediana AM ` e pertanto divisa dal baricentro H in parti di lunghezza una doppia dellaltra (AH = 2HM ) per cui AH = 2 AM . 3 (1)

Poich e in un triangolo equilatero la mediana ` e pure altezza, vale in aggiunta la relazione con il lato/spigolo 3 AM = AB sen = l . 3 2 Sostituendo la (2) nella (1) l l 3 3 2 = = AH = l 3 2 3 3 per cui, ricordato che AVH ` e retto in H , il rapporto che denisce langolo e = AVH ` l 1 AH sen = = l = . AV 3 3 Utilizzando la funzione inversa giungiamo al risultato 1 = arcsen 3 35,26 . (2)

Quesito n. 8: soluzione. (testo del quesito)


1 ci si deve riferire al teoPer ottenere il valor medio della funzione f (x) = x rema della media integrale che denisce il valor medio della funzione continua f nellintervallo [a, b] come b 1 f= f (x) dx. ba a

Nel caso in esame questa denizione si riduce al calcolo dellintegrale f= 1 e1


e 1

1 dx x

Esame 2012: quesito 10


che si risolve ricordando lintegrale indenito elementare tanto e 1 1 1 e f= dx = [ln |x|]1 e1 1 x e1 e procedendo alla sostituzione otteniamo il risultato f= 1 1 (ln e ln 1) = 1 e1 e1 1 = . e1
1 x

539 dx = ln |x| + c. Per-

Quesito n. 9: soluzione. (testo del quesito) Il quesito uguale a quello assegnato nella sessione ordinaria PNI 2006 quesito 3. Quesito n. 10: soluzione. (testo del quesito) Osserviamo innanzitutto che le quattro funzioni proposte sono funzioni composte del tipo sen[f (x)] o cos[f (x)]. Ricordato che il dominio delle funzioni seno e coseno ` e R, gli argomenti sen(x2 + 1) e cos(x2 + 1) rispettivamente di A) cos(sen(x2 + 1)) B) sen(cos(x2 + 1))

sono ancora deniti x R. Il dominio delle prime due funzioni ` e pertanto R. Per le rimanenti due dove appare coinvolto il logaritmo, lesistenza di questultimo impone che sia x2 +1 > 0. Poich e anche questa disequazione ` e soddisfatta x R, pure le funzioni C) sen(ln(x2 + 1)) D) cos(ln(x2 + 1))

hanno per dominio R. Per queste due osserviamo inoltre che x2 + 1 1 cosicch e ln(x2 + 1) 0 x R. Analizziamo quindi singolarmente i vari casi. A) Dato che x2 + 1 pu` o assumere un qualsiasi valore reale positivo maggiore o eguale ad 1, il codominio di sen(x2 + 1) sar` a 1 sen(x2 + 1) 1 cio` e lintervallo [1, 1]. Introdotta la variabile t = sen(x2 + 1) deve quindi essere 1 t 1. Ma poich e [1, 1] , 2 2

540 a maggior ragione t soddisfa alle disuguaglianze <t< 2 2

Esame 2012: quesito 10

per cui tale variabile rappresenta un angolo del I o del IV quadrante dove il coseno assume valori positivi. Ne segue che cos sen x2 + 1 = cos t > 0 x R.

B) Posto questa volta t = cos(x2 + 1) si possono riportare le medesime osservazioni del caso precedente circa i valori assunti da t ossia ` e ancora t [1, 1]. Diversamente dal caso precedente la funzione ` e invece sen(t) e pu` o quindi essere sen t < 0 se 1 t < 0. Per dimostrare comunque la non validit` a di una aermazione, nel nostro caso la positivit` a di una data funzione, ` e sempre possibile proporre dei controesempi. Difatti supposto x2 + 1 = la funzione assume il valore negativo sen(cos ) = sen(1) = sen 1 < 0 e pertanto esistono valori di R, x = 1 in corrispondenza dei quali ` e sen(cos(x2 + 1)) < 0. C) Posto in questo caso z = ln(x2 + 1), i valori assunti da z ossia il codominio di un logaritmo con argomento maggiore o uguale ad 1, ` e linsieme R+ dei reali positivi o nulli ossia z [0, +[. Pertanto sen ln(x2 + 1) = sen z [1, 1] (1)

e ancora sen z < 0 se 1 z < 0. Per esempio se fosse x2 + 1 = e4, equazione risolta dai valori x = e4 1, la funzione (1) assume il valore negativo sen(ln(e4 )) = sen(4) 0,7568 < 0,
3 in quanto < 4 < 2 . D) Con la medesima posizione del punto precedente z = ln(x2 + 1) [0, +[ e pure in questo caso ` e

cos ln(x2 + 1) = cos z [1, 1].

(2)

Scelti i valori del punto C dove x2 + 1 = e4 la funzione (2) assume ancora il valore negativo cos(ln(e4 )) = cos(4) 0,6536 < 0 in quanto, come osservato, 4 III quadrante. La risposta corretta ` e quindi la A.

ESAME 2012 PNI

Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Problema n. 1

f (x) Della funzione f , denita per 0 x 6, si sa che ` e dotata di derivata prima e se(6, 2) conda e che il graco della sua derivata f (x), disegnato a lato, presenta due tan(2, 0) (5, 0) x genti orizzontali per x = 2 e x = 4. Si sa anche che f (0) = 9, f (3) = 6 e f (5) = 3. (1, 1) (3, 1) 1. Si trovino le ascisse dei punti di esso di f motivando le risposte in modo (4, 2) esauriente. 2. Per quale valore di x la funzione f (0, 3) presenta il suo minimo assoluto? Sa6 pendo che 0 f (t)dt = 5 per quale valore di x la funzione f presenta il suo massimo assoluto? 3. Sulla base delle informazioni note, quale andamento potrebbe avere il graco di f ? 4. Sia g la funzione denita da g(x) = xf (x). Si trovino le equazioni delle rette tangenti ai graci di f e di g nei rispettivi punti di ascissa x = 3 e si determini la misura, in gradi e primi sessagesimali, dellangolo acuto che esse formano. Soluzione

Problema n. 2

Siano f e g le funzioni denite da f (x) = ex e g(x) = ln x. 1. Fissato un riferimento cartesiano Oxy , si disegnino i graci di f e di g e 1 e x = 1. si calcoli larea della regione R che essi delimitano tra x = 2

542

Esame 2012 PNI: quesito 1


2. La regione R, ruotando attorno allasse x, genera il solido S e, ruotando attorno allasse y , il solido T . Si scrivano, spiegandone il perch e, ma senza calcolarli, gli integrali deniti che forniscono i volumi di S e di T . 3. Fissato x0 > 0, si considerino le rette r e s tangenti ai graci di f e di g nei rispettivi punti di ascissa x0 . Si dimostri che esiste un solo x0 per il quale r e s sono parallele. Di tale valore x0 si calcoli unapprossimazione arrotondata ai centesimi. 4. Sia h(x) = f (x) g(x). Per quali valori di x la funzione h(x) presenta, nellintervallo chiuso 1 2 x 1, il minimo e il massimo assoluti? Si illustri il ragionamento seguito. Soluzione

Questionario

1. Si calcoli
x0

lim+

23x 34x . x2 Soluzione

2. Una moneta da 1 euro (il suo diametro ` e 23,25 mm) viene lanciata su un pavimento ricoperto con mattonelle esagonali (regolari) di lato 10 cm. Qual ` e la probabilit` a che la moneta vada a nire internamente ad una mattonella (cio` e non tagli i lati degli esagoni)? Soluzione

3. Sia f (x) = 3x . Per quale valore di x, approssimato a meno di 103 , la pendenza della retta tangente alla curva nel punto (x, f (x)) ` e uguale a 1? Soluzione

4. Linsieme dei numeri naturali e linsieme dei numeri razionali sono insiemi equipotenti? Si giustichi la risposta. Soluzione

Esame 2012 PNI: quesito 10

543

5. Siano dati nello spazio n punti P1 , P2 , P3 , . . . , Pn . Quanti sono i segmenti che li congiungono a due a due? Quanti i triangoli che hanno per vertici questi punti (supposto che nessuna terna sia allineata)? Quanti i tetraedri (supposto che nessuna quaterna sia complanare)? Soluzione

6. Si dimostri che la curva di equazione y = x3 + ax + b ha uno ed un solo punto di esso rispetto a cui ` e simmetrica. Soluzione

` dato un tetraedro regolare di spigolo l e altezza h. Si determini lampiezza 7. E dellangolo formato da l e da h. Soluzione

8. Unazienda industriale possiede tre stabilimenti (A, B e C ). Nello stabilimento A si produce la met` a dei pezzi, e di questi il 10% sono difettosi. Nello stabilimento B si produce un terzo dei pezzi, e il 7% sono difettosi. Nello stabilimento C si producono i pezzi rimanenti, e il 5% sono difettosi. Sapendo che un pezzo ` e difettoso, con quale probabilit` a esso proviene dallo stabilimento A? Soluzione

9. Il problema di Erone (matematico alessandrino vissuto probabilmente nella seconda met` a del I secolo d.C.) consiste, assegnati nel piano due punti A e B , situati dalla stessa parte rispetto ad una retta r , nel determinare il cammino minimo che congiunge A con B toccando r . Si risolva il problema nel modo che si preferisce. Soluzione

10. Si provi che fra tutti i coni circolari retti circoscritti ad una sfera di raggio r , quello di minima area laterale ha il vertice che dista r 2 dalla supercie sferica. Soluzione

544

Esame 2012 PNI: problema 1

Problema n. 1: soluzione. (testo del problema)


f (x) (6, 2) (2, 0) (1, 1) (3, 1) (4, 2) (0, 3) Fig. 1. Graco della funzione derivata prima f (x). (5, 0)

1. Il segno della derivata seconda f (x) si pu` o dedurre osservando il graco della f (x) (g. 1) e, in particolare, rilevando gli insiemi dove questa appare crescente o decrescente. Poich e f (x) ` e strettamente crescente in [0, 2[ e in ]4, 6] negli stessi intervalli il segno di f dovr` a essere positivo ossia f (x) > 0. In x ]2, 4[ ` e invece f (x) < 0 dato che il graco di f appare in tale insieme strettamente decrescente. Inne in f (2) = 0 e f (4) = 0 in quanto x = 2 ` e punto di massimo relativo proprio mentre in x = 4 vi ` e un minimo relativo proprio entrambi con tangente orizzontale. Riassunte nella g. 2 queste osservazioni e tenuto conto che il segno di f denisce le concavit` a/convessit` a di una funzione
0 2 4 6

Fig. 2. Segno della funzione derivata seconda f (x) e concavit` a di f .

appare che la funzione f (x) presenter` a la concavit` a rivolta verso lalto quanto x ]0, 2[ ]4, 6[, nel verso opposto quando x ]2, 4[. I punti di esso per f sono quindi x = 2 e x = 4. 2. Per quanto riguarda la ricerca dei valori estremi della funzione f va esplicitato il segno della sua derivata prima: in base al graco di g. 1 risulta f (x) < 0 se x [0, 2[ ]2, 5[, f (2) = f (5) = 0, f (x) > 0 se x ]5, 6],

Esame 2012 PNI: problema 1


0 2 5 6

545

Fig. 3. Segno della funzione derivata prima f (x) e monotonia di f .

segno che riassumiamo nella g. 3. Lesistenza di f (x) in [0, 6] assicura pure la continuit` a della funzione f nello stesso intervallo per cui possiamo applicare il corollario del teorema di Lagrange sulla monotonia di una funzione. In particolare, a partire dal valore 9 assunto in x = 0, f (0) = 9, f decresce e assume in x = 5 il suo valore minimo m che, per la condizione f (5) = 3, vale m = 3. La funzione ` e poi strettamente crescente no a x = 6. Il punto di minimo assoluto ` e quindi x = 5 mentre per determinare il massimo assoluto dovremo calcolare f (6) e confrontarlo con f (0) = 9. Dal teorema fondamentale del calcolo integrale sappiamo che tra f ed f sussiste la relazione x
0

f (t) dt = [f (t)]x 0 = f (x) f (0) = f (x) 9


x

dalla quale si ricava che f (x) =


0

f (t) dt + 9.

Imponendo la condizione data dal testo


6 0

f (t) dt = 5,

possiamo calcolare f (6)


6

f (6) =
0

f (t) dt + 9 = 5 + 9 = 4.

Osservato che f (0) > f (6), signica che il massimo assoluto ` e raggiunto in x = 0. 3. In base alle informazioni date dal testo, f (0) = 9, f (3) = 6, f (5) = 3 o dedotte nel punto precedente, f (6) = 4, le osservazioni sulla monotonia e sui punti di esso e concavit` a/convessit` a, un possibile graco di f ` e riportato nella gura 4 dove sono evidenziati (in colore rosso) i punti noti e i punti di esso (in blu) del possibile graco: in particolare x = 2 ` e un punto di esso orizzontale discendente. 4. La retta tangente al graco di f nel punto x = 3 ` e rappresentata dallequazione t: y f (3) = f (3)(x 3) che, con il dato f (3) = 6 assieme allinformazione deducibile dal graco di f , f (3) = 1, diviene t : y 6 = (x 3) cio` e t : y = x + 9. (1)

546
f (x) 9

Esame 2012 PNI: problema 1

6 4 3 O 2 3 4

f (0) = 9 f (2) = 0 f (3) = 6 f (4) = 0 f (5) = 3 f (6) = 4

f (2) = 0

f (5) = 0

Fig. 4. Possibile graco della f (x) e dati forniti o dedotti (Oxy non isometrico).

Analogamente, per la funzione g(x) = xf (x) la retta tangente risulta s : y g(3) = g (3)(x 3) dove, per determinarla, vanno calcolati i valori di g(3) e g (3). Il primo deriva immediatamente dalla denizione (2) da cui g(3) = 3 f (3) = 3 6 = 18. Poich e inoltre g (x) = 1 f (x) + xf (x) = f (x) + xf (x) abbiamo g (3) = f (3) + 3f (3) = 6 + 3(1) = 3 per cui s : y 18 = 3(x 3) ossia s : y = 3x + 9 (g. 5).
s: y = 3x + 9

(2)

9 3 Fig. 5. Rette t ed s e angolo acuto tra di esse (sistema non isometrico). t: y = x + 9

Esame 2012 PNI: problema 2

547

Ricordiamo che il coeciente angolare di una retta rappresenta la tangente goniometrica dellangolo orientato che la retta determina con il semiasse positivo delle ascisse. Cos` , in riferimento alla gura 5 dove sono riportate le rette t ed s e gli angoli e che queste determinano, rispettivamente, con lasse x, valgono le uguaglianze mt = 1 = tg = tg , 4 ms = 3 = tg .

In particolare ` e = . Osserviamo che langolo (in verde nella g. 5 dove il 4 . Considerando sistema non ` e isometrico) ` e acuto, in quanto tg > 3 e > 3 il segno negativo di , si pu` o esprimere come = ( ) = + = 3 = . 4 4

Utilizzando nel calcolo di tg la formula di addizione otteniamo inne tg = tg =


tg tg 34 3 = 3 4 1 + tg 4 tg

1 3 4 1 tg = = = 2, 1 tg 13 2

da cui = arctg 2 63,4349 . Problema n. 2: soluzione. (testo del problema) 1. I graci delle funzioni f e g sono noti e sono riportati, assieme alla regione R di cui si chiede larea, nella gura g. 1. Questultima si calcola con lintegrale denito
1

A(R) =

1 2

(ex ln x) dx,

integrale che, per la propriet` a di linearit` a, si suddivide nei corrispondenti integrali indeniti ex dx e ln x dx. Il primo ` e immediato, ex dx = ex + c, mentre per risolvere il secondo procediamo con il metodo per parti considerando il termine dx come il fattore dierenziale. Segue che ln x dx = x ln x xD (ln x) dx = x ln x x = x ln x dx = x ln x x + c. 1 dx x

548 La misura A(R) dellarea ` e quindi


1

Esame 2012 PNI: problema 2

A(R) =

1 2

(ex ln x) dx = [ex (x ln x x)] 1 1 1 ln 2 2

= e (1 ln 1 1) e1/2 + =e+1

1 2

1 1 1 e + ln 2 2 2 1 = e e + (1 ln 2) 1,2230. 2

1 , e1/2 ) A( 2

g (x) = ln x f (x) = e
x

R 1
1 , ln 2) B( 2

1 2

Fig. 1. Graci di f (x) = ex e g (x) = ln x.

2. La regione R ruotando attorno allasse x genera il solido S rappresentato in gura 2. Detti comunque A e B i punti di intersezione della retta di equazione x= 1 2 rispettivamente con lesponenziale e con il logaritmo, A 1 1/2 ,e 2 1 , e , 2 B 1 1 1 , ln , ln 2 , 2 2 2

e quindi generato dalla va notato che yA > |yB | in quanto e > ln 2. Il solido S ` rotazione del solo trapezoide associato alla funzione f ed evidenziato in celeste e dato dallintegrale nella gura 2. Pertanto il volume di S `
1

V (S ) =

[e ] dx =
1 2 1 2

x 2

e2x dx.

Esame 2012 PNI: problema 2

549

g (x) = ln x f (x) = ex 1
1 2

Fig. 2. Solido S di rotazione attorno allasse x.

Per determinare il volume di T riportiamo la rotazione attorno allasse della variabile indipendente considerando le funzioni inverse di f e g ossia 1 , 1 , y [ e, e] 2 1 x , 1 , y [ ln 2, 0]. 2

f 1 : x = ln y, g1 : x = ey

Applichiamo a queste la trasformazione di simmetria assiale x = y y = x avente per asse la bisettrice y = x a seguito della quale le precedenti si riscrivono come f 1 : y = ln x , g1 : y = ex

1 , 1 , x [ e, e] 2 1 , 1 , x [ ln 2, 0]. y 2 y

Lasciando cadere lapice di x e y , il solido T ` e ora generato dalla rotazione di R attorno allasse x e si pu` o ritenere formato dalla rotazione di tre regioni, R1 , R2

550 ed R3 (g. 3) denite come

Esame 2012 PNI: problema 2

R1 = (x, y ) ln 2 x 0 R2 = (x, y ) 0 x R3 = (x, y ) e

1 y ex 2

1 y1 2 1 2

e x e ln x y

e, rispettivamente, di colore celeste, arancio e giallo nella gura 3.


R1 R3 f 1 : y = ln x

:y = e

R2

ln 2

Fig. 3. Solido T dopo la simmetria di asse y = x.

Il volume richiesto ` e allora dato dalla somma di V (T ) = V (R1 ) + V (R2 ) + V (R3 ). Tenendo conto che il volume generato dalla rotazione di una regione compresa tra due funzioni e le rette x = , x = , attorno allasse della variabile indipendente ` e espresso dallintegrale

V=

[f (x)]2 [g(x)]2 dx

dove f (x) g(x), il calcolo dei contributi delle tre regioni ` e:


0

V (R1 ) = V (R2 ) = V (R3 ) =

ln 2 e 0 e e

(ex )2 12 1 2
2