Sei sulla pagina 1di 47

Corso di Storia dell'Arte

Definizione di barocco

Itinerario nel Barocco di Catania

Il Barocco lo stile dominante nell'arte e nell'architettura dei paesi europei e di alcune colonie delle Americhe nel periodo approssimativamente compreso tra il 1600 e il 1750. Le origini della parola 'barocco' sono poco chiare. Il termine potrebbe derivare dal portoghese barocco o dallo spagnolo barrueco, sostantivo che designava un genere di perla dalla forma irregolare. Verso la fine del XVIII secolo, tuttavia, il termine barocco, usato nell'accezione di 'bizzarro', 'stravagante' e 'grottesco', era ormai entrato nel vocabolario della critica per definire lo stile artistico del Seicento, considerato allora troppo capriccioso ed eccentrico per essere qualificato, secondo i criteri estetici del tempo, come 'vera arte'. Ancora nel XIX secolo lo storico svizzero Burckhardt giudicava questo stile semplicemente una manifestazione esausta e decadente del Rinascimento; fu il suo allievo Wolfflin il primo a riconoscere all'arte dei secoli XVI e XVII fisionomia e caratteri propri, affermando che il barocco non rappresenta n un'ascesa n un declino del classico, ma un'arte totalmente diversa (Concetti fondamentali della storia dell'arte, 1915).

Corso di Storia dell'Arte


Gli storici dell'Ottocento vedevano nel barocco un decorativismo eccessivo e ridondante. Infatti, il barocco si connot per unimmagine ricca di decorazioni, intendendo con il termine decorazione un qualcosa che aggiunto per abbellire. Questo abbellimento era visto come qualcosa di applicato, di sovrapposto, che non nasceva dalla sostanza delle cose.

Itinerario nel Barocco di Catania

Palermo, chiesa di Casa Professa

Corso di Storia dell'Arte


Contesto storico

Itinerario nel Barocco di Catania

Il XVII secolo segn la nascita della scienza moderna e vide la progressiva espansione degli imperi coloniali europei. Questi cambiamenti influenzarono non poco lo sviluppo delle arti, al pari di altri grandi eventi storici, quali la Controriforma e il consolidamento degli stati nazionali a opera di grandi monarchi come Luigi XIV. Gli studi e la divulgazione degli scritti di Galileo spiegano la precisione quasi 'matematica' riscontrabile in molte opere figurative dell'epoca, cos come l'affermazione del sistema copernicano, che priva l'uomo della centralit nell'universo riservatagli dal sistema tolemaico fino ad allora invalso, si tradusse nel trionfo della pittura di paesaggio, nella quale le presenze umane si riducono fino a scomparire. Le controversie e i movimenti religiosi influenzarono profondamente l'arte barocca. La Chiesa cattolica divenne uno dei pi convinti mecenati e la Controriforma contribu alla nascita di un'arte emozionale, drammatica e naturalistica, dalla quale traspare una chiara volont di divulgazione della fede.
Retablo lignei

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Lo sfarzo, la volont di stupire, il gusto per la sottigliezza e il paradosso portarono spesso nell'arte a una drammatizzazione delle situazioni e degli episodi e a un'esasperazione dei caratteri psicologici quando tali tendenze non furono energicamente contrastate dall'opposta e altrettanto forte esigenza di ordine e solidit. Il mondo fu percepito come un teatro nel quale l'individuo, spinto ad agire secondo logica e razionalit tra evidenze sensibili, vive tuttavia con la consapevolezza che il proprio destino riposto nella imperscrutabile grazia divina.

Corso di Storia dell'Arte


Elementi del Barocco

Itinerario nel Barocco di Catania

Movimento, energia e tensione sono fra le caratteristiche principali dell'arte barocca; forti contrasti di luce e ombra accentuano l'effetto drammatico di dipinti, sculture e opere architettoniche. Nei quadri, negli affreschi, nei rilievi e nelle statue barocche vi sono inoltre spesso elementi che suggeriscono una proiezione verso lo spazio circostante, indistinto e infinito, grazie anche a un'attenta resa volumetrica e prospettica.

Caravaggio, Deposizione, 1604

Pietro da Cortona, Trionfo della Divina Provvidenza, 1633-39, Salone di Palazzo Barberini, Roma

Canaletto, Piazza S. Marco, 1735

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

La tendenza naturalistica un'altra componente fondamentale dell'arte barocca; le figure umane ritratte non sono stereotipi, bens individui, ognuno ben caratterizzato. Gli artisti di questo periodo erano affascinati dagli intimi meccanismi della mente e dalle convulse passioni dell'anima, che vollero ritrarre attraverso le caratteristiche fisiognomiche dei loro soggetti. Un senso di intensa spiritualit presente in molte opere, in particolare nelle rappresentazioni di estasi, martiri o apparizioni miracolose, soprattutto a opera di artisti di paesi cattolici come l'Italia, la Spagna e la Francia. L'intensit, l'immediatezza, la cura per il dettaglio dell'arte barocca ne fanno tuttora uno degli stili pi coinvolgenti per lo spettatore in tutto l'arco dell'arte occidentale.

Carracci, Mangiatore di fagioli, fine '500

Bernini, Estasi di Santa Teresa, 1647

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Un parametro stilistico del barocco sicuramente la complessit e la teatralit Leffetto che unopera barocca deve suscitare sempre la meraviglia. Per questo c' un forte sviluppo dell'arte della scenografia e la citt stessa viene concepita come una grande scenografia all'aperto.

Fratelli Bibiena, Scenografia a d angolo, 1650 ca.

Palermo, i quattro canti (piazza Vigliena) detti anche Teatro del Sole

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Un'altra caratteristica del barocco pu essere considerato lhorror vacui cio la tendenza a non lasciare alcun vuoto nella realizzazione di unopera. In un quadro, ad esempio, ogni centimetro della superficie veniva sfruttato per inserire quante pi figure possibili. In una superficie architettonica non vi era neppure un angolo che non fosse stuccato con cornici dorate o inserti di marmo.

A sinistra Palermo, chiesa di Casa Professa; sopra, particolari decorativi a Noto

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Un'altro parametro dello stile barocco infine leffetto scenografico. Le opere barocche, in particolare quelle architettoniche e monumentali in genere, costituiscono sempre dei complessi molto estesi che segnano con la loro presenza tutto lo spazio disponibile. In tal modo il barocco la quinta teatrale per eccellenza che faceva da cornice alla vita del tempo, anchessa regolata da aspetti e cerimoniali improntati a grande decoro.

Andrea Pozzo, Il trionfo di SantIgnazio, 1691-94, Chiesa di SantIgnazio, Roma

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Ledificio rinascimentale aveva un principio di regolarit geometrica che doveva imporsi sugli spazi circostanti, che dovevano loro adattarsi alledificio, e non viceversa. In realt, quanto fosse pretestuosa e difficilmente perseguibile una simile ottica, apparve alla fine evidente. E gli architetti barocchi, piuttosto che modificare gli spazi urbani in funzione delledificio che andavano a progettare, preferirono adattare questultimo al contesto, inserendolo senza forzature eccessive. Le citt, in cui si trovarono ad operare sia gli architetti rinascimentali sia barocchi, si erano in larga parte formate e modificate nel medioevo, secondo visioni quindi tuttaltro che geometriche. Le citt, tranne parti ben limitate, avevano per lo pi forme irregolari. Larchitetto barocco, senza nessuna pretesa di regolarizzare lirregolare, sfrutt anzi tale complessit morfologica per ottenere spazi urbani pi mossi e ricchi di scorci suggestivi.

Roma, piazza Navona

Torino, palazzo Carignano

Modica, chiesa di S. Giorgio

Modica, chiesa di S. Pietro

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Alla fine, larchitetto barocco, dato che aveva concettualmente separato la struttura dalla decorazione, fin per modificare laspetto delle citt, se non la struttura, molto di pi di quanto avessero fatto gli architetti precedenti. Infatti in questo periodo, si provvide ad un sostanziale rinnovo urbano, che interess facciate di palazzi, o interni di chiese, che assunsero un aspetto decisamente barocco. La nuova architettura, abbiamo detto, instaurava un rapporto nuovo tra edifici e spazi urbani. Gli ambiti cittadini erano considerati alla stregua di spazi teatrali, e i prospetti degli edifici fungevano da quinte scenografiche. Ma gli spazi urbani non si compongono solo di edifici. In essi vi sono fontane, scalinate, monumenti ed altro, che arricchiscono questi spazi di altre presenze significative. Ed il barocco dedic notevole attenzione a questi elementi di arredo urbano. A Roma, notevoli esempi sono la Fontana di Trevi e la scalinata di Trinit dei Monti, per citare solo due tra gli esempi pi noti.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

L'architettura barocca sviluppa alcune tendenze gi evidenti nel Manierismo alla fine del XV secolo, il quale a sua volta aveva infranto il rigore formale del Rinascimento. Le alterazioni delle proporzioni e le tensioni espresse da Michelangelo nel Vestibolo della Biblioteca Laurenziana a Firenze sono gi un'anticipazione dello spirito del barocco. Del resto l'aggiunta michelangiolesca del massiccio cornicione al palazzo Farnese suscit all'epoca reazioni, proprio per l'alterazione in senso drammatico delle proporzioni classiche. Se gli architetti manieristi alterano l'impaginazione rigorosa delle facciate rinascimentali aggiungendovi temi e decorazioni caratterizzati da un raffinato e oscuro intellettualismo, senza modificare la logica planimetrica e strutturale delle facciate negli edifici, gli architetti barocchi modificano quell'architettura sia nelle piante, sia nelle partiture di facciata, in funzione di una concezione spaziale nuova. Le facciate delle chiese non costituiscono pi la terminazione logica della sezione interna, ma divengono un organismo plastico che segna il passaggio dallo spazio interno alla scena urbana.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Un dato stilistico fondamentale del barocco fu la linea curva. Nulla procede per linee rette, tutto assume andamenti sinuosi: persino le gambe di una sedia o di un tavolo sono curvi, anche se ci non sempre pu essere razionale. Il rinascimento aveva idealmente adottato come propria cifra stilistica il cerchio, che appariva la figura geometrica pi perfetta ed armoniosa. Altre linee curve erano considerate irrazionali o bizzarre. Le curve usate nell'arte barocca, invece, sono pi complesse: si va dalle ellissi alle spirali, dalle parabole alle iperboli, con una preferenza per tutte le curve a costruzione policentrica. E queste curve non erano mai esibite in modo esplicito, ma erano ulteriormente complicate da intersezioni o sovrapposizioni, cos che risultassero quasi indecifrabili.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

La concezione della curva ci permette di distinguere due momenti nella vicenda del barocco: una prima fase, in cui si cercava di movimentare secondo linee curve anche la struttura e la spazialit degli edifici; una seconda fase, in cui gli edifici divennero pi regolari, e adottarono linee curve solo nella decorazione. La prima fase senzaltro quella pi interessante ed innovativa. Essa prese avvio a Roma, agli inizi del Seicento, grazie ad alcuni architetti di notevole livello artistico: Francesco Borromini, Gian Lorenzo Bernini e Pietro da Cortona. Bench i loro edifici furono il frutto di una evoluzione continua, che trovava le premesse nellultima architettura rinascimentale romana, tuttavia furono concepiti con una idea rivoluzionaria: quella di rendere curve le piante degli edifici. Soprattutto il Borromini, in alcune chiese come S. Carlo alle Quattro Fontane o SantIvo alla Sapienza, ruppe decisamente con le tipologie fino allora adottate, inventandosi delle chiese, ad aula unica, dalla morfologia e dalla spazialit assolutamente originali.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Il Bernini, nel disegnare il colonnato di San Pietro, adott unellissi, e raccord il colonnato alla facciata con due linee non parallele ma convergenti: una chiara dimostrazione del nuovo gusto barocco. Pietro da Cortona, nella chiesa di S. Maria della Pace, curv a tal punto gli elementi del prospetto, da creare un inedito rapporto tra edificio e spazio urbano. La curvatura dei prospetti divenne uno dei motivi pi felici dellarchitettura barocca a Roma, trovando applicazioni notevoli per tutto il Seicento e il Settecento.

Chiesa di Santa Maria della Pace

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Come era gi successo precedentemente, con altri ordini religiosi o monastici, il barocco divenne lo stile architettonico dei gesuiti, che esportarono questo stile anche nelle loro missioni estere. Ma divenne anche lo stile della controriforma cattolica. Il Concilio di Trento affront, oltre a varie questioni dottrinarie, anche aspetti della liturgia, che ebbero notevoli riflessi sullarchitettura religiosa. Nel riadattare le chiese a queste nuove liturgie post-tridentine, molti edifici di costruzione medievale furono rinnovati, mediante abbellimenti con stucchi, marmi e decorazioni varie, che fecero assumere a queste laspetto di chiese barocche.

Lecce, chiesa del Ges

Roma, chiesa del Ges

Noto, chiesa di S. Carlo Borromeo

Palermo, chiesa della Martorana

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

In campo europeo il barocco ebbe notevole diffusione, soprattutto nei paesi latini. Il Portogallo e la Spagna ebbero unadesione immediata a questo stile, esportandolo anche nelle loro colonie dellAmerica Latina. Dal Messico allArgentina, dalla Bolivia al Cile, il barocco divenne lo stile dei nuovi conquistatori. LEuropa centro-settentrionale si convert al barocco soprattutto alla fine del XVII secolo, e dalla Francia allAustria, trov applicazioni quanto mai fantasiose e ricche. Divenne lo stile del Re Sole, e degli Asburgo, oltre che dei Borbone, creando quel mondo di eleganza e di sfarzosit nelle corti europee del XVIII secolo. Nel Settecento, questo stile, soprattutto in Francia, prese anche il nome di rococ.

Zacatecas cattedrale barocca

Citt del Messico cattedrale barocca

Santiago de Compostela cattedrale barocca

Palazzi di Versailles e Schoenbrunn

Corso di Storia dell'Arte


Il Barocco siciliano

Itinerario nel Barocco di Catania

A proposito dello sviluppo del Barocco in Sicilia, Andr Chastel commentava "urbanistica e architettura vi sono pi strettamente legate che altrove e l'architettura spiega tutte le risorse di un apparato ornamentale in cui il Barocco sembra eguagliare lo splendore dei mosaici e dei marmi del XII secolo ". In questo stile si ebbero numerose costruzioni a Palermo, a Bagheria, a Catania e Ragusa ed a Noto nel siracusano. In tale ultima cittadina, alle pendici dei monti Iblei, continuava Chastel "il locale tufo bianco, simile alla pietra di Lecce, si presta a una lavorazione da orafo, sicch facciate, balconi, cornici sono di una ricchezza e di un virtuosismo eccezionali come si pu vedere al Convento del Salvatore ed al Palazzo Nicolaci". Quest'ultima una grandiosa costruzione di circa 90 stanze voluta da Don Giacomo Nicolaci con l'intervento dell'architetto Sinatra ed altri. L'edificio ha tutte le caratteristiche di una prestigiosa residenza di tipo nobiliare secondo i canoni dell'epoca (primo settecento). Il palazzo decorato da diverse balconate magnificamente decorate. Le figure delle decorazioni sono varie ed interessanti : sirene, ippogrifi, sfingi, cavalli alati ecc.
Bagheria, villa Cattolica; sopra Ragusa, chiesa di S. Giuseppe

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Tutti questi decori, elaborati ed apparentemente pesanti, concorrono a conferire una particolare armonia a tutto il fabbricato. Il barocco di Noto per molto di pi. Scriveva il citato Chastel "quel che maggiormente significativo la stessa composizione della citt, concepita come un vasto teatro dove rapide prospettive si formano grazie ai cornicioni nelle strade in salita. Questo complesso straordinario, capolavoro della scenografia barocca, si deve ad architetti locali: il Landolina, il Nicolaci, il Carnevalari". Nel 2003 tutta la Val di Noto per via del suo patrimonio culturale stata inserita nella speciale lista dell'Unesco.

Noto, palazzo Nicolaci, balconi detti del turco e degli "adolescenti"

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

L'Unesco, il 26 gennaio del 2003, ha inserito l'area del Val di Noto nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanit e, in particolare le seguenti citt: Modica, Noto, Palazzolo Acreide, Ragusa Ibla, Scicli, Catania, Caltagirone e Militello Val di Catania. "Questo gruppo di citt del sud-est della Sicilia fornisce una notevole testimonianza del genio esuberante dell'arte e dell'architettura del tardo Barocco. Le citt del Val di Noto rappresentano l'apice e la fioritura finale dell'arte Barocca in Europa. L'eccezionale qualit dell'arte e dell'architettura del tardo Barocco del Val di Noto la posizionano in una omogeneit geografica e cronologica, cos come la sua ricchezza il risultato del terremoto, in questa zona, del 1693. Le otto citt del sud-est della Sicilia che hanno presentato questa richiesta sono l'esempio di sistemazione urbanistica in questa zona permanentemente a rischio di terremoti ed eruzioni da parte dell'Etna".

Catania

Caltagirone

Scicli

Modica

Ragusa Ibla

Noto

Palazzolo Acreide

Militello Val di Catania

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Con l'espressione Barocco siciliano si intende la speciale forma assunta dall'architettura barocca in Sicilia nei secoli XVII e XVIII, riconoscibile non solo dalle sue tipiche linee curve e motivi decorativi barocchi ma anche dalle ghignanti maschere e putti, e dall'apparenza particolarmente sgargiante raramente visibile altrove. Fino a poco tempo fa questo stile era stato poco studiato, riconosciuto e apprezzato, nonostante lo studio pionieristico di Anthony Blunt. Lo stile del Barocco Siciliano emerse in seguito al fiorire di interventi di ricostruzione succeduti al devastante terremoto che invest il Val di Noto nel 1693. In seguito al sisma, architetti locali, molti dei quali educati a Roma, trovarono una abbondanza di opportunit di ricreare il pi sofisticato Barocco popolare del tempo. Il loro lavoro, e il nuovo genere introdotto ispir ulteriori architetti locali a seguirne l'esempio. Intorno al 1730 architetti nativi competenti e padroni dello stile Barocco pervennero ai vertici dell'architettura dell'isola. La loro interpretazione dello stile condusse ad una forma d'arte personalizzata e radicata nel territorio. Il Barocco siciliano, adorno e riccamente decorato, rifletteva perfettamente la storia sociale del paese simboleggiando il canto del cigno della sua nobilt. Il fenomeno indicato come Alto Barocco Siciliano dur solo 50 anni, ma lasci sull'isola un marchio di identit architettonica destinato a durare fino al XXI secolo.
Marcheroni lapidei del Val di Noto

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

I primi esempi dello stile Barocco in Sicilia erano in genere versioni impacciate e mal proporzionate di ci che i viaggiatori avevano visto a Roma, Firenze e Napoli in occasione delle loro visite. Alla met del XVIII secolo, quando il Barocco Siciliano era ormai ben diverso dal Barocco del continente, aveva iniziato spesso ad esibire almeno due o tre delle seguenti caratteristiche specifiche:
1. Grottesche maschere e putti, spesso a supporto di balconi o a decorazione delle varie parti orizzontali delle trabeazioni di un edificio; questi volti furiosi o ghignanti sono vestigia del Manierismo architettonico Siciliano. 2. Balconate, dopo il 1633 spesso accompagnate da intricate balaustre in ferro battuto, e prima di allora da balaustre pi semplici. Gelosie panciute si trovano anche a guardia di finestre. 3. Scale esterne. La maggior parte delle Ville e dei Palazzi erano progettate con un ingresso per carrozze attraverso un'arcata nella facciata principale, conducente ad un cortile interno. Da qui si levano doppie scale, anche a tenaglia, fino al piano nobile. Anche le Chiese, a causa della topografia del siti, erano spesso precedute da lunghe scalinate che richiamano la Scalinata di Piazza di Spagna a Roma. Un esempio tipico la scalinata di San Giorgio a Modica che copre un dislivello di decine di metri con gradini molto ripidi fiancheggiati da giardini pensili. 4. Sia chiese che palazzi spesso esibiscono spesso facciate curve, concave o convesse. Talvolta ville e palazzi mostrano scale esterne appoggiate alla curva della facciata.

Noto, palazzo Nicolaci, balconi detti del turco e degli "adolescenti"

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

5. Il campanile siciliano non era posizionato a fianco della chiesa come torre campanaria, come nel resto d'Italia, ma a sovrasta la facciata stessa, spesso al di sopra del timpano, con una o pi campane, ciascuna chiaramente in vista sotto il suo arco. In una chiesa con molte campane questo produce una struttura riccamente modellata in cima alla facciata principale, come nella Chiesa della Collegiata a Catania. Si tratta di uno dei pi duraturi e caratteristici aspetti dell'architettura del Barocco Siciliano. 6. Gli interni chiesastici esibiscono una gran profusione di marmi intarsiati (marmi mischi e frammischi) sia come pavimentazione che come rivestimento delle pareti. 7. In Sicilia, specialmente nelle prime opere barocche, raramente si incontrano colonne raggruppate insieme. Le colonne, anche se molto lavorate, sono solitamente singole, a supporto di archi semplici, mostrando l'influenza della precedente architettura del periodo normanno. 8. Bugnato decorato. Gli architetti siciliani barocchi ornavano i blocchi con sculture di foglie, squame, perfino con dolci e conchiglie; le conchiglie in seguito sarebbero diventate i simboli ornamentali prevalenti dello stile Barocco. A volte il bugnato veniva usato per i pilastri anzich per le pareti. 9. Molti edifici del Barocco Siciliano sono costruiti con la pietra lavica locale, essendo questa la pi facile da reperire. Le sue sfumature di nero e grigio erano spesso usate per creare effetti decorativi con forti contrasti di luce e ombra. 10. Infine l'influenza architettonica dei governanti Spagnoli spesso riconoscibile, sebbene in maniera pi discreta di quella normanna. Lo stile spagnolo particolarmente evidente nella Sicilia orientale. La monumentale Porta Grazia di Messina (1680) starebbe bene in qualsiasi cittadella costruita dagli spagnoli nelle loro colonie estere. Lo stile di questa porta cittadina ad arco fu diffusamente copiata per tutta Catania subito dopo il terremoto.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Prima del grande terremoto del 1693 occorre ricordare che nel 1669 avvenne leruzione dell'Etna pi conosciuta e distruttiva che raggiunse e super dal lato occidentale la citt di Catania distruggendone la parte esterna alle mura, circondando il Castello Ursino che sorgeva su uno sperone roccioso allungato sul mare e superandolo cre oltre un chilometro di nuova terraferma. Leruzione fu annunciata da un fortissimo boato e da un terremoto che distrusse Nicolosi e danneggi altri paesi etnei. Poi si apr una enorme fenditura a partire dalla zona sommitale e sopra Nicolosi inizi lemissione di unenorme quantit di lava. Il gigantesco fronte lavico avanz inesorabilmente seppellendo Malpasso, Mompilieri, Camporotondo, San Pietro Clarenza, San Giovanni Galermo e Misterbianco dirigendosi verso il mare; si formarono i due coni piroclastici che oggi sono denominati Monti Rossi e si trovano a nord di Nicolosi. Leruzione dur 122 giorni ed emise un volume di lava di circa 950 milioni di metri cubi.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

La vicenda del terremoto inizi alle 3 e tre quarti della notte del 9 gennaio 1693. Nella prima notte, secondo gli scritti riportati dall'Abate Ferrara, i siciliani dormivano profondamente. La Luna mut il suo colore e dopo un'ora venne la prima grande scossa, annunciata da un fragore sotterraneo simile a un tuono rimbombante. Il primo giorno del sisma registr migliaia di vittime. Il terzo giorno, il fenomeno si rivel nella sua dimensione pi apocalittica. Si aprirono delle fratture nella terra, il mare si ritrasse e poi riflu con le sue acque, gli animali vennero sbalzati dalla forza del sisma. Questa la descrizione dell'evento cos come viene riscritto secondo le testimonianze di allora, nelle cronache del tempo.

Il grande terremoto danneggi gravemente cinquantaquattro citt e 300 villaggi. L'epicentro del disastro fu nel Val di Noto, dove la citt di Noto fu completamente rasa al suolo, mentre la citt di Catania fu danneggiata in modo molto grave. Fu stimato che un totale di pi di 100.000 persone rimasero uccise. Subirono gravi danni anche Ragusa, Modica, Scicli e Ispica. La ricostruzione inizi immediatamente. La sontuosit dell'architettura che stava per sorgere dal disastro connessa alla politica della Sicilia del tempo ancora ufficialmente sotto il controllo spagnolo, ma in realt governata dalla sua aristocrazia. Questa era guidata dal Duca di Camastra, che gli Spagnoli avevano nominato vicer. L'aristocrazia condivideva il proprio potere solo con la Chiesa. Molti preti e vescovi erano a loro volta membri dell'aristocrazia, e la ricchezza della Chiesa di Sicilia era ulteriormente aumentata dalla tradizione di spingere i cadetti maschi e femmine verso monasteri e conventi, per preservare l'eredit della famiglia dalla sua divisione; una pesante tassa veniva di solito pagata alla Chiesa sotto forma di propriet, gioielli o denaro. Cos la ricchezza di molti ordini religiosi crebbe fuori da ogni proporzione rispetto alla crescita economica di qualsiasi altro gruppo sociale del tempo. Ed il motivo per cui cos tante chiese barocche furono ricostruite con grande lusso.

Corso di Storia dell'Arte


1 Cattedrale 2 Seminario dei Chierici 3 Chiesa e convento di S. Chiara 4 Chiesa di S. Martino 5 Badia di S. Agata 6 Chiesa di S. Francesco d'Assisi e monastero

Itinerario nel Barocco di Catania


7 Chiesa di S. Nicola e monastero dei Benedettini 8 Convento di S. Benedetto 9 Chiesa di S. Francesco Borgia e collegio dei Gesuiti 10 Chiesa di S. Maria dell'elemosina o Collegiata 11 Chiesa e convento di S. Giuliano 12 Chiesa di S. Agata la Vetere e chiesa del Santo Carcere 13 Collegio dei nobili (convitto Cutelli)

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

CATANIA Catania fu la pi gravemente danneggiata delle citt importanti nel 1693, quando solo il medievale Castello Ursino e tre navate della cattedrale rimasero in piedi. Cos essa fu riprogettata e ricostruita. Il nuovo progetto separ la citt in quartieri, divisi da due strade principali che si intersecano nella Piazza del Duomo. La ricostruzione fu supervisionata dal Vescovo di Catania ed unico architetto sopravvissuto della citt, Alonzo di Benedetto che diresse una squadra di architetti chiamati da Messina, aprendo subito il cantiere di Piazza Duomo.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

Nel piano del Duca di Camastra del 1694, la larghezza delle principali strade viene definita in misura standard, di 8, 6 e 4 canne (16, 12 e 8 metri circa). Le nuove strade, larghe, interrotte da frequenti piazze regolari, costituivano una precauzione antisismica. In senso nord-sud vengono realizzate via Etnea (via Uzeda), via Manzoni e via Crociferi. Perpendicolarmente viene tracciato il corso Vittorio Emanuele sui cui lati si allineano i palazzi e le chiese pi prestigiose, creando una scenografia in prospettiva. L'attuale via Garibaldi venne aperta per l'esigenza religiosa di dare una prospettiva frontale alla Cattedrale, soprattutto mirando alla spettacolarit delle processioni. Pi a nord, la via di Sangiuliano incrocia la via Etnea a formare i Quattro Canti.

Corso di Storia dell'Arte


VIA CROCIFERI

Itinerario nel Barocco di Catania

Anticamente la via Sacra, prende il nome dai padri crociferi della chiesa di San Camillo. E' fra le strade settecentesche pi belle d'Italia e vi lavorarono numerosi artisti, tra i quali: Vaccarini, Italia, Di Benedetto, gli Amato, i Battaglia. Il tracciato della via antichissimo se gi al tempo dei romani vi sorgevano i tre templi di Ercole, di Castore e Polluce e di Esculapio. Su di essi furono costruite le basiliche di San Benedetto, San Giuliano, S. Francesco Borgia e San Camillo. Essa, appartata e silenziosa, cuore della citt, chiusa da due archi: l'Arco di San Benedetto e quello di Villa Cerami, che conclude la serie di monasteri e giardini che adornano la via.

Corso di Storia dell'Arte


PALAZZO BISCARI

Itinerario nel Barocco di Catania

Palazzo Biscari il pi importante ed elegante palazzo barocco privato di Catania. Venne realizzato per volere della famiglia Patern Castello di Biscari a partire dalla fine del '600 e per gran parte del secolo successivo. Il nuovo palazzo venne edificato sulle mura cinquecentesche che avevano in parte resistito alla furia del terremoto: i Biscari furono una delle poche famiglie aristocratiche della citt che ottenne il permesso regio di costruire su di esse. La parte pi antica del palazzo fu costruita dall'architetto Alonzo Di Benedetto, mentre la decorazione dei sette splendidi finestroni affacciati sulla marina sono opera dello scultore messinese Antonino Amato. Successivamente il palazzo fu ampliato verso est su progetto di Giuseppe Palazzotto e Francesco Battaglia. L'edificio venne infine ultimato nel 1763 ed inaugurato con grandiosi festeggiamenti. Al palazzo si accede attraverso un grande portale su via Museo Biscari, che immette nel cortile centrale, adorno di una grande scala a tenaglia. All'interno, si trova il "salone delle feste", di stile rococ dalla complessa decorazione fatta di specchi, stucchi e affreschi. Il cupolino centrale era usato come alloggiamento dell'orchesta.

Corso di Storia dell'Arte


OPERE DI GIOVANNI BATTISTA VACCARINI

Itinerario nel Barocco di Catania

Nel 1730 Giovanni Battista Vaccarini venne chiamato a Catania come architetto della citt e immediatamente impresse sui nuovi lavori lo stile Barocco Romano. Nato a Palermo nel 1702, fu chiamato nella citt terremotata dal vescovo Galletti, quando aveva ventisette anni. Aveva studiato a Roma, dove aveva conosciuto Vanvitelli e Carlo Fontana ed approfondito le opere di Bernini e di Borromini. A trentun'anni gli fu assegnato il prospetto della Cattedrale di Catania con il compito di restaurarlo, inserendovi le colonne marmoree dell'Odeon greco e del Circo romano. Innumerevoli sono le opere che ci ha lasciato, ma il suo capolavoro la Chiesa della Badia di Sant'Agata edificata in Piazza Duomo, proprio dove costru in seguito la fontana dell'Elefante ed il Palazzo Sanatorio. Su corso Vittorio Emanuele realizz i Palazzi Valle e Serravalle; su via Crociferi la Chiesa di San Giuliano; in piazza degli Studi partecip ai lavori dell'Universit e del Palazzo di Sangiuliano; realizz ancora il Collegio Cutelli, Casa Vaccarini, la biblioteca del Monastero dei Benedettini e la Badia delle monache di San Benedetto. Di lui lo studioso Fichera disse Egli aveva il segreto del ritmo, un dono che Dio offre ai grandi architetti ed ai grandi musicisti e ancora Con Vaccarini si rinnov il miracolo italiano, per cui ciascuna delle cento citt nostre ha una sua figura ed un suo privilegio: Firenze ha quello di rappresentare il Rinascimento, Catania il Barocco.

Corso di Storia dell'Arte


IL DUOMO

Itinerario nel Barocco di Catania

Vaccarini ne disegn la facciata nel 1711. Il prospetto a tre ordini compositi in stile corinzio e attico completamente in marmo di Carrara. Il primo ordine costituito da sei colonne di spoglio in granito provenienti forse dal teatro romano. Il secondo ordine ha anch'esso sei colonne grandi e due piccole poste ai lati dell'ampio finestrone centrale. Tutti gli ordini sono adornati con con statue marmoree. Il portone principale in legno costituito da trentadue formelle, finemente scolpite, illustranti episodi della vita e del martirio di sant'Agata, stemmi di diversi papi e simboli della cristianit. Ai lati della porta centrale, su due alti supporti, sono poste le statue in marmo dei santi Pietro e Paolo. La cupola risale al 1802 ed munita di colonne e ampi finestroni che illuminano la chiesa.

Corso di Storia dell'Arte


IL LIOTRO

Itinerario nel Barocco di Catania

La fontana del Vaccarini rappresenta tre civilt: la punica, l'egizia e la cristiana. L'elefante, probabilmente di fattura bizantina, il simbolo della sconfitta dei cartaginesi venuti a conquistare la citt a cavallo degli enormi pachidermi; l'obelisco, probabilmente portato a Catania dall'Egitto ai tempi delle crociate, apparteneva al Circo Massimo romano e rappresenta la civilt egizia; la croce, le palme ed il globo che coronano il monumento rappresentano la civilt cristiana. Il liotro deriva il nome dal mago Eliodoro-Liotru, che avrebbe usato il pachiderma come cavalcatura. Il Vaccarini, su modello dell'Elefante di Minerva a Roma del Bernini, sistem il liotro e l'obelisco componendovi la fontana.

Corso di Storia dell'Arte


BADIA DI SANT'AGATA

Itinerario nel Barocco di Catania

Di fronte al prospetto nord della cattedrale, affacciata sulla via V. Emanuele, la chiesa della Badia di S. Agata occupa, insieme allannesso ex monastero un intero isolato. Ledificio poggia sulle rovine dellantica chiesa e convento dedicati a S. Agata, nel 1620, da Erasmo Cicala e crollati a causa del terremoto. Vaccarini qui applic il bagaglio delle sue nozioni considerando attentamente il luogo in cui doveva operare: luogo inteso come scena fisica preesistente e come caratteri figurativi della tradizione. Ha saputo realizzare unarchitettura in armonia con i principi del suo tempo e, insieme, del tutto catanese (le palme, la corona e i gigli dei capitelli sono simboli di Sant'Agata), tanto intimamente egli seppe penetrare il carattere distintivo dei materiali locali e del loro effetto cromatico alla luce e tanto egli seppe interpretare gli stilemi del repertorio tradizionale.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

La chiesa della Badia di S. Agata, capolavoro architettonico del Vaccarini ha la pianta a croce greca allungata inscritta in un ovale; la facciata, con la sua alternanza di superfici convessa-concava-convessa, al primo ordine, e tre volte concava al piano attico, ripropone il tema barocco del movimento in architettura. La prodigiosa vitalit visiva fa s che le linee spezzate delledificio esprimano un tale effetto di modellazione plastica da infondere movimento allintera struttura e a tutte le sue parti decorative. La costruzione chiusa, in alto, da una cupola. La forza espressiva della costruzione replicata nella parte interna dove la scelta della croce greca rivela unaspirazione alla perfezione, nellequilibrio tra staticit ed armonia. La decorazione interna molto semplice ed essenziale, stucchi bianchi alle pareti, statue, e marmo sul pavimento.

Corso di Storia dell'Arte


PALAZZO SENATORIO

Itinerario nel Barocco di Catania

Vaccarini ne rifece il prospetto nel 1732, quando gi era stato elevato il primo piano con bugne a diamante alternate da bugne a cuscino. Egli continu le paraste a bugne con piatte e chiare lesene. Il materiale utilizzato fu la pietra calcarea siracusana. A pianta quadrata con una corte centrale, porticata su due lati, l'edificio ha un atrio d'ingresso su ognuno dei quattro prospetti. Il portone posto fra quattro colonne di granito disposte a coppia reggenti il ballatoio. La parte superiore ritmata dalle finestre, anch'esse semplici. L'uso dell'ordine architettonico, che nelle successive opere non trova pi ostacoli, qui costretto a integrarsi a preesistenze di gusto decorativo enfaticamente barocco. Anche nella facciata della cattedrale l'autore fu costretto a sottomettere l'idea dell'unit e dell'ordine all'uso di elementi eterogenei imposto dalla committenza.

Corso di Storia dell'Arte


PALAZZO DELL'UNIVERSITA'

Itinerario nel Barocco di Catania

Fondata nel 1434 da Alfonso V d'Aragona, detto il Magnanimo, l'Universit fu restaurata gi nel 1700, dopo il terremoto del 1693. L'opera frutto di diverse maestranze: vi lavorarono gli architetti Palazzotto, il Battaglia, che disegn il prospetto nel 1785, il Di Stefano, del quale la facciata disegnata a seguito del terremoto del 1818, Piparo, che affresc la volta dell'Aula Magna ed il primo piano, e Stefano Ittar. Del Vaccarini sono il cortile interno a due piani ed il colonnato. La corte, ariosa, che se si escludono gli elementi barocchi potrebbe sembrare rinascimentale, un elemento tipologico introdotto nella citt dal maestro. La pavimentazione del cortile in ciottoli neri e calcare bianco, ricorda quella sotto le arcate dei vaccariniani collegi Cutelli e dei Gesuiti. Oggi l'edificio settecentesco ospita il Rettorato, gli uffici e la biblioteca Regionale dell'Universit.

Corso di Storia dell'Arte


PALAZZO DI SANGIULIANO

Itinerario nel Barocco di Catania

Posto di fronte al palazzo dell'Universit, oggi sede di parte della facolt di Lettere e Filosofia, fu eretto su progetto del Vaccarini tra il 1738 e il 1745. E' anch'esso un palazzo a blocco su un unico isolato, con grande corte.

Corso di Storia dell'Arte


CHIESA DI SANGIULIANO IN VIA CROCIFERI

Itinerario nel Barocco di Catania

Capolavoro del Vaccarini, fu edificata tra il 1738 ed il 1760. E' situata di fronte San Francesco Borgia ed attigua al convento di San Giuliano, oggi sede della Camera del Lavoro. E' a pianta ellittica come la gemella chiesa di Santa Chiara, incompleta quest'ultima nel prospetto. La facciata, dai chiaroscuri marcati, sormontata da un tiburio ottagonale coronato da una merlatura simile a quella di S. Chiara. Il tiburio cela una volta e non una cupola come accade per tale tipologia. L'illusione era, infatti, uno dei tipici temi barocchi, tesi a creare spazi scenografici e a stupire per attrarre lo spettatore. Un movimento convesso al centro coinvolge il prospetto, su cui si aprono fittizi accessi alle navate laterali. Le fruttiere in cima ad i pilastri sono una decorazione tipica del maestro. Due statue di figure femminili sono posate sul frontone spezzato. All'interno, ove domina una solare luce dorata, l'uso della bicromia nell'altare, creata dal gioco di agate e lapislazzuli, mostra la raffinatezza del gusto dell'architetto.

Corso di Storia dell'Arte


MONASTERO DEI BENEDETTINI (San Nicola)

Itinerario nel Barocco di Catania

Edificato nel 1558, il pi grande edificio religioso d'Europa insieme al monastero di Mafra in Estremadura. Vi si accede da piazza Dante, attraverso un portale barocco. Furono dapprima costruiti la chiesa, rivolta verso la citt, e, nel 1598, il chiostro dell'architetto Giulio Lasso, costituito da 52 colonne e 12 statue di marmo. Il monastero, distrutto dal terremoto, fu successivamente ricostruito. Il progetto voluto dai benedettini era talmente sontuoso che rimase incompleto per mancanza dei mezzi finanziari. Era una citt nella citt, aperta a coloro che abitavano le umili case circostanti. Moltissimi furono gli artisti che vi lavorarono. Il prospetto meridionale di Alonzo di Benedetto, che lo realizz nel 1716. La cupola della chiesa, alta 62 metri, di Stefano Ittar. L'interno a tre navate lungo 105 metri. Ai lati delle absidi si aprono sei cappelle semicircolari con balaustra. Il messinese Tommaso Amato disegn nel 1726 i dormitori ad est, che si incontrano appena entrati nel cortile.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

I corpi bassi addossati alle mura esterne erano scuderie, locali che stupiscono per i particolari decorativi. Del Vaccarini sono i due refrettori e la biblioteca, affrescati da Piparo; la biblioteca, per l'estrema semplicit, quasi una sfida alla sontuosit del complesso. Dopo il terremoto del 1693, Antonino Amato si occup dell'impianto del monastero e lo rese ancora pi monumentale con una coppia di chiostri appoggiati al fianco meridionale della chiesa del Contini. Altri chiostri, che non poterono essere realizzati per le ragioni gi dette, avrebbero dovuto simmetricamente completare il complesso. Nel 1748 iniziano i lavori nella prestigiosa sacrestia, decorata da Antonino Emanuele e lavorata dallo scultore Gaetano Francese, e Francesco Battaglia si occupa dei lavori al ponte, alla chiesa e al museo, iniziati dal Vaccarini. La piazza, chiusa scenograficamente da una esedra, fu disegnata da Stefano Ittar. Oggi il monastero occupato dall'Universit come sede della Facolt di Lettere e Filosofia.

Corso di Storia dell'Arte


COLLEGIO CUTELLI

Itinerario nel Barocco di Catania

Il prospetto neoclassico sulla via Vittorio Emanuele opera del Battaglia e continua sul lato di via Monsignor Ventimiglia e su quello di via Teatro Massimo. Del Vaccarini la corte circolare interna, che si eleva per tre piani: in quello inferiore alcune colonne tuscaniche, affiancate da archi a tutto sesto, reggono l'architrave; al piano superiore un ballatoio continuo collega i diversi ambienti, i vari sostegni e coronamenti; l'attico corona l'insieme e mostra motivi geometrici e classici. Le aperture sono incorniciate da lesene con capitelli geometrici.

Corso di Storia dell'Arte


PALAZZO VALLE Sito al numero 120 di Via Vittorio Emanuele, un edificio dal telaio semplice. Le curve con garbata e misurata figura danno movimento ai ballatoi, alle mostre dei balconi, alle cornici. Uniche decorazioni sono lo scudo con le armi di casa Valle e i peducci floreali dei capitelli. La porta fiancheggiata da due pilastri. Francesco Fichera, in Giovanni Battista Vaccarini, scrive: Palazzo Valle l'archetipo dei palazzi signorili catanesi.

Itinerario nel Barocco di Catania

Corso di Storia dell'Arte


OPERE DI STEFANO ITTAR

Itinerario nel Barocco di Catania

Stefano Ittar nacque nel 1724 in Polonia. Nel 1754 si trasfer a Roma dove perfezion la sua preparazione e dove risiedette fino al 1765, quando giunse a Catania. Qui nel 1767 spos Rosaria, figlia di Francesco Battaglia, importante architetto. Insieme al suocero, Stefano realizz la porta Ferdinandea (1768), la piazza S. Filippo (oggi Mazzini) (1768-69) e la chiesa della Trinit. Gli si attribuiscono i prospetti della Basilica Collegiata (dal 1768) e della chiesa di S. Martino dei Bianchi (1774) e la chiesa del monastero di S. Placido (1769). Per il monastero benedettino di S. Nicola la Rena realizz la cupola della chiesa (1768-80) e lattuale piazza Dante (1774-75). Gli si attribuiscono, inoltre, il completamento del Palazzo di citt, il Priorato della Cattedrale, i palazzi Pardo e Misterbianco, la chiesa e una parte del monastero della SS. Annunziata di Patern (dal 1768) e la ricostruzione della cupola del duomo di Noto, poi crollata nel XIX sec.

Corso di Storia dell'Arte

Itinerario nel Barocco di Catania

BASILICA COLLEGIATA La facciata (1758), liberamente fantasiosa e riccamente ornata, opera di Stefano Ittar e si puo' considerare come la migliore espressione del barocco tardo a Catania. E' su due ordini di cui il primo con sei colonne in pietra, sormontate da una balaustra. Nel secondo ordine vi un finestrone centrale ed ai lati quattro grandi statue di S. Pietro S. Paolo, Sant'Agata e Santa Apollonia. Sul secondo ordine un elemento centrale ospita le campane. Vi si accede mediante una grande scalinata, sulla quale, a delimitare il sagrato, posta una cancellata in ferro battuto. L'interno a croce latina a tre navate delimitate da otto pilastri. In fondo alla navata posto l'altare dell'Immacolata, protetto da una balaustra in marmo, su cui posta una statua in marmo della Madonna. Nell'abside della navata centrale posto l'altare maggiore con una preziosa icona della Madonna probabilmente di fattura russa. Lateralmente un coro ligneo con 36 stalli. Sulla volta della cupola e della chiesa una serie di affreschi dello Sciuti con diverse immagini della Beata Vergine Maria con angeli e santi. Nella navata di sinistra nella parte absidale posta la cappella del SS. Sacramento con altare in marmo.

Corso di Storia dell'Arte


PORTA FERDINANDEA

Itinerario nel Barocco di Catania

La "Porta Ferdinandea" (o Porta Garibaldi) un arco trionfale costruito nel 1768, su progetto di Ittar per commemorare le nozze di Ferdinando I delle due Sicilie e Maria Carolina d'Asburgo. Si trova tra piazza Palestro e piazza Crocifisso, alla fine di via Giuseppe Garibaldi. di solito chiamato u Furtinu in ricordo di un fortino costruito dal duca di Ligne (ormai scomparso, rimane solo una porta in una via limitrofa). La Porta Ferdinandea era stata ideata come ingresso alla citt dal lato occidentale, in modo tale da formare un tutt'uno con i complessi architettonici di via Garibaldi, piazza Giuseppe Mazzini e piazza del Duomo. Si pensava anche di realizzare una piazza simmetrica all'odierna piazza Palestro, con dei grandi palazzi anch'essi simmetrici e con tre grandi strade che confluissero proprio nella porta.

Corso di Storia dell'Arte


CHIESA DI SAN PLACIDO

Itinerario nel Barocco di Catania

Di fronte al Palazzo Biscari situato il Convento di San Placido. Sul lato meridionale sono visibili il Portone seicentesco di pietra ed un' edicola della stessa epoca che incornicia un rilievo di Sant'Agata. Esso sorse sul Tempio di Bacco. La facciata barocca della Chiesa di San Placido di Stefano Ittar, che la realizz nel 1769. L'interno a navata unica e custodisce affreschi di G.B. Piparo e dipinti di M. Rapisardi.

Interessi correlati