Sei sulla pagina 1di 13

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed.

Einaudi

INTRODUZIO NE

La Teoria del Restauro di Cesare Brandi, si fonda su alcune specifica ioni c!e risultano profonda"ente inno#ati#e e risoluti#e di "olte aporie c!e la pratica del restauro, nella #ariet$ delle situa ioni e delle occorren e, propone. %lcuni snodi pi& i"portanti' l(opera d(arte, co"e prodotto dell(atti#it$ u"ana, i"pone una duplice #aluta ione, da una parte essa ) un atto c!e ri"anda ad un certo te"po e luo*o, +uelli della sua "ateriale reali a ione, e si ri#ela altres, alla coscien a situandosi in un luo*o e in uno spa io deter"inato. +uello c!e Brandi c!ia"a l(istan a storica. .el conte"po per/, assu"e una #alen a specifica corrispondente al fatto 0asilare dell(artisticit$ per cui l(opera ) opera d(arte. Ed ) +uesta l(istan a estetica. .on ) deter"inante la fun ione pratica c!e essa pu/ a#ere e "antenere, co"e accade per ese"pio per l(arc!itettura. Con il pri"o principio del restauro, non si #uole su0ordinare ad una particolare concettuali a ione del feno"eno artistico la +ualifica ione "etodolo*ica del restauro. 1i #uole eccettuare l(opera d(arte con la sua specificit$ c!e l(inda*ine storica e critica ri#ela, rispetto alla innu"ere#ole serie dei "anufatti c!e rin#iano alla creati#it$ dell(uo"o. - il restauro dell(opera d(arte critica in atto, c!e si ri#ol*e ai suoi "ateriali costituti#i, nel "odo co"e essi si sono "antenuti, ed ) solo +uesto il ca"po le*itti"o della sua atti#it$. L(assio"a fa"oso si restaura solo la materia dellopera darte i"plica l(indispensa0ile coin#ol*i"ento della conoscen a scientifica e tecnica intorno ai "ateriali costituti#i dell(opera, al loro co"porta"ento nel te"po e alla sele ione e alla deter"ina ione dei procedi"enti tecnici e dei "ateriali di restauro da utili are. - inoltre fonda"entale perc!2 sancisce il principio c!e il restauro non pu/ interferire "ini"a"ente sui si*nificati dell(opera, c!e sono "olteplici e indefini0ili una #olta per tutte3 0ens, pu/ e de#e unica"ente interessarsi dei suoi co"ponenti "ateriali, intendendo per tali i "ateriali costituti#i dell(opera d(arte. La *iusta considera ione e ri#aluta ione della realt$ "ateria, non pu/ per Brandi, farla di#entare prota*onista assoluta della #aluta ione, indipendente"ente dall(ela0ora ione for"ale c!e !a rice#uto. .on sono dun+ue la co"plessit$ o la ricercate a dei "ateriali, oppure la perfe ione di un processo esecuti#o a costituire da soli il pre*io e il si*nificato di un prodotto deter"inato, 0ensi la +ualifica ione di un(opera d(arte dipende dalla possi0ilit$ di lettura c!e offre l(intera ione tra scelte "ateriali e tecnic!e, or*ani a ione se"antico4fun ionale, struttura for"ale reali ata. L(appre a"ento e la #aluta ione storico4estetica del ciclo ci"a0uesco di %ssisi o del Cenacolo di Leonardo, prescinde da*li errori tecnici di reali a ione e si rile#ano nonostante lo stato di conser#a ione in cui ci sono per#enuti. - sotto +uesto punto di #ista c!e occorre intendere la differen ia ione c!e Brandi propone tra aspetto e struttura della "ateria. .on ) ad ese"pio l(identit$ di un "ateriale c!e pu/ *iustificare nel restauro la le*itti"it$ di un rifaci"ento. 5n casi estre"i inoltre, la conser#a ione dell(opera d(arte pu/ co"portare la "odifica o il sacrificio di sue parti o caratteristic!e strutturali, +uando +ueste non interferiscono in alcun "odo con la +ualifica ione dell(aspetto o dell(opera. 5l rudere ) l(ese"pio di caso4li"ite della perdita dell(unit$ poten iale d(i""a*ine, per il +uale l(unico i"perati#o ) unica"ente la corretta ed efficace conser#a ione delle sue #esti*ia "ateriale. La di#arica ione tra restauro inteso co"e rifaci"ento e restauro inteso co"e se"plice

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

conser#a ione dello status quo ) da##ero superata con una nuo#a indi#idua ione di "etodo c!e deter"ina un nuo#o e+uili0rio. %ltro pro0le"a affrontato da Brandi, ) +uello della le*itti"it$ delle ri"o ioni di a**iunte o rifaci"enti. 6istin*ue netta"ente il si*nificato e il #alore dei due ter"ini' l(a**iunta pu/ co"pletare, o pu/ s#ol*ere, soprattutto in arc!itettura, fun ioni di#erse da +uelle ini iali3 nell(a**iunta non si ricalca, si s#iluppa piuttosto, o si innesta. 5l rifaci"ento in#ece, tende a riplas"are l(opera, inter#enire nel processo creati#o ori*inario, rifondere il #ecc!io e il nuo#o, cos, da non distin*uersene e da a0olire o ridurre al "ini"o l(iter#allo di te"po c!e distacca i due "o"enti. 1torica"ente la conser#a ione dell(a**iunta de#e considerarsi re*olare' ecce ionale la ri"o ione. 5l rifaci"ento, per il fatto c!e tende *eneral"ente a retrodatarsi e costituire fonda"ental"ente un falso storico, non !a le*itti"it$ alcuna nell(opera ione di restauro, a "eno c!e la sua eli"ina ione non co"porti un danno per l(ori*inale o lo restituisca in condi ioni forte"ente fra""entarie o di rudere. %nc!e la deter"ina ione e i li"iti della pulitura delle superfici di un "anufatto di rile#an a artistica, e il "anteni"ento della patina, sono affrontati alla luce della stessa dialettica. 1ia per l(stan a estetica, c!e per +uella storica la pulitura tro#a il suo li"ite nel rispetto della patina, c!e ) il se*no del passa**io del te"po sui "ateriali. Le*ata al "anteni"ento della patina, ) per Brandi la necessit$ di sal#a*uardare nella pulitura, tutti i "ateriali costituti#i, co"prese le #ernici ori*inali, fossero esse colorate o no, e le ulti"e finiture a #elatura. La deter"ina ione pi& corretta e sicura della "etodolo*ia di inter#ento, non i"pedisce infine una considera ione particolare dei pro0le"i di +uello c!e Brandi c!ia"a Restauro Preventivo, tutta la serie, cio) di pro##iden e ed atten ioni di sal#a*uardia a"0ientale e fisica delle opere di interesse artistico e storico, al fine di e#itare, per +uanto ) possi0ile, l(inter#ento di restauro #ero e proprio, co"un+ue ) da considerarsi solu ione ulti"a e non pri#a di possi0ili conse*uen e trau"atic!e.

_____________________________________

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

1. CONCETTO DI RESTAURO

1(intende *eneral"ente per restauro +ualsiasi atti#it$ s#olta per prolun*are la conser#a ione dei "e i fisici ai +uali ) affidata la consisten a e la tras"issione dell(i""a*ine artistica, e si pu/ estendere il concetto fino a co"prendere la reinte*ra ione +uanto pi& possi0ile approssi"ati#a di una "utila i""a*ine artistica. 8n Restauro ) +uindi +ualsiasi inter#ento #olto a ri"ettere in efficien a un prodotto dell(atti#it$ u"ana (1C9E:% ;REC<.CE==8%LE). ;ro*redendo allora dal preconcettuale al C<.CE==<, 0iso*na distin*uere i di#ersi prodotti u"ani. 1i a#r$ dun+ue un restauro relati#o ai "anufatti industriali e uno relati#o alle opere d(arte'

Manufatti Industriali:
Le finalit$ del restauro per i "anufatti industriali sono +uelle di risarci"ento e ripristino, fare in "odo cio) di rista0ilirne le fun ionalit$ ini iali.

Opere Darte:
l(opera d(arte ) un "anufatto cui #iene riconosciuta una i"portan a storica. 5l fine dell(opera di restauro ) +uindi ri#alutare tale i"portan a storica ed estetica e far si c!e la conser#a ione di tale "essa**io possa persistere in futuro. L(opera d(arte condi iona +uindi il restauro e *ia""ai l(opposto poic!2 l(opera d(arte pone una duplice istan a, estetica e storica3 non ) +uindi necessaria, nell(opera d(arte, l(istan a dell(utensilit, 0asilare per *li altri prodotti u"ani.

L(Opera Darte si eccettua in "odo definiti#o dalla co"unan a con *li altri prodotti dell(atti#it$ u"ana *ra ie al R5C<.<1C5:E.=< c!e la coscien a ne fa co"e <pera 6(arte. 5l prodotto u"ano ) la da#anti ai nostri occ!i, "a pu/ essere classificato *enerica"ente fra i prodotti dell(atti#it$ u"ana, finc!2 il riconosci"ento c!e la coscien a ne fa co"e <pera 6(arte, non lo eccettua in "odo definiti#o dalla co"unan a con *li altri prodotti. >uesta ) la caratteristica dell(opera d(arte in +uanto non si inda*!i nella sua essen a, "a in +uanto entra a far parte del "ondo della #ita, e cio) nel ra**io di esperien a indi#iduale. Riferito a ?o!n 6e@eA, Art as experience, Brandi affer"a' 8n(opera d(arte ) attual"ente e non solo poten ial"ente un(<pera 6(arte, +uando #i#e in +ualc!e esperien a indi#iduali ata, in +uanto pe o di "ar"o, per*a"ena o tela, essa ri"ane identica a se stessa attra#erso *li anni. :a co"e opera d(arte essa #iene ricreata o*ni #olta c!e #iene speri"entata estetica"ente ci/ si*nifica c!e fino a +uando non a##iene il riconosci"ento, l(opera ) <pera 6(arte solo poten ial"ente. 6a ci/ dipende il se*uente corollario' qualsiasi comportamento verso lopera darte, compreso il Restauro, dipende dallavvenuto riconoscimento o no dellOpera dArte come Opera Darte . :a se il co"porta"ento #erso l(opera d(arte ) le*ato stretta"ente al *iudi io di artisticit$, anc!e la +ualit$ dell(inter#ento sar$ deter"inata da tale *iudi io. %l contrario dei "anufatti industriali, L(<;ER% 6(%R=E C<.65B5<.% 5L RE1=%8R<, C5%::%5 L(<;;<1=<. Ri*uardo il riconosci"ento, rispetto a*li altri "anufatti, l(opera d(arte si pone in una duplice 5stan a' (1) L(51=%.B%

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

E1=E=5C% c!e risponde al fatto 0asilare dell(artisticit$3 e (7) L(51=%.B% 1=<R5C% c!e le co"pete co"e prodotto u"ano attuato in un certo te"po e luo*o e c!e in un certo te"po e luo*o si tro#a. .on ) necessario a**iun*ere l(5stan a dell(utensilit$. L(a#er ricondotto il Restauro in rapporto diretto con il riconosci"ento dell(<pera d(%rte, per"ette di darne la defini ione'
1 PRINCIPIO DEL RESTAURO:

Il restauro costituisce il momento metodologico del riconoscimento dellopera darte nella sua consistenza fisica e nella sua duplice polarit estetica e storica in vista della sua trasmissione al futuro .
6al punto di #ista del riconosci"ento, il lato artistico !a la pre#alen a, "entre dal punto di #ista conser#ati#o, ) il lato fisico c!e ne assicura la tras"issione nel futuro. 1i #uole eccettuare l(opera d(arte, con la sua specificit$ c!e l(inda*ine storica e critica ri#ela, rispetto all(innu"ere#ole serie di "anufatti c!e rin#iano alla creati#it$ dell(uo"o. La Consistenza Fisica de#e necessaria"ente a#ere la preceden a perc!2 rappresenta il luo*o stesso della "anifesta ione dell(i""a*ine e ne assicura la tras"issione al futuro, o##ero la possi0ilit$ di +uella ri#ela ione. Disto +uindi l(i"portan a pri"aria della consisten a fisica, si pone i""ediata"ente l(i"perati#o cate*orico della Conser#a ione (c!e tutta#ia si presenta co"e un restauro pre#enti#o), si ri#ol*e in pri"o luo*o alla consisten a "ateriale in cui si "anifesta l(i""a*ine. La C<.1ERD%B5<.E si snoda su una *a""a infinita c!e #a dal se"plice rispetto, all(inter#ento pi& radicale, se"pre con lo sfor o "assi"o affinc!2 possa durare il pi& a lun*o possi0ile. 6onde si c!iarisce il pri"o e fonda"entale assio"a'
1 ASSIOMA:

Si restaura solo la materia dellopera darte


:a i "e i fisici a cui ) affidata la tras"issione dell(i""a*ine, non sono affiancati a +uesta, sono an i ad essa coestinti#i, non c() la "ateria da una parte e l(i""a*ine dall(altra. =ale assio"a i"plica l(indispensa0ile coin#ol*i"ento della conoscen a scientifica e tecnica intorno ai "ateriali costituti#i delle opere, ) inoltre fonda"entale perc!2 sancisce il principio c!e il restauro non pu/ interferire "ini"a"ente sui si*nificati dell(opera c!e sono "olteplici e indefini0ili3 la +ualifica ione di un(opera dipende dalla possi0ilit$ di lettura c!e offre l(intera ione tra scelte "ateriali e tecnic!e, una or*ani a ione se"antico4fun ionale, struttura for"ale reali ata. >ualora le condi ioni di un(<pera si ri#elino tali da esi*ere il sacrificio di una parte di +uella sua consisten a "ateriale, il sacrificio o co"un+ue l(inter#ento do#r$ essere co"piuto secondo l(51=%.B% E1=E=5C%, e sar$ +uesta istan a, la pri"a in o*ni caso, perc!2 la sin*olarit$ dell(opera d(arte rispetto a*li altri prodotti non dipende dalla sua consisten a "ateriale o dalla duplice storicit$, "a dalla sua artisticit$, donde, una #olta perduta +uesta, non resta c!e un relitto. 6(altro canto, non pu/ essere sotto#alutata ne""eno l(istan a storica c!e ) duplice'

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

la pri"a ) l(atto della crea ione e fa capo all(artista, e la seconda ) l(insistere nel presente della coscien a dell(opera, e fa capo al te"po e al luo*o do#e in +uel "o"ento #iene riconosciuta co"e opera d(arte. 5l periodo inter"edio tra la crea ione e il presente c!e continua"ente si sposta in a#anti nel te"po, sar$ costituita da altrettanti presenti storici, c!e sono di#enuti passato, "a del cui transito l(opera do#r$ a#er conser#ato le tracce. L(51=%.B% 1=<R5C%, si riferisce ad entra"0i le storicit$. 5l conte"pera"ento delle due istan e rappresenta la dialettica del restauro proprio in +uanto "o"ento "etodolo*ico del riconosci"ento dell(opera d(arte co"e tale. 6etto ci/ si pu/ enunciare il secondo principio del Restauro'
2 PRINCIPIO DEL RESTAURO:

Il restauro deve mirare al ristabilimento della unit potenziale dellopera darte, purch ci sia possibile senza commettere un falso artistico o un falso storico, e senza cancellare ogni traccia del passaggio dellopera darte nel tempo

2. LA MATERIA DELLOPERA DARTE

5l fatto c!e i "e i fisici di cui !a 0iso*no l(i""a*ine per "anifestarsi, rappresentino un "e o e non un fine, non de#e esi"ere dall(inda*ine di c!e cosa costituisca la "ateria rispetto all(i""a*ine. 1ar$ necessaria una conoscen a scientifica nella sua costitu ione fisica solo nel "o"ento in cui si proceder$ all(inter#ento di restauro, "a preli"inar"ente e soprattutto rispetto al Restauro, #a definito c!e cosa sia la "ateria in +uanto rappresenta conte"poranea"ente il te"po e il luo*o del Restauro. .el caso di un dipinto su ta#ola, in cui la ta#ola sia tal"ente porosaFtarlata da non offrire pi& un supporto con#eniente, la pittura sar$ la "ateria co"e aspetto, la ta#ola "ateria co"e struttura. 5n +uesto caso specifico, la distin ione tra aspetto e struttura sar$ "olto e#idente, occorre considerare l(opera d(arte co"e un unicum. 8n altro ese"pio' un edificio *ettato a terra da un terre"oto e c!e, nella *rande +uantit$ de*li ele"enti superstiti e nelle testi"onian e autentic!e, si presti tutta#ia ad una ricostru ione od anastilosi. 5n +uesto caso, l(aspetto non pu/ essere considerato solo la superficie esterna dei conci, "a +uesti do#ranno ri"anere conci, non solo in superficie. =utta#ia la struttura "uraria interna potr$ ca"0iare per *arantirsi da futuri e#enti sis"ici, e perfino la struttura interna delle colonne, se #e ne siano, o delle tra#ature. :olti errori funesti sono dipesi dal fatto c!e non si era inda*ata la "ateria dell(opera d(arte nella sua 0ipolarit$ di aspetto e struttura. 8na radicata illusione !a fatto considerare co"e identici, ad ese"pio, il "ar"o ancora non resecato da una ca#a, e +uello c!e ) di#enuto statua' "entre il "ar"o non resecato possiede solo la sua costitu ione fisica, e il "ar"o della statua !a su0ito la trasfor"a ione radicale d(essere #eicolo di una i""a*ine, si ) storici ato per dato e fatto dell(opera dell(uo"o, e fra il suo sussistere co"e car0onato di calcio e il suo essere i""a*ine, si ) aperta una incol"a0ile discontinuit$. C!i allora crede, per il solo fatto di a#ere identificato la ca#a do#e fu tratto il "ateriale di un "onu"ento antico, di essere autori ato a trarne ancora per un rifaci"ento del "onu"ento stesso, o#e di rifaci"ento si tratti e non di restauro, si #edre00e *iustificata la sua pretesa dal fatto c!e la

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

"ateria ) la stessa' L% :%=ER5% .<. 1%R%( %HH%==< L% 1=E11%, "a in +uanto storici ata dall(opera attuale dell(uo"o, a +uesta e non alla pi& lontana epoca apparterr$, e, per +uanto c!i"ica"ente la stessa, sar$ di#ersa e arri#er$ u*ual"ente a costituire un falso storico ed estetico. 8n altro errore ) considerare la "ateria +uella c!e *enera o co"un+ue deter"ina lo stile. 8n si"ile sofis"a deri#a dalla "ancata distin ione della struttura dall(aspetto e dall(assi"ila ione della "ateria in +uanto #eicolo della for"a, alla for"a stessa. 1i #eni#a in definiti#a a considerare l(aspetto c!e la "ateria assu"e nell(opera d(arte co"e fun ione della struttura. La distin ione 0asilare dell(aspetto dalla struttura pu/ arri#are talora ad una dissocia ione tael c!e l(aspetto preceda paradossal"ente la struttura, "a solo in +uei casi in cui l(opera d(arte non apparten*a al no#ero di +uelle dette fi*urati#e, co"e la poesia e la "usica, nelle +uali la scrittura, 4 c!e peraltro non ) il "e o fisico proprio a +uelle arti, "a il tra"ite fa precedere, e sia pure in aspetto si"0olico, l(aspetto all(effetti#a produ ione del suono della nota o della parola.

3. LUNITA POTENZIALE DELLOPERA DARTE

5l secondo principio postulato per il Restauro, conte"pla il rista0ili"ento dell(unit$ poten iale dell(opera d(arte. L(<pera ) nel "ondo e ne a##iene la rice ione di una coscien a. 1olo allora, do#endosi attuare un inter#ento di Restauro, c!e si pone il pro0le"a se all(opera d(arte ) da attri0uirsi l(unit$ dell(intero o del totale. 1e infatti l(opera non do#esse concepirsi co"e un intero, do#re00e considerarsi co"e un totale, e in conse*uen a risultere00e co"posta di parti. =ale opera pu/ effetti#a"ente presentarsi co"e co"posta da parti, fino al punto c!e, co"e in un polittico, +ueste possono "aterial"ente staccarsi l(uno dall(altra, in +uanto ori*inaria"ente concepite co"e staccate. :a si faccia il caso di un(opera c!e, di#ersa"ente da u polittico o da un pe o di oreficeria, sia co"posta da parti c!e, prese sin*olar"ente, non a00iano nessun #alore di for"a, co"e per ese"pio le tessere di un "osaico o i conci di una arc!itettura, +uesti, una #olta sciolti dalla concatena ione for"ale, ri"an*ono inerti e non tratten*ono nessuna traccia dell(unit$ in cui erano stati ce"entati dall(artista. 5n +uesto caso li"ite, l(opera non pu/ essere considerata co"e un totale, "a 0ens, co"e un intero. 1econdo il Restauro si deduce c!e, se l(unit$ c!e co"pete all(opera d(arte ) +uella dell(intero e non del totale, anc!e se fisica"ente frantu"ata, do#r$ continuare a sussistere poten ial"ente co"e un tutto in ciascuno dei suoi fra""enti, e +uesta poten ialit$ sar$ esi*i0ile in propor ione diretta alla traccia for"ale superstite del fra""ento. <#e "aterial"ente l(opera d(arte risulti di#isa, si potr$ cercare di s#iluppare la poten iale unit$ ori*inaria c!e ciascuno dei fra""enti trattiene propor ional"ente alla sopra##i#en a for"ale ancora recupera0ile in essi. Ri*uardo a*li inter#enti inte*rati#i, +uesti de#ono sottostare a entra"0i le istan e, estetica e storica, c!e, nel reciproco conte"pera"ento, do#ranno deter"inare il "o"ento in cui si do#r$ arrestare l(inter#ento e il "odo di conte"perarlo per e#itare una offesa estetica o un falso storico. 6a +ui, tre principi fonda"entali' 1) l(inte*ra ione de#e essere se"pre e facil"ente riconosci0ile3 l(inte*ra ione de#e restare in#isi0ile alla distan a, "a i""ediata"ente riconosci0ile non appena si proceda ad una #isione ra##icinata3

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

7)

la "ateria dellopera d(arte ) insostitui0ile in +uanto ) aspetto e non per tutto +uanto ) struttura3 3) o*ni inter#ento di Restauro, non de#e rendere i"possi0ili, an i de#e facilitarne i futuri. 1i pone +uindi con +uest(ulti"o il pro0le"a delle Lacune. 8na lacuna ) feno"enolo*ica"ente una interru ione del tessuto di un opera. %lla "utila ione dell(i""a*ine, si a**iun*e una s#aluta ione intrinseca all(i""a*ine, per cui ne soffrono anc!e le parti intatte. La pri"a solu ione e"pirica, fu +uella della tinta neutra, "a tale solu ione fa ac+uisire autono"ia alla lacuna c!e in#ece do#re00e essere ricostruita per ridare unit$ all(opera "a c!e, co"e le parole tra parentesi +uadra in filolo*ia letteraria, do#r$ essere se"pre riconosci0ile ad occ!io nudo. La lacuna non de#e comporre con i colori del dipinto, cosicc!2 co"paia se"pre ad un li#ello di#erso da +uello del dipinto stesso' o pi& a#anti o pi& indietro. 1e appare una "acc!ia su un #etro posto da#anti ad un dipinto, +uesta "acc!ia, c!e pure to*lie #isi0ilit$ di +uel c!e c() sotto, co"e una lacuna, poic!2 ) percepita ad un li#ello di#erso da +uello del dipinto, fa percepire la continua ione del dipinto al di sotto della "acc!ia. ;erci/, se otterre"o di dare alla lacuna una colora ione c!e in#ece di accordarsi, o di non eccellere sui colori del dipinto, se ne stacc!i #iolente"ente nel tono e nella lu"inosit$, se non nel ti"0ro, la lacuna fun ioner$ co"e la "acc!ia sul #etro' far$ percepire la continua ione della pittura al di sotto della lacuna. >uesta solu ione, per +uanto esco*itata d(intuito, !a rice#uto l(a##allo e la spie*a ione della Gestalt ps!c"olo#ie, in +uanto appunto "ette afrutto un "eccanis"o spontaneo della perce ione.

4. IL TEMPO RIGUARDO ALLOPERA DARTE E AL RESTAURO

Ci$ si ) c!iarito c!e ) duplice la storicit$ dell(opera d(arte, ora pu/ essere puntuali ato con "a**iore precisione c!e 3 sono i te"pi da tenere in considera ione affinc!2 l(inter#ento di Restauro possa inserirsi le*itti"a"ente sull(opera d(arte. 5l pri"o te"po consiste nella 1 STORICITA: la durata dellestricazione durata dell(estrica ione dell(opera d(arte "entre dellopera darte mentre viene formulata dallartista; #iene for"ulata dall(artista3 il secondo a00raccia 2 STORICITA: abbraccia lintervallo che intercede l(inter#allo c!e intercede tra la fine del processo fra la fine del processo creativo e il momento in cui la nostra coscienza attua la ricezione dellopera darte. Il creati#o e il "o"ento in cui la nostra coscien a periodo intermedio tra la creazione e questo presente attua la rice ione dell(opera d(arte3 il ter o storico, che si sposta continuamente in avanti, sar te"po, infine, consiste nella rice ione "edesi"a costituito da altrettanti presenti storici che son diventati della coscien a. :olti inter#enti dannosi, sono passato, ma del cui transito lopera dovr avere conservato le tracce; deri#ati dal fatto del non a#er riconosciuto i tre te"pi e di a#er considerato il te"po dell(opera 3 STORICITA: la ricezione medesima della coscienza. d(arte co"e il presente storico. - c!iaro c!e in nessun modo, lintervento di Restauro pu$ reinserirsi nel momento della %ormulazione dellopera. ;ro0le"i sottili propone in#ece la seconda storicit$3 se"0rere00e infatti c!e il lasso di te"po c!e intercorre tra la crea ione e il presente storico, non possa rientrare nella considera ione dell(opera d(arte co"e o**etto estetico. .ella sua fisicit$, l(opera d(arte pu/ a#ere su0ito particolari altera ioni durante +uesto lasso di te"po. >ueste altera ioni do#ranno essere considerate alla luce delle due istan e, "a non potranno "ai dar luo*o alla pretesa di inserire l(inter#ento di

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

restauro su +uesto secondo te"po. =utta#ia +uesto tipo di restauro ) stato fatto, e si c!ia"a Restauro di Ripristino, c!e #uole appunto a0olire il lasso di te"po fra la conclusione dell(opera d(arte e il presente. Esclusi i pri"i due te"pi, lunico momento le#ittimo per lazione di restauro & quello del presente stesso della coscienza del ricevente . 5l restauro, per essere le*itti"o, non do#r$ presu"ere n2 il te"po co"e re#ersi0ile, n2 l(a0oli ione della storia. L(inter#ento di Restauro ) esso stesso un inter#ento storico, per il fatto di essere a ione u"ana e di inserirsi nel processo di tras"issione dell(opera d(arte al futuro. 'uesta esi#enza storica, dovr tradursi non solo nella di%%erenza delle zone inte#rate, ma nel rispetto della patina c"e pu$ concepirsi come lo stesso sedimentarsi del tempo sullopera, e nella conservazione di campioni dello stato precedente al Restauro.

5. IL RESTAURO SECONDO LISTANZA DELLA STORICITA

5l Rudere ) il caso li"ite della perdita dell(unit$ poten iale dell(i""a*ine, per il +uale l(unico i"perati#o ) unica"ente la corretta ed efficace conser#a ione delle sue #esti*ia "ateriali. Con Rudero, non si definisce una "era realt$ e"pirica, "a si enuncia una +ualifica c!e co"pete a cosa c!e sia pensata si"ultanea"ente sotto l(an*olo della storia e della conser#a ione, e ci/ non solo e li"itata"ente alla sua consisten a astante, "a nel suo passato, da cui trae il suo unico #alore la sua presen a attuale in se pri#a o scarsissi"a di #alore, e nel futuro a cui de#e essere assicurata' donde, non potr$ dirsi Rudere se non cosa c!e testi"oni di un te"po u"ano, anc!e se non sia esclusi#a"ente riferi0ile ad una for"a perduta e rice#uta dall(atti#it$ u"ana. 5n tal senso non potre00e c!ia"arsi rudero il car0on fossile, in +uanto a#an o di una foresta preu"ana, o lo sc!eletro di un ani"ale antidilu#iano, "a lo sar$ la +uerce secca alla cui o"0ra stette il =asso, o se esistesse, il sasso con cui 6a#id uccise Colia. Rudere ) tutto ci/ c!e testi"onia della storia u"ana, "a in un aspetto assai di#erso e +uasi irriconosci0ile rispetto a +uello ori*inario. L(opera d(arte, ridotta allo stato rudero, #ede dipendere per la "assi"a parte la sua conser#a ione, +uale rudero, dal *iudi io storico c!e la in#ol*e, donde la sua e+uipara ione, sul piano pratico, ai prodotti dell(atti#it$ u"ana c!e non furono d(arte, "a c!e, pur nella loro attuale inefficien a, "anten*ono al"eno una parte del loro poten iale storico, c!e nell(opera d(arte, con la fatiscen a delle #esti*ia estetic!e, appare in#ece co"e il risultato di una declassa ione. 5l restauro ri#olto al rudero non pu/ essere c!e consolida"ento e conser#a ione dello status quo (5.=ERDE.=< 65RE==< 4 secondo le pratic!e proprie del restauro pre#enti#o). %ccanto all(inter#ento diretto, #i ) un 5.=ERDE.=< 5.65RE==< c!e interessa lo spa io4a"0iente del rudero, e c!e per l(arc!itettura di#iene pro0le"a ur0anistico e per la scultura, pro0le"a di presenta ione e a"0iente. :a il pro0le"a cruciale, secondo l(istan a storica, consiste nella conser#a ione o nella ri"o ione delle a**iunte e in secondo luo*o nella conser#a ione o nella ri"o ione dei rifaci"enti. La ricostru ione, il ripristino non sono neppure da trattarsi in te"a di restauro3 l(atti#it$ di restauro de#e +uindi ini iare proprio do#e l(opera d(arte finisce, e cio) da +uel "o"ento li"ite in cui l(opera d(arte, ridotta a #esti*ia, sta per ricadere nell(infor"e3 l(a**iunta sar$ tanto pe**iore +uanto pi& si a##iciner$ al rifaci"ento, e il rifaci"ento sar$ consentito +uanto pi& si allontaner$ dall(a**iunta e "irer$ a costruire un(unit$ nuo#a su +uella #ecc!ia. 6al punto

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

di #ista storico, l(a**iunta e l(interpola ione su0ita da un(opera d(arte,non ) c!e una nuo#a testi"onian a del fare u"ano e del transito dell(opera nel te"po' in tal senso l(a**iunta non interferisce da +uello c!e ) il ceppo ori*inario, e !a *li stessi diritti di essere conser#ata. La ri"o ione, seppure risulti un(atto do#uto, in realt$ ) la distru ione di un docu"ento. 6al punto di #ista storico, anc!e la conser#a ione della patina, co"e conser#a ione di +uel particolare offusca"ento c!e la "ateria rice#e attra#erso il te"po ed ) +uindi testi"onian a del te"po trascorso, non solo ) auspica0ile, "a tassati#a"ente ric!iesta.

6. IL RESTAURO SECONDO LISTANZA ESTETICA

.el caso in cui un rudero si colle*!i ad un(altra opera d(arte da cui rice#e e a cui i"pone una speciale +ualifica ione spa iale, 0iso*na ine#ita0il"ente considerare la sua i"portan a estetica. 5n alcuni casi, l(opera d(arte "utila ridiscende ad o**etto costituti#o (e cos,, nel seicento #ennero co"prese e utili ate le ro#ine ro"ane nel *iardina**io e nel paesa**io). - perci/ s0a*liato credere c!e o*ni colonna spe ata possa essere le*itti"a"ente rial ata, +uando in#ece l(a"0iente do#e +uesto do#re00e accadere !a ra**iunto storica"ente e estetica"ente un assesta"ento c!e non de#e essere distrutto, ne per la storia, ne per l(arte. 5l rudero, anc!e per l(istan a estetica, non de#e essere trattato co"e rudero, e l(a ione da co"piere de#e restare conser#ati#a e non inte*rati#a.

laggiunta pu contemplare o pu svolgere, soprattutto in architettura, funzioni diverse da uelle iniziali! nellaggiunta non si ricalca, si sviluppa piuttosto, sinnesta" Il rifacimento invece tende a riplasmare lopera, interviene nel processo creativo originario, rifonde il vecchio e il nuovo cos# Da non distinguersene e da abolire o ridurre al minimo lintervallo di tempo che distacca i due monumenti .
L(a**iunta, ) da conser#are in "odo re*olare, "entre ) ecce ionale la sua ri"o ione, il rifaci"ento, poic!2 tende *eneral"ente a costituire un falso storico, non !a le*itti"it$ alcuna nell(opera ione di restauro, a "eno c!e la sua ri"o ione non co"porti un danno per l(ori*inale. ;osto c!e la tras"issione dell(i""a*ine a##iene per dato e fatto della "ateria, e c!e il ruolo della "ateria ) d(essere tras"ittente, per"ettendo all(i""a*ine di *iun*ere allo spettatore, la "ateria in se e per se non do#r$ "ai fare a**io sull(i""a*ine, "a restare ad essa su0ordinata. %nc!e la deter"ina ione e i li"iti della pulitura delle superfici di un "anufatto di rile#an a artistica, e il "anteni"ento della patina, sono affrontati alla luce della stessa dialettica. 1ia per l(istan a estetica, c!e per +uella storica la pulitura tro#a il suo li"ite in#alica0ile nel rispetto della patina, c!e ) nel se*no del passa**io del te"po sui "ateriali costituti#i dell(opera, con le conse*uenti "odifica ioni c!e essi assu"ono, "a ) anc!e, dal punto di #ista estetico +uella i"percetti0ili sordina posta alla "ateria, c!e si #ede costretta a tenere il suo ran*o pi& "odesto nel senso dell(i""a*ine. Le*ata al "anteni"ento della patina, ) per Brandi la necessit$ di sal#a*uardare, nella pulitura, tutti i "ateriali costituti#i, co"prese le #ernici ori*inali, fossero esse colorate o no e le ulti"e finiture a #elatura.

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

7. LO SPAZIO SECONDO LOPERA DARTE

L(opera d(%rte, in +uanto fi*urati#it$, si deter"ina in una autono"a spa ialit$ c!e ) la clausola stessa della realt$ pura. >uesta spa ialit$ arri#a allora ad inserirsi nello spa io fisico c!e ) il nostro stesso spa io. :a proprio +uesta condi ione di non partecipa ione nello spa io, costituisce per l(opera d(arte la fonte di una infinit$ di pro0le"i relati#i, non alla sua spa ialit$, c!e ) definita una #olta e per se"pre, "a proprio al punto di sutura fra +uesta spa ialit$ e lo spa io fisico. 5l pri"o inter#ento c!e noi do#re""o considerare, non sar$ +uello diretto sulla "ateria stessa dell(opera, "a +uello #olto ad assicurare le condi ioni necessarie a c!e la spa ialit$ dell(opera non sia ostacolata al suo affer"arsi entro lo spa io fisico dell(esisten a. %ttaccare o staccare un +uadro dalla parete, to*lier*li o "etter*li una cornice, "ettere o le#are un piedistallo ad una statua, aprire uno spa io o un lar*o, sono tutte opera ioni di restauro e natural"ente non solo co"e atti positi#i, an i, il pi& delle #olte decisa"ente ne*ati#i co"e +uelli contrasse*nati dallo s"onta**io o ri"onta**io in altro luo*o di una arc!itettura.

8. IL RESTAURO PREVENTIVO

.on 0iso*na cascare nell(errore di considerare il restauro pre#enti#o co"e profilassi c!e, attuata co"e una #accina ione, possa i""uni are l(opera d(arte nel corso del suo te"po. L(opera d(arte risulta co"posta da un certo nu"ero e +uantit$ di "ateria, c!e per un i"precisato e i"precisa0ile concorso di circostan e, possono su0ire altera ioni di #ario *enere3 la possi0ilit$ di pre#en ione di +ueste altera ioni, dipende proprio dalle caratteristic!e fisico e c!i"ic!e delle "aterie. 5l concetto di restauro pre#enti#o, rispetto alla se"plice pre#en ione, !a una acce ione pi& a"pia, c!e non pu/ prescindere dal riconosci"ento dell(opera d(arte. >uesto to*lie il restauro dall(e"piris"o dei procedi"enti, e lo assi"ila alla critica d(arte e alla conoscen a scientifica. ;ertanto, ) solo a titolo pratico c!e si distin*ue un restauro pre#enti#o da uno effetti#o ese*uito sul dipinto, in +uanto, l(uno e l(altro, #al*ono per l(unico e indi#isi0ile i"perati#o c!e la coscien a si pone all(atto del riconosci"ento dell(opera d(arte nella sua doppia istan a estetica e storica. 5l restauro pre#enti#o ) anc!e pi& i"perati#o, se non pi& necessario di +uello di estre"a ur*en a, perc!2 ) #olto proprio ad i"pedire +uest(ulti"o, il +uale difficil"ente potr$ reali arsi con il sal#ata**io co"pleto dell(opera. Con ci/ si sono *i$ definite tre *randi dire ioni di "assi"a c!e potranno con#o*liare le inda*ini relati#e all(attua ione pratica delle "isure preventive, cautelative, proi(itive. 5l restauro delle pitture e dei "anufatti artistici tende ad identificarsi se"pre pi& col puro inter#ento conser#ati#o dei "ateriali ori*inari costituti#i. Ricapitolando, +uello c!e Brandi c!ia"a restauro pre#enti#o ) una serie di pro##iden e e atten ioni di sal#a*uardia a"0ientale e fisica delle opere di interesse artistico al fine di e#itare, per +uanto possi0ile, l(inter#ento di restaur #ero e proprio, co"un+ue da considerarsi solu ione ulti"a e non pri#a di possi0ili conse*uen e trau"atic!e.

1K

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

=ra le critic!e alla teoria del restauro, si ri"pro#era al Brandi, una #isione elitaria c!e a#re00e del restauro, per nulla attenta al tessuto storico e culturale "inore. ;er l(arc!itettura, ad ese"pio, la specificit$ del restauro si de#e ricolle*are alla fun ionalit$ c!e de#e essere necessaria"ente "antenuta3 "a la fun ione d(uso ) caratteristica propria anc!e di un dipinto, di un o**etto di oreficeria, di una scultura. 1econdo i critici +uindi, l(estensione della "etodolo*ia ela0orata da Brandi, alla pro0le"atica arc!itettonica, co"e accade nell acarta del restauro del 19I7, pecc!ere00e di eccessi#o ri*oris"o causato da una troppa "eccanica assi"ila ione, dai principi deri#anti dalla conoscen a, dall(esperien a, dalla specificit$ del restauro de*li o**etti d(arte. %nc!e per *li arc!eolo*i, i li"iti della teori a ione for"ulata da 0randi deri#ano dall(essere irri"edia0il"ente estraneo all(arc!eolo*ia per di#ersit$ di referenti e ottica disciplinare, al punto da non considerare +uanto sare00e frutto di pi& recenti riflessioni e preoccupa ioni e di cli"i culturali di#ersi dal suo presunto idealis"o.

_____________________________________

LA FALSIFICAZIO NE

1i fraintende in *enere la falsifica ione co"e storia dei "etodi di fa00rica ione dei falsi, in#ece c!e allontanarsi dal *iudi io del falso. Ci/ c!e risulter$ su0ito esplicito ) c!e il falso non ) falso finc!2 non #iene riconosciuto per tale, non potendosi infatti considerare la falsit$ co"e una propriet$ inerente all(o**etto, in +uanto c!e, anc!e nel caso li"ite in cui la falsit$ si faccia consistere precipua"ente in una di#ersa consisten a "ateriale, co"e per le "onete, la falsit$ risulta co"parati#a"ente alla le*a c!e co"pone le "onete autentic!e, "a la di#ersa le*a in se non ) falsa, ) *enuina. 1icc!e fu *iudicato delittuosa la fa00rica ione di sterline c!e a#e#ano la stessa

11

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

percentuale aurea delle stelline autentic!e, nonc!2 una assoluta identit$ di conio, "a la cui falsit$ dipende#a dal fatto c!e non erano uscite dalla ecca in*lese e c!e la sostitu ione dei falsari, in +uesta atti#it$, non pote#a non essere 0ollata dalla le**e, nonc!2 non #i fosse nessuna frode nel peso dell(oro. ;ertanto la falsit$ si fonda sul *iudi io. si riconosce nel *iudi io di falsit$ un *iudi io pro0le"atico, col +uale ci si riferisce alle deter"ina ioni essen iali c!e il so**etto do#re00e possedere e non possiede, "a c!e in#ece si pretendere00e c!e possedesse, onde nel *iudi io di falsit$ si sta0ilisce la non con*ruen a del so**etto al suo concetto, e l(o**etto stesso ) dic!iarato falso. Era indispensa0ile pre"essa riconoscere co"e la falsit$ stia nel *iudi io e non nell(o**etto, in +uanto non si *iustific!ere00e altri"enti co"e uno stesso o**etto, sen a #aria ioni di sorta, possa essere considerato i"ita ione o falsifica ione, a seconda della inten ionalit$ con cui fu prodotto o fu "esso in circola ione. 1i possono dare perci/ tre casi fonda"entali' )* produ ione di un o**etto a so"i*lian a o a riprodu ione di altro o**etto, oppure nei "odi o nello stile di un deter"inato periodo storico o di deter"inata personalit$ artistica, per nessun altro fine c!e una docu"enta ione dell(o**etto o il diletto c!e s(intende rica#arne3 +* produ ione di un o**etto co"e sopra, "a con l(intento specifico di trarre altrui in in*anno circa l(epoca, la consisten a "ateriale, o l(autore3 ,* l(i""issione nel co""ercio o co"un+ue diffusione dell(o**etto, anc!e se non sia stato prodotto con l(inten ione di trarre in in*anno, co"e di un(epoca autentica, di epoca o di "ateria, o di fa00rica, o di autori, di#ersi da +uelli c!e co"petono all(o**etto in se. %l pri"o di +uesti casi corrisponde la copia e l(i"ita ione. 5l secondo e il ter o caso indi#iduano le due acce ioni fonda"entali del falso. 1olo nella fattispecie, potr$ allora distin*uersi il falso storico dal falso artistico, c!e nel falso storico finisce per presentarsi co"e una sottospecie, dato c!e o*ni opera d(arte ) anc!e "onu"ento storico, e dato c!e l(inten ione di trarre in in*anno ) identica nei due casi. 5n conclusione, la storia della falsifica ione do#r$ farsi tenendo in conto le copie e le i"ita ioni, non soltanto le falsifica ioni certe, e ci/ non solo per la sostan iale identit$ dei procedi"enti i"pie*ati, in un caso e nell(altro, "a per altri due ordini di ra*ioni' la difficolt$ a pro#are il dolo, c!e ) essen iale per il *iudi io di falso3 l(i"possi0ilit$ di escludere, anc!e nei periodi pi& re"oti della ci#ilt$, un(inten ionale produ ione di falsi, dato c!e le ci#ilt$ ) altres, sinoni"o di co""ercio e dun+ue di una scala, per ro a c!e sia, di #alori sui +uali i""ediata"ente si esercita la "ali ia u"ana. 1931 Conferen a interna ionale di %tene per il Restauro3 lo stesso anno, in 5talia, #iene ela0orato un docu"ento c!ia"ato Carta del Restauro le cui nor"e, se00ene ri#olte ai "onu"enti, pote#ano facil"ente essere estese a tutte le altre opere. =utta#ia tale docu"ento, non e00e "ai efficacia #incolante, ne #enne "ai recepito in una le**e. .e di#ersa"ente a##enne +uando, coscienti della necessit$ di condurre il restauro con precisi criteri tecnici e "etodolo*ici si cre/, nel 193J, l(5stituto Centrale del Restauro a Ro"a e si incaric/ una co""issione "inisteriale di ela0orare delle nor"e unificate c!e a00racciassero tutte le arti fi*urati#e, poic!2 le "etodolo*ie su**erite dal pri"o, e le nor"e ela0orate dalla seconda, furono solo

LA CARTA DEL RESTAURO 1972

17

Cesare Brandi La teoria del Restauro (1963) ed. Einaudi

saltuaria"ente osser#ate, e non certo da tutto il paese, do#e spesso continuarono a esistere tenaci tradi ioni locali. 6opo *li anno cin+uanta, la prassi operati#a dell(5CR, la lucida teori a ione di Brandi, l(ac+uisita consape#ole a c!e i 0eni culturali costituiscono un patri"onio co"une, e +uindi de#ono essere tutelati in "odo unifor"e, port/ alla for"ula ione di nuo#e nor"e deontolo*ic!e sfociate in un docu"ento c!ia"ato la Carta del Restauro e"anato nel 19I7 per il +uale' 1) RE1=%8R< ) considerato o*ni atti#it$ #olta a prolun*are il pi& a lun*o possi0ile, la #ita di un(opera d(arte3 7) Diene pri#ile*iata la ;REDE.B5<.E, o##ero dei pro##edi"enti c!e non i"plic!ino inter#enti diretti sull(opera. La =ER%;5% ;REDE.=5D% tesa ad i"pedire il restauro3 3) 1ono ;R<5B5=E le altera ioni e la ri"o ione delle patine, "entre sono %::E11E le a**iunte di parti accessorie con fun ione statica3 le puliture non de#ono *iun*ere "ai alla nuda superficie della "ateria, e de#ono rispettare, in caso di pitture, patine ed e#entuali #ernici antic!e.

_____________________________________

13