Sei sulla pagina 1di 23

LE SUPPLENZE DI COMPETENZA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ATTRIBUITE MEDIANTE LO SCORRIMENTO DELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO/ISTITUTO

Uno strumento, utile per tutto il personale della scuola ed in particolare per le RSU e i delegati, per agevolare la lettura delle modalit operative relative alla stipula di contratti a tempo determinato del personale docente. Lo sviluppo per schede permette di avere sotto controllo la procedura e, contemporaneamente, la normativa di riferimento, desunta dal contratto e dalle disposizioni ancora in vigore, in modo da rendere pi facile l'approccio ad una materia che si sta rivelando sempre pi complessa. I riferimenti normativi allegati costituiscono una sorta di banca dati a disposizione, immediatamente consultabile. I riferimenti alle assenze e alle procedure per la risoluzione di stati conflittuali relativi alla formalizzazione del rapporto di lavoro, completano uesto vademecum dedicato al personale docente assunto con contratto a tempo determinato.

LE CONDIZIONI PER LASSUNZIONE DI SUPPLENTI

Condizione essenziale per lassunzione di personale supplente lesigenza didattica, la necessit cio di garantire il diritto allo studio degli alunni. Il conferimento delle supplenze temporanee consentito esclusivamente per il periodo di effettiva permanenza delle esigenze di servizio. Prima di procedere alla convocazione di un supplente il Dirigente scolastico deve verificare che non sia possibile ricorrere: a docenti in servizio nellistituzione scolastica a disposizione per lintero orario o tenuti al completamento dellorario di servizio nella scuola elementare, per la sostituzione di personale assente fino ad un massimo di ! giorni, a docenti che effettuano ore di contemporaneit non impegnate per le attivit programmate dal collegio dei docenti nella scuola secondaria a docenti disponibili ad effettuare ore aggiuntive dinsegnamento "fino ad un massimo di #$ ore settimanali totali% in classi collaterali "spezzoni fino a & ore disponibili per lintero anno scolastico%, o per la sostituzione di colleghi assenti a forme di flessibilit dellorganizzazione dellorario didattico, previste dal P'(.

II

LE TIPOLOGIE DI ASSUNZIONE

!ipologia di contratto"

!ipologia di posto disponibile cattedre e posti vacanti e disponibili entro il )* dicembre che non sia stato possibile coprire con lo scorrimento delle graduatorie permanenti "*% cattedre e posti di fatto disponibili entro il )* dicembre, ore dinsegnamento che non concorrono a costituire cattedra o posto orario che non sia stato possibile coprire con lo scorrimento delle graduatorie permanenti "*%, nonch+ spezzoni di posto o cattedra non superiori a sei ore. cattedre e posti resisi disponibili per -ualsiasi causa dopo il )* dicembre

#urata dalla data di assunzione in servizio fino al )* agosto "#%.

supplenze annuali

supplenze temporanee fino al termine delle attivit didattiche

dalla data di assunzione in servizio fino al ), giugno.

supplenze temporanee

supplenze temporanee

sostituzione di docenti temporaneamente assenti "!%

supplenze temporanee fino a nomina dellavente diritto

cattedre e posti vacanti e disponibili

dalla data di assunzione in servizio e per il periodo di permanenza delle esigenze di servizio ")% "$% dalla data di assunzione in servizio e per il periodo di permanenza delle esigenze di servizio ")% "$% dalla data di assunzione in servizio e fino alla nomina dellavente diritto "supplente annuale o fino al termine delle attivit didattiche% ")% "$%

$ote% " &er la sostituzione del personale docente con orario d'insegnamento strutturato su pi scuole, ciascuna scuola procede autonomamente per le ore di rispettiva competenza. '() $ei casi di esaurimento delle graduatorie permanenti o rinuncia degli aspiranti inclusi. '*) Il diritto alla retribuzione estiva matura se il supplente ha prestato servizio, con diritto alla retribuzione, anche se parziale, per (+, giorni o dal (- febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale. '.) Sono comprese nel contratto le domeniche, le festivit infrasettimanali, il giorno libero che ricadono nel periodo di durata del contratto. '/) 0ualora il docente titolare si assenti in un'unica soluzione a decorrere da una data anteriore di almeno sette giorni all'inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni e fino a una data non inferiore a sette giorni successivi a uello di ripresa delle lezioni, il rapporto di lavoro a tempo determinato 1 costituito per l'intera durata dell'assenza. 2l fine di garantire la continuit didattica, il personale docente che sia stato assente , con diritto alla conservazione del posto, per un periodo non inferiore a centocin uanta giorni continuativi nell'anno scolastico, e rientri in servizio dopo il ., aprile, 1 impiegato nella scuola sede di servizio in supplenze o nello svolgimento di interventi didattici ed educativi integrativi e di altri compiti connessi con il funzionamento della scuola medesima. 0uando il rientro in servizio coinvolge le classi terminali dei cicli di studio, il periodo di assenza continuativa di cui al comma precedente 1 ridotto, ai fini predetti, a novanta giorni.

III

LA PROCEDURA PER LA CONVOCAZIONE E LINDIVIDUAZIONE DEL DESTINATARIO DELLA SUPPLENZA Per garantire luniformit, la trasparenza, limparzialit dellazione dellamministrazione pubblica, il rispetto del diritto di graduatoria, e consentire la verifica della correttezza della procedura seguita, sono state definite dallart. *# del D... *,)/,* le modalit di interpello e convocazione degli aspiranti a supplenza. Prima di stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato necessario individuare il supplente che ha titolo allassunzione. 0 tale fine le scuole sono tenute ad interpellare gli aspiranti in base allordine dinclusione nella graduatoria di circolo/istituto, per verificarne la disponibilit o meno ad accettare la proposta di assunzione. I mezzi utilizzabili per individuare il destinatario della supplenza sono: 1 Il fonogramma, cio la 2telefonata3, al numero comunicato dal supplente: il sistema seguito pi4 fre-uentemente dalle scuole perch+ pi4 veloce ed economico. 5a 2chiamata3 per essere regolare deve assumere la forma del fonogramma, cio deve essere registrata agli atti della scuola con lindicazione del giorno e dellora della comunicazione, del nominativo di chi leffettua, della persona che risponde o con lannotazione della mancata risposta. 1 Il telegramma, obbligatorio per le supplenze di durata non inferiore a trenta giorni, da inviare allindirizzo comunicato dallaspirante. 5a proposta di assunzione, "fonogramma o telegramma% deve contenere i dati essenziali del contratto da stipulare: data dinizio, durata, orario settimanale. 6ualora sia diretta a pi4 aspiranti "in tale caso definita proposta di assunzione condizionata%, deve indicare anche il giorno e lora della convocazione e la posizione di graduatoria rispetto agli altri supplenti che sono stati convocati contestualmente. 7ei casi di supplenza superiore a trenta giorni, il telegramma relativo alla proposta di assunzione condizionata, deve essere inviato con un preavviso di almeno tre giorni rispetto alla data di convocazione. 5accettazione della proposta da parte dellaspirante pu8 avvenire, oltre che con la presenza nel giorno e nellora indicati dalla scuola, anche con linvio di apposito telegramma che deve pervenire alla scuola entro gli stessi termini fissati per la convocazione. 5a scuola individua -uale destinatario del contratto di lavoro laspirante che occupa la migliore posizione di graduatoria tra coloro che hanno accettato la proposta di assunzione. 9ale individuazione deve essere comunicata telefonicamente nel caso risulti destinatario del contratto di supplenza laspirante che ha accettato mediante telegramma. Il supplente, in -uesto caso, tenuto ad assumere servizio entro #$ ore. Per le scuole ubicate in zone di montagna o in piccole isole, nei casi di sostituzione di docentI assentI per periodi non superiori a *! giorni, le supplenze si attribuiscono scorrendo le graduatorie d:istituto con un criterio di precedenza, operante esclusivamente all:interno di ciascuna fascia, nei riguardi degli aspiranti effettivamente residenti nello stesso comune della sede scolastica interessata. 7el caso di prosecuzione dell:assenza del titolare si d luogo alle operazioni di proroga o conferma, del supplente solo se il periodo di ulteriore assenza non superiore a *! giorni mentre si procede all:attribuzione della supplenza mediante il normale scorrimento delle graduatorie d:istituto ove il sopravvenuto periodo di assenza ecceda tale limite. 5a procedura termina con un atto formale del dirigente scolastico, la 2lettera di individuazione del destinatario3 che latto amministrativo propedeutico alla stipula del contratto di lavoro a cui deve essere allegata. 0l pari del contratto, la lettera di individuazione deve essere resa pubblica mediante affissione allalbo della scuola. Dalla data di pubblicazione decorrono i termini per leventuale reclamo e/o ricorso al giudice del lavoro. I;

LA PROROGA DEL CONTRATTO Per ragioni di continuit didattica, ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o pi4 altri, senza soluzione di continuit o interrotto solo da giorno festivo o da giorno libero dall:insegnamento, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente gi in servizio, a decorrere dal giorno successivo a -uello di scadenza del precedente contratto. 7el caso in cui ad un primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro intervallato da un periodo di sospensione delle lezioni si procede alla conferma del supplente gi in servizio in tal caso il nuovo contratto decorre dal primo giorno di effettivo servizio dopo la ripresa delle lezioni.

COMPLETAMENTO DI ORARIO E CUMULABILIT DI DIVERSI RAPPORTI DI LAVORO 5:aspirante cui viene conferita una supplenza ad orario non intero, conserva titolo a conseguire il completamento d:orario fino al raggiungimento dell:orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo. Per il personale docente della scuola secondaria il completamento dell:orario di cattedra pu8 realizzarsi sia cumulando ore appartenenti alla medesima classe di concorso sia con ore appartenenti a diverse classi di concorso ma con il limite massimo di tre sedi scolastiche e due comuni, tenendo presente il criterio della facile raggiungibilit. Il completamento d:orario pu8 realizzarsi, anche in scuole non statali. 7ello stesso anno scolastico possono essere prestati i servizi di insegnante nei diversi gradi scuola, di istitutore, ovvero in -ualit di personale 090, anche in scuole non statali, purch+ non svolti in contemporaneit

I CONTENUTI DEL CONTRATTO

Conclusa la procedura di individuazione del destinatario della supplenza, si procede alla stipula del contratto individuale di lavoro. Il contratto redatto dalle scuole utilizzando le procedure e i modelli del <I.PI "<istema Informativo .inistero Pubblica Istruzione%. Con la recente C... n. *)= del >.?.,*, corredata dai fac1simile delle diverse tipologie di contratto, sono state diramate le istruzioni, per lutilizzo del sistema che stato migliorato e aggiornato al fine di consentire la trattazione automatica della maggior parte dei casi di assunzione. Il contratto, sottoscritto dal dirigente scolastico e dal supplente, deve contenere i seguenti elementi essenziali, definiti dallart. *= del CC75 ?!: 1 tipologia del rapporto di lavoro (tempo determi !to" i #e$ !me to/%&!##e di %o %or#o" ore #ettim! !&i di &e'io e() 1 data di inizio del rapporto di lavoro 1 data di cessazione e clausola di salvaguardia che prevede la risoluzione automatica del rapporto, senza preavviso, in caso di rientro anticipato del titolare 1 -ualifica di in-uadramento professionale "personale docente% e livello retributivo iniziale 1 compiti e mansioni corrispondenti alla -ualifica di assunzione "disciplinati dal CC75% 1 sede di prima destinazione, ancorch+ provvisoria, dell:attivit lavorativa 1 cause che costituiscono le condizioni risolutive del contratto di lavoro. Deve essere specificato, inoltre, che il rapporto di lavoro regolato dalla disciplina del CC75 vigente anche per le cause che costituiscono le condizioni risolutive del contratto. LE CAUSE DI RISOLUZIONE

<ono cause di risoluzione del contratto: 1 l:annullamento della procedura di reclutamento che ne costituisce il presupposto (e#* &! &etter! di i di+id,!'io e de& de#ti !t!rio de&&! #,pp&e '! o &! $r!d,!tori! di#tit,to() 1 la mancata presentazione della documentazione prescritta dalle disposizioni vigenti in materia ed indicata nelle disposizioni che regolano le assunzioni 1 la mancata presentazione della dichiarazione di non avere altri rapporti di impiego pubblico o privato e di non trovarsi in nessuna delle situazioni di incompatibilit richiamate dall:art. != del D. 5.gs n. #? del *??) o dall:art. !,= del D. 5gs n. #?> del *??$ oppure la dichiarazione di opzione per la nuova amministrazione o per il nuovo rapporto di lavoro. 1 la mancata assunzione del servizio nel termine assegnato, salvo i casi in cui, in relazione alle vigenti disposizioni di legge, sia impedita l:assunzione in servizio "es. maternit, servizio militare, ecc.%. 1 il rientro anticipato del titolare nei casi di sostituzione di personale assente temporaneamente.

;I

LA DOCUMENTAZIONE 5art. *= del CC75 ?! prevede, ai commi !, & e >, che nel contratto sia specificato linvito a presentare entro ), giorni dalla data di assunzione: 1 la documentazione prescritta dalle disposizioni vigenti in materia, che attesti il possesso dei re-uisiti di ammissione indicati nelle disposizioni che regolano le assunzioni 1 la dichiarazione di non avere altri rapporti di impiego pubblico o privato e di non trovarsi in nessuna delle situazioni di incompatibilit richiamate dall:art. != del D. 5.vo n. #? del *??) o dall:art. !,= del D. 5.vo n. #?> del *??$, oppure la dichiarazione di opzione per la nuova amministrazione o per il nuovo rapporto di lavoro. 5a documentazione deve essere presentata, nell:ambito della medesima provincia, solo in occasione del primo contratto stipulato. @ necessario evidenziare in proposito che con lemanazione del D.P.A. #=.*#.#,,,, n. $$! "9.B. in materia di documentazione amministrativa% sono state profondamente modificate e semplificate le disposizioni che regolano la documentazione delle domande presentate alla pubblica amministrazione: 1 I re-uisiti generali e di ammissione richiesti per linserimento nelle graduatorie "situazioni anagrafiche e di famiglia, titoli di studio, e di abilitazione, servizi prestati% sono comprovabili con dichiarazioni sostitutive di certificazioni "art. $&% o di atti di notoriet "art. $>%. 1 5obbligo di presentazione di tali dichiarazioni assolto se -ueste sono rese contestualmente alla domanda presentata, sia come allegati, sia se contenute nel modulo di domanda appositamente predisposto dallamministrazione "art. $=%. 1 5articolo $), co. * del D.P.A. $$! prevede che le amministrazioni pubbliche 2non possono richiedere atti o certificati concernenti stati, -ualit personali e fatti che risultino elencati nellart. $&, che siano attestati in documenti gi in loro possesso o che comun-ue esse stesse siano tenute a certificare. In luogo di tali atti o certificati C sono tenute ad ac-uisire dufficio le relative informazioni C3. 1 @ facolt dellamministrazione accertare, mediante visita sanitaria di controllo, lidoneit fisica allimpiego nei confronti di coloro che si collocano in posizione utile per il conferimento dei posti. Considerato che linserimento nelle graduatorie distituto deriva da procedimenti differenziati di assunzione, avviati anche in data antecedente allemanazione del D.P.A. $$!/,, "Decreti relativi allindizione dei concorsi per titoli del 2vecchio doppio canale3 e D... *$&/#,,,, per coloro che sono inseriti nelle graduatorie permanenti 1 prima fascia delle graduatorie distituto D... *,)/#,,* 1 per coloro che sono inseriti nella seconda e terza fascia delle graduatorie distituto% sar onere del dirigente scolastico richiedere leventuale integrazione delle dichiarazioni e/o documentazione gi prodotte dallinteressato. I CONTROLLI

;II

I controlli sulle dichiarazioni rese dagli aspiranti inclusi nelle graduatorie sono effettuati dal dirigente scolastico a cui stata indirizzata la domanda, con le modalit previste dagli articoli >* e ># del D.P.A. n. $$!/,,. 7elle avvertenze al modulo di domanda precisato che adeguati controlli sulle dichiarazioni rese sono disposti in occasione del primo rapporto di lavoro a tempo determinato. Dellavvenuta verifica e convalida dei dati contenuti nella domanda viene rilasciata allinteressato apposita certificazione. In caso di mancata convalida dei dati dichiarati il dirigente scolastico provvede, a seconda della gravit del fatto riscontrato, alleventuale rideterminazione del punteggio e della posizione assegnata al candidato, allesclusione dalle graduatorie, allavvio delle procedure previste per lapplicazione di sanzioni amministrative e/o penali "art. >! e >& del D.P.A. $$!/,,%.

LE SANZIONI PER MANCATO PER-EZIONAMENTO E RISOLUZIONE ANTICIPATA DEL RAPPORTO DI LAVORO

la rinuncia ad una proposta contrattuale o alla sua proroga o conferma non comporta alcun effetto l:abbandono della supplenza comporta la perdita della possibilit di conseguire -ualsiasi tipologia di supplenza conferita sia sulla base delle graduatorie permanenti che delle graduatorie di istituto, per l:anno scolastico in corso. Il personale che non sia gi in servizio per supplenze di durata sino al termine delle lezioni od oltre ha facolt, nel periodo dell:anno scolastico che va fino al ), di aprile, di risolvere anticipatamente il proprio rapporto di lavoro per accettarne un altro di durata sino al termine delle lezioni od oltre. Il personale in servizio per supplenza conferita sulla base delle graduatorie di istituto ha comun-ue facolt di lasciare tale supplenza per accettarne altra attribuita sulla base delle graduatorie permanenti. 5e sanzioni non si applicano in caso di mancato perfezionamento o risoluzione anticipata del rapporto di lavoro dovuti a giustificato motivo, che risulti da documentata richiesta dell:interessato.

;III

ASSENZE
Il personale pu8 assentarsi, nei limiti di durata della/delle nomina/e per i seguenti motivi: !ipologia assenza #urata malattia gg. ), complessivi per anno scolastico infortunio sul lavoro gg. necessari alla completa guarigione clinica malattia riconosciuta dipendente da causa di gg. necessari servizio Frave malattia del coniuge, del parente entro il #G gg. ), non considerando i giorni festivi e -uelli non lavorativi grado, o di soggetto componente la famiglia anagrafica astensione obbligatoria "leggi *#,$/>* e !)/#,,,% # mesi precedenti la data presunta del parto eventuale periodo tra le date presunta e la data effettiva del parto ) mesi dopo il parto* Interdizione dal lavoro "estensione del divieto di periodo necessario nel caso di gravi complicanze "disposto adibire al lavoro le donne% dal servizio ispettivo del .inistero del lavoro% congedo parentale & mesi, nellambito di un massimo di *, mesi fruibili da "eH astensione facoltativa% entrambi i genitori). (ruibile dopo il termine dellastensione obbligatoria, nei primi = anni di vita del bambino$ assenze per malattie del bambino illimitata nei primi ) anni di vita del bambino gg. ! allanno dal -uarto allottavo anno di vita del bambino riposo per allattamento congedo per gravi motivi familiari per assistenza 5. *,$/?# per matrimonio permessi non retribuiti "concorsi, esami, lutti!, motivi personali o familiari% per adempiere funzioni presso uffici elettorali per testimoniare in giudizi per adempiere alle funzioni di giudice popolare KKKKKK
* # )

Retribuzione !,E *,,E *,,E *,,E *,,E# *,,E ),E nessuna *,,E nessuna *,,E *,,E nessuna intera intera intera

3alidit anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti "tranne per la maturazione delle ferie e della IIIIJ mensilit% anzianit di servizio a tutti gli effetti "tranne per la maturazione delle ferie e della IIIIJ mensilit% anzianit di servizio a tutti gli effetti

* o # ore a seconda della durata della prestazione giornaliera di lavoro "inferiore a & ore, da & ore in su% fino a # anni complessivi, anche per priodi frazionati, nellarco della vita lavorativa gg. ) mensili o # ore di permesso giornaliero gg. *! consecutivi "comprensivi della data dellevento% maH & gg. gg. necessari alleffettivo impegno gg. necessari gg. necessari

anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti Interrompono la maturazione dellanzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti anzianit di servizio a tutti gli effetti

In alternativa * mese prima della data presunta e $ mesi dalla data effettiva del parto "legge 4.5*,,, 6 circ. 7in. Lavoro n. /. del 8.8.*,,,% @ previsto il pagamento dellindennit di maternit se lastensione obbligatoria ha inizio entro &, giorni dal termine dellultimo contratto. Il beneficio fruibile da entrambi i genitori $ In caso di parto gemellare ciascun genitore ha diritto a fruire per ogni nato del numero di mesi di congedo parentale previsto ! Per morte del coniuge, di parenti entro il #G grado "genitori, figli, nonni, fratelli%, di affini entro il *G grado "suoceri%

*,

C'79A';LA<IL I7 .09LAI0 DI C'7(LAI.L79' DI <BPP5L7ML


7ateria Errori e&&! de.i i'io e de&&! $r!d,!tori! pro++i#ori! &rocedure D Aeclamo al dirigente scolastico della scuola di presentazione della domanda !ermini D *! giorni dalla pubblicazione allalbo. 5a decisione entro ), giorni dalla presentazione del reclamo

Errori de&&! $r!d,!tori! de.i iti+!

D Aicorso al tribunale amministrativo regionale D Aicorso straordinario al Presidente della Aepubblica

D &, giorni dalla pubblicazione D *#, giorni dalla pubblicazione

Errori e& %o .erime to de&&! #,pp&e '!

D Fiudice del lavoro, previo esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione presso la Direzione provinciale del lavoro D Devoluzione ad arbitro

Prescrizione decennale

Errori e&&! retri/,'io e o rit!rdo e&&! #,! %orre#po #io e

D Fiudice del lavoro, previo esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione presso la Direzione provinciale del lavoro D Devoluzione ad arbitro

Prescrizione -uin-uennale

Ri#o&,'io e de& r!pporto di &!+oro

D Fiudice del lavoro, previo esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione presso la Direzione provinciale del lavoro D Devoluzione ad arbitro

D &, giorni dalla ricezione della comunicazione D #, giorni dop il fallimento della conciliazione

Co tro+er#ie i m!teri! di %o $edi

D Fiudice del lavoro, previo esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione presso la Direzione provinciale del lavoro D Devoluzione ad arbitro

Prescrizione decennale

II

RI-ERIMENTI NORMATIVI Le$$e * 001 de& 12*31*40 (.i ! 'i!ri! 45(* Str!&%io C Art* 3 >#. I provveditori agli studi, sulla base dell:organico complessivo fissato al comma >*, determinano l:organico funzionale di ciascun circolo didattico in relazione al numero degli alunni, alla consistenza delle classi, al sostegno necessario per l:integrazione degli alunni portatori di handicap, alla distribuzione delle scuole sul territorio e alle relative situazioni socio1ambientali, nonch+ alla diffusione dell:insegnamento della lingua straniera e alle esigenze di scolarizzazione a tempo pieno espresse dall:utenza. L garantita la continuit del sostegno per gli alunni portatori di handicap. 5e modalit saranno definite previa contrattazione decentrata., ove prevista. Fli organi competenti, sulla base dei principi generali di cui all:articolo *#= dei 9esto unico approvato con decreto legislativo *& aprile *??$, n. #?>, deliberano, nel limite delle risorse professionali disponibili. su tutte le esigenze inerenti allorganizzazione dellattivit didattica, ivi compresi linsegnamento della lingua straniera, il tempo pieno e, -uando sia necessario, la sostituzione dei docenti assenti per periodi non superiori a cin-ue giorni nellambito dello stesso plesso scolastico. @ abrogato il comma ! dellarticolo *)* del testo unico approvato con decreto legislativo *& aprile *??$, n. #?>. >=. I capi di istituto sono autorizzati a ricorrere alle supplenze brevi e saltuarie solo per i tempi strettamente necessari ad assicurare il servizio scolastico e dopo aver provveduto, eventualmente utilizzando spazi di flessibilit dell:organizzazione dell:orario didattico, alla sostituzione del personale assente con docenti gi in servizio nella medesima istituzione scolastica. 5e eventuali economie di gestione realizzate a fine esercizio in materia di supplenze brevi e saltuarie sono utilizzabili nel successivo esercizio per soddisfare esigenze di funzionamento amministrativo e didattico e per eventuali esigenze aggiuntive di supplenze brevi e saltuarie. Le$$e * 316 de& 2*7*3444* Str!&%io Art* 6 8 S,pp&e 'e *. 0lla copertura delle cattedre e dei posti di insegnamento che risultino effettivamente vacanti e disponibili entro la data del )* dicembre e che rimangano prevedibilmente tali per l:intero anno scolastico, -ualora non sia possibile provvedere con il personale docente di ruolo delle dotazioni organiche provinciali o mediante l:utilizzazione del personale in soprannumero, e semprech ai posti medesimi non sia stato gi assegnato a -ualsiasi titolo personale di ruolo, si provvede mediante il conferimento di supplenze annuali, in attesa dell:espletamento delle procedure concorsuali per l:assunzione di personale docente di ruolo. #. 0lla copertura delle cattedre e dei posti di insegnamento non vacanti che si rendano di fatto disponibili entro la data del )* dicembre e fino al termine dell:anno scolastico si provvede mediante il conferimento di supplenze temporanee fino al termine delle attivit didattiche. <i provvede parimenti al conferimento di supplenze temporanee fino al termine delle attivit didattiche per la copertura delle ore di insegnamento che non concorrono a costituire cattedre o posti orario. ). 7ei casi diversi da -uelli previsti ai commi * e # si provvede con supplenze temporanee. $. I posti delle dotazioni organiche provinciali non possono essere coperti in nessun caso mediante assunzione di personale docente non di ruolo. !. Con proprio decreto da adottare secondo la procedura prevista dall:art. *>, commi ) e $, della III

5. #).=.==, n. $,,, il .inistro della pubblica istruzione emana un regolamento per la disciplina del conferimento delle supplenze annuali e temporanee nel rispetto dei criteri di cui ai commi seguenti. &. Per il conferimento delle supplenze annuali e delle supplenze temporanee sino al termine delle attivit didattiche si utilizzano le graduatorie permanenti di cui all:art. $,* del testo unico, come sostituito dal comma & dell:art. * della presente legge. >. Per il conferimento delle supplenze temporanee di cui al comma ) si utilizzano le graduatorie di circolo o di istituto. I criteri, le modalit e i termini per la formazione di tali graduatorie sono improntati a princNpi di semplificazione e snellimento delle procedure con riguardo anche all:onere di documentazione a carico degli aspiranti. =. Coloro i -uali sono inseriti nelle graduatorie permanenti di cui all:art. $,* del testo unico, come sostituito dal comma & dell:art. * della presente legge, fatto salvo -uanto previsto dall:art. $,, comma #, della 5. #>.*#.?>, n. $$?, hanno diritto, nell:ordine, alla precedenza assoluta nel conferimento delle supplenze temporanee nelle istituzioni scolastiche in cui hanno presentato le relative domande. Per gli istituti di istruzione secondaria e artistica la precedenza assoluta attribuita limitatamente alle classi di concorso nella cui graduatoria permanente si inseriti. ?. I candidati che nei concorsi per esami e titoli per l:accesso all:insegnamento nella scuola elementare siano stati inclusi nella graduatoria di merito ed abbiano superato la prova facoltativa di accertamento della conoscenza di una o pi4 lingue straniere hanno titolo alla precedenza nel conferimento delle supplenze sui posti i cui titolari provvedono all:insegnamento di una corrispondente lingua straniera. *,. Il conferimento delle supplenze temporanee consentito esclusivamente per il periodo di effettiva permanenza delle esigenze di servizio. 5a relativa retribuzione spetta limitatamente alla durata effettiva delle supplenze medesime. **. 5e disposizioni di cui ai precedenti commi si applicano anche al personale amministrativo, tecnico ed ausiliario "0.9.0.%. Per il conferimento delle supplenze al personale della terza -ualifica di cui all:art. !* del C.C.7.5. del comparto O<cuolaO, pubblicato nel supplemento ordinario n. *,? alla F.B. n. #,> del !.?.?!, si utilizzano le graduatorie dei concorsi provinciali per titoli di cui all:art. !!$ del testo unico. *#. 5e disposizioni di cui ai precedenti commi si applicano altresN al personale docente ed 0.9.0. delle 0ccademie e dei Conservatori. *). Aestano ferme, per -uanto riguarda il Conservatorio di musica di Polzano, le norme particolari in materia di conferimento delle supplenze adottate in attuazione dello <tatuto speciale per il 9rentino10lto 0dige. *$. Dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui al comma ! sono abrogati gli artt. #>#, !#,, !#*, !##, !#), !#$, !#!, !=*, !=#, !=! e !=& del testo unico. D*M* * 193 de& 17*7*1999* Str!&%io Art* 3 : di#po i/i&it; di po#ti e tipo&o$i! di #,pp&e 'e comma ). In caso di esaurimento delle graduatorie permanenti o, comun-ue, in carenza di aspiranti interessati, le relative supplenze annuali e temporanee fino al termine delle attivit didattiche, vengono conferite dai dirigenti scolastici delle scuole ove si verifica la disponibilit, utilizzando le rispettive graduatorie di circolo e di istituto. C Art* 5 8 S,pp&e 'e %o .erite ,ti&i''! do &e $r!d,!torie di %ir%o&o e di i#tit,to *. I dirigenti scolastici possono conferire supplenze utilizzando le rispettive graduatorie di circolo e di istituto in relazione alle seguenti situazioni e secondo le correlate tipologie: a% supplenze annuali e temporanee fino al termine delle attivit didattiche per posti che non sia possibile coprire con il personale incluso nelle graduatorie permanenti, ai sensi dell:art. *, comma ) b% supplenze temporanee per la sostituzione del personale temporaneamente assente e per la IIII

copertura di posti resisi disponibili, per -ualsiasi causa, dopo il )* dicembre di ciascun anno. #. Per la sostituzione dei docenti temporaneamente assenti il dirigente scolastico provvede al conferimento delle relative supplenze nel rispetto dei criteri e principi contenuti nell:art. *, commi ># e >=, della 5. #).*#.?&, n. &&#, e, comun-ue, nei limiti previsti dalle disposizioni vigenti alla data della stipula del contratto. ). Per ragioni di continuit didattica, ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o pi4 altri, senza soluzione di continuit o interrotto solo da giorno festivo o da giorno libero dall:insegnamento, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente gi in servizio, a decorrere dal giorno successivo a -uello di scadenza del precedente contratto. $. 7el caso in cui ad un primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro intervallato da un periodo di sospensione delle lezioni si procede alla conferma del supplente gi in servizio in tal caso il nuovo contratto decorre dal primo giorno di effettivo servizio dopo la ripresa delle lezioni. !. Per la sostituzione del personale docente con orario d:insegnamento strutturato su pi4 scuole, ciascuna scuola procede autonomamente per le ore di rispettiva competenza. &. Per le scuole ubicate in zone di montagna o in piccole isole, nei casi di necessit di sostituzione di personale docente assente per periodi non superiori a *! giorni, le relative supplenze si attribuiscono scorrendo le rispettive graduatorie d:istituto con un criterio di precedenza, operante esclusivamente all:interno di ciascuna fascia della graduatoria di istituto, nei riguardi degli aspiranti effettivamente residenti nello stesso comune della sede scolastica interessata. 7el caso di prosecuzione dell:assenza del titolare si d luogo alle operazioni di proroga o conferma, disciplinate ai commi ) e $, del supplente assunto con i criteri di precedenza suesposti solo se il periodo di ulteriore assenza non superiore a *! giorni mentre si procede all:attribuzione della supplenza mediante il normale scorrimento delle graduatorie d:istituto ove il sopravvenuto periodo di assenza ecceda tale limite. >. 5e supplenze da disporsi sui posti di scuola elementare i cui titolari provvedono all:insegnamento di una lingua straniera, sono conferite con precedenza ai candidati che nei concorsi per esami e titoli per l:accesso all:insegnamento nella scuola elementare sono stati inclusi nella graduatoria di merito e hanno superato la prova facoltativa di accertamento della conoscenza della corrispondente lingua straniera, nonch+ ai candidati che hanno superato la medesima prova nella sessione riservata di esami per il conseguimento dell:idoneit all:insegnamento nella scuola elementare, indetta ai sensi dell:art. #, comma $, della legge. =. 7el caso di esaurimento della graduatoria di circolo e di istituto il dirigente scolastico provvede al conferimento della supplenza utilizzando le graduatorie di altri istituti della provincia secondo un criterio di viciniorit e previe le opportune intese con i competenti dirigenti scolastici. Art* < 8 E..etti de& m! %!to per.e'io !me to e ri#o&,'io e ! ti%ip!t! de& r!pporto di &!+oro *. 5:esito negativo di una proposta di assunzione a tempo determinato comporta i seguenti effetti: 0% Per supplenze conferite sulla base delle graduatorie permanenti: a% la rinuncia ad una proposta di assunzione o la mancata assunzione di servizio comportano la perdita della possibilit di conseguire analoghi rapporti sulla base delle graduatorie permanenti per l:anno scolastico successivo b% l:abbandono del servizio comporta sia l:effetto di cui al punto a% sia la perdita della possibilit di conseguire -ualsiasi tipologia di supplenza, conferita sia sulla base delle graduatorie permanenti che delle graduatorie di istituto, per l:anno scolastico in corso. P% Per supplenze conferite sulla base delle graduatorie di circolo e di istituto: a% la rinuncia ad una proposta contrattuale o alla sua proroga o conferma non comporta alcun effetto b% l:abbandono della supplenza comporta la perdita della possibilit di conseguire -ualsiasi tipologia di supplenza conferita sia sulla base delle graduatorie permanenti che delle graduatorie di istituto, per l:anno scolastico in corso. #. Per il personale con contratto a tempo indeterminato che abbia dichiarato di essere interessato II;

al conseguimento di supplenze, secondo -uanto previsto al comma $ dell:art. #, la mancata accettazione, ripetuta per due anni scolastici, di una proposta di assunzione per supplenza conferita sulla base delle graduatorie permanenti, comporta, in via definitiva, la perdita della possibilit di conseguire supplenze. ). Il personale che non sia gi in servizio per supplenze di durata sino al termine delle lezioni od oltre ha facolt, nel periodo dell:anno scolastico che va fino al ), di aprile, di risolvere anticipatamente il proprio rapporto di lavoro per accettarne un altro di durata sino al termine delle lezioni od oltre. $. Il personale in servizio per supplenza conferita sulla base delle graduatorie di istituto ha comun-ue facolt di lasciare tale supplenza per accettarne altra attribuita sulla base delle graduatorie permanenti. !. 5e sanzioni di cui ai commi * e # non si applicano in caso di mancato perfezionamento o risoluzione anticipata del rapporto di lavoro dovuti a giustificato motivo, che risulti da documentata richiesta dell:interessato. C D*M* * 392 de& 6*0*1993 Attri/,'io e de&&e #,pp&e 'e tempor! ee !& per#o !&e do%e te ed ed,%!ti+o* Str!&%io C Art* 7 8 D!ti %o te ,ti e& mod,&o di dom! d! 8 V!&idit; 8 Co tro&&i *. 7el modulo di domanda e nelle relative avvertenze 1 che fanno parte integrante del presente provvedimento 1 sono previste tutte le indicazioni relative ai re-uisiti e dati influenti ai fini della presente procedura concorsuale vigono, al riguardo, le disposizioni legislative e regolamentari, di cui al 9esto Bnico in materia di documentazione amministrativa, emanato con D.P.A. #=.*#.#,,,, n. $$!. #. @ ammessa, esclusivamente, la dichiarazione di re-uisiti, -ualit e titoli, di cui l:aspirante sia in possesso entro la data di scadenza del termine di presentazione della domanda, di cui al precedente articolo $. Coloro che sono inseriti con riserva nelle graduatorie permanenti possono presentare domanda di inserimento nella seconda o terza fascia delle graduatorie di circolo e di istituto in base al titolo posseduto non gravato da riserva. ). In deroga al termine di cui al precedente comma #, gli aspiranti che hanno in corso procedure per il conseguimento dell:abilitazione o idoneit, anche a seguito del superamento dell:esame finale sostenuto nelle <.<.I.<., hanno titolo a richiedere, per i corrispondenti insegnamenti, l:inclusione in graduatorie di circolo e d:istituto di seconda fascia e tale indicazione sar ritenuta valida purch+, entro il )* agosto #,,*, la relativa procedura sia completata e l:aspirante abbia conseguito l:abilitazione o idoneit. 0 tal fine, entro il predetto termine, gli aspiranti interessati dovranno inviare apposita comunicazione telegrafica alla scuola che gestisce la loro domanda, specificando l:avvenuto completamento della procedura e il punteggio con cui stata conseguita l:abilitazione o l:idoneit. Decorso tale termine senza che la procedura sia stata completata o che l:abilitazione sia stata conseguita, gli aspiranti predetti sono inclusi nella terza fascia delle graduatorie di circolo e d:istituto. $. 0nalogamente, gli aspiranti che conseguono il titolo di specializzazione per l:insegnamento di sostegno 1 conforme alle disposizioni di cui al D.. n. #=> del ),.**.?? attuativo del D.I. n. $&, del $.**.?= 1 dopo la data di scadenza del termine di presentazione della domanda di inclusione nelle graduatorie di circolo e d:istituto ed entro il )* agosto #,,*, hanno titolo a richiedere l:inclusione nei relativi elenchi per l:insegnamento di sostegno, secondo le disposizioni di cui al successivo art. **. Decorso tale termine senza che gli aspiranti medesimi abbiano dato comunicazione telegrafica che il titolo di specializzazione stato conseguito, la loro posizione non utile per l:inclusione negli elenchi di sostegno. !. Fli aspiranti inclusi nella terza fascia delle graduatorie di circolo e di istituto che, nel corso dell:a.s. #,,*/#,,#, conseguono l:abilitazione o l:idoneit all:insegnamento per effetto di procedure I;

dei concorsi, per titoli ed esami, banditi nell:anno *??? per cattedre e posti di insegnamento nella scuola materna, elementare e secondaria che si concludono in data successiva al )* agosto #,,*, hanno titolo a richiedere l:inclusione in coda alla seconda fascia delle graduatorie di circolo e di istituto. 0 tal fine gli aspiranti interessati dovranno inviare apposita comunicazione telegrafica alla scuola che gestisce la loro domanda specificando l:avvenuto completamento della procedura e il punteggio con cui stata conseguita l:abilitazione o l:idoneit. Fli aspiranti medesimi sono graduati tra loro in coda alla seconda fascia della graduatoria di circolo e di istituto, in base alla rideterminazione del punteggio loro spettante, esclusivamente nelle graduatorie in -uestione, per effetto della valorizzazione, ai sensi della tabella 0 annessa al Aegolamento, del relativo titolo di abilitazione o idoneit. &. I candidati compilano il modulo di domanda senza produrre alcuna certificazione, fatta eccezione per la documentazione dei titoli artistici prodotti dai candidati di Ostrumento musicale nella scuola mediaO, di cui al successivo art. ?. >. 7ella fase di costituzione delle graduatorie in -uestione l:ammissibilit della domanda, l:inclusione nelle singole graduatorie richieste, il punteggio assegnato in base alla tabella di valutazione dei titoli, annessa al Aegolamento e la conseguente posizione occupata, derivano esclusivamente dai dati riportati nel modulo di domanda. =. 7ei casi e con le modalit previste dagli artt. >* e ># del D.P.A. #=.*#.#,,,, n. $$!, sono effettuati i relativi controlli in merito alle dichiarazioni degli aspiranti. ?. I predetti controlli sono effettuati, anche se richiesti da altre scuole interessate, dall:istituzione scolastica che gestisce la domanda dell:aspirante e devono riguardare il complesso delle situazioni dichiarate dall:aspirante medesimo, per tutte le graduatorie richieste in cui risultato incluso. *,. In caso di effettuazione dei predetti controlli il dirigente scolastico, che gestisce la domanda dell:aspirante, rilascia all:interessato apposita certificazione dell:avvenuta verifica e convalida dei dati contenuti nella domanda tale certificazione viene consegnata, in copia, dall:aspirante a ciascuna scuola, con la -uale contrae rapporti di lavoro durante tutto il periodo di validit delle graduatorie di circolo e di istituto in -uestione. **. In caso di mancata convalida dei dati il dirigente scolastico provvede alle conseguenti determinazioni, sia ai fini dell:eventuale responsabilit penale, di cui all:art. >& del D.P.A. #=.*#.#,,,, n. $$!, sia ai fini delle esclusioni di cui al successivo art. &, ovvero ai fini della rideterminazione dei punteggi e posizioni assegnati al candidato nelle graduatorie di circolo e di istituto, dandone conseguente comunicazione al <istema Informativo per i necessari adeguamenti. C Art* 33 I #e$ !me to di #o#te$ o &. Fli insegnamenti di sostegno sono attribuiti, in ciascuna scuola, ad aspiranti in possesso del titolo di accesso per l:ordine scolastico cui appartiene la scuola medesima in caso di esaurimento dell:elenco di sostegno relativo alla scuola materna viene utilizzato l:elenco di sostegno relativo alla scuola elementare. >. 7ella scuola secondaria di secondo grado, in caso di esaurimento dello specifico elenco da utilizzare relativamente all:area disciplinare interessata, la scuola pu8 utilizzare, in modo combinato, gli altri elenchi di sostegno relativi alle altre aree disciplinari, prima di ricorrere all:utilizzazione di elenchi di altre scuole viciniori. Art* 31 8 Criteri e mod!&it; di i terpe&&o e %o +o%!'io e de$&i !#pir! ti *. 5e scuole interpellano gli aspiranti a supplenze e ne riscontrano la disponibilit o meno ad accettare la proposta di assunzione mediante fonogramma o telegramma. #. 5:uso del mezzo telefonico deve assumere la forma del fonogramma, da registrare agli atti della scuola,, con l:indicazione del giorno e dell:ora della comunicazione, del nominativo di chi l:effettua e della persona che abbia dato risposta o l:annotazione della mancata risposta. ). Per le supplenze che si preannunciano di durata non inferiore a trenta giorni la proposta di assunzione deve essere effettuata, comun-ue, per telegramma. I;I

$. 5a comunicazione concernente la proposta di assunzione deve contenere i dati essenziali relativi alla supplenza e, cio, la data di inizio, la durata, l:orario di prestazione settimanale e nel caso sia diretta a pi4 aspiranti, deve indicare, il giorno e l:ora della convocazione nonch+ l:ordine di graduatoria in cui ciascuno si colloca rispetto agli altri contestualmente convocati. !. 7ei casi di supplenze superiori a trenta giorni, la proposta di assunzione condizionata, trasmessa dalla scuola a pi4 aspiranti, con un preavviso di almeno tre giorni rispetto alla data di convocazione, pu8 essere positivamente riscontrata, oltre che con la presenza dell:aspirante nel giorno e ora indicati, anche con l:accettazione telegrafica che pervenga entro i medesimi termini in -uest:ultimo caso l:aspirante, ove la scuola gli comunichi telefonicamente che risulta destinatario della supplenza, deve tassativamente assumere servizio entro #$ ore da -uest:ultima comunicazione. CCNL 47* Str!&%io Art* 3< 8 Co tr!tto i di+id,!&e di &!+oro *. I rapporti individuali di lavoro a tempo indeterminato o determinato dei capi di istituto e del personale docente, educativo, amministrativo, tecnico, ausiliario degli istituti e scuole statali di ogni ordine e grado, di cui all:articolo *, comma # del D5gs n. #? del *??) e all:art. ? del DPC. ), dicembre *??), n. !?), sono costituiti e regolati da contratti individuali, nel rispetto delle disposizioni di legge, della normativa comunitaria e del presente contratto collettivo nazionale. #. 7el contratto di lavoro individuale, per il -uale richiesta la forma scritta, sono, comun-ue, indicati: a% tipologia del rapporto di lavoro b% data di inizio del rapporto di lavoro c% data di cessazione del rapporto di lavoro per il personale a tempo determinato, salvo risoluzione automatica del rapporto, senza preavviso, in caso di rientro anticipato del titolare d% -ualifica di in-uadramento professionale e livello retributivo iniziale e% compiti e mansioni corrispondenti alla -ualifica di assunzione f% durata del periodo di prova, per il personale a tempo indeterminato g% sede di prima destinazione, ancorch+ provvisoria, dell:attivit lavorativa. ). Il contratto individuale specifica le cause che costituiscono le condizioni risolutive del contratto di lavoro. Il contratto di lavoro individuale specifica, altresN, che il rapporto di lavoro regolato dalla disciplina del contratto collettivo di lavoro nel tempo applicabile anche per le cause che costituiscono le condizioni risolutive del contratto di lavoro. @ causa di risoluzione del contratto l:annullamento della procedura di reclutamento che ne costituisce il presupposto. $. 5:assunzione pu8 avvenire con rapporto di lavoro a tempo pieno o a tempo parziale. In -uest:ul 1 timo caso, il contratto individuale di cui al comma * indica anche l:articolazione dell:orario di lavoro. !. 5:0mministrazione, all:atto della stipulazione del contratto di lavoro individuale ai fini dell:assunzione a tempo indeterminato, invita il destinatario a presentare entro ), giorni la documentazione prescritta dalle disposizioni vigenti in materia, indicata nel bando di concorso o nelle ordinanze relative alla disciplina concernente il reclutamento del personale scolastico. 7ello stesso termine il destinatario, sotto la sua responsabilit, deve dichiarare, salvo -uanto previsto dagli artt. $& e !#, di non avere altri rapporti di impiego pubblico o privato e di non trovarsi in nessuna delle situazioni di incompatibilit richiamate dall:art. != del D5gs n. #? del *??) o dall:art. !,= del D 5gs n. #?> del *??$. In caso contrario, unitamente ai documenti, deve essere espressamente presentata la dichiarazione di opzione per la nuova amministrazione o per il nuovo rapporto di lavoro. &. 6uanto previsto dal comma precedente si applica anche alle assunzioni a tempo determinato in tali casi fino al successivo aggiornamento della graduatoria di cui all:art. !## e all:art. !=* del D. 5gs. n. #?> del *??$, '0uesti artt. sono stati abrogati con l'entrata in vigore del regolamento previsto dall'art. / della legge n- (*/ del .54599 : n.d. r.) la documentazione prescritta deve essere presentata, nell:ambito della medesima provincia, solo in occasione del primo contratto stipulato. >. 5a mancata presentazione della documentazione di cui ai commi ! e & nei termini e con le modalit prescritte comporta la mancata stipulazione del contratto, ovvero per i rapporti gi instaurati l:immediata risoluzione dei medesimi. Comporta altresN l:immediata risoluzione del rapporto di lavoro la I;II

mancata assunzione del servizio nel termine assegnato, salvo i casi in cui in relazione alle vigenti disposizioni di legge sia impedita l:assunzione in servizio. =. Il contratto individuale di cui al comma * sostituisce i provvedimenti di nomina, con decorrenza dalla data di applicazione del presente contratto. CCNL 47* Str!&%io Art* 638 Atti+it; di i #e$ !me to *. 5:attivit di insegnamento si svolge in #! ore settimanali nella scuola materna, in ## ore settimanali nella scuola elementare e in *= ore settimanali nelle scuole e istituti di istruzione secondaria ed artistica, distribuite in non meno di cin-ue giornate settimanali. #. 0lle ## ore settimanali di insegnamento stabilite per gli insegnanti elementari, vanno aggiunte # ore da dedicare, anche in modo flessibile e su base plurisettimanale, alla programmazione didattica da attuarsi in incontri collegiali dei docenti di ciascun modulo, in tempi non coincidenti con l:orario delle lezioni. 7ell:ambito delle ## ore d:insegnamento, la -uota oraria eventualmente eccedente l:attivit frontale e di assistenza alla mensa viene destinata, previa programmazione, ad attivit di arricchimento dell:offerta formativa e di recupero individualizzato o per gruppi ristretti di alunni con ritardo nei processi di apprendimento, anche con riferimento ad alunni stranieri, in particolare provenienti da paesi eHtracomunitari.7el caso in cui il collegio dei docenti non abbia effettuato tale programmazione o non abbia impegnato totalmente la -uota oraria eccedente l:attivit frontale e di assistenza alla mensa, tali ore saranno destinate per supplenze in sostituzione di docenti assenti fino a un massimo di ! giorni nell:ambito del proprio modulo o nel plesso di titolarit. ). 7egli istituti e scuole di istruzione secondaria, ivi compresi i licei artistici e gli istituti d:arte, i docenti, il cui orario di cattedra sia inferiore alle *= ore settimanali, sono tenuti al completamento dell:orario di insegnamento da realizzarsi mediante la copertura di ore di insegnamento disponibili in classi collaterali non utilizzate per la costituzione di cattedre orario, in interventi didattici ed educativi integrativi, con particolare riguardo per la scuola dell:obbligo, alle finalit indicate al comma #, nonch+ mediante l:utilizzazione in eventuali supplenze e, in mancanza, rimanendo a disposizione anche per attivit parascolastiche e interscolastiche.Aimane fermo -uanto disposto dal comma > ultimo periodo dell:art.*$ del DPA n. )?? del *?==. $. 6ualora siano state deliberate sperimentazioni autonome di ordinamento e struttura che comportino la riduzione della durata dell:unit oraria di lezione, i docenti completano l:orario d:obbligo con attivit connesse alla sperimentazione o con le altre modalit previste dallo stesso progetto di sperimentazione. "3edi in proposito l'accordo di interpretazione autentica sottoriportato ). !. 5:orario di insegnamento, anche con riferimento al completamento dell:orario d:obbligo ai sensi del comma ) pu8 essere articolato, sulla base della pianificazione annuale delle attivit e nelle forme previste dai vigenti ordinamenti, in maniera flessibile su base plurisettimanale, in misura, di norma, non eccedente le -uattro ore. &. Per il personale insegnante che opera per la vigilanza e lassistenza degli alunni durante il servizio di mensa il tempo impiegato nelle predette attivit rientra a tutti gli effetti nell:orario di attivit didattica.

KKKKKK 0ccordo di interpretazione autentica, sottoscritto il * luglio ?>, sul completamento d:orario per riduzione dell:ora di lezione per cause diverse da -uelle indicate in -uesto comma: (. Le parti firmatarie del ;;$L del comparto scuola non hanno inteso regolamentare la fattispecie I;III

della riduzione dell'ora di lezione per cause di forza maggiore determinate da motivi estranei alla didattica, ritenendo in tal caso la materia gi regolata dalle circolari ministeriali n.*/. del **.9.(989 e n.(9* del ..8.(9+, nonch< dalle ulteriori circolari in materia che le hanno confermate. *. !utti gli altri casi di riduzione dell'ora di lezione, in uanto deliberati autonomamente dalla scuola per esigenze interne, vanno assoggettati alla disciplina prevista dall'art./( del ;;$L. CCNL 47* Str!&%io Art* 65 8 R!pporto di &!+oro ! tempo determi !to *. 7ei casi previsti dal D5gs n. #?> del *??$, in sostituzione dei provvedimenti di conferimento di supplenza annuale e di supplenza temporanea, si stipulano contratti di lavoro a tempo determinato ai sensi dell:art. *=. 0l personale assunto con contratto di lavoro a tempo determinato spetta il trattamento economico iniziale previsto per il corrispondente personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato, con decorrenza dalla data di effettiva assunzione del servizio e fino al termine del servizio medesimo. #. 0lla selezione del personale da reclutare si provvede secondo le modalit e nei termini che sono stabiliti dal .inistro della pubblica istruzione con lapposita ordinanza prevista dall:art. !## del D5gs n. #?> del *??$.'$.d.r.% l'art. 4** del #.Lgs *9859/ 1 stato abrogato con l'entrata in vigore del regolamento previsto dall'art. / della legge n. (*/ del ..4.99). ). 7ei casi di assunzione in sostituzione di personale assente, nel contratto individuale specificato per iscritto il nominativo del dipendente sostituito. $. In tali casi, -ualora il docente titolare si assenti in un:unica soluzione a decorrere da una data anteriore di almeno sette giorni all:inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni e fino a una data non inferiore a sette giorni successivi a -uello di ripresa delle lezioni, il rapporto di lavoro a tempo determinato costituito per l:intera durata dell:assenza.5e domeniche, le festivit infrasettimanali e il giorno libero dall:attivit di insegnamento, ricadenti nel periodo di durata del rapporto medesimo, sono retribuite e da computarsi nell:anzianit di servizio. !. Il rapporto di lavoro si risolve automaticamente, senza diritto al preavviso, con il rientro in servizio del titolare ovvero al termine indicato nel contratto individuale. In nessun caso il rapporto di lavoro a tempo determinato pu8 trasformarsi in rapporto di lavoro a tempo indeterminato. &. Fli insegnanti di religione cattolica vengono assunti secondo la disciplina di cui all:art. ),? del D5gs n. #?> del *??$, mediante contratto di incarico annuale che si intende confermato -ualora permangano le condizioni ed i re-uisiti prescritti dalle vigenti disposizioni di legge. >. Il rapporto di lavoro del personale di cui al precedente comma viene costituito, secondo -uanto previsto nei punti #.)., #.$, #.!. del DPA *& dicembre *?=!, n.>!*, possibilmente in modo da pervenire gradualmente a configurare, limitatamente alle ore che si rendano disponibili, posti costituiti da un numero di ore corrispondente all:orario d:obbligo previsto, in ciascun tipo di scuola, per i docenti assunti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato. =. 5:assunzione degli insegnanti di cui ai precedenti commi ! e & pu8 avvenire anche con rapporto di lavoro a tempo parziale. C*M* 32< de& 5*4*1993 (+edi !$e 'i! * 34 de& 30*4*1993( C Art* 7< de&&! Le$$e 14/42 8 I %omp!ti/i&it;" %,m,&o di impie$=i e i %!ri%=i *. Aesta ferma per tutti i dipendenti pubblici la disciplina delle incompatibilit dettata dagli articoli &, e seguenti del testo unico approvato con D.P.A. *, gennaio *?!>, n. ) , nonch+, per i rapporti di lavoro a tempo parziale, dall:articolo &, comma #, del D.P.C... *> marzo *?=?, n. **> . Aestano ferme altresN le disposizioni di cui agli articoli da =? a ?) del D.P.A. )* maggio *?>$, n. $*> , agli articoli da &= a >, della 5. ** luglio *?=,, n. )*# , e successive modificazioni, allart. ?, commi * e #, della 5. #) dicembre *??#, n. $?= , all:art. $, comma >, della 5. ), dicembre *??*, n. $*# , ed all:art. *, comma ?, del D.5. ), dicembre *??#, n. !*, . III

#. 5e pubbliche amministrazioni non possono conferire ai dipendenti incarichi, non compresi nei compiti e doveri di ufficio, che non siano espressamente previsti o disciplinati da legge o altre fonti normative, o che non siano espressamente autorizzati. ). 0i fini previsti dal comma #, con appositi regolamenti, da emanarsi ai sensi dell:articolo *>, comma # della legge #) agosto *?==, n. $,, , entro il termine di centocin-uanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sono emanate norme dirette a determinare gli incarichi consentiti e -uelli vietati ai magistrati ordinari, amministrativi, contabili e militari, nonch+ agli avvocati e procuratori dello <tato, sentiti, per le diverse magistrature, i rispettivi istituti . $. Decorso il termine, di cui al comma ), l:attribuzione degli incarichi consentita nei soli casi espressamente previsti dalla legge o da altre fonti normative. !. In ogni caso, il conferimento operato direttamente dall:amministrazione, nonch+ l:autorizzazione all:esercizio di incarichi che provengano da amministrazione pubblica diversa da -uella di appartenenza, ovvero da societ o persone fisiche, che svolgano attivit d:impresa o commerciale, sono disposti dai rispettivi organi competenti secondo criteri oggettivi e predeterminati, che tengano conto della specifica professionalit, tali da escludere casi di incompatibilit, sia di diritto che di fatto, nell:interesse del buon andamento della pubblica amministrazione. &. I commi da > a *) del presente articolo si applicano ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche di cui allarticolo *, comma #, compresi -uelli di cui all: articolo #, commi $ e !, con esclusione dei dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale con prestazione lavorativa non superiore al cin-uanta per cento di -uella a tempo pieno, dei docenti universitari a tempo definito e delle altre categorie di dipendenti pubblici ai -uali consentito da disposizioni speciali lo svolgimento di attivit libero professionali. Fli incarichi retribuiti, di cui ai commi seguenti, sono tutti gli incarichi, anche occasionali, non compresi nei compiti e doveri di ufficio, per i -uali previsto, sotto -ualsiasi forma un compenso. <ono esclusi i compensi derivanti: a% dalla collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e simili b% dalla utilizzazione economica da parte dellautore o inventore di opere dellingegno e di invenzioni industriali c% dalla partecipazione a convegni e seminari d% da incarichi per i -uali corrisposto solo il rimborso delle spese documentate e% da incarichi per lo svolgimento dei -uali il dipendente posto in posizione di aspettativa, di comando o di fuori ruolo f% da incarichi conferiti dalle organizzazioni sindacali a dipendenti presso le stesse distaccati, o in aspettativa non retribuita. >. I dipendenti pubblici non possono svolgere incarichi retribuiti, che non siano stati conferiti o previamente autorizzati dallamministrazione di appartenenza. Con riferimento ai professori universitari a tempo pieno, gli statuti o i regolamenti degli atenei disciplinano i criteri e le procedure per il rilascio dellautorizzazione nei casi previsti dal presente decreto. In caso di inosservanza del divieto, salve le pi4 gravi sanzioni e ferma restando la responsabilit disciplinare, il compenso dovuto per le prestazioni eventualmente svolte deve essere versato, a cura dellerogante o, in difetto, del percettore, nel conto dellentrata del bilancio dellamministrazione di appartenenza del dipendente per essere destinato ad incremento del fondo di produttivit o di fondi e-uivalenti. = 5e pubbliche amministrazioni non possono conferire incarichi retribuiti a dipendenti di altre amministrazioni pubbliche senza la previa autorizzazione dellamministrazione di appartenenza dei dipendenti stessi. <alve le pi4 gravi sanzioni, il conferimento dei predetti incarichi, senza la previa autorizzazione, costituisce in ogni caso infrazione disciplinare per il funzionario responsabile del procedimento il relativo provvedimento nullo di diritto. In tal caso limporto previsto come corrispettivo dellincarico, ove gravi su fondi in disponibilit dellamministrazione conferente, trasferito allamministrazione di appartenenza del dipendente ad incremento del fondo di produttivit o di fondi e-uivalenti. ?. Fli enti pubblici economici e i soggetti privati non possono conferire incarichi retribuiti a dipendenti pubblici senza la previa autorizzazione dellamministrazione di appartenenza dei II

dipendenti stessi. In caso di inosservanza si applica la disposizione dellarticolo &, comma *, del decreto legge #= marzo *??>, n. >?, convertito con modificazioni dalla legge #= maggio *??>, n. *$,. 0llaccertamento delle violazioni e allirrogazione delle sanzioni provvede il .inistero delle (inanze, avvalendosi della Fuardia di (inanza, secondo le disposizioni della legge #$ novembre *?=*, n. &=?. 5e somme riscosse sono ac-uisite alle entrate del .inistero delle (inanze. *,. 5autorizzazione, di cui ai commi precedenti, deve essere richiesta allamministrazione di appartenenza del dipendente dai soggetti pubblici o privati, che intendono conferire lincarico pu8, altresN, essere richiesta dal dipendente interessato. 5amministrazione di appartenenza deve pronunciarsi sulla richiesta di autorizzazione entro trenta giorni dalla ricezione della richiesta stessa. Per il personale che presta comun-ue servizio presso amministrazioni pubbliche diverse da -uelle di appartenenza, lautorizzazione subordinata allintesa tra le due amministrazioni. In tal caso il termine per provvedere per lamministrazione di appartenenza di $! giorni e si prescinde dallintesa se lamministrazione presso la -uale il dipendente presta servizio non si pronunzia entro *, giorni dalla ricezione della richiesta di intesa da parte dellamministrazione di appartenenza. Decorso il termine per provvedere, lautorizzazione, se richiesta per incarichi da conferirsi da amministrazioni pubbliche, si intende accordata in ogni altro caso, si intende definitivamente negata. **. Lntro il ), aprile di ciascun anno i soggetti pubblici o privati che erogano compensi a dipendenti pubblici per gli incarichi dl cui al comma & sono tenuti a dare comunicazione allamministrazione di appartenenza dei dipendenti stessi dei compensi erogati nellanno precedente. *#. Lntro il ), giugno di ciascun anno le amministrazioni pubbliche che conferiscono o autorizzano incarichi retribuiti ai propri dipendenti sono tenute a comunicare, in via telematica o su apposito supporto magnetico, al Dipartimento della (unzione pubblica lelenco degli incarichi conferiti o autorizzati ai dipendenti stessi nellanno precedente, con lindicazione delloggetto dellincarico e del compenso lordo previsto o presunto. 5elenco accompagnato da una relazione nella -uale sono indicate le norme in applicazione delle -uali gli incarichi sono stati conferiti o autorizzati, le ragioni del conferimento o dellautoriz1 zazione, i criteri di scelta dei dipendenti cui gli incarichi sono stati conferiti o autorizzati e la rispondenza dei medesimi ai principi di buon andamento dellamministrazione, nonch+ le misure che si intendono adottare per il contenimento della spesa. 7ello stesso termine e con le stesse modalit le amministrazioni che, nellanno precedente, non hanno conferito o autorizzato incarichi ai propri dipendenti, anche se comandati o fuori ruolo, dichiarano di non aver conferito o autorizzato incarichi. *). Lntro lo stesso termine di cui al comma *# le amministrazioni di appartenenza sono tenute a comunicare al Dipartimento della funzione pubblica, in via telematica o su apposito supporto magnetico, per ciascuno dei propri dipendenti e distintamente per ogni incarico conferito o autorizzato, i compensi, relativi allanno precedente, da esse erogati o della cui erogazione abbiano avuto comunicazione dai soggetti di cui al comma **. *$. 0l fine della verifica dellapplicazione delle norme di cui allarticolo *, commi *#) e *#>, della legge #) dicembre *??&, n. &&#, le amministrazioni pubbliche sono tenute a comunicare al Dipartimento della (unzione pubblica, in via telematica o su supporto magnetico, entro il ), giugno di ciascun anno, i compensi percepiti dai propri dipendenti anche per incarichi relativi a compiti e doveri dufficio sono altresN tenute a comunicare semestralmente lelenco dei collaboratori esterni e dei soggetti cui sono stati affidati incarichi di consulenza, con lindicazione della ragione dellincarico e dellammontare dei compensi corrisposti. *!. 5e amministrazioni che omettono gli adempimenti di cui ai commi **, *#, *) e *$ non possono conferire nuovi incarichi fino a -uando non adempiono. I soggetti di cui al comma ? che omettono le comunicazioni di cui al comma ** incorrono nella sanzione di cui allo stesso comma ?. *&. Il Dipartimento della funzione pubblica, entro il )* dicembre di ciascun anno, riferisce al Parlamento sui dati raccolti e formula proposte per il contenimento della spesa per gli incarichi e per la razionalizzazione dei criteri di attribuzione degli incarichi stessi

III

DL$#* > 145/46* Str!&%io Art* 79< 0l personale docente non consentito impartire lezioni private ad alunni del proprio istituto. #. Il personale docente, ove assuma lezioni private, tenuto ad informare il direttore didattico o il preside, al -uale deve altresN comunicare il nome degli alunni e la loro provenienza. ). 've le esigenze di funzionamento della scuola lo richiedano, il direttore didattico o il preside possono vietare l:assunzione di lezioni private o interdirne la continuazione, sentito il consiglio di circolo o di istituto. $. 0vverso il provvedimento del direttore didattico o del preside ammesso ricorso al provveditore agli studi, che decide in via definitiva, sentito il parere del consiglio scolastico provinciale. !. 7essun alunno pu8 essere giudicato dal docente dal -uale abbia ricevuto lezioni private sono nulli gli scrutini o le prove di esame svoltisi in contravvenzione a tale divieto. &. 0l personale ispettivo e direttivo fatto divieto di impartire lezioni private. >. 5:ufficio di docente, di direttore didattico, di preside, di ispettore tecnico e di ogni altra categoria di personale prevista dal presente titolo non cumulabile con altro rapporto di impiego pubblico. =. Il predetto personale che assuma altro impiego pubblico tenuto a darne immediata notizia all:amministrazione. ?. 5:assunzione del nuovo impiego importa la cessazione di diritto dall:impiego precedente, salva la concessione del trattamento di -uiescenza eventualmente spettante ai sensi delle disposizioni in vigore. *,. Il personale di cui al presente titolo non pu8 esercitare attivit commerciale, industriale e professionale, n+ pu8 assumere o mantenere impieghi alle dipendenze di privati o accettare cariche in societ costituite a fine di lucro, tranne che si tratti di cariche in societ od enti per i -uali la nomina riservata allo <tato e sia intervenuta l:autorizzazione del .inistero della pubblica istruzione. **. Il divieto, di cui al comma *,, non si applica nei casi si societ cooperative. *#. Il personale che contravvenga ai divieti posti nel comma *, viene diffidato dal direttore generale o capo del servizio centrale competente ovvero dal provveditore agli studi a cessare dalla situazione di incompatibilit. *). 5:ottemperanza alla diffida non preclude l:azione disciplinare. *$. Decorsi -uindici giorni dalla diffida senza che l:incompatibilit sia cessata, viene disposta la decadenza con provvedimento del direttore generale o capo del servizio centrale competente, sentito il Consiglio nazionale della pubblica istruzione, per il personale appartenente ai ruoli nazionali con provvedimento del provveditore agli studi, sentito il consiglio scolastico provinciale, per il personale docente della scuola materna, elementare e media e, sentito il Consiglio nazionale della pubblica istruzione, per il personale docente degli istituti e scuole di istruzione secondaria superiore. *!. 0l personale docente consentito, previa autorizzazione del direttore didattico o del preside, l:esercizio di libere professioni che non siano di pregiudizio all:assolvimento di tutte le attivit inerenti alla funzione docente e siano compatibili con l:orario di insegnamento e di servizio. *&. 0vverso il diniego di autorizzazione ammesso ricorso al provveditore agli studi, che decide in via definitiva. D*P*R* 1<*31*1999" * 667 8 Te#to , i%o de&&e di#po#i'io i &e$i#&!ti+e e re$o&!me t!ri i m!teri! di do%,me t!'io e !mmi i#tr!ti+!* Str!&%io C Art* 60 8 Di%=i!r!'io i #o#tit,ti+e di %erti.i%!'io i *. <ono comprovati con dichiarazioni, anche contestuali all:istanza, sottoscritte dall:interessato e prodotte in sostituzione delle normali certificazioni i seguenti stati, -ualit personali e fatti: a% data e il luogo di nascita IIII

b% residenza c% cittadinanza d% godimento dei diritti civili e politici e% stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero QE,R f% stato di famiglia g% esistenza in vita h% nascita del figlio, decesso del coniuge, dell:ascendente o discendente i% iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni l% appartenenza a ordini professionali m% titolo di studio, esami sostenuti n% -ualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di -ualificazione tecnica o% situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di -ualsiasi tipo previsti da leggi speciali p% assolvimento di specifici obblighi contributivi con l:indicazione dell:ammontare corrisposto -% possesso e numero del codice fiscale, della partita I;0 e di -ualsiasi dato presente nell:archivio dell:anagrafe tributaria r% stato di disoccupazione s% -ualit di pensionato e categoria di pensione t% -ualit di studente u% -ualit di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili v% iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di -ualsiasi tipo z% tutte le situazioni relative all:adempimento degli obblighi militari, ivi comprese -uelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio aa% di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l:applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa bb% di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali cc% -ualit di vivenza a carico dd% tutti i dati a diretta conoscenza dell:interessato contenuti nei registri dello stato civile ee% di non trovarsi in stato di li-uidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato. C Art* 65 8 Di%=i!r!'io i #o#tit,ti+e de&&?!tto di otoriet; *. 5:atto di notoriet concernente stati, -ualit personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell:interessato sostituito da dichiarazione resa e sottoscritta dal medesimo con la osservanza delle modalit di cui all:art. )=. #. 5a dichiarazione resa nell:interesse proprio del dichiarante pu8 riguardare anche stati, -ualit personali e fatti relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza. ). (atte salve le eccezioni espressamente previste per legge, nei rapporti con la pubblica amministrazione e con i concessionari di pubblici servizi, tutti gli stati, le -ualit personali e i fatti non espressamente indicati nell:art. $& sono comprovati dall:interessato mediante la dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet. $. <alvo il caso in cui la legge preveda espressamente che la denuncia all:0utorit di Polizia Fiudiziaria presupposto necessario per attivare il procedimento amministrativo di rilascio del duplicato di documenti di riconoscimento o comun-ue attestanti stati e -ualit personali dell:interessato, lo smarrimento dei documenti medesimi comprovato da chi ne richiede il duplicato mediante dichiarazione sostitutiva. C

IIIII

Art* 53 8 Mod!&it; dei %o tro&&i *. 5e amministrazioni procedenti sono tenute ad effettuare idonei controlli, anche a campione, e in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi, sulla veridicit delle dichiarazioni sostitutive di cui agli artt. $& e $>. #. I controlli riguardanti dichiarazioni sostitutive di certificazione sono effettuati dall:amministrazione procedente con le modalit di cui all:art. $) consultando direttamente gli archivi dell:amministrazione certificante ovvero richiedendo alla medesima, anche attraverso strumenti informatici o telematici, conferma scritta della corrispondenza di -uanto dichiarato con le risultanze dei registri da -uesta custoditi. ). 6ualora le dichiarazioni di cui agli artt. $& e $> presentino delle irregolarit o delle omissioni rilevabili d:ufficio, non costituenti falsit, il funzionario competente a ricevere la documentazione d notizia all:interessato di tale irregolarit. 6uesti tenuto alla regolarizzazione o al completamento della dichiarazione in mancanza il procedimento non ha seguito. $. 6ualora il controllo riguardi dichiarazioni sostitutive presentate ai privati che vi consentono di cui all:art. #, l:amministrazione competente per il rilascio della relativa certificazione, previa definizione di appositi accordi, tenuta a fornire, su richiesta del soggetto privato corredata dal consenso del dichiarante, conferma scritta, anche attraverso l:uso di strumenti informatici o telematici, della corrispondenza di -uanto dichiarato con le risultanze dei dati da essa custoditi. C Art* 56 8 Vio&!'io e dei do+eri d?,..i%io *. Costituisce violazione dei doveri d:ufficio la mancata accettazione delle dichiarazioni sostitutive di certificazione o di atto di notoriet rese a norma delle disposizioni del presente testo unico. #. Costituiscono altresN violazioni dei doveri d:ufficio: a% la richiesta di certificati o di atti di notoriet nei casi in cui, ai sensi dell:art. $), ci sia l:obbligo del dipendente di accettare la dichiarazione sostitutiva b% il rifiuto da parte del dipendente addetto di accettare l:attestazione di stati, -ualit personali e fatti mediante l:esibizione di un documento di riconoscimento c% la richiesta e la produzione, da parte rispettivamente degli ufficiali di stato civile e dei direttori sanitari, del certificato di assistenza al parto ai fini della formazione dell:atto di nascita. Art* 57 8 De%!de '! d!i /e e.i%i *. (ermo restando -uanto previsto dall:art. >&, -ualora dal controllo di cui all:art. >* emerga la non veridicit del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera. C Art* 50 8 Norme pe !&i *. Chiun-ue rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia. #. 5:esibizione di un atto contenente dati non pi4 rispondenti a verit e-uivale ad uso di atto falso. ). 5e dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli art. $& e $> e le dichiarazioni rese per conto delle persone indicate nell:art. $, comma #, sono considerate come fatte a pubblico ufficiale. $. <e i reati indicati nei commi *, # e ) sono commessi per ottenere la nomina ad un pubblico ufficio o l:autorizzazione all:esercizio di una professione o arte, il giudice, nei casi pi4 gravi, pu8 applicare l:interdizione temporanea dai pubblici uffici o dalla professione e arte.

III;

S CI<5 <cuola 1 ;ia 0ngelo Pargoni, = T ,,*!) Aoma II;