Sei sulla pagina 1di 3

AFORISMI DI ALBERT EINSTEIN su www.fenice.

info

E' pi difficile disintegrare un pregiudizio che un atomo. Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a t ua nonna. La teoria quando si sa tutto e niente funziona. La pratica quando tutto funziona e nessuno sa il perch. In questo caso, abbiamo messo insieme la teoria e la prati ca: non c' niente che funziona, e nessuno sa il perch. Si pu dire che l'eterno mistero del mondo sia la sua comprensibilit. Tutti sanno che una cosa impossibile da realizzare, finch arriva uno sprovveduto c he non lo sa e la inventa. Chi non ammette l'insondabile mistero non pu essere neanche uno scienziato. I grandi spiriti hanno sempre incontrato una violenta opposizione dalle menti med iocri. La vera astrologia una disciplina illuminatrice con un'esperienza di secoli. L'immaginazione vale pi della conoscenza. Non so con quali armi si combatter la terza guerra mondiale, ma la quarta sicurame nte con le pietre. Due cose sono infinite: l'universo e la stupidita' umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi Un essere umano parte di un tutto che chiamiamo 'universo', una parte limitata ne l tempo e nello spazio. Sperimenta se stesso, i pensieri e le sensazioni come qu alcosa di separato dal resto, in quella che una specie di illusione ottica della coscienza. Questa illusione una sorte di prigione che ci limita ai nostri desid eri personali e all'affetto per le poche persone che ci sono pi vicine. Il nostro compito quello di liberarci da questa prigione, allargando in centri concentric i la nostra compassione per abbracciare tutte le creature viventi e tutta la nat ura nella sua bellezza. La mente intuitiva un dono sacro e la mente razionale un fedele servo. Noi abbiam o creato una societ che onora il servo e ha dimenticato il dono. La mia religione consiste di un'umile ammirazione per l'illimitato spirito superi ore che rivela se stesso nei leggeri dettagli che siamo capaci di percepire con la nostra mente gracile e debole. Tanto pi avanza l'ulteriore evoluzione del genere umano, tanto pi certo mi sembra q uel sentiero verso la genuina religiosit che non si adagia sulla paura della vita , sulla paura della morte e sulla fede cieca. Ogni persona seriamente risoluta nella ricerca della scienza diventa convinta che nelle leggi dell'Universo si manifesta uno spirito - uno spirito di gran lunga superiore a quello dell'uomo, e uno di fronte al quale noi, con i nostri modesti poteri, dobbiamo sentirci umili. Il sentimento religioso degli scienziati prende la forma di un entusiastico stupo

re di fronte all'armonia della legge naturale, che rivela una intelligenza di ta le superiorit che, comparati con essa, tutto il sistematico pensiero e l'azione d el genere umano non ne sono che un riflesso completamente insignificante. Tutto il nostro lodato progresso tecnologico, la nostra molta civilt, come la scur e nella mano di un criminale patologico. Dovremmo stare attenti a non fare dell'intelletto il nostro Dio: esso ha certamen te muscoli potenti, ma nessuna personalit. Chiunque si accinga a eleggere se stesso come giudice del vero e della conoscenza , affondato dalla risata degli Dei. Quando la soluzione semplice, Dio sta rispondendo. Dio non gioca a dadi con l'universo. Dio sottile ma non malizioso. L'uomo che considera senza senso la propria vita e quella dei suoi simili, non so ltanto sfortunato ma quasi squalificato per vivere. Sono convinto che alcune attivit e pratiche (politiche e sociali) delle organizzaz ioni cattoliche, sono dannose e pericolose per la comunit intesa nel suo insieme, qui e dovunque. Io non credo affatto in un Dio personale che giudica l'uomo per il suo operato. Non posso immaginare un dio che premi e punisca gli oggetti della sua creazione, i cui fini siano modellati sui nostri - un dio, in breve, che non che un rifless o della fragilit umana. N posso credere che un individuo sopravviva alla morte del suo corpo, sebbene gli animi deboli nutrano tali opinioni per paura o per ridic olo egoismo. I concetti della fisica sono libere creazioni dello spirito umano, e nonostante l e apparenze non sono determinati unicamente dal mondo esterno. Disprezzo dal pi profondo del cuore chi pu con piacere marciare in rango e formazio ne dietro una musica: soltanto per errore pu aver ricevuto il cervello; un midoll o spinale gli basterebbe ampiamente. Le tre regole di lavoro: 1. Esci dalla confusione, trova semplicit. 2. Dalla disco rdia, trova armonia. 3. Nel pieno delle difficolt risiede l'occasione favorevole. Non sono i frutti della ricerca scientifica, che elevano un uomo ed arricchiscono la sua natura, ma la necessit di capire e il lavoro intellettuale. Tutto dovrebbe essere reso il pi semplice possibile, ma non pi semplice. La cosa pi bella che possiamo provare il misterioso. E' fonte di tutte le vere art i e scienze. Finch le leggi della matematica si riferiscono alla realt, non sono certe; e finch e sse sono certe, non si riferiscono alla realt. Da quando i matematici hanno invaso la teoria della relativit, non la capisco pi io stesso. Questi pensieri non entrano in alcuna formulazione verbale. Molto raramente penso tramite parole. Un pensiero arriva, e dopo io posso provare ad esprimerlo in pa role.

Il mondo ha bisogno di eroi ed meglio che essi siano uomini inoffensivi come me p iuttosto che cattivi come Hitler. Tutto ci che veramente grandioso e stimolante creato da un individuo che pu lavorar e in pace. La ricerca della verit pi preziosa del possederla. La maggior parte delle idee fondamentali della scienza sono essenzialmente sempli ci, e possono, come una regola, essere espresse in un linguaggio comprensibile a tutti. La scienza senza la religione zoppa; la religione senza la scienza cieca. Un adulto normale non si ferma mai a riflettere sui problemi dello spazio e del t empo, perch queste sono cose su cui ha pensato da bambino. Ma il mio sviluppo int ellettuale fu tardivo e di conseguenza io cominciai a interrogarmi sullo spazio e sul tempo quando ero gi adulto.