Sei sulla pagina 1di 86

STORIA DELLA MUSICA

CORSO 2013 SCHEDE INTEGRATIVE

SCHEDA 1
Il madrigale polifonico : Gesualdo e Monteverdi

Ai primi del XVI secolo la musica praticata negli ambienti ecclesiastici e negli ambienti aristocratici europei pensata prevalentemente in termini di melodie sovrapposte, secondo procedimenti sedimentati e sviluppati da almeno quattro secoli con i termini polifonia o contrappunto; proprio per realizzare opere ben pi complesse, a strati, la scrittura si era andata modificando: dalla notazione neumatica (VIII XI secolo) in cui i segni grafici

(neumi) indicavano soltanto landamento ascendente o discendente delle melodie senzalcuna precisazione riguardo al ritmo, si passo gradatamente ad un sistema di notazione che permetteva di precisare sia laltezza esatta delle note attraverso lsuo del tretragramma divenuto poi pentagramma (XII secolo ) sia attraverso la messa a punto di una notazione mensurale (XII-XIV sec) che permetteva di indicare la durata delle note e che prevedeva la distinzione fra modi perfecti (cio ritmi ternari ) e modi imperfecti (cio ritmi binari). Lo stile polifonico cinquecentesco si pu ricondurre ad alcuni principi fondamentali. Uno dei cambiamenti pi vistosi rispetto allepoca medievale consiste nella tendenza

all'equiparazione delle diverse voci del complesso polifonico: alla sovrapposizione tipicamente medievale di melodie ben differenziate, individualmente caratterizzate e talora dotate di un testo verbale diverso, si sostituisce gradualmente una compagine tendenzialmente omogenea con forti caratteri di somiglianza fra le varie melodie. A tal fine si fece sistematico luso della tecnica dellimitazione, procedimento consistente appunto dellimitare con una diversa voce dellordito polifonico una melodia intonata poco prima da unaltra voce. Un altro principio chiaramente emergente riguarda i rapporti fra consonanza e dissonanza. Nel Medioevo i musicisti distinsero chiaramente i due termini, ma li usarono con grande libert e variet. A partire dal XV secolo il problema conobbe invece una soluzione sistematica e semplice: quella del predominio della consonanza e della riduzione della dissonanza a una sorta di accidente da trattare con precauzione Accanto ai generi praticati da tempo in ambito liturgico la messa e il mottetto il vero

fenomeno caratterizzante della cultura italiana cinque-seicentesca fu costituito dallenorme fortuna del madrigale. Il termine cominci ad essere utilizzato intorno al 1530 per indicare componimenti musicali su testi poetici, concepiti per lo pi a quattro voci e caratterizzati, sin dall'inizio, da una

marcata volont di tradurre in musica il significato delle parole. Nella sua forma-tipo il madrigale pu essere in effetti definito come una composizione polifonica su un testo poetico relativamente breve (poteva essere ad esempio un sonetto): dal punto di vista formale la sua una struttura durchkomponiert, cio aperta , non strofica e priva di riprese o ritornelli, determinata in primis dal testo letterario che veniva musicato frase per frase ogni frase avendo un suo senso compiuto dall'inizio alla fine. L'effetto doveva essere quello di una sorta di recitazione musicale del testo poetico, massimamente fedele all'intonazione delle parole, al loro ritmo, al loro carattere espressivo, ma doveva anche in un certo senso amplificare quel testo, moltiplicarne le potenzialit letterarie implicite, se non altro perch il testo veniva recitato da tutte le voci che partecipavano al canto. La continuit della recitazione era assicurata dal fatto che, tranne per effetti particolari (ad esempio interruzioni o pause volute) ogni frase veniva conclusa da una cadenza alla quale partecipavano solo alcune delle voci, mentre le altre contemporaneamente iniziavano a intonare la frase successiva. Ne derivava una sorta di forma a incastri a suture continue, che si concludeva solo alla fine della recitazione. Nel sorgere di questo genere influ non poco il petrarchismo diffusissimo delle corti signorili italiane soprattutto grazie a Pietro Bembo e alle sue Prose della volgar lingua (1525): lassunzione di Petrarca quale modello supremo della lirica portava con s, oltre allidea dellesperienza damore come vicenda di perfezionamento spirituale e passaggio obbligato per cogliere il senso della bellezza e della bont divina, la proposta di una poesia dotata di specifiche qualit musicali. Verso lultimo ventennio del secolo, il madrigale venne ad incarnare pi di ogni altra forma, le esigenze di sentimentalit e di espressione degli affetti che caratterizzavano il tardo rinascimento: un suo tratto distintivo divennero procedimenti di fono-simbolismo denominati madrigalismi, che miravano proprio a tradurre in musicalmente il significato di certe

parole-chiave. I maggiori autori di madrigali in questo stile, affermatosi verso la fine del Cinquecento, furono Luca Marenzio, Gesualdo da Venosa e, nelle sue prime raccolte, Claudio Monteverdi. Il primo ventennio del Seicento vede prolungarsi la straordinaria fortuna di questo genere e il suo accompagnare le tendenze del nuovo gusto, e le trasformazioni linguistiche: nascono cos madrigali a una, due o pi voci con laccompagnamento di strumenti ( il cosiddetto basso continuo) i cui massimi esempi sono contenuti nelle ultime raccolte di Monteverdi, i libri VII e VIII: lo stesso Monteverdi chiam questi suoi madrigali concertati, cio pensati per voci e strumenti. NellOttavo e ultimo libro monteverdiano troviamo esempio di un altro sottogenere: quello del madrigale rappresentativo, il cui testo prevede personaggi,

dialoghi e unazione immaginaria che si snoda attraverso lintreccio polifonico. Gli autori pi celebrati in questa ulteriore derivazione furono Orazio Vecchi e Adriano Banchieri.

Anche questultimo sottogenere, malgrado la sua tendenza verso il grottesco e il caricaturale, rimaneva nellalveo comune di fruizione che aveva caratterizzato tutta la produzione madrigalistica fin dallorigine. Grazie alla sua complessit e alla sua continua sottile aderenza al testo verbale, il madrigale infatti non era nato come musica da spettacolo, era piuttosto un tipo di composizione che si addiceva ad ambienti aristocratici: eseguito da poche persone che sedevano, a tavolino, ognuno leggendo la propria parte sugli appositi libretti, il madrigale veniva eseguito per il piacere di chi cantava e di pochi eletti ascoltatori. E, quasi sempre i cantori erano pi che professionisti della cappella, raffinati musicisti dilettanti che abbondavano nelle corti ma esistevano anche al di fuori di quelle negli ambienti del1'intellettualit borghese. Tant' vero che non infrequente trovare tracce di societ culturali o accademie i cui membri si univano proprio per il piacere di queste esecuzioni musicali. Tutto ci spiega anche le fortune economiche dell'editoria che stampava quantit enormi di testi madrigaleschi scritti dai maestri italiani. In effetti il repertorio madrigalistico del Cinquecento e dei primi decenni del Seicento ci stato tramandato quasi integralmente nelle edizioni a stampa. Se in precedenza la musica polifonica era stata copiata e fatta circolare attraverso eleganti e lussuosi codici realizzati a mano per qualche illustre

personaggio, gran parte delle opere musicali cinquecentesche (soprattutto nella seconda met del secolo) furono diffuse attraverso la stampa e nella forma dei libri-parte, cio tanti fascicoli quante erano le parti vocali, comodamente utilizzabili dai singoli cantori e stampati in piccole dimensioni.

Traccia 1

Carlo Gesualdo principe di Venosa ( Napoli, 1560-1613). Sospirava il mio core, madrigale a 5 voci ( dal III libro, 1594)
Sospirava il mio core per uscir di dolore un sospir che dicea: Lanima spiro!. Quando la donna mia pi dun sospiro anchella sospir che parea dire: Non morir, non morire!

Consumata fra Napoli e Ferrara, la vicenda artistica di Carlo Gesualdo principe di Venosa (Napoli, 1560 -1613) fu segnata da un dramma familiare ( luccisione della moglie sorpresa in flagrante adulterio), dalla frequentazione di Torquato Tasso e da unindole inquieta e tormentata che si tradusse nello stile visionario dei suoi sei libri di madrigali a cinque voci. Sospirava il mio core, tratto dal terzo libro edito nel 1594, esemplifica il modo in cui a fine Cinquecento il madrigale riesce ad incarnare le inquietudini, le nuove esigenze espressive di unepoca di crisi. Il testo viene musicato frase per frase dall'inizio alla fine, senza riprese e senza ritornelli e la musica tende a rendere ancora pi accesa la temperatura affettiva le testo. Il brano si apre con un evidente madrigalismo: una pausa che spezza la linea melodica iniziale (so spirava) e che traduce in termini sonori immediati lincipit del testo. Le voci si inseguono attraverso la tecnica dellimitazione ritrovandosi in corrispondenza della parola dolore; procedono quindi omoritmicamente (cio tutte con lo stesso ritmo) in corrispondenza del terzo verso (un sospir che dicea ), si separano nuovamente nel verso seguente, con cui si chiude la prima sezione musicale che corrisponde alla fine del primo periodo sintattico del testo. Nei tre versi seguenti le cinque voci si ricongiungono di nuovo, le loro linee marciano con lo stesso ritmo, per poi ancora separarsi negli ultimi due versi, ripetuti con urti dissonanti e con una linea ascensionale che culmina in corrispondenza del non morir con la nota pi acuta di tutto il brano, da cui viene una forte sottolineatura dellesclamazione conclusiva. La forma a incastri e suture continue si conclude alla fine della recitazione allinsegna di una forte compenetrazione fra veste musicale e verso poetico, intesa sia come fedelt alla scansione della parola sia come esaltazione del significato verbale. Nella sfida allimmaginazione sonora lanciata dal madrigale, nel suo proposito di illustrare a volte letteralmente il senso e le immagini racchiusi nella parola, sembra di scorgere lebbrezza di una musica che d sfogo alla sua ansia di fondersi, di essere parte inscindibile ed

essenziale della poesia e dellarte del suo tempo (Montecchi, 1998).

Traccia 2 Claudio Monteverdi (Cremona, 1560 - Venezia 1613). Lamento della ninfa (testo di Ottavio Rinuccini)
dal VIII libro di Madrigali guerrieri e amorosi, 1638

Ninfa

Tre voci maschili


Non havea Febo ancora recato al mondo il d, ch'una donzella fuora del proprio albergo usc. Sul pallidetto volto

scorgeasi il suo dolor, spesso gli venia sciolto un gran sospir dal cor. S calpestando fiori errava hor qua, hor l, i suoi perduti amori cos piangendo va: Amor dov, dov' la f ch'el traditor giur? Fa' che ritorni il mio amor com'ei pur fu, o tu m'ancidi, ch'io non mi tormenti pi. Non vo' pi ch'ei sospiri se non lontan da me, no, no che i martiri pi non darammi aff. Perch di lui mi struggo, tutt'orgoglioso sta, che si, che si se'l fuggo ancor mi pregher? Se ciglio ha pi sereno colei, che'l mio non , gi non rinchiude in seno, Amor, s bella f. N mai s dolci baci da quella bocca havrai, ne pi soavi, ah taci, taci, che troppo il sa. .. dicea, il ciel mirando, il pi fermo, Miserella

Miserella, ah pi no, no, tanto gel soffrir non pu.

Ah, miserella

Miserella ah pi no, no

tanto gel soffrir non pu Miserella

Miserella ah pi no, no tanto gel soffrir non pu Miserella

S tra sdegnosi pianti spargea le voci al ciel; cos ne' cori amanti mesce amor fiamma e gel.

Il Lamento della Ninfa appartiene ormai alla fase crepuscolare del madrigale, e la sua forma costituisce un archetipo della scena-lamento utilizzata nei melodrammi seicenteschi. Il madrigale daltronde come genere era ormai avviato negli anni trenta del Seicento verso un irresistibile declino: lOttavo libro in effetti lultimo fatto stampare da Monteverdi in unepoca in cui egli era maestro di cappella della Basilica di San Marco a Venezia, pochi anni prima di comporre i suoi melodrammi per i teatri della Serenissima. Lintonazione del testo di Ottavio Rinuccini, d luogo ad un madrigale concertato (voci pi strumenti) sorretto da un

accompagnamento strumentale su un basso ostinato, tecnica che deriva dalla musica per danza. Ma si tratta al tempo stesso di un madrigale rappresentativo, non pi pensato per

dei fruitori che sono anche esecutori, ma per un pubblico che assiste allesecuzione ma non vi prende parte. Per questo nella partitura Monteverdi fece precedere il testo da precise indicazioni esecutive:
Modo di rappresentare il presente canto. Le tre parti che cantano fuori del pianto de la ninfa si sono cos separatamente poste [sono infatti stampate a parte ] perch si cantano al ritmo de la mano. Le altre tre parti che vanno commiserando in debole voce la Ninfa si sono poste in partitura, acci seguitano il pianto di essa, qual va cantato a tempo del affetto del animo, e non a quello de la mano.

Le istruzioni volute da Monteverdi rimandano ad un atteggiamento gi richiesto in altre opere precedenti : il compositore voleva insomma che non si seguisse la rigida scansione della battuta ma l'interiore tempo del affetto del animo. Di questa banale canzonetta Monteverdi fece una scena canora di respiro tragico. L'idea (geniale) fu quella di estrapolare dal testo strofico rinucciniano il discorso diretto (in prima persona) della Ninfa dal discorso indiretto (in terza persona), di trattare l'uno come un lungo, lamentoso monologo (che ignora le leggi strofiche) affidato al soprano, l'altro come un coro di tre voci maschili che sullo sfondo di un ideale palcoscenico sonoro, commiserano con interiezioni compassionevoli la disperazione della Ninfa abbandonata. [...] Un basso ostinato di un passacaglio (schema melodico-armonico fisso, quattro note discendenti LaSol-Fa-Mi), si ripete impassibile per 34 volte: contro questo sfondo rigido, spoglio, rudimentale, il canto sinuoso, erratico, smarrito della Ninfa urta, collide, confrica, provoca dissonanze e durezze. [] Lefficacia del lamento della Ninfa fu enorme e immediata. Pubblicato un anno dopo lapertura dei primi teatri dopera a Venezia, esso fu la sorgente di decine di arie-lamento teatrali su basso continuo . (Bianconi 1982) Si noteranno anche qui, come in Gesualdo, alcuni evidenti madrigalismi che per hanno luogo solo nella parte polifonica, cio quella delle tre voci maschili: nella seconda strofa la frase scorgeasi il suo dolor viene resa da un aspro urto dissonante e il successivo gran sospir reso da una pausa inserita fra le due parole; nella quarta strofa invece la frase errava or qua or l si traduce in voluto sparpagliamento delle tre voci maschili.

SCHEDA 2
Il melodramma ai suoi albori: LOrfeo di Claudio Monteverdi

Il melodramma una composizione teatrale in versi che, anzich essere semplicemente recitata, viene interamente cantata dagli attori-cantanti con laccompagnamento di strumenti: come dice il suo nome, appunto un dramma cantato ( dal greco melos canto e drama azione), in ci distinto da ogni altra forma di teatro con musica sviluppatasi nella civilt occidentale. Poich si avvale di scenografie, e spesso, di azioni coreografiche, il

melodramma pu essere considerato una delle manifestazioni artistiche pi complesse elaborate dalla cultura italiana. Frutto della collaborazione di un poeta che scrive il libretto, cio il testo in versi della vicenda da rappresentare, e di un musicista, che riveste le parole di musica, esso una creazione tipicamente italiana. Come forma teatrale e come genere letterario, infatti, il melodramma nacque in Italia alla fine del XVI secolo, e tra il Seicento e il Settecento conquist strati sempre pi vasti di pubblico. Il primo melodramma a noi interamente pervenuto l'Euridice, con musiche di Jacopo Peri e testo di Ottavio Rinuccini, rappresentato per iniziativa e spese del ricco mecenate Jacopo Corsi il 6 ottobre 1600 a Palazzo Pitti a Firenze, in occasione delle nozze di Enrico IV di Francia con Maria de Medici. Contrariamente a quanto stato spesso sostenuto in passato, il genere da cui nacque questa nuova forma artistica non fu la tragedia ma il dramma pastorale ( con i suoi modelli eletti costituiti dall Aminta di Tasso e dal Pastor fido di Guarini) che al quel tempo

riscuoteva larghissimo successo e la cui ambientazione arcadica sembrava pienamente consona. Se i sottotitoli pi utilizzati per le opere rappresentate nei primi decenni del Seicento sono favola pastorale o favola boschereccia, i soggetti sono prevalentemente mitologici, ricavati in massima parte dalle Metamorfosi di Ovidio. Il difetto principale della nuova forma teatrale era la sua mancanza di naturalezza, e i soggetti pastorali giustificavano linfrazione delle leggi della verosimiglianza, perch a divinit mitiche come Orfeo, Dafne, Flora poteva accordarsi lidea di dialogare cantando: la lontananza, spaziale o temporale o ideale, tempera linverosimiglianza del recitare cantando, anzi conferisce alleloquenza di codesti personaggi una tanto maggior nobilt e magnificenza (Bianconi, 1982) Lo stile di canto che caratterizz le esperienze fiorentine viene di solito designato col

termine di recitar cantando: si tratta di una sorta di declamazione musicale che non aveva ovviamente nulla a che fare con la musica greca, ma che aveva piuttosto legami con il tipo di melodia che caratterizzava il madrigale di quellepoca. Si trattava insomma di un

canto che tendeva a imitare le inflessioni della recitazione, stilizzando musicalmente gli accenti e le durate delle sillabe, la direzione ascendente o discendente dellintonazione e, nellemissione vocale, il dosaggio dellintensit e del timbro. Questo modo di cantare, che prese presto il nome di stile recitativo, veniva accompagnato da strumenti come clavicembalo, organo, liuto o chitarrone, viola da gamba o violone con la tecnica del basso continuo (v. pi avanti) La vocalit declamatoria dello stile recitativo veniva ritenuta la pi efficace per esprimere gli affetti del testo poetico; per realizzare lobiettivo di una melodia che pigliasse forma di cosa mezzana tra il parlare e il cantare il recitativo veniva sempre intonato sul ritmo libero dei versi sciolti. Nei primi melodrammi per il recitar cantando veniva di tanto in tanto interrotto da un certo numero di pezzi chiamati arie: si tratta di un tipo di canto che adattava le parole ad un metro musicale regolare con pulsazioni isocrone, uno stile vocale lineare, quasi sempre strofico, derivato dalla vocalit semplice delle villanelle o anche da forme di danza, e per il quale si impiegavano testi poetici strofici. Questi pezzi venivano impiegati per dare maggior spicco a certe situazioni sceniche, gioiose dei personaggi, prologhi, cori. In questa prima fase della storia del melodramma un capitolo importante si svolse alla corte dei Gonzaga di Mantova, strettamente legata da rapporti diplomatici a quella fiorentina: qui nacque il melodramma pi significativo di quel tempo, LOrfeo, opera di colui che pu ben dirsi il maggior compositore italiano del Seicento, Claudio Monteverdi (15671643). effusioni particolarmente patetiche o

Rappresentato per la prima volta nel Palazzo Ducale di Mantova nel febbraio del 1607, LOrfeo si ricollegava alle vicine esperienze fiorentine: lautore del libretto Alessandro

Striggio fu sicuramente a Firenze in quel fatidico 1600 e si ispir evidentemente allo stile di Rinuccini. Il soggetto scelto fu daltronde lo stesso delle prime rappresentazioni fiorentine: la storia di Orfeo, figlio di Apollo che con il suo canto riesce a commuovere gli dei infernali a farsi restituire la sua amata Euridice era considerata quanto di pi appropriato per illustrare la potenza della nuova forma di spettacolo. LOrfeo di Striggio-Monteverdi per, rispetto ai precedenti realizzati a Firenze, superava lo stadio teorico-sperimentale, offrendo per la

prima volta la concreta rappresentazione musicale di situazioni drammatiche, attraverso la varietas delle forme e delle risorse: recitativi, arie (alcune di grande virtuosismo vocale), cori, sinfonie strumentali, episodi di danza, capaci di rendere differenziata ed efficace la rappresentazione scenica. Inoltre, per la prima volta nella storia dellopera, Monteverdi indic nella partitura a stampa gli strumenti da impiegarsi. Lorganico rispondeva a precisi criteri drammaturgici: le scene pastorali connotate dalle sonorit giulive dei flauti e flautini, le scene infernali dai timbri cupi dei tromboni, viole da gamba, organo, i balli dai violini. E da rilevare inoltre che LOrfeo condivide con altre edizioni a stampa dei primi del Seicento dal punto di vista grafico alcune novit fondamentali. Prima di tutto le varie voci non sono pi scritte separatamente, ma organizzate, oggi diremmo, in partitura, cio disposte luna

sullaltra. Durante tutto il corso del XVI secolo la musica vocale veniva stampata a parti separate: se ad esempio si doveva pubblicare un madrigale a 5 voci, le cinque parti che lo costituivano venivano scritte in cinque libretti diversi, uno per ciascun cantore, a ogni cantore eseguiva la sua parte senza avere sott'occhio le parti degli altri. Questa prassi indica qual era, secondo il pensiero musicale dell'epoca, il modo di esecuzione ideale: polifonia pura affidata a sole voci. In realt ci corrisponde solo parzialmente alla pratica effettiva. Di fatto gli strumenti venivano costantemente usati nella musica cinquecentesca, e non unicamente da soli, ma anche assai spesso mischiati alle voci, come dimostrano i documenti musicali, letterari e iconografici (pitture o disegni). Quando verso la fine del secolo si fecero i primi esperimenti di stile recitativo, esplicitamente e polemicamente antipolifonici, luso di sostenere il canto con strumenti d'accompagnamento divenne, in un certo senso, necessario, ma si inscrisse in una tradizione ormai lungamente sperimentata. Unulteriore novit caratterizza da questo punto di vista le partiture del primo Seicento: il basso continuo. Una pratica che fu inaugurata dalla pubblicazione (1602) dei Cento concerti ecclesiastici con il basso continuo per sonar nell'organo, di Lodovico Grossi da Viadana. Nella tradizione sacra esisteva in effetti da tempo l'uso di accompagnare le voci con l'organo durante il rito ma lespressione basso continuo proposta da Viadana ebbe fortuna e rimase a indicare una prassi che per un secolo e mezzo caratterizzo tutta la musica europea, vocale, strumentale, sacra o profana. Le parti degli strumenti che accompagnavano (strumenti in grado di suonare accordi come clavicembalo, organo, liuto o chitarrone, e strumenti dalla tessitura grave come viola da gamba o violone) non venivano scritte

integralmente, ma venivano indicate in modo semplificato, ossia con la sola parte melodica del basso, nel presupposto che i suonatori sapessero aggiungere da s gli accordi necessari per sostenere la voce. A questo sistema grafico, che presuppone l'esistenza di una pratica improvvisativa gi diffusa, alcuni testi aggiungevano un ulteriore artificio tecnico: l'indicazione abbreviata dell'accordo mediante numeri che dovevano facilitare l'improvvisazione e obbligare i diversi esecutori alla scelta di uno stesso accordo (basso numerato). Una prassi che sussiste nellodierna musica leggera, dove ci si limita spesso a scrivere in lettere sopra o sotto la melodia la nota che costituisce il basso fondamentale e con un numero il tipo di accordo che larmonizzazione richiede (ad esempio Sol 7 indicher laccordo di sol

maggiore con laggiunta di una settima) . Nellesempio seguente riferito al brano dellOrfeo di Monteverdi di parla pi avanti, la parte del basso continuo quella indicata con la freccia: si noteranno i numeri 3 e 4 apposti sullultima nota del rigo ad indicare appunto un accordo di terza seguito da un accordo di quarta.

10

Traccia 3 a-b
Claudio Monteverdi ( Cremona 1567-Venezia 1643) LOrfeo (1607)
Favola mitologica che riprende il mito di Orfeo, figlio di Apollo e della musa Calliope, che divenne espertissimo nellarte del canto e nelluso della lira. Orfeo sta per sposare Euridice e i pastori e le ninfe scendono dai monti per celebrare levento con canti e balli. Ma queste manifestazioni di gioia sono interrotte da un annuncio funesto: Euridice morta, morsa da un serpente. Orfeo allora decide di scendere negli inferi e di commuovere le divinit infernali per far tornare in vita Euridice. Plutone si lascia convincere e consente che Euridice sia rilasciata ad Orfeo a condizione che questi la conduca fuori degli inferi senza guardarla. Con un canto di ringraziamento Orfeo si incammina verso il mondo dei vivi seguito dalla sua sposa; ma ben presto assalito dal dubbio che Euridice non lo segua e quando sente un rumore misterioso , non pu pi vincere i suoi timori e si volta. A questo punto i due amanti vengono separati, e mentre Euridice scompare nelle tenebre, Orfeo viene misteriosamente spinto verso la luce. Nellultimo atto Orfeo vaga per i boschi piangendo la perdita della sua amata, ma Apollo discende dal cielo ed invita il figlio ad ascendere con lui al cielo: qui non solo potr ammirare di nuovo le sembianze di Euridice ma potr godere diletto e pace.

ATTO II Schema metrico : quattro quartine di ottonari ABBA CDDC EFFE GHHG ORFEO 1 Vi ricorda o boschi ombrosi De miei lunghi aspri tormenti Quando i sassi ai miei lamenti 2 Rispondean fatti pietosi Dite, allor non vi sembrai Pi dogni altro sconsolato ? Or fortuna ha stil cangiato 3 Et ha volto in festa i guai Vissi gi mesto e dolente Or gioisco, e quegli affanni Che sofferti ho per tantanni 4 Fan pi caro il ben presente. Sol per te bella Euridice, Benedico il mio tormento; 5 Dopo il duol vie pi contento,
Vi ricorda o boschombrosi : vi ricordate, boschi ombrosi Quando i sassi fatti pietosi : quando persino i sassi, presi da piet, facevano eco ai miei lamenti 3 Or fortuna ha volto in festa i guai : adesso la fortuna ha cambiato corso e ha tramutato le pene in gioia 4 Or gioiscoil ben presente : ora gioisco, e quei tormenti che ho sofferto per tanti anni rendono pi preziosa la felicit del presente
2

11

Dopo il mal vieppi felice ------

Poco dopo giunge una messaggera che d a Orfeo il triste annuncio: Euridice morta
Schema metrico: settenari e endecasillabi sciolti

MESSAGGIERA 1 Pastor, lasciate il canto, Chogni nostra allegrezza in doglia volta ORFEO Donde vieni ? ove vai? Ninfa, che porti ? MESSAGGIERA A te ne vengo, Orfeo, Messaggiera infelice, Di caso pi infelice e pi funesto: La tua bella Euridice ORFEO Ohim, che odo? MESSAGGIERA La tua diletta sposa morta ORFEO Ohim! MESSAGGIERA In un fiorito prato Con laltre sue compagne 2 Giva cogliendo fiori Per farne una ghirlanda a le sue chiome 3 Quandangue insidioso Chera fra lerbe ascoso Le punse un pi con velenoso dente. Ed ecco immantinente 4 Scolorirsi il bel viso e nei suoi lumi 5 Sparir que lampi, ondella al sol fea scorno Allor noi tutte sbigottite e meste Le fummo intorno, richiamar tentando Gli spirti in lei smarriti Con londa fresca e con possenti carmi, Ma nulla valse, ahi lassa, Chella i languidi lumi alquanto aprendo E te chiamando, Orfeo, Dopo un grave sospiro Spir tra queste braccia; ed io rimasi Piena il cor di pietade e di spavento

duol : dolore Allegrezza in doglia volta : la nostra allegria si tramutata in dolore 2 Giva : andava 3 angue : serpente 4 lumi: occhi 5 Sparir que lampi, ondella al sol fea scorno : sparire quella luce che era unoffesa al sole
1

12

Il posto che Monteverdi occupa nella storia del melodramma di importanza capitale, malgrado siano solo tre le opere appartenenti a questo genere che ci sono pervenute in forma completa. Lesperienza che il compositore cremonese fece in precedenza sul terreno del madrigale ( i cinque libri dati alla luce prima del 1605, altri tre fino al 1638), port a progressiva definizione lidea un linguaggio musicale in grado non solo di dare efficace espressione alle immagini verbali conquista del madrigale gi da lungo tempo ma anche di graduare discorsi ed affetti in situazioni pi ampie e complesse. Dopo lenorme successo della prima mantovana, LOrfeo fu ripreso in altre citt italiane attraverso varie rappresentazioni che ne decretarono la posizione di capolavoro capostipite del nuovissimo genere. Monteverdi in effetti era ben pi conscio dei suoi colleghi fiorentini che lo spettatore, per seguire unazione teatrale, doveva cogliere con immediata chiarezza le caratteristiche principali dei personaggi e delle situazioni: perci dopo aver presentato lambiente pastorale nel primo atto, Allinizio del secondo Atto introduce una grande aria di Orfeo su un testo strofico, Vi ricorda o boschi ombrosi, che ha la funzione di evidenziare i tratti fondamentali

del protagonista, cantore e mitico creatore della musica, appartenente al mondo pastorale. Qui Orfeo canta la sua felicit ricordando i dolori e le lacrime del tempo in cui Euridice non corrispondeva il suo amore. Su quattro quartine di ottonari a rima incrociata, la melodia si ripete identica in ogni strofa, pur variando per le sue inflessioni espressive. Naturalmente in questo pezzo chiuso il rapporto testo-musica molto pi generico accade nei brani in stile recitativo. Emerge per rispetto a quanto

il senso gi moderno in cui vengono

impiegati gli strumenti dellorchestra, sia in unione col canto, sia nei ritornelli che intervallano le quattro strofe. Il recitativo con cui poco dopo la Messaggera annuncia ad Orfeo la morte di Euridice (Pastor, lasciate il canto) costituisce una delle scene pi drammatiche dellopera e contiene un ampio ventaglio di effetti tipici attraverso i quali si mira a toccare la sensibilit emotiva lo spettatore: dalluso di pause nei momenti pi commoventi (Orfeo: Ohim!) ai contrasti di ritmo tra parti con pronuncia veloce a cui seguono parti lente o viceversa ( Messaggera: Le punse un pi con velenoso dente. Ed ecco immantinente...); dalluso di linee melodiche ascendenti, che raggiungono un culmine e poi ridiscendono (Messaggera: Ma nulla valse, ahi lassa), ai bruschi mutamenti di profilo, (Orfeo: Donde vieni? ove vai?) fino alle ripetizioni che imitano il parlato di chi preso da una grande scossa emotiva (Messaggera: E te chiamando, Orfeo).

13

SCHEDA 3
Lully e la tragdie lyrique

I temi della mitologica antica e il mondo fiabesco dellepica rinascimentale costituiscono i soggetti abituali delle tragdies Lyriques di Lully. Vi si celebrano le virt dellamore

disinteressato, della fedelt, del coraggio e della gloria, ideali cavallereschi proposti allammirazione della nobilt francese. I temi scelti da Lully e Quinault sono altrettante allegorie favolose di un sovrano divinizzato e idolatrato, di un nuovo Apollo che conduce una politica europea aggressiva ed acclamato in patria come il pacificatore del mondo, come nuovo Pericle e Augusto. I prologhi sono espliciti al proposito. Decifrare nella trama delle tragdies lyriques di Quinault e Lully le allusioni intenzionali e preterintenzionali alla vita di corte di Versailles diventa un giuoco di societ prediletto dallaristocrazia e dagli intellettuali di Parigi ( Bianconi 1982)

Traccia 4

Jean-Baptiste Lully Atys (1676)


Tragdie lyrique su libretto di Philippe Quinault Prologue
Schema metrico: alessandrini, ottonari e senari ABABCB CDEDE LE TEMPS En vain jay respect la clebre memoire Des heros des sicles passes; Cest en vain que leurs noms si fameux dans lHistoire Du sort des noms communs ont t dispenses: Nous voyons un Heros dont la brillante gloire Les a presque tous effaces CHOIR DES HEURES Ses justes loix, ses grands esploits Rendront sa memoire ternelle; Chaque jour, chaque istant Ajoute encore son nom clatant Une gloire nouvelle

14

Nel caso di Atys, il cui libretto fu redatto da Quinault sulla base dellepisodio narrato nelle Metamorfosi di Ovidio, si narrano le vicende dellamore contrastato del pastore frigio Ati, devoto alla dea Cibele alla quale ha fatto voto di castit, e di Sangaride, promessa sposa del re. Il prologo di Atys si svolge nel palazzo del Tempo. Il dio appare in mezzo alle dodici ore del giorno e dalle dodici ore della notte e constata che la gloria di Luigi XIV supera quella degli eroi del passato, mentre dal dea Flora esalta linverno perch la primavera porta le campagne militari che allontanano il re. La condotta melodica di questo brano mostra quanto sfumata sia, nella concezione di Lully, la distinzione tra fra recitativo ed aria, o meglio, per dirla alla francese, fra rcit e air. Questultima melodicamente pi rilevata ed in essa vi si trovano ripetizioni pi o meno frequenti dei versi pi significativi. Nel caso qui proposto il trapasso fra rcit e air reso pi evidente nel passaggio di consegne tra la parte del Tempo pi statica e caratterizzata da un ritmo irregolare misto di misure binarie e ternarie che dipendono dal tempo della dizione dei versi ( soprattutto dei primi due ) a quella del coro, in cui i versi vengono ripetuti varie volte, landamento melodico appare pi lineare e il ritmo pi regolare. Lo stile di canto per in entrambi i casi quasi esclusivamente sillabico, e non vi reperisce nessuna traccia dei vocalizzi e delle diminuzioni in uso nel melodramma italiano del tempo. Tutto il resto dellopera daltronde mostra chiaramente quanto al confronto con lopera italiana nella tragdie lyrique di Lully fosse meno rilevante la funzione dei cantanti, ai quali vengono affidate parti piuttosto brevi, prevalentemente di carattere recitativo; al contrario numerosi sono gli ensembles e i cori, di grande variet formale e timbrica. Nellopera vengono espunti tutti gli episodi secondari, trama e stile risultano molto omogenei e lintensit drammatica sembra crescere lentamente da un atto allaltro senza che vi sia alcuna soluzione di continuit.

15

SCHEDA 4
Laffrancamento della musica strumentale: Girolamo Frescobaldi

Allinizio del Seicento un notevole processo di trasformazione modific lo strumentario medievale, facendo salire alla ribalta strumenti come lorgano, il clavicembalo e il liuto, strumenti polifonici, grazie ai quali la musica strumentale poteva riprodurre le tecniche in uso nella musica vocale da secoli. Intanto per si andarono perfezionando

progressivamente gli strumenti ad arco da cui, sul finire del secolo, verranno sviluppi pi consoni alla nuova sensibilit monodica, con la nascita del violino. Lorgano, strumento liturgico per eccellenza gi dal Trecento, soprattutto nei paesi

nordici ampli notevolmente le sue possibilit grazie allintroduzione di pi tastiere e allestensione della pedaliera. Il clavicembalo, strumento diffuso nelle corti nobiliari piccole e grandi, di forma simile a quella di un pianoforte ma con le corde pizzicate anzich percosse, conobbe i maggiori centri di produzione in Italia e nelle Fiandre: gli strumenti italiani erano lunghi e leggeri, caratterizzati da sonorit limpide e squillanti; gli strumenti fiamminghi invece erano pi pesanti e massicci con sonorit profonde nei bassi. Derivazioni domestiche del clavicembalo erano il virginale, in uso soprattutto in Inghilterra, e la spinetta. I liuti e le viole erano strumenti di comodo maneggio, dalle sonorit chiare e delicate, che si adattavano bene per accompagnare le voci o per adattarvi composizioni polifoniche vocali: nel Cinquecento ormai questi strumenti erano in uso praticamente presso tutte le classi sociali in grado di fare della musica sia tra le pareti domestiche sia in occasione di feste e banchetti. Durante il Trecento e il Quattrocento gli strumenti furono largamente utilizzati in buona parte del repertorio vocale delle cappelle, ma con modalit e organici su cui abbiamo solo notizie molto approssimative. Anche dopo che la polifonia ebbe acquisito uno stile integralmente vocalistico, l'esecuzione, soprattutto della musica profana ma anche di quella liturgica, comportava abitualmente l'uso degli strumenti a supporto o in sostituzione delle voci, almeno quelle pi gravi per le quali non casualmente veniva sovente omessa l'indicazione delle parole del testo. A confermare quanta parte la strumentalit svolgesse nella vita musicale di quei tempi e come la stessa nozione di stile a cappella racchiuda in realt molte incognite circa la sua concreta realizzazione sono gli organici delle cappelle stesse, dove gli strumentisti sono spesso pi numerosi e meglio pagati dei cantori. Tuttavia prima del Quattrocento assai rari furono i brani strumentali tramandati attraverso la scrittura, forse perch all'epoca quasi nessuno si preoccup di sprecare tempo e pergamene per un genere musicale plebeo e basato su regole improvvisative che si tramandavano oralmente.

16

Solo nel Cinquecento, per gli effetti concatenati della diffusione della stampa, del notevole perfezionamento delle tecniche costruttive degli strumenti e del prestigio crescente di cui godeva l'abilit esecutiva, la musica strumentale sia solistica sia di gruppo si afferm su scala pi vasta e in modi qualitativamente diversi, acquistando la dignit di genere artistico autonomo, dotato di competenze, repertori e stili sempre pi svincolati dalla musica vocale. In effetti l'uso di strumenti o anche di musiche solo strumentali aveva sempre dovuto fare i conti con un modello ideale predominante secondo il quale la musica delle classi colte veniva primariamente immaginata per le voci. Che poi le voci di una polifonia potessero essere anche affidate a strumenti era questione di pratica quotidiana o di opportunit contingente; ma che esse venissero fondamentalmente pensate come voci nel senso di voci umane, altrettanto certo. Solo in occasione di danze o musiche di accompagnamento per solennit rituali gli strumenti godevano di una funzione esplicita e di una indipendenza dichiarata. Ma in musiche strumentali pure occorreva una sorta di architettura astratta che le organizzasse formalmente e ne giustificasse la forma. Queste architetture sonore seguirono dunque inizialmente due grandi modelli preesistenti: quello della danza e quello della polifonia vocale. La grande abbondanza di fonti documentarie sulla pratica sociale del ballo e la relativa scarsit di testi musicali scritti, sono indizi sicuri del fatto che le musiche per il ballo, di diverso tipo a seconda dei vari ceti sociali, erano quasi sempre eseguite da complessi che le imparavano per tradizione orale. La comparsa di stampe musicali contenenti danze (particolarmente significative quelle pubblicate in Francia e nei Paesi Bassi dagli editori Attaingnant, Susato, Phalse) indica come a poco a poco la moda dell'esecuzione di tali musiche si diffondesse anche tra le classi pi elevate. Aldil della rilevanza estetica che gran parte di queste raccolte avevano, limportanza storica della musica per danza fra

Cinquecento e Seicento enorme perch da essa dipende in buona misura la nuova sensibilit che porta al passaggio dalla modalit alla tonalit. La corporea fisicit dei

movimenti coreografici genera per assimilazione una periodicit di movenze e gesti melodici, ritmici, armonici: quella forza di gravitazione che istituisce nessi tonali rudimentali ma tenaci tra i gradi basilari del tono (primo, quarto, quinto grado) ha una valenza accentuativa irresistibile, che si ripercuote sulla fraseologia melodica. (Bianconi, 1982) Nel Cinquecento le danze, anche quelle effettivamente ballate, venivano spesso collegate in una successione che abbinava bassa danza e alta danza, cio balli pi statici e passeggiati con balli pi dinamici e saltati. Cos era per le coppie pavana-gagliarda o passamezzo-saltarello, rispettivamente in tempo binario e ternario. Se ne ha un esempio nel Passemezzo e Salterello Giorgio, ( traccia 5) proveniente da una raccolta di danze

fatte copiare in Inghilterra dal conte di Arundel al suo ritorno dallItalia nel 1560: si tratta di balli eseguiti a Firenze durante le feste di Carnevale, con arrangiamenti che dimostrano uno

17

stile estemporaneo e risalgono probabilmente al terzo decennio del secolo. Il titolo fa riferimento ad una canzone popolare il cui motivo viene ripreso da entrambe le danze, col loro ritmo caratteristico che rimanda, rispettivamente, al tipo della bassa danza (cio una danza pi lenta e nella quale i piedi sono pi vicini al terreno ) e allalta danza ( una danza in cui sono presenti i salti): al ritmo binario e al tempo moderato del passamezzo si affianca il ritmo ternario e il tempo mosso del saltarello. In entrambi i casi troviamo un semplicissimo frammento, una successione accordale che viene riproposta numerose volte con leggere variazioni della linea melodica o con strumenti diversi. La strumentazione qui ricreata liberamente dagli interpreti utilizza in mescolanze omogenee le principali famiglie di strumenti utilizzate nel primo Cinquecento: a pizzico ( clavicembalo, spinetta, liuti, arpa), ad arco ( viole), a fiato (flauti, cromorni e cornetti ) e a percussione (tamburi). Connessa con la danza, un'altra forma musicale importante: quella della variazione. Anche qui siamo di fronte a una eredit parzialmente dovuta alla tradizione popolare, accolta e sviluppata in ambito colto. Non solo le musiche per danza prevedevano, come s' detto, esecuzioni variate con aggiunte di tipo improvvisativo, ma spesso le stesse coppie pavanagagliarda e simili si basavano sul principio della variazione, quando presentavano un'unica melodia che veniva eseguita prima in tempo binario e poi in tempo ternario, con gli opportuni adattamenti. Senza parlare di balli come la passacaglia e la ciaccona , basati sulla ripetizione quasi ossessiva di brevi schemi armonico-ritmici che si prestavano ad ogni sorta di ornamentazioni. Schemi di questo tipo vennero incorporati nella tradizione colta in cui l'uso di variazioni o partite (diferencias in spagnolo) si diffuse ampiamente. Se ne ha un esempio magnifico gi nelle Cento Partite sopra passacagli di Girolamo Frescobaldi ( traccia 6) La pratica consueta della esecuzione su strumenti di polifonie vocali, forn la base di un altro percorso di sviluppo dei generi strumentali. Nella grande variet di forme e generi, non ancora ben distinti da convenzioni diffuse e denominazioni precise cominciarono a emergere brani strumentali che traevano i propri statuti costitutivi proprio dalle forme vocali: il ricercare per strumenti a tastiera e soprattutto la canzona da sonar destinata ad ogni sorta di strumenti. Il primo di questi due generi tendeva ad organizzarsi sullo schema del mottetto, strutturandosi per sezioni ciascuna introdotta da un ingresso delle voci in imitazione; la Canzone era di struttura analoga a quella del ricercare, ma di carattere

diverso perch non legato ad austeri esempi di polifonia sacra bens al pi disinvolto genere profano della Chanson francese. Un posto tutto particolare merita poi il genere musicale della toccata, che fra tutti i menzionati quello che pi si allontana dal modello della polifonia vocale e della danza, trovando soluzioni espressamente suggerite dallo strumento, e per questo definibile come un genere idiomatico. Inizialmente la toccata la cui denominazione si riferisce allidea di toccare, e dunque assaggiare le sonorit di uno strumento - indirizzata al liuto, al cembalo o allorgano ed costituita da una serie di accordi collegati fra loro da rapide

18

figurazioni virtuosistiche, per lo pi a scala. Verso la fine del Cinquecento soprattutto nei due libri (1598-1600) dell'organista veneziano Claudio Merulo (1533 - 1609) la toccata acquista ampie proporzioni e alterna episodi liberi e virtuosistici con altri polifonici di stile imitativo. Nella prima met del Seicento la musica per soli strumenti, forte della ricca esperienza dell'epoca precedente, conosce un lungo e fecondo periodo di sperimentazione e conclusione del quale si affermeranno in tutta Europa i solidi schemi formali della fuga, della sonata, del concerto, della suite, e di altri generi che sanciranno definitivamente la legittimazione della sua autonomia.

Tracce 7-8
GIROLAMO FRESCOBALDI, Toccata IX dal I libro di Toccate (1615) Canzon francese dal Primo libro delle Canzoni (1628)
Nelle opere di Girolamo Frescobaldi, la musica strumentale dimostra gi un notevole grado di complessit con capolavori la cui fantasia inventiva supera quella di ogni altro e che peraltro si applica ad unampia variet di generi. Linfluenza di Frescobaldi fu duratura e di notevole portata, soprattutto nel campo della musica per tastiera: ai suoi esempi si

ispirarono schiere di musicisti italiani e stranieri come Bernardo Pasquini, Jacob Froberger , Bach e Handel. Oltre ai due libri di Toccate (1615 e 1627), fantasie, ricercari, canzoni, capricci, variazioni, si presentano nelle numerose raccolte per organo e cembalo pubblicate dal compositore ferrarese, dal Primo libro delle Fantasie del 1608 alle Canzoni alla francese uscite postume nel 1645: tutti generi ampiamente noti alla tradizione cinquecentesca, ma tutti trattati con una capacit inventiva alla quale la musica del Cinquecento non era avvezza. Soprattutto dal madrigalismo maturo di Monteverdi e di Gesualdo sembra venire a Frescobaldi una sensibilit espressiva, unestrema sottigliezza nella resa degli affetti che si realizza mediante arditezze linguistiche e sofisticate tecniche contrappuntistiche. Nelle maggiori opere di Frescobaldi la varietas, principio poetico fondamentale dellestetica barocca, si combina con una forte volont discorsiva: la musica parla e canta al pari della musica vocale, come mai forse era accaduto; gli affetti che essa agita sono generici ma non meno intensi, configurando una vera retorica musicale. Nella prefazione alle Toccate per tastiera Frescobaldi dichiara di averle concepite in modo che siano copiose di passi diversi et di affetti; lautore chiede che vengano eseguite con lo stesso atteggiamento che veggiamo usarsi nei madrigali moderni, cio assecondando i loro affetti, o senso delle parole; mutuando direttamente termini ed espressioni da quell'ambito madrigalistico e vocalistico. In un brano come la Toccata IX del primo libro di Toccate assistiamo ad un vero e proprio discorso musicale in cui possiamo senza fatica individuare exordium,

19

expositio, confirmatio conclusio, parti della dispositio

secondo i principi della retorica

classica tramandati da Cicerone e Quintiliano. La toccata ha in effetti un incipit esitante e introduttivo: lesordio di una conversazione fra pi voci, rappresentate idealmente dai diversi registri della tastiera. La conversazione verte su due brevi temi:quello che si ascolta immediatamente nel registro acuto e la breve figura di tre note che viene subito dopo ripetuta in imitazione fra le varie voci.

A questa sezione - lexpositio - segue un dialogo alquanto pi concitato tra le voci rappresentate dalle due mani nel quale la figura b) ancora chiaramente percepibile (confirmatio); il dialogo si fa sempre pi intenso per poi placarsi in unulteriore sezione pi distesa e meditativa, destinata a far posto ad una parte conclusiva dove la dialettica cresce in concitazione man mano che si va verso la fine del brano. In questa come in altre composizioni di Frescobaldi la polifonia imitativa si alterna con brillanti e fantasiosi passi virtuosistici in stile di toccata, con invenzioni melodiche memori delle tradizioni di canto del madrigale e della monodia. La varietas agisce anche nelle Canzoni da sonare dove Frescobaldi costruisce i suoi disegni formali alternando le varie sezioni secondo criteri di analogia o di contrasto e utilizzando caso per caso il principio della molteplicit dei termini oppure quello del monotematismo; ma i temi impiegati nel corso della composizione vengono raramente ripetuti uguali: a ogni ripresa Frescobaldi tende a elaborarli, a modificarli con continue e sottili varianti. Nelle Canzoni, destinate a vari strumenti, lalternanza di passi con ritmi contrastanti, declina in altro modo il principio dellordine nella diversit, la barocca concordia discors. Qui larticolazione pi netta che nelle Toccate, facendosi vera e propria divisione in sezioni, scandite da una alternanza tra andamenti veloci e andamenti lenti, ritmi binari e ritmi ternari. Questo principio, sviluppato gradualmente sar destinato a diventare cardine di ogni struttura di ampio respiro nel campo della musica destinata ai soli strumenti. Nella Prima Canzone franzese tratta dal Primo libro delle Canzoni ad una, due, tre e quattro voci (1628),

concepita per due parti - uno strumento melodico accompagnato dal basso continuo - la divisione in sezioni segue una logica di alternanza tra andamenti veloci e andamenti lenti, ritmi binari e ritmi ternari. Il discorso parte con una breve frase del basso che costituisce il tema di una vera e propria conversazione fra le due voci: il motivo iniziale infatti viene

20

variato e modificato ma resta sempre come nucleo di un dialogo basato sul principio dellimitazione. La scrittura non virtuosistica, ma evidentemente dialogica affettuosa (nel senso seicentesco di espressione degli affetti) improntata al principio fondamentale della varietas, come si pu facilmente constatare dallo schema a cui essa riconducibile:
Sezione A ( tempo binario; breve motivo in imitazione tra basso continuo e flauto ) Sezione A ( Ripetizione con ornamentazioni improvvisate dagli esecutori) Coda della sezione A Sezione B ( tempo ternario; motivo simile a sezione A + coda in tempo pi lento) Sezione C ( Allegro; tempo binario; motivo in note ribattute ) Sezione D (tempo ternario; tempo binario accelerazione progressiva verso la fine ) [00-026] [027- 51] [ 052-113] [114- 136] [ 137-225 ] [ 2 26 fine]

21

SCHEDA 5
Arcangelo Corelli: dalla Sonata al Concerto grosso

Levoluzione della cultura strumentale italiana si accompagn nel corso del Sei-Settecento ad unintensa espansione dellopera dei maestri liutai bolognesi e lombardi che condusse al perfezionamento definitivo degli strumenti ad arco destinati a soppiantare gli strumenti a fiato, ed in particolare il flauto dritto, nelle preferenze del pubblico italiano. Nellambito di questa famiglia strumentale il violino impose presto la sua supremazia secondo un

processo parallelo a quello verificatosi nella musica vocale in cui le voci pi alte ( soprani e castrati ) avevano assunto il maggiore risalto. Nel secondo Settecento le sonorit strumentali diventano cos pi costanti: mentre nelle composizioni del primo Seicento si usava contrapporre strumenti ad arco e a fiato, a pizzico e a tastiera, spesso mischiati ella voce in sontuosa variet sonora, nelle convenzioni strumenti ad arco. Gli archi e il violino in particolare - furono in effetti i veri protagonisti, in questa fase della storia, dei due generi principali che contraddistinguono lambiente italiano, cio la Sonata e il Concerto. Il termine sonata nel corso del XVI secolo veniva sovente impiegato per riferirsi a una composizione affidata a strumenti, in opposizione al termine cantata che invece era riferito a brani vocali. Nel corso del Seicento il termine venne precisandosi, sempre pi spesso usato per brani strumentali destinati a pochi strumenti, in ci dunque diversi dai concerti e dalle sinfonie destinati invece a gruppi pi o meno ampi. Nella sua organizzazione la Sonata prese le mosse dalla Canzone da sonar, che pur nello stato fluido delle forme seicentesche, rappresentata dal gi citato esempio di Frescobaldi: un brano strumentale vivace nelle sue idee melodiche, diviso in sezioni, capace di utilizzare procedimenti imitativi ma anche ritmi di danza, abile nell'alternare temi o varianti tematiche. Si tratta allinizio di un modello comportamentale assai elastico, aperto a una grande quantit di variabili formali e stilistiche. Ma verso la met del secolo questa possibilit di scelte tende a trovare una organizzazione pi ordinata e compatta in coincidenza con la progressiva sostituzione del termine canzone, con il termine Sonata che sancisce ormai il distacco dalle origini vocali. Il nuovo genere vedr emergere alcune caratteristiche: 1) si distingue fra stile contrappuntistico e stile di danza, che determina la distinzione fra sonata da chiesa e sonata da camera. 2) si impone sempre pi stabilmente luso della cosiddetta Sonata a tre, destinata a tre parti costituite da due violini e un basso continuo; dunque lorganico poteva contare anche quattro o cinque strumenti data lelasticit della realizzazione del basso continuo ; 3) emergono infine due tipi principali di contrasto: quello fra andamento lento (adagio) e andamento veloce (allegro) che d luogo ad unalternanza regolare di parti ormai settecentesche prevalgono nettamente gli

22

nettamente definite, come atti di una pice teatrale, quelli che si chiameranno da allora in poi movimenti o tempi La Sonata costitu il terreno su cui venne germogliando un ulteriore genere, quello del Concerto, soprattutto in relazione ad alcuni aspetti formali tipici: la strutturazione in pi tempi, la diversa caratterizzazione degli adagi e degli allegri, l'utilizzazione di modelli di derivazione contrappuntistica e di danza. Il termine che oggi viene comunemente usato per indicare lesibizione pubblica di cantanti, strumentisti, orchestre ecc. deriva dalla sua etimologia latina lidea di andare daccordo : si dice andare di concerto quando c appunto unintesa. Inizialmente nel Cinquecento questa parola venne usata per brani intonati insieme da voci e strumenti. Poi nel corso del Seicento il termine venne a definire una composizione puramente strumentale affidata a un complesso relativamente ampio, nella quale ciascuna parte veniva eseguita da pi strumentisti Al processo di formazione dello stile del concerto contribuiscono centri musicali diversi, per lo pi situati nel Nord Italia. Dopo i decenni di sperimentazione e di assestamento, a fine secolo dalla scuola bolognese si stacc con forza un compositore destinato ad acquisire unenorme fama presso i contemporanei: Arcangelo Corelli le cui opere portarono a compimento in maniera esemplare linee di tendenza comuni ai compositori dell'epoca. Tale esemplarit dovuta a ragioni diverse: anzitutto egli, caso abbastanza singolare in quegli anni, non si dedic forse mai ai generi allora predominanti della musica vocale; in secondo luogo egli costru il suo linguaggio sulla base di un'accorta sintesi di esperienze diverse; infine non da sottovalutare, nel quadro della rappresentativit corelliana, la stretta dimestichezza del musicista con la nobilt e 1'intellettualit romana: con la regina Cristina di Svezia, brillantissima mecenate e promotrice di cenacoli culturali, con i cardinali musicofili Benedetto Pamphili e Pietro Ottoboni, con gli ambienti letterari dell Accademia dell'Arcadia attraverso i quali si stava imponendo in quegli anni un gusto razionalistico per l'ordine e la compostezza stilistica, in evidente reazione alla esuberanza barocca. Su generi musicali rappresentativi di linee di tendenza diffuse, la Sonata e il Concerto, si applica il carattere di fondo dello stile corelliano che il risultato di un'ormai secolare elaborazione di tre grandi modelli di architettura sonora: la polifonia vocale, la musica da ballo e il canto solistico. Il primo modello imprime alle sonate e ai concerti tardo-seicenteschi limpronta dello stile imitativo che emerge particolarmente in certe parti della composizione (ad esempio agli inizi dei tempi allegri, soprattutto nei generi da chiesa) e attraverso il quale Corelli avvia un processo di semplificazione e purificazione della scrittura polifonica cinquecentesca; il secondo modello caratterizza esplicitamente alcuni dei tempi delle sonate e dei concerti che portano titoli di movimenti di danza, e - pi in generale - conferisce alle composizioni brillantezza, vivacit e piacevolezza; il terzo modello innerva lo stile corelliano di specifici caratteri di espressivit: la vocalit del melodramma, della cantata, dell'oratorio,

23

concepiva infatti la melodia come uno strumento di potenziamento delle emozioni implicite nella parola, secondo i principi della teoria degli affetti . Anche la musica strumentale (in particolar modo gli adagi, ma non solo) era impregnata di moduli melodici di derivazione vocale: progressioni, sincopi, dissonanze, pause, ampi salti, drammatizzavano il linguaggio conferendogli spesso una soma di implicita gestualit. Un tratto particolarmente caratteristico dello stile di sonata e di concerto cos come viene realizzato da Corelli (e che sancisce la sua fama) costituito dalla semplice ma ormai chiarissima organizzazione della tonalit che viene affermata attraverso il gioco imitativo proteso al raggiungimento di punti tonali certi, la ripercussione ravvicinata di accordi di tonica, le progressioni armoniche ( ripetizione in senso ascendente o discendente di piccole frasi ), la razionale distinzione dei piani tonali, organizzati per lo pi sul bilanciamento fra la tonalit d'impianto, su cui sono costruiti gli episodi iniziali e finali del movimento, e la tonalit della dominante, che compare di solito verso la met del brano. Nelle composizioni in modo minore l'alternanza avviene pi spesso fra la tonalit minore e la sua relativa maggiore. Altre tonalit secondarie possono essere toccate, ma i pilastri fondamentali, all'epoca di Corelli, sono ormai sempre chiaramente fissati. All'interno di questo semplice itinerario tonale si inseriscono i vari episodi, ciascuno delimitato da una cadenza. Il gioco dei temi gode di una certa fluidit e libert: ad esempio, negli allegri la proposta melodica iniziale viene subito ripresa in imitazione dalle varie voci; da questa idea di partenza, o da certi suoi tratti, scaturiscono altre idee secondarie che anch'esse vengono riprese ed elaborate e costituiscono materiale per gli episodi che via via si susseguono nel brano. Corelli, attivissimo ai suoi tempi come compositore e violinista, fu prudentissimo nel pubblicare le sue opere, che correggeva, limava e selezionava con attenzione prima di dare alle stampe. Il risultato di questa scrupolosa cura fu costituito dalle sole sei raccolte, che costituiscono tutto il corpus corelliano, ciascuna composta di 12 brani e definita da un numero dopera progressivo (secondo luso invalso nel secondo Seicento che sarebbe rimasto in vigore nella musica strumentale fino al primo Novecento: le prime quattro (16811694) contengono Sonate a tre, da chiesa (opera I e opera III, connotate da uno stile pi contrappuntistico e da movimenti pi solenni) e da camera (opera II e opera IV, connotate da uno stile tendenzialmente omofonico e da movimenti di danza ). L'opera V contiene Sonate per violino solo e basso continuo (sei da chiesa e sei da camera) pubblicate nel 1700.

24

Tracce 9-10
Arcangelo Corelli, Sonata a tre op. III n.2 : Grave-Allegro Sonata op.V n. 9 in la maggiore : Giga

Nella terza raccolta data alle stampe da Corelli nel 1689, vengono riunite dodici Sonate da chiesa che presentano ad un massimo grado di esemplarit le caratteristiche di un genere del quale Corelli fu considerato in seguito il maestro per eccellenza. La seconda Sonata articolata in quattro movimenti, secondo una successione tipica dello stile da chiesa: Grave Allegro Adagio Allegro. Il Grave iniziale ha funzione introduttiva, un exordium intenso e meditativo, dallincedere lento con pause profonde e significative, nel quale le tre parti sembrano graduare la pulsazione sonora ( minime al primo violino, semiminime al secondo violino, crome al basso continuo). Secondo la prassi della sonata da chiesa il movimento seguente il pi complesso della composizione. Leredit della canzone da sonar polifonica qui massimamente percepibile. Le tre parti sono perfettamente equiparate e danno luogo ad un tessuto dialogico reso omogeneo dai rimandi ai nuclei tematici. Allinizio le tre parti espongono il tema entrando sfalsate, una dopo laltra e ricorrendo alla tecnica dellimitazione (il secondo violino risponde per moto contrario); tutto il gioco dialogico del brano intessuto intorno a quanto propone il primo violino nelle prime tre misure: una breve sigla melodico-ritmica che rimbalza pi volte fra le tre parti, trasposta e variata. Il secondo esempio qui proposto tratto invece dallopera Quinta. Il primo gennaio 1700, allalba di un nuovo secolo, vedono la luce in Roma delle sonate che porranno la pietra tombale su quello stile che molto pi tardi sar definitobarocco: Arcangelo Corelli () pubblica con una splendida e curatissima incisione in rame 12 sonate a violino e violone o cimbalo in cui la ricerca di essenzialit e senso delle proporzioni illustrano come meglio non si potrebbe i nuovi ideali estetici legati alla nascente Accademia dellArcadia. Rifuggendo dalle stravaganti asimmetrie, dalle bizzarrie e dai facili effetti a sorpresa che sovente si manifestavano nelle sonate a solo degli autori del XVII secolo, il musicista romagnolo riesce a proporre allEuropa un nuovo modello formale puro, equilibrato, ricco di distillata sostanza musicale (Gatti 2004). Nellopera quinta Corelli si serve delle stesse tecniche e degli medesimi stilemi utilizzati nelle precedenti raccolte di Sonate a tre. Anche qui compare una distinzione fra stile da chiesa rappresentato dalle prime sei Sonate e stile da camera rappresentato dalle Sonate VI-XII; in queste ultime trovano spazio danze precedute da Preludi iniziali. Si tratta di danze che, naturalmente, sono lontanissime dalla pratica del ballo e che sono intese come arie dal movimento regolato, cio pretesti per la costruzione di forme musicali quadrate.

25

La giga, come tutte le danze della raccolta, si articola in due sezioni ripetute secondo lo schema AA/BB; tale articolazione lascia emergere in modo evidente unorganizzazione della tonalit di apollinea limpidezza: nella prima sezione il discorso segue una direttrice che dalla tonalit della tonica (LA) arriva alla tonalit della dominante (MI); nella seconda sezione dalla tonalit della dominante si ritorna alla tonalit della tonica, un ritorno che viene i principi

sottolineato dalla ripresa quasi identica dellincipit. Ritroviamo qui sviluppati

strutturali gi individuati nella Canzone franzese di Frescobaldi : lidea di fondo quella di un dialogo fra le voci del violino e del basso continuo, costruito su un semplice motivo di base. Ma rispetto allesempio frescobaldiano in questo elegante movimento di danza domina una esemplare chiarezza discorsiva, una limpidezza e un gusto per le simmetrie che ci fa rammentare lappartenenza di Corelli allArcadia. La chiarezza viene raggiunta attraverso il nitido gioco imitativo tra le due parti, la ripercussione ravvicinata delle note e degli accordi di tonica (cerchiata in rosso) e di dominante ( cerchiata in blu), .

Altro tratto tipico della scrittura di Corelli, che diverr tipico di tutta questepoca luso delle progressioni. Una tecnica comunissima che consiste nella ripetizione di un brevissimo frammento melodico, detto modello ripetuto su un grado della scala ascendente o discendente. Pur nella sua brevit la giga attraversata da molte progressioni; ne troviamo un esempio semplice poco pi avanti quando il violino presenta una figurazione che si ripete per cinque volte sul basso che parte dalla tonica (la) e scende di grado fino al do.

A principi simili si rifanno anche i Concert grossi raccolti nellopera VI (stampata postuma nel 1714 e che rappresenterebbe la tardiva selezione di brani di epoche precedenti nati in occasioni disparate). Rispetto alle Sonate, i Concerti corelliani appaiono pi ampi e

complessi, con movimenti maggiormente articolati: questa differenza si spiega soprattutto in

26

base alla dialettica tra il gruppo del Concertino ( costituito da due violini e violoncello ) e il gruppo del Concerto grosso ( che comprende un organico pi ampio e indefinito ), gioco di ispessimenti e alleggerimenti, di pieni e di vuoti che sviluppa magistralmente il principio dialogico delle Sonate, fino a diventare per i posteri uno dei tratti esemplari della raccolta corelliana. ( traccia 11)

27

SCHEDA 6
Concerto e Sonata nellItalia settecentesca
Nel solco corelliano si colloc lopera di Antonio Vivaldi che in incarn i caratteri tipici dello stile italiano chiarezza discorsiva, semplicit strutturale, immediatezza melodica con grande inventiva. Operista prolifico, autore di musica vocale sacra e profana,

Antonio Vivaldi si visto assegnare dalla storia il ruolo, non del tutto esatto, di inventore del concerto solistico, genere che si affianc al concerto grosso, per poi sostituirlo intorno alla met del Settecento. Nonostante questo genere offra solo un'immagine parziale della sua opera e del suo armamentario stilistico, esso ha monopolizzato l'attenzione del pubblico e degli studiosi; dal punto di vista storico questa preminenza quasi assoluta giustificata almeno in parte dal fatto che negli altri generi il suo apporto ai gusti dell'epoca fu di gran lunga minore. Ordinato sacerdote nel 1703, Vivaldi fu presto dispensato dal celebrare messa per le sue cattive condizioni di salute; entr allora come insegnante di violino nel Ospedale della Piet dove rimase fino al 1740. Era questo uno dei quattro istituti veneziani dove, a somiglianza dei conservatori napoletani, trovavano assistenza gratuita orfani, illegittimi e malati. In quel conservatorio, esclusivamente femminile, era famosa lattivit musicale delle putte, che si esibivano le domeniche e i giorni festivi, nascoste alla vista del pubblico da una fitta grata: per esse Vivaldi compose la maggior parte delle sue musiche sacre, delle sue cantate e soprattutto dei suoi concerti, ai quali fu pi legata la sua fama. Il catalogo dei concerti vivaldiani conta circa 500 numeri, quasi la met dei quali per violino solo; soltanto 84 furono pubblicati vivente lautore in raccolte edite ad Amsterdam, le pi diffuse e

conosciute raccolte furono lEstro armonico op.3, pubblicata nel 1711 e Il cimento dellarmonia e dellinvenzione op.8, edita nel 1725. Dunque poco pi dell'80% dei concerti di Vivaldi rimasero manoscritti; la fama del compositore per venne, oltre che dalle stampe olandesi, proprio dai concerti tenuti con cadenza settimanale all'Ospedale della Piet che attraevano spesso un pubblico internazionale ( occorre ricordare che Venezia era una delle mete dobbligo del Grand Tour ) Lo schema architettonico del concerto vivaldiano pressoch fisso: solo tre movimenti, secondo la successione tempo veloce - tempo lento - tempo veloce, che si svolgono mediamente nel breve arco di una decina di minuti. Il tempo lento affidato al solista spesso col solo supporto del basso continuo si ispira alla tenera cantabilit di un'aria; i tempi veloci invece adottano ed elaborano quella forma a ritornello gi riscontrabile in Torelli e Albinoni. Affidato al tutti il ritornello la riproposizione intera o parziale dell'idea esposta in apertura, lungo un percorso che tocca tonalit diverse per ritornare infine a quella di partenza. Quattro, cinque o pi ritornelli incorniciano saldamente i brillanti episodi del solista spalleggiato dal basso continuo o da interventi degli archi, in un dualismo che

28

viene sottolineato affidando al solo una materia melodica autonoma rispetto al tutti: una struttura chiara, semplice, immediatamente percepibile. La struttura dunque semplifica ulteriormente il modello corelliano ed entro questo solido contenitore, capace di ospitare varianti pressoch inesauribili, Vivaldi costruisce il suo stile pi conosciuto. In primo piano c' quell'incedere ritmico cos caratteristico e trascinante, la cui scansione quasi inesorabile esalta un tratto che era gi tipico e rinomato della musica italiana. Ma Vivaldi punta soprattutto sul protagonismo del solista, cui sono affidate figurazioni melodiche ricche di una fantasia e bizzarria talvolta imprevedibili, passaggi dal virtuosismo funambolico dove ricorrono tutte le risorse disponibili della tecnica violinistica di allora. Sul piano della costruzione musicale lo stile di Vivaldi utilizza, semplificandolo, il linguaggio corelliano con moduli ricorrenti progressioni, iterazioni ostinate, armonie statiche, omofonia, unisoni che contribuiscono a rendere inconfondibile il suo profilo e sono visibilmente indirizzati al fine primario dell'immediatezza discorsiva ed espressiva. Bisogna poi sottolineare uno spiccato gusto per la ricerca timbrica e linvenzione di sonorit nuove, con accenti, ribattuti, tremoli, effetti vuoto-pieno, dinamiche accentuate.

Tracce 12 ab
Antonio Vivaldi, Concerto op.8 n.4 Linverno I, Allegro non molto, II, Largo
Semplicit e chiarezza formale, grande inventiva melodica, marcato gusto per la ricerca timbrica, invenzione di sonorit nuove: le doti che rendono celebre Vivaldi in Europa si manifestano in pieno nella sua opera ottava intitolata Il cimento dellarmonia e dellinvenzione: una raccolta che si apre con i quattro Concerti delle Stagioni, preceduti da sonetti esplicativi, probabilmente redatti dallo stesso Vivaldi, in cui lettere in maiuscolo segnalano gli effetti o gli eventi che la musica riproduce. Qui la materia sonora

organizzata secondo la struttura tipica che si descritta con i movimenti veloci ancorati alla regolare alternanza di ritornelli orchestrali e di episodi solistici e i movimenti lenti basati sullo schema dellaria ma in essa agiscono in modo determinante i criteri descrittivi che conducono Vivaldi ad una libert espressiva inaudita, proprio attraverso la ricostruzione di atmosfere naturalistiche e di effetti bizzarri e coloriti. Ad esempio nel movimento centrale del concerto n. 4, lInverno, la descrizione della pioggia porta ad unorganizzazione sonora a tre strati: il canto disteso del solista, gli arpeggi pizzicati dei violini che rimandano allimmagine della pioggia che batte sui tetti e le

figurazioni nervose dei bassi che rimandano al crepitio del fuoco. Nel primo movimento invece la descrizione dellambiente viene realizzata con semplici ma efficaci gesti musicali: gli accenti marcati dati dai trilli nel primo tutti rendono lagghiacciato tremar; rapide figurazioni del violino introducono lorrido vento; quindi il ritornello successivo con le sue

29

note ribattute in velocit d il senso del correr battendo i piedi; unulteriore invenzione timbrica consistente nel rapidissimo tremolo affidato allultimo episodio solistico ha il ruolo di rappresentare il verso e pel soverchio gel battere i denti. Concerto op.8 (Il cimento dellarmonia e dellinvenzione) n.4 Linverno ( Le lettere si riferiscono al Sonetto riprodotto nella pagina seguente ) I, Allegro non molto Ritornello (Tutti) Orrido vento ( Episodio solistico: veloci arpeggi) Ritornello A ( Tutti) Correr battendo i piedi ( Tutti solo : note ribattute) Venti ( Episodio solistico) Ritornello ( Tutti) Batter li denti ( Episodio solistico: tremolo ) Ritornello ( Tutti) II Largo La pioggia. 1) solista: canto disteso 2) violini: arpeggi pizzicati ( pioggia che batte sui tetti) 3) bassi: figurazioni ribattute veloci ( crepitio del fuoco)

A B C

[00] [036] [057] [110] [145] [200] [229] [257]

30

31

SCHEDA 7
Lo stile francese: la musica per clavicembalo di Franois Couperin
Innumerevoli specie di danze e successioni di danze si praticarono in tutta Europa nel corso del Cinquecento. Le sequenze di due danze determinarono gradualmente labitudine di raggruppare i balli in una successione pi ampia detta Suite (che in francese significa appunto successione). Le danze pi utilizzate erano : lAllemanda, in tempo moderato e ritmo binario; la Corrente di movimento vivace e ritmo ternario; la Sarabanda, danza lenta di origine spagnola, in ritmo ternario; il Minuetto, danza elegante in ritmo ternario; la Giga, danza rapida di origine inglese, spesso posizionata alla fine della Suite. La diffusione di

questo genere si sviluppa nel corso del Seicento lungo una direttrice nella quale il rapporto con la danza non esiste ormai quasi pi e si pu parlare ormai di danze non danzate.
L atteggiamento consueto del virtuoso strumentale che adibisce i modelli metrici, armonici e melodici delle musiche da ballo ad un uso esclusivamente sonoro e cameristico (e non coreico) inclina volentieri verso l'elaborazione artificiosa, la dissimulazione sottile del modello, la sua sublimazione nel giuoco delle figure e dei passaggi idiomatici: il musicista si impossessa della musica da ballo e, riproducendola sul suo strumento, tende a denaturarla, a farne il mero oggetto d'un trattamento esecutivo e compositivo al quale consegna l'interesse artistico del brano; complicandola o raffinandola, egli ne attutisce la fisionomia originaria. Il processo spinto all'estremo nelle suites di danze dei cembalisti francesi di fine secolo, ma a met secolo le suites d'un allievo di Frescobaldi, Johann Jacob Froberger, ne prefigurano l'ordito dipanato in arpeggi diffusi: il movimento di danza stilizzato in un gesto melodico e sonoro soffuso ed evocativo, immagine remota della corporea mobilit di danze come l'allemanda, la corrente, la sarabanda, la giga, che a met Seicento hanno dimesso ormai da almeno un paio di generazioni ogni comportamento danzereccio (Bianconi 1979 )
'

Fu in Francia che queste danze non danzate divennero presto una componente essenziale della musica strumentale destinata al consumo aristocratico e borghese. Anche in questo caso limpronta di Luigi XIV, si impresse direttamente e indirettamente anche sul piano della musica strumentale; la marcata predilezione del Re sole per la danza produsse leffetto di catalizzare linteresse e la fantasia dei compositori per questo genere di musica estendendone notevolmente luso e la portata. diede forme e caratteri nuovi alla musica per danza. Danze gi conosciute ma poco usate come lAllemande, la Gavotte e la Gigue

divennero di gran moda, altre danze come la Corrente, la Sarabande, la Bourre cambiarono i propri connotati francesizzandosi per merito principalmente di Lulli al quale spett anche linvenzione di una nuova forma, destinata ad un successo secolare, come il Minuetto. In Francia un altro aspetto importante riguardava l'eredit della musica per liuto e il suo innesto nella nuova produzione per clavicembalo. Fino all'epoca di Luigi XIII il liuto godette del favore indiscusso della nobilt francese che si dilettava non solo di ascoltarlo, ma di usarlo essa stessa come suo strumento di diletto domestico. Ma dalla seconda met del Seicento il liuto venne a poco a poco soppiantato dal clavicembalo in questa funzione di strumento familiare. Si trattava di due strumenti molto diversi nella forma e nella tecnica

32

d'esecuzione, ma di suono non dissimile. Il repertorio delle Suites di danze, cos amato dai liutisti del XVII secolo, poteva bene adattarsi alla possibilit del nuovo strumento e trarre nuovo alimento dalle sue pi ampie possibilit foniche. Tra i primi autori francesi di suites per clavicembalo il pi noto fu Jacques Champion de Chambonnires: nelle sue musiche abbondavano i segni di abbellimento ( trilli di vario tipo, mordenti, gruppetti ) e gli effetti del cosiddetto style bris (stile spezzato), espressione che denotava una scrittura tipica del repertorio liutistico francese caratterizzata da figurazioni arpeggiate e da note in successione rapida.

Tracce 13- 14
Franois Couperin, La favorite La superbe ou la Forqueray
La figura maggiore in questo percorso fu per quella di Franois Couperin ( 1668-1733) , detto le Grand per distinguerlo dallo zio omonimo e dagli altri numerosi musicisti della sua famiglia. La sua produzione, emblematica della cultura francese, si incentr soprattutto nelle opere destinate al clavicembalo: per questo strumento in Francia ormai arrivato al suo massimo grado di potenzialit e perfezionamento tecnico Couperin scrisse ventisette Suites, da lui denominate Ordres, riunite in quattro libri che pubblic dal 1713 al 1730. Nellopera dei clavicembalisti francesi precedenti la suite si era definita come una struttura alquanto elastica nella quale al nucleo formato generalmente dalla successione allemanda, corrente, sarabanda e giga, si potevano aggiungere altre danze come gavotta, minuetto, ciaccona, passacaglia e rigaudon. Couperin prese le mosse da questa tradizione: ciascun Ordre comprendeva pi brani, in forma di danza talvolta dotato d'un titolo riferito al carattere della composizione. Il carattere popolare delle danze venne il pi delle volte completamente trasfigurato in una gravit malinconica, un incedere elegante ed aristocratico in cui lunica traccia del carattere originario si rinviene nel modulo ritmico ripetuto o variato con uninfinit di variazioni eleganti, ricche di quegli abbellimenti (agrements) che caratterizzavano il gusto francese. Sottratti in parte allimprovvisazione degli esecutori, trilli, mordenti, appoggiature, gruppetti ed altri

elementi decorativi, notati attraverso una serie di segni convenzionali, avevano conosciuto un enorme applicazione nellopera dei clavicembalisti francesi perch attraverso di loro lo strumento, incapace di prolungare la durata dei suoni e di variarne lintensit, era messo in grado di tenere le note e di sottolineare momenti espressivi particolarmente importanti. Si veda per esempio gi nel primo libro (terzo ordre) il brano intitolato La favorite, una ciaccona, danza di probabile origine messicana in ritmo , diffusasi in Spagna alla fine del Cinquecento, che richiamava nella figurazione e nel ritmo, la sensualit delle danze creole.

33

Costruita secondo lo schema formale del Rondeau

- con un refrain che ricorre e dei

couplets che vi si alternano - la pice di Couperin ha un carattere nobile e malinconico, in cui resta del carattere originario il modulo armonico-ritmico del basso discendente ripetuto ossessivamente. Nella produzione pi matura di Couperin i riferimenti espliciti alle danze divennero meno frequenti e prevalse sempre pi decisamente la descrizione e il ritratto (anche se alla base della maggior parte dei brani rimanevano, occulte, forme di danza stilizzate). In ci si pu vedere il chiaro riflesso delle teorie estetiche di Nicolas Boileau e di Jean Baptiste Dubos, che nel quadro di una concezione dellarte come imitazione della natura, portavano a considerare la musica strumentale come pittura sonora, imitazione degli stati danimo, ma anche dei fenomeni naturali e finanche capace di ritrarre caratteri e personaggi. In

Couperin che si rivolgeva dichiaratamente ad un pubblico dal gusto squisito - i titoli straordinariamente vari, hanno fondamentalmente connotazioni descrittive, riferendosi a persone, caratteri, sentimenti, animali, argomenti allegorici e mitologici, soggetti

paesaggistici, elementi burleschi. amour

Se in alcuni brani come Les ondes, Le Rossignol en

troviamo la rappresentazione onomatopeica e naturalistica, in altri pezzi Couperin

portava a livelli di estrema raffinatezza l'arte del ritratto psicologico e della descrizione per cenni e per allusioni, gi presente nella musica liutistica precedente. La predisposizione al ritratto interiore, all'osservazione psicologica dei moti pi intimi aveva gi attratto l'attenzione di alcuni raffinati scrittori francesi come La Bruyre negli gli ultimi anni del regno di Luigi XIV che avevano trasformato la grandeur in ripiegamento melanconico sotto l'influenza della favorita del re, l'austera Madame de Maintenon Quella di Couperin unarte sottile e raffinatissima, di impatto non immediato; unarte che tocca regioni nascoste, cerca di cogliere il pensiero interiore, aspira non tanto alla descrizione quanto all'evocazione. Quest'interpretazione suggerita dallo stesso Couperin quando dichiara nella prefazione che i titoli rispondono ad idee che ho avuto; mi si dispenser dal renderle esplicite. Molti brani sono considerati delle specie di ritratti psicologici e moltissimi titoli sono semplicemente caratteri o stati d'animo: il caso della Superbe ou La Forqueray. Si tratta in realt di unAllemande posta in apertura del diciassettesimo Ordre, costruita secondo la tipica struttura tonale bipartita, AABB, dove la prima parte segue un percorso dalla tonica do minore alla dominante SOL , e la seconda parte segue un percorso inverso. Il titolo si riferisce ad un carattere (la superbia) ma anche ad un personaggio noto nellambiente musicale parigino, Jean-Baptiste Forqueray, celebre violista da gamba, noto appunto per il suo carattere superbo, e ritratto attraverso un tratto caratteristico: la tessitura bassa, che rimanda appunto alla viola da gamba, con una linea del basso grave, pesante che ha il suo terreno dazione nella zona pi estrema del clavicembalo, e nei profili melodico-armonici tormentati, ricchi di abbellimenti, che conferiscono profondit alle due linee.

34

SCHEDA 8
Hndel e lopera seria nel primo Settecento

La cosiddetta opera seria era nei primi decenni del Settcento il genere di spettacolo largamente preferito dallaristocrazia e dalla borghesia cittadina di gran parte dEuropa. Le vicende che vi si raccontavano riguardavano per lo piu protagonisti eroici e altolocati, dellantichit; re, regine, cortigiani, condottieri, usurpatori, spesso personaggi storici, a volte mitologici, a volte anche biblici; amori infelici, tradimenti, riconoscimenti, travestimenti, vittorie, e sconfitte ne costituivano il nucleo essenziale. La grande variet di situazioni non deve tuttavia trarre in inganno sulla effettiva variet dello spettacolo. Infatti gli intrecci erano nella sostanza standardizzati: l'amore rappresentava la forza motrice di tutti gli eventi e il dovere morale - soprattutto raffigurato negli obblighi regali del buono e giusto governo dello stato - era una forza altrettanto importante ma spesso incompatibile con il legame amoroso; il lieto fine, in cui gli intrecci venivano risolti con buona pace di tutti, era d'obbligo e doveva includere anche un insegnamento morale, un esempio di virt che conferisse allo spettacolo una dignit etica e politica. Nei teatri impresariali i costi erano molto spesso pi alti degli incassi, per cui gli impresari s'ingegnavano come potevano per cercare di coprire i frequenti deficit; non si accontentavano di organizzare feste, balli, lotterie o altri giochi d'azzardo, ma cercavano d'indurre o di costringere gli stessi autori a collaborare alla riduzione dei costi, a volte lesinando sulle loro paghe. Il peso finanziario maggiore era costituito, infatti, dai cantanti che erano ormai diventati la maggior attrazione per il pubblico medio; perci i direttori di teatro premevano su musicisti e librettisti affinch diminuissero il numero dei personaggi, che dopo il 1720-30 si fiss attorno ai sei-sette. La voce di soprano era la preferita e le parti da affidare a soprani erano perci in genere pi numerose che quelle di contralto o di tenore o di basso. Ci aveva favorito l'abitudine a far interpretare anche le parti maschili da soprani o contralti e soprattutto dai castrati, che continuarono ad essere per tutto il Settecento i prediletti dal pubblico, nonostante le numerose voci che si levarono nella seconda met dal secolo, contro questa barbara usanza. L'esistenza di bambini evirati prima della pubert per sfruttare le loro particolari doti vocali e per conservarne il timbro dolce a acuto risale ancora al Cinquecento quando venivano usati in particolare nella Cappella papale. Tuttavia fu solo nel Settecento che il fenomeno dei castrati assunse un'importanza determinante nell'opera: essi divennero spesso grandi divi ammiratissimi dal pubblico. Alcuni di essi assursero a fama internazionale come Carlo Broschi detto Farinelli, il pi celebre; ma l'elenco anche solo dei pi rinomati sarebbe assai lungo: Bernacchi, Carestini, Caffarelli, Gizziello, Guadagni e molti altri si disputarono la celebrit puntando chi al pi spericolato virtuosismo, chi al sentimentalismo e comunque offrendo un contributo fondamentale alla creazione di quel particolare fenomeno

35

che fu il belcantismo, uno stile di canto che privilegiava sopra ogni altra cosa il virtuosismo, inteso non solo nella capacit di cantare figurazioni rapide, di aggiungere diminuzioni e ornamenti alle linee vocali, ma anche nella qualit di emissione vocale che mirava ad ottenere suoni morbidi, omogenei nel passaggio dalle zone gravi alle acute.

Tanto il dramma per musica quanto la commedia in musica basavano lo svolgimento della vicenda sul medesimo meccanismo: lalternanza ormai regolare di recitativi e arie. Queste due forme rappresentano le polarit dominanti della drammaturgia del melodramma settecentesco: nel recitativo ci sono i dialoghi che conducono avanti l'azione e assumono la funzione di fornire le necessarie informazioni all'uditorio; ad esso si alternano stasi dell'azione, le arie, dove il cantante pu fare sfoggio del suo virtuosismo. Questa distinzione fra azione in dialogo, momento dinamico dove la vicenda procede, e riflessione o espressione di stati danimo, momento statico in cui il cantante ha spazio per il virtuosismo, si riflette nell'organizzazione verbale e nella struttura dei versi dei libretti. Le parti d'azione sono in recitativo, pi breve di quello del primo Seicento, organizzato sempre in versi sciolti, non rimati, con alternanza di settenari ed endecasillabi: qui i personaggi, soli o in gruppo, descrivono e ragionano di ci che accade o accaduto. Due sono i tipi di recitativo, quello secco e quello accompagnato: nel primo caso la recitazione piu rapida, sostenuta appena da pochi accordi del clavicembalo; nel secondo piu estesa o ariosa e quindi alla voce si uniscono pi strumenti. Terminato il dialogo, un personaggio si separa dal gruppo, portandosi nella zona del proscenio ( parte anteriore del palcoscenico); qui egli interpreta, riflette, analizza in termini puramente musicali tutto ci che concerne la situazione: pu esserci un momento di confusione, che genera spesso le cosiddette "arie di paragone", pu esserci il momento della gelosia ("aria di gelosia"), o la disperazione per l'abbandono in carcere ("aria con catene") o lira rabbiosa (aria di furore), e tanti altri affetti. L ' aria non per lindividuale, precisa espressione di un sentimento del personaggio; al contrario

essa offre una raffigurazione astratta, generale e impersonale, che il cantante rappresenta musicalmente, ma non vive con immedesimazione. La struttura poetica archetipica dell'aria prevede due strofe, per lo pi di quattro versi (non mancano per sestine ed altre eccezioni); i metri pi frequenti sono il settenario e l ' ottonario, meno frequenti, seppur non rari, il quinario e il senario, pi raro il decasillabo, rarissimo il novenario. Un melodramma del primo Settecento poteva prevedere anche pi di cinquanta arie, che venivano distribuite ai personaggi in funzione della loro importanza ma spesso anche in funzione della fama del cantante ( e non di rado i compositori erano costretti ad aggiungere delle arie per le richieste dei cantanti desiderosi di maggiore visibilit): la vicenda in effetti doveva soprattutto permettere al musicista di inserire un certo numero di arie nei

36

punti strategicamente piu adatti, e queste venivano appunto distribuite fra i vari interpreti a seconda della loro importanza e fra i vari tipi di emozioni o sentimenti che esse dovevano raffigurare. Allinizio del Settecento i librettisti erano attenti a conciliare le arie con le entrate e le uscite dei personaggi. Il loro movimento, che nel secolo precedente era alquanto casuale, doveva essere regolato dalla cosiddetta liaison des scnes, derivata dalle convenzioni del teatro classico francese di Racine e Molire: la successione degli episodi era organizzata in modo tale che scene consecutive (ricordiamo che il cambiamento di scena, intesa come unit minima della sequenza teatrale, era determinato appunto dallentrata o dalluscita di uno e pi personaggi) avessero sempre almeno un personaggio in comune. La liaison si

interrompeva solo con la mutazione di scena,

ossia con il cmabiamento del quadro

scenico che avveniva a vista, senza che calasse il sipario. Ben presto la collocazione dell'aria fu spostata alla fine dell'episodio narrato, cio dopo i dialoghi in stile recitativo, per far s che il cantante, ricevuta la sua dose d'applausi, uscisse di scena e permettesse il cambio dei personaggi presenti. Intorno al 1730 la grande maggioranza delle arie operistiche italiane erano ormai arie col da capo, secondo una forma che godeva di grande favore sia presso i cantanti sia presso il pubblico. La loro struttura era abbastanza semplice ma non perci meno efficace: le prime due parti si adattavano a due strofe poetiche, ben distinte musicalmente da una modulazione ( dominante e o relativa maggiore/minore); dopo la seconda parte veniva ripetuta la prima (era appunto questo il da capo) e qui il cantante si esibiva con infiorettature, improvvisazioni, colorature e cadenze virtuosistiche che variavano il brano; dal da capo dipendeva in buona parte il successo dell'aria perche in essa il cantante aveva pieno agio di mostrare la sua bravura, il suo estro e la sua abilit. Il pubblico settecentesco ammirava soprattutto il cantante e le sue doti vocali e non ricercava la capacit di realizzare scenicamente un personaggio e questo port ad un enorme sviluppo del virtuosismo vocale. Per la sua struttura il melodramma settecentesco era dunque una sorta di meccanismo narrativo astratto in cui la consistenza dell'intreccio e del dramma veniva sostanzialmente sacrificata al fascino irresistibile della musica, e le voci dei castrati giocavano probabilmente un ruolo primario in questa fascinazione: esse ci vengono descritte da cronisti dell'epoca come dolcissime, penetranti, flessibili, agili ma certamente non corrispondevano al timbro naturale della voce umana e dunque erano forse capaci di quel particolare senso di straniamento e di irrealt che la struttura stessa dello spettacolo a sua volta favoriva.

Traccia 15 a-b

37

Georg Friedrich Hndel Giulio Cesare in Egitto (1724)


(Libretto: Nicola Francesco Haym ) I atto, Scena III
Dopo aver battuto Pompeo a Farsalo, in Grecia, Cesare lo insegue in Egitto. Qui viene accolto da una folla esultante. Cornelia, la moglie di Pompeo, e suo figlio Sesto vengono ad implorare la sua clemenza. Cesare si appresta a perdonare il suo nemico quando giunge Achilla, generale di Tolomeo, che gli fa portare la testa decapitata di Pompeo. ( Recitativo) ACHILLA La reggia Tolomeo toffre in albergo Eccelso eroe, per tuo riposo, e in dono Quanto pu dare un tributario trono CESARE Ci che di Tolomeo Offre lalma regal, Cesare aggrada ACHILLA Acci lItalia ad adorarti impari In pegno damistade e di sua fede Questa del gran Pompeo superba testa Di base al regal trono offre al tuo piede ( Uno degli Egizi svela il bacile, sopra il quale sta il capo tronco di Pompeo) CESARE Giulio che miri ? SESTO Oh Dio che veggio? CORNELIA Ahi lassa ! Consorte! Mio tesoro! CURIO Grandardir! CORNELIA Tolomeo barbaro traditor! Io manco, io moro ( Sviene) CESARE Curio, su, porgi aita A Cornelia che langue (piange) CURIO Che scorgo? Oh stelle ! Il mio bel sole esangue ? ACHILLA (Questa Cornelia ? Oh, che belt, che volto!) SESTO Padre! Pompeo! Mia genitrice! Oh Dio ! CESARE Per dar urna sublime Al suo cenere illustre Serbato sia s nobil teschio ACHILLA Oh dei ! CESARE E tu involati, parti! Al tuo signore Di che lopre de regi Sian di bene o di mal, son sempre esempio SESTO Che non re, chi re fellon, chi un empio ACHILLA Cesare, frena lire CESARE Vanne! Verr alla reggia pria che oggi il sole a tramontar si veggia ( Aria ) CESARE Empio dir, tu sei: togliti agli occhi miei, sei tutto crudelt. Non di re quel cor, che donasi al rigor che in sen non ha piet.

Quinta opera destinata alla Royal Academy, Giulio Cesare emblematica del periodo di maggior fulgore sulle scene londinesi della produzione di Haendel. La prima

38

rappresentazione al Kings Theatre che ebbe come protagonisti alcuni autentici divi del tempo come il soprano Francesca Cuzzoni nei panni di Cleopatra, il Senesino nei panni di Cesare, il contralto Anastasia Robinson in quelli di Cornelia fu accompagnata da

unaccoglienza trionfale che si perpetu anche negli anni seguenti (riprese si ebbero nel 1725, 1730, 1732). Un simile eclatante successo si spiega anche con la natura del libretto che Nicola Haym, collaboratore abituale di Haendel, ricav abilmente riutilizzando un testo precedente di Giovanni Francesco Bussani: la storia damore fra due tra i pi famosi intrecciata agli intrighi di potere che coinvolgono altri

personaggi della storia antica,

personaggi realmente esistiti come Pompeo e Tolomeo, aveva unenorme capacit di attrazione sul pubblico dellepoca. Hndel inoltre riusc a dare sbalzo eccezionale ai personaggi principali: Cesare appare ora meditativo, ora combattivo, ora appassionato; la figura di Cleopatra che inizialmente vuol servirsi di Cesare contro Tolomeo ma poi se ne innamora e diventa alla fine regina dEgitto al suo fianco viene dipinta attraverso un grande ventaglio di arie che ne seguono levoluzione. Anche le altre figure presenti nellopera hanno una fisionomia fortemente caratterizzata. La scena terza del primo atto illustra bene la distinzione fra il recitativo, momento dinamico dove la vicenda procede, e laria, momento statico cui invece affidata l espressione degli stati danimo, conseguenti agli avvenimenti. La prima parte della scena presenta infatti un recitativo secco, organizzato in versi sciolti, di varia misura ma con prevalenza di settenari ed endecasillabi: qui i personaggi assistono e in diverso modo reagiscono ad un avvenimento sconvolgente come lesposizione del capo mozzato di

Pompeo, che Tolomeo ha fatto assassinare per ingraziarsi Cesare. Come nel Seicento il ritmo, lintensit e le curve lineari della musica sono variabili, irregolari, e seguono lespressione della recitazione. Al termine del dialogo un solo personaggio avanza sulla scena, Cesare, la cui reazione di rabbia nei confronti di Tolomeo e del suo generale Achilla si esprime in due terzine di settenari e attraverso una tipica aria di furore. La struttura quella tipica dellaria col da capo: la prima strofa in do minore e presenta una linea vocale molto mossa, che riprende pi volte i versi del testo con uno stile di canto virtuosistico, prevalentemente vocalizzato, che richiede dal cantante una notevole agilit; nella seconda strofa , sulla stessa impronta motivica, si realizza una subitanea modulazione alla relativa maggiore Mi bemolle che, nello sviluppo, termina con una cadenza sullaccordo di Re ( dominante della dominante di do minore ), un momento di forte tensione armonica, sottolineato dal silenzio dellorchestra, dove il compositore lascia il cantante del tutto solo dandogli la libert di improvvisare figurazioni e vocalizzi a suo piacere. Dopo questa seconda parte viene ripetuta la prima, e qui nel da capo linterprete (un soprano che sostituisce loriginario castrato ) segue lusanza del tempo di Hndel inserendo diminuzioni e ornamenti che variano la linea vocale.

40

SCHEDA 9
La musica nella cultura luterana: Johann Sebastian Bach
Nella cultura luterana la musica aveva un'importanza primaria: Lutero infatti aveva voluto creare i presupposti perch si sviluppasse un canto religioso comunitario, sentito come qualcosa di proprio e non di imposto dallalto. Il gregoriano e il canto polifonico furono sostituiti da nuovo materiale tratto da varie fonti, per lo pi di carattere popolare. I canti della liturgia, o corali raccolti dallo stesso Lutero, che poi provvide a scrivere

anche nuovi testi, erano infatti travestimenti di canzoni popolari profane, semplici e facilmente memorizzabili. Nella prefazione alla sua raccolta di canti Lutero aveva

espresso la sua fiducia nel potere educativo ed intrisecamente religioso del canto: questa apertura nei confronti della musica determin limpulso caratteristico dei paesi protestanti verso leducazione musicale e verso la pratica del canto corale fin dalla pi tenera et. Nelle chiese cattoliche la musica era altrettanto presente, ma aveva funzioni liturgiche e seguiva tradizioni stilistiche diverse, se non altro perch non era legata al canto dei corali. La musica tedesca del periodo tardo-barocco al contrario di quella francese, che era fortemente unitaria, si sviluppa sulla base di modelli diversi: cos si parla ad esempio di uno stile nord-tedesco legato alla conservazione del gusto tradizionale per la complessit polifonica e all'elaborazione del corale luterano ( rappresentante maggiore ne era a fine Seicento Dietrich Buxtehude ) e di uno stile delle zone meridionali molto pi sensibile alle innovazioni importate dall'Italia ( rappresentato invece da Johann Pachelbel ). Forse proprio a causa di queste carenze sul piano dell'autoidentificazione nazionale i musicisti tedeschi erano assai pi aperti di tutti gli altri musicisti europei alle differenze di scrittura, e assai pi capaci di assimilare le novit che venivano dall'estero. Non a caso negli ultimi decenni del Seicento essi elaborarono la teoria dei tre stili, quello italiano, quello francese e quello tedesco. Alla diffusione dello stile italiano contribuirono fin dagli inizi del secolo sia alcuni eminenti compositori tedeschi che vennero numerosi a studiare in Italia (da Schutz che frequent Giovanni Gabrieli e Monteverdi, a Froberger che fu allievo di Frescobaldi, a Muffat che fu alla scuola di Corelli) sia i musicisti italiani che furono molto apprezzati (e ben pagati) in alcune corti tedesche. Nella seconda met del Seicento la fama delle musiche che si eseguivano a Versailles spinse molti principi tedeschi a mandare i loro musicisti nella capitale francese a studiare presso Lully. Lo stesso Muffat fu a Parigi dopo essere stato a Roma. La peculiare situazione della cultura musicale tedesca costituisce una base fondamentale per comprendere il senso complessivo dellopera di Johann Sebastian

41

Bach Le capacit di sintesi e di assimilazione che il musicista dimostr in tutta la sua carriera, e che non vennero mai meno neppure negli anni della maturit quando la sua maestria compositiva non aveva certo bisogno di stimoli e suggerimenti, avevano radici significative nella sua stessa concezione della musica. Si trattava di una concezione personale che per aveva antecedenti nell'ambiente culturale. Da un lato infatti la musica, nella tradizione luterana, dono di Dio e strumento specifico della lode di Dio, e non solo la musica scritta appositamente per il culto, bens anche la musica del mondo, quella non dedicata alle funzioni liturgiche. In secondo luogo la musica non una pratica mutevole, obbediente alle trasformazioni imposte dai gusti di ogni epoca, ma una dottrina, unArs nel senso antico del termine, cio un sapere immutabile del quale il musico ha il compito d'impadronirsi. Su questi due pilastri della concezione di musica che l'epoca gli tramandava, Bach costru il fondamento della sua esistenza professionale e pi ancora della sua stessa esistenza di uomo. Della sapienza compositiva facevano parte a buon diritto non solo gli strumenti tecnici (regole come quella dell'armonia o del contrappunto, principi formali come quelli della fuga o del concerto e via dicendo) ma anche gli strumenti espressivi codificati dalla teoria degli affetti. Copiose tracce di ricorsi al valore simbolico di particolari procedimenti musicali sono diffuse in tutte le opere di Bach, particolarmente in quelle che mettono in musica un testo verbale, ma anche in altre, come certi corali per organo, in cui il testo verbale solo implicito. Inseguendo dunque il supremo ideale di una musica concepita come scienza Bach si allontanava gradualmente dalle tendenze che nella prima met del secolo XVIII si venivano diffondendo in tutta Europa. L'eleganza, lo spirito critico, il buon gusto, la moda, il piacere del bel canto, che a poco a poco vennero accettati come elementi di novit e modernit nella societ colta dell'epoca, erano valori assai lontani dalle austere premesse morali di cui la sua musica si sostanziava. Ci spiega l'isolamento in cui egli cominci gradualmente a trovarsi, la fama relativamente scarsa di cui godette in vita, i giudizi che il suo ex allievo Johann Adolf Scheibe scriveva su di lui negli anni Trenta accusandolo di ampollosit, di artificiosit, di innaturalezza, e infine l'oblio in cui le sue opere caddero per pi di cinquant'anni.

Traccia 17
Johann Sebastian Bach Concerto brandeburghese n.4 : III movimento, Presto
Lo stile italiano domina nelle composizioni orchestrali, fra le quali il gruppo pi noto di quel periodo costituito dai sei Concerti brandeburghesi, cos definiti nel secolo scorso dal musicologo Philip Spitta, perch Bach li dedic nel 1721 a sua altezza

42

reale Christian Ludwig margravio del Brandeburgo . In realt il titolo usato da Bach semplicemente Six concerts avec plusieurs instruments. In essi dunque Bach usa la parola concerto e usa i principi del concerto diffusi dai musicisti italiani (articolazione in tre movimenti secondo la successione veloce-lento-veloce, gioco di soli-tutti, principio dialogico, scrittura idiomatica per gli strumenti ) ma tratta questi principi con la grandissima inventiva, in una sorta di illustrazione panoramica delle diverse prassi barocche del concertare, che vengono sintetizzate in forme nuove e personali. Cos in alcuni casi il gruppo dei soli ( il concertino secondo luso italiano) arricchito da una timbrica fastosamente policroma basata su un uso degli strumenti a fiato di gusto e consuetudine tedesca (Concerti 1 e 4); in altri casi dal concertino emerge uno strumento solo a cui sono affidati ampi interventi virtuosistici che rendono dubbia la distinzione fra concerto grosso e concerto solistico (Concerti 2 e 5); altrove l'orchestra divisa in tre o pi gruppi contrapposti che richiamano l'antica prassi policorale (Concerti 3 e 6). In ogni caso le combinazioni e gli intrecci strumentali, cos come il continuo lavoro polifonico, sono assai pi ricchi che non nella tradizione del concerto all'italiana. Il Quarto dei Sei Concerti Brandeburghesi, , per esempio, prevede un organico che alla massa del ripieno contrappone un concertino di tre strumenti diversi dalla norma corelliana: un violino solista e una coppia di flauti dritti. Il modo in cui Bach struttura il dialogo fra lorchestra e questo piccolo gruppo allinterno del quale il violino ha un ruolo di leader con ampie digressioni indipendenti, mentre ai flauti spetta un compito pi concertante sintomatico del suo modo di rielaborare il modello italiano del concerto, che perde qui la sua caratteristica semplicit per assumere una forma ben pi complessa rispetto agli standard dellepoca. Lultimo movimento particolarmente emblematico giacch invece del consueto Allegro del modello italiano, abbiamo una struttura di fuga con il soggetto che, allinizio, viene intonato progressivamente dalle diverse parti dellorganico: iniziano le viole, seguite dai violini secondi e primi, poi ancora dal basso e infine dai due flauti. Dalle cellule di questo breve motivo si sviluppa tutto il brano. In questo si pu vedere uno degli aspetti pi avveniristici dellarte di Bach: la rigorosa coerenza della composizione, scaturente da unidea sviluppata in tutte le sue potenzialit, rimarr il tratto identitario della tradizione tedesca, destinata con i grandi rappresentanti del classicismo viennese, a diventare il vero fulcro della musica dellOttocento. Il gioco contrappuntistico, rigoroso e coinvolgente, nel Quarto concerto alterna sezioni di tutti e sezioni solistiche in modo pi libero ed elaborato che nei modelli italiani: gli interventi del ripieno non sono mai dei veri e propri ritornelli alla maniera vivaldiana perch ogni volta il tema viene presentato in modo diverso; daltro canto le tre parti solistiche si combinano in modi sempre nuovi: allinizio i due flauti si rinviano il tema

43

mentre il violino si limita ad accompagnarli, ma a met movimento i due strumenti a fiato finiscono per cedere il passo ad un libero sfogo del violino solista che, pur accompagnato dal tema affidato alla sezione del ripieno, si produce in una cadenza virtuosistica.

Traccia 18
Johann Sebastian Bach Preludio e fuga n. 2 dal Clavicembalo ben temperato, Libro I
Al periodo di Kthen appartengono anche testi che Bach inizi a comporre per l'istruzione dei suoi figli e della nuova moglie. Nasce cos una serie di opere che continuer anche negli anni seguenti, pensate in forma di esempio didattico, e capaci di manifestare al massimo grado quell'idea oggettiva dei sistema delle norme musicali che era tipica del pensiero di Bach. Per il figlio Wilhelm Friedman nacque un Clavier-Bchlein (si potrebbe tradurre, Libretto di musiche per strumento a tastiera) iniziato nel 1720 che conteneva una cinquantina di pezzi suoi e altri di altri autori. Lo scopo non era solo quello di raccogliere pezzi per lo studio del clavicembalo, ma anche di fornire modelli ed esercizi per la composizione. Ma la raccolta di gran lunga pi ambiziosa e importante quella intitolata Das Wohltemperierte Clavier, (1722) la cui traduzione italiana comune Il clavicembalo ben temperato, dove in realt il clavicembalo dovrebbe essere sostituito dal pi generico tastiera: una sorta di trattato sul temperamento equabile che anche, contemporaneamente, una esemplificazione delle possibilit formali dei generi del preludio e della fuga. Das Wohltemperierte Clavier una raccolta composta da 24 preludi e fughe ordinati per tonalit progressive ( n.1 in Do maggiore, n.2 in do minore, n.3 in do diesis maggiore, n.4 in do diesis minore, n. 5 in Re maggiore , ecc.). Limpianto della raccolta dunque concepito come una dimostrazione scientifica della possibilit di comporre in 24 diverse tonalit una volta che la tastiera venga accordata col sistema temperato, basato sulla divisione dell'ottava in 12 semitoni uguali. La validit del sistema era stata teoricamente studiata dal fisico Werkmeister nella seconda met del Seicento ed era stata poi sperimentata da alcuni musicisti tedeschi dei primi vent'anni del Settecento con brani composti in tonalit inusitate che si dimostrarono perfettamente accettabili per 1'orecchio. Ma la raccolta di Bach la prima che possieda un carattere compiutamente sistematico. La scientificit del suo assunto non si riferisce tuttavia solo all'accordatura del clavicembalo, bens anche alla grande variet di possibilit formali che l'opera intende esemplificare per la giovent musicale ansiosa di

44

apprendere. Lesempio del Preludio e Fuga n.2 in do minore giova ad illustrare solo i tratti pi generali che caratterizzano i brani della raccolta. Il preludio, sviluppatosi nel corso del Cinquecento, prima come sinonimo della

toccata, poi come brano introduttivo per strumento solo, viene in effetti utilizzato da Bach in un ampia gamma di declinazioni: stilizzazioni di danze, arie e ariosi, invenzioni polifoniche, brani in forma di concerto o di sonata bipartita, o in forma di studi per il movimento continuo delle dita. Questultimo appunto il caso del Preludio qui

registrato, una sorta di moto perpetuo che impegna sullo stesso piano entrambe le mani. La fuga, genere di origine trecentesca, tocc forse il suo apogeo nellopera di Bach che ne fece il terreno privilegiato della ricerca contrappuntistica. Si tratta di un brano strumentale, basato su due brevi idee tematiche dette soggetto e controsoggetto. Allinizio di una fuga si assiste allingresso delle varie voci ( a seconda dei casi due, tre, quattro ) in successione luna dopo laltra e ciascuna di queste voci presenta il soggetto, al quale si intreccia il controsoggetto che viene intonato dalla voce che ha esposto il soggetto contemporaneamente allimitazione di questo da parte della voce subentrante. presenta schematicamente cos Lesposizione della fuga qui registrata si

Soprano Contralto Tenore Soggetto

Soggetto Controsoggetto

Controsoggetto

Soggetto

Questa parte iniziale detta esposizione, viene poi seguita da uno svolgimento, nel quale si d spazio ad episodi costruiti sugli elementi costitutivi del soggetto e del controsoggetto ( divertimenti), e a una riesposizione di questi ultimi in tonalit della tonica. Anche nella fuga, quindi, la forma del discorso musicale prende vita da cellule molto piccole, predisposte per combinarsi ed intrecciarsi, secondo le tecniche contrappuntistiche padroneggiate da Bach come forse nessun altro compositore della storia.

Traccia 19
Johann Sebastian Bach So ist mein Jesus dalla Passione secondo Matteo
Allepoca di Bach, nella Settimana Santa le chiese di Lipsia solevano intonare le narrazioni della passione di Cristo utilizzando appunto questo genere ai fini di una

45

celebrazione ricca e solenne: le autorit ecclesiastiche permisero che nel pomeriggio del giorno del venerd santo in una delle principali chiese di Lipsia (a turno in quella di S. Tommaso e di S. Nicola) venisse perci eseguita una grande "Passione" di Cristo con orchestra, solisti e coro in cui il testo evangelico veniva cantato in stile recitativo ma era ampliato e commentato da altre parti musicali assai ricche. L'inserimento della Passione nella liturgia del venerd santo veniva forse vissuto dal popolo di Lipsia come una sorta di spettacolo commovente, tuttavia il contesto nel quale l'esecuzione era inserita era rigorosamente rituale. Le due passioni rimaste fra le cinque che pare che Bach abbia composto, quella Secondo san Matteo e quella Secondo san Giovanni, mettono in musica direttamente il testo del vangelo interpolandolo con commenti basati su corali luterani o su arie e cori con testo libero. Le superstiti passioni bachiane rappresentano, nella loro monumentalit e nella loro intensa drammaticit, il culmine dell'arte sacra di Bach, della sua potenza comunicativa; non certo un caso che sia stato proprio il recupero mendelssohniano della Passione secondo san Matteo a dare un fondamentale impulso alla Bach-Renaissance in epoca romantica. In questopera il testo del vangelo viene interpolato con brani di Christian Friedrich Picander e musicato con una ampio ventaglio di forme che intrecciano le dimensioni temporali del passato e del presente: 1) recitativi secchi prevedono la presenza dell'evangelista cui si aggiungono gli altri personaggi principali del racconto (Ges, Pietro, ecc.) che del testo riflettono ogni minima suggestione figurativa; 2) arie di intenso patetismo che fungono da commento spirituale dei fedeli o di personaggi del Vangelo; 3) cori che danno voce alle masse popolari o a personaggi collettivi presenti nel racconto evangelico; 4) corali, preghiere dei fedeli basate su melodie luterane modificate e arricchite, fungono da pilastri portanti delledificio. Gli episodi corali e orchestrali di ampio respiro fanno delle passioni bachiane grandiosi affreschi sonori di dimensioni michelangiolesche. Rispetto alla Passione secondo san Giovanni nella Passione secondo Matteo, il carattere spettacolare ulteriormente accresciuto dallimpiego di due orchestre e due cori, dal ricorso a strutture drammatico-musicali fortemente suggestive come per esempio laureola data da un sottofondo degli archi che accompagna sempre gli interventi di Ges Cristo. Bach compose la Passione secondo Matteo per le celebrazioni del 1727. Il testo diviso in due parti: alla fine della prima parte si colloca l'episodio del bacio di Giuda e della cattura di Cristo. A questa narrazione succede il commento qui registrato, affidato a due cantanti e al coro.

46

(Soprano e contralto): So ist mein Jesus nun gefangen.


(Coro II ) Lat ihn, haltet, bindet nicht! (Soprano e contralto ) Mond und Licht Ist vor Schmerzen untergangen, Weil mein Jesus ist gefangen. (Coro II) : Lat ihn, haltet, bindet nicht! ( Soprano e Contralto) Sie fhren ihn, er ist gebunden. (Cori I e II): Sind Blitze, sind Donner in Wolken verschwunden? Erffne den feurigen Abgrund, o Hlle, Zertrmmre, verderbe, verschlinge, zerschelle mit pltzlicher Wut den falschen Verrter, das mrdrische Blut!

(Soprano e contralto): Cos, Ges adesso fatto prigioniero! ( Coro II) Lasciatelo, fermatevi, non lo legate! ( Soprano e contralto) La luna e il sole sono tramontati, perch il mio Ges prigioniero. ( Coro II): Lasciatelo, fermatevi, non lo legate! (Soprano e contralto): Lo portano via, legato! (Cori I e II ): I fulmini e i tuoni sono forse scomparsi tra le nubi? O inferno, apri il tuo infuocato abisso! Annienta, distruggi, inghiotti, rompi con improvvisa violenza il falso traditore, il sangue omicida!

In questo brano la continuit quasi impassibile delle pulsazioni ritmiche contrasta con la drammaticit degli eventi, come se la loro immensa portata storica e teologica richiedesse una sorta di oggettivit espressiva e non fosse compatibile con gesti troppo umani. Il canto delle due soliste continua imperterrito anche quando il coro interviene con le sue invocazioni. L'unico stacco ritmico deciso si ha solo con l'ultimo intervento del coro. Anche questo secondo episodio caratterizzato da pulsazioni regolari, ma qui si tratta di un inesorabile ritmo veloce e martellato, che non d tregua: la pronuncia terribile delle maledizioni contro Giuda. Soprano e contralto iniziano in imitazione: la prima voce annuncia la cattura di Ges, e la seconda ribadisce e potenzia il pietoso annuncio. La melodia del soprano (e di rincalzo quella del contralto) un esempio caratteristico di quelle "melodie lunghe" che Bach amava, intendendosi per "lunga" una melodia che resta in sospensione per molte unit di tempo e non conclude se non dopo un percorso la cui fine viene lungamente attesa. In questo caso la sospensione legata al melisma sulla parola "gefangen" (preso). Il verso successivo, invece, cantato in omoritmia dalle due voci che scandiscono il momento del dolore ("ist vor Schmerzen") scendendo passo passo, con una "figura" musicale chiamata "appoggiatura"(le due note discendenti su ognuna delle quattro sillabe) che per la retorica degli affetti dell'epoca simboleggiavano appunto il pianto o il dolore. In tutto l'episodio i suoni sono organizzati in tre strati sovrapposti che si mescolano continuamente: quello dei due flauti (che inizialmente anticipano il tema delle due voci), quello

47

dei due strumenti ad arco (violino e viola) e quello delle due voci. Il loro continuo e impassibile intreccio interrotto tre volte dalla violenta invocazione del coro. Nell'episodio successivo gli interventi in imitazione delle quattro voci tendono a creare progressivamente un magma sonoro sempre pi fitto nel momento in cui vengono invocati i fulmini e i tuoni. Successivamente, fino alla fine , tutte le voci pronunciano le parole insieme, in omoritmia, per scandire con il massimo di rabbia la maledizione a Giuda. Tanto la parte delle due voci soliste pietosa e tenera, quanto quella del coro tremendamente aggressiva. La dolcezza del brano solistico dovuta anche alla leggerezza dell'insieme che, come si pu facilmente notare, tutta nel registro alto perch, cosa del tutto inconsueta, non accompagnato dal basso continuo (probabilmente per rendere pi aereo il suono delle due voci femminili). Il basso invece accompagna l'ultima parte del coro con note oscure e velocissime che contribuiscono a creare la sua atmosfera furiosa. ( Baroni, 2004 ) Pur non avendo mai scritto musica teatrale, dunque Bach, riusciva pienamente a recuperare fino in fondo il senso originario del binomio musica-parola, producendo risultati emozionanti e coinvolgenti, di qualit musicale altissima, sulla base della retorica degli affetti, che proprio in Germania era stata sistematizzata da teorici come Kirchner e Mattheson.

48

SCHEDA 10
Lo stile classico e la forma-sonata
Stile galante e stile sentimentale sono per solo due volti, i pi evidenti, di una realt musicale in trasformazione sotto molti profili, in cui a poco a poco emergono quelle tendenze che la

musicologia otto-novecentesca avrebbe definito poi come stile classico. Tendenze che cominciano a fondersi e a emergere in alcune composizioni di Haydn degli anni sessanta e poi a diffondersi su vasta scala alla fine del decennio seguente sullonda del successo dello stesso Haydn e del pi giovane Mozart. Haydn, Mozart e poi Beethoven sarebbero stati presto individuati come i campioni di quello che si sarebbe definito classicismo viennese, perch tutti e tre, pur non essendo viennesi di nascita, avevano eletto la capitale austriaca come loro sede. In effetti per una settantina d'anni, cio dal periodo della prima maturit di Haydn e della nascita di Mozart fino a quello della morte di Beethoven a di Schubert (rispettivamente 1827 e 1828) Vienna fu uno dei centri europei pi fecondi di attivit e di iniziative, pi ricchi di straordinari talenti creativi. Il riformismo dellimperatore Giuseppe II (1765-1790), la vita concertistica ricca e la fiorente editoria musicale, le grandi tradizioni gi in atto fin dal Seicento, la solidit della sua scuola, la favorevole posizione di punto di mediazione fra la civilt musicale italiana e quella tedesca, la presenza di personaggi prestigiosi come Pietro Metastasio, la vivacit del suo mondo intellettuale costituiscono il retroterra privilegiato di questa fioritura di talenti. Il processo di acquisizione di Haydn, Mozart e Beethoven come essenza stessa del Classicismo musicale fu naturalmente postumo; tale acquisizione dovuta alla storiografia ottocentesca si

riferisce assai pi che alle specifiche tendenze letterarie e pittoriche del Neoclassicismo settecentesco alla natura stessa dell'idea di classicit, ossia a un concetto che migra lungo la storia dell'arte e della cultura e che sta al di sopra di ogni circoscrizione stilistica o cronologica. In questo senso, Classicismo musicale ha assunto, per cos dire, il significato di grembo, di momento d'origine della modernit musicale, assumendo contorni pi precisi man mano ci si distanziati da esso. Il traslato insieme metonimia e sineddoche per cui musica classica diventata, nel linguaggio corrente, l'espressione usata per indicare l'insieme della tradizione colta della musica occidentale, la migliore testimonianza del carattere paradigmatico assunto da questa breve e fondamentale epoca della storia musicale europea. Lo stile classico ha le sue fondamenta in uno stabilizzarsi di procedure e formule ereditate dalla musica del passato che, giunte a maturazione, vengono esplorate nelle loro molteplici implicazioni poetiche ed espressive. Stilisticamente e storicamente si tratta di un momento di grande permeabilit, dove lo sguardo aperto sul passato si connette nei maggiori compositori a una naturale disponibilit verso il futuro. E, insomma, un punto di equilibrio nella storia musicale dell'Europa moderna un equilibrio instabile, tanto pi miracoloso in quanto posto in concomitanza con una
49

profonda trasformazione del mondo e del pensiero. Circostanza, questa, che si aggiunge alle altre gi ricordate, nel motivare l'attribuzione del titolo di epoca del Classicismo, il pi ambito per qualunque et della storia delle arti, a questo momento della storia musicale. Accanto alle questioni di ordine culturale, l'et musicale classica presenta una trasformazione di segno pi profondo, che avviene al livello pi interno del linguaggio e dell'organizzazione compositiva, in stretta connessione col ridisegnarsi della mappa dei generi e degli stili musicali. Le linee portanti di tale trasformazione possono riassumersi in alcuni punti:

1) Innalzamento gerarchico della musica strumentale, portata ad una dignit artistica pari o superiore rispetto a quella vocale 2) Abbandono della prassi del basso continuo 3) Ridefinizione e stabilizzazione dei generi strumentali 4) Elaborazione del principio architettonico della forma-sonata

Per quanto riguarda il primo punto, occorre dire che con Haydn, Mozart e soprattutto, Beethoven il linguaggio musicale trova motivazioni e significati in se stesso, svincolandosi da ogni residuo legame con la parola. Questo processo viene realizzandosi senza alcuna formulazione teorica, frutto esclusivo del lavoro compositivo; non riceve insomma nessun contributo esterno dalla cultura letteraria o filosofica come avviene invece per il melodramma. La maggior dignit assunta dalla composizione strumentale porta con s anche il superamento e l abbandono della prassi del basso continuo. La tendenza inarrestabile alla definizione di testi musicali sempre pi compiuti in se stessi e sempre meno lasciati allintegrazione creativa dellesecutore, conduce a scrivere per esteso tutte le parti, anche quelle del basso ( solo del teatro musicale la pratica del basso continuo sopravviver fino al primo decennio dellOttocento ). Il

concetto di testo musicale, cio di discorso compiuto, coerente, coeso, porter daltronde con s anche unidea di unicit, di originalit che porter ad una pi consapevole definizione di opere dotate di caratteri specifici, pi ampie ed elaborate nelle proprie dimensioni. Ecco dunque definirsi un nomenclatura che rimarr in vigore per quasi due secoli con generi delimitanti aree ben perimetrate dellarte musicale: 1) la Sinfonia, composizione in pi movimenti per unorchestra abbastanza ampia, erede del Concerto di gruppo e della Sinfonia dopera scarlattina; 2) il Concerto solistico, composizione con uno strumento protagonista ( di rado anche due ) posto in dialogo con unorchestra; 3) il Quartetto per archi, dove due violini, una viola e un violoncello dialogano ad armi pari; 4) il Trio per pianoforte, violino e violoncello, nato dalla metamorfosi della sonata a tre tardo-barocca;

50

5) la Sonata per uno o due strumenti.

Tutte queste forme strumentali vennero articolandosi stabilmente in tre (sonata e concerto) o quattro movimenti (sinfonia, quartetto), secondo la successione tipica Allegro-Adagio-Minuetto (eventuale) Allegro. Fin dal periodo trascorso a Eisendstadt Haydn port ad una sintesi

straordinaria le svariate tendenze della cultura musicale del suo tempo dando fisionomia stabile a generi nei quali si sarebbe incanalata la produzione cameristica e orchestrale fino ancora alla met del Novecento. Quartetti, Sinfonie, Sonate, Trii furono nelle mani di Haydn vennero plasmandosi sulla base di un criterio architettonico che prevedeva: Primo movimento, (Allegro) come pezzo pi complesso e impegnativo: struttura detta forma sonata , di solito bitematica ( cio con due temi o gruppi tematici) e tripartita; Secondo movimento, lento ( Adagio/ Andante) : in genere basato sulla struttura dellaria ( ABA) ancorato alla forza trainante di uno o due motivi cantabili ed espressivi, eventualmente ripetuti con variazioni; Terzo ( eventuale) movimento: Minuetto ( da Beethoven in poi Scherzo): forma di danza, in tempo ternario a forma ABA , dove la sezione B detta Trio, e pu avere un andamento meno mosso Quarto movimento, (Allegro): o in forma-sonata o, pi spesso, in forma di Rond, (ABACADA ecc.), forma gi incontrata in Couperin, che riprendeva la forma a ritornello dei concerti vivaldiani. Questa successione rispondeva ad un preciso obiettivo comunicativo ponendo il brano di maggior impegno fruitivo allinizio e via via stemperando la complessit nel corso degli altri due o tre movimenti. Il tardo Settecento dunque rappresent in questo senso il traguardo di un secolare processo di definizione e trasformazione delle forme strumentali, progressivamente precisate nella destinazione strumentale e nella loro nomenclatura, come si pu vedere nello schema della pagina seguente.

51

Evoluzione delle principali forme di musica strumentale dal XVI al XVIII secolo 1500 1550 Toccata Ricercare 1650 Preludio Fuga 1700 1750 1800

(Madrigale polifonico) ( Chanson polifonica ) Sonata per clavicembalo Sonata solistica Canzone da sonar Sonata a tre Sonata per pianoforte Sonata per due strumenti Trio / Quartetto / Quintetto

Concerto grosso

Concerto solistico

Concerto (pianoforte e orchestra)

Concerto di gruppo Sinfonia Sinfonia dOpera

Danze

Coppie di danze

Suite

Divertimento Serenata
1

Il temporaneo assestamento di stilemi che caratterizza la fine del Settecento discende dall'ormai universale adozione dei principi teorici dell'armonia tonale sviluppatisi nel corso del secolo. L'effetto forse pi consistente di questa relativa solidit di impianto, sta nella scoperta e nella messa in atto delle enormi potenzialit espressive e costruttive racchiuse in un meccanismo armonico basilare quale il bipolarismo fra tonica e dominante, ossia il rapporto particolarmente forte e privilegiato fra il I e il V grado della scala tonale. Grazie agli sviluppi dell'armonia, questa polarit si rivela essere un vero e proprio generatore di tensione armonica di cui l'arte del comporre ora pienamente padrona, sfruttandola e valorizzandola con tecniche sempre pi raffinate. Questo asse preferenziale non certo una novit, esso infatti rappresenta l'evoluzione dell'antica simmetria bipartita propria della suite e della sonata da camera. Una formula che, mutuando un andamento a volte gi rintracciabile nelle danze rinascimentali, presentava non di rado, anche nell'ambito di un'armonia modale, una prima sezione svolgentesi dal I al V grado e una seconda sezione con percorso inverso, dal V al I grado. La crescente ricchezza delle risorse armoniche e lampliamento dei percorsi modulanti reso possibile dall'adozione del sistema temperato, condussero nel corso del Settecento allaumento della complessit di questa sintassi costruttiva che, proprio grazie alla potenziata capacit di accumulare e generare tensione divenne comune alla quasi totalit dei generi dell'epoca. In particolare, il trattamento del rapporto tonica-dominante rappresenta la struttura portante dello stilema musicale forse pi significativo di quel periodo: la forma sonata. Pi che uno specifico modello formale, la forma sonata rappresent un codice non scritto ma largamente diffuso di organizzazione sintattica. Il suo successo si fondava su una sostanza armonica e strutturale particolarmente ricca e plasmabile e quindi idonea a quell'allargamento del ventaglio espressivo verso cui il gusto del tempo mirava concordemente. La valorizzazione del contrasto fra le due aree tonali principali ebbe il suo strumento essenziale in quello che fu forse il vero protagonista dello stile classico: il tema. L'individuazione e l'elaborazione sempre pi accurata e articolata di temi musicali dal profilo netto e inconfondibile, la loro accresciuta caratura emotiva e psicologica, tale da farli assimilare quasi ai personaggi di un dramma puramente strumentale, confer alla tecnica di sviluppo e di elaborazione tematica un rilievo inedito sia sotto il profilo costruttivo, sia nel senso di un potenziamento espressivo. La metamorfosi, la liricizzazione o la drammatizzazione della sostanza tematica furono gli strumenti coi quali il tragitto armonico di avvicinamento e di allontanamento dalle tonalit della tonica e della dominante divenne una sorta di avventura pensata quasi in termini di metafora teatrale o letteraria. Il contrasto, la tensione fra le due tonalit principali poteva identificarsi, come spesso accadde, in altrettanti temi dal carattere ben differenziato. Altre volte, invece, la presenza delle idee tematiche poteva rispondere a criteri diversi, condurre a un maggiore o minore affollamento di temi, oppure conservarsi fedele a un'idea unitaria (caratteristica che fu molto ammirata in Haydn). Di norma nonostante l'allegro di sonata continuasse a presentarsi per lo pi in una veste formale bipartita,
52

la vocazione espressiva di questa materia armonico-tematica prese a focalizzarsi sull'esordio modulante della seconda sezione, aumentandone il peso e dilatandolo fino a fargli assumere la fisionomia di un episodio centrale - lo sviluppo - racchiuso fra due episodi simmetrici posti in apertura - esposizione - e in conclusione - ripresa. Nei primi decenni dell'Ottocento quando l'elaborazione tematica si presentava ormai come il fulcro della nuova tecnica compositiva si cominci a interpretare questa struttura bipartita, al cui interno era cresciuto un nuova sezione, in termini di architettura tripartita. La definizione pi tipica della Forma-sonata, tramandata dai trattati scolastici si configur in questo modo:

SCHEMA BASE DELLA FORMA-SONATA INTRODUZIONE ( eventuale) ESPOSIZIONE Primo Tema o gruppo tematico Secondo tema o gruppo tematico SVILUPPO Elaborazione di materiale dellEsposizione RIPRESA Primo Tema o gruppo tematico Secondo tema o gruppo tematico CODA Ripetizione o elaborazione dei due temi Tonalit della Tonica

Tonalit della Tonica Tonalit della Dominante

Tonalit diverse

Tonalit della Tonica Tonalit della Tonica

53

SCHEDA 11
Haydn e la Sinfonia classica
Il genere della sinfonia ebbe i suoi prodromi nella pratica di eseguire brani strumentali allinizio dei melodrammi. Tali brani denominati stabilmente gi da Alessandro Scarlatti Sinfonie - avevano erano composti di tre tempi ( veloce lento veloce ). A inizio Settecento in Italia la sinfonia cominci a diffondersi anche come genere autonomo, di musica strumentale da camera. Verso la met del Settecento in Germania soprattutto a Mannheim e a Berlino il genere della sinfonia assunse nuovo spessore, spesso contemplando oltre ai tre movimenti del modello italiano un quarto brano in forma di minuetto collocato in terza posizione. Le 104 sinfonie haydiniane contribuirono in modo decisivo, nella loro evoluzione, alla determinazione della struttura del genere ma anche alla definizione dellorchestra moderna. Nella reggia di Eisendstad, Haydn faceva eseguire i suoi lavori in una sala di circa 150 mq, con un orchestra di circa venti elementi. A Londra, con una sala pi grande, lorchestra per la quale furono concepite le ultimi dodici sinfonie contemplava dai 35 ai 60 membri. Laumento del numero dei componenti si accompagn ad una trasformazione della struttura dellorchestra che condusse alla determinazione di un corpo formato da venti-venticinque strumenti ad arco (violini, viole, violoncelli, contrabbassi ) pi i legni, talvolta disposti a coppie ( flauti, oboi, clarinetti, fagotti), ottoni ( corni, trombe, tromboni) e percussioni (timpani). In precedenza ( ed ancora nelle prime sinfonie scritte ad Eisendstadt ) ai fiati era di solito assegnata la funzione di raddoppio degli archi, nell sue opere pi mature invece agli strumenti a fiato Haydn, seguito e poi superato in questo aspetto da Mozart, richiede una partecipazione costante al discorso con parti melodiche sempre pi importanti. Parallelamente allallargamento dellorganico, levoluzione del pensiero di Haydn nel campo della Sinfonia muove da unimpostazione iniziale ancora ibrida, con elementi del concerto derivati dai modelli vivaldiani ( parti solistiche ancora rilevate, passaggi in progressione ), per giungere alla fisionomia gi ben precisata delle Sinfonie degli anni Settanta, nelle quali non ricorrono pi passi solistici e la sintassi della forma-sonata appare ben individuata. Anche le proporzioni vennero facendosi progressivamente pi ampie, di fronte ad un pubblico che dalla dimensione elitaria ed aristocratica si stava cominciando a spostare verso la dimensione borghese rappresentata dalle associazioni concertistiche parigine e londinesi.

54

Traccia 20
Franz Joseph Haydn Sinfonia n.101 in re maggiore The Clock (1794): I movimento

Il modo in cui Haydn utilizza il principio costruttivo della forma-sonata trova un esempio evidente nel movimento di apertura della Sinfonia n.101 The clock la cui struttura cos schematizzabile ( i numeri tra parentesi quadre fanno riferimento al cd ) :
Adagio - Introduzione (prefigurazione dei temi A e B ) Presto - Esposizione: primo gruppo tematico (A) - tonalit della tonica (RE magg) Esposizione: secondo gruppo tematico (B) tonalit della dominante (LA magg) Ripetizione integrale dallEsposizione Sviluppo : elementi tematici di A e B tonalit della dominante (LA magg) [00] [217] [303] [342] [504] 55

Ripresa: primo gruppo tematico (A) con variazioni ritorno a tonalit della tonica (RE magg.) [625] Ripresa: secondo gruppo tematico (B) con variazioni tonalit della tonica (RE magg.) Coda: ultima ricomparsa del tema A [651]

Lintroduzione in minore crea unatmosfera di tensione, preannunciando un primo tempo basato su idee eroiche: in realt un effetto di suspence tipico di Haydn che si diverte a sorprendere lascoltatore con un tradimento della sua attesa . Con un improvviso cambiamento di rotta compare invece una frase saltellante, gaia e vivace che d inizio ad un movimento estremamente coerente ed equilibrato organizzato secondo il principio della forma-sonata, le cui tre sezioni, esposizione, sviluppo, ripresa hanno qui quasi esattamente la stessa estensione. Attraverso questo tipo di organizzazione del materiale, la composizione assume un'entit globale in cui elementi melodici, ritmici, armonici, di timbro, di tessitura, d'intensit, di peso sonoro convivono insieme fino a creare un'unit individuale, una sorta di personalit sonora che si impone per le sue caratteristiche inconfondibili; ci avviene anche grazie alla cosiddetta elaborazione motivico-tematica, cio il lavoro attraverso cui un tema viene elaborato, trasformato, sviscerato nelle sue possibili implicite conseguenze. E questa una tecnica di cui Haydn si dimostra maestro e che evidente in questa Sinfonia presa in esame; tutto il materiale del movimento presente infatti in embrione nelle battute iniziali dove gli archi espongono una semplicissima successione scalare ascendente seguita da un movimento discendente che si avvolge su s stesso; si tratta in sostanza dei nuclei dei due temi principali A) e B ) che nella prima parte vengono presentati in quella che si definisce esposizione e che ( come di norma ) dalla tonica procede verso la dominante La tecnica eleborativa si evidenzia in pieno nella parte centrale della composizione che prende il nome di sviluppo. Qui i due temi principali vengono rielaborati, intrecciati, fino ad apparire chiaramente come due rami di un unico tronco su uno sfondo armonico caratterizzato da modulazioni e da una direzione che conduce sullaccordo di dominante: il momento traumatico delle incertezze, delle tensioni, della perdita di stabilit, che viene superato nella sezione seguente in cui i gruppi tematici ricompaiono nella loro forma originaria, entrambi nella tonalit della tonica: si tratta della ripresa che acquista funzioni di stabilit raggiunta e di approdo conclusivo.

56

SCHEDA 12
Il musicista del mondo nuovo: Beethoven
Beethoven il compositore che segna il passaggio da unera allaltra nella storia della musica. E il primo grande musicista che ha alle spalle la Rivoluzione francese di cui condivide gli ideali di fratellanza, libert e giustizia; il primo grande musicista del tutto libero da vincoli feudali, al quale riesce ci che non era riuscito a Mozart: vivere della propria arte; il primo grande musicistaintellettuale che ha una solida cultura classica ma che conosce bene anche Kant, Goethe, Rousseau, Schiller; il primo musicista-vate, per il quale la musica, considerata in cima a tutte le attivit umane, deve indicare agli uomini un ideale di felicit da raggiungere. A prima vista, il carattere di Beethoven ha molti tratti da Sturm und Drang, con abissi di depressione, intemperanza emotiva, stravaganze, sbalzi di umore ( Goethe afferm : Egli purtroppo una personalit assolutamente sfrenata). Si ritrovano in lui di volta in volta molte costanti della sua generazione: l'attrazione-repulsione per Napoleone Bonaparte (come Kleist, Grillparzer, Hegel), la smania dell'eguaglianza giuridica con l'aristocrazia, l'amore intellettuale per l'Inghilterra, patria della democrazia e della libert (in confronto all'Austria di Metternich), la passione per il mondo classico, la fiducia nel miglioramento dell'umanit. (Pestelli 1979 ). Nellinsieme lopera di Beethoven presenta un aspetto generale meno consistente di quella di Mozart e Haydn con tre grandi blocchi di lavori: 32 Sonate per pianoforte, 9 Sinfonie e 16 Quartetti per archi. La drastica riduzione delle opere trova una spiegazione nella condizione sociale del musicista: svincolata dalloccasione immediata e dal servizio per un mecenate, ogni creazione nasce da una sua propria motivazione. Netta vi la preminenza dello strumentale sul vocale con un solo lavoro teatrale, Fidelio. Il processo creativo del musicista pu dividersi in tre periodi, seguendo una ripartizione avanzata gi dalla storiografia ottocentesca ( von Lenz, 1852): 1) primo periodo (fino al 1803) che comprende le opere giovanili ancora parzialmente legate ai modelli settecenteschi sui quali Beethoven si era formato; 2) secondo periodo (1804-1815 ) che comprende tutte le opere della maturit molte delle quali destinate a tramandare ai posteri limmagine di un Beethoven eroico; 3) terzo periodo (1815-27) a cui appartengono gli ultimi sei quartetti, le ultime cinque sonate, la Nona sinfonia, la Missa solemnis: lavori spesso con tratti avveniristici e perci poco capiti dal pubblico dellepoca . Questa distinzione risponde sostanzialmente al vero anche se naturalmente ha il difetto di essere troppo schematica rispetto ai mutamenti stilistici che avvennero in maniera pi complessa. Fra le composizioni del primo periodo scritte nell'ultimo decennio del Settecento, si annovera una notevole quantit di lavori fra cui i sei quartetti dell'opera 18, la Prima sinfonia, i primi tre Concerti per pianoforte a orchestra e le prime quattro Sonate per violino e pianoforte. Ma sono soprattutto le Sonate per pianoforte (le prime 15 di 32) ad assumere il ruolo trainante. Proprio
57

come pianista Beethoven si era imposto a Vienna fin dal suo arrivo nel 1792 : il suo modo di suonare e di improvvisare in pubblico apparvero sconvolgenti e gli permisero rapidamente di imporsi allattenzione anche come compositore. Bisogna ricordare che la Sonata non era genere da concerto pubblico ( Beethoven per. esempio non esegu mai sue Sonate) ma che la sua diffusione viaggiava attraverso lenorme espansione in atto del mercato editoriale destinato al consumo privato di musica pianistica. In questo genere Beethoven diede prova di mantenere ferme alcune delle caratteristiche dello stile classico: la frase periodica e articolata, la formasonata intesa come azione drammatica per mezzo della tensione fra la tonica e la dominante, ( con un rispetto assoluto della regola principe secondo cui tutto ci che si sentito nella dominante deve ritornare alla tonica nel corso della Ripresa ) ; architetture con il punto culminante al centro; struttura e tipologia dei movimenti. Beethoven sembrava in certi casi voler fondere la tecnica di Haydn di espansione del discorso da piccoli nuclei con labilit mozartiana nel padroneggiare i rapporti tonali e i temi secondari. Ma nelle prime composizioni emerge anche lo stile inconfondibile che distingue le opere di Beethoven da quelle di tutti i contemporanei. Anzitutto si tratta della qualit dell'invenzione tematica, che si fonda sulla tendenza a trascurare quei residui di maniera elegante, di tornitura sottile, di gusto di corte, che ancora erano presenti in alcune delle opere di Haydn e di Mozart. In Beethoven il gesto si fa pi imperioso a in certi casi assume addirittura tratti di rudezza plebea. In ogni caso i temi tendono a concentrare la loro energia in poche mosse essenziali. Lo schema costruttivo quello classico della forma-sonata, ma le contrapposizioni tendono a emergere con maggiore chiarezza e in qualche caso a delineare contrasti fra un primo tema di carattere pi affermativo e un secondo tema di natura pi sognante, mentre la stessa concisione tematica tende per sua natura a caricare di nuovi significati gli episodi di raccordo a soprattutto quelli di sviluppo. A loro volta alcuni adagi si distinguono per una singolare densit a forza meditativa. Le novit di queste proposte stilistiche furono immediatamente notate dal pubblico a dalla critica dell'epoca che in qualche caso le accusarono di stranezza, in altri casi le trovarono invece cosi affascinanti a significative da trasformarle in mode, come accadde ad esempio alla Sonata per pianoforte in do minore op. 13 Patetica che, subito dopo la sua pubblicazione avvenuta nel 1799, fu pi volte sottoposta ad arrangiamenti e imitazioni.

La fantasia e lattenzione di Beethoven furono fortemente attratte in quegli anni dagli avvenimenti francesi e dalle idee rivoluzionarie: egli divenne cos in musica il rappresentante della borghesia emergente, nella sua titanica impresa di trasformare lassetto politico dellEuropa sottraendo il monopolio del potere alle classi aristocratiche. La societ colta di lingua tedesca aveva partecipato idealmente alle vicende della rivoluzione che si svolgeva in Francia e ancor pi da vicino aveva vissuto le imprese napoleoniche, se non altro perch Napoleone aveva invaso e sottomesso l 'Impero austriaco. Napoleone tuttavia, era di fatto il grande diffusore delle idee
58

rivoluzionarie in Europa, e nei paesi da lui sottomessi i sostenitori delle nuove idee lo accoglievano trionfalmente. La borghesia emergente, nella sua titanica impresa di trasformare l ' assetto politico dell' Europa sottraendo il monopolio del potere alle classi aristocratiche, nutr spesso la sua fantasia di immagini combattive ed eroiche, che si ispiravano talvolta ai grandi esempi della romanit e che Napoleone evidentemente sollecitava. Certi aspetti dell' arte di quegli anni sono caratterizzati appunto da queste immagini eroiche antiche, soprattutto nei generi artistici pi alti e solenni: nella tragedia, ad esempio, nella scultura e nella pittura celebrativa, o anche nell'Opera. Forse il maggiore tributo agli ideali eroici dellepoca fu la Sinfonia n.3Eroica del 1804, inizialmente dedicata a Napoleone (dedica cancellata quando questultimo si incoron imperatore dei francesi) , con la quale Beethoven cre un modello di Sinfonia grande caratterizzata dalla gestualit enfatica, dalle proporzioni colossali ( quasi unora di musica), modello che rimase ambitissimo per tutto il secolo. Lascoltatore investito da una imponente massa sonora, dallampiezza dell'apparato orchestrale, con un discorso che caratterizzato dalla partecipazione di tutti gli strumenti. Ma non solo per questo la Terza Sinfonia incarna pienamente le propriet dello stile sinfonico. Il suo stile "grande" si riconnette evidentemente con le teorie tardo settecentesche del sublime ( Hlderlin, Klopstock). .

Tracce 22 a-c
Ludwig van Beethoven Quinta Sinfonia op. 67 I movimento, Allegro III movimento- IV Movimento
Il modello di Sinfonia grande costituito da Beethoven con lEroica raggiunse il suo momento paradigmatico con la Quinta sinfonia op.67 (1807) in cui la monumentalit si fonda sulla coesistenza di semplicit e di enfasi, col suo racconto che dalle movenze drammatiche dellinizio sfocia nel messaggio ottimistico del movimento finale. Il carattere di queste composizioni evidentemente legato agli entusiasmi delle nuove generazioni, all' avvento della societ post-aristocratica: e infatti queste Sinfonie furono considerate dai musicisti tedeschi successivi come modelli dai quali non si poteva prescindere Il motivo di apertura pone alla base delledificio la raffigurazione di una lotta, tesa a vincere il caos e a raggiungere un trionfo finale nel nome della ragione. Ci avviene non solo nel primo movimento, attraverso la drammaturgia tipica della forma-sonata ( con lo scontro tra i due temi e le due zone tonali, destinato a risolversi nella parte finale del movimento ) ma in unidea complessiva che lega tutti i movimenti tra di loro. Cos come accade in molte altre opere
59

beethoveniane di questo periodo, i quattro movimenti vengono gi dall'inizio concepiti come una sorta di racconto unico suddiviso in fasi strettamente legate fra loro da relazioni interne chiaramente evidenti. Qui lesaltazione della lotta e del contrasto incarnano in modo inaudito lidea che questa sia la condizione del miglioramento dellumanit, con un reticolo di riferimenti di impronta illuministica che ha il suo perno in Rousseau ( il superamento della prova come valore eminentemente educativo). Tutto questo modifica radicalmente le convenzioni della forma e le stesse funzioni della musica strumentale: Beethoven tende irresistibilmente a farla parlare, a trasformarla in testimonianza personale e perci stesso a trasformare il pubblico nel destinatario di un messaggio che va ben al di l di quel diletto collettivo a cui di solito esso era abituato a partecipare. Il terzo movimento inizia con una introduzione misteriosa, con suoni profondi, cupi, sussurrati, che sembrano uscire da una primordiale oscurit. A questa introduzione si contrappone poco dopo un tema chiaro e ben definito. Il tema composto di quattro note che hanno esattamente la stessa cellula ritmica del ben pi famoso tema del primo tempo: per intenderci il ritmo "ta-tata-ta" con accento sulla quarta nota. In questo caso, per, le quattro note, diversamente dal primo tempo, hanno tutte la stessa altezza. Dunque il terzo movimento inizia alludendo alle atmosfere tragiche del primo movimento, ma la sua funzione si preciser a poco a poco come totalmente diversa. Le idee che all'inizio hanno un peso musicale determinante sono due e sono contrapposte fra loro: la melodia presentata nella introduzione e il tema a quattro note appena citato. Tutta la prima parte del brano costruita sulla alternanza di questi due motivi di diverso carattere. Il tema a quattro note esposto a piena orchestra con una sonorit imponente in cui emergono spesso i suoni degli ottoni, e il suo ritmo scandito con accenti forti e regolari: il tutto sembra quasi voler evocare una sorta di marcia, anche se di marcia non si tratta perch la scansione metrica interna ternaria e non binaria; non marcia anche perch della marcia non ha i consueti tratti baldanzosi. Si tratta per dell'evocazione di un movimento collettivo, di lentezza austera e solenne. A sua volta il motivo dell'introduzione che ad esso si contrappone, e che inizialmente emergeva dal silenzio con un ritmo incerto e con una melodia tortuosa, si rivela a poco a poco capace di impreviste metamorfosi e ogni volta che si ripresenta non mai uguale a se stesso. La successione fra i due temi si ripete tre volte; cos, nella sua interezza, la prima parte si definisce chiaramente con uno schema come ab ab - ab. Nella tradizione settecentesca il terzo movimento di una sinfonia era un minuetto. Beethoven, nella Terza Sinfonia aveva sostituito il minuetto con uno "Scherzo", cio con una composizione di tipo movimentato e fantastico. Nella Quinta il terzo tempo non definito n minuetto n scherzo; tuttavia di essi conserva la struttura formale standard, che prevede una prima parte, (A) una seconda parte totalmente diversa (B) e una terza parte che ripete la prima (A). La funzione di seconda parte assunta da un episodio molto diverso dal precedente, dove il tema basato su rapide pulsazioni e su un ritmo impetuoso e agitato sviluppato con imitazioni

60

polifoniche fra strumenti diversi, pi volte concluse e riprese con energia sempre rinnovata. L'austerit della parte prima non smentita, perch il procedimento imitativo aveva, sulla base della tradizione europea, un carattere severo, sacrale e rituale. C' tuttavia da notare che man mano che si avvia verso la fine, la sonorit dell'episodio diviene meno cupa, sia per il suono dei legni (flauto, clarinetto, oboe) sia perch il registro si sposta. La terza parte inizia in modo ambiguo: lascoltatore dellepoca si aspettava che venisse presentata come una ripresa pi o meno identica della prima parte, e cos sembra inizialmente accadere. Tuttavia a poco a poco ci si rende conto che le melodie sono quelle gi sentite, ma che gli strumenti che le presentano sono totalmente diversi: in particolare gli archi suonano pizzicando le corde (anzich usando l'arco) e gli ottoni sono sostituiti dai legni. Inoltre la tessitura sonora, che nella prima parte era compatta e robusta, qui diradata e lieve. Il senso non pi quello di una grave marcia; piuttosto si tratta del ricordo di un episodio precedente che gradualmente si va disperdendo, come se le intenzioni cupe che dominavano all'inizio, si allontanassero a poco a poco dalla scena. Alla fine lepisodio fluisce direttamente nell'ultimo tempo della sinfonia che inizia subito con un andamento ottimistico in do maggiore. Sostenuto da unorchestra ampliata il tema, superbo e trionfale ha il potere di spazzare via ogni elemento oscuro attraverso la sua forza vulcanica. Costruito in forma-sonata, questo movimento presenta dopo la Ripresa unenorme coda che ha la funzione di risolvere definitivamente tutta linstabilit e linquietudine dei movimento precedenti. Con il suo carattere di trionfale catarsi, di gesto liberatorio e vittorioso, il Finale acquista il suo significato solo se viene connesso con i dubbi, con le oscurit che lo precedono affermandosi dunque, non pi come brano gradevole e relativamente facile della tradizione settecentesca, ma come vero, decisivo esito della costruzione sinfonica. ( Baroni 2003)

Traccia 23
Ludwig van Beethoven Sonata in Mi maggiore op.109: III movimento
Esemplare della libert con cui lultimo Beethoven supera gli orizzonti delle forme classiche, la Sonata in Mi maggiore op.109 del 1820, rivela la ricerca di una nuova razionalit strutturale e dialettica che viene risolta a favore di una geniale asimmetria di sorprendente novit (Carli Ballola 1977): due movimenti iniziali, brevi, e
61

straordinariamente concisi e la grande espansione del terzo movimento, un tema con variazioni su cui spostato il baricentro. Nel primo movimento agisce una sorta di

distillazione delle procedure classiche: nelle prime otto battute abbiamo il primo tema, il ponte e linizio del secondo tema; questultimo appare come un organismo a s stante e completamente indipendente per tempo, ritmo e materiale tematico : una vera e propria "immagine" musicale autonoma e strutturalmente integrata. La forma-sonata assume qui una meravigliosa apparenza rapsodica, tutto il discorso suona come un'improvvisazione e nulla pi resta di quei gesti imperiosi e fulminei, che in poche note tracciavano il gioco di forze. Nellultimo movimento la crisi del tema come protagonista-eroe si manifesta nella dallandamento quasi

frantumazione del profilo tematico, una melodia semplicissima

dimesso (otto battute dalla tonica alla dominante pi otto battute dalla dominante alla tonica). Nelle variazioni di Haydn e Mozart in genere era sempre riconoscibile tutto il tema; per lultimo Beethoven invece l'unico elemento necessario il nudo scheletro armonico e melodico e nel corso delle variazioni vi un progressivo isolamento dei differenti aspetti del tema, quasi che Beethoven voglia chiarirli ad uno ad uno, non dando l'impressione di decorare il tema ma di svelarne lessenza. Nella prima variazione una incantevole melodia sboccia sul nudo schema degli accordi; nella seconda Beethoven applica al tema le figurazioni del I movimento; la terza, quarta e quinta scavano in profondit le implicazioni contrappuntistiche prima che la sesta e ultima variazione conduca alla polverizzazione nel materiale tematico attraverso la proliferazione di parti intermedie, che finiscono per

dissolversi in un doppio trillo sulla dominante da cui il tema riemerge con lievi ritocchi: qualche raddoppio di ottava al grave basta per calare un'ombra crepuscolare su questo struggente congedo.

62

SCHEDA 13
Il pianoforte romantico
Non certo un caso che i quattro maggiori esponenti della generazione romantica Felix Mendelssohn, Robert Schumann, Frderic Chopin e Franz Liszt furono tutti pianisti e dedicarono al loro strumento buona parte della loro attenzione. Si visto quale importanza il pianoforte conquist nella cultura borghese dellOttocento e quali trasformazioni lo portarono verso la met del secolo al suo massimo grado di efficienza e di potenza. Sia in sala da concerto che nel mercato editoriale ( e dunque nellesecuzione privata ) i musicisti romantici spostarono il centro di gravit dalla Sonata ( prediletta da Mozart e Beethoven) ad una serie di generi e sottogeneri accomunati dal fatto di essere di dimensioni ridotte, in un processo che vedeva limpostazione formale, che puntava sul disegno di fondo dei temi e sul loro sviluppo, relegata in secondo piano rispetto alla suggestione immediata del motivo, alla tessitura, al timbro, alla tecnica strumentale. I 48 Lieder ohne worte (Lieder senza parole) , furono senza dubbio la raccolta di composizioni pianistiche di maggior successo di Felix Mendelssohn: fogli dalbum che per le loro piccole dimensioni, la concisa e perfetta espressione, esplorano i problemi e le possibilit della cantabilit pianistica, con soluzioni ingegnose e tecniche di volta in volta diverse. ( traccia 25) Tra le altre composizioni pianistiche del musicista amburghese bisogna ricordare anche i sei Preludi e fughe che rimandano al recupero storico di Bach, diventato oggetto di culto, in parte proprio grazie alla breve ma intensissima attivit di Mendelssohn come direttore d'orchestra, pianista e organizzatore nelle maggiori citt tedesche (Berlino, Lipsia, Dusseldorf). Pi di Mendelssohn fu per la figura di Robert Schumann ad incarnare nel mondo musicale tedesco le nuove tendenze romantiche. La categoria del poetico pu servire ad accostare alcuni aspetti essenziali del mondo di Schumann che fu per qualche tempo diviso tra la vocazione musicale e quella di scrittore e che non nascose le matrici letterarie di molte sue opere, a cominciare dai pianistici Papillons op. 2 (1829), che sono il suo primo capolavoro e rimandano ad un capitolo dei Flehejahre, romanzo di Jean Paul Richter. Ma in Schumann non mai in discussione la vera e propria autonomia della musica, sebbene la sua opera sia fitta di rimandi ed allusioni, di riferimenti che tuttavia non vogliono essere troppo vincolanti: solo apparentemente le sue posizioni sulla natura poetica della musica possono riuscire vaghe o contraddittorie, perch alla loro base c' l'intuizione (tipicamente romantica, di una sorta di naturale contiguit e continuit tra arti diverse, quasi di una affinit elettiva tra poesia e musica, e dunque della possibilit di combinarle, di trasformare e prolungare l'una nell'altra senza tradirne l'intima natura. A Jean Paul e a Ernst Theodor Hoffmann, ma anche a Tieck e Friedrich Schlegel grandi scrittori della letteratura romantica tedesca la fantasia di Schumann fece pi volte ricorso, e al
63

loro mondo si riconducono spesso titoli, immagini poetiche, personaggi della sua musica o dei suoi scritti critici: ad esempio l'invenzione del Davidsbndler (Affiliati alla lega di Davide), i membri dell'ideale confraternita che con Schumann condivideva i programmi estetici e la lotta contro la gretta meschinit e il gusto ottuso dei Filistei. Nella prefazione alla raccolta dei suoi scritti (che erano stati prevalentemente pubblicati sulla rivista Neue Zeitschrift fr Musik da lui fondata a Lipsia nel 1834) Schumann spiegava chi erano i personaggi immaginari che vi comparivano: Parve opportuno, per permettere ai differenti aspetti della concezione artistica di manifestarsi, di creare dei caratteri artistici opposti, e fra essi Florestano ed Eusebio, che il Maestro Raro aveva il compito di conciliare, erano i pi ragguardevoli. La confraternita dei Davidsbndler si svilupp come un filo rosso attraverso tutta la rivista, legando Verit e poesia in modo umoristico . Verit e poesia (citazione da Goethe) si mescolavano perch della confraternita facevano parte idealmente persone reali vicine a Schumann, come la moglie Clara Wieck grande pianista che il compositore spos nel 1840 dopo aver superato (anche in tribunale) la tenace, durissima opposizione del padre di lei, Friedrich, apprezzato didatta e maestro di pianoforte dello stesso Schumann e Mendelssohn. Suggestioni di Hoffmann e Jean Paul sono evidenti nell'idea di Schumann di sdoppiarsi nelle personalit opposte e complementari di Florestano ed Eusebio: il loro dualismo al centro dei Davidsbundlertnze op. 6 (Danze degli affiliati della lega di Davide, 1837), 18 pezzi caratteristici (la danza poeticamente intesa come emblema di un libero gioco fantastico) firmati di volta in volta da Eusebio malinconicamente introverso e incline alla lirica tenerezza o da Florestano ardente, appassionato, pronto ad espressioni di lacerante dolore o di estroso umorismo o da entrambi. Il ciclo di pezzi caratteristici di diverse dimensioni, legati da una rete di pi o meno palesi relazioni interne, da rimandi segreti, e da una sapiente organizzazione dei rapporti tonali e dei caratteri espressivi, predomina nella produzione pianistica cui dedicata in modo pressoch esclusivo la prima fase della attivit di Schumann, nel decennio 1829-39, con i grandi esiti di: Davidsbundlertanze ( Danze della lega dei fratelli di Davide ) op.6, Carnaval op.9, Phantasiestucke ( Pezzi fantastici) op.12, Kinderszenen ( Scene infantili ) op.15, Kleisleriana op.16. Culmina in questi polittici la ricerca romantica di unalternativa di vasto respiro alla forma-sonata nella organizzazione ciclica, e in essa si trasfigura compiutamente, sotto il segno di una prodigiosa variet fantastica e di un linguaggio armonico e contrappuntistico originalissimo, il diffuso repertorio di danze, pezzi da salotto, pagine brillanti dei pianisti virtuosi. Il filone del pezzo breve era gi stato inaugurato da Schubert e proseguito da Mendelssohn: abbandonata larchitettura complessa tipica dello stile classico. Gi Mendelssohn e Schubert si erano concentrati sul concetto di "motivo", unidea tematica fulminea, pregnante ed eloquente che dava al pezzo appunto il suo carattere e allinvenzione timbrica su uno strumento che in quegli anni stava subendo fondamentali modifiche. Per caratteristico Schumann, tuttavia, intende ci che dotato di un proprio inconfondibile carattere e che perci premessa indispensabile della musica poetica; questultima a sua volta una categoria fondamentale con cui il compositore

64

intende una musica dotata di qualit romantiche, quindi una musica non comune, non convenzionale, dotata di appunto di una fisionomia unica e inimitabile in quanto nata dalla pi oscura dimensione dello spirito e che perci introduce in un mondo superiore. Ne deriva un altro concetto peculiarmente romantico ( gi a suo tempo sbandierato da Fredrich Schlegel ), quello dello spirito combinatorio-profondo consistente nellamalgama di elementi musicali ed extramusicali. Nella straordinaria fioritura pianistica iniziale il ciclo di pezzi caratteristici non l'unico problema formale affrontato. Gli Studi sinfonici op. 13 (1834-37) sono in forma di variazioni su un tema e costituiscono uno dei testi fondamentali nella storia della variazione ottocentesca: sono sinfonici per il carattere della scrittura pianistica, strumentata con ricchezza orchestrale. Schumann si accost con esiti originali anche alle forme sonatistiche, con le tre Sonate e soprattutto con la Fantasia op.17 pubblicata nel 1839 con dedica a Franz Liszt e con una citazione da Friedrich Schlegel come motto. tipica del pensiero di Schumann la rete di relazioni interne che caratterizza questampia composizione con intreccio di allusioni anticipazioni, rimandi (ad esempio la citazione di un frammento dell'ultimo Lied di All'amata lontana di Beethoven, che appare alla fine, svela affinit con entrambi i temi principali).

Tracce 26-27
Robert Schumann Carnaval op.9 : n. 5. Eusebius; n.6 Florestan
La poetica musicale di Schumann pienamente delineata nel Carnaval op.9 (1835), il cui

sottotitolo, scnes mignonnes sur quatre notes, allude ad un nucleo motivico di quattro note che funge da spunto generatore per il ciclo di 21 brevi pezzi. Le note corrispondono alle lettere musicali A S C H, che lette di seguito danno il nome del villaggio natale della donna allora da lui amata, Ernestine von Fricken, che egli poi lasci per legarsi a Clara Wieck, lettere che sono presenti anche nel cognome del compositore. Hoffmanniana l'idea di porre sotto il segno del carnevale situazione privilegiata che fa scoprire verit pi profonde di quelle consentite dall'ottica quotidiana la fantasmagoria dei brevi pezzi, l'agile trapassare della fantasia da una immagine all'altra nella rapida sfilata di maschere e ritratti, fine al loro riunirsi nello slancio della conclusiva Marcia dei Davidsbundler contro i Filistei, in cui la sfida alle convenzioni rappresentata prima di tutto dal ritmo ternario, impossibile in una marcia. Tutti i personaggi di questo carnevale (tranne i pezzi intitolati a Paganini e Chopin ) vengono caratterizzati con il ricorso alle quattro note che, in tre diverse combinazioni, queste note non si suonano.
65

formano come

nucleo subliminale del ciclo, visualizzato, al centro con il titolo Sfingi e con la prescrizione

Anche i due diversi volti che Schumann amava attribuire a s stesso nei suoi scritti critici, sono presenti nel polittico ecco dunque al numero 5, Eusebius, personaggio malinconico, introverso, incline alla tenerezza, e al numero 6 Florestan, ardente, appassionato, estremo nel dolore e nella gioia In un pezzo come Florestan , ( 38) Schumann concepisce una forma di autocitazione (un frammento iniziale dei Papillons op.2 ) che ha qualcosa di assolutamente inaudito. Rivoluzionaria non la citazione in s ma il modo in cui appare che la fa percepire come un vero e proprio ricordo; la breve sigla melodica infatti isolata con un cambiamento di suono e tempo e appare unintrusa anche a chi non la conosce, attraverso due apparizioni: la prima affiora in pianissimo, e fugacemente, come un ricordo imperfetto proveniente da lontano; la seconda apparizione pi chiara ma in breve il la figura di Papillons viene come incorporata nel resto del brano e il ricordo completamente assimilato al presente. (Rosen 1995) Questo istante emblematico della concezione schumanniana del tempo: non pi evolutiva e lineare ma ciclica e iterativa, con una reminiscenza che altera la regolare successione del prima e del dopo. All'inizio degli anni Trenta del XIX secolo, Parigi divenne il centro del pianismo internazionale, con una legione di campioni della tastiera che si chiamavano Kalkbrenner, Herz, Hiller, Alkan, Pixis, Chopin, Liszt, e con competizioni che richiamavano colleghi dall'estero, come Thalberg, d'abitudine residente a Vienna. I termini agonistici appena impiegati non sono da intendersi in senso puramente metaforico, in quanto il pubblico medio, come gi per le grandi ugole che si producevano all'Opra, stimolato da questa moltitudine di virtuosi, seguiva con passione agonistica le loro esecuzioni, facendo poi confronti e classifiche. E i pianisti come veri e propri atleti, si tenevano in costante allenamento con tecniche ed esercizi che sviluppavano una sbalorditiva agilit, impiegata poi nelle variazioni e nelle parafrasi su motivi celebri in cui il virtuoso poteva esibire tutta la propria bravura quale improvvisatore e commentatore, decorando e sviluppando quegli stessi temi che godevano di una vasta popolarit presso il pubblico del teatro d'opera. A questi atleti, che mettevano a dura prova la resistenza di corde e tastiere, case produttrici di pianoforti come rard e Pleyel, fornivano strumenti perfezionati che, mediante l'impiego di principi costruttivi di recente invenzione come quello del doppio scappamento (che permetteva ai tasti di colpire la corda pi rapidamente ) rendevano possibile la pratica di tecniche esecutive nuove ed un rinforzo del volume sonoro rispetto agli strumenti del passato; sicch i concerti pianistici potevano ora tenersi in sale pi vaste e capienti e la performance ne guadagnava in spettacolarit.
66

Tracce 27-28
Franz Liszt Studio trascendentale n.8, Caccia selvaggia Annes de plerinage II anne , n.1 Sposalizio

Le esibizioni parigine di Niccol Paganini rappresentarono un ulteriore stimolo all'esercizio del virtuosismo, creando nellambiente pianistico un fortissimo spirito di emulazione incrementato dalla consapevolezza che i pianisti avevano delle straordinarie qualit sonore e meccaniche del loro strumento. Primo fra tutti fu lungherese Franz Liszt che, stabilitosi a Parigi nel 1823, ebbe dal virtuosismo di Paganini la rivelazione di un nuovo mondo da esplorare: attraverso Paganini, Liszt arriv in breve alla folgorante scoperta che il virtuosismo poteva non limitarsi ad essere uno sterile esercizio esibizionistico, ma poteva diventare una delle vie maestre della "rivoluzione romantica" con linvenzione di una tecnica pianistica di cui non esisteva la minima traccia fino a quel momento. Un terreno di ricerca fondamentale in tal senso fu costituito dagli Studi di esecuzione trascendentale (1837-38), di cui un esempio il n. 8 intitolato Wilde Jagd, cio Caccia selvaggia, ( traccia 27) : il virtuosismo violinistico di Paganini viene infatti portato da Liszt sul pianoforte ad una dimensione trascendentale, cio capace di investire la materia sonora di un tale getto di violenza fantastica da trascenderne i limiti. Nellesempio in questione il volume sonoro parossistico ottenuto con le ottave martellate, si abbina ad una continua oscillazione fra il registro grave e quello acuto che si traduce per il pianista in una serie di salti tanto rischiosi quanto spettacolari e la tastiera viene sollecitata in tutta la sua estensione; nella parte centrale poi lingresso di un tema pi cantabile si abbina ad una difficolt di ordine ritmico in quanto si sovrappongono un ritmo ternario alla mano destra su un ritmo binario alla mano sinistra. Dunque si tratta di un virtuosismo che, se nella dimensione pi esteriore e spettacolare significa appunto atletismo ed esibizionismo, in quella pi schiettamente musicale significa invece sperimentalismo sonoro, violenza operata nei confronti dello strumento per ampliarne illimitatamente le possibilit foniche ed espressive, per carpirne i segreti pi nascosti. Sicch, se da un lato la carriera pianistica di Liszt appartiene alla storia del costume in quanto anticipa quel fenomeno cosi caratteristico dei nostri tempi che il coinvolgimento delirante di un pubblico (l'adorazione ed il fanatismo di uno stuolo di fans che seguono il loro idolo e cercano di impossessarsi di qualche sua reliquia ) nell'ambito della storia dell'arte esecutiva apre un capitolo nuovo in quanto Liszt riusciva ad infondere alle opere musicali una carica comunicativa particolare: riusciva a trasformare la musica in autentico linguaggio, in gesto fonico, mediante una mimica ed una gestualit che non
67

sortiva solamente esiti spettacolari, ma con la partecipazione di tutto il corpo all'esecuzione, creava una straordinaria variet di tocco. Da qui poi la capacit di trasporre sulla tastiera, attraverso il genere della trascrizione o parafrasi, le sonorit e la volumetria sonora di un'intera orchestra come le minime sfumature espressive di una melodia vocale; l'intensa attivit di trascrizione di opere sinfoniche e teatrali del passato prossimo (le sinfonie di Beethoven e le opere di Mozart) e del presente (memorabile quella della Fantastica di Berlioz), di Lieder di Schubert, la cui esecuzione in concerto, in un'epoca in cui la diffusione della musica era molto pi lenta ed occasionale di oggi, svolgeva tra l'altro un'importante funzione di divulgazione culturale; tanto pi che Liszt, anche in questo distinguendosi dai colleghi, inser presto nel proprio repertorio composizioni per tastiera di maestri del passato pi o meno prossimo, da Haendel, Bach a Scarlatti a Weber, Beethoven fino ai suoi contemporanei, inaugurando quel tipo di concerto storico che, con le dovute modifiche a trasformazioni, ancora in auge oggi, con il nome di recital: un concerto il cui protagonista unico appunto il pianista che si esibisce suonando a memoria programmi interi, spesso anche molto lunghi. Le Annes de plerinage, (Anni di pellegrinaggio) sono unimportantissima raccolta pianistica di Franz Liszt comprendente ventisei pezzi divisi in tre quaderni, composti in un arco di tempo che abbraccia circa quarantanni: una specie di diario musicale che accoglie programmaticamente le suggestioni di letture, di vedute panoramiche o di opere darte, trasponendole nelle sonorit inaudite del suo prodigioso virtuosismo pianistico. Il pellegrinaggio del titolo si riferisce in larga parte ai viaggi compiuti da Liszt fra il 1835 e il 1839 in Svizzera e in Italia, in compagnia della contessa Marie DAgoult (nata de Flavigny). Dallunione fra Liszt e la contessa nacquero tre figli. Marie de Flavigny proveniente da una famiglia dellaristocrazia legittimista, era andata in sposa nel 1827 al conte Charles DAgoult dal quale aveva avuto due figlie. Colta, raffinata, indipendente, Marie aveva trovato sulla sua strada nel 1833 un Liszt ventiduenne gi pianista di enorme successo, appena uscito da una crisi spirituale che dopo averlo portato a pensare seriamente di prendere i voti, lo aveva condotto ad aderire al socialismo umanitario tinto di riflessi religiosi di Saint-Simon e dellabate Lamennais. La relazione clandestina spinse i due a fuggire in Svizzera e dare inizio ai pellegrinaggi di Liszt. Lo Sposalizio riferito allo Sposalizio della vergine, di Raffaello Sanzio, olio su tavola del 1504. La celebre tavola di Raffaello viene vista da Liszt e Marie DAgoult nella Pinacoteca di Brera a Milano nel settembre 1837. Il ricordo della celebre tavola si accompagna alla lettura fatta durante i mesi trascorsi in Italia delle Vite di Vasari e della biografia di Raffaello di Johann David Passavant (prima monografia su Raffaello 1839). Il modo in cui Liszt interpreta in un testo musicale il testo pittorico evocativo-allusivo e non banalmente descrittivo.

68

Il testo musicale costruito su tre nuclei: 2 motivi (di breve estensione) e un tema (di estensione pi ampia ):
Motivo A : motivo iniziale orizzontale puramente melodico, lineare basato su una successione pentatonica ( cio su una scala di cinque suoni, al posto dei consueti sette) Motivo B : anticipato nella seconda battuta e pi chiaramente esposto pi avanti : invece verticale, basato su accordi semplici, ma anche su una chiara successione di proposta (mano destra) -risposta ( mano sinistra) . Tema C : pi lento appare in pianissimo con arpeggi e accordi la cui superficie disegna una linea ascendente

Linizio del Pensieroso tutto in sonorit ridotta al minimo. Dolce e dolcissimo prescrive Liszt in questa prima fase contrassegnata anche da pause e silenzi. Poi il volume aumenta e nella parte centrale ecco che il motivo lineare A diventa laccompagnamento del tema C. Le analogie sottili fra il testo musicale e tavola di Raffaello sono le seguenti: 1) Limpianto motivico del pezzo basato sulla compresenza di elementi orizzontali ( A , ma anche la superficie di C ) e verticali ( B e C) cos come avviene in Raffaello ( Tempio = asse verticale della composizione; figure in primo piano = asse orizzontale ) 2) Il tessuto generale caratterizzato in pi punti dalla divergenza di direzioni seguite dalle due mani che dal centro della tastiera si allargano verso gli estremi. Liszt sembra voler riprodurre cos leffetto di profondit dato dallimpianto prospettico del dipinto che conduce locchio dello spettatore dal punto di fuga situato al centro del tempio attraverso le scansioni dettate dal ritmo degli intercolumni fino al primo piano occupato dalle figure 3) Laspetto simbolico dei motivi. A) lineare, pentatonico allude simbolicamente alle campane di una chiesa, dunque al Tempio raffigurato da Raffaello (c chi sostiene che qui Liszt volesse riprodurre le successioni pentatoniche in uso dai campanari delle chiese lombarde ). Il motivo A dunque da un lato rappresenta levocazione sonora del giorno solenne, dallaltro rimanda visivamente al tempio. Il motivo B) con il suo schema proposta-risposta allude abbastanza esplicitamente alla domanda di matrimonio. Il tema C) semplice e intenso, associato alla figura della Vergine Maria : lo stesso Liszt a fornire questelemento di identificazione attraverso una pi tarda trascrizione del pezzo per voce e organo nella quale la comparsa di questo tema corrisponde alle parole Ave Maria. Secondo Serge Gut questa figura musicale allude anche a Marie DAgoult associata per alcuni suoi tratti alliconografia raffaellesca della Madonna. Il modo in cui i tre nuclei vengono disposti nel tempo e nello spazio da Liszt suggerisce che la prima parte del pezzo corrisponda alla rappresentazione musicale dei due piani principali del dipinto, quello del Tempio ( A) e quello della scena in primo piano ( B e C ).

69

Nello sviluppo del pezzo per i due piani vengono messi in relazione creando una prospettiva musicale: A) diventa lo sfondo di C) cos come il tempio diventa lo sfondo, ma anche il perno prospettico della scena in primo piano

70

Tracce 29-30

Nell'elenco dei grandi pianisti attivi nella capitale francese spicca anche un grande protagonista del movimento romantico: Fryderyk Chopin, ma le sue doti esecutive erano di nature totalmente diverse da quelle coltivate dagli atleti della tastiera. Doti che, in accordo con il proprio mondo poetico e creativo, consistevano in un fraseggio mirabilmente sciolto e leggero e in un tocco straordinariamente sensibile che gli permetteva di realizzare una gamma timbrica sfumatissima, una tavolozza sonora con sottilissime gradazioni di mezze time. Come Liszt, era un emigrato ma mentre il suo collega di origine ungherese aveva ricevuto la sua prima formazione nella Vienna anni Venti, nel cuore dell'impero asburgico, aprendosi presto ad un disinvolto cosmopolitismo, Chopin invece si form a Varsavia, ricevendo una fortissima impronta dal clima ben pi provinciale ed etnicamente caratterizzato della capitale polacca, da sempre esposta alle mire espansionistiche della Russia. In patria Chopin aveva iniziato una carriera esecutiva e compositiva nell'ambito dei generi pianistici che andavano per la maggiore all'epoca: due Concerti per pianoforte e orchestra, (con questultima sullo sfondo ed il pianoforte che assume un ruolo di assoluto protagonismo), variazioni su temi celebri, cimentandosi anche nella sonata e nella composizione cameristica. Quando, dopo uno sfortunato soggiorno viennese, costretto dalle vicende politiche, fiss la residenza a Parigi, la sua carriera di pianista e compositore sub una svolta brusca e radicale. Anzich gettarsi nell'affollatissimo agone pianistico, in accordo con la propria personalit umana e artistica, si inser nel milieu dell'aristocrazia internazionale di censo e di sangue residente nella capitale francese (fra cui quella polacca), sostentandosi principalmente con le lezioni private ed esibendosi quasi esclusivamente in salotti frequentati dal fiore della cerchia intellettuale parigina. Al riparo dai condizionamenti del gusto imperante pot cosi concentrarsi con esclusivit e continuit sulla ricerca attorno alle sonorit ed al linguaggio pianistico e sui generi che canalizzavano la ricerca sul pezzo breve: Polacche e Mazurche, Notturni ed Improvvisi, Studi e Preludi, Scherzi e Ballate. Generi o appartenenti alla sfera dell'intrattenimento salottiero, o attraverso la stilizzazione di movenze o forme di danza (le Polacche, le Mazurche e i Valzer), o della romanza sentimentale patetica e sognante (il Notturno), opere legate a quella pi propriamente didattica (come gli Studi e i Preludi). La musica di Chopin ebbe legami evidenti con il mondo tardo-barocco e galante: la sua posizione allinterno del movimento romantico particolarissima trattandosi di unarte concentrata sulla capacit espressiva, sulla grazia dellornamentazione, sulla sottile sensibilit che pervadono i generi che il genio chopiniano riplasma ed eleva di rango sottraendoli alla loro dimensione di intrattenimento borghese. Al fondo agisce una fortissima spinta allastrazione che trova una prova evidente nel rifiuto di utilizzare titoli allusivi per le sue opere ed confermata peraltro dal fastidio
71

con cui Chopin reagiva al tentativo di spiegare la sua musica con motivazioni extra-musicali ( Di Benedetto 1982) Astrazione, stilizzazione, perfezionamento formale agiscono anche su quei generi da salotto , generi di intrattenimento borghese che ormai inflazionavano il mercato della musica pianistica europea. Chopin ad esempio dedic costanti attenzioni al genere della Mazurca: si trattava di da danza popolare polacca, originaria della regione della Mezovia, in ritmo ternario con caratteristico accento sul secondo tempo della battuta; essa era divenuta molto popolare alla fine del Settecento come danza di sala leggera. Nelle mani di Chopin la mazurca, pur presentando ancora legami con gli archetipi popolari (laccento sul secondo tempo, luso di figurazioni melodiche tipiche, gli ostinati ritmici ) si trasforma in brano introspettivo, con soluzioni armoniche ardite, e con squarci lirici fulminei carichi di struggenti inflessioni nostalgiche (traccia 29). Un analogo processo di affinamento formale e stilistico si individua nel Notturno. In questo caso il punto di partenza era dato dai pezzi pianistici apparsi con questo titolo per opera del pianistacompositore irlandese John Field (1782-1837): si trattava di brevi composizioni di carattere melodico e sognante apparse negli anni dieci che ebbero immediato successo nellEuropa del primo Ottocento, in quanto perfettamente calate nella dimensione della salonmusik. Oscillando fra momenti di intima confessione e pi aperti sfoghi lirici ispirati ad una cantabilit di ascendenza vocale e operistica, spesso Chopin impiega nei suoi omonimi brani melodie lunghe sul modello di quelle di Vincenzo Bellini, linee che sembrano rigenerarsi in spirali liriche inesauste, che a volte si ripresentano con ornamentazioni fantasiose e altre volte tendono a ramificarsi in pi voci, creando una illusoria polifonia (traccia 30). L'arte di Chopin, che suona spesso come esito naturale e spontaneo, quasi improvvisato, nonostante egli fosse anche un grande improvvisatore, frutto di un sofferto travaglio creativo, di una costante ricerca di perfezione e di compiutezza formale. Sofisticatissime appaiono spesso le soluzioni armoniche che conferiscono agli accordi una funzione timbrica creando una sfumatissima gamma di risonanze e di atmosfere sonore, anticipando un lessico che la cultura europea far suo mezzo secolo dopo: celebre lesempio dellaccordo che chiude la misteriosa introduzione della Prima Ballata, accordo inspiegabile per la teoria ottocentesca che spesso venne corretto in molte delle prime edizioni di questo pezzo. I due universi pianistici di Liszt e Chopin, cosi diversi ed anzi antitetici il primo tutto proteso alla ricerca di un linguaggio che traduca fedelmente in immagini sonore le sue fantasie poetiche e quelle evocate dalla musica altrui, il secondo totalmente calato nella ricerca creativa assoluta, avulsa da qualsiasi contenuto extramusicale esplicito non rappresentano solamente due risposte diverse al tormento creativo di due artisti profondamente coinvolti nel clima culturale del ventennio che precede la met del secolo XIX; per vie di comunicazione anch'esse opposte tracceranno due profondissimi solchi nella cultura musicale francese non solo ottocentesca, ma anche novecentesca: basti pensare a Debussy e Ravel.

72

SCHEDA 14
Il poema sinfonico
La prima della Sinfonia fantastica a Parigi colp profondamente la sensibilit di Liszt, il quale dopo averne realizzato una magistrale trascrizione per pianoforte, suonata spesso nei suoi recitals, riprese lideale della musica a programma nelle composizioni orchestrali scritte dopo il suo trasferimento a Weimar, chiudendo il periodo nomade della sua vita. Ora Liszt l'alfiere del nuovo vangelo artistico che cerca di trasformare Weimar in una nuova Atene della musica dellavvenire: innanzitutto promuovendo l'esecuzione delle opere e delle composizioni degli esponenti di punta della tendenza progressista - Wagner e Berlioz in primis -, quindi dedicandosi con intensit e continuit alla creazione dei suoi poemi sinfonici. Negli anni di Weimar l'arte musicale diventa esplicita e programmatica sublimazione poetico-sonora del vissuto, processo osmotico tra le emozioni estetiche e personali e le fantasie sonore. E nell'ambito orchestrale che Liszt concepisce i suoi progetti pi ambiziosi, con una serie di 13 poemi sinfonici e due sinfonie programmatiche dedicate l'una al Faust di Goethe (FaustSymphonie) e l'altra alla Commedia dantesca (Dante-Symphonie,) che gi gli aveva ispirato una Fantasia quasi sonata per pianoforte (nel 1849) inserita nel secondo anno delle Annes de Plerinage dedicato all'Italia. Liszt coni il termine Sinfonische Dichtung (appunto Poema sinfonico ) per designare una composizione orchestrale in un tempo solo che non rispetta le forme classiche e che si basa su fonti extra musicali, in genere letterarie. L'invenzione di questo genere era legata a tre esigenze fondamentali: 1) adottare il concetto classico di genere sinfonico senza ricalcare schemi formali tradizionali; 2) elevare la musica a programma da genere descrittivo a genere dai significati poetico-filosofici; 3) conciliare la gestualit espressiva, rapsodica delle sue composizioni pianistiche con la forma logica della tradizione classica basata sull'elaborazione motivico-tematica. In questo senso il poema sinfonico cos come concepito da Liszt rappresentava unevoluzione della musica a programma che lo stesso Liszt aveva cos descritto: Nella cosiddetta musica classica la ripresa e lo viluppo dei temi sono legati determinati da regole formali , considerate irrefutabili () Nella musica a programma invece, ripetizioni, alternanze e variazioni, modulazioni dei motivi sono condizionate da unidea poetica.

Traccia 32
Franz Liszt Mazeppa, poema sinfonico (1854): I parte
I poemi sinfonici listziani denotano la piena maturazione di quella concezione gi operante nella sua precedente fase compositiva per cui la creativit musicale si impregna fortemente di contenuti poetici extramusicali, e daltro lato mostrano lesigenza di ampliare le dimensioni delle composizioni
73

mediante criteri diversi da quelli tradizionali: criteri che possono anche recuperare certi principi o ricalcare certi schemi tradizionali come la forma-sonata, ma in unottica defunzionalizzata, in cui lo schema poetico funge da guida narrativa, orientando litinerario espressivo lungo traiettorie impreviste e imprevedibili. Questo sperimentalismo linguistico caratterizzer anche la atonali, con aspri urti dissonanti inaudite sovrapposizioni di accordi. Mazeppa il sesto poema sinfonico composto da Liszt. Alla sua base c un poema di Victor Hugo ispirato alla storia di Ivan Mazepa nato nel 1644 a Kiev, paggio alla corte del re di Polonia. A causa di una relazione con una nobildonna Mazeppa fu condannato e legato nudo al dorso di un cavallo ucraino; il cavallo torn in Ucraina e Mazepa semivivo fu raccolto e curato dai cosacchi di cui pi tardi divenne capo. Hugo nel suo poemetto contenuto nelle Horientales aveva fatto di Mazeppa il simbolo dell'artista che, trascinato dal suo genio, attraverso la sofferenza diventa poeta. (Il poemetto preceduto come epigrafe da un verso del Mazeppa di Avanti!"). Il poema sinfonico di Liszt diviso in due parti chiaramente separate: la cavalcata e il trionfo. Nella prima parte viene descritta con vividi e crudi colori la cavalcata selvaggia; inizia con uno scoppio, secco come una frustata, seguito dal movimento degli archi nel quale Liszt vuole dare il senso della cavalcata mortale. Ma il movimento solo un'introduzione che serve a preparare con un grande crescendo di intensit il tema principale, il canto disperato e selvaggio di Mazeppa in re minore. Come ha notato Carl Dahlhaus questa sezione del poema di Liszt formalmente ambigua: la tabella che segue mostra come il discorso sonoro possa essere schematizzato o come forma di tema con variazioni o come Liedform ABA o come forma-sonata. La forma musicale doveva rimanere nellombra , secondo un dogma dellestetica contenutistica condiviso anche da Wagner, che lo spieg proprio nel saggio sui poemi sinfonici di Liszt: la forma non doveva essere fine, ma mezzo della realizzazione dellintenzione poetica ( Dahlhaus 1970) Liszt Battute 1-35 36-68 69-121 122-83 184-231 232-62 263-332 333-401 402 tonalit re Si bem Si re V di re re re Mazeppa - I parte : struttura formale Schema 2 ( forma ABA ) Introduzione A B A Schema 3 Forma Sonata Introduzione Esposizione Sviluppo Ripresa Coda Byron "Avanti! tarda stagione creativa lisztiana con una serie di brani pianistici che si svolgeranno su disegni quasi

Schema 1 (tema con variazioni) Introduzione TEMA Variazione 1 Variazione 2 Variazione 3 Variazione 4 Variazione 5 Variazione 6

74

SCHEDA 15
Verdi e il melodramma italiano nel pieno Ottocento : La Traviata
Con La traviata che Verdi rinnova gli orizzonti tradizionali del melodramma con tecniche drammaturgiche e musicali solo in parte tentate nel repertorio precedente; qui il dramma popolare lascia il posto a un dramma borghese che si accosta come mai fino ad allora alla dimensione del realismo quotidiano. Verdi si schiera a favore del libero amore, presentando in termini positivi il personaggio di Violetta Valery a cui la morale corrente proibisce di vivere insieme alluomo amato. Questopera pu essere assunta come termine di riferimento per evidenziare come le forme musicali verdiane degli anni cinquanta accolgano ampiamente l'esperienza del melodramma precedente rinnovandola tuttavia in alcuni aspetti essenziali. L'unit musicale non ormai pi data, come nel vecchio teatro di tradizione settecentesca, dalla schematica successione di recitativi e arie, ma non neppure del tutto libera. La presenza di schemi formali precostituiti, di numeri chiusi , ancora viva in questo periodo e ancora pienamente funzionale alle attese del pubblico, che amava costellare lo spettacolo degli applausi forniti a ciascun cantante alla fine del suo pezzo. Le strutture musicali tendono in Verdi, dunque ad adattare le forme tradizionali alle esigenze del teatro moderno. Cosi, ad esempio, il recitativo assume talora una continuit di linee melodiche e un impegno espressivo che lo avvicina all'aria; e questa a sua volta pu farsi meno compatta e meno formalmente rigorosa cosi da aderire pi prontamente alla concretezza delle situazioni rappresentate

Tracce 33 a-b
Giuseppe Verdi

La Traviata ( libretto F.M. Piave) ( 1853)


Parigi, nella lussuosa casa di Violetta Valry, cortigiana di alto bordo, in corso lennesima festa. Vi partecipano i soliti mondani aristocratici, le loro signore, qualche dama di dubbia nobilt e moralit. un tripudio di chiacchiere, di risate e di musica. Durante la festa Violetta conosce Alfredo Germont: i due si innamorano e decidono di vivere insieme, in una casa di campagna, lontani dalla confusione e dalla vita brillante della citt. Mentre Alfredo assente, giunge suo padre, Giorgio Germont, il quale, nel corso di un drammatico colloquio con Violetta, le chiede di troncare la sua relazione con il figlio poich tale rapporto costituisce motivo di disonore per tutta la famiglia. Violetta, pur con grande dolore, compie il sacrificio richiestole, abbandona Alfredo e torna a Parigi, dove riprende a frequentare numerose feste e diviene l'amante del Barone Douphol. Anche Alfredo raggiunge Parigi e, proprio durante un trattenimento in casa di comuni amici, incontra nuovamente Violetta e la insulta pubblicamente, gettandole ai piedi, in segno di disprezzo, una borsa piena di denaro. Nel finale dell'opera, Violetta, malata di tubercolosi e senza speranza, giace nel suo letto e invoca il ritorno e il perdono di Alfredo. Questi, al quale il padre ha rivelato nel frattempo il sacrificio della giovane, accorre al capezzale di Violetta. I due ricordano i bei giorni felici trascorsi insieme e progettano di lasciare Parigi per tornare alla serena vita in campagna Per un attimo Violetta sembra riprendersi; invece muore tra le braccia dei suoi cari.

75

Atto I Scena V - Finale

VIOLETTA strano! strano! in core Scolpiti ho quegli accenti! Sara per me sventura un serio amore? Che risolvi, o turbata anima mia? Null'uomo ancora t'accendeva O gioia Ch'io non conobbi, essere amata amando! E sdegnarla poss'io Per l'aride follie del viver mio? Ah, fors' lui che l'anima Solinga ne' tumulti Godea sovente pingere De' suoi colori occulti! Lui che modesto e vigile All'egre soglie ascese, E nuova febbre accese, Destandomi all'amor. A quell'amor ch' palpito Dell'universo intero, Misterioso, altero, Croce e delizia al cor.

Resta concentrata un istante, poi dice Follie! follie delirio vano questo! Povera donna, sola Abbandonata in questo Popoloso deserto Che appellano Parigi, Che spero or pi? Che far degg'io! Gioire, Di volutt nei vortici perire. Sempre libera degg'io Folleggiar di gioia in gioia, Vo' che scorra il viver mio Pei sentieri del piacer, Nasca il giorno, o il giorno muoia, Sempre lieta ne' ritrovi A diletti sempre nuovi Dee volare il mio pensier.

Nella Traviata pi stretto che mai si fa il rapporto fra la poetica del Realismo e le convenzioni del Melodramma. Ci avviene anche per ladozione di un testo di freschissima stampa e per di pi ambientato nella contemporaneit: novit davvero rivoluzionaria nellopera seria italiana. Il soggetto dellopera era tratto da La signora delle camelie che Alexandre Dumas aveva prima scritto come romanzo (1848) e poi trasformato in dramma (1852 ), ispirandosi ad una storia realmente accaduta. Ladozione del testo di Dumas e delle problematiche del dramma borghese comport per nelle mani di Verdi un cambiamento di prospettiva: in Dumas Margherita Gautier: (questo il nome della protagonista) era insolente, disinvolta, spensierata e profondamente malinconica; vizio e innocenza, purezza e lussuria erano intrecciate. Verdi separ ci che Dumas aveva mescolato e fece sparire questo groviglio di ambiguit : Violetta Valery traviata , ha perso la sua strada: la purezza interiore traspare nellaria in Ah, fors lui che lanima dove lamore per Alfredo appare come la possibile realizzazione dei suoi sogni infantili. Dumas riscatta Marguerite e al tempo stesso la condanna, segnata com dalla febbre di una sensualit attraente ma negativa: invece, una volta ammesso che Violetta si prostituita perch non ha saputo sottrarsi alla corruzione della grande citt, Verdi lassolve senza pregiudizi. 1994) In altre parole Violetta vive per mestiere in un mondo di piacere che anima con la sua finta allegria ma che le diventa estraneo perch ossessionata dalla purezza perduta e lontana che la rende
76

questo eleva

Violetta a una statura mitica e fa di lei un perfetto personaggio dellemarginazione ( De Van

intimamente innocente. Il conflitto principale messo in scena dalla Traviata dunque quello di Violetta con la societ, della quale lei stessa espressione. In effetti la struttura generale dellopera rispecchia questo conflitto nel suo polarizzarsi tra due sfere: quella della festa e quello della dimensione intima. La maggior parte del primo atto quale vede agitarsi la folla degli invitati nellappartamento di Violetta: il duetto fra protagonista e Alfredo un enclave intimista circondato da ogni parte. Il secondo Atto rigorosamente diviso : la prima parte nella casa di campagna di Violetta e Alfredo; la seconda parte nella casa di Flora dove ha luogo la scena del gioco e dellaffronto di Alfredo a Violetta, Lultimo atto infine quasi interamente intimista e fa perno sulla morte di Violetta nel suo appartamento dal quale si odono le voci allegre che festeggiamo il carnevale. Laria finale di Violetta nel I atto ha in tal senso una valenza quasi simbolica: essa ha luogo in uno spazio vuoto, dopo il congedo degli invitati e oscilla fra la prima parte, nella quale Violetta si abbandona al suo sogno damore, facendo trapelare la sua vera natura e la seconda parte nella quale ritorna al suo destino di cortigiana. Simbolo e cuore pulsante dellopera il motivo melodico di corrispondente alla parte centrale dellaria Di quellamor ch palpito : un motivo che ritorna come reminiscenza in altri luoghi della Traviata . Ma i connotati realistici rimangono dentro il codice formale melodrammatico: laria infatti rispetta ancora sostanzialmente la tradizione con la sua bipartizione fra parte cantabile parte brillante inframezzata dai recitativi. In sostanza Verdi riprende la solita forma rossiniana adattandola perfettamente a quello che il cuore drammaturgico dellopera: la divisione della protagonista fra limpulso ad abbandonarsi allamore puro e spontaneo per Alfredo e la sua vita dissoluta di cortigiana, traviata dalla societ ipocrita e superficiale. Si riconosce il tempo dattacco, nel recitativo iniziale E strano, strano ! cui segue il cantabile, laria vera e propria Ah, fors lui che lanima , quindi il tempo di mezzo, una parte libera, interlocutoria, (Follie, follie! ), e infine la consueta cabaletta o stretta, culmine brillante, Sempre libera deggio. Verdi dunque riesce a forgiare la sua drammaturgia dentro quel complesso di convenzioni condivise fra autori e pubblico in cui la variazione del noto era molto pi importante della scoperta dellignoto .

77

SCHEDA 16
Wagner e il dramma musicale: Tristan und Isolde
Terminato a Lucerna nel 1859, Tristano e Isotta venne in un primo momento proposto da Wagner al teatro di Vienna, dove per fu respinto giudicandolo ineseguibile. Dovettero trascorrere ben sei anni prima che il dramma potesse essere rappresentato per la prima volta a Monaco di Baviera il 10 giugno 1865, col sostegno di Ludwig II. Alla base del libretto c' un'antica saga medievale di probabile origine celtica. L'ispirazione diretta per la vicenda Wagner la trasse dalla leggenda cortese di Tristano e Isotta diffusissima nella letteratura medioevale, ma probabile tuttavia che egli si sia ispirato alla tarda rielaborazione di Gottfried von Strassburg del secolo XIII (la lesse nella lingua originale o nella versione tedesca di H. Kurtz del 1844). Wagner condens la vicenda in tre atti, staccandola quasi completamente dalla storia originale e caricandola di allusioni filosofiche di stampo schopenhaueriano.

Tracce 34-35
Richard Wagner Tristano e Isotta (1857) Atto II, Scena II Atto III Finale
Atto I. La nave di Tristano sta conducendo Isotta, figlia dei reali d'Irlanda, in Cornovaglia dove andr in sposa allo zio dello stesso Tristano, re Marke. Tristano riuscito nel suo intento uccidendo Morold, signore irlandese amato da Isotta che pretendeva un tributo da re Marke. Isotta agitata e racconta alla sua ancella Brangania che un giorno ella aveva raccolto e curato un cavaliere ferito che diceva di chiamarsi Tantris; Isotta aveva riconosciuto in lui l'uccisore di Morold, ma impietosita, invece di vendicarsi lo aveva curato con filtri magici tacendo a tutti il segreto. Ed ecco come Tristano la ricompensava: prelevandola per concederla in sposa al vecchio Re di Cornovaglia! Isotta chiede quindi a Brangania di portarle lo scrigno dove vi un filtro di morte, che lei intende bere insieme a Tristano. Ma la morte non arriva: Brangania ha sostituito il filtro di morte con un filtro d'amore. Isotta e Tristano si contemplano e poi si abbracciano. Atto II Nel giardino del castello di Re Marke, di notte. Approfittando della partita di caccia del Re e della corte, Tristano e Isotta si incontrano con la complicit di Brangania; questultima titubante perch teme le insidie di Melot, uomo di corte che si finge amico di Tristano e che in realt ama segretamente Isotta. Dopo il segnale convenuto, Tristano si precipita tra le braccia di Isotta ed insieme innalzano un inno alla notte, fida custode del loro amore. Alle prime luci dell'alba, il grido di Brangania interrompe l'estasi. Kurwenald giunge trafelato ed invita Tristano a fuggire: stanno arrivando Marke, Melot e altri cortigiani. Tristano apprende cos che Melot aveva organizzato la partita di caccia proprio per sorprendere gli amanti. Marke, profondamente addolorato; Melot sguaina la spada e colpisce Tristano che, senza aver neanche provato a difendersi, si accascia al suolo, ferito a morte. Atto III Tristano si trova sulla spiaggia di Kareol in Bretagna, nelle vicinanze del suo castello: ormai morente ed vegliato premurosamente da Kurwenald. Ad un tratto viene avvistata la nave che sta portando Isotta. Tristano, pur morente, non resiste e barcolla per andare incontro ad Isotta. I due amanti si abbracciano e Tristano, pochi istanti dopo, muore. Intanto sulla costa sono sbarcati da un'altra nave re Marke e Melot. Kurwenald si getta su Melot e lo uccide, ma ferito a sua volta muore accanto a Tristano. Re Marke, sconvolto, racconta di aver appreso da Brangania la storia del filtro d'amore e di essere venuto per perdonare e benedire gli amanti. Ma il suo arrivo ormai tardivo: anche Isotta non ascolta pi nulla, desiderando solo annegare nello spirante universo. Come trasfigurata s'accascia e cade morta sul corpo di Tristano.

78

ATTO II

BEIDE O ew'ge Nacht, ssse Nacht! Hehr erhabne Liebesnacht! Wen du umfangen, wem du gelacht, wie wr' ohne Bangen aus dir er je erwacht? Nun banne das Bangen, holder Tod, sehnend verlangter Liebestod! In deinen Armen, dir geweiht, urheilig Erwarmen, von Erwachens Not befreit! Wie sie fassen, wie sie lassen, diese Wonne, fern der Sonne, fern der Tage Trennungsklage Ohne Whnen sanftes Sehnen; ohne Bangen sss Verlangen; ohne Wehen hehr Vergehen; ohne Schmachten hold Umnachten; ohne Meiden, ohne Scheiden, traut allein, ewig heim, in ungemessnen Rumen bersel'ges Trumen. TRISTAN Tristan du, ich Isolde, nicht mehr Tristan! ISOLDE Du Isolde, Tristan ich, nicht mehr Isolde! BEIDE Ohne Nennen, ohne Trennen, neu Erkennen, neu Entbrennen; endlos ewig, ein-bewusst: heiss erglhter Brust hchste Liebeslust! (Sie bleiben in verzckter Stellung)

A/ B

AMBEDUE O notte eterna, dolce notte! Augusta, sublime notte d'amore! Colui che tu hai stretto, colui al quale hai sorriso, come senza timore si sveglierebbe mai da te? Bandisci dunque il timore, o dolce morte, o ardentemente invocata morte d'amore! Nelle tue braccia, a te sacri, [quale] ardore santo ed antico, libero dall'angoscia del risveglio! Come comprenderla, come lasciarla, questa volutt, lontana dal sole, lontana dal giornaliero dolore della separazione! Senza illusione mite aspirare; senza timore dolce desiderare; senza dolore alto disciogliersi; senza languire, grato annottare; senza distacco, senza separazione, caramente soli, ad un focolare eterno, in interminati spazi, sovrumano sognare: TRISTANO Tu Tristano, io Isolda, non pi Tristano. ISOLDA Tu Isolda, io Tristano, non pi Isolda! AMBEDUE Senza chiamarsi, senza separarsi, nuovo riconoscere, nuovo ardere; senza fine eternamente, intimamente consci: cuore ardente come la fiamma, suprema volutt d'amore! (Rimangono in atto estatico) 79

ATTO III Scena III e ultima

ISOLDE Mild und leise A wie er lchelt, wie das Auge hold er ffnet, seht ihr's, Freunde? Sh't ihr's nicht? Immer lichter wie er leuchtet, sternumstrahlet hoch sich hebt? Seht ihr's nicht? Wie das Herz ihm mutig schwillt, voll und hehr im Busen ihm quillt? Wie den Lippen, B wonnig mild, ssser Atem sanft entweht: Freunde! Seht! Fhlt und seht ihr's nicht? C Hr ich nur A diese Weise, die so wundervoll und leise Wonne klagend, B alles sagend, mild vershnend aus ihm tnend, in mich dringet, C auf sich schwinget, hold erhallend um mich klinget? Heller schallend, D mich umwallend, sind es Wellen sanfter Lfte? Sind es Wogen wonniger Dfte? Wie sie schwellen, mich umrauschen, soll ich atmen, soll ich lauschen? Soll ich schlrfen, untertauchen? Sss in Dften mich verhauchen? In dem wogenden Schwall, in dem tnenden Schall, in des Weltatems wehendem All, ertrinken, versinken unbewusst hchste Lust! (Isolde sinkt, wie verklrt, in Brangnes Armen sanft auf Tristans Leiche. Grosse Rhrung und Entrcktheit, unter den Umstehenden. Marke segnet die Leichen. - Der Vorhang fllt langsam C

ISOLDA Lieve, sommesso come sorride, come l'occhio dolce egli apre,... lo vedete amici? Non lo vedete? Sempre pi limpido come esso brilla, e raggiante d'una luce stellare si leva verso l'alto? Non lo vedete? Come il cuore a lui baldanzosamente si gonfia, e pieno e maestoso nel petto gli sgorga? Come alle labbra, voluttuosamente miti, un dolce respiro lievemente sfugge:... Amici! Vedete! Non lo sentite, non lo vedete? Odo io soltanto questa melodia, che cos meravigliosa e sommessa, volutt lamentosa tutto esprimente dolce conciliante, da lui risuonando penetra in me, e verso l'alto si libra e dolce echeggiando intorno a me risuona? Queste armonie pi chiare che mi circondano, sono forse onde di miti aure? Sono forse vortici di voluttuosi vapori? Come esse si gonfiano e mi circondano del loro sussurro, debbo io respirarle, prestar loro ascolto? A sorsi berle, sommergermici? Dolcemente in vapori dissiparmi? Nell'ondeggiante oceano nell'armonia sonora, del respiro del mondo nell'alitante Tutto... naufragare, affondare... inconsapevolmente... suprema gioia! (Isolda, come trasfigurata, cade tra le braccia di Brangania, sul cadavere di Tristano. Grande commozione e rapimento tra gli astanti. Re Marco benedice i cadaveri. La tela cala lentamente

80

Il dramma, ambientato in Cornovaglia e in Bretagna in epoca remota e non precisata, ha fortissimi legami con lestetica romantica di Novalis ma anche con la filosofia di Schopenhauer. Thomas Mann, tra i pi attenti lettori del Tristano afferm in proposito che per il suo culto della notte, per le invettive al giorno, il Tristano si rivela opera romantica, profondamente legata al pensiero e al sentimento del romanticismo, n avrebbe avuto bisogno di Schopenhauer come padrino. La notte patria e regno di ogni romanticismo. Un pi recente studioso ha tuttavia affermato che La lettura del Mondo come volont e rappresentazione fu la sollecitazione a stringere in un solo atto creativo l ' universo della tradizione spirituale occidentale, delle suggestioni, delle epoche mistiche, delle culture, delle idee religiose e filosofiche che Wagner nel punto culminante della sua vita sent, consapevolmente e inconsapevolmente, operare in s. (Serpa) Quel che certo che in quest'opera enorme rilievo viene dato all'idea, tipicamente romantica, della passione amorosa irresistibilmente attratta dalle tenebre della notte e della morte. In tal senso, il grande duetto d'amore dell'atto II il momento supremo dell'opera, non a caso collocato esattamente al centro del testo. Qui Tristano e Isotta si proclamano "sacrati alla notte", e il loro momento dell'illuminazione si pone in contrasto alla luce del giorno che invece porr fine alla loro estasi amorosa, con lirruzione di Melot e del re. In tal senso questo duetto discende direttamente da un testo fondamentale del Romanticismo come gli Inni alla notte di Novalis Confrontando il duetto centrale del lunghissimo secondo Atto, nel corso del quale i due amanti inneggiando alla notte, con il finale del I atto della Traviata di Verdi, quasi contemporanea, apparir chiaro che mentre il dramma musicale wagneriano scardina completamente le strutture della sintassi operistica tradizionale, Verdi lavora dallinterno piegando tali strutture alla sue esigenze di un teatro moderno. La parte finale dei questo brano intessuta attorno a quattro Leitmotive evidenziati con lettere diverse che la critica ha generalmente denominato: motivo della morte ( A ) motivo della glorificazione damore ( B) motivo del filtro magico (C ) motivo della felicit ( D ) La morte , per i due protagonisti, l'unico vero appagamento ed insieme compimento del loro amore: Tristan und Isolde il poema dellamore che si realizza solo con la negazione della volont di vivere: ecco dunque il motivo della morte intrecciarsi con quello dellamore e poi con quello della felicit e del filtro (appunto inizialmente pensato come filtro di morte e invece diventato filtro damore ). Gli stessi motivi, in ordine diverso, ritornano nella scena finale della morte di Isotta: stavolta il motivo della felicit, che d luogo nel duetto ad una crescita della tensione procedente per ondate sempre pi forti bruscamente interrotta
81

qui

dallarrivo della corte, conclude dolcemente la sua linea, e nel momento in cui cala il sipario loboe intona per lultima volta il motivo del filtro. Tristan und Isolde al tempo stesso una pietra miliare dal punto di vista delle tecniche compositive: si afferma comunemente, puntando forse indebitamente sul solo aspetto del linguaggio armonico-tonale, che il cromatismo del Tristano preannuncia la dissoluzione delle secolari convenzioni di strutturazione del suono che va sotto il nome di sistema tonale e a quest'opera capitale si usa fare riferimento per cercare le origini di tutti gli aspetti innovativi della musica tardo ottocentesca.

82

SCHEDA 16
Brahms e la seconda fioritura della sinfonia
Allinizio degli anni Settanta Brahms scrisse allamico Hermann Levi: Non scriver mai una sinfonia, non avete idea di come si sentano le persone come noi udendo un tal gigante che marcia alle nostre spalle. Il gigante di cui si parlava nella lettera era naturalmente Beethoven, rispetto al quale il timore reverenziale fu superato non casualmente dopo linaugurazione del Festspielhaus di Bayreuth nel 1876; solo allora in effetti Brahms trov la spinta decisiva, dopo ventanni di incertezze, per terminare la sua Prima Sinfonia, come se questa dovesse costituire una sua personale risposta agli ideali wagneriani. Fedele ai propri convincimenti estetici - secondo cui era solo lillusione di una malintesa originalit lidea di procedere per proprio conto rispetto alle forme del passato edificate grazie allimpegno millenario dei pi eccelsi maestri - Brahms si accost alla Sinfonia rispettando larticolazione formale degli ineludibili riferimenti classici. Tuttavia il genere che in Beethoven era inteso come unallocuzione allumanit, venne da lui condotto in una dimensione nella quale la ricchezza dei dettagli e la profondit delle relazioni si ponevano come segni dellintenzione di rivolgersi ad una somma di individui piuttosto che a una massa.

Traccia 36 a-b
Johannes Brahms Terza Sinfonia in Fa maggiore op.90 (1883) : III movimento, Poco allegretto
La Sinfonia n.3 op.90 rappresenta, una caso emblematico del modo peculiare con cui Brahms interpreta un genere considerato, ancora al suo tempo, sede privilegiata del monumentale e del grandioso. Nell'analizzare la partitura, inevitabile che ci si scontri con il complesso problema del passato. Brahms viveva in un difficile periodo di transizione, difficile in quanto la pesante eredit di Beethoven non poteva ancora essere considerata col dovuto equilibrio: impensabile, d'altronde, comporre (soprattutto in ambito sinfonico) senza aver fatto i conti con quella determinata realt. Ogni compositore aveva reagito secondo la propria natura o il proprio credo: chi dissociandosi dall'assoluto beethoveniano e chi rafforzando l'aspetto poetico, chi esaltando la dimensione lirica, chi approdando all'opera romantica. Oppresso da una situazione satura di passione, polemiche ed incognite, Brahms aveva superato lo scoglio di imbarazzanti eredit - vent'anni di attesa per la prima pagina sinfonica - attraverso un tenace studio della storia e la messa a punto di un codice

83

indiscutibilmente personale. Il raffronto Beethoven-Brahms particolarmente significativo se si assume la terza Sinfonia come campione: l'universo che si affaccia in questa partiturasimbolo caratterizzato dalla profonda attenzione al dettaglio, anche a costo di penalizzare l'immediatezza nella comunicazione. Si osservato spesso che allinterno di questa partitura sembra compiersi una sorta di simbolica metamorfosi dallAllegro iniziale, la cui gestualit ha ancora qualcosa della monumentalit eroica beethoveniana, fino al movimento conclusivo, contratto in una dimensione sonora intimistica; perno di questo passaggio, sarebbe il Poco Allegretto, nelle sue sembianze liriche e malinconiche, lontanissime dal vigore ritmico degli Scherzi beethoveniani. In realt, guadando con maggiore attenzione allinsieme dellopera, si coglie il dato di fondo di una grande architettura la cui imponenza sembra essere paradossalmente il risultato di una calibratissima opera di cesello. La struttura infatti quasi interamente determinata da unidea centrale, quella che si annunzia allinizio della Sinfonia come una sorta di motto affidato a ottoni e legni:

84

un gesto semplice che riascoltiamo subito come basso della melodia iniziale e che si presta a riapparire di continuo nel corso dellopera sempre con funzioni diverse, ora come elemento contrappuntistico, ora come motivo di transizione, ora come melodia cantabile. Dallonnipresenza di questa cellula elementare la costruzione monumentale assume la sua coerenza ma anche la sua notevole differenziazione interna. Si tratta di una struttura profonda che pu essere colta soltanto con un ascolto analitico, quello che il compositore si attendeva da quella lite colta viennese che costituiva il suo orizzonte di riferimento ideale. Proprio a questo si riferiva Theodor Adorno, osservando che la sfera privata, come sostrato dellespressione, rimuove in Brahms quello che si potrebbe chiamare la sostanziale disponibilit pubblica della musica. Il confronto pi eloquente rispetto ai precedenti beethoveniani pu esser fatto guardando al terzo movimento della Sinfonia, un Poco Allegretto, aperto da un tema celeberrimo, presentato dai violoncelli e sostenuto dagli archi. Qui siamo lontanissimi dallo spirito dello Scherzo beethoveniano: il brano infatti caratterizzato dalle mezze tinte, dal fluido concatenarsi delle idee in un movimento delicato, lirico, affettuoso e malinconico insieme. La forma sembra tradizionale (A-B-A), collegabile ancora alla tradizione del Minuetto e dello Scherzo ma il senso molto diverso. La prima parte vistosamente melodica con una seconda idea, ancor pi lirica e struggente della prima, e che dunque non apporta segni di contrasto; e cos pure la seconda parte , un'altra oasi meditativa nello spirito della danza lenta. Questo Allegretto ritenuto dalla critica la pagina pi espansiva, pi affabile, pi meritatamente nota di tutto il sinfonismo brahmsiano e pu ben essere chiamato a rappresentare il ripiegamento intimistico che stacca Brahms dalla monumentalit beethoveniana.

85

BIBLIOGRAFIA Baroni 2004 Bianconi 1982 Mario Baroni, Lorecchio intelligente. Lucca 2004 Lorenzo Bianconi, Il Seicento. Storia della musica, vol. IV, a cura della Societ Italiana di musicologia, Torino, 1982 Carli Ballola 1977 Dahlhaus 1970 Giovanni Cari Ballala, Beethoven, Milano, 1977 Carl Dahlhaus, Analisi musicale e giudizio estetico, Magonza 1970 , trad it. Bologna 1987 De Van 1994 Di Benedetto 1982 Gilles De Van, Verdi.teatro in musica, Firenze, 1994 Renato Di Benedetto, LOttocento I. Storia della musica, vol. VII, a cura della Societ Italiana di musicologia, Torino, 1982 Gatti 2004 Enrico Gatti, Della semplicit inutile e del tempo perduto, note per il CD Arcana A 423, Arcangelo Corelli. Sonate a violino e violone o cimbalo opera quinta, 2004 Georgiades 1974 Thrasybulos Georgiades, Musica e linguaggio, (1974) Napoli 1989 Montecchi 1998 Giordano Montecchi, Una storia della musica. Artisti e pubblico in Occidente dal Medioevo ai giorni nostri, Milano, 1998 Pestelli 1979 Giorgio Pestelli, Let di Mozart e di Beethoven. Storia della musica, vol. VI, a cura della Societ Italiana di musicologia, Torino, 1979

Rosen 1995

Charles Rosen, La generazione romantica, (1995) Milano, Adelphi, 1997

86