Sei sulla pagina 1di 47

E

Commissione Europea

LINEE

GUIDA

SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI


Dipartimento delle politiche di sviluppo economico e rurale Direzione generale dello sviluppo rurale, infrastrutture e servizi

14 febbraio 200

Do!"#e$%o rea&i''a%o (a) Dire'io$e *e$era&e (e&&o +,i&"--o r"ra&e. i$fra+%r"%%"re e +er,i'i Diri*e$%e re+-o$+abi&e) Gi"+e--e B&a+i Gr"--o (i &a,oro) Marie&&a Sa$%e,e!!/i 0!oor(i$a%ore1 Vi$!e$'o 2ar3. 2&a"(io Ma''o$i I#-a*i$a'io$e e *rafi!a) Mario 2arie&&o Rober%a R"ber%o Si ri$*ra'ia$o. -er &a !o&&abora'io$e for$i%a. i ra--re+e$%a$%i re*io$a&i e (e&&e Pro,i$!e a"%o$o#e (i Tre$%o e Bo&'a$o. INEA e ISMEA

INTESA SAN2ITA IN 2ON4EREN5A STATO 6 REGIONI NELLA SEDUTA DEL 14 4EBBRAIO 200

INDICE
GLOSSARIO ...........................................................................................

................................... 5 INTRODUZIONE .................................................................................... ..................................... 6


1. PRINCIPI GENERALI RELATIVI ALLAMMISSIBILITA DELLE SPESE

............................................... 7

Pre#e++a 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 7777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 8 171 Riferibi&i%9 %e#-ora&e a& -erio(o (i ,i*e$'a (e& fi$a$'ia#e$%o 77777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 8 172 I#-"%abi&i%9. -er%i$e$'a e !o$*r"i%9 7777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 17: Verifi!abi&i%9 e !o$%ro&&abi&i%9 7777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 174 Le*i%%i#i%9 e !o$%abi&i''a'io$e 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 77 ; 2. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA DI ALCUNE TIPOLOGIE DI SPESA

............................................... 9
Pre#e++a 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 7777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 ; 271 I$,e+%i#e$%i #a%eria&i rea&i''a%i (a -ri,a%i 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 ; 272 I$,e+%i#e$%i i##a%eria&i rea&i''a%i (a -ri,a%i7777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777710 27: A!<"i+%o (i #a%eria&e "+a%o 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 7777777 11 274 A!<"i+%o (i %erre$i7777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 77777777777777777777777777777777777 11 27= A!<"i+%o (i be$i i##obi&i 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 77777777777 12 27> 4or$i%"ra (i be$i e (i +er,i'i +e$'a -a*a#e$%o i$ (e$aro 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 12 278 Di+-o+i'io$i re&a%i,e a&&e ,aria'io$i i$ !or+o (o-era 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 14 27 O-era'io$i rea&i''a%e (a E$%i P"bb&i!i77777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT 77 DELLE 14 SPESE RELATIVE ALLO 2
SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

27; IVA e a&%re i#-o+%e e %a++e 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 7777771= 2710 Lea+i$*77777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 7777777777777777777777777777777777777777777771> 2711 O-era'io$i (i i$*e*$eria fi$a$'iaria 7777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777771> 2712 S-e+e *e$era&i77777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 77777777777777777777777777777777777772: 271: Ge+%io$e (ei f&"++i fi$a$'iari e #o(a&i%9 (i -a*a#e$%o77777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 24 2714 Di+-o+i'io$i i$ #a%eria (i i$for#a'io$e e -"bb&i!i%9 777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777 24 271= Perio(o (i $o$ a&ie$abi&i%9 e ,i$!o&i (i (e+%i$a'io$e777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777772= 3. SPESE NON AMMISSIBILI, VINCOLI E LIMITAZIONI

..................................................................26
1 INVESTIMENTI.......................................................................

.......................................29
2 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE .......................................31 3 GESTIONE DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE, AC!UISIZIONE DI COMPETENZE, ANIMAZIONE ..............33 " COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE E TRANSNAZIONALE

.................................................3"
5 ASSISTENZA TECNICA

........................................................................................... .......36
6 FONDI DI GARANZIA .............................................................................

....................... 3#
7 FONDI DI CAPITALI DI RISC$IO E FONDI PRESTITI .............................................................39 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

...................................................................................................."%
LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

DEFINIZIONI
N&'()*+,) -+ '+./'+(/0*& P'+(& 1+2)3*'& -/22) P)4
Insieme della normativa comunitaria, nazionale, regionale, nonch delle Province autonome di Trento e Bolzano che disciplina la materia. Insieme di misure previste dalla Politica agricola comune finalizzate al sostegno diretto del reddito degli agricoltori. Insieme di interventi finalizzati allattuazione della politica di sviluppo rurale.

S/4&0-& 1+2)3*'& -/22) P)4 I0*/',/0*&

Programma di sviluppo rurale, programmi operativo, programma di iniziativa comunitaria, misure o programmi di assistenza tecnica, programmi cofinanziati nellam ito del Primo pilastro della Pac, azioni innovative analoghe per settore e tipologia di operazione. !operazione " ununit# elementare, rappresentata da un progetto, un contratto, accordo o unaltra azione, composta da uno o pi$ interventi, selezionata secondo criteri sta iliti dal Programma, attuata da un solo eneficiario e riconduci ile univocamente ad una delle misure previste dal programma stesso. Insieme di operazioni che coinvolgono pi$ settori e%o pi$ misure puntando ad un o iettivo comune con un approccio attuativo unitario e coerente. &erie di operazioni che contri uiscono a conseguire almeno uno degli o iettivi di cui ai dei 'uattro assi in cui sono suddivisi i Programmi di &viluppo (urale. )tto formale con il 'uale l)utorit# competente indice l*apertura dei termini per la presentazione delle domande di aiuto per partecipare ad un regime di sostegno previsto da un intervento cofinanziato. Il ando indica le modalit# di accesso, 'uelle di selezione, i fondi disponi ili, le percentuali di contri uzioni e i vincoli e le limitazioni. (ientrano in 'uesta tipologia anche le manifestazioni dinteresse emanate nel periodo transitorio tra una programmazione e laltra. +n operatore, un organismo o unimpresa pu lico%a o privata%a, responsa ile dellesecuzione delle operazioni o destinatario%a del sostegno. +n ente pu lico o privato che opera a livello nazionale, regionale e delle province autonome, incaricato della gestione e dellattuazione del programma in 'uestione, ovvero lo &tato mem ro stesso nellesercizio di tale funzione, o i soggetti da esso delegati. )utorit# o organismo delegato dall)utorit# di gestione o investito di competenze dalla (egione o Provincia autonoma per adempiere agli o lighi derivanti dallattuazione di un programma operativo. E il servizio e lorganismo dello &tato mem ro che, per 'uanto riguarda i pagamenti da esso eseguiti, nonch per la comunicazione e la conservazione delle informazioni, offre adeguate garanzie circa il controllo dell*ammissi ilit# delle domande e, nel 'uadro dello

O1/')5+&0/

P'&6/**& +0*/6')*& M+37') B)0-&

B/0/.+4+)'+& A7*&'+*8 -+ 6/3*+&0/

A7*&'+*8 4&(1/*/0*/ O'6)0+3(& 1)6)*&'/

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

"

sviluppo rurale, la procedura di attri uzione degli aiuti, nonch la loro conformit# alle norme comunitarie, prima di procedere all*ordine di pagamento, l*esatta e integrale conta ilizzazione dei pagamenti eseguiti, l*effettuazione dei controlli previsti dalla normativa comunitaria, la presentazione dei documenti necessari nei tempi e nella forma previsti dalle norme comunitarie, l*accessi ilit# dei documenti e la loro conservazione in modo da garantirne l*integrit#, la validit# e la leggi ilit# nel tempo, compresi i documenti elettronici ai sensi delle norme comunitarie.

S1/3) 17992+4)

-ualsiasi contri uto pu lico al finanziamento di operazioni, la cui origine sia il ilancio dello stato, di enti pu lici territoriali o delle Comunit# europee, e 'ualsiasi spesa analoga. E assimilato ad un contri uto pu lico 'ualsiasi contri uto al finanziamento di operazioni a carico del ilancio di organismi di diritto pu lico o associazioni di uno o pi$ enti pu lici territoriali o organismi di diritto pu lico, ai sensi della direttiva .//0%12%CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo .//0, relativo al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pu lici, di lavori, di forniture e di servizi. -ualora il eneficiario delloperazione sia un soggetto pu lico, la 'uota di compartecipazione alla spesa non " considerata spesa pu lica. &trumento finanziario la cui attivit# principale consiste nel rilascio di garanzie a fronte di finanziamenti ancari. &trumento finanziario appositamente istituito per fornire capitale proprio 4e'uit#5 a favore di imprese, ai sensi degli 6rientamenti sugli aiuti di &tato destinati a promuovere gli investimenti in capitale di rischio nelle piccole e medie imprese 4.//7%C 180%/.5.

F&0-& -+ 6)')05+)

F&0-& 4)1+*)2/ -+ '+34:+&

F&0-& 1'/3*+*+ E0*/ 6/3*&'/ G)')05+)

&trumento finanziario finalizzato alla concessione di prestiti alle imprese con tasso di interesse agevolato. &oggetto giuridico autonomo cui " affidata la responsa ilit# della gestione di uno o pi$ fondi 4di garanzia, di capitale di rischio e di prestiti5. Protezione di unesposizione ancaria mediante limpegno di un fondo di garanzia a sostituirsi, negli o lighi del garantito, in caso di mancato adempimento di 'uestultimo 4garanzia e cogaranzia5 o di un suo eventuale garante principale 4controgaranzia5. !a garanzia deve essere direttamente ed esplicitamente riferita ad una specifica esposizione ancaria. Consorzi con attivit# esterna, le societ# cooperative, le societ# consortili per azioni, a responsa ilit# limitata o cooperative, che svolgono lattivit# di garanzia collettiva dei fidi.

C&0.+-+

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

GLOSSARIO
F/)3' G)2 P)4 P30 P3' P32
9ondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale :ruppo dazione locale Politica agricola comune Piano strategico nazionale per lo sviluppo rurale Programma di sviluppo rurale Piano di sviluppo locale

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

INTRODU ZIONE
&ulla ase di 'uanto disposto dai regolamenti comunitari che costituiscono il 'uadro normativo di riferimento per la fase di programmazione .//;<./13, le autorit# nazionali, regionali e delle Province autonome, sono chiamate a svolgere un ruolo attivo nella definizione degli strumenti di programmazione e gestione dei fondi comunitari. In particolare, lart. ;1 435 del (eg. 4CE5 n. 1782%/= del Consiglio, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del 9ondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale 49easr5, dispone che le norme sullammissi ilit# delle spese siano adottate a livello nazionale. In attuazione della citata disposizione, il presente documento sta ilisce una serie di norme comuni sullammissi ilit# delle spese, al fine di uniformare le procedure connesse allutilizzazione dei fondi relativi agli interventi di sviluppo rurale e 'uelle afferenti ad altre disposizioni comunitarie che prevedono regimi di aiuto assimila ili, ivi comprese 'uelle relative al cosiddetto Primo pilastro della Pac, nel rispetto dei principi relativi alla salvaguardia degli interessi nazionali e delle disposizioni comunitarie in materia, fatto salvo 'uanto sta ilito da ciascuna (egione e%o Provincia )utonoma in ase al rispettivo programma e alle relative disposizioni applicative. Il presente documento si articola seguendo lordine logico delle fasi del processo di determinazione dellammissi ilit# della spesa, a cui corrispondono i seguenti capitoli> 1. .. Principi generali relativi allammissi ilit# delle spese Condizioni di ammissi ilit# di alcune tipologie di spesa

) seguire sono trattate le spese non ammissi ili e, da ultimo, il documento si completa con alcune schede tecniche relative alle principali tipologie di misura, di seguito elencate> 1. .. 3. 0. =. 7. ;. Investimenti 9ormazione, informazione e diffusione delle conoscenze :estione e funzionamento dei gruppi di azione locale Cooperazione interterritoriale e transnazionale )ssistenza tecnica 9ondi di garanzia 9ondi di capitali di rischio e 9ondi prestiti

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1. PRINCIPI GENERALI ALLAMMISSIBILITA DELLE SPESE P'/(/3 3)

RELATIVI

?el processo di valutazione dellammissi ilit# di una spesa molteplici sono i fattori da prendere in considerazione, poich lo stesso ene o servizio pu@ essere giudicato ammissi ile in alcune circostanze e non ammissi ile in altre. In generale, lammissi ilit# della spesa relativa a ciascun ene o servizio ac'uistati deve essere valutata in ragione del raggiungimento degli o iettivi fissati nellazione da intraprendere, solo nel caso in cui tale ene o servizio risulti funzionale al raggiungimento degli o iettivi, la relativa spesa potr# essere giudicata ammissi ile. 6ltre a ci@, nellesprimere il giudizio di ammissi ilit# di una spesa si devono considerare una serie di aspetti, 'uali il contesto generale in cui il processo di spesa si origina, la natura del costo ed il suo importo, la destinazione fisica e temporale del ene o del servizio cui si riferisce, nonch lam ito territoriale in cui il processo di spesa si sviluppa. )ffinch una spesa possa essere considerata ammissi ile, " dun'ue necessario che> 1. .. 3. 0. la spesa risulti riferi ile ad una tipologia di operazione dichiarata ammissi ile secondo la normativa di riferimento, la spesa rispetti i limiti e le condizioni di ammissi ilit# sta iliti dalla normativa di riferimento. riferi ile temporalmente al periodo di vigenza del finanziamento, imputa ile, pertinente e congrua rispetto ad azioni ammissi ili, verifica ile e controlla ile, legittima e conta ilizzata.

In generale, per giudicarla ammissi ile, una spesa deve essere>

Ciascuna delle citate condizioni esplicita un principio di ammissi ilit#. !a portata, i contenuti e le caratteristiche di tali principi sono dettagliate nei paragrafi successivi.

1.1 R+./'+9+2+*8 */(1&')2/ )2 1/'+&-& -+ ,+6/05) -/2 .+0)05+)(/0*&


&econdo 'uanto disposto dallart. ;1, comma 1, del (eg. 4CE5 n. 1782%/=, fatto salvo il disposto dellarticolo 39, paragrafo 1, del Reg. (CE) n. 1290/0 , le spese si considerano a!!issi"ili al contri"#to del $E%&R se il pertinente ai#to ' effettiva!ente pagato dallorganis!o pagatore tra il 1( gennaio 200) e il 31 dice!"re 201 . *e opera+ioni cofinan+iate non dovre""ero essere #lti!ate pri!a della data di decorren+a della!!issi"ilit,-. 9ermo restando 'uanto previsto dalla citata disposizione, con riferimento alla singola operazione o al singolo intervento, il periodo di eleggi ilit# della spesa " sta ilito esclusivamente dall)utorit# di gestione, anche 'uando i singoli andi di gara per laccesso alle agevolazioni previste sono emanati da soggetti delegati dall)utorit# di gestione stessa. ) tale proposito, al fine di salvaguardare leffetto incentivante del contri uto comunitario, sono considerate ammissi ili le attivit# e le spese sostenute dal eneficiario successivamente alla presentazione della relativa domanda, fatte salve le spese propedeutiche alla presentazione della domanda stessa. Tuttavia, nella fase transitoria tra la fine di una programmazione e lavvio della successiva, l)utorit# di gestione pu@ sta ilire condizioni pi$ favorevoli per la data di ammissi ilit# di dette
LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

spese. Tale principio si applica anche alle spese relative al programma nazionale di ristrutturazione del settore ieticolo<saccarifero, di cui al (eg. Ce 3./%./7, art. 7. Per 'uanto riguarda gli aiuti di stato inseriti nei Programmi di sviluppo rurale .//;%./13, limitatamente alla fase transitoria, sono ammissi ili le spese effettuate prima della presentazione delle domande, comun'ue non antecedenti al 1 gennaio .//;.

1.2 I(17*)9+2+*8, 1/'*+0/05) / 4&06'7+*8


A..&ono a!!issi"ili a contri"#to del $E%&R soltanto le spese sosten#te per opera+ioni decise dalla#torit, di gestione del relativo progra!!a o sotto la s#a responsa"ilit,, secondo i criteri di sele+ione sta"iliti dallorganis!o co!petente.B 4 art. ;1, comma ., del (eg. 4CE5 n. 1782%/=5. Da tale disposizione si desume che le spese, per risultare ammissi ili, devono essere connesse allattuazione di operazioni che possono essere ricondotte alle Aattivit# ammissi iliB rientranti in una delle misure declinate nei Programmi approvati. +na spesa per essere ammissi ile deve> < < < essere imputa ile ad unoperazione finanziata, vi deve essere una stretta relazione tra spese sostenute, operazioni svolte ed o iettivi al cui raggiungimento la misura concorre, essere pertinente rispetto allazione ammissi ile e risultare conseguenza diretta dellazione stessa, essere congrua rispetto allazione ammessa e comportare costi commisurati alla dimensione del progetto.

I costi, inoltre, devono essere ragionevoli e conformi ai principi di sana gestione finanziaria, in particolare in termini di economicit# e di efficienza.

1.3 V/'+.+4)9+2+*8 4&0*'&22)9+2+*8

-uale norma generale in merito allammissi ilit# delle spese, il (eg. 4CE5 n. 18;0%/7, art. 02, dispone che Agli &tati .e!"ri si accertano c/e t#tte le !is#re di svil#ppo r#rale c/e intendono att#are siano verifica"ili e controlla"iliB. I concetti di verifica"ilit, e controlla"ilit, costituiscono la chiave di approccio allammissi ilit# di ogni spesa. !e spese ammissi ili a contri uto sono 'uelle effettivamente sostenute dal eneficiario finale, e devono corrispondere a Apagamenti effettuatiB, comprovati da fatture e, ove ci@ non sia possi ile, da documenti conta ili aventi forza pro ante e'uivalente. Per documento conta ile avente forza pro ante e'uivalente si intende, nei casi in cui le norme fiscali conta ili non rendano pertinente lemissione di fattura, ogni documento comprovante che la scrittura conta ile rifletta fedelmente la realt#, in conformit# alla normativa vigente in materia di conta ilit#, in coerenza, per 'uanto concerne i contri uti in natura, a 'uanto sta ilito al successivo punto ..7.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1." L/6+**+(+*8 4&0*)9+2+55)5+&0/

+na spesa, per essere considerata ammissi ile, oltre ad essere riferita ad operazioni individuate sulla ase dei criteri di selezione approvati dal pertinente comitato di sorveglianza, deve essere sostenuta, imputata e comprovata, in conformit# alla normativa comunitaria e nazionale applica ile alloperazione considerata. ?el rispetto della normativa vigente, per essere ammissi ile, ogni spesa deve aver dato luogo ad adeguate registrazioni conta ili, in conformit# alle disposizioni di legge, ai principi conta ili, nonch alle specifiche disposizioni in materia impartite dall)utorit# di gestione.

2. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA ALCUNE TIPOLOGIE DI SPESA


P'/(/3 3)

DI

In 'uesto capitolo sono prese in considerazione 'uelle fattispecie di spesa sottoposte dalla normativa comunitaria a regole specifiche di ammissi ilit#. In particolare, si tratta di regole che vincolano lammissi ilit# al cofinanziamento comunitario di determinate tipologie di spesa al rispetto di AlimitiB o AcondizioniB sta iliti. In altri termini, una spesa riferi ile ad una determinata fattispecie, per risultare ammissi ile, deve essere non solo conforme ai principi generali dettagliati al capitolo precedente ma anche aver assolto le condizioni ed essere contenuta nei limiti sta iliti dalla specifica normativa comunitaria ad essa riferi ile.

2.1 I0,/3*+(/0*+ '/)2+55)*+ -) 1'+,)*+

()*/'+)2+

Disposizioni specifiche relative agli investimenti sono contenute nellart. == del (eg. 4CE5 n. 18;0%.//7. ?el caso di ac'uisizione di eni materiali, 'uali impianti, macchinari, attrezzature e componenti edili non a misura o non compresi nelle voci del prezzario utilizzato a livello regionale e delle province autonome 4es. strutture prefa ricate ed infissi5, al fine di determinare il fornitore e la spesa ammissi ile ad aiuto , " necessario adottare una procedura di selezione asata sul confronto tra almeno tre preventivi di spesa forniti da ditte in concorrenza, procedendo 'uindi alla scelta di 'uello che, per parametri tecnico<economici, viene ritenuto il pi$ idoneo. ) tale scopo, " necessario che il eneficiario fornisca una redatta e sottoscritta da un tecnico 'ualificato. reve relazione tecnico%economica

Tale documentazione dovr# essere ac'uisita dall)utorit# di gestione o dal soggetto delegato prima dellemanazione del provvedimento di concessione del contri uto afferente lac'uisto del ene di cui trattasi, in casi de itamente motivati, tale fase pu@ essere espletata prima della li'uidazione del contri uto. Per lac'uisto di eni e%o forniture il cui costo non superi singolarmente limporto di =.///,// Euro, IC) esclusa, fermo restando lo ligo di presentare tre preventivi, possono essere sta ilite modalit# diverse con lea 'uali si dia conto dellaDELLE tipologia del RELATIVE ene da ac'uistare e della congruit# LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT SPESE ALLO 1
SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

dellimporto previsto. E* fatto divieto di frazionare la fornitura del ene al fine di rientrare in 'uesta casistica. !ac'uisto di eni materiali deve sempre essere comprovato da fatture o da altri

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1 1

documenti aventi forza pro ante e'uivalente, inoltre, la natura e la 'uantit# del devono essere sempre specificate.

ene ac'uistato

Tuttavia, nel caso di ac'uisizioni di eni altamente specializzati e nel caso di investimenti a completamento di forniture preesistenti, per i 'uali non sia possi ile reperire o utilizzare pi$ fornitori, un tecnico 'ualificato deve predisporre una dichiarazione nella 'uale si attesti limpossi ilit# di individuare altre ditte concorrenti in grado di fornire i eni oggetto del finanziamento, allegando una specifica relazione tecnica giustificativa, indipendentemente dal valore del ene o della fornitura da ac'uistare. I eni ac'uistati, salvo 'uanto previsto dal paragrafo ..3, devono essere nuovi e privi di vincoli o ipoteche e sulle relative fatture deve essere indicato con chiarezza loggetto dellac'uisto e, in funzione della tipologia del ene, il numero seriale o di matricola. (elativamente alla realizzazione di opere edili a misura 4scavi, fondazioni, strutture in elevazione ecc.5, devono essere presentati progetti corredati da disegni, da una relazione tecnica descrittiva delle opere da eseguire, da computi metrici analitici redatti sulla ase delle voci di spesa contenute nei prezzari di riferimento adottati a livello di singola (egione e Provincia autonoma. Precedentemente alla data di li'uidazione del saldo, " comun'ue necessario aver ac'uisito ogni utile documento o autorizzazione cui la realizzazione del progetto " su ordinata. In fase di accertamento dellavvenuta realizzazione dei lavori devono essere prodotti computi metrici analitici redatti sulla ase dei 'uantitativi effettivamente realizzati, con lapplicazione dei prezzi approvati in sede preventiva, o dei prezzi contrattuali nel caso di affidamento dei lavori tramite gara, ove 'uesti siano complessivamente pi$ favorevoli del prezzario, nonch la documentazione attestante la funzionalit#, la 'ualit# e la sicurezza dellopera eseguita. )nche nel caso delle opere edili, la spesa effettuata va documentata con fatture o con altri documenti aventi forza pro ante e'uivalente, chiaramente riferiti ai lavori di cui ai computi metrici approvati.

2.2 I0,/3*+(/0*+ '/)2+55)*+ -) 1'+,)*+

+(()*/'+)2+

Per 'uanto concerne gli investimenti immateriali 4ricerche di mercato, revetti, studi, attivit# divulgative, ecc.5, al fine di poter effettuare la scelta del soggetto cui affidare lincarico, in ase non solo allaspetto economico, ma anche alla 'ualit# del piano di lavoro e allaffida ilit# del fornitore, " necessario che vengano presentate tre offerte di preventivo in concorrenza. !e suddette tre offerte devono contenere, ove pertinenti, una serie di informazioni puntuali sul fornitore 4elenco delle attivit# eseguite, curriculum delle pertinenti figure professionali della struttura o in colla orazione esterna, sulla modalit# di esecuzione del progetto 4piano di lavoro, figure professionali da utilizzare, tempi di realizzazione5 e sui costi di realizzazione. 6ve non sia possi ile disporre di tre offerte di preventivo, un tecnico 'ualificato, dopo aver effettuato unaccurata indagine di mercato, dovr# predisporre una dichiarazione nella 'uale si attesti limpossi ilit# di individuare altri soggetti concorrenti in grado di fornire i servizi oggetto del finanziamento, allegando una specifica relazione descrittiva, corredata degli elementi necessari per la relativa valutazione. !a scelta del soggetto cui affidare lincarico pu@ essere effettuata anche in assenza della relazione del tecnico 'ualificato nei soli casi previsti dalla legge. Per valutare la congruit# dei costi, si pu@ fare riferimento ai parametri relativi al costo orario%giornaliero dei consulenti da utilizzare, ricavati dalle 'uotazioni di mercato desumi ili dalle tariffe adottate dalle )mministrazioni (egionali e delle Province autonome, dallo &tato o dalla Commissione europea. Inoltre, al fine di effettuare unadeguata valutazione del lavoro da eseguire, il eneficiario deve presentare, oltre agli eventuali allegati tecnici 4studi, analisi, ricerche, ecc.5, anche una dettagliata relazione nella 'uale siano evidenziate, con una disaggregazione per voce di costo, le modalit#
LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1 2

operative che contrassegnano lattivit# da svolgere, le risorse da impegnare e le fasi in cui " articolato il lavoro. &ono escluse dalla precedente procedura le spese generali relative ad onorari di professionisti e%o consulenti, studi di fatti ilit# ecc., che di norma sono valutate in sede di verifica a consuntivo. !e spese per investimenti immateriali connesse ad investimenti materiali possono essere giudicate ammissi ili se direttamente legate a 'uesti ultimi. In 'uesto caso, la 'uota complessiva delle spese immateriali, comprensiva anche delle spese generali, non pu@ essere superiore al .=D dellintero investimento.

2.3 A4;7+3*& ()*/'+)2/ 73)*&

-+

9attispecie disciplinata dallart. == del (eg. 4CE5 n. 18;0%/7. In particolare, tale norma dispone che> A.. 0n deroga allart. , 1 co!!a, lettera ") del Reg. (CE) n. 19)1/02, e #nica!ente per le !icroi!prese e per le piccole e !edie i!prese, ai sensi della 1 Racco!anda+ione 2003/321/CE della Co!!issione , gli &tati .e!"ri possono, in casi de"ita!ente gi#stificati, sta"ilire le condi+ioni alle 3#ali lac3#isto di !ateriale doccasione p#4 essere considerato spesa a!!issi"ile.B !e )utorit# di gestione o i soggetti da 'ueste delegati sta iliscono i campi e le modalit# di applicazione della predetta disciplina. In ogni caso, lac'uisto di attrezzature o materiale usato " ammissi ile a cofinanziamento 'ualora il eneficiario sia una microimpresa, una piccola o medio impresa e siano rispettate le seguenti condizioni> a. il ene non a ia gi# eneficiato di un precedente contri uto nazionale o comunitario erogato nei sette anni precedenti. !a decorrenza dei sette anni " calcolata dalla data dellac'uisto del ene. ) tale scopo, il venditore dello stesso dovr# produrre una dichiarazione che attesti il rispetto di tale condizione, lac'uisto sia vantaggioso rispetto allac'uisto di materiale nuovo e'uivalente e rispetto ai prezzi correnti di mercato. Il eneficiario dovr# pertanto produrre una dichiarazione, sottoscritta da un tecnico 'ualificato, che attesti la convenienza dellac'uisto, le caratteristiche del materiale usato siano adeguate alle esigenze delloperazione e conformi alle norme vigenti. )nche in 'uesto caso occorre allegare al fascicolo una dichiarazione di un tecnico 'ualificato che indichi la rispondenza delle caratteristiche tecniche del ene.

c.

2." A4;7+3*& */''/0+

-+

!art. ;1, comma 3, punto c5 del (eg. 4CE5 n. 1782%/= dispone che lac'uisto dei terreni " ammissi ile al contri uto del 9E)&( nei limiti del A105 del totale delle spese a!!issi"ili relative alla opera+ione considerata. 0n casi ecce+ionali e de"ita!ente gi#stificati p#4 essere fissata #na percent#ale pi6 elevata per opera+ioni di conserva+ione della!"iente.!e spese relative allac'uisto di terreni sono ammissi ili nei limiti del 1/D del costo totale delloperazione considerata. In casi eccezionali e de itamente giustificati, alle condizioni sta ilite da ciascun Psr, l)utorit# di gestione pu@ fissare una percentuale pi$ elevata per operazioni finalizzate alla conservazione dellam iente. In ogni caso, lac'uisto dei terreni " ammissi ile se sono rispettate le seguenti condizioni>
1

GU L 124 del 20.5.2003, pag. 36. LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1 3

a.

attestazione di un tecnico 'ualificato indipendente o di un organismo de itamente autorizzato, con cui si dimostri che il prezzo di ac'uisto non sia superiore al valore di mercato, esistenza di un nesso diretto tra lac'uisto del terreno e gli o iettivi delloperazione e di un periodo minimo di destinazione.

2.5 A4;7+3*& -+ 9/0+ +((&9+2+


*art. , co!!a 1, lettera a) del Reg. CE n. 19)1/02 dispone, nel caso di investi!enti, la li!ita+ione di a!!issi"ilit, della spesa alle seg#enti voci7 costr#+ione, ac3#isi+ione incl#so il leasing, o !igliora!ento di "eni i!!o"ili. !ac'uisto di un ene immo ile, ad esclusione degli impianti e delle attrezzature mo ili di pertinenza, per i 'uali, eventualmente, si applicano le disposizioni previste per lac'uisto del materiale usato, costituisce una spesa ammissi ile purch funzionale alle finalit# delloperazione in 'uestione. ) tale scopo occorre rispettare almeno le seguenti condizioni> a. attestazione di un tecnico 'ualificato indipendente o di un organismo de itamente autorizzato, con cui si dimostri che il prezzo di ac'uisto non sia superiore al valore di mercato e la conformit# dellimmo ile alla normativa ur anistica vigente, oppure specifichi gli elementi di non conformit#, nei casi in cui loperazione preveda la loro regolarizzazione da parte del eneficiario finale, limmo ile non a ia fruito, nel corso dei dieci anni precedenti, di un finanziamento pu lico, tale limitazione non ricorre nel caso in cui l)mministrazione concedente a ia revocato e recuperato totalmente le agevolazioni medesime, esistenza di un nesso diretto tra lac'uisto dellimmo ile e gli o iettivi delloperazione, nonch di un periodo minimo di destinazione compati ile con la normativa comunitaria.

c.

2.6 F&'0+*7') -+ 9/0+ / -+ 3/',+5+ 3/05) 1)6)(/0*& +0 -/0)'&


Disposizioni specifiche in materia sono contenute nellart. =0 del (eg. 4CE5 n. 18;0%/7, che dispone> A1 . 8er le !is#re c/e i!plicano investi!enti in nat#ra, i contri"#ti di "eneficiari p#""lici o privati, segnata!ente la fornit#ra di "eni o servi+i sen+a paga!ento in denaro gi#stificato da fatt#ra o doc#!enti e3#ivalenti, possono essere considerati spese a!!issi"ili alle seg#enti condi+ioni7 a. ". c. c/e i contri"#ti consistano nella fornit#ra di terreni o i!!o"ili, attre++at#re o !ateriali, attivit, di ricerca o professionali, o presta+ioni volontarie non retri"#ite9 c/e i contri"#ti non siano collegati a opera+ioni di ingegneria finan+iaria di c#i allarticolo 09 c/e il valore dei contri"#ti possa essere val#tato e verificato da #n organis!o indipendente.

:el caso di apporto di terreni o i!!o"ili, il valore ' certificato da #n esperto 3#alificato e indipendente, o da #n organis!o de"ita!ente a#tori++ato. :el caso di presta+ioni volontarie non retri"#ite, il loro valore ' deter!inato s#lla "ase del te!po i!piegato e della tariffa oraria e giornaliera per presta+ioni e3#ivalenti, event#al!ente in riferi!ento ad #n siste!a presta"ilito di deter!ina+ione dei costi standard, a condi+ione c/e il siste!a di controllo offra s#fficienti garan+ie circa leffettiva esec#+ione delle presta+ioni.
LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1 "

!articolo dispone che possa essere giudicata ammissi ile, 'ualora la misura implichi investimenti in natura, la fornitura di eni e di servizi da parte del eneficiario, anche se tale fornitura non implica pagamenti di corrispettivi in denaro. &i tratta, in generale, di contri uzioni che non danno luogo ad oneri reali, ma che, a determinate condizioni, in 'uanto effettive, sono ammissi ili a contri uto. Tra 'uesti costi possono essere classificati i contri uti in natura riferi ili allipotesi generale di utilizzo di A..terreni o i!!o"ili, attre++at#re o !ateriali..- senza pagamento di corrispettivi e senza la configurazione di oneri di ammortamento, cosE come l*utilizzo del parco macchine aziendale in alternativa all*affitto di analoghi mezzi. In 'uestultimo caso, il valore dellutilizzo di macchine e%o attrezzature aziendali deve essere determinato tenendo conto delleffettiva disponi ilit# in azienda della macchina e%o attrezzatura, del tempo di utilizzo effettivo, in condizioni di ordinariet#, e delle normali tariffe orarie%giornaliere sta ilite dai prezzari regionali. !altro aspetto, riguardante i costi non effettivi ma comun'ue ammissi ili, " legato agli apporti che consistono in prestazioni dopera relative ad A..attivit, di ricerca o professionali, o presta+ioni volontarie non retri"#ite-. ?ellam ito delle prestazioni volontarie non retri uite pu@ essere ascritta anche la categoria dei cosiddetti lavori in economia, cio" modalit# di esecuzione delle opere connesse ad investimenti fisici, in relazione alle 'uali, anzich rivolgersi ad unimpresa organizzata per ottenerne lesecuzione, il eneficiario e%o i suoi familiari provvedono per proprio conto. In tale contesto sono ammissi ili a cofinanziamento le operazioni di carattere agronomico e forestale eseguite direttamente dagli imprenditori agricoli e forestali, dai loro familiari, nonch dai piccoli proprietari forestali. ) 'uesto proposito, sia le ore di lavoro previste che 'uelle risultanti a consuntivo, devono essere 'uantificate da un tecnico 'ualificato, terzo rispetto al eneficiario. In linea generale, non sono ammissi ili opere di carattere edile realizzate direttamente dal eneficiario, tuttavia, ad esclusione della misura 1.3 4aumento del valore aggiunto della produzione agricola e forestale primaria5, in situazioni particolari legate al contesto locale e per interventi di modesta entit#, l)utorit# di gestione pu@ derogare a tale principio sta ilendo i criteri da adottare. In ogni caso, tanto per la fornitura di eni che per la fornitura di servizi, i relativi costi possono essere giudicati ammissi ili se il valore degli stessi AFpossa essere val#tato e verificato da #n organis!o indipendente-. !ammissi ilit# delle suddette tipologie di spesa, pertanto, " legata al rispetto delle seguenti condizioni> a. . c. d. e. i lavori%forniture devono essere eseguiti a perfetta regola darte, i lavori%forniture eseguiti devono essere pertinenti con le strutture ed i mezzi tecnici in dotazione, anche temporaneamente, allazienda, il loro valore deve poter essere soggetto a revisione conta ile e valutazione indipendente 4computo metrico ecc.5, i lavori%forniture eseguiti non devono essere collegati a misure di ingegneria finanziaria, se trattasi di prestazioni volontarie non retri uite, il loro valore sia determinato tenendo conto delle capacit# fisico%professionali, del tempo effettivamente prestato in Acondizioni di ordinariet#B e delle normali tariffe orarie%giornaliere in vigore per lattivit# eseguita, sta ilite dai prezzari regionali e delle Province autonome, se trattasi di apporto di terreni o immo ili, il loro valore sia certificato da un professionista 'ualificato e indipendente o da un ente a ilitato, sia possi ile effettuare valutazioni comparative tra il valore del ene disponi ile in natura e 'uelli simili elencati nei prezzari regionali e delle Province autonome vigenti.

f. g.

-uando i materiali di consumo sono reperi ili direttamente in azienda 4contri uto in natura5, il relativo valore deve essere determinato in ase al prezzario aggiornato utilizzato dalle (egioni e Province autonome. ?el caso in cui tale prezzario non preveda la voce di spesa relativa al ene

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1 5

fornito in natura, occorre produrre una certificazione sottoscritta da un tecnico 'ualificato, dalla 'uale risulti lidoneit# del materiale fornito ed il relativo valore. Il limite massimo per 'uesta tipologia di spesa " indicato al comma . dellart. =0 del (eg. 4CE5 n. 18;0%/7, che recita *a spesa p#""lica cofinan+iata dal $E%&R per opera+ioni c/e i!plicano contri"#ti in nat#ra non deve s#perare la spesa totale a!!issi"ile, escl#si i contri"#ti totali in nat#ra, a opera+ione #lti!ataB. In sostanza, la spesa pu lica cofinanziata dal 9E)&( deve essere minore o uguale alla differenza tra il costo totale dellinvestimento ed il costo del materiale e delle prestazioni in natura. ) 4B G C5 Dove> ) H &pesa pu lica cofinanziata dal 9easr 4Contri uto pu lico totale5 B H &pesa totale ammissi ile 4Costo totale dellinvestimento ammesso ad operazione ultimata5 C H Contri uti totali in natura 4Costo del materiale e delle prestazioni in natura5

2.7 D+31&3+5+&0+ '/2)*+,/ )22/ ,)'+)5+&0+ +0 4&'3& -&1/')


!e )utorit# di gestione sono tenute a disciplinare, nei rispettivi provvedimenti attuativi, le modalit# di concessione di eventuali varianti ai progetti presentati e le relative procedure da seguire. 9atti salvi i casi espressamente previsti dalla normativa vigente, in linea generale, al fine di garantire una maggiore trasparenza, efficacia ed efficienza della spesa, nonch certezza dei tempi di realizzazione delle iniziative finanziate, " auspica ile ridurre al minimo tali varianti. Tuttavia, 'ualora sia necessario ricorrere a procedura di variante, si richiama il rispetto dei seguenti aspetti> a. . le varianti, di norma, devono essere preventivamente richieste, sono da considerarsi varianti tutti i cam iamenti al progetto originale che comportino modifiche agli o iettivi ed ai parametri che hanno reso l*iniziativa finanzia ile, in particolare> cam io di eneficiario, cam io di sede dell*investimento, modifiche tecniche sostanziali delle opere approvate, modifica della tipologia di opere approvate, modifiche di dettaglio o soluzioni tecniche migliorative, purch contenute in una limitata percentuale di spesa, cosE come cam i di preventivo, purch sia garantita la possi ilit# di identificare il ene e fermo restando la spesa ammessa in sede di istruttoria, di norma non sono considerate varianti al progetto originario.

c.

2.# O1/')5+&0+ E0*+ P7992+4+

'/)2+55)*/

-)

?el caso di operazioni realizzate da Enti Pu lici, deve essere garantito il rispetto della normativa generale sugli appalti, in conformit# del Decreto !egislativo n. 173%.//7 ACodice dei contratti pu lici di lavori, servizi, forniture in attuazione delle Direttive .//0%1;%CE e .//0%12%CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, come aggiornato per ultimo dal Decreto !egislativo n. 113%.//;. )i fini dellammissi ilit# della spesa per lesecuzione di opere, servizi e forniture, gli Enti pu possono utilizzare> < < < contratto di affidamento nellosservanza dei limiti della soglia comunitaria, contratto di affidamento a seguito di gara ad evidenza pu contratto di affidamento diretto Ain house providingB.
LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

lici

lica,

1 6

?el caso in cui la scelta dellEnte ricada sullaffidamento Ain house providingB, per la legittimit# dello stesso " necessario che concorrano i seguenti elementi> a5 5 lamministrazione aggiudicatrice eserciti sul soggetto affidatario un Acontrollo analogoB a 'uello esercitato sui propri servizi, il soggetto affidatario svolga la maggior parte della propria attivit# in favore dellente pu di appartenenza. lico

Il rispetto di tali disposizioni deve essere garantito anche nella fase di scelta del soggetto incaricato della progettazione e direzione lavori. Inoltre, per tutte le spese sostenute devono essere rispettate le norme comunitarie sulla pu dellappalto e sulla effettiva concorrenza fra pi$ fornitori. licit#

In certi casi, gli enti pu lici 4(egioni, Province, Comuni, Comunit# montane e altri enti locali5 possono realizzare direttamente alcune operazioni, ascrivi ili alla categoria dei lavori in economia. (ientrano in tale categoria di spesa i lavori eseguiti direttamente da enti pu lici, i 'uali, anzich rivolgersi ad unimpresa organizzata, si assumono lonere di realizzare, in tutto o in parte, le opere connesse ad investimenti fisici avvalendosi di personale e mezzi propri. In 'uesto caso, affinch le relative spese possano essere considerate ammissi ili, lente pu lico che le sostiene assicura il rispetto della normativa comunitaria e nazionale sugli appalti e adotta ogni iniziativa volta a garantire la massima trasparenza nelle fasi di progettazione e realizzazione degli interventi, nonch di conta ilizzazione delle spese sostenute. 9atto salvo 'uanto diversamente disposto dalle )utorit# di gestione dei singoli programmi, i eneficiari delle misure di assistenza tecnica sono i soggetti responsa ili dell*esecuzione delle operazioni selezionate nel rispetto delle procedure nazionali e comunitarie per l*ac'uisizione di eni e servizi. (ientrano in tale tipologia anche le operazioni previste dalla misura 3.3 ITutela e 'ualificazione del patrimonio ruraleI e il Programma della (ete (urale.

2.9 IVA / )2*'/ +(1&3*/ / *)33/


!art. ;1, comma 3, punto a5 del (eg. 4CE5 n. 1782%.//=, dispone che non " ammissi ile a contri uto del 9E)&( Al0;%, tranne l<0;% non rec#pera"ile se real!ente e definitiva!ente sosten#ta da "eneficiari diversi da soggetti non passivi di c#i all<articolo 1, paragrafo , pri!o co!!a, della sesta direttiva ))/3==/CEE del Consiglio, del 1) !aggio 19)), in !ateria di ar!oni++a+ione delle legisla+ioni degli &tati !e!"ri relative alle i!poste s#lla cifra di affari > 2 &iste!a co!#ne di i!posta s#l valore aggi#nto7 "ase i!poni"ile #nifor!e . In generale, 'uindi, il costo dellIC) pu@ costituire una spesa ammissi ile solo se realmente e definitivamente sostenuta dal eneficiario finale, nell*am ito dei regimi di aiuto ai sensi dell*articolo 2; del trattato e nel caso di aiuti concessi dagli organismi designati dagli &tati. !*IC) che sia comun'ue recupera ile, non pu@ essere considerata ammissi ile anche ove non venga effettivamente recuperata dal eneficiario finale. )l pari dell* IC), anche altre categorie di imposte, tasse e oneri possono essere sovvenziona ili solo se sostenute effettivamente e definitivamente dal eneficiario finale.

G.U. L 145 del 13.06.1977, pag. 1. Direttiva modifi ata da !ltimo dalla Direttiva 2004"66"#$ %G.U. L 16& dell' 1.05.2004, pag. 35(. LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1 7

2.1% L/)3+06
!a spesa sostenuta in relazione ad operazioni di locazione finanziaria 4leasing5 " ammessa solo per misure che riguardino investimenti per ac'uisto di eni immo ili e mo ili. Aiuto concesso allutilizzatore !utilizzatore " il eneficiario diretto del contri uto. Per 'uanto concerne lac'uisto di nuove macchine e attrezzature, compresi i programmi informatici5, il leasing " ammissi ile con patto di ac'uisto e fino ad un massimo del valore di mercato del ene. !a spesa ammissi ile " rappresentata dai canoni pagati dallutilizzatore al concedente, comprovati da una fattura o da un documento avente forza pro atoria e'uivalente, entro il limite fissato per lammissi ilit# delle spese, al netto dei costi connessi al contratto 4garanzie del concedente, costi di rifinanziamento, interessi, spese generali e oneri assicurativi5. In ogni caso, deve essere garantita la non aliena ilit# del periodo previsto dalloperazione finanziata. Aiuto concesso attraverso il concedente Il concedente 4societ# di leasing5 " il eneficiario diretto del contri uto che viene utilizzato al fine di ridurre l*importo dei canoni versati dall*utilizzatore del ene oggetto del contratto di locazione finanziaria. I contratti di locazione finanziaria devono comportare una clausola di riac'uisto. !*ac'uisto del ene da parte del concedente, comprovato da una fattura 'uietanzata o da un documento conta ile avente forza pro atoria e'uivalente, costituisce la spesa ammissi ile. !*importo massimo ammissi ile non deve superare il valore di mercato del ene dato in locazione. ?on sono ammissi ili le spese connesse al contratto 4tasse, margine del concedente, costi di rifinanziamento degli interessi, spese generali, oneri assicurativi, ecc.5. Il contri uto versato al concedente deve essere utilizzato interamente a vantaggio dell*utilizzatore mediante una riduzione uniforme di tutti i canoni pagati nel periodo contrattuale. Il concedente deve dimostrare che il contri uto ricevuto sia trasferito interamente all*utilizzatore ela orando una distinta dei pagamenti dei canoni o con un metodo alternativo che fornisca assicurazioni e'uivalenti. ene e la destinazione duso per il

2.11 O1/')5+&0+ -+ +06/60/'+) .+0)05+)'+)


!articolo =/ del (eg. 4CE5 n. 18;0%.//7 dispone che il $easr p#4 cofinan+iare, nella!"ito di #n progra!!a di svil#ppo r#rale, le spese per opera+ioni co!prendenti contri"#ti a sostegno di fondi di capitale di risc/io, fondi di garan+ia e fondi prestiti. !attivit# dei fondi " disciplinata dagli articoli =1 e =. del (eg. 4CE5 n. 18;0%.//7. In tale am ito, i fondi sono intesi come strumenti che concorrono a realizzare gli o iettivi dello sviluppo rurale, senza configurarsi come una specifica misura di un )sse. Pertanto, lattivit# dei fondi si avvarr# di risorse allocate nelle singole misure di ciascun Psr. Ci@ significa che le operazioni effettuate dai fondi riguardano interventi coerenti e conformi ad almeno una misura del Psr. Di seguito sono riportati alcuni criteriGUIDA da considerare nella selezione dei fondi RELATIVE e le speseALLO ammissi ili per i fondi di LINEE SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE
SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1 #

garanzia, i fondi di capitale di rischio e i fondi prestiti.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

1 9

2.1 1.1

F&0-+ -+ 6)')05+)

!attivazione di un fondo di garanzia deve essere asato su un regime notificato e approvato dalla Commissione europea e pertanto rispondente alle condizioni previste al paragrafo ; dellarticolo =1 del (eg. CE 18;0%.//7. Costit#+ione I fondi di garanzia possono essere costituiti come enti giuridici indipendenti e? novo, oppure come capitale separato in seno ad una istituzione preesistente. %ffida!ento !e (egioni e Province autonome possono affidare ad un soggetto esterno la gestione del fondo. In tal caso laffidamento deve essere compati ile con 'uanto previsto dalla normativa comunitaria e nazionale sugli appalti pu lici di servizi. In tal senso si prevedono le seguenti possi ilit#> 1. lattivit# pu@ essere realizzata attraverso un accordo di programma tra (egione o Provincia autonoma e I&JE), dintesa con il JiP))9, che consenta di avvalersi del fondo di garanzia operante sulla ase del Decreto legislativo n. 1/.%.//0, approvato come regime di non ai#to n. ?? =0%B%.//0, con decisione della Commissione europea C4.//75 703 dell*2 marzo .//7. !o schema di accordo di programma " stato approvato dalla Conferenza &tato<(egioni con atto n. 102%1= ( del luglio .//;. lattivit# pu@ essere realizzata attraverso 9ondi di garanzia selezionati in ase alle procedure previste da un regime di aiuto gi# notificato e approvato dalla Commissione europea, garantendo il rispetto dei principi di non discriminazione, trasparenza e pu licit# previsti dalle normative nazionali e comunitarie per lac'uisizione di eni e servizi. In tal caso, non devono esistere preclusioni per accedere al regime di aiuto, n in via di principio, n in via di fatto e loperativit# deve essere consentita a tutti gli operatori in possesso dei re'uisiti previsti dal regime di aiuto. ) tal fine devono essere previsti controlli annuali attraverso lesercizio dellistituto della vigilanza spettante alla Commissione, la verifica della dichiarazione di operativit# e del possesso dei re'uisiti sta iliti dalla legge, nonch del rendiconto pro atorio dellattivit# svolta. lattivit# pu@ essere affidata a 9ondi di garanzia selezionati mediante procedura di evidenza pu lica, in tal caso " opportuno considerare le seguenti condizioni> ? ? ? ? ? ? ? la natura giuridica, la dimensione e la frammentazione del portafoglio di garanzie in essere, il capitale sociale versato pari almeno a 1//.///,// euro, il rapporto tra garanzie in essere e la somma del patrimonio e fondi rischi non superiore a 1;, il possesso della certificazione di 'ualit#, il rilascio di prodotti di garanzia in linea con i re'uisiti previsti da Basilea ., la conformit# a 'uanto disciplinato dalla legge 3.7%.//3.

..

3.

&i ritiene infine auspica ile dare priorit# agli 6rganismi di garanzia che, anche tramite processi di rafforzamento patrimoniale, concentrazione e aggregazione su ase territoriale, sono impegnati ad allinearsi alle condizioni poste dallentrata in vigore di Basilea ..

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 %

Condi+ioni att#ative !a partecipazione del 9easr e di altre fonti pu liche ai fondi, nonch le garanzie da 'uesti prestate a singole imprese, sono soggetti alle disposizioni del (eg. CE 1782%.//= e alla normativa comunitaria sugli aiuti di stato. !e suddette condizioni e modalit# di partecipazione ai fondi devono essere sta ilite in un accordo di finanziamento concluso tra il fondo stesso e la (egione o Provincia autonoma o l)utorit# di gestione. Tale accordo deve contenere le necessarie disposizioni relative a> strategia e pianificazione degli interventi, monitoraggio e disposizioni di li'uidazione. Inoltre, la (egione o Provincia autonoma ed il gestore del fondo, prima dellavvio dellattivit# di garanzia, devono presentare all)utorit# di gestione un piano di attivit# che precisi tra laltro> il portafoglio di garanzia, i criteri, le condizioni e le modalit# di finanziamento, il ilancio di esercizio del fondo, la propriet# e i soci cofinanziatori, i re'uisiti di professionalit#, competenza e indipendenza dei dirigenti, lo statuto del fondo, la giustificazione e lutilizzo previsto del contri uto del 9easr, le disposizioni di li'uidazione del fondo, incluso il reimpiego delle entrate attri ui ili al contri uto del 9easr. !)utorit# di gestione " responsa ile della valutazione e della sorveglianza del suddetto piano di attivit#. Ciascun fondo deve relazionare annualmente su> lelenco delle richieste pervenute, i dati riguardanti le garanzie prestate, compresa lindicazione dei tipi e o iettivi delle operazioni oggetto di garanzia e delle misure del Psr a cui si riferiscono, i dati sul totale delle garanzie in essere, tutti i casi di li'uidazione delle garanzie a valere sulle risorse del Psr, per i de itori inadempienti nellanno precedente 4al netto dei fondi eventualmente recuperati5, i corrispettivi versati nellanno per le garanzie.

!a Commissione europea non pu@ diventare socio o azionista dei fondi. $l#ssi finan+iari !e risorse del fondo sono individuate e versate dalla (egione o Provincia autonoma, tramite l6rganismo pagatore, a valere sulla dotazione finanziaria delle singole misure del Psr. Il fondo deve garantire una conta ilit# separata delle risorse sulla ase delle singole misure del Psr e, nel caso di una istituzione preesistente, anche la distinzione tra le risorse del Psr versate nel fondo, da 'uelle di cui la stessa gi# disponeva. :li interessi maturati sui contri uti dei fondi provenienti dal Psr ne incrementano la potenzialit# e sono riutilizzati per fornire garanzie. !e risorse disponi ili, dopo che tutte le garanzie siano state soddisfatte, possono essere riutilizzate dalla (egione o Provincia autonoma per finalit# analoghe a favore delle imprese del proprio territorio. Costo della garan+ia Il costo della garanzia " calcolato in ase ad una valutazione oggettiva del rischio finanziaria, maggiorata dei costi sostenuti per il rilascio della garanzia stessa. copertura massima, le garanzie coprono la perdita, per capitale e interessi, momento del verificarsi dellinsolvenza dellimpresa ammessa alle garanzie e rispetto della normativa regolante i fondi. delloperazione ?ei limiti della determinata al comun'ue nel

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 1

C#!#lo e rispetto dei !assi!ali di ai#to 1. ai#to ?el caso di aiuti concessi ad un eneficiario sotto forma di garanzia per investimenti ammissi ili sulla ase di una misura del Psr, " necessario predisporre le procedure necessarie a garantire che il cumulo con gli aiuti che lo stesso soggetto riceve, eventualmente attraverso altre forme 4conto capitale, a uono interessi ecc..5, non superi il massimale previsto dallallegato al (eg. CE n. 1782%.//=. ) tal fine, " necessario che il fondo operi sulla ase di procedure che consentano sempre di individuare le'uivalente sovvenzione lordo 4E&!5 della garanzia, sulla ase di un metodo conforme alla disciplina comunitaria sugli aiuti di &tato. 2. non ai#to K possi ile che il fondo operi come non aiuto se come tale " stato approvato dalla Commissione europea 4" il caso ad esempio degli aiuti di &tato ?? =0%B%.//0 e ?23%B%.//=5. In tal caso, il eneficiario paga per la garanzia il prezzo di mercato e, in assenza di aiuto, non si pongono pro lemi di cumulo. %ccesso alla garan+ia I fondi non prestano garanzie ad imprese in difficolt#, definite tali ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficolt#. Pertanto, i fondi prestano garanzie alle imprese in fase di costituzione, di avviamento o di espansione, limitatamente ad azioni ritenute redditizie dagli amministratori dei fondi, se richiedono finanziamenti ancari per la realizzazione di investimenti coerenti e conformi con le tipologie di intervento previste nelle schede delle misure di investimento del Psr. Di fatto, potranno richiedere le garanzie le imprese di cui al precedente capoverso, i cui progetti, in seguito ad una istruttoria della (egione o Provincia autonoma, siano stati dichiarati ammissi ili ai sensi di una misura di investimenti del Psr. ?ella fase di verifica della fatti ilit# economica dellazione proposta dallimpresa, il 9ondo prende in considerazione tutte le fonti di reddito della stessa, desumi ili anche dal usiness plan. @ipologie di garan+ia !e garanzie possono essere concesse entro il limite massimo del ;/D dellimporto dei finanziamenti ancari erogati alle imprese eneficiarie < elevato all2/D per i giovani agricoltori, come definiti dal (eg. CE 1782%.//=. !e tipologie di intervento possono prevedere il rilascio di> garanzie, cogaranzie in associazione con i Confidi in favore delle imprese, controgaranzia in favore dei Confidi .
0 3

&pese a!!issi"ili (ispetto alle spese ammissi ili relative alla partecipazione ai fondi, il (eg. CE 18;0%.//7 fa una distinzione tra la spesa dichiarata alla Commissione europea al fine di ottenere i pagamenti
3

Ai sensi dellart. 13 D.L. 30 settembre 2003 n. 269 come modificato dalla legge di conversione 24 novembre 2003, n. 326. 4 Ai sensi dellart. 13 D.L. 30 settembre 2003 n. 269 come modificato dalla legge di conversione 24 novembre 2003, n. 326.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 2

intermedi di cui allarticolo .7 del (eg. CE 1.8/%.//=, e le spese che saranno riconosciute ammissi ili alla chiusura del programma, ai fini del versamento del saldo ai sensi dellarticolo .2 del (eg. CE 1.8/%.//=> 8aga!enti inter!edi In ase allarticolo =., paragrafo 1, comma 1, del (eg. CE n. 18;0%/7, le spese dichiarate alla Commissione europea per ottenere i pagamenti intermedi di cui allarticolo .7 del (eg. CE 1.8/%.//=, sono le spese complessivamente sostenute per la costituzione dei fondi o per la partecipazione agli stessi. &pesa finale In ase allarticolo =., paragrafo 1, comma ., del (eg. CE n. 18;0%/7 al momento del versamento del saldo e della chiusura del programma di sviluppo rurale, ai sensi dellarticolo .2 del (eg. CE 1.8/%.//=, la spesa ammissi ile corrisponde al totale> a5 5 c5 di ogni garanzia prestata, degli importi impegnati a titolo di garanzie, dei costi di gestione ammissi ili.

E necessario che un fondo di garanzia utilizzi il contri uto pu lico per fornire garanzie ad un numero sufficiente di imprese, in ase a metodologie e standard di analisi validi 4es. moltiplicatore dellinvestimento5. )l momento della chiusura dellintervento, la spesa ammissi ile di ciascun fondo consiste nellimporto delle risorse ricevute dal Psr, necessarie a coprire il valore iniziale delle garanzie prestate, degli importi impegnati per le garanzie richieste ma non ancora rilasciate e le spese di gestione sostenute. Ciascun fondo di garanzia dovr# soddisfare un indice di operativit# calcolato 'uale rapporto tra il totale del valore iniziale delle garanzie concesse 4aumentato degli importi impegnati per garanzie richieste ma non ancora rilasciate e delle spese di gestione sostenute5 e lentit# del fondo implementato con risorse del Psr. Tale indice, valutato al termine della programmazione, deve essere almeno pari a 3. In considerazione del potenziale rischio di insolvenza a carico del fondo nei periodi successivi alla chiusura della programmazione, loperativit# si intende comun'ue raggiunta 'ualora sia conseguito il ;/D del suddetto indice. ?el caso di mancato raggiungimento dellindice di operativit#, la spesa ammissi ile sar# ridotta proporzionalmente. Tenendo conto che nellam ito di un Psr possono essere usati pi$ fondi di garanzia, si ritiene opportuno valutare separatamente gli indici di operativit# raggiunti da ciascun fondo al termine della programmazione. Infine, si precisa che i costi di gestione sono ammissi ili nel limite del .D in media annua del capitale versato per la durata del programma, a meno che, in seguito ad una gara dappalto, risulti necessaria una percentuale pi$ elevata 4articolo =1 paragrafo =, (eg. CE 18;0%.//75.

2.11.2 F&0-+ -+ 4)1+*)2/ -+ '+34:+& / F&0-+ 1'/3*+*+


Il fondo capitale di rischio " uno strumento di investimento appositamente costituito che opera fornendo capitale proprio alle imprese con presunto elevato potenziale di crescita nelle fasi iniziali del loro sviluppo, secondo 'uanto previsto dagli orienta!enti co!#nitari s#gli ai#ti di &tato destinati a pro!#overe gli investi!enti in capitale di risc/io nelle piccole e !edie i!prese 4.//7%C 180%/.5.
LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 3

Il 9ondo prestiti " soggetto giuridico autonomo finalizzato alla concessione di prestiti alle imprese con tasso di interesse agevolato. !attivazione dei fondi deve essere rispondente alle condizioni previste al paragrafo ; dellarticolo =1 del (eg. CE. 18;0%.//7. Costit#+ione Entram i i fondi possono essere costituiti come enti giuridici indipendenti e? novo, oppure come capitale separato in seno ad una istituzione preesistente. %ffida!ento !e (egioni e Province autonome possono affidare ad un soggetto esterno la gestione del fondo. In tal caso laffidamento deve avvenire nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale sugli appalti pu lici di servizi con procedure di evidenza pu lica. ?el caso di un regime di aiuto notificato e autorizzato dalla Commissione europea, nella selezione degli operatori si dovranno attuare le procedure del regime in 'uestione, stante il rispetto dei principi di non discriminazione, trasparenza e pu licit# previsti dalle normative nazionali e comunitarie per lac'uisizione di eni e servizi. In tal caso non devono esistere preclusioni per potere accedere al regime di aiuto, n in via di principio, n in via di fatto e laccesso deve essere consentito a tutti gli operatori in possesso dei re'uisiti previsti dal regime di aiuto. ) tal fine sono comun'ue previsti controlli annuali attraverso linoltro alla Commissione di una relazione sullattivit# svolta. Condi+ioni att#ative !a partecipazione del 9easr e di altre fonti pu liche ai fondi, nonch gli investimenti effettuati ed i prestiti rilasciati a singole imprese, sono soggetti alle disposizioni del (eg. CE n. 1782%.//= e alla normativa comunitaria sugli aiuti di stato. !e suddette condizioni e modalit# di partecipazione ai fondi devono essere sta ilite in un accordo di finanziamento concluso tra il fondo stesso e la (egione o Provincia autonoma o l)utorit# di gestione. Tale accordo deve contenere le necessarie disposizioni relative a> strategia e pianificazione degli interventi, monitoraggio, politica di uscita dagli investimenti e disposizioni di li'uidazione. ?el caso dei fondi capitale di rischio, le operazioni finanziarie in unimpresa devono prevedere la partecipazione del settore privato per almeno il =/D, o il 3/D in caso di misure destinate a PJI = situate in zone assistite . !a Commissione europea non pu@ diventare socio o azionista dei fondi. I fondi di capitale di rischio non devono ac'uisire 'uote di maggioranza di imprese e devono perseguire lo iettivo di realizzare tutti gli investimenti entro la durata di vita del fondo. Devono essere prese le misure necessarie per ridurre al minimo le distorsioni di concorrenza sul mercato dei capitali di rischio e dei finanziamenti. In particolare, i rendimenti ottenuti dagli investimenti e dai prestiti 4detratta una 'uota in pro rata dei costi di gestione5 possono essere destinati in via preferenziale agli azionisti privati fino al livello di remunerazione sta ilito nel contratto sociale e successivamente devono essere ripartiti e'uamente fra tutti gli azionisti ed il Psr, secondo i principi indicati nel sottostante paragrafo fl#ssi finan+iari. Inoltre, i cofinanziatori del fondo, prima dellavvio dellattivit#, devono presentare all)utorit# di gestione un piano di attivit# che precisi tra laltro> il mercato ersaglio, i criteri, le condizioni e le modalit# di finanziamento, il ilancio di esercizio del fondo, la propriet# e i soci cofinanziatori, i
5

#fr. defi)i*io)e t( degli +,rie)tame)ti om!)itari -!gli ai!ti di .tato de-ti)ati a prom!overe gli i)ve-time)ti i) apitale di ri- /io )elle pi ole e medie impre-e0 %2006"# 194"02(.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 "

re'uisiti di professionalit#, competenza e indipendenza dei dirigenti, lo statuto del fondo, la giustificazione e lutilizzo previsto del contri uto del 9easr, la politica di uscita dagli investimenti 4solo per il capitale di rischio5 e le disposizioni di li'uidazione del fondo, incluso il reimpiego delle entrate attri ui ili al contri uto del 9easr. !)utorit# di gestione " responsa ile della valutazione e della sorveglianza del suddetto piano di attivit# Ciascun fondo deve relazionare annualmente sullattivit# svolta. $l#ssi finan+iari !e risorse del fondo sono individuate e versate dalla (egione o Provincia autonoma, tramite l6rganismo pagatore, a valere sulla dotazione finanziaria delle singole misure del Psr. Il fondo deve garantire una conta ilit# separata delle risorse sulla ase delle singole misure del Psr e, nel caso di una istituzione preesistente, anche la distinzione tra le risorse del Psr versate nel fondo, da 'uelle di cui lo stesso gi# disponeva. :li interessi maturati sui contri uti dei fondi provenienti dal Psr ne incrementano la potenzialit# e sono riutilizzati per investimenti o finanziamenti alle imprese. !e risorse provenienti da investimenti avviati dai fondi e restituite alloperazione, possono essere riutilizzate dalla (egione per finalit# analoghe a favore delle imprese del proprio territorio. C#!#lo e rispetto dei !assi!ali di ai#to ?el caso di aiuti concessi ad un eneficiario sotto forma di aiuti al capitale di rischio o di prestiti per investimenti ammissi ili sulla ase di una misura del Psr o di prestiti, " necessario predisporre apposite procedure per garantire che il cumulo con gli aiuti che lo stesso soggetto riceve, eventualmente attraverso altre forme 4conto capitale, a uono interessi ecc..5, non superi il massimale previsto dallallegato al (eg. 4CE5 n. 1782%.//=. ) tal fine, " necessario che il fondo assicuri il rispetto del vincolo di non superare le'uivalente sovvenzione lordo 4E&!5 dellaiuto, sulla ase di un metodo conforme alla disciplina comunitaria sugli aiuti di &tato. %ccesso al sostegno I fondi non investono o non effettuano prestiti ad imprese in difficolt#, definite tali ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficolt#. Pertanto, i fondi investono o effettuano prestiti ad imprese in fase di costituzione, di avviamento o di espansione, limitatamente ad azioni ritenute redditizie dagli amministratori dei fondi, per la realizzazione di investimenti coerenti e conformi con le tipologie di intervento previste nelle schede delle misure di investimento del Psr. Di fatto, potranno richiedere finanziamenti le imprese di cui al precedente capoverso, i cui progetti, in seguito ad una istruttoria della (egione o Provincia autonoma, siano stati dichiarati ammissi ili ai sensi di una misura di investimenti del Psr. ?ella fase di verifica della fatti ilit# economica dellazione proposta dallimpresa, il 9ondo prende in considerazione tutte le fonti di reddito della stessa, desumi ili anche dal usiness plan. &pese a!!issi"ili (ispetto alle spese ammissi ili relative alla partecipazione ai fondi, il (eg. 4CE5 n. 18;0%.//7, fa una distinzione tra la spesa dichiarata alla Commissione europea al fine di ottenere i pagamenti intermedi di cui allarticolo .7 del (eg. CE 1.8/%.//=, e le spese che saranno riconosciute

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 5

ammissi ili alla chiusura del programma, ai fini del versamento del saldo ai sensi dellarticolo .2 del (eg. CE 1.8/%.//=> 8aga!enti inter!edi In ase allarticolo =. paragrafo 1, primo comma del (eg. 4CE5 n. 18;0%.//7, ai fini delle dichiarazioni di spesa alla Commissione, per ottenere i pagamenti intermedi di cui allarticolo .7 del (eg. CE 1.8/%.//=, sono le spese complessivamente sostenute per la costituzione dei fondi o per la partecipazione agli stessi. &pesa finale In ase allarticolo =., paragrafo 1, comma . del (eg. 4CE5 n. 18;0%.//7, al momento del versamento del saldo e della chiusura del programma di sviluppo rurale ai sensi dellart. .2 del (eg. CE 1.8/%.//=, la spesa ammissi ile corrisponde al totale> a5 5 di ogni pagamento effettuato per investimenti e per prestiti alle imprese, dei costi di gestione, ammissi ili nel limite del 3D in media annua del capitale versato per la durata del programma, a meno che, in seguito ad una gara dappalto, risulti necessaria una percentuale pi$ elevata 4articolo =1 paragrafo =, (eg. CE 18;0%.//75.

2.12 S1/3/ 6/0/')2+


!art. ==, 1L comma, lettera c5 del (eg. 4CE5 n. 18;0%/7, fa riferimento a Aspese generali collegate alle spese di c#i alle lettere a) e "), co!e onorari di arc/itetti, ingegneri e cons#lenti, st#di di fatti"ilit,, ac3#isto di "revetti e licen+e. !e spese generali sono ammissi ili 'uando direttamente collegate all*operazione finanziata e necessarie per la sua preparazione o esecuzione, ovvero 'uando connesse a disposizioni previste dall)utorit# di gestione di ciascun programma. !e spese generali possono essere attri uite alla pertinente attivit# per intero, 'ualora riferite unicamente al progetto finanziato, o mediante lapplicazione di precisi Acriteri di imputazioneB, nel caso in cui le stesse siano in comune a pi$ attivit#, secondo un metodo di ripartizione oggettivo, de itamente giustificato e preventivamente definito dall)utorit# di gestione. I criteri dimputazione di dette spese, il relativo calcolo ed ogni giustificazione di eventuali scostamenti tra la situazione prevista e 'uella risultante a consuntivo, devono essere riportati in un apposito documento da conservare agli atti. ?ellam ito delle spese generali rientrano anche le spese ancarie e legali, 'uali parcelle per consulenze legali, parcelle notarili, spese per consulenza tecnica e finanziaria, spese per la tenuta di conto corrente 4purch trattasi di c%c appositamente aperto e dedicato alloperazione5, sono altresE ammissi ili le spese per garanzie fideiussorie. ?ell*am ito dei singoli provvedimenti attuativi, ciascuna )utorit# di gestione fissa la percentuale massima di spesa riferi ile a 'uesta voce, che comun'ue deve essere sta ilita secondo un criterio oggettivo e dimostra ile.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 6

2.13 G/3*+&0/ -/+ .2733+ .+0)05+)'+ / (&-)2+*8 -+ 1)6)(/0*&


)l fine di rendere trasparenti e documenta ili tutte le operazioni finanziarie connesse alla realizzazione degli interventi cofinanziati, il eneficiario, per dimostrare lavvenuto pagamento delle spese inerenti un progetto approvato, utilizza le seguenti modalit#> a5 Bonifico o ricevuta ancaria 4(i a5. Il eneficiario deve produrre il onifico, la (i a o altra documentazione e'uipara ile, con riferimento a ciascuna fattura rendicontata. Tale documentazione, rilasciata dallistituto di credito, deve essere allegata alla pertinente fattura. ?el caso in cui il onifico sia disposto tramite Ahome anMingB, il eneficiario del contri uto " tenuto a produrre la stampa delloperazione dalla 'uale risulti la data ed il numero della transazione eseguita, oltre alla descrizione della causale delloperazione a cui la stessa fa riferimento. In ogni caso, prima di procedere allerogazione del contri uto riferito a spese disposte via home anMing, il eneficiario " tenuto a fornire allautorit# competente lestratto conto rilasciato dallistituto di credito di appoggio, ove sono elencate le scritture conta ili eseguite. 5 )ssegno. Tale modalit#, per 'uanto sconsigliata, pu@ essere accettata, purch lassegno sia sempre emesso con la dicitura Anon trasferi ileB e il eneficiario produca lestratto conto rilasciato dallistituto di credito di appoggio riferito allassegno con il 'uale " stato effettuato il pagamento e, possi ilmente, la fotocopia dellassegno emesso. ?el caso di pagamenti effettuati con assegni circolari e%o ancari, " consiglia ile richiedere di allegare copia della ItraenzaI del pertinente titolo rilasciata dall*istituto di credito. c5 Bollettino postale effettuato tramite conto corrente postale. Tale modalit# di pagamento deve essere documentata dalla copia della ricevuta del ollettino, unitamente allestratto conto in originale. ?ello spazio della causale devono essere riportati i dati identificativi del documento di spesa di cui si dimostra il pagamento, 'uali> nome del destinatario del pagamento, numero e data della fattura pagata, tipo di pagamento 4acconto o saldo5, d5 Caglia postale. Tale forma di pagamento pu@ essere ammessa a condizione che sia effettuata tramite conto corrente postale e sia documentata dalla copia della ricevuta del vaglia postale e dallestratto del conto corrente in originale. ?ello spazio della causale devono essere riportati i dati identificativi del documento di spesa di cui si dimostra il pagamento, 'uali> nome del destinatario del pagamento, numero e data della fattura pagata, tipo di pagamento 4acconto o saldo5, In fase di controllo, occorre verificare le fatture e%o la documentazione conta ile e'uivalente in originale, sulle 'uali " necessario apporre un tim ro che riporti il riferimento al pertinente programma o regime di aiuto. . Il pagamento in contanti " consentito nei soli casi in cui " ine'uivoca ilmente garantita la traccia ilit# della spesa e, comun'ue per importi non superiori a =//,// Euro, IC) compresa, per singolo ene%servizio.

2.1" D+31&3+5+&0+ +0 +0.&'()5+&0/ / 17992+4+*8

()*/'+)

-+

!art. ;7 del (eg. 4CE5 n. 1782%/= dispone che gli &tati Jem ri provvedano allinformazione e alla pu licit#, evidenziando in particolare il contri uto concesso dalla Comunit# europea e garantendo la trasparenza del sostegno del 9easr, pertanto, linformazione circa le possi ilit# offerte dai programmi e le condizioni di accesso ai finanziamenti assumono un ruolo determinante. In ase allart. =2 del (eg. 4CE5 n. 18;0%/7 e in particolare allallegato CI, al fine di garantire la visi ilit# delle realizzazioni cofinanziate dall+nione europea, l)utorit# di gestione ha lo ligo di realizzare attivit# informative e pu licitarie rivolte ai potenziali eneficiari delle azioni cofinanziate.
LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 7

In particolare, per le operazioni che comportino investimenti, il eneficiario del contri uto " tenuto a> affiggere una targa informativa per le operazioni dei Programmi di sviluppo rurale che comportino investimenti 4nelle aziende agricole o nelle imprese alimentari5 di costo complessivo superiore a euro =/.///,//, affiggere un cartello nei luoghi in cui sorgono infrastrutture di costo complessivo superiore a =//.///,// euro.

Inoltre, presso le sedi dei :ruppi di azione locale finanziati dall)sse 0 dei Programmi di sviluppo rurale deve essere affissa una targa informativa. !e azioni informative e pu licitarie devono essere realizzate in conformit# a 'uanto riportato nellallegato CI, punti 3 e 0 del (eg. 4CE5 n. 18;0%/7. Tali spese, poich parte integrante delloperazione cofinanziata, sono eleggi ili a cofinaziamento nella misura sta ilita per loperazione considerata.

2.15 P/'+&-& -+ 0&0 )2+/0)9+2+*8 / ,+04&2+ -+ -/3*+0)5+&0/


!art. ;. del (eg. 4CE5 n. 1782%/= dispone che AAlo &tato !e!"ro garantisce c/e il contri"#to del $E%&R resti ac3#isito ad #na opera+ione di investi!ento se 3#est#lti!a non s#"isce, nei cin3#e anni s#ccessivi alla decisione di finan+ia!ento dell%#torit, di gestione, !odific/e sostan+iali c/e7 a) ne alterino la nat#ra o le condi+ioni di esec#+ione o conferiscano #n inde"ito vantaggio ad #na i!presa o a #n ente p#""lico9 ") siano conseg#en+a di #n ca!"ia!ento dellassetto proprietario di #ninfrastr#tt#ra ovvero della cessa+ione o della rilocali++a+ione di #na attivit, prod#ttiva.Per periodo di non aliena ilit# e di divieto di cam io di destinazione di un ene o porzione di ene, si intende il periodo di tempo nellam ito del 'uale il eneficiario non pu@ cedere a terzi n distogliere dalluso indicato nella domanda approvata il ene%servizio realizzato grazie al contri uto pu lico ricevuto. Come disposto dal citato articolo ;., il periodo di non aliena ilit# ed il vincolo di destinazione devono essere pari ad almeno cin'ue anni. Tuttavia, l)utorit# di gestione pu@ sta ilire criteri pi$ restrittivi e disciplinare i casi, le modalit# e le condizioni in cui " possi ile procedere a svincolo anticipato del ene o al trasferimento del vincolo a terzi, nonch alla sostituzione del ene con altri di valore e capacit# corrispondenti, fatti salvi i cin'ue anni previsti dalla normativa comunitaria. -ualora, per esigenze imprenditoriali, un impianto fisso o un macchinario oggetto di finanziamento necessiti di essere spostato dallinsediamento produttivo ove lo stesso " stato installato ad un altro sito appartenente allo stesso eneficiario, il eneficiario medesimo ne deve dare preventiva comunicazione allautorit# che ha emesso il provvedimento di concessione del contri uto.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 #

3. SPESE NON AMMISSIBILI, VINCOLI E LIMITAZIONI


In ase allart. ;1, comma 3, del (eg. 4CE5 n. 1782%.//=, si ricorda che non sono a!!issi"ili a contri"#to del $E%&R le seg#enti categorie di spese7 a) 0;%, tranne l<0;% non rec#pera"ile se real!ente e definitiva!ente sosten#ta da "eneficiari diversi da soggetti non passivi di c#i all<articolo 1, paragrafo , pri!o co!!a, della sesta direttiva ))/3==/CEE del Consiglio, del 1) !aggio 19)), in !ateria di ar!oni++a+ione delle legisla+ioni degli &tati !e!"ri relative alle i!poste s#lla cifra di affari > &iste!a co!#ne di i!posta s#l valore aggi#nto7 "ase i!poni"ile #nifor!e (1)9 ") interessi passivi, fatto salvo il paragrafo 9

c) ac3#isto di terreni per #n costo s#periore al 10 5 del totale delle spese a!!issi"ili relative all<opera+ione considerata. 0n casi ecce+ionali e de"ita!ente gi#stificati, p#4 essere fissata #na percent#ale pi6 elevata per opera+ioni di conserva+ione dell<a!"iente-. !a spesa per interessi passivi non " ammissi ile, fatto salvo 'uanto riportato nel (eg. 4CE5 n. 1782%.//=, art. ;1, paragrafo =, dove viene indicato che il contri uto del 9easr pu@ essere concesso in forme diverse dagli aiuti diretti a fondo perduto. Inoltre, in ase allart. == del (eg. 4CE5 n. 18;0%.//7, non sono ammissi ili le seguenti spese> a. i costi connessi al contratto 4garanzia del concedente, costi di rifinanziamento degli interessi, spese generali, oneri assicurativi, ecc.5, nel caso di leasing con patto di ac'uisto di nuove macchine, attrezzature e programmi informatici, lac'uisto di diritti di produzione agricola, di animali, di piante annuali e la loro messa a dimora. Tuttavia, in caso di ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamit# naturali ai sensi dellart. ./, lettera , punto CI del (eg. 4CE5 n. 1782%.//=, le spese per lac'uisto di animali possono costituire spesa ammissi ile, investimenti di semplice sostituzione di un ene in uso.

c.

(elativamente agli investimenti di sostituzione nelle aziende agricole, lart. . comma 1; del (eg. 12=;%/7 prevede> Binvesti!enti di sostit#+ioneC, investi!enti finali++ati se!plice!ente a sostit#ire !acc/inari o fa""ricati esistenti, o parti degli stessi, con edifici o !acc/inari n#ovi e aggiornati, sen+a a#!entare la capacit, di prod#+ione di oltre il 2 5 o sen+a !odificare sostan+ial!ente la nat#ra della prod#+ione o della tecnologia #tili++ata. :on sono considerati investi!enti di sostit#+ione la de!oli+ione co!pleta dei fa""ricati di #n<a+ienda c/e a""iano al!eno 30 anni di vita e la loro sostit#+ione con fa""ricati !oderni, nD il rec#pero co!pleto dei fa""ricati a+iendali. 0l rec#pero ' considerato co!pleto se il s#o costo a!!onta al 0 5 al!eno del valore del n#ovo fa""ricato9 :li investimenti di sostituzione, per 'uanto riguarda le aziende agricole, sono dun'ue 'uelli finalizzati a sostituire macchinari o fa ricati esistenti o parte degli stessi, con edifici o macchinari nuovi e aggiornati, senza aumentare la capacit# di produzione di oltre il .=D o senza modificare sostanzialmente la natura della produzione o della tecnologia utilizzata. ?on sono considerati investimenti di sostituzione 'uelli che comportino un risparmio energetico o la protezione
LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

2 9

dellam iente. ?on sono altresE considerati investimenti di sostituzione la demolizione completa dei fa ricati di unazienda con almeno 3/ anni di vita e la loro sostituzione con fa ricati moderni, n il recupero completo dei fa ricati aziendali. Il recupero " considerato completo se il suo costo ammonta almeno al =/D del valore del nuovo fa ricato. Tutto ci@ premesso, sono prospetta ili le seguenti fattispecie>

1. I((&9+2+
?on sono considerati investimenti di sostituzione e sono 'uindi ammissi ili a finanziamento, i seguenti interventi> ricostruzione o ac'uisto di fa ricato in sostituzione di fa di vita, a seguito della sua completa demolizione, ricato aziendale di almeno 3/ anni

recupero o ristrutturazione di edifici per i 'uali le spese complessive dellintervento di recupero siano superiori al =/D del valore stimato del nuovo edificio, lavori edili su fa ricati esistenti necessari e funzionali o finalizzati alla installazione di nuovi macchinari ammissi ili a finanziamento, lavori edili funzionali alla realizzazione e%o installazione di nuovi impianti tecnologici, strutture di servizio e dotazioni precedentemente non esistenti, ampliamenti a nuovo delle strutture esistenti funzionali e coerenti alle attivit# produttive aziendali, ac'uisto o costruzione o ricostruzione o recupero o ristrutturazione di fa ricati che consentano un aumento di oltre il .=D della capacit# di produzione, stoccaggio, trasformazione e lavorazione dei prodotti aziendali, ac'uisto%costruzione%ricostruzione%recupero%ristrutturazione di fa ricati che consentano la modifica sostanziale della natura della produzione, consistente in prodotti merceologicamente diversi da 'uelli ottenuti nella fase ante investimento, ricostruzione o ac'uisizione di serre in sostituzione di analoghe strutture esistenti a condizione che si realizzi un significativo miglioramento tecnologico, in particolare per 'uanto concerne il risparmio energetico ed il rispetto am ientale.

2. D&*)5+&0+ a%%re''a%"re. i#-ia$%i1

0#a!!/i$e.

?on sono ammessi investimenti finalizzati alla semplice sostituzione di macchinari con altri nuovi o aggiornati, senza aumentare la capacit# di produzione del .=D, intesa come rendimento e%o 'uantit# totali lavorate nel ciclo di produzione%trasformazione%commercializzazione cui linvestimento " funzionale. ?on " considerato investimento di sostituzione lac'uisto di una macchina o di unattrezzatura di recente introduzione che ne sostituisce unaltra di pari funzioni con almeno 1/ anni di et#. Per Arecente introduzioneB si intende la presenza della dotazione nel catalogo del fornitore da non pi$ di tre anni 4da attestarsi nel preventivo del fornitore5. E ammessa la sostituzione di macchine e%o di attrezzature che consente la modifica sostanziale della natura della produzione, consistente in prodotti merceologicamente diversi da 'uelli ottenuti nella fase ante investimento. E ammessa la sostituzione di macchine e%o di attrezzature che consente di modificare sostanzialmente le tecnologie adottate, compresi i nuovi adattamenti o le dotazioni per la sicurezza sui luoghi di lavoro. &ono altresE ammessi gli investimenti cheRELATIVE comportino un risparmio energetico LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE ALLO 3
SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

o una riduzione delle emissioni nocive nellatmosfera.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 1

3. C&2*7'/ )'9&'//
&ono considerati investimenti di sostituzione i reimpianti effettuati al termine del ciclo vitale naturale di ciascuna coltura, sulla stessa particella con la stessa variet# e secondo lo stesso sistema di allevamento. Il ciclo vitale di ciascuna coltura " sta ilito dall)utorit# di gestione. !a riconversione varietale mediante reimpianto o sovrainnesto e, nel caso della castanicoltura, il miglioramento ed il recupero, mediante reimpianto o sovrainnesto non sono considerati investimenti di sostituzione, a condizione che non siano realizzati a fine ciclo vitale di ciascuna coltura.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 2

1 INVESTIME
(iferimenti normativi Categorie di spesa eleggi ili (eg. 4CE5 n. 18;0%/7 art. =0 e == 1 1 Costruzione, ac'uisizione, anche in leasing, o miglioramento di immo ili, eni

ac'uisto o leasing con patto di ac'uisto di nuove macchine, impianti, arredi e attrezzature, inclusi i programmi informatici, fino ad un massimo del rispettivo valore di mercato, interventi di miglioramento fondiario, incluse sistemazioni idraulico< agrarie, impianti irrigui, drenaggi, impianti colture pluriennali, via ilit# aziendale, spianamenti, terrazzamenti e simili, Interventi di miglioramento oschivo, interventi di miglioramento e di realizzazione di infrastrutture rurali, interventi di recupero, riconversione e valorizzazione del patrimonio immo iliare pu lico e di interesse pu lico delle aree rurali, ac'uisto, costruzione, ristrutturazione, ampliamento e ammodernamento dei fa ricati rurali, diversi dalla itazione dellimprenditore e relative opere edili ed impiantistiche,investimenti relativi alladeguamento delle aziende a re'uisiti resi o ligatori da specifiche norme comunitarie di nuova introduzione, specificando, per ciascuna norma, la data di entrata in vigore, ac'uisto di terreni nella misura massima del 1/D del costo complessivo delloperazione considerata 4 )rt. ;1 35 4c5 del (eg. CE n. 1782%/=.5 Tale spesa copre sia i costi amministrativi che 'uelli per lac'uisto dei terreni e delle relative strutture di capitale fondiario ad uso agricolo e forestale, purch destinate al miglioramento del rendimento glo ale dellazienda agricola, ac'uisizione di hardNare e softNare, creazione e%o implementazione di siti internet,

1 1 1 1

1 1

&pese generali> la percentuale massima " sta ilita dall)utorit# di gestione. In tale contesto sono ammesse> 1 1 Cincoli e limitazioni ac'uisto di revetti e licenze, onorari di professionisti e consulenti, studi di fatti ilit# connessi al progetto,

?on rientrano tra le spese eleggi ili> 1 investimenti effettuati allo scopo di ottemperare a re'uisiti resi o ligatori da specifiche norme comunitarie, salvo che gli investimenti siano finalizzati al rispetto di re'uisiti comunitari di nuova introduzione, purch indicati nel programma approvato, ac'uisto di terreni superiori al 1/D del costo complessivo delloperazione considerata, in casi eccezionali, de itamente giustificati, pu@ essere fissata una percentuale pi$ elevata per operazioni di

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 3

conservazione dellam iente 4art.;1 n.1782%/=5, 1

comma 3 4 c 5 del (eg. 4CE5

ac'uisto di diritti di produzione agricola, di animali, di piante annuali e loro messa a dimora, tuttavia, nel caso di ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamit# naturali, le spese per lac'uisto di animali possono costituire spesa ammissi ile, investimenti di sostituzione, cosE come definiti al punto c5 del Capitolo 3, investimenti non riconduci ili alle finalit# dellintervento finanziato, impianti ed attrezzature usate nel contesto di investimenti realizzati da soggetti diversi dalle microimprese e piccole e medie imprese, ai sensi della (accomandazione .//3%371%CE della Commissione.

1 1 1

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 "

2 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE


(iferimenti normativi Categorie di spesa eleggi ili per la formazione (eg. 4CE5 n. 1782%/= < artt. ./ 4a5 4i5 G .1 G 33 < =. 4c5 < =2 1 Ideazione e progettazione dellintervento formativo, compreso il coordinamento organizzativo, di norma nel limite del =D del costo complessivo del progetto approvato, spese di viaggio, vitto e alloggio dei partecipanti, compensi del personale docente e non docente, spese di viaggio, vitto e alloggio personale docente e non docente, spese di iscrizione e fre'uentazione a percorsi formativi 4corsi di formazione, specializzazione, seminari, master, etcF5, ela orazione e produzione di supporti didattici, ac'uisto materiali di consumo, spese per affitto immo ili e locali utilizzati per la formazione, ac'uisto, limitato al periodo di utilizzo, e noleggio attrezzature necessarie alle attivit# formative, spese di pu licizzazione delle iniziative di formazione, spese generali, fino ad un limite massimo del1=D del totale dei costi, salvo diverse disposizioni dell)utorit# di gestione. &pese per attivit# di ricognizione, ela orazione e diffusione delle informazioni, organizzazione di fiere ed esposizioni, partecipazione a fiere ed esposizioni, realizzazione di convegni, seminari divulgativi, incontri informativi, open daO e PorMshop tematici, spese di missioni e compensi per i relatorispese per viaggi di studio, scam io di uone pratiche e visite dimostrative 4presso enti, istituti, aziende, ecc.5, noleggio mezzi di trasporto, strumenti didattici ed informatici, macchine e strumenti dimostrativi, utilizzo strutture esterne, attrezzature, coordinamento organizzativo> maQ =D del totale dei costi, realizzazione e diffusione materiale specialistiche, ollettini e neNsletter, ecc.5, spese generali> maQ =D. informativo 4pu licazioni

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Categorie di spesa eleggi ili per informazione e diffusione delle conoscenze 1 1 1 1

1 1 1 1 1 1 Cincoli e limitazioni

)l fine di evitare il rischio di doppio finanziamento, le azioni di informazione e di promozione finanziate nellam ito del (eg. 4CE5 n. .2.7%./// devono essere escluse dal sostegno dello sviluppo rurale.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 5

Inoltre, il sostegno di cui allart. ./, lettera a5, punto i5, non comprende i corsi o i tirocini che rientrano in programmi o cicli normali dellinsegnamento agrosilvicolo medio o superiore. ?ellam ito dei programmi cofinanziati dal 9easr, i dipendenti della pu lica amministrazione possono eneficiare esclusivamente delle attivit# di informazione e diffusione delle conoscenze scientifiche e non delle attivit# di formazione. 9anno eccezione gli addetti al settore forestale coinvolti nella gestione delle superfici forestali di propriet# comunale e di associazioni di comuni, che possono eneficiare di attivit# formative

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 6

3 GESTIONE DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE, AC!UISIZIONE DI COMPETENZE, ANIMAZIONE


(iferimenti normativi Categorie di spesa eleggi ili (eg. 4CE5 n.1782%/= < artt. =. 4d5, =8, 7. e 73 4c5 (eg. 4CE5 n.18;0%/7 < artt. 3; e 32 1 1 1 1 1 1 Personale, consulenze specialistiche, missioni e trasferte, anche allestero, purch de itamente giustificate e realmente legate alle attivit# da svolgere, organizzazione seminari, convegni, NorMshops, ecc., partecipazione del personale :)! a seminari, convegni, NorMshop, ecc., attivit# di informazione e pu licit# 4siti Pe , campagne di informazione, pu licazioni cartacee e digitali, targhe informative o ligatorie come previsto sulla informazione e pu licit# G art =2 (eg. 4CE5 n 18;0%/7, ecc.5, progettazione degli interventi legati alla strategia integrata di sviluppo locale 4studi, analisi, indagini sul territorio, redazione e modifica del programma di sviluppo locale ,ecc.5, compensi e rim orsi spese di eventuali organismi societari o associativi, spese gestionali 4affitti, elettricit#, riscaldamento, ac'ua, ac'uisto di softNare, telefono e collegamenti telematici, ac'uisto o noleggio di arredi e dotazioni, materiale di consumo, ecc.5, spese amministrative 4costituzione, registrazione, sindaci revisori, assicurazioni e fideiussioni, ac'uisto o noleggio di arredi e dotazioni ecc.5.

1 1

Cincoli e limitazioni

I costi di gestione dei :ruppi di azione locale di cui allart. 73, lettera c5, del (eg. 4CE5 n. 1782%/=, possono essere sovvenzionati dalla Comunit# nel limite massimo del 1=D della spesa pu lica totale relativa alla strategia di sviluppo locale. Tuttavia, in casi de itamente motivati, l)utorit# di gestione pu@ autorizzare limiti superiori fino ad un massimo del ./D. ?on sono ammissi ili interessi passivi.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 7

" COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE E TRANSNAZIONALE


(iferimenti normativi Categorie di spesa eleggi ili (eg. 4CE5 n.1782%/= < art. 7= (eg. 4CE5 n. 18;0%/7 < art. 38 &pese di presviluppo del progetto, 'uali> 1 spese relative alla ricerca dei partner, inclusi viaggi, trasporto locale, vitto, alloggio, indennit# di missione, visite studio e altre attivit# inerenti, spese relative alla comunicazione ed informazione, inclusi interpretariato e traduzione testi, azioni di sensi ilizzazione e informazione dei territori, ed altre attivit# inerenti, spese relative allorganizzazione di riunioni e incontri, incluso laffitto dei locali e il noleggio delle attrezzature, vitto, interpretariato e traduzione, spese relative a studi di fatti ilit#, ricerche, ac'uisizione di consulenze specifiche ed altre attivit# inerenti, spese relative allideazione e allo sviluppo del progetto, spese generali relative allorganizzazione e al coordinamento delle attivit# di progettazione e animazione. Per le spese relative allattuazione degli interventi che ricadono nelle singole misure dei P&(, si rimanda alle tipologie di spesa ammissi ili individuate nelle relative schede di misura.

1 1 1

(ealizzazione del progetto> 1

In relazione alla specificit# delle azioni di cooperazione, " possi ile individuare le seguenti categorie di spesa> 1 1 spese relative alla realizzazione delle azioni di informazione, comunicazione, spese relative alla realizzazione di attivit# scam io di est practise, incluso il ricorso a terzi per la ricerca, la valutazione e il trasferimento delle esperienze, spese generali 4dirette e indirette5 relative allorganizzazione e attuazione delle attivit# progettuali, incluse le spese di amministrazione e segreteria, di monitoraggio, di ac'uisizione dei servizi telefonici e telematici, di elettricit#, di affitto dei locali e altro, spese relative ad incontri di coordinamento tra partner, incluse le spese di viaggio, vitto, alloggio, trasporto locale, indennit# di missione, affitto locali e noleggio attrezzature, spese sostenute dal :)! o dal soggetto capofila di un partenariato per le attivit# di coordinamento, monitoraggio e valutazione del progetto nel suo complesso, spese relative alla costituzione e alla gestione corrente di una eventuale struttura comune.

1 Cincoli e limitazioni

!e spese generali indirette devono essere determinate sulla ase di un

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 #

pro<'uota e'uo e trasparente, de itamente giustificato e documentato. !e categorie di spesa di cooperazione possono riferirsi ad azioni comuni e%o individuali dei partner. !accordo di cooperazione deve indicare chiaramente il metodo e i criteri di ripartizione delle azioni 4comuni e individuali5 e delle relative spese tra i diversi partner.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

3 9

5 ASSISTENZA TECNICA
(iferimenti normativi Categorie di spesa eleggi ili (eg. 4CE5 n.1782%/= < art. 77 1 )c'uisto di hardNare e softNare per la gestione, il controllo ed il monitoraggio dei programmi, nel caso in cui 'ueste ultime siano utilizzate per un periodo inferiore al periodo di ammortamento, sono ammissi ili solamente in 'uota parte, progettazione ed implementazione di sistemi informatici di rete per la gestione, il controllo ed il monitoraggio dei programmi, predisposizione delle postazioni di )T 4compresa la ristrutturazione dei locali utilizzati, lac'uisto degli arredi e dei materiali di consumo5, risorse umane dedicate alle attivit# di )T, colla orazioni e consulenze professionali 4inclusi i compensi relativi alla partecipazione a commissioni e a comitati tecnici5, realizzazione di studi, ricerche e indagini 4incluse le spese di pu licazione e diffusione dei risultati5, spese di missioni, anche allestero, relative alla partecipazione a eventi legati alle attivit# da svolgere come assistenza tecnica, spese per la valutazione, organizzazione di studO visit, formazione dei soggetti coinvolti nellattuazione dei programmi di sviluppo rurale e della rete rurale nazionale per 'uanto riguarda le attivit# di preparazione, gestione, sorveglianza, valutazione, informazione e controllo degli interventi del programma, servizi di traduzione e interpretariato, spese generali 4spese di funzionamento della struttura, luce ac'ua, telefono, materiale di consumo, ecc.5, spese per la predisposizione dei andi, spese di funzionamento del Comitato di &orveglianza 4incluso laffitto dei locali e il noleggio delle attrezzature, vitto, interpretariato e traduzione5, organizzazione di seminari, convegni, NorMshop, incontri informativi e divulgativi, incluso laffitto locali e noleggio attrezzature, vitto, alloggio, interpretariato e traduzione, partecipazione ed organizzazione di fiere ed altri eventi, progettazione e realizzazione loghi, attivit# di informazione, pu licit#, e produzione di materiale informativo 4inclusi siti Pe , campagne di informazione, pu licazioni cartacee e digitali, cartellonistica, insegne e altro materiale pu licitario e informativo, ecc.5,

1 1

1 1 1 1 1 1 1

1 1 1 1

1 1 1

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

" %

1 Cincoli e limitazioni

ela orazione e realizzazione del Piano di Comunicazione.

?ellam ito dei programmi cofinanziati dal 9easr non " ammessa la spesa ordinaria della pu lica amministrazione, cosE come gli oneri per i controlli eseguiti dal personale della pu lica amministrazione o da altri dipendenti pu lici che eseguono tali azioni. !e spese generali indirette dovranno essere determinate mediante lapplicazione di precisi criteri dimputazione de itamente giustificati e documentati.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

" 1

(iferimenti normativi Categorie di spesa eleggi ili

(eg. CE 18;0%/7 < artt. =/, =1 e =. 1. .. 3. Il valore iniziale delle garanzie prestate, gli importi impegnati a titolo di garanzie richieste ma non ancora rilasciate, le spese di gestione, 'uali> 1 salari e stipendi, oneri sociali ed assicurativi 4contri uti, trattamento di fine rapporto, trattamento di 'uiescenza relativi al fondo pensione come da contrattazione integrativa5, )ltri oneri e spese cosE dettagliati> premi di produttivit#, fringe "enefits per assicurazioni dipendenti personale interinale altri oneri e spese, facenti capo e derivanti dallapplicazione del contratto del personale del gestore, tutte le altre spese amministrative cosE composte> compensi professionali, compensi organi sociali, spese generali 4luce ac'ua, telefono, materiale di consumo, locazioni, ogni altra spesa e onere non classifica ile diversamente5.

6 FONDI DI GARANZIA

Cincoli e limitazioni

)lla chiusura dellintervento le suddette spese saranno dichiarate ammissi ili se rispondenti allindicatore di efficienza illustrato al paragrafo ..11 A&trumenti di ingegneria finanziariaB, sottoparagrafo A9ondo di garanziaB. I costi di gestione sono ammissi ili nel limite del .D in media annua del capitale versato per la durata del programma, a meno che, in seguito ad una gara dappalto, risulti necessaria una percentuale pi$ elevata 4articolo =1 paragrafo =, (eg. CE 18;0%.//75.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

" 2

7 FONDI DI CAPITALI DI RISC$IO E FONDI PRESTITI


(iferimenti normativi Categorie di spesa eleggi ili (eg. CE. 18;0%/7 < artt. =/, =1 e =. 1. .. 3. I pagamenti effettuati per investimenti in imprese, pagamenti effettuati per prestiti alle imprese, spese di gestione, 'uali> 1 salari e stipendi, oneri sociali ed assicurativi, contri uti 4 trattamento di fine rapporto, trattamento di 'uiescenza relativi al fondo pensione come da contrattazione integrativa5, altri oneri e spese cosE dettagliati>premi di produttivit#, fringe "enefits per assicurazioni dipendenti, personale interinale, altri oneri e spese facenti capo e derivanti dallapplicazione del contratto del personale del gestore. tutte le altre spese amministrative cosE composte> compensi professionali, compensi organi sociali, spese generali 4luce ac'ua, telefono, materiale di consumo, locazioni, ogni altra spesa e onere non classifica ile diversamente5.

Cincoli e limitazioni

I costi di gestione sono ammissi ili nel limite del 3D in media annua del capitale versato per la durata del programma, a meno che, in seguito ad una gara dappalto, risulti necessaria una percentuale pi$ elevata 4articolo =1, paragrafo =, (eg. CE 18;0%.//75.

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

" 3

NORMATIVA DI RIFERIMENTO
(eg. 4CE5 n. 1782%.//= del Consiglio, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del 9E)&( (eg. 4CE5 n. 18;0%.//7 della Commissione, recante disposizioni di applicazione del (eg. 4CE5 n. 1782%/= (eg. 4CE5 n. 18;=%.//7 della Commissione che sta ilisce modalit# di applicazione del regolamento 4CE5 n. 1782%.//= del Consiglio per 'uanto riguarda lattuazione delle procedure di controllo e della condizionalit# per le misure di sostegno dello sviluppo rurale (eg. 4CE5 n. 1.8/%.//= del Consiglio del .1 giugno .//= relativo al finanziamento della politica agricola comune (eg. 4CE5 n. 1/23%.//7 del Consiglio, recante disposizioni generali sul 9E&(, 9E& e 9ondo di coesione che a roga il (eg. 4CE5 1.7/%1888 (eg. 4CE5 n. 12.2%.//7 della Commissione, che sta ilisce modalit# di applicazione del (eg. 4CE5 n. 1/23%.//7 (eg. 4CE5 n. 12=;%.//7 della Commissione, del 1=%1.%.//7, relativo allapplicazione degli artt. 2; e 22 del Trattato agli aiuti di &tato a favore delle piccole e medie imprese attive nella produzione di prodotti agricoli e recante modifica del (eg. 4CE5 n. ;/%.//1 (eg. 4CE5 n. 3./%.//7 del Consiglio, del ./%/.%.//7, relativo ad un regime temporaneo per la ristrutturazione dellindustria dello zucchero nella Comunit# e che modifica il regolamento 4CE5 1.8/%.//=, relativo al funzionamento della politica agricola comune Direttiva .//7%11.%CE del Consiglio del .2.11..//7 relativa al sistema comune dimposta sul valore aggiunto Direttiva .//0%12%CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 31 marzo .//0 relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pu lici di lavoro, forniture e servizi 6rientamenti comunitari sugli aiuti di &tato destinati a promuovere gli investimenti in capitale di rischio nelle piccole e medie imprese 4.//7%C 180%/.5. D.lgs n. 173 del 1. aprile .//7 4T.+. sugli appalti pu lici di lavoro, forniture e servizi5, in attuazione della Direttiva .//0%1;%CE e Direttiva .//0%12%CE, a norma dell*articolo .=, comma 3, della legge 12 aprile .//=, n. 7. 4!egge comunitaria .//05, pu licato nella Ea++etta Ffficiale n. .= del 31 gennaio .//; D.lgs n. 113 del 31 luglio .//; di aggiornamento del D.lgs. n. 173 del 1. aprile .//7 &entenza della Corte di :iustizia C<01/%/0 del 7 aprile .//7 !egge = marzo 188/ n. 07, pu sulla sicurezza degli impianti licata sulla :.+. n. =8 del 1. marzo 188/, inerente le norme

D.!gs 7.7%80, modificato ed integrato dal D.!gs .0.%87 per 'uanto concerne la sicurezza sul lavoro

LINEE GUIDA SULLAMMISSIBILIT DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

" "