Sei sulla pagina 1di 164

Laurea Magistrale in Matematica Universit`a di Firenze

Introduzione alla Teoria dei Gruppi

Carlo Casolo Corso di Istituzioni di Algebra - a.a. 2012-2013

Indice

1 Primi elementi

 

3

1.1

Definizioni .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

3

1.2

Sottogruppi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

1.3

Sottogruppi normali, quozienti, omomorfismi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

12

1.4

Gruppi ciclici

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

17

1.5

Prodotti diretti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

20

1.6

Esempi (matrici)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

24

2 Due

29

2.1

Coniugio

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

29

2.2

Gruppi abeliani

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

34

2.3

Serie

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

37

2.4 Gruppi risolubili

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

41

2.5 Esempi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

45

2.6 Gruppi infiniti (costruzioni)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

50

3 Azioni

 

56

3.1 Il gruppo simmetrico .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

56

3.2 Azioni su insiemi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

60

3.3 Teoremi di Sylow

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

65

3.4 Gruppi di permutazioni

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

69

3.5 Esempi (gruppi semplici) .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

75

3.6 Prodotti intrecciati

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

79

4 Generazioni

 

84

4.1 Generatori e gruppi finitamente generati

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

84

4.2 Gruppi abeliani finitamente generati

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

88

4.3 Gruppi liberi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

92

4.4 Presentazioni di gruppi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

96

4.5 Esempi (gruppi liberi, presentazioni)

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

99

4.6 Variet`a

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

102

 

1

5 Gruppi nilpotenti

 

106

5.1 Gruppi nilpotenti

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

106

5.2 Gruppi nilpotenti finiti .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

111

5.3 Esempi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

115

5.4 Gruppi nilpotenti finitamente generati

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

118

5.5 Anelli di Lie .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

122

5.6 Gruppi residualmente nilpotenti .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

126

6 Grafi e Alberi

 

130

6.1 Grafi di Cayley

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

130

6.2 Sottogruppi di un gruppo libero .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

135

6.3

Crescita

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

138

6.4 Automorfismi di alberi con radice

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

142

6.5 Esempi (gruppi di Grigorchuk e Gupta-Sidki)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

145

6.6 Problemi di Burnside e di Milnor

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

151

7 Gruppi finiti

 

154

7.1 Aritmetica per sottogruppi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

154

7.2 Sottogruppi subnormali e radicali

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

158

7.3 Gruppi finiti risolubili

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

159

7.4 Esempi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

159

7.5 p-gruppi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

159

7.6 Transfer

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

159

 

2

Capitolo 1

Primi elementi

1.1

Definizioni

Un gruppo `e una coppia (G, ·), costituita da un insieme G ed un’operazione binaria · su di

esso (cio`e un’applicazione G × G G, (a, b)

(1) Per ogni a, b, c G : a · (b · c) =

a = 1 G · a. (esistenza di un elemento

(2) Esiste 1 G G tale che, per ogni a G :

a · b) tale che:

(a · b) · c, (propriet`a associativa)

a · 1 G =

neutro)

(3) Per ogni a G esiste b G tale che a · b = 1 G = b · a a 1 , e si chiama inverso di a).

Nella prassi, trattando di un gruppo generico, non si usa indicare alcun segno di operazione,

a · b si scrive semplicemente giustapponendo i due elementi: ab. Se A `e un insieme dotato di un’operazione associativa (quello che si chiama un semigruppo), e a, b, c A, allora possiamo scrivere senza ambiguit`a abc, intendendo con ci`o l’elemento (ab)c = a(bc). Questo fatto si estende ad una qualsiasi stringa finita di elementi. Ad esempio, a 1 a 2 a 3 a 4 = a 1 ((a 2 (a 3 a 4 )) = a 1 ((a 2 a 3 ) a 4 )) = (a 1 a 2 )(a 3 a 4 ) = etc. elemento che scriviamo

, a n ) A n ,

semplicemente a 1 a 2 a 3 a 4 . Pi`u in generale, per ogni n 1 possiamo individuare senza ambiguit`a l’elemento

(tale b, che `e unico, si denota con

ed ogni n-ulpa (a 1 , a 2 ,

a 1 a 2

a

n

(questa affermazione, che ovviamente vale nei gruppi e che appare ovvia, andrebbe provata con rigore; operazione non difficile ma noiosa; chi `e interessato trova una dimostrazione nel testo di M. Artin [1]).

L’unicit`a dell’elemento neutro in un gruppo G e quella, per ogni a G, dell’elemento inverso

di a, che abbiamo affermato in (2) e in (3), sono immediate conseguenze degli assiomi. Infatti,

se e, e sono elementi neutri di G, allora, per la stessa loro definizione, e = ee = e . Si assuma ora che b, c G siano inversi dello stesso elemento a G; allora

c = c1 G = c(ab) = (ca)b = 1 g b = b.

3

Chiaramente, quindi, (a 1 ) 1 = a per ogni a G. Altre immediate conseguenze degli assiomi sono le seguenti.

(o

ba = ca), allora b = c.

La legge di cancellazione:

se a, b, c sono elementi di un gruppo

G tali che

ab

=

ac

L’inverso di un prodotto: se a, b sono elementi di un gruppo G, allora (ab) 1 = b 1 a 1 .

La prima si ricava osservando che da ab = ac, moltiplicando a sinistra per a 1 , si ha

b = 1 G b = (a 1 a)b = a 1 (ab) = a 1 (ac) = (a 1 a)c = 1 G c = c;

mentre, per provare la seconda, baster`a osservare che

(b 1 a 1 )(ab) = b 1 (a 1 a)b = b 1 b = 1 G =

aa 1 = a(bb 1 )a 1 = (ab)(b 1 a 1 )

e quindi invocare l’unicit`a dell’inverso.

Potenze. Sia g un elemento del gruppo G, e n Z. La potenza n-esima di g `e definita (induttivamente) nel modo seguente:

g 0 = 1 G g n+1 = g n g

se

n 0

g n = (g 1 ) n

se

n < 0.

In pratica, se n 0,

g n =

g · g · ··· · g

n volte

Il seguente Lemma enuncia le regole fondamentali nel trattamento delle potenze di uno stesso

elemento; la facile dimostrazione - per induzione su uno degli esponenti (prima il caso di esponente positivo e quindi quello generale) - `e lasciata per esercizio (altrimenti, si vedano le dispense di Algebra II [2]).

Lemma 1.1. Siano G un gruppo, g G, e n, m Z. Allora

(1)

(2)

g n+m = g n g m

g nm = (g n ) m

In generale, la potenza di un prodotto non `e il prodotto delle potenze; ci`o avviene solo in casi molto particolari: vedi esercizio 1.3.

Gruppo abeliano. Un gruppo G si dice abeliano, o commutativo, se l’operazione `e com- mutativa, ovvero se ab = ba per ogni a, b G. Per i gruppi commutativi, si utilizza spesso la notazione additiva in cui l’operazione si denota con il simbolo + (mentre la notazione che usiamo in generale, in cui il simbolo dell’operazione `e un puntino oppure viene omesso, si dice moltiplicativa). In notazione additiva il simbolo per l’elemento neutro `e 0 A (o, sempli- cemente, 0), mentre se a `e un elemento del gruppo abeliano (A, +) il suo inverso si denota con a (e si chiama “opposto” di a). Infine, se (A, +) `e un gruppo abeliano, e x, y A, si adotta la convenzione di scrivere x + (y) = x y.

4

Per gruppi (abeliani) in notazione additiva le potenze assumono naturalmente la forma di

multipli. Ad esempio, in notazione additiva la propriet`a (1) e (2) si scrivono come (n+m)g =

ng + mg

Esempi. Esempi familiari di gruppo sono, con l’usuale operazione di somma, gli insiemi

numerici (Z, +), (Q, +), (R, +), (C, +); e, rispetto all’operazione di moltiplicazione, (Q , ·),

(R , ·) e (C , ·), dove Q = Q \ {0}, R = R \ {0},

In generale, se R `e un anello, allora l’insieme U (R) degli elementi invertibili di R `e un gruppo rispetto alla moltiplicazione indotta da R. Ad esempio, se R = Z/12Z, allora

e (nm)g = n(mg).

C = C \ {0}.

U (R) = {a¯ = a + 12Z | (a, 12) = 1} = { ¯ 1, 5, 7, 11}

¯

¯

¯

`e un gruppo (moltiplicativo). Caso particolare, ma di primaria importanza, `e quello degli

endomorfismi di uno spazio vettoriale: se V `e uno spazio vettoriale sul campo K, allora l’insieme delle applicazioni lineari V V `e un anello (l’anello degli endomorfismi di V ) rispetto alle operazioni di somma e di composizione, i cui elementi invertibili (le applicazioni lineari invertibili) costituiscono un gruppo, che non `e commutativo se dim K V 2 e che si denota con GL(V ) (vedi sezione 1.4).

Gruppo simmetrico. Esempi fondamentali di gruppi non commutativi sono poi i gruppi simmetrici. Sia X un insieme. Una permutazione di X `e un’applicazione biettiva da X in se stesso. Allora, l’insieme (Sym(X), ), l’insieme di tutte le permutazioni di X), con

l’operazione di composizione di applicazioni, `e un gruppo, detto il gruppo simmetrico su X.

Non

, n} si denota abitualmente con S n e si chiama

gruppo simmetrico sull’insieme I n = {1, 2,

gruppo simmetrico di grado n.

E facile vedere che se |X| ≥ 3 allora il gruppo sym(X) non `e abeliano (esercizio). Il

`

Gruppo finito. Un gruppo G si dice finito se tale `e la cardinalit`a dell’insieme G, infinito se la cardinalit`a dell’insieme G `e infinita.

Omomorfismi e isomorfismi. Siano G e G gruppi. Un omomorfismo (di gruppi) di G in G `e un’applicazione φ : G −→ G tale che, per ogni x, y G,

φ(xy) = φ(x)φ(y).

Proposizione 1.2. Sia φ : G −→ G un omomorfismo di gruppi. Allora φ(1 G ) = 1 G e, per ogni g G, z Z, φ(g z ) = (φ(g)) z (in particolare φ(g 1 ) = (φ(g)) 1 ).

Dimostrazione.

Sia b = φ(1 G ). Allora

b 2 = φ(1 G )φ(1 G ) = φ(1 G 1 G ) = φ(1 G ) = b,

moltiplicando a destra per b 1 si ottiene b = 1 G . Sia ora g G, allora

φ(g 1 )φ(g) = φ(g 1 g) = φ(1 G ) = 1 G

e quindi φ(g 1 ) = (φ(g)) 1 . Fatto questo, procedendo per induzione su z se z 0, e

applicando poi l’osservazione appena fatta per passare al caso z < 0, si dimostra facilmente che φ(g z ) = (φ(g)) z , per ogni z Z.

Un isomorfismo dal gruppo G nel gruppo G `e un omomorfismo biettivo di G in G .

, per ogni z ∈ Z . Un isomorfismo dal gruppo G nel gruppo G `e

5

Esempio 1.1. Sia Z il gruppo additivo dei numeri interi, n 2 e Z/nZ il gruppo additivo delle classi di congruenza modulo n; allora la riduzione modulo n, z z + nZ (z Z) `e un omomorfismo suriettivo Z Z/nZ.

Esempio 1.2. Sia P = {x R | x > 0}. Allora P `e un gruppo con l’operazione di mol- tiplicazione. L’applicazione logaritmo naturale ln : P −→ R definita da, per ogni x P , x log e (x) `e un isomorfismo del gruppo moltiplicativo (P, ·) nel gruppo additivo (R, +).

Infatti, `e biettiva e, per ogni x, y P , log e (xy) = log e (x) + log e (y). L’applicazione inversa `e

la funzione esponenziale, ed `e un isomorfismo da (R, +) in (P, ·) (naturalmente si ottiene un

isomorfismo anche considerando il logaritmo in una qualsiasi base positiva

Proposizione 1.3. Sia φ : G −→ G un isomorfismo.

Dimostrazione.

= 1 fissata).

un isomorfismo di gruppi. Allora φ 1 : G −→ G `e

Siano a, b G . Allora, poich`e φ `e un omomorfismo

φ(φ 1 (a)φ 1 (b)) = φ(φ 1 (a))φ(φ 1 (b)) = ab = φ(φ 1 (ab))

e,

poich`e φ `e iniettiva, si ha φ 1 (a)φ 1 (b) = φ 1 (ab). Quindi φ 1 `e un omomorfismo; poich`e

`e

anche biettiva, φ 1 `e un isomorfismo.

`e anche biettiva, φ − 1 `e un isomorfismo.

Un’altra propriet`a importante degli omomorfismi e isomorfismi `e che la composizione di due

di essi `e ancora un omomorfismo. La facile dimostrazione `e lasciata per esercizio.

Proposizione 1.4.

ψ φ : A −→ C `e un omomorfismo . Se φ e ψ sono isomorfismi, ψ φ `e un isomorfismo.

Gruppi isomorfi. Due gruppi G e G si dicono isomorfi se esiste un isomorfismo da G in G .

Si scrive in tal caso G G . Dalle proposizioni e osservazioni precedenti segue che G G

(mediante l’applicazione identica), se G G allora G G, e che se G G e G G

allora G G .

Due gruppi isomorfi soddisfano le stesse propriet`a algebriche, come gruppi. Tutto ci`o che, re- lativamente all’operazione, si pu`o affermare per uno dei due gruppi vale, passando attraverso

la corrispondenza biunivoca stabilita dall’isomorfismo, anche per l’altro gruppo.Informalmente,