Sei sulla pagina 1di 44

EEG

Neurone: componente elementare del Sistema Nervoso Centrale (SNC). Ne esistono circa 10 12 nel cervello umano Differenze morfologiche e dimensionali, ma caratteristiche di funzionamento simile.

Tre regioni principali:

1.Corpo cellulare (soma) contenente il nucleo 2.Dendriti (ramificazioni corte che partono dal soma) 3.Assone (prolungamento del soma)

(soma) contenente il nucleo 2.Dendriti (ramificazioni corte che partono dal soma) 3.Assone (prolungamento del soma)

EEG

L’assone è un canale di trasmissione del segnale elettrico da un neurone ad un altro Lunghezza da pochi mm a circa 1m Larghezza da 1 a 20 mm Velocità di conduzione fino a 100 m/s nelle fibre assoniche più grandi Ricoperti di una sostanza isolante (mielina), interrotta ad intervalli regolari (punti di Ranvier)

I dendriti ed il soma sono in contatto con le terminazioni degli assoni di altri neuroni che presentano rigonfiamenti detti bottoni sinaptici

Trasmissione unidirezionale: dall’assone di un neurone al dendrite od al soma di un altro. Può avere carattere eccitatorio o inibitorio Ogni neurone può avere fino ad un migliaio di contatti sinaptici e riceverne altrettanti

eccitatorio o inibitorio Ogni neurone può avere fino ad un migliaio di contatti sinaptici e riceverne

EEG

Segnali elettrici: tensioni variabili nel tempo (‘potenziali’) dovute a d.d.p. tra interno ed esterno delle cellule nervose.

Segnali in ingresso (si propagano passivamente e si attenuano velocemente, ridotti ad 1/3 dopo circa 1mm):

Potenziali recettori: trasformano uno stimolo sensoriale in un segnale elettrico Potenziali sinaptici: segnali elettrici inviati dai neuroni circostanti attraverso i contatti sinaptici. I potenziali in ingresso convergono verso una zona neuronica in cui vengono algebricamente sommati. Il risultato di tale somma può portare alla generazione, da parte del neurone, di una risposta: il potenziale d’azione. Tale risposta viene propagata attivamente lungo tutto l’assone e raggiunge le terminazioni sinaptiche dove interagisce con altri neuroni.

EEG

Rappresentazione funzionale del neurone: quattro componenti.

EEG Rappresentazione funzionale del neurone: quattro componenti.

All’interno ed all’esterno della cellula nervosa si trovano ioni positivi e ioni negativi. Spessore della membrana (insieme

di lipidi e proteine) da 8 a 10 nm.

All’interno soprattutto K +

anioni organici, all’esterno soprattutto Cl - e Na + .

In condizioni di riposo la

differenza di potenziale tra esterno

ed interno è di circa 60mV con l’interno negativo rispetto all’esterno. Diffusione passiva per gradiente di concentrazione e meccanismo attivo, pompa sodio-potassio, mantengono l’equilibrio.

e altri

EEG

passiva per gradiente di concentrazione e meccanismo attivo, pompa sodio-potassio, mantengono l’equilibrio. e altri EEG

EEG

Nella membrana esistono proteine (canali ionici) capaci di lasciare passare solo un particolare ione. I canali sodio, in condizioni di riposo, sono praticamente chiusi (bassa permeabilità della membrana). Se ‘stimolata’ la membrana può aprire i canali del sodio gli ioni Na+ entrano il potenziale interno viene perturbato passa da negativo a positivo cambia permeabilità al potassio gli ioni K+ escono il potenziale tende a ritornare alle condizioni di riposo. Tutto ciò avviene all’inizio dell’assone, poiché il corpo cellulare non ha canali sodio controllati dal potenziale.

Tutto ciò avviene all’inizio dell’assone, poiché il corpo cellulare non ha canali sodio controllati dal potenziale.

Chi fornisce la stimolo?

Tutte le connessioni sinaptiche dei dendriti causano piccole variazioni del potenziale elettrico all’interno della membrana.

Se le quantità di eccitazioni sinaptiche sono sufficienti da far sì che il potenziale interno raggiunga un valore di soglia si aprono i canali sodio si genera il potenziale d’azione.

Comportamento ON-OFF del neurone.

EEG

valore di soglia si aprono i canali sodio ‡ si genera il potenziale d’azione. Comportamento ON-OFF

EEG

Come avviene la propagazione lungo l’assone?

EEG Come avviene la propagazione lungo l’assone?

EEG

Sinapsi: Insieme di membrana pre-sinaptica (bottone sinaptico), membrana post- sinaptica (punto di contatto con il soma o i dendriti), spazio sinaptico. Può essere di due tipi: chimica o elettrica. Nei mammiferi maggioranza di chimica. Vescicole sinaptiche contenenti trasmettitore chimico per comunicazione (acetilcolina o acido gamma-ammino burritico GABA)

Vescicole sinaptiche contenenti trasmettitore chimico per comunicazione (acetilcolina o acido gamma-ammino burritico GABA)

EEG

Sinapsi attiva le vescicole liberano il loro contenuto nello spazio sinaptico il

neuro-trasmettitore si fissa su molecole recettrici su esterno membrana post-sinaptica

apertura di canale ionico.

Effetto eccitatorio:

apertura dei canali sodio

Effetto inibitorio:

apertura dei canali cloro

Depolarizzazione della membrana dendritica cambiamento di potenziale locale generazione

di corrente all’interno della cellula

se somma correnti sufficienti

generazione potenziale d’azione.

correnti sufficienti ‡ generazione potenziale d’azione. Una volta generato, l’impulso nervoso percorre tutto

Una volta generato, l’impulso nervoso percorre tutto l’assone (la velocità può essere diversa)

EEG

Il SNC, il cui componente fondamentale è il neurone, può essere suddiviso in:

midollo spinale (contenuto nella colonna vertebrale) ed encefalo (contenuto nel cranio). Encefalo:

•Tronco cerebrale o tronco encefalico(composto da midollo allungato, ponte e mesencefalo) •Cervello (composto da diencefalo e telencefalo che consta dei due emisferi cerebrali) è avvolto da tre membrane protettive (meningi) •Cervelletto

e telencefalo che consta dei due emisferi cerebrali) è avvolto da tre membrane protettive (meningi) •Cervelletto

Due emisferi cerebrali:

ciascuno controlla il lato opposto del corpo.

Sono connessi fra loro da una banda di 300 milioni di fibre nervose.

Ciascun emisfero è composto da più strati. Il più esterno, composto da un denso insieme di cellule nervose appare grigio (materia grigia), è spesso qualche mm, ed è chiamato corteccia cerebrale.

EEG

insieme di cellule nervose appare grigio (materia grigia), è spesso qualche mm, ed è chiamato corteccia
insieme di cellule nervose appare grigio (materia grigia), è spesso qualche mm, ed è chiamato corteccia

EEG

La corteccia è molto convoluta e consiste di gyri (dorsali) e sulci (solchi). I solchi più profondi sono chiamati fessure. Gli strati profondi degli emisferi consistono di assoni (materia bianca) e corpi cellulari (nuclei)

sono chiamati fessure. Gli strati profondi degli emisferi consistono di assoni (materia bianca) e corpi cellulari

EEG

La corteccia di ciascun emisfero è divisa in quattro aree (lobi):

Lobo frontale (pianificazione, processo decisionale, comportamento intenzionale) Lobo parietale (informazioni sensoriali) Lobo occipitale (in parte dedicato alla visione) Lobo temporale (udito, percezione, memoria, ecc.)

sensoriali) Lobo occipitale (in parte dedicato alla visione) Lobo temporale (udito, percezione, memoria, ecc.)

EEG

Registrazione dell’andamento temporale dei potenziali elettrici generati dall’attività cerebrale

ElettroEncefaloGramma (EEG): registrazione con elettrodi posti sullo scalpo

ElettroCorticoGramma (ECoG): registrazione con elettrodi posti sulla superficie esposta della corteccia cerebrale

Registrazione profonda: registrazione con sottili elettrodi ad ago inseriti nel tessuto neurale del cervello

Indipendentemente dal tipo di registrazione rappresentano la sovrapposizione dell’effetto di vari generatori neuronali.

Utilizzi dell’EEG:

Valutazione stato neurologico del soggetto Indicazione della profondità dell’anestesia (anello di retroazione) Alternativa a ECG in interventi chirurgici a cuore aperto

EEG

Attività elettrica continua ed oscillante: onde cerebrali. Intensità sullo scalpo: fino a 300 mV Intensità sulla corteccia: fino a qualche mV Contenuto di frequenza: 0.5 – 100 Hz

Le caratteristiche delle onde cerebrali dipendono dal grado di attività della corteccia notevole differenza tra sonno e veglia.

Andamento molto irregolare, ma in alcuni Momenti, si evidenziano particolari pattern. Alcuni stati patologici forniscono pattern particolari I normali pattern vengono classificati come:

onde alfa, beta, theta, delta.

patologici forniscono pattern particolari I normali pattern vengono classificati come: onde alfa, beta, theta, delta.

Onde ALFA

EEG

Onde ALFA EEG Frequenza: 8-13 Hz Stato di veglia, ma di riposo assoluto Più intense in

Frequenza: 8-13 Hz Stato di veglia, ma di riposo assoluto Più intense in regione occipitale, ma possono apparire in zona parietale e frontale Ampiezza: 20-200 mV Scompaiono completamente durante il sonno

ma possono apparire in zona parietale e frontale Ampiezza: 20-200 m V Scompaiono completamente durante il

Onde BETA

EEG

Onde BETA EEG Frequenza: 13-22 Hz, ma possono arrivare fino a 50 Hz con attività mentale

Frequenza: 13-22 Hz, ma possono arrivare fino a 50 Hz con attività mentale particolarmente intensa Più intense in regione parietale e frontale Ampiezza: 20-200 mV Si dividono in:

Beta I – comportamento simile alle ALFA, ma frequenza doppia Beta II – intensa attività cerebrale

Onde THETA

EEG

Onde THETA EEG Frequenza: 4-8 Hz Più intense in regione parietale e temporale dei bambini. Nell’adulto

Frequenza: 4-8 Hz Più intense in regione parietale e temporale dei bambini. Nell’adulto per stress, frustrazioni, delusioni Ampiezza: 20-200 mV

Onde DELTA

EEG

Onde DELTA EEG Frequenza: inferiore a 4 Hz Durante il sonno, nell’infanzia, per gravi disturbi organici

Frequenza: inferiore a 4 Hz Durante il sonno, nell’infanzia, per gravi disturbi organici del cervello

EEG

Attività cerebrale registrata dipende da posizione in cui l’elettrodo è posto necessità di regole standard per il posizionamento degli elettrodi. Sistema standard proposto dalla International Federation of EEG Societies, denominato 10-

20.

Utilizza precisi riferimenti anatomici. Indipendente dalle dimensioni della scatola cranica.

Ciascun elettrodo viene identificato da una sigla che ne specifica la localizzazione. Le posizioni standard vengono identificate con una lettera ed un numero Le lettere sono:

F

= frontale

T

= temporale

C

= centrale

P

= parietale

O

= occipitale

A

= orecchio

I numeri pari si riferiscono all’emisfero destro, i dispari al sinistro Z indica la linea centrale A1 ed A2 sono in corrispondenza dei lobi delle orecchie e sono usati come riferimento.

EEG

Posizionamento antero-posteriore:

partendo dal vertice si misura distanza tra nasion e inion e si calcolano le distanze come percentuale della totale

Posizionamento nel piano coronale:

Distanza tra i punti pre-auricolari destro e sinistro

come percentuale della totale Posizionamento nel piano coronale: Distanza tra i punti pre-auricolari destro e sinistro

EEG

EEG

EEG

Esistono tre tipi di connessione: unipolare, bipolare, riferita alla media.

Unipolare: un elettrodo è preso come riferimento comune per tutti gli altri. Potenziale variabile elettrodo lontano lobo di un orecchio o unione dei due La traccia assume la sigla dell’elettrodo da cui ha origine

elettrodo lontano ‡ lobo di un orecchio o unione dei due La traccia assume la sigla

EEG

Riferita alla media: tutti gli elettrodi vengono collegati tra loro con una rete resistiva. L’uscita della rete è presa come riferimento. La traccia assume la sigla dell’elettrodo da cui ha origine

resistiva. L’uscita della rete è presa come riferimento. La traccia assume la sigla dell’elettrodo da cui

EEG

Bipolare: non si usa alcun riferimento. Si utilizzano le differenze di tensione tra coppie di elettrodi. Localizzazione più precisa delle zone di attività. La traccia assume la sigla dei due elettrodi su cui viene effettuata la differenza

più precisa delle zone di attività. La traccia assume la sigla dei due elettrodi su cui

EEG

Schema a blocchi encefalografo

EEG Schema a blocchi encefalografo

EEG

Pre-amplificatore: amplificare il segnale il più vicino possibile alla sorgente serve per limitare azione di rumori esterni ulteriori. Sono già eventualmente presenti artefatti (per esempio attività muscolare del collo e del viso: f = 0.5-100Hz).

Alta impedenza di ingresso (2-10 MW) Protezione al paziente con circuito di isolamento Limitazione della banda allo stretto necessario (S/N) Guadagno complessivo molto elevato (1000 e più) Ingresso differenziale con alto CMRR Calibrazione del segnale (confronto con segnale noto) Uscita con le caratteristiche necessarie a pilotare uno strumento di registrazione.

Elettrodi utilizzati:

solitamente Ag-AgCl (buona stabilità e basso rumore:

5-50 mV)

Necessità di bassa impedenza di contatto (<5-10 kW)

EEG

Ag-AgCl (buona stabilità e basso rumore: 5-50 m V) Necessità di bassa impedenza di contatto (<5-10

Registratori a carta

EEG

Registratori a carta EEG
Registratori a carta EEG

EEG

EEG

Stati di sonno

EEG

Stati di sonno EEG

Stati patologici

EEG

Stati patologici EEG

EEG

EEG

EEG

EEG

EEG

EEG

EEG

EEG

EEG

EEG

EEG

Mappe di potenziali Importante la disposizione spaziale degli elettrodi oltre che l’andamento temporale dei segnali.

Difficile confronto visivo tra tracce di andamenti temporali.

Passaggio a rappresentazione topografica

dei segnali. Difficile confronto visivo tra tracce di andamenti temporali. Passaggio a rappresentazione topografica

EEG

Rappresentazione a linee equipotenziali

Sequenza di mappe di misure effettuate in istanti successivi forniscono una visione diretta della dinamica. Costruzione linee di livello utilizzo di algoritmi distinti in due classi: globali e locali. Algoritmi globali più onerosi, ma garanzia di interpolazioni senza punti angolosi che potrebbero aversi con quelli locali. Dimensione non infinitesima dei punti di registrazione, allargamento area attiva a causa di tessuti interposti tra sorgente ed elettrodi, integrazione spazio-temporale del sistema visivo sufficiente algoritmo locale

interposti tra sorgente ed elettrodi, integrazione spazio-temporale del sistema visivo ‡ sufficiente algoritmo locale

Rappresentazione a mappe tridimensionali.

La terza dimensione è l’ampiezza del segnale.

Informazione solo qualitativa

EEG

a mappe tridimensionali. La terza dimensione è l’ampiezza del segnale. Informazione solo qualitativa EEG

Mappe a colori o a livelli di grigio

Molto efficaci

Presentazione in sequenza (es. 3Hz) visione chiara e precisa di evoluzione spazio- temporale

EEG

Molto efficaci Presentazione in sequenza (es. 3Hz) ‡ visione chiara e precisa di evoluzione spazio- temporale

MEG

MagnetoEncefaloGrafia (MEG):

tecnica di registrazione non invasiva dei piccolissimi campi magnetici emessi dal cervello. Emissione associata alle onde alfa approssimativamente 0.1 pT a 5 cm dallo scalpo. Campo magnetico terrestre ~50 mT.

Necessità di:

•stanza schermata da pesantissimi schermi ad altissima permeabilità magnetica. •bobine di superconduttori mantenuti a circa 4 °K.

Ciò permette di indurre una corrente nelle bobine che a loro volta inducono un campo magnetico in uno speciale magnetometro:

Superconducting Quantum Interference Device (SQUID).

Sensibilità di 0.01 pT.

MEG

Tecniche particolari consentono l’eliminazione del campo magnetico di fondo (terrestre e ambientale): 10-100 nT.

Il sistema contiene 2 x 37 SQUID (canali di registrazione) che consentono

di

determinare la distribuzione spaziale della sorgente di campo magnetico

A

differenza di TAC e NMR che danno informazioni di tipo anatomico è

in

grado di fornire informazioni funzionali, come PET e fNMR, con la

stessa risoluzione spaziale, ma una superiore definizione temporale (1 ms)

Elevatissimi costo pochissime unità

Usi: soprattutto ricerca (es.: mappatura della corteccia somatosensoriale e motoria)