Sei sulla pagina 1di 2

Estratto da Pocket Manual Terapia 2014 - www.pocketmanualterapia.com Seguici su www.facebook.

com/PMTerapiabartoccioni o Twitter: Terapia Bartoccioni

1. ATTIVIT FISICA E STILE DI VITA


Lattivit fisica aerobica (camminare, nuotare, andare in bicicletta) fondamentale, non va sottovalutata ma deve essere preceduta da una valutazione clinica (Buse, Current Therapy 2005). Il bruciare calorie solo uno dei vantaggi dellattivit fisica, altri vantaggi, anche pi importanti, sono riduzione delliperglicemia, aumentata sensibilit periferica tissutale allinsulina, riduzione dei fattori di rischio cardiovascolari (< LDL e VLDL e > HDL) riduzione della pressione sanguigna, aumento della forza e flessibilit muscolare, migliore qualit di vita (Mirza, Current Therapy 2006). Sono consigliati 30 min 3-4 volte/sett raggiungendo il 70% della frequenza teorica. Camminare fa bene, ma attivit pi impegnative, come correre, vanno individualizzate perch possono aumentare le morti improvvise, provocano ipoglicemie, ipertensione, iperglicemie e chetonemia. Nei giovani va incoraggiata lattivit fisica, tra le precauzioni: controllo glicemico prima di iniziare e ogni ora in caso di attivit intensa, al termine e nei primi giorni di attivit, anche entro 12h dopo lesercizio, per il rischio di cali glicemici tardivi (Laffel, Current Therapy 2013). La riduzione dello stress importante per controllare la glicemia per questo sono utili tecniche di rilassamento, biofeedback, yoga ecc (McCall, Current Therapy 2013). Vengono sviluppati schemi per aiutare i pazienti a ridurre lo stress e modificare abitudini quotidiane (vedi schema). Con66. Diabete 850 sigliati follow up fino a 3 mesi nei pazienti sani ma a elevato rischio (Chatterton, 345: e4624;BMJ BMJ2012 2012 ) come i > 25 aa di origine del sud Chatterton 345:e4624; ). est asiatico o cinese con BMI >23 (Chatterton, 345: e4624; BMJ 2012).
Tab. 66.1.1 Agire sullo stile di vita (McCall, Current Therapy 2013)

Parlare dei propri sentimenti con persone di cui ci si fida Decidere piccoli cambiamenti, come cambiare lumore o vecchie abitudini e farlo Scrivere 10 cose buone della propria vita, pensarci e apprezzarle Fare una lista delle cose da fare nella giornata Imparare tecniche di rilassamento Impiegare 30 min/die per rilassarsi con musica, yoga, bagni, ecc Trovare il tempo per divertirsi ogni gg con nuovi interessi, films, shopping, animali domestici ecc Cercare di entrare in contatto con il proprio lato spirituale Tenere un diario per vedere gli eventi scatenanti lo stress e scoprire i modi migliori per reagire Allenarsi ogni giorno per focalizzare le proprie energie in modo positivo Mantenere il ciclo sonno/veglia pi regolare possibile Sviluppare un hobby preferito

Tab. 66.1.2

Gradi di diabete in base alla glicemia (mg/dL) (McCall, Current Therapy 2012) Test Livello > 200 mg/dL > 126 mg/dL > 200 mg/dL a 2h 6,5%

Diabete

random digiuno post carico di glucosio HbA

- Allenarsi ogni giorno per focalizzare le proprie energie in modo positivo - Mantenere il ciclo sonno/veglia pi regolare possibile - Sviluppare un hobby preferito

Tab. 66.1.2

Gradi di diabete in base alla glicemia (mg/dL) (McCall, Current Therapy 2013) Test Livello > 200 mg/dL > 126 mg/dL > 200 mg/dL a 2h 6,5% > 100 mg/dL 140-199 mg/dL a 2h 5,7-6,4%

Diabete

Prediabete (IFG) alterata glicemia a digiuno Prediabete (IGT) alterata tolleranza al glucosio Prediabete

random digiuno post carico di glucosio HbA1C digiuno post carico di glucosio HbA1C

2. DIETA E RIDUZIONE DEL PESO


essenziale per il trattamento di tutti i diabetici. Il 50% dei pazienti non la segue adeguatamente. In caso di digiuni prolungati, come durante il Ramadan, per il rischio di ipo o iper-glicemie e disidratazione, la terapia va modulata sul paziente (Bravis, BMJ 340, 3053; 2010). Lobesit determina insulino-resistenza, di fondamentale importanza la dieta associata ad attivit fisica. Una diminuzione, anche lieve, del peso pu dare un notevole miglioramento del diabete. Il 75% dei pazienti con diabete non insulino-dipendente o tipo II pu essere curato con la sola dieta. Viene stabilita a seconda dellet, sesso, attivit fisica, peso attuale ed ideale per quel paziente. Di grande aiuto sono i centri antidiabete dove il paziente viene controllato periodicamente e riceve tutte le istruzioni del caso. Raccomandazioni dietetiche: in un soggetto non obeso, di media et, saranno sufficienti 30-35 cal/Kg/die; i soggetti magri o che svolgono attivit fisica o che sono in accrescimento necessiteranno di 40-45 cal/Kg/die, mentre 25 cal/Kg/die verranno riservate ai pazienti ospedalizzati o quando si desideri un calo ponderale. (Bambini < 1 anno: 100-120 cal/Kg/die; tra 1 e 3 anni: 90-100; tra 4 e 6 anni 80-90; tra 7 e 9 anni 70-80; tra 10 e 12 anni 60-70; tra 13-14 anni 50-60; tra 16-18 anni 40-50) 1000 Kcal + 100 cal/anno di vita il fabbisogno calorico