Sei sulla pagina 1di 28

CREMASCO

Il

PICCOLO

Direttore responsabile: Sergio Cuti Societ editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474 Direzione e redazione via Tensini Crema tel e fax 0373 30795 email incomsc@gmail.com Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona Pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it Aut. del Tribunale di Crema n 165 del 31/05/2012 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it

ANNO III NUMERO 8 SABATO 1 MARZO 2014

0,02 Copia Omaggio

CREMA SI E ARRABBIATA
Renzi: ha detto no ai vetero-comunisti
IL PUNTO DI VISTA/1
A PAGINA 12

DOMENICA, STOP ALLE AUTO IN CITTA Polemici quelli del Carnevale, commercianti e cittadini

IL PUNTO DI VISTA/2

di Renato Ancorotti rancorotti@gmail.it

etto che Silvio Berlusconi stato lultimo presidente eletto dagli italiani e che c ovviamente una distanza politica tra Renzi e Forza Italia, un fatto certo: il nuovo presidente del Consiglio, essendo una persona intelligente, si sta avvicinando al modo concreto di fare politico tipico del centrodestra. Consono pi alla risoluzione dei problemi che a discussioni ideologiche. Gli unici partiti su cui possono far conto gli italiani per non fare la fine della Grecia, sono Forza Italia e Pd perch sono forze politiche pi importani del nostro Paese. Ci si chiede, a volte, se sia Berlusconi pi a sinistra o se sia Renzi pi a destra. Il fatto che lex sindaco di Firenze ha un approccio ai problemi che non n ideologico n settario, ma concreto. Questo modo di affrontare e risolvere le questioni di centrodestra? Probabilmente. Se, quindi, nel suo Dna c qualche gene di destra, non mi dispiace. Per fare un esempio, vuole ridurre di 8-10 miliardi il cuneo fiscale, il che significa, secondo la proiezione de Il Sole 24 Ore, aumentare di circa 100 euro al mese la busta paga dell85% dei lavoratori. E un modo concreto e intelligente di incrementare il salario dei dipendenti che, avendo qualche soldo in pi da spendere, consumeranno di pi e, quindi, incrementeranno la produzione delle aziende sul mercato interno. Si creer, cio, un circolo virtuoso che far bene alleconomia e alloccupazione. E lo Stato? Incrementer le sue entrate pi sui consumi che sulle tasse a imprese e lavoratori. Quindi, non solo non perder un euro, ma rischier addirittura di aumentare il gettito fiscale. E poi, al di l della distanza politica, di Renzi piace la sua capacit di dissolvere quella cappa di vetro-comunismo che finora stato il patrimonio genetico del Pd. Un Partito Democratico ancora un po troppo comunista, governato dai apparatik di sovietica memoria che hanno nel loro Dna il preconcetto ideologico e il culto della Nomenklatura. Infine: Berlusconi ai servizi sociali? Sarebbe unindecenza. Ai servizi sociali, caso mai, bisognerebbe mandare la Bindi e DAlema. Una volta tanto sarebbero costretti a lavorare.

di Federico Biondini biondini.federico@gmail.com

Tenuti in coma farmacologico

ALLARME SICUREZZA: PER STARE TRANQUILLI, ANDATE AI DIBATTITI


A PAGINA 9

ccoci approdati nel 2014, il cosiddetto anno della ripresa. Come se entrare in un nuovo anno fosse come voltare la pagina di un libro e lo schifo della pagina precedente scomparisse allo sfogliare della pagina nuova! Sono riemersi i soliti problemi, con lipotesi di elezioni come nel 2013, con una ripresa che lanno scorso era nella testa del ministro Saccomanni (per fortuna non lo vedr pi) e nel 2014 continuer ad essere nelle menzogne di chi lo sostituir. Ormai chiaro che la politica ci sta tenendo in coma farmacologico attraverso la somministrazione di tasse che ci immobilizzano. Ma come succede per lorganismo umano, o si muore, e il medico diventa quindi inutile, o si sospende la cura. Oppure visto che non siamo ancora morti e non siamo prossimi a diventarlo, si reagisce e si rifiuta la cura, specie se ci toglie il cibo e la dignit. Il 2014 sar in ogni caso lanno zero della crisi, seguito da un 2015 che preannuncia il grande flop dellExpo con Paesi che nelle aspettative dovrebbero realizzare a Milano grandi progetti edilizi, ma che ,realizzeranno poco pi del fienile di Clark Kent! Nel frattempo il Paese stato regalato a qualcuno, come stata regalata la Banca dItalia, il lavoro, e il pacchetto che comprende la dignit degli Italiani. Siamo quasi sul fondo; sta a noi decidere se e come spingerci verso lalto o lasciarci morire.
ISABELLA TUPONE, DOMENICA, AL MUSEO

a pagina 10

Verr presentato il libro di Langone: Eccellenti pittori

Sabato 1 Marzo 2014

Donna arbitro in campo con il velo islamico


A bordocampo, in qualit di tutor (come previsto dal regolamento a ogni esordio di un arbitro) c' Gian Mario Marinoni, presidente della sezione Aia (Associazione italiana arbitri) di Cremona, che ha voluto personalmente seguire questa ragazza sin da quando, nello scorso ottobre, si presentata con la madre per chiedere l'ammissione al corso. La abbiamo accolta molto volentieri - racconta l'allenatore. Insieme ad altri otto compagni ha frequentato il corso di due mesi, fatto di lezioni in aula e su campo, e ha quindi sostenuto brillantemente l'esame, come tutti gli altri, il 15 dicembre. In quel periodo i campionati erano fermi per la pausa natalizia, quindi dovuto passare un po' di tempo prima che Chahida potesse scendere in campo. Ha quindi esordito il 13 febbraio sul campo di Pizzighettone. Ho scelto di assegnarle una gara speciale, con due club esempi di disciplina e integrazione ha sottolineato l'allenatore, che per permetterle di scendere in campo con il velo ha dovuto chiedere a Roma l'autorizzazione, ottenuta per le categorie Giovanissimi e Allievi: un precedente di cui d'ora in poi anche altre ragazze come Chahida potranno usufruire. Per 90 minuti, quindi, Marinoni stato a portata di voce della sua giovane allieva, per seguirla durante la partita e consigliarla al meglio. Il suo esordio stato morbido, perch una ragazza di 15 anni e ho voluto partire gradualmente. Ma andata bene, e mi aspetto da lei costanti miglioramenti. La sezione cremonese dellAia raccoglie circa 90 ragazzi e 7 ragazze (molto toste, come sottolinea lo stesso presidente), di cui 4 arbitrano nella categoria massima della provincia, la II Divisione. Il fatto di essere donne non affatto un problema, anzi. Mi rimasto impresso l'episodio di un arbitraggio da parte una ragazza di origini rumene, una di quelle che lavorano nella massima categoria provinciale. Ricordo quando, durante una partita, ammon un giocatore per un brutto fallo su un avversario - racconta. Questo, arrabbiato per il cartellino giallo, si diresse verso di lei, probabilmente per protestare. Poi lo vidi allontanarsi senza aprire bocca. A fine partita le chiesi cosa gli aveva detto per farlo andare via cos, e lei mi rispose: L'ho guardato negli occhi. Perch le donne arbitro, secondo Marinoni, garantiscono pi rispetto, credibilit, meno contestazioni: a volte basta unocchiataccia.

Intervista esclusiva a Chahida Sekkafi,15enne italiana figlia di genitori marocchini. La storia di una ragazza che ha deciso di sfidare il pregiudizio

CREMONA
di Laura Bosio

Lallenatore: Ha sostenuto brillantemente lesame

Il mio sogno? Vorrei arbitrare gli incontri delle grandi squadre. Ma dopo le superiori mi iscriver a scienze diplomatiche

rmai nota come "l'arbitro col velo", da quando domenica 13 febbraio apparsa sul campo delloratorio San Luigi di Pizzighettone per arbitrare una partita di calcio, vestita in tenuta classica e con il velo islamico. Il suo nome Chahida Sekkafi, abita a Sesto Cremonese, ha 15 anni, italiana figlia di marocchini ed di religione islamica. Una bellissima storia di sport e integrazione, quella di Chahida, grande appassionata di sport, che ha dato un calcio al pregiudizio e alla discriminazione, portando con orgoglio il suo velo sul campo. Non stato un percorso facile, perch stato necessario richiedere speciali permessi per poter arbitrare indossando il capo tradizionale, a integrazione della divisa ufficiale dell'Aia (Associazione italiana arbitri). Ma, alla fine, la giovane riuscita a coronare il proprio sogno. Ha frequentato il corso di due mesi per diventare arbitro, ha sostenuto l'esame insieme ai suoi compagni - sette ragazzi e una ragazza e, dopo le vacanze natalizie, il 13 febbraio finalmente scesa in campo per arbitrare l'incontro di campionato della categoria Giovanissimi categoria in cui possono arbitrare i neo-arbitri - tra San Luigi e Stradivari. La sua passione per il calcio nasce da lontano: In famiglia siamo tutti appassionati di pallone, e io sono una grande tifosa juventina>>, racconta la ragazza, che abbiamo raggiunto presso il campo sportivo, dove stava facendo il suo allenamento settimanale. Inizialmente avrei voluto giocare a calcio, ma mia madre

LA MADRE Ho sempre incoraggiato i miei figli a seguire le proprie aspirazioni

Gian Mario Marinoni con Chaida Sekkafi

Ho sempre seguito i miei figli e li ho sempre sostenuti nelle loro scelte, incoraggiandoli a praticare sport racconta Souad, mamma di Chahida, a sua volta appassionata di calcio. Mia figlia voleva fare la calciatrice, ma conoscendo il suo carattere e sapendo che lei ci tiene molto al suo aspetto fisico e alla sua femminilit, le ho sconsigliato quello sport. Poi uscita questa opportunit, di frequentare la scuola di arbitro, e ho pensato che fosse un'ottima scelta per lei. Credo infatti che rispecchi perfettamente il suo modo di essere: si richiedono infatti lealt e senso di responsabilit, nel fare il giudice dei comportamenti altrui. Tutte qualit che mia figlia possiede. Souad inizialmente temeva vi fossero problemi per via del velo: il pregiudizio spesso un nemico difficile da abbattere. Invece all'Aia ha trovato solo porte aperte. E quello di Chahida potrebbe essere un esempio per altre ragazze come lei, che magari spesso rinunciano alle proprie aspirazioni per paura dei pregiudizi. momento di scendere in campo, accompagnata da una grande paura. Prima di entrare in campo l'agitazione era forte, incrementata dal fatto di vedere cos tante telecamere e giornalisti: non mi aspettavo proprio una cosa del genere. Temevo di commettere molti errori, invece andata meglio di quanto pensassi. Nessuna paura, invece, nello sfidare il pregiudizio: Da parte dei miei amici e compagni di scuola ho ricevuto tantissime parole di incoraggiamento. Purtroppo, ho anche letto in giro parecchi commenti negativi per il mio arbitrare indossando il velo, ma ho fatto finta di non vederli e ho proseguito per la mia strada. E la sua sfida al pregiudizio non poteva avere un epilogo migliore. Domenica 2 marzo Chahida arbitrer la sua terza partita, a Bonemerse. La difficolt maggiore nel fare l'arbitro nel saper essere giusti, nel saper vedere i falli ma soprattutto nel saperli motivare. E' un lavoro di fisico, ma anche di testa. Chahida ha le idee chiare e grandi aspirazioni: la carriera arbitrale le sembra un'opportunit concreta. Vorrei diventare un arbitro internazionale, e arbitrare le grandi squadre. Ma una ragazza con i piedi per terra, e non trascura di lasciare aperte altre strade. Dopo il diploma? Vorrei studiare scienze diplomatiche.

me lo ha sconsigliato, essendo uno sport troppo duro. Poi un giorno sono venuti alla mia scuola (Chahida studia al liceo linguistico Manin) quelli della sezione Aia di Cremona, perch reclutavano aspiranti nuove reclute. Quel giorno ero assente ma i miei amici, conoscendo la mia passione, mi hanno avvertito di questa opportunit. Cos insieme a mia madre siamo andate a parlare con il presidente Marinoni, e ho iniziato il mio percorso. Il corso di preparazione stato duro, ma Chahida l'ha superato brillantemente, cos come ha sostenuto senza problemi l'esame. Cos arrivato finalmente il

Ho letto commenti negativi, ma li ho ignorati

Cronaca
Una ricerca della Coldiretti/Ix sfata molti luoghi comuni. Il 50% dei 30enni vive con la paghetta dei genitori

Sabato 1 Marzo 2014

Con una laurea in economia in tasca allestero si trova sempre impiego. Qui in Italia uno schifo
di Laura Bosio zione umile? Assolutamente s, basta lavorare. Sono in molti i giovani a pensarla cos: qualsiasi cosa pur di lavorare, anche se il lavoro non corrispondesse con gli studi svolti, con le proprie aspirazioni e con le proprie competenze. C capacit di reinventarsi: Sono diplomata al liceo classico e lavoro come donna delle pulizie racconta Elisa, 21 anni -. Vorrei iscrivermi alluniversit, ma con mio padre disoccupato ora serve uno stipendio in pi in casa ed giusto che io faccia la mia parte. Appena ci riuscir riprender i miei studi: voglio laurearmi in storia. Nessuna vergogna: il bisogno viene prima. Mi reputo fortunato, anche se faccio un lavoro umile: solo il fatto di avere un lavoro oggi una fortuna incredibile racconta Sergio, 25 anni -. Sono tantissimi i miei amici e coetanei che non trovano nulla. Grande versatilit anche da parte di chi possiede un titolo di studio accademico: poco importa quanto si abbia studiato, se poi nel proprio settore non vi sono sbocchi. Sono laureata in lettere e lavoro in un call center da tre anni dice Letizia, 29 anni. Purtroppo, con la mia laurea posso fare poco. Ho provato ad entrare nelle graduatorie dellinsegnamento, ma per ora trovare un lavoro nel settore un miraggio. Per ora sono contenta cos, anche se lo stipendio non granch: sempre meglio di niente. Per qualcuno difficile tro-

I giovani e il lavoro che non c: qualsiasi cosa pur di lavorare

Poste e lamentele, se ne discute in Comune

ggi pi della met dei trentenni italiani vive con la paghetta dei genitori (51 per cento) o dei nonni e altri parenti (3 per cento). E quanto emerge dalla prima analisi Coldiretti/Ix su Crisi: i giovani italiani e il lavoro nel 2014, condotta su persone di et compresa tra i 30 ed i 34 anni, dalla quale si evidenzia che il sostegno di genitori e parenti sale al 79 per cento se si considerano tutti gli under 34. Il problema che le aspettative dei nostri giovani sono ormai decisamente pi modeste di un tempo: la crisi ha infatti portato tutti a ridimensionare le proprie ambizioni. Pare che quasi un giovane su quattro (23 per cento) accetterebbe un posto da netturbino, il 27 entrerebbe in un call center e il 36 per cento, pur di lavorare, farebbe volentieri il pony express. Flessibilit esasperata, forse anche eccessiva, se vero che, sottolinea la Col diretti, un giovane su tre pur di lavorare disposto ad accettare un orario pi pesante con lo stesso stipendio (33 per cento), ma anche, in alternativa, uno stipendio inferiore a 500 euro a parit di orario (32 per cento). Sono due anni che cerco inutilmente un posto di lavoro racconta Cecilia, 20 anni, diplomata. Ho mandato il mio curriculum ovunque, ma inutilmente. Se accetterei una occupa-

vare lavoro anche con lauree pi spendibili. Marco, ingegnere gestionale 34enne, vive con i genitori e va avanti con lavori saltuari e collaborazioni: Ho fatto il barista, ho lavorato nel data entry, in un Caf Tutti impieghi di pochi mesi perch di fisso non si trova nulla. Mi adatto, non ho scelta. Il posto fisso rimane, appunto, un miraggio: la ricerca Coldiretti evidenzia che per il 46 per cento dei giovani la stabilit rimane ancora la pi grande ambizione (anche se questo dato in calo del 7 per cento rispetto allo scorso anno). Faccio la precaria da circa 10 anni racconta Stefania, 34 anni -. Passo da un posto di lavoro allaltro, e mi ritengo gi fortunata perch finora sono sempre riuscita a trovare, anche se non sono mancati i periodi in cui ero a casa. Vorrei un po di stabilit, per potermi

sposare, per accendere un mutuo ma per ora restano solo sogni. La soddisfazione economica quasi passa in secondo piano, come testimonia lalta percentuale di chi si accontenta. Con uno stipendio di 800 euro al mese non puoi fare molto, ma ben difficile trovare di meglio, oggi spiega Elena, 24 anni, cameriera. Purtroppo o ti accontenti o lasci il posto a qualcuno che si accontenta pi di te Le file di disoccupati sono lunghissime, e questo ci rende tutti facilmente ricattabili dai datori di lavoro. Altro dato drammatico quello di chi ha perso le speranze: la ricerca evidenzia che i giovani che si sono dati alla ricerca attiva del lavoro nellultimo anno hanno presentato in media 20 curricula, ma una percentuale del 44 per cento non ha inviato alcuna domanda

di assunzione o lavoro. Non va per sottovalutata - sottolinea la Coldiretti - la presenza di una minoranza, il 14 per cento, che durante lanno ha ricevuto oltre 50 rifiuti o mancate risposte, di fronte alla richiesta di lavoro. Sono a casa da tre anni, ormai ci ho rinunciato racconta Valentina, 26 anni, che vive con i genitori. Ho mandato decine di domande, ma la risposta sempre la stessa. Ora non cerco pi: perderei solo tempo ed energie. Mando curricula quasi ogni giorno, ma la risposta sempre la stessa: no. Sono demoralizzato si lamenta Paolo, 28 anni, laureato in chimica. Quali alternative? Per molti la risposta andarsene: la maggioranza dei giovani (51 per cento), secondo la ricerca, pronta ad espatriare per motivi di lavoro, mentre il 64 per cento disponibile a cambiare citt. Il motivo principale che spinge i giovani ad emigrare - sottolinea la Coldiretti - il fatto che il 19 per cento consideri lItalia un Paese fermo in cui non si prendono mai decisioni, il 18 per cento parli di peso eccessivo delle tasse e il 17 per cento chiami in causa la mancanza di lavoro, cos come la mancanza di meritocrazia. Mi sono laureato da un anno e faccio lavoretti saltuari, ma non mi ancora capitata alcuna opportunit racconta Enzo. Credo che alla fine me ne dovr andare: con una laurea economica in tasca allestero si trova sempre lavoro. Qui in Italia uno schifo.

Dopo che, nelle scorse settimane, i cittadini avevano portato avanti lamentele in merito ad alcune criticit dei servizi postali verificatesi in diversi quartieri, ora il Comune ha deciso di prendere in mano la situazione e intervenire. Sullargomento, il 27 gennaio scorso, il Consiglio Comunale ha approvato lordine del giorno con il quale si impegna il sindaco e la Giunta a convocare lUfficio di presidenza per trattare questa problematica. Si svolger il prossimo 5 marzo, alle 17.30, nella sala dei gruppi consigliari posta al primo piano di palazzo Comunale. La convocazione stata decisa dal presidente del consiglio comunale Alessio Zanardi; sono stati invitati a partecipare i responsabili di Poste Italiane S.p.A. dellarea territoriale ed i presidenti dei Comitati di Quartiere, cos che vi sia un confronto diretto sulle criticit emerse. Auspico che in quella sede afferma Zanardi dove saranno presenti tutte le parti interessate, oltre a fare il punto della situazione, possano essere fornite ai capigruppo e naturalmente alla cittadinanza attraverso i referenti dei Comitati di Quartiere, tutte le informazioni utili per comprendere quali siano le motivazioni dei problemi e le iniziative che si intendono prendere per evitare ulteriori disguidi nel servizio che Poste Italiane fornisce. Tra le problematiche che erano emerse, numerosi episodi di forte ritardo o addirittura di mancata consegna della corrispondenza.

Don Antonio Pezzetti (Caritas): Occasione preziosa per uscire dalla schiavit del proprio egoismo e per aprirsi alla libert dellamore e del dono di s

Sabato 1 Marzo 2014

Cronaca

Il problema delle crescenti situazioni di povert sul territorio particolarmente sentito nel periodo della Quaresima: come ogni anno, la proposta della Caritas diocesana e del vescovo Dante Lafranconi, in preparazione alla Pasqua, operare una solidariet concreta. Perch nessuno resti indietro lo slogan della tradizionale iniziativa solidale a favore di particolari situazioni di disagio presenti sul territorio diocesano. La proposta di questanno si divide su tre fronti: sono differenziati, infatti, gli ambiti verso i quali poter indirizzare la propria generosit. Illustrando le motivazioni alla base di questa consueta iniziativa di carit, il vescovo di Cremona, monsignor Dante Lafranconi, ha richiamato il messaggio che Papa Francesco ha scritto proprio per la Quaresima e che guarda a Ges Cristo che si fatto povero ricorda il titolo del messaggio del Santo Padre per arricchirci con la sua povert (2 Cor 8,9). Che cos allora questa povert con cui Ges ci libera e ci rende ricchi? si domandato il Vescovo parafrasando il messaggio di papa Francesco proprio il suo modo di amarci, il suo farsi prossimo a noi come il Buon Samaritano che si avvicina a quelluomo lasciato mezzo morto sul ciglio della strada (cfr Lc 10,25ss). Da qui linvito alla Chiesa cremonese perch in occasione della Quaresima sappia farsi prossima a chi nella povert, evitando che le situazioni possano ulteriormente peggiorare. Al riguardo, monsignor Lafranconi ha anche sottolineato la differenza tra la povert e la miseria: La miseria ha spiegato rileggendo ancora il messaggio del Papa non coincide con la povert; la miseria la povert senza fiducia, senza solidariet, senza speranza. Proprio in questo senso allora trova senso lo slogan della Quaresima di carit 2014: Perch nessuno resti indietro. Vogliamo cercare di vivere con solidariet ha concluso il Vescovo facendoci prossimi a quanti vivono le di-

Quaresima di Carit: Perch nessuno resti indietro


di Giulia Sapelli

In partenza un progetto per ospitare le donne in difficolt presso la Casa di Nostra Signora. Sostegno anche al micro-credito e al Fondo famiglie

Il vescovo Dante Lafranconi

verse forme di miseria, proprio Perch nessuno resti indietro. Il direttore di Caritas Cremonese, don Antonio Pezzetti, ha ricordato ancora una volta come proprio la Quaresima, tempo per eccellenza di conversione, sia occasione preziosa per uscire dalla schiavit del proprio egoismo, per aprirsi alla libert dellamore e del dono di s, superando la chiusura dellindividualismo per una fraternit sempre pi ampia e solidale. Da qui lappello a un ulteriore sforzo, da parte di tutti, perch, attraverso uno stile di vita sobrio e con rinunce volontarie, sia possibile sostenere azioni concrete di aiuto nei confronti delle tante situazioni di fragilit presenti sul territorio, con una prossimit che pu aiutare a ritrovare fiducia e speranza anche nella difficile situazione che si sta vivendo. Tra le situazioni a cui guarda la Quaresima di carit 2014 c quello della condizione femminile pi fragile, attraverso il progetto che sta nascendo a Cremona allinterno di Casa di Nostra Signora, il palazzo di via Ettore Sacchi donato alla Diocesi dallIstituto secolare delle Oblate di Nostra Signora del Sacro Cuore. La struttura, di 3mila metri quadrati su tre piani e con giardino interno,

da sempre impiegata come luogo di accoglienza e di servizi destinati al mondo femminile, continuer a essere punto di riferimento per le donne grazie a uno specifico progetto di carattere diocesano. Per una donna, sopratutto sola, magari con uno o due bambini, ha sottolineato don Antonio Pezzetti il lavoro condizione preliminare per acquisire una certa autonomia: senza lavoro non c reddito e, dunque, nemmeno la possibilit di pagarsi laffitto. Nellabitare, poi, c lidea di una comunit di persone che rompa la solitudine, offra solidariet e, quando occorre, dia anche una mano concreta. Educare un verbo che riguarda tutti, uomini e donne, per acquisire gli atteggiamenti rispettosi, solidali e partecipi di cui ha bisogno una cultura e un contesto civile capaci di farsi carico dei pi fragili. Il progetto, ancora in fase di stesura, dovrebbe prevedere 7 mini-alloggi per semiautonomia e per ospiti di passaggio; 8 stanze a un letto con bagno; 15 stanze a due letti per unaccoglienza integrata di donne in condizione di disagio e donne che necessitano di una residenza temporanea. La nuova struttura, inoltre, vorrebbe offrire unopportunit di lavoro per 8 donne con scarse com-

petenze professionali, da avviare, nel limite del possibile, a unoccupazione esterna. Previste, inoltre, iniziative formative e culturali rivolte alla citt e al territorio su temi riguardanti la condizione femminile e la responsabilit educativa. La Quaresima di Carit 2014 guarda poi al microcredito per dare speranza a chi non ha lavoro attraverso il progetto Unora di lavoro per chi lavoro non ha. La proposta una sorta di grande contratto di solidariet ha spiegato il responsabile dellUfficio diocesano per la Pastorale sociale e del lavoro, Sante Mussetola : Come nelle fabbriche in difficolt molti posti di lavoro sono stati salvati attraverso tali contratti, cos tutti siamo invitati a devolvere unora del nostro lavoro, stabilita convenzionalmente in 10 euro, a favore di chi senza impiego. Le donazioni confluiranno nel fondo dedicato al microcredito, a favore di famiglie in difficolt a causa della perdita di lavoro o della cassa integrazione, o comunque a nuclei che incontrano difficolt relativamente alle spese di mantenimento dei figli. La proposta rivolta non solo ai lavoratori dipendenti, ma anche ai pensionati, i professionisti, le imprese e le istitu-

zioni, oltre che tutti coloro che sono sensibili al problema della disoccupazione. Il contatto con le aziende del territorio sar a cura delle parrocchie che, attraverso gli operatori pastorali, sono invitate a recapitate alle ditte il materiale informativo. In distribuzione, soprattutto al termine delle celebrazioni festive e tipicamente quaresimali, tagliandi del valore nominale di 10 euro: ogni coupon acquistato permetter di finanziare ulteriormente il fondo del microcredito. Pi si dona ha rilevato Sante Mussetola e sempre pi persone potranno superare quegli ostacoli che non permettono di vivere autonomamente e serenamente. In questi cinque anni sono stati erogati 345mila euro; sino ad ora sono stati restituiti 175mila euro. Il terzo obiettivo sul quale si focalizza la Quaresima di carit 2014 mira a dare speranza a chi vittima della crisi, facendo convergere nuove risorse al Fondo di solidariet per le famiglie colpite dalla crisi, istituito dal vescovo Dante Laranconi in occasione della Quaresima di Carit 2009 e che finora ha distribuito quasi 540mila euro. Ogni anno ha precisato loperatore del Centro dascolto di Caritas Cremonese, Alessio Antonioli le richieste sono sempre pi pressanti, segno che la crisi non si arresta: basti pensare che, se nel 2012 sono stati erogati 119mila euro a favore di 488 interventi, nel 2013 la cifra spesa salita a 185.550 euro, a fronte di oltre 800 richieste, met delle quali provenienti da cittadini italiani. A differenza del microcredito, questo canale di solidariet, gestito dalla Caritas Cremonese, a fondo perduto. Prima di accordare laiuto, gli operatori Caritas compiono una breve indagine per vagliare le reali necessit delle persone. Oltre alla richiesta di documenti che comprovino la situazione della famiglia, vengono attivati contatti con le parrocchie, le conferenze della S. Vincenzo e i servizi sociali del comune di residenza. Ricevono aiuti solo le persone che realmente hanno bisogno di una mano per uscire da una situazione di disagio.

Cronaca

Sabato 1 Marzo 2014

Primarie, passa Galimberti: Ora insieme per cambiare lamministrazione


Gianluca Galimberti, vincitore delle primarie del centrosinistra.

Pizzetti sottosegretario alle riforme


I
Punto a mettere insieme le riforme di Senato e Titolo V, lavorando su unidea di Senato Federale
di Laura Bosio l senatore cremonese Luciano Pizzetti stato nominato sottosegretario alle riforme nel Governo Renzi. Affiancher quindi Maria Elena Boschi , ministro per le riforme costituzionali e i rapporti col Parlamento. Il deputato cremonese svolgeva gi lincarico di relatore del disegno di legge Delrio nel precedente governo Letta, presso la commissione riforme del Senato. La prima indiscrezione mi arrivata durante la mattinata, quando la voce di una mia nomina ha iniziato a circolare - racconta l'interessato -. Sinceramente era qualcosa che non mi aspettavo assolutamente, tanto che ero tornato a Cremona proprio in questi giorni. Intorno alle 13 di oggi (venerd 20 febbraio, Ndr) mi giunta la conferma ufficiosa, ma solo intorno alle 16.30 mi arrivata la comunicazione ufficiale da Palazzo Chigi, in cui mi si chiedeva di essere presente a Roma alle 20.30 per il giuramento. Ora sto correndo a prendere l'aereo. Una nomina quindi inaspettata, anche se nei giorni scorsi il premier Renzi aveva gi avuto modo di apprezzare l'operato del senatore cremonese. Egli era stato infatti pochi giorni fa tra i relatori per il voto di fiducia al Senato per Renzi, ed era intervenuto proprio sul tema della riforma del Senato e del Titolo V. Probabilmente il mio intervento ha colpito particolarmente il premier, nonostan-

Notizia inaspettata per il politico cremonese, che affiancher il ministro Maria Elena Boschi

E' partita ormai in grande Le operazioni di scrutinio dei 17 seggi cittadini si sono concluse attorno alle 21,30 a palazzo Cittanova, per le primarie per il sindaco del centrosinistra. Sono stati 2327 i cremonesi che si sono recati alle urne: Gianluca Galimberti vince con il 71%, seconda Rosita Viola con il 21,67%, terzo Paolo Carletti, con il 7,24%. Ringrazio chi ha votato e gli scrutatori ha detto il candidato Galimberti Ringrazio Rosita Viola e Paolo Carletti per aver partecipato con passione e civismo a questa competizione. Ringrazio il Pd, Sel e il Psi. Ringrazio tutti quelli di Fare nuova la citt. E la mia famiglia. Questo solo linizio. Nonostante qualche attacco ricevuto e qualche sottovalutazione, abbiamo fatto oggi qualcosa di grande e di importante per la citt. Ora, insieme, cambiamo lamministrazione. Con questo stile. Di condivisione di idee, di incontro con le persone per fare delle scelte. Soddisfazione anche dal segretario provinciale Pd Matteo Piloni: Un ottimo risultato quello dellaffluenza, con tanti votanti. A Pavia sono andati a votare in 845, a Bergamo, 2764 persone. Per Cremona un ottimo risultato in termini di afflienza, la dimostrazione che le primarie andavano fatte. Sono ovviamente soddisfatto per il risultato di Gianluca Galimberti, ma ringrazio gli altri due candidati che le hanno rese possibili. Oltre ai volontari che hanno messo in piedi unottima organizzazione. Ora comincia il cammino vero.

te le mie posizioni non siano perfettamente allineate alle sue. Il primo impegno di Pizzetti quindi, in coerenza con le sue dichiarazioni, sar quello di mettere insieme le riforme di Senato e Titolo V, lavorando sull'idea di un Senato federale. Su questo mi confronter con il ministro per raggiungere una decisione. Quindi s alla riduzione dei costi della politica, tenendo come faro lefficientamento del sistema. La riforma di Camera e Senato, secondo il politico cremonese, deve mettere fine al bicameralismo italico. Il Senato dovr quindi essere La struttura portante della Repubblica federale, con funzioni co-legislative su norme costituzionali, diritti civili e rapporti con

regioni ed enti locali; con funzioni di controllo e verifica sulle nomine di alti dirigenti dellamministrazione statale. Durante il suo intervento di alcuni giorni fa, Pizzetti aveva suggerito a Renzi di riconsiderare la riforma del Senato nel contesto della riforma del titolo quinto, questultimo non da azzerare ma da migliorare nella prospettiva di una repubblica federale. Non farlo sarebbe un grave errore, guai a un riaccentramento statalista. Dal 1991 - quando Maurizio Noci, nel VII governo Andreotti, aveva ottenuto l'incarico di sottosegretario al Ministero dellAgricoltura - Cremona non aveva pi avuto una carica istitu-

zionale cos importante. Subito sono arrivate le congratulazioni del segretario provinciale Pd, Matteo Piloni: Dopo lapprezzamento per la nomina di Maurizio Martina ministro dellagricoltura, per Cremona unaltra notizia, ancor pi importante: Luciano Pizzetti nominato sottosegretario alle riforme. Una notizia inaspettata che ci riempie di orgoglio e che conferma limpegno e il lavoro di Luciano, soprattutto in questi mesi, sullimportante e fondamentale questione delle Riforme, ormai una priorit non pi rimandabile per il Paese. A Luciano vanno i miei complimenti a nome di tutte le democratiche e di tutti i democratici della Federazione di Cremona.

Servizio idrico: Rinnovato il Cda di Padania Acque Spa

Nominato il nuovo cda di Padania Acque Spa, societ partecipata dei 112 comuni della provincia, per un valore di una quarantina di milioni. I sindaci-azionisti hanno votato gioved sera allunanimit, con sole due astensioni (i comuni di Sospiro e Bordolano) i cinque nomi proposti da Massimiliano Salini e Claudio Silla, presidente di Provincia e comune di Casalmaggiore, i due maggiori azionisti. Presidente Alessandro Lanfranchi, gi consigliere delegato di Padanie

Acque gestioni, di area Pd; vicepresidente Stefano Busi, libero professionista di Casalmaggiore, indicato da Ncd. Consiglieri; Monia Cherubelli, responsabile servizio economico finanziario del comune di Gadesco; Egidio Manifesti dipendente dellUnione lombarda Soresinese; Antonio Moretti, dipendente del comune di Monte Cremasco. L'accordo raggiunto rappresenta un passo in avanti importante nell'ottica di una gestione nuova e moderna dei servizi pubbli-

ci locali - evidenziano Massimiliano Salini e Carlo Malvezzi in un comunicato congiunto targato Ncd. Si cercato di arrivare ad un accordo che non fosse incentrato su problemi di spartizione, bens sul tentativo di costruire e migliorare il servizio idrico nel nostro territorio. Il partito resta tuttavia convinto che il futuro della gestione di tutti i servizi pubblici locali, compreso il servizio idrico, debba passare attraverso l'apertura a forme nuove e pi efficienti. Non pi possibile

pensare che gli enti pubblici da soli possano assumersi l'intero onere della gestione dei servizi; necessario avviarsi con convinzione e senza resistenze ideologiche a quel giusto rapporto tra pubblico e privato, che permetta al pubblico di mantenere e rafforzare il proprio ruolo di controllore e garante della finalit di pubblica utilit del servizio, e che permetta al tempo stesso al privato di fare la propria parte e mettere a disposizione la propria professionalit ed efficienza.

Roberto Poli: Il mental coach diventato un supporto riconosciuto


Lallenatore della nazionale inglese di calcio, Roy Hodgson, in vista dei Mondiali in Brasile in programma nel prossimo giugno, ha dichiarato che serve uno psicologo alla squadra, come supporto e in particolare per vincere lo stress dei rigoristi. Visto che per lInghilterra i calci di rigore sono una bestia nera, una maledizione. L'ultimo di una serie di ko arrivato contro l'Italia ai quarti di finale di Euro 2012 e proprio gli azzurri saranno i primi rivali degli inglesi il prossimo 15 giugno, a Manaus. E allora dice Hodgson l'aspetto tecnico pare destinato a passare in secondo piano. Uno psicologo sportivo aiuterebbe i calciatori ad affrontare i momenti di massima tensione Negli ultimi anni gli sportivi professionisti si affidano sempre di pi alla psicologia dello sport. Ne parliamo con lo psichiatra cremonese Roberto Poli. Qual il rapporto tra psiche e sport, cervello e performance sportiva? Il rapporto tra cervello e attivit sportiva noto da tempo, come testimonia il motto mens sana in corpore sano. Studi recenti di neuroscienze hanno dimostrato che lattivit fisica ha una capacit neuroplastica, in altri termini favorisce la crescita dei neuroni e ha quindi effetti positivi sul piano cognitivo e sul piano dellumore. Per quanto attiene allo sport nello specifico opinione largamente condivisa che un grande campione deve possedere anche e soprattutto un forte equilibrio psico-emotivo. La differen-

Il sostegno psicologico nello sport

za, a parit di condizioni atletiche e tecniche, la fa la testa. E quali sono i compiti e gli obiettivi degli psicologi, se inseriti a fianco di una squadra o di un atleta? In Italia non ancora patrimonio comune, ma negli ultimi anni si posta molta attenzione alla parte psicologica nellallenamento sportivo. Insieme allallenatore si affiancano (da sempre) un preparatore atletico e (da poco e non sempre) un allenatore mentale. Cos il mental coach diventato un supporto ampiamente riconosciuto sia negli sport di squadra che negli sport individuali. Nei primi oltre agli interventi individuali serve anche una capacit di gestione delle dinamiche di gruppo. Nello specifico gli interventi di mental coaching sono mirati alla gestione dello stress da competizione e delle difficolt, alla trasformazione della paura in coraggio e, in generale, allo sviluppo di un atteggiamen-

to mentale vincente, che permetta di esprimere al massimo le proprie potenzialit sia durante gli allenamenti che durante le gare. Con quali tecniche e quali strumenti il mental coach pu far crescere sul piano della sicurezza un atleta? Si parte dalla voglia di vincere, e dalla paura di perdere, e dalla Nike-fobia, la paura di vincere. Sono aspetti che si sovrappongono in un caleidoscopio di emozioni, dove a volte rischia di prevalere la paura, lansia da prestazione. Che rischia di determinare dei pessimi risultati, soprattutto quando le pressioni e le aspettative esterne sono alte. Dietro questansia da prestazione si celano spesso timori inconsci legati allautostima e a paure ancestrali. Sui quali lo psicologo lavora con latleta. Ma per esempio come fare a preparare il rigorista, come far lo psicologo della nazionale inglese? Si usano tecniche di immaginazione: per allenare latleta lo si deve istruire a visualizzare il gesto atletico che deve compiere, con un processo di immaginazione ripetuto tante volte con lo stesso schema. Per un gesto atletico come il calcio di rigore che dura pochi secondi ma che ha una fortissima componente emotiva, questo allenamento mentale serve a rappresentare il gesto che poi con la massima concentrazione sar messo in atto. Se il rigore sar perfetto nella mente, il corpo lo eseguir perfettamente anche nella realt.

Sabato 1 Marzo 2014

Cronaca
Intervista al professor Paolo Manasse, docente di Economia politica: attenzione a provocare una nuova crescita del debito pubblico

Torna Lo Sbaracco week end di shopping


Botteghe del Centro e Distretto del Commercio organizzano, sabato 1 e domenica 2 marzo, Lo Sbaracco, weekend dedicato al commercio e allo shopping. Alliniziativa che chiude i saldi invernali partecipano tutte le associazioni di categoria del commercio: Confcommercio, Confesercenti ed Asvicom I negozi che aderiscono, riconoscibili dalla locandina appositamente ideata, esporranno allesterno della propria vetrina, negli spazi messi gratuitamente a disposizione dal Comune, tante merci a prezzi vantaggiosi, praticando ulteriori sconti rispetto ai prezzi, gi ribassati, dei saldi. Unoccasione veramente imperdibile per fare tanti affari, acquistando prodotti di qualit, a prezzi molto convenienti.

in breve

Il programma di Renzi: alcuni s, alcuni no


discorsi programmatici, davanti ai due rami del Parlamento, di Matteo Renzi, nuovo Presidente del Consiglio, sono ricchi di impegni importanti: dal taglio consistente del cuneo fiscale, a nuove politiche del lavoro, a un nuovo atteggiamento verso lEuropa, allintervento nei confronti della burocrazia pubblica, allimpegno a che la Pubblica amministrazione paghi i suoi debiti. Impegni importanti, a cui in molti guardano con grande interesse, ma non manca chi esprima un cauto scetticismo. Ne parliamo con Paolo Manasse, docente di Professore di macroeconomia e di politica economica all'Universit di Bologna. Professor Manasse, che ne pensa degli obiettivi fissati dal nuovo premier Matteo Renzi rispetto alla sua azione di governo? Ci sono due aspetti che mi sento di sottolineare, uno positivo e uno negativo. Rispetto al suo predecessore, che nel suo discorso di insediamento era stato molto generico sulle priorit, Renzi ha individuato quelli che dovranno essere gli interventi prioritari: l'edilizia scolastica e la riduzione del cuneo fiscale. L'aspetto negativo che sia rimasto sul vago rispetto alle forme di copertura finanziaria: un argomento su cui si sta ancora navigando a vista e non chiaro dove si troveranno le risorse necessarie. Soprattutto se valutiamo che l'idea di andare in Europa a strappare chiss quale allentamento dei vincoli di bilancio storia gi vista, senza contare che non so quanto possa essere sensato incrementare il debito di un paese gi fortemente indebitato come il nostro. Non ultimo il fatto che gli impegni messi in campo dal premier richiederebbero un dispendio di risorse economiche pari a 100 miliardi di euro, che ben difficile riuscire a reperire. Bisogna allora restringere il piano delle priorit, tenendo presente che anche solo la riduzione del cuneo fiscale dal 48% al 38% verrebbe a costare 2 miliardi ogni punto percentuale, per un totale di 20 miliardi. percorribile, secondo lei, la strada di una rinegoziazione con

In Italia non esiste una vera relazione tra andamento dei salari e andamento della produttivit

di Daniele Tamburini

Interventi alla piscina per danni da pioggia


Diversi sono i danni provocati alle strutture sportive cittadine dalle forti piogge delle scorse settimane. Una situazione che rende necessario un intervento urgente di ripristino. Il Comune ha quindi stanziato, in via straordinaria, 10.370 euro, che andranno a ripristinare la situazione della Piscina comunale, della palestra di Sanfelice e della palestra Spettacolo. Per quanto riguarda la piscina, c una grossa infiltrazione nella copertura dellandrone di ingresso. Lintervento previsto riguarda la sistemazione dellaguaina della copertura e il rifacimento di due pozzetti e di un tratto di fognatura, in quanto se piove molto si formano grosse pozzanghere che non consentono lingresso alla piscina si legge nella determina dirigenziale. Alla palestra di Sanfelice le infiltrazioni di pioggia hanno messo fuori uso limpianto elettrico, e un problema simile si verificato alla palestra Spettacolo, dove lacqua ha provocato un corto circuito, mettendo fuori uso linterruttore generale della palestra.

Il professor Paolo Manasse

lEuropa dei vincoli di spesa? Come gi detto, storia vecchia; tutti ci hanno provato, compreso Monti, che comunque godeva di una certa credibilit in Europa. Eppure nemmeno lui ci riuscito. La mia impressione che non vi siano grandi speranze, in questo senso. Ma soprattutto credo che per il nostro Paese non sia conveniente, in quanto il debito italiano va ridotto, non incrementato ulteriormente. Altrimenti finiremmo per pagare un tasso di interesse non pi sostenibile, in quanto il debito andrebbe fuori controllo. A conti fatti, diventerebbe una perdita invece che un guadagno. E' vero che il lavoro viene tassato maggiormente rispetto al capitale, ma questo accade perch il capitale pi mobile e quindi pi difficilmente tassabile. Diventerebbe quindi rischioso toccare la tassazione dei tutoli pubblici. Landamento dei pagamenti della P.A. alle imprese dipende, per larga parte, dai vincoli posti dal Patto di stabilit. possibile agire su questo versante? Si tratta di una questione che va analizzata con attenzione. Utilizzare la Cassa Depositi e prestiti per garantire i crediti delle imprese verso la pubblica amministrazione, in modo da farsi anticipare tali crediti dalle banche sarebbe anche fattibile, ma rischierebbe di diventare una sorta di conflitto di interessi, in quanto comunque un'organismo pubblico, quindi sarebbe lo Stato stesso a garantire i propri debiti. Senza

contare che chi ha dei depositi postali potrebbe avere qualche perplessit per il fatto che i propri soldi finanzierebbero il debito pubblico. Qual la sua opinione sul complesso di proposte in merito alle politiche del lavoro ed alla riduzione a due cifre del cuneo fiscale? Faccio una piccola premessa. Come ho scritto in un articolo che sto per pubblicare, le riforme del mercato del lavoro, dagli anni '90 a oggi, hanno tutte guardato alla flessibilit, che sicuramente un problema importante, ma non il principale. Il vero problema del lavoro che in Italia non esiste una vera relazione tra andamento dei salari e andamento della produttivit. In Italia accade, purtroppo, il contrario: i salari crescono maggiormente dove la produttivit inferiore, in settori "protetti". Questo sistema ha per l'effetto di ridurre la produttivit del Paese. E qui entra in gioco la contrattazione collettiva: in Italia la percentuale di lavoratori i cui contratti sono coperti da qualche forma di contratto collettivo rimane tra quelle pi elevate tra i paesi occidentali, e questo nonostante la quota di lavoratori sindacalizzati sia decisamente inferiore. Questo avviene perch i contratti collettivi vengono spesso applicati anche ai lavoratori non iscritti ai sindacati. Inoltre, la durata media dei contratti collettivi nominalmente di tre anni ma la durata effettiva di fatto estesa da sistematici ritardi nei rinnovi contrattuali. Tale aspetto contribuisce probabilmente a frenare ulteriormente la trasmissione della produttivit ai salari. Diversa-

mente, in Germania la contrattazione collettiva settoriale avviene a livello di Lander, e ci contribuisce a rendere il salario pi corrispondente alla produttivit specifica dimpresa. Il progetto di riforma di Renzi, invece, come da tradizione guarda alla flessibilit, cercando di tutelare il lavoratore; ma se non si fa crescere la produttivit, non cresceranno neppure i posti di lavoro. Il premier Renzi ha impostato lazione del suo governo quasi che si trattasse di unultima spiaggia, con una parola dordine: fare in fretta. Secondo lei, si tratta di un utile stimolo, o potrebbe diventare un boomerang? Sicuramente sarebbe stato meglio se avesse espresso il proprio governo attraverso il voto, piuttosto che in questo modo. Se avesse vinto le elezioni avrebbe avuto una maggioranza solida, invece ora si trova costretto a dover negoziare con tutti i piccoli partiti. La fretta, dunque, non giocherebbe certo a suo favore. Se per, sull'onda dell'entusiasmo, lui riuscisse a ricondurre a pi miti consigli questi piccoli partiti della sua maggioranza, magari minacciando un accordo con Berlusconi sulla riforma elettorale, particolarmente sfavorevole a questi piccoli gruppi, forse riuscirebbe ad uscire dall'abbraccio soffocante di una coalizione che gi ha affossato Letta. Se invece non riuscisse ad uscirne, si ritrover presto nella stessa situazione del suo predecessore, e l'azione del governo ne verrebbe rallentata.

Quartiere Po, tagliati altri sei alberi


Il quartiere Po dice addio ad altri sei alberi. Sono infatti iniziati i lavori di rimozione di cinque platani in viale Po ed uno in via Vecchia, in quanto affetti da cancro rosa. Dopo aver ottenuto tutte le necessarie autorizzazioni regionali, gli addetti delle serre comunali hanno potuto iniziare i lavori, che prevedono tutta una serie di messe in sicurezza per evitare la diffusione della malattia fanno sapere dagli uffici di Piazza del Comune. Un provvedimento che senza dubbio non piacer ai residenti, che gi da tempo protestano per i tagli delle piante. Tuttavia il Comune rassicura: Terminati i lavori di sradicamento, saranno messe a dimora un egual numero di sofore, proseguendo nelloperazione di ripristini dellalberatura del viale.

Bene intervenire su edilizia scolastica e cuneo fiscale

la protesta

La polizia postale verr accorpata alla Questura. Silp: Non ci stiamo


Questura, determinando un ulteriore impoverimento sul territorio della presenza di un valido e necessario servizio a favore della cittadinanza, in un settore peculiare quale quello del contrasto alla piaga sociale della pedofilia, delle truffe on line, dei reati informatici, un settore quello della polizia postale, che andrebbe invece ampliato e incrementato in vista del futuro sempre pi digitale e meno analogico. Anche il Silp-Cgil di Cremona la considera una scelta miope ed azzardata a discapito dei cittadini, della loro sicurezza informatica e degli operatori che vedono svilita la loro professionalit e motivazione lavorativa. Con la chiusura del tribunale di Crema e della polizia oostale di Cremona, la provincia cremonese vede unemorragia istituzionale grave, alla quale occorre dare una risposta forte anche dalle aggregazioni politiche che pure esistono e che insieme, anche al Silp-Cgil, possono fare la differenza come baluardo alle disgregazioni dei servizi. Siamo contrari allo stillicidio continuo di tagli lineari e chiusure di peculiari uffici di polizia, ritenendo invece opportuna lunificazione delle forze di polizia, con la immediata conseguenza di una positiva riduzione delle spese. I tagli lineari operati ai corpi di polizia ammontano, solo negli ultimi 5 anni, a pi di 4 miliardi di euro, circa il 50% in termini reali.

Protesta dei sindacati di polizia contro un piano di riorganizzazione che prevede la chiusura di numerosi uffici in tutta Italia (a Cremona laccorpamento della polizia postale allinterno della Questura). Noi non ci stiamo dice Guido Ettari, segretario del Silp Cgil di Cremona -. E un ulteriore impoverimento dopo la chiusura del tribunale di Crema. Scelta miope e azzardata. Il sindacato se la prende con la razionalizzazione dei presidi sul territorio. Per quanto riguarda Cremona entra nello specifico Ettari lascia della riduzione delle risorse caduta sulla sezione di polizia postale (ora situata presso la Posta Centrale), che verr accorpata allinterno della

Cronaca

Sabato 1 Marzo 2014

Ludmila Kushnir: Vi sono ancora alcun euroscettici, ma per molti Europa significa progresso, futuro e libert
opo i fatti degli ultimi giorni, lUcraina, con lelezione del nuovo premier, sembra sul punto di una svolta. Mentre alcuni blindati russi hanno raggiunto Sebastopoli, in Crimea, e sullex presidente Victor Janukovych pende il mandato darresto emesso dalla procura generale ucraina con laccusa di uccisioni di massa, nei giorni scorsi, a Kiev, la Rada ha votato come nuovo presidente del consiglio Arseni Iazeniuk, braccio destro di Yulia Tymoshenko, leader dellopposizione scarcerata a febbraio. Dopo i sanguinosi scontri dellultimo periodo (secondo molti una vera e propria guerra civile), il bilancio ufficiale stilato dalle autorit ammonta a oltre 90 morti e 45 feriti. E il tragico epilogo di una situazione assai complessa, della quale la contestata sospensione dellaccordo tra Ucraina e Ue da parte del governo di Janukovych rappresenta solamente lultimo tassello. Di questa situazione abbiamo parlato con Ludmila Kushnir, ucraina, originaria di Ivano-Frankovsk (citt di 220mila abitanti, capoluogo dellomonimo oblast, cio distretto) ma da 13 anni residente in Italia, a Verolanuova, dove lavora come operatrice familiare, nonostante la laurea in Economia e Commercio conseguita allUniversit di Cernovcy (succursale della sede di Kiev). Le immagini tragiche giunteci in questultimo periodo parlano di una situazione estremamente tesa. Come si arrivati a tutto questo? E un problema assai difficile da capire per chi non ucraino, perch connesso alla storia del nostro paese. Io provengo dalla citt di IvanoFrankovsk, nellUcraina occidentale, la parte del paese che per pi tempo ha risentito dellinfluenza occidentale: sino alla Prima Guerra Mondiale era parte dellImpero austroungarico, poi arrivarono i tedeschi ed infine i russi, quando venne inserita nellUnione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. Ci sono parecchie differenze tra la parte orientale e occidentale del paese? C una notevole differenza, ma non un paese semplicisticamente divisibile a met: non si tratta di una spaccatura netta, ma graduale e indefinita. Nellovest e nel nord siamo di lingua ucraina e pi indipendenti come mentalit, rispetto al settore orientale e meridionale; noi, ad esempio, siamo daccordo per lingresso del paese nellUnione Europea. Ma questo un cambiamento non ben visto nella parte orientale, di lingua russa e di mentalit pi disponibile allinfluenza della Russia nella vita del Paese. Una differenza che si sente anche sul piano culturale e religioso. Nellovest, da dove provengo io, le

La tragedia di Kiev nelle parole di unucraina


di Michele Scolari

E straziante assistere impotenti al massacro tra i propri connazionali. Non immaginavamo si potesse arrivare a tanto

to parte. LEuropa per noi significa unUcraina migliore, progressista e rivolta verso il futuro. Da voi la cultura e listruzione universitaria sono tenute in grande considerazione Da noi la maggior parte dei genitori tiene molto alla preparazione scolastica e culturale dei propri figli e c unalta percentuale di laureati in molte discipline: medicina, legge, economia, lingue, ingegneria, ecc. Il problema che i nostri titoli non sono riconosciuti allestero, un problema al quale lingresso in Europa potrebbe offrire una soluzione. Tuttavia recentemente c stato un calo di qualit a causa della mancanza di soldi pubblici per listruzione e della corruzione dilagante che impone lobbligo di mazzette, anche se il candidato perfettamente preparato. Questo ha determinato linizio di un abbassamento nella qualit degli studi e nel numero di iscritti alle Universit. La crisi poi si fatta sentire anche da noi, ed oggi anche con una laurea, magari conseguita con sacrifici economici, ugualmente difficilissimo trovare lavoro. Una situazione che, seppure in modo meno grave, vedo anche qui in Italia. Pensa che con il nuovo presidente vi sia la possibilit di una svolta radicale? I nostri governanti non vogliono andare via: anche Janukovych ha dichiarato che ancora lui il presidente. Ma le persone stanno cominciando a prendere coscienza di s, non credono pi ai parlamentari, hanno voluto un nuovo governo senza pi la presenza o anche soltanto legami con i collaboratori del vecchio presidente. C un grande desiderio di cambiare tutto il paese, anche se non sar facile per una realt che conta 45 milioni di abitanti ed ha unestensione territoriale doppia rispetto allItalia. Dopo 150 anni di dominio o influenza straniera, dovremo imparare ad andare con le nostre gambe. Ma bisogna tentare. Limportante che la Russia faccia un passo indietro, e sar senzaltro un obiettivo problematico, perch attraverso lUcraina passa lunica strada per far giungere il gas russo in Europa. Un cambiamento che, se avr successo, potr permetterle forse di rientrare in Ucraina... Spero tanto di poter tornare nel mio paese, anche non subito. Spero che il nuovo governo di Iazeniuk possa cambiare le cose, e la stessa cosa la spero per Matteo Renzi. Certo, in Italia la situazione visibilmente meno critica, in Ucraina ci sono circostanze (ad esempio la povert) che si sono accumulate per decenni. Ma comunque, anche in Italia mi sembra di vedere la stessa necessit di un ricambio generazionale che c in nel mio Paese. Sono qui da tredici anni e, tra i politici, vedo sempre gli stessi volti. Spero che Renzi possa davvero imprimere una svolta.

Zona di etnia ucraina Maggioranza di parlanti ucraini Predominanza di parlanti ucraini Maggioranza di parlanti russi Predominanza di parlanti russi Rusyn, dialetto carpato-ucraino Zona di etnia russa Predominanza delletnia russa Maggioranza di etnia russa Altre minoranze etniche Rumeni/Moldavi Ungheresi Bulgari

E vero che lest e il sud del Paese sono pi legati alla Russia, ma l i media sono parziali e non informano correttamente la gente
chiese sono tuttora in attivit e la vita religiosa assai attiva, mentre nellest il passaggio dei sovietici ha fatto terra bruciata. Rispetto a voi dellovest, la parte orientale quindi pi legata alla Russia per motivi culturali ed economici? In un certo senso s, ma occorre avere ben presente una circostanza: vero che c pi immobilismo e votano in maggioranza per il candidato pi vicino a Mosca. Ma va detto che l le persone non sono messe in condizioni di capire e di poter scegliere. Linformazione poca e guidata dalla propaganda dei media russi, non c affatto il pluralismo che c nei Paesi occidentali. Ricordo un grosso imprenditore che aveva in progetto di installare nei luoghi pubblici o nei supermercati dei teleschermi che avrebbero dovuto veicolare uninformazione pi realistica e plurale: si trov costretto a dover fuggire. Linformazione influenzata dai mezzi di comunicazione russi non spiega come stanno le cose: ancor oggi non si sa che fine abbiano fatto trecento persone che sono sparite e non hanno pi fatto ritorno a casa. Tuttavia, con i disordini, i primi morti e, successivamente, le immagini della vita che conduceva Janukovych, anche in loro qualche cosa si sta svegliando; stanno cominciando a prendere coscienza della situazione. Una situazione che sfociata nella guerra civile. Come la vivete voi da qui? Quando tre anni fa ho visto le immagini cruente dei moti di piazza nelle primavere arabe ho provato un immenso dispiacere per quelle tragedie. Ma la vista dei miei connazionali uccidersi tra loro per le strade mi ha toccato profondamente il cuore, e non nascondo di aver pianto pi volte davanti a quelle immagini: un pianto che nasceva, e nasce tuttora, dal dolore derivato anche dalla coscienza di non poter far nulla per fermare quanto sta accadendo, e dalla lontananza dal mio Paese in un momento in cui avrebbe bisogno della vicinanza di tutti i suoi cittadini. E una situazione che qualche anno fa non ci aspettavamo, anche se cerano gi tensioni gravi e pericolose. Ma il dolore addolcito dalla vista di quanto sia i miei connazionali qui, sia lOccidente, Italia compresa, stanno facendo per portare il proprio aiuto, sia dal punto di vista politico e diplomatico, che da quello pi strettamente umanitario. Molti ucraini in Italia stanno inviando a casa moltissimi soldi e prodotti, ed ho apprezzato molto la solidariet della vostra Chiesa e delle vostre Associazioni. E un aiuto di cui i miei connazionali hanno un grandissimo bisogno, anche per le necessit della vita quotidiana. Com adesso la vita quotidiana nel suo Paese? C unevoluzione in atto che difficile da capire. Nei piccoli paesi, la situazione ancora tranquilla, la vita delle persone non ha avuto grandi scossoni e cambiamenti. Nei centri pi grandi, invece, le condizioni sono di tuttaltra natura (soprattutto a Kiev, come avete potuto vedere), e, oltretutto, il quadro aggravato dallaggirarsi di banditi per i centri urbani. Un nostro deputato ha recentemente trovato i documenti di un programma che conteneva innumerevoli nomi di persone, risultate pagate come provocatori di piazza: il loro compito era di scatenare disordini, creare disservizi, danneggiare pubblici esercizi ed altre cose del genere. Da parte di molti cittadini c invece una grande attenzione alla storia ed alle imprese di Stepan Bandera: il suo volto si vede spuntare spesso sulle bandiere issate tra la folla. Per molti sta diventando un icona della protesta, ed alle sue imprese vogliono ispirarsi coloro che chiedono libert, indipendenza, fine della corruzione, possibilit di viaggiare liberamente e niente pi ingerenze russe nel Paese. Dinanzi ad una simile situazione, come vede linserimento dellUcraina in Europa? E daccordo? Assolutamente s, anche se lingresso in Ue imporr molti cambiamenti nel modo di vedere le cose della gente comune. E bene comunque che lEuropa sappia che questo passo non mosso dal desiderio di incamerare fondi, bens dalla volont di essere finalmente un paese moderno, al passo con i tempi, inserito nel flusso della politica e nella societ europea, mantenendo al contempo la propria specificit culturale. Non sappiamo ancora se lingresso avverr, ma sarebbe gi un buon inizio avvicinarci allEuropa anche senza farne subi-

Spero tanto di poter tornare un giorno nel mio Paese

C una evoluzione in atto che difficile da capire

IN BREVE
Progetto Il Poliziotto, un amico in pi, per promuovere la cultura della legalit
Il progetto realizzato in collaborazione tra Ministero dellInterno-Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Ministero dell'Istruzione dell'Universit e della Ricerca e l'Unicef. Si tratta di uniniziativa che si inserisce nell'ambito di una serie di interventi volti a favorire il concetto di "Polizia di prossimit" cio di una polizia pi' vicina al cittadino e su cui poter contare. Lo scopo del progetto, per lanno in corso, favorire lo sviluppo di una cultura della legalit e di altri valori fondamentali (uguaglianza, tolleranza, giustizia, diritti fondamentali in genere), intesi quali elementi imprescindibili su cui si basa e soprattutto deve basarsi una societ civile. La finalit far capire ai ragazzi l'importanza del rispetto delle regole considerate come essenziali per poter vivere in sicurezza e pacificamente con gli altri. Il progetto si prefigge, tra gli altri, l'obiettivo di coinvolgere e far partecipare attivamente i ragazzi in modo tale da renderli consapevolmente responsabili come piccoli cittadini, far capire l'importanza di crescere, sia individualmente sia insieme agli altri, nel rispetto dei diritti altrui, di vedere le istituzioni (famiglia, scuola), ed in particolar modo la Polizia, come un punto di riferimento, qualcosa su cui poter contare sempre e a cui poter affidare la propria sicurezza. Il concorso rivolto ai bambini dell'infanzia, della scuola primaria, della scuola secondaria di primo e secondo grado (biennio). Si struttura in 3 categorie: l) Categoria opere letterarie 2 ) Categoria arti figurative e tecniche varie 3) Categoria tecniche multimediali e cinetelevisive. I lavori possono essere sviluppati sia individualmente sia in gruppo. Il concorso, che ha carattere nazionale, rivolto a tutte le scuole di Cremona e della sua Provincia. Con le singole scuole sono stati fissati degli incontri, tuttora in fase di svolgimento, durante i quali viene illustrato il progetto ed i temi che dovranno essere affrontati, dando la possibilit ai ragazzi di fare apposite domande soddisfando la loro curiosit sul lavoro delle donne e degli uomini e della Polizia di Stato.

Cremonafiere, Mondomusica approda in Europa


Internazionalizzazione la parola chiave dell'attivit di CremonaFiere; presentare le proprie Manifestazioni di settore nei bacini d'utenza considerati favorevoli e non ancora coperti al 100% uno degli obiettivi del roadshow che CremonaFiere sta per intraprendere. Dopo le presentazioni che si sono svolte recentemente negli Stati Uniti (il 2 febbraio a Chicago e il 6 a Los Angeles), sar la volta dell'Europa. Olanda e Danimarca sono stati ritenuti, dopo un attento studio dell'ufficio commerciale di CremonaFiere, fecondi bacini d'utenza in relazione alle tre importanti Manifestazioni sugli strumenti musicali organizzate da CremonaFiere: Mondomusica, Cremona Pianoforte e Mondomusica New York. A seguito di ci lo staff di CremonaFiere sar impegnato il 26 e il 27 febbraio ad Amsterdam e a Copenhaghen con presentazioni che hanno pi scopi. Rafforzare l'immagine internazionale delle fiere della musica di Cremonafiere (Mondomusica, Cremona Pianoforte, Mondomusica New York).

Sicurezza? Pi incontri nei quartieri


Sono queste le somme tirate dal sindaco di Crema dopo la riunione in prefettura a Cremona

CREMA

Sabato 1 Marzo 2014

Progetto Donna Sicura tecniche di autodifesa

ontrordine compagni? Ma neppure per sogno. Dopo due anni nei quali lallora Pdl e Lega hanno messaggi pressanti al sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, sostenendo che i cremaschi non si sentivano al sicuro, e lei rispondeva che non era assolutamente vero (appoggiata in questo da Sel, Rifondazione comunista e dai compagni bersaniani di via Bacchetta), ecco la conferma: forse, Crema una citt sicura. Gioved scorso, infatti, si riunito il Comitato provinciale per lordine e la sicurezza pubblica alla Prefettura di Cremona. Presenti il vice prefetto, Roberta Verrusio Grippa Scafati, i vertici provinciali di polizia, carabinieri, guardia di finanza, e il Comune di Crema. I documenti ufficiali dicono che lincontro stato richiesto proprio da Stefania Bonaldi, in relazione alla volont di acquisire informazioni e aggiornamenti circa la situazione della sicurezza sul territorio cremasco. Il risultato? Questo: Abbiamo chiesto e ottenuto, come segno di attenzione alla nostra realt territoriale, che si possano organizzare periodicamente dei Comitati per lOrdine e la Sicurezza Pubblica decentrati a Crema, con il coinvolgimento di tutti i sindaci del Cremasco affinch il nostro territorio possa essere

ascoltato dalle competenti autorit di pubblica sicurezza e i sindaci abbiano in presa diretta e per primi le corrette informazioni in ordine ai fenomeni criminosi, con la possibilit di vedersi illustrati dalle Forze dellOrdine, che li sanno correttamente interpretare, i dati sulla Sicurezza

nel loro complesso. In concreto, contro i malfattori, come avremo? Informazion, incontri, forse qualche dibattito. Come Comune dice la Bonaldi, ci faremo parte attiva per organizzare 3 o 4 incontri in pi quartieri della citt, dandone ampia pubblicit, al fine di raggiungere il

maggior numero di abitanti. Incredibile, ma vero. Non si parlato di uomini, pattuglie e mezzi in pi. Nonostante il continuo incremento di furti: i primi, nelle abitazioni, sono aumentati da 198 nel 2012 a 216 nel 2013 (+ 9%)., mentre c stato un picco negli ultimi due mesi dellanno.

E la Lega aveva applaudito la Bonaldi...


Con soddisfazione abbiamo appreso della richiesta, formulata dal sindaco Bonaldi al prefetto, di convocare il Comitato Provinciale per lOrdine e la Sicurezza per esaminare nello specifico la situazione della nostra citt e del circondario, soprattutto alla luce dei recenti dati sulla criminalit forniti dalla Polizia di Stato. Ringraziamo il sindaco per aver risposto nei fatti, ancor prima della calendarizzazione in consiglio comunale, alle prime due domande contenute nellinterrogazione sulla sicurezza, che riprendiamo testualmente: Ritiene i dati forniti dalla Polizia di Stato meritevoli di attenzione e tali da non essere sottovalutati? Ritiene, sempre il sindaco, di richiedere, sulla base dei dati citati, la convocazione del Comitato Provinciale per lOrdine e la Sicurezza, da svolgersi eccezionalmente a Crema, nel quale esaminare la situazione? Ancora una volta sulla questione della sicurezza le preoccupazioni e le proposte della Lega, prima sminuite e sbeffeggiate in nome del politicamente corretto (la vicenda delle ronde ne un valido esempio), sono poi prese in considerazione le prime e messe in atto le seconde. A questo punto attendiamo, a conclusione della riunione del Comitato, che il sindaco relazioni quanto prima in consiglio, dove avr modo di rispondere alle altre domande dellinterrogazione, vale a dire: ritiene di sollecitare il Consiglio Comunale ad addivenire a una decisione sul luogo in cui affrontare e discutere di sicurezza (commissione o tavolo)? Quali interventi ritiene di mettere in campo come amministrazione comunale in tempi brevi sul tema della sicurezza? In ultimo ci permettiamo di invitare il consigliere regionale Alloni, che in un recente post su Facebook aveva sminuito la portata dei dati sulla criminalit sbeffeggiando chi come la Lega ne sottolineava limportanza, a prestare maggiore attenzione prima di

Dino Losa, segretario Lega

mettersi alla tastiera magari consultandosi prima con la sua collega di partito di nome Stefania Bonaldi.

Una scuola antiaggressione per donne e ragazze. Questo il progetto Donna sicura , messo in campo dalla Polisportiva San Luigi in collaborazione con il Kick Boxing Fighter Crema. Un ciclo di sette lezioni in cui istruttori qualificati di autodifesa ed esperti maestri di arti marziali, nonch psicologi ed esperti legali, insegneranno alle donne tecniche di difesa personale. Si chiusa imarted scorso la prima edizione del Livello Base. Iscrizioni ora aperte per la Seconda edizione: dal prossimo 11 marzo 2014, per tutti i marted, dalle ore 20.00 alle ore 22.00, presso le palestre del Centro San Luigi, in via Bottesini, 4, a Crema (CR). La parte teorica prevede una parte teorica sulla psicologia dellaggressore e dellaggredito, i segnali del linguaggio del corpo; nozioni legali sulla legittima difesa. La parte pratica, invece, sar contraddistinta dalla difesa da strangolamenti, prese per i capelli, utilizzo dello spray al peperoncino. La collaborazione tra Polisportiva San Luigi Crema e Kick Boxing Fighter Crema ha reso possibile una proposta innovativa ed efficace: una vera e propria scuola di antiaggressione, aperta a tutte le donne, anche e soprattutto coloro che non hanno mai praticato sport. Questo il calendario delle lezioni: marted 14, 21 e 28 gennaio, marted 4, 11, 18 e 25 febbraio. Per informazioni: 3388169181. Il costo al Progetto Donna Sicura di 50 euro e al termine del ciclo di lezioni verr rilasciato un attestato di partecipazione. In allegato la locandina ed opuscoli del corso.

Per info e iscrizioni: Daniele 338 8169181 Dalmazio 339 1385545 Fabio 328 0516968 donnasicuracrema@gmail.com

Forza Italia su Ervin: Ha portato a termine un compitino


Conferenza stampa di Forza Italia, presenti i due consiglieri comunali Simone Beretta e Renato Ancorotti, sulla questione di Scs servizi locali e questione rifiuti. Nella prima parte della conferenza stampa, i due consiglieri di Forza Italia hanno riportato dati e cifre che il nostro giornale aveva gi trattato la settimana scorsa circa. In particolare su Gianfranco Ervin, amministratore unico della Scs servizi locali, dimessosi alcuni giorni fa dalla societ. Ervin ha fatto quello che doveva per risanare i debiti di SCS Servizi Locali, come da mandato di Scrp a guida centrodestra scritto nel documento di Forza Italia. Debiti generati dalla scissione tra il core business dallalto valore aggiunto e il side business dal basso sastrata e ha perseguito il suo mandato con determinazione quando Ervin ha semplicemente portato a buon fine un compitino dettato dal precedente Consiglio di amministrazione di Scrp guidato dal centrodestra e gi avviato dal precedente presidente di SCS Servizi Locali, l'architetto Ercole Barbati. Ma non si trattato solo di questo: Qualcosa di nuovo sotto il sole c. Ci riferiamo alla denuncia del sindaco circa le preoccupazioni in merito ad un ipotetico conflitto dinteressi fra il ruolo centrale di committenza-stazione appaltante di SCRP e la circostanza che il suo direttore. Il vero nodo non il direttore di SCRP, semmai unaggra-

Giorgio Ervin

Simone Beretta

Renato Ancorotti

Scrp-Lgh: quel conflitto dinteressi da chiarire bene

valore aggiunto, dellallora SCS Gestioni, guidata dagli uomini del PD, per poter entrare in LGH alla quale venne conferito il solo core business. Una storia che il sindaco di Crema finge di non conoscere.

E su questo tema, ecco la critica: La Bonaldi con le sue stereotipate semplificazioni sulle partecipate insiste ad ignorare la realt dei fatti. Non possiamo accettare che il sindaco dichiari che Ervin ha preso in mano una societ di-

vante. Il nodo se i comuni potevano chiedere a SCRP di fare da stazione appaltante. Come pu SCRP fungere da stazione appaltante per una gara alla quale parteciper certamente una societ detenuta al 100% da LGH, a sua volta posseduta dal Comune di Crema e da SCRP?. La questione finale: A questo punto chiederemo ufficialmente limmediata convocazione della Commissione di Garanzia. Non basta pi una maggioranza solidale o pareri legali di parte per coprire scelte inopportune e sbagliate. Sulle partecipate ha solo venduto fumo cos che per ritrovare il bandolo della matassa si dovuta affidare ad avvocati e consulenti.

Comune: ancora consulenti Ma quando sar finita?


Dopo avere assunto un fundraiser, lo scorso anno, con lo scopo di scovare possibili finanziamenti dai bandi, questa amministrazione ora ha aperto una gara, tra due ditte specializzate sempre in fundraiser, per occuparsi della ricerca di fondi aggiuntivi e per un costo annuale a carico del comune di 1.200 euro. Altri soldi nel capitolo della spesa. Mza non bastava il fundraiser assunto a tempo pieno per verificare i bandi emessi da Ue, foberno, ministeri, regioni, province, comuni, fondazioni bancarie e private? Difficile districarsi in queste scelte, comunque sempre costose. Facile lironia di Simone Beretta: Prima, poveri in canna, prendono lesperto che deve scovare tutti i bandi possibili sulla faccia della terra per tentare di realizzare qualche operetta. Adesso invece hanno preso una societ che supporta questo esperto. A breve, molto probabilmente, ci sar unaltra societ che aiuter la societ che sta gi aiutando lesperto. Ecco che cosa ha imparato la Bonaldi da Strada. Cos si creano anche in comune le scatole cinesi di partecipate memoria.

Le ricerche sono rivolte a candidati delluno e dellaltro sesso (L:903/77 e L. 125/91) Trattamento dati personali secondo D.Lgs. 196/2003 visionabile sul sito www.maxwork.it Aut. Min. Prot. N 1239 - SG del 22/12/2004 Maxwork S.p.A. - Agenzia per il lavoro Sede Legale via DellEsquilino, 38 00185 Roma Sede Amministrativa e Direzione Generale - Largo Porta Nuova, 14 - 24122 Bergamo

PIEGATORE/PUNZONATORE PER CARPENTERIA METALLICA. RICHIESTA LA PREGRESSA ESPERIENZA SU MACCHINE CNC. SEDE DI LAVORO: VICINANZE CREMA. STAMPATORE FLESSOGRAFICO CON ESPERIENZA PER AZIENDA DEL LODIGIANO OPERANTE NEL SETTORE GOMMAPLASTICA. SEDE DI LAVORO: VICINANZE LODI.

OPERAIO ESTRUSIONISTA CON ESPERIENZA SETTORE GOMMA-PLSTICA. SEDE DI LAVORO: VICINANZE LODI. PERSONALE ISCRITTO ALLE LISTE REGIONALI DI MOBILITA (L. 223/91). NEODIPLOMATI PERITI CHIMICI PER ATTIVITA DI LABORATORIO E CONTROLLO QUALITA PRESSO AZIENDA COSMETICA DEL CREMASCO.

MAXWORK S.P.A. - FILIALE DI CREMA Via Lago Gerundo, 18/3 - 26013 Crema (CR) Tel. 0373 200471 - Fax. 0373 203449 mail: maxddlcrema@maxwork.it www.maxwork.it

10

Sabato 1 Marzo 2014

Crema

I Mondi di Carta presenta il volume Eccellenti Pittori


Nellambito delliniziativa I Mondi di Carta, Domenica 2 marzo, alle ore 17.30, in sala Cremonesi al Museo Civico di Crema, Camillo Langone, giornalista, presenta il suo ultimo libro Eccellenti Pittori, edito da Marsilio. La presentazione del volume avverr attraverso un dialogo con Isabella Tupone, gallerista milanese attiva nella promozione della giovane arte italiana. Lautore, che collabora da anni con i quotidiani Il Foglio ed Il Giornale, scrivendo di letteratura, enogastronomia, architettura e naturalmente arte contemporanea, si propone attraverso questo testo di stilare un vero e proprio diario della pittura italiana vivente, come dichiara il sottotitolo al volume Eccellenti pittori. Affermando sin dallincipit il proprio interesse per la pittura in senso stretto, fatta eccezione per qualche scultura, Langone esplora il panorama della pittura italiana attiva, vitale, corredando la sua panoramica di immagini degli artisti ritratti nei loro studi e nelle loro case, associando cos un volto concreto e vivo alle opere di cui tratta. Come fece il Vasari nel suo trattato Le vite de' pi eccellenti pittori, scultori e architettori, pi comunemente detto Le Vite, Langone parte dalle biografie degli artisti per arrivare a comprenderne e illustrarne il lavoro, in una lettura che risulta chiara, comprensibile e completa. Lautore sottolinea quindi la vitalit della pittura italiana, in continuo fermento, indicando una lista di artisti da seguire, ammirare e su cui investire.
Isabella Tupone

Intervista allassessore Morena Saltini: ecco come si sta sviluppando il progetto


Gionata Agisti ranno il software in questione e, dal settembre 2013, il nostro Sportello stato accreditato presso il ministero della Sviluppo Economico ed quindi divenuto autonomo e operativo. In questa fase di rodaggio, in atto liter per la formalizzazione, allinterno della struttura del Comune, dellelaborazione del Regolamento interno per la gestione dello Sportello, nonch lorganizzazione dei conseguenti interventi di carattere organizzativo, compreso linserimento nel sito web delle necessarie informazioni per i fruitori interessati al nuovo servizio. Allo stesso tempo, sono in corso proprio in questi giorni contatti tra i Comuni che hanno aderito al progetto e Consorzio.it - la societ incaricata di individuare il software migliore -, per definire i diritti di segreteria. Il Suap del Comune di Crema si costituito infatti in forma singola, ovvero opera solo ed esclusivamente per pratiche di interesse proprio, sia verso linterno sia lesterno. comunque interesse di questa amministrazione comunale - e il mio assessorato ne sar esecutore - valutare la possibilit di dare risposta alle richieste, presentate da alcuni Comuni di prima fascia, di aderire allo sportello di Crema, per creare appunto le condizioni di un Suap associato. Se, da un lato, la nuova piattaforma tecnologica consente questo percorso, dallaltro, la definizione di un ambito a cui far riferimento per il Suap associato richiede alcune riflessioni, non solo da parte della Giunta ma anche del Consiglio comunale, trattandosi di scelte che passano obbligatoriamente attraverso atti di convenzionamento fra enti locali diversi. Dove si trova l'ufficio? Per ora presso lUfficio Commercio, per poi dividersi in due uffici: il Suap, presso le attivit produttive e lo Sportello unico per ledilizia presso lEdilizia Privata. L'imprenditore che si approccia allo Sportello dovr portare con s qualche tipo di documentazione? La vera novit che il cittadino, grazie alla piattaforma digitale, non dovr recarsi prima in Comune e poi allAsl, ad esempio, per chiedere in entrambe le sedi cosa occorre ma baster che si rivolga al Suap per avere tutte le informazioni in merito. Il servizio svolger, infatti, una preistruttoria: una simulazione della pratica. Questo agevoler il cittadino, che capir nello specifico cosa occorre, cosa succeder dopo la sua richiesta e in che tempi. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito: www.portaletelematico.it.

Sportello per le imprese?


Morena Saltini

PalazzoPignano

Tentato furto, scappano con lauto rubata


A Palazzo Pignano, in via Enrico De Nicola, un operaio stato svegliato dallallarme e ha segnalato al 112 il tentato furto alla villa del fratello all'estero. I ladri, che sono subito scappati, avevano tentato di forzare una finestra. I carabinieri di Bagnolo hanno intercettato sulla Paullese unautovettura Audi A6 con quattro sconosciuti a bordo che, alla vista dei militari, dopo un breve inseguimento conclusosi a Barbuzzera, abbandonavano il mezzo scappando campi. L autovettura recuperata, risultata il provento del furto in villa denunciato il 19 febbraio 2014 ai carabinieri di Casalmalocco da un funzionario di una multinazionale. Al quale, i ladri avevano rubato, oltre la macchina, anche il televisore, telefoni cellulari, chiavi della villa con il telecomando per il cancello carraio e la serranda del box, chiave dell'autovettura della moglie, chiavi dell'abitazione di parenti, portafogli con documenti e carte di credito.

da tempo, ormai, che gli imprenditori cremaschi chiedono lattivazione di uno Sportello unico per le imprese che funzioni in piena regola. Lattuale amministrazione Bonaldi si impegnata nella sua realizzazione ma a che punto siamo con il crono programma? Abbiamo chiesto chiarimenti allassessore allo Sviluppo economico, Morena Saltini. Assessore, quanto stato gi attuato? Dal 1 agosto 2011, il Comune di Crema ha ufficialmente iniziato a espletare le funzioni di Sportello Unico per le attivit produttive ma, fino al settembre dellanno scorso, i compiti previsti in carico al Suap erano limitati alla trattazione delle pratiche Scia - Segnalazione Certificata di Inizio Attivit -: la dichiarazione che consente alle imprese di iniziare, modificare o cessare unattivit produttiva, senza dover pi attendere i tempi e lesecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti. L'aspetto qualificante dello Sportello Unico per le Imprese consiste, per, nella semplificazione del rapporto tra pubblica amministrazione e impresa, in modo che lo sportello venga a

configurarsi come unico interlocutore di questultima, per tutto quel complesso di atti amministrativi che la riguardano. Pertanto, levoluzione della prima fase sperimentale deve ora dar corso a un servizio di Sportello, per cos dire, evoluto. Che cosa manca ancora ed entro quanto tempo contate di portare a termine il servizio? Con ladozione della nuova piattaforma digitale, nei mesi di giugno e luglio 2013, si sono tenuti i corsi di formazione per i dipendenti del Comune e degli altri Comuni, che utilizze-

Rinnova Bagnolo: troppe tasse


Nel fine settimana il gruppo consigliare Rinnova Bagnolo presenter due mozioni per aumentare la trasparenza amministrativa Chiederemo che il consiglio comunale aderisca alliniziativa di un folto numero di giornalisti, docenti universitari e politici per il diritto di accesso alle informazioni della pubblica amministrazione ci riferiscono i consiglieri Carlo Peretti, Alessandro Bombelli e Luca Zuccotti. La legislazione italiana ancora carente. Dobbiamo partire anche dalle esperienze di piccole amministrazioni per cambiare le regole. Il gruppo di minoranza si riferisce alliniziativa pubblicata sul sito web www.foia.it, dove da tempo si sta lavorando per consentire un libero e completo accesso agli atti della pubblica amministrazione, cos come avviene nei paese anglosassoni. Oltre alladesione a questa iniziativa legislativa, proporremo anche un miglioramento della trasparenza del Comune. Tanto si pu fare partendo semplicemente dal sito web. Proseguono i consiglieri Chiederemo di dedicare una sezione alle delibere consigliari, di giunta ed alle determine, che permetta di accedere almeno agli ulti-

Carlo Peretti, Luca Zuccotti e Alessandro Bombelli

mi anni di amministrazione e, soprattutto, consenta la pubblicazione degli ultimi bilanci preventivi e consuntivi dellamministrazione in modo analitico. Il gruppo di minoranza Rinnova Bagnolo tiene molto alla trasparenza. Negli ultimi anni abbiamo chiesto pi volte al sindaco Aiolfi di aumentare partecipazione e trasparenza sottolinea Bombelli, soprattutto richiedendo che le assemblee pubbliche avessero lobiettivo di illustrare anche i programmi dellamministrazione, coinvolgendo i cittadini; invece lattuale amministrazione si solo concentrata sulla presentazione di quanto fatto. Il gruppo rileva come le assemblee pubbliche siano state veramente poche rispetto a quanto scritto nel programma elettora-

le di Progetto Bagnolo, la lista che port allelezione dellavvocato Aiolfi. Infine Carlo Peretti chiude con una sottolineatura: Addirittura nellultima assemblea pubblica del 10 gennaio, il sindaco ha pubblicizzato quanto fatto in occasione della scadenza della Mini IMU, che non stata richiesta ai cittadini bagnolesi. Peccato che lamministrazione negli ultimi due anni abbia aumentato le imposte per un valore pari ad almeno 10 volte quello della mini IMU. In vista delle prossime elezioni di primavera, il gruppo sta lavorando al nuovo programma e riferisce di aver coinvolto un elevato numero di cittadini, giovani e meno giovani, che si presenteranno alla cittadinanza nelle prossime settimane.

Ordine dei Dottori Commercialisti:100 professionisti per il seminario: LIva nelle operazioni con lestero
Si tenuto nella Sala dei Ricevimenti del Comune di Crema, il primo appuntamento del calendario 2014 per la formazione continua obbligatoria riservata ai commercialisti e ai loro collaboratori. Tema dellincontro, che ha visto la presenza di 100 professionisti, lIva nelle operazioni con lestero. In programma numerosi punti: il presupposto territoriale nellapplicazione dellIva, acquisti e cessioni intracomunitarie, esportazioni ed importazioni e procedure e tempistiche per la fatturazione. Levento ha incontrato linteresse dei professionisti cremaschi chiamati ad assistere sempre pi aziende che decidono di affrontare la crisi affacciandosi al mercato estero. Il corso, gratuito, rientra nella attivit di formazione continua obbligatoria che lOrdine dei Commercialisti di Crema promuove per gli associati.

Crema

Sabato 1 Marzo 2014

11

I sindacati smentiscono Chromavis


di Gionata Agisti a settimana scorsa, presi alla sprovvista dalla notizia diffusa dal quotidiano La Provincia, e spifferata dai sindacati, in merito ai 118 interinali lasciati a casa, a partire dal 3 marzo, i dirigenti della Chromavis, importante azienda di cosmesi del territorio, hanno convocato una conferenza stampa, per precisare che gli interinali erano stati richiesti esclusivamente per far fronte picchi produttivi di un committente, che si sarebbe conclusi proprio agli inizi di questo mese. In poche parole: tutti sapevano tutto, sindacati e lavoratori. Se non fosse, per, che, quanto dichiarato dai vertici aziendali, solleva qualche dubbio: secondo Diego Volpi, della Cisl, il picco produttivo previsto non avrebbe dovuto esaurirsi a marzo ma durare un anno: dalla met del 2013 alla met del 2014. Per di pi, seppur non danneggiati come gli interinali, anche i circa 200 dipendenti dello stabilimento di Chieve gli altri due si trovano a Vaiano e a Crema - hanno visto ridursi i turni di lavoro: da un ciclo continuo di 21 turni 7 giorni su 7 e 24 ore su 24 -, la Chromavis ha deciso di tornare a 15 turni, dopo solo due mesi, il che significa solo 5 giorni di lavoro alla settimana. Lazienda ci ha comunicato una sua difficolt, rispetto a quanto programmato in precedenza spiega VolDiego Volpi (Cisl) Maeco Arcari (Cgil)

E venuta improvvisamente meno unimportante commessa. Ma lazienda sana, assicurano

7-8 MARZO

40 Years of Endoscopy in Gastroenterology in Crema


Nelle giornate di 7 e 8 marzo si celebreranno i 40 anni di attivit di endoscopia digestiva nellospedale di Crema. Per festeggiare questa ricorrenza stato organizzato levento scientifico basato sullincontro-dibattito tra specialisti dellUnit operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dellazienda ospedaliera di Crema, alcuni tra i maggiori esperti italiani in Endoscopia Digestiva e gli specialisti che hanno effettuato lo stage di perfezionamento presso la stessa Unit Operativa, provenienti da Argentina, India, Inghilterra, Italia, Libia, Lituania, Romania, Russia, Sudan, Turchia, Ucraina, Uganda.

pi. Siamo un po preoccupati, perch, improvvisamente, siamo passati da una prospettiva ottimistica a questo arretramento. Difficile giustificare questa decisione dellazienda se non con una commessa venuta a mancare. A questo proposito, si era parlato di un grosso ordinativo, da parte di una nota e importante azienda, pari a 5 milioni di euro. Notizia smentita in conferenza stampa dalla stessa Chromavis e sulla quale anche Volpi preferisce non esporsi troppo. Tutti ci auguriamo che la Chromavis possa riprendere i ritmi precedenti continua il sindacalista. Del resto, abbiamo rivolto una domanda precisa alla propriet e questultima ci ha rassicurato, sottolineando che si tratta di una situazione contingente. Saremmo

stati pi preoccupati se ci fosse stata nellaria lipotesi di cassa integrazione per i dipendenti, perch, per quanto riguarda gli interinali, frequente il loro impiego in periodi di tempo limitati. Certo che lasciarne a casa un centinaio, diventa un fatto singolare. Un altro interrogativo rappresentato dal fatto che la Chromavis ha annunciato lobiettivo di aumentare il proprio fatturato, per lanno corrente, del 10%; ma come possibile con 118 lavoratori in meno? Beh, questo traguardo non compromesso dai 118 interinali in meno, proprio perch lazienda possiede tre stabilimenti, in cui lavora ad altrettanti tipi diversi di produzione. Oltre a questo, la Chromavis si avvale anche della collaborazione di altre aziende che lavorano

per lei, il cosiddetto indotto. Riguardo alle motivazioni che hanno indotto la Chromavis a fare marcia indietro, Marco Arcari, della Cgil, pi esplicito del collega Volpi e non teme di smentire i vertici dellazienda, dichiarando che, nella riunione con i sindacati, sono stati proprio loro a giustificare il taglio degli interinali con il venir meno di una grossa commessa. Anche perch, diversamente commenta lo stesso Arcari, sarebbe paradossale essere partiti il 7 gennaio con il ciclo continuo, per poi, dopo soli due mesi, fare marcia indietro. Il fatto che ai lavoratori interinali possa non essere rinnovato il contratto , ahim, la prassi prevista dalla normativa vigente La domanda da porsi : perch non viene rinnovato a nessuno dei 118? si chiede Arcari. Che risponde: La causa non pu che essere il venir meno di un certo livello di produzione che, in un primo momento, aveva spinto lazienda ad adottare il ciclo continuo. Inviterei, per, a non generare equivoci: lazienda non affatto in crisi, in salute e non siamo preoccupati per i 500 dipendenti dei tre stabilimenti. La commessa che venuta meno comportava un lavoro di un mese e mezzo, due al massimo. Nel frattempo, la Chromavis ha altre commesse da soddisfare. Purtroppo, chi, come questa azienda, lavora per conto terzi soggetta a imprevisti di questo genere.

Lhospice del Kennedy passato da 8 a 14 posti letto


LHospice della fondazione Benefattori Cremaschi si ampliato. E passato da 8 a 14 posti letto totali, grazie a importanti finanziamenti di privati. A presentare la nuova ala dellhospice (realizzata al piano terra della struttura di via Kennedy, proprio vicino allingresso, che sar inglobato una volta terminati i lavori, il presidente della Fondazione, Walter Donzelli, con il vicepresidente Franco Conz, il direttore generale Foina e il direttore sanitario Diego Dolci. Grazie a questi lavori ha esordito Donzelli, costati 500mila euro, possiamo offrire un nuovo servizio migliorato ai pazienti. Unoperazione, ha specificato il presidente della benefattori Cremaschi, resa possibile anche grazie ai benefattori che hanno finanziato larredo delle singole camere, che si aggira intorno alle 5mila euro a camera. Ad offrire larredo Giovanna e Giulia Duse, il Lions Club Crema Host, Alberto Doldi in ricordo di Amalia e Gabriele Cattaneo, gli amici di Davide Cecoro, Orsola Fornaroli in ricordo della sorella Maria Teresa e i collaboratori della Ancorotti Cosmetics in ricordo di Enrica Tarenzi Ancorotti. Per loccasione sono stata scoperte anche tre lapidi dedicate ai benefattori della Fondazione, che in questi anni hanno fornito un consistente aiuto economico al bilancio del Kennedy. Si tratta della Banca Cremasca con i suoi prestiti agevolati, di Ernesto Patrini che ha donato alla Fondazione 900mila euro e di Olga Mauri e Antonio Schiavi che hanno lasciato in eredit la loro villa e un milione di euro. Siamo felici per questi risveglio delle sensibilit dei cremaschi verso la Fondazione. Noi abbiamo un bilancio da 18milioni di euro, che per ha dei problemi anche a causa dei continui tagli da parte della Regione. E in questo periodi di vacche magre la situazione sempre pi difficile da gestire ha concluso il presidente Donzelli.

GRANDI BENEFATTORI

Succede nelle scuole medie di Soncino (paese dove vivono 800 extracomunitari)

Stranieri, 30 hanno imparato litaliano


Laula delle Medie con gli studenti stranieri.

Sono una trentina gli iscritti alla scuola per stranieri proposta dallamministrazione Comunale di Soncino. E da oltre trentanni che, prima con la sola presenza di insegnanti volontari e poi anche con lintervento di insegnanti messi a disposizione sia dal Comune che dallEDA di Crema, si svolgono questi corsi di lingua italiana per gli stranieri presenti sul nostro territorio. Anni fa le lezioni iniziavano ad ottobre e con la collaborazione dellIstituto scolastico per let adulta di Crema, sono stati numerosi gli stranieri che hanno potuto prepararsi anche a sostenere lesame di terza media. Erano stati organizzati anche corsi mattutini per le donne, risultati particolarmente graditi alle utenti.

Purtroppo le difficolt economiche dellamministrazione hanno dovuto nel tempo ridurre il numero e la durata dei corsi anche se la richiesta da parte degli stranieri di poter apprendere a parlare ed a scrivere nella nostra lingua non affatto diminuita.

Le lezioni sono iniziate solo nel mese di gennaio e si svolgono di sera, dalle 19 alle 21, presso unaula delle scuole medie, nei giorni di marted e gioved, e registrano una eccellente partecipazione. Linsegnante messa a disposizione del Comune affiancata da una ra-

gazza del servizio civile e da alcuni volontari che si alternano per garantire un supporto per lo svolgimento proficuo delle lezioni che si rivolgono ad una scolaresca che presenta preparazione e livelli culturali molto diversi. Lassidua presenza alle lezioni da parte degli stranieri dimostra che la scuola molto apprezzata. Gli indubbi benefici che lapprendimento della lingua italiana ha per un miglior inserimento nella comunit di questo folto gruppo di stranieri (a Soncino sono oltre 800) dovrebbero forse spingere il volontariato soncinese, tanto attivo e presente in progetti di carattere sia locale che nazionale e internazionale, a prendersi a cuore anche questo problema. Franco Occhio

Lo sportello dei diritti: hai la consulenza gratis degli avvocati


Dopo la pausa del mese di gennaio, dovuta a situazioni organizzative da parte dellOrdine avvocati di Crema, gioved 13 febbraio 2014 ripartito lo Sportello dei Diritti. Questo sportello attivo dal gennaio 2008 un servizio di orientamento legale voluto della Consulta per le Pari Opportunit del Comune di Crema in collaborazione con lassessorato alle Pari Opportunit e dallOrdine degli avvocati di Crema. Lo sportello attivo il mercoled pomeriggio dalle 15alle 17.30 allOrientagiovani, in Via Civerchi 9 a Crema presso palazzo Benzoni (biblioteca comunale) al piano terra e riceve in questa fascia dorario 4/5 utenti, su appuntamento (orientagiovani@comune.crema.cr.it 0373/893324 893325). Nellanno 2013, ormai il sesto di attivit afferma lassessore alle Pari Opportunit, Morena Saltini si sono rivolti allo sportello 72 donne e 48 uomini per un totale di 120 utenti, di cui 87 italiani e 33 stranieri. Gli argomenti trattati sono per la maggior parte problematiche legate al diritto di famiglia, al lavoro, allimmigrazione, risarcimento economico, e in questo ultimo anno si evidenzia un aumento di informazioni riguardo i contratti di locazione, sfratti, e mancati pagamenti fiscali. Gli utenti trovano questo servizio molto soddisfacente ed esaustivo dal momento che permette loro di valutare situazioni particolari e capire se le stesse necessitano di un ulteriore approfondimento legale, ovvero se indispensabile procedere giudizialmente.

LE DATE: 6-7 MARZO

Vuoi fare linfermiere? Informati alluniversit


Nelle mattine del 6 e 7 marzo dalle ore 9.30 alle ore 12.30, al Polo Didattico di Ricerca dellUniversit di Informatica di Crema Via Bramante 63 Aula 5 SUD (67), i professionisti dellazienda ospedaliera di Crema illustreranno agli studenti delle classi 4 e 5 degli istituti superiori del Cremasco i percorsi formativi, i campi di attivit e gli sbocchi lavorativi delle diverse professioni sanitarie.

CINEMA
Programmazione settimanale
CREMONA
Spaziocinema Cremonapo (0372-803674) www.spaziocinema.info La bella e la bestia Una donna per amica Sotto una buona stella Saving Mr.Banks Chaplin (0372-453005) 12 anni schiavo

Filo (349.8310931) Il violinista del diavolo CREMA Porta Nova (0373-218411) www.multisalaportanova.it Una donna per amica 12 anni schiavo La bella e la bestia Sotto una buona stella Pompei Monuments men

The Lego Movie Frozen Karaoke Cinemimosa Una donna per amica

Monuments men The lego movie 12 anni schiavo Snowpiercer Frozen Pompei 3D La scuola pi pazza del mondo

PIEVE FISSIRAGA Cinelandia (0371-237012) www.cinelandia.it La bella e la bestia Monuments Men

Pompei Snowpiercer Sotto una buona stella

The Lego Movie Una donna per amica

12

Sabato 1 Marzo 2014

8 marzo: in ospedale visite contro i tumori

In occasione della Festa delle donne, sabato 8 marzo, dalle 9 alle 12.30, nelle strutture delloncologia (ospedale, Palazzina, secondo piano) medici, infermieri e volontari saranno a disposizione delle donne per attivit di informazione e di prevenzione attraverso 20 prime visite gratuite per ogni ambulatorio - effettuabili con prenotazione al numero 0373280414, dal luned al venerd dalle ore 9alle ore 12di: Senologia, effettuate dal dottor Filiberto Fayer, responsabile della senologia e dal dottor Stefano Beltrami, medico senologo; Ginecologia pap test, ed ecografia endovaginale effettuati dalla dottoressa Giorgia Gatti e dallostetrica Silvia Morandi; Dermatologia - per la prevenzione del melanoma - effettuate dalla dottoressa Michela Antoninetti, referente per lAssociazione Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, e la dottoressa Patrizia Ghidini. Il servizio di Psiconcologia sar attivo per illustrare alle donne i percorsi ed i progetti di prevenzione e di cura a loro dedicati. Saranno presenti i professionisti delle Unit Operative di Oncologia, Riabilitazione Neuromotoria, Chirurgia plastica, Cure Palliative, per dare informazioni e rispondere alle domande delle donne. Inoltre operatori dei patronati INCA e SIAS e volontari delle associazioni Lega Italiana per la lotta contro i tumori, Donna sempre e della Fondazione Rubino per dare informazioni sulle proprie attivit, svolte in collaborazione con lazienda ospedaliera e rivolte alle donne.

Una domenica senza auto: chi pu circolare, e chi no


N
Il Carnevale si far. Le proteste dei cittadini e dei commercianti
ellambito delle attivit programmate per la tutela ambientale, il Comune di Crema ha indetto per domenica 2 marzo 2014 dalle 8 alle 19, un Giornata Ecologica Senza Auto. La chiusura al traffico delle vetture interesser essenzialmente il centro citt allinterno delle Mura Venete. Sar a disposizione dei visitatori della citt il servizio navetta gratuito del Miobus che circoler dalle ore 10 alle 12 e dalle 13.30 alle 18.30. Le fermate saranno vicine ai grandi parcheggi. Quindi, in via Mercato (autostazione ex Agello), via Caponetto (multisala), via Stazione (liceo), via IV Novembre, (zona Park hotel) , piazzale Croce Rossa/via Libero Comune (Itis), viale De Gasperi (Longoni). Purtroppo, questo esperimento, come stato chiamato, concomitante con il Carnevale Cremasco (che si svolger regolarmente nel circuito di Porta Ombriano), con il raduno dei camperisti in via Bramante, con i mercatini in piazza Duomo e il Mercato di Campagna Amica in via Bartolino da Terni. Ma la giunta avverte che non si poteva pi aspettare. Visto il numero di persone che la scorsa settimana hanno raggiunto la citt ha spiegato lassessore, in accordo anche con il Comitato del carnevale, abbiamo deciso di chiudere la citt al traffico, nella

Crema

Pranzo alla cremasca al Festival di Sanremo

zona interna alle mura, dalle 8 alle 19. Questa la prima domenica e fa parte del piano di sostenibilit messo a punto dal comune ed stata ideata per salvaguardare la salute dei bambini e delle persone che arriveranno in citt. Lassessore ha invitato anche i residenti del centro storico a non uscire in macchina: nessun divieto, solo un consiglio. Undici i punti di chiusura della citt, dove verranno poste le transenne: viale Repubblica intersezione con via

Il ristorane di Casa Sanremo ha messo in tavola le squisitezze che parlano cremasco e ha accolto lo staff al completo di Radio Italia, giornalisti dei media nazionali, critici musicali e non, artisti e sponsor. Alla giornata hanno partecipato anche gli assessori del Comune di Crema, Morena Saltini e Giorgio Schiavini, che hanno presentato la citt e il progetto, oltre al presidente di Reindustria. Giuseppe Capellini, che ha dato operativit all'intenzione del Comune di mettere a valore le aziende del territorio, in vista dell'ormai imminente Expo 2015. Ore 11,30 dunque luci accese sulla presentazione di Made in Crema e dei suoi prodotti, con la voce diretta dei produttori che raccontano della loro azienda familiare, dellattenzione verso il consumatore e verso il mercato, della voglia di dare forza alla promozione commerciale uscendo dalle proprie mura per far conoscere ad un sempre pi vasto pubblico quello che sanno fare. Ore 12,30 inizia il pranzo con i quasi 300 ospiti, invitati selezionati, che siedono ai tavoli della Lounge di Casa Sanremo per assaggiare le proposte del men.

Adua, via Fratelli Bandiera intersezione con via Mercato, via Gramsci intersezione con via Mercato, via Monte di Piet intersezione con via Mercato, via Santa Chiara intersezione con via Stazione, piazzale Rimembranze intersezione con via Cadorna, divieto daccesso in piazza Garibaldi, via Pesadori intersezione con via Diaz, via Kennedy dalla rotatoria e via Crispi dalla rotatoria. Per andare incontro ai visitatori sar istituito il servizio Mio Bus gratuito continuo intorno alla citt con fermate in prossimit dei parcheggi dalle 10 alle 12 e della 13,30 alle 18,30. Non sono mancati i dissapori. Da parte degli organizzatori del Carnevale che hanno bocciato i manifesti del Comune, gi stampati, nei quali si annunciava la Giornata senza auto e sui quali spiccava un grande Gagt, la maschera tipica cremasca. Locandine bocciate, dicono quelli del Carnevale, perch la gente poteva pensare che si trattasse di uniniziativa del Carnevale, e perch poteva convincere le persone

Chiusura al traffico nel centro storico Dove passer il bus

a restare a casa. Quante locandine siano state mandate al macero, non dato sapersi. Si aspetta, quindi, uninterrogazione da parte di qualche consigliere comunale di minoranza. Dissapori e polemiche anche da parte dei commercianti di Crema e dei cittadini cremaschi in genere. Chi deve assistere un parente al Kennedy o alla Casa Albergo, come far si chiesto Luciano Capetti, ex assessore della giunta Bruttomesso. Ma dallopposizione arrivano battute e bocciature. Vorrei sapere se per i trattori che trainano i carri del carnevale e scaricano gas tossici sui bambini il divieto di una giornata senza auto vale o no. Alberto Torazzi della Lega avverte che una giornata di fermo delle auto non serve ad abbattere la percentuale delle polveri sottili. Di certo, questa iniziativa, dicono in citt, porter meno gente a Crema per il Carnevale. Che ha fatto boom domenica scorsa, nella sua seconda puntata, aiutato da una splendida giornata di sole.

Sabato 1
10.20 11.15 12.00 13.30 14.00 14.30 17.00 17.15 17.45 18.50 20.00 20.35 21.10 00.30 01.15 09.30 10.00 10.35 11.30 13.00 13.25 14.00 14.50 17.00 18.05 18.50 19.35 20.30 21.05 21.50 09.30 11.00 12.00 12.25 13.00 14.00 15.00 16.55 17.55 19.00 20.00 21.30 23.05 23.45 00.50 linea verde orizzonti. Att i love you. Att la prova del cuoco. var Tg1 telegiornale easy driver. Attualit Le amiche del sabato. Att Tg1 telegiornale a sua immagine. Attualit passaggio a nord ovest l'eredit. game show tg1 telegiornale/tg sport affari tuoi. Game show ti lascio una canzone s' fatta notte. Att tg1 notte rai parlamento. Att SULLA VIA DI DAMASCO. Att cronache di animali. doc mezzogiorno in famiglia tg2 giorno/ rai sport rai sport dribbling sea patrol. telefilm voyager factory. Doc sereno variabile. Att 90 minuto serie b razza umana. Doc Squadra speciale Cobra 11 tg2 20.30 castle. film body of prof. Telefilm l'elisir del sabato. Att tgr bellitalia. attualit tg3/sport notizie/meteo3 tgr il settimanale. att tgr ambiente italia tg regione/tg3 rai educational-tv talk per un pugno di libri. Quiz un caso per due. Tf tg3/tg regione/meteo blob. variet il sesto senso. Film tg3/tg regione stelle nere. Att tg3

domenica 2
06.00 06.30 10.00 10.30 10.55 12.00 12.20 13.30 14.00 16.30 18.30 20.00 20.40 21.10 23.30 08.20 09.05 10.30 11.30 13.00 13.45 15.40 17.10 18.10 19.30 20.30 21.00 21.45 22.40 01.00 07.45 08.00 09.45 10.45 11.10 12.00 12.25 12.55 13.25 14.00 14.30 15.05 19.00 20.10 22.45 rai parlamento. Att unomattina in famiglia buongiorno benessere. att a sua immagine. att santa messa recita dell'angelus Linea verde. Att tg1 telegiornale l'arena. Talk domenica in. Variet l'eredit. game show tg1 telegiornale/tg sport affari tuoi. Game show braccialetti rossi. fiction speciale tg1. Att Voyager Factory il nostro amico charly.Tf cronache di animali. doc mezzogiorno in famiglia tG2 giorno/tg motori quelli che aspettano.Var quelli che il calcio. Var stadio sprint 90 minuto squadra spec. cobra11.tf tg2 20.30 ncis unita' anticrimine.tf hawaii five-0. tf la domenica sportiva. Sport tg2 notizie amici siciliani. corto donne e briganti. f correva l'anno. Att telecamere. att tgr estovest TG3/meteo3 tgr mediterraneo. att 12 idee per la crescita. Att fuori quadro. att tg regione/tg3 in 1/2 ora. Attualit kilimangiaro. Att tg3/tg regione/meteo/blob che tempo che fa. Att masterpiece. Talent 09.30 10.05 10.50 11.30 12.00 13.00 14.00 15.30 16.00 17.00 18.55 19.35 20.30 21.15 24.00

Sabato 1
magazine champions league donnavventura. Att ricette all'italiana. att tg4 Telegiornale/meteo un detective in corsia. Tf la signora in giallo. tf lo sportello di forum. att come si cambia celebrity Le indagini di Padre Castell poirot. Film tg4 Telegiornale/meteo Il segreto.Tf tempesta d'amore. soap quel treno per yuma. F windfall. film traffico/meteo.it tg5 mattina supercinema. Attualit melaverde. Attualit forum. Attualit Tg5 Telegiornale/meteo beautiful. Soap amici. Talent verissimo. Attualit avanti un altro! Quiz Tg5 Telegiornale/meteo striscia la notizia. Var c' posta per te. Var speciale tg5 tg5 rassegna stampa Cyber Girls. Tf True Jackson, VP. Tf glee. telefilm The secret circle. telefilm studio aperto/sport i pompieri. Film jimmy grimble. Film nikita. tf studio aperto/meteo tom & jerry. cartoni alla ricerca dell'isola di nim. film harry potter. film triassic attack. f sport mediaset

domenica 2
08.30 09.20 10.00 10.50 11.30 13.00 13.55 14.45 15.55 18.55 19.35 20.30 21.15 23.35 06.00 07.55 08.50 10.10 11.30 12.00 13.00 13.40 14.00 18.50 20.00 20.40 21.10 23.00 23.30 07.10 07.50 08.55 10.30 12.25 14.00 16.20 18.00 18.30 19.00 19.10 21.30 00.30 02.25 02.50 mondo sommerso. tf le storie di viaggio a... santa messa pianeta mare. Attualit tg4/meteo ricette all'italiana. Att donnavventua. Doc zorro. Tf l'impero del sole. F tg4 telegiornale/meteo Il segreto.Tf tempesta d'amore. soap io sto con gli ippopotami.f la leggenda del pianista sull'oceano. Film traffico-meteo. Attualit tg5 mattina le frontiere dello spirito documentario le storie di melaverde. Att melaverde. Att tg5 telegiornale/meteo l'arca di no. attualit Domenica Live. attualit avanti un altro! Quiz tg5 telegiornale/meteo paperissima sprint. Variet il segreto. Soap spec. grande fratello matrix. Att my dad says. Sit padre in affitto. Sit scooby doo. film animaz. poliziotto a 4 zampe 3. F studio aperto/sport dragon. film jackie chan's first strike. f the big beng theory. Sit studio aperto/meteo cos fan tutte 2. Sitcom step uo 3d. Film Lucignolo 2.0. Attualit bruno. Film studio mediaset studio aperto 07.30 07.55 09.45 11.00 11.40 13.30 14.00 14.40 15.40 18.10 20.00 20.30 21.10 23.00

rete 4

Sabato 1
Tg La 7 omnibus. Attualit coffee break. Att otto e mezzo. Att la parete di fango. Film tg la7 tg la7 cronache. attualit le strade di san francisco.tf i due volti della vendetta. f l'ispettore barnaby. f tg la7 otto e mezzo. Att il commissario maigret. f the unsaid. Film

domenica 2
06.00 07.00 07.55 09.45 10.55 11.50 13.30 14.00 14.40 17.15 18.10 20.00 20.30 21.30 24.00 tg la7/meteo rassegna stampa omnibus. Attualit l'aria che tira. Attualit otto e mezzo. Att caccia al re. F tg la7 tg la7 cronache. attualit n onore n gloria. film the district. Tf l'ispettore barnaby. f tg la7 fuori gabbia. att la gabbia. Att the assassination. F

07.55 08.00 09.10 10.00 11.00 13.00 13.40 14.10 16.00 canale 5 18.50 20.00 20.40 21.10 00.30 01.30 06.55 07.55 08.50 10.30 12.25 13.40 15.40 17.50 18.30 italia 1 19.00 19.10 21.10 24.00 01.55

la 7

11.00 11.30 12.00 12.30 13.00 13.30 14.00 16.00 16.30 17.00 18.00 19.00 20.30 21.00

Il giorno del Signore Borghi dItalia. Rubrica Cosa bolle in pentola Gioielli sotto casa Le nostre regioni. Rubr Tg cremona La piazza. Talk Telegiornale Gioielli sotto casa Le citt della musica Ciak! Motore! tg cremona/nazionale Il giorno del Signore il concerto

09.00 10.00 11.00 12.00 12.15 13.00 13.30 14.00 14.30 16.25 17.00 18.10 20.00 21.00 23.30

Il Concerto Ti racconto Cremona Santa Messa. dA Cremona Angelus Il giorno del Signore Anteprima la Grande Domenica tg della domenica Cremonese Sudtirol Bra Pergolettese Cremonese Sudtirol Pronto Dottore Vitasnella Cant - Vanoli tg della domenica Cremonese Sudtirol Vitasnella Cant - Vanoli

Festa della donna

Sabato 1 Marzo 2014

Nel festeggiare la ricorrenza dell8 marzo opportuno riflettere su tematiche importanti che riguardano la donna

8 marzo si celebra la Festa della Donna: per molte un momento di svago, un'occasione per uscire con le amiche o per una particolare cena al ristorante. Ma la Festa della donna soprattutto l'occasione per riflettere su importante tematiche, prima tra tutte quella della parit di genere. Un tema che, dal punto di vista legislativo, si sviluppa in tre filoni: parit nella vita politica, parit di accesso agli organi delle societ quotate, parit in materia di occupazione ed impiego. PARIT NELLA VITA POLITICA La legge 23 novembre 2012, n. 215, ha introdotto disposizioni volte a promuovere il riequilibrio delle rappresentanze di genere nelle amministrazioni locali. Viene in primo luogo modificata la normativa per lelezione dei consigli comunali. Per i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti, la legge, riprendendo un modello gi sperimentato dalla legge elettorale regionale della Campania, prevede una duplice misura: La quota di lista: nelle liste dei candidati nessuno dei due sessi pu essere rappresentato in misura superiore a due terzi; peraltro, solo nei comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti il mancato rispetto della quota pu determinare la decadenza della lista; Lintroduzione della doppia preferenza di genere, che consente allelettore di esprimere due preferenze (anzich una, come previsto dalla normativa previgente) purch riguardanti candidati di sesso diverso, pena lannullamento della seconda preferenza. Per tutti i comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti comunque previsto che nelle liste dei candidati assicurata la rappresentanza di entrambi i sessi. In secondo luogo, il sindaco ed il presidente della provincia sono tenuti a nominare la giunta nel rispetto del principio di pari opportunit tra donne e uomini, garantendo la presenza di entrambi i sessi e gli statuti comunali e provinciali devo stabilire norme per garantire, e non pi semplicemente promuovere, la presenza di entrambi i sessi nelle giunte e negli organi collegiali non elettivi del comune e della provincia, nonch degli enti, aziende ed istituzioni da essi dipendenti.

La parit di genere nella legislazione


minazione viene esteso alle promozioni professionali. Ulteriori novit riguardano il divieto di discriminazione nelle forme pensionistiche complementari collettive, il concetto di vittimizzazione, la possibilit per i contratti collettivi di lavoro prevedere misure specifiche - ivi compresi codici di condotta, linee guida e buone prassi - per la prevenzione delle forme di discriminazione come le molestie e le molestie sessuali. Il D.Lgs. 5/2010 interviene inoltre (articolo 2) sulle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternit e della paternit, di cui al D.Lgs. 151/2001, nel senso di vietare qualsiasi discriminazione per ragioni connesse al sesso con particolare riguardo ad ogni trattamento meno favorevole per lo stato di gravidanza, nonch di maternit o paternit, anche adottive, ovvero in ragione della titolarit e dellesercizio dei relativi diritti. Inoltre, le norme sul divieto di licenziamento delle lavoratrici nel periodo di gravidanza si applicano anche in caso di adozione e di affidamento. Da ultimo, viene modificata la disciplina dei vari organi impegnati sul fronte delle pari opportunit. In particolare, aumentato il numero dei componenti designati da alcune parti sociali e sono ampliati i compiti del Comitato nazionale per l'attuazione dei principi di parit di trattamento ed uguaglianza di opportunit tra lavoratori e lavoratrici, istituito presso il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, mentre si mantiene il mandato quadriennale con un rinnovo limitato a due volte delle consigliere e dei consiglieri di parit. Infine, viene modificata la composizione della Commissione per le pari opportunit di cui al D.P.R. 115/2007 e quella del Comitato per l'imprenditoria femminile. Le funzioni di questi due organi, alla scadenza dei medesimi saranno peraltro defintivamente trasferite al Dipartimento Pari opportunit della Presidenza del Consiglio a seguito del riordino degli organi collegiali disposto dal decreto-legge sulla 'spending review' (articolo 12, comma 20, del D.L. 95/2012).

13

Per quanto riguarda la disciplina dei partiti, lAssemblea della Camera ha introdotto un emendamento (em. 1.212, Amici ed altri), in base al quale i contributi pubblici spettanti a ciascun partito o movimento politico sono diminuiti del 5 per cento qualora il partito o il movimento politico abbia presentato nel complesso dei candidati ad esso riconducibili per l'elezione dell'assemblea di riferimento un numero di candidati del medesimo genere superiore ai due terzi del totale, con arrotondamento all'unit superiore. PARIT DI ACCESSO AGLI ORGANI DELLE SOCIET QUOTATE Il Parlamento ha approvato la legge n. 120/2011, che reca disposizioni in materia di parit di accesso agli organi di amministrazione e di controllo delle societ quotate in mercati regolamentati. La nuova legge volta a superare il problema della scarsa presenza di donne negli organi di vertice delle societ commerciali e, in particolare, nei consigli di amministrazione delle so-

ciet quotate in borsa. A tal fine previsto un doppio binario normativo: per le societ non controllate da pubbliche amministrazioni, la disciplina in materia di equilibrio di genere recata puntualmente dalle disposizioni di rango primario. Tali disposizioni si intendono applicabili anche alle societ a controllo pubblico. In particolare, si dispone che lo statuto societario deve prevedere che il riparto degli amministratori da eleggere sia effettuato in base a un criterio che assicuri l'equilibrio tra i generi, dovendo il genere meno rappresentato ottenere almeno un terzo degli amministratori eletti. Per un approfondimento, si rinvia al temaParit di accesso agli organi delle societ quotate. PARIT IN MATERIA DI OCCUPAZIONE ED IMPIEGO Lattuazione del principio delle pari opportunit e delle parit di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione ed impiego il tema del D.Lgs. 25 gennaio 2010, n. 5.

Il provvedimento interviene innanzitutto con alcuni correttivi al codice delle pari opportunit tra uomo e donna, di cui al D.Lgs. 198/2006, precisando che esso finalizzato alladozione delle misure volte ad eliminare ogni discriminazione basata sul sesso che comprometta o impedisca il riconoscimento, il godimento o l'esercizio dei diritti umani e delle libert fondamentali in campo politico, economico, sociale, culturale e civile o in ogni altro campo. Inoltre, la parit di trattamento e di opportunit tra donne e uomini deve essere assicurata in tutti i campi, compresi quelli dell'occupazione, del lavoro e della retribuzione, come anche in quello della formulazione e attuazione di leggi, regolamenti, atti amministrativi, politiche e attivit. In secondo luogo, viene ampliata la definizione di discriminazione, che riguarda anche ogni trattamento meno favorevole subito in ragione dello stato di gravidanza, di maternit o di paternit, nonch in conseguenza del rifiuto di atti di molestie o di molestie sessuali, mentre il divieto di ogni forma di discri-

1 4

Sabato 1 Marzo 2014

Festa della donna

Una nuova legge ha introdotto importanti novit sulla prevenzione del femminicidio e sulla protezione delle vittime
progetto del comune di crema
Il Comune di Crema capofila di un progetto di sensibilizzazione al fenomeno della violenza contro le donne e ottiene dalla Regione Lombardia un contributo di diecimila euro per il proprio programma di iniziative che ha partecipato al bando Progettare le Parit in Lombardia. Sono particolarmente lieta che la Regione abbia premiato con un apporto economico spiega lassessore alle pari opportunit, Morena Saltini - il progetto del Comune di Crema, nato dalle intenzioni raccolte nel Piano dAzione per le Parit, approvato in Consiglio Comunale lo scorso luglio e finalizzato a mettere in campo azioni concrete volte al contrasto della violenza di genere. Numerose sono le associazioni e le istituzioni che hanno dato il loro appoggio al progetto. Il fenomeno dei maltrattamenti e della violenza contro le donne spiega Saltini - rilevante: nel 2012 le donne che si sono rivolte allo sportello dascolto dellassociazione Donne Contro la Violenza sono state 90. Let media di 28/47 anni. Molte donne hanno dichiarato di subire contemporaneamente pi di un tipo di maltrattamento, i pi diffusi sono: quello psicologico, quello fisico, quello economico e anche lo stalking. Uno dei bisogni pi significativi, rilevato dallosservatorio dellAssociazione Donne contro la Violenza, presente sul territorio da pi di 20 anni (con 1.400 persone incontrate) quello di supportare le donne che vivono momenti di forte conflittualit offrendo spazi di empowerment e di sviluppo a livello relazionale, psichico, economico e legale. Il fenomeno della violenza alle donne infatti un tema complesso che richiede, per essere affrontato adeguatamente, il superamento di stereotipi e pregiudizi oltre ad un accurato lavoro di rete. Per questi motivi lAssociazione ha avviato da anni una intensa e proficua collaborazione con diversi enti pubblici ed associazioni private: Forze dellOrdine, Strutture dAccoglienza, Operatori psico-sociali, Strutture sanitarie e Istituzioni che si occupano di prevenzione del territorio, promuovendo, sostenendo e partecipando attivamente alla costituzione di una rete (denominata Rete Con-Tatto) con cui condivide protocolli e procedure per azioni coordinate e sinergiche. Intendiamo conclude lAssessore , grazie anche al contributo regionale che abbiamo ottenuto, sensibilizzare la cittadinanza sul tema della violenza in genere, coinvolgere attivamente, in particolar modo le giovani generazioni e le figure educative, in una riflessione sulla relazione tra uomini e donne, quale base culturale indispensabile per una prevenzione della violenza. Vogliamo porre le basi culturali per arrivare a breve ad attivare anche servizi innovativi quali un punto di ascolto per soli uomini finalizzato ad azioni di sensibilizzazione al maschile e di gestione dei soggetti maltrattanti.
a nuova legge sul contrasto delle violenza di genere, approvata nello scorso agosto, ha introdotto importanti novit sulla prevenzione del femminicidio e sulla protezione delle vittime. Sulla base delle indicazioni provenienti dalla Convenzione del Consiglio dEuropa, fatta ad Istanbul l11 maggio 2011, concernente la lotta contro la violenza contro le donne e in ambito domestico di Istanbul, recentemente ratificata dal Parlamento, il decreto mira a rendere pi incisivi gli strumenti della repressione penale dei fenomeni di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e di atti persecutori (come il sempre pi diffuso reato di stalking). Il decreto prevede quindi l'inasprimento delle pene in alcuni particolari casi: il delitto di maltrattamenti in famiglia perpetrato in presenza di minore degli anni diciotto; il delitto di violenza sessuale consumato ai danni di donne in stato di gravidanza; il fatto consumato ai danni del coniuge, anche divorziato o separato, o dal partner. Un secondo gruppo di interventi riguarda il delitto di stalking: viene ampliato il raggio dazione delle situazioni aggravanti che vengono estese anche ai fatti commessi dal coniuge pure in costanza del vincolo matrimoniale, nonch a quelli perpetrati da chiunque con strumenti informatici o telematici; viene prevista lirrevocabilit della querela per il delitto di atti persecutori nei casi di gravi minacce ripetute (ad esempio con armi). Sono previste poi una serie di norme riguardanti i maltrattamenti in famiglia: viene assicurata una costante informazione alle parti offese in ordine allo svolgimento dei relativi procedimenti penali; viene estesa la possibilit di acquisire testimonianze con modalit protette allorquando la vittima sia una persona minorenne o maggiorenne che versa in uno stato di particolare vulnerabilit; viene esteso ai delitti di maltrattamenti contro famigliari e conviventi il ventaglio delle ipotesi di arresto in flagranza; si prevede che in presenza di gravi indizi di colpevolezza di violenza sulle persone o minaccia grave e di serio pericolo di reiterazione di tali condotte con gravi rischi per le persone, il Pubblico Ministero su informazione della polizia giudiziaria - pu richiedere al Giudice di irrogare un provvedimento inibitorio urgente, vietando allindiziato la presenza nella casa familiare e di avvicinar-

Lotta contro la violenza di genere


L

si ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa. Infine, stabilito che i reati di maltrattamenti ai danni di familiari o conviventi e di stalking sono inseriti tra i delitti per i quali la vittima ammessa al gratuito patrocinio anche in deroga ai limiti di reddito (il gratuito patrocinio a prescindere dal reddito previsto anche per le vittime di mutilazioni genitali femminili). Ci al fine di dare, su questo punto, compiuta attuazione alla Convenzione di Istanbul, recentemente ratificata, che impegna gli Stati firmatari a garantire alle vittime della violenza domestica il diritto allassistenza legale gratuita.

Sempre in attuazione della Convenzione di Istanbul, si prevede il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi di protezione (Tutela vittime straniere di violenza domestica, concessione del permesso di soggiorno per motivi umanitari come gi previsto dallarticolo 18 del TU per le vittime di tratta). Infine, a completare il pacchetto, si provveduto a varare un nuovo piano straordinario di protezione delle vittime di violenza sessuale e di genere che prevede azioni di intervento multidisciplinari, a carattere trasversale, per prevenire il fenomeno, potenziare i centri antiviolenza e i servizi di assistenza, formare gli operatori.

Festa della Donna

Sabato 1 Marzo 2014

Una donna su tre in Italia ha subito violenza U


na donna su tre, in Italia, ha subito violenza almeno una volta nella propria vita. Lo sconvolgente dato stato reso pubblico nei giorni scorsi attraverso una ricerca denominata "Quanto costa il silenzio", promossa dall'associazione Intervita. "Nel nostro Paese, questo fenomeno ha assunto dimensioni allarmanti: oltre il 30% delle donne tra i 16 e i 70 anni ha subito violenza almeno una volta nella propria vita, ma solo il 18% ha considerato questo atto di violenza un reato. 124 sono le vittime di femminicidio in Italia nel 2012" evidenzia la ricerca. Il totale dei costi diretti economici e sociali della violenza contro le donne stato stimato in almeno 2,37 miliardi di euro. Tale importo include i costi diretti (1,8 miliardi di euro) e gli eff etti moltiplicatori economici per mancata produttivit (604 milioni di euro). Invece il costo derivante dai danni umani emotivi ed esistenziali della violenza contro le donne stato stimato in 14,3 miliardi di euro. La stima delle contromisure prodotte dalla societ a titolo di contrasto e prevenzione, sotto forma di investimenti in capitale umano di 6,3 milioni di euro. "LOrganizzazione Mondiale della Sanit ha condotto nel 2013 una ricerca che attesta come il 13% degli omicidi di donne nel mondo (pari a 1 su 7) commesso tra le mura di casa, da parte del partner della vittima - evidenzia il documento -. Anche l'International violence against women survey, che si svolto in 5 Paesi Europei, compreso l'Italia, sottolinea la grande incidenza delle violenze compiute da partner, stabilendo che le donne che hanno subito violenza fisica o sessuale da un partner (presente o passato nell'arco della loro vita) variano da un decimo a pi di un terzo di quelle che hanno avuto un partner". Significa che in alcune di queste realt quasi una fidanzata o una moglie su 4 subisce o ha subito violenza dal proprio compagno e che nella sola Italia sono quasi tre milioni le donne che hanno subito violenza fi sica o sessuale dal partner attuale o precedenti. "Sempre l'Istat dice che le donne colpite dalla violenza che non denunciano toccano picchi del 96% si legge ancora nel documento -. Il silenzio la risposta maggioritaria: il 53% delle donne ha dichiarato di non aver parlato con nessuno dell'accaduto. In Italia una donna su tre - tra i 16 e i 70 anni - stata vittima nella sua vita dell'aggressivit di un uomo per un totale di 6 milioni 743 mila, secondo i dati Istat. Ogni anno vengono uccise in media 100 donne dal marito, dal fidanzato o da un ex. Quasi 700 mila donne, sempre secondo i dati Istat, inoltre hanno subito violenze ripetute dal partner e avevano fi gli al momento della violenza, e nel 62,4% dei casi i figli hanno assistito a uno o pi episodi di violenza. Sono invece 7 milioni 134 mila le donne che subiscono violenza psicologica: le forme pi diffuse sono l'isolamento o il tentativo di isolamento, il controllo, la violenza economica e la svalorizzazione, seguono le intimidazioni.

Dati sconvolgenti nel rapporto dellassociazione Intervita Quanto costa il silenzio: almeno 2,7 miliardi ogni anno

15

Lanalisi dei costi Seguendo le classifi cazioni di analoghi studi a livello internazionale, i costi analizzati nel presente studio, su base annua, sono stati i costi economici e sociali. I costi diretti si confi gurano come costi fi nanziari e immediati per il sistema. Si tratta dei costi dei vari servizi, pubblici e privati, che lo Stato, le stesse vittime e le aziende devono sostenere a seguito degli episodi di violenza contro le donne: costi relativi alla salute delle donne (costi sanitari, per cure psicologiche, per il consumo di farmaci) costi relativi alla sicurezza delle donne e della collettivit (costi per lordine pubblico, giudiziari, per le spese legali) costi relativi allassistenza delle vittime e dei loro familiari (costi dei servizi sociali dei comuni e dei Centri Antiviolenza) costi collegati alla perdita economica delle imprese e del sistema a seguito della mancata produttivit delle vittime, e agli eff etti moltiplicatori conseguenti. ll totale dei costi diretti della violenza contro le donne stato stimato in 2,37 miliardi di euro.

Il costo sanitario della violenza di genere: stimati 460 milioni di euro


Secondo lOrganizzazione Mondiale della Sanit (OMS, 1997), la violenza contro le donne rappresenta un problema di salute enorme. A livello mondiale, si stima che la violenza sia una causa di morte o disabilit per le donne in et riproduttiva altrettanto grave del cancro e una causa di malattia pi importante degli eff etti degli incidenti stradali e della malaria combinati insieme. La violenza causa diversi tipi di disturbi. Quelli fisici possono essere: di tipo ginecologico (infiammazioni dellutero o delle ovaie, uretriti, infezioni vaginali, dismenorrea, dolore pelvico, irregolarit del ciclo mestruale); infezioni sessualmente trasmesse, incluso Aids; cefalea e rachialgia; disturbi gastrointestinali (sindrome dell'intestino irritabile); disturbi cardiovascolari. I disturbi psicologici possono invece essere: scarsa stima di s, ansia, attacchi di panico, depressione, suicidio e tentato suicidio, disturbi del comportamento alimentare, disturbi ossessivi, disturbo post-traumatico da stress, comportamenti auto-lesivi (auto-mutilazioni, abuso dalcool, fumo, sesso non protetto), abuso di farmaci. La stima dei costi sanitari include il costo complessivo dei ricoveri al Pronto Soccorso delle donne vittime di violenza e delle cure successive: costi per prestazione dei Pronto Soccorso, costi per ricovero in Ospedale, costi per visite specialistiche presso Ospedali, Asl territoriali, strutture e medici privati, costi per visite mediche generiche, costi per consumo farmaci, costi per esami medici. I costi sanitari sono stati stimati in 460,4 milioni di euro. Dalla ricerca emerge che nellarco di un anno gli episodi in cui donne vittime di violenza hanno fatto ricorso a cure ospedaliere rappresentano il 3,3% con un 96,7% di episodi di violenza che non hanno dato luogo ad un ricovero in Pronto Soccorso ma che certamente hanno determinato delle conseguenze sulla salute delle donne e prodotto dei costi conseguenti. I costi per lassistenza psicologica sono 158,7 milioni di euro, mentre Il consumo di farmaci delle donne che hanno subito violenza pu essere rappresentato con una spesa media complessiva di 44,5 milioni di euro.

1 6

Sabato 1 Marzo 2014

Festa della Donna

Le ragioni di una festa internazionale


In Italia fu l'Udi a prendere liniziativa di celebrare, l8 marzo 1945, la prima giornata della donna nelle zone dellItalia libera
La giornata internazionale della donna (comunemente definita in modo improprio festa della donna) ricorre l'8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui esse sono ancora fatte oggetto in molte parti del mondo. Questa celebrazione si tenuta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909, in alcuni paesi europei nel 1911 e in Italia nel 1922. Nel VII Congresso della II Internazionale socialista, tenuto a Stoccarda dal 18 al 24 agosto 1907, nel quale erano presenti 884 delegati di 25 nazioni - tra i quali i maggiori dirigenti marxisti del tempo, come i tedeschi Rosa Luxemburg, Clara Zetkin, August Bebel, i russi Lenin e Martov, il francese Jean Jaurs - vennero discusse tesi sull'atteggiamento da tenere in caso di una guerra europea, sul colonialismo, sulla questione femminile e sulla rivendicazione del voto alle donne. Su quest'ultimo argomento il Congresso vot una risoluzione nella quale si impegnavano i partiti socialisti a lottare energicamente per l'introduzione del suffragio universale delle donne, senza allearsi con le femministe borghesi che reclamavano il diritto di suffragio, ma con i partiti socialisti che lottano per il suffragio delle donne. Due giorni dopo, dal 26 al 27 agosto, fu tenuta una Conferenza internazionale delle donne socialiste, alla presenza di 58 delegate di 13 paesi, nella quale si decise la creazione di un Ufficio di informazione delle donne socialiste: Clara Zetkin fu eletta segretaria e la rivista da lei redatta, Die Gleichheit (L'uguaglianza), divenne l'organo dell'Internazionale delle donne socialiste. zionale comunista, fiss all'8 marzo la Giornata internazionale dell'operaia . In Italia la Giornata internazionale della donna fu tenuta per la prima volta soltanto nel 1922, per iniziativa del Partito comunista d'Italia, che la celebr il 12 marzo, prima domenica successiva all'ormai fatidico 8 marzo. In quei giorni fu fondato il periodico quindicinale Compagna, che il 1 marzo 1925 riport un articolo di Lenin, scomparso l'anno precedente, che ricordava l'8 marzo come Giornata internazionale della donna, la quale aveva avuto una parte attiva nelle lotte sociali e nel rovesciamento dello zarismo. La mimosa Nel settembre del 1944, si cre a Roma l'UDI, Unione Donne in Italia, per iniziativa di donne appartenenti al PCI, al PSI, al Partito d'Azione, alla Sinistra Cristiana e alla Democrazia del Lavoro e fu l'UDI a prendere liniziativa di celebrare, l8 marzo 1945, la prima giornata della donna nelle zone dellItalia libera, mentre a Londra veniva approvata e inviata all'ONU una Carta della donna contenente richieste di parit di diritti e di lavoro. Con la fine della guerra, l'8 marzo 1946 fu celebrato in tutta l'Italia e vide la prima comparsa del suo simbolo, la mimosa, che fiorisce proprio nei primi giorni di marzo, secondo un'idea di Teresa Noce,[12] di Rita Montagnana e di Teresa Mattei.[13] Nei primi anni cinquanta, anni di guerra fredda e del ministero Scelba, distribuire in quel giorno la mimosa o diffondere Noi donne, il mensile dell'Unione Donne Italiane (UDI), divenne un gesto atto a turbare l'ordine pubblico, mentre tenere un banchetto per strada diveniva occupazione abusiva di suolo pubblico .[14] Nel 1959 le senatrici Luisa Balboni, comunista, Giuseppina Palumbo e Giuliana Nenni, socialiste, presentarono una proposta di legge per rendere la giornata della donna una festa nazionale, ma l'iniziativa cadde nel vuoto. Il clima politico miglior nel decennio successivo, ma la ricorrenza continu a non ottenere udienza nell'opinione pubblica finch, con gli anni settanta, in Italia apparve un fenomeno nuovo: il movimento femminista.

il 3 maggio 1908, causa l'assenza dell'oratore ufficiale designato, la conferenza tenuta ogni domenica dal Partito socialista di Chicago nel Garrick Theater: quella conferenza, a cui tutte le donne erano invitate, fu chiamata "Womans Day", il giorno della donna. Si discusse infatti dello sfruttamento operato dai datori di lavoro ai danni delle operaie in termini di basso salario e di orario di lavoro, delle discriminazioni sessuali e del diritto di voto alle donne. Aleksandra Kollontaj Il Woman's Day tenuto a New York il successivo 28 febbraio venne impostato come manifestazione che unisse le rivendicazioni sindacali a quelle politiche relative al riconoscimento del diritto di voto femminile. Le delegate socialiste americane, forti dell'ormai consolidata manifestazione della giornata della donna, proposero alla seconda Conferenza internazionale delle donne socialiste, tenutasi nella Folkets Hus (Casa del popolo) di Copenaghen dal 26 al 27 agosto 1910 - due giorni prima dell'apertura dell'VIII Congresso dell'Internazionale socialista - di istituire una comune giornata dedicata alla rivendicazione dei diritti delle donne. Negli ordini del giorno dei lavori e nelle risoluzioni approvate in quella Conferenza non risulta che le 100 donne presenti in rappresentanza di 17 paesi abbiano istituito una giornata dedi-

Sciopero delle camiciaie di New York Non tutti condivisero la decisione di escludere ogni alleanza con le "femministe borghesi": negli Stati Uniti, la socialista Corinne Brown scrisse, nel febbraio del 1908 sulla rivista The Socialist Woman, che il Congresso non avrebbe avuto "alcun diritto di dettare alle donne socialiste come e con chi lavorare per la propria liberazione". Fu la stessa Corinne Brown a presiedere,

cata ai diritti delle donne: risulta per nel Die Gleichheit, redatto da Clara Zetkin, che una mozione per l'istituzione della Giornata internazionale della donna fosse stata assunta come risoluzione. Mentre negli Stati Uniti continu a tenersi l'ultima domenica di febbraio, in alcuni paesi europei - Germania, Austria, Svizzera e Danimarca - la giornata della donna si tenne per la prima volta il 19 marzo 1911[3] su scelta del Segretariato internazionale delle donne socialiste. Secondo la testimonianza di Aleksandra Kollontaj, quella data fu scelta perch, in Germania, il 19 marzo 1848, durante la rivoluzione, il re di Prussia dovette per la prima volta riconoscere la potenza di un popolo armato e cedere davanti alla minaccia di una rivolta proletaria. Tra le molte promesse che fece allora e che in seguito dimentic, figurava il riconoscimento del diritto di voto alle donne. In Francia la manifestazione si tenne il 18 marzo 1911, data in cui cadeva il quarantennale della Comune di Parigi, cos come a Vienna, dove alcune manifestanti portarono con s delle bandiere rosse (simbolo della Comune) per commemorare i caduti di quell'insurrezione. La manifestazione non fu per ripetuta tutti gli anni, n celebrata in tutti i paesi: in Russia si tenne per la prima volta a San Pietroburgo solo nel 1913, il 3 marzo, su iniziativa del Partito bolscevico, con una

manifestazione nella Borsa Kalaaikovskij, e fu interrotta dalla polizia zarista che oper numerosi arresti. In Germania, dopo la celebrazione del 1911, fu ripetuta per la prima volta l'8 marzo 1914, giorno d'inizio di una settimana rossa di agitazioni proclamata dai socialisti tedeschi, mentre in Francia si tenne con una manifestazione organizzata dal Partito socialista a Parigi il 9 marzo 1914. L'8 marzo 1917 Le celebrazioni furono interrotte dalla prima guerra mondiale in tutti i paesi belligeranti, finch a San Pietroburgo, l'8 marzo 1917 (il 23 febbraio secondo il calendario giuliano allora in vigore in Russia) le donne della capitale guidarono una grande manifestazione che rivendicava la fine della guerra: la fiacca reazione dei cosacchi inviati a reprimere la protesta incoraggi successive manifestazioni di protesta che portarono al crollo dello zarismo, ormai completamente screditato e privo anche dell'appoggio delle forze armate, cos che l'8 marzo 1917 rimasto nella storia a indicare l'inizio della Rivoluzione russa di febbraio. Per questo motivo, e in modo da fissare un giorno comune a tutti i Paesi, il 14 giugno 1921 la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste, tenuta a Mosca una settimana prima dell'apertura del III congresso dellInterna-

Salute
Corretto stile di vita, le indicazioni della Regione
Regione Lombardia sta portando avanri in queste settimane una campagna di comunicazione sulla promozione di stili di vita e ambienti favorevoli alla salute. I messaggi sulla opportunit di adottare, attraverso semplici comportamenti, uno stile di vita favorevole alla salute, sono veicolati da immagini riferite a soggetti "storico-culturale -geografici" del contesto territoriale regionale. Si sta quindi distribuendo in questi giorni un volantino che riporta alcuni consigli utili per mantenere un buono stile di vita: Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Fai sempre una sana prima colazione; evita di saltare i pasti e a tavola varia le tue scelte Consuma almeno 2 porzioni di frutta e 2

Sabato 1 Marzo 2014

GLI ORARI
CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: luned - venerd dalle 7.30 alle18.00 orario continuato, il sabato dalle 8.00 alle 12.00; Prenotazioni telefoniche: possibile telefonare al numero verde 800.638.638, da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00. PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unit operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dellAnatomia Patologica dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00. Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00. Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari prevista, presso il padiglione 5, da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30; per gli altri esami da luned a venerd dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto). RADIOLOGIA d Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00. Tel: 0372 405760. Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367. SENOLOGIA: Screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'Asl 800 318 999. Prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00. Telefono: 0372 405614. Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: 0372 405612. RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario: da luned a venerd dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485. MEDICINA DEL LAVORO: Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: 0372 405777 da luned a venerd, dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente presso lAmbulatorio Specialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari.

17

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA


CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orari: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.30 (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30. Telefono: 0372 405715. CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da luned a venerd dalle ore 07.30 alle 10.30. Telefono: 0372 405663 - 0372 405452 CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero 0372 405666 - 0372 405663. Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Test di tolleranza al lattosio e patch test Accesso con impegnativa del medico curante Le prenotazioni si effettuano telefonicamente al numero 0372/408178 da luned a venerd, dalle 10.30 alle 12; oppure di persona presso lAmbulatorio di Allergologia (Padiglione 10) da luned a venerd dalle 9.00 alle 13.00. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 435887 - 0372 405461 dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: 0372 405783 da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30. MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 405200. PSICOLOGIA Dove: settimo piano a sinistra. Prenotazioni da luned a venerd dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero 0372 405409. ONCOLOGIA MEDICA Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i n reparto da luned a venerd dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Tel: 0372 405248. TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione pu essere effettuata telefonicamente al numero 0372 405330 dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd. Negli altri orari possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al pi presto sarete richiamati.

porzioni di verdura ogni giorno; Consuma quotidianamente i cereali (pane, pasta, riso etc.); Mangia pesce almeno 2 volte alla settimana (fresco o surgelato); Ricordati che i legumi forniscono proteine di buona qualit e fibre;

Limita il consumo di grassi, soprattutto quelli di origine animale, privilegiando lolio extravergine di oliva; Non eccedere nel consumo di sale; Limita il consumo di dolci e di bevande caloriche Evita la sedentariet e sfrutta ogni occasione per essere attivo (se possibile vai a scuola/lavoro a piedi, evita lascensore e utilizza le scale, fai giardinaggio, porta a spasso il cane etc); Cammina almeno 30 minuti al giorno, tutti i giorni, a passo svelto; Pratica unattivit sportiva almeno 2 volte alla settimana; Ricorda che smettere di fumare possibile.

Appuntamento dalle 9 alle 16 con una giornata dedicata alla prevenzione delle patologie femminili

revenzione in prima linea nella lotta contro il cancro "al femminile". E' proprio sulla prevenzione che vuole puntare l'open day promosso dall'Azienda ospedaliera di Cremona per il prossimo 7 marzo, per celebrare la Festa della donna con un momento di riflessione. "La salute in evidenza" lo slogan che bene rappresenta lo spirito dell'iniziativa. Le novit di questanno riguardano il coinvolgimento dellunit operativa di Medicina con consulenze per la valutazione del rischio di osteoporosi, Centro antifumo con colloqui motivazionali per smettere di fumare, del Servizio di dietetica e nutrizione clinica con lo sportello di ascolto sui disturbi dellalimentazione e dellAmbulatorio di fisiopatologia della riproduzione con consulenze per linfertilit di coppia. Per conciliare il tempo delle donne, impegnate a destreggiarsi fra lavoro e famiglia, lopen day del 7 marzo si svolger in orario continuato dalle 9 alle 16 senza prenotazioni. Lo scopo di diffondere la cultura della informazione e prevenzione sulla base del noto principio prevenire meglio che curare. Se vero che la diagnosi precoce favorisce e facilita la cura e in molti casi garantisce la guarigione, altrettanto vero che il timore della malattia porta, spesso, a rimuovere il rischio. PREVENZIONE PER IL SENO I fattori di rischio per il tumore alla mammella aumentano con let e i fattori che li determinano possono essere di diversa natura: familiarit, stimolazioni ormonali prolungate (terapia sostitutiva, contraccettivi orali) precoce menarca e tardiva menopausa, nessuna gravidanza e non allattamento al seno. Una dieta ricca di grassi e alcol, fumo, obesit. Per questo importante adottare stili di vita corretti. La visita senologica permette di individuare alcuni istotipi di tumori (lobulari) del seno che sono poco valutabili alla mammografia; inoltre, secondo i report recenti il

La salute donna: open day il 7 marzo P


Laura Bosio 65%-70% delle diagnosi emergono con autopalpazione mensile e visita senologica. Quando non ci sono fattori personali di rischio (famigliarit, precedenti patologie al seno, assunzione di terapia ormonale sostitutiva, sono sufficienti una visita annuale e una mammografia ogni due anni. Indicativamente le linee guida suggeriscono di iniziare allet di 40 anni. CONTROLLI GINECOLOGICI E PAP-TEST Per i tumori dellapparato genitale femminile il principale fattore di rischio rappresentato dai rapporti sessuali non protetti, intesi come veicoli di infezioni che possono causare tumori specie se con partner diversi. Le visite visita ginecologiche, se eseguite regolarmente, consentono di pianificare accertamenti periodici quali pap-test ed ecografia. Il pap test va eseguito ogni due anni. TROMBOEMBOLISMO VENOSO Il Tromboembolismo Venoso una patologia multifattoriale, alla cui genesi concorrono pi elementi. Ogni individuo ha un proprio potenziale trombotico che dipende da fattori sia ereditari (es: familiarit, difetto di proteine anticoagulanti) sia acquisiti (es: chirurgia, terapie estro progestiniche, gravidanza). E plausibile pensare che levento clinico trombosi si manifesti solo quando linsieme di questi fattori supera una determinata soglia. Riconoscere laumento del rischio per lo sviluppo di trombosi pu consentire lapplicazione di regimi di prevenzione, farmacologica e non, secondo protocolli ben definiti utili a ridurre la probabilit dellevento. Lindicazione alla visita specialistica utile in particolare nei soggetti che abbiano una storia familiare e/o personale positiva per tromboembolismo venoso. OSTEOPOROSI E RISCHIO Losteoporosi una malattia sistemica dello scheletro caratterizzata da riduzione della massa ossea con aumento del rischio di frattura. La conseguenza pi rilevante della patologia rappresentata dalla frattura da fragilit, che insorge a seguito di traumi anche lievi, per lo pi in seguito a cadute, ma si pu manifestare anche spontaneamente. Losteoporosi primitiva (post menopausale e senile) ha come maggiori determinanti la variazione dello stato ormonale, let, il peso corporeo, la familiarit, il picco di massa ossea raggiunto in et adulta. Il picco di massa ossea raggiunto ai 30 anni strettamente correlato allo stile di vita (attivit fisica, fumo di sigaretta o abuso di alcolici, dieta povera di calcio, carenza di vitamina D, denutrizione o basso peso corporeo) oltre che a fattori genetici. IL FUMO Il fumo di tabacco fa molto male alla salute perch tramite questo atto si introducono nel nostro organismo circa 4000 sostanze diverse. Tra queste ve ne sono molte ca, tra cui molte ncerogene, tante tossiche e velenose; una in particolare, la nicotina, una droga che d dipendenza. Strettamente correlati al fumo di tabacco sono i Tumori polmonari, della cavit orale, del laringe e dellesofago. In chi fuma sono aumentati anche i tumori gastrici, epatici, renali e delle vie urinarie. La bronchite cronica e lenfisema sono gravi malattie anchesse collegate a questa abitudine, cos come molte patologie cardiache e vascolari. Smettere di fumare ha senso in qualsiasi momento, anche in et avanzata specie se si sono gi manifestati segni di insufficienza dorgano. In chi riesce a smettere migliorano rapidamente la funzione respiratoria e la prognosi di molte malattie cardiache, in modo importante e rapido. ANORESSIA E BULIMIA Anoressia e bulimia parlano di un disagio interiore. La cura inizia con il concedere al soggetto anoressico o bulimico "uno spazio adeguato per comunicare". L'approccio comunque multidisciplinare, la terapia richiede l'intervento di diverse figure professionali: psichiatra, psicologo, endocrinologo, nutrizionista e dietologo. Il percorso di cura dovr essere caratterizzato da alcuni passaggi quali la valutazione medica del paziente, un corretto regime alimentare, il supporto psicologico, la terapia farmacologica, la partecipazione a gruppi di aiuto e a programmi residenziali di riabilitazione psicologica e alimentare.

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

di Ermanna Allevi

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)


Ho sentito parlare di riflessologia plantare, volevo sapere cosa ne pensa lei e se la utilizza nel suo studio. grazie Franco Il principio fondamentale su cui si basa tale tecnica quello dei punti riflessi situati sul piede. Quando le varie zone del piede vengono correttamente stimolate inviano impulsi che arrivano al cervello, che a sua volta stimola le corrispondenti funzioni dell'organismo. Il tocco non solo produce un immediato stato di benessere e di rilassamento, ma stimola anche i processi di autoregolazione. La R.P. una tecnica del benessere, riduce lo stress, la tensione, facilita lo sbloccarsi degli impulsi nervosi, ricrea e mantiene equilibrio ed armonia tra i vari sistemi del corpo. La R.P. un trattamento adatto ad ogni et: dal bambino all'anziano, poich aiuta l'organasmo ad invecchiare bene tenendo sotto controllo anche le problematiche che nascono con l'avanzare degli anni.Ho una collaboratrice molto brava che pratica la R.P. anche presso il mio studio. * * * Leggo la sua rubrica da tempo e mi piace, vorrei chiederle una cosa un p particolare: come si fa a sapere se una persona che fa il suo lavoro brava? E' una risposta che non le pu dare nessuno. L'unica possibilit conoscere pi persone che fanno questo lavoro e lasciare che il suo istinto faccia la scelta.

Corso di training autogeno per allontanare lo stress


Lo stress quotidiano uno dei peggiori nemici per la salute. Per questo spesso dedicarsi al rilassamento una delle armi migliori contro questo problema, che affligge un po' tutti. A questo punta il corso di Training autogeno promosso presso l'istituto di Analisi Immaginativa (via Dante) e condotto dalla dottoressa Marisa Tuccillo. Il training autogeno nasce nel 1932 per opera di Johannes H.Schultz, Medico Psichiatra che si interess di Psicosomatica. Il metodo una Psicoterapia di rilassamento a mediazione corporea che ha come obiettivo un rilassamento olistico (globale) della persona. Il training autogeno oggi conosciuto e utilizzato in tutto il mondo ed applicato con numerosi benefici in vari ambiti, come ad es. sportivo, lavorativo, medico, artistico, individuale. Esso pu essere utilizzato per: recupescolastiche); aumento della capacit di concentrazione e di memoria, diminuire e controllare il dolore (cefalee, emicranie, ecc.); maggiore autodeterminazione e autocontrollo; diminuire e/o eliminare le abitudini negative (fumo, alcolismo, ecc.); disturbi del sonno e parasonnie (bruxismo nel sonno); diminuire l'ansia e le paure/fobie; disturbi psicosessuali disturbi psicosomatici, ecc. Il T.A. influisce sulle diverse funzioni che dipendono dal Snv (Sistema nervoso vegetativo) come la respirazione, la circolazione sanguigna e il metabolismo. Permette la modificazione del tono dellumore e di alleviare stati emotivi e stati ansiosi. Il corso, che inizier a Marzo, avr una durata di 7 incontri da circa un'ora, una volta a settimana. Il colloquio informativo gratuito. Per informazioni contattare il 3206256402.

ro energetico, profondo benessere, migliore gestione di s e mantenimento della calma di fronte a situazioni emotive negative (stressanti) e che provocano ansia; miglioramento delle prestazioni (sportive, lavorative, artistiche,

Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372. Riceve a Crema telefonando al 388 9037275.

18

Sabato 1 Marzo 2014

CASALMAGGIORE
l tracciato ferroviario della Tirreno-Brennero largomento del giorno, tanto che la sala consiliare del comune di Casalmaggiore ospiter questa mattina alle ore 10 un convegno sulla scelta del tracciato da potenziare per collegare Parma a Verona. Le polemiche dallasfalto si spostano dunque sulla rotaia. Un ruolo di primo piano lo ricopre il coordinamento dei comitati ambientalisti, che da sempre si oppongono alla Ti-Bre autostradale ma che spingono affinch quella ferroviaria possa transitare per Casalmaggiore e Piadena. Il convegno ha avuto un preambolo la scorsa settimana con una conferenza intitolata In Europa con il Ti-Bre ferroviario, nel corso della quale la societ Eidos ha mostrato lo studio effettuato, commissionato da TiBre srl, sullopportunit di potenziare la tratta che transita per il casalasco. Va spiegato che il percorso attualmente previsto vede il passaggio da Parma attraverso Suzzara e Poggio Rusco per raggiungere Verona. In alternativa alla bassa mantovana, il percorso che tocca il casalasco e Mantova offre parecchi vantaggi. Lesponente dei comitati ambientalisti Cesare Vacchelli ha spiegato che si accorcerebbe la distanza di 25 km, e che la spesa addirittura scenderebbe da 700 a soli 70 milioni. Chiaro che Casalmaggiore trarrebbe parecchi vantaggi, fra cui laver finalmente una linea elettrificata. Le resistenze da superare per non sono poche. In Emilia si privilegia la via per Suzzara perch pi vantaggiosa per quei territori, e anche il Pd di Mantova, che governa Comune e Provincia virgiliane, ha visto passare la propria mozione a favore del tracciato originale e contro la modifica. Una strada tortuosa dunque, ma non per questo gli ambientalisti, che hanno raccolto molti consensi anche tra gli amministratori locali, si arrendono. Anche questa mattina verr presentato lo studio di Eidos sulla bont dellipotesi di potenziare la tratta casalasca. Tanti e qualificati gli interventi. Saranno presenti infatti il sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla, il citato Cesare Vacchelli, il presidente della TiBre srl Pier Gino Scardigli, gli onorevoli Alessia Rotta e Martina Nardi della Commissione Trasporti della Camera, il Direttore Infrastrutture Regione Veneto Stefano Angelini, lassessore Mobilit e Trasporti della

casalmaggiore@ilpiccologiornale.it

Morte improvvisa del beb, come prevenirla

SALUTE

Un momento della conferenza stampa di ieri

TiBre, rotaie incandescenti


Stamattina parlamentari, assessori regionali e sindaci sulla scelta del percorso
di Vanni Raineri Regione Emilia Romagna Alfredo Peri, il responsabile Servizio Studi e Progetti Speciali Autorit Portuale di La Spezia Angelo Matellini, il consigliere del Consorzio Zai Verona Giancarlo Montagnoli, il responsabile Trasporti Legambiente Lombardia Dario Balotta , il presidente di Ce.P.I.M. spa Interporto di Parma Johann Marzani e il dirigente Ster Cremona-Regione Lombardia Enrica Gennari. Un parterre de roi, che coinvolge buona parte dei soggetti interessati e delle varie province. E loccasione buona per verificare la fattibilit, soprattutto politica, del progetto. Sul tema si espresso anche il presidente del Gal Oglio Po Giuseppe Torchio, inquandrando innanzitutto la portata del progetto: La questione della ferrovia Tirreno-Brennero non affatto nuova. E' uno degli ingredienti, forse il pi importante, per la realizzazione dell'Asse Tirrenico, in grado di collegare la portualit ligure-tirrenica (La Spezia, Carrara, Livorno) con l'interporto di Fontevivo (PR), il Quadrante Europa (Zai) di Verona, il Brennero e la Mittel Europa allargata alle new entry dell'UE. Si tratta di un obbiettivo strategico di valenza nazionale ed europea: nazionale perch completa il disegno realizzato sulla dorsale Milano-Roma-Napoli e sull'Asse Adriatico; europeo perch, attraverso il Brennero, migliora le relazioni Oltralpe con l'Unione Europea allargata. A livello attuativo prosegue Torchio - l'Asse Tirrenico, pur in forte ritardo sugli altri due, recentemente si sviluppato in due direzioni: da un lato in direzione di Roma, dall'altro, attraverso il Tibre (tratta Fontevivo-Nogarole Rocca) con autorizzazione dell'UE e finanziamento del primo tratto tra Parma ed il casello di Sissa-Terre Verdiane. Pi in ritardo i lavori per la parte ferroviaria. E su questo la politica si divisa. Un contrasto non nuovo se si pensa che anche sul tracciato del Tibre autostradale per decenni si consumato un conflitto simile. La questione dei costi, a mio avviso, sar dirimente per la realizzazione dell'opera. Dalla nostra parte, come hanno dimostrato recenti studi tecnici di alta competenza, i costi inferiori di due terzi per il percorso PR-Piadena-MN-VR, con la elettrificazione di una linea, la PR-BS, considerata strategica a livello militare ma, di fatto, in disarmo con littorine del ventenIl collegamento ferroviario tra Tirreno e Brennero: in rosso l'ipotesi casalasca, in verde l'altra

La Sids, Sudden Infant Death Syndrome, comunemente conosciuta come morte in culla, la morte improvvisa ed inaspettata di un lattante apparentemente sano, che rimane inspiegata anche dopo l'esecuzione di un'indagine postmortem completa. L'incidenza media della SIDS nei paesi industrializzati di circa un caso ogni 2000 bambini nati vivi e ci equivale, in Italia, a circa 300 bambini l'anno. LAssociazione Semi per la Sids che promuove la campagna per la riduzione dei rischi di questa sindrome, nella persona di Francesca Giulivo, ha deciso di donare allUo di Ostetricia e Ginecologia dellOspedale Oglio Po 300 body per neonati con il logo nanna sicura sul petto (una delle 5 raccomandazioni Oms). Liniziativa stata presentata in una conferenza stampa che si tenuta ieri mattina presso il presidio ospedaliero di Vicomoscano. Il direttore sanitario di Oglio Po Rosario Canino intervenuto con al fianco Francesca Giulivo, il Primario di ginecologia Mauro Melpignano, la dirigente medico di pediatria Angomeh Ndongko e le caposala di pediatria e ostetricia Aurora Silocchi e Antonia Botrugno. Importante per combattere questa piaga far conoscere i rimedi pi semplici e utili per scongiurare il rischio: evitare il fumo attivo e passivo e assumere alcolici durante la gravidanza, ma anche non fare dormire il neonato a pancia in gi e non insistere nel mettergli il succhiotto in bocca una volta che lo ha rifiutato. Un errore anche quello di coprirlo troppo.

Test diabete: il 20% oltre la soglia a rischio


Neonata ma gi attiva sul territorio. E l'Associazione Diabetici territorio Oglio Po, che con la collaborazione della Croce Rossa Italiana, sezione di Casalmaggiore, ha organizzato uno screening con prova gliceVisioli si sottopone al test mica in piazza Garibaldi domenica scorsa. Alcune decine di persone si sono prestate allo screening eseguito sull'unit mobile della Croce Rossa. Un esame veloce, e il risultato, praticamente immediato. E sono stati i risultati a dare da riflettere. Perch di 32 esami sei sono risultati al di l delle soglie che separano la persona sana da quella a rischio diabetico. Un dato preoccupante ma che dimostra ancora una volta come la malattia sia in netta espansione. Naturalmente - spiega il presidente dell'Associazione Giuseppe Visioli - nessun allarmismo. Alle sei persone stato solamente consigliato di fare ulteriori accertamenti per approfondire la questione e per fugare ogni dubbio. Porteremo avanti grazie alla collaborazione della Croce Rossa gli screening in altri paesi. Il prossimo appuntamento il 23 marzo a Sabbioneta. E' importante fare una diagnosi il pi precoce possibile della malattia, per iniziarne subito eventualmente la cura. Lassociazione era stata presentata il giorno prima in una conferenza stampa organizzata nella sala riunioni dell'Ospedale Oglio Po con l'ausilio del Cisvol. Gremita la sala: una quarantina i partecipanti. Diabetici, familiari, ma anche infermieri e rappresentanti di altre associazioni. Tra tutte la Croce Rossa Italiana, le Associazioni Diabetici di Mantova e Cremona, gli amici dell'Ospedale Oglio Po (col dottor Claudio Toscani), il Centro Anziani (con Giancarla Zuelli). A condurre l'incontro Sara Ferrari (Cisvol).

In arrivo sullAsolana le multe con gli speed check


Ne verranno posizionati 7 sulla Statale, altri 2 verso Motta San Fermo. Toccati i 150 km/h presso Vicobellignano

nio e stazioni impresidiate. Una proposta salutare, la nostra, anche a livello di spending review e ben collegata al programma annunciato dal premier Renzi in termini di ripresa degli investimenti e delle infrastrutture. A Mantova il Consiglio Provinciale conclude Giuseppe Torchio - si letteralmente dimenticato della Mantova-Piadena, maglia nera dei ritardi a livello regionale, ed in forte ritardo Cremona che guarda a Milano con la Paullese ma molto distratta sulle questioni del nostro territorio. Liniziativa di Casalmaggiore tenta di metterci una pezza, anche in considerazione di un possibile raccordo ferroviario con Viadana. Anche la quasi totale cessione delle quote della Provincia in Autocisa, prima della realizzazione del Tibre autostradale e del completamento della circonvallazione di Casalmaggiore e della realizzazione di quelle di San Giovanni in Croce e di Calvatone, una decisione di dubbio effetto. L'inizio dell'operativit del raccordo ferroviario Storti e la prossima attivazione di Car Terminal presso la stazione di Piadena indicano potenzialit significative, che sono da completare con il polo agroalimentare logistico di Bozzolo, riprendendo, dopo un quinquennio di silenzio tombale, le proposte di Bruno Tosatto e nostre, di un piano integrato d'area che riannodi la Padana inferiore da Piadena a Castellucchio.

Lamministrazione comunale di Casalmaggiore ha presentato ufficialmente la decisione di adottare i cosiddetti speed check e di sposare il progetto Noi Sicuri. La scelta si fonda su alcuni dati, snocciolati dal sindaco Claudio Silla e dal comandante della Polizia Municipale Silvio Biffi. Circa 17mila veicoli al giorno transitano in media sul tratto cittadino casalese della strada Asolana. Tra questi, secondo le ultime rilevazioni condotte dalla Polizia locale nellottobre scorso, vi sono veicoli che hanno sfrecciato a velocit elevatissime: in alcuni casi il limite dei 50 km/h pi che superato stato polverizzato. Venerd 25 ottobre 2013, ad esempio, un autista ha toccato i 150 km/h tra via Molossi e via Repubblica. I dati analiz-

La conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa in Municipio

zato vedono unincidenza del 1315% del traffico pesante su un totale di 17276 veicoli conteggiati luned 28 ottobre 2013. Si sono finalmente create le condizioni per far partire questo progetto - ha spiegato il sindaco - e tra una decina di giorni avremo installato lungo lAsolana, dalla ro-

tonda Sereni di Vicobellignano a quella Conad in centro citt, sette velo ok. Altri due verranno posizionati sulla strada comunale tra Casalmaggiore e labitato di Motta San Fermo. Nove speed check, un solo obiettivo: Adottare un sistema efficace di moderazione del traffico su di un tratto stradale che

divide in due Casalmaggiore ed interessato quotidianamente da utenze deboli, pedoni e ciclisti sia grandi che piccini. Per noi importante tutelare la sicurezza di questi cittadini. A spiegare come funzioner il nuovo sistema velo ok, il comandante Biffi: Allinterno di queste colonnine arancioni non vi sono dispositivi elettronici. Sar una pattuglia di vigili a posizionarvi un autovelox bidirezionale, segnalandolo e presidiando la zona. Deterrenti s, ma anche controllori: gli speed check forniranno agli agenti i dati relativi al traffico in transito per Casalmaggiore. Il tutto, ad un costo di circa 5000 euro, comprensivo di installazione, noleggio velo bidirezionale e iniziative di sensibilizzazione nelle scuole e non solo.

Casalmaggiore

Sabato 1 Marzo 2014

asalmaggiore stata da poco proclamata Citt del bijou per la grande tradizione che la lega a questo tipo di realizzazione artistica, come testimonia la lunga e massiccia produzione al Fabbricone, sfociata nella presenza oggi del Museo del Bijou. Da sabato prossimo il legame sar ancora pi evidente, grazie alla posa presso la rotatoria tra la Statale Asolana e via Roma (dove sorgeva il Fabbricone, oggi azienda Nidec-Fir) del Monumento al Bijou realizzato dallartista casalese ma di fama mondiale Brunivo Buttarelli, favorita dallintervento del Lions Club locale. Non un caso che levento si celebri l8 marzo, Festa della Donna. Non solo perch sono soprattutto le donne ad indossare i bijoux, ma soprattutto perch sono state le donne ad aver lavorato per decenni in via Roma.

Casalmaggiore, la citt un bijou


Sabato prossimo verr posata la grande scultura di Brunivo Buttarelli alla rotonda Diotti
La locandina dell'evento

I 101 di Esterina

FESTA AL BUSI

19

Museo Platina, ampliamento che guarda al futuro


Piadena: tour interattivi, touch screen e wi fi nel Museo Archeologico
Lombardia Cristina Longhi, del conservatore del museo Marco Baioni e dellarchitetto Andrea Perin. Investire in cultura non una scelta di retroguardia: il plauso di Malvezzi che ha poi ribadito limportanza dellunione tra iniziativa pubblica e privati. Investire in cultura, oggi, ha del miracoloso: cos Capelletti ha fatto da eco alle parole del consigliere regionale. Di sinergie tra museo e patrimoni dell'intero comprensorio Oglio Po ha parlato Torchio: Solo quando collegheremo i musei del territorio, creando itinerari e proposte che sappiano valorizzare lintero comprensorio, allora s che potremmo considerarci maggiorenni. Impedire la dispersione del ricco patrimonio archeologico del piadenese, promuovere linteresse e lo studio delle antiche civilt che si svilupparono ed estesero in questi luoghi: su queste basi si fonda la storia ultracinquantennale del museo Platina, che con lestensione fa un ulteriore passo nel futuro. Un passo riassunto nelle parole del conservatore Baioni: Non

Il progetto La Citt del Bijou prevede tre distinti momenti, tutti volti ad esaltare la produzione bigiottiera di Casalmaggiore e appunto le maestranze femminili che vi hanno preso parte, come omaggio a operaie ed impiegate

che hanno lavorato nella o per la FIR: una conferenza allinterno della fabbrica, linaugurazione della scultura di Brunivo Buttarelli ed infine una mostra fotografica e documentale presso la Sala Zaffanella del Museo del Bijou. Il programma nel dettaglio prende il via alle ore 10 presso una sala della Nidec-Fir (via Roma 19), dove sar proiettato il video-documentario realizzato da Annamaria Piccinelli e Paolo Zani con le testimonianze di numerose lavoratrici (tratto da filmati inediti girati da Miro Lanzoni); seguiranno i saluti delle autorit e una relazione sulla figura della donna nel Fabbricone a cura di Mario Daina. Alle 11.30 linaugurazione del Monumento al Bijou di Brunivo Buttarelli, donato alla citt dal Lions Casalmaggiore (presieduto da Roberto Asinari) in occasione del 40 anniversario di vita del club. Lopera, in acciaio e ve-

tro, rappresenta una delle spille esposte al museo e identificher Casalmaggiore come Citt del Bijou, anche in vista di Expo 2015. Alle 17.30 lapertura della mostra, curata da Annamaria Piccinelli, Paolo Zani (presidente dellassociazione Amici del Museo del Bijou) e Luigi Briselli: sar incentrata sulla figura della donna-lavoratrice e ne metter in luce i diversi ruoli e compiti ricoperti nel corso degli ultimi decenni. La posa del monumento, data anche la sua grandezza, verr effettuata qualche giorno prima, e sar visibile anche per la difficolt di ricoprirla con un telo. Nei pressi della rotatoria che la ospiter il grande spillo di Buttarelli solo 4 mesi fa, in Largo Marinai dItalia, fu inaugurato il monumento al canottaggio, che pure ha legato a suon di medaglie olimpiche il suo nome alla citt di Casalmaggiore.

PIADENA Sabato scorso a Piadena, alla presenza di un gran numero di persone, si tenuta linaugurazione dellestensione del Museo Archeologico Platina nellex convento dei Gerolimini, il palazzo seicentesco che accoglie anche il municipio. Il vice sindaco Gianfranco Cavenaghi ha innanzitutto ringraziato la Fondazione Vacchelli, quindi ha ripercorso le tappe che hanno portato allambito risultato. Ha ricordato il contributo dei sindaci Gabriella Malanca e in particolare Bruno Tosatto, recentemente scomparso. Ha fatto di questo museo un dogma ha affermato Cavenaghi - e ha dato la vita per il bene della comunit. A seguire gli interventi dellassessore alla Cultura del comune di Piadena Annunciata Camisani, dellassessore alla Cultura della Provincia di Cremona Chiara Capelletti, del consigliere regionale Carlo Malvezzi, del presidente del Gal Oglio Po Giuseppe Torchio, che pure ha ricordato commosso la figura di Tosatto, della rappresentante della Soprintendenza Archeologica della

Esterina Comotti, ospite della Fondazione Conte Carlo Busi di Casalmaggiore, ha festeggiato ieri mattina la veneranda et di 101 anni. Nata a Milano il 28 febbraio del 1913, lultracentenaria ha fatto per tanti anni la ricamatrice e da 25 anni si trasferita a Casalmaggiore. A 101 anni sente settimanalmente la nipote che vive a Bologna: non via telefono, bens con Skype, programma che permette le videochiamate tramite il web. La festa di compleanno di Esterina Comotti si svolta alle ore 10, con la Santa Messa celebrata da Don Bruno e il trasferimento in reparto per il taglio della torta ed il rinfresco, alla presenza dei famigliari e con circa 60 ospiti della casa di riposo che hanno cantato vecchie canzoni e intonati gli auguri. Gran finale con la consegna del regalo fatto dalla Fondazione e consegnato da Giancarlo Romanetti alla ultracentenaria.

Il taglio del nastro del nuovo museo Platina

serve solo preservare ci che deriva dalla storia, dal nostro terreno. Bisogna anche comunicarne limportanza. In questo senso il nuovo museo Platina vuole essere uno spazio espositivo che parla ad un pubblico trasversale, nativi digitali compresi. Da qui i tour interattivi attraverso una sorta di videogame con tanto di proiettore e schermo touch screen. Da qui, i percorsi per non vedenti, le attivit didattiche, il wi fi. Il tutto, senza mettere in secondo piano le migliaia di reperti in mostra e la storia antica del nostro territorio.

La nuova scommessa di Vioni e Ludi: Carnevale baciato dal sole dal Tor des Geants alla via Francigena Tanta gente in piazza a Gussola. Domani si replica
SOLAROLO RAINERIO Unesperienza massacrante che ha lasciato soprattutto la voglia di cimentarsi con nuovi obiettivi. E la celebre e temuta Tor des Giants, una specie di giro della Val dAosta a piedi, raccontata ai soci del Rotary Club Casalmaggiore Oglio Po dai viadanesi Mario Vioni e Giuseppe Ludi. Al ristorante La Clochette i due relatori hanno proiettato un video che testimonia limpresa compiuta nel settembre 2013, hanno raccontato cosa li abbia spinti a confrontarsi con una competizione cos selettiva, cosa hanno provato nel corso della prova e quali siano i progetti che hanno in cantiere. Questo prima di sottoporsi alle domande dei presenti. Vioni e Ludi erano tra i 700 iscritti a quella che per tanti la gara podistica pi terribile, che consiste nel percorrere 332 chilometri non certo pianeggianti, bens tra le vette pi alte dItalia. Basti dire che il dislivello complessivo di 24.000 metri. Il tempo massimo per farlo di 150 ore (poco pi di 6 giorni), e solo poco pi della met dei partecipanti ha tagliato il traguardo (uno addirittura, un cinese, ha perso la vita). Tra questi anche i due esponenti del Gruppo Sportivo Atletica Viadana, rispettivamente 53 e 61 anni. Il video ha raccontato le emozioni e le sofferenze di sei GUSSOLA Grande folla domenica pomeriggio in piazza Comaschi a Gussola per il primo appuntamento con Carnevalissimo, un giorno di festa dedicato soprattutto ai pi piccoli che si giovato di una giornata di sole davvero invitante. Liniziativa stata organizzata dalla locale Pro Loco, e si ripeter domani, 2 marzo. Belli i carri allegorici, alcuni dei quali ispirati alla stretta attualit (non poteva mancare un sorridente neopremier Renzi), tantissimi i bambini in maschera provenienti anche dai paesi limitrofi. La speranza che anche fra poche ore il meteo rimanga alleato.

Da sinistra Rivieri, Ludi, Stringhini, Vioni e Rosa

giorni, ma anche le bellezze paesaggistiche, che come hanno affermato i due protagonisti sono un aspetto determinante, assieme alla solidariet con gli altri, per completare limpresa. Mentre rispondevano alle domande dei soci, Mario e Giuseppe hanno anticipato lobiettivo del 2014: percorrere la via Francigena dal Passo della Cisa sino a Roma, in piazza San Pietro. Un percorso di circa 500 chilometri che pure si presta a scenari paesaggistici straordinari, per affrontare il quale alcuni compagni di avventura casalaschi e viadanesi pare abbiano gi dato la loro adesione.

20
"

Sabato 1 Marzo 2014

Lettere & Opinioni


Per dire la vostra, scrivete a: lettere@ilpiccologiornale.it incomsc@gmail.com

segnalazione

Anche i circhi rispettino il regolamento sul volantinaggio


Egregio direttore, siamo stati informati che qualche agente di polizia locale non evidentemente al corrente che, secondo il Regolamento del Comune di Cremona n. 102 del 2011, il volantinaggio del circo vietato come ogni pubblicit commerciale effettuata con volantini sul suolo pubblico della citt Ricordiamo anche che le locandine non possono in nessun caso essere affisse agli alberi e che, quando vengono esposte nei negozi, devono avere il timbro dellufficio affissioni comunale. Chi notasse irregolarit, segnali alla polizia municipale: visto che i circhi con animali percepiscono (purtroppo!) soldi pubblici, anche dei cittadini che ritengono ingiusto tenere in gabbia e addestrare ad eseguire esercizi innaturali animali che dovrebbero essere liberi, crediamo sia fondamentale che si faccia attenzione affinch leggi e norme siano rispettate, da tutti. Associazione Una Cremona ***

Come cambia la famiglia


Buongiorno avvocato, siamo una coppia sposata e vorremmo dare a nostra figlia che nascer a breve il cognome materno. E possibile, alla luce della recente decisione della Corte europea dei diritti umani? Lucia e Federico *** La sentenza della Corte di Strasburgo, che lo scorso 7 gennaio ha condannato il nostro Paese perch discrimina tra uomo e donna quando si tratta del cognome dei figli, non ha un'implicazione diretta, in quanto occorre aspettare che l'Italia legiferi in tal senso. Pertanto, con la legislazione attuale dare il cognome materno al proprio figlio non ancora possibile. Si pu tuttavia, ottenere l'aggiunta del cognome materno seguendo la procedura di cambio del cognome facendo richiesta al prefetto della provincia di residenza. A seguito della sentenza della Corte europea c' stata, tuttavia, un prima risposta da parte del

La Regione ha riconosciuto che la linea ferroviaria scadente


A cura di Emilia Rosemarie Codignola*
Egregio direttore, la Regione ha finalmente riconosciuto il fatto che la Milano-Cremona-Mantova la linea ferroviaria pi scadente in Lombardia che ha guadagnato in questi anni gli indici di affidabilit tra i peggiori a livello lombardo. Non possiamo che essere soddisfatti per una decisone che frutto delle pressioni che come Pd assieme ai pendolari abbiamo fatto alla Giunta con tutti gli strumenti in possesso dal tour delle stazioni, alla protesta presso la stazione di Treviglio, alla serie infinita di interrogazioni e mozioni in Commissione Infrastrutture e in Consiglio regionale ed in ultimo la lettera del 20 febbraio con la quale chiedevamo un intervento prioritario su questa tratta. Questo solo il primo passo che deve andare nella direzione di sostituire progressivamente il parco treni, che dati alla mano qualitativamente sotto la soglia della sufficienza. Il nostro obiettivo sar quello di lavorare per far s che Regione e Trenord pensino ad un collegamento diretto MantovaCremona-Milano nellorario di punta della mattina e della sera. Agostino Alloni e Marco Carra Consiglieri regionali del Pd ***

"

Milano-Cremona-Mantova

Il risultato alle Primarie conferma il ruolo di Sel nella coalizione


Signor direttore, le Primarie per il modo in cui sono state condotte e per il risultato di partecipazione che hanno avuto, segnano la prima vittoria del centrosinistra a Cremona. Ora star a Gianluca Galimberti, al quale facciamo i nostri complimenti per il vasto consenso ottenuto, porsi alla guida della coalizione trovando la necessaria sintesi con tutte le forze politiche che ne fanno parte, per affrontare assieme la sfida del cambiamento per la citt di Cremona. Il buon risultato ottenuto da Rosita Viola unottima base di partenza che d a Sinistra Ecologia Libert la certezza di rappresentare una parte significativa della coalizione e ci conferisce lonere e lonore di costruire una lista di Sel per il Consiglio comunale il pi aperta possibile a tutte le persone e le realt di valore che abbiamo incrociato assieme a Rosita Viola in questa breve, ma intensa campagna elettorale delle primarie. Sel sa di avere il compito di farsi portatore delle istanze care alla sinistra nella mediazione con le altre liste e forze politiche per la costruzione del programma elettorale di Gianluca Galimberti. Gabriele Piazzoni Coordinatore provinciale di Sel ***

"

verso le elezioni

Consiglio dei Ministri che intervenuto con un disegno di legge. Le modifiche del Ddl, ancora da mettere a punto, riguardano la possibilit per i genitori di decidere di dare al figlio il cognome della mamma o del pap o di entrambi. Ma si dovr attendere ancora. Da segnalare la Riforma del diritto di famiglia (Dlgs 219/2012) che entrata in vigore lo scorso 7 febbraio apportando notevoli modifiche al diritto di famiglia. Innanzitutto, viene san-

cita l'uguaglianza tra i figli legittimi (nati da un comune matrimonio) e figli naturali (nati al di fuori del matrimonio). Da ora in poi i figli sono semplicemente figli e godono dei medesimi diritti giuridici. Scompare il concetto tradizionale di padre e madre rimpiazzato dal pi generico ed unisex genitore. Viene abbandonata lanacronistica figura della patria potest e debutta il concetto di responsabilit genitoriale, che esercitata

di comune accordo, tenendo conto della capacit, inclinazioni naturali e aspirazioni del figlio. La riforma ha introdotto anche un nuovo ruolo dei nonni pi fattivo e partecipe con conseguenze sotto il profilo tanto dei diritti quanto dei doveri. In particolare, i nonni avranno diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni e potranno agire in giudizio per vedere tutelati i propri diritti. Ma avranno anche l'obbligo, qualora i genitori non avessero i mezzi sufficienti, di fornire a mamma e pap i mezzi necessari per adempiere ai doveri nei confronti dei figli. *Avvocato Stabilito del Foro di Milano emiliacodignola@libero.it

"

gussola

Ancora una volta i cittadini sono stati presi in giro


Caro direttore, innanzitutto la ringrazio per lo spazio che mi concede nella rubrica delle lettere al giornale, spazio che d la possibilit di far conoscere sia le positivit che le negativit del vivere quotidiano. In questo spazio ho avuto lopportunit di esporre il problema relativo al depuratore di Gussola, il tema lho affrontato in varie fasi con domande mie e risposte dellamministrazione comunale, queste posso dire sempre evasive e non reali. Oggi di fronte alla risposta che mi pervenuta ritengo che la pentola si sia scoperchiata e sia uscito un pezzo di verit. In essa mi si fa presente che i fanghi estratti dallimpianto ammontano a 101,84 tonnellate, di fronte a questa quantit enorme emerge unamara verit: in un primo momento mi stato comunicato che in 15 anni non sono stati rimossi i fanghi, perch pochi o inesistenti, apprendo poi attraverso una determina comunale che stata effettuata una stima per rimuovere 50 tonnellate di fanghi e 10 tonnellate di acqua, oggi a lavori eseguiti scopriamo che i fanghi rimossi sono stati 101,84 tonnellate. Di fronte a questi numeri e a queste affermazioni ci sar mai qualcuno che responsabile, qualcuno che ammetta che in tutto liter non vi stata seriet, ma vi stata la volont di prendere in giro i cittadini? Tanto loro pagano sempre, sia le multe, che la mancata depurazione. Se una famiglia gestisse il suo bilancio familiare come lamministrazione comunale di Gussola ha gestito questa operazione, avrebbe dei grossi problemi sia economici che di credibilit. In ultima analisi sarebbe opportuno sapere chi ha redatto risposte in contraddizione una dallaltra, chi doveva controllare il funzionamento del depuratore e non si accorto neppure che era stato rimosso un canale di scolo delle acque, canale facente parte del progetto, realizzato a suo tempo su un terreno comunale regolarmente acquistato e pagato. Troppo spesso si definisce il palazzo municipale una casa di vetro dove tutti i cittadini possano vedere il suo funzionamento, purtroppo questa rimane una pia illusione e col dito ti segnano la luna dicendoti che una formaggia con cui saziarci. Gerelli Sante Sinistra Ecologia e Libert

di adozione, ufficiali dellEsercito Regio, monarchici, morti combattendo per la difesa della Repubblica partigiana dellOssola. Qui condensata la storia dellItalia degli ultimi due secoli : un esempio di felice accostamento delle apparenti clamorose contraddizioni (ai nostri occhi moderni) sulle quali nacque lItalia. Ma tutto ci aveva una sua logica: tutti si sacrificavano per lo stesso obiettivo. LItalia e gli italiani. Gli italioti di oggi queste cose non riescono nemmeno a immaginarle e se le conoscono, pensano che siano come le fiabe infantili. Piccoli e meschini. Anselmo Gusperti Cremona ***

"

acqua pubblica

Proposta di Statuto, lapprovazione un passo avanti verso la societ unica


Egregio direttore, luned sera, in contemporanea, i Consigli comunali di Cremona e Crema, dopo quello provinciale, hanno approvato la proposta di Statuto di Padania Acque. Un altro passo in avanti verso la costituzione dellunica societ provinciale che gestir il servizio idrico. Un passaggio importante anche perch lo Statuto, che riguarda la gestionale, sta passando in tutti i 115 Comuni della provincia. Come PD abbiamo proposto agli amministratori di accompagnare lapprovazione dello Statuto con un documento di indirizzo nel quale si sottolineavano il concetto di acqua come bene pubblico, con lunico scopo di incidere ulteriormente sulla natura e sulla gestione del servizio. Una richiesta, che non ha alcuna incidenza tecnica sullo Statuto, che stata avvalorata anche da una lettera indirizzata a tutti gli amministratori da parte dei presidenti provinciali di Arci e Acli. La proposta, nello specifico, recita: oggetto del servizio lacqua che bene comune in quanto indispensabile ed insostituibile per la vita ed il vivere insieme, pertanto se ne riconosce il diritto umano, ossia laccesso allacqua come diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile e lo status dellacqua come bene comune pubblico; tutte le acque, superficiali e sotterranee, anche se non estratte dal sottosuolo, sono pubbliche e co-

"

considerazione

In pochi oggi conoscono la storia di chi si sacrificato per lItalia


Signor direttore, a Cremona esiste un quartiere (Le Sabbie), dove unamministrazione comunale illuminata degli anni Cinquanta (dopo la guerra, con una ricchezza diffusa infinitamente minore di oggi, altro che crisi!) applic una toponomastica emblematica: via F.lli Bandiera, via F.lli Cairoli, via F.lli Rosselli, via F.lli di Dio Emma. I fratelli Bandiera: veneziani, ufficiali di Marina, figli di ufficiale della Marina austroungarica ma di sentimenti italiani e repubblicani, fucilati dai Borboni mentre cercavano di sollevare le popolazioni meridionali per unirle allItalia. I fratelli Cairoli: cinque fratelli dellalta borghesia pavese, di sentimenti italiani, tutti morti (meno uno ferito, poi senatore) combattendo per unificare lItalia al seguito di Garibaldi. I fratelli Rosselli: Carlo e Nello, socialisti e repubblicani, uccisi in Francia dai fascisti perch simboli di giustizia e libert nel-lItalia monarchica e fascista. I fratelli Di Dio Emma: cremonesi

stituiscono una risorsa da utilizzare secondo criteri di solidariet; la gestione risponde alle necessit del presente senza compromettere la capacit delle generazioni future di soddisfare le proprie esigenze. Per garantire il rispetto dei principi sopra enunciati la societ simpegna a garantire forme di consultazione e partecipazione pubblica da definirsi con specifica regolamentazione da emanarsi entro 6 mesi dalla data di approvazione dello statuto. Tale proposta gi stata approvata da alcuni Consigli comunali della provincia, tra cui appunto Crema attraverso un documento di indirizzo al sindaco, sottoscritto da tutti i consiglieri di maggioranza. A Cremona, invece, ha stupito lastensione della Lega Nord, fino a ieri a favore dellacqua pubblica e di tutto il centrodestra. Non infatti passato inosservato il voto contrario del sindaco Perri a questa proposta che, ricordiamo, contiene esclusivamente dei principi di fondo che non hanno alcune incidenza tecnica sullo Statuto, ma che sono rafforzativi del concetto pubblico dellacqua proprio come bene comune. Una proposta assolutamente trasversale, di buon senso, per certi versi anche naturale dopo le tante dichiarazioni dei mesi scorsi anche del sindaco Perri che, invece, nellatto pratico non ha trovato riscontro favorevole. Che Perri abbia cambiato idea? Forse preso dalla presenza della Gelmini, ha perso di vista lobiettivo. Matteo Piloni Segretario provinciale del Pd ***

A M5S non consentito presentare emendamenti nei Consigli comunali


Egregio direttore, oco pi di 8 minuti sarebbe stato il contributo al dibatto che la maggioranza avrebbe riservato al Consiglio comunale per discutere dello Statuto di Padania Acque. Evidentemente il presidente della Camera dei Deputati ha fatto scuola anche a Crema. Poco pi di 8 minuti da parte di Piloni (segretario provinciale del Pd) per archiviare lapprovazione dello Statuto di Padania Acque Gestione e liquidare i 15 emendamenti

"

acqua pubblica/2

proposti dal Movimento 5 Stelle in particolarismi. Emendamenti inviati preventivamente e senza alcuna pregiudiziale tecnica o legale. Particolarismi che, tra le altre cose, chiedevano: che la nuova societ non distribuisse utili, ma facesse investimenti nella rete, al fine di ridurre le tariffe. In caso contrario, abbiamo gi da ora la certezza che la societ sar utilizzata dai Comuni per fare cassa, con scarsi investimenti e conseguenti tariffe elevate che, ancora una volta, andranno a vessare il povero cittadino e che il controllo e lindirizzo di questa societ fossero dati dai sindaci e non dalla Provincia. Perch il vero e unico azionista di questa societ deve essere il cittadino, nessun altro; che le assemblee della nuova societ fossero aperte al pubblico: qui non c mercato, n concorrenza, dunque cosa c da nascondere? Emendamenti irricevibili, secondo la maggioranza, anche perch avrebbero comportato un nuovo passaggio in quei Comuni del territorio che gi avevano approvato lo statuto. Peccato che tra i Comuni che hanno gi approvato lo Statuto, ce ne siano alcuni che abbiano anche gi approvato degli emendamenti. Indovinate chi ha proposto gli emendamenti in questi casi? Il Pd stesso! A livello provinciale, il Pd sta portando nei Consigli un emendamento, lo stesso che Piloni ha presentato a Crema, ma che ha deciso di trasformare, con un doppio salto mortale atto a impedire che il Movimento 5 Stelle presentasse i suoi, in lettera al sindaco. In sostanza, il Pd pu presentare emendamenti nei Consigli comunali e il Movimento 5 Stelle no? In un imbarazzante silenzio, senza alcun vero dibattito di merito con alcun consigliere di maggioranza, abbiamo presentato tutti e 15 i nostri emendamenti, vedendoceli bocciare uno per uno. Stupisce che una classe politica che dice di essere al fianco del cittadino, tradisca in maniera cos arrogante le linee guida indicate dai cittadini in modo cos chiaro e netto tramite un referendum: evidentemente la trasparenza cosa assai sgradita a questa classe politica, che continua a preferire una gestione opaca, che le permette di spremere le tasche della cittadinanza. Movimento 5 Stelle Cremasco

Previsioni meteo a cura di Dominique Citrigno per SPAZIOMETEO.com e Meteowebcam.it

Sabato 1 marzo

Domenica 2 marzo

Luned 3 marzo

MArted 4 marzo

Mercoled 5 marzo

Taccuino

Sabato 1 Marzo 2014

21

NUMERI UTILI
Cremona
Via volontari del Sangue, Via del Maris Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 aprile

COMUNE DI CREMONA www.comune.cremona.it Centralino: 0372-4071 Urp: 0372-407291 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE www.provincia.cremona.it Centralino: 0372-4061 Urp: 0372-406233 PREFETTURA Centralino: 0372-4881 CARABINIERI Pronto intervento: 112 Centralino: 0372-5581 COMANDO FORESTALE DELLO STATO Centralino: 0372-410307 GUARDIA DI FINANZA Pronto intervento: 117 Centralino: 0372-21576 Nucleo di polizia tributaria: 0372-28968 POLIZIA MUNICIPALE Pronto intervento: 0372-454516 Centrale operativa: 0372-407427 POLIZIA STRADALE Comando provinciale Centralino: 0372-499511 QUESTURA Pronto intervento: 113 Centralino: 0372-4881 VIGILI DEL FUOCO Pronto intervento: 115 Centralino: 0372-4157511 PROCURA Centralino: 0372-548233 OSPEDALE DI CREMONA www.ospedale.cremona.it Centralino: 0372-4051 Centro unificato di prenotazione: 800 638 638 Emergenza sanitaria: 118 AZIENDA SANITARIA LOCALE DI CREMONA www.aslcremona.it Centralino: 0372-4971 Urp: 0372-497215 OSPEDALE DI CREMA www.hcrema.it Centralino: 0373-2801 Centro unico di prenotazioni: 800 638 638 Emergenza sanitaria: 118

Via Livrasco, Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 aprile

Via Rosario, Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 31 marzo

Via Milano (Cavatigozzi) Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 28 marzo

Via Zani Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 4 Aprile

Via Livrasco - cantiere per la ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica. (Fine prevista: 30 aprile). Via Volontari del Sangue, Via Paracaccia - cantiere per la ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica (Fine prevista: 30 giugno). Via Milano localit Cavatigozzi - cantiere per la ristrutturazione della linea

dell'illuminazione pubblica. (Fine prevista: 28 marzo). Via del Maris - cantiere per la ristrutturazione della fognatura e della condotta dell'acqua potabile (fine prevista 30 aprile). Via Zani - cantiere per la ristrutturazione della condotta del gas metano (fine prevista 4 aprile).
GUARDIA DI FINANZA Pronto intervento: 117 Centralino: 0373-256474 POLIZIA MUNICIPALE Pronto intervento: 0373-250867 Centralino: 0373-894212

Via Rosario - cantiere per la ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica (fine prevista: 31 marzo). Via Giuseppina (tratto V.Buoso da Dovara-V.Gelsomino) - cantiere per la ristrutturazione della linea dell'illuminazione pubblica (fine prevista: 13 giugno).

NUMERI UTILI
Crema COMUNE DI CREMA www.comunecrema.it Centralino: 0373-8941 Urp: 0373-894241

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE Urp Crema: 0373-899822 CARABINIERI Pronto intervento: 112 Centralino: 0373-893700 COMANDO FORESTALE DELLO STATO Centralino: 0373-82714

POLIZIA STRADALE Centralino: 0373-897311 POLIZIA DI STATO Centralino: 0373-897311 VIGILI DEL FUOCO: 115 Centralino: 0373-256222

PROCURA DELLA REPUBBLICA Centralino: 0373-878116 SERVIZI SOCIO-SANITARI DISTRETTO DI CREMA Centralino: 0373-899320

NUMERI UTILI
Casalmaggiore COMUNE DI CASALMAGGIORE www.comune.casalmaggiore.cr.it Centralino: 0375 42668 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE Centralino: 0375-42233 CENTRO PER LIMPIEGO Centralino: 0375-42213 CARABINIERI Pronto intervento: 112 Centralino: 0375-284500 POLIZIA MUNICIPALE Centralino: 0375-40540 POLIZIA STRADALE Centralino: 0375-42288 GIUDICE DI PACE Centralino: 0375-42273 OSPEDALE Centralino: 0375-2811 Centro unico di prenotazioni: 800 638 638 Emergenza sanitaria: 118 MUSEO DIOTTI www.museodiotti.it Centralino: 0375-200416 MUSEO DEL BIJOU Centralino: 0375-284423 TEATRO COMUNALE www.teatrocasalmaggiore.it Centralino: 0375-284434 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO Direzione: 0375-284020 Distretto Veterinario: 0375-284029

Gnocchi di zucca con speck e fonduta


INGREDIENTI PER 4 PERSONE 500 g di gnocchi di zucca Olio extravergine di oliva 130 g di parmigiano grattugiato 250 ml di panna fresca 50 ml di latte 100 g di speck Pepe nero in grani PREPARAZIONE
Tagliate lo speck a striscioline e fatelo rosolare in una padella antiaderente con poco olio extravergine di oliva. Una volta pronto, traferite in un piatto e conservate da parte. Nella stessa padella, versate il parmigiano grattugiato, la panna e il latte. Fate cuocere su fuoco dolce mescolando costantemente fino a far fondere il parmigiano e far ritirare leggermente la salsa.

Ricette

Speciale Carnevale
INGREDIENTI
250 g di farina "00" 100 g di zucchero 2 cucchiai di olio di oliva La scorza di un'arancia 100 ml di liquore tipo mandarinetto 2 uova Un pizzico di sale Olio di semi Zucchero a velo

Chiacchiere

PREPARAZIONE
Nel frattempo cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata e scolateli non appena vengono a galla. Conditeli con la fonduta di parmigiano e lo speck croccante, quindi spolverate con pepe nero macinato al momento. Disponete la farina a fontana, su una spianatoia. Al centro mettete lo zucchero, un pizzico di sale, l'olio di oliva, la scorza d'arancia, il liquore e le uova. Lavorate il tutto con le mani fino a ottenere una pasta morbida ma compatta. Copritela con un canovaccio e lasciatela riposare per 30 minuti. Trascorso il tempo necessario, stendetela in una sfoglia con uno spessore di mezzo cm. Ritagliate dei rombi con due tagli al centro, quindi incrociate le due estremit al suo interno, ricavando la tradizionale forma delle chiacchiere. Fate friggere in abbondante olio caldo e scolatele su carta assorbente. Quando saranno fredde cospargetele di zucchero a velo.

Ravioli con salsa di noci e brandy

INGREDIENTI PER 4 PERSONE


500 g di ravioli ripieni di ricotta e spinaci 250 ml di panna 70 g di noci sgusciate Brandy 1/2 Cipolla

Frittelle
500 g di farina 4 uova 150 g di zucchero 2 bicchieri di latte Una bustina di lievito Zucchero a velo Una scorza di limone grattuggiata Olio per friggere Sale Lavorate le uova con lo zucchero fino ad ottenere una crema Aggiungete la scorza di limone grattugiata, un pizzico di sale, la farina e il latte. Mescolate bene e, quando il composto omogeneo, aggiungete il lievito. Formate delle palline del diametro di circa 2 centimetri con un cucchiaio e gettatele nell'olio bollente. Quando sono cotte mettetele ad asciugare su di un piatto con carta assorbente e servitele spolverizzandole con lo zucchero a velo.

PREPARAZIONE
Tritate finemente una cipolla e lasciatela appassire in padella con lolio. Tritate le noci e aggiungetele alla cipolla, facendole tostare. Sfumate con il brandy, mescolando spesso. Infine aggiungete la panna e fate restringere il sugo. Nel frattempo fate cuocere i ravioli in abbondante acqua bollente e salata. Scolate i ravioli e spadellateli insieme al condimento.

PREPARAZIONE

Cultura &Spettacoli
Collettiva con tredici artisti
Gioved 13 marzo (alle ore 18), Interno18 presenta la collettiva Nuova pittura italiana, ultima tappa di un importante progetto espositivo ideato da Enzo Cannaviello. Opere realizzate da tredici giovani artisti emergenti che trovano espressione comune nel mezzo pittorico: Giuseppe Abate, Elena Ascari, Irene Balia, Anna Caruso, Cosimo Casoni, Enej Gala, Riccardo Giacomini, Matteo Giagnacovo, Bruno Marrapodi, Silvia Mei, Isabella Nazzarri, Chiara Sorgato, Elena Vavaro. La mostra si concluder il 30 aprile.

Appuntamento stasera alle 20.30 con lo spettacolo del Balletto Teatro di Torino

Sabato prossimo, alle ore 21 sul palco del Teatro Comunale di Casalmaggiore, va in scena Lolita, di Valeria Raimondi ed Enrico Castellani con la collaborazione artistica di Vincenzo Todesco. Protagonista di questo spettacolo, tratto dal romanzo di Nabokov, la bravissima undicenne Olga Bercini, un metro e 36 daltezza (nella foto). Una sirenetta che legge sul computer unimmaginaria lettera di congedo di un orco che parla di amore, annuncia il proprio ruolo in un gioco di societ, testimonia la sua et saltando su una corda, cantando e parodiando il karaoke, sfoggiando esercizi di arti marziali, avendo per s piccole cure narcisistiche infantili ma con incubi da donna. E cresciuta tra i condizionamenti dei genitori e dei coetanei, su quelli delleducazione, della societ e dei suoi modelli. Ha sognato principi azzurri, si imbattuta in lupi. Si bloccata a unet di mezzo, tra adolescenza e giovinezza, ferita da occhi che lhanno adorata e sguardi che lhanno spogliata raccontando cos il corpo femminile e la sua influenza sulla percezione del ruolo della donna nella societ di oggi. Babilonia Teatri esplora, con il suo personalissimo linguaggio, un tema di attualit: il corpo della donna e il suo utilizzo mediatico. Senza ipocrisia e, al tempo stesso, senza la presunzione di fornire risposte univoche e definitive. Lolita appassiona e invita a riflettere mettendo lo spettatore di fronte alle contraddizioni che viviamo.

Lolita in scena a Casalmaggiore

rande appuntamento con la danza, stasera alle 20.30 al Teatro Ponchielli. Il Balletto Teatro di Torino propone Musica divina, In programma InMozart, coreografia di Matteo Levaggi e musica di Michael Nyman e Ciaikovskij Suites, coreografia di Matteo Levaggi e musiche di Ptr Il'ic Ciajkovskij. Matteo Levaggi tra i coreografi italiani pi seguiti nel panorama internazionale. Con Musica divina prosegue la sua ricerca sulla possibile unione tra danza classica e moderna. La musica di Nyman ispirata a Mozart diventa un pezzo musicale esplosivo in cui la danza ben ancorata al vocabolario classico, come del resto qui la musica, ma attraversata da un grande sentire contemporaneo E nella seconda parte Levaggi affronta il pi celebre dei compositori del mondo della danza e non solo, Ptr Il'ic Ciajkovskij. Partendo dal-

La danza al Ponchielli diventa Musica divina


dalla redazione
Un momento dello spettacolo (foto Luca di Bartolo)

la profondit del vocabolario classico la serata si muover con spirito contemporaneo, focalizzando lattenzione sul legame tra le tre grandi composizioni di Ciaikovskij, quindi la musica, e il movimento. Il Balletto Teatro Di Torino viene fondato negli anni 70 dalltoile del Teatro Regio Loredana Furno. Da subito creano per il Btt coreografi come

Milorad Miskovitch, Vittorio Biagi, Loris Gai e Roberto Fascilla. Successivamente verranno invitati autori contemporanei come Bertrant DAt, Job Sanders e Karole Armitage. Dal 2001 Loredana Furno ridefinisce il profilo artistico del BTT scegliendo come coreografo stabile Matteo Levaggi, che plasma sulla sua particolare qualit di movimento i nuo-

vi danzatori della compagnia. Il Balletto Teatro di Torino, oltre ad aver portato i suoi spettacoli nei maggiori teatri italiani, ha realizzato numerose tourne allestero: in Usa, Sudamerica, Russia ed Asia. Dal 2009 la compagnia residente della Lavanderia a Vapore, Centro di eccellenza per la danza voluto dalla regione Piemonte e dal Comune di Collegno.

Rigore formale ed economia espressiva. Scrivere come lavorare su un mucchio di cenere: questo il complesso Beckett degli anni 70, quello di Lessness e Company, che reca a vessillo un motto non pi esistenzialista n tragicomico. A mettere in moto la recente produzione di Michele Lombardelli proprio questa versione stanca del drammaturgo irlandese, che in un momento di impasse creativa produce il miglior elogio della forma residuale e della pochezza espressiva: lavorare su ci che resta, secondo una precisa grammatica dei materiali, dei loro processi di manipolazione e della loro posizione nello spazio. E con una logica

Esplorare il disegno attraverso luso di uno strumento al Crac


estranea alliperproduzione. Cos scrive il curatore Simone Frangi, nel recensire una mostra del 2010 ed ci che caratterizza ancora la ricerca e il mondo delle forme che interessano lartista. Nel progetto proposto al Crac (fino al 15 marzo in via XI Febbraio 80) vengono attivati due laboratori da tenersi con gli studenti, con lo scopo di esplorare il disegno attraverso luso di uno strumento: la camera chiara o lucida, in disuso con la nascita della fotografia; e di una tecnica: la fotoincisione, per trasferire qualsiasi segno o lavoro fotografico su una matrice da cui trarre stampe. La camera chiara o lucida, entr in scena nel 1807 per mano dello scienziato inglese

William Hyde Wollaston, essa consisteva in un prisma di vetro legato ad un'asticella sormontante una tavoletta su cui era posto un foglio di carta. La camera lucida era uno strumento agile e poco ingombrante ma richiedeva comunque una buona dose di abilit manuale per poter essere davvero utilizzata. Il prisma permetteva al disegnatore di vedere contemporaneamente il soggetto da ritrarre e il foglio sul quale doveva disegnarlo. Per loccasione lo spazio espositivo del Crac assumer le parvenze di una bottega artigiana, sar istallata una natura morta e dei calchi di gesso, soggetti da ricopiare che faranno parte dellallestimento.

Viene inaugurata oggi pomeriggio lesposizione di una quarantina di opere dellartista


di Tiziano Guerini Nuova mostra di pittura nei chiostri del San Domenico a Crema: il pittore cremasco Gil Macchi espone una quarantina di quadri che intendono essere il racconto del suo viaggio - che ormai dura da oltre un trentennio - attraverso larte del colore. Linaugurazione della mostra prevista per oggi pomeriggio, alle ore 17 al Teatro San Domenico. Dalla primissima formazione artistica alla Scuola del Castello di Soncino e allAccademia Carrara di Bergamo, attraverso una lunga esperienza pittorica che lha portato a visitare ed a dipingere Venezia (lisola di Burano), la Bretagna, la Provenza: questi i suoi luoghi ideali. Ma certamente anche
Il pittore Gil Macchi

Una Crema suggestiva nei quadri di Macchi

la sua amata citt di Crema; e proprio a La mia Crema dedicata la mostra che rimarr aperta ai visitatori fino al 16 marzo (orario: dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, escluso il luned). Crema e soprattutto i tetti di Crema, sono infatti il motivo ricorrente di tanti suoi quadri: acquarello, olio, acrilico,incisione, molte tecniche come modi di esprimere una sola grande passione con sensibilit e intelligenza. Finestre aperte sulla citt - commenta Silvia Merico, presentando questa mostra - sguardi rubati a un rapido paesaggio, prospettive sbirciate da una fessura: cos la Crema sognata prende il posto di quella reale come in una appassionata e infinita storia damore.

LIstituto Comprensivo Crema Tre e la Scuola Media Galmozzi, entrambi con indirizzo musicale, organizzano con il patrocinio del Comune di Crema, un pomeriggio musicale a favore dei profughi della Siria dal titolo SuoniAmo per la pace, questo pomeriggio alle ore 17 presso la sala Pietro da Cemmo del Centro culturale S. Agostino in piazzetta W. De Gregory a Crema. Ospiti dellevento musicale Mario Piacentini Trio (Mario Piacentini pianoforte, Fabio Crespiatico contrabbasso, Marco Tonin batteria) e inoltre Roberto Quintarelli al flauto, con Pier Angelo Mulazzani al pianoforte e con il quartetto di flauti Gruppo Zefiro. Partecipazione straordinaria ed eccezionale della Junior Band di Ombriano-Crema.

Pomeriggio musicale a favore dei profughi

Si tenuta lo scorso luned in un affollatissimo Teatro San Domenico, la premiazione della IV edizione del Concorso di scrittura indetto dal Franco Agostino Teatro Festival in collaborazione con il Comitato Soci Coop di Crema e lAssociazione Culturale Caff Letterario cittadino. Sul palco i finalisti del Concorso che questanno si ispirava al tema del

Premiati al San Domenico i vincitori del concorso di scrittura


sogno, collegato alla XVI edizione della manifestazione dal titolo Noi, Sognat(t)ori. Aperto a tutti i giovani dagli 11 ai 20 anni, la prova stata suddivisa in due categorie in base allet: gli Scrittori in erba e gli Under 14. A giudicare i lavori pervenuti, una giuria composta dai rappresentanti delle associazioni organizzatrici (Franco Agostino Teatro Festival, Comitato Soci Coop di Crema, Caff Letterario) e un presidente deccezione, lo scrittore Cristiano Cavina che nel corso della serata ha presentato il suo ultimo libro - Inutile tentare imprigionare sogni - dispensando consigli utili per chi intende intraprendere laffascinante mestiere dello scrittore. E arrivato poi il momento di proclamare i

Proiezione del film Il discorso del re

vincitori, anzi le vincitrici: per la sezione Scrittori in erba Giulia Ghidotti del Liceo Linguistico Racchetti di Crema, classe IIID, con Una zattera verso il blu; per gli Under 14, la bergamasca Gloria Invernizzi della Scuola Media Ferruccio DellOrto di Brembate di Sopra con I sogni usciti dal cassetto. T.G.

E stata presentata la terza edizione della rassegna Sacre scene voluta e curata dal Centro culturale diocesano di Crema Gabrile Lucchi. Si articoler in 5 appuntamenti fra marzo e giugno. Il primo appuntamento per domani sera alle ore 20.45 in sala Pietro da Cemmo al centro culturale S. Agostino di Crema. In programma una interessante Lectio Dantis con brani della Divina Commedia scelti e pre-

Cinque appuntamenti di Sacre scene

sentati da monsignor Carlo Ghidelli (nella foto), cui dedicato tutto il festival) vescovo emerito; lettura da parte degli allievi della scuola di recitazione del teatro San Domenico. Accompagnamento musicale di Riccardo Filippini. La serata dedicata in particolare a tutte le donne e a tutte le associazioni che si occupano delle donne, in occasione della ricorrenza della festa della donna (lingresso libero).

Per la rassegna dedicata al cinema del Teatro San Domenico, domenica 9 marzo alle ore: ore 17 verr proiettato il film del 2011 Il discorso del re, diretto da Tom Hooper, con Colin Firth, Geoffrey Rush, Helena Bonham Carter, Guy Pearce. Dopo la morte di suo padre Giorgio V e labdicazione del fratello Eduardo, il Duca di York Bertie viene incoronato Re Giorgio VI dInghilterra, ma soffre da sempre di una grave forma di balbuzie che lo imbarazza. Con il suo paese sullorlo della guerra e disperatamente bisognoso di un leader, sua moglie Elisabetta organizza al marito un incontro con un eccentrico logopedista nella speranza di farlo guarire

lo
lettere@ilpiccologiornale.it

Smaltita la delusione per leliminazione in Coppa Italia, la squadra di Torrente punta ancora al primo posto

La Cremonese deve credere nella vetta


AlbinoLeffe-Reggiana Feralpi Sal-Pavia Lumezzane-Cremonese Pro Patria-Vicenza Pro Vercelli-Como Savona-San Marino Unione Venezia-Carrarese Virtus Entella-SudTirol

Il Crema obbligato a vincere

ECCELLENZA

SPORT

Responsabile Fabio Varesi

Turno da dimenticare per le cremasche. Il Crema, in vantaggio di un gol, stato sconfitto dal Villa dAlm. Domani contro il Real Milano la vittoria dobbligo. Malgrado linnesto di Kewullay Conteh, la Rivoltana ha ceduto anche a Mariano e ora ultima.

CLASSIFICA (20 giornata) Sondrio 46; Ciserano 44; Galbiatese Oggiono 39; Cavenago 31 Mariano 30; Fanfulla 29; Verdello 28; Desio 27; Trevigliese 26; Ardor Lazzate 25; Real Milano 22; Crema, Villa dAlm 21; Cisanese 18; Base 96 17; Rivoltana 15.

opo aver detto mestamente addio alla Coppa Italia, la Cremonese pronta a fare cinquina nella sfida interna contro il SudTirol. In caso di vittoria, infatti, i ragazzi di mister Torrente conquisterebbero la quinta vittoria stagionale tra le mura amiche dello Zini. Un bottino sin qui piuttosto magro che potrebbe essere una delle chiavi vincenti per questo finale di stagione. Domani, in realt, la societ si attende sul campo una pronta risposta dopo luscita di scena in Coppa, con la doppia sconfitta contro il Monza dei baby. La cabala, peraltro, sembrerebbe essere favorevole. Il SudTirol, infatti, non ha mai vinto allombra del Torrazzo (dove, tra laltro, ha perso la finale dei playoff di C2 nel 2004) ed peraltro reduce da due sconfitte consecutive che hanno interrotto un bel filotto di otto risultati utili consecutivi a cavallo della pausa natalizia. Il tecnico Claudio Rastelli, oltretutto, dovr far fronte ad una situazione di emergenza viste le assenze per squalifica di Tagliani e Bassoli (fermati per un turno dal giudice sportivo) e di Vassallo, che sta ancora scontando la terza delle quattro giornate di squalifica rimediate ad inizio mese. Indisponibile sar anche DellAgnello, rimasto vittima di una grave infortunio in

1-0 4-2 0-1 1-1 1-1 0-0 1-2 2-0

CLASSIFICA GIRONE A

LEGA PRO Domani i grigiorossi inseguono la quinta vittoria allo Zini contro il temibile SudTirol
di Matteo Volpi

PRIMA DIV. 22 GIORNATA

Virtus Entella 44 Pro Vercelli 39 Cremonese 37 Vicenza (-4) 36 Como 33 U. Venezia 33 AlbinoLeffe (-1) 33 Savona 32 SudTirol 30 Feralpi Sal 29 Lumezzane 26 Pro Patria (-1) 23 Reggiana 22 Carrarese 22 San Marino 15 Pavia 15

IL PROSSIMO TURNO (02-03 h 14.30)


Carrarese-Lumezzane, Como-Feralpi Sal, CremoneseSudTirol, Pavia-Virtus Entella, Reggiana-Savona (03-03 h 20), San Marino-Pro Vercelli, Unione Venezia-Pro Patria, Vicenza-AlbinoLeffe.
allenamento che lo terr lontano dai campi fino a fine stagione. In casa Cremonese, al contrario, si sono rivisti segnali di ripresa anche da parte di infortunati di lungo corso come ad esempio Visconti, in gol proprio nella sfida infrasettimanale del Brianteo. Per la sfida di domani, tuttavia, Torrente dovrebbe confermare il blocco dei titolari scelti nelle
Casoli contro il Lumezzane (foto Ivano Frittoli)

ultime uscite con difesa arcigna (nella quale torner a disposizione Abbate dopo il turno di squalifica) e centrocampo bloccato a sostegno della coppia offensiva formata da Della Rocca e Brighenti, coadiuvata sulle corsie esterne da Palermo e da Campo che sar il grande ex della sfida, essendosi trasferito in grigiorosso proprio nel recente mercato di gennaio. Sino alla

gara dandata era lui lo spauracchio principale: ora non dovrebbe farci pi gol. CREMONESE (4-4-2): Galli; Caracciolo, Moi, Abbate, Bergamelli; Campo, Bruccini, Armellino, Palermo; Della Rocca, Brighenti. All.: Torrente. COPPA ITALIA Dopo aver eliminato la Cremonese, il Monza sfider la Salernitana nella finale della coppa.

Con il nuovo tecnico arrivata la preziosa vittoria contro il Rimini e domani atteso il bis sul campo del Bra

La Pergolettese si rialzata e spera ancora


di Tiziano Guerini
Jeda contro il Rimini

Buona la prima per il neo allenatore dei gialloblu, Aldo Firicano: la Pergolettese muove e in due mosse d scacco al Rimini per una rete a zero. Prima mossa: un uomo dietro le punte a far da collegamento con il centrocampo per tutto il primo tempo, Jeda, fino a che stato costretto ad uscire per infortunio, sostituito nel ruolo da Cerniglia. Seconda mossa: Tacchinardi appena sopra la difesa a garantire pi copertura e nello stesso tempo una maggiore spinta. Allinizio anche qualche novit che non ti aspetti, come Jovine e Scietti in panchina, ma che comunque hanno saputo dare il loro prezioso apporto quando sono stati chiamati a sostituire rispettivamente Jeda appena prima della fine del primo tempo e Puccio alla mezzora del secondo tempo. La partita stata vivace ed intensa

nel primo tempo, confusa e tesa nella seconda parte, con lultimo quarto dora con in pi ben cinque minuti di recupero - con la difesa del Pergo in affanno. Ma tant: bisognava vincere e s vinto. Il motore si riacceso, come ci si attendeva; si vedr nelle prossime partite se sapr anche correre. Nel primo tempo, dopo un bel colpo di testa

di Cesca (numero 9 del Rimini), tocca a Giovannini rispondere con un altrettanto bel colpo di testa su calcio dangolo. Poi al 29 lazione pi bella di tutta la partita che procura il vantaggio del Pergo: Bardelloni avvia lazione mettendo in movimento Cerniglia sulla destra dellarea avversaria, palla messa al centro a ridosso del portiere dove

lo stesso Bardelloni la sospinge in porta con una scivolata. Purtroppo sul finire del tempo Jeda costretto a lasciare il campo per infortunio: speriamo non sia linizio di un nuovo lungo forfait per il giocatore di maggior spessore ed esperienza del Pergo! Il secondo tempo segue il copione classico: il Rimini a premere, sia pure senza mettere in eccessivo affanno la difesa di casa e il Pergo ad affidarsi a qualche sporadico contropiede solo raramente pericoloso. La nota di maggior pregio arriva al 13, con una parata miracolosa di Scotti su tiro forte e preciso di Cerniglia. La vittoria, preziosa per il morale e lautostima di giocatori e che d qualche tempo in pi al neo allenatore per conoscere meglio la squadra, per la classifica poco pi che un brodino. Domani per si va a Bra dove, da un po di tempo, le squadre ospiti passeggiano: non vogliamo sia per forza

una passeggiata, ma certo i tre punti sono dobbligo per rialzare la testa. ***

25 GIORNATA AlessandriaRenate 0-3, Bellaria-Bassano 0-3, Castiglione-Mantova 1-3, CuneoForl 2-0, Pergolettese-Rimini 1-0, Real Vicenza-Delta Porto Tolle 1-0, Spal-Santarcangelo 1-0, Torres-Bra 1-0, Vecomp VeronaMonza 0-1. 24 GIORNATA (02-03 h 14.30) Bassano-Real Vicenza, Bra-Pergolettese, Delta Porto Tolle-Spal, Forl-Alessandria, Monza-Cuneo, Renate-Bellaria, Rimini-Mantova, SantarcangeloVecomp, Torres-Castiglione. CLASSIFICA Bassano 51; Santarcangelo, Spal 42; Renate, Real Vicenza, Monza 41; Mantova 38; Alessandria 37; Forl 35; Rimini, Vecomp 34; Torres 33; Pergolettese 31; Delta Porto Tolle, Cuneo 29; Castiglione 23; Bellaria 12; Bra 8.

SECONDA DIVISIONE

Di male in peggio. La Casalese non riesce a superare i propri limiti e si arrende anche al Montecchio, con lo stesso punteggio di 1-0 col quale vinse allandata in terra reggiana. I problemi in fase offensiva sono quelli che al momento preoccupano di pi: la squadra non riesce a finalizzare le proprie azioni, alcune delle quali di buona fattura. Gli attaccanti, schierati a rotazione (causa infortuni), non riescono ad andare alla conclusione. Daccordo che il tipo di gioco imposto da mister Agazzi prevede la partecipazione delle punte alla manovra e il loro utilizzo in pressing senza possesso di palla, ma in fondo il mestiere di un attaccante quello di far gol e se ci non accade in genere sono guai grossi. Se poi ci si mette lerrore di qualche difensore, la frittata fatta. Alberto Bazzani un classe 1995 molto promettente, probabilmente far strada, ma per riuscirci deve far tesoro degli errori che commette per troppo irruenza sullavversario nella propria area. Domenica ha provocato il secondo rigore di fila, anche questo costato carissimo. Domani lunga trasferta sulle colline di Ciano dEnza, frazione di Canossa, match che allandata inaugur la serie di 4 vittorie filate. Si va a Canossa, speriamo non per fare atto di sottomissione. Ottime notizie invece dal fronte cremonesecremasco, dove si registrato un nuovo en plein: Soresinese e Luisiana hanno sbancato rispettivamente Codogno e Tribiano, il Casalbuttano ha piegato la Zanconti seconda forza del girone, e tutte senza subire gol. Ormai i playoff sono un obiettivo comune. CLASSIFICA (24 giornata) Termolan Bibbiano 56; Carignano 48; Castellana 43; Terme Monticelli 37; Castelnovese, Montecchio 35; Ciano, Fontana Audax Medesanese, Traversetolo 33; Cadelbosco, Brescello 31; Biancazzurra 28; Soragna 26; Casalese 22; Basilica 2000 18; Valtarese 12; Povigliese 6.

La Casalese deve provare a scuotersi


PROMOZIONE

24

Sabato 1 Marzo 2014

Sport
DALLITALIA & DAL MONDO

(F.V.) Sfida con le milanesi per le due contendenti allo scudetto. Sulla carta il compito pi duro attende la capolista Juventus (travolgente in Europa League), impegnata sul campo di un Milan in ripresa. La Roma, invece, ospita lInter che cerca il risultato di prestigio, anche se non sembra attrezzata per puntare a fare bottino pieno allOlimpico. Il Napoli, dopo il passaggio in coppa, deve vincere a Livorno per restare in lizza per il secondo posto, ma soprattutto per tenere a distanza la Fiorentina, che attende la visita di una Lazio ferita dalleliminazione in Europa. In zona salvezza spicca la sfida di Bergamo tra Atalanta e Chievo. 25 GIORNATA Bologna-Roma 0-1, Chievo-Catania 2-0, Inter-Cagliari 1-1, Juventus-Torino 1-0, Lazio-Sassuolo 3-2, Livorno-Verona 2-3, Napoli-Genoa 1-1, Parma-Fiorentina 2-2, Sampdoria-Milan 0-2, Udinese-Atalanta 1-1. 26 GIORNATA (02-03 h 15) Atalanta-Chievo, Cagliari-Udinese (h 12.30), Genoa-Catania, Fiorentina-Lazio (h 20.45), Livorno-Napoli (h 18.30), Milan-Juventus (h 20.45), Roma-Inter (01-03 h 20.45), Sassuolo-Parma, Torino-Sampdoria, Verona-Bologna. CLASSIFICA Juventus 66; Roma* 57; Napoli 51; Fiorentina 45; Inter 40; Verona 39; Parma* 37; Torino 36; Milan, Lazio 35; Genoa 32; Udinese, Sampdoria, Atalanta 28; Cagliari 25; Chievo, Bologna 21; Livorno 20; Catania 19; Sassuolo 17.

La Juve rischia a S. Siro

Serie A La Roma chiede strada allInter allOlimpico

Il piatto forte della 27 giornata il derby toscano tra Siena ed Empoli. I bianconeri, senza la penalizzazione, sarebbero terzi, mentre i biancazzurri occupano il secondo posto dietro il Palermo. Un match che si annuncia quindi equilibrato e molto interessante. La capolista di Iachini, infine, cerca di aumentare il vantaggio sulla terza, battendo un Bari in lotta per salvarsi. 26 GIORNATA Bari-Pescara 1-0, Carpi-Cesena 1-2, Crotone-Brescia 1-0, Juve Stabia-Cittadella 1-1, Novara-Reggina 1-0, PadovaEmpoli 0-1, Palermo-Spezia 1-1, Ternana-Siena 2-2, Trapani-Modena 2-0, Varese-Avellino 1-1, Virtus Lanciano-Latina 0-0. 27 GIORNATA (01-03 h 15) Avellino-Pescara (h 18), Brescia-Carpi, Cesena-Trapani, Cittadella-Novara, Latina-Padova (28-03 h 20.30), Modena-Crotone, Palermo-Bari, Reggina-Varese, Siena-Empoli, Spezia-Ternana, Virtus Lanciano-Juve Stabia. CLASSIFICA Palermo 47; Empoli 45; Cesena 42; Trapani, Virtus Lanciano 41; Avellino 40; Latina, Crotone, Spezia 38; Brescia 37; Carpi*, Siena 35; Pescara (-7) 34; Varese 33; Modena 32; Ternana 31; Bari (-3) 29; Novara 27; Cittadella, Reggina 22; Padova* 21; Juve Stabia 15. *Una partita in meno.

Serie B: Siena-Empoli Basket: EA7 Milano il piatto forte di oggi grande in Eurolega
Prima in campionato e in lizza per agguantare i quarti di finale di Eurolega. Risultati che confermano la crescita dellOlimpia Milano, che sembra aver cancellato lo scivolone in Coppa Italia. Gioved sera lArmani, grazie a un primo tempo devastante, ha piegato una grande squadra come il Panathinaikos. I greci, mai domi, nel finale hanno spaventato i milanesi, che alla fine sono riusciti a vincere per 77-75 (19-16, 41-26, 59-49 i parziali). Si tratta della quinta affermazione nella Top 16, nona su dieci in casa in Eurolega, che frutta il secondo posto in classifica. Insomma, Milano vuole proseguire la marcia in Europa, perch la final four si gioca proprio nel capoluogo lombardo e la squadra di Banchi sogna di esserci. Il tabellino di Milano: Gentile 8 (2/5, 1/2), Cerella 8 (1/2, 2/2), Melli 3 (0/1, 1/1), Hackett 5 (1/2, 0/3), Kangur (0/1 da tre), Langford 18 (1/7, 3/6), Samuels 16 (6/10), Toure ne, Wallace ne, Lawal 2 (1/2 dac due), Moss 7 (2/3 da tre), Jerrells 10 (1/2, 2/4). All.: Banchi.

Il successo con Pistoia ha regalato due punti preziosi alla squadra di Pancotto, ma la strada che porta alla salvezza ancora lunga

Mission impossible per la Vanoli


di Giovanni Zagni

SERIE A Biancoblu impegnati domani a Cant contro una delle squadre pi in forma del campionato
CLASSIFICA LEGA A 20 GIORNATA
Avellino-Cant Cremona-Pistoia Milano-Bologna Pesaro-Montegranaro Reggio Emilia-Brindisi Roma-Caserta Varese-Sassari Venezia-Siena

i voleva proprio il successo su Pistoia (81-76), per far punti sul fondo classifica che diventa sempre pi rovente, poich nessuno molla e sia i biancoblu che Montegranaro e Pesaro cercano in ogni modo di evitare lultima scomodissima piazza. Con Pistoia si vista una gara non bella sotto laspetto puramente tecnico, ma godibilissima dai punti di vista dellintensit e dellardore agonistico. Fisicamente una gran battaglia, con i cinque americani di Pistoia ad esaltare le loro virt fisiche, ma di contro la Vanoli a cercare di resistere, a rimbalzo soprattutto, sino al successo finale, per poi uscire allultimo con grande autorevolezza. A questo recupero negli ultimi minuti, partendo dai vantaggi di Pistoia, ha provveduto tatticamente coach Pancotto che ha messo Ndoja nel ruolo di ala piccola e Rich a portar palla, scombussolando un po i piani di Paolo Moretti che da par suo ci pare abbia fatto bene il suo lavoro. Ma strategicamente pensiamo che determinante sia stata la mossa di Pancotto che ha

59-77 81-76 89-66 88-75 76-68 82-79 91-112 66-71

Milano 30 Brindisi 28 Cant 28 Siena 26 Roma 24 Sassari 24 Reggio Emilia 20 Avellino 20 Caserta 18 Venezia 18 Pistoia 16 Varese 16 Bologna 16 Cremona 14 Montegranaro 12 Pesaro 10

Ben Woodside contro Pistoia (foto Mario F. Rossi)

Bologna-Roma (h 16.30), Brindisi-Varese, Cant-Cremona, Caserta-Avellino (h 20.30 Rai Sport 1), MilanoVenezia, Montegranaro-Siena, Pistoia-Reggio Emilia, Sassari-Pesaro.
portato al sorpasso negli ultimi 3 minuti. Rich ha preso per mano i suoi, dopo aver parecchio spadellato in precedenza. Insomma, gran battaglia e successo meritato con tutti i biancoblu (stavolta in sgargiante divisa gialla) a meritarsi sufficienza piena ed elogi per la combattivit e limpegno. Ora il calendario propone due trasferte difficilissime, la prima a Cant, la seconda a Roma. Non c da stare molto sereni anche se mai darsi per battuti prima di combattere, poich con Cant si vinto allandata e... non hai visto mai? Roma certamente meno competitiva dei lombardi di Marco Cusin, ma in casa sua fa veramente paura. Per preparare al meglio la sfida con Cant, la Vanoli ha affrontato mercoled in amichevole la Tezenis Verona (protagonista nel campionato di Lnp), vincendo 88-77. Da segnalare il rientro di Chase e linfortunio alla caviglia occorso a Woodside, che lo mette in forse per domani Infine, saltata unaltra panchina in serie A: dopo la netta sconfitta casalinga contro Sassari, Varese ha esonerato coach Fabrizio Frates e ha affidato la squadra a Stefano Bizzozi.

IL PROSSIMO TURNO (02--03 h 18.15)

Canturini piegati da una Vanoli in gran forma


Unaltra grande del campionato ha dovuto alzare bandiera bianca al PalaRadi. Dopo Sassari, infatti, anche Cant stata piagata da una Vanoli molto ispirata, che per ben due volte ha risposto alla rimonta della squadra di Sacripanti. In pratica i biancoblu sono sempre stati avanti nel punteggio, anche di oltre 20 punti e sono stati bravi a vincere il match, quando nel finale Cant arrivata anche a -2. VANOLI CREMONA-CANTU 98-91 (33-24, 64-45; 82-71) VANOLI CREMONA: Andrea Conti ne, Marchetti ne, Woodside 7 (0/2, 2/2), Tripkovic 11 (0/1, 3/5), Jarrius Jackson 25 (6/8, 3/10), Spralija 15 (4/5, 1/2), Ariazzi ne, Kalve 7 (2/2, 1/3), Basili ne, Kelly 8 (4/8 da due), Rich 19 (5/10, 1/3), Ndoja 6 (1/1 da tre). All.: Gresta. PALLACANESTRO CANTU: Abass 2 (1/1 da due), Jones 2 (1/2 da due), Uter 15 (7/9, 0/1), Rullo 3 (1/2 da tre), Leunen 5 (1/2, 1/4), Jenkins 26 (4/4, 5/13), Ragland 8 (0/4, 2/5), Aradori 14 (3/4, 2/3), Cusin 6 (3/7 da due), S. Gentile 10. All.: Sacripanti.

COSI ALLANDATA

La Tec-Mar Crema non ha fallito la prova del nove e ha colto un meritatissimo successo sul campo di Viterbo, contro una squadra galvanizzata dal successo ottenuto la settimana prima con il Civitanova. Alla fine stata pi che giustificata leuforia e la gioia in campo delle azzurre per un successo ampiamente meritato e che pu dare una svolta definitiva allesito della stagione. Naturalmente a questo punto della stagione vietato sedersi, perch Norma Rizzi domani in programma il match contro un Civitanova Marche assetato di punti. Con le marchigiane, circa un mese fa, iniziata la riscossa delle cremasche e domani Caccialanza & C. vogliono continuare la loro rincorsa verso un obiettivo (la salvezza) che al momento sembra ampiamente a portata di mano. 4 GIORNATA Brindisi-Ferrara 58-64, Civitanova Marche-Salerno 63-62, Viterbo-Crema 48-62. 5 GIORNATA (02-03 h 18) CremaCivitanova Marche, Ferrara-Viterbo (0103 h 14.30), Salerno-Brindisi (h 18). CLASSIFICA Brindisi 14; Ferrara 10; Crema, Salerno 8; Civitanova Marche 6; Viterbo 2.

La Tec-Mar inizia a vedere la salvezza

BASKET A2

Anche se sconfitta, lMgKVis Piadena uscita a testa alta dal match contro la capolista Virtus Imola, che si imposta (non senza patemi) grazie alla freddezza di Francesconi dalla lunetta negli ultimi secondi di partita. Una buona prestazione che deve dare coraggio ai piadenesi, impegnati stasera in un match assolutamente da vincere contro il Nerviano. 20 GIORNATA Calolziocorte-Saronno 82-69, Crema-Bernareggio 73-59, LissoneMilanotre 84-55, Nerviano-Bergamo 59-71, Pisogne-San Lazzaro di Savena 103-102, Reggio Emilia-Murri Bologna 78-68, Virtus Imola-Piadena 68-63. 21 GIORNATA (01-03 h 21) BergamoReggio Emilia (02-03 h 18.30), BernareggioLissone (02-03 h 18), Milanotre-Calolziocorte, Murri Bologna-Crema, Piadena-Nerviano, Saronno-Pisogne, San Lazzaro di Savena-Virtus Imola (02-03 h 18). CLASSIFICA Virtus Imola, Bergamo 30; Lissone, Milanotre 26; Saronno 24; Crema 22; Nerviano, Murri Bologna 20; Pisogne 18; San Lazzaro di Savena, Piadena, Reggio Emilia 14; Calolziocorte 12; Bernareggio 10.

La prova di Imola deve dare coraggio a Piadena

Una Tessilform Bernareggio attenta e con grande cuore, dimostra di non meritare lultimo posto in classifica ed impegna fin quasi a fine partita lErogasmet Crema, ancora una volta condotta alla vittoria da un grande Cardellini. Privi per la seconda partita consecutiva del proprio miglior marcatore, Galiazzo, gli uomini di Galli hanno fatto di necessit virt, cercandosi e giocando di squadra per sopperire allassenza del giocatore pi talentuoso. Inizio equilibratissimo, con Taborelli a creare grattacapi nel pitturato cremasco e lErogasmet che replica soprattutto con Denti ed Anzivino. Tra sorpassi e controsorpassi si arriva a fine quarto sul 20-19 per i padroni di casa. Nel secondo quarto i leoni biancorossi sembrano poter prendere il largo arrivando anche sul 31- 23, ma un fallo antisportivo molto dubbio fischiato a Colnago consentiva a Bernareggio di riportarsi sotto dalla lunetta, trovando poi il meno tre con il canestro di Quartieri a pochi

Erogasmet a caccia di conferme nel Bolognese


BASKET DNC

Colnago contro Bernareggio

istanti dalla sirena. Dopo lintervallo i grigi dimostrano di avere lantisportivo facile, sanzionando anche Tagliaferri, Spinelli e Denti. Gli uomini di Sacchi compiono nel terzo quarto lo sforzo

maggiore. Approfittando di un calo di tensione dei padroni di casa, piazzano un parziale di 10-0 e si portano in avanti chiudendo il quarto sul 52-48. Nellultimo quarto i milanesi pagano lo

sforzo e la limitatezza nelle rotazioni. Delle Donne, splendido protagonista per tre quarti, deve arrendersi alla mancanza di allenamento a causa dellinfortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per due mesi e dallaltra parte salgono in cattedra Colnago e soprattutto Cardellini. I due rubano un pallone dopo laltro ai portatori di palla avversari e volano in contropiede piazzando lallungo decisivo. Finisce con gli Under in campo e lErogasmet chiude il match sul 73-59, conquistando il secondo successo consecutivo ed issandosi al sesto posto della classifica. Il match di stasera vede i cremaschi impegnati in trasferta a Castiglione Murri, contro unavversaria che insegue a soli due punti di distanza. Punti di forza della formazione bolognese, sono lala Lollini ed il centro Albertini, migliori marcatori della formazione di coach Carretto, che allandata a Crema fece vedere ottime cose. Marco Cattaneo

om e Volksbank si sono affrontate gioved per il terzo test amichevole della stagione e hanno risolto la contesa al termine di quattro set ben giocati e che permettono ai tecnici Beltrami e Bonafede di trarre interessanti indicazioni in vista del fase finale di stagione. In particolare, le casalasche sono apparse in palla e alla fine si sono imposte per 3-1. Un buon test per tenere alta la concentrazione, in un periodo molto lungo senza partite ufficiali, visto che domenica scorsa il campionato si fermato per lasciare spazio alla Coppa Italia (vinta da Piacenza in finale su Bergamo) e che domani la Pom osserver il turno di riposo. Il ritorno in campo per vicino: mercoled 5 marzo, infatti, in programma un turno infrasettimanale, con le casalasche impegnate a Viadana contro Urbino. Un match molto importante per accedere ai playoff, che la squadra di Beltrami deve assolutamente vincere, per sperare di arrivare alla post season, un risultati di grande valore per una neopromossa. POMI-VOLKSBANK 3-1 (25-18, 28-26, 22-25, 25-19) POMI CASALMAGGIORE: Agrifoglio, Lipicer 6, Zago 10,

Pom proiettata al match con Urbino


VOLLEY A1 Nel test amichevole contro Bolzano le casalasche hanno confermato di essere in forma Giulia Verona sugli scudi nei campionati regionali
Gennari 18, Stevanovic 13, Aguirre Perdomo 9, Sirressi, Camera, Olivotto 6, Bacchi 9, Quiligotti, Grazietti 3, Aguero ne. All.: Beltrami.. VOLKSBANK BOLZANO: Giora, Porzio 9, Papa 9, Ceron 2, Menghi 6, Gentili 3, Medaglioni (L), Cumino 3, Bertolini 3, Fogagnolo 5, Waldthaler 1, Korobkova 15, Zancanaro ne, Favretto ne. All.: Bonafede. 16 GIORNATA (05-03 h 20.30) Casalmaggiore-Urbino, Forl-Bergamo, Frosinone-Novara, Modena-Conegliano, Ornavasso-Piacenza (diretta su Rai Sport 1). Riposa: Busto Arsizio. POMI CUP Il trofeo riservato alle formazioni Under 16 delle province di Mantova, Cremona, Reggio Emilia e Parma, il territorio che gravita attorno allimportante realt pallavolistica di Casalmaggiore e che rappresenta il naturale bacino di sponsor e spettatori della Vbc Pom. Ognuna delle quattro province sar rappresentata dal quadrangolare in programma l8 e 9 marzo prossimi al Pala Pom G. Farina di Viadana, con la presenza di Joy Volley Time Casal-maggiore, Viadana Volley, Sport Club Parma e Volleyball San Martino in Rio, societ nella quale ha iniziato a giocare una delle atlete della

25 Dopo il turno di riposo la squadra di Beltrami sar impegnata mercoled in uno scontro diretto per laccesso ai playoff
Sabato 1 Marzo 2014

Sport

NUOTO

(M.R.) Incetta di medaglie ai campionati re-gionali di categoria. Giulia Verona stata la grande protagonista con ben 5, di cui gli ori nei 100 farfalla e nella staffetta 4x100 mista con il Team Lombardia. Argento nei 200 rana nei 100 stile e nellaltra staffetta 4x100 stile. Due ori per la Baldesio nei 200 rana con Federico Scotti e Camilla Villa. Argento per Marco Zanetti e bronzo per lo stesso nei 400 misti. Nei 200 rana sul podio anche gli atleti del Cs Stradivari Emma Fanfoni (argento) e Vanessa Cavagnoli (bronzo).

La Pom in azione

Pom, Alessia Gennari. Le semifinali, che si svolgeranno sulla distanza dei tre set, si disputeranno sabato 8 marzo a partire dalle 15.15. La prima gara vedr affrontarsi Joy Volley Casalmaggiore e Viadana Volley, a seguire alle 17 la sfida tutta emiliana tra Sport Club Parma e Volleyball San Martino in Rio. La finalissima, al meglio dei cinque set, si svolger domenica 9 marzo alle 15 sul campo rosa con led a bordo campo gi allestito per la gara che andr in scena a seguire tra Pom e Frosinone.

CLASSIFICA

SERIE A1 14 GIORNATA
Busto Arsizio- Ornavasso Casalmaggiore-Piacenza Frosinone-Bergamo Modena-Forl Novara-Urbino

2-3 3-0 3-0 3-0 3-0

Piacenza 33 Modena 28 Conegliano 27 Bergamo 26 Busto Arsizio 23 Novara 21 Casalmaggiore 15 Urbino 14 Ornavasso 13 Frosinone 6 Forl 4

Bergamo-Busto Arsizio, Forl-Ornavasso, Novara-Modena, Piacenza-Frosinone, Urbino-Conegliano (01-03 h 20.30 Rai Sport 1). Riposa: Pom Casalmaggiore.

IL PROSSIMO TURNO (02-03 h 18)

Alessandro Orsi del Pattinaggio Primavera di San Daniele Po ha ricevuto la convocazione in Nazionale. Si tratta di una conferma che premia la tenacia e la determinazione del giovane pattinatore, reduce purtroppo da un annata tribolata a causa degli infortuni. Tuttavia lo staff azzurro ha notato le doti tecniche di Orsi e giustamente le vuole valorizzare. RUGBY Torna domani il campionato di serie C. Il Rugby Crema ospita il Dalmine, il Cremona Rugby affronta il Rugby Valle Camonica a S. Sigismondo, mentre Casalmaggiore impegnato a Cernusco.

Pattinaggio a rotelle, Orsi va in Nazionale

Due pareggi per le formazioni cremasche impegnate negli incontri di andata del primo turno del campionato italiano per societ. Questo pomeriggio il match di ritorno. ACHILLE GRANDI Cera curiosit per lesordio e il risultato finale (0-0) non forse quello che aspirava la bocciofila del presidente Rodolfo Guerrini. Sulle corsie del comunale Visconti & C. non hanno giocato al meglio delle loro possibilit ma bisogna dire che alcuni episodi hanno giocato al rovescio per la formazione di Elia Avaldi. Nella specialit individuale Roberto Visconti, vinto nettamente il primo set (8-1) perdeva il secondo contro Massimo Crippa per 6-8. Molto equilibrato lincontro di terna dove Guerrini-Visconti-Zagheno esordivano con una sconfitta (7-8!), poi riequilibravano il match vincendo 8-6. Difficolt per i cremaschi anche nei due incontri di coppia: Roberto e Mattia Visconti trovavano disco rosso nel primo set (6-8), ma simponevano nel secondo per 8-5 e stessa sorte per GuerriniZagheno, bene nel primo game (8-5), ma qualche difficolt nel secondo perso 3-8. Oggi sulle corsie del bocciodromo di Appiano Gentile servir in campo una Grandi determinata e con personalit per vincere e qualificarsi. PIERANICA Soddisfazione per la formazione di Francesco Cremona che torna da Ternate con un pareggio (1-1) che lascia buone prospettive in vista del match di ritorno di questo pomeriggio al comunale. Lindividualista Egidio Tresoldi vinceva il primo set (8-1), ma subiva un cappotto dai varesini nel successivo. Stessa sorte per la terna Benzoni-Giana-Lotti: bene nel primo (8-5) ko nel secondo 0-8! Note stonate per Benzoni-Giana disco rosso con un doppio 8-1 ma ci pensavano Lotti e Carelli a rimettere in carreggiata la loro squadra vincendo 8-5 ed 8-6. M.M.

Per Grandi e Pieranica arriva lora della verit

GRUPPO A - 3 Turno STRADIVARI FADIGATI SIGNORINI vs BALDESIO vs BISSOLATI vs FLORA

Risultato 1-1 (4-5) 0-2 1-2 Risultato 1-3 1-1 (4-1) 2-1
9 7 6 3 2 0

GRUPPO B - 3 Turno SOMS CASC DLF


BISSOLATI FLORA FADIGATI BALDESIO SIGNORINI STRADIVARI

vs ASTRA vs TRANQUILLO vs LE QUERCE

Nel Campionato di societ in tre sono a punteggio pieno


BOCCE
di Massimo Malfatto lo Stradivari. La bocciofila guidata da Giancarlo Soldi si aggiudica il punto grazie a Petrini-Biazzi-Bianchessi mentre gli stradivariani riequilibrano il risultato con il successo di Minini. Senza vincitori n vinti gli altri incontri: si deve ricorrere ai pallini (ad oltranza!) dove spietato Bianchessi: finale 5-4! Infine, successo autoritario della canottieri Bissolati che ha superato il Fadigati. Note positive per Michele Miglioli, protagonista con Reghenzani e in terna con aggregato Perini. Bene anche Fanfoni con Pompini. GRUPPO B LAstra ribadisce di essere la squadra da battere, bene il Ferroviario, vittoria sofferta ma

CLASSIFICA GRUPPO A

CLASSIFICA GRUPPO B ASTRA CASC DLF LE QUERCE TRANQUILLO SOMS

9 9 6 2 1 0

PROSSIMO TURNO

Gruppo A (3 marzo) Signorini-Baldesio Bissolati-Stradivari Flora-Fadigati

Gruppo B (3 marzo) Dlf-Astra Tranquillo-Soms Le Querce-Casc

Terza giornata del campionato provinciale a squadre con incontri equilibrati, due dei quali conclusisi ai pallini. GRUPPO A Rimangono a punteggio pieno Flora e Bissolati, accende il motore la Baldesio Successo del Flora che supera di stretta misura il Signorini. Per i rivieraschi vittorie di GereviniLuccini, della terna Zinetti-LucciniAntonioli e sconfitta di Francisco (contro Lupi) che poi compenser aggiudicandosi il set con Zinetti. Al termine di una prestazione di orgoglio e di sofferenza arriva il primo successo della Baldesio sul-

importante del Casc. Vince ma non convince la bocciofila di Pozzaglio contro una Soms che conferma quanto di buono (ma anche di dissennato!) aveva fatto nei precedenti incontri. Per lAstra vittorie delle coppie Trombini-Sonzogni, FerrariCabrini e della terna Ferrari-Trombini-Cabrini mentre nella Soms ancora un sussulto di Blasco. Vince anche il Dlf grazie ai successi di Ghisolfi-Mereni-Monfredini e di Bonetti-Mammoliti mentre per Le Querce bravi Franzini e Ferrari. Si conclude in parit il match tra Casc e Tranquillo: esultano BennaDaguati per i sanitari e FontanaMametti-Motti tra i soresinesi. Ai pallini vince il Casc.

Guerrini e Zagheno vincono il Trofeo Vis Trescore


Ci sono giocatori che hanno un feeling speciale con certe gare, in questo caso con la Vis Trescore ed uno di questi Stefano Guerrini che nellottobre del 2012 vinse in coppia con Zagheno, ha replicato (individuale) nel maggio 2013 ed ora ha fatto tris sempre con Andrea. I neoarrivati della Achille Grandi hanno dettato legge superando nei quarti gli offanenghesi Carniti-Lupi Timini, in semifinale i beniamini di casa Venturelli-Pezzetti ed in finale i cremonesi Massimo Sonzogni e Piercarlo Trombini per 12-9. Quarto posto per i bagnolesi Premoli e Defendenti sconfitti in semifinale dai portacolori dellAstra. Successo soresinese nella categoria C/D grazie a Giuseppe Palandi e Franco Motti. I portacolori della Tranquillo simponevano nei quarti su Benzi-Paloschi (12-5) ed in semifinale eliminavano i compagni di squadra Brocchieri-Panighetti per 12-4. Approdavano in finale anche Danilo ed Italo Lanzi che avevano la meglio su Gusmini-Moioli (12-8) e in semifinale si sbarazzavano dei bresciani Foschetti ed Oneda con un perentorio 12-3. Niente da fare in finale per gli offanenghesi sconfitti da Palandi e Motti con il punteggio finale di 12-7. Ha diretto la gara Gianpietro Raimondi, arbitri di finale G. Franco Capetti ed Erminio Erba. M.M.

I vincitori Guerrini e Zagheno

HOCKEY PISTA SERIE A2

(M.R.) La Pieve 010, grazie ad una positiva prestazione corale, tornato vincitrice dalla delicata trasferta di Sandrigo. Si affermata per 4-1 soprattutto grazie ad una positiva prova nella ripresa. Nel primo tempo, infatti, al gol iniziale di Mattia Civa ha fatto seguito il pareggio di Pozzato grazie a un penalty. Sandrigo nella ripresa cerca di ovviare al calo fisico spezzettando il gioco con alcuni falli. Nonostante lespulsione temporanea di Baffelli, la Pieve 010 non cade nella trappola ed impone la sua forza sullavversario colpendolo con altri due gol di Mattia Civa e Marchini, che decretano la resa dei padroni di casa. Il sodalizio pievese ha sfruttato al meglio il turno di riposo della capolista Valdagno, ora distante solo 4 punti.

Pieve 010 a 4 punti dalla vetta Momento difficile per la Bissolati


Oggi turno di riposo del campionato ed alla ripresa del 8 marzo sulla pista di San Daniele Po sar di scena proprio il Valdagno Pordenone. 16 GIORNATA Bassano-Modena 6-4, Castiglione-Montecchio Precalcino 3-2, Eboli-Vercelli 2-15, Sandrigo-Pieve 010 1-4, Scandiano-Thiene 10-1. Ha riposato: Valdagno Pordenone. 17 GIORNATA (08-03) Bassano-Sandrigo, Modena-Scandiano, Montecchio PrecalcinoThiene, Pieve 010-Valdagno Pordenone, VercelliCastiglione. Riposa: Eboli. CLASSIFICA Valdagno Pordenone 35; Pieve 010 31; Scandiano, Bassano 25; Sandrigo, Castiglione 24; Vercelli 21; Montecchio Precalcino 19; Thiene 14; Eboli 11; Modena 0. La Bissolati sabato scorso a Legnano ha ceduto 8-6 contro lo Sporting Club Milano 2, avversario alla portata essendo una neopromossa. Il punteggio non evidenzia il modo con cui i biancoazzurri hanno perso il match. Infatti, una volta passati in svantaggio, non sono riusciti a rientrare in clima partita come avrebbero voluto. Sono andati sotto, soprattutto mentalmente. Hanno subto un passivo di 3-1 nel primo periodo, per poi avvicinarsi nel secondo, chiuso sul 5-4 per i locali. La Bissolati non per riuscita a completare la rimonta nella terza frazione, chiusa sul 7-5. Nellultimo tempo il match non cambiato, con Milano 2 che conquistava limportante successo ai fini della salvezza. La Bissolati deve cambiare atteggiamento in vasca, se vuole continuare a lottare per rimanere in serie C, restando a

PALLANUOTO SERIE C

contatto con le concorrenti dirette. Nel tardo pomeriggio di oggi, alle 19.30 alla Comunale, arriva lAragno Rivarolesi squadra ligure che punta al salto di categoria e che ancora a punteggio pieno. 5 GIORNATA Aragno Rivarolesi-Vigevano 11-6, Canottieri Milano-Busto Nuoto 6-6, Milano 2C-Bissolati 8-6, Treviglio-Monza 6-3, Torino-Varese 10-15. 6 GIORNATA (01-03) Bissolati-Aragno Rivarolesi (h 19.30), Busto Nuoto-Vigevano (h 20.30), Canottieri Milano-Varese (h 19), Monza-Milano 2C (h 20), Torino-Treviglio (h 18). CLASSIFICA Aragno Rivarolesi 15; Canottieri Milano 10; Vigevano, Varese, Monza 9; Busto Arsizio 7; Milano 2C, Treviglio 6; Bissolati 3; Torino 0. Marco Ravara

26

Sabato 1 Marzo 2014

ATLETICA LEGGERA Agli Italiani indoor di Ancona ha conquistato largento nei 60 piani e loro in staffetta

ronto riscatto del velocista casalese Fausto Eseosa Desalu, che agli Assoluti di Ancona strappa un argento individuale e un oro a squadre. Dopo lerrata partenza che gli era costata la qualificazione in finale agli Juniores, sempre sulla distanza dei 60 metri piani, Fausto ha dato il meglio di s ai Tricolori indoor. Trattandosi di Assoluti, limpresa ancor pi degna di attenzione, ormai Desalu da annoverare tra i velocisti migliori dItalia senza limite di et. E pensare che latleta cresciuto nellInterflumina E Pi Pom solo da pochi giorni ha compiuto 20 anni. Nelle prove di qualificazione Fausto ha corso nel tempo di 681, eguagliando il proprio primato personale sulla distanza. Si trattava del quarto tempo complessivo. In finale poi Desalu si migliorato di un centesimo: il

Desalu tra i migliori sprinter azzurri


dalla redazione suo 680 valso largento alle spalle di Fabio Cerutti, il grande favorito (va anche detto che ha una decina danni in pi), che ha chiuso in 668. Terzo Ferraro in 686, frenato da una contrattura. Nella stessa giornata di domenica, poche ore pi tardi, arrivato anche loro nella 4x200 con le Fiamme Gialle. Desalu scattato in prima batteria, lasciando poi il testimone rispettivamente a Michele Tric-ca, Diego Marani e Matteo Galvan. I 4 finanzieri hanno chiuso in 12579, con circa un secondo e mezzo sulla Atletica Riccardi Milano. Una vittoria da convididere con i compagni, ma non per questo meno bella. Anche perch lambizione di Fausto proprio di partecipare con la Nazionale azzurra alla staffetta 4x200 metri ai prossimi Mondiali in programma alle Bahamas. Assurdamente, nello stesso week end sar in programma la Coppa dei Campioni a Lisbona: speriamo che Fausto centri almeno uno dei due
Fausto Desalu (foto Colombo/Fidal)

Sport

Presentata la 17 Sei Giorni delle Rose


CICLISMO
di Fortunato Chiodo

obiettivi. Ricordiamo che sempre ad Ancona due settimane prima Desalu aveva visto sfumare il sogno sui 60 nella categoria Promesse. Come detto la brutta partenza gli ha precluso la partecipazione alla

finale (il tempo di 716 per lui irrisorio) e gi in passato problemi alluscita dai blocchi lo avevano penalizzato, spesso per partenze in ritardo. Il fatto che nella staffetta agli Assoluti con le Fiamme Gialle gli abbiano affidato la prima batteria (cronometrata in meno di 20 secondi) la dice lunga sulla fiducia che i tecnici della Federazione nutrono nella freccia di Casalmaggiore. Alla prova importante e di fronte ai migliori dItalia e non pi ai ragazzini della sua et, Fausto ha mostrato di che pasta fatto. Lui si mantiene umile, ma pur soddisfatto del risultato convinto di valere tempi migliori, anche al di sotto dei 670 sui 60 piani. Il suo allenatore Giangiacomo Contini, tecnico azzurro, intanto il 14 e 15 marzo sar a Formia dove si gettano le basi della velocit azzurra sino a Rio 2016. Desalu a Formia si allener una settimana al mese per preparare i prossimi appuntamenti.

Grande prova di Roberta Molardi (Atletica Arvedi), che ai Campionati italiani di lanci invernali disputati a Lucca ha conquistato due argenti nel lancio del giavellotto. Latleta allenata da Pietro Frittoli, si piazzata seconda sia nella categoria Assoluta che tra le Promesse (sempre alle spalle di Sara Jemai dellEsercito) lanciando a 47,79 metri. Argento nella categoria Promesse anche per Maria Chiara Rizzi (Cus Pavia) nel martello con 53,42 metri.

Doppio argento per la Molardi


LANCI

Piero Baffi confermato dal team Leopard Trek


Questa s che una buona notizia per Piero Baffi, 23 anni di Vailate, figlio di Adriano e nipote di nonno Pierino, due ex professionisti che hanno fatto la storia del ciclismo mondiale. E stato, infatti, confermato dal team Leopard Trek, formazione lussemburghese del circuito Conti-nental per la stagione 2014. La Trek nel ritiro spagnolo di Benidorm e comincia a fare importanti passi avanti con Spartacus Calcellara, orchestrato dal team manager Luca Guericilena. Al termine del ritiro far dei test nel velodromo Luis Puig di Valencia, di verifiche dei materiali, sia per fare test aerodinamici, sulloperazione record dellora. A poche chilometri dalla Trek, a Calpe, in ritiro la squadra kazaka dellAstana di capitan Vincenzo Nibali, ma anche con il nostro Jacopo Guarnieri. VINCE IGNAZIO MOSER Continua la dinastia Moser nel ciclismo. Stavolta a vincere non stato Moreno, ma Ignazio, figlio di Francesco, cugino di Moreno e Leonardo, nipote di Aldo, Diego ed Enzo. Mitiche sono la vetta e anche la folla che scalda e pap Francesco che si diverte, nel clima ideale di sole, una delle grandi giornate di ciclismo, a Prevalle (Bs) nel 3 Memorial Lorenzo Mola, gara di Elit e Under 23. Pi forte delle maree, quando la corsa si fa dura come fosse su una (H)onda, intesa come moto. Ignazio Moser nato il 14 luglio 1992, trentino di Pal di Giovo, stacca tutti e va a vincere la prima corsa in Italia con la maglia della Bmc Contineltal, vivaio del colosso americano di Evans, Gilbert e Phinney. Moser tramortisce tutti sullultima salita, nel corso dellultimo giro: vanno via Consonni (Team Colpach), Chianese (Palazzago Fenice) e Moser e a meno 7 km allarrivo, come in una prova contro il tempo li stacca. Arriva sul traguardo da solo, punta le braccia sul petto il granatiere, poi alza le braccia al cielo. Ignazio, tutto ok? Sono felice di vincere davanti a pap, perch so quanto ci tiene. Adesso? Vado in Belgio a correre quelle corse, fatte di pav e vento.

Al Teatro Verdi di Fiorenzuola dArda (Pc) stata presentata la 17 Sei Giorni delle Rose, fiore allocchiello del ciclismo internazionale su pista, programmata dal 14 al 19 luglio. Sport e spettacolo, curati nei minimi particolari da patron Claudio Santi, per una serata dedicata al re delle Sei Giorni in Italia, Nando Terruzzi, per i suoi 90 anni. Milanese di Sesto San Giovanni, ragazzo con la valigia che ebbe lidea di lasciare la sua citt per andare al Madison Square Garden di New York e romanz subito la storia, diventando il pi anziano olimpionico italiano, oro nel tandem con a Perona allOlimpiade di Londra nel 1948: su 149 caroselli ne ha vinti 25. Accanto ai mostri della Sei Giorni delle Rose, stata inserita una prova della Talents Cup, necessaria ad arricchire il bagaglio e fa veramente ridere chi sostiene che fa male agli

La Sei Giorni delle Rose

stradisti. Non c esercizio migliore di quello che si fa su pista, ti consente di migliorare lo scatto e le progressioni. COPPA SAN GEO Alberto Tocchella, 20 anni, studente allUniversit di Brescia, bresciano di Sale Marasino sul lago dIseo, scrive il suo nome nel pre-

stigioso albo doro della classica Coppa San Geo-Trofeo Caduti di Soprazocco, corsa nazionale di apertura della stagione dilettanti di Elite e Under 23, con arrivo a Prevalle (Bs), battendo allo sprint lucraino Marlen Zmorka. Stento ancora a crederci -

spiega il corridore della Gavardo Tecmor, diretto dallex professionista spinese Giancarlo Raimondi - questo trionfo mi d la convinzione di credere di pi in me stesso, corro da soli quattro anni, prima vincevo sugli sci. Ma ancora una volta la storia reale molto diversa dalle chiacchiere: dopo la solita, interminabile litania delle squadre dei velocisti a tener alta landatura, sullultimo tratto (10 km allarrivo) vola via come una scheggia lucraino Zmorka, 20enne della PalazzagoFenice e solo Tocchella riesce a resistere, malgrado il gruppo compatto soffiasse il fiato sul collo. Si difende il bresciano Nicolas Marini (Zalf Euromobil Fior), terzo a 3. ORDINE DARRIVO 1) Alberto Tocchella (Gavardo Tecmor) in 3h 5411, 2) Marlen Zmorka (Palazzago Fenice), 3) Nicolas Marini (Zalf Fior) a 3, 4) Andrei Voicu (Palazzago), 5) Jakub Mareczko (Viris Maserati).

E cominciata la sfida dei campioni che correranno il Tour de France (partir il 5 luglio da Leeds). Chris Froome, 28 anni della corazzata Sky, keniano bianco naturalizzato britannico, dopo limpresa in salita nella tappa regina con arrivo al Green Moutain, paragonata allAlpe dHuez, la maglia gialla in carica ha fatto il vuoto ai meno 3 km allarrivo. Froome stravince per il secondo anno consecutivo il Tour of Oman con 26 sullo statunitense Van Garderen, 31 sul colombiano Uran e 51 su Pozzovivo. Vincenzo Nibali, 29enne siciliano dellAstana, ha pagato dazio in salita: Froome stato il migliore - ha detto Nibali - la condizione non si inventa, stata una giornata

I favoriti per il prossimo Tour iniziano ad ingranare


di sofferenza. Lo Squalo ha concluso 16 a 151, con un terzo posto, mentre la vittoria se l presa Peter Sagan, 23 enne sloveno della Cannondale. L ultima tappa del Tour of Oman andata al tedesco Andr Greipel (Lotto Belisol), che con sei centri stagionali il plurivincitore. Debutto col botto anche di Alberto Contador (Tinkoff Saxo). Lo spagnolo non vinceva da pi di un anno e si imposto nella penultima tappa della Vuelta Algarve, in Portogallo, tagliando a braccia alzate con 3 sulliridato portoghese Rui Costa (Lampre Merida). Lultima tappa allo sprint stata dominata da Marck Cavendish, 28 anni dlla Omega Pharma Quick Step, mentre il suo

compagno di squadra, il polacco Michael Kwiatkowski, andata la classifica generale. Alla Ruta del Sol, trionfo di Alejandro Valverde (Movistar), leader nella generale con 31 su Porte: lo spagnolo ha fatto sue tre tappe, lasciando il resto al tedesco Gerald Ciolek (Mtn Qhubeka), re della Sanremo 2013, che ha vinto in volata a Siviglia, mentre lultima frazione andata a Moreno Hofland (Belkin). Il colombiano Jose Serpa (Lampre-Merida), 33 anni, ha trionfato a Laigueglia (Savona) e regalato alla squadra il sesto successo 2014, precedendo Sinkewitz. Quinto il suo compagno Diego Ulissi F.C.

Avevamo gi accennato al possibile tentativo di record dellora di Fabian Cancellara, 32 anni, svizzero di origini lucane e corridore della Trek del team manager Luca Guercilena, record detenuto dal ceco Andrej Sosenka, stabilito a Mosca il 19 luglio 2005 (49,700 km/h). Ora c lufficialit: tentativo di record dellora di Cancellara in programma il 3 agosto, sulla pista di Aguascalientes in Messico, a quasi 2000 metri di quota. A Citt del Messico sono legati due record dellora storici: di Eddy Merckx nel 1972 (49,432) e di Francesco Moser nell84 (50,808 e 51,151), questultimo poi fuorilegge dallUci per utilizzo di

Cancellara vuole il record dellora Sacha Modolo ha gi calato il poker


bici speciale. Cancellara (una Sanremo, 2 Fiandre, 3 Roubaix, 4 Mondiali crono), ha la ferma intenzione di arrivare fino alla Roubaix del 13 aprile, cercando di arricchire il suo bottino di classiche, per poi cominciare a pianificare la sfida dellora pi in dettaglio, allenandosi nel velodromo messicano. Correr il Tour de France per farsi trovare a puntino la prima domenica dopo la corsa francese. SALTA IL GIRO DELLE TRE PROVINCE Una brutta notizia per il movimento del ciclismo dilettantistico: per insormontabili problemi di lavori di allestimento della BreBeMi, salta il 48 Giro delle Tre Province, programmato per oggi. Alla luce del sole, si comincia a respirare aria buona Pi veloce del freccia rossa Sacha Modolo, 26enne velocista trevigiano della Lampre Merida ha centrato il poker stagionale (come lui con quattro vittorie c solo il tedesco Andr Greipel della Lotto Belisol) al Tour di San Luis in Argentina, due nella Challange di Maiorca (Spagna) e alla Volta Algarve, in Portogallo, davanti a Rui Costa, iridato in carica e suo compagno alla Lampre Merida. Novit tra i quadri tecnici: torna il sudafricano Brent Copeland, gi direttore sportivo della squadra di Beppe Saronni. Lampre, una delle due squadre italiane del World Tour, che si presenta ai nastri di partenza con liridato portoghese Alberto Rui Costa, e con lui ha firmato anche lamericano Chris Horner, re della Vuelta 2013. La squadra brianzola ha riconfermato Diego Ulissi, ragazzo gi vittorioso e due pedine importanti capaci di vestire i panni di leader come Filippo Pozzato e Damiano Cunego. Mette gi paura Niccol Bonifazio, 20 anni, ligure di Imperia, atleta polivalente (strada e pista) che ha fatto due belle stagioni con la Viris Maserati di Vigevano, arrivata lofferta di un team di prestigio come la Lampre Merida e lha presa subito. Ha aperto la prima stagione tra i grandi, al Dubai Tour e ha fatto capire che non ha paura a buttarsi nella mischia e lultimo giorno ha chiuso settimo in volata.

World Tour, da rivedere lassegnazione dei punti


Joaquin Rodriguez

Quanti mugugni sulle classifiche del 2013 del World Tour Uci, soprattutto per i criteri di attribuzione dei punti. I due possibili re Vincenzo Nibali e Chris Froome, quando danno gas in salita non li vedi pi. Invece non cos, grazie al salto triplo di Intxausti, la Spagna domina tutte e tre le classifiche. Quella individuale con Joaquin Rodriguez (che ha vinto il Lombardia ed stato 2 al Mondiale). Quella a squadre con la Movistar (di Intxausti, Quintana, Valverde, Visconti e delliridato Rui Costa). Infine, quella

per nazioni, con quasi il doppio dei punti di Italia e Columbia. Sapete quante sono le prove del World Tour? Ventotto (senza il Mondiale) in quattro continenti, manca solo lAfrica. Ma quelle che valgono? Nove, cio Giro, Tour, Vuelta, il Campionato del mondo e i cinque Monumenti. Ecco perch laberrazione di un calendario cos dilatato, che confonde i punti di riferimento degli appassionati, la prima urgenza del nuovo presidente inglese dellUci, Brian Coolson. La mondializzazione va bene, ma con saggezza e una

nuova griglia di valore delle gare. Per non vedere pi che lolandese Slagter conquisti 111 punti per aver vinto il Tour Down Under in Australia e Froome solo 276 per il Tour de France. CLASSIFICA 2013 Individuale: 1) Joaquin Rodriguez (Spa, Katusha) 607 punti, 2) Christopher Froome (Gb, Sky) 587, 3) Alejandro Valverde (Spa, Movistar) 540, 4) Peter Sagan (Slk, Can-nondale) 491, 5) Vincenzo Nibali (Ita, Astana) 474. F.C.