Sei sulla pagina 1di 76

Fig6.1.27.

TUMORISTOMACO(C16),donne Rapporti Standardizzati di Mortalit per Regione di residenza

Fig6.1.28.TUMORICOLONRETTO(C18C21),donne Rapporti Standardizzati di Mortalit per Regione di residenza

10

Fig6.1.29.TUMOREPRIMITIVODELFEGATOEDEIDOTTIBILIARIINTRAEPATICI(C22),donne Rapporti Standardizzati di Mortalit per Regione di residenza

Fig6.1.30.TUMOREDELLATRACHEA,DEIBRONCHIEDELPOLMONE(C33C34),donne Rapporti Standardizzati di Mortalit per Regione di residenza

11

Fig6.1.31.TUMORIALLAMAMMELLA(C50),donne Rapporti Standardizzati di Mortalit per Regione di residenza

Fig6.1.32.LINFOEMATOPOIETICOTOTALE(C81C96),donne Rapporti Standardizzati di Mortalit per Regione di residenza

12

TRENDTEMPORALI:Tassistandardizzatiperet(x100.000),riferimentopopolazioneitaliana2001

Tab.6.1.5.Mortalitgenerale,sututti itumoriesu alcunespecifichesedi :tassistandardizzatiperet(x100.000)(PopolazioneStandardItalia2001).Trienni 19881990,19911993,19941996,19971999,20002002,20062008.ITALIA

Uomini
19881990 1669 446.2 435.8 44.6 48.2 28.1 16.8 122.6 36.8 24.3 9.3 28.7 11.9 0.9 8.4 13.8 1547 437.8 427.6 39.7 48.1 30.1 16.7 120.3 36.7 24.3 9.5 29.3 10.2 0.9 9.2 13.6 1466 428.4 412.4 35.9 47.9 29.6 16.7 116.6 37.5 21.4 9.5 29.2 9.2 1.2 9.9 13 Donne 19911993 1033.8 227.1 221.4 22.6
13

Cause 19911993 1389 412.8 394 30.8 46.5 28.6 16.9 111.3 36.4 19.3 9 29.5 8.1 1.5 10.5 12.8 19941996 19971999

20002002 1282 401.6 383.6 28 45.6 27.8 16.9 106.9 34.4 18.5 8.7 29.3 7.2 1.5 10.3 12.8

20062008 1114 369.8 351.6 23.3 42.5 23.2 17.8 94.8 30.7 16.9 9 27.5 5.8 2 9.1 12.1

Mortalitgenerale Tuttiitumori Tumorimaligni Tumoristomaco Tumoricolonretto Tumorifegato Tumoripancreas Tumoripolmone Tumoriprostata(U) Tumorivescica Tumorirene Linfoematopoieticototale Tumoremalignodellalaringe Tumoremalignodeltessutoconnettivoedialtritessutimolli LinfominonHodgkin Leucemie 19881990 19941996 961.3 224 218 20 900.5 217.9 208.9 17.7 19971999 851.6 208.2 198.3 15.2

Cause

20002002 780.2 207.1 197.6 13.6

20062008 684.7 195.9 186.4 11.2

Mortalitgenerale Tuttiitumori Tumorimaligni Tumoristomaco

Tumoricolonretto Tumorifegato Tumoripancreas Tumoripolmone Tumorimammella(D) Tumoricervice Tumorivescica Tumorirene Linfoematopoieticototale Tumoremalignodellalaringe Tumoremalignodeltessutoconnettivoedialtritessutimolli LinfominonHodgkin Leucemie

32.7 12.7 11.2 16.1 40.4 1.8 4 3.5 17.8 0.5 0.7 5.4 7.9

31.9 12.6 11.7 16.8 39.8 1.5 3.9 3.6 18.6 0.6 0.7 6.1 7.9

30.7 12 11.8 17.4 38.8 1.5 3.4 3.6 19 0.5 0.9 6.7 7.7

28.9 11.2 12 17.6 35.9 1.4 3.2 3.3 18.7 0.5 1 7.1 7.2

27.6 10.6 12.6 19 35.1 1.2 3 3.3 18.6 0.5 1 6.8 7.3

25.3 8.9 13.1 20.6 32.8 1.1 2.8 3.2 16.7 0.4 1.2 5.8 6.7

14

Tab.6.1.6.Mortalitgenerale,sututti itumoriesu alcunespecifichesedi :tassistandardizzatiperet(x100.000)(PopolazioneStandardItalia2001).Trienni 19881990,19911993,19941996,19971999,20002002,20062008.CAMPANIA Uomini 19881990 1724 385.5 376.3 28.1 34.6 31.7 11 120.8 31.4 29.4 6.2 23.8 11.7 0.7 6.7 11.9 1659 399 389.6 29.2 36.8 36.1 10.5 120.9 31.1 31.6 5.8 26.4 11.6 0.8 7 13 1589 406.2 392.9 27.9 38.1 38.1 10.3 122.5 36.4 28.6 6.5 27.5 9.3 1.1 8.4 13.6 Donne 19911993 1277.3 197.1 191.3 13.9 26.2 19.7
15

Cause 19911993 1532 404.9 388.2 24.2 39.4 38.6 11.7 119.6 35.8 26.8 6.4 28.2 10.1 1.1 9.9 12.7 1428 403.9 387.8 24.4 39.7 37.2 13 121.1 34.7 25.7 6.9 28.1 8.9 1.3 9 13.5 19941996 19971999 20002002

20062008 1233 382.9 369.1 21.1 40.1 31.9 14.4 112.3 34.3 23.8 6.4 25.7 7.6 1.7 7.7 12.1

Mortalitgenerale Tuttiitumori Tumorimaligni Tumoristomaco Tumoricolonretto Tumorifegato Tumoripancreas Tumoripolmone Tumoriprostata(U) Tumorivescica Tumorirene Linfoematopoieticototale Tumoremalignodellalaringe Tumoremalignodeltessutoconnettivoedialtritessutimolli LinfominonHodgkin Leucemie 19881990 19941996 1140.8 197.3 192 14 27.4 19.6 1055.4 201.8 193.8 13.4 26.8 18.8 19971999 1004.2 195.4 185.8 11.7 25.6 17.6

Cause

20002002 930.4 198.6 190.1 11.7 25.6 16.3

20062008 795.8 190 180.6 10.4 24.7 13.4

Mortalitgenerale Tuttiitumori Tumorimaligni Tumoristomaco Tumoricolonretto Tumorifegato

Tumoripancreas Tumoripolmone Tumorimammella(D) Tumoricervice Tumorivescica Tumorirene Linfoematopoieticototale Tumoremalignodellalaringe Tumoremalignodeltessutoconnettivoedialtritessutimolli LinfominonHodgkin Leucemie

7.3 13.2 32.3 1.2 4.4 2.4 15.9 0.5 0.4 4.3 7.7

7.2 13.6 32.3 1 4.1 2.4 15.9 0.7 0.5 4.1 7.4

8.1 14.5 33.7 1.3 3.6 3.1 18.4 0.7 1 6 8.4

8.2 15.1 31.6 1.3 3.6 2.5 18.2 0.5 0.9 6.3 7.9

9.6 17.4 32.4 0.9 3.2 2.8 18.9 0.5 0.9 6.5 8.2

10.1 18.3 31.1 0.9 3.1 2.5 17.4 0.4 1.1 5.6 7.2

16

Tab.6.1.7.Mortalitgenerale,sututti itumoriesu alcunespecifichesedi :tassistandardizzatiperet(x100.000)(PopolazioneStandardItalia2001).Trienni 19881990,19911993,19941996,19971999,20002002,20062008.ProvinciadiNapoli. Uomini 19881990 1883 434.9 423.6 27.6 37.5 38.2 11.5 144.4 31.5 35.9 6.7 24.4 14.4 0.7 7.2 12.3 1816 455.5 445.2 29.1 41.2 46.3 10.9 143 32.1 38.8 6.1 28 14.5 0.8 7.9 13.6 1714 452.1 436.9 29.2 41 48.2 10.7 143.1 36.3 32.1 7.6 27.1 11.7 1.2 8.8 13.5 Donne 19911993 1375.8 221 215.4 14.4 28.9 25
17

Cause 19911993 1644 447.1 426.8 24.3 41.7 47.6 11 139.2 37.2 30.5 6.9 27.1 10.9 1.4 9.7 11.5 1518 439.8 423 24.2 41.5 44 14 141 36.3 29 6.6 27 9.8 1.5 8.8 12.7 19941996 19971999 20002002

20062008 1300 411.6 398.2 20 41 39.2 15 128.2 32.3 27.3 7.3 26.4 7.9 2.1 7.9 12.1

Mortalitgenerale Tuttiitumori Tumorimaligni Tumoristomaco Tumoricolonretto Tumorifegato Tumoripancreas Tumoripolmone Tumoriprostata(U) Tumorivescica Tumorirene Linfoematopoieticototale Tumoremalignodellalaringe Tumoremalignodeltessutoconnettivoedialtritessutimolli LinfominonHodgkin Leucemie 19881990 19941996 1251.1 220.8 215.3 15.4 29.7 23.3 1166.8 226.6 218.9 13.5 30.6 22.6 19971999 1097 217 207.1 11.3 28.4 21.6

Cause

20002002 1001.2 217.6 208.7 11.7 27.1 20.2

20062008 857.9 209.4 200.1 11.2 25.8 17.5

Mortalitgenerale Tuttiitumori Tumorimaligni Tumoristomaco Tumoricolonretto Tumorifegato

Tumoripancreas Tumoripolmone Tumorimammella(D) Tumoricervice Tumorivescica Tumorirene Linfoematopoieticototale Tumoremalignodellalaringe Tumoremalignodeltessutoconnettivoedialtritessutimolli LinfominonHodgkin Leucemie

8.1 15.6 37.9 1.4 4.9 2.3 15.6 0.7 0.4 4.1 7.5

7.9 16.5 37.9 1.2 5 2.6 17 0.9 0.5 4.3 8.1

9.3 18.6 38.6 1.3 4.5 3.8 19.9 0.9 1 6.7 9.1

8.7 18.8 36.2 1.5 4.2 2.9 19.5 0.7 0.8 6.8 8.1

10.8 22.6 35.6 1 4 3.4 20 0.5 0.9 7.2 8.7

10.8 23.6 34.1 1.1 3.7 3.1 18.2 0.6 1.1 6.1 7.1

18

Tab.6.1.8.Mortalitgenerale,sututti itumoriesu alcunespecifichesedi :tassistandardizzatiperet(x100.000)(PopolazioneStandardItalia2001).Trienni 19881990,19911993,19941996,19971999,20002002,20062008.ProvinciadiCaserta


Uomini 19881990 1798 389.7 382.7 34.7 33.3 35.5 10.8 118.1 35.1 25.9 6.6 22.8 11.5 0.5 5.2 12.3 1754 400.6 393.1 35.1 37.9 39.8 8 118 33 28.6 7.2 23.3 12.1 1.4 5.6 11.7 1686 424.6 412.3 34.7 38.5 38.3 11.3 126.1 43.3 27.1 5.9 26.6 8.8 1.3 7.8 13.5 Donne 19911993 1673.5 195.6 189.8
19

Cause 19911993 1629 426.7 412.4 32.7 43.5 37.6 12.6 127.8 38.6 26.1 5.9 28 10.9 0.9 8.1 14.6 19941996 19971999

20002002 1480 415.3 399.4 30.9 43 39.3 13.1 124.2 33.9 22.3 7.3 28.4 10.6 1.4 7.9 15.6

20062008 1261 395.2 381.7 29 42.8 31.3 13.2 114.9 37 22 6.3 25.2 9.6 2.1 6.7 12.9

Mortalitgenerale Tuttiitumori Tumorimaligni Tumoristomaco Tumoricolonretto Tumorifegato Tumoripancreas Tumoripolmone Tumoriprostata(U) Tumorivescica Tumorirene Linfoematopoieticototale Tumoremalignodellalaringe Tumoremalignodeltessutoconnettivoedialtritessutimolli LinfominonHodgkin Leucemie 19881990 19941996 1231.8 202.4 196.5 1128.4 201.2 192.7 19971999 1070.1 201.6 189.7

Cause

20002002 976.2 188.2 179.8

20062008 821.1 193.5 182.9

Mortalitgenerale Tuttiitumori Tumorimaligni

Tumoristomaco Tumoricolonretto Tumorifegato Tumoripancreas Tumoripolmone Tumorimammella(D) Tumoricervice Tumorivescica Tumorirene Linfoematopoieticototale Tumoremalignodellalaringe Tumoremalignodeltessutoconnettivoedialtritessutimolli LinfominonHodgkin Leucemie

17.2 26.7 15.4 7.7 12 31.5 1 3.6 3.1 16.6 0.4 0.4 4.5 8.1

16.9 32 21.1 6.5 15.6 30.1 0.7 4.4 3 13.8 0.4 0.5 3 6.8

14.1 28.9 18 6.9 13 32.8 1.2 3.3 2.4 17.9 0.3 0.8 5.3 8.5

15.1 28.7 17.6 8.7 12.5 32.5 1.3 4.3 1.9 17 0.3 0.9 5.3 8.3

14.1 26.8 14.4 8 14.3 30.2 0.7 2 2 16 0.6 0.6 5.1 7.9

13.2 29.9 13.2 10.4 15.3 30.2 1.1 2.7 2.2 16.6 0.3 0.9 4.9 7.6


20

Fig.6.1.33.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).

Fig.6.1.34.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).


21

Fig.6.1.35.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).

Fig.6.1.36.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).


22

Fig.6.1.37.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).

Fig.6.1.38.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).


23

Fig.6.1.39.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).

Fig.6.1.40.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).


24

Fig.6.1.41.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).

Fig.6.1.42.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).


25

Fig.6.1.43.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).

Fig.6.1.44.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).


26

Fig.6.1.45.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).

Fig.6.1.46.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).


27

Fig.6.1.47.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).

Fig.6.1.48.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001).


28

Fig.6.1.49.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001)

Fig.6.1.50.Analisideitrend:tassistandardizzatiperet(x100.000)(Pop.StandardItalia2001)


29


6.2Profilodisalute:ospedalizzazione,inparticolarequellapotenzialmenteprevenibile S.Conti,G.Minelli La Campania presenta nel complesso della sua popolazione un ricorso allospedalizzazione superiore alla media nazionale,manontaledafarcollocarelaregionetraleareedimaggiorcriticit,mentrenelcasodelledimissioni maschililaregionesicollocasuvalorimedioalti.(Fig.6.2.1) Fig. 6.2.1. Mappa per unit territoriale del rischio di trascorrere un giorno in Ospedale. Anno 2008. Scostamentipercentualidallamedianazionale


Considerando i ricoveri potenzialmente prevenibili (cio i ricoveri per cause prevenibili con interventi di prevenzione primaria) i tassi standardizzati delle giornate di degenza per tali cause registrati nella Regione Campania sono superiori alla media nazionale (10.58 per gli uomini e 4.60 tra le donne): i valori per uomini e donnesonorispettivamente12.88e5.38.Questacriticitsiosservapertuttii grandigruppidicauseprevenibili: traumatismi,malattiecircolatorieetumori.(Tabella6.2.1) Tra le diverse USL si segnala Napoli Centro, caratterizzata da valori dellindicatore particolarmente elevati in entrambiigeneri(rispettivamente14.71tragliuominie6.62traledonne).


30

Tab.6.2.1. Giornate di degenza ed accessi in day hospital per unit territoriale, per cause prevenibili con interventidiprevenzioneprimaria.Anno2008,Tassistandardizzatiper100residenti.

Uomini Medianazionale Mediaregionale Avellino Benevento Caserta NapoliCentro NapoliNord NapoliSud Salerno

Totali 10,58 12,88 10,44 11,79 12,35 14,71 13,18 12,69 12,85 Totali 4,60 5,38 4,21 4,37 4,95 6,62 5,56 5,06 5,39

Traumatismi 5,87 6,79 5,45 6,31 6,31 7,87 6,46 6,66 7,22 Traumatismi 3,24 3,63 2,72 3,04 3,15 4,61 3,64 3,40 3,77

M.Circolatorie 2,65 3,76 3,16 3,01 3,63 3,91 4,20 3,79 3,79 M.Circolatorie 0,77 1,20 1,00 0,90 1,26 1,26 1,27 1,21 1,19

Tumori 1,64 1,96 1,49 1,65 1,91 2,48 2,21 2,01 1,55 Tumori 0,42 0,43 0,36 0,31 0,33 0,62 0,54 0,37 0,35

Donne Medianazionale Mediaregionale Avellino Benevento Caserta NapoliCentro NapoliNord NapoliSud Salerno

6.3Profilodisalute:Lasopravvivenzadeitumoriosservatanelleareedeiregistri:aconfrontoilregistrotumori diNapoli,ilpooldeiregistridelSudeisoleedilpoolAirtum. S.Francisci,R.DeAngelis,S.Rossi,R.Capocaccia La sopravvivenza oncologica costituisce uno dei principali indicatori epidemiologici per valutare limpatto delle attivitdicontrollodelcancrodapartedelsistemasanitario.Essafornisceindicazioniche consentonodivalutare il complesso degli interventi preventivi, diagnostici e terapeutici in termini di tempestivit, qualit ed equit dei servizi offerti ai pazienti oncologici. La sopravvivenza quindi esprime sia gli esiti legati al miglioramento degli strumenti diagnostici e della conseguente anticipazione della presa in carico del paziente, sia quelli relativi allaumentodellefficaciadelleterapieantitumoraliedelpercorsoassistenzialeingenerale.

Nelpresenterapportosonoriportatiidatipirecentiadisposizione,relativiaipazientidiagnosticatinel periodo 20002004 e seguiti fino alla fine del 2008, osservati dai registri tumori italiani. I dati si riferiscono allintero territorio nazionale (pool dei 24 registri elencati in Tabella 5.1 Capitolo 5), alla macroarea del Sud e Isole (che include i 4 registri di Napoli, Ragusa, Sassari e Siracusa) e al registro di Napoli(cherappresentaunareadi35ComunisituatiaNorddellaProvinciadiNapoli). Gli andamenti della sopravvivenza per tumore a cinque anni dalla diagnosi hanno evidenziato in Italia negli ultimi ventanni un generale miglioramento per tutte le sedi pi frequenti, sia per gli uomini che
31

per le donne, in tutte le aree. Tuttavia permangono le differenze geografiche con sopravvivenze pi elevatenelleareedelCentroNordrispettoalSud. Se si considera linsieme di tutti i tumori (esclusi quelli della cute), il confronto per area geografica mostrachelasopravvivenzanelMeridioneinferioredicirca3puntipercentualirispettoallamediadei registri (57% vs 60% nelle donne e 49% vs 52% negli uomini). Nellambito del meridione, il registro tumori di Napoli si distingue per livelli di sopravvivenza marcatamente inferiori, con un 40% di sopravvivenzaa5anninellapopolazionemaschilee51%inquellafemminile.Partediquestedifferenze si spiega con la differente composizione per sede tumorale nelle diverse aree, che rende non perfettamenteconfrontabiliirisultatidisopravvivenzaperlaggregatodituttiitumori.
I differenziali geografici nella sopravvivenza non riguardano i tumori a peggior prognosi come il polmone, lo stomaco,edilfegato,quantopiuttostoqueitumorilacuisopravvivenzafortementemodificabiledalladiagnosi precoce, principalmente dallattivazione e corretta pratica degli screening di popolazione ( il caso di cervice uterina, mammella, e colonretto) e quelli la cui sopravvivenza risente della qualit complessiva dei percorsi diagnosticoterapeutici. Per quanto riguarda il primo gruppo non emergono differenziali geografici rilevanti: la sopravvivenza a 5 anni per i tumori del polmone e dello stomaco pari al 14% e 32% rispettivamente nel pool Airtum, e pari al 12% e 29% rispettivamente nel meridione. La sopravvivenza nellarea del registro di Napoli coincide con quella del pool Airtum per il tumore del polmone, mentre al di sotto dellarea Sud e Isole per quanto riguarda il tumore dello stomaco (24%). Nel caso del tumore del fegato solo il 15% dei casi sopravvive oltre i 5 anni indipendentemente dallareageograficadiriferimento. Al secondo gruppo di tumori, per i quali i differenziali geografici si fanno pi rilevanti, appartengono tumori tra i pi frequenti e di maggior impatto sociale. In particolare si osservano sopravvivenza molto elevate nelle aree del poolAirtumperiltumoredellamammellanelledonne(85%),periltumoredellaprostata(88%)edelcolonretto (59). Per le stesse sedi la sopravvivenza nelle aree dei registri del Sud si colloca sistematicamente al di sotto di diversi punti percentuali rispetto al valore nazionale, il divario massimo quello osservato per il tumore della prostata per il quale nel Sud il 78% degli uomini sopravvive oltre i 5 anni. Il registro di Napoli mostra valori abbastanzainlineaanchesealdisottodiquantoosservatonelmeridionecomplessivamente. Tra le sedi a buona prognosi (sopravvivenze al di sopra del 50%) , meno frequenti di quelle sopra descritte in cui tuttavia permane la variabilit geografica troviamo la cervice uterina, il rene ed il linfoma non Hodgkin. La sopravvivenza del tumore della cervice fortemente influenzata dallet alla diagnosi e dalla variabilit geografica: si osservano livelli abbastanza omogenei per le aree del CentroNord che si riflettono nel valore di 68% osservato nel pool Airtum , mentre per i registri meridionali la sopravvivenza pi bassa (65%) e nellarea del registro di Napoli in particolare del 59%. La sopravvivenza del tumore del rene di 7 punti percentuali pi elevata nel pool Airtum (68%) rispetto al meridione ed al registro di Napoli (61%). Infine per il linfoma non Hodgkin i livelli di sopravvivenza sono decisamente pi elevati nel pool Airtum (60%) rispetto ai registri meridionali(53%)eNapoli(54%). Alcontrariomostranoscarsavariabilitgeografica,iltumoredellalaringe,convaloritrail67edil70%,iltumore del testicolo, con valori tra il 90% ed il 91%, il tumore della vescica, con valori tra il 76 ed il 78%, i tumori del tessutomolleeconnettivo,convaloritrail64%edil65%edinfineleleucemieconsopravvivenzatrail45%edil 46%. Nel caso di testicolo e del tessuto molle e connettivo i valori estremamente elevati osservati a Napoli (83% e 98% rispettivamente) sembrano dovute alla casistica esigua ed alla conseguente variabilit nelle stime di sopravvivenza, piuttosto ad un reale differenziale di sopravvivenza. Analogamente per il complesso delle

32

leucemie la sopravvivenza pi bassa di Napoli in linea con quella degli altri registri italiani se si considerano gli intervallidiconfidenzapiampi. Sul deficit di sopravvivenza del Meridione e del Registro di Napoli in particolare, osservato per alcune delle sedi analizzatepesanonotevolmente: ilritardatoavvioelaattualebassacompliancedegliscreeningdellacerviceuterinaedellamammellaeilsolo recenteavvio,amacchiadileopardo,diquellodelcolonretto; - ledifficoltdiaccessoallestrutturesanitariedidiagnosiecuradapartedellefascedipopolazionipideboli earischio; - lenorme frazionamento dei percorsi sanitari ( migrazione, notevole presenza di strutture sanitarie private convenzionate) in assenza di uno standard di qualit di riferimento sia di tipo diagnostico che terapeutico; ci impedisce,tralaltro,larealizzazionediunaanalisioltrechedeicostianchedellaqualitdelleprestazionirese. In Tabella 6.3.1 si riporta la sopravvivenza relativa standardizzata a 5 anni con periodo di diagnosi 20002004 per alcuneseditumoralieperlediverseareegeografiche. Tabella6.3.1.Sopravvivenzarelativastandardizzatapereta5annipersedetumoraleeareageografica. Periododidiagnosi20002004
Sopravvivenza relativa standardizzata a 5 anni, % (IC 95%) Sede tumorale Pool (Airtum) Stomaco Colon-retto Fegato Laringe Polmone Mammella Cervice Prostata Testicolo Rene Vescica tumori del tessuto molle e connettivo Linfoma Non Hodgkin Leucemie Tutte le sedi escluso cute non melanomi (M) Tutte le sedi escluso cute non melanomi (F) 32 59 15 69 14 85 68 88 91 68 78 64 60 45 52 60 (32-33) (59-59) (15-16) (68-70) (14-14) (85-85) (66-69) (88-89) (88-93) (67-68) (77-79) (62-66) (59-60) (44-46) (52-52) (60-61) 29 56 14 67 12 81 65 78 90 61 77 65 53 46 49 57 Sud (27-31) (54-57) (13-16) (63-71) (11-13) (80-83) (61-69) (76-80) (69-97) (58-64) (75-78) (59-70) (51-55) (43-48) (48-49) (56-57) Napoli 24 (20-28) 52 (48-56) 15 (12-18) 70 (58-78) 14 (12-16) 81 (77-85) 59 (46-69) 74 (67-80) 98 (40-100) 61 (52-70) 76 (72-80) 83 (67-92) 54 (47-60) 41 (34-48) 40 (38-41) 51 (48-52)

Fonte:ITumoriinItaliaRapporto2011(Epidemiologia&Prevenzione2011;35(56)Suppl.3);
33

6.4.Profilodisalute:INCIDENZAOSSERVATADEITUMORI19922007ESTIMEREGIONALIDIINCIDENZA1970 2015(peralcunesedi) SilviaFrancisci,RobertaDeAngelis,SilviaRossi,RiccardoCapocaccia STOMACOUomini Nel periodo 19922007 lincidenza osservata del tumore dello stomaco negli uomini si riduce costantemente in tutte le aree coperte da registrazione. I tassi di incidenza risultano pi elevati per lintera area Airtum rispetto a Sud e Napoli. La riduzione pi accentuata nellintera area Airtum e il divario tende a ridursi negliannipirecenti.(Fig.6.4.1) In Italia i tassi di incidenza stimata sono in progressiva diminuzione sin dagli anni 70: si passa rispettivamente da 51 per 100.000 persone/anno nel 1970 a 17 per 100.000 persone/anno nel 2015. In Campania e nel Sud i tassi standardizzati sono pressoch coincidenti e decrescono con minore intensit rispetto alla media nazionale. La grande differenza osservata nei tassi tra gli anni 70 e 90 tutta a carico delle regioni centrosettentrionali dove storicamentelincidenzadeltumoregastricoerapielevata.Questodivariosiriduceneltempofinoadannullarsi elincidenzaraggiungeoggilivelliomogeneisututtoilterritorionazionale.Lestimeal2015diincidenzasonopari a 18 per 100.000 persone/anno in Campania e 16 e 10 per 100.000 persone/anno in tutto il Meridione. Livelli e andamenti stimati di incidenza per la regione Campania si sovrappongono con quanto osservato nellarea del registrodiNapoli. Fig. 6.4.1. Incidenza per tumore dello stomaco dal 1970 al 2015 per area geografica, dati stimati e osservati. Tassi standardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et099anni.Uomini

StomacoM,stime
age adjusted rate per 100,000

70 60 50 40 30 20 10 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

Campania Italia Sud

34

STOMACODonne Per le donne si osservano andamenti del tutto simili a quelli maschili ma con livelli dimezzati. Lincidenza osservata si riduce in tutte le aree coperte da registrazione. I tassi di incidenza risultano pi elevati per lintera area Airtum rispetto a Sud e Napoli. La riduzione pi accentuata nellintera area Airtum e il divario tende a ridursi negli annipirecenti.(Fig.6.4.2) In Italia i tassi di incidenza stimata sono in progressiva diminuzione sin dagli anni 70: si passa rispettivamente da 27 per 100.000 persone/anno nel 1970 a 9 per 100.000 persone/anno nel 2015. In Campania e nel Sud i tassi standardizzati sono pressoch coincidenti e decrescono con minore intensit rispetto alla media nazionale. La differenza osservata nei tassi tra gli anni 70 e 90 tutta a carico delle regioni centrosettentrionali dove storicamente lincidenza del tumore gastrico era pi elevata. Il divario NordSud si riduce nel tempo fino ad annullarsielincidenzaraggiungeoggilivelliomogeneisututtoilterritorionazionale. Nel 2015 lincidenza e la mortalit sono stimate rispettivamente pari a 9 per 100.000 persone/anno in Italia e in Campania e a 7 per 100.000 persone/anno nellarea meridionale. I valori osservati nellarea del registro di Napoli sonodeltuttocoerenticonquantostimatoperlaregioneCampania. Fig. 6.4.2. Incidenza per tumore dello stomaco dal 1970 al 2015 per area geografica, dati stimati e osservati. Tassi standardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et099anni.Donne

StomacoF,datiosservati
40
age adjusted rate per100,000

35 30 25 20 15 10 5 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

StomacoF,stime
40
age adjusted rate per 100,000

35 30 25 20 15 10 5 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

Campania Italia Sud

35

COLONRETTOUomini Nel periodo 19922007 nelle aree coperte dai registri tumori lincidenza dei tumori colorettali nel sesso maschile registra un costante aumento e si attesta intorno a 70 per 100.000 nel 2007. I tassi standardizzati di incidenza risultano pi elevati per lintera area Airtum rispetto a Sud e Napoli. Il trend al Sud leggermente pi accentuatoconlaconseguentetendenzaallariduzionedeldivariorispettoalpoolAirtum.(Fig.6.4.3) Le stime al 2015 in Italia confermano i dati osservati nelle aree dei registri e indicano una continua crescita: da 32 casi per 100.000 nel 1970 a circa 70 nel 2015. Dalla met degli anni duemila in Italia si osserva una leggera flessione attribuibile per lo pi alle aree del CentroNord, dove la mortalit ha cominciato a ridursi gia dagli anni 90. Lincremento dellincidenza nel Sud non mostra ancora rallentamenti ed anche la mortalit non accenna a ridursi anchesesiemantenutasulivellicostantiapartiredaglianni2000.Diconseguenzaleproiezioniregionalideitassidi incidenzadi CampaniaeSudtendonoadavvicinarsiaquelledellamedianazionale,raggiungendonel2015ivaloridi 65,67e71per100.000persone/annorispettivamenteperilSud,laCampaniaelItalia.Laumentodeicasiditumore del colonretto per la popolazione maschile nel Sud, in Campania e nel registro di Napoli e la riduzione dello storico divario con lincidenza nel resto dItalia sembra da associare alla progressiva perdita, nelle popolazioni dellItalia meridionale,delfattoreprotettivorappresentatodalladietamediterranea. Fig. 6.4.3. Incidenza tumore del colonretto dal 1970 al 2015 per area geografica, dati stimati e osservati. Tassi standardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et099anni.Uomini

ColonrettoM,datiosservati
100 90

age adjusted rateper 100,000

80 70 60 50 40 30 20 10 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

1970

1973

1976

1979

1982

1985

1988

1991

1994

1997

2000

2003

2006

2009

2012

2015

ColonRettoM,stime
100

age adjusted rate per100,000

90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Campania Italia Sud

1970

1973

1976

1979

1982

1985

1988

1991

1994

1997

2000

2003

2006

2009

2012

36

2015

COLONRETTODonne Nelledonnelincidenzaosservatadeitumoricolorettaliinaumentoesiattestaintornoa45per100.000nel2007.I tassi standardizzati di incidenza risultano pi elevati per lintera area Airtum rispetto a Sud e Napoli. Il trend leggermentepiaccentuatoalSudeildivariotendearidursi.(Fig.6.4.4) Nellestimediincidenzalacrescitasiarrestaapartiredal2000siaperlItaliacheperilMeridione,ancheinCampania si stima una flessione anche se meno pronunciata. Il divario osservato agli inizi degli anni settanta tra il livello nazionale e quello delle regioni meridionali (Sud e Campania) tende a ridursi. I tassi standardizzati di incidenza stimati per il 2015 sono infatti pari a 32 per 100.000 persone/anno nel Meridione, 36 per 100.000 persone/anno in Campania e 38 per 100.000 persone/anno in Italia. Lincidenza osservata a Napoli omogenea con livelli e trend stimati per la regione Campania. La spiegazione del ridursi del divario geografico, basata sul progressivo uniformarsi delleabitudinialimentari,avanzataperlapopolazionemaschile,rimanevalidaanchenelcasodiquellafemminile. Fig.6.4.4.Incidenzapertumoredelcolonrettodal1970al2015perareageografica,datistimatieosservati.Tassi standardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et099anni.Donne

ColonrettoF,datiosservati
50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015 age adjusted rate per100,000

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

ColonrettoF,stime
50 45

age adjusted rate per100,000

40 35 30 25 20 15 10 5 0 Campania Italia Sud


1970

1973

1976

1979

1982

1985

1988

1991

1994

1997

2000

2003

2006

2009

2012

37

2015

POLMONEUomini Nel periodo 19922007 lincidenza osservata per il tumore del polmone nella popolazione maschile in continua riduzione in tutte le aree coperte dai registri. Lo stesso andamento si osserva a partire dal 2000 anche nellarea del registro di Napoli, dove tuttavia si registrano livelli pi elevati rispetto allintera area Airtum e allarea Sud(nel200780per100.000contro72e60rispettivamente).(Fig.6.4.5) Idatidiincidenzastimaticonfermanoquelliosservatidairegistriemostranochelariduzionepartitaametdegli anni80alivellonazionaleecircadieciannidoponelleregionimeridionali.IltassodiincidenzastimatoinCampania, semprepielevatorispettoalMeridione,statoinlineaconildatonazionalefinoaglianni90erisultapielevato negliannisuccessivi.LariduzionedellincidenzanelCentroNordstataantecedenteepimarcata.Questi andamenti,deltuttoanaloghiaquelliosservatinellamortalitmaschilepertumoredelpolmone,riflettono pienamentelaforteriduzionedellaprevalenzadifumatoriosservatapergliuominiinItalia(dal65%neglianni60al 38%neglianni90)eilrankingregionaledellapercentualedifumatori.LaCampania,infattipurpresentandoun andamentodecrescentesimileaquelloitalianorisultalaregioneconpialtaprevalenzadifumatorinegliultimi20 anni(nel2010secondoidatiIstatinCampaniaifumatorieranoil35%contro30%inItaliae32%nelMezzogiorno). LincidenzaosservatadalregistrodiNapolicompletamentesovrapponibilealdatostimatoregionale. Fig. 6.4.5. Incidenza per tumore del polmone dal 1970 al 2015 per area geografica, dati stimati e osservati. Tassi standardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et099anni.Uomini

PolmoneM,datiosservati
120

age adjusted rateper 100,000

100 80 60 40 20 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

120

age adjusted rate per 100,000

100 80 60 40 20 0 Campania Italia Sud

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

PolmoneM,stime

38

POLMONEDonne Lincidenza osservata per il tumore del polmone nella popolazione femminile decisamente inferiore a quella osservata negli uomini ma nel periodo 19922007 aumenta in tutte le aree coperte dai registri. Lincidenza pi elevata nellintera area Airtum (20 per 100.000 nel 2007), maggiormente rappresentativa della popolazione residenteinregionidelCentroNord.NelregistrodiNapolisiosservanolivellisostanzialmenteinlineaconlareaSud, cherappresentasololeareedeiregistridiRagusaeSassari(15per100.000nel2007).(Fig.6.4.6) I dati di incidenza stimati confermano quelli osservati dai registri e mostrano come lincremento sia costante nel periodo 19702015 e non accenni a ridursi (da 8 per 100.000 nel 1970 a 20 per 100.000 nel 2015). Il tasso di incidenza stimato in Campania, pi elevato rispetto al Meridione, sostanzialmente allineato con il dato nazionale. Anche nel caso delle donne, landamento dellincidenza e del tutto analogo a quello osservato nella mortalit per tumore del polmone e riflette il progressivo incremento della prevalenza di fumatrici. In Italia, infatti, mentre si assistevaadunadrasticariduzionedellaprevalenzadifumatoritragliuomini,siosservavaalcontempounacostante crescita nella prevalenza di fumatrici che ha raggiunto ormai livelli stabili e tale da ridurre la forbice uomini/donne nellabitudinealfumo.PerquantoriguardalaCampania,lapercentualedifumatriciinlineaconlamedianazionale (17%) anche se superiore a quella dellintera macroarea sud (15%). Lincidenza osservata nel registro di Napoli non sidiscostadaldatostimatoregionale. Fig. 6.4.6. Incidenza per tumore del polmone dal 1970 al 2015 per area geografica, dati stimati e osservati. Tassi standardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et099anni.Donne

PolmoneF,datiosservati
40

age adjusted rate per 100,000

35 30 25 20 15 10 5 0 AIRTUM (Pool9Registri) Sude isole (P9) Napoli

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

PolmoneF,stime
40

age adjusted rate per 100,000

35 30 25 20 15 10 5 0 Campania Italia Sud

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

39

MAMMELLA Nel periodo 19922007 lincidenza per il tumore della mammella osservato nelle aree coperte dai registri tumori (Pool Airtum, Sud, rappresentato dai registri di Ragusa e Sassari, registro di Napoli) risulta in aumento fino al 2000 e si stabilizza successivamente intorno a 115 per 100.000 persone/anno. I tassi di incidenza risultano pi elevati per lintera area Airtum e pi bassi per il Sud e Napoli. Nel 2007 lincidenza osservata dal registro di Napoli pari a 96 casiper100.000persone/anno.(Fig.6.4.7) Le stime al 2015 in Italia indicano un tasso di incidenza per il tumore della mammella in continua crescita: da 43 per 100.000persone/annonel1970acirca120nel2015.Dallametdeglianninovantasiosservaunlieverallentamento nella crescita attribuibile per lo pi alle aree del CentroNord, che si accompagna ad una parallela riduzione della mortalit pi marcata e anticipata nel CentroNord rispetto al Sud (dati non mostrati). Nel CentroNord infatti lattivit di screening mammografico pi diffusa ed iniziata prima rispetto al Meridione (nel 20042005 la coperturaeradell80%nelleregionidelCentroNordcontroil50%delSud).Nelmeridionelincidenzastimatacresce pi rapidamente rispetto alla media nazionale: si passa da 28 per 100.000 persone/anno nel 1970 a circa 127 nel 2015. In Campania lincidenza stimata sovrapponibile a quella dellarea Sud fino ai primi anni novanta, successivamente si stimano livelli pi bassi. Lincidenza osservata nel registro di Napoli leggermente pi elevata rispettoaquellaregionalestimata. Fig. 6.4.7. Incidenza per tumore della mammella dal 1970 al 2015 per area geografica, dati osservati e stimati. Tassistandardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et099anni.Donne

Mammella,datiosservati
140
age adjusted rate per 100,000

120 100 80 60 40 20 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

Mammella,stime
ageadjustedrateper100,000
140 120 100 80 60 40 20 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

Campania Italia Sud


40

CERVICEUTERINA Nel periodo 19922007 lincidenza osservata per il tumore della cervice uterina si riduce in tutte le aree coperte da registrazione senza sostanziali differenze geografiche. Nel registro di Napoli si registrano livelli omogenei alrestodItalia.(Fig.6.4.8) ItassidiincidenzaemortalitpercervicocarcinomainItaliasonostimatiinforteriduzionedal1980al2015.Iltasso standardizzato di incidenza passa da 14 per 100.000 persone/anno del 1980 a 3 per 100.000 nel 2015. I tassi di incidenza sono abbastanza omogenei tra le varie macroaree mentre i tassi di mortalit sono meno omogenei (dati non mostrati) perch, a parit di incidenza, riflettono i livelli di sopravvivenza piu elevati nelle regioni del Centro NordrispettoaquelledelSud.IvaloridiincidenzaosservatinellareadelregistrodiNapolisisovrappongonoaquelli stimatiinCampania,questiultimisonoinlineaconivaloridellinteraareameridionaleeconlamedianazionale,per il2015siprevedeunincidenzadeltumoredellacerviceuterinainItaliaparia3.5per100.000persone/anno. Fig.6.4.8.Incidenza per tumoredellacerviceuterinadal1980al 2015perareageografica, datistimatieosservati. Tassistandardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et094anni.

Cervice,datiosservati
16
age adjusted rate per 100,000

14 12 10 8 6 4 2 0
1980 1982 1984 1986 1988 1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008 2010 2012 2014

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

Cervice,stime
16
age adjusted rate per 100,000

14 12 10 8 6 4 2 0
1980 1982 1984 1986 1988 1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008 2010 2012 2014

Campania Italia Sud

41

PROSTATA Per il tumore della prostata lincidenza osservata in rapida crescita nelle aree coperte dai registri, solo apartiredal2004sinotauninversioneditendenzaperlinteroPooledilSud.IlregistrodiNapolipresentatassi diincidenzasistematicamenteinferiorialpoolitalianoeaquellodelSud, con tassiche cresconoda15a71per 100.000persone/annotrail1992eil2008.(Fig.6.4.9) Anche i dati di incidenza stimati confermano un ripido aumento a partire dalla fine degli anni 80, con livelli che tuttavia rimangono pi bassi al Sud e in Campania rispetto allItalia. Landamento in crescita continua fino al 2002. Dal 2003 si registra un cambiamento nei trend: in Italia e nel Meridione si osserva una leggera diminuzionementreinCampanialincidenzarestastabile,intornoa73per100.000persone/anno.Landamento temporale dellincidenza osservata dal registro di Napoli perfettamente in linea con il trend regionale ma con livelli leggermente inferiori. Gli andamenti descritti e i differenziali geografici sia osservati che stimati sono in gran parte riconducibili alla minore diffusione che il test diagnostico del PSA ha avuto a partire dalla fine degli anniNovantanellareadelregistrodiNapoliepiuingeneraleinItaliameridionalerispettoalrestodelpaese. Fig. 6.4.9. Incidenza per tumore della prostata dal 1970 al 2015 per area geografica, dati osservati e stimati. Tassistandardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea),et099anni.Uomini

Prostata,datiosservati
120
age adjusted rate per100,000

100 80 60 40 Napoli 20 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

Prostata,stime
120

age adjusted rate per100,000

100 80 60 40 20 0 Campania Italia Sud

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

42

TUTTITUMORIUomini Negli uomini lincidenza osservata del complesso dei tumori maligni in aumento e si attesta nellarea Airtum intorno a 500 casi per 100.000 persone/anno nel 2007. I tassi standardizzati di incidenza risultano pi elevatiperlinteraareaAirtumrispettoallareaSud,che,comedescrittonelcapitolo5,erappresentatadaisoli registridiSassarieRagusa.LareadelregistrodiNapolipresentatassiinlineaconlareanazionale,inparticolare negliultimianni.(Fig.6.4.10) I dati di incidenza stimati a livello regionale confermano le tendenze osservate dai registri e, a partire dalla seconda met degli anni 2000, mostrano una riduzione, pi accentuata a livello nazionale e meno marcata nel Meridione e in Campania. Conseguentemente le differenze geografiche si vanno riducendo e la previsione al 2015vedelivellidiincidenzavariabilitra350e400per100.000.InCampaniailivellistimatidiincidenzaal2015 sonopielevatirispettoalcomplessodelleregionidelSudeinlineaconlamediaitaliana.Lincidenzaosservata dalregistrodiNapolipielevatadeldatostimatoregionale. Fig. 6.4.10. Incidenza per tutti i tumori maligni (escluso pelle non melanoma) dal 1970 al 2015 per area geografica,datistimatie osservati.Tassistandardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea), et099 anni.Uomini

Tumorimaligni(esclusopellenon melanoma)M,datiosservati
600

age adjusted rate per100,000

500 400 300 200 Napoli 100 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

age adjusted rate per 100,000

600 500 400 300 200 100 0 Italia Campania Sud

1970

1973

1976

1979

1982

1985

1988

1991

1994

1997

2000

2003

2006

2009

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

Tumorimaligni(esclusopellenon melanoma)M,stime

2012

43

2015

TUTTITUMORIDonne Nelle donne lincidenza osservata per il complesso dei tumori maligni in aumento fino al 2000 e si stabilizza negli anni successivi intorno a 350 casi per 100.000 persone/anno nellarea Airtum. Landamento simile, ma con livelli inferiori, nellarea Sud (rappresentata dai soli registri di Sassari e Ragusa) e nellarea del registrodiNapoli.(Fig.6.4.11) Le stime a livello nazionale confermano le tendenze osservate dai registri e, a partire dal 2000, lincidenza si stabilizza intorno al valore di 300 casi per 100.000 persone anno. Nelle regioni del Sud lincidenza stimata non mostra segnali di stabilizzazione e cresce pi rapidamente rispetto alla media nazionale fino ad azzerare in previsione nel 2015 il vantaggio del Meridione. In Campania lincidenza stimata sovrapponibile a quella dellareaSud.LincidenzaosservatanelregistrodiNapolileggermentepielevatarispettoallastimaregionale. Fig. 6.4.11. Incidenza per tutti i tumori maligni (escluso pelle non melanoma) dal 1970 al 2015 per area geografica,datistimatie osservati.Tassistandardizzatiper100.000(popolazionestandardEuropea), et099 anni.Donne

Tumorimaligni(esclusopellenon melanoma)F,datiosservati
ageadjusted rate per100,000
400 350 300 250 200 150 100 50 0 Napoli AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

age adjusted rate per100,000

400 350 300 250 200 150 100 50 0


1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

Tumorimaligni(esclusopellenon melanoma)F,stime

Italia Campania Sud

44

INCIDENZAOSSERVATA19922007PERSEDIDICUINONEDISPONIBILELASTIMAREGIONALE FEGATO Nel periodo 19922007 per il tumore del fegato lincidenza osservata nellarea del registro di Napoli notevolmente pi elevata rispetto alla media del Pool Italiano e allarea Sud. (Fig. 6.4.12) Le differenze sono pi accentuate e stabili nel sesso maschile, con livelli intorno a 50 casi per 100.000 persone/anno a Napoli contro circa 20 del pool i registri italiani. Per le donne, che mostrano unincidenza che e circa la meta di quella osservata nella popolazione maschile, si osservano a Napoli un incremento e un divario con il resto dItalia che massimo nel periodopirecente.Ildatorelativoaitumoriepaticiequellopiupreoccupantedellintero panoramadellincidenza dineoplasieaNapolieinCampaniaaconfrontoconilpoolAirtum.Iltumoreepaticoassociatoprincipalmentealle infezioni da virus per lEpatite C e B, che in Campania hanno una circolazione elevata, come mostrato anche recentemente da uno studio sulla diffusione dellinfezione da Virus dellepatite C e B nel territorio della ASL NA4. Tale studio ha evidenziato una prevalenza del 7,8% di infezione di epatite C (circa sette volte superiore al tasso di prevalenza medio italiano) nellintera area della ex ASL Napoli 4 e tassi di prevalenza pi alti nei Comuni in cui sono pialtii tassidiincidenzapercancroalfegato.Questidatisupportanolipotesichelapialtaincidenza,emortalit, per tumori epatici sia da ascrivere essenzialmente allendemia di Virus dellepatite C e B presente sul territorio. (FuscoM.etAllEurJCancer.2008Apr;44(6):84753). Fig.6.4.12.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

FegatoM,datiosservati
100 90

age adjusted rateper100,000

80 70 60 50 40 30 20 10 0 Napoli AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

50
age adjusted rate per100,000

45 40 35 30 25 20 15 10 5 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

FegatoF,datiosservati

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

45

RENE Lincidenza osservata per i tumori del rene in aumento in entrambi i sessi. Negli uomini si osservano tassi molto pi elevati che nelle donne e differenze geografiche pi accentuate con tassi pi elevati per larea Airtum rispetto a Sud e Napoli. Larea di Napoli non differisce in modo significativo dallareaosservataSudnperlivellinperandamenti.(Fig.6.4.13) Fig.6.4.13.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

ReneM,datiosservati
25

age adjusted rate per100,000

20 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) 10 Napoli 5

15

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

ReneF,datiosservati
10

age adjusted rate per100,000

9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 Napoli AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

46

VESCICA Nel periodo 19922007 lincidenza osservata nellarea del registro di Napoli per il tumore della vescica nella popolazione maschile notevolmente pi elevata rispetto alla media del Pool Italiano e allareaSud(70per100.000contro50per100.000).(Fig.6.4.14) Nelledonneinvecenonsiosservanosignificativedifferenzegeograficheeilivellidiincidenzasonodimolto inferioririspettoaquellimaschili(tra6e12per100.000)seppureinleggeroaumento.Fumoedesposizioni lavorativeadamminearomatichesonotraiprincipalifattoridirischioperquestapatologia. Fig.6.4.14.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

VescicaM,datiosservati
90

ageadjusted rate per100,000

80 70 60 50 40 30 20 10 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

VescicaF,datiosservati
18

age adjusted rate per 100,000

16 14 12 10 8 6 4 2 0 Napoli AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

47

LINFOMADIHODGKIN Lincidenzaosservatainleggeroaumentoinentrambiisessiconlivellipiuttostoomogeneisiaper sessocheperarea.(Fig.6.4.15) NonsiregistranoeccessinellareadelregistrodiNapolirispettoallerestantiaree. Fig.6.4.15.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

LinfomadiHodgkinM,datiosservati
7

ageadjusted rate per100,000

6 5 4 3 2 1 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

LinfomadiHodgkinF,datiosservati
7

age adjusted rate per 100,000

6 5 4 3 2 1 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

48

LINFOMANONHODGKIN Lincidenza osservata per il linfoma non Hodgkin in leggero aumento in entrambi i sessi sia nel pool Airtum sia nel Sud che a Napoli. Questultimo registro mostra livelli sistematicamente inferiori a quelli del pool Airtum per gli uomini, mentre per la popolazione femminile nel periodo 20002006 mostra livelli confrontabilioleggermentesuperiori.(Fig.6.4.16) Fig.6.4.16.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

LinfomaNonHodgkinM,datiosservati
25

age adjusted rate per100,000

20 15 10 Napoli 5 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

LinfomaNonHodgkinF,datiosservati
18

age adjusted rate per 100,000

16 14 12 10 8 6 4 2 0 Napoli AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

49

LEUCEMIA LincidenzaosservataperiltotaledelleleucemiemostravaloristabilisianelpoolAirtumchenei dueregistridelSudeinquellodiNapoli,ivalorisiassestanointornoai15casiper100.000nella popolazionemaschilee810casiper100.000inquellafemminile. NellareadelregistrodiNapolilincidenzaosservatainlineaconivaloriosservatineglialtriregistriitaliani, conlivellileggermenteinferiorinegliuomini.(Fig.6.4.17) Fig.6.4.17.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

LeucemiaM,datiosservati
25

age adjusted rate per100,000

20 15 10 Napoli 5 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

LeucemiaF,datiosservati
12
age adjusted rate per 100,000

10 8 6 4 Napoli 2 0
1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

50

LARINGE Lincidenzaosservataperiltumoredellalaringepresentalivellimoltopielevatinelsessomaschile che in quello femminile nel quale si manifesta piuttosto raramente. Negli uomini in atto una significativa riduzione in tutte le aree coperte dai registri, verosimilmente legata alla riduzione della percentuali di fumatori negli uomini. Lincidenza osservata nel registro di Napoli pi alta della media nazionale e dellareaSud.(Fig.6.4.18) Nelle donne landamento temporale dellincidenza sostanzialmente stabile e lincidenza osservata leggermente superiore nellarea Airtum rispetto allarea Sud. Lincidenza osservata a Napoli per quanto affetta da grande variabilit statistica data lesiguit della casistica (in media circa 1 caso per 100.000 persone/anno),dipocosuperioreallealtrearee. Fig.6.4.18.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

LaringeM,datiosservati
25

age adjusted rate per100,000

20 15 10 Napoli 5 0 AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

3.5
age adjusted rate per100,000

3 2.5 2 1.5 1 0.5 0


1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

LaringeF,datiosservati

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

51

TESSUTOCONNETTIVOETESSUTIMOLLI I livelli di incidenza per i tumori del tessuto connettivo sono piuttosto stabili nel periodo di osservazione 19922007 e piuttosto omogenei nei due sessi (tra 1 e 4.5 casi per 100.000 persone anno). Ancheledifferenzegeografichesonoscarse.(Fig.6.4.19) Lincidenza osservata nel registro di Napoli confrontabile, o di poco inferiore, rispetto allarea nazionale AirtumeallareaSud. Fig.6.4.19.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

TessutoconnettivoM,datiosservati
5 4.5

ageadjusted rateper 100,000

4 3.5 3 2.5 2 1.5 1 0.5 0 Napoli AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

TessutoconnettivoF,datiosservati
4
age adjusted rate per100,000

3.5 3 2.5 2 1.5 1 0.5 0


1970 1973 1976 1979 1982 1985 1988 1991 1994 1997 2000 2003 2006 2009 2012 2015

AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9) Napoli

52

TESTICOLO Lincidenzaosservataperiltumoredeltesticolo,patologiaprevalentementediffusanellet giovanile (due terzi dei casi si concentrano in et al di sotto dei 50 anni), sono tendenzialmente in aumentonelperiodo19922007intutteleareecopertedaregistrazione(da4casiper100.000a7 nellinteraareaAirtum).Nonsonoevidentiparticolaridifferenzegeografiche.(Fig.6.4.20) La prognosi per questi tumori estremamente favorevole (superiore al 90% a 5 anni) e i corrispondenti livelli di mortalit sono notevolmente inferiori (inferiori a 1 decesso per 100.000 persone/anno). Fig.6.4.20.Incidenzaditumoreosservatanelperiodo19922007,RegistroTumoriNapoli

Testicolo,datiosservati
8

age adjusted rate per100,000

7 6 5 4 3 2 1 0 Napoli AIRTUM (Pool9 Registri) Sude isole (P9)

1970

1973

1976

1979

1982

1985

1988

1991

1994

1997

2000

2003

2006

2009

2012

6.5 Profilo di salute: i principali fattori di rischio comportamentali delle malattie croniche non trasmissibilinellaregionecampaniadaidatipassi20082011. MariaMasocco,GianluigiFerranteeilGruppoTecnicoPASSI Al fine di delineare il profilo della popolazione residente nella Regione Campania in termini di stili di vita e deiprincipalifattoridirischiocomportamentaliconnessiallinsorgenzadellemalattiecronicodegenerative, vengono presentati i dati pi aggiornati disponibili tratti dalla sorveglianza Passi e relativi al periodo 2008 2011. Il profilo della popolazione campana viene descritto operando un confronto con il dato medio nazionale, ovvero con i risultati ricavati dai dati raccolti dal Pool di tutte le ASL partecipanti al Passi, nello stesso periodo. Per assicurare maggiore stabilit, le stime di prevalenza sono state ottenute come dato medio di quadriennio, 20082011, ovvero a partire da un campione regionale di circa 10.390 interviste e dal campione nazionale di circa 150.340 interviste. Nel periodo esaminato tutte le ASL campane hanno partecipatocontinuativamenteallarilevazione,assicurandoillorocampionerappresentativoognianno. Tutti gli indicatori vengono presentati anche stratificati per condizioni socioeconomiche, essendo queste traipi noti determinanti disaluteedeifattoridirischioadessa connessi.Le condizionisocioeconomiche
53

2015

sono indagate attraverso la percezione delle difficolt economiche riferite dagli intervistati (alla domanda sulledifficoltincontrateperarrivareallafinedelmeseconilpropriosalario)eattraversoiltitolodistudio. Aggregando i dati di 4 anni stato possibile anche operare un efficace confronto fra le provincie campane, ricostruiteapartiredaidatidiASL. Unanalisi delle tendenze al cambiamento nel tempo, dei principali indicatori, per la Regione Campania e il Poolnazionale,comunquestatafattaattraversoapartiredallestimeannuali. Lapercezionedellostatodisalute La valutazione delle condizioni di salute di una popolazione un problema molto complesso; lOrganizzazione Mondiale della Sanit (OMS) definisce la salute come uno stato di benessere psicofisico, evidenziando sia una componente oggettiva (presenza o assenza di malattie) sia una soggettiva (il modo di vivere e percepire la malattia stessa); in particolare la percezione dello stato di salutetestimonia leffettivo benessereomalesserepsicofisicovissutodallapersona. Nel sistema di sorveglianza PASSI la salute percepita viene valutata col metodo dei giorni in salute (Healthy Days), che misura la percezione del proprio stato di salute e benessere attraverso quattro domande: lo stato di salute autoriferito, il numero di giorni nellultimo mese in cui lintervistato non si sentito bene per motivi fisici, il numero di giorni in cui non si sentito bene per motivi mentali e/o psicologiciedilnumerodigiorniincuihaavutolimitazioninelleattivitabituali. Inquestoreportlattenzionepostaalprimodiquesti4indicatori:lostatodisaluteautoriferito. Lamisuradellostatodisaluteautoriferitoelementodeterminantedelricorsoaiservizisanitari. La maggior parte delle persone intervistate in Campania, il 66%, ha riferito di essere in buona salute. Si conferma la maggiore percezione negativa del proprio stato di salute fra le persone con difficolt economiche e con basso livello distruzione: scendono al 50% le persone che dichiarano di essere in buona salute fra coloro che hanno molte difficolt economiche e al 36% fra quelli senza nessun titolo di studio o con la sola licenza elementare (Tab. 6..5.1, Fig. 6.5.1). Si confermano inoltre lassociazione negativa con let,lessereaffettidapatologiesevereetraledonne(datanonshown). Le stime regionali, medi di quadriennio, non sembrano significativamente diversi da quelle nazionali, tuttavia sono il risultato di uninversione di tendenza osservata dal 2008 al 2011, tra landamento del dato medio nazionale e quello della Regione campana: la riduzione osservata in Campania nellultimo anno non significativa rispetto allanno precedente ma diventa significativa la distanza con il dato medio nazionale (Fig.6.5.1.

54

Tab.6.5.1.LasalutepercepitadaidatiPassi20082011:CampaniavsPoolNazionale. Prevalenze medie di quadriennio, totali e stratificate per condizione economiche e titolo di studio (con relativiIntervallidiConfidenzaal95%).

Salute Percepita come Buona Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario

CAMPANIA IC 95% Prevalenze 64,9 - 66,8 65,9 50,5 66,9 74,1 36,4 59,5 75,6 75,4 48,0 - 53,0 65,5 - 68,3 72,3 - 75,7 33,6 - 39,4 57,5 - 61,4 74,2 - 76,9 72,6 - 78,0

POOL NAZIONALE IC 95% Prevalenze 66,9 - 67,4 67,1 51,0 63,7 75,0 40,2 61,9 73,9 78,2 50,0 - 51,9 63,2 - 64,2 74,6 - 75,4 39,3 - 41,2 61,3 - 62,5 73,5 - 74,4 77,4 - 79,0

Fig.6.5.1.LasalutepercepitadaidatiPassi20082011:CampaniavsPoolNazionale. Prevalenzemediediquadriennio,totaliestratificatepercondizioneeconomicheetitolodistudio(con relativiIntervallidiConfidenzaal95%)etrendannuale.


Salutepercepita
Personeinbuonasalute

DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna

Salutepercepita Personeinbuonasalute
Prevalenzestimate(IC95%)
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90

70 68 66 64 62 60 58 56 2008 2009 2010 2011 Campania Poolnazionale

TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers.

Prevalenzestimate(IC95%) Campania PoolNazionale

55

IFATTORIDIRISCHIOCOMPORTAMENTALICONNESSIALLASALUTE Attivitfisica Lattivitfisicapraticataregolarmentesvolgeunruolodiprimaria importanzanellaprevenzionedi malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione e obesit. Uno stile di vita sedentario contribuisce invece allo sviluppodidiversemalattiecroniche,inparticolarequellecardiovascolari:perlecardiopatieischemiche,ad esempio, si stima che leccesso di rischio attribuibile alla sedentariet e i conseguenti costi sociali siano maggioridiquellisingolarmenteattribuibiliafumo,ipertensioneeobesit. Esiste ormai un ampio consenso circa il livello dellattivit fisica da raccomandare nella popolazione adulta: 30minutidiattivitmoderataalgiornoperalmeno5giorniallasettimanaoppureattivitintensaperpidi 20minutiperalmeno3giorni. Promuovere lattivit fisica rappresenta pertanto unazione di sanit pubblica prioritaria, ormai inserita nei piani e nella programmazione sanitaria in tutto il mondo. In Italia, sia nel Piano Sanitario Nazionale sia nel PianodellaPrevenzione,sisottolinealimportanzadellattivitfisicaperlasalute. Risulta completamente sedentario, nel 20082011, ben il 40% della popolazione residente in Campania, percentualesignificativamentepialtadellamedianazionalenellostessoperiodo(30%). La sedentariet pi diffusa nelle persone con basso livello distruzione (51%) e con molte difficolt economiche(45%),comeaccadenelrestodelpaese.(Tab.6.5.2eFig.6.5.2). Lo stile di vita sedentario si associa spesso ad altre condizioni di rischio (come ad es. leccesso ponderale, ipertensione)(datanotshown). A fonte di una sostanziale stabilit della prevalenza di sedentari dal 2008 al 2011 osservata nel Pool nazionale e confermata anche dallanalisi delle serie storiche sui dati mensili, in Campania si registra una flessione significativa nel 2010, cui sembra seguire per un nuovo incremento, seppur non significativo. (Fig.6.5.2)

Sovrappeso/obesit Leccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali patologie croniche (cardiopatieischemiche,alcunitipidineoplasia,ictus,ipertensione,diabetemellito)edcorrelatoconuna riduzionediaspettativaequalitdivitaneipaesiindustrializzati. Le persone vengono classificate in 4 categorie in base al valore dellIndice di massa corporea (IMC), calcolato dividendo il peso in kg per la statura in metri elevata al quadrato: sottopeso (IMC <18,5), normopeso(IMC18,524,9),sovrappeso(IMC25,029,9),obese(IMC30). In letteratura ampiamente documentata una sottostima nel rilevare la prevalenza delleccesso ponderale attraverso indagini telefoniche analoghe a quelle condotte nel sistema di Sorveglianza PASSI; nonostante questaverosimilesottostima,inCampaniaquasiunapersonaadultasuduepresentauneccessoponderale (ovveroconunIMC>25),comemostranoidatidiquestoparagrafo. Nel quadriennio 20082011 sono risultate mediamente in eccesso ponderale ben il 47% dei residenti in Campania, contro un valore medio nazionale del 42%. Leccesso ponderale si conferma pi frequente nelle persone con difficolt economiche e nelle persone con basso livello di istruzione, in Campania come nel resto dItalia (Tab 6.5.2, Fig 6.5.2). La prevalenza si persone in sovrappeso o obese cresce al crescere dellet,eriguardapifrequentementegliuominidelledonne(datanotshown). A fronte di una sostanziale stabilit della prevalenza di persone in eccesso ponderale dal 2008 al 2011 osservata nel Pool nazionale e confermata anche dallanalisi delle serie storiche sui dati mensili, in Campaniainvecesembraesserciunatendenzaaddiritturaallaumento,seppurnonsignificativa(Fig.6.5.2)

56

Abitudinealfumo Il fumo di tabacco il principale fattore di rischio di numerose patologie croniche, in particolare malattie cardiovascolari, respiratorie e neoplasie. Rappresenta inoltre il primo fattore di rischio evitabile di morte precoce, a cui gli esperti attribuiscono circa il 12% degli anni di vita in buona salute persi a causa di morte precoce o disabilit (Daly, Disability Adjusted Life Years, indicatore che misura il carico complessivo di malattia nella popolazione). A seconda del metodo usato, si stima che in Italia i decessi attribuibili allabitudine al fumo siano tra i 70 e gli 80 mila allanno con oltre un milione di anni di vita potenzialmente persi. Negli ultimi decenni la percentuale di fumatori tra gli uomini si progressivamente ridotta, mentre inaumentonelledonneeneigiovani. Nellindagine PASSI si identifica come fumatore la persona che dichiara di aver fumato pi di 100 sigarette nella sua vita e che al momento dellintervista fuma tutti i giorni o qualche giorno, oppure dichiara di aver smessodifumaremadamenodi6mesi. In Campania si stima che, nel quadriennio 20082011, circa una persona su tre (31%) sia classificabile come fumatore,analogamentealrestodiItalia(29%),tuttaviaquestoeccessorisultastatisticamentesignificativo. Le prevalenze pi alte di fumatori si riscontrano fra coloro con molte difficolt economiche (37%) e quelli con un titolo di studio intermedio (licenza media) (Tab. 6.5.2, Fig. 6.5.2). Inoltre si confermano ancora pi alte le prevalenze di fumatori fra gli uomini e preoccupanti risultano le percentuali di fumatori fra i giovani eadultinellafascia2549anni(datanotshown). A fronte di una sostanziale tendenza alla riduzione nella prevalenza di fumatori dal 2008 al 2011 osservata nel Pool Nazionale e confermata significativa dallanalisi delle serie storiche sui dati mensili solo per le ASL delCentroItalia,inCampaniasembraesserciunatendenzaaddiritturaallaumento,cheaumetaladistanza deldatodatocampanoconquellomedionazionale(Fig.6.5.2). Ilconsumodialcol Nellambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto unimportanza sempre maggiore, perch lalcol associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, diabete mellito, malattieneuropsichiatriche,problemidisalutematernoinfantile,malattiecardiovascolarietumori.Inoltre, ilconsumodialcolfacilitaincidentistradali,comportamentisessualiarischio,infortunisullavoro,episodidi violenza e il fenomeno della dipendenza. Il danno causato dall'alcol, oltre che al bevitore, pu estendersi quindiallefamiglieeallacollettivit,gravandosull'interasociet.Anchelimpattoeconomiconotevole:si stima che i costi indotti dal consumo di alcol, nei Paesi ad alto e medio reddito, ammontino a pi dell1% delProdottointernolordo. Il consumo di alcol misurato in unit alcoliche. Lunit alcolica corrisponde a una lattina di birra, un bicchiere di vino o un bicchierino di liquore. Il consumo di alcol, i danni alcolcorrelati e la dipendenza da alcol fanno parte di un continuum e il rischio cresce con laumento delle quantit bevute. Non quindi possibile stabilire limiti prefissati o un effetto soglia. Tuttavia, per definire il consumo moderato, le istituzioni sanitarie internazionali e nazionali hanno individuato e aggiornano continuamente i livelli di consumosottoiqualiirischiperlasalutenonsonorilevabili. La soglia del consumo moderato, adottata in PASSI pari a due unit alcoliche al giorno per gli uomini (ununitperledonne)bevuteinmediaalgiorno.Aldisopraditalelimite,ilconsumodialcolconsiderato in eccesso. Di conseguenza, in base ai limiti del bere moderato, alla media di unit di bevanda alcolica consumate al giorno, alle modalit di consumo e alla frequenza del consumo, sono stati definiti diversi pattern di consumo a rischio: consumo abituale elevato (relativo a coloro che superano le soglie del bere moderato), il consumo binge (relativo a coloro che indulgono in grandi bevute), il consumo fuori pasto (relativo a coloro che dichiarano di bere esclusivamente o prevalentemente fuori pasto). Lintervistato che

57

possa essere classificato secondo una o pi di queste tre categorie di consumo definito in Passi Bevitore amaggiorrischio. Poich nel 2010 stata adottata una nuova definizione del consumo binge (per allinearla alla definizione adottata a livello internazionale), i valori dellindicatore relativo a Bevitore a maggior rischio , di cui il consumo binge una componente non sono direttamente confrontabili con quelli degli anni precedenti, pertanto le stime di questo indicatore presentate in questo rapporto si riferiscono alla media del biennio 20102011. Tra i fattori di rischio comportamentali indagati il consumo a maggior rischio in Campania significativamente pi basso che nel resto del Paese: nel biennio 20102011 si stima una prevalenza di bevitori a maggior rischio pari al 9% in Campania vs un 17% osservato nel Pool Nazionale. Inoltre, al contrario di quanto si osserva per gli altri fattori di rischio comportamentali, il bere eccessivamente appannaggio delle classi pi agiate e dei pi istruiti, in Campania come nel resto dItalia (Tab. 6.5.2, Fig. 6.5.2).Idaticonfermanoanchesignificativeassociazionitraconsumoamaggiorrischio,lagiovaneeteil sessomaschile(datanotshown). Lanalisi delle variazioni temporali non informativa nel caso di questo indicatore essendo presentato sul solo biennio 20102011. Tuttavia dallanalisi delle serie storiche sui dati mensili del Pool di ASL omegeno si nota una riduzione significativa di una componente del consumo a maggior rischio, il consumo binge, (significativa per solo per le ASL del centro Italia) e una tendenza allaumento, seppur non significativa, nelleASLdelSud,comeinpartesembranosuggerireancheidatidellaCampania(Fig.6.5.2).

58

Tab.6.5.2.Stilidivitaefattoridirischiocomportamentaliperlemalattiecroniche:inattivitfisica, eccessoponderale,abitudinealfumoeeccessodiconsumoalcoolico,daidatiPassi20082011:Campania vsPoolNazionale.Prevalenzemediediquadriennio,totaliestratificatepercondizioneeconomichee titolodistudio(conrelativiIntervallidiConfidenzaal95%).

SEDENTARI Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario SOVRAPPESO/OBESI Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario FUMATORI Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica

CAMPANIA IC 95% Prevalenze 39,3 - 41,3 40,3 44,5 40,9 36,4 50,6 42,8 38,3 30,7 47,2 56,3 48,0 39,9 65,3 56,2 40,3 32,6 31,0 37,3 31,3 26,4 41,1 - 46,7 39,5 - 42,4 34,5 - 38,4 47,6 - 53,6 40,9 - 44,8 36,8 - 39,9 27,9 - 33,7 46,2 - 48,3 53,8 - 58,8 46,5 - 49,5 38,0 - 41,8 62,3 - 68,2 54,2 - 58,2 38,7 - 41,8 29,8 - 35,7 30,0 - 32,0 34,9 - 39,8 29,9 - 32,8 24,7 - 28,3
59

POOL NAZIONALE IC 95% Prevalenze 29,8 - 30,4 30,1 38,8 32,9 25,0 38,8 32,7 28,3 23,2 41,8 50,9 44,5 36,9 62,6 48,9 35,8 29,4 28,9 36,9 30,2 25,3 37,8 - 39,7 32,4 - 33,4 24,6 - 25,4 37,9 - 39,8 32,1 - 33,3 27,8 - 28,7 22,5 - 24,0 41,5 - 42,1 50,0 - 51,9 44,0 - 45,0 36,4 - 37,3 61,6 - 63,5 48,3 - 49,5 35,4 - 36,3 28,6 - 30,3 28,6 - 29,2 36,0 - 37,8 29,7 - 30,7 24,9 - 25,8

Titolo di studio 25,4 - 31,0 Nessuno/elementare 28,1 22,6 36,1 - 40,1 Scuola media inferiore 38,1 33,8 28,3 - 31,3 Scuola media superiore 29,8 29,0 Laurea/Diploma 18,9 - 24,2 21,4 22,6 universitario BEVITORI A MAGGIOR 8,2 - 10,2 9,2 17,0 RISCHIO (a) Difficolt economiche Molte difficolt 5,9 - 10,1 7,7 14,9 economiche Qualche difficolt 7,7 - 10,5 9,0 15,1 economica Nessuna difficolt 8,8 - 12,8 10,7 19,4 economica Titolo di studio 2,1 - 5,1 Nessuno/elementare 3,3 10,8 7,5 - 11,3 Scuola media inferiore 9,2 15,8 8,6 - 11,6 Scuola media superiore 10,0 18,6 Laurea/Diploma 8,8 - 15,0 11,6 18,9 universitario (a) Questo indicatore stimato solo su i dati del biennio 2010-2011.

21,8 - 23,5 33,3 - 34,4 28,6 - 29,5 21,8 - 23,3 16,7 - 17,3

14,0 - 15,9 14,6 - 15,6 18,9 - 19,9 10,0 - 11,7 15,3 - 16,4 18,1 - 19,2 18,0 - 19,9

Fig. 6.5.2. Stili di vita e fattori di rischio comportamentali per le malattie croniche dai dati Passi 2008 2011:CampaniavsPoolNazionale. Prevalenze medie di quadriennio, totali e stratificate per condizione economiche e titolo di studio (con relativiIntervallidiConfidenzaal95%)etrendannuali.
SEDENTARI
SEDENTARI DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers. 0 Campania PoolNazionale 10 20 30 40 Prevalenzestimate(IC95%) 50 60

Sedentari
50
Prevalenze stimate(IC95%)

40 30 20 10 0 2008 2009 2010 2011 Campania Poolnazionale

60

SOVRAPPESO/OBESI
SOVRAPPESO/OBESI

Sovrappeso/Obesi
60

Prevalenze stimate (IC95%)

DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers. 0 Campania PoolNazionale 20 40 Prevalenzestimate(IC95%) 60 80

50 40 30 20 10 0 2008 2009 2010 2011 Campania Poolnazionale

FUMATORI
FUMATORI

Fumatori
40

Prevalenze stimate(IC95%)
0 10 20 30 Prevalenzestimate(IC95%) 40 50

DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers.

35 30 25 20 15 10 5 0 2008 2009 2010 2011 Campania Poolnazionale

Campania

PoolNazionale

BEVITORIa maggiorrischio
Prevalenze stimate(IC95%)
BEVITORIAMAGGIORRISCHIO DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers. 0 Campania PoolNazionale 5 10 15 Prevalenze stimate(IC95%) 20 25

Bevitoriamaggiorrischio
20 15 10 5 0 2010 Campania 2011 Poolnazionale

Stima del biennio 2010-2011

61

ILRISCHIOCARDIOVASCOLAREELEMISUREDIPREVENZIONEADOTTATE
Le malattie cardiovascolari comprendono un ventaglio di patologie gravi e diffuse (le pi frequenti sono infarto miocardico ed ictus cerebrale), che rappresentano la prima causa di morte nel mondo occidentale edhannoancheunnotevoleimpattointerminididisabilit,risultandoresponsabilidicirca1/6deiDaly. I fattori di rischio modificabili per le malattie cardiovascolari sono numerosi, molti dei quali analizzati nella sezione precedente. In questa sezione viene descritta la situazione relativa alla prevenzione e al controllo dellipertensionearteriosa,ipercolesterolemiaediabete. Ipertensionearteriosa Lipertensione arteriosa uno dei principali fattori di rischio di malattie gravi e invalidanti come ictus, infarto del miocardio, scompenso cardiaco, insufficienza renale. Lipertensione associata a fattori modificabili, come il contenuto di sale della dieta, lobesit e linattivit fisica. La sua insorgenza pertanto prevenibile con interventi a livello individuale e di popolazione. In ogni caso importante diagnosticare precocemente l'ipertensione mediante controlli medici e contrastarne gli effetti con il trattamento farmacologicoeappropriatemodifichedeglistilidivita. Le linee guida internazionali raccomandano la misurazione della pressione arteriosa al di sopra dei 18 anni conperiodicitnonsuperioreadueannineisoggettinormotesieadunannoinquelliconvaloriborderline (pressionesistolicadi120140mmHge/odiastolicadi8090). In Campania, nel quadriennio 20082011, il 79% degli intervistati dichiara di aver effettuato una misurazionedellapressionearteriosaneidueanniprecedentilintervista,prevalenzasignificativamentepi bassa della media nazionale del 83%; come nel resto del Paese, non si apprezzano differenze significative con le condizioni socioeconomiche (Tab.6.5.3, Fig. 6.5.3) e opportune tecniche di analisi multivariata mostranocomefattoreassociatoaquestapraticasololet,lepersonepianzianepifrequentementedei pigiovanimisuranolapressionearteriosa(datanotshown). I dati dei trend annuali descrivono nel Pool nazionale una sostanziale stabilit di questo indicatore, dopo unaprimaflessionenel2009,inCampaniainvecelandamentoinstabile(Fig.6.5.3) Ipercolesterolemia Lipercolesterolemia, come lipertensione, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per le cardiopatieischemicheelemalattiecerebrovascolarisulqualepossibileintervenireconefficacia. Si stima che una riduzione del 10% della colesterolemia totale possa ridurre la probabilit di morire di una malattiacardiovascolaredel20%echeunabbassamentodel25%dimezziilrischiodiinfartomiocardio. Lidentificazioneprecoce delle personeconipercolesterolemiagraziea controlliregolari (speciesopraai 40 anni)costituisceuninterventoefficacediprevenzione. In Campania, nel 20082011, la proporzione di persone che dichiara di aver effettuato almeno una volta nella vita una misurazione del colesterolo nel sangue pari all83% contro un valore medio nazionale significativamente pi basso 79% (Tab. 6.5.3). Tuttavia e purtroppo, le tendenze temporali sembrano mostrare una riduzione in Campania della frequenza delle persone che adottano questa misura preventiva a livelli che diventano sempre pi paragonabili a quelli del resto del Paese e il vantaggio mostrato dalla Campaniasiriduce.(Fig.6.5.3).

62

Come accade con la misurazione della pressione arteriosa non si apprezzano differenze significative con le condizionisocioeconomicheelapialtafrequenzadipersonechehamisuratoilcolesterolosiosservafrai menoistruiti,maprincipalmentecomeeffettolegatoallet. A parit di et maggiore la frequenza fra le donne che dichiara di aver effettuato questa misurazione (datanotshown).

Ildiabete Ildiabetemellitouna malattiacronicaampiamentediffusaintuttoil mondo;rappresentalaquartacausa di morte e si ritiene sia destinato ad aumentare la propria diffusione in rapporto al progressivo invecchiamentodellapopolazione. In Italia si stima una prevalenza di diabete diagnosticato di circa il 4%, di cui il 90% dei casi costituito dal diabete di tipo 2 ed il 10% dal diabete di tipo 1 o forma infantogiovanile, insulina dipendente. Il diabete una patologia particolarmente rilevante per le numerose complicanze, tra le quali la retinopatia diabetica (maggiore causa di cecit fra gli adulti) e la nefropatia diabetica (principale causa di insufficienza renale cronica e di ricorso alla dialisi). Il diabete si associa inoltre ad un notevole aumento del rischio di malattia cardiovascolare: i tassi di mortalit da cardiopatia ischemica nei diabetici sono almeno tre volte superiori a quellirilevatinellapopolazionegenerale. Il diabete una patologia che determina un costo sociale molto elevato e ai costi sociali si aggiunge una riduzione della qualit della vita del paziente diabetico ed una perdita in termini di anni di vita (mediamente510annirispettoainondiabetici). La diagnosi di diabete rilevato in Passi riferita dallintervistato come diagnosi medica comunicata da un operatoresanitario. I risultati dellanalisi sui dati 20082011 forniscono un dato di prevalenza in Campania del 5,8% significativamente pi elevato del dato medio nazionale pari al 4,7% (Tab. 6.5.3, Fig. 6.5.3) I risultati confermano che il diabete associato ad un basso profilo economico e ad un basso livello di istruzione (anchequandoaggiustatoperetdatanotshown),inCampaniacomenelrestodItalia. Idatiditrendnonsonointerpretabiliacausadiunamodificanelquestionarioavvenutanel2010.

63

Tab. 6.5.3. Il rischio cardiovascolare dai dati Passi 20082011: Campania vs Pool Nazionale. Prevalenze medie di quadriennio, totali e stratificate per condizione economiche e titolo di studio (con relativi IntervallidiConfidenzaal95%).

CAMPANIA IC 95% Prevalenze MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA NEGLI ULTIMI 2 ANNI Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario MISURAZIONE DELLA
COLESTEROLEMIA UNA VOLTA NELLA VITA

POOL NAZIONALE IC 95% Prevalenze 83,1 82,9 - 83,4

78,7

77,8 - 79,6

78,2 79,5 77,7 88,2 79,3 74,9 82,1 83,4

76,0 - 80,2 78,2 - 80,7 75,9 - 79,4 86,1 - 90,1 77,5 - 80,9 73,5 - 76,3 79,3 - 84,5 82,6 - 84,2

81,1 82,6 84,2 89,5 82,9 81,3 84,5 79,1

80,4 - 81,9 82,2 - 83,0 83,8 - 84,5 88,8 - 90,1 82,4 - 83,3 80,9 - 81,7 83,9 - 85,2 78,8 - 79,3

Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario DIABETE Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma Univ.

80,6 85,0 82,4 88,0 83,3 81,4 86,6 5,8 8,6 5,6 4,2 17,3 6,7 3,0 2,2

78,5 - 82,5 83,8 - 86,0 80,8 - 83,9 85,9 - 89,8 81,7 - 84,8 80,1 - 82,6 84,1 - 88,7 5,3 - 6,3 7,3 - 10,1 5,0 - 6,4 3,5 - 5,1 15,1 5,8 2,5 1,5
64

76,8 79,1 79,8 87,6 78,4 76,7 81,7 4,7 8,0 5,1 3,5 14,2 5,5 2,8 2,1

76,0 - 77,6 78,6 - 79,5 79,5 - 80,2 86,9 - 88,3 77,9 - 78,9 76,2 - 77,1 81,0 - 82,4 4,6 - 4,9 7,5 - 8,5 8,9 - 5,3 3,3 - 3,7 13,5 5,2 2,6 1,9 14,8 5,7 2,9 2,5

19,7 7,8 3,6 3,2


Fig.6.5.3.IlrischiocardiovascolaredaidatiPassi20082011:CampaniavsPoolNazionale. Prevalenze medie di quadriennio, totali e stratificate per condizione economiche e titolo di studio (con relativiIntervallidiConfidenzaal95%)etrendannuali.


Misurazione della pressione arteriosa negliultimi2 anni
Personechedichiaranodifarlo

DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna

Misurazionedellapressionearteriosa negliultimi2anni.
Prevalenze stimate (IC95%)
0 20 40 60 80 Prevalenzestimate(IC95%) PoolNazionale 100

86 84 82 80 78 76 74 2008 2009 2010 2011 Campania Poolnazionale

TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers.

Campania


Misurazione della colesterolemia almenouna volta nellavita
Personechedichiaranoaverlofatto DIFFICOLTA'ECONOMICHE Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers. 0 20 40 60 80 Prevalenzestimate(IC95%) PoolNazionale 100

Misurazionedellacolesterolomia almenounavoltanellavita.
Prevalenzestimate(IC95%)
88 86 84 82 80 78 76 74 2008 2009 2010 2011 Campania Poolnazionale

Molte

Campania

DIABETE (riferito comediagnosi medica)


Personecondiabete

DIFFICOLTA'ECONOMICHE

Diabete (riferitocomediagnosimedica)
Prevalenzestimate(IC95%)
0 5 10 15 20 Prevalenzestimate(IC95%) PoolNazionale 25

Molte Qualche Nessuna

7 6 5 4 3 2 1 0 2008 2009 2010 2011 Campania Poolnazionale

TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers.

Campania


65

LADESIONE AGLI SCREENING ONCOLOGICI PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA, DEL COLLO DELLUTEROEDELCOLONRETTO Screeningperiltumoreallamammella Secondo le stime dellIstituto Superiore di Sanit, basate sui dati raccolti dai Registri Tumori, il tumoredellamammellatraledonnelaneoplasiadigranlungapifrequente,parinel2010adoltreil40% dituttiitumorimalignichecolpisconoilsessofemminile. Le stime di incidenza parlano di 48.710 nuove diagnosi nel 2010 e ben 567.000 casi prevalenti, donne che hanno avuto una diagnosi di tumore alla mammella nel corso della vita. Tuttavia, grazie alla diagnosi precoce e allefficacia delle cure la sopravvivenza delle donne affette da tumore della mammella migliorata sensibilmente; la mortalit per cancro alla mammella si ridotta notevolmente e un numero sempre crescente di pazienti sopravvive a 5 anni dalla diagnosi: la sopravvivenza stimata a 5 anni pari all85%(datiultimoRapportoAirtum). Rilevante, nel ridurre la mortalit e migliorare la sopravvivenza per questa patologia, stata lintroduzione elapraticadiinterventiperladiagnosiprecoce,comeloscreeningmammografico. Lamortalitpercancrodellamammellasiriducesensibilmentetraledonnechepraticanolamammografia ogni due anni, a partire dai 50 fino ai 69 anni di et. Per questa ragione, in Italia, il Ministero della Salute raccomandaaiservizisanitarilesecuzionediscreeningdipopolazione,ciounprogrammaorganizzatoche ognidueanniinvitiregolarmenteledonnetra50e69anniaeseguirelamammografia. Il sistema Passi rileva, richiedendolo direttamente alle donne tra 50 e 69 anni, se e quando stata effettuatalamammografiapreventiva(ovveroinassenzadisegniosintomi)esestataeseguitaallinterno delprogrammadiscreeningorganizzatodallaAsloppuresuiniziativapersonale. Significativamente pi bassa in Campania ladesione delle donne di 5069enni allo screening mammografico, solo il 44% di loro dichiara di aver effettuato una mammografica nei due anni precedenti lintervista, contro un valore medio nazionale del 70% . Ladesione significativamente pi bassa tra le classi economicamente pi svantaggiate e meno istruite, come accade nel resto del Paese (Tab. 6.5.4. Fig. 6.5.4),magliscreeningorganizzati,riduconoquestedisuguaglianze(datanotshown). Idatiditrendanalizzaticonleseriestorichemostranounatendenzaallaumentodelledonnechepraticano prevenzione per il tumore della mammella, significativa per solo nelle Asl del centro, e non sufficiente nelle ASL del meridione; i dati annuali relativi nella regione Campania non sembrano mostrare un recupero diquestosvantaggiointempibrevi(Fig.6.5.4). Screeningperiltumoredelcollodelutero Le stime italiane, prodotte dallIstituto Superiore di Sanit, indicano che nel 2010 sono stati diagnosticati pi di 1.600 casi di tumore della cervice uterina. In Italia, cos come nei Paesi con programmi discreeningorganizzati,siassistitonegliultimidecenniaunimportantedecrementodellincidenzaedella mortalitperquestaneoplasia.Lamortalitpercancrodelcollodelluterosarebbedeltuttoevitabilegrazie alla diagnosi precoce con Pap test, la cui esecuzione raccomandata ogni tre anni alle donne, a partire dai 25annifinoai64annidiet.LestensionedeiprogrammiormaiampianelleRegionidelNordedelCentro Italiaegradualmenteaumentaancheinquellemeridionali. IlsistemaPassirileva,richiedendolodirettamentealledonne,seequandostatoeffettuatoilPaptestese statoeseguitoallinternodelprogrammadiscreeningorganizzatodallaAsloppuresuiniziativapersonale.
66

Anche per ladesione ai programmi (organizzati o non) per la diagnosi precoce del tumore della cervice si osservano in Campania valori significativamente pi bassi del dato medio nazionale: si sono sottoposte a Paptestpreventivo(inassenzadisegniesintomi)nei3anniprecedentilintervistail58%delledonnedi25 64 anni, contro una media nazionale del 75% (Tab. 6.5.4, Fig. 6.5.4), tali percentuali scendono ancora nelle classi economicamente pi svantaggiate e meno istruite, e ancora una volta dimostrato che gli screening organizzatiriduconolosvantaggiosocioeconomico(datanotshown). I dati annuali di trend sembrano mostrare una tendenza, seppur non significativa, allaumento delladesionealloscreeninginCampaniacomenelrestodItalia.(Fig.6.5.4) Screeningperiltumoredelcolonretto. Dalle stime dellIstituto Superiore di Sanit per il 2010, risulta che oltre 330.000 cittadini italiani vivonoconunapregressadiagnosidicancrocolorettale,untumorecaratterizzatodaunelevataincidenzae unadiscretasopravvivenza.Itumoridelcolonrettoinfattisonoalterzopostoperincidenzatragliuominie al secondo per le donne, facendo registrare nel 2010, circa 30.000 nuovi casi nella popolazione maschile e pidi23.000inquellafemminile. Si tratta di una neoplasia abbastanza rara prima dei 40 anni, che diventa pi frequente a partire dai 60. Il programma di screening organizzato rappresenta un efficace strumento per ridurre non solo la mortalit, ma anche l'incidenza della neoplasia colorettale. I principali test di screening per la diagnosi in pazienti asintomatici sono la ricerca di sangue occulto nelle feci e la colonscopia; questi esami sono in grado di diagnosticare pi del 50% di tumore negli stadi pi precoci, quando maggiori sono le probabilit di guarigione. Il Piano nazionale della prevenzione propone come strategia di screening per le neoplasie del colonretto nelle persone della fascia 5069 anni la ricerca del sangue occulto nelle feci con frequenza biennale o lesecuzione della rettosigmoidoscopia/colonscopia. Per questo esame, la cadenza consigliabile non definibile in modo univoco: in alcune categorie a maggior rischio, lintervallo minimo suggerito di cinque anni.InunnumerolimitatodiAslsiutilizzainvecelarettosigmoidoscopiaeseguitaapartiredai58anni,una volta nella vita, come nelle ASL del Piemonte. Per questa ragione, sono stati esclusi in questa analisi i dati provenientidalPiemonte,perchnonconfrontabiliconilrestodelPaese. Ancora una volta ladesione ai programmi di prevenzione per la diagnosi precoce del tumore colon rettale non raggiunge in Campania la copertura desiderabile; nel 20082011 sono meno del 10% le persone di 50 69 anni che hanno eseguito un test per la ricerca del sangue occulto nei tempi raccomandati, contro un valore medio nazionale quasi tre volte pi elevato e pari al 28%, e sono meno del 6% coloro i quali si sono sottoposti a colonscopia nei 5 anni precedenti lintervista a scopo preventivo, contro un valore medio nazionale del 11%. Per entrambi i test si osserva comunque una tendenza allaumento dopo il 2009 che per non riduce il gap fra il dato regionale e il dato di Pool. (Tab. 6.5.4 ,Fig. 6.5.4). Questi due test non risultano particolarmente sensibili alle differenze socioeconomiche: lesecuzione del test per la ricerca del sangue occulto risulta solo nel Pool nazionale , ma non in Campania, pi frequente nelle classi economicamentepiavvantaggiate;analogamenteaccadeperlacolonscopiachesembrapifrequentefra lepersonepiistruite,masoloPoolNazionale. Tab.6.5.4.Adesioneagliscreeningoncologiciperladiagnosiprecocedeltumoreallamammella,delcollo delluteroedelcolonretto,daidatiPassi20082011:CampaniavsPoolNazionale.
67

Prevalenzemediediquadriennio,totaliestratificatepercondizioneeconomicheetitolodistudio(con relativiIntervallidiConfidenzaal95%).

SCREENING PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Donne di 50-69 anni che hanno eseguito una mammografia preventiva (ovvero in assenza di segni e sintomi) nei 2 anni precedenti lintervista. CAMPANIA Prevalenze IC 95% Donne 50-69 anni che hanno eseguito lo screening Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario 44,1 41,5 - 46,8 POOL NAZIONALE Prevalenze IC 95% 70,5 69,8 69,1 -

35,7 46,3 47,5 39,5 39,0 51,3 62,2

30,6 - 41,2 42,7 - 50,1 42,0 - 53,0 35,2 - 44,0 34,4 - 43,9 45,9 - 56,7 52,6 - 71,0

56,5 67,4 77,6 64,8 68,1 74,7 77,2

54,4 - 58,5 66,3 - 68,4 76,6 - 78,5 63,5 - 66,1 66,8 - 69,3 73,4 - 75,9 74,9 - 79,4

SCREENING PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLLO DELLUTERO Donne di 25-49 anni che hanno eseguito un Pap Test preventivo (ovvero in assenza di segni e sintomi) nei 3 anni precedenti lintervista. CAMPANIA Prevalenze IC 95% Donne 25-49 anni che hanno eseguito lo screening Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio

POOL NAZIONALE Prevalenze IC 95% 75,4 74,9 - 75,8

58,1

56,4 - 59,7

52,5 58,3 61,4

48,5 - 56,4 55,9 - 60,6 58,2 - 64,4


68

66,5 73,1 80,7

65,2 - 67,9 72,3 - 73,8 80,0 - 81,3

Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario

44,9 53,7 63,5 64,7

40,6 - 49,3 50,6 - 56,9 60,9 - 66,0 60,2 - 69,1

62,1 73,0 78,7 79,2

60,5 - 63,6 72,1 - 73,8 78,1 - 79,4 78,1 - 80,3

SCREENING PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON-RETTO Persone (uomini e donne) di 50-69 anni che hanno eseguito un test per la ricerca del Sangue Occulto nelle Feci (in assenza di segni e sintomi) nei 2 anni precedenti lintervista. CAMPANIA IC 95% Prevalenze Persone di 50-69 anni che hanno eseguito un SOF Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario 9,6 8,7 - 10,7 POOL NAZIONALE (a) IC 95% Prevalenze 27,7 27,3 - 28,1

10,4 8,9 10,6 9,1 10,5 9,1 9,7

8,3 - 12,9 7,6 - 10,3 8,6 - 13,0 7,4 - 11,0 8,8 - 12,5 7,4 - 11,2 6,5 - 14,2

16,8 23,4 35,7 27,1 28,0 28,2 26,8

15,7 - 17,9 22,8 - 24,1 35,0 - 36,4 26,3 - 28,0 27,2 - 28,8 27,4 - 29,1 25,2 - 28,4

SCREENING PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON-RETTO Persone (uomini e donne) di 50-69 anni che hanno eseguito una colonscopia preventiva (ovvero in assenza di segni e sintomi) nei 5 anni precedenti lintervista. CAMPANIA Prevalenze Persone di 50-69 anni che hanno eseguito lo screening Difficolt economiche Molte difficolt economiche Qualche difficolt economica

POOL NAZIONALE (a) Prevalenze 10,9 IC 95% 10,6 - 11,3

IC 95% 4,8 6,5

5,6

5,6 5,3

4,1 4,3 69

7,6 6,6

9,9 9,9

9,0 - 10,9 9,4 - 10,4

Nessuna difficolt economica Titolo di studio Nessuno/elementare Scuola media inferiore Scuola media superiore Laurea/Diploma universitario

6,3 4,9 5,3 6,2 7,4

4,7 3,7 4,0 4,7 -

8,4 6,5 6,9 8,1

12,2 10,3 10,4 11,0 13,9

11,7 - 12,8 9,6 - 11,0 9,9 - 11,0 10,4 - 11,6 12,3 - 15,6

4,8 - 11,4

(a) Nelle stime di prevalenza del Pool Nazionale sono esclusi i dati delle ASL del Piemonte poich la Regione Piemonte adotta programmi di screening non confrontabili con il resto di Italia.

Fig. 6.5.4. Ladesione agli screening oncologici: Campania vs Pool Nazionale dai dati Passi 2008 2011. Prevalenze medie di quadriennio, totali e stratificate per condizione economiche e titolo d studio(conrelativiIntervallidiConfidenzaal95%)etrendannuali
Screeningper iltumore dellamammella Mammografia preventivanegliultimi2anni Donnedi 5069anni
Adesionealloscreenig DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers. 0 10 20 30 40 50 60 70 Prevalenzestimate(IC95%) PoolNazionale 80 90

Prevalenze stimate(IC95%)

80 60 40 20

Screeningpertumoremammella Mammografiapreventivanegliultimi2anni Donne5069anni

0 2008 2009 2010 2011 Campania Poolnazionale

Campania

Screeningper iltumore collo dell'utero Paptestpreventivo negliultimi3anni Donnedi 2564anni


Adesionealloscreenig DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers. 0 10 20 30 40 50 60 70 Prevalenzestimate(IC95%) PoolNazionale 80 90

Prevalenze stimate(IC95%)

100 80 60 40 20 0

Screeningpertumorecolloutero Paptestpreventivonegliultimi3anni Donne2564anni

2008

2009

2010

2011

Campania

Campania

Poolnazionale

70

Screeningper iltumore del ColonRetto RicercadelSangue Occultonegliultimi2anni Personedi 5069anni


Adesionealloscreenig DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers. 0 5 10 15 20 25 30 Prevalenze stimate(IC95%) PoolNazionale 35 40

Prevalenze stimate(IC95%)

Screeningpertumoredelcolonretto Ricecadelsangueoccultonegliultimi2anni Persone 5069anni 35


30 25 20 15 10 5 0 2008
Campania

2009

2010

2011

Campania

PoolNazionale (esclusoilPiemonte)

Screeningper iltumore del ColonRetto Colonscopia negliultimi5anni Personedi 5069anni


Adesionealloscreenig DIFFICOLTA'ECONOMICHE Molte Qualche Nessuna TITOLODI STUDIO Nessuno/elementare Mediainferiore Mediasuperiore Laurea/Dipl.univers. 0 2 4 6 8 10 12 14 Prevalenzestimate(IC95%) PoolNazionale 16 18

Prevalenze stimate(IC95%)

15

Screeningpertumoredelcolonretto. Colonscopiapreventivanegliultimi5anni Persone5069anni

10

0 2008
Campania

2009

2010

2011

Campania

PoolNazionale (esclusoilPiemonte)

71

LEDIFFERENZEPROVINCIALINELLAREGIONECAMPANIA Dai dati stimati per provincia di residenza non emergono sostanziali differenze nelle provincie campane in terminididiffusionedeifattoridirischioconnessiallinsorgenzadellemalattiecronicodegenerativeenella adesione ai programmi di screening oncologici, se non in qualche eccezione che difficilmente per raggiungelasignificativitstatistica(Fig.6.5.5). Napoli e Caserta si caratterizzano per una pi alta prevalenza di sedentari, Benevento e Avellino per una maggiorepresenzadipersoneineccessoponderale,ifumatorisonopifrequentiaNapolimentreibevitori amaggiorrischiosonosignificativamentepifrequentiaBeneventoeAvellino. Non sostanziali differenze si osservano nella prevenzione del rischio cardiovascolare stimata attraverso la frequenza della misurazione delle pressione arteriosa e delle colesterolemia nel sangue, n nella stima di prevalenzadipersonediabetiche. Ladesione ai programmi di screening per il tumore della cervice uterina sembra meno frequente nelle provincie di Napoli e Caserta, anche la frequenza al ricorso alloscreening mammografico tra i pi bassi in queste provincie, migliore solo al dato registrato nella provincia di Avellino, fra i pi bassi anche la proporzionedicolorochehaeffettuatounodeiduetestperladiagnosiprecocedeltumoredelcolonretto.

Fig.6.5.5.LedifferenzeprovincialinellaRegioneCampania.DatiPassi20082011. Prevalenzemediediquadriennio(conrelativiIntervallidiConfidenzaal95%)
Ifattori di rischio comportamentali
60 50 100 90

Laprevenzione deifattori di rischio cardiovascolare

Prevalenze stimate(IC95%)

Prevalenze stimate(IC95%)
CAMPANIA Sovrappeso/obeso Napoli Sedentari Caserta Salerno Benevento Avellino

80 70 60 50 40 30 20 10

40 30 20 10 0

0 CAMPANIA Napoli Caserta Salerno Benevento Avellino Misurazionedellapressionearteriosanegliultimi2anni Misurazionedellacolesterolemiaalmenounavoltanellavita

Fumatori

Bevitoriamaggiorrischio(201011)

DIABETE (riferito comediagnosi resa da un medico)


9 8 70 60

L'adesione agli screeningoncologici tumori della mammella,cerviceecolonretto.

Prevalenze stimate(IC95%)

Prevalenze stimate(IC95%)
CAMPANIA Napoli Caserta Salerno Benevento Avellino

7 6 5 4 3 2 1 0

50 40 30 20 10 0 CAMPANIA Napoli Caserta Salerno Benevento Avellino PapTestpreventivonegliultimi3anni(Donne2564anni) Mammografiapreventivanegliultimi2anni(Donne5069anni) Ricercasangueoccultonegliultimi2anni(Persone5069anni) Colonscopiapreventivanegliultimi5anniPersone5069anni)


72

73

CAPITOLO7CONSIDERAZIONICONCLUSIVE
La presente relazione finalizzata alla verifica di eccessi o di rischi di malattie o decessi nella RegioneCampaniaoinalcunesueprovince,attribuibiliallaccumulooallosmaltimentodirifiuti. Recenti segnalazioni sulla stampa nazionale infatti hanno riportato un incremento della mortalit per tumori in particolare nelle province di Napoli e di Caserta, associando tali osservazioni alla annosa problematica dei rifiuti. Lanalisi condotta stata quindi orientata 1) descrivere lo stato di salute della popolazioneresidente,adidentificareeventualirecenticambiamentinellamortalitoincidenzaditumorie 2)valutarelapossibilitdiassociareilprofilodisaluteallapresenzadirifiuti. 1. Lasalutedellapopolazione La descrizione del profilo di salute della popolazione campana indica una situazione generalmente sfavorevole rispetto al resto di Italia, tuttavia i tassi di mortalit anche per cause specifiche sono in diminuzione. Lo svantaggio di salute dei residenti nella Regione Campania comporta una differenza di attesa di vita alla nascita inferiore di due anni rispetto alla regione Marche che ha lattesa di vita pi elevata in Italia. Lo svantaggio presente da tempo e non risulta focalizzato su una singola patologia o su un solo sottogruppo di popolazione, come ci si potrebbe attendere da esposizioni ambientali limitate geograficamente. In Campania, come in Italia, nel 2009 sono le malattie del sistema circolatorio a rappresentare la quota maggioredimortalit;talecontributoinCampaniadicircail40%.Inparticolarelemalattieischemichedel cuore e le malattie cerebrovascolari hanno elevati tassi di mortalit; risultano inoltre elevati i tassi di mortalit per malattie dellapparato respiratorio, dellapparato digerente e per diabete mellito (per questultimolamortalittraledonnedoppiarispettoaldatonazionale). Perquantoriguardaitumorimaligninellorocomplesso,lamortalitinCampaniatragliuominisuperiore ai valori dellintera Italia; leccesso di mortalit dovuto al contributo solo delle province di Caserta (solo per gli uomini) e di Napoli (per entrambi i generi). Nella regione risultano in particolare pi elevati i tassi di mortalit per i tumori nelle seguenti sedi: fegato, laringe, tracheabronchi e polmone, prostata, vescica. Nelle donne sono superiori al riferimento nazionale solo i tassi per tumori del fegato, della laringe e della vescica. Nelle due province di CE e NA si osservano i tassi pi alti per molte sedi tumorali. Nella parte meridionale della Provincia di Napoli e nella parte settentrionale della Provincia di Caserta, si osservano eccessi di mortalit per numerose cause, in particolare oncologiche, nonch eccessi di prevalenza alla nascita di malformazioni congenite. Tali fenomeni si presentano dando luogo a significative aggregazioni spaziali(clusters). Lanalisi della mortalit nel periodo dal 1988 al 2008 per le principali sedi tumorali pi frequenti nelle provincediCEeNAindicaandamentidecrescenti. La presenza dei Registri Tumori in varie aree del Paese ed anche in Campania ci permette di valutare in modo comparativo lincidenza e la sopravvivenza alla diagnosi. La sopravvivenza osservata nellambito del singolo registro viene poi utilizzata per stimare lincidenza dei singoli tumori a partire dalla mortalit registratanellinteraregione.
74

Lincidenza dei tumori negli uomini in aumento in Italia fino alla met degli anni duemila e mostra nei periodi pi recenti una flessione. Per la Campania si stimano livelli pi elevati rispetto alla macroarea del Sud, ma generalmente in linea con il valore nazionale (tutti i tumori, stomaco) o inferiori (colonretto, prostata), ad eccezione del tumore del polmone, la cui incidenza si va riducendo ma significativamente pi elevata della media nazionale. Nellarea del registro di Napoli si osservano rischi di incidenza generalmente pi elevati rispetto al valore stimato regionale e pi elevati del dato medio nazionale per i tumori del polmone, fegato, vescica e laringe. Per tutti gli altri tumori esaminati si osservano valori di incidenza inferiori o paragonabili alla media nazionale. Questi eccessi sono in buona parte riconducibili a fattori di rischio noti e maggiormente presenti nellarea considerata (prevalenza di infezioni da virus per lepatite C e B, prevalenza dei fumatori). Nelle donne lincidenza nazionale si stabilizza a partire dal 2000, mentre nelle regioni meridionali lincidenza continua ad aumentare arrivando, in previsione nel 2015, ad azzerare il vantaggio sul resto del paese. La Campania presenta livelli pi elevati rispetto alla macroarea Sud ma generalmente inferiori ai valori nazionali (tutti i tumori, mammella, colonretto) o equivalenti (stomaco, polmone, cervice). Napoli presenta unincidenza di poco pi elevata rispetto alla Campania e superiore al dato nazionale per i tumori del fegato, per il linfoma non Hodgkin e, in misura ridotta data lesiguacasistica,laringe. Nonsiosservanotendenze(incrementiodiminuzioni)diversedagliandamentistimatialivellonazionale. Gli andamenti della sopravvivenza per tumore a cinque anni dalla diagnosi hanno evidenziato in Italia negli ultimi ventanni un generale miglioramento per tutte le sedi pi frequenti, sia per gli uomini che per le donne,intuttelearee.Tuttaviapermangonoledifferenzegeograficheconsopravvivenzepielevatenelle aree del CentroNord rispetto al Sud. Se si considera linsieme di tutti i tumori (esclusi quelli della cute), il confronto per area geografica mostra che la sopravvivenza nel Meridione inferiore di circa 3 punti percentualirispettoallamediadeiregistri(57%vs60%nelledonnee49%vs52%negliuomini).Nellambito del meridione, il registro tumori di Napoli si distingue per livelli di sopravvivenza marcatamente inferiori, conun40%disopravvivenzaa5anninellapopolazionemaschilee51%inquellafemminile.Partediqueste differenze si spiega con la differente composizione per sede tumorale nelle diverse aree, che rende non perfettamenteconfrontabiliirisultatidisopravvivenzaperlaggregatodituttiitumori. I dati di sopravvivenza per i tumori per i quali la precocit della diagnosi predittiva di esito trovano riscontroconscarsaadesioneaiprogrammi discreening, cheper laRegioneCampaniasignificativamente pi bassa e molto lontana dal dato medio nazionale e dalla copertura desiderabile. Inoltre sul deficit di sopravvivenzadelMeridioneedelRegistrodiNapoliinparticolarepesanonotevolmenteancheledifficolt diaccessoallestrutturesanitariedidiagnosiecuradapartedellefascedipopolazionipideboliearischio elenormefrazionamentodeipercorsisanitari(migrazione,notevolepresenzadistrutturesanitarieprivate convenzionate)inassenzadiunostandarddiqualitdiriferimentosiaditipodiagnosticocheterapeutico. In generale la percentuale delle persone che riferisce di essere in buona salute in Campania va riducendosi significativamente negli ultimi due anni, in controtendenza con laumento della percezione positiva del propriostatodisaluteosservatanelrestodelPaese. Stili di vita e fattori di rischio comportamentali connessi allinsorgenza della malattie croniche, quali sedentariet, eccesso ponderale e fumo sono significativamente pi frequenti nella popolazione residente in Campania che nel resto del Paese. Non solo, le variazioni temporali osservate in Campania, sembrano suggerire per l eccesso ponderale, il fumo e nellultimo anno anche la sedentariet, una tendenza allaumento che amplia la distanza con il dato medio nazionale. Unica eccezione in questo contesto, il
75

consumo alcolico a rischio che fa registrare prevalenze minori di consumatori in Campania, tuttavia si osserva una tendenza allaumento di questo indicatore in controtendenza alla riduzione che si osserva nel PoolNazionale;pertantoquestounicovantaggioosservatoinCampaniavariducendosi. Anche per i fattori di rischio cardiovascolare, come il diabete, si registra un eccesso in Campania mentre la prevenzione operata attraverso il controllo della pressione arteriosa meno frequente, che nel resto del Paese. Gli svantaggi osservati in Campania in termini di fattori di rischio comportamentali connessi alla salute si mantengono anche correggendo le stime per le disuguaglianze socioeconomiche, nellanalisi stratificata glieccessidellaRegioneCampaniasonougualmenteevidenti. NonsignificativeledifferenzeallinternodellaregionemadasegnalareperlaprovinciediNapolieCaserta alteprevalenzedisedentari,fumatoriescarsaadesioneaiprogrammidiscreeningoncologici. In conclusione non viene confermato lincremento di rischio di mortalit per tumori come segnalato nei media 2. Saluteerifiuti Quando si affronta il tema degli effetti sanitari connessi ad esposizione a sostanze pericolose potenzialmente emesse dai rifiuti duopo innanzitutto differenziare: i rifiuti urbani di origine domestica dai rifiuti speciali di origine industriale pericolosi e non , gli impianti a norma dagli impianti non a norma e dagliabbandonidirifiuti,gliimpiantidiincenerimentodinuovagenerazioneabassoimpattoambientaleda quelli di vecchia generazione a pi alto impatto ambientale, in quanto lintensit e modalit dellesposizione pu essere sostanzialmente differente. Si rende pertanto necessario caratterizzare la tipologiadirifiutiediimpianto,mentrenellesegnalazionieneimediavengonocitateesposizioniarifiutiin modogeneralizzato,ecicomportaunprimoproblemaanchediordinecomunicativo. La maggior parte degli studi, i cui risultati sono oggi disponibili sul possibile impatto dei siti di smaltimento deirifiuti,riportanoquasituttieffettialungalatenzaeperesposizionialungotermine,equindiriguardano impianti di vecchia generazione, discariche non costruite e gestite secondo gli standard europei, inceneritori,contecnologiediabbattimentodegliinquinantiemessinellambienteoramaiobsoleterispetto a quelle previste dalla attuali e pi recenti normative comunitarie e nazionali e non quindi predittivi degli effetti di recenti o future installazioni. Pochi lavori, invece, si sono occupati di pratiche illecite di smaltimentodeirifiuti,urbanie/ospeciali,qualilabbandonoelacombustioneincontrollata. Nello specifico contesto delle due Province in studio, ma anche dellintera Regione Campana, purtroppo si deve rilevare un dato specifico: rispetto alla produzione di rifiuti urbani (di origine domestica) e speciali (di origine industriale) vi un deficit di offerta di smaltimento; inoltre nellintera Regione non vi alcun impianto per lo smaltimento di rifiuti pericolosi, ivi compreso per lo smaltimento di amianto e di cemento amianto (eternit). Ci ingenera il rischio di abbandoni incontrollati di rifiuti, sia non pericolosi che pericolosi, e di ricorso a pratiche di incendio dei rifiuti stessi con un alta probabilit di emettere direttamente nellambiente sostanze tossiche quali gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA), Diossine e Furani,MetallipesantieCOV(CarbonioOrganicoVolatile)ingenerale. I dati prodotti dallOrganizzazione Mondiale della Sanit, Istituto Superiore di Sanit e Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa, precedentemente illustrati, hanno fornito stime di un impatto sanitario dellabbandono di rifiuti pericolosi, al netto degli effetti della deprivazione socioeconomica. Inoltre da
76

considerare il fenomeno dello smaltimento illegale di rifiuti pericolosi provenienti da altre parti del territorio nazionale. Tali pratiche, da reprimere assolutamente, possono esporre la popolazione ad elevati rischisanitari. Pertutteleragionisuesposteeperilfattochelesposizionedellapopolazioneairifiutiingeneraleditipo indiretto, attraverso matrici ambientali contaminate per fenomeni di rilascio di sostanze pericolose dai rifiuti che le possono contenere, estremamente complesso valutare il ruolo che i rifiuti svolgono nel caricocomplessivodiinquinantichepuarrivarealluomodallevarieforzanti/pressioniambientalipresenti sul territorio, quindi in alcuni casi sarebbe molto utile ricorrere anche a studi di biomonitoraggio umano, in particolar modo quando si ha il fondato sospetto di una esposizione a rischio. Nel caso specifico recentementesicondottounostudiodibiomonitoraggioumano,denominatoSEBIOREC(vediCapitolo4), arruolandolapopolazionedelleareeritenuteamaggiorrischio(lareacompresatralaProvinciadiNapolie la Provincia di Caserta), i cui esiti hanno dimostrato che le sostanze riscontrate nei fluidi biologici analizzati rientravanoneivalorioggiritenibilinormali. In ogni caso i disegni degli studi epidemiologici devono tenere in conto unarea dimpatto limitata al massimo a qualche chilometro dallimpianto e/o abbandono di rifiuti, aree vaste, quali regioni o province, non appaiono idonei a descrivere i profili di salute dei residenti in prossimit di siti di smaltimento/abbandonodirifiuti; Tuttavianellinterpretazionedeirisultatidiquestistudisidevetenercontodelpossibileruolodialtrifattori di rischio (ad esempio esposizioni legate a stili di vita o occupazione o altre pressioni ambientali), del loro possibile effetto sinergico con le esposizioni ambientali in generale e con quelle determinate dai siti di smaltimento dei rifiuti, queste ultime particolarmente complesse da valutare, soprattutto nel caso delle praticheillegali. In accordo con i pi recenti documenti di istituzioni internazionali (come lOrganizzazione Mondiale della Sanit) e articoli scientifici pubblicati, si pu affermare che non c nesso causale accertato tra lesposizione a siti di smaltimento di rifiuti e specifiche patologie, ma potenziali implicazioni sulla salute non possono essere escluse. Non si pu inoltre ignorare lalta percezione del rischio che la popolazione residente presso siti di smaltimento rifiuti avverte e quindi una risposta di sanit pubblica proporzionata al contestoopportuna.
77

CAPITOLO8.INDICAZIONIEPROPOSTEPERLAPROGRAMMAZIONE Razionale Iltemadellerelazioniesistentitradeterminantiambientaliestatodisalutedellapopolazionesemprepi avvertitocomecrucialedalarghistratidellasocietcivile Pertanto, esso pu rappresentare un forte incentivo alla promozione di buone politiche o, viceversa, diventareelementodestabilizzantedeirapportitrasoggettisocialieistituzioni In questo ambito il Ministero della Salute svolge un ruolo chiave nellesercizio, da parte del governo centrale,dellafunzionediresponsabiledelwelfaredellapopolazione. Lesercizioditaleresponsabilitsisituaallinternodiunmodellodigovernancechericonoscemoltiattorie portatoridiinteresse;lefficienza(raggiungereobiettividiwelfarecolminimodellerisorsenecessarie)nella gestione di tale complessit dipende dalla disponibilit di un chiaro modello teorico, come quello della stewardship espresso nel PNP (Intesa Stato regioni del 29/4/10 D.M.Salute 4.8.2011) e che, nel caso della tematica ambiente e salute, va ulteriormente articolato per la concorrente responsabilit di altri Ministeri,inparticolarediquellodellAmbiente. Ne consegue che le azioni proposte debbono riguardare ognuna delle principali funzioni di governo descrivibili con tale modello di governance, nella consapevolezza che solo un approccio integrato, multidimensionaleemultidisciplinare,coerentementearticolato,purisultaresufficientementeefficace. Il modello utilizzato nel documento di PNP articolato nelle seguenti funzioni che saranno di seguito utilizzateperschematizzarelepossibiliazioni/iniziative, 1. Ampliareemigliorarelaconoscenzadeifenomeni(basarelesceltesuconoscenzasolide) 2. Migliorareilquadrostrategico 3. Esercitareinfluenzasugliinterlocutorimedianteazionidiindirizzo 4. Garantire che la Regione abbia strumenti per la realizzazione di interventi efficaci (realizzare le politicherendendodisponibilistrumentiperl'attuazionedellaprogrammazione) 5. Stabilire alleanze con i soggetti della societ civile e le istituzioni (costruire e mantenere collaborazioniepartnership) 6. Rendereconcretalaresponsabilit(accountability)

78

1. Ampliareemigliorarelaconoscenzadeifenomeni Molte informazioni sono gi disponibili e quindi dovrebbe essere realizzato un efficace lavoro di integrazione fra le fonti informative. A questo riguardo pu risultare utile lesperienza della Regione CampaniacheharealizzatounCentrodiriferimentoperlavalorizzazionedellefontiinformativesusalute e inquinamento ambientale da rifiuti a supporto della funzione di governo istituzionale (progetto CCM 2007). La lettura dei dati correnti o comunque accreditati sulla salute della popolazione residente deve comunque essere facilitata ed effettuata a vari livelli. A livello centrale la costruzione di profili di salute per ogni diversa area geografica del paese permette confronti necessari a stabilire gli standard richiesti e le lacune da colmare. A livello regionale linformazione sullo stato di salute va comunque abbinata alla rilevazione sistematica e continua di informazioni sulla presenza di determinanti di malattia, passibili di modificaconazionianchelocali. Azioniproposte Svolgere ulteriori indagini epidemiologiche sulle piccole aree con forti sospetti di danno da inquinanti Effettuareinmodosistematicoeattendibilemisurazionidiesposizioniambientaliconnesseairifiuti Definire una integrazione sistematica di dati da parte di soggetti diversi (registri tumori, rilevazioni satellitari, mappa degli incendi di rifiuti; sversamenti abusivi rilevati dai NAS o altri organismi investigativi,CentrodiriferimentodellaRegioneCampaniaecc) Richiedere al Ministero dellAmbiente informazioni circa le attivit effettuate da met degli 90 (qualiaccordi?,conqualiobiettiviraggiunti?qualifinanziamenti)

Mantenere una sorveglianza sistematica e continua su determinanti di salute concorrenti, insieme adeventualiesposizioninociveambientali,allosviluppodimalattiecronicodegenerative.
2. Migliorareilquadrostrategico Il quadro strategico definito dalle politiche nazionali (cfr anche Salute in tutte le politiche) deve essere progressivamente migliorato e reso pi cogente in relazione ai bisogni delle popolazioni e delle istituzioni locali, anche tenendo in conto i risultati finora conseguiti. La specificit regionale in questo senso viene ricondottaadunquadrodicoesionenazionale. Azioniproposte Inserire ulteriori obiettivi specifici nel Piano nazionale della Prevenzione 201520, attivando una linea progettuale specifica cantiere su Ambiente e salute, che permetta un coinvolgimento attivo diistituzionieprincipalistakeholders,promuovendolenecessarietrasversalit. sviluppare un programma di identificazione delle risorse salutogeniche (Assets) da coinvolgere e definirepoliticheperillorocoinvolgimentosulterritorio. Svilupparepropostenormativeperlinserimentodellavalutazionediimpattosullasalute(VIS)nella normativaambientale,dopoaverdefinitounprogrammadifattibilitsucasicriticidiVIS

79

3. Esercitare influenza sugli interlocutori mediante azioni di indirizzo Un'azione efficace devegarantireche il complesso del sistema sia coerente con gliobiettivi di policy e che siano altrettanto coerenti le relazioni e le linee di comunicazione . Tale azione comprende anche le iniziative per rimuovere gli ostacoli strutturali al raggiungimento degli obiettivieall'usoefficienteedequodellerisorse. Per quel che riguarda il ciclo dei rifiuti appare cruciale pervenire al ripristino della legalit nella gestione e smaltimento dei rifiuti e provvedere alla bonifica delle aree conseguentemente contaminate, in ogni zona del Paese. Il processo di transizione a un pieno rispetto della legalit in questosettorerappresentalunicapremessaperunefficacetuteladellasalutedellapopolazione. In termini pi complessivi, inoltre indispensabile un approccio integrato che soddisfi le priorit identificate dalla cosiddetta gerarchia dei rifiuti, sviluppata dallUE, che stabilisce le opzioni preferibili per lo smaltimento dei rifiuti. Applicando questa gerarchia, le opzioni per lo smaltimento in ordine di preferibilit decrescente sono: contenimentodella produzione, riutilizzo, riciclaggio, compostaggio, incenerimento e discariche con recupero di energia, incenerimento e discariche senza recupero di energia. Le discariche incontrollate o abusive e la combustione incontrollatanonrientranonellalegalite,diconseguenza,intaleschema. Iprocessidecisionalirelativiallepolitichenellagestionedelciclodeirifiutidovrannotenereconto delle indicazioni su menzionate, prevedendo una valutazione dellimpatto sanitario, in particolare perlescelteditipoimpiantistico. Si rendono altres necessari piani di monitoraggio ambientale sulle diverse matrici, compresa la catenaalimentare,inprossimitdegliimpianti,perlaverificadellorocorrettofunzionamentoper accertarechelapopolazionenonvengaespostaainquinantipotenzialmentedannosiperlasalute, nchesiasoggettaaesposizioniche,seppurenondannose,possanoinfluenzarenegativamentela qualitdellavita(es.emissionimaleodoranti) Azioniproposte Da parte del Ministero della Salute: partecipare e fornire il necessario supporto ai tavoli tecnici istituiti dal Ministero dellAmbiente, favorendo la promozione di azioni di contrasto alle attivit illegali di smaltimento dei rifiuti, in particolare in relazione alla contaminazione delle matricialimentari,conriguardoallapresenzadidiossineemetallipesanti,derivantidaprocessidi combustioneillegaleancheconnessiconattivitagricole. Tali azioni potrebbero giovarsi anche di un raccordo con il Ministero dellInterno ed in particolare conilDipartimentodellaPubblicasicurezzacompetenteperilcoordinamentodelleFF.PP.
80

4. GarantirechelaRegioneabbiastrumentiperlarealizzazionediinterventiefficaci
La responsabilit che il quadro di devoluzione assegna alla Regione su questi temi rende necessario supportare e valorizzare adeguatamente le azioni istituzionali programmate a livello regionale e finalizzate arafforzarelepropriecapacitdigovernance.

Azioniproposte Sostenereleattivitistituzionalidisorveglianzasuifattoridiesposizioneesullostatodisalutedella popolazione campana, anche attraverso iniziative comuni di formazione in tema di programmazione, valutazione e comunicazione di azioni di prevenzione primaria e secondaria e di promozionedellasalute. Sostenere le attivit di Prevenzione, con particolare riferimento a quelle ricomprese nel Piano RegionalediPrevenzione. AssistereleAutoritRegionalinellarealizzazionediinterventichecolmanolelacunegiidentificate in vari settori della prevenzione per le malattie cronicodegenerative (es. screening, controllo dellipertensione,deldiabete,ect)perridurrecomunqueilcaricodimalattie. Rafforzare e sostenere lintegrazione tra enti di controllo ambientale (ARPA) ed enti di controllo sanitario(ASL)alfinediindividuareegestireinmodoefficaceirischisanitari eambientali connessi aifenomenidicontaminazioneambientale. Rafforzare le capacit locali di documentazione e ricerca, con particolare attenzione alle problematiche dei rischi occupazionali, della percezione del rischio, degli outcome minori, gi avviateanchegrazieaspecificiprogettiCCMintemadisaluteeambiente. Valorizzare le attuali attivit di registrazione oncologica della popolazione, promuovendone lestensione sul territorio regionale, secondo programmi direttamente coordinati dalla Regione Campania. Promuovereesostenereiniziativecomunidicomunicazioneedivulgazionediinformazionicontinue ed aggiornate alla popolazione campana, da fonti istituzionali e accreditate sulle evidenze disponibiliesullostatodisalute.

5. Stabilirealleanzeconisoggettidellasocietcivileeleistituzioni MoltisonoifattorichedirettamenteoindirettamentehannounimpattosullasaluteespessoilMinistero(i Ministeri)hasudiloroun'autoritformalepiccolaoassente.Nonpotendoquindiagiresuquestifattorida solo, deve coinvolgere altri attori per determinare un cambiamento positivo e per essere efficace quindi necessario costruire a mantenere una grande variet di relazioni, network e partnership . Quindi, costruire e mantenere collaborazioni e partnership un mezzo per riorientare le mission e gli impegni dei vari portatoridiinteresse,chesonoparticolarmentecrucialinelcampodellaprevenzioneprimaria(cfrSalutein tuttelepolitiche)einquelloAmbiente/saluteinmodoparticolare. Azioniproposte Rendereoperativoilcoinvolgimentodellerisorsesalutogenicheidentificatesulterritorio Stabilirecartedirapporticonleforzesocialiattivesulterritorio(associazioni,sindacati, amministrazionilocaliecc)
81


6. Rendereconcretalaresponsabilit(accountability) necessario garantire che tutti gli attori del sistema esercitino la responsabilit nelle proprie azioni e che questa responsabilit sia accompagnata da una comunicazione trasparente . L'essere responsabili nei confronti della popolazione un mezzo per influenzare positivamente le relazioni tra la popolazione stessa e il sistema sanitario . D'altra parte, aumentare la consapevolezza degli individui e dellepopolazioniancheattraversoattivitformativefattoredisuccessodellacomunicazione. Azioniproposte Definire in modo esplicito e di consenso regole sulla pubblicazione dei piani, relazioni (report), codicidicomportamento,rendicontieconomici,ecc. Definire programmi sistematici di coinvolgimento della popolazione interessata ( sullesempio dellAuditcivico) Progetti pilota di sensibilizzazione e informazione sulle implicazioni per la salute pubblica del corretto conferimento dei rifiuti da svolgersi nelle principali grandi sedi lavorative (uffici,scuole ecc.),ancheincollaborazioneconicomitatidellepariopportunit.

82

83

AUTORI

RiccardoCapocacciaISS PietroCombaISS SusannaContiISS RobertaDeAngelisISS PietroDellaPortaNAS FabrizioFalleniISS LuciaFazzoISS AntonioFedericiMinisterodellaSalute GianluigiFerranteISS SilviaFrancisciISS LilianaLaSalaMinisterodellaSalute ValerioMannoISS MariaMasoccoISS ValentinaMinardiISS GiadaMinelliISS LoredanaMusmeciISS RenatoPizzutiRegioneCampania SilviaRossiISS GiuseppeRuoccoMinisterodellaSalute StefaniaSalmasoISS GiovanniZiemackiISS GruppoTecnicoPassi ARPACAMPANIA

84

Siringrazianoperlacollaborazioneladott.ssaSilviaMarianidiAccentureeladott.ssaLianaGramaccioni delMinisterodellaSalute

85