Sei sulla pagina 1di 3

PROVOCAZIONI La controstoria della filosofia di Michel Onfray: cancella idealisti e credenti ed esalta gli edonisti Macch Platone, leggete

Aristippo e Cerinto I pensatori che hanno ca!"iato il !ondo non sono nepp#re Aristotele e $o!!aso% Le storie della filosofia, anche se scritte da autori diversi e pubblicate da editrici concorrenti, raccontano da almeno due secoli le medesime cose. Sempre uguali i pensatori scelti, i testi di riferimento, le dimenticanze, le periodizzazioni, i silenzi (dietro i quali c' sempre una censura). Insomma, nulla pi ripetitivo dei manuali che raccontano l' avventura delle idee. !ueste affermazioni sono di "ichel #nfra$ e le abbiamo compendiate dal brillante %&reambolo generale' che apre la sua (ontre) histoire de la philosophie. *ei sei tomi previsti dall' editore parigino +rasset, ne sono usciti in questi giorni due, il primo dedicato a Les sagesses antiques e il secondo a Le christianisme h-doniste (pp. ../ e .01, ciascun volume euro 12,32). *ue titoli che tentano un rovesciamento di prospettive storiche a dir poco curioso, che per ora giunge a "ichel de "ontaigne, cio alla fine del sedicesimo secolo. Sono gi4 annunciate la terza parte, sui libertini, e la quarta che parler4 degli %ultras' dei Lumi5 l' opera giunger4 a 6ean)7ran8ois L$otard (il proposito a pagina 10 del primo volume). #nfra$, diventato noto in Italia soprattutto per il suo recente 9rattato di ateologia (edito da 7azi), un irriverente francese che vanta nel suo curriculum numerosi saggi esaltanti l' edonismo, il cinismo e l' amore di s-, la gioia che nasce dalla carne5 insomma un cultore dell' apologia del piacere, da quello sessuale al sollazzo gastrico. :a scritto anche una ;stetica del &olo <ord (+rasset 1221), nonchun =ntimanuale di filosofia (>r-al 122?). #ra 7azi ha tradotto la 9eoria del corpo amoroso. &er un' erotica solare (+rasset 1222). Soltanto un saggista siffatto poteva irridere la storia filosofica, genere che da :egel in poi concepito con cipiglio accademico e idealistico. ;gli offre comunque spunti interessanti, la sua (ontro) storia parte dagli atomisti, forse perch- stavano ben bene sullo stomaco a &latone5 esalta figure quali =ristippo o *iogene di Sinope, vale a dire la volutt4 e il materialismo cannibale5 quindi si sofferma su ;picuro e sui suoi seguaci (Lucrezio, 7ilodemo di +adara, *iogene di ;noanda) forse perch- gliele cantarono senza reticenze ad =ristotele. #nfra$ detesta i mistici del genere pitagorico, i moralisti pi o meno vicini a Socrate, i platonici amanti di verit4 che nessuno ha mai visto o potuto toccare, i tenebrosi alla ;raclito. &referisce l' insulto, la vita randagia, il gesto estremo. 7iguriamoci quel che propone del primo cristianesimo e del medioevo. La (ontro)storia ignora i pensatori)chiave e procede sbertucciando i &adri della (hiesa pi dotti e considerati, niente apologeti alla 9ertulliano, eliminato +regorio di <issa, via =gostino, cancellato #rigene (ma anche il pagano &lotino) e tutto quel che odora di aristocratico5 banditi >oezio, Scoto ;riugena, 9ommaso d' =quino e la Scolastica tutta, insomma nemmeno un refolo capace di evocare l' incenso. *i contro, #nfra$ si scatena con una serie di figure vicine allo gnosticismo che in taluni casi sono ignote

ai non specialisti, ecco Simone "ago con le sue licenziosit4 ed ecco >asilide, il primo filosofo dell' era cristiana che nega l' esistenza di *io cos@ come noi la intendiamo5 ecco altri %bastardi' come Aalentino, convinto che le passioni non possono guastare gli eletti, o l' %eretico' (arpocrate, per il quale il mondo fu creato da angeli inferiori. ; ancora, ;pifanio, %un Bimbaud gnostico'5 (erinto, consacratosi alla %santificazione del ventre'5 "arco il "ago, bello, ricco e sempre a caccia di donne (almeno stando a Ireneo di Lione e a quanto scrive in (ontro gli eretici, opera indispensabile della quale c' una traduzione italiana edita da 6aca >ooC). =naloga decostruzione di riferimenti #nfra$ organizza per il medioevo, andando a scovare autori allo zolfo come =malrico di >ne, condannato nel ?1?2 per il suo panteismo dall' Dniversit4 di &arigi, o frate >entivenga di +ubbio, fondatore della setta dello %Spirito di libert4', nella quale erano previste anche pratiche lussuriose. 9ra i molti altri, +iovanni di >rno con il suo %nichilismo integrale', una specie di %Sade medievale' che invitava a mangiare e bere senza curarsi delle proibizioni religiose, e cos@ ci si doveva comportare con le voglie sessuali. <on sono che esempi. (on Dmanesimo e Binascimento #nfra$ ha buon gioco, passando dalla voluptas di Lorenzo Aalla all' %onesto piacere' di ;rasmo da Botterdam, sino a giungere all' %uso dei piaceri' proposto da "ichel de "ontaigne. Sono pagine all' assenzio e, tutto sommato, leggere, nelle quali si fanno anche scoperte e dove l' autore non ha preoccupazioni filologiche. &ensando ai volumi prossimi, supponiamo che non avr4 problemi con figure come il curato ateo 6ean "-slier (morto nel ?E13) che di giorno accudiva le anime in parrocchia e di sera confessava ai suoi brogliacci che la religione era utile per tenere buono il popolo, che i miracoli sono bugie et similia. # avr4 buon gioco a presentare personaggi come >onaventure de 7ourcro$, arrestato nel ?/3F, accusato di scrivere contro la religione e di vivere nel disordine. "iguel >enGtez ha dedicato a questo irriverente blasonato un saggio appena uscito dal titolo #euvre libertine, ove sono anche raccolti testi ricostruiti e ritrovati, compreso un quaderno contro il &apa ( pubblicato da :onor- (hampion, pp. /F2, euro F0). !uanto agli ultimi due secoli, le figure singolari abbondano. =lthusser, maestro di marHismo che ammazza la moglie, rappresenta soltanto la punta dell' iceberg. ; poi nel pensiero moderno e contemporaneo il tasso di pazzi e squilibrati decisamente aumentato rispetto ai secoli del trionfo del cristianesimo. (i chiediamo se questa (ontro)storia altro non sia che una rassegna di personaggi messi in margine dai metodi accademici e ora reintrodotti con il gusto del dispetto. In fondo essa una sfida a quelle opere noiosissime dal sapore di muffa, nelle quali professori benpensanti citano altri professori politicamente corretti, dove alla fine ) per dirla con una battuta cinematografica ) ci si cita addosso. &otr4 far sorridere che si preferisca +uglielmo d' =nversa (il cui cadavere fu disseppellito e dato alle fiamme) ad =nselmo d' =osta, ovvero opporre l' esaltatore del peccato contro)natura al dotto che cercI disperatamente di %dimostrare *io'. "a una simile scelta frutto di un bisogno, scardinare dei riferimenti e sostituirli con altri, meglio se opposti. #ggi le idee si cercano lontano da &latone e per la vecchiaia il lifting e le pillole della virilit4 hanno sostituito le meditazioni e le pratiche pie. (he direJ =nche se chi scrive non ama l' aria che tira, bisogna ammettere che cominciata una nuova fase, il mondo

sembra chiedere santi e maestri diversi da quelli che ci ha lasciato la tradizione. #nfra$, in tal caso, la sa lunga.lo gnostico K K K 9ra le figure che #nfra$ mette in evidenza e che non si trovano nelle consuete storie della filosofia c' >asilide, il primo pensatore gnostico cristiano. ;gli sostenne che il *io di +es non era il creatore del mondo, ma una potenza senza nome, %inesistente', in quanto precedeva ogni esistenza. +raziano >iondi ha scritto recentemente un saggio su di lui, %>asilide' ("anifestolibri, pp. .FL, 1F). 9orno =rmando Pagina && (13 maggio 122/) ) (orriere della Sera