Sei sulla pagina 1di 22

CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

APPROVVIGIONAMENTI
ACQUISTI O APPROVVIGIONAMENTI?
ACQUISTI: insieme di attivit che si concretizzano con la stipulazione di un contratto tra il venditore ed il compratore per la fornitura di beni o servizi, necessari allimpresa per sviluppare il suo processo di trasformazione. APPROVVIGIONAMENTI: insieme delle attivit destinate a garantire un regolare flusso di beni o servizi secondo una pianificazione aziendale predeterminata.

APPROVVIGIONAMENTI
ATTIVITA DELLA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI

Ricerca e programmazione delle fonti di approvvigionamento acquisti Rapporti con i fornitori Expediting (sollecito) Gestione dei costi di approvvigionamento e relativa amministrazione

APPROVVIGIONAMENTI
RICERCA DI NUOVE FONTI
Si pu suddividere nei seguenti passi: - reperimento di nominativi (banche dati, annuari categorici, associazioni imprenditoriali, internet, ecc.) - contatti preliminari di valutazione dellinteresse; - questionari e scambi di informazioni; - visite ispettive.

APPROVVIGIONAMENTI
MARKETING DACQUISTO
Conoscenza del mercato, delle alternative tecniche ed economiche, delle potenzialit dei fornitori e delle loro condizioni congiunturali, nonch del peso e della appetibilit della azienda committente.

APPROVVIGIONAMENTI
TIPOLOGIA DEGLI APPROVVIGIONAMENTI

MATERIALI DIRETTI MATERIALI INDIRETTI BENI CAPITALE

APPROVVIGIONAMENTI
TIPOLOGIE ORGANIZZATIVE DELLA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI

A) B) C)

APPROVVIGIONAMENTI ACCENTRATI APPROVVIGIONAMENTI DECENTRATI APPROVVIGIONAMENTI MISTI

APPROVVIGIONAMENTI
SCHEMA DI APPROVVIGIONAMENTI DECENTRATI
APPROVVIG. DECENTRATI DIVISIONE A INGEGNERIZ. PROGETTAZ. PRODUZIONE INGEGNERIZ. PROGETTAZ. PRODUZIONE INGEGNERIZ. PROGETTAZ. PRODUZIONE

FORNITORE

APPROVVIG. DECENTRATI DIVISIONE B

APPROVVIG. DECENTRATI DIVISIONE C

APPROVVIGIONAMENTI
SCHEMI DI APPROVVIGIONAMENTI ACCENTRATI
DIVISIONE A APPROVVIG. FORNITORE ACCENTRATI DIVISIONE B DIVISIONE C DIVISIONE D

APPROVVIG. FORNITORE ACCENTRATI

PROGETTAZ. INGEGNER. PRODUZIONE

APPROVVIGIONAMENTI
ALTERNATIVA FONDAMENTALE MAKE (PRODURRE ALLINTERNO) BUY (PRODURRE ALLESTERNO)

APPROVVIGIONAMENTI
PERCHE ACQUISTARE DALLESTERNO 1. VANTAGGI CONNESSI ALLA SPECIALIZZAZIONE PRODUTTIVA; 2. DIFFERENZIALI NEL COSTO DEL LAVORO; 3. FLESSIBILITA OPERATIVA; 4. COMPARSA DI NUOVE TECNOLOGIE. QUESTE CONSIDERAZIONI VALGONO OVVIAMENTE NEI DUE SENSI.

APPROVVIGIONAMENTI

ESTERNALIZZAZIONE: cessione ad aziende esterne di attivit operative. TERZIARIZZAZIONE: cessione ad aziende esterne di attivit di servizi.

APPROVVIGIONAMENTI
EVOLUZIONE DEI RAPPORTI CLIENTE - FORNITORE A) FORNITORE = AVVERSARIO (modello organizzativo acquisto su richiesta)

B) FORNITORE = PARTNER (modello organizzativo marketing dacquisto)

APPROVVIGIONAMENTI
MODELLO A
OBIETTIVI SCONTI MASSIMI PARCO FORNITORI AMPIO RICAMBIO FORNITORI FREQUENTE CONTRATTI CAVILLOSI TRATTATIVE NON EQUILIBRATE CONTATTI INDIRETTI CON GLI ENTI AZIENDALI INCONVENIENTI SCORTE ELEVATE : SCONTI QUANTITA QUALITA SCADENTE SCORTE CONGELATE PER CONTROLLI DI ACCETTAZIONE E PER SICUREZZA ELEVATE % DI RESI PER SCARTO FLUSSI PRODUTTIVI DEI FORNITORI INSTABILI

APPROVVIGIONAMENTI
MODELLO B
OBIETTIVI - MASSIMA COOPERAZIONE - SVILUPPO SINERGIE - CO-DESIGN/CO-MAKING DEL PRODOTTO - RIDUZIONE GLOBALE DELLE SCORTE - RIDUZIONE DEL NUMERO DI FORNITORI - CREAZIONE DI FASCE DI MERITO - ELEVAZIONE CONTINUA STANDARD DI QUALITA - AUTOCERTIFICAZIONE - STANDARDIZZAZIONE DELLE PROCEDURE - CONTATTI DIRETTI CON GLI ENTI AZIENDALI INCONVENIENTI - ADATTAMENTO DEL FORNITORE - RIDUZIONE DEGLI STIMOLI COMPETITIVI (COSTI-INNOVAZIONEORGANIZZAZIONE) - DIPENDENZA STRATEGICA DEL COMMITTENTE VERSO IL FORNITORE

APPROVVIGIONAMENTI
FORNITORE ULTIMA OPERAZIONE CHE TRASFORMA IL MATERIALE IN IMPIANTI ESTERNI CLIENTE PRIMA OPERAZIONE CHE RICEVERA RICEVERA IL MATERIALE LAVORATO

OBIETTIVO
RENDERE IL PASSAGGIO SEMPLICE

APPROVVIGIONAMENTI
ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA ATTIVITA PROGETTAZIONE CONGIUNTA DEL PRODOTTO COCO-DESIGN ASSICURAZIONE DELLA QUALITA QUALITA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE USO DI CONTENITORI STANDARDIZZATI FINANZIAMENTO
SI CREA UN RAPPORTO COLLABORATIVO, DETTO DI CO-MAKERSHIP, NEL QUALE VIENE CONDIVISO IL RISCHIO DI MERCATO DEL CLIENTE E SI ASSEGNA AL FORNITORE UNA QUOTA CONSIDEREVOLE DEL FABBISOGNO PRODUTTIVO.

APPROVVIGIONAMENTI
ESEMPI DI COLLABORAZIONE IN COMAKERSHIP
- Messa a punto di capitolati e specifiche;

- ricerca congiunta di efficienze produttive; - analisi congiunta del valore del prodotto, con modifiche sul prodotto, sui processi, sui materiali, sulle fonti di acquisizione; - interscambio di attivit nelle sedi produttive; - modifiche nella ripartizione delle attivit produttive.

APPROVVIGIONAMENTI
CONVENZIONE DACQUISTO
La convenzione dacquisto uno step intermedio rispetto al rapporto di comaker. Si pu definire come un contratto di compravendita di beni/servizi, di lunga durata, contenente una serie di accordi volti a definire globalmente prezzo, servizio, quantit, qualit, con la semplificazione delle pratiche. Si realizza tramite lettere di intenti o di impegno, ordini chiusi a quantit pre-determinate, ordini aperti, contratti inclusive service.

APPROVVIGIONAMENTI
COSTO DACQUISTO Insieme dei costi che il compratore sostiene per utilizzare, lungo tutto il ciclo di vita, un bene o un servizio realizzato allesterno. Il prezzo del bene/servizio solo una componente di tale costo.

APPROVVIGIONAMENTI
COMPONENTI DEL COSTO TOTALE DACQUISTO
COSTO TOTALE DACQUISTO

PREZZO

COSTI DEGLI ACCESSORI

COSTI DI STRUTTURA E DI GESTIONE ACQUISTI

COSTI LOGISTICI

COSTI DELLA QUALITA QUALITA

APPROVVIGIONAMENTI
Principali costi di approvvigionamento di una fornitura
- attivit di approvvigionamento; - prodotto / servizio; - qualit del prodotto / servizio; - controllo qualit; - consegna; - imballo; - trasporto; - pagamento; - giacenza; - mancanza; - mono-fornitore; - rapporto di forza sbilanciato; - scarsa conoscenza reciproca; - carenze contrattuali.

APPROVVIGIONAMENTI
PRINCIPALI STRATEGIE DACQUISTO:
NEGOZIALE EFFETTO VOLUME CONTROLLO ECONOMICO ANALISI DEL VALORE CODESIGN COMAKERSHIP: - INTEGRAZIONE OPERATIVA - INTEGRAZIONE STRATEGICA (PARTNERSHIP)

APPROVVIGIONAMENTI
CERTIFICAZIONE DEL FORNITORE
Il fornitore certificato quello che, sulla base di unapprofondita indagine, si dimostra idoneo a fornire materiali, componenti o servizi di qualit tale da non richiedere controlli sistematici da parte del cliente.
SELEZIONE DEI FORNITORI SULLA BASE DI:

qualit dei prodotti livello di servizio livello tecnologico prezzo stabilit societaria/finanziaria

APPROVVIGIONAMENTI
ESEMPIO DI CLASSIFICAZIONE DEI FORNITORI
SUDDIVISIONE IN BASE A: - CLASSE FUNZIONALE DEI PRODOTTI - CLASSE DI IDONEITA

APPROVVIGIONAMENTI
ATTRIBUZIONE DELLA CLASSE FUNZIONALE AI PRODOTTI IN BASE A:

complessit del prodotto evoluzione del prodotto complessit del processo ampiezza delle tolleranze valore economico del prodotto IDENTIFICAZIONE DI 3 CLASSI FUNZIONALI

1 2 3

classe alta classe media classe bassa

APPROVVIGIONAMENTI
CLASSE DI IDONEITA IDONEITA DEI FORNITORI

classe A: classe B: classe C: classe D: classe E:

fornitore certificato fornitore in corso di certificazione fornitore non certificato, adatto a forniture della classe bassa fornitore non idoneo a fornire alcun prodotto ma in corso di miglioramento fornitore non idoneo ad alcuna fornitura

APPROVVIGIONAMENTI
MATRICE DI SELEZIONE DEI FORNITORI
CLASSE DI FUNZIONALITA

1 A
CLASSI DI IDONEITA
IDONEO IDONEO NON IDONEO NON IDONEO NON IDONEO

2
IDONEO IDONEO NON IDONEO NON IDONEO NON IDONEO

3
IDONEO IDONEO IDONEO NON IDONEO NON IDONEO

B C D E

APPROVVIGIONAMENTI
METODI DI VALUTAZIONE DEI FORNITORI VENDOR RATING (V.R.)

OBIETTIVI DEL V.R.: Verificare e privilegiare i fornitori in grado di assicurare le migliori prestazioni. Razionalizzare e quantificare aspetti di valutazione trattati in modo qualitativo. Rendere pi trasparente e collaborativo il rapporto con i fornitori. Controllare sistematicamente levoluzione del comportamento dei fornitori (e del mercato) nel tempo.

APPROVVIGIONAMENTI
GESTIONE OPERATIVA DEL V.R.

- Suddivisione dei fornitori in classi merceologiche omogenee. - Segnalare ai fornitori le modalit di valutazione e le prestazioni di interesse. - Indicare ai fornitori obiettivi: - stimolanti - realistici - progressivamente pi elevati. - Aggiornare periodicamente la graduatoria dei fornitori e comunicarla ai fornitori stessi.

APPROVVIGIONAMENTI
PRINCIPALI ELEMENTI DEL V.R.

- Qualit del prodotto: - % scarti - tolleranze - .. - Qualit del servizio: - puntualit consegne - rapidit di risposta - flessibilit - informazione - ..

APPROVVIGIONAMENTI
ESEMPIO APPLICATIVO DI V.R. Valutazioni quantitative - Qualit del prodotto (Q.V.R.) - Qualit del servizio (S.V.R.) Valutazioni qualitative - Prezzo - Competitivit - Valuta utilizzata - Termini di pagamento - Altre condizioni (sconti, ecc.) - Relazioni - Politica verso il cliente - Strategia nel medio/lungo termine - Livello tecnologico - Struttura produttiva - Struttura finanziaria

APPROVVIGIONAMENTI
Q.V.R.: QUALITY VENDOR RATING

Ricevimento merci
Collaudo Lotti Accettati (LA) Qualit Entrante (QE)

Indice di Collaudo (IC)


Valuta la qualit del prodotto in senso stretto

Indice di Accuratezza (IA)

QVR = IC PIC + IA PIA

Valuta laccuratezza legata alla consegna

APPROVVIGIONAMENTI
INDICE DI ACCURATEZZA m N i Pi x 100 Ia = 1 i =1 NT Ni = n di lotti non conformi allordine per la ragione i-esima; Pi = peso relativo della ragione i-esima

( P = 1)
m i =1 i

= sommatoria relativa alle m cause di non conformit; NT = n totale lotti arrivati nel periodo in esame. Le ragioni di non conformit sono relative alle modalit di consegna. Es: - n - n pezzi dallordine pezzi non corrispondente alla bolla

- tipo pezzi dallordine - imballo non conforme

APPROVVIGIONAMENTI
INDICE DI COLLAUDO Dove:

IC = P LA LA + PQE QE

P = peso relativo del fattore PIC + PIA = 1 ; PIC > PIA ; PLA + PQE = 1 PLA PQE LA = % di lotti accettati = (n lotti accettati/n lotti esaminati) x 100 QE =
1

i =1 n

i =1

PD i 100 PT i

PDi = n pezzi difettosi del lotto i-esimo PTi = n totale pezzi del lotto i-esimo
i =1

= sommatoria relativa agli n lotti accettati nel periodo in esame

APPROVVIGIONAMENTI
INTERVALLI DEGLI INDICATORI

I valori dei diversi indicatori (LA; QE; IA) dovranno risultare compresi in intervalli definiti, esempio:
PRESTAZIONE PARAMETRO
Lotti accettati Qualit accettata Ind. di accuratezza OTTIMA 100 100 100 MINIMA 95,0 99,5 98,0

APPROVVIGIONAMENTI
S.V.R. SERVICE VENDOR RATING INDICE DEL CONSEGNATO INDICE DELLO SCADUTO

IP

IR

IF

ID

SVR = IP*PIP + IR*PIR+IF*ID*PID

APPROVVIGIONAMENTI

IP = IC PIC + IS PIS
Dove: PIC,PIS = pesi relativi di IC e IS IC = 100 i =1
NL i D i
P

INDICE DI PUNTUALITA PUNTUALITA: IP

PIC + PIS = 1

NT

= INDICE DEL CONSEGNATO

(IC )

Di = indice di demerito per ritardo o anticipo; NLi = n dei lotti arrivati con il demerito i-esimo; NTi = n totale dei lotti arrivati nel periodo in esame;
i =1 = sommatoria relativa ai p indici di demerito considerati.

APPROVVIGIONAMENTI
ESEMPIO DI INDICI DI DEMERITO

Ritardo/anticipo (sett)
. -3 -2 -1 0 +1 +2 +3

Indice di demerito
. 25 10 5 0 15 50 70

ANTICIPO

RITARDO

APPROVVIGIONAMENTI
IS = 100 - Vs x As = INDICE DELLO SCADUTO (IS ) Vs = % volume (valore) dello scaduto = = volume valore) scaduti/volume medio ordin. (valore) As = anzianit dello scaduto = P NL J D J = J =1 NT NLJ = n dei lotti SCADUTI nel/dal periodo J-esimo; DJ = indice di demerito dei lotti scaduti;
i =1

= sommatoria relativa ai p periodi considerati.

APPROVVIGIONAMENTI
INDICE DI RAPIDITA : IR Capacit del fornitore ad accettare ed evadere ordini con LT inferiori a quelli medi di riferimento.
IR = i =1 N T LTmedio
NL i LTi
P

LT = LT i-esimo ; NLi = n lotti arrivati con LT i-esimo (cio effettivamente evasi con LT i-esimo);

i =1

= sommatoria relativa ai p LT considerati;


i =1

NT =

NLi = n totale lotti soggetti ad anticipo.

APPROVVIGIONAMENTI
INDICE DI FLESSIBILITA FLESSIBILITA: IF Disponibilit del fornitore a: - variare le quantit con preavviso limitato; - anticipare la consegna ; - ritardare la consegna; P ESEMPIO :

IF =

NL
i =1 i

NT

NLi = n lotti variati e consegnati NT = n totale lotti variati

INDICE DI DISPONIBILITA DISPONIBILITA: ID Attitudine del fornitore a curare gli aspetti collaterali del rapporto di fornitura. Esempio: - Veridicit delle informazioni - Sensibilit ai solleciti - Tempestivo ripristino degli scarti - Fedelt - Apertura allinnovazione

APPROVVIGIONAMENTI
VALUTAZIONE DI QVR E SVR 1) Assegnazione dei valori ai pesi PIC - PIA 2) Assegnazione di valori minimi a IA - IC (denominati IAM-ICM) 3) Determinazione dei valori di IA - IC per ogni fornitore X (denominati IAX-ICX)
I CX = I CRX I CM 100 I CM 100

IAX = 4) Determinazione dei valori di QVRX per ogni fornitore:


QVR X = QVR RX QVR M 100 QVR M 100