Sei sulla pagina 1di 12

Anno III - numero 11 Novembre 2006 - www.lospiraglio.

it - una copia € 1,00

Chi ha paura
del lupo cattivo?
Il settimo assessore è...
N aturalmente
nessuno. Almeno è
quanto si afferma
ufficialmente, sperticandosi
in dichiarazioni di
sembrano essere passate
in secondo piano, se non
proprio scomparse. Anche
se non ci meraviglieremmo
poi tanto se a fronte di una
democraticità e trasparenza. non gradita e indigesta
Eppure qualcuno ha redistribuzione delle spoglie
proposto di rendere segreti tutto riaffiorasse in primo
i documenti-relazioni piano.
presentati nel corso delle
riunioni della

Quasi che contenessero


chissà quali
verifica
politico-amministrativa.

notizie
sconvolgenti e pericolose
I n fondo il punto dolente,
piaccia o no, è proprio
quello: gli incarichi in
Giunta. Berlen ha detto
chiaramente che la verifica
e non valutazioni più o politico-amministrativa
meno legittime e credibili deve rappresentare un
dei partiti sulla situazione momento di riflessione
politico-amministrativa. politica e non l’occasione
E’ una richiesta, di rimodulare gli incarichi
francamente, che lascia degli assessori.

P
di sasso e che per fortuna Lodevolissima intenzione, rosegue nella mag- e su quelle sanitarie, allon- L’Italia dei Valori chiede
ha ottenuto la meritata ma che dubitiamo assai
fine del cestino della carta possa trovare riscontro nella gioranza di centro- tanando di fatto l’avvento visibilità e coinvolgimento
straccia. Le relazioni di realtà. La verifica è e sarà, sinistra il periodo di del Partito Democratico a nel lavoro amministrativo.
Rifondazione, Democratici piaccia o no, l’occasione verifica su programma elet- Mola. E intanto Vincenzo Defilip-
di Sinistra e Margherita sono per una redistribuzione torale finora svolto ed equi- Pietro Santamaria è vicino pis (Dl) ed Enzo Cristino
circolate tranquillamente ad delle deleghe. La nomina libri politici interni. al rientro, mentre Andrea (Ds)...
opera dei loro autori, così del settimo assessore, il Giovanni Ruggiero
come la articolata relazione ricambio del dimissionario Ds e Margherita si dividono Gargiulo si avvicina a Ri-
sulle politiche sulla “casa” fondazione Comunista. continua a pagina 2
elaborata in via preliminare Pietro Santamaria (la cui
dal sindaco Berlen. riconferma, voluta da Berlen,
è osteggiata da buona parte

U na relazione che
Berlen ha voluto
porre alla base
di questa verifica e che
ha trovato una generale
della maggioranza) ed anche
la sostituzione di Andrea
Gargiulo (che ha comunque
smentito di voler lasciare)
sono occasioni troppo
I danni dopo l’acquazzone Il cd di Vito Quaranta

condivisione tra i partiti ghiotte.


del centro-sinistra, che in Le aspirazioni (chiamiamole
precedenza non avevano così) ci sono e non sono
lesinato osservazioni e poche. E non sono neanche
aperte critiche all’operato tanto nascoste. Pensare che
della Giunta, specie per possano non pesare più tanto
quanto riguardava la gestione è francamente illusorio,
della vita quotidiana del anche per il loro riflettersi
paese, definito “in balia di nei giochi interni delle
se stesso”. singole forze politiche. Milena Delle Grazie a pagina 4 Michele Traversa a pagina 9
Ora queste osservazioni Pino Ruggiero

novembre0606.indd 1 23-11-2006 9:21:46


S cenari di P olitica - L a V erifica

Un posto al sole...
Come nella nota soap opera si consumano le ultime battute
Giovanni Ruggiero della fase di verifica amministrativa di centro-sinistra, tra
giovanni.ruggiero@lospiraglio.it
fuochi incrociati, litigi, innamoramenti e altri sgambetti.

A dicembre
q u e s t ’ a n n o
probabilmente
giunta comunale avrà anche
il suo settimo assessore.
di

la
un vero e proprio ipertesto,
traguardo di riqualificazione
nel quale i vari link, colorati
perseguendo
in base all’assessorato di
appartentenza,
anche
l’obiettivo di immettere in

all’approfondimento
portano
vendita sul mercato quote
di
significative di appartamenti
richiesta
n u m e r o s e
cooperative
sorte a Mola, a
cui
delle

andrebbero
Da circa un mese, infatti, parole chiave come Piano
- anche in locazione per i direttamente
la maggioranza di centro- Urbanistico Generale, Sagra
tanti che una casa non sono assegnate tutte le
sinistra ha avviato un del Polpo, politiche per la
in condizione di acquistarla aree»
confronto interno per casa, scuole... Unico settore
- prevedendo in tal caso
“riflettere” sull’attività completamente assente nel
premialità per i proprietari sanità
amministrativa
finora, ma anche e forse
svolta

soprattutto per verificare un


certo equilibrio politico tra
partiti e amministratori.
documento programmatico
che rendessero disponibili le
è però quello sportivo,
loro proprietà (ad esempio
guidato da Ottavio Dattolo.
esenzione ICI per tre anni o
Una faccenda che non è
intervenendo su un rimborso
piaciuta ai Ds molesi, a cui
parziale delle spese di
D
sulla
delle
ura e critica
è l’analisi
dei Ds
gestione
politiche
Come già anticipato Dattolo fa riferimento, ma
vendita)». La Margherita, su sanitarie nel nostro
lo scorso mese al nostro alla quale non sono seguite
una posizione molto simile, comune: «i tempi
giornale dal sindaco Nico eventuali integrazioni al
ha poi individuato una causa di attesa per esami Nico Berlen
Berlen, la “verifica” è documento in questione.
nella «legislazione sulla diagnostici e visite
partita sulla base delle cose casa, che per decenni ha specialistiche sono poliambulatorio, che dia
CASA
fatte, esposte da lui stesso favorito i proprietari di casa ancora molto lunghi, alla Rsa molese l’immagine
in una corposa relazione di
40 pagine. Il documento.
strutturati in assi e misure, è S
econdo Rifondazione e liberalizzato il mercato
Comunista «un “Piano delle locazioni rendendolo
Casa” che punti a tale proibitivo». Una delle
richieste del Prc molese
quindi è stata quella di
l’assistenza domiciliare di «laboratorio della salute,
integrata resta un sogno per usando quindi al meglio cio’
i più, la medicina scolastica che abbiamo».
è inesistente». I Ds molesi
poi riesumano l’accordo
I presupposti per il
scenari di politica «chiudere definitivamente stipulato anni
Verifica di maggioranza
Giovanni Ruggiero
la
2-3
lunga fase
“cementificazione” e
della
della
fa con Asl e
Università di Bari
espansione edificatoria per «per una gestione
passare con decisione al sperimentale
recupero del Patrimonio della nostra Rsa»,
Più controllo sul territorio
Milena Delle Grazie
immobiliare
4 sfitto
degradato». Tra le proposte
e/o stimolando
riavvio
un
delle
del Prc quella dell’istituzione trattative con la
di un “osservatorio casa”, Regione Puglia.
Il no dei tecnici al SIA Cogeam che monitorizzi il mercato Per La Margherita
Francesco Pietanza 5
immobiliare di concerto con
i sindacati inquilini.
molese invece «è
utopico pensare a
Esattamente agli antipodi progetti come il
si pongono i Ds secondo cui trasferimento di
cultura «bisogna sbloccare le aree Unità Universitarie
di Edilizia Residenziale nella Rsa», ma è
I cattolici a Verona 2006
Pietro Greco 6
Pubblica ed individuarne
di nuove, anche per dare
cosa più concreta
e realizzabile il
risposte all’imponente miglioramento del Vincenzo Defilippis (La Margherita)

L’alba del Consiglio Comunale


Mario Ventura 7 Novembre 2006 anno III numero 11

Proprietà Pino Ruggiero

L’Accademia del canto a NY Iscritto al n° 60 del registro dei giornali periodici


del Tribunale di Bari il 19.12.2003
commuove e stupisce
Michele Calabrese 8 Direttore Responsabile
Stefano Bianco
Direttore
Pino Ruggiero
Fothyto would “seeming calm”
9
Redazione
Annella Andriani, Michele Calabrese, Nico Colella, Giuseppe Colonna, Franz Colucci, Francesco Cristino, Stefano
Michele Traversa Daniele, Milena Delle Grazie, Enzo Gaudiuso, Michele Laterza, Michele Lieggi, Francesco Pietanza, Gianvito
Pietanza, Pasquale Ragone, Rossella Rizzi, Giovanni Ruggiero, Leo Soranna,
Nicola Soldano, Michele Traversa, Gianluca Tribuzio, Laura Tribuzio, Carlo Zaccaria
Hanno collaborato:
sport Pietro Greco, Mario Ventura
La scommessa Virtus Segreteria

Giovanni Ruggiero 10 Maria Teresa Ruggiero


Servizi fotografici
Francesca Martello, Nicola Castellana, Mario Martinelli, Lucio Furio, Archivio Ruggiero
Progetto Grafico
RuggieroBros.com
Il Mola non (con)vince più
N. Soldano 11 Stampa
Grafiche Eurostampa - Bari

Sede Redazione e Amministrazione:


via Trento 57 Mola di Bari 70042.
Lettere
a redazione@lospiraglio.it 12 Tel /fax 080 473 48 05
34964510082
www.lospiraglio.it - redazione@lospiraglio.it

 novembre 2006

novembre0606.indd 2 23-11-2006 9:21:52


L a V erifica - S cenari di P olitica
Partito Democratico a Mola (che sono da prendere coinvolgere quelle forze Vittorio Farella e Felice
non sembrano al momento come sempre con le pinze) politiche che non hanno Lattanzi da un lato
i migliori auspicabili, ma Santamaria potrebbe tornare ottenuto consiglieri comunali e l’assessore Franco
le divergenze in occasione a ricoprire il suo incarico alle ultime elezioni. Un Battista dall’altro;
di questa verifica sono lasciato quest’ultimo assessorato politico, quindi, tra il consigliere
emerse anche all’interno agosto, protestando contro la che vedrebbe interessati Vincenzo De Filippis
dello stessa Margherita. Il decisione di Nichi Vendola anche i Verdi per la Pace, ed un circolo molese
partito guidato da Francesco di approvare l’impianto partito con il più alto della Margherita. C’è
Gentile, infatti, non ha complesso di smaltimento numero di voti alle ultime tensione anche tra Nico
accettato alcune proposte dei rifiuti in contrada elezioni comunali, rispetto Berlen e Democratici di
avanzate dal consigliere Martucci. Ma la scelta di alle altre forze a sinistra. Ma Sinistra, in particolare
comuanale De Filippis, Santamaria come assessore ad osteggiare questa ipotesi con l’ex sindaco Enzo
il quale ha anche tentato di riferimento di Prc, Verdi è l’Italia dei Valori, guidata Cristino, che negli
di spingere il proprio per la Pace e Comunisti da Tonio Bellantuono e ultimi mesi non ha
partito a sponsorizzare Italiani potrebbe non rappresentata in Consiglio risparmiato l’attuale Vittorio Farella (I Socialisti). L’ex
la figura dell’ex sindaco trovare la soddisfazione dei Comunale da Gianni primo cittadino dalle assessore alla comunicazione, du-
Enzo Cristino per una soggetti appena citati, per Alberotanza. «Con questa accuse di accentratore rante una riunione, ha “denunciato”
carica dirigenziale, magari non parlare della (presunta) verifica – ci ha dichiarato di potere durante le la presenza di una o più “talpe” del
proprio all’interno della Rsa storica ostilità di Rodolfo – bisogna riportare un riunioni di partito, settimanale Fax all’interno della
molese. Vaccarelli (Primavera equilibrio generale. Il riprese dopo mesi di maggioranza. E’ chiaro che Farel-
Pugliese?). Comunque la Sindaco Berlen giustamente inattività. la ha scoperto di non essere più il
il settimo presenza di Santamaria indica il bisogno di solo.

D
verifica
alla

le riunioni
sono
al momento forse più
fase potrà non avere un carattere
p r o g r a m m a t i c a , prevalentemente politico,
di quanto più tecnico, evitando
passate così imposizioni forzate.
Da questo terzetto
coinvolgere quelle forze
che non sono presenti nel
Consiglio Comunale, ma
a maggior ragione chi lì è
presente dovrebbe essere
o.k. R
odolfo
Vaccarelli
è il nuo-
vo commissario
atteso: la discussione sul di partiti però potrebbe parte integrante e fattiva del straordinario del-
settimo assessore, oltre svincolarsi Rifondazione lavoro amministrativo». In l’Istituto di Pubblica Assi-
all’assegnazione di quello Comunista, che dopo un una classifica immaginaria stenza e Beneficienza di Bi-
all’Ambiente e Agricoltura, lungo corteggiamento nei quindi L’Idv molese tonto.
al momento vacante dopo confronti dell’assessore alla «dovrebbe avere un Il consigliere comunale ha
le dimissioni estive di Cultura Andrea Gargiulo, posto in Giunta – ha così potuto raccogliere il
Pietro Santamaria. Dalle potrebbe trovare in lui un proseguito Bellantuono plauso di tutti i partiti molesi,
indiscrezioni trapelate riferimento ufficiale. Da – ma questo non abbiamo da destra e sinistra, con l’au-
noi intervistato, voluto esplicitarlo durante gurio di un proficuo lavoro.
l’assessore la verifica, perché ci Sembra che la nominata sia
partenopeo ha auguriamo che venga stata politicamente indicata dalla Primavera Puglie-
innanzitutto proposto spontaneamente se, la lista elettorale di Vendola, Divella ed Emiliano.
smentito le voci di alla conclusione dei Potrebbe essere questo in passo in avanti di Vaccarelli
un suo imminente lavori». verso il Partito Democratico?
abbandono: «Non mi Per sé, infine, il Sindaco
dimetto, almeno non Nico Berlen ha mantenuto

S
nell’immediato». le deleghe all’Urbanistica
in dalla costituzione del Movimento
k.o.
Ma Gargiulo ha poi e ai Lavori Pubblici.
specificato: «Non dei Moderati per Mola, il consigliere

U
posso fare il tecnico na situazione comunale Nicola Tanzi (foto) ne ave-
per cinque anni, certamente poco va chiarito la natu-
ma dovrò prima o semplice da ra provvisoria. Ed
poi rappresentare risolvere per Nico Berlen, infatti proprio in queste ulti-
un’identità. al quale comunque me settimane si è intensifica-
Evitando così di spettano le decisioni finali ta l’attività diplomatica tra il
inaridire di idee nelle nomine dei suoi movimento civico molese ed
l’azione del mio assessori. Rimangono però altri partiti a loro evidente-
assessorato». sempre più incrinati alcuni mente affini.
Per il settimo rapporti, più personali che Ma voci ben informate rac-
componente della politici, all’interno della contano che le delegazioni
Giunta Berlen, il stessa maggioranza, anzi degli MMM non hanno tro-
vato calde accoglienze. La
Gianni Alberotanza (Italia dei Valori). Sindaco ha più spesso degli stessi partiti.
ricerca sembra continuare.
Il suo partito chiede «la giusta visibilità volte sottolineato C’è tensione tra i socialisti
in Giunta». l’esigenza di con i consiglieri comunali

Lo Spiraglio - www.lospiraglio.it 

novembre0606.indd 3 23-11-2006 9:22:08


D opo l ’ alluvione ...

Più controllo sul territorio



Milena Delle Grazie
redazione@lospiraglio.it

S
ono passati quasi due mesi da quando Mola è stata colpita dalle ab-
bondanti piogge che hanno causato disagi a breve e a lungo termine.
Abbiamo chiesto al sindaco Berlen di fare il punto sulla situazione.
I danni alle infrastrut- e di quello regionale, che ci sicuramente quello accor-
ture ed alle colture sono è servito per renderci conto so al ponte sulla strada di
pesanti e sotto gli occhi di nell’immediato di ciò che Cozze, più precisamente
tutti. Come avete affron- era successo. In seguito c’è al terrapieno all’altezza di
tato il problema in questi stato il sopralluogo congiun- Cala delle Alghe. Anche qui
due mesi? to, durante il quale i tecnici è stato effettuato un monito-
Bisogna specificare che hanno preso atto della situa- raggio con la conseguente
ci sono differenze a se- zione avviando la verifica di quantificazione dei danni
conda delle ubicazioni. Le accertamento e di copertura che sono stati trasmessi alla
coltivazioni più prossime dei danni. Inoltre sono stati protezione civile e a tutti gli
i vigneti e gli ortaggi. Ho duta è stata tremenda, circa
agli alvei naturali di smalti- predisposti dei moduli com- altri organi di competenza.
fatto personalmente i so- 300 mm che di solito cadono
mento delle acque piovane, pilati da tutti coloro che si Dalla prima perizia si pre-
pralluoghi in alcune colture in 6-8 mesi durante l’anno. I
come le lame, hanno subito sono ritenuti lesi da questi vede, molto probabilmente,
e posso dire che la situazio- danni sarebbero stati mino-
maggiori danni. Noi abbia- eventi. il rifacimento dell’intera
ne in certi casi è veramente ri se alcuni comportamenti
mo predisposto un sistema Queste sono le misure struttura per il quale è stato
drammatica. Interi tendoni fossero stati evitati. Ma si
di monitoraggio anticipa- intraprese in linea gene- già richiesto il contributo fi-
completamente danneggiati deve considerare anche che
to rispetto a quella che poi rale. Entriamo invece nel- nanziario che però non si sa
nella struttura e coltivazio- a volte si tratta di compor-
è stata in seguito l’azione lo specifico, analizzando i ancora a quanto ammonterà
ni di ortaggi spazzate via, tamenti troppo consolidati
svolta dai soggetti compe- danni alle infrastrutture. e soprattutto quando arrive-
dove al posto del terreno e radicati nel tempo. Que-
tenti dell’ufficio provinciale Il danno più ingente è rà, visto che c’è da attendere
c’è ora un cumulo di pietre. sto non li giustifica, ma è
la verifica complessi-
Assicuro però che l’ufficio bene che nasca una sorta di
va per la ripartizione
agricoltura ha già attivato consapevolezza da parte dei
dei fondi. Essendo
una ricognizione e attivato primari utilizzatori del terri-
un intervento di una
un’ipotesi di intervento la torio in modo che le azioni
certa dimensione i
cui relazione è già pronta. di controllo siano risolutive.
tempi non saranno
Inoltre sono state indivi- Queste esperienze contri-
brevissimi, ma pos-
duate le risorse finanziarie buiscono, nella loro dram-
so già assicurare che
e provvederemo in via d’ur- maticità, a sensibilizzarci
noi stiamo proce-
genza a ripristinare gli scor- anche su aspetti culturali di
dendo senza perdere
rimenti per evitare ulteriori uso e di controllo del suolo,
tempo.
danni dovuti ad altre preci- che devono cambiare perché
Per quanto con-
pitazioni. sono gli stessi eventi natura-
cerne i danni al-
Ci si chiede se danni li che stanno cambiando. Se
l’agricoltura?
del genere potevano essere prima accadevano ogni 50
I maggiori pro-
evitati a priori… anni, ora i tempi si stanno
blemi riguardano
La quantità di acqua ca- accorciando.

 novembre 2006

novembre0606.indd 4 23-11-2006 9:22:19


A mbiente

Il no dei tecnici al SIA Cogeam



Francesco Pietanza
francesco.pietanza@lospiraglio.it

L
a Storia di Contrada CoGeAm, che invece nel e la “Gravi-
Martucci si arricchi- SIA imposta l’impiantisti- na di Mon-
sce di un altro Ca- ca adeguandosi esclusiva- signore” che
pitolo voluminoso circa 70 mente al Piano dei Rifiuti la Regione ha
pagine. vigente durante la Giunta inserito tra i
È il “parere tecnico” sullo Fitto. “siti di inte-
Studio di Impatto Am- Pietro Santamaria, inve- resse comu-
bientale (SIA) del Sistema ce, sottolinea un altro tipo nitario”.
di Gestione dei Rifiuti (pre- di contraddizioni tra la Nel parere
sentato dall’ATI CoGeAm) descrizione del Territorio conclusivo
redatto dal Prof. Francesco fatta dall’azienda nel SIA della Re-
Paolo Fanizzi (ordinario di con quello che realmente lazione di
Chimica generale ed inor- presenta Contrada Mar- Fanizzi si
ganica all’Università di tucci. Soprattutto, secondo legge che “il
Lecce) e da Raffaello Cos- Pietro Santamaria, l’indi- SIA presen-
su (ordinario di Ingegneria sponibilità del Territorio ad tato dall’ATI
Da sinistra Pietro Sanatamaria, Nicola Ruggiero, Gianni Nicastro.
Ambientale all’Università ospitare questa tipologia di Co.Ge.Am ed Al-
di Padova) che il Servizio impianto è data dalla natura tri, oggetto della
Politiche ambientali del carsica del terreno che fa- presente valuta- rica). Inoltre nel SIA non hanno più volte espresso
Comune di Conversano ha vorirebbe l’inquinamento zione, risulta non idoneo sono chiare le finalità della gli stessi dubbi sul Contrat-
fatto proprio. della falda. ai fini del pronunciamento discarica né tantomeno è to firmato con l’ATI Co-
Facciamo un passo indie- Il 14 Novembre c’è stata di compatibilità ambien- definito chi deve utilizzare GeAm, l’ultima volta pro-
tro. la presentazione, durante tale relativo al progetto di il CDR prodotto e le sue prio durante la Conferenza
Il 31 Ottobre scorso la Rete il Consiglio comunale di cui il SIA stesso si riferisce. esigenze di qualità e di ti- stampa del 31 Ottobre.
“NoCdr, Martucci viva” Conversano, delle Relazio- Ciò sia in riferimento alle pologia. Ovviamente questi pare-
ha organizzato una Con- ni redatte dal prof. Fanizzi carenze presenti del SIA ri- Sulla descrizione ambienta- ri sullo Studio d’Impatto
ferenza stampa al Palaz- e dal prof. Cossu che met- spetto ai contenuti espres- le, Cossu precisa che “nel- Ambientale, che sono sta-
zo della Provincia (grazie tono chiaramente in discus- samente previsti dalla Leg- la caratterizzazione della ti fatti propri dal Comune
anche all’interessamento sione il SIA presentato dal- ge Regionale n.11/2001 componente del suolo e sot- di Conversano, sono solo
diretto del Consigliere pro- l’ATI CoGeAm. art.8 comma 2, sia in ri- tosuolo sono assenti dati ed di carattere “consultivo”.
vinciale e comunale Stefa- Il prof. Francesco Fanizzi ferimento alla evidente elaborazioni sulla qualità Ora spetta alla Regione,
no Diperna) dove ha reso nella sua relazione mette in necessità di reinquadrare delle acque di falda e più in che dovrebbe presentare
nota l’intenzione di pre- evidenza come il SIA non il progetto per renderlo generale sulle caratteristi- delle ControDeduzioni alle
sentare le ControDeduzioni è coerente con il Piano Re- congruo funzionalmente e che qualitative della falda Relazioni dei professori
preparate in occasione della gionale dei Rifiuti attual- dimensionalmente al piano stessa”. Francesco Paolo Fanizzi
richiesta pubblica, da parte mente in vigore perché non regionale dei rifiuti rimo- La Rete “NoCdr, Mar- e Raffaello Cossu, conti-
del Comune di Conversano, ne rispetta alcune prescri- dulato secondo il Decreto tucci viva” ed il Comitato nuare a scrivere la Storia di
di pareri in merito alla pro- zioni, come la possibilità del Commissario Delegato Salute e Ambiente SudEst Contrada Martucci.
cedura di Valutazione di di convertire l’Impianto di 187/05”.
Impatto Ambientale per la biostabilizzazione in Im- Invece nelle considerazioni Nuova sede per An

I
realizzazione di un Impian- pianto di Compostaggio, conclusive alla relazione naugurata a Mola la nuova sede di Alleanza Naziona-
to Complesso di Gestione per osservare l’aumento del prof. Cossu si chiarisce le. Il circolo “Cesare Palumbo” si è infatti trasferito in
dei Rifiuti con produzione della raccolta differenziata che “la discarica control- via Di Vagno, in un nuovo e ampio ambiente.
di CDR (Combustibile De- prevista dal Piano Regiona- lata nel sistema CoGeAm Alla breve cerimonia di inaugurazione ha partecipato Tom-
rivato da Rifiuti) in Con- le approntato dalla Giunta appare un po’ nascosta, maso Attanasio, presidente provinciale di An, il consiglie-
trada Martucci. Vendola. mimetizzata, quasi a vo- re provinciale Stefano Diperna e il presidente cittadino
Nel corso della Conferenza Ancora, la “stima” della lerla escludere, in questo Nicola Pellegrini, oltre a decine di iscritti e giovani mili-
Stampa i coordinatori della Raccolta Differenziata non seguendo un certo trend tanti di Azione
Rete “NoCdr, Martucci risponde al volume del si- politico che rifiuta la disca- Giovani.
viva”, Pietro Santamaria stema impiantistico che rica”. G.R.
e Gianni Nicastro, hanno è “deficitario rispetto al Secondo Cossu la descri-
espresso forti dubbi sulle recupero di materia e so- zione fatta dal SIA non è
scelte che negli ultimi anni vradimensionato rispetto idonea per lo stato attuale
sono cadute sul Territorio. al comparto energetico”. delle cose sul Territorio di
Gianni Nicastro ha posto Inoltre il SIA è anche insuf- Contrada Martucci. Infatti
decisamente l’accento sulle ficiente nella descrizione in un sistema di Gestione di
contraddizioni tecniche che dell’Ambiente dove si an- rifiuti non si può prescinde-
ci sarebbero tra il Piano drebbe ad inserire l’Impian- re dalla discarica che però
Regionale dei Rifiuti ap- to e la discarica di servizio/ deve essere “sostenibile”
provato dalla Giunta Ven- soccorso. Infatti, secondo per il Territorio (“attraverso
dola ed il contratto firmato le relazioni, non si tengono il pre-trattamento meccani-
con l’ATI (Associazione in considerazione il “Parco co biologico dei rifiuti pri-
Temporanea d’Impresa) dei Laghi di Conversano” ma del deposito” in disca-

Lo Spiraglio - www.lospiraglio.it 

novembre0606.indd 5 23-11-2006 9:22:31


I cattolici a Verona 2006
convegno di speranza
Pietro Greco*
redazione@lospiraglio.it

N
ell’incantevole sce- zonti al trascendente. Non va altrove, torna soprattutto
nario Veronese dal di meno è stato l’apporto alle comunità che sono sul Admo in piazza
16 al 20 ottobre del card. Ruini, che nel suo territorio. Nessuna lettu-

T
si è svolto il 4° Convegno discorso finale ha voluto ra trionfalistica delle cin- orna in piazza XX settembre sabato 25 e do-
ecclesiale nazionale, che sottolineare la priorità del que giornate veronesi, solo menica 26 novembre “Un panettone per la
ha visto la partecipazione tema culturale ed educativo l’umile e fiera consapevo- vita”, manifestazione organizzata dalla sezio-
di più di 2700 congressi- come impegno del futuro e lezza che questa Chiesa è ne molese dell’Associazione Donatori Midollo Osseo,
sti provenienti da tutto il come nuovo campo della viva ed è profondamente guidata da Domenico Magnifico.
mondo, che a vario titolo, carità cristiana, secondo dentro la storia di un Paese. L’occasione è finalizzata alla sensibilizzazione sulla
hanno preso parte ai lavo- la metodologia adottata in La Chiesa ha vissuto a Ve- donazione del midollo osseo, su cui si è sempre troppo
ri del Convegno che aveva occasione del referendum rona un momento di racco- poco informati. In vista delle feste natalizie, gli as-
come argomento cardi- glimento e di confronto sociazti Admo offriranno, dietro contributo, un panet-
ne l’essere Testimoni di per tornare a casa un po’ tone o un pandoro per sostenere l’attività di ricerca
Gesù Risorto, Speranza cambiata, con la voglia scientifica e informativa sulla donazione del midollo
del mondo.”Durante di andare avanti. Ora si osseo. Gio. Rug.
il convegno, religiosi, tratta di tradurre nelle
professori, sociologi scelte di ogni giorno le
ed esperti in materia, parole ascoltate e dette.
hanno approfondito e Non cadranno nel vuoto, Gianrico Carofiglio

S
discusso ambiti e pro- grazie anche alla capaci-
blematiche di carat- tà di chi, vorrà tradurle arà presentato
tere sociale quali La in gesti visibili e invisi- sabato 9 dicem-
Tradizione, La Fragi- bili con il linguaggio di bre, alle 17, a
lità, La Vita Affettiva, una fede e di una ragio- ReMare in c.so Di Va-
Il Lavoro e Festa e la ne che continuamente si gno 218, “Ragione-
Cittadinanza, in più cercano e si confrontano. voli Dubbi”, l’ultimo
ha visto la grande par- Verona rilancia il mes- racconto dello scritto-
tecipazione del Papa saggio della Chiesa di re barese Gianrico Ca-
Benedetto XVI che con voler stare con amore rofiglio. Organizzato
il suo discorso ha affasci- sulla legge 40, dove non si è nella storia e di impegnar- dal Culture Club Cafè
nato tutti sia per la lettura fatta una battaglia cattolica si, senza la pretesa di esse- e da ACA Consulting,
paolina della Resurrezione ma laica. Trarre conclusio- re sempre capita, perché la in collaborazione con
di Cristo che per il salto in ni o tracciare bilanci dopo Speranza che il tempo non ReMare, all’evento
una nuova dimensione nella un Convegno dedicato alla consuma diventi esperienza interverranno l’autore,
quale siamo coinvolti, sia Speranza non spetta a noi. per ogni uomo che alla spe- Gianrico Carofiglio,
per il tentativo di recupe- Si possono certamente met- ranza, ogni giorno, cerca di Annamaria Minunno, giornalista di Antenna Sud, e
rare il valore della scienza tere in fila discorsi, dichia- dare un volto. Annella Andriani, direttore artistico del Culture Club
contro il risorgente illumi- razioni, commenti e volti ma Cafè. Gio. Rug.
nismo aprendone gli oriz- il pensiero inevitabilmente *Giovani Francescani Mola

 novembre 2006

novembre0606.indd 6 23-11-2006 9:22:39


S toria N ostra

L’alba del Consiglio Comunale



Sessant’anni fa si insediò, tra grandi speranze e innumerevoli problemi, Mario Ventura
redazione@lospiraglio.it
il primo Consiglio comunale della storia repubblicana

I
l 1946 fu l’anno delle pri- Pesce, che risultò il primo cine che venivano distribuite
me votazioni dopo la ca- degli eletti. In quella seduta gratuitamente ai poveri che,

Foto di mario Ventura


duta del fascismo e dopo la furono eletti ilo Sindaco e la a quel tempo, erano molti; si
fine della II guerra mondiale. Giunta: dott. Gianvito Pesce, pagavano le spese di viaggio a
Per la prima volta nella storia sindaco; Pantaleo Calmieri, quei lavoratori che emigrava-
votarono anche le donne. vice-sindaco; Pietro Di Gior- no in Germania, in Belgio, in
Il 2 giugno si votò per il Re- gio, Domenico Pagliarulo, Svizzera in cerca di lavoro e
ferendum istituzionale con il Lucio Delfino Pesce, Mario si assistevano le loro famiglie
seguente risultato in campo Ventura, Giuseppe Perna, as- con un sussidio temporaneo,
nazionale: Repubblica voti sessori. per i primi mesi, sino a quan-
12.717.923, Monarchia voti Questa Amministrazione si do arrivano le prime rimesse;
10.719.204. trovò a dover affrontare tutti si veniva incontro a chi voleva
A Mola il risultato fu: Repub- quei inevitabili problemi che mettersi in proprio a lavorare
blica voti 4.956 – Monarchia ogni guerra lascia dietro di artigianalmente o commer-
5.798. sè: una forte disoccupazione cialmente con una somma di
Il 24 novembre 1946 si insedia il primo Consiglio Comunale. Presiede
Il 2 giugno si votò anche per dovuta, principalmente, alla danaro per avviare l’attività. quella seduta il primo degli eletti, Lucio Delfino Pesce.
l’Assemblea Costituente con smobilitazione del campo al- Teniamo presente che molti
il seguente risultato a Mola: leato di lavoro di San Marco giovani non conoscevano al- su tutta l’Amministrazione za, Rosa Montanaro, Mario
che lasciò, improvvisamente, cun mestiere perché la guerra del Blocco del Popolo ma Lepore, Angelo Catalano,
voti senza lavoro un migliaio di aveva impedito loro di impa- non dobbiamo perdere di vi- Francesca Mola, Vito Zacca-
molesi; i reduci che ritornava- rarlo. sta il momento storico nel ria, Rodolfo Vaccarelli, Ni-
Partito Comunista 316 quale quegli avvenimenti av- cola Tanzi, Stefano Diperna,
no dalla guerra e dalla prigio- L’altra risorsa finanziaria del
Democrazia Cristiana 2471 nia e non trovavano lavoro; Comune era la tassa di fa- vennero. Quando si parla del Giuseppe Diperna, Francesco
la grave indigenza della mag- miglia. Per quanto riguarda passato, di avvenimenti pas- Palazzo, Michele Palazzo, Sa-
Partito Socialista
Italiano 652 gior parte delle famiglie e... la la tassa di famiglia la Giunta sati e si suol dare su di essi bino Vavallo, Giuseppe Fiore,
fame, quella vera. È difficile, operò conformemente a quan- un giudizio, bisogna sempre Sebastiano Delre, consigliere.
Uomo Qualunque 831 inquadrarli nel loro contesto La Giunta è composta da
oggi, parlare di fame ai giova- to il Consiglio Comunale ave-
Partito Repubblicano ni e fargliela capire nella sua va deliberato e cioè: esonera- storico. Giusepope Desilvio, France-
2867
Italiano realtà fisica; non possono ca- re dalla tassa i disoccupati, i Se così faremo, potremo dire sco Battista, Ottavio Dattolo,
Unione Democratica 2266 pirla, non é colpa loro, perché lavoratori, i piccoli proprieta- ai nostri giovani, onestamen- Francesco Faustino, Andrea
il morso della fame é qualco- ri e far pagare la tassa ai “veri te e senza settarismo alcuno, Gargiulo, Pietro Santamaria.
Il 10 novembre si votò per le sa che rimane indelebile solo possessori della ricchezza”, che l’Amministrazione del In questi 60 anni, centinaia
prime elezioni Amministra- a chi quel morso ha sentito e così era detto nel deliberato. Blocco del Popolo, la prima di nostri concittadini si sono
tive a Mola con il seguente in quei giorni a Mola erano in Furono individuate, da una amministrazione democratica alternati nella carica ammini-
risultato: molti a sentirlo. apposita commissione 300 del secondo dopoguerra, fu strativa di sindaco, assessore,
E per fame, molti si riversava- famiglie (se non vado errato) una amministrazione eroica, consigliere ed io che li ho co-
voti no giornalmente al Comune a ai quali fu applicata, propor- per quei tempi, impegnata ad nosciuti personalmente uno
Blocco del richiedere un aiuto qualsiasi, zionalmente la tassa di fami- affrontare problemi immani, per uno posso lealmente dirvi
Popolo (Pci, Psi, Pri, P. 4558 un buono per un chilo di pane, glia. É chiaro che quelle 300 gli stessi problemi di fronte ai che tutti hanno ben meritato
d’Azione) di farina, di pasta che non si famiglie non erano ricche quali si trovarono, sicuramen- la fiducia ad essi accordata.
trovavano liberamente perché come lo intendiamo oggi, ma, te tutte le amministrazioni co- Agli attuali consiglieri invio
Campanile di Loreto munali dell’Italia. un augurio di buon lavoro,
razionati dall’Annona, oppure a quel tempo, fra tanta mise-
(Liberali, Qualunquisti, 2898 Oggi, dopo 60 anni, il Con- particolarmente ai più gio-
al mercato nero di triste me- ria, erano quelle considerate
Demolaburisti) siglio comunale è così com- vani, Francesca Mola e Vito
moria. più agiate delle altre.
Democrazia Cristiana 805 La stragrande maggioranza Oggi, a distanza di 60 anni, posto: Nico Berlen, sindaco; Zaccaria, nei quali io mi rive-
della popolazione che ave- si possono trovare motiva- Vincenzo Magnifico, Vittorio do consigliere comunale con
Furono eletti 24 consiglie- va votato per il Blocco del zioni diverse per rimettere in Farella, Felice Lattanzi, Sabi- i mie 25 anni di età e con la
ri del Blocco del Popolo e 6 Popolo si aspettava, conse- discussione quel provvedi- no Dattolo, Vincenzo Defilip- mia utopia giovanile di poter
consiglieri del Campanile di guentemente, dalla nascente mento, potremmo discutere pis, Giovanni B. Alberotan- cambiare il mondo.
Loreto. Precisamente, per la Amministrazione la soluzione
maggioranza: Gianvito Pesce,
Pantaleo Palmieri, Domeni-
dei propri problemi per risol-
vere i quali c’era bisogno di
Torna alla luce San Gaetano
co Pagliarulo, Lucio Delfi-
no Pesce,Pietro Di Giorgio,
Giuseppe Perna, Mario Ven-
tura, Giovanni Ciccarone,
mezzi finanziari che il Co-
mune non aveva. Le uniche
risorse finanziarie immediate
erano, oltre all’imposta di
D opo un mese di lavoro ha iniziato una nuova vita la statua di San Gaetano della
chiesa S.M. Maddalena di Mola. I lavori sono stati fortemente voluti e sostenuti
dal priore dei confratelli Gaetano De Simone, da sempre impegnato quotidiana-
mente per il mantenimento e la valorizzazione della piccola chiesa in piazza XX settembre.
I lavori di restauro sono stati eseguiti da Enzo Linsalata,
Nicola Vaccarelli, Francesco consumo, la tassa di famiglia
Di Perna, Antonio Palazzo, e i contributi governativi che restauratore per passione “perchè l’amore per certe opere
Francesco Paolo Campanella, arrivavano con il contagocce mi impedisce di farne un lavoro”. L’opera lignea della
Giovanni Castellana, Enrico ed alla ricerca dei quali si pro- prima metà del ‘700 prima del restauro era ricoperta da
strati di vernice marrone, accumulatisi in anni lontani da
Conenna, Vitantonio Danie- digò, caparbiamente, il sinda- precedenti tentativi grezzi di restauro. “Alla base del mio
le, Francesco Gaudioso, Vin- co Gianvito Pesce recandosi, intervento sulla statua - ha dichi-
cenzo Tamigi, Vito Magnisi, quasi giornalmente, a Bari arato LInsalata - c’è stata la volo-
Tommaso Bardo,Antonio La dal Prefetto e ripetutamente a ntà di recuperare il materiale esis-
manna, Pasquale Rotondi, Roma presso i vari Ministeri. tente, evitando il più possibile di
Domenico Massimo, Giusep- Ricordo le tempestose udien- ricolorare rischiando di tradire la
pe Saracino, Rocco Lauda- ze dal Prefetto verso il quale scelta cromatica dell’autore”. E’
dio. Gianvito Pesce usava tutta la così emerso un interessante gioco
Per la minoranza: Michele potenza della sua dialettica e decorativo in oro zecchino, che
Introna, Vito Barbanente, Ste- tutta l’autorità derivatagli dal percorre tutto l’abito del santo.
fano Mossa, Nicola Catalano, voto popolare. L’opera restaurata è già a dispo-
Melchiorre Di Marino, Vito Quei contributi che riusciva sizione dei visitatori della chiesa
Alberotanza. ad avere servivano per distri- Maddalena, arricchita da alcune
Il 24 novembre si insediò il buire alla popolazione indi- foto scattate prima dell’inizio dei
Consiglio comunale, presie- gente generi alimentari e per lavori.
duto dall’avv. Lucio Delfino pagare alle farmacie le medi- G.R.

Lo Spiraglio - www.lospiraglio.it 

novembre0606.indd 7 23-11-2006 9:22:44


C ultura e S pettacolo

L’Accademia del Canto


a NY stupisce e commuove

Michele Calabrese
redazione@lospiraglio.it

C ome passano il tempo


i beati in paradiso?
Secondo Dante, (bea-
ti loro!) tra musica e danza,
dopo aver dato il quotidiano
- Senz’altro positivo. Ab-
biamo eseguito tre concerti
ottenendo un grande con-
senso non solo dai Molesi
ivi residenti, ma anche da
tributo di lodi al Padreterno. un pubblico, diciamo così,
L’Accademia del Canto che internazionale che ha ma-
da oltre cinquant’anni si de- nifestato apertamente il suo
dica all’attività musicale non entusiasmo durante e dopo i
fa altro che riprodurre un po’ concerti. Il viaggio dell’Ac-
di paradiso per il godimento cademia in America è stato
terreno di Mola e dintorni. patrocinato e organizzato
Tra la fine di ottobre e la dall’assessorato alla Cultu-
prima decade di novembre ra di Mola, dalla Regione
l’Accademia ha portato un Puglia e dal Van Westerhout
pezzetto di paradiso niente- Cultural Activities di Broo-
meno che a New York, ospi- klyn. Inoltre devo essere
te dei Molesi residenti colà. grato ai molesi residenti
Sull’avvenimento non pos- in America, soprattutto ad
siamo dire altro se non che Alberto Ingravallo e a Vito
il detto evangelico”nemo Colonna, che col loro im-
propheta in patria” ha le pegno organizzativo hanno
sue eccezioni. L’associazio- contribuito alla perfetta riu-
ne musicale molese infatti, scita della manifestazione.
oltre a riscuotere il merita- Il programma dei concerti
to consenso in patria, con comprendeva un repertorio mo soltanto dei gitanti in che, visibilmente emoziona- ticabili, ricchi di emozioni a
questa trasferta negli USA di Musica Sacra, Brani di vacanza, ma eravamo una te ripeteva “Gioia magghie.. non finire, faranno parte del-
ha dimostrato che quando si celebri Opere e operette, parte di Mola, anzi tutto il U core de Màule”. Questo la nostra vita. Come quando
coltivano determinati valori, Canti polari Molesi. paese di Mola, la città di cui legame con la loro terra lon- sono stati eseguiti gli inni
il successo non si fa attende- Il primo concerto è loro sentono la mancanza. tana loro lo sentono molto nazionali e il pubblico si
re sia in patria che fuori. stato tenuto nell’immen- Una prova evidente l’ab- vivo e lo hanno dimostrato univa attivamente al coro;
Comunque, poiché non so auditorio del College biamo avuta durante l’ese- riversando su di noi le loro come quando, al termine
ci è stato possibile seguire “SethLow ls.96” di Broo- cuzione dei canti dialettali emozioni. del concerto si affollavano
l’avvenimento di persona, klyn, il secondo nella chiesa molesi che li ha commossi Quindi il vostro succes- intorno a ciascuno di noi e
tramite la doviziosa docu- di S.Attanasio, il terzo nella fino alle lacrime, soprattut- so è dovuto in gran parte ci invitavano ripetutamente
mentazione iconografica Church of the Holy Child di to mentre veniva eseguita al fatto che voi rappresen- a tornare. Non parliamo poi
messaci a disposizione da Staten Island. “Chessa bianca ferète” che tavate Mola. del favoloso ricevimento a
Vincenzo Di Marino e l’in- Per noi Molesi la noti- non è un canto popolare, Annamaria Bellocci - casa di Alberto Ingravallo
tervista rilasciataci dal mae- zia della vostra esibizione ma una canzone d’autore Non direi. Infatti il numero- o del concerto alla Carnegie
stro Diomede, e da alcuni negli USA non rivestiva in dialetto molese. L’auto- so pubblico dei tre concerti Hall, offertoci dall’organiz-
componenti della spedizio- alcuna importanza: un re del testo e della musica, non era composto solo da zazione, e di tante e tante
ne, come Ottavio Ungaro e concerto a Mola o in un Enzo Lacalandra, con que- Molesi, ma anche di altre attenzioni che ci hanno fatto
il soprano Anna Maria Bel- altro posto non fa nessuna sta canzone ha rappresenta- nazionalità, specialmente vivere un’esperienza irripe-
locci, siamo in grado di in- differenza. to efficacemente la storia e al terzo concerto tenuto a tibile.
formare i nostri lettori. Ottavio Ungano - E’ la condizione di ciascuno di Staten Island dove i Molesi M.C. - C’è poco da ag-
Una prima domanda è invece tutto il contrario. La loro, che con i sacrifici e col erano meno numerosi. Ne giungere alle vostre dichia-
d’obbligo: è valsa la pena musica ha prodotto un qual- lavoro si sono realizzati a li- abbiamo avuto la conferma razioni, da noi riassunte per
attraversare l’oceano per cosa che è difficile espri- vello socio- economico nel- al termine di ogni concerto, quanto possibile. Questa
portare un po’ di musica mere. Noi ci siamo accorti la terra ricca, ma sono sradi- quando molti spettatori si esperienza americana rap-
in una città che è già ricca dell’importanza del nostro cati dal loro paese “disteso sono affollati intorno a noi presenta senz’altro un salto
di avvenimenti culturali viaggio quando abbiamo vi- sotto un cielo limpido come esprimendo in altre lingue di qualità nella storia del-
di altissimo livello? In sin- sto la calorosa accoglienza un panno stirato”. Quando la loro soddisfazione e com- l’Accademia del Canto di
tesi: Com’è il bilancio di riservataci. Col passar dei il coro attaccava il ritornello plimentandosi. Certo, è sta- Mola, ma è anche ricca di
questa spedizione? giorni ci siamo resi conto “Màule…. Màule”, si senti- ta un esperienza bellissima spunti umani degni di rifles-
Maestro Diomede che noi non rappresentava- va una donna tra il pubblico per tutti. Momenti indimen- sione.

 novembre 2006

novembre0606.indd 8 23-11-2006 9:22:51


C ultura e S pettacolo

Forthyto would “Seeming Calm”


Esordio

da solista del jazzista Vito Quaranta.
Il suo cd distribuito in tutta Italia. Michele Traversa
redazione@lospiraglio.it

U n lavoro
di qualità
è fatto in
La scheda

V
piena libertà sen-
za strizzare l’oc- ito Quaranta, chitarrista, compositore, didatta ed
chio al mercato e organizzatore di concerti. Si diploma in Musica
alle major, que- jazz presso il Conservatorio di Monopoli, dove ha
sto è “Seeming anche studiato percussioni per due anni. Consegue licen-
Calm”, primo al- za europea di informatico musicale. Ha studiato Musica
bum di Vito “For- Improvvisata frequentando seminari tenuti da G.Gaslini,
thyto” Quaranta. F.D’Andrea , B.Mover, S.Battaglia. S.Henderson.
Da pochi giorni Ha partecipato ai corsi di Mister Jazz a Ravenna con
in vendita nei ne- J.Diorio, M.Stern, P.Metheny e M.Goodrick. Ha fre-
gozi e in rete sul quentato l’American Institute of Guitar di New York.
sito specializzato Svolge intensa attività concertistica dal guitar solo, duo
“Jazzos”. A pun- (chitarra - contrabasso), alla big band (Playtex Big Band,
tare sul chitarrista I Trombonauti, Noci Big Band). E’ leader di un trio con
molese è stata la il quale si è esibito con il saxofonista americano Bob
Splasc Records, Mover. Svolge attività di ricerca e di sintesi nell’ambito
una delle maggio- della musica scritta ed improvvisata con il grup-
ri etichette italia- po Fontamara (L. Gadaleta, A.Palmitessa), avva-
ne indipendenti di lendosi dell’importante collaborazione di A.Salis
Jazz, fino a poco tempo fa punta il chitar- alla fisarmonica. Ha partecipato tra l’altro alla so-
restia ad investire su nuovi rista a guardare norizzazione dal vivo del film Que viva Mexico
prodotti, ma che annovera e andare avanti, di S.Eisenstein. E’ compositore e chitarrista del
tra le sue produzioni mu- al di sopra delle gruppo The Multimedial Blues Band con il quale
sicisti del calibro di Fresu, categorie e delle ha partecipato tra l’altro al festival Pistoia Blues
Battaglia e tanti altri. Ed è barricate dettate ‘96. Con il quartetto Ordinari ed Associati pro-
lo stesso Fresu ha definire dalle etichette. Un pone la sonorizzazione dal vivo del film Micro-
quello di Vito Quaranta “Un “genere umano”, cosmos di M.Perennou e C.Nuridsany. E’ leader
lavoro importante, comples- dove si intende di una formazione denominata FORTHYTO con
so e bene articolato oltre musica degli uo- la quale si esibisce in diverse rassegne di Jazz e
che ben suonato. Ci sono mini con le loro di musica contemporanea (Mar del Jazz, Albero-
tantissime idee e belle cose esperienze, sogni bello Jazz etc.). E’ parte integrante del Beat Lab
nuove”. e sofferenze, mu- un laboratorio permanente di ricerca sui nuovi
La distribuzione avverrà a sicisti che river- linguaggi musicali, con il quale si è gia esibito
livello nazionale e succes- sano in questo con figure come Eugenio Colombo e Steve Potts,
sivamente, alcuni brani ver- progetto la voglia e sonorizzato il restaurato film del 1926 “Maciste
ranno inseriti in una compi- e la capacità del all’inferno” in collaborazione con la “Cineteca di
lation che racchiuderà tutti i fare “MUSICA” Bologna”. Svolge attività di studio di registrazio-
nuovi lavori dell’etichetta e come oggetto ne presso il “Sorriso Studio” di Bari con il quale
distribuiti in U.S.A., Giap- universale del lin- è presente in altre due pubblicazioni: Michael
pone, Francia, Spagna, Ger- guaggio umano. Mellone e IRONIA.
mania. L’album era pronto Una formazione
da diversi mesi, ma trovare “borderline”, capace di una
un etichetta che distribuisse scrittura moderna, ma
il disco è stato difficile, so-
prattutto qui al sud. Il lavoro
consapevole della tradi-
zione, essendo, la stessa, Riparte l’Università della Terza Età
espressa da musicisti di
è stato registrato e mixato
presso il “Sorriso Studio” di grande e provata espe- “una scuola per tutti”
Bari tra l’ottobre del 2005 e rienza. “Forthyto”, non

C
febbraio del 2006. Accom- si pone restrizioni di
barriere stilistiche mal- ompie tredici anni l’Università della vada oltre le
pagnano Vito Quaranta che Terza Età, festeggiati lo scorso 27 ot- differenze.
naturalmente si esibisce leando l’oggetto com-
positivo attraverso una tobre con l’inaugurazione del nuovo Le materie
alla chitarra e alla elettro- anno accademico che ha come protagonista sono tante
nica, oltre che con qualche sensazione, un sapore,
miscelando, come un l’intercultura. Nata in sordina nel ’94, col e variega-
intervento vocale, Pippo tempo ha acquistato campo e consapevo- te: italiano,
“Ark” D’ambrosio alle per- bravo ed appassionato
cuoco, ingredienti alla lezza di essere un organo votato alla solida- lingue stra-
cussioni, Giuseppe Tria alla rietà ed alla diffusione a tappeto di cultura e niere, sto-
batteria, Davide Penta al ricerca di nuove pie-
tanze che possano sti- di sapere, “una realtà” spiega il presidente ria, storia
basso acustico ed elettrico e Giovanna Fralonardo, “divenuta importan- dell’arte,
Michele Campobasso al pia- molare il palato di chi
propone e di chi ne usu- te per la nostra comunità, una scuola per matematica,
no. Si tratta indubbiamente adulti non formale e di crescita”, una cre- biologia, in-
di un album concettuale, fruisce. Nelle prossime
settimane tra dicembre scita interiore che prescinde dall’età ana- formatica,
che va ascoltato tutto di un grafica. Undici furono i soci fondatori, che ginnastica,
fiato, con delle perle come e gennaio, l’album verrà
presentato a Mola presso aderirono nel ’95 alla FEDERUNI e colla- yoga, teatro,
“Hymn”, “Masnada”, “Deep borarono al raggiungimento di una posizio- canto, rica-
Waves” un lavoro che privi- il Teatro comunale Nic-
colò Van Westerhout, ne di spicco per la Puglia tra 12 altre regioni mo, musica,
legia l’aspetto compositivo, grazie al riconoscimento avuto con la legge psico-pedagogia, ecc. Le iscrizioni, aperte
l’elettronica e un jazz parec- all’interno di una mini
rassegna con gruppi 14 del 26 luglio 2002. Per il sindaco Ber- già dal 20 settembre presso il Palazzo Ro-
chio insolito. “Forthyto” ol- len, presente all’inaugurazione e sollecitato berti, sono aperte a tutti coloro che hanno
tre ad essere lo pseudonimo emergenti pugliesi jazz
e alla Feltrinelli a Bari, dalla Fralonardo per l’acquisizione di una compiuto 30 anni e fissate a 50,00 euro
di Vito Quaranta si compone nuova ed indipendente sede (ora collocata l’una.
della parola “forth” un neo- verrà inoltre inaugura-
to il sito www.forthyto. presso il Liceo Scientifico “E. Majorana”),
logismo che significa “avan- l’importanza dell’UTE è il raggiungimen-
ti” ed è proprio a questo che com. Buon ascolto.
to di un’azione costruttiva quotidiana che Milena Delle Grazie
Lo Spiraglio - www.lospiraglio.it 

novembre0606.indd 9 23-11-2006 9:23:03


S port - C alcio a 5

La scomessa Virtus di Di Bari


Confermata la fiducia della Società a mister Piero Di Bari.
Giovanni Ruggiero La squadra rimane tutta molese.
giovanni.ruggiero@lospiraglio.it
Ceduti gli acquisti baresi di questa estate.

L a Virtus Mola è ora


nel pieno della sua
traversata del deser-
to. Otto punti in otto gare
non è sicuramente un bot-
mostrato in
più di un’oc-
casione
suo peso
in campo e
il
Squadra
B. Fasano
Csg Putignano
Pti
22
17
V
7
5
PA
1
2
PE
0
0
Gf
37
32
Gs
23
15
tino appagante, ma non è il fuori, forte Atletico Cassano 14 4 2 2 36 23
caso neanche di farsi pren- anche della
dere da facili allarmismi. sua notevole EffeGi Putignano 14 4 2 2 30 25
La rosa a disposizione di esperienza. Real Gravina 12 3 3 1 32 21
mister Di Bari è notevol- In questa si-
mente cambiata rispetto a tuazione “ri- Virtus Monopoli 12 4 0 4 33 36
quella di inizio stagione. maneggia- Dribbling Taranto 10 3 1 4 21 24
A fine ottobre la dirigenza ta”, la Virtus
molese ha dovuto pren- non ha pro- Footbal Trani 10 3 1 4 28 33
dere atto della situazione prio sfigu- Eagles Brindisi 9 2 3 3 24 32
difficile creatasi nello spo- rato, anzi ha
gliatoio: tra i nuovi arrivati dato qualche Adelfia 9 3 0 5 24 39
e parte dei molesi, già in segnale po- Rocco Rizzi Virtus Mola 8 2 2 4 32 32
squadra dallo scorso anno, sitivo. La in B, i molesi hanno anche
non si era creato il giusto vittoria con l’Adelfia ha sfiorato il colpaccio. L’ac- Olimpic Sava 7 2 1 5 41 45
clima di serenità cerca- alzato il morale e porta- coppiata Rizzi-Sabato, ben Audace Bari 7 2 1 5 26 39
to dai dirigenti. Le scelte to fiducia nell’ambiente. supportati da Corvaglia,
tecniche di Di Bari, non Gianni Sabato ha confer- ha tenuto viva la speranza Apulia Altamura 4 1 1 6 31 40
gradite evidentemente ai mato di essere una certez- della vittoria fino all’ulti-
nuovi arrivati che rimane- za all’appuntamento con il mo minuto. I putignanesi ha portato i biancoazzurri Fino alla 8a giornata
vano in panchina o in tri- gol, ed Enrico Schembri ha sono stati costretti negli ul- ad abbassare la guardia, Csg Putignano - V. Mola 3-3
buna, hanno fatto il resto. dato il massimo, nonostan- timi dieci minuti a privarsi permettendo ai fasanesi di V. Mola - B. Fasano 2 - 3
La dirigenza virtussina ha te un infortunio quasi cro- del portiere per schierare segnare tre gol nella secon-
Audace Bari - V. Mola 3-1
quindi preferito scegliere nico, che prima o poi dovrà cinque giocatori in attacco. da metà di gioco.
il sicuro, mantenendo Di decidersi di curare come si Un rigore molto discusso Il punto più basso i mole-
Bari alla guida tecnica, con deve. al 29’ ha poi regalato ai pa- si lo hanno toccato contro Le prossime
il gruppo molese protago- Unico neo di quella gior- droni di casa un pareggio, l’Audace Bari. Una partita V. Mola - E. Brindisi 25/11
nista della promozione del- nata, l’infrtunio di Anto- che non dà giustizia alla affrontata forse con trop- Trani - V. Mola 2/12
lo scorso anno, e privarsi nio Cipollino, caduto male prestazione generale della pa leggerezza, giocata con V. Mola - EffeGi Putignano 9/12
di Antonio Pastanella (ora dopo una rovesciata che gli Virtus Mola. scarsa organizzazione in
all’Adelfia), Alfonso Cac- ha procurato una distorsio- Contro la capolista Fasano attacco e poca furbizia. In
ciapuoti, Nicola Lorusso ne al braccio destro, co- si è ripetuto lo stesso co- questa situazione l’ex Cac- nabile imprecisione al tiro
e Angelo Taccogna (tutti e stringendolo ad uno stop di pione dell’incontro con il ciapuoti è riuscito a firma- dei molesi non ha portato
tre all’Audace Bari), Vin- venti giorni. Gravina. La Virtus ha chiu- re una doppietta tra il pri- niente di utile al risultato
cenzo Lagreca. Nella trasferta contro il so il primo tempo in van- mo e il secondo tempo. Di finale, contro un gruppo
E’ invece rimasto Antonio Csg Putignano, squadra taggio di due reti, e proprio Bari ha anche accorciato indiscutibilmente poco
Cipollino, atleta che ha di- attrezzatissima per il salto questa situazione illusoria le distanze, ma l’imperdo- competitivo.

10 novembre 2006

novembre0606.indd 10 23-11-2006 9:23:15


S port

i Promozione, il Mola non (con)vince più


U
na vittoria, due pareg-
gi e una sconfitta sono
il resoconto delle ul- Fino alla
time quattro gare disputate 12 a Giornata
dall’Atletico Mola nel girone
A del campionato di Promo- S quadra P ti
zione. L’ultimo risultato è Corato 26
stato proprio la sconfitta subi-
ta a Gioia che ha mandato in Canosa 24
tilt la tifoseria biancazzurra. Castellana 21
Stanca dell’astinenza da vit-
toria della propria squadra, Castellaneta 21
non ha perso occasione per Polimia Calcio 21
contestare giocatori e società
al termine della gara contro i A. Mola 20
gioiesi. Prima della sconfitta Terlizzi 18
(la seconda della stagione)
il Mola aveva vinto in casa Fortis Trani 16
contro il Conversano ed ave- Acquaviva 16
va concretizzato due pareggi
consecutivi, il primo a Miner- Talos Ruvo 15
vino ed il secondo in casa nel Carovigno 15
derby contro la Polimnia di
Polignano a Mare. ma frazione di gioco grazie al bomber e la “tranquillità” ai sostenitori ospiti. Gioia 14
Contro il Conversano il Mola non ha Tesse. Nella ripresa, a meno di venti Ma che qualcosa nella squadra non Minervino 12
dovuto compiere tanti sforzi per ag- minuti dalla fine della gara, arriva il funzionava lo si era notato. A Gioia
giudicarsi la gara. Contro gli ultimi raddoppio. Sugli spalti cresce la ten- questi sospetti sono diventati realtà San Severo 8
della classe, i biancazzurri hanno por- sione per eventuali contatti tra le due ma ciò non giustifica l’atteggiamento Conversano 7
tato a casa tre punti importanti quanto tifoserie (erano presenti circa cento dei tifosi, che dovrebbero pensarci un
sostenitori polignanesi). Qualche no- po’ prima di criticare e contestare una Laterza 4
sacrosanti grazie ai gol di Sciacovelli
e Salvati. Dopo, il buio. Pareggio a stalgico biancazzurro ha provato ad società alla quale i molesi dovranno
reti inviolate a Minervino e pareggio alimentare la tensione, ma a riportare essere riconoscenti per sempre, e alla Minervino - A. Mola 0 - 0
al cardiopalma nel big-match casalin- una calma parziale ci pensa Schirone quale dovrebbero ribadire sempre la A. Mola - Polimnia 2 - 2
realizzando, su calcio di punizione, loro gratitudine per aver riportato a Gioia - A. Mola 0 - 1
go contro i polignanesi. In preda al
il gol che accorcia le distanze e ridà Mola il calcio e la Promozione. Non
maltempo e d’avanti ad un pubblico
delle grandi occasioni (circa mille speranza ai sostenitori molesi. Spe- si può vincere sempre e per di più non Le prossime
ranza che diventa realtà allo scadere lo si può pretendere. A. Mola - Castellaneta 26/11
spettatori) le due squadre danno vita Carovigno - A. Mola 3/12
ad una partita ricca di emozioni. grazie al gol “salvatutto” di Seby Mi-
Passa la Polimnia al termine della pri- trano che regala il pareggio al Mola Nicola Soldano A. Mola - Terlizzi 10/12

Basket Atletica leggera


S quadra P ti Fino alla 9a giornata
Trani 18 Cus Foggia - N.P. Mola 73 - 85
N.P. Mola - Rutigliano 69 - 59
Conversano 16
Trani - N.P. Mola 90- 71
Altamura 14
N.P. Mola 14
Le prossime
Barletta 12 N.P. Mola - Conversano 26/11
Santeramo 10 Castellana - N.P. Mola 3/12
Castellana 8 N.P. Mola - Legend 10/12
Ruvo * 8
Japigia Bari * 8
Rutigliano 8
Cus Foggia 8
Diamond Foggia
Don Bosco Bari
Legend Bari
6
6
6
U n’invasione pacifica di
oltre 100 piccoli atleti
ha colpito piazza XX
settembre il 22 ottobre scorso,
in occasione delle finali pro-
vinciali di “Corrinstrada”. La
S. Giovanni Rotondo 2 manifestazione è stata organiz-
Lucera 2 zata dalla sezione molese della
Libertas Monopoli (presieduta
da Francesco Lenoci - foto in
alto), guidata da Nicola Gam-

Lo sport molese mino e Nicola Cassone.


Con il passare dei mesi la se-
zione molese della Libertas

è anche su cresce sempre più vivacemen-


te, e lo dimostra anche la raz-
zia di medaglie che i loro atleti

www.lospiraglio.it fanno ad ogni manifestazione


a cui sono invitati.
G.R.
Lo Spiraglio - www.lospiraglio.it 11

novembre0606.indd 11 23-11-2006 9:23:31


L ettere - redazione@lospiraglio.it
Sulla questione Castello Divorzio,
incontri e
E
gregio Direttore,

nel numero di ottobre de “LO SPIRAGLIO” ho letto l’inserto “Castello Angioino e box: vanno bene”, da cui ho scontri
desunto che il progetto per la realizzazione dei box e della strada adiacente al castello è stato approvato dal comune come semplice
deroga al vigente regolamento edilizio, sulla base dei pareri di compatibilità espressi dalla Sovrintendenza ai monumenti, dell’avvo- dell’anima
I
cato Triggiani e dei progettisti del piano di recupero del castello inserito nel P.R.G. vigente a Mola. ncontri amorosi: Paolo e
Lo scrivente non muove osservazioni circa i pareri espressi dalla Sovrintendenza, dall’avvocato Triggiani e dai progettisti Francesca, Ugo e Parisina,
del piano di isolamento del castello inserito ed approvato col P.R.G. vigente a Mola. Tristano e Isotta, sono eroi
Non conoscendo il progetto dell’opera contestata, mi limito a prendere atto dei pareri espressi dai predetti soggetti in base di questi incontri. Passioni in-
a proprie valutazioni di merito. felici. Passioni che superano il
Ciò che non condivido riguarda l’approvazione del progetto contestato, considerato in deroga al P.R.G. vigente. peccato. Passioni che trasfigu-
rano nella morte. Incontri che
In effetti l’art. 14 del DPR 06.06.2001 n°380 (T.U. in materia edilizia) stabilisce che “il permesso di costruire in deroga rispondono solo al richiamo dei
agli strumenti urbanistici generali è rilasciato esclusivamente per edifici ed impianti pubblici o di interesse pubblico, previa sensi in ore di amore. Incontri
deliberazione del consiglio comunale, nel rispetto comunque delle disposizioni contenute nel Dlg. 29.10.1999 n°490 e delle altre simili ad uragani che passano
normative di settore aventi incidenza nella disciplina dell’attività edilizia”. devastando e lasciano la rovina
Inoltre aggiunge il comma 3) del citato art.14 del Dlg. 380/2001: “la deroga, nel rispetto delle norme igieniche, sanitarie nel corpo e il deserto nel cuore.
e di sicurezza, può riguardare ESCLUSIVAMENTE i limiti di densità edilizia, di altezza e di distanza fra i fabbricati di cui Così l’arciduca Rodolfo D’Au-
alle norme di attuazione degli strumenti urbanistici generali ed esecutivi, fermo restando in ogni caso il rispetto delle disposi- stria e Maria Veczera chiudono
zioni di cui agli artt. 7), 8) e 9) del D.M. 02.04.1968 n°1444”. con la tragedia di Maierling
Infine l’art. 23 del Dlg. 490/1999 (T.U. in materia di beni culturali ed ambientali) stabilisce che “i proprietari, possessori l’incontro fiorito sulle rive del
Danubio azzurro.
o detentori a qualsiasi titolo dei beni culturali indicati all’art.2 comma 1 lett.a) b) e c) (fra i quali rientra il castello con l’area Incontri e passioni. Eppu-
ad esso vincolata) hanno l’obbligo di sottoporre alla Sovrintendenza i progetti delle opere di qualsiasi genere che si intendono re anche nelle ore più roven-
eseguire, al fine di ottenere la preventiva approvazione”. ti l’anima sente al di là degli
Sulla base di tali norme il comune di Mola, con l’approvazione del progetto di cui trattasi, “in deroga al recente regolamento istinti il richiamo dell’azzurro.
edilizio vigente”, ha violato almeno 4 norme di legge: Troppe fiamme devastano il
1) le norme predette consentono di derogare ESCLUSIVAMENTE i limiti di densità edilizia, di altezza e di distanza fra i fabbricati cuore. Poche danno calore al-
di cui alle norme di attuazione degli strumenti urbanistici generali ed esecutivi, mentre l’opera di cui trattasi riguarda la costruzione l’anima. E solo qualcuna può
di una strada e di box su area vincolata ad inedificazione col P.R.G. vigente. divampare nell’incendio che
2) la Sovrintendenza ha espresso un parere di compatibilità alla costruzione dei box (come si afferma nello inserto de “Lo Spiraglio”), trasfigura un destino.
Incontri: si può brucia-
ma non risulta né che la Sovrintendenza abbia approvato il progetto e neppure che abbia espresso parere favorevole alla variante re cento volte e non fare mai
urbanistica per la edificazione su suoli che furono dichiarati ed inseriti nel P.R.G. vigente come vincolati ed inedificabili. luce.
3) la legge consente l’approvazione di progetti in deroga urbanistica ESCLUSIVAMENTE per edifici ed impianti, mentre in concreto, Dedicarsi alla meditazione
l’opera contestata è principalmente costituita da una strada di collegamento fra la piazza ed il lungomare che non è prevista dal P.R.G. vuol dire, prima di ogni altra
vigente e richiede valutazioni di compatibilità ambientale ed urbanistica che non possono essere desunte dai pareri sopra indicati, ma cosa, imparare a di nuovo a
vanno valutati con le procedure prescritte dalla legge. vedere, imparare di nuovo ad
4)L’approvazione del progetto non andava deliberata con una semplice deroga al P.R.G. vigente ma con una variante al P.R.G. e, più affrontare. Soltanto quando
opportunamente, con una conferenza di servizi auspicata anche dall’art. 25 del predetto Dlg. 490/1999 per i procedimenti relativi alle avremo intrapreso questo cam-
opere pubbliche. mino di rieducazione, capire-
mo quanto poco avevamo visto
Con tali violazioni di legge, è da sperare che non vi siano persone interessate a soluzione diversa da quanto previsto dal fino ad allora e quanto poco
progetto contestato che, diversamente, potrebbe dar luogo a contenzioso, che inevitabilmente si risolverebbe in danno del comune, avevamo sentito. Così, piano
con esborso di somme, che certamente saranno pagate caricando ulteriormente il già esosissimo prelievo fiscale. piano, la nostra vita diventerà
In periodo in cui i cittadini lamentano diffusi comportamenti improntati ad incertezze, approssimazioni e sempre più ricca. Non ci saran-
violazione dei diritti civili, sia per primo il comune a dare esempio comportamentale, improntando il proprio operato procedimentale no più la noia e l’ansia, ma il
nel pieno rispetto delle norme vigenti. senso di essere creature agenti
in un universo la cui realtà pri-
Ing. Giuseppe Liotine ma é quella dell’amore.
Pietro Gallo
Su “Martucci”
L a Storia di Contrada Martucci si arricchisce di
un altro Capitolo voluminoso circa 70 pagine.
È il “parere tecnico” sullo Studio di Impatto
Ambientale (SIA) del Sistema di Gestione dei Rifiu-
ti (presentato dall’ATI CoGeAm) redatto dal Prof.
senta Contrada Martucci. Soprattutto, secondo Pietro
Santamaria, l’indisponibilità del Territorio ad ospi-
tare questa tipologia di impianto è data dalla natura
carsica del terreno che favorirebbe l’inquinamento
della falda.
dimensionalmente al piano regionale dei rifiuti rimo-
dulato secondo il Decreto del Commissario Delegato
187/05”.
Invece nelle considerazioni conclusive alla relazione
del prof. Cossu si chiarisce che “la discarica control-
Francesco Paolo Fanizzi (ordinario di Chimica ge- Il 14 Novembre c’è stata la presentazione, durante il lata nel sistema CoGeAm appare un po’ nascosta,
nerale ed inorganica all’Università di Lecce) e da Consiglio comunale di Conversano, delle Relazioni mimetizzata, quasi a volerla escludere, in questo se-
Raffaello Cossu (ordinario di Ingegneria Ambientale redatte dal prof. Fanizzi e dal prof. Cossu che metto- guendo un certo trend politico che rifiuta la discari-
all’Università di Padova) che il Servizio Politiche am- no chiaramente in discussione il SIA presentato dal- ca”.
bientali del Comune di Conversano ha fatto proprio. l’ATI CoGeAm. Secondo Cossu la descrizione fatta dal SIA non è
Facciamo un passo indietro. Il prof. Francesco Fanizzi nella sua relazione mette idonea per lo stato attuale delle cose sul Territorio di
Il 31 Ottobre scorso la Rete “NoCdr, Martucci viva” in evidenza come il SIA non è coerente con il Piano Contrada Martucci. Infatti in un sistema di Gestione
ha organizzato una Conferenza stampa al Palazzo del- Regionale dei Rifiuti attualmente in vigore perché di rifiuti non si può prescindere dalla discarica che
la Provincia (grazie anche all’interessamento diretto non ne rispetta alcune prescrizioni, come la possibi- però deve essere “sostenibile” per il Territorio (“at-
del Consigliere provinciale e comunale Stefano Di- lità di convertire l’Impianto di biostabilizzazione in traverso il pre-trattamento meccanico biologico dei
perna) dove ha reso nota l’intenzione di presentare le Impianto di Compostaggio, per osservare l’aumento rifiuti prima del deposito” in discarica). Inoltre nel
ControDeduzioni preparate in occasione della richie- della raccolta differenziata prevista dal Piano Regio- SIA non sono chiare le finalità della discarica né tan-
sta pubblica, da parte del Comune di Conversano, di nale approntato dalla Giunta Vendola. tomeno è definito chi deve utilizzare il CDR prodotto
pareri in merito alla procedura di Valutazione di Im- Ancora, la “stima” della Raccolta Differenziata non e le sue esigenze di qualità e di tipologia.
patto Ambientale per la realizzazione di un Impianto risponde al volume del sistema impiantistico che è Sulla descrizione ambientale, Cossu precisa che “nel-
Complesso di Gestione dei Rifiuti con produzione di “deficitario rispetto al recupero di materia e sovradi- la caratterizzazione della componente del suolo e sot-
CDR (Combustibile Derivato da Rifiuti) in Contra- mensionato rispetto al comparto energetico”. Inoltre tosuolo sono assenti dati ed elaborazioni sulla qualità
da Martucci. il SIA è anche insufficiente nella descrizione del- delle acque di falda e più in generale sulle caratteri-
Nel corso della Conferenza Stampa i coordinatori l’Ambiente dove si andrebbe ad inserire l’Impianto stiche qualitative della falda stessa”.
della Rete “NoCdr, Martucci viva”, Pietro Santa- e la discarica di servizio/soccorso. Infatti, secondo le La Rete “NoCdr, Martucci viva” ed il Comitato
maria e Gianni Nicastro, hanno espresso forti dubbi relazioni, non si tengono in considerazione il “Parco Salute e Ambiente SudEst hanno più volte espresso
sulle scelte che negli ultimi anni sono cadute sul Ter- dei Laghi di Conversano” e la “Gravina di Monsi- gli stessi dubbi sul Contratto firmato con l’ATI Co-
ritorio. gnore” che la Regione ha inserito tra i “siti di interes- GeAm, l’ultima volta proprio durante la Conferenza
Gianni Nicastro ha posto decisamente l’accento sulle se comunitario”. stampa del 31 Ottobre.
contraddizioni tecniche che ci sarebbero tra il Piano Nel parere conclusivo della Relazione di Fanizzi si Ovviamente questi pareri sullo Studio d’Impatto
Regionale dei Rifiuti approvato dalla Giunta Ven- legge che “il SIA presentato dall’ATI Co.Ge.Am ed Ambientale, che sono stati fatti propri dal Comune di
dola ed il contratto firmato con l’ATI (Associazione Altri, oggetto della presente valutazione, risulta non Conversano, sono solo di carattere “consultivo”. Ora
Temporanea d’Impresa) CoGeAm, che invece nel idoneo ai fini del pronunciamento di compatibilità spetta alla Regione, che dovrebbe presentare delle
SIA imposta l’impiantistica adeguandosi esclusiva- ambientale relativo al progetto di cui il SIA stesso si ControDeduzioni alle Relazioni dei professori Fran-
mente al Piano dei Rifiuti vigente durante la Giunta riferisce. Ciò sia in riferimento alle carenze presenti cesco Paolo Fanizzi e Raffaello Cossu, continuare a
Fitto. del SIA rispetto ai contenuti espressamente previsti scrivere la Storia di Contrada Martucci.
Pietro Santamaria, invece, sottolinea un altro tipo dalla Legge Regionale n.11/2001 art.8 comma 2, sia
di contraddizioni tra la descrizione del Territorio fatta in riferimento alla evidente necessità di reinquadra- Pino Castellana
dall’azienda nel SIA con quello che realmente pre- re il progetto per renderlo congruo funzionalmente e

12 novembre 2006

novembre0606.indd 12 23-11-2006 9:23:32