Sei sulla pagina 1di 15

CAPITOLO III

CHIESA FAMIGLIA DI
DIO:
“Sale della terra”
e
“Luce del mondo”
I. RADICARSI IN UNA CULTURA AFRICANA TRASFIGURATA

• Le sfide della globalizzazione: l’abbondanza delle risorse naturali


continua ad essere una fonte di minaccia alla pace, alla giustizia e alla
riconciliazione. La Chiesa deve trovare cammini di maggiore integrazione
delle società e Nazioni del continente.
• La necessità dell’inculturazione: Penetrare la Parola di Dio nelle
diverse culture ed arrivare ad esprimerla secondo i loro linguaggi, simboli e
tradizioni. Solo così possiamo formare cristiani autentici.
• Il lievito del Vangelo nei valori africani: necessità di una
pastorale più adeguata, affinché le verità e i valori delle culture africane siano
toccate e trasformate dal Vangelo.
II. Trovare forza dalla fede in Cristo

• La presenza operativa di Cristo nella nostra vita ci


impegna e ci rende capaci di condividere con solidarietà attraverso il
servizio, con vari mezzi, per trasmettere il suo amore, la sua bontà e la sua
compassione. In Lui troviamo l’orientamento della nostra vita, attraverso il
discernimento della volontà di Dio nelle situazioni che affrontiamo.
• CRISTO Pane di Vita. L’ Eucarestia ci riunisce e fà di noi un popolo
di figlie e figli riconciliati, sacramento di unità, fraternità e riconciliazione nel
cuore dell’umanità. La Parola di Dio alimento e forza di coesione della
comunità: metterla a portata di tutti. Il sacramento della Riconciliazione:
esperienza di misericordia che ci riconcilia con noi stessi e con gli altri.
III. ATTUARE COME CHIESA FAMIGLIA DI DIO

• Figli e figlie di uno stesso Padre nel Figlio unigenito. Ci


invita a trasformare le differenze tribali, etniche, razziali o di classe
sociale. Mettere in rilievo i valori familiari africani di solidarietà,
rispetto dell’altro, coesione, etc.

• Segno e strumento di riconciliazione, di giustizia e di


pace, si vive in coerenza con la sua identità di famiglia. Con la
forza dello Spirito intraprendere iniziative di riconciliazione
autentica… che ristabiliscano la pace nei cuori e nella società.
IV.
IV. IMPEGNARSI
IMPEGNARSI PER
PER UN’AFRICA
UN’AFRICA RICONCILIATA
RICONCILIATA

• La Chiesa Famiglia per le Nazioni.


 Molto importanti gli animatori delle comunità, dedicarsi alla loro
formazione in leadership cristiana.
 Attenzione speciale alle coppie e alle famiglie: dialogo, rispetto
mutuo, morale, pianificazione naturale, rivalutazione del
sacramento del matrimonio.
 Formazione biblica di tutti i cristiani: illuminare con la Parola
l’analisi della realtà e il discernimento dei cammini di Dio.
• Al servizio della società: salute (cura dei più poveri, AIDS,
pianificazione familiare), educazione (scuole-università, attenzione
agli studenti) e sviluppo socio-economico (poveri, rifugiati, nomadi,
gioventù)- Accompagnamento dei cattolici che lavorano nella
politica e nell’economia.
• In dialogo ecumenico: incontri di preghiera, traduzione della
Bibbia in lingue locali in unione con Alleanza Biblica, …
nonostante ci siano attitudini di fondamentalismo, il dialogo deve
proseguire.

• In relazione pastorale con la Religione Tradizionale Africana.


Studio di questa religione e delle sue basi culturali per adottare alcuni
elementi e purificare altri compatibili con il Vangelo.

• In dialogo con l’Islam. Approssimarsi a questa religione senza sospetti,


nonostante le difficoltà della convivenza che si verificano in alcuni posti.
Promuovere gli incontri di riflessione sui problemi della società e della
collaborazione nel campo formativo, educativo e assistenziale. Il rispetto
verso i bambini musulmani nelle nostre scuole favorisce notevolmente ad
educare la società alla tolleranza e alla pace.
CAPITOLO IV

CHIESA FAMIGLIA DI DIO CHE


LAVORA :
Testimonianza
e
Nuove Prospettive
I. LA TESTIMONIANZA DI VITA

• La risposta più appropriata che possiamo dare è la


conversione della propria vita.
 Attraverso: l’ascolto della Parola, vita
sacramentale, esercizi spirituali, impegno per le
necessità del prossimo, della società, coerenza,
stile di vita semplice ispirato al Vangelo…
• Come Maria, la Madre di Dio, imparare l’ascolto
obbediente della Parola… lasciare che si incarni in
noi, accompagnare le persone negli avvenimenti
felici, dolorosi e gloriosi della vita quotidiana.
II. GLI ATTORI E LE ISTITUZIONI

1. GLI ATTORI: ognuno deve realizzare la propria missione affinché la


famiglia possa attuare secondo lo Spirito di Cristo, per un mondo che
sia secondo il cuore di Dio.
 I Vescovi. Voce profetica, agenti di comunione e dialogo –interno ed esterno-
intermediari tra i politici e il popolo. La loro azione a favore della Giustizia e Pace si
manifesta attraverso le lettere pastorali, riviste, divulgazione della Dottrina Sociale
della Chiesa. Unità collegiale, programmi pastorali efficaci, linguaggio appropriato.
 I sacerdoti. Funzione educativa, sacramentale e formativa. Iniziare, accompagnare,
guidare i fedeli ad una esistenza cristiana autentica.
 Le persone consacrate. Con i loro carismi e il loro impegno specifico nella Chiesa,
lavorano per diffondere il Regno di giustizia, di pace e di amore di Cristo: mediante
l’accompagnamento dei giovani, l’aiuto ai poveri, alle donne, la cura degli infermi e dei
diversamente abili… In collaborazione con l’Ordinario del posto per rendere visibile la
comunione. La risposta alle sfide della riconciliazione, della giustizia e della pace
sembra incontrare una migliore espressione nella donna…, attraverso lei e con
lei dobbiamo incontrare nuove risposte alle sofferenze delle nostre società africane.
 I fedeli Laici nella Chiesa. Numerosi
Numerosi cristiani
cristiani laici,
laici,
individualmente
individualmente oo in in associazioni,
associazioni, danno
danno prova
prova del
del loro
loro valore
valore
mantenendo
mantenendo alta la la chiamata
chiamata alla
alla fede
fede negli
negli ambienti
ambienti in
in cui
cui la
la giustizia
giustizia e
la
la pace
pace sonosono calpestate.
calpestate.
♦♦ II catechisti
catechisti continuano
continuano ad ad essere
essere animatori
animatori preziosi
preziosi delle
delle comunità
comunità
cristiane.
cristiane. Hanno
Hanno bisogno
bisogno di di una
una solida
solida formazione
formazione biblica
biblica ee
dottrinale,
dottrinale, ee una
una giusta
giusta remunerazione.
remunerazione.
♥♥ IlIl genio
genio femminile,
femminile, animato
animato dallo
dallo spirito,
spirito, genera
genera una
una cultura
cultura didi
pace,
pace, di di vita,
vita, di
di umanità.
umanità. IlIl ruolo della donna
donna sarebbe
sarebbe piùpiù efficace
efficace
se
se lala Chiesa Famiglia
Famiglia le affidasse una funzione più più visibile e la
la
impegnasse
impegnasse in in un modo
modo piùpiù chiaro.
chiaro.
♠♠ Gli
Gli uomini,
uomini, devono
devono lavorare
lavorare per
per mantenere
mantenere l’unità
l’unità familiare,
familiare,
favorendo
favorendo la la pace,
pace, le le relazioni
relazioni giuste… facendosi
facendosi artefici
artefici di
di
riconciliazione,
riconciliazione, di di giustizia
giustizia ee di
di pace
pace tra
tra ii membri
membri delle
delle varie
associazioni
associazioni e movimenti.
2. Le strutture e le istituzioni ecclesiali

• Le Conferenze Episcopali
• Il Simposio delle Conferenze Episcopali d’Africa e Madagascar
• Le Commissioni Giustizia e Pace – Le Caritas: aiutare affinché siano sempre
dei veri mezzi di evangelizzazione.
• I grandi seminari e case di formazione religiosa: maggior discernimento
nella selezione, formati per rispondere alle sfide della realtà, consigliabile la presenza
di laici per aiutare nella maturazione e equilibrio dei futuri sacerdoti. Nella
formazione delle consacrate deve figurare la filosofia e teologia affinché possano
collaborare più efficacemente nella pastorale.
• I programmi di formazione: alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa, nei
diversi ambiti per poter promuovere una società più giusta, più fraterna e più
prospera. Risoluzione di conflitti, giustizia e pace vera, ecc.
• Le istituzioni sanitarie: persone capaci e competenti…, pianificazioni
appropriate, manutenzione del materiale, contribuire a edificare una società che
rispetti la dignità umana dal principio alla fine della vita.
• Le istituzioni educative: fondamentali per la salvezza di tutta la persona.
Migliorare le condizioni dei professori e la loro competenza, stimolare programmi di
educazione integrale, promuovere la figura del tutore, riconoscere i meriti, assumere
iniziative di autofinanziamento.
• Le unviversità
3. I fedeli cristiani nella società

La Chiesa attua nella società attraverso i suoi membri, in particolare


attraverso i fedeli laici … animare la fede dei cristiani. La famiglia è
la cellula della società…aiutare a crescere famiglie cristiane che, ad
esempio della Sacra Famiglia, vivano l’amore, la fraternità, la
compassione e misericordia…In tutti gli ambiti vivere i valori del
Vangelo, obbedire a Dio prima che agli uomini, servire il bene comune,
difendere i Diritti Umani, cercare una sana gestione delle risorse
naturali, ecc…
• Nella politica
• Nell’esercito
• Nell’economia
• Nell’educazione
• Nella salute
• Negli ambienti della cultura
• Nei mezzi di comunicazione
• Negli organismi internazionali
Adottare
l’opzione
preferenziale
per i poveri
[ … ] nel nome
della comune
umanità e della
dignità dei figli
di Dio.
CONCLUSIONE
Come
Come Maria,
Maria, disponibili
disponibili all’azione
all’azione dello
dello Spirito,
Spirito, affinché
affinché rinnovi,
rinnovi, in
in noi
noi ee attraverso
attraverso
noi,
noi, la
la faccia
faccia della
della Terra.
Terra.
Al
Al servizio
servizio della
della Chiesa
Chiesa Famiglia
Famiglia di di Dio
Dio verso
verso lala riconciliazione,
riconciliazione, la
la giustizia
giustizia ee la
la pace.
pace.