Sei sulla pagina 1di 488

Appunti di Analisi matematica 1

Paolo Acquistapace

7 ottobre 2013

Indice

1 Numeri

4

1.1 Alfabeto greco .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

4

1.2 Insiemi .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

4

1.3 Funzioni

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

9

1.4 Il sistema dei numeri reali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

12

1.5 Assioma di completezza

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

16

1.6 Numeri naturali, interi, razionali

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

24

1.7 La formula del binomio

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

34

1.8 Radici n-sime

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

46

1.9 Valore assoluto

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

53

1.10 La funzione esponenziale

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

57

1.11 Geometria nel piano

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

70

1.12 Numeri complessi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

90

2 Successioni

 

123

2.1 Limiti di successioni

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 123

2.2 Serie

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 135

2.3 Successioni monotone

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 140

2.4 Criteri di convergenza per le serie

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 150

2.5 Convergenza assoluta e non

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 159

2.6 Successioni di Cauchy

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 168

2.7 Serie di potenze

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 171

2.8 Riordinamento dei termini di una serie

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 186

2.9 Moltiplicazione di serie

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 195

3 Funzioni

200

3.1 Spazi euclidei R m e C m

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 200

3.2 Funzioni reali di m variabili

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 215

 

2

3.3 Limiti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 223

3.4 Propriet`a delle funzioni continue

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 239

3.5 Asintoti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 251

4 Calcolo differenziale

 

253

4.1 La derivata

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 253

4.2 Derivate parziali

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 269

4.3 Propriet`a delle funzioni derivabili

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 280

4.4 Condizioni sufficienti per la differenziabilit`a

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 290

4.5 Differenziabilit`a di funzioni composte

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 293

4.6 Derivate successive

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 298

4.7 Confronto di infinitesimi e infiniti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 304

4.8 Formula di Taylor .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 313

4.9 Massimi e minimi relativi per funzioni di una variabile

.

.

.

. 326

4.10 Forme quadratiche

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 338

4.11 Massimi e minimi relativi per funzioni di pi`u variabili

 

344

4.12 Convessit`a

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 350

5 Calcolo integrale

 

360

5.1 L’integrale

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 360

5.2 Propriet`a dell’integrale

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 369

5.3 Alcune classi di funzioni integrabili

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 375

5.4 Il teorema fondamentale del calcolo integrale .

.

.

.

.

.

.

.

.

. 382

5.5 Metodi di integrazione

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 388

5.6 Integrazione delle funzioni razionali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 398

5.7 Formula di Stirling

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 417

5.8 Integrali impropri .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 421

6 Equazioni differenziali

 

432

6.1 Generalit`a

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 432

6.2 Alcuni tipi di equazioni del primo ordine

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 446

6.3 Analisi qualitativa

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 453

6.4 Equazioni lineari del secondo ordine .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. 469

Indice analitico

 

476

3

Capitolo 1 Numeri

1.1 Alfabeto greco

Un ingrediente indispensabile per lo studente che affronta un corso di analisi matematica `e la conoscenza dell’alfabeto greco, di cui verranno usate a vario titolo gran parte delle lettere (minuscole e maiuscole). Eccolo:

alfa

α

A

iota

ι

I

ro

ρ

P

beta

β

B

cappa

κ

K

sigma

σ

Σ

gamma

γ

Γ

lambda

λ

Λ

tau

τ

T

delta

δ

mu (mi)

µ

M

iupsilon

υ

Y

epsilon

ε

E

nu (ni)

ν

N

ϕ

Φ

zeta

ζ

Z

csi

ξ

Ξ

chi

χ

X

eta

η

H

omicron

o

O

psi

ψ

Ψ

teta

ϑ

Θ

pi

π

Π

omega

ω

Esercizi 1.1

1. Scrivere il proprio nome e cognome in lettere greche.

1.2 Insiemi

Il concetto di insieme `e un concetto primitivo, che quindi non pu`o essere de- finito se non ricorrendo a circoli viziosi; comunque in modo vago ma efficace possiamo dire che un insieme `e una collezione di elementi. Indicheremo gli

e gli elementi di un insieme con lettere

insiemi con lettere maiuscole A, B,

4

minuscole a, b, x, t, Per evitare paradossi logici, `e bene parlare di insiemi solo dopo aver fissato un insieme “universo” X, che `e l’ambiente dentro al quale lavoriamo, e con- siderarne i vari sottoinsiemi (cio`e gli insiemi A contenuti in X). La scelta dell’ambiente X va fatta di volta in volta e sar`a comunque chiara dal conte- sto. Come si descrive un insieme? Se esso `e finito (ossia ha un numero fini- to di elementi), e questi elementi sono “pochi”, la descrizione pu`o avvenire semplicemente elencandoli; ma se l’insieme ha “molti” elementi, o ne ha ad- dirittura una quantit`a infinita (si dice allora che l’insieme `e infinito), esso si pu`o descrivere individuando una propriet`a p(x) che gli elementi x dell’uni- verso X possono possedere o no, e che caratterizza l’insieme che interessa. Per esempio, l’insieme

A = {1, 2, 3, 4, 6, 12}

`e altrettanto bene descritto dalla propriet`a

p(x) = “x `e divisore di 12”,

la quale, all’interno dei numeri naturali (che in questo caso costituiscono il nostro universo), contraddistingue esattamente gli elementi dell’insieme A.

Introduciamo alcuni simboli che useremo costantemente nel seguito.

x A significa: x appartiene ad A, ovvero x `e un elemento di A.

A

B, B A significano: A `e contenuto in B, ovvero B contiene

A, ovvero ogni elemento di A `e anche elemento di B, o anche A `e

sottoinsieme di B.

 

A

= B significa:

A coincide con B, ovvero A e B hanno gli stessi

elementi, ovvero A B e B A.

A

B, B A significano: A `e strettamente contenuto in B, ovvero A

`e sottoinsieme proprio di B, ovvero ogni elemento di A `e elemento di

B ma esiste almeno un elemento di B che non `e elemento di A, ovvero

A B ma A non coincide con B.

Per negare le propriet`a precedenti si mette una sbarretta sul simbolo corri- spondente: ad esempio, x / A significa che x non appartiene all’insieme A,

= B significa che gli insiemi A e B non hanno gli stessi elementi (e dunque

A

5

vi `e almeno un elemento che sta in A ma non in B, oppure che sta in B ma

non in A), eccetera.

Sia X un insieme e siano A, B sottoinsiemi di X. Definiamo:

A B = unione di A e B, ossia l’insieme degli x X che appartengono ad A oppure a B (oppure ad entrambi).

X che

A B

= intersezione di A e B, ossia l’insieme degli x

appartengono sia ad A che a B.

A \ B = differenza fra A e B, ossia l’insieme degli x X che apparten- gono ad A, ma non a B.

A c = X \ A = complementare di A in X, ossia l’insieme degli x X che non appartengono ad A.

• ∅ = insieme vuoto, ossia l’unico insieme privo di elementi.

Si noti che A B

B \A. Se

A B = , gli insiemi A e B si dicono

disgiunti.

= B A, A B =

B A, ma in generale A\B

=

B ∪ A , A ∩ B = B ∩ A , ma in generale A
B ∪ A , A ∩ B = B ∩ A , ma in generale A
B ∪ A , A ∩ B = B ∩ A , ma in generale A

Vi

sono altre importanti propriet`a degli insiemi e delle operazioni su di es-

si,

di cui non ci occupiamo qui: ne parleremo di volta in volta quando ci

occorreranno. Introduciamo ora alcuni insiemi importanti:

N = insieme dei numeri naturali = {0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7,

N + = insieme dei numeri naturali diversi da 0 = {1, 2, 3, 4, 5, 6, 7,

Z = insieme dei numeri interi = {0, 1, 1, 2, 2, 3, 3, 4, 4,

.}.

.}.

6

.}.

Q = insieme dei numeri razionali, cio`e di tutte le frazioni p

q

q N + .

con p Z,

R = insieme dei numeri reali: su questo insieme ci soffermeremo a

lungo; esso contiene Q, ma anche numeri irrazionali come π, e, 2, 3.

C = insieme dei numeri complessi, cio`e i numeri della forma a + ib, con a, b R; la quantit`a i si chiama unit`a immaginaria e verifica l’uguaglianza i 2 = 1: essa non `e un numero reale. Anche su questo insieme avremo molto da dire.

Notiamo che valgono le inclusioni proprie

N + N Z Q R C.

Nelle nostre formule useremo alcuni altri simboli che sono delle vere e proprie abbreviazioni stenografiche, e che andiamo ad elencare.

Il simbolo “” significa “per ogni”: dunque dire che “x B

x A

equivale a dichiarare che ogni elemento di A sta anche in B, cio`e che

A B.

Il simbolo “” significa “esiste almeno un”: dunque affermare che “x

A tale che x B” vuol dire che c’`e almeno un elemento di A che sta

anche in B, ossia che A B non `e vuoto. i due simboli , vengono detti “quantificatori esistenziali”.

Il simbolo “!” significa “esiste un unico“: dunque la frase “! x A tale che x B” indica che c’`e uno ed un solo elemento di A che sta in B, ossia che A B `e costituito da un solo elemento.

Il simbolo “:” significa “tale che”: dunque l’enunciato “! x A : x B” ha lo stesso significato dell’affermazione del punto precedente.

Il simbolo “=” significa “implica”: quindi la frase “x A =x B” vuol dire che se x A allora x B, ossia che A B. Useremo anche il

simbolo contrario “=” per indicare un’implicazione nel verso opposto:

con la frase “x A = x B” intendiamo dire che se x B allora

x A, ossia che B A.

7

Il simbolo “⇐⇒” significa “se e solo se”: si tratta della doppia implica- zione, la quale ci dice che i due enunciati a confronto sono equivalenti. Ad esempio la frase “x A ⇐⇒ x B” indica che A = B.

Nel nostro corso non ci occuperemo di questioni di logica formale e non parleremo di predicati, proposizioni, variabili, tabelle di verit`a, eccetera; cer- cheremo di ragionare secondo il nostro buon senso, affinato (si spera) dalle passate esperienze scolastiche, rimandando al corso di logica la sistemazione rigorosa di questi aspetti. Ci limitiamo ad osservare che la pulizia formale `e sempre fondamentale, ma non determinante al fine di dire cose giuste: l’af- fermazione di poco sopra “x A : x B” `e formalmente perfetta ma, se ad esempio

A = {n N :

n 5},

B = {n N :

n 2 > 25},

essa risulta inequivocabilmente falsa. Come si fa a negare un’affermazione della forma “x A y B : x = y”? Dobbiamo formulare l’esatto contrario dell’enunciato precedente: dunque, a

lume di naso, ci sar`a almeno un x A per il quale, comunque si scelga y B,

Si noti come i

risulter`a sempre x

quantificatori e si siano scambiati di posto.

Un’altra importante operazione fra due insiemi X, Y `e il prodotto cartesiano X × Y : esso `e definito come l’insieme di tutte le coppie (x, y) con x X e

= y; e dunque, “x A :

x

= y y B”.

y

Y . Pu`o anche succedere che Y = X, ed in tal caso scriveremo spesso

X

2 in luogo di X × X; in questo caso si noti che entrambe le coppie (x, y) e

(y, x) appartengono all’insieme X 2 , e che esse sono diverse l’una dall’altra.

Esercizi 1.2

1. Sia A R. Scrivere la negazione delle seguenti affermazioni:

(i) y R :

(ii) x A y A : x < y,

x < y x A,

(iii)

y, z R :

y < x < z x A,

(iv)

x A y, z A :

y < x < z.

2. Elencare gli elementi di ciascuno dei seguenti insiemi:

A = k Z :

k Z ;

1

8

B = {k Z : h Z : k = 6h};

C = {n N : m N : m 10, n = 6m};

D = n N :

E = {n N : m N : n = 3 m };

F = {n N : n + m > 25 m N}.

n+2 N ;

1

3. Dimostrare che

x R : x 2 5x + 6 x 2 3x + 2

> 0 =] − ∞, 1[[3, +[.

4. Sono vere le seguenti affermazioni?

(i)

1 ∈ {x R : x 2 < 1},

(ii)

0 ∈ {x R : x 2 < 1},

(iii)

1 ∈ {x R : x 2 = 1},

(iv)

2 ∈ {x R : x 2 4}.

5. Disegnare i seguenti sottoinsiemi di R 2 :

A = {(x, y) R 2 : y = 2x},

B = {(y, x) R 2 : y = 2x},

C = {(x, y) R 2 : x = 2y}.

6. Siano A, B, C, D sottoinsiemi di un insieme X. Provare le seguenti relazioni (formule di de Morgan):

(i)

(A B) C

= (A C) (B

C),

(ii)

(A B) C = (A C) (B

C),

(iii)

(A × B) (C × D)

= (A C) × (B

D),

(iv)

(A × B) (C × D)

(A C) × (B

D),

(v)

(A B) \ C

= (A \ C) (B

\ C),

(vi)

(A B) \ C = (A \ C) (B

\ C).

1.3

Funzioni

Uno dei concetti pi`u importanti della matematica, e non solo dell’analisi, `e quello di funzione. Una funzione f `e una corrispondenza (di qualunque na- tura) fra due insiemi X e Y , con l’unica regola di associare ad ogni elemento

9

x di X uno e un solo elemento di Y , che viene indicato con f (x). Si suole

scrivere f : X Y (si legge “f

su X, a valori in Y . L’insieme X `e il dominio di f , mentre l’immagine, o

codominio, di f `e il sottoinsieme f (X) di Y costituito da tutti i punti di Y che sono “immagini” mediante f di punti di X, cio`e sono della forma f (x) per qualche x X. Pu`o benissimo capitare che uno stesso y sia immagine

da X in Y ”) e si dice che f `e definita

di

diversi punti di X, ossia che si abbia y = f (x) = f (x ) per x, x X e

x

= x ; quello che non pu`o succedere `e che ad un x X vengano associati

due distinti elementi di Y , cio`e che risulti f (x) = y e f (x) = y con y

Esempi di funzioni appaiono dappertutto: a ciascun membro dell’insieme S degli studenti che sostengono un esame si pu`o associare il relativo voto: que- sta `e una funzione S N. Ad ogni capoluogo d’Italia si possono associare le temperature minima e massima di una data giornata: questa `e una funzione dall’insieme C delle citt`a capoluogo italiane nel prodotto cartesiano Z 2 . Ad ogni corridore che porta a termine una data corsa ciclistica si pu`o associare il tempo impiegato, misurato ad esempio in secondi: avremo una funzione a valori in R (se teniamo conto dei decimi, centesimi, millesimi, eccetera).

Il grafico di una funzione

f : X Y `e il sottoin- sieme del prodotto carte- siano X × Y costituito da tutte le coppie della forma

(x, f (x)), cio`e da tutte e sole le coppie (x, y) X ×

=

y .

da tutte e sole le coppie ( x, y ) ∈ X × = y .

Y

che risolvono l’equazione

y

= f (x).

Le funzioni si possono “comporre”: se f : X Y e g : Y Z sono fun- zioni, ha senso considerare la funzione composta g f : X Z, definita da g f (x) = g(f (x)) per ogni x X. Naturalmente, affinch´e la composizione abbia senso, occorre che il codominio di f sia contenuto nel dominio di g. Una funzione si dice iniettiva se a punti distinti vengono associate immagini distinte, ovvero se

f(x) = f(x )

=

x = x .

Una funzione si dice surgettiva se si ha f (X) = Y , cio`e se ogni y Y `e immagine di almeno un x X. Una funzione si dice bigettiva, o invertibile, o biunivoca, se `e sia iniettiva che

10

surgettiva: in tal caso, per ogni y Y vi `e un unico x X tale che f (x) = y.

In questo caso `e definita la funzione inversa f 1 (si legge “f alla meno uno”);

f 1 `e definita su Y , a valori in X, e ad ogni y Y associa quell’unico x per cui f (x) = y. Si dice allora che f definisce una corrispondenza biunivoca fra gli insiemi X e Y . In particolare, se f `e bigettiva si ha f 1 (f (x)) = x per

ogni x X ed anche f (f 1 (y)) = y per ogni y Y : in altre parole, risulta f 1 f = I X , f f 1 = I Y , avendo indicato con I X e I Y le funzioni identit`a

su X e su Y , definite da I X (x) = x per ogni x X e I Y (y) = y per ogni y Y .

Osservazione 1.3.1 Se f : X X `e

una funzione invertibile e f 1 : X X

`e la sua funzione inversa, le equazioni

y = f(x) e x = f 1 (y) sono equivalenti

e descrivono entrambe il grafico di f .

Invece, scambiando fra loro le variabi-

li x, y (ossia effettuando una simmetria

rispetto alla retta y = x nel piano car- tesiano X × X), la seconda equazione

diventa y = f 1 (x) e descrive il grafico

di f 1 , il quale `e dunque il simmetrico

del grafico di f rispetto alla bisettrice del primo quadrante.

di f rispetto alla bisettrice del primo quadrante. Si noti che `e sempre possibile supporre che

Si noti che `e sempre possibile supporre che una data funzione f : X Y

sia surgettiva: basta pensarla come funzione da X in f (X). Il problema `e che nei casi concreti `e spesso difficile, e talvolta impossibile, caratterizzare il sottoinsieme f (X) di Y . Vedremo innumerevoli esempi di funzioni e di grafici nel seguito del corso.

Esercizi 1.3

1. Posto f

: R R, f (x