Sei sulla pagina 1di 15

Camminando

Il cammino di Santiago Un viaggio a piedi tra corpo e psiche


di Leonardo Stabile Viaggiatore, sono le tue orme la strada, nientaltro; Viaggiatore, non esiste un sentiero, la strada la fai tu andando. Mentre vai si fa la strada e voltandoti vedrai il sentiero che mai pi calpesterai. Viaggiatore, non esiste una strada, ma solo scie nel mare. Antonio Machado Cos'? Camminando la proposta di un viaggio a piedi assistito lungo il cammino di Santiago. Si tratta di un percorso della durata di 10 giorni, sugli antichi sentieri spagnoli, che attraversa montagne, valli e piccole borgate medievali in cui una atmosfera antica e naturale si esprime ancora in tutta la sua essenza e semplicit Cosa non : Camminando non il progetto di un tour operator e pertanto non un viaggio organizzato. !gnuno sar responsabile di se stesso, delle proprie scelte, della propria salute, etc. Come? Semplicemente camminando con il proprio zaino in spalla. Si affronteranno delle tappe giornaliere di alcuni chilometri "da soli o in piccoli gruppi di ma# $ persone% che termineranno nei cos& detti albergues de peregrinos ossia una sorta di ricoveri'ostelli comunitari in cui poter trovare un letto ed una doccia. Chi l'assistente? () uno psicologo "di formazione umanistica% con una lunga esperienza di viaggi a piedi. L)assistente metter a disposizione del gruppo e del singolo, le proprie conoscenze di viaggiatore e le proprie competenze in campo psicologico, con l)obiettivo di stimolare a vivere con maggiore consapevolezza *uesto viaggio meraviglioso che pervade il corpo e la psiche con una potenza rigeneratrice. +ar *uindi tutta una serie di informazioni pratiche necessarie per affrontare il viaggio e giornalmente, a fine tappa, agevoler un gruppo di discussione e crescita personale, affrontando e proponendo le tematiche che di volta in volta emergono nel cammino. , Assistere, ha una etimologia latina che nella sua forma transitiva vuol dire stare vicino ad una persona per offrirle appoggio e aiuto, o per coadiuvarla e darle la propria collaborazione nella sua attivit , ma nella sua forma intransitiva vuol dire essere presente allo svolgimento di un atto ma senza prendervi parte, il tutto rimanda direttamente alla consapevolezza "ed a tutte le sue conseguenze% che nella psicoterapia cos& come nel cammino, chi fa il lavoro pi- duro ed importante e colui che decide di ,camminare,. Quali sono gli obiettivi? .ffrontare la paura della propria libert . .mplificare la capacit di conoscenza delle cose. .pprendere a vivere nel *ui ed ora. .gevolare il percorso di individuazione "interrogarsi su di s/, sul rapporto con la natura e con gli altri%. .umentare la capacit d)azione nel reale "autoefficacia percepita%. 0igliorare la propria capacit di adattamento . 1mparare ad ascoltare e rispettare le proprie emozioni e sensazioni corporee "0igliorare la propria percezione emotiva e corporea%. Quanto costa? Camminando vuole essere una esperienza accessibile ed umile, pertanto non si speculer su di essa2 ognuno dei partecipanti si assumer direttamente l)onere delle spese di volo da e per la Spagna, nonch/ di *uelle personali per il vitto e per pagare il "piccolo% contributo negli albergues gestiti spesso dalle municipalit locali. L)assistente percepir un libero contributo volontario da parte dei partecipanti alla fine del viaggio, sulla base delle disponibilit personali e del valore percepito dell)esperienza. Introdu ione 0ettersi in cammino, fare l)esperienza del cammino, come addentrarsi nel deserto, *uello esterno e *uello interno, e camminare nudo3 .l cammino giungi con *uello che sei. 4iente pi-. ( avanzi, per la maggior parte del tempo in silen io. Senza chiedere *uasi niente. Senza preoccuparti per ci5 che non strettamente essen iale. . volte si pu5 camminare con gli occhi chiusi e con molta probabilit , non si incontreranno grandi ostacoli. 4el Cammino *uasi tutto una nuova esperienza. Solo esiste una regola2 cammina anche se con passo lento. !idati3 4el cammino c) l)ac*ua2 *uella che scorre per terra e la pioggia del cielo. La pioggia nel cammino pu5 essere una festa. 6na gran festa che rallegra il cuore nel suo profondo e che a malapena si pu5 intuire *uando non hai mai fatto il

pellegrino. 4ella citt , tutto ha un prezzo e a ci5 che gratuito diamo spesso scarso valore. 4el cammino sorprendente e grandioso ascoltare il rumore dei ruscelli, delle fonti e della pioggia ruggire sopra la nostra testa o scorrere affianco ai nostri piedi2 ci ricorda ancora una volta che il mondo pu5 ancora avanzare con ritmi di bellezza non appresi. 1l principale alimento del Cammino *uindi la speran a di ci" che nuovo, di ci5 che si nasconde e contemporaneamente, si fa presente la dove il nostro cuore e la nostra pancia sono capaci di vedere pi- in l e pi- in profondit della semplice logica della ragione. 1l cammino di Santiago un viaggio di circa $00 chilometri verso ovest con la via Lattea che accompagna dal cielo e una strada millenaria che si percorre sulla terra. 4on si pu57 ne si deve descrivere. (7 il pellegrino che, passo dopo passo, deve scoprirlo nutrendo il proprio spirito nei paesaggi e negli angolini cosi7 diversi che incontrer 7 lungo tutto il cammino, estasiandosi davanti le pietre millenarie che conducono alla contemplazione di ponti, stradine, chiesette sperdute, monasteri e cattedrali che ci hanno lasciato i nostri antenati la cui meta era incontrare l)eternit 7 alla fine della terra. 1l pellegrino godr , lungo il cammino, della gentilezza ed ospitalit 7 della gente, della cultura, delle usanze locali e, non ultima, della buona cucina. Cenni storici e mitologia: dall'antichit# ad oggi$ 8iacomo, figlio di 9ebedeo, pescatore, era uno dei 1: apostoli, come il fratello 8iovanni l 7(vangelista. +opo la resurrezione di Cristo per molti anni gir5 la penisola iberica per compiere l7opera di evangelizzazione. ;ornato in <alestina fu fatto decapitare dal re (rode .grippa, che temeva che l7apostolo ac*uisisse un eccessivo potere= i suoi discepoli .ttanasio e ;eodoro ne raccolsero il corpo e lo trasportarono segretamente con una nave nei luoghi della predicazione. Sbarcati nei pressi di >inisterre si addentrarono in 8alizia e gli diedero sepoltura. 4ei secoli successivi si perse traccia del sepolcro. 4ell 7anno $1? l7eremita <ela@o vide, per molti giorni successivi, una pioggia di stelle cadere sopra un colle. 6na notte gli apparve in sogno San 8iacomo che gli svel5 che il luogo delle luci indicava la sua tomba. L 7abate rimosse la terra che nei secoli si era depositata e scopr& il sepolcro. 4e diede notizia al Aescovo locale ;eodomiro che conferm5 la veridicit dell 7accaduto. La notizia giunse presto al papa ed ai principali sovrani cattolici dell7epoca. +i *ui inizi5 il culto di Santiago "il nome la contrazione di San 8iacomo%. >u costruita una piccola chiesa sul luogo del sepolcro= ben presto sorse intorno una citt che fu denominata Santiago de Compostela "da campus stellae%. +a alcuni secoli gli arabi si erano insediati e dominavano la Spagna del Sud e *uella Centrale2 San 8iacomo divenne il simbolo ed il protettore della ricon*uista, il processo di riappropriazione da parte dei principi spagnoli della parte della penisola occupata dai 0ori. San 8iacomo fu *uindi raffigurato "attraverso la strumentalizzazione di una mitologia accuratamente costruita% come santoBguerriero "e denominato matamoro C uccisore dei mori%. Si dice che numerose volte il santo sia intervenuto in modo decisivo per aiutare i cristiani a sconfiggere i mori nelle tante battaglie combattute nei secoli successivi "la ricon*uista si comp& nel 1DE: con la definitiva sconfitta degli arabi da parte del re >erdinando e della Fegina 1sabella ,la cattolica,% Subito dopo la scoperta del sepolcro iniziarono i pellegrinaggi. 1 pellegrini confluivano *ui da ogni parte d 7(uropa2 la via lattea indicava la direzione da seguire. 1l flusso in alcune epoche divenne imponente. .lla partenza veniva compiuto il rito della vestizione con la consegna della bisaccia 1l pellegrino alla partenza si spogliava degli averi e spesso doveva vendere o ipotecare i beni per potersi finanziare il viaggio. >aceva testamento e dava disposizioni per il governo del patrimonio in sua assenza. Spesso la Chiesa interveniva attivamente in *uesta funzione di tutela. Guesto stato particolare conferiva al pellegrino un particolare prestigio. La scelta di fare un pellegrinaggio era generalmente una libera decisione personale2 B per chiedere una grazia B per adempiere ad un voto B per una ricerca religiosa personale ;uttavia in molti casi era imposto come pena dal giudice o come penitenza dal confessore per colpe o peccati di particolare gravit . Chi era ricco poteva mandare una persona a fare il pellegrinaggio per proprio conto. 1 pellegrini viaggiavano solitamente in gruppo, per sostentarsi e proteggersi reciprocamente2 i pericoli erano rappresentati dallo stato spesso precario delle strade, dalle catastrofi naturali e soprattutto dai banditi che infestavano le strade. Lungo il percorso si svilupp5 una rete di servizi per il sostentamento dei pellegrini2 chiese, monasteri, alloggi, ospizi, ospedali, locande, molti dei *uali ancora visibili ai nostri giorni. Lungo il cammino nac*uero paesi e citt , furono costruite strade, ponti. +ella protezione dei pellegrini dagli assalti dei briganti si occuparono per un lungo periodo molti ordini ospitaleri2 tra essi principalmente i ;emplari "fino al loro scioglimento B secolo H111%. 0olti re e personaggi noti effettuarono il pellegrinaggio2 San >rancesco fu uno di *uesti. 1l pellegrinaggio a Santiago de Compostela ebbe una rapida diffusione nel mondo cristiano, nel *uadro del rifiorire della spiritualit che caratterizz5 l7inizio del secondo millennio. +ante .lighieri "Aita 4ova, HL, HH1A% parla di tre grandi vie di pellegrinaggio2 B una diretta a 8erusalemme B i pellegrini erano detti ,palmieri, "le palme d 7oltremare%= la palma era anche il simbolo del pellegrinaggio. B una diretta a Foma B i pellegrini erano detti ,romei, "da Foma%= il simbolo era la croce. B una diretta a Santiago B erano i ,pellegrini, propriamente detti "il luogo pi- lontano, pi- peregrino%= il simbolo era la conchiglia. Le grandi direttrici dei tre grandi pellegrinaggi del mondo cristiano erano costituite da2 B un insieme di vie che, attraversando la >rancia su pi- tracciati, confluivano a Foncisvalle e a <uente la Feina, per dirigersi a Santiago de Compostela B un altro insieme di vie che, provenendo da diverse localit europee, confluiva nella Aia >rancigena fino a Foma= chi andava in ;erra santa proseguiva lungo l 7antica via .ppia fino ai porti pugliesi. Guesta stessa via era utilizzata, in direzione opposta, dai pellegrini che, partiti dall 71talia diretti a Santiago, valicavano le .lpi e si immettevano nella Aia ;olosana.

1l pellegrinaggio verso Santiago ebbe periodi di maggiore o minore partecipazione. >u sostenuto e promosso soprattutto dalla componente pi- illuminata ed evangelica della Chiesa. 4el secolo HA111 inizi5 un progressivo declino. La maggior parte delle strutture di accoglienza cadde in abbandono= altre cambiarono destinazione d 7uso. 6na ripresa iniziata negli anni 7$0. 6n decisivo contributo stato dato dalla visita del papa 8iovanni <aolo 11 a Santiago nell 7anno 1E$E, in concomitanza con l7incontro mondiale della giovent-2 mezzo milioni di giovani convennero a Santiago da ogni parte del mondo, e fu la maggior concentrazione di pellegrini mai registrata. +a allora il flusso dei pellegrini aumentato progressivamente e in modo inarrestabile, tanto che, nei mesi estivi, si creano spesso situazioni di eccessivo affollamento negli albergues esistenti, nonostante le strutture temporanee aggiuntive che vengono allestite dai Comuni, dalle <arrocchie, dalle .ssociazioni. 1l :? ottobre 1E$I il Consiglio d 7(uropa ha dichiarato i percorsi che portano a Santiago , itinerario culturale europeo,, mettendo a disposizione risorse economiche per segnalare convenientemente il cammino, ristrutturare e costruire i rifugi per alloggiare i pellegrini= nel 1EE? l 764(SC! li ha dichiarati ,patrimonio dell %Umanit#,. Guesti riconoscimenti, che pongono l)accento sul carattere storico e culturale del Cammino, sono stati probabilmente le principali ragioni della forte ripresa di fre*uentazione del Cammino stesso, a partire dagli anni novanta, anche da parte di persone che non lo percorrono per motivi religiosi, e J in misura crescente J di nazionalit non spagnola. 1l :K luglio ricorre la festa di San 8iacomo. Guando *uesta giornata ricorre di domenica l7anno relativo viene dichiarato .nno Santo Compostellano. L 7ultimo stato nel :010. I cammini a Santiago

&A C'()(*+IA&( () una specie di salvacondotto del pellegrino. Si consegna unicamente a coloro che si avviano a pellegrinare a piedi, a cavallo o in bicicletta verso Santiago di Compostela. (7 un pieghevole in cartoncino contenente le generalit del pellegrino sul *uale vengono apposte2 la data ed il luogo della partenza la meta del pellegrinaggio il sello "timbro% degli albergues dove si pernotta il sello del luogo di arrivo e della data di avvenuto compimento del pellegrinaggio. La credenziale "credencial in spagnolo% attesta che la persona sta percorrendo il Cammino di Santiago come pellegrinaggio e consente il libero accesso ai servizi degli albergues. .ll7arrivo a Santiago, mostrando la credenziale alla !ficina de .cogida del <eregrino "a lato della Cattedrale%, si potr ricevere la compostela, documento scritto in latino nel *uale si certifica l7avvenuto pellegrinaggio.

Chi dichiara di aver percorso il cammino per motivi diversi da *uelli ,religiosi, o ,spirituali, riceve un attestato di benvenuto alla tomba di San 8iacomo.

&a Segnaletica (siste una segnaletica del Cammino di Santiago utile soprattutto perch/ a volte il suo tracciato originale subisce alcune alterazioni. <er aiutare ad evitare la confusione, sono molte le persone che si dedicano a segnalare i diversi itinerari esistenti, come le .ssociazioni degli .mici del Cammino, che da pi- di ?0 anni lavorano per recuperare l)importanza del Cammino di Santiago nel 0edioevo. !ltre alle frecce gialle, il segnale pi- importante del Cammino "vedi foto%, esistono degli altri segni che indicano il tragitto da seguire verso Compostela, come le pietre miliari, simili alla vecchia pietra miliare in cui sono decorate le simboliche conchiglie su di un fondo azzurro, simbolo che identifica l)1tinerario Culturale (uropeo. Gueste pietre miliari o punti chilometrici segnano spesso la distanza a Santiago.

.lcune delle varie comunit per le *uali passa il cammino hanno la loro propria segnaletica "oltre alle frecce gialle%. Cos&, in 4avarra, il pellegrino si trova con i segnali 8F LK "Sentiero di 8rande <ercorso% e le sue caratteristiche di bande rosse

e bianche. Si utilizzano anche piastrelle con un grafismo della conchiglia del pettine "mollusco commestibile comune in 8alizia% accoppiato alle pietre miliari di cemento o sulle facciate delle case. ,repara ione & %A&&(*A-(*./ ,'(0(*.I0/ Come disse Mipling ,ensa che puoi e portrai1 tutto sta nel tuo stato mentale . <ercorrere centinaia di chilometri giorno dopo giorno durante alcune settimane, sembrerebbe a prima vista una sfida raggiungibile solo per un gran atleta, ma in realt pu5 superarla con successo chiun*ue lo voglia e sia motivato. Si veda la dispensa del +r. 0arcello Fomano I ,I()I 1 piedi saranno il nostro mezzo di trasporto, bisogna pertanto stare molto attenti a2 1. peso dello zaino che stressa i piedi e li indebolisce :. ore di cammino2 il piede sta a lungo chiuso, umido di sudore e la pelle si macera e diventa tenera ?. le infiammazioni e lo stress al *uale sottoposto il piede non fanno in tempo a regredire durante la pausa serale e notturna2 il piede inizia *uindi gi indebolito la giornata successiva Consigli per aiutare i nostri piedi <rima 1. arrivare al cammino con i piedi induriti il pi- possibile dagli allenamenti e, soprattutto, camminando scalzi "se possibile sulla sabbia% :. scegliere con cura le scarpe e le calze +urante 1. lavarsi con fre*uenza i piedi "almeno a met giornata%, farli asciugare bene e cambiarsi le calze, badando che *ueste non facciano pieghe :. massaggiare i piedi alla sera e alla mattina con creme apposite. ?. bucare con un ago sterile la vescica e far uscire l7ac*ua= D. disinfettare bene per evitare infezioni K. tenere il pi- possibile il piede all7aria L. al momento di ripartire applicare i cerotti speciali sulla vescica2 i pi- comuni in Spagna sono i Compeed. >anno le funzioni di una seconda pelle e danno protezione finch/ l7epidermide non si riprodotta. 1l dolore'fastidio al piede rimane, ma comun*ue un po7 alleviato I. ultima regola2 fare il cammino pur sempre un7impresa personalmente rilevante2 bisogna 2uindi mettere nel conto un po% di so33eren a e serenamente accettarla$ (7 un passaggio fondamentale2 se non lo si compie bene ogni sofferenza, ogni contrattempo appaiono intollerabili e insuperabili. (2uipaggiamento Guello che troverete descritto pi- in basso l)e*uipaggiamento base che praticamente ogni pellegrino deve portare. <robabilmente lungo il cammino avr bisogno di *ualcosa di specifico, ma non avr alcun problema, perch/ la strada costellata di negozi di ogni genere e farmacie. 4on cadete nella tenta ione del 4non si sa mai4 e caricare inutilmente di peso eccessivo il vostro zaino. &o aino +eve essere comodo, meglio se anatomico, con fissaggio ai fianchi "non la vita%. Se con tasche laterali, facilita notevolmente il suo utilizzo, cos& come se si dispone di due vani, potremmo usare l)inferiore per conservare il sacco a pelo, cosa che permetter di rimuoverlo senza dover svuotare tutto lo zaino. N possibile utilizzare *uesto stesso comparto per conservare la cappa, cos& da accedervi rapidamente se necessario. ,>are, lo zaino importante2 gli elementi pi- pesanti, vanno sistemati il pi- vicino possibile alla spalla. ( il sacco a pelo posto in basso permette di attutire ed ammortizzare tutto il resto. La distribuzione degli oggetti dentro lo zaino "e *uindi del loro peso% deve essere e*uilibrata. () necessario pesare lo zaino prima di partire, e se pesa pi- di *uanto raccomandato, rassegnamoci ad eliminare gli oggetti superflui e mettere in discussione *uelli che riteniamo indispensabili ed essenziali. 1n ogni caso, abbiamo bisogno di stabilire un limite di peso massimo per lo zaino carico, che idealmente individuiamo in non pi5 del 678 del nostro peso, "L'I Og. nel caso delle donne e I'$ Og. negli uomini%. Ficordiamoci che la maggior parte dei problemi ai piedi, tendiniti e altri fastidi che si possono avere, sar il risultato di uno zaino troppo pesante, ed allora 0(4! () 0(8L1!3 Cosa portare in viaggio2 Scarpe da ;reOOing "meglio se con suola vibram% Pastoni telescopici. : magliette di cotone ed una camicia "o ? magliette% : pantaloni2 uno corto e uno lungo "o in alternativa : corti di cui uno con possibilit di trasformarlo in lungo tramite le cerniere% ? paia di ricambi intimi. ? paia di calzini tecnici 1 >elpa2 non troppo spessa "pail% 6na cappa impermeabile per la pioggia. <iccolo asciugamano "meglio se di microfibra% Sacco a pelo leggero e'o sacco lenzuolo.

1nfradito o sandali di gomma per la doccia e per la passeggiata. 0aterassino di gomma piuma o gonfiabile Costume "facoltativo% Mit di base2 +isinfettanteQ, garza, PetadineQ, bende, crema per protezione solareQ. .go e filo, forbici di piccole dimensioni. Cerotti Compeed e aspirina. Fotolo di carta igienica. L mollette e : m di spago. ? o D spille da balia. Sacchetto di plastica "lavanderia%. 0ezza pallina da tennis "facoltativo% .ssorbenti "donne%. Porsa2 spazzolino, dentifricio, una bottiglia di gel per il corpo e capelliQ, pettine, una pinzetta e rasoio usa e getta. Coltellino multiusoQ, torcia piccola e accendino. 0arsupio. Cappello !cchiali da sole. Crema idratante per il visoQ. Guaderno e penna "facoltativo% Libro "optional% macchina fotografica "optional% ;elefono e carica batteria. 1nformazioni sul cammino Credenziale del <ellegrino. Carta d)identit nazionale. Contanti e carta di credito.

0!L;! 10<!F;.4;( 1l pellegrino deve evitare il pi- possibile di lasciare la sua documentazione "passaporto o carta d)identit %, carta di credito, credenziale e denaro incustoditi.

&( .A,,(
1l cammino scelto il cos& detto cammino del nord che per le sue caratteristiche geografiche, storiche e naturalistiche ben si presta per la nostra avventura. 1l cammino del nord nella sua versione integrale, lungo circa $00 Om, ma avendo solo 10 giorni a disposizione e non potendolo affrontare per intero, cominceremo a camminare da Fibadeo, punto d7inizio del Cammino del 4ord entrando in 8alizia che dista circa 1EI Om da Santiago. 6a .appa$ 'I9A)(/ : ;/*)<*$ =>? @mA L)uscita da Fibadeo passa per il campo di calcio, proprio di fronte si trova il segnale del cammino, che ci porta verso il cimitero. Guasi sempre in salita, dopo aver percorso circa K Om si raggiunge Ailela e Aillar. +opo aver superato l)ultimo villaggio, un tratto relativamente pianeggiante porta a ! (sfolado, da dove inizia una salita che ci porta a Aillamartin <e*ueRo. Aillamartin 8rande si pu5 vedere dalla <e*ueRa, visto che si trova aldil di una piccola valle che attraversata da una strada che unisce le due borgate. 6na discesa di tre Om circa di lunghezza ci porta a 8ondan fine della nostra prima tappa. 1n San Husto, un paio di Om dopo 8ondan , c) bar ristorante la curva che ultimamente fa anche da .lbergue.

>a .appa ;/*)<* : ;/*.<* =?6 @mA .ttraverso un cammino molto ben segnalato, prima in salita e poi in discesa, passando attraverso ! Corveiro, si entra LourenzS. .ttraversiamo il paesello, e la fine della strada, giriamo a destra su una collina molto ripida per raggiungere il cimitero e poi al piccolo nucleo di .rro#o . 1n *uesta popolazione, siamo obbligati a prendere la 4BL?D fino a 8rove. 1l cammino abbandona l)asfalto e ci premia con un comodo tratto alberato fino a San <edro da ;orre . <assiamo in salita accanto alla cappella per poi scendere a 0ondoRedo , importante citt cresciuta intorno alla cattedrale, dove poter fare il primo coffeBbreaO della giornata. .ttraverso una stradina locale appena trafficata, giungiamo dopo circa $B10 Om di salita a Lousada, paesello tipico per l)agricoltura e l)allevamento e per i suoi granai tipici e tetti in ardesia "horreos%, superato il *uale lasciamo la strada svoltando a sinistra e ci addentriamo in una sentiero che conduce all)eremo di 0onte San Cosme da. .ll)altezza cappella, giriamo a sinistra e poco dopo attraversiamo con cautela la 4BL?D. +a *uesto punto si prosegue per altri sentieri, in parte su strada sterrata in parte asfaltata fino ad arrivare a 8ont n.

?a .appa ;/*.<* : 0I&A&9A =>61B@mA Guesta tappa breve e pianeggiante, *uindi si tratta di un percorso facile e che pu5 farci recuperare le fatiche del giorno precedente. Si supera .badTn e si prende a destra una pista all)uscita della citt . 1l primo ponte da attraversare superer

il fiume .badTn, pi- tardi e dopo aver attraversato 0artiRan, attraverseremo il fiume Patan sul bellissimo ,<onte Aella 0artiRan., 1l posto ha un fascino speciale e invita i pellegrini fare una pausa, approfittando dello scenario e de del delizioso rumore delle ac*ue del fiume. La strada corre diritta, e *uasi sempre molto vicina e parallela alla strada statale L?D, che attraversa pi- volte durante il giorno. L)albergue di Ailalba si trova prima di raggiungere *uesta popolazione a circa : Om dal centro, poco prima di raggiungere i primi edifici paese, incontreremo un piccolo poligono industriale e dei servizi della Croce Fossa. (d giusto al lato di *uesta istituzione che s)incontrai il magnifico e ben tenuto .lbergue di Ailalba

Ca .appa 0I&A&9AD9AA-/)( =>6 @mA .nche in *uesto caso si tratta di una tappa agevole. >orse il profilo pi- accidentato della tappa anteriore, soprattutto nella prima parte parte, fino a raggiungere a . ;orre, da *uel punto il percorso si snoda tra pianure e discese dolci. Superato il ponte Fodriguez, la strada principale diventa un riferimento forte pi- che mai, visto che viene attraversata pivolte prima di raggiungere >erreira, una citt che a pi- di otto chilometri da . ;orre. 1l cammino prosegue alla stessa maniera fino a *uando giungiamo alla citt di Paamonde, obiettivo della nostra giornata.

Ea .appa 9AA-/*)(D-I'A+ =6F @mA 1l primo segmento, che si conclude nel luogo emblematico di San .lberte, una piacevole passeggiata sulla antica 4B1A. Si segue per poco pi- di ? Om fino ad arrivare a una rotonda da dove sale un sentiero a sinistra che attraversa i binari della ferrovia e un ponte sul fiume <arga. .d un centinaio di metri di distanza, nascosta nel bosco, troviamo la chiesa di San .lberte. Costeggiamo la fonte che a piedi dell)abside e proseguiamo dritto su una ripida salita fino a giungere ad piccolo altopiano. +a l& incroceremo tante biforcazioni, ma il cammino "ben segnalato%, indica che si deve sempre andare dritto sul sentiero principale. +opo aver percorso un chilometro e mezzo raggiungiamo un strada ed un incrocio, giriamo a sinistra e $00 metri pi- in l incontriamo uno Stop, andiamo dritto e un Om e mezzo pi- in l entriamo a Santa Leocadia. <oco prima di raggiungere le ultime case di Santa Leocadia, un cartello sulla sinistra ci mostra la via da seguire. Pen presto passando da (l Camino, .ldar, Sei#Un e Laguna il cammino ci conduce a 0iraz.

Ba .appa -I'A+DS/9'A)/ )/S -/*G(S =>? @mA Si esce da 0iraz su strada asfaltata, ma ben presto si imbocca un sentiero a sinistra, che ci porta ad una fattoria= dopo aver percorso circa : Om, seguiamo la recinzione lasciandoci il muro a sinistra, fino a *uando, percorso circa 100 metri, incontriamo un bivio che imbocchiamo a destra. Si prosegue in salita fino a PraRa, e : Om pi- in l , in cima, svoltiamo a

destra in una strada poderale in direzione di una fattoria ..lternando asfalto e sentiero "comun*ue ben marcati% arriviamo fino a Fo#ica, per poi arrivare alla 0arcela. Seguiamo per 1 Om fino ad attraversare un piccolo ruscello. +opo di che girare a destra e ben presto si entra nel villaggio di Corteporcos. Seguendo una strada che attraversa un bosco, giungiamo alla strada L6'.CBE?D. Seguiamo *uesta strada per circa K Om, e dopo aver superato le citt di 0arco +as <ias e AilariRo, giungiamo a 0es5n. Festano *uasi L Om per raggiungere Sobrado. . 0eson lasciamo la strada svoltando a destra e giungiamo a (sgueva e 0uradelo. La maggior parte di *uesta ultima parte in discesa. .lternando strade e sentieri ci avviciniamo al delizioso lago di Sobrado che costeggia la strada, preludio alla popolazione che ospita uno dei monasteri pi- emblematici della 8alizia.

Fa .appa S/9'A)/DA'+HA =>>1C @mA Guesta l)ultima tappa del cammino del nord "ma non del nostro cammino% visto che per giungere a Santiago, da .rz-a, il cammino si fonde con *uello >rancese. Si lascia Sobrado percorrendo la .CB:?: in direzione Castro, che si raggiunge dopo aver percorso D Om per lo pi- lungo l)asfalto. 6sciamo da Castro in direzione di Podelos e Corredoiras e Poimil e Poimorto, paeselli separati l)uno dall)altro soltanto da pochi passi. <roseguendo per Sendelle e poi per .rz-a non si incontrano notevoli difficolt a parte una leggera salita negli ultimi : Om della tappa.

Ia .appa A'+HAD,()'/U+/ =6J @mA <er raggiungere Salceda, che il primo paese che si incontra con tutti i servizi, dobbiamo percorrere 11 Om passando prima dal villaggio di <egontuRo, a *uesto punto si attraversa la 4BKDI mediante un tunnel sotto la carreggiata. . partire da Salceda, la strada il nostro riferimento principale, che ci conduce ai villaggi di Fua e <edrouzo, dove troveremo il rifugio .rca, che prende il nome della parrocchia omonima.

Ja .appa ,()'/U+/DSA*.IA;/ =>7 @mA 1l cammino che prosegue dal rifugio di .rca, ci costringe a tornare lievemente indietro fino alla stazione di benzina o continuare sulla strada che va al villaggio di St. .nton. 1n entrambi i casi il cammino ben segnalato. .ttraverso boschi di eucalipti, passiamo i paesi di San <aio Cimadevilla e Labacolla, paese *uest)ultimo che da il nome all)aeroporto di Santiago "che molto vicino%. .ltri sei chilometri di salita, che attraversano la cittadina di San 0arcos, sono ci5 che rimane per raggiungere il 0onte do 8ozo che non molto bello, dal momento che siamo obbligati a camminare su asfalto ma dentro di noi si fa avanti la certezza che presto vedremo le guglie della Cattedrale di Santiago.

.rasporti da e per la Spagna1 e tempi$ Si pu5 raggiungere la Spagna attraverso diverse compagnie aeree loV cost. Le pi- famose, alle *uali poter fare riferimento, sono la F@anair "r@anair.com% da ;rapani e <alermo e Aueling "vueling.com% da <alermo. 1 collegamenti pieconomici e comodi sono su Parcellona "8irona% e 0adrid. +a entrambi le destinazioni si pu5 prendere un volo interno con F@anair o con Aueling "sola da Parcellona% per giungere ad .sturias, ossia l)aeroporto pi- vicino a Fibadeo "luogo dal *uale cominceremo il cammino% che si trova in provincia di !viedo. . titolo esemplificativo troverete gli spostamenti ed i voli che ho gi ac*uistato per il cammino della seconda met di Luglio2 -artedK 6F &uglio, da ;rapani ";<S% a 8irona "Parcellona% "8F!% <artenza alle 1:2KK e .rrivo alle 1D2DK da 8irona spostamento a Parcellona con bus e partenza il giorno stesso dall)aeroporto (l <rat di Parcelona ;: "PC4% a .sturias "!A+% <artenza alle 1$2D0 e .rrivo alle :02:0 +all)aeroporto ci sposteremo in bus ad .vils ":0 min. costo 1,DKW% dove pernotteremo nell)albergue de peregrinos. L)indomani, ovvero -ercoledK 6I &uglio, spostamento in bus da .vils a Fibadeo ": ore e mezzo circa, costo 1D,K W% attraverso la compagnia .lsa "alsa.es%. <ernottamento e partenza per il cammino l)indomani ;iovedK 6J &uglio. 8iungeremo a Santiago 0enerdK >F &uglio dove "sempre che non si decida di ripartire immediatamente per il cammino di >isterra% concluderemo il nostro viaggio con almeno un paio di giorni di riposo e festeggiamenti. 1l rientro pu5 essere effettuato ac*uistando un volo interno "molto economico% da Santiago verso 0adrid "o Parcellona% con F@anair e da li verso <alermo o ;rapani. I& CA--I*/ A !IS.(''( =3inisterraeA Guesto Cammino lungo circa E0 Om, parte dalla citt di Santiago e ha come sua meta Capo >isterra. . partire dal momento della scoperta del sepolcro dell7.postol Santiago "s. 1H%, alcuni pellegrini decisero di prolungare il proprio viaggio fino alla Costa da 0orte, che era per gli antichi la punta pi- occidentale dell7(uropa, il tratto finale di un itinerario marcato nel cielo dalla Aia Lactea. Ripetendo le usanze degli antichi pellegrini tradizione arrivare a raggiunta la costa, distrugga *ualcosa si liso e consumato che gli ha fatto compagnia per tutto il cammino, in un atto di purificazione e di rinnovamento. 0a ci5 che davvero sorprende in *uesto cammino, lo spettacolo indescrivibile dei tramonti la sera. 1l sole lentamente affonda nelle ac*ue dell)oceano colorate di un rosso sangue in un gioco di profondit , luce e colore. 67a .appa SA*.IA;/D*(;'(I'A =>6 @mA Lasciamo Santiago de Compostela dalla splendida piazza dell)!bradoiro luogo spettacolare e unico, prendendo la strada che giunge all)!spedale del FF. CC e il <alazzo di FaXoi. 1l cammino si prolunga per la .venida da Yortas, <oza Par e Fua de San Lorenzo de ;rasouto, e# convento francescano di origine medievale. 1l Camino continua a scendere nella profondit della valle nella *uale scorre il fiume Sar, che attraversiamo mediante un piccolo ed antico ponte. 1n un susseguirsi di cammini su cemento e terra, si sale attraverso piccoli paeselli, fino a .lto do Aento, dove inizia una discesa fino ad .guapesada. +opo aver attraversato *uesta popolazione, bisogna affrontare una nuova salita per attraversare la montagna che si trova davanti a noi, per poi scendere nuovamente attraversando un posto incredibilmente bello come <ontemazeira, dove i pellegrini, mediante un ponte medievale, attraversano il fiume 0azeira. Si segue il corso delle sue ac*ue per un po), e poi si sale a destra sulla strada principale in direzione di 4egreira che si trova a circa DK minuti di cammino dopo aver attraversato il paesello di Parca.

Finisterre lungo la lunga spiaggia della Langosteira e bagnarsi nell Oceano, come per una purificazione: l acqua limpidissima gelata in tutte le stagioni rende eroica l impresa. La tradizione vuole inoltre che il pellegrino, una volta

66a .appa *(;'(I'AD/&0(I'/A =?? @mA 6sciamo da 4eigreira attraversando un piccolo ponte sopra il fiume Parcala. 1l cammino inizia a salire sul colle dove sorge la chiesa di San Hulian 4egreira, lasciamo l)albergue alla nostra sinistra e, proseguiamo su un sentiero sulla sinistra fino a superare la collina e raggiungere 9as. 1l percorso coincide in vari punti con l)antica strada Feale per >inisterre e il viaggio tocca aree di altopiano che ci regala una vista meravigliosa. +opo aver superato 9as e senza avere a che fare con forti pendenze, ci ritroviamo ad attraversare molti altri piccoli borghi, come . <ena "Mm $,:% Ailaserio e 0aroRas. +a *uesto ultimo punto, giungiamo a Santa 0ariRa "Om :0,$% e presto, camminando sull)asfalto, affronteremo un percorso in salita per poi scendere a CorzUn, <onte !lveira e !lveiroa, obiettivo giornaliero della nostra tappa.

6>a .appa /&0(I'/AD!IS.(''A =?E @mA Sicuramente il percorso di !lveiroa a >inisterre lascier un sapore indimenticabile tra le esperienza del pellegrino. La prima parte in salita ed in direzione di Yospital, tratto un po) arido e desolato, in cui anche la vista delle ciminiere fumanti di minerali risulta poco gradevole, ma senza dubbio la seconda parte, che scende verso la citt di Cee "1D,K Om%, pi- piacevole, ed particolarmente attraente per il suo scorrere cos& vicino il mare che ci porter verso la ,>ine del 0ondo,. +a Cee raggiungiamo Corcubi5n in cui i segni del cammino portano al centro e passano alti evitando la strada= si sale fino alla collina retrostante il paese, *uindi si scende, un po 7 per strada, un po 7 per sentieri, fino al mare e a Sardigliano ":?,K Om% dove si segue la strada con vista su >inisterre fino a che il cammino viene deviato a sinistra per
raggiungere la <la@a Langosteira che ci condurr finalmente a >>inisterrae.