Sei sulla pagina 1di 1

ADESSO I BAMBINI DIVENTANO GIORNALISTI CON UN

VIDEOGAME
Grazie a Giulia Passione, la serie di videogiochi che ha fatto divertire milioni di
bambine in tutto il mondo, imparare a fare i giornalisti e’ un gioco da ragazzi.
Basta un po’ di fiuto per le notizie ed avere una “buona penna”.
Condurre un telegiornale come Cristina Parodi, essere una reporter d’assalto come
Milena Gabanelli, occuparsi di inchieste esclusive come Ilaria D’Amico o scovare nuovi
e scandalistici scoop come la migliore delle Iene. Giulia Passione Giornalista, nuovo
capitolo della serie di incredibile successo che in due anni ha superato i 14 milioni di
copie vendute, trasforma le bambine di tutto il mondo in croniste, redattrici, inviate
speciali o corrispondenti dall’estero. Basta tenere sempre gli occhi ben aperti,
aggirarsi per la citta’ con il proprio taccuino alla ricerca di notizie, inseguire
personaggi noti per ottenere un’intervista sino a realizzare un servizio televisivo o un
articolo giornalistico.

E’ cosi’ che le bambine dell’intergo globo possono sperimentare in tutto e per tutto la
vita e la carriera di una vera giornalista. Giulia Passione Giornalista e’ infatti l’unico
videogioco che permette di destreggiarsi tra articoli e servizi, trasmissioni radiofoniche
e copertine di riviste, sperimentando tutte le fasi del lavoro di redazione per costruire
una veloce carriera nel giornalismo. Un mondo, quello legato alle news e agli scoop
che ha da sempre affascinato milioni di bambine, come per i bambini il sogno era ed e’
quello di fare il pompiere o l’aviatore. Ecco allora che le giovani italiane possono
seguire le orme delle anchor-woman dei piu’ importanti Tg e programmi di
informazione, imparando che si tratta di un lavoro che richiede una grande passione e
impegno. Proprio come la vera carriera di una giornalista che si rispetti, all’inizio del
gioco le piccole Cronkite in erba vestono i panni di una redattrice di una testata
locale. Dopo un periodo di gavetta, dove apprenderanno le basi del mestiere e
soprattutto a “fiutare una notizia”, iniziano la loro carriera, attraverso incarichi sempre
piu’ impegnativi e importanti, per arrivare, al termine del gioco, a vestire i panni di
una conduttrice di un programma di News. Dal primo scoop scovato e portato in
redazione in sella ad una bicicletta, alle inchieste internazionali, con spostamenti in
elicottero e collegamenti in diretta satellite. Il tutto inframmezzato da continue prove:
dalle interviste a gente comune, divi dello star system o politici, piuttosto che
personaggi scomodi e difficili da interpellare, alla prima conferenza stampa, dalle
copertine alla selezione degli scatti migliori, sino alla prima conduzione di un
programma e alla proclamazione a giornalista professionista.

Tutto questo all’interno di un semplice e divertente videogioco, Giulia Passione


Giornalista, nuovo episodio della fortunata serie Ubisoft che ha raggiunto un
successo planetario, diventando un vero e proprio fenomeno tra le bambine di tutto il
mondo. La serie Giulia Passione ha infatti rivoluzionato il mondo dei videogiochi per
bambine, perche’ capace di unire l’aspetto ludico e ricreativo a quello educativo,
offrendo la possibilita’ di sperimentare situazioni di vita diverse e sviluppare le proprie
attitudini e capacita’. In poche parole si tratta di “edutainment” a tutti gli effetti,
proprio a confermare quanto sosteneva Marshall McLuhan: “coloro che fanno
distinzione fra intrattenimento ed educazione forse non sanno che l’educazione deve
essere divertente e il divertimento deve essere educativo”. Come in Giulia Passione,
una serie che vanta oltre 30 videogame diversi, che puo’ essere ormai considerata
come un’amica a tutti gli effetti ed una possibilita’ per vivere in prima persona le
professioni che si sogna di praticare da grandi. Le aspirazioni di Giulia rappresentano i
giochi che le bambine dei quattro angoli del globo fanno da sempre, ovvero
impersonare i ruoli e ricreare i modelli degli adulti, con il vantaggio di poterlo vivere
virtualmente con una console portatile, pronta a trasformarsi in uno strumento
formativo per sviluppare le aspirazioni e il talento dei piu’ piccoli.