Sei sulla pagina 1di 14

RAPPORTI STATISTICI

RAPPORTI TRA INTENSITA INTENSITA O FREQUENZE AL FINE DI OTTENERE NUMERI PURI (ADIMENSIONALI) PER FARE CONFRONTI NEL TEMPO O NELLO SPAZIO

RAPPORTI STATISTICI E NUMERI INDICI

possono essere
248

Statistica I a.a. 2009/2010 Prof.ssa R. Paroli


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

rapporti rapporti rapporti rapporti

medi di composizione di derivazione di durata


249

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

RAPPORTI MEDI
QUOZIENTE FRA LE INTENSITA INTENSITA DI DUE CARATTERI OMOGENEI OD ETEROGENEI Sono esempi di tali rapporti i rapporti demografici, quali il tasso di natalit o di mortalit o lindice di densit demografica Un altro esempio di rapporto fra grandezze eterogenee il Prodotto Interno Lordo (PIL) pro-capite (misura sintetica della capacit di un paese di generare ricchezza):
PRODOTTO INTERNO LORDO POPOLAZIONE RESIDENTE
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Esempi di rapporto fra grandezze di carattere aziendale vi sono gli indici di produttivit, quali:
RICAVI NETTI NUMERO DI DIPENDENTI VALORE DELLA PRODUZIONE NUMERO DI DIPENDENTI VALORE AGGIUNTO NUMERO DI DIPENDENTI COSTO DEL PERSONALE NUMERO DI DIPENDENTI

Tali rapporti forniscono confronti tra dati di conto economico e informazioni extra contabili che possono dare informazioni di produttivit media individuale
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

250

251

RAPPORTI DI COMPOSIZIONE
QUOZIENTE FRA L LINTENSITA INTENSITA DI UNA PARTE DEL CARATTERE OSSERVATO E LA SUA TOTALITA TOTALITA Il pregio di tali rapporti quello di facilitare anche i confronti tra fenomeni simili che si differenziano ad esempio per tempo o luogo e che quindi sono da rapportare con la diversa numerosit o totale. Ad esempio si potrebbero voler confrontare le vendite trimestrali di un certo prodotto o lammontare del pagamento di clienti a secondo delle varie modalit di pagamento
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

RAPPORTI DI DERIVAZIONE
QUOZIENTE FRA LE INTENSITA INTENSITA DI DUE CARATTERI TRA LORO COLLEGATI I rapporti di derivazione sono molto utilizzati in campo demografico: i quozienti di natalit, quelli di mortalit, di fecondit, di sopravvivenza etc.. Rientrano in questa categoria anche gli indici di bilancio che utilizzano dati trimestrali: - il tasso di redditivit del capitale proprio (ROE) infatti dato da: UTILE
PATRIMONIO NETTO
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

252

253

RAPPORTI DI DURATA
- il tasso di redditivit del capitale investito (ROI) dato da:
MARGINE OPERATIVO LORDO TOTALE ATTIVO

QUOZIENTE FRA QUANTITA QUANTITA INIZIALI E FINALI DI UNO STESSO FENOMENO Tali rapporti mettono in relazione la consistenza di un fenomeno con il suo rinnovarsi periodico. La sua evoluzione temporale pu infatti essere misurata tramite i suoi flussi in entrata e in uscita. Esempi possono essere: la misura delle giacenze in un magazzino per la quale si rapportano tra loro i prelievi e i flussi di ricostituzione delle scorte;

- vanno infine segnalati tutti i rapporti basati sui dati di conto economico, che per fanno riferimento ad informazioni relative ad uno stesso intervallo di tempo

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

254

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

255

NUMERI INDICI
la durata di somme depositate su un conto corrente bancario; la costruzione delle tavole di sopravvivenza e di mortalita per analizzare i fenomeni demografici RAPPORTO TRA DUE OSSERVAZIONI DI UNA SERIE STORICA possono essere semplici o composti a base fissa o a base mobile

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

256

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

257

NUMERI INDICI SEMPLICI A BASE FISSA


Data una serie storica (x1,x2, ,xT) di prezzi/quantit/valori: xt per 1t T NUMERO INDICE AL TEMPO t DI BASE b It,b= xt / xb il rapporto tra il dato al tempo t (xt) ed il dato al tempo b (xb) t=b TEMPO BASE
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

INTERPRETAZIONE unitari: incremento o decremento rispetto al valore dellanno base (variazioni tendenziali della serie storica) <1 decremento =1 > 1 incremento tv= It,b - 1
259

It,b = xt / xb

Tasso di variazione:
258
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

esempio: fatturato medio annuo di una impresa

percentuali: incremento o decremento % rispetto al valore dellanno base


BASE=1989 (t=2)

anno t 1988 1989 1990 1991 1992 = = = = =

xt 211 215 281 352 477 I1,2= I2,2= I3,2= I4,2= I5,2=

NIBF 0.9814 1 1.3070 1.6372 2.2186

<100 decremento It,b = xt / xb * 100 = 100 > 100 incremento Tasso di variazione % tv%= It,b 100

xb=x2= 215

NIBF % 98.14 100 130.7 163.72 221.86 = = = = = 0.9814 1 1.3070 1.6372 2.2186

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

260

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

NIBF(1988) NIBF(1989) NIBF(1990) NIBF(1991) NIBF(1992)

211/215 215/215 281/215 352/215 477/215

261

NUMERI INDICI SEMPLICI A BASE MOBILE


INTERPRETAZIONE (detti anche CONCATENATI) si definisce NUMERO INDICE A BASE MOBILE AL TEMPO t It,t-1 = xt / xt-1 il rapporto tra il dato al tempo t (xt) ed il dato al tempo precedente t-1 (xt-1)
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

unitari/percentuali: incremento o decremento rispetto al valore dellanno precedente (variazioni congiunturali della serie storica) <1 (100) decremento (*100) = 1 (100) > 1 (100) incremento

It,t-1= xt /xt-1

Tasso di variazione tv= It,t-1 1


(In modo del tutto analogo per la tv%)
262
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

263

esempio: fatturato medio annuo di una impresa anno t 1988 1989 1990 1991 1992 NIBM(1989) NIBM(1990) NIBM(1991) NIBM(1992) = = = =

RELAZIONE TRA NIBF E NIBM se si moltiplicano tra loro tutti i NIBM si ottiene lultimo NIBF con base x1(riferito a t=T) infatti: I2,1*..* IT,T-1 = (x2/ x1)*..*(xT/ xT-1) = xT/ x1 = IT,1 NIBF(T,1) da tale propriet si pu definire il TASSO MEDIO DI VARIAZIONE della serie storica
264
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

xt 211 215 281 352 477

NIBM NIBM% 1.019 101.9 1.307 130.7 1.2527 125.27 1.3551 135.51 = = = = 1.019 1.307 1.2527 1.3551

Per t=1 il NIBM non esiste!!!

I2,1= I3,2= I4,3= I5,4=

215/211 281/215 352/281 477/352

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

265

TASSO MEDIO DI VARIAZIONE

variazione relativa media della serie storica


T-1

tasso medio di incremento o decremento della serie storica in tutto lintervallo TM =VRM -1 TM%= (VRM-1)*100

VRM =

It,t-1 =
t=2

T-1

IT,0

media geometrica dei NIBM = radice (T-1) del NIBF al tempo T con base 0
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

N.B. x0= anno di inizio del periodo considerato (a volte differente dal primo anno).

266

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

267

esempio: fatturato medio annuo a prezzi correnti pt = prezzi dellanno t qt = quantit vendute nellanno t xt = pt qt
anno t 1988 1989 1990 1991 1992 xt 338.743 401.579 470.484 538.988 612.112

1) calcolo le serie dei NIBF con base 1988 e dei NIBM


anno t 1988 1989 1990 1991 1992 NIBF 1 1.1855 1.3889 1.5911 1.8070 NIBM _ 1.1855 1.1716 1.1456 1.1357

anno base t =1988 xb= 338.743


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

268

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

269

PROBLEMI TIPICI
2) calcolo del tasso medio di variazione per tutto il periodo considerato (1988-1992) variazione media relativa
VRM = 4 1.8070 = 1.1594

1) SLITTAMENTO DELLA BASE PER NIBF si costruisce una nuova serie di NIBF in cui la base slitta da un anno ad un altro. Si imposta la seguente proporzione: 1: In,v= It,n : It,v It,n = It,v / In,v n=nuova base

tasso medio% = (1.1594 - 1) * 100 = 15.94% nel periodo considerato c stato un incremento medio del fatturato del 16% circa
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

dove

v=vecchia base e

270

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

271

esempio: dati i seguenti NIBF con base t=1 (It,1)


t 1 2 3 4 5 6

La proporzione da impostare la seguente 1 : I2,1 = It,2 : It,1 da cui


t 1 2 3 4 5 6

It,1
1 1.2495 1.5152 1.7606 2.1550 2.7018

It,2 = It,1/ I2,1 It,1


1 1.2495 1.5152 1.7606 2.1550 2.7018

It,2
0.8003 1 1.2126 1.4090 1.7247 2.1623

Calcolare i NIBF con base t=2:

la base slitta da t=1 a t=2

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

272

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

273

2) RIUNIONE DI 2 SERIE DI NIBF si ricostruiscono due serie di NIBF in cui le basi sono differenti. Si ha un solo anno (t*) in cui entrambe le serie hanno un valore diverso da zero, sul quale si imposta la seguente proporzione: It*,1 : It*,2= It,1 : It,2 che va risolta rispetto a It,1 o It,2 a seconda che si voglia completare la prima o la seconda serie
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

esempio date le seguenti serie di NIBF It,1, con base t=1 e It,4, con base t=4
t 1 2 3 4 5 6 7 8

It,1
1 1.2495 1.5152 1.7606 2.1550

It,4

1.224 1.5346 1.8192 2.1351

Per t=5 sono presenti entrambi i valori degli indici, per cui la proporzione e 2.1550 : 1.2240 = It,1 : It,4
274
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

275

a) ricostruzione della serie It,1: dalla proporzione si ottiene da cui

b) ricostruzione della serie It,4: dalla proporzione si ottiene da cui

It,1= It,4 (2.1550/1.224) = It,4 1.7606


t 1 2 3 4 5 6 7 8

It,4= It,1 (1.224/2.1550) = It,1 0.5680


t 1 2 3 4 5 6 7 8

It,1
1 1.2495 1.5152 1.7606 2.1550 2.7018 3.2029 3.7591

It,4

It,1
1 1.2495 1.5152 1.7606 2.1550

It,4
0.5680 0.7097 0.8006 1 1.224 1.5346 1.8192 2.1351
277

1.224 1.5346 1.8192 2.1351

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

276

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

3) PASSAGGIO DA NIBF A NIBM NIBF NIBM dalla definizione di entrambi gli indici si ottiene It,t-1 = It,b / It-1,b basta quindi rapportare il NIBF al tempo t con il NIBF al tempo t-1
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

esempio: dati i seguenti NIBF con base t=1, calcolare i NIBM


t 1 2 3 4 5 6 NIBF 1 1.2495 1.5152 1.7606 2.1550 2.7018 NIBM 1.2495/1 = 1.2495 1.5152/1.2495=1.21265 1.7606/1.5152=1.16196 2.1550/1.7606=1.22401 2.7018/2.1550=1.25374

Basta applicare la formula per trovare i NIBM come se avessimo i dati della serie storica

278

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

279

NIBM NIBF dalla definizione di entrambi gli indici si ottiene una formula ricorsiva che utilizza il risultato del passaggio precedente It,b = It-1,b * It,t-1 basta cio moltiplicare il NIBF al tempo t-1 ottenuto al passaggio precedente con il NIBM al tempo t e t-1

esempio: dati i seguenti NIBM calcolare i NIBF con base t=1


t 1 2 3 4 5 6 NIBM 1.2495 1.21265 1.16196 1.22401 1.25374 NIBF 1

- Dato che si vogliono i NIBF con base t=1 ovvio che il primo 1; - Si applica quindi la formula ricorsiva moltiplicando ogni NIBM con il NIBF precedentemente calcolato
280
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

281

NUMERI INDICI COMPOSTI


Si calcolano quando i dati si riferiscono a vari beni per cui si hanno prezzi/quantit/valori
t 1 2 3 . .

t=2 t=3 t=4 t=5 t=6

I2,1 = I3,1 = I4,1 = I5,1 = I6,1 =

I1,1 I2,1 = 11.2495 = 1.2495 I2,1 I3,2 = 1.2495 1.21265= 1.5152 I3,1 I4,3 = 1.5152 1.16196= 1.7606 I4,1 I5,4 = 1.7606 1.22401= 2.1550 I5,1 I6,5 = 2.1550 1.25374= 2.7018 t 1 2 3 4 5 6 NIBF 1 1.2495 1.5152 1.7606 2.1550 2.7018
282

Bene A Bene B Bene C


. .. .. .. .. . . . . . . . . . .

. .. .. .. .. ..

non ponderati ponderati


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

283

NUMERI INDICI COMPOSTI NON PONDERATI


SIA A BASE FISSA CHE A BASE MOBILE FUNZIONI ALGEBRICHE DEI DATI DEI VARI BENI BASATI SU MEDIE
- media aritmetica - media geometrica - media armonica

media aritmetica degli indici elementari a base fissa

1 It,0 = h

IE(k)t,0 k=1

media geometrica degli indici elementari a base fissa


It,0= h

IE(k)t,0
k=1

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

284

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

285

media armonica degli indici elementari a base fissa


It,0 =
h

Esempio : prezzi di 3 beni per gli anni 1989-1993 (xt=pt)


t 1989 1990 1991 1992 1993

h 1 IE(k)t,0 k=1

Bene A Bene B Bene C


230 250 265 278 312 310 322 345 357 376 270 298 321 342 398

Calcolare gli indici composti a base fissa 1989


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

286

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

287

- si calcolano prima di tutto i NI elementari dei 3 beni


t 1989 1990 1991 1992 1993

1) NI composti secondo la media aritmetica t somme It,0 = somme/3 1989 300 300/3=100 1990 322.94 322.94/3=107.64 1991 345.40 345.40/3=115.13 1992 362.70 362.70/3=120.90 1993 404.35 404.35/3=134.78

IE (A) IE (B) IE (C)


100 108.69 115.22 120.87 135.65 100 103.87 111.29 115.16 121.29 100 110.37 118.89 126.67 147.41

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

288

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

289

2) NI composti secondo la media armonica bisogna prima di tutto calcolare i reciproci degli IE
t 1/IE (A) 1989 0.01 1990 0.0092 1991 0.0087 1992 0.0083 1993 0.0074 1/IE (B) 0.01 0.0096 0.0090 0.0087 0.0082 1/IE (C) 0.01 0.0091 0.0084 0.0079 0.0068

- si calcolano le somme ed il rapporto con il numero di beni


t somma It,0 = 3/somma 1989 0.0300 3/0.0300=100 1990 0.0279 3/0.0279=107.53 1991 0.0261 3/0.0261=114.94 1992 0.0249 3/0.0249=120.48 1993 0.0224 3/0.0224=133.93

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

290

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

291

NUMERI INDICI COMPOSTI PONDERATI DEI PREZZI


3) NI composti secondo la media geometrica bisogna calcolare i prodotti dei IE per riga ed estrarre la radice cubica (h=3)
t 1989 1990 1991 1992 1993 IE (A) 100 108.69 115.22 120.87 135.65 IE (B) 100 103.87 111.29 115.16 121.29 IE (C) 100 110.37 118.89 126.67 147.41 prodotti 1000000 1246036.49 1524493.88 1763169.03 2425335.03 indici 100 107.61 115.09 120.81 134.36

- SIA A BASE FISSA CHE A BASE MOBILE - 3 DIVERSI TIPI DI PONDERAZIONE PREZZI/QUANTITA/VALORI INDICI DEI PREZZI PONDERATI CON LE QUANTITA QUANTITA INDICI DELLE QUANTITA QUANTITA PONDERATI CON I PREZZI INDICI DELLE QUANTITA QUANTITA/ PREZZI PONDERATI CON I VALORI
293

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

292

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

NI PREZZI PONDERATI CON I VALORI valori = prezzi X quantit

- p0 q0 ponderazione passata

INDICI DI LASPEYRES

- pt q0 o p0 qt ponderazione attuale

q0 qt

p0 p0q0 p0qt

pt pt q0 pt qt

INDICI DI PAASCHE

- indice ideale
INDICE DI FISHER

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

294

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

295

NI di LASPEYRES DEI PREZZI A BASE


FISSA
MEDIE ARITMETICHE DI NI ELEMENTARI PONDERATI CON I VALORI PASSATI (p0q0)

Detto NI sintetizza le variazioni di prezzo di un paniere di h beni e servizi, ferme restando le quantit scambiate al tempo base.
LISTAT calcola tale indice per lanalisi delle grandezze economiche: - N.I.C. indice nazionale dei prezzi al consumo per lintera collettivit - F.O.I. indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati - I.P.C.A. indice dei prezzi al consumo armonizzato per i paesi dellUnione Europea
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

IL(P)t,0

(pt,k / p0,k) p0,k q0,k pt,k q0,k k=1 k=1 = = h h q p 0,k 0,k p0,k q0,k k=1 k=1
296

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

297

Il N.I.C. una misura mensile dellinflazione dellintero sistema economico. Confrontando infatti il valore dellindice in 2 mesi successivi si evidenzia una variazione relativa percentuale a breve periodo (variazione congiunturale) il cui valore pu essere considerato un segnale dellevoluzione dellinflazione:

NI di PAASCHE DEI PREZZI A BASE


FISSA
MEDIE ARITMETICHE DI NI ELEMENTARI PONDERATI CON I VALORI ATTUALI (p0qt )

NICt - NICt-1 100 NICt-1


Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

IP(P)t,0 =

k=1

(pt,k

/ p0,k) p0,k qt,k h =

p0,k qt,k k=1


298
Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

k=1 h

pt,k

qt,k

p0,k qt,k k=1


299

NI di FISHER
MEDIA GEOMETRICA DEGLI INDICI DI LASPEYRES E DI PAASCHE

IF(P)t,0=

IL(P)t,0 IP(P)t,0

Statistica I-a.a.2009/2010 - Prof. R. Paroli

300